Carcinoma duttale pancreatico

L'adenocarcinoma o il cancro del pancreas ghiandolare è il tipo istologico più comune di tumore di questo organo. Si trova in oltre l'80% dei casi di neoplasie diagnosticate, è formato dall'epitelio ghiandolare dell'organo. Il più delle volte localizzato nella testa del corpo, si presenta negli uomini due volte più spesso delle donne.

Cos'è l'adenocarcinoma pancreatico?

L'adenocarcinoma pancreatico è una forma grave di cancro che è difficile da trattare e ha una prognosi molto scarsa. Il numero di pazienti in tutto il mondo cresce ogni anno, il che è associato a un deterioramento dell'ambiente e alla qualità della vita in generale. Il pericolo di questa malattia è che raramente si trova nelle prime fasi. Il tumore al pancreas si riscontra nel 90% dei casi di oncologia di questo organo, soprattutto nei soggetti di età inferiore ai 50 anni.

Il pancreas è un importante organo di digestione. Si trova nello spazio retroperitoneale, vicino allo stomaco e al duodeno. Inoltre, il pancreas è adiacente alla vena cava inferiore, aorta, vena renale sinistra e il dotto biliare comune.

Il pancreas ha un numero di funzioni:

  • secerne segreti (lipasi, amilasi, proteasi), che attraverso i dotti entrano nel duodeno e partecipano alla disgregazione di grassi, proteine ​​e carboidrati;
  • produce insulina e glucagone, che controllano il metabolismo dei carboidrati nel corpo. Grazie all'insulina, tutte le sostanze che entrano nel nostro stomaco, dopo il loro esaurimento, sono distribuite in tutto il corpo. Il glucagone regola anche i livelli di glucosio.

È a causa dei processi complessi che si verificano nel pancreas, c'è un'alta probabilità di patologie tumorali.

Il pancreas comprende la testa, il corpo e la coda, oltre a due dotti escretori. Il cancro può apparire in una qualsiasi di queste parti, ma l'adenocarcinoma della testa pancreatica, che colpisce i dotti, è più comune. Ha la forma di un nodo con tubercoli, non c'è una chiara separazione dal tessuto sano. La dimensione della neoplasia raggiunge un diametro di 10 cm o più. Il tumore si diffonde attraverso i linfonodi e il flusso sanguigno verso il duodeno, il fegato, lo stomaco, i polmoni.

L'incidenza di picco cade su 60-70 anni, più spesso gli uomini soffrono di adenocarcinoma. Nelle persone sotto i 30 anni, raramente viene diagnosticato.

Cause di adenocarcinoma pancreatico

Neoplasie maligne si verificano a seguito di danni al genoma delle cellule sane, che iniziano a mutare e si moltiplicano in modo aggressivo. Ciò che causa la malignità delle cellule sane non è noto con certezza.

La suscettibilità genetica allo sviluppo del cancro nell'uomo appare dovuta alla mutazione o alla diminuzione del numero di cromosomi in alcuni geni che sono responsabili della prevenzione dello sviluppo dell'oncologia. In altre parole, le cellule del corpo sano mutano e si moltiplicano vigorosamente. Pertanto, un ruolo significativo nella comparsa di adenocarcinoma è giocato dalla suscettibilità dei parenti più stretti del paziente alla pancreatite cronica.

Gli specialisti identificano una serie di fattori di rischio che contribuiscono alla comparsa di adenocarcinoma maligno:

  • nutrizione scorretta. Consumo costante di cibi grassi, consumo di pasti secchi, mancanza di regime - tutto questo causa problemi digestivi;
  • cattive abitudini (alcol e fumo). È stato dimostrato che una persona che fuma un pacchetto di sigarette al giorno ha una probabilità 4 volte maggiore di sviluppare il cancro;
  • la presenza di un gene che può essere coinvolto nella formazione di un tumore pancreatico;
  • malattie ereditarie I disturbi che sono ereditati e contribuiscono al verificarsi dell'ALE sono: poliposi adenomatosa, sindrome di Gardner, atassia telangethozia, pancreatite ereditaria. Quest'ultimo nel 40% dei casi provoca il cancro nelle persone in età pensionabile;
  • chirurgia dello stomaco (gastroectomia o resezione). Tali interventi influenzano il sistema digestivo, che interferisce con il funzionamento del pancreas e il rischio di sviluppare adenocarcinoma aumenta di 3 volte;
  • esposizione a prodotti chimici;
  • stile di vita sedentario, sovrappeso.

Malattie come la cirrosi epatica, il diabete mellito e la pancreatite, che perdono a lungo in forma cronica, possono provocare la comparsa di un cancro.

Video informativo

Sintomi di adenocarcinoma pancreatico

I sintomi dell'adenocarcinoma pancreatico nelle fasi iniziali sono spesso assenti o quasi impercettibili. Una persona perde il suo appetito, perde peso, è tormentato da mal di testa, debolezza generale e stato emotivo depresso. La metà dei pazienti sviluppa nausea, vomito e disturbi digestivi (costipazione, bruciore di stomaco, ecc.).

Se il tumore è localizzato nella testa del pancreas, quindi oltre ai sintomi sopra, compaiono:

  • dolore dolorante allo stomaco e all'intestino, disagio. Questi sintomi sono aggravati dallo sviluppo del cancro, il dolore diventa acuto, dà alla schiena o all'inguine. Questa caratteristica è caratteristica dell'adenocarcinoma che si trova nel corpo o nella coda del pancreas;
  • ittero. Si verifica più spesso con lesioni della testa. Sviluppato a causa della spremitura del dotto biliare. Le proteine ​​della pelle e degli occhi diventano gialle. L'urina diventa scura e le feci si illuminano. L'oncologia di questo tipo è spesso manifestata dal sintomo di Courvoisier (cistifellea ingrandita);
  • diabete mellito secondario e pancreatite secondaria. Appaiono a seguito di violazioni del funzionamento del pancreas. L'aumento del glucosio provoca una sensazione di sete, ma una persona non può ancora ubriacarsi. La pancreatite aumenta il dolore, può causare macchie rosse sull'addome;
  • aumento della temperatura corporea (38-39 °);
  • Sintomo di Trusso (aumento della trombosi nelle vene);
  • accumulo di liquido nella cavità addominale, sanguinamento. Il più pericoloso dei sintomi.

Quando l'adenocarcinoma raggiunge grandi dimensioni, può essere avvertito. Aumentare la cistifellea, la milza o il fegato.
Tutti i suddetti sintomi del cancro del pancreas compaiono quando il tumore non può più essere operato, il che riduce significativamente l'aspettativa di vita dei pazienti.

Quando il tumore raggiunge lo stadio di metastasi, compaiono nuovi sintomi più gravi che dipendono dall'organo interessato. Ad esempio, se si tratta di un adenocarcinoma pancreatico con metastasi epatiche, si sviluppa insufficienza epatica e si sviluppa ostruzione e sanguinamento a livello intestinale.

Tipi e gradi di differenziazione dell'adenocarcinoma pancreatico

Il grado di differenziazione del carcinoma pancreatico:

  • l'adenocarcinoma di basso grado ha un colore fibroso, si trovano cellule di dimensioni diverse, nuclei ovali e rotondi. Le cellule tumorali del muco sono generate in modo non uniforme;
  • adenocarcinoma pancreatico altamente differenziato a cellule chiare. Questa specie consiste di cellule epiteliali, che rappresentano una struttura tubolare. Possono essere di diverse forme: ovali, rotondi, allungati o di forma irregolare. Il citoplasma delle cellule è leggero, con la colorazione si può vedere una grande quantità di muco prodotto da loro;
  • l'adenocarcinoma moderatamente differenziato consiste in strutture duttali di medie dimensioni e ghiandole tubulari tumorali di varie forme e dimensioni. Si differenzia dal tipo precedente in quanto nel focus della malattia le cellule si dividono più velocemente. Inoltre, vi è un alto rischio di complicazioni gravi a causa di una rapida metastasi.

Differiscono nei cambiamenti patologici nelle cellule dell'organo. Con una forma altamente differenziata, questi cambiamenti sono minori, il che significa che il cancro si svilupperà lentamente, è più facile da trattare. Un grado scarsamente differenziato indica che le cellule tumorali sono molto diverse dai tessuti sani. Il processo di divisione in essi è più veloce, il tumore si sta diffondendo.

L'adenocarcinoma duttale del pancreas è il tipo istologico più comune. Rappresenta oltre il 90% dei casi. Il tumore è molto aggressivo, si sviluppa rapidamente e metastatizza.

È diviso nei seguenti tipi:

  • Adenocarcinoma a cellule chiare del pancreas.
  • Adenocarcinoma mucinoso del pancreas.
  • Pseudopapillare solido.
  • Papillare.
  • Cistadenocarcinoma etsinarnocellulare.
  • Adenocarcinoma a cellule acinose.
  • Cistoadenocarcinoma sieroso.

Ci sono anche opzioni miste. Differiscono nella loro struttura morfologica. Nella maggior parte dei casi, si riscontra l'adenocarcinoma duttale di basso grado del pancreas.

Fasi di adenocarcinoma pancreatico

Ci sono 4 fasi del cancro del pancreas:

  • Stadio 0 - "Cancro sul posto". Ciò significa che i cambiamenti istologici nelle cellule stanno appena iniziando a verificarsi. Questo processo è lungo, non ci sono sintomi.
  • La fase 1 è caratterizzata da un tumore delimitato dal pancreas. Non ci sono metastasi regionali o distanti. La fase 1 è divisa in 2 gruppi:
  1. dimensioni del neoplasma fino a 2 cm di diametro;
  2. tumore più di 2 cm di diametro.
  • Lo stadio 2 del cancro del pancreas è anche diviso in 2 sottogruppi:
  1. il tumore si estende oltre la ghiandola, ma il tronco celiaco e l'arteria mesenterica non sono coinvolti;
  2. Ci sono metastasi nei linfonodi più vicini.
  • Lo stadio 3 si verifica quando il cancro colpisce il tronco celiaco e l'arteria mesenterica. Metastasi distante n.
  • Lo stadio 4 dell'adenocarcinoma pancreatico ha la prognosi più sfavorevole. Il tumore si diffonde attraverso i linfonodi e infetta altri organi.

Tassi di incidenza

Diagnosi di adenocarcinoma

Quindi, poiché i sintomi nelle prime fasi della malattia sono praticamente assenti o si manifestano non specificamente, è molto difficile sospettare l'APL. Nella maggior parte dei casi, le persone vanno dal medico con denunce di dolore o ittero, e questi segni indicano l'abbandono del problema. La diagnosi precoce del cancro del pancreas è molto importante, che aiuterà a identificarlo nelle sue fasi iniziali. Consiste in un esame regolare e completo.
Per iniziare, il medico deve raccogliere una storia completa, richiedere un'attenzione particolare al diabete cronico e alla pancreatite, possibili malattie ereditarie e interventi chirurgici allo stomaco. Il prossimo è un esame fisiologico. Un aumento della cistifellea, del fegato e del pancreas stesso può indicare l'adenocarcinoma.

Per confermare la diagnosi, è necessario passare un'analisi biochimica e completa del sangue e delle urine, nonché un test per i marcatori tumorali. Per determinare la posizione del tumore, le sue dimensioni e il tipo utilizzando tecniche di imaging. È possibile rilevare l'adenocarcinoma del pancreas all'ecografia addominale o l'utilizzo di tomografia computerizzata. Questi metodi ti permettono di vedere la struttura dell'organo e le violazioni in essi, per valutare il tipo e l'estensione del cancro. Un'immagine più nitida mostra un ultrasuono con un endoscopio, che viene alimentato direttamente al tumore attraverso l'intestino. A volte usato raggi X.

Secondo le indicazioni prescritte:

  • Risonanza magnetica (risolve gli stessi problemi di ultrasuoni e radiografia, ma è più preciso, può rivelare anche le più piccole patologie);
  • Ciobiopsia di puntura. Il campionamento di una neoplasia è necessario per confermare il tipo e il grado di malignità. Fondamentalmente, questa analisi è prescritta con APL non resecabile;
  • Tomografia ad emissione di positroni. Metodo molto accurato che consente di determinare la presenza di metastasi in tutti gli organi. Il PET è usato raramente a causa del suo alto costo;
  • Angiografia (utilizzata per visualizzare il sistema di rifornimento di sangue del pancreas e il tumore stesso);
  • Laparoscopia. Questo è un metodo che utilizza strumenti minimamente invasivi. Durante la laparoscopia, non si possono considerare solo piccole metastasi e tumori, ma anche un campione di cancro o fluido.

Trattamento di adenocarcinoma pancreatico

Il trattamento principale e più efficace è la resezione del pancreas, che è combinata con metodi non chirurgici. La possibilità dell'operazione è determinata da criteri tabulari (ad esempio, la presenza di deformità del tronco celiaco, dell'arteria mesenterica superiore e epatica, ecc.). Secondo le statistiche, solo il 15-20% dei pazienti viene operato.

Se il paziente ha sintomi di ittero ostruttivo, allora è necessario fermarlo. Il principale metodo di rimozione della bile è il drenaggio transepatico transepatico. Secondo le indicazioni prescritte drenaggio transpapillare endoscopico o galle chirurgica. Solo dopo il sollievo dell'ittero può essere eseguita la resezione.

Tipi di operazioni:

  • panconectomia distale (rimozione del pancreas distale, a volte in combinazione con i linfonodi);
  • resezione pancreatoduodenale totale (rimozione dell'intero pancreas, milza, parte dello stomaco, intestino e linfonodi).

Tali interventi (in particolare la seconda opzione) molto spesso portano a complicazioni. Tra questi ci sono sanguinamento, ascesso, insufficienza epatica. La nutrizione per l'adenocarcinoma del pancreas dopo una resezione totale è difficile. Per questi pazienti viene utilizzata la nutrizione nasoenterale (il cibo penetra nello stomaco attraverso una sonda inserita nell'apertura nasale). Eseguire tali manipolazioni per circa 5-7 giorni. Quindi il paziente può mangiare da solo, ma è necessario seguire una dieta rigorosa.

Dopo l'intervento chirurgico, la chemioterapia e le radiazioni complesse vengono utilizzate per distruggere le metastasi e prevenire le ricadute. Quindi tutti i pazienti devono essere testati trimestralmente, che comprende un esame del sangue per i marcatori tumorali, ecografia e risonanza magnetica (se indicato).

Per i pazienti marginalmente non resecabili (quelli per i quali la chirurgia è possibile, ma molto probabilmente non darà risultati), viene effettuato un trattamento antitumorale, finalizzato a tradurre il tumore in resecabile, per rimuoverlo successivamente. Per raggiungere questo obiettivo non è sempre possibile, ma solo metà del tempo

Il trattamento dell'adenocarcinoma pancreatico comprende anche:

  • terapia ormonale;
  • prendere antidolorifici per alleviare il dolore;
  • antidipressanty;
  • integratori enzimatici per mantenere la digestione;
  • immunoterapia mirata a rafforzare e attivare le difese del corpo;
  • insulina per via endovenosa (poiché non è sufficiente senza pancreas).

Prognosi di vita per adenocarcinoma pancreatico

Questa malattia ha tassi di sopravvivenza molto bassi. Ciò è evidenziato dal numero di morti di APZH per un anno, che equivale quasi al numero di casi.
Il campo del trattamento complesso (resezione totale con chemioterapia e radioterapia) vive in media 1,5-2 anni, a condizione che l'adenocarcinoma non fosse comune e che la terapia sia stata effettuata in tempo. 5 anni vivono solo il 20-30%.

Dopo la panconectomia distale, la probabilità di recidiva è elevata, motivo per cui un tasso di sopravvivenza a 5 anni diminuisce al 7%. Se la rimozione del tumore non è possibile, la prestazione è 3-4 volte inferiore. Fino al 15% dei pazienti muore durante una resezione totale.

L'oncologia del pancreas è molto pericolosa. Pertanto, è meglio proteggersi da questa terribile diagnosi, osservando uno stile di vita sano e curando tempestivamente le malattie degli organi digestivi. Per coloro che sono a rischio, è necessario conoscere i sintomi di un tumore pancreatico e prestare attenzione a eventuali deviazioni di salute, oltre a sottoporsi a esami regolari.

Adenocarcinoma duttale pancreatico

L'adenocarcinoma duttale (sinonimo: carcinoma pancreatico, cancro del pancreas esocrino) è significativamente più importante di altri tumori pancreatici per importanza e frequenza dei risultati. Il nome specificato include diverse forme morfologiche. L'adenocarcinoma del dotto rappresenta l'85-90% di tutte le neoplasie pancreatiche. Circa i 2/3 dei pazienti con questo tumore, tra cui dominano uomini di età superiore a 60 anni. Tra i fattori di rischio per l'adenocarcinoma duttale diminuendo la frequenza, ci sono: gastrectomia posticipata, presenza di pancreatite o diabete mellito, tonsillectomia posticipata, esposizione prolungata a beta-naftilamina e benzidina, radiazioni, fumo costante e consumo di grandi quantità di alcol, caffè e grassi animali.

Poiché più della metà di questi tumori sono localizzati nella testa del pancreas, i sintomi clinici consistono in pazienti epigastrici a crescita progressiva con irradiazione nella parte bassa della schiena, emaciazione, segni di diabete, meno spesso ittero, ancora meno spesso tromboflebite, ipoglicemia, ipercalcemia ed endocardite. La metà dei pazienti ha una storia di meno di due anni di diabete mellito insulino-resistente con alti livelli sierici di polipolipeptide dell'amiloide amiloide e il 20% dei pazienti ha più di due anni di diabete. Anche i pazienti nei quali il corpo o la coda del pancreas sono affetti hanno segni di metastasi o germinazione del fegato nel peritoneo (con ascite). Nella diagnosi clinica dell'adenocarcinoma duttale, colangiografia retrograda endoscopica, esame ecografico del pancreas, elevati livelli di marcatori tumorali sierici svolgono un ruolo importante; antigeni CAI9-9, DuPan, Spanl e antigene carcinogeno. Nel succo pancreatico o nel sangue, viene determinata anche la proteina oncogena k-ras mutante. Secondo la localizzazione, fino al 70% dei dotti sono identificati da adscarcina nella testa, circa il 10% nel corpo e circa lo stesso nella coda del pancreas, e un altro 10% è dovuto alla localizzazione combinata del tumore. Il diametro del neoplasma varia tra 1,5 e 10 cm. Macroscopicamente, il tumore è un nodo denso con confini sfocati, biancastri o bianco-giallastri nella sezione, spesso con le cisti più piccole, praticamente prive di aree di necrosi ed emorragia. Nella testa dell'organo, molti di questi nodi sono associati all'ostruzione del dotto biliare o dei dotti pancreatici e contribuiscono alla stenosi o addirittura all'ostruzione di questi dotti. Prossimale a tale lesione si verifica l'espansione dell'intero sistema di ciascuno di questi dotti. Prossime complicanze dell'opzione - ittero ostruttivo e pancreatite cronica ostruttiva. Inoltre, il coinvolgimento dell'ampolla del duodeno nel processo tumorale è accompagnato da ulcerazione della sua membrana mucosa. Un reperto frequente è la germinazione di un tumore nel tessuto retroperitoneale e l'invasione dei vasi mesenterici e dei nervi. Nei casi avanzati, si osserva l'invasione del tumore nel peritoneo, nello stomaco e nella cistifellea. L'ostruzione della parte prossimale del dotto Virunga, la germinazione nel tessuto retroperitoneale tra il pancreas, la milza, lo stomaco, la ghiandola surrenale sinistra e in seguito anche nel peritoneo con la formazione di carcinosi peritoneale sono caratteristici degli adenocarcinomi duttali del corpo e della coda del pancreas. Questi organi possono anche essere secondariamente influenzati dal tessuto tumorale.

Adenocarcinoma duttale del pancreas

L'adenocarcinoma duttale della testa pancreatica si metastatizza ai linfonodi della testa di questo organo (gruppo superiore) e ai nodi del gruppo pancreatoduodenale posteriore. I nodi anteriori pancreaticoododenale e i nodi del gruppo inferiore della testa pancreatica, così come i collettori linfatici attorno al tronco celiaco e all'aorta, sono meno frequentemente colpiti. Il cancro del corpo e della coda del pancreas si metastatizza ai linfonodi della testa e del corpo di questo organo (gruppi superiori) ed è capace di disseminazione linfatica alla pleura e ai polmoni. Le metastasi a distanza colpiscono il fegato, il peritoneo, meno frequentemente i polmoni, le ossa, i reni, il cervello e la pelle dell'ombelico. Nel 10-15% dei casi sono assenti metastasi distanti.

Se non trattato, il periodo medio di sopravvivenza per i pazienti con adenocarcinoma duttale del pancreas è di 3 mesi. Questo periodo aumenta a 10-12 mesi con una resezione radicale del tumore. La sopravvivenza a 5 anni di questi pazienti non supera il 3,5% dei casi. Come con altre neoplasie, la localizzazione, le dimensioni, lo stadio di crescita e il grado di differenziazione istologica del tumore svolgono un ruolo enorme nella prognosi della malattia.

Al microscopio, la maggior parte degli adenocarcinomi duttali pancreatici sono tumori altamente o moderatamente differenziati. Provocano una forte reazione desmoplastica dello stroma del tumore stesso e della zona perifarica dell'organo, assicurando la stretta consistenza del nodo del cancro e causando la pancreatite cronica ostruttiva. Di norma, il parenchima degli adenocarcinomi duttali dà una reazione positiva alle sulfomucine, in alcuni focolai per mucine neutre, nonché per il marcatore di mucine Ml, antigene carcinomembranoso, marcatori CA19-9, DuPan2, Spanl, CA125, TAG72, citocheratine 7, 8, 18 e 19.

Adenocarcinoma pancreatico

Lo sviluppo di un tumore da tessuto epiteliale, che ha ancora un altro nome - un tumore del cancro, spesso porta a gravi conseguenze a causa della comparsa di metastasi a distanza o altre complicazioni associate a effetti tossici su tutto il corpo. Ma c'è un tumore che colpisce l'organo, la cui disfunzione può portare alla morte in un tempo abbastanza breve - Adenocarcinoma del pancreas.

Esistono molti modi per sospettare la presenza della patologia di questo corpo, per diagnosticare e trattare. Questo sarà discusso in dettaglio di seguito.

Nella foto: carcinoma adenico del pancreas

definizione

L'adenocarcinoma del pancreas è una malattia tumorale, che ha origine dalle cellule mucose della stessa ghiandola del nome o dei suoi dotti, attraverso i quali si ricava il succo pancreatico. Questa malattia è uno dei più pericolosi tipi di cancro che possono colpire il tratto digestivo. Si trova in nove persone su dieci con sospetto processo neoplastico nel pancreas.

Il rapido sviluppo, una diagnosi rara nelle fasi iniziali e un fenomeno abbastanza diffuso, ne fanno la causa dell'alta mortalità tra gli uomini anziani. Nella classificazione clinica internazionale, utilizzata da tutti i medici del mondo, l'adenocarcinoma pancreatico è elencato sotto il codice C 25.

Adenocarcinoma del corpo pancreatico

Di solito un tale adenoma ha una dimensione sufficientemente grande - più di dieci centimetri. Morfologicamente, è un ammasso di cellule morbide e nodulari con contorni irregolari.

Cause dello sviluppo

Come con la maggior parte dei tumori, l'eziologia dello sviluppo dell'Adenocarcinoma pancreatico è ancora discutibile.

Esistono studi clinici che dimostrano che, se esposti a determinati fattori, il rischio di sviluppare questa malattia aumenta più volte. Ma la completa assenza di esposizione a questi agenti non è in grado di garantire che la malattia non si sviluppi. Allo stesso modo con l'effetto cumulativo, la probabilità di insorgenza della malattia non è al cento per cento.

Fattori provocatori:

La presenza di diabete del primo o secondo tipo.

Patologie croniche del fegato come cirrosi, eziologia virale o di altro tipo, epatite.

La presenza di una storia familiare di cancro del pancreas.

Aumento dell'indice di massa corporea - questo è un fattore che porta allo sviluppo del diabete di tipo 2 e, di conseguenza, alla sconfitta del pancreas.

Esposizione cronica a radiazioni o sostanze chimiche tossiche sul corpo umano.

Mangiare grandi quantità di cibi piccanti o grassi.

Abuso di alcol, tabacco e prodotti a base di farina.

L'alcol è uno dei fattori più pericolosi che possono causare danni al pancreas.

Il principale gruppo di rischio per l'adenocarcinoma è costituito da uomini sopra i 40 anni che presentano le menomazioni sopra descritte nella dieta o nelle condizioni di vita. Ciò non significa che la malattia non possa manifestarsi nei giovani, maschi o femmine, che non hanno esposizione a fattori nocivi.

Ognuna di queste cause può influenzare le cellule durante la loro divisione, che interrompono la loro interazione con le cellule circostanti e danno la possibilità di riprodursi costantemente, senza prestare attenzione alle esigenze del corpo e al feedback. In una tale situazione, moltiplicando la sua quantità con una progressione geometrica, possono germinare in altri organi e tessuti, interrompere il passaggio del bolo alimentare attraverso l'intestino, il che porterà a problemi con il processo digestivo.

classificazione

A causa del frequente verificarsi di questa patologia, sono state sviluppate varie classificazioni per una migliore comprensione tra i medici e la nomina di un trattamento più corretto. Anatomicamente, questo corpo di secrezione mista consiste nella testa, corpo, coda, dotti pancreatici interni ed esterni.

A questo proposito, per localizzazione anatomica, emettere:

Adenocarcinoma della testa pancreatica.

Adenocarcinoma del corpo del pancreas.

Adenocarcinoma della coda del pancreas.

Adenocarcinoma duttale del pancreas.

Inoltre, questo tipo di cancro dovrebbe essere esaminato per il grado di differenziazione delle cellule che fanno parte di esso. Ci sono tali gradi:

Gli indicatori caratteristici della velocità, dell'invasività della crescita, della prognosi sulla presenza di metastasi agli organi distanti, del metodo di trattamento e della risposta del tumore dipendono da questo indicatore.

patogenesi

Lo sviluppo di questo processo patologico inizia con una violazione della mitosi, che si verifica in tutte le cellule somatiche. Come risultato di un cambiamento o fallimento nel materiale genetico di una singola cellula, cessa di interagire o "comunicare" con il suo ambiente. Ciò porta ad un numero illimitato di divisioni e alla comparsa di un tumore che sta rapidamente aumentando.

Divisione delle cellule tumorali

Inoltre, l'adenocarcinoma della testa pancreatica è in grado di causare una compromissione della secrezione interna ed esterna. A causa della rapida sostituzione delle cellule produttrici di insulina da parte dello stroma del tessuto connettivo, i sintomi del diabete possono svilupparsi.

L'adenocarcinoma duttale del pancreas può portare ad una completa sovrapposizione del lume dei dotti escretori, che può causare focolai di necrosi asettica. Un tale processo può essere delimitato da una capsula a causa degli sforzi del corpo o portare a risultati più tristi - necrosi pancreatica.

Epidemia di necrosi pancreatica agli ultrasuoni

La prognosi di questi pazienti è estremamente difficile. La mortalità nello sviluppo di questa complicanza è molto alta. La morte deriva dal fatto che oltre alla violazione del background endocrinologico, gli enzimi contenuti nel succo pancreatico digeriscono letteralmente i tessuti circostanti del corpo.

Quadro clinico

La sintomatologia in questi pazienti può essere molto varia e dipende dalla localizzazione dell'adenoma, dalle sue dimensioni e dallo stadio.

Per quanto riguarda la frequenza di occorrenza, le statistiche cliniche forniscono i seguenti dati:

Localizzazione in testa - 70%

Lesione diffusa - 20-35%

Come la maggior parte dei processi paraneoplastici, le fasi iniziali dell'adenocarcinoma sono asintomatiche. Una cellula tumorale è sorto, si sta attivamente dividendo, non ci sono ancora metastasi, quindi la sua grave influenza sull'organismo non è ancora. Il tasso di crescita è determinato da fattori quali età, sesso, reattività immunitaria, tasso metabolico.

Il dolore epigastrico è un segnale serio per l'esame

Dopo che la dimensione dell'adenocarcinoma ha raggiunto il fatto che il tumore è in grado di crescere nei tessuti circostanti, si uniscono sintomi come dolore in diverse parti dell'addome, che possono essere costanti o che si verificano sullo sfondo di varie condizioni umane. Inoltre, si sviluppa ipertensione portale, a causa della quale il liquido si accumula nella cavità addominale libera.

A causa della compromissione della funzione digestiva, la sindrome anemica può svilupparsi, le prestazioni diminuite e una forte perdita di peso prima dell'anoressia. Con la localizzazione del carcinoma pancreatico nella testa, compaiono segni di compressione del dotto biliare duodenale o extraepatico. Il paziente può diventare itterico a causa di una violazione del deflusso della bile, prurito e aumento della temperatura corporea.

L'adenocarcinoma duttale del pancreas si manifesterà un po 'prima. Può essere sospettato sulla base del verificarsi di intensi dolori epigastrici che sono di natura di fuoco di Sant'Antonio. Le convulsioni sono più spesso associate al mangiare. Ciò è dovuto all'escrezione riflessa del succo pancreatico in risposta all'irritazione della mucosa gastrica da parte di grumi alimentari. La violazione del flusso di succo causerà danni alla fibra della ghiandola da parte degli enzimi proteolitici, con conseguente dolore.

Normalmente, le cellule tumorali vengono costantemente distrutte dall'immunità, l'immagine mostra una cellula paraneoplastica, che viene distrutta dai leucociti

La sindrome dispeptica si manifesterà con frequente distensione addominale, alternando stipsi e diarrea, eruttazione, vomito. In seguito alla crescita del tumore, il dolore aumenterà e aumenterà il giallo della pelle.