Adenoma ipofisario del cervello: chirurgia, sintomi, trattamento e conseguenze

L'adenoma ipofisario del cervello (AGHM) è un tumore del tessuto ghiandolare dell'appendice cerebrale. La ghiandola pituitaria è una ghiandola endocrina significativa nel corpo umano, che si trova nella parte inferiore del cervello nella fossa pituitaria della sella turca. Questo piccolo organo del sistema endocrino, in un adulto di soli 0,7 g, è responsabile della propria produzione ormonale e del controllo della sintesi della tiroide e degli ormoni paratiroidei, organi urinari. La ghiandola pituitaria è coinvolta nella regolazione del metabolismo delle acque e dei grassi, è responsabile della crescita e del peso di una persona, lo sviluppo e il funzionamento degli organi interni, l'inizio del travaglio e dell'allattamento, la formazione del sistema riproduttivo, ecc. Non è per niente che i medici chiamano questo "virtuoso direttore", gestendo il suono di una grande orchestra, dove l'orchestra è il nostro intero organismo.

Immagine schematica della posizione del tumore.

Ma, sfortunatamente, l'organo unico, senza il quale un equilibrio funzionale ben coordinato nel corpo è impossibile, non è protetto dalle patologie. A causa dello squilibrio funzionale dell'ipofisi, l'armonia del sistema biologico viene distorta e una cascata di problemi di salute sulla base di un disturbo ormonale e / o neurogenico ricade su una persona. Una delle malattie gravi è l'adenoma, in cui l'epitelio ghiandolare della ghiandola pituitaria del cervello cresce in modo anomalo, il che può causare l'invalidità del paziente.

Gli adenomi possono essere attivi (AAG) e inattivi (NAH). Nel primo caso, gli ormoni soffrono di una sovrabbondanza di ormoni ipofisari secreti. Nel secondo, una serie di tumori irrita, spreme i tessuti localizzati in modo ravvicinato, il nervo ottico è spesso colpito. Vale la pena notare che le proporzioni notevolmente aumentate e l'attenzione patologica attiva influenzano negativamente anche i tessuti intracranici nelle vicinanze. Sulle altre caratteristiche della patologia, comprese le specifiche del trattamento, suggeriamo di apprendere dall'articolo.

Epidemiologia: cause, incidenza

Il fattore che stimola lo sviluppo dei tumori ipofisari non è stato ancora identificato, e quindi rimane il soggetto principale della ricerca. Gli esperti sulle cause probabili sono espresse solo nella versione:

  • ferite alla testa;
  • neuroinfection del cervello;
  • dipendenze;
  • gravidanza 3 o più volte;
  • ereditarietà;
  • farmaci ormonali (ad esempio, contraccettivi);
  • stress cronico;
  • ipertensione arteriosa, ecc.

La nuova crescita non è così rara, nella struttura generale dei tumori cerebrali rappresenta il 12,3% -20% dei casi. In termini di frequenza di insorgenza, si posiziona al 3 ° posto tra neoplasie neuroectodermiche, seconda solo a tumori gliali e meningiomi. La malattia è generalmente benigna. Tuttavia, nelle statistiche mediche ci sono dati su casi isolati di trasformazione maligna dell'adenoma con la formazione di focolai secondari (metastasi) nel cervello.

Il processo patologico è più spesso diagnosticato nelle donne (circa 2 volte di più) rispetto agli uomini. Successivamente, presentiamo i dati sulla distribuzione delle età al tasso del 100% dei pazienti con una diagnosi clinicamente confermata. Il picco epidemiologico si verifica all'età di 35-40 anni (fino al 40%), in 30-35 anni la malattia è determinata nel 25% dei pazienti, in 40-50 anni - nel 25%, 18-35 e oltre 50 anni - 5% ciascuno categoria di età.

Secondo le statistiche, circa il 40% dei pazienti ha un tumore inattivo, che non secerne sostanze ormonali in eccesso e non influenza l'equilibrio endocrino. Circa il 60% dei pazienti determina una formazione attiva, caratterizzata dall'ipersecrezione di ormoni. Circa il 30% delle persone diventa disabile a causa delle conseguenze dell'adenoma ipofisario aggressivo.

Classificazione degli adenomi ipofisari del cervello

La messa a fuoco dell'ipofisi si forma nel lobo anteriore della ghiandola (nella adenoipofisi), che costituisce la maggior parte dell'organo (70%). La malattia si sviluppa con una mutazione a singola cellula, di conseguenza, lascia la sorveglianza immunitaria e cade fuori dal ritmo fisiologico. Successivamente, dividendo ripetutamente la cellula precursore, si forma una proliferazione anomala, costituita da un gruppo di cellule identiche (monoclonali). Questo è l'adenoma, un tale meccanismo di sviluppo è il più frequente. Tuttavia, in rari casi, l'attenzione può inizialmente verificarsi da un clone di una cellula e dopo una ricaduta da un'altra.

Le formazioni patologiche si distinguono per attività, dimensioni, istologia, natura di distribuzione, tipo di ormoni secreti. Abbiamo già capito che tipo di attività sono gli adenomi: ormonalmente attivi e ortonalmente inattivi. La crescita del tessuto difettoso è caratterizzata dal parametro dell'aggressività: un tumore può essere non aggressivo (piccolo e non incline ad aumentare) e aggressivo quando raggiunge dimensioni elevate e ha un'invasione su strutture vicine (arterie, vene, rami nervosi, ecc.).

Grande adenoma dopo la rimozione.

L'entità dell'adenoma ipofisario GM sono dei seguenti tipi:

  • microadenomi (meno di 1 cm di diametro);
  • mesadenomi (1-3 cm);
  • grande (3-6 cm);
  • adenomi giganti (più grandi di 6 cm).

La distribuzione AGGM è suddivisa in:

  • endosellar (all'interno della fossa ipofisaria);
  • endo-extrasillar (con i punti di riferimento della sella), che sono distribuiti:

► soprasellare - nella cavità del cranio;

► lateralmente - nel seno cavernoso o sotto la dura madre;

► infrasellare - cresci verso il seno sfenoidale / rinofaringe;

► antebellare - colpiscono il labirinto etmoide e / o la presa per gli occhi;

► retrosellare - nella fossa cranica posteriore e / o sotto il pendio di Blumenbach.

Sulla base istologica di nomi adenomi assegnati:

  • cromofobico - neoplasie formate da cellule adenoipofisiche pallide, indefinitamente contornate da cromofobes (un tipo comune, rappresentato da NAH);
  • acidofili (eosinofili) - tumori creati da cellule alfa con un apparato sintetico ben sviluppato;
  • basofili (mucoidi) - formazioni neoplastiche che si sviluppano da adenociti basofili (beta-cellule) (il tumore più raro).

Tra gli adenomi ormone-attivi si distinguono:

  • prolattinomi - secernono attivamente prolattina (il tipo più comune);
  • ormoni della crescita - l'ormone somatotropo è prodotto in eccesso;
    • corticotropinomi: stimolano la produzione di adrenocorticotropina;
    • gonadotropinomi: aumentano la sintesi della gonadotropina corionica umana;
    • tireotropinomia: dare un ampio rilascio di TSH o ormone stimolante la tiroide;
    • combinato (polimormonico) - secernono da 2 o più ormoni.

Manifestazioni cliniche del tumore

Molti dei sintomi dei pazienti, come sottolineano loro stessi, non vengono presi sul serio all'inizio. I disturbi sono spesso associati a eccessivo lavoro banale o, ad esempio, stress. In effetti, le manifestazioni possono essere non specifiche e velate per molto tempo - 2-3 anni o più. Si noti che la natura e l'intensità dei sintomi dipendono dal grado di aggressività, tipo, posizione, volume e molte altre caratteristiche dell'adenoma. La clinica di una neoplasia consiste di 3 gruppi sintomatici.

  1. Segni neurologici:
  • mal di testa (la maggior parte dei pazienti lo sperimenta);
  • innervazione alterata dei muscoli oculari, che causa disturbi oculomotori;
  • dolore lungo i rami del nervo trigemino;
  • sintomi della sindrome ipotalomica (reazione IRR, instabilità mentale, problemi di memoria, amnesia di fissazione, insonnia, attività volitiva alterata, ecc.);
  • manifestazioni della sindrome occlusive-idrocefalica come risultato del blocco del deflusso del liquido cerebrospinale a livello dell'orifizio interventricolare (disturbi della coscienza, sonno, attacchi di mal di testa quando si muove la testa, ecc.).
  1. Sintomi oftalmici del tipo neurale:
  • discrepanza percettibile nell'acuità visiva di un occhio dall'altro;
  • perdita graduale della vista;
  • la scomparsa dei campi superiori della percezione in entrambi gli occhi;
  • perdita della visione delle aree nasali o temporali;
  • cambiamenti atrofici nel fondo (determinati da un oftalmologo).
  1. Manifestazioni endocrine a seconda della produzione di ormoni:
  • iperprolattinemia - il rilascio di colostro dal seno, amenorrea, oligomenorrea, infertilità, malattia ovarica policistica, endometriosi, diminuzione della libido, crescita dei capelli, aborti spontanei, uomini con problemi di potenza, ginecomastia, bassa qualità di sperma per concepimento, ecc.;
  • ipersomatotropismo: aumento delle dimensioni di arti distali, sopracciglia, naso, mandibola, zigomi o organi interni, raucedine e ruvidità della voce, distrofia muscolare, alterazioni trofiche delle articolazioni, mialgia, gigantismo, obesità, ecc.;
  • Sindrome di Itsenko-Cushing (ipercortisolismo) - obesità displastica, dermatosi, osteoporosi delle ossa, fratture della colonna vertebrale e delle costole, disfunzione di organi riproduttivi, ipertensione, pielonefrite, strie, stati di immunodeficienza, encefalopatia;
  • sintomi di ipertiroidismo - irritabilità, sonno irrequieto, umore variabile e ansia, perdita di peso, mani tremanti, iperidrosi, interruzioni del ritmo cardiaco, alto appetito, disturbi intestinali.

Circa il 50% delle persone con adenoma pituitario sviluppa diabete (secondario) sintomatico. Al 56% viene diagnosticata una perdita della funzione visiva. In un modo o nell'altro, quasi tutti sperimentano sintomi classici per l'iperplasia ipofisaria del cervello: cefalea (oltre l'80%), disturbi psicoemotivi, metabolici, cardiovascolari.

Metodi per diagnosticare la patologia

Gli esperti aderiscono a un singolo schema diagnostico per una persona con questa diagnosi, che prevede:

  • esame da parte di un neurologo, endocrinologo, oculista, medico ORL;
  • test di laboratorio - esami generali del sangue e delle urine, biochimica del sangue, esami del sangue per lo zucchero e concentrazioni ormonali (prolattina, IGF-1, corticotropina, TSH-T3-T4, idrocortisone, ormoni sessuali femminili / maschili);
  • esame del cuore sull'apparato ECG, ecografia degli organi interni;
  • esame ecografico dei vasi delle vene degli arti inferiori;
  • Radiografia delle ossa craniche (craniografia);
  • tomografia computerizzata del cervello, in alcuni casi vi è un'ulteriore necessità di risonanza magnetica.

Si noti che la specificità della raccolta e dello studio del materiale biologico per gli ormoni è che non traggono conclusioni dopo il primo esame. Per l'affidabilità del quadro ormonale, l'osservazione in dinamica è necessaria, cioè sarà necessario donare il sangue per la ricerca a vari intervalli con determinati intervalli.

Principi di trattamento della malattia

Immediatamente fare una prenotazione, con questa diagnosi, il paziente ha bisogno di cure mediche altamente qualificate e monitoraggio costante. Pertanto, non c'è bisogno di fare affidamento sul caso, considerando che il tumore si risolverà e tutto passerà. L'auto-fuoco non può essere! In assenza di una terapia adeguata, il pericolo di diventare una persona disabile con una compromissione funzionale irreversibile è troppo grande, ma ci sono anche casi fatali di conseguenze.

A seconda della gravità del quadro clinico, si raccomanda ai pazienti di risolvere il problema operativamente e / e con metodi conservativi. Le procedure di trattamento di base includono:

  • neurochirurgia - rimozione di adenoma mediante accesso transnasale (attraverso il naso) sotto controllo endoscopico o mediante metodo transcranico (viene eseguita la trapanazione standard del cranio nella parte frontale) sotto il controllo di un fluoroscopio e di un microscopio;

Il 90% dei pazienti opera su transnasale, il 10% ha bisogno di ectomia transcranica. Quest'ultima tattica viene utilizzata per tumori massicci (più di 3 cm), crescita asimmetrica del tessuto appena formato, focolaio del focolaio oltre la sella, tumori con nodi secondari.

  • trattamento con farmaci - l'uso di farmaci da un certo numero di agonisti del recettore della dopamina, agenti contenenti peptidi, farmaci mirati per la correzione degli ormoni;
  • radioterapia (radioterapia) - terapia protonica, gamma-terapia a distanza con il sistema Gamma Knife;
  • trattamento combinato - il corso del programma combina diverse di queste tattiche terapeutiche.

Non usare l'operazione, ma raccomandare il monitoraggio della persona con diagnosi di adenoma ipofisario, il medico può, in assenza di disturbi neurologici e oftalmologici focali con comportamento ormonale inattivo del tumore. Questo paziente è amministrato da un neurochirurgo in stretta collaborazione con un endocrinologo e un oculista. Il reparto viene esaminato sistematicamente (1-2 volte l'anno), indirizzando a RM / TC, esame oculare e neurologico, misurazione degli ormoni nel sangue. In parallelo con questo, la persona è sottoposta a corsi mirati di terapia di supporto.

Poiché la chirurgia è il metodo principale per il trattamento dell'adenoma pituitario, evidenzieremo brevemente il corso del processo chirurgico della chirurgia endoscopica.

Chirurgia transnasale per rimuovere un adenoma ipofisario del cervello

Questa è una procedura minimamente invasiva che non richiede una craniotomia e non lascia alcun difetto estetico. Viene eseguito più spesso in anestesia locale, l'endoscopio sarà lo strumento principale del chirurgo. Un neurochirurgo rimuove i tumori cerebrali attraverso il naso con un dispositivo ottico. Come è fatto tutto questo?

  • Il paziente è in posizione seduta o semi-seduta al momento della procedura. Un tubo sottile dell'endoscopio (non più di 4 mm di diametro), dotato di una videocamera all'estremità, viene inserito delicatamente nella cavità nasale.
  • L'immagine della lesione e delle strutture adiacenti in tempo reale sarà trasmessa al monitor intraoperatorio. Il chirurgo esegue una serie di manipolazioni sequenziali mentre la sonda endoscopica avanza per raggiungere la parte del cervello di interesse.
  • In primo luogo, la membrana mucosa del naso è separata per esporre e aprire la parete frontale. Quindi viene tagliato il setto sottile dell'osso. Dietro c'è l'elemento desiderato: la sella turca. Un piccolo foro è fatto sul fondo della sella turca separando un piccolo pezzo di osso.
  • Successivamente, gli strumenti microchirurgici posizionati nel canale del tubo dell'endoscopio, attraverso l'accesso formato dal chirurgo, i tessuti patologici vengono gradualmente separati fino a eliminare completamente il tumore.
  • Nella fase finale, il foro creato sul fondo della sella è bloccato da un frammento di osso, che viene fissato con una speciale colla. I passaggi nasali sono accuratamente trattati con antisettici, ma non tampone.

Il paziente viene attivato nel primo periodo - già il primo giorno dopo la neuro-operazione a basso impatto. La dimissione dall'ospedale viene rilasciata per circa 3-4 giorni, quindi sarà necessario sottoporsi a un corso di riabilitazione speciale (terapia antibiotica, fisioterapia, ecc.). Nonostante l'intervento posticipato per l'escissione dell'adenoma pituitario, ad alcuni pazienti verrà chiesto di aderire ulteriormente alla terapia ormonale sostitutiva.

I rischi di complicanze intra e postoperatorie durante la procedura endoscopica sono ridotti ad un minimo dell'1% -2%. Per confronto, reazioni negative di natura diversa dopo resezione transcranica di AGHM si verificano in circa 6-10 persone. su 100 pazienti operati.

Dopo una sessione transnasale, la maggior parte delle persone ha difficoltà a respirare nasale per un po 'di tempo, a disagio nel rinofaringe. La ragione è la necessaria distruzione intraoperatoria delle singole strutture del naso, di conseguenza, sintomi dolorosi. Il disagio nell'area nasofaringea di solito non è considerato una complicazione se non aumenta e non dura a lungo (fino a 1-1,5 mesi).

La valutazione finale dell'effetto dell'operazione è possibile solo dopo 6 mesi dalle immagini MRI e dai risultati delle analisi ormonali. In generale, con una diagnosi e un intervento chirurgici tempestivi e appropriati, una riabilitazione di alta qualità, la prognosi è favorevole.

conclusione

È molto importante richiedere l'ottenimento di prestazioni mediche competenti ai migliori specialisti nel profilo neurochirurgico. Approccio incompetente, i minimi errori medici durante l'intervento chirurgico al cervello, costellati da cellule nervose e processi, linee vascolari, possono costare la vita del paziente. Nei paesi della CSI in questa parte di questi professionisti con una lettera maiuscola è molto difficile da trovare. Andare all'estero è una decisione saggia, ma non tutti possono permettersi finanziariamente, ad esempio, il trattamento "d'oro" in Israele o in Germania. Ma in questi due stati, dopo tutto, il mondo non si è unito.

Ospedale Militare Centrale Praga.

Si prega di notare che la Repubblica Ceca non ha meno successo nel campo della neurochirurgia cerebrale. Nella Repubblica Ceca, gli adenomi pituitari sono gestiti in sicurezza utilizzando le più avanzate tecnologie di adenomectomia, e anche tecnicamente perfetti e con un minimo di rischi. L'ideale è il caso qui con la fornitura di cure conservative, se il paziente non ha bisogno di un'operazione. La differenza tra Repubblica Ceca e Germania / Israele è che i servizi delle cliniche ceche sono almeno due volte più convenienti, e il programma medico include sempre una riabilitazione completa.

Rimozione di adenoma pituitario attraverso il naso

Spesso, i medici, specialmente nelle cliniche israeliane, eseguono la rimozione dell'adenoma ipofisario attraverso il naso come un'operazione minimamente invasiva, se il sistema endocrino fallisce e la ghiandola pituitaria nel cervello smette di funzionare normalmente. L'adenoma è un tumore benigno con la crescita delle ghiandole dal tessuto, tuttavia, nei casi avanzati può trasformarsi in una forma maligna e dare metastasi. La cosa più importante per i pazienti è non iniziare il processo. Se sospetti oncologia, non è più necessario posticipare un ricorso ai medici per la diagnosi.

Indicazioni e controindicazioni

La rimozione transnasale dell'adenoma pituitario è indicata in condizioni avanzate quando il trattamento farmacologico è impotente e non porta a risultati positivi. Il principale vantaggio dell'operazione attraverso il naso è la visualizzazione completa del corpo tumorale da tutti i lati e la minima invasività della tecnica.

Sfortunatamente, nonostante la lenta progressione della patologia, i pazienti vengono spesso trattati in una fase avanzata, quando:

  • disfunzione pronunciata della ghiandola pituitaria;
  • si osserva uno squilibrio ormonale;
  • ci sono sintomi spiacevoli della malattia: atrofia delle cellule cerebrali, forte mal di testa, disturbi del sonno, stanchezza, perdita di memoria, perdita di concentrazione.

Se si sospetta un adenoma pituitario, i pazienti devono sottoporsi a una diagnosi completa, inclusi i seguenti metodi di esame:

In base ai risultati della consultazione degli esperti e alla decodifica degli esami strumentali, verrà assegnata l'operazione appropriata di una tecnica accettabile.

Se viene rilevato un tumore maligno, la rimozione endoscopica dell'adenoma diventa inefficace. I medici selezioneranno metodi alternativi e più efficaci di chirurgia: la radiochemioterapia.

metodi

La rimozione di adenoma pituitario direttamente attraverso il naso viene effettuata con i seguenti metodi:

  • transsfenoidale inserendo un endoscopio in un'incisione sotto il labbro superiore;
  • transettale: l'introduzione del dispositivo attraverso il foro nel setto nasale;
  • transnasale - immersione dell'endoscopio nella cavità nasale dietro la schiena.

Ciascuna delle operazioni è mini-invasiva, eseguita in anestesia generale o locale. La durata del tempo non richiede più di 3 ore. La tecnica è selezionata in base alla posizione e alle dimensioni del tumore. La procedura transnasale viene eseguita con la localizzazione dell'adenoma direttamente nella sella turca o vicino ad essa, ma con un margine non superiore a 25 mm.

In particolare, altri metodi alternativi sono applicabili quando si rimuove l'adenoma:

  • chirurgia plastica;
  • emissione radio;
  • criochirurgia.

L'importante è impedire la transizione dell'adenoma in una neoplasia maligna e una crescita tumorale di dimensioni. Lo spazio è piuttosto limitato nella sede della ghiandola pituitaria e un aumento delle dimensioni del tumore può portare a gravi complicazioni: lesioni al nervo ottico, fallimento di molti sistemi e organi.

L'essenza del metodo transnasale

Oggi molte cliniche moderne dispongono di potenti apparecchiature automatizzate con lampade per fornire un aumento del corpo simile al tumore e dell'area operata quasi 20 volte. Grazie ad un metodo innovativo, è possibile eseguire un'operazione per rimuovere un adenoma ipofisario attraverso la cavità nasale, senza aprire il cranio. Ma la tecnica transanasale è efficace in presenza di una piccola neoplasia, non più di 10 mm di diametro. È un piccolo tumore che è soggetto a una rapida rimozione attraverso il naso. Con un forte aumento delle dimensioni, è quasi impossibile fare a meno di azionare la ghiandola insieme ai tessuti vicini, così spesso l'operazione porta a compromettere la funzionalità cerebrale.

Tenendo conto della dimensione del tumore, è possibile introdurre un endoscopio in una o entrambe le narici, che riduce significativamente l'invasività della procedura. Per avvicinarsi alla sella turca, gli esperti usano un trapano nel lavoro: tagliano il setto e fanno buchi nella parte anteriore del seno. Quando il fondo della sella turca è chiaramente visibile, si esegue la trepanning del tumore, rimuovendolo in parti o in una volta interamente.

Come è fatto?

L'operazione viene eseguita in anestesia generale. Durata: non più di 3 ore. La flessibilità dell'endoscopio consente di creare un foro nelle pareti superiori dei seni a forma di cuneo del naso, aprendo così la dura madre e rimuovendo il tumore in alcune parti. In caso di sanguinamento grave, il metodo di elettrocoagulazione viene ulteriormente arrestato.

Grazie alla flessibilità dell'endoscopio, è possibile inserire il tubo nella cavità nasale a diversi angoli per una visione più completa del setto cartilagineo e l'opportunità per gli specialisti di avvicinarsi al sito di localizzazione del tumore. La posizione dell'adenoma direttamente sopra la sella turca prevede innanzitutto la separazione del tumore dalla ghiandola pituitaria durante l'operazione, quindi la manipolazione per abbassare la sella e infine la perforazione del tessuto osseo, la rimozione del corpo tumorale dal corpo, la copertura del sito con materiali sintetici o il fissaggio con una bioglue speciale.

Quali sono le conseguenze?

Se il tumore non supera i 2 cm di dimensione, la rimozione del microadenoma ipofisario non porta a gravi complicazioni dopo l'intervento chirurgico. Nel 90% dei casi, un completo recupero dei pazienti e un ritorno a uno stile di vita normale è del tutto possibile. Fondamentalmente, lo sviluppo di adenoma sullo sfondo del fallimento ormonale è inattivo. Ma se inizi il processo, il tumore inizierà a comprimere le strutture cerebrali e può portare a gravi disturbi funzionali:

  • visione offuscata;
  • disturbi circolatori nel cervello;
  • danno a tessuti ipofisari sani nelle vicinanze e ghiandole endocrine;
  • caratterizzato acromegalia;
  • problemi riproduttivi nelle donne;
  • assottigliamento delle fibre nervose;
  • danno al nervo ottico facciale;
  • paralisi parziale dell'area facciale;
  • liquorrea all'uscita del liquido cerebrospinale dal corpo attraverso il naso come nasale, quando la morte è abbastanza probabile;
  • compromissione della memoria fino alla necrosi tessutale;
  • insufficienza surrenalica con compromissione del bilancio del sale marino;
  • infezione dei tessuti, sviluppo di meningite, encefalite come malattie che portano pericolo mortale;
  • disordine dell'apparato visivo quando ai pazienti è già assegnata una disabilità.

L'endoscopia attraverso l'introduzione del farmaco attraverso il naso riduce al minimo le conseguenze negative, ma come ogni altro intervento chirurgico non passa inosservato. Al fine di ridurre al minimo le spiacevoli conseguenze, è possibile assegnare una terapia neurochirurgica sostitutiva ormonale. Di solito, dopo l'operazione, i pazienti possono muoversi autonomamente in un giorno. Tuttavia, sarà ancora necessario rimanere in ospedale per un lungo periodo sotto la stretta supervisione dei medici fino a quando la condizione diventa soddisfacente.

Quando un adenoma è localizzato nell'appendice cerebrale inferiore, il periodo di recupero è più rapido, la capacità di lavorare della ghiandola pituitaria è rapidamente ripristinata, ma il monitoraggio costante da parte del medico curante è estremamente necessario.

È importante dopo l'intervento chirurgico, quando un adenoma pituitario è stato rimosso, per seguire alcune regole, i consigli dei medici:

  • non usare contraccettivi orali per le donne;
  • non usare certe vitamine e droghe che possono influire negativamente sul retroterra ormonale;
  • rifiutare di allattare;
  • Fare attenzione all'omeopatia e ai preparati a base di erbe, che possono danneggiare gravemente l'organismo, tutti i metodi di terapia domiciliare dovrebbero essere discussi con un medico.

È improbabile che, dopo la rimozione dell'adenoma del cervello, la ghiandola pituitaria si riprenda rapidamente, quindi il periodo di riabilitazione non è completo senza un trattamento aggiuntivo. Secondo molti pazienti, l'operazione deve essere eseguita più di una volta, poiché il tumore spesso inizia a germogliare di nuovo dopo un breve periodo di tempo. Naturalmente, l'operazione non passa senza lasciare traccia, spesso ricorre e porta a una diminuzione della vista nei pazienti, dal momento che comporta l'esecuzione di procedure chirurgiche sulla testa o la rimozione di un adenoma pituitario. Conseguenze, recidive e complicazioni si verificano spesso, tra cui:

  • sanguinamento grave;
  • sviluppo della meningite, quando il recupero dopo la rimozione della ghiandola pituitaria diventa difficile.

Naturalmente, ogni caso dopo l'operazione è puramente individuale. I termini della riabilitazione possono essere diversi. L'endoscopia oggi è praticata da molti medici e ha molti vantaggi: riduce il periodo postoperatorio e il periodo di riabilitazione. Oggi, la rimozione del microadenoma ipofisario nei bambini da un endoscopio è considerata il gold standard, in particolare, tra gli specialisti delle moderne cliniche israeliane. Spesso i metodi combinati di endoscopia e terapia laser. Ad esempio, la radiologia e l'esposizione alle radiazioni portano ad una diminuzione della dimensione del tumore, fermando la sua crescita e l'inizio rapido della remissione. La radioterapia viene effettuata solo con la comparsa della natura maligna del tumore.

Recupero dopo rimozione di adenoma pituitario: come mitigare gli effetti?

La ghiandola pituitaria è un organo del sistema endocrino che produce ormoni che entrano nel sangue. Ha una forma ovale e si trova nella "sella turca" al centro della testa.

Direttamente sopra la ghiandola pituitaria sono i nervi ottici. Partecipa alla regolazione della funzione riproduttiva, delle ghiandole surrenali e della tiroide umana.

Le conseguenze della rimozione dell'adenoma dipendono dalle dimensioni precedenti. In generale, circa l'85% dei pazienti guarisce. Il processo di recupero dipende dai risultati dell'esame oftalmologico chirurgico in combinazione con fattori endocrinologici. Vale la pena notare che al momento del recupero, il medico deve prescrivere un corso di terapia ormonale basato sull'analisi della ghiandola tiroidea. Può anche essere prescritta una dieta speciale, che deve anche essere adattata al sangue del paziente, alle urine, allo zucchero, ecc.

L'adenoma è la malattia più comune della ghiandola pituitaria. In molti casi, è un tumore benigno di piccole dimensioni. Sorge alla base del cranio e proviene dalle cellule della parte anteriore della ghiandola.

Esistono molti tipi di adenomi, ma hanno tutti sintomi simili. Questi sono problemi urinari, tireotossicosi, aumento della crescita dei peli corporei e obesità. Anche manifestare mal di testa forte o noioso, visione offuscata, congestione nasale del liquido cerebrospinale. Tali sintomi successivamente manifestano un'emorragia all'interno di un tumore benigno. Vale la pena notare il fatto che uno stress grave, una cattiva circolazione del sangue o una malattia infettiva possono portare ad un aumento dell'adenoma.

Se segui tutti i consigli del medico, il ripristino di tutte le funzioni avviene molto rapidamente. Di solito da 1 a 3 mesi. Tutto dipende dallo stadio di sviluppo del tumore, se è stato avviato, poi ci sono casi che dopo la rimozione di adenoma pituitario, la malattia ritorna. Con l'aiuto di un esame diagnostico, è possibile scoprire lo stadio dello sviluppo del tumore e quale trattamento utilizzare. A seconda della malattia, può essere eliminato con farmaci, radioterapia o chirurgia.

Il metodo più efficace di trattamento è la chirurgia per rimuovere un adenoma pituitario. Questa procedura può essere di due tipi. Il primo è molto complicato, in quanto è collegato alla penetrazione diretta al cervello, cioè trepanning. Il secondo modo è più fedele. La rimozione dell'adenoma avviene attraverso il naso e l'operazione dura circa due ore. L'operazione è inevitabile in caso di emorragia all'interno del tumore. Dopo l'intervento chirurgico, una persona è in terapia intensiva per un giorno. Poi viene trasferito in un reparto normale ed è costretto a iniziare a camminare un po '. Ma è necessario tener conto del fatto che dopo la rimozione di adenoma pituitario c'è il rischio di formazione di un nuovo tumore. Inoltre, l'operazione è traumatica e può portare a conseguenze spiacevoli per la salute umana. Vale a dire: debolezza, sonnolenza, nausea, anoressia, vomito e insufficienza surrenalica.

Il meno efficace è il trattamento farmacologico, che rallenta semplicemente lo sviluppo dell'adenoma. I farmaci inibiscono solo la secrezione dell'ormone in eccesso. Per quanto riguarda la radioterapia, è prescritto solo nei casi in cui è impossibile eseguire l'operazione. Vale la pena notare che non è molto efficace, poiché tratta ghiandole ormonalmente inattive. Fondamentalmente, la radioterapia viene eseguita dopo l'intervento chirurgico per fissare il risultato.

C'è un piccolo tipo di adenomi che non possono essere rimossi. Ciò è dovuto alle loro grandi dimensioni e alla loro posizione. Tumori particolarmente pericolosi che sono molto vicini al plesso venoso del cervello. Perché durante l'operazione, i chirurghi possono danneggiare le arterie, causando un'emorragia, oppure i nervi responsabili della visione possono essere feriti. Tali adenomi sono soggetti solo alla rimozione parziale e all'ulteriore trattamento con radiazioni.

La rimozione del tumore influenza notevolmente l'ulteriore lavoro della ghiandola pituitaria e le conseguenze della rimozione dell'adenoma ipofisario sono varie. La maggior parte dei pazienti sta vivendo un completo recupero della vista. Il miglioramento di visione è osservato già dopo di alcuni giorni. Ma questo è solo se il problema non esiste da molto tempo. Se la visione si è deteriorata un anno o mezzo anno fa, allora un recupero completo è impossibile.

Nel periodo postoperatorio, la persona è sotto l'attento esame dei medici. In ogni caso, una cura efficace per l'adenoma dipende da quanto velocemente una persona si rivolge agli specialisti per chiedere aiuto.

Rimozione di adenoma pituitario - indicazioni e metodi di funzionamento, conseguenze, prognosi

Un tumore benigno che proviene dal tessuto ghiandolare della ghiandola pituitaria anteriore è chiamato adenoma. La neoplasia causa mal di testa, restringimento dei campi visivi, disturbi oculomotori. Secondo le statistiche, l'adenoma ipofisario rappresenta circa il 10% di tutti i tumori intracranici. È caratteristico di persone di età compresa tra 30 e 40 anni.

Indicazioni per la chirurgia

Il trattamento del piccolo adenoma pituitario del cervello viene effettuato da antagonisti della prolattina. Forse l'uso di metodi di esposizione alle radiazioni: terapia remota o protonica, terapia gamma, radiochirurgia. Indicazioni per la rimozione:

  • Formazione ormonale che produce una quantità significativa di ormoni.
  • Spremitura dei tessuti e dei nervi adiacenti, che causa alterazione della vista.
  • Grave disfunzione ipofisaria.
  • Sintomi spiacevoli della malattia: forti mal di testa, affaticamento, diminuzione della concentrazione, disturbi del sonno, atrofia delle cellule cerebrali.
  • Il rapido aumento (crescita) dell'educazione, anche dopo la terapia farmacologica.
  • Sospetto della transizione di un tumore in una forma maligna, cioè il cancro.

Rimozione del naso

La rimozione transnasale dell'adenoma pituitario viene effettuata attraverso il naso. L'essenza dell'operazione - attraverso la narice il chirurgo introduce un endoscopio. Questo è uno strumento a forma di tubo flessibile con un diametro di 4 mm con una fotocamera. A seconda delle dimensioni della formazione, viene posizionato in una o due narici.

Con l'aiuto della fotocamera, il medico vede l'immagine sullo schermo. Nella sella turca, fa un buco attraverso il quale rimuove gradualmente il tumore, e quindi ferma l'emorragia. Quindi il "buco" viene sigillato con il tessuto del paziente e con la colla speciale. Le principali caratteristiche di questo metodo di rimozione di un tumore pituitario:

  • Quando applicato: il tumore si estende leggermente oltre la sella turca.
  • Durata: non più di 3 ore.
  • Costo - 100 mila rubli.
  • Vantaggi: dopo la rimozione, il paziente trascorre solo 2-4 giorni in ospedale, bassa invasività dell'operazione, accesso rapido a un tumore pituitario, facile riabilitazione.
  • Svantaggi: alta probabilità di complicanze sotto forma di odore di muffa dal naso, rinite costante.

radiochirurgia

La rimozione degli adenomi con metodi di radiochirurgia viene spesso utilizzata per rimuovere i tumori residui dopo la chirurgia classica. La radioterapia è considerata il modo più delicato, ma non porta sempre il risultato desiderato.

La radiochirurgia per rimuovere l'ipofisi adenoide si verifica su un tavolo speciale in cui è collocato il paziente. La sua testa è fissa per escludere i movimenti. Successivamente, il medico accende l'apparecchiatura e il laser influenza l'istruzione. Caratteristiche del trattamento radiochirurgico dei tumori ipofisari:

  • Quando applicato: il tumore non ha danneggiato gli organi della visione, le sue dimensioni sono fino a 3 cm e si trova all'interno della sella turca, quest'ultima ha iniziato ad aumentare di dimensioni, lo sviluppo della sindrome neuroendocrina.
  • Durata: 3-6 ore.
  • Costo: 190 mila rubli.
  • Vantaggi: impatto del punto sui tessuti di soli 0,5 mm di dimensioni, impossibilità di danneggiare i tessuti sani, alte prestazioni, non è necessario praticare un'incisione sulla pelle o sulle membrane del cervello.
  • Svantaggi: l'effetto dell'operazione può essere visto solo dopo diversi mesi o anni, e se non è lì, il paziente viene inviato per una operazione classica ai chirurghi.

craniotomia

Nel sito previsto dell'operazione, i capelli vengono rasati. A seconda della posizione dell'adenoma pituitario, il medico apre il cranio sotto l'osso temporale o frontale. Il paziente è dalla parte Con l'aiuto di un aspiratore e una pinzetta elettrica, il chirurgo rimuove la formazione, quindi restituisce il lembo osseo al suo posto e punti. Caratteristiche della craniotomia:

  • Quando applicato: crescita asimmetrica dell'istruzione e la sua produzione al di fuori della sella turca, la presenza di nodi tumorali secondari.
  • Durata: 3-6 ore.
  • Costo: 190-200 migliaia di rubli.
  • Vantaggi: alta efficienza con prestazioni adeguate.
  • Svantaggi: la necessità di radersi i capelli, vi è il rischio di morte, soprattutto con le azioni sbagliate dei medici o complicazioni nel processo di idratazione. Inoltre, dopo l'operazione, il paziente deve essere ricoverato in ospedale per 7-10 giorni, con il primo paio di giorni in terapia intensiva.

Chirurgia per rimuovere l'adenoma ipofisario: quando necessario, tenendo, risultato

L'adenoma ipofisario è un tumore benigno di una piccola ghiandola localizzata nel cervello. La neoplasia può migliorare la produzione di determinati ormoni e causare disagio al paziente in misura diversa, o per nulla. Un tumore viene solitamente rilevato durante un computer o una risonanza magnetica.

La rimozione dell'adenoma ipofisario viene eseguita mediante chirurgia classica, endoscopia o emissione radio. Quest'ultimo metodo è riconosciuto come il più benigno, ma ha un numero di restrizioni sulla dimensione e sulla posizione del tumore.

Indicazioni per la chirurgia

La rimozione di un tumore pituitario non è sempre consigliabile, poiché può essere accompagnata da un rischio maggiore rispetto alla presenza di una neoplasia nel corpo. Inoltre, negli adenomi pituitari, la terapia conservativa dà un buon effetto.

La chirurgia è raccomandata per i seguenti sintomi:

  • Il tumore è ormonale, cioè produce una quantità significativa di ormoni, il cui contenuto aumentato può essere pericoloso per il paziente.
  • L'adenoma stringe i tessuti e i nervi adiacenti, in particolare quelli visivi, causando un deterioramento del funzionamento dell'occhio.

L'uso di radiochirurgia delicata è consentito nei seguenti casi:

  1. I nervi ottici non sono interessati.
  2. Il tumore non si estende oltre la sella turca (educazione nell'osso sfenoidale, nella cavità della quale si trova la ghiandola pituitaria).
  3. La sella turca ha dimensioni normali o leggermente ingrandite.
  4. L'adenoma è accompagnato da sindrome neuroendocrina.
  5. La dimensione del tumore non supera i 30 mm.
  6. Rifiuto del paziente da altri metodi operativi o presenza di controindicazioni alla loro condotta.

Nota. I metodi radiochirurgici possono essere utilizzati per rimuovere i tumori residui dopo l'applicazione della chirurgia classica. Possono anche essere applicati dopo la radioterapia standard.

La rimozione transnasale dell'adenoma pituitario viene eseguita se il tumore è solo leggermente al di fuori della sella turca. Alcuni neurochirurghi con una vasta esperienza usano il metodo e con tumori di dimensioni considerevoli.

Le indicazioni per la craniotomia (chirurgia con un'apertura del cranio) sono i seguenti sintomi:

  • La presenza di nodi secondari nel tumore;
  • Crescita asimmetrica dell'adenoma e sua uscita dalla sella turca.

Quindi, a seconda del tipo di accesso, la chirurgia per rimuovere un adenoma ipofisario può essere eseguita in un metodo transcranico (aprendo il cranio) o transnasale (attraverso il naso). Nel caso della radioterapia, i sistemi di cyber-coltello consentono di focalizzare le radiazioni rigorosamente sul tumore e ottenere la sua rimozione non invasiva.

Rimozione dell'adenoma ipofisario transnasale

Tale operazione viene spesso eseguita in anestesia locale. Il chirurgo inserisce un endoscopio nel naso, uno strumento tubolare flessibile dotato di una fotocamera. Può essere posizionato in una o entrambe le narici a seconda delle dimensioni del tumore. Il suo diametro non supera i 4 mm. Il medico vede l'immagine sullo schermo. La rimozione endoscopica dell'adenoma ipofisario può ridurre l'invasività dell'operazione, mantenendo la capacità di visualizzazione completa.

Dopodiché, il chirurgo rimuove la mucosa ed espone l'osso del seno anteriore del naso. Un trapano viene utilizzato per accedere alla sella turca. Le partizioni nel seno anteriore vengono tagliate. Il chirurgo diventa visibile sul fondo della sella turca, che subisce una trapanazione (in essa si forma un buco). Viene eseguita la rimozione sequenziale di parti del tumore.

Dopo questo, l'emorragia viene interrotta. A questo scopo tamponi di cotone bagnate con acqua ossigenata, piastre speciali o spugne metodo elettrocoagulazione ( "tenuta" navi di distruzione parziale delle proteine ​​strutturali).

Nella fase successiva, il chirurgo sigilla la sella turca. Per fare questo, utilizzare il tessuto del paziente, colla, come il marchio "Tissucol". Dopo l'endoscopia, il paziente dovrà passare da 2 a 4 giorni in una struttura medica.

craniotomia

tecnica di accesso cerebrale craniotomia

L'accesso può essere effettuato frontalmente (aprendo le ossa frontali del cranio) o sotto l'osso temporale, a seconda della posizione preferita del tumore. La posa ottimale per l'operazione è la posizione sul lato. Ti permette di evitare di intrappolare le arterie cervicali e le vene che forniscono sangue al cervello. Un'alternativa è una posizione supina con una leggera rotazione della testa. La testa stessa è fissa.

L'operazione nella maggior parte dei casi viene eseguita in anestesia generale. L'infermiera si rade i capelli dal sito previsto per l'operazione e la disinfetta. Il medico delinea le proiezioni di strutture e vasi importanti, che cerca di non toccare. Dopodiché, fa un'incisione di tessuto molle e taglia l'osso.

Al momento dell'operazione, il medico mette le lenti d'ingrandimento, che permettono di dare un'occhiata più da vicino a tutte le strutture nervose e ai vasi sanguigni. Sotto il cranio c'è la cosiddetta dura madre, che deve anche essere tagliata per raggiungere la ghiandola pituitaria più profondamente radicata. L'adenoma stesso verrà rimosso con un aspiratore o un forcipe elettrico. A volte il tumore deve essere rimosso insieme all'ipofisi a causa della sua germinazione profonda nel tessuto sano. Successivamente, il chirurgo sostituisce il lembo e i punti dell'osso.

Dopo l'effetto dell'anestesia, il paziente deve passare un altro giorno in terapia intensiva, dove le sue condizioni saranno costantemente monitorate. Quindi verrà inviato al reparto generale, la degenza media è di 7-10 giorni.

radiochirurgia

La precisione del metodo è 0,5 mm. Questo rende possibile agire con precisione sull'adenoma, senza compromettere il tessuto nervoso che circonda il tumore. L'effetto di un tale dispositivo come un cyber-coltello di una volta. Il paziente va in clinica e, dopo la serie MRI / CT, viene compilato un modello di tumore 3D esatto, che viene utilizzato dal computer per scrivere il programma per il robot.

Il paziente è posto su un divano, il suo corpo e la testa sono fissati per evitare movimenti accidentali. Il dispositivo funziona a distanza, irradiando le onde esattamente nella posizione dell'adenoma. Il paziente, di regola, non avverte sensazioni dolorose. Il ricovero in ospedale quando si usa il sistema non è mostrato. Il giorno dell'intervento, il paziente può tornare a casa.

I modelli più moderni consentono di regolare la direzione del raggio in base a qualsiasi, anche i movimenti più piccoli del paziente. Ciò evita la fissazione e il disagio associato.

Le conseguenze dell'operazione e le complicazioni

Secondo B. M. Nikifirova e D. E. Matsko (2003, San Pietroburgo), l'uso di metodi moderni consente la rimozione radicale (completa) del tumore nel 77% dei casi. Nel 67% delle funzioni visive del paziente vengono ripristinati, nel 23% - endocrino. La morte a seguito di un intervento chirurgico per rimuovere l'adenoma pituitario si verifica nel 5,3% dei casi. Nel 13% dei pazienti c'è una recidiva della malattia.

Dopo i tradizionali metodi chirurgici ed endoscopici, sono possibili i seguenti effetti:

  1. Compromissione visiva a causa di danni ai nervi.
  2. Bleeding.
  3. Flusso di liquido cerebrospinale (CSF).
  4. Meningite, sviluppata come conseguenza dell'infezione.

Recensioni dei pazienti

I residenti delle grandi città (Mosca, San Pietroburgo, Novosibirsk), che si trovano di fronte con un adenoma ipofisario, sostengono che il tasso di guarigione della malattia in Russia al momento non è inferiore a all'estero. Ospedali e centri oncologici sono ben attrezzati, le operazioni vengono eseguite su attrezzature moderne.

Tuttavia, i pazienti e i loro parenti consigliano di non precipitarsi eccessivamente con l'operazione. L'esperienza di molti pazienti dimostra che è necessario prima sottoporsi a un esame approfondito, consultare un numero di specialisti (endocrinologo, neurologo, oncologo) e curare tutte le infezioni. Il pericolo di un tumore per un paziente deve essere confermato inequivocabilmente. In molti casi, si raccomanda l'osservazione dinamica del comportamento della neoplasia.

I pazienti annotano nelle loro recensioni che la diagnosi tempestiva era importante nel processo di trattamento. Sebbene molte persone non abbiano prestato attenzione ai disturbi ormonali che li hanno disturbati per molto tempo, quando si sono rivolti agli specialisti hanno rapidamente ricevuto referenze per la risonanza magnetica / TC, che ha permesso di dare immediatamente consigli sulla terapia.

Non tutti i pazienti, nonostante gli sforzi dei medici, riescono a superare la malattia. A volte le condizioni del paziente peggiorano e il tumore ricresce. Ciò deprime il paziente, spesso sperimentano depressione, ansia e ansia. Tali sintomi sono anche importanti e possono essere il risultato della terapia ormonale o dell'effetto di un tumore. Devono essere presi in considerazione da un endocrinologo e da un neurologo.

Costo del funzionamento

Quando si contatta l'istituto medico statale, la chirurgia del paziente è gratuita. In questo caso, è possibile solo la craniotomia o la chirurgia transnasale. Il sistema Cyber ​​Knife è disponibile principalmente in cliniche private. Da ospedali statali, è utilizzato solo dall'Istituto di Neurochirurgia Nden Burdenko. Per il trattamento gratuito, è necessario ricevere una quota federale, che è improbabile con la diagnosi di "adenoma".

Quando si decide di utilizzare i servizi a pagamento, è necessario prepararsi a pagare da 60-70 mila rubli per un'operazione chirurgica. A volte devi pagare un extra per il tuo soggiorno in ospedale (da 1000 rubli al giorno). Anche in alcuni casi l'anestesia non è inclusa nel prezzo. I prezzi medi per l'uso di un cyberknife partono da 90.000 rubli.

La rimozione dell'adenoma ipofisario è un'operazione con una buona prognosi, la cui efficacia è maggiore nella diagnosi precoce della malattia. Dato che il tumore non sintomi non sempre si sono pronunciate, è necessario essere attenti alla loro salute e al monitoraggio di tali pochi segni di malessere minzione frequente, mal di testa ricorrenti, diminuzione della visione senza alcuna ragione apparente. La moderna neurochirurgia in Russia consente di eseguire anche complesse operazioni al cervello con il minimo rischio di complicanze.

Come viene rimosso l'adenoma pituitario

L'adenoma ipofisario è un tumore benigno del cervello che richiede l'attenzione dei medici. Nella maggior parte dei casi, non è possibile curarlo con i farmaci, motivo per cui è necessario ricorrere alla chirurgia. La rimozione di un tumore pituitario può essere fatta in tre modi, ma prima dell'operazione è necessario capire quali sono le caratteristiche dell'adenoma e del suo trattamento.

L'adenoma si trova sulla ghiandola del cervello, chiamata ghiandola pituitaria. Può causare molti sintomi spiacevoli, che interferiscono notevolmente con la vita quotidiana del paziente. Tuttavia, in alcuni casi non si manifesta affatto, il che rende la sua individuazione nelle fasi iniziali un incidente.

Una neoplasia può mantenere le sue dimensioni per lungo tempo o crescere molto lentamente, allungando il suo sviluppo per diversi decenni. Tuttavia, in alcuni pazienti, la crescita dell'adenoma è molto attiva, il che richiede una particolare urgenza nel condurre l'operazione. Le caratteristiche individuali di sviluppo del paziente, la presenza di altre patologie e il tipo di tumore influenzano il tasso di sviluppo del neoplasma.

Per la prima volta la rimozione di adenoma mediante intervento chirurgico fu effettuata nel 1889. In primo luogo, le operazioni furono eseguite sugli animali, e in seguito iniziarono ad essere applicati sugli umani. Gradualmente, la medicina ha ricevuto nuovi metodi per liberarsi dall'adenoma pituitario, eliminando la necessità di azioni terapeutiche non sicure, rendendo la rimozione del tumore il più rapida e facile possibile per il paziente.

I medici distinguono diverse varietà di adenoma. La classificazione include divisione per tipo di attività secretoria, dimensioni e posizione del tumore.

Un tumore può o meno rilasciare ormoni nel sangue, quindi, in base all'attività secretoria, i tumori sono suddivisi in 2 tipi:

  1. Produzione ormonale (prolattinoma, somatotropinoma, tireotropinoma, corticotropinoma, tumore gonadotropico) che rilascia ormoni.
  2. Inattivo, non rilasciare ormoni.

Il tipo di trattamento dipende dalla dimensione del tumore. Pertanto, la loro determinazione nella fase della diagnosi è molto importante. Ci sono 3 tipi di adenoma:

  1. Microadenoma: fino a 1 cm.
  2. Macroadenoma - più di 1 cm.
  3. Adenoma gigante - più di 4 cm.

L'adenoma della ghiandola pituitaria può essere localizzato in diversi punti di questa ghiandola. Ci sono 4 tipi di tumore sulla sua localizzazione:

  1. Endosellar - localizzato all'interno della sella turca.
  2. Suprasellar - la crescita avviene verso l'alto.
  3. Infrasellare - aumenta verso il basso.
  4. Retrosellar - cresce nel retro

Identificare il tipo esatto di tumore durante la diagnosi è molto importante, dal momento che su questo dipenderà da quale metodo verrà trattato il paziente.

A volte una cisti con liquido si trova all'esame, e successivamente si scopre che si tratta di un adenoma. Tali errori possono portare a conseguenze disastrose.

Cause e sintomi

Effettuare un'operazione sulla ghiandola pituitaria avrà successo molto prima, se si conoscono le cause e i sintomi dell'adenoma, che permetterà di sospettare il suo sviluppo in modo tempestivo. Spesso, questo è ciò che aiuta i pazienti a identificare il tumore quando sta appena iniziando a formarsi.

motivi

Le cause dirette che potrebbero causare adenoma ipofisario sono ancora sconosciute. Tuttavia, i medici sono riusciti a identificare diversi fattori che contribuiscono allo sviluppo di tale tumore. Questi includono:

  • Lesione cerebrale traumatica;
  • Malattie infettive o infiammatorie del cervello;
  • Compromissione delle ghiandole periferiche;
  • Cattive abitudini o eccesso di peso;
  • L'impatto dei fattori negativi durante la gravidanza;
  • Accettazione di contraccettivi.

Il più delle volte, l'adenoma pituitario si trova nelle persone i cui genitori hanno avuto tumori di diversa natura.

sintomi

Nell'adenoma, non ci possono essere sintomi, ma nella maggior parte dei casi si verificano. Le sensazioni specifiche del paziente dipendono dal tipo di tumore dall'attività secretoria. I sintomi principali sono espressi solo sotto forma di due problemi:

  1. Mal di testa. È localizzato nella fronte o nei templi, è di natura smussata, nessun antidolorifico praticamente aiuta.
  2. Danno visivo. La sua nitidezza potrebbe peggiorare, potrebbe apparire una doppia visione o la funzione visiva potrebbe scomparire completamente. Più grande è l'adenoma, maggiori sono i rischi.

Se l'adenoma che produce l'ormone è, allora la persona non solo avrà un mal di testa, combinato con disabilità visiva, ma appariranno anche altre manifestazioni: la temperatura può salire, a volte i capelli iniziano a crescere o cadere dai capelli, la frequenza cardiaca e la pressione falliscono, la minzione diventa più frequente, le funzioni sessuali sono disturbate e talvolta il paziente inizia a soffrire di gigantismo. Con lo sviluppo di una tale condizione dovrebbe visitare urgentemente un medico.

Tutto ciò che devi sapere sull'operazione

Ci sono 3 tipi di intervento chirurgico per rimuovere l'adenoma: adenomiectomia transnasale, craniotomia e radiochirurgia. Tutti loro hanno le loro caratteristiche, ma la rimozione del microadenoma ipofisario non è una procedura obbligatoria, dal momento che per piccole dimensioni, il tumore può essere rimosso con l'aiuto della terapia farmacologica. Preparati speciali costringeranno la neoplasia a dissolversi gradualmente. Per questo, al paziente verrà somministrata "Cabergolina" o farmaci simili. Il tempo per tale trattamento può essere assegnato solo con la crescita tumorale lenta o assente, così come la conservazione delle funzioni visive.

Indicazioni per la chirurgia

Nella maggior parte dei casi, i pazienti richiedono ancora un intervento chirurgico. Anche con piccole dimensioni, è spesso necessario, perché I disturbi visivi si verificano molto spesso, il che rende irrilevante il trattamento farmacologico.

Per eseguire l'operazione nei seguenti casi:

  • Tumore ormonale;
  • Schiaccia tessuti e nervi;
  • L'adenoma aumenta rapidamente e continua a crescere anche dopo l'assunzione del farmaco;
  • Le condizioni del paziente sono critiche, è in terapia intensiva;
  • Sospetto dell'acquisizione della neoplasia dell'adenoma (transizione al cancro).

Qualsiasi intervento chirurgico è molto pericoloso, quindi per alcune categorie di persone è vietato l'intervento chirurgico per rimuovere l'adenoma. Tale terapia è controindicata nei seguenti pazienti: donne in gravidanza, anziani, bambini piccoli, persone con gravi patologie cerebrali.

diagnostica

Prima dell'operazione, il medico prescrive un esame obbligatorio del paziente. Anche se il paziente si trova nell'unità di terapia intensiva, verrà sottoposto a tutte le procedure principali per effettuare una diagnosi accurata e iniziare il trattamento.

  • Indagine ed esame del paziente;
  • Radiografia del cranio;
  • Scansione TC, risonanza magnetica;
  • Esame del sangue

Tali procedure sono sufficienti per determinare con precisione la presenza di adenoma e tutte le sue caratteristiche.

Prognosi, complicanze

Con la rimozione tempestiva del tumore, la prognosi sarà positiva. Più dell'85% dei pazienti è completamente restaurato e può vivere una vita normale. La morte si verifica solo nel 5% dei casi e il recupero parziale della funzione si verifica nel 10% dei pazienti.

Il periodo postoperatorio richiede una particolare attenzione alla loro salute. Potrebbero essere necessarie diverse settimane, perché la riabilitazione è lenta. Per questo periodo dopo l'operazione di rimozione di un adenoma ipofisario, devono essere imposte alcune restrizioni:

  1. Prendi la regola del rigoroso regime giornaliero.
  2. Non sovraccaricare.
  3. Evitare qualsiasi azione che possa danneggiare il corpo.
  4. Rifiutare i farmaci che possono influire sulla ghiandola pituitaria o sugli ormoni.
  5. Visita regolarmente il dottore.
  6. Non usare rimedi popolari o omeopatici.
  7. Le donne smettono di allattare un bambino.

Tali raccomandazioni aiuteranno ad evitare spiacevoli conseguenze. Se non vengono seguiti, sono possibili le seguenti complicazioni:

  • Perdita della vista;
  • Danno al tessuto ipofisario;
  • Sanguinamento pesante;
  • Deflusso di liquido cerebrospinale;
  • Infiammazione del cervello;
  • Paralisi facciale;
  • Perdita di capelli;
  • Menomazione della memoria;
  • Impotenza, diminuzione della libido.

A volte è possibile lo sviluppo di adenomi ripetuti, che richiederanno nuovamente l'intervento dei medici.

Il costo della rimozione di adenoma varia da 60 a 150 mila rubli. Il prezzo esatto dipende dalla clinica e dal tipo di operazione scelta. Portalo fuori e puoi farlo all'ospedale pubblico, ma ci sarà una lunga fila.

Adenomectomia transnasale

Questo tipo di chirurgia è anche chiamata rimozione transsfenoidale endoscopica dell'adenoma. Può essere utilizzato per piccole dimensioni del tumore, che si trova all'interno della sella turca. A volte i medici possono rimuovere gli adenomi più grandi con questo metodo, ma questo è molto pericoloso e le possibilità di successo sono minime.

L'operazione viene eseguita utilizzando un dispositivo speciale chiamato endoscopio. Si presenta sotto forma di un tubo sottile con una fotocamera che consente di vedere il processo di distruzione dell'adenoma. Il paziente è in anestesia generale. Tutte le azioni vengono eseguite attraverso il naso, che ha i suoi vantaggi.

Il processo è il seguente:

  1. Il medico rimuove la mucosa esponendo l'osso del seno nasale.
  2. Con l'aiuto di un trapano medico apre l'accesso alla sella turca.
  3. Il setto nasale viene tagliato e viene eseguita la trapanazione della sella turca.
  4. Il chirurgo rimuove lentamente l'adenoma e ferma anche il sanguinamento che si è formato.
  5. La sella turca è sigillata con colla medica.

Il periodo postoperatorio acuto dura 4 giorni. Durante questo periodo, il paziente deve essere ricoverato in ospedale. Quindi è dimesso.

Questo metodo ha i suoi vantaggi:

  • Accesso rapido all'area operata;
  • Alta precisione di azione, rimozione completa dei tessuti danneggiati;
  • Facile riabilitazione, breve periodo postoperatorio acuto.

Tra gli svantaggi, la rimozione transnasale dell'adenoma ipofisario ha una piccola probabilità di conseguenze spiacevoli sotto forma di odore di marciume proveniente dal naso, così come una rinite permanente, che è una scarica senza fine di muco verde con croste. Contro di loro può assegnare mezzi speciali.

craniotomia

La chirurgia classica con un'apertura del cranio è chiamata craniotomia. Si raccomanda di eseguire con asimmetria di adenoma, la sua maggiore dimensione con l'uscita dalla sella turca, così come la presenza di nodi secondari. Il cranio è aperto sotto l'osso temporale o frontale. La scelta dipende da dove e come si trova l'adenoma.

L'operazione viene eseguita in anestesia generale. Può durare circa mezz'ora, il che dipende completamente dalla complessità del lavoro futuro. In questo caso, il paziente dovrebbe stare dalla sua parte, perché in questa posizione, la probabilità di spremere le arterie importanti è ridotta al minimo, così come il rischio di afflusso di sangue al cervello. A volte il paziente viene posto in posizione supina, ma gira e fissa la testa con una leggera angolazione laterale.

Prima della craniotomia, molte persone devono raccogliere coraggio, perché l'operazione è micidiale. Con le azioni sbagliate dei medici o alcune complicazioni nel processo di rimozione di un tumore c'è un grande rischio di morte. Tuttavia, in caso di successo, le prospettive per il paziente saranno positive.

L'operazione viene eseguita come segue:

  1. La vittima è pronta per l'operazione, radendo la testa, posata sul tavolo operatorio.
  2. Il medico fa un'incisione nei tessuti molli della testa, tenendo conto della posizione dei vasi.
  3. Quando viene raggiunto il tessuto duro, viene tagliato.
  4. Il chirurgo rimuove il tumore con un'attrezzatura speciale.
  5. Tutti i tessuti tagliati sono sovrapposti, sono cuciti.

Il primo giorno il paziente è in terapia intensiva, quindi viene trasferito in un reparto normale. Lì dovrebbe rimanere per dieci giorni fino a quando l'effetto dell'intervento è chiaro. Se l'operazione per rimuovere l'adenoma ipofisario non dà complicazioni, il paziente viene rimandato a casa, dove è sottoposto a riabilitazione.

radiochirurgia

L'esecuzione della rimozione di adenoma con radiochirurgia mostra buoni risultati. Questo metodo è estremamente efficace, perché l'effetto sul tessuto è punteggiato e la precisione stessa è di ½ mm. Tali indicatori consentono di evitare il minimo danno al tessuto sano, eliminare completamente il tumore.

In tale radioterapia vengono utilizzati vari dispositivi. Molte persone conoscono il gamma o il cybernike. Influenzano il tumore, distruggendolo, e non c'è bisogno di fare incisioni nella pelle o nelle membrane cerebrali. Il principale vantaggio della radiochirurgia è l'alto rendimento, che è combinato con la sicurezza e l'assenza di dolore severo nel paziente.

La rimozione del tumore mediante radioterapia è raccomandata nei seguenti casi:

  • Gli organi della visione non hanno ricevuto alcun danno dal tumore;
  • L'adenoma ha una dimensione di fino a 3 cm, si trova all'interno della sella turca;
  • La sella turca cominciò a crescere di dimensioni;
  • La sindrome neuroendocrina è apparsa.

A volte la radiochirurgia viene utilizzata anche dopo un altro metodo per rimuovere l'adenoma. In questi casi, l'obiettivo del medico è rimuovere elementi tumorali residui che non potrebbero essere rimossi con la prima operazione. L'effetto laser tratteggiato semplifica la correzione di questa situazione.

Come è una tale operazione:

  1. Il paziente viene posizionato su un tavolo speciale, dove la sua testa è fissata saldamente per eliminare i movimenti accidentali che potrebbero ridurre l'efficacia della procedura.
  2. Il medico accende l'apparecchiatura e il paziente è esposto a un laser o altro raggio che distrugge il tumore.

La durata di tale operazione può raggiungere diverse ore. L'esposizione alle radiazioni alle radiazioni avviene piuttosto lentamente, motivo per cui è necessario così tanto tempo. Per la completa distruzione dell'adenoma pituitario, una singola sessione è sufficiente per questo tipo di operazione.

Dopo l'operazione, il medico controlla le condizioni del paziente e lo rilascia a casa. Nessuna riabilitazione speciale dopo la procedura. Tuttavia, il risultato non lo saprà subito, perché l'effetto può apparire dopo diversi mesi o addirittura anni. Pertanto, il paziente dovrà visitare regolarmente il medico per verificare eventuali cambiamenti nell'adenoma. Se non è stato possibile raggiungere il risultato desiderato o la condizione è peggiorata, il paziente può essere inviato per un intervento classico ai chirurghi.

L'attrezzatura moderna rileva i movimenti minori della testa e dirige automaticamente il laser dietro di esso. Questo ti permette di mantenere un alto impatto sul tumore.

Dovrei avere paura della chirurgia

La chirurgia per rimuovere un tumore è sempre un processo pericoloso e difficile. Tuttavia, con la rilevazione tempestiva e la distruzione dell'adenoma, il rischio di affrontare conseguenze negative è minimo. Pertanto, non dovresti aver paura dell'operazione. È molto più importante monitorare la tua salute e visitare un medico quando trovi le prime gravi violazioni. Questo è l'unico modo per proteggere te stesso e la tua salute.