Qual è il pericolo del polipo adenomatoso endometriale, un'operazione è sempre necessaria?

Diversi tipi di polipi uterini, essendo una manifestazione locale di iperplasia della sua membrana mucosa, differiscono poco l'uno dall'altro da sintomi macroscopici e clinici. Tuttavia, il polipo adenomatoso dell'endometrio, a differenza di altre specie, è caratterizzato dal più alto grado di pericolo in termini di trasformazione in un tumore maligno.

Questo spiega fondamentalmente la rilevanza della diagnosi differenziale e la scelta corretta delle tattiche di trattamento.

Polipo adenomatoso - che cos'è

Dal punto di vista dei meccanismi di sviluppo e del decorso clinico, i polipi sono talvolta isolati come una malattia indipendente se si sviluppano sullo sfondo dell'endometrio atrofico o secretorio, o sono considerati una patologia concomitante in combinazione con mioma, disturbi ovarici disfunzionali e / o endometriosi interna dell'utero (adenomiosi).

I polipi endometriali sono esofitici, cioè non ghiandolari, ma verso l'esterno, nella cavità d'organo, formazioni ghiandolari. All'inizio della loro crescita, di solito hanno una base ampia, quindi si trasformano in uno stelo nel quale passa la nave. La loro forma è rotonda o ovale.

Le formazioni polifere possono essere singole e multiple, avere una superficie liscia (spesso) o nodulare. Il loro colore è diverso - dal rosa al rosso intenso (con infiammazione) o variegato con una sfumatura grigiastra nella violazione dell'afflusso di sangue e il verificarsi di emorragie, focolai di necrosi e ulcerazioni.

A seconda del tessuto e della struttura cellulare, la prevalenza di tessuti di un tipo particolare, possono essere prevalentemente ghiandolari, fibrosi, ghiandolari-fibrosi e adenomatosi.

Formazioni adenomatose sono localizzate principalmente nel fondo e negli angoli dell'utero, più vicino alla bocca delle tube di Falloppio. Hanno, di regola, piccole dimensioni - da 5 a 10 mm, meno spesso - fino a 30 mm. Durante l'isteroscopia, questi tumori hanno l'aspetto di opache formazioni grigiastre friabili sul peduncolo con una superficie talvolta irregolare o irregolare, tuttavia, sono spesso visivamente quasi non diversi da altri tipi di polipi. In questo caso, possono essere distinti solo dall'esame istologico.

Nei polipi fibrosi, ad esempio, la componente ghiandolare è rappresentata da singole ghiandole, l'epitelio di cui non funziona in termini di secrezione di muco. Le ghiandole possono essere assenti del tutto. Lo stroma, rappresentato da tessuto connettivo fibroso, contiene pochi vasi con pareti sclerotiche ispessite disposte a forma di glomeruli alla base della gamba. Nelle formazioni ghiandolari del tipo proliferativo dell'epitelio, le ghiandole predominano sopra lo stroma, hanno lunghezze differenti e sono angolate l'una all'altra, ecc.

Altro sul polipo adenomatoso endometriale

Il polipo adenomatous è piuttosto raro, di regola - tra donne dopo di 40 anni. Si sviluppa da focolai alterati patologicamente dello strato basale della mucosa uterina. A differenza di altre formazioni simili, viene indicato come patologia precancerosa. Insieme ad alcuni dei suddetti cambiamenti, peculiari delle neoplasie ghiandolari e fibrose, le strutture morfologiche specifiche sono caratteristiche delle formazioni adenomatose.

La loro caratteristica è la presenza obbligatoria di una gamba, che consiste in strati di fibre muscolari fibrose e lisce, così come vasi sanguigni a pareti spesse localizzati in modo non uniforme o / e sotto forma di grovigli. I vasi mostrano segni di stasi (arresto del flusso sanguigno) e trombosi. La lesione adenomatosa nel tumore può essere localizzata sotto forma di un focus limitato o diffuso.

Una caratteristica è l'abbondanza di ghiandole non molto dilatate, ma densamente localizzate. La maggior parte di essi ha una forma bizzarra e convoluta e numerosi rami a forma di dito nella direzione dello stroma. Si adattano così strettamente insieme che i tessuti stromali sono ammassati in luoghi e persino invisibili al microscopio. Le aree visibili dello stroma sono gonfie, contengono linfociti e fibroblasti. In alcune ghiandole estese ci sono escrescenze sotto forma di papille, dirette verso il lume. Nello studio istologico delle sezioni di tessuto, questo modello è determinato dal termine specifico "ferro nel ferro".

L'epitelio cilindrico delle ghiandole è multi-fila (in 2-4 file), si notano segni del suo polimorfismo. Nel caso di gravità significativa del processo è determinata dalla regolazione strutturale. L'epitelio ghiandolare ha un alto grado di attività mitotica (divisione), compresa la proliferazione patologica e intensiva (proliferazione). L'area del citoplasma cellulare e dei nuclei è aumentata. Il primo contiene una grande quantità di RNA (acido ribonucleico), in nuclei pallidi con un'area aumentata - un'alta concentrazione di DNA (acido desossiribonucleico). I grandi nucleoli sono anche chiaramente visibili e uniformemente o, con significative atipie, cellule di cromatina e cromatina localizzate in modo irregolare.

Così, la natura atipica delle cellule dell'epitelio ghiandolare è espressa nella loro anaplasia, cioè diventano "più giovani" e meno differenziati, rispetto all'originale. Inoltre, l'atipia delle cellule cilindriche delle ghiandole può manifestarsi nella loro acantosi, quando il modello di crescita e verso l'esterno diventano simili all'epitelio squamoso stratificato. Il loro funzionamento cessa di dipendere dall'influenza degli ormoni sessuali. E maggiore è la gravità dell'anaplasia, maggiore è la tendenza delle cellule atipiche alla crescita autonoma (indipendente) incontrollata con una maggiore tendenza alla proliferazione.

Compatibilità di patologia e gravidanza

Ci sono varie teorie sugli effetti dei polipi adenomatosi endometriali sulla gravidanza: sulla possibilità di migrazione degli spermatozoi e processi di fecondazione, l'impianto di un ovulo fecondato e il periodo di gestazione.

Vi sono suggerimenti sul semplice effetto distruttivo meccanico dei polipi, sulla riduzione del grado di ricettività della mucosa uterina a seguito di un aumento dell'attività delle citochine, sul cambiamento delle proprietà delle proteine ​​di membrana coinvolte nell'adesione (adesione) delle superfici cellulari, ecc.

La questione del primato dei processi non è stata sufficientemente chiarita: se i polipi si sviluppino nelle donne con infertilità o se l'infertilità sia una conseguenza di nuove crescite. Ma finora la teoria più convincente sembra riguardare un ostacolo meccanico all'incontro e alla fusione di una cellula uovo con uno spermatozoo, soprattutto con dimensioni significative (più di 10 mm di lunghezza) di formazioni adenomatose situate nel fondo e vicino alla bocca delle tube di Falloppio. Inoltre, anche se si sono verificati fecondazione e impianto, questi tumori possono causare anormali ondate di contrazioni del rivestimento uterino, che possono portare a aborti.

Sintomi della malattia

Le frecce indicano polipi nell'utero

Circa l'11-15% delle donne in età fertile con questa malattia e il 40% delle donne nel periodo postmenopausale, le manifestazioni cliniche possono essere assenti, specialmente con piccole dimensioni di polipi.

Le manifestazioni principali non sono specifiche. Questi includono:

  1. Sanguinamento uterino, che supera il tasso di sanguinamento mestruale nella durata e nel volume del sangue (menometroragii). Possono essere singoli o ricorrenti.
  2. Emorragia aciclica e da contatto.
  3. Infertilità.
  4. Anemizzazione e peggioramento del benessere generale sotto forma di debolezza e malessere con emorragie pesanti o ripetute.
  5. Tirando, dolore dolorante nell'addome inferiore. Con dimensioni significative del polipo, possono acquisire un carattere di crampo pronunciato.
  6. Possono esserci delle secrezioni biancastre (più bianche) con lo sviluppo di processi necrotici, distopici e infiammatori nel polipo.

Nelle donne in postmenopausa, i sintomi clinici sono spesso assenti.

Trattamento del polipo adenomatoso endometriale

Il trattamento per le donne in età fertile è quello di rimuovere la formazione sotto il controllo dell'isteroscopia. Se la massa poliforme è piccola (inferiore a 10 mm), viene rimossa dallo strato basale, dopodiché viene eseguito il curettage diagnostico. A dimensioni maggiori del tumore, la polipectomia viene eseguita utilizzando il metodo di "svitamento" seguito da elettrocoagulazione (cauterizzazione) del letto.

In tutti i casi, la neoplasia è soggetta ad esame istologico. L'operazione più efficace di questo tipo è l'isteroresectoscopia elettrochirurgica.

Il trattamento, dopo la rimozione del polipo, consiste nel condurre una terapia antinfiammatoria con l'uso di agenti antibatterici e antibiotici, tenendo conto dei risultati del materiale di piantagione sulla sensibilità della microflora a questi. Sono anche prescritti farmaci antivirali e immunomodulatori. Tale trattamento viene effettuato al fine di completare l'eliminazione dal tratto genitale della flora batterica e dei patogeni infettivi, malattie trasmesse sessualmente. Inoltre, la terapia ormonale e il trattamento di malattie concomitanti vengono eseguite in presenza di disturbi appropriati.

Quando confermato dall'esame istologico della presenza di alterazioni adenomatose, i pazienti in età riproduttiva devono essere sottoposti ad un esame ginecologo ed esame ogni sei mesi per 5 anni.

La chirurgia è necessaria per il polipo adenomatoso dell'endometrio?

A seconda della gravità delle alterazioni precancerose, alcuni autori distinguono i polipi adenomatosi con:

  • semplice forma di cambiamento di contrasto;
  • forme pronunciate complesse.

Il polipo adenomatoso dell'endometrio con un tumore maligno ad adenocarcinoma (un tumore maligno da strutture epiteliali ghiandolari) si sviluppa in forme semplici senza trattamento, in media nell'8%, e nel caso di forme pronunciate - nel 29%.

Il rischio di una trasformazione maligna aumenta in presenza di concomitanti processi infiammatori cronici nell'utero e nelle appendici, disturbi ormonali e metabolici - sindrome dell'ovaio policistico, tumori che producono estrogeni, diabete, obesità, disfunzione epatica, ipertensione, ecc.

Pertanto, la rimozione dell'utero nel polipo adenomatoso endometriale (amputazione supravaginale dell'utero) viene effettuata nei casi di recidiva della formazione sullo sfondo di processi atrofici nell'endometrio, la presenza di focolai concomitanti di adenomatosi o altri cambiamenti patologici nella mucosa uterina. Se la malattia viene rilevata nelle donne durante il periodo di premenopausa o quando i cambiamenti patologici nella cervice lo accompagnano, l'utero viene estirpato (rimozione del corpo dell'utero insieme alla cervice) e più spesso con appendici.

Il trattamento chirurgico radicale può impedire la trasformazione in una delle forme di adenocarcinoma e delle sue metastasi.

Come identificare e prescrivere tempestivamente il trattamento corretto per un polipo adenomatoso nell'utero?

Polipi nell'utero - uno dei tipi più comuni di patologie ginecologiche. Esistono molti tipi di formazioni con sintomi diversi. Il polipo adenomatoso dell'endometrio differisce da altri tipi di formazioni benigne in quanto ha una tendenza alla malignità e, di conseguenza, vi sono alti rischi di una degenerazione di un nodo in un tumore maligno.

È estremamente importante diagnosticare la malattia nel tempo e scegliere un programma di trattamento individuale efficace. La mancanza di una terapia competente minaccia la funzione della fertilità, così come la salute e la vita della donna.

Lo sviluppo e i sintomi della malattia

I polipi adenomatosi sono una forma di proliferazione iperplastica delle cellule endometriali. La loro caratteristica distintiva è la capacità di crescere nella cavità uterina. Inizialmente, la formazione ha una base ampia, quindi - una gamba sottile, penetrata da vasi e ghiandole.

Nel 30-40% dei casi, la patologia si verifica nelle donne dopo 40 anni e solo il 10-15% soffre in età più giovane. Ciò che provoca lo sviluppo della patologia non è completamente stabilito. I fattori possono essere diversi, le cause più comuni sono la distruzione ormonale, l'ecologia, le cattive abitudini, la genetica. Per molto tempo, la malattia stessa non si manifesta, il che complica la diagnosi nelle prime fasi. La sintomatologia non è specifica. Le principali manifestazioni di violazioni nel corpo femminile sono:

  • sanguinamento uterino;
  • scarico intenso con un odore sgradevole;
  • dolore fastidioso nell'addome;
  • debolezza e malessere;
  • difficoltà di concepimento.

I polipi adenomatosi sono caratterizzati da piccole dimensioni, i nodi più spesso diagnosticati con un diametro di 5-15 mm, le crescite che raggiungono i 30 mm sono raramente riscontrate.

Forme e stadi della patologia

I polipi adenomatosi che si sviluppano nell'utero attraversano quattro fasi di sviluppo. Sulle prime cellule patologiche penetrano negli strati di tessuto intermedi, sul secondo - infettano il miometrio, sul terzo - più della metà dello strato miometrico è danneggiato, sul quarto - la formazione penetra nella cavità. La velocità di sviluppo della patologia è diversa, il che crea ulteriori difficoltà nel predire il processo di guarigione.

La malattia può manifestarsi in una delle seguenti forme:

  • Diffuse. In questa forma, l'intera mucosa è uniformemente influenzata dalle cellule patologiche.
  • Focal. In questo caso, le mucose sono contrassegnate separatamente aree colpite (lesioni).
  • Nodale. Questo polipo ha la forma di un nodo sulla gamba. È formato solo all'interno dell'utero. Nella cavità dell'educazione, il sangue mestruale può accumularsi.

Da quale forma viene diagnosticato il polipo adenomatoso, dipende da ulteriori trattamenti farmacologici e dalla scelta del metodo chirurgico. Vale la pena notare che i cambiamenti nei tessuti dell'utero possono essere di due tipi. Esistono semplici forme pronunciate non espresse e complesse. Il processo oncologico si sviluppa più spesso da entità appartenenti alla seconda categoria.

Diagnosi e trattamento dei polipi adenomatosi

Nella maggior parte dei casi, è possibile diagnosticare accidentalmente il polipo adenomatoso dell'endometrio durante un'ispezione di routine o quando si tratta di altri disturbi. Per fare una diagnosi accurata, il medico raccoglie l'anamnesi, prescrive una direzione per un esame del sangue, fa uno striscio ed esegue un esame ecografico con un sensore transvaginale. L'isteroscopia è riconosciuta come il metodo diagnostico più efficace ed efficiente, quando un dispositivo ottico viene inserito nell'utero attraverso la vagina e l'immagine viene visualizzata sullo schermo del monitor.

Il trattamento dei polipi uterini comporta un approccio integrato. Inizialmente, la formazione viene rimossa, dopo la rimozione prescritta terapia farmacologica. L'operazione viene eseguita utilizzando un isteroscopio. La soluzione più efficace è considerata polipectomia. Come risultato dell'operazione, il nodulo viene svitato e la mucosa danneggiata viene cauterizzata. Nei casi complicati, il curettage dell'utero e, a volte, viene eseguita la rimozione completa.

Il materiale estratto deve essere inviato per esame istologico. La terapia riparativa dopo che il polipo dell'utero è stato rimosso include i seguenti farmaci:

  • antibiotici;
  • immunomodulatori;
  • antivirali;
  • anti-infiammatori;
  • antispastici;
  • agenti ormonali;
  • vitamine e minerali.

Consigliato anche dieta, riduzione dello stress, sonno e riposo adeguati, esercizio moderato. Dopo la procedura per 1-2 mesi ha raccomandato il riposo sessuale. Quindi la donna dovrebbe regolarmente (semestralmente) visitare il ginecologo per un controllo di routine. La consulenza sistematica ridurrà al minimo il rischio di ricorrenza della patologia.

Commenti e recensioni

Per comprendere meglio cos'è il polipo adenomatoso e quanto sia efficace il trattamento della patologia, è necessario studiare le risposte delle donne che hanno già affrontato la malattia e superarla.

Alina

Ho 39 anni. Un polipo adenomatoso è stato diagnosticato un anno fa. La dimensione del nodo era abbastanza grande - 5 cm. Il medico decise immediatamente di rimuovere. In primo luogo, ho superato i test necessari, è stato esaminato. Questo è stato seguito da isteroscopia elettrocoagulante. L'intera procedura richiedeva non più di 30-40 minuti, non c'era dolore particolare. Poi ho bevuto pillole per tre mesi, prima anti-infiammatori e antibiotici, poi ormoni e un complesso vitaminico. All'esame dopo sei mesi, non sono state trovate tracce di educazione.

Natalia

Mia madre, 49 anni, è stata diagnosticata diversi mesi fa. Il dottore ha detto che dal momento che non ha intenzione di partorire, è meglio effettuare una rimozione completa dell'utero, perché ciò eliminerebbe il rischio di sviluppare il cancro. Ma la rimozione di un organo così importante comporterà grandi cambiamenti nella sua salute. Ci pensammo tutti e decidemmo su un'operazione isteroscopica convenzionale. Il polipo rimosso fu inviato per istologia, risultò essere benigno. Ora lei sta bevendo medicine, finora, non ci siamo rammaricati del metodo di operazione scelto. Puoi rimuovere l'utero in qualsiasi momento, ma perché tali soluzioni radicali, se esiste una via d'uscita più sicura e più semplice?

incognito

Per me, il trattamento del grasso polipo adenomatoso è una vera sfida. A 41 anni, sono stato rimosso raschiando. Poi ha seguito un lungo periodo di recupero e l'istituzione di livelli ormonali. Due anni dopo, il nodo apparve di nuovo. Questa volta sono andato per l'isteroscopia. La stessa procedura non è piacevole, ma la riabilitazione è stata molto più veloce. Ora ho 45 anni, il centro delle cellule adenomatose è di nuovo trovato. Il medico si offre di rimuovere l'intero utero, poiché ho la tendenza a formare questi sigilli. Conduco con la decisione, perché è un passo troppo radicale. Forse qualcuno consiglierà come fare meglio?

Polipi adenomatosi nell'utero: perché questa patologia merita un'attenzione speciale?

Tempo di lettura: min.

I polipi dell'organo riproduttivo femminile (utero) hanno una classificazione numerosa. Oltre alla classificazione riguardante la posizione di questi processi iperplastici nell'utero, esiste anche una divisione istologica. È basato sulla struttura del polipo stesso. I polipi fibro-ghiandolari fibrosi sono condizioni patologiche che si formano sullo sfondo dei processi disormoni del corpo femminile e non comportano alcuna minaccia in termini di atipia o rischi elevati che potrebbero minacciare la vita di una donna.

Tuttavia, questa sfumatura non può essere detta sui polipi adenomatosi, che possono verificarsi anche nella cavità uterina. I polipi presentano un rischio piuttosto elevato in relazione alla degenerazione in neoplasie maligne. Ecco perché è necessario fare molta attenzione ai processi iperplastici dell'organo riproduttivo femminile e non ritardare il trattamento di questa condizione.

Poiché i risultati di ultrasuoni, isteroscopia o risonanza magnetica, è impossibile sapere quale tipo di tessuto è questa formazione.

Solo uno studio istologico aiuterà a determinare il tipo di tessuto che è organizzato in un polipo. Visivamente, si può solo assumere quando si esegue l'isteroscopia sulla presenza di un polipo adenomatoso da alcuni segni esterni. Le sue dimensioni generalmente non superano i 10 mm, ma in rari casi possono raggiungere i 3 centimetri. Esternamente, questa formazione ha un colore grigio opaco con una superficie collinosa ruvida, sciolta e talvolta pronunciata.

La linea di demarcazione tra crescita benigna e maligna è del tutto cancellata. Un grande polipo adenomatoso con lo sviluppo del processo patologico ha alcuni segni di atipia può essere considerata una condizione precancerosa. Tuttavia, inosservati dal paziente e dal medico, la formazione precancerosa può degenerare in una crescita maligna, il cosiddetto adenocarcinoma, il cancro dell'endometrio.

Il substrato per lo sviluppo del polipo adenomatoso sono gli elementi danneggiati dello strato basale della mucosa dell'utero (endometrio).

Le sfumature istologiche della struttura di un polipo adenomatoso non possono essere confuse con neoplasie fibrose o ghiandolari della mucosa uterina.

Sintomi: a cosa puoi prestare attenzione per non perdere uno stato così minaccioso?

Sfortunatamente, non esiste un quadro clinico patognomonico dei processi iperplastici adenomatosi. È necessario monitorare da vicino il ciclo ovarico-mestruale e il corpo nel suo insieme al fine di avere una base per riferirsi a un ginecologo.

Questo è esattamente ciò che dovrebbe fare anche la consulenza alle donne. Portare al flusso di informazioni di massa, che consentirebbe di dirigere il rappresentante del gentil sesso all'idea di eventuali problemi nel corpo.

Quali sintomi possono portare una donna all'idea di un polipo nell'utero?

Parlare di problemi nella sfera riproduttiva femminile, che può essere causata da polipi uterini, può includere i seguenti sintomi:

    La presenza di sanguinamento mestruale eccessivamente pesante, che differiscono da quelli dei precedenti cicli mestruali ovarici. Questo sintomo è abbastanza facile da identificare, poiché la donna inizia a spendere un numero nettamente maggiore di assorbenti o assorbenti. Di prima. È questa caratteristica che può aiutare una donna a identificare i polipi uterini.

Tuttavia, l'intero problema è che la società moderna nel nostro paese, nonostante abbia accesso a una grande quantità di informazioni, non presta abbastanza attenzione a tali problemi, considerandoli insignificanti fallimenti. Associano tali manifestazioni a qualsiasi cosa (con superlavoro, stress nervoso, "acclimatazione"), ma non possono credere nel fatto che ciò possa essere dovuto a reali problemi di salute.

  • La molteplicità del sanguinamento dei dati potrebbe non corrispondere alle mestruazioni. Cioè, questo tipo di scarica può essere osservato a metà del ciclo. Tale quadro clinico è spesso dato da tali cause iperplastiche.
  • E 'abbondante e frequente la perdita di sangue può portare a anemizzazione del paziente, cioè la comparsa di anemia, una diminuzione del livello di emoglobina nel sangue. E, di conseguenza, questa condizione darà sintomi di debolezza generale, affaticamento in vari gradi della sua manifestazione, una sensazione di mancanza d'aria. Affaticamento da sforzi fisici minori.
  • Una caratteristica di tali formazioni della membrana mucosa dell'organo riproduttivo è la presenza di sanguinamento / emorragia da contatto. Che cos'è e come può una donna normale identificare un tale segno?

    Dopo il rapporto sessuale, il gentil sesso osserva un caratteristico scarico sanguinante / sanguigno dal tratto genitale. Che non sono legati alla desquamazione dell'epitelio uterino, cioè "mensile".

    Questo sintomo non dovrebbe essere ignorato, in quanto può indicare non solo i processi iperplastici dell'utero, ma anche la patologia oncologica della cervice.

    Certamente, tutte queste manifestazioni cliniche hanno in aggiunta a molti polipi endometriali e endocervix molte ragioni, tuttavia, ognuna di esse dovrebbe essere una ragione per il trattamento immediato da parte del medico.

    Lo specialista ti assegnerà il volume necessario di esami, che ti consentirà di ottenere una risposta a un sondaggio sulla causa di tali sintomi. E queste azioni danno la possibilità di una diagnosi precoce del processo patologico e, di conseguenza, per l'eccezione della malignità dei polipi adenomatosi.

    Il tempo è il fattore principale con cui puoi vincere nella lotta contro la morte.

    Che cos'è il polipo adenomatoso endometriale e che tipo di trattamento ha bisogno una donna dopo averlo rimosso

    Ogni giorno nelle istituzioni mediche i medici rivelano varie neoplasie patologiche. Alcuni sono facilmente rimossi durante procedure chirurgiche minimamente invasive, altri richiedono un approccio più serio. Il polipo adenomatoso è un tipo di neoplasma all'interno dell'utero, che ha la tendenza a degenerare in tessuto maligno. Pertanto, un esame adeguato e una selezione accurata dei metodi terapeutici sono importanti.

    Descrizione e caratteristiche

    I polipi adenomatosi possono essere una malattia indipendente. A volte si sviluppa la patologia insieme a mioma, disfunzione ovarica e adenomiosi.

    I polipi hanno una struttura ghiandolare. Non germogliano nella parete dell'organo riproduttivo, ma nella sua cavità. La base della neoplasia adenomatosa è ingrandita, mentre cresce si restringe, formando uno stelo. Al centro c'è un vaso sanguigno, che è la principale fonte di nutrimento.

    Forme di formazioni adenomatose spesso arrotondate o ovali. Può essere singolo o multiplo. Le dimensioni dipendono da quanto tempo sono presenti nell'utero.

    La superficie è spesso liscia e lucente. I polipi si differenziano per colore. A seconda della presenza di infiammazione e del grado di afflusso di sangue, la formazione può essere leggermente rosa o addirittura bordeaux.

    Il sito principale di localizzazione dei polipi adenomatosi è il fondo dell'utero, gli angoli dell'organo, la bocca delle tube di Falloppio. Le loro dimensioni vanno da 5 a 30 mm. A volte è possibile determinare con precisione il tipo di neoplasia solo dopo un esame istologico.

    Questa malattia è più spesso diagnosticata tra le donne anziane, soprattutto dopo 40 anni. I rischi di malignità in tali tumori sono molto più elevati rispetto ad altri tipi di polipi. Questo è il motivo per cui sono spesso considerati una condizione precancerosa.

    Il pericolo di tali cellule è legato al fatto che gradualmente diventano più giovani dei tessuti circostanti. I polipi non sono più controllati dagli ormoni sessuali e presto iniziano a crescere indiscriminatamente.

    Formazioni adenomatose di questa natura possono svilupparsi non solo sui genitali femminili. Spesso il fenomeno si trova sulle mucose dell'apparato digerente.

    cause di

    I polipi adenomatosi non sono congeniti, sebbene sia geneticamente possibile ereditare la propensione a tale disturbo. Uno studio su persone con questa diagnosi ha permesso di stabilire un legame tra ereditarietà e insorgenza di patologia. Coloro che hanno dovuto rimuovere il tumore, in famiglia hanno già avuto casi di malattia. Più la donna è anziana, maggiore è il rischio.

    I principali fattori per lo sviluppo della malattia includono i seguenti fattori:

    • precedenti infezioni durante la pubertà;
    • disturbi mestruali;
    • la menopausa;
    • squilibrio ormonale;
    • mastopatia con menopausa;
    • curettage dell'utero;
    • troppo a lungo indossando il dispositivo intrauterino per la contraccezione.

    I fattori di rischio per lo sviluppo di polipi adenomatosi singoli o multipli sono i seguenti:

    • trauma alla mucosa dell'organo riproduttivo a causa di una procedura diagnostica o chirurgica, aborto o aborto;
    • disturbo neuro-ormonale;
    • patologie del sistema endocrino;
    • mancanza di vitamine nel corpo;
    • bassa protezione immunitaria;
    • precedentemente trasferite malattie oncologiche del sistema riproduttivo;
    • diabete mellito;
    • in sovrappeso;
    • costante stress emotivo.

    Le neoplasie tendono a degenerare in tumori maligni. È interessante notare che gli scienziati sono stati in grado di identificare il gene responsabile della propensione umana a formare polipi. Ecco perché la patologia può essere trovata in diversi membri della famiglia allo stesso tempo.

    Sintomi della malattia

    Le formazioni adenomatose non sempre portano alla comparsa di sintomi, motivo per cui le donne non effettuano il trattamento nelle prime fasi. Finché sono di piccole dimensioni, non ci sono disagi. Nella fase della menopausa, le manifestazioni cliniche si fanno sentire anche meno frequentemente.

    La poliposi non ha sintomi specifici. Una donna può cancellare tutti i segni di caratteristiche individuali, stanchezza o insufficienza ormonale. Si può sospettare la crescita di polipi all'interno dell'utero, se si presta attenzione ai seguenti segni:

    • sanguinamento intermestruale di eziologia sconosciuta;
    • l'aspetto del sangue dopo il rapporto sessuale o l'esame ginecologico;
    • dolore addominale di diversa natura;
    • sanguinamento mensile pesante;
    • sintomi di anemia;
    • infertilità.

    Se una donna rimane incinta, rimane il rischio di aborto spontaneo. Questo è particolarmente vero quando il polipo è grande. In questo caso, mette sotto pressione il feto, che può causare il rifiuto.

    Se la formazione adenomatosa si è formata nel sistema digestivo, la donna sentirà dolore, soffrirà di stitichezza. La poliposi dell'intestino crasso richiede un trattamento immediato, poiché la rinascita può verificarsi anche più rapidamente sotto l'influenza di un ambiente aggressivo all'interno di questo organo.

    Tipi di polipi adenomatosi

    Sebbene le masse polifere nell'utero o all'interno dell'intestino siano tumori benigni, il rischio della loro trasformazione in un tumore maligno è alto. Il processo patologico all'interno dei tessuti dell'organo riproduttivo può portare a un cambiamento nella struttura delle cellule e alla loro ulteriore crescita incontrollata. Questo è il motivo per cui il rischio di cancro è così alto.

    Esistono diversi tipi di tumori adenomatosi di questo tipo:

    • adenomi tubulari;
    • villoso tubolare;
    • villi.

    Vale la pena considerare ogni tipo di formazioni separatamente.

    Adenomi tubulari

    L'educazione adenomatosa dell'utero di questo tipo è anche chiamata ghiandolare. La neoplasia consiste di plessi multipli dei processi della struttura ghiandolare. Questa forma di patologia viene diagnosticata più spesso tra le donne.

    Adenomi villosi tubulari

    Formazioni sul colon o sul tessuto endometriale dell'utero sono costituiti da due tipi di cellule:

    Questo può influenzare la dimensione dei polipi. Sebbene la patologia di questa specie sia diagnosticata di rado, le neoplasie possono raggiungere i 3 cm di diametro.

    Adenomi villosi

    Tale polipo all'interno del tratto intestinale è caratterizzato dalla completa assenza di una gamba o dalle sue piccole dimensioni. Durante l'esame può essere distinto da una struttura speciale. In apparenza, la superficie della formazione assomiglia a infiorescenze di cavolfiore.

    Se il tumore è localizzato sul retto, si sviluppano complicanze. Una persona avverte dolore durante la defecazione e possibile sanguinamento.

    Compatibilità con la gravidanza

    La maggior parte delle donne desidera sperimentare la gioia della maternità. Quando viene formulata una tale diagnosi, sorge l'ansia riguardo alla possibilità di una gravidanza, in che modo la malattia della madre influirà sul feto e sul processo di gestazione.

    I timori degli operatori sanitari per quanto riguarda il tipo di polipi adenomatosi e la gravidanza sono associati ai seguenti fattori:

    • la possibilità dello sperma di muoversi all'interno del tratto genitale femminile per incontrare l'uovo;
    • il processo di fertilizzazione senza impedimenti;
    • gestazione del periodo di sicurezza.

    Non sono state fatte abbastanza ricerche su come le donne sono in gravidanza con un polipo adenomatoso. Questa neoplasia può occupare una vasta area dell'utero, motivo per cui il feto in crescita non ha spazio sufficiente per il normale posizionamento. Nel processo di aumentare le dimensioni del bambino può occupare la posizione sbagliata. Tutto ciò può provocare un aborto.

    Se è stata eseguita un'operazione per rimuovere una massa poliposa, la capacità dell'utero di allungarsi può essere temporaneamente compromessa, il che causa anche complicazioni durante la gravidanza. A volte ci vuole tempo per recuperare. È importante considerare la natura dello sviluppo della malattia, il periodo tra l'intervento e la pianificazione della gravidanza.

    Non ci sono dati esatti su cui la malattia sia primaria: infertilità o poliposi. Più probabile è il presupposto che la grande dimensione delle formazioni impedisce l'incontro di sperma e uova. Anche se si è verificato il concepimento, il polipo può causare contrazioni uterine e causare aborto spontaneo.

    Se la patologia è stata trattata nel sistema digestivo, potrebbe non influire direttamente sulla gravidanza. Tuttavia, sullo sfondo degli interventi chirurgici nel retto o in altre parti dell'intestino, viene spesso condotta una terapia antibatterica che può imporre restrizioni al trasporto.

    Le questioni relative al trattamento e alla pianificazione futura della gravidanza devono necessariamente essere discusse con il medico. Questo è l'unico modo per evitare complicazioni ed effetti avversi.

    Trattamento di patologia

    Le donne che, dopo aver eliminato le crescite patologiche, progettano di avere figli, vengono curate dalla resezione delle lesioni sotto il controllo di un isteroscopio. Piccole formazioni vengono tagliate al livello basale dei tessuti, dopo di che viene eseguito il curettage.

    La biopsia dei polipi endometriali di solito non viene eseguita. Il materiale è sottoposto ad esame istologico dopo la rimozione. Se la formazione di una grande dimensione, sono svitati, e la base è cauterizzata usando un elettrocoagulatore.

    Poiché le crescite patologiche sono inclini alla rinascita, i metodi chirurgici sono sempre utilizzati per preservare il corpo dell'istruzione. Questo è l'unico modo per diagnosticare il cancro nella fase iniziale.

    Dopo la rimozione dei polipi, viene effettuato un trattamento medico. Tale terapia è necessaria per ripristinare il corpo della donna e prevenire una ricaduta. Si usano farmaci antibatterici e antinfiammatori.

    Quando si sceglie un metodo di trattamento, vengono prese in considerazione la localizzazione dei polipi e la gravità della patologia. Il rischio di un processo di malignità può influire sulla presenza di malattie infettive e infiammatorie concomitanti dei tessuti dell'utero e delle ovaie.

    Se la neoplasia è cresciuta di nuovo dopo la rimozione del polipo, il medico può suggerire un intervento cardinale per rimuovere completamente l'utero. Tali operazioni sono eseguite dalle donne più spesso durante la menopausa. Negli anni più giovani, vengono utilizzati metodi più benigni, tuttavia, scegliendo tra preservare la funzione riproduttiva e la vita, il medico si fermerà al secondo.

    A volte solo un intervento chirurgico esteso può impedire che un polipo degeneri in cancro e metastasi tumorali in altri organi. Non ci sono situazioni di pattern. In ogni caso è necessaria una diagnosi completa.

    Se una donna è attenta alla sua salute, è più probabile che noterà violazioni nelle fasi iniziali della malattia. Un trattamento adeguato proteggerà dalle gravi conseguenze e dal cancro.

    Il pericolo di polipi adenomatosi nell'utero

    La maggior parte dei polipi uterini sono iperplasia della sua membrana interna, che, a causa dei loro sintomi, non differiscono molto l'uno dall'altro. Tuttavia, ci sono delle eccezioni: un polipo adenomatoso endometriale è una massa benigna che, a differenza di altre specie, ha un grado significativo di modifica di una massa cancerosa.

    A causa di ciò, è aumentata la popolarità della diagnosi differenziale in combinazione con il corretto metodo di trattamento.

    Cos'è?

    Queste neoplasie endometriali sono considerate esofitiche, il che significa che non crescono nel corpo, ma esteriormente, cioè nella cavità uterina. La fase iniziale dello sviluppo di una neoplasia implica la presenza di un'ampia base, che viene successivamente formata nello stelo, e vi è una nave in essa. Per lo più configurazione ovale o rotonda.

    Hanno una struttura tessutale o cellulare, che determina effettivamente quale tipo di tessuto domina e saranno:

    Il polipo prevalentemente adenomatoso ha dimensioni insignificanti - 5-10 mm, molto meno raggiunge 30 mm. Nella maggior parte dei casi, è localizzato nell'utero, più vicino alle tube di Falloppio.

    In pratica, i ginecologi osservavano quando i polipi adenomatosi non erano su gambe sottili, ma su una base ampia. I rischi della trasformazione maligna dipendono direttamente dalla dimensione del polipo. Se la formazione di rischi di 1,5 cm si verifica nel 2% dei casi, se la dimensione di 2,5 cm nel 2-10%. E anche, se le dimensioni sono più di 5 cm con un'alta probabilità del 10%.

    Si verifica abbastanza raramente, le donne sopra i 40 anni sono a rischio. Formata nel processo di cambiamenti patologici nello strato basale dell'endometrio dell'utero, è una condizione precancerosa.

    Ci sono molte ragioni per il verificarsi di un polipo adenoma, probabilmente il principale di essi è comunque l'atteggiamento negligente nei confronti dei loro organi della sfera sessuale e dell'organismo nel suo insieme.

    Le cause dello sviluppo possono essere:

    • livelli ormonali;
    • come risultato di interventi chirurgici, come l'aborto, il curettage;
    • aborto spontaneo;
    • malfunzionamento della tiroide;
    • malattie infiammatorie del sistema riproduttivo, nonché la presenza di malattie veneree;
    • disfunzione immunitaria;
    • genetica e anche ereditarietà.

    Con adenomatosi nel 50% dei casi, la malattia viene trasmessa da genitori o parenti stretti, quindi le nuove generazioni dovrebbero essere più attente e attente alla loro salute. I polipi non devono necessariamente essere nell'utero, possono essere ovunque.

    Compatibilità con la gravidanza

    Ci sono varie teorie su come un polipo adenomatoso influisce sul concepimento e sulla gravidanza:

    • sulla probabilità del movimento dello sperma e sul meccanismo della fecondazione dell'uovo;
    • sul processo di introduzione di un uovo fecondato e periodo gestazionale.

    Nel mondo scientifico moderno, si asseriscono ipotesi sui banali effetti distruttivi meccanici dei polipi uterini, come pure una diminuzione del livello di recettività dello strato interno dell'utero dovuto all'eccessiva attività delle citochine, ecc.

    diagnostica

    Prima di tutto, uno specialista conduce un sondaggio del paziente al fine di accertare la natura e l'intensità dei reclami. Quindi il medico prescrive un numero di esami necessari e specifici per rendere più chiaro il quadro clinico.

    La diagnosi della malattia consiste in una serie di studi standard:

    • prima prendi un esame emocromocitometrico completo e poi la biochimica;
    • esaminare il sangue per gli ormoni in esso contenuti;
    • esame da parte di un ginecologo e strisci
    • esame ecografico

    Dopo aver raccolto tutti i test e le indagini assegnate, viene effettuata una diagnosi accurata.

    In presenza di altre malattie degli organi genitali, se necessario, prescrivere una biopsia.

    Oggi, il metodo più veloce per vedere la malattia è l'isteroscopia. Con questa procedura è possibile vedere la presenza di modifiche e le dimensioni.

    sintomi

    I polipi adenomatosi nell'utero, specialmente quelli che non hanno grandi dimensioni, non danno manifestazioni cliniche nell'11-15% delle donne in età fertile e nel 40% delle donne nelle donne in postmenopausa.

    I sintomi di un polipo adenomatoso endometriale non hanno un carattere specifico. Questi includono:

    • Sanguinamento vaginale che non è correlato alle mestruazioni.
    • Bleedings aciclici, così come il contatto.
    • La presenza di tirare, così come la natura impulsiva del dolore nel basso addome, che può aumentare l'intensità dopo il rapporto sessuale.
    • Anemizzazione o deterioramento della salute in generale durante le mestruazioni eccessivamente pesanti.
    • Infertilità o problemi con il concepimento.

    Inoltre, se c'è un grande polipo, c'è una minaccia di non portare il bambino fino alla fine del termine, dal momento che il polipo occupa molto spazio nell'utero.

    trattamento

    Il principale metodo di trattamento del polipo adenomatoso endometriale è la chirurgia, cioè la chirurgia o il curettage (spazzolatura) mediante l'isteroscopia.

    Dipende tutto dalla dimensione del polipo, se è inferiore a 10 mm, quindi verrà rimosso nello strato basale e quindi sarà raschiato. Con dimensioni significative della formazione polipare, si esegue la polipectomia, cioè svitando con ulteriore cauterizzazione della sua posizione mediante corrente o azoto liquido.

    Quindi esame istologico di condotta obbligatoria.

    Dopo la rimozione del polipo, l'ulteriore trattamento viene effettuato utilizzando farmaci anti-infiammatori, antibatterici e antibiotici sulla base dei risultati della sensibilità della microflora. È necessaria una terapia antivirale e immunomodulatoria. La terapia ormonale viene effettuata anche in combinazione con il trattamento di altre malattie. E la chemioterapia viene spesso eseguita, poiché il rischio di sviluppare il cancro è alto.

    Se ci sono risultati istologici positivi per la presenza di cambiamenti adenomatosi, le donne in età fertile devono essere esaminate ogni sei mesi per cinque anni.

    In presenza di un polipo adenomatoso in pazienti in pre o postmenopausa, il medico può prescrivere una rimozione completa dell'utero. Se c'è disfunzione nel lavoro della ghiandola tiroidea, dal momento che la probabilità di cancro, anche le appendici vengono rimosse.

    La chirurgia è necessaria?

    Dipende dalla gravità della modificazione precancerosa, alcuni medici polipi adenomatosi condividono:

    • semplici modifiche al modulo di contrasto;
    • forma pronunciata complessa.

    Un polipo adenomatoso endometriale si forma in un tumore maligno con una semplice forma di contrasto senza trattamento in circa l'8% dei casi e con una forma complessa nel 29%.

    Il rischio di modifiche maligne aumenta con le malattie croniche esistenti:

    • infiammazione dell'utero e appendici;
    • sindrome dell'ovaio policistico;
    • estrogeno che produce tumore;
    • diabete mellito;
    • l'obesità;
    • disfunzione epatica;
    • ipertensione, ecc.

    Devo operare? Non c'è una risposta inequivocabile a questa domanda, perché tutto è individuale. Tuttavia, il trattamento con la chirurgia può impedire la trasformazione di un polipo da una forma all'altra, e in particolare le sue metastasi.

    Recensioni

    La poliposi adenomatosa endometriale porta molta preoccupazione a una donna e porta anche una minaccia alla sua vita. È necessario sottoporsi periodicamente a un esame di routine da un ginecologo e un esame ecografico. Secondo i pazienti, è stato proprio durante l'ispezione di routine e in base ai risultati dell'ecografia che il medico ha rilevato la malattia.

    Secondo le donne, l'isteroscopia viene trasferita abbastanza facilmente. Grazie a questa procedura, alcuni sono diventati madri.

    Io e mio marito abbiamo deciso di avere un secondo figlio, dato che ho già 33 anni. Uzi ha rivelato un polipo uterino. Rimosso la sua isteroscopia. L'operazione è andata senza complicazioni e presto diventerò madre.

    Ora ho 57 anni. La prima volta che ho avuto un polipo è stato trovato nell'utero, quando avevo 20 anni. Raschiatura era praticata in quel momento. Dopo qualche tempo, un secondo, terzo e poi un quarto apparvero in altri punti dell'utero. Raschiato circa una volta ogni due anni, fino a quando non hai diagnosticato la poliposi multipla con la minaccia di degenerazione in cancro. A 43 anni, ho rimosso il mio utero.

    Cinque anni fa, è stato scoperto un polipo, il medico ha deciso di rimuoverlo con un laser. Da allora, una volta in 6-7 mesi vengo per una visita, perché ho molta paura delle ricadute.

    La poliposi adenomatosa endometriale porta molta preoccupazione a una donna e porta anche una minaccia alla sua vita. È necessario sottoporsi periodicamente a un esame di routine da un ginecologo e un esame ecografico.

    Prenditi cura della tua salute e presta la dovuta attenzione alla prevenzione, perché con essa puoi evitare le ricadute.

    Cos'è il polipo adenomatoso endometriale: caratteristiche dello sviluppo e 3 metodi di trattamento chirurgico

    Il polipo adenomatoso endometriale nella pratica clinica indica lo stadio della trasformazione precancerosa delle mucose dell'utero. Il tipo adenomatoso praticamente non differisce nell'aspetto e nella forma strutturale da altri tipi di poliposi endometriale, tuttavia, è l'iperplasia adenomatosa dell'endometrio che presenta alti rischi per la malignità e la degenerazione delle cellule cancerose.

    Polipi adenomatosi nell'utero - la natura della patologia e dei tipi

    La neoplasia adenomatosa è una malattia benigna con un alto rischio di malignità. Ciò è dovuto al decorso del processo patologico all'interno dei tessuti dell'utero, alla tendenza alla diffusione di cambiamenti iperplastici sull'intera superficie dell'endometrio.

    L'adenomatosi può verificarsi con la comparsa di tumori locali e multipli.

    In base ai risultati degli studi istologici, il polipo adenomatoso è classificato nei seguenti tipi:

    • Tubulare o ghiandolare, costituito da più trame di processi ghiandolari;
    • Villo, con un pronunciato accorciamento della gamba di un polipo o della sua completa assenza, assomiglia alle infiorescenze di cavolfiore in apparenza;
    • Combinato o misto, caratterizzato da una combinazione di diversi tessuti allo stesso tempo: villoso e ghiandolare.

    L'indice di malignità delle crescite adenomatose villose è del 39%. Dopo la loro rimozione, la tendenza alla recidiva persiste con una probabilità dell'80%. Le cellule tubulari sono meno suscettibili alle trasformazioni delle cellule cancerose.

    Per quantità, le crescite adenomatose sono classificate nei seguenti tipi:

    • diffusa;
    • localizzato o singolo;
    • multiplo o di gruppo.

    È importante! La poliposi singola si verifica nel 35% di tutti i casi clinici, con solo il 20% che si verifica in più casi. Nella poliposi diffusa, il numero di polipi raggiunge un volume impressionante. La propensione alla malignità in questo caso raggiunge l'80%.

    Qual è la differenza tra polipo adenomatoso e polipo adenomatoso?

    Molti pazienti confondono un polipo e un mioma di un utero, e anche li uniscono tra di loro.

    In effetti, è importante differenziare le crescite patologiche con alcuni segni:

    1. La base dei fibromi è l'epitelio ghiandolare e il tessuto muscolare liscio. La base dei polipi include solo lo strato endometriale.
    2. I fibromi crescono nelle profondità delle strutture muscolari e polipi sopra la superficie dell'endometrio e hanno una base, una gamba (nella maggior parte dei casi), un corpo.
    3. Le crescite adenomatose tendono a trasformarsi in forma, volume, tipo (ci sono casi di riassorbimento assoluto di singole crescite). Le strutture miomatiche non vengono eliminate, ma possono diminuire leggermente di dimensioni rispetto allo sfondo delle variazioni legate all'età.
    4. Le dimensioni della crescita adenomatosa di solito raggiungono a malapena i 10 cm, quando i fibromi possono superare i 30 cm.

    In altre parole, l'adenomiosi uterina è una neoplasia benigna ormono-dipendente, che è causata dalla penetrazione dell'endometrio negli strati uterini profondi (sieroso, muscolare).

    I sintomi di entrambe le condizioni sono simili e sono espressi in:

    Fai attenzione! È importante capire che non tutti i fibromi o polipi maligni con il tempo. Il polipo adenomatoso può solo aumentare il rischio di malignità. Di solito, le trasformazioni del cancro si verificano sotto l'influenza di molteplici fattori di diversa natura.

    Processo terapeutico

    Trattamento adeguato del polipo adenomatoso - chirurgia.

    Le aree promettenti nel trattamento delle donne in età riproduttiva sono le seguenti:

    • Metodo di isteroscopia. La combinazione di manipolazioni diagnostiche e terapeutiche consente di ridurre al minimo il trauma delle mucose dell'utero. Adatto per neoplasie di volume minore. Il trattamento necessario dopo l'isteroscopia del polipo è qui.
    • Polipectomia del polipo dell'utero. Implica letteralmente il taglio della crescita patologica con un ciclo di taglio speciale. Il prossimo è il raschiamento delle mucose dai frammenti di polipi.
      Questa è un'operazione chirurgica completa eseguita in anestesia generale. Viene eseguito su polipi grandi o multipli.
    • Rimozione laser. Sotto l'influenza di un potente raggio laser, il polipo collassa. Allo stesso tempo, l'umidità viene evaporato dai tessuti endometriali colpiti, il che riduce i rischi di ricrescita dei tessuti.

    Dopo l'intervento chirurgico, il tessuto patologico viene inviato per l'esame istologico, dove viene determinata la sua struttura e il rischio di trasformazioni oncologiche.

    La chirurgia è necessaria?

    Molti medici affermano la necessità di un trattamento chirurgico della poliposi endometriale.

    La scelta del trattamento radicale dipende dai seguenti fattori:

    • La forma più semplice inespressa di cambiamenti patologici;
    • Forma complicata complicata di neoplasia.

    Per le statistiche: un polipo adenomatoso con una trasformazione maligna dell'adenocarcinoma si verifica con un ciclo semplice senza trattamento chirurgico nel 10%. Quando le forme espresse di malignità si verificano nel 30%.

    I rischi di malignità aumentano significativamente a volte in uno scenario di:

    • storia clinica gravata del paziente;
    • episodi di cancro in parenti stretti;
    • disturbi della funzione delle ghiandole endocrine;
    • persistenti disturbi ormonali.

    È importante! In caso di malignità del polipo adenomatoso o nelle recidive dopo la rimozione, i medici ricorrono alla rimozione dell'utero per impedire la diffusione del processo patologico ad altri organi.

    Le basi della terapia dopo la rimozione

    La chirurgia è solo il primo passo nel trattamento della neoplasia adenomatosa. Dopo la rimozione delle escrescenze patologiche, il paziente inizia una terapia intensiva, che dipende dai risultati dell'esame istologico e da altri criteri.

    I principali gruppi di farmaci sono:

    • Antispastici (Drotaverina, No-shpa) per eliminare i crampi nell'utero ed eliminare la stagnazione;
    • Antibiotici di vari gruppi per la prevenzione dell'infezione secondaria;
    • Farmaci ormonali (contraccettivi orali, estrogeni e gestageni);
    • Complesso vitaminico per migliorare l'immunità.

    Alle donne può essere offerta la spirale di Mirena come contraccettivo terapeutico ea lungo termine.

    La durata della terapia è determinata dalla gravità del processo patologico e dalle caratteristiche del corpo femminile. In media, la terapia dura circa un anno.

    Il polipo adenomatoso è una forma grave di poliposi endometriale, che in molti casi viene trattata con un metodo radicale. La prognosi per la malattia è favorevole con un trattamento tempestivo e una terapia postoperatoria adeguata. In caso di malignità ad adenocarcinoma, la prognosi è dubbia e il tasso medio di sopravvivenza è di soli 5 anni.