Caratteristiche dello sviluppo e trattamento della cirrosi alcolica

L'abuso prolungato di alcol nel tempo porta allo sviluppo della cirrosi. La base di questa patologia è la sconfitta delle cellule del fegato da parte delle tossine alcoliche, che portano ulteriormente alla morte degli epatociti.

Cirrosi alcolica

La cirrosi alcolica o tossica è chiamata esteso danno al tessuto epatico, che si sviluppa con un consumo prolungato di alcool incontrollato. Le normali strutture cellulari dell'organo muoiono e cicatrici e tessuti fibrosi si formano al loro posto. Affinché la fibrosi epatica grave che produce cirrosi inizi a svilupparsi, è necessario l'effetto negativo di diversi fattori. Tali fattori possono essere libagioni alcoliche a lungo termine e regolari, tendenza ereditaria alla malattia, genere femminile, carenza di sostanze vitaminiche e proteiche, abuso di cibi grassi e piccanti, ecc.

patogenesi

In un primo momento, con frequenti assunzioni di alcol, il fegato riesce a produrre enzimi specifici che processano l'etanolo e i suoi prodotti di decomposizione, ma col passare del tempo il corpo è esaurito e le sue pareti diventano ricoperte di grasso. Si sviluppa epatite grassa. Quindi gli epatociti iniziano a morire e non vengono sostituiti da nuove cellule del fegato, ma da strutture di tessuto connettivo. Di conseguenza, il fegato subisce cambiamenti significativi nella sua struttura, portando gradualmente a disfunzione d'organo.

Il meccanismo per lo sviluppo della cirrosi epatica non è complicato.

Durante la lavorazione di alcol si formano radicali che influenzano negativamente il tessuto epatico e causano:

  • Danni alle membrane cellulari;
  • Rottura cellulare;
  • Violazione della struttura vascolare;
  • Si sviluppano spasmi vascolari;
  • Si verifica ipossia epatica;
  • La morte delle strutture epatocitarie è aggravata;
  • Di conseguenza, il fegato perde gradualmente la sua funzionalità.

I cambiamenti di cui sopra sono irreversibili, portando alla disabilità di pazienti con successiva morte.
L'effetto dell'alcol sul fegato:

Forme e stadi

La cirrosi epatica è divisa in forme miste, di grandi nodi e di piccoli nodi. Nella cirrosi a piccoli nodi o micronodulare, nei tessuti si formano piccoli noduli praticamente identici con un diametro inferiore a 3 mm, e nella cirrosi di grandi dimensioni o macronodulare, le dimensioni dei noduli possono raggiungere anche 5 cm ei nodi differiscono notevolmente per dimensioni.

Classificare la cirrosi e in accordo con i disturbi funzionali:

  • Compensato - la malattia in questa fase non si manifesta clinicamente, perché il fegato è pienamente in grado di far fronte ai suoi compiti. Solo una biopsia può raccontare la presenza di un processo patologico;
  • Subcompensata - la cirrosi in questa fase inizia a manifestare insufficienza epatica ed è facilmente confermata negli studi diagnostici;
  • La cirrosi scompensata è caratterizzata da disfunzione d'organo, il fegato semplicemente fallisce, le lesioni alcoliche colpiscono l'intero corpo. Per salvare il paziente in questa fase può solo il trapianto di fegato.

La foto mostra un fegato sano e fegato con cirrosi.

Segni e sintomi

All'inizio, la malattia derivante dall'assunzione costante di alcool si sviluppa inosservata. Fino al momento dei primi segni di cirrosi, possono essere necessari 5 anni o più, anche se durante questo periodo il normale parenchima sarà sostituito da strutture fibrose.

Le prime manifestazioni del processo cirrotico sono di solito:

  • Sintomi di carattere astenico quali diminuzione delle prestazioni, mancanza di umore e appetito, sonnolenza e debolezza della salute, ecc.;
  • La perdita di peso;
  • Pressione inferiore inferiore non superiore a 100 mm. Hg. v.;
  • Arrossamento eritematoso della pelle sui palmi e sui piedi;
  • L'aspetto sulla superficie del corpo di stelle da piccole navi.

In un primo momento, il viso diventa rosso a causa dell'ampia espansione della rete capillare, ma con il tempo la pelle acquisisce una tinta itterica sulla superficie di tutto il corpo, anche in bocca e sullo sciatore degli occhi appare il giallo. Delle manifestazioni esterne può essere chiamata l'apparizione sulle unghie di molte leuconichesche (strisce biancastre), e le estremità delle dita diventano simili alle bacchette.

Occhi di un paziente con cirrosi epatica

I pazienti con cirrosi sono spesso disturbati da disturbi digestivi come gonfiore e meteorismo, nausea o vomito, rumori nello stomaco. Nella vena porta, la pressione spesso aumenta, causando l'accumulo di liquido nel peritoneo o lo sviluppo di splenomegalia (un aumento delle dimensioni della milza). Spesso questi pazienti hanno un aumento delle vene negli arti.

I pazienti segnalano manifestazioni come:

  • Atrofia muscolare;
  • Mancanza di respiro e tosse;
  • Lesioni cardiovascolari e sintomi tachicardici, temperatura subfebrilare (37-38 ° C).

Altrimenti, la patologia raggiunge lo stadio di encefalopatia epatica, in cui si verifica un danno tossico alle cellule cerebrali, il lavoro delle strutture intraorganiche viene disturbato e i tessuti dei nervi sono danneggiati. A volte il carcinoma epatocellulare può formarsi nel fegato, che è un tumore maligno.

diagnostica

La diagnosi e il successivo trattamento della cirrosi è un gastroenterologo o un chirurgo. In genere, i processi diagnostici non richiedono molto tempo e non causano complessità. Il paziente prende il sangue per la ricerca di laboratorio generale e biochimica, inoltre viene eseguita un'analisi delle feci e delle urine.

Per quanto riguarda la diagnostica strumentale, sono considerati i metodi più altamente informativi:

  • Esame ecografico della cavità addominale, che consente di determinare la struttura del parenchima epatico, la dimensione dell'organo, la presenza di processi fibrosi e la dimensione della milza;
  • L'imaging a risonanza magnetica e computata fornisce un quadro completo della struttura del fegato e degli organi che lo circondano;
  • ERCP o colangiopancreatografia retrograda endoscopica. La procedura mostra lo stato dei tratti all'interno del fegato, determina la presenza di restringimenti o formazioni di stenosi;
  • Studio elastografico - la tecnica appartiene alla categoria degli ultrasuoni e aiuta a determinare il grado di processi fibrotici;
  • Biopsia epatica - comporta l'assunzione percutanea del biomateriale e la sua successiva ricerca.

Schema per la biopsia epatica

Come trattare

La principale condizione per il trattamento della cirrosi cronica è la completa eliminazione delle bevande alcoliche, il reintegro di carenze di minerali, vitamine e proteine. Se ci sono indicazioni narcisistiche, il paziente deve sottoporsi a riabilitazione sociale per i pazienti alcol-dipendenti. Inoltre, mostrato cibo dietetico sulle raccomandazioni della tabella numero 5.

In generale, il trattamento della cirrosi epatica si basa su metodi conservativi che comportano la somministrazione di farmaci. Sono necessari farmaci epatoprotettivi che supportano le cellule sane che rimangono nel fegato. Essentiale, Allohol, Phosphogliv, LIV-52 e altri sono particolarmente comuni.

Inoltre, mostra la ricezione di aiuti vitaminici che aiutano a mantenere la normale attività organica. Inoltre, gli esperti raccomandano l'assunzione di farmaci a base di acido ursodesossicolico come Ursodez, Ursosan, Ursochol, ecc. Questi farmaci prevengono la morte delle cellule epatiche.

I mezzi sono anche prescritti per prevenire la fibrosi, così come i farmaci glucocorticoidi che eliminano i processi infiammatori che proteggono contro la formazione di cicatrici.

L'importanza viene anche data alla dieta del paziente, che implica il rifiuto del cibo preparato dal fumo o dalla frittura, dal decapaggio o dall'asciugatura. Sono proibiti anche cibi taglienti e grassi. Bere un giorno dovrebbe essere di circa un litro e mezzo di acqua, e l'apporto calorico giornaliero non dovrebbe superare le 2800 kcal. La dieta quotidiana è divisa in cinque dosi, fibre grosse e carne può essere consumata in una forma squallida. Inoltre, sono vietati i brodi a base di pesce, funghi o carne, salsicce e cibi in scatola, fagioli ecc.

Previsioni e complicazioni

Infine, è impossibile curare la cirrosi, anche se il paziente sarà in grado di liberarsi definitivamente della patologia durante il trapianto di fegato. Ma un tale trattamento vale importi esorbitanti, è caratterizzato da una maggiore complessità dal lato tecnico del problema, quindi, questa opzione di trattamento è disponibile solo per le unità.

Se la cirrosi è stata identificata nella fase iniziale di sviluppo e il processo di trattamento è stato applicato correttamente e professionalmente per combatterlo, allora il paziente ha tutte le possibilità di fermare i devastanti cambiamenti nel parenchima epatico e di ritardare le probabili complicanze. Gli agenti epatoprotettivi esistenti che svolgono solo funzioni protettive non possono ripristinare le strutture cellulari già perse.

Quanti vivono con l'ultima tappa? Con la cirrosi scompensata - circa tre anni, e la terapia prescritta svolge la funzione di alleviare le condizioni del paziente, piuttosto che curarla.

Nel video sul trattamento e la prognosi della cirrosi alcolica del fegato:

Fasi della cirrosi alcolica

Il dolore sotto le costole a destra, di regola, è allarmante, perché questa è la prima notizia dello sviluppo dell'epatite.

Malattia cronica con rottura completa del fegato alla fine si sviluppa in cirrosi. I primi a rischio sono gli uomini sopra i 45 anni.

Nella maggior parte dei casi, otto su dieci, la malattia è causata da:

  • dipendenza da alcol;
  • epatite virale.

La cirrosi epatica può comparire sullo sfondo di qualsiasi forma di epatite cronica:

L'epatite C più pericolosa, che è riconosciuta solo dai risultati di appropriati test di laboratorio. In questo - l'inganno e l'imprevedibilità della malattia.

La malattia procede lentamente e per il paziente quasi quasi notabile. Gli esperti classificano la cirrosi alcolica del fegato in tre fasi.

  1. Durante il periodo di primo grado nella fase di compensazione, non tutte le cellule epatiche sono danneggiate e funzionano nella modalità "uno per due". Il corpo è ancora in grado di resistere, quindi il paziente non è consapevole dello stato attuale della sua salute - il processo infiammatorio iniziale, seguito da cambiamenti nel tessuto epatico.
    Le cellule malate vengono gradualmente sostituite dal tessuto connettivo. Le cellule che rimangono "vive" tendono a compensare le perdite e iniziano ad aumentare il numero di quelle sane. Ma, sfortunatamente, il compenso per le cellule perse procede più lentamente rispetto al tessuto connettivo. Da questo periodo inizia l'insufficienza epatica.
  2. Nella seconda fase, le subcompensazioni, i segni della malattia che seguono quelli primari diventano più evidenti:
    • diminuzione dell'appetito e del peso;
    • calo delle prestazioni;
    • insieme a sensazioni dolorose, letargia e debolezza generale appaiono nello stomaco;
    • il paziente soffre di nausea e vomito permanenti;
    • l'eruttazione è sempre più preoccupante e l'amarezza appare in bocca.

Tutto ciò testimonia gravi problemi nell'esecuzione del fegato delle sue funzioni.

Durante una visita medica, il paziente ha un aumento del fegato e della sua densità. La conferma della diagnosi sono alcuni segni esterni:

  • arrossamento caratteristico delle palme;
  • significativa espansione del capillare cutaneo.

Inoltre, per molto tempo, la febbre continua a crescere e diminuisce il desiderio sessuale.

  • L'ultimo stadio della cirrosi è scompenso. Durante questo periodo, i segni di insufficienza epatica con una serie di altre deviazioni dalla norma appaiono sempre più chiaramente:
    • aumento della pressione interna nel fegato;
    • ittero;
    • probabilità di coma epatico.

    Questo periodo è complicato:

    • ascite;
    • encefalopatia epatica;
    • sanguinamento interno.
  • Il trattamento della cirrosi è ridotto ad una cosa - per preservare la funzione del fegato, al fine di mantenere l'attività vitale di altri organi a un livello compensato.

    Naturalmente, prima viene formulata una diagnosi, maggiori sono le probabilità che un paziente possa vivere.

    Cirrosi alcolica del fegato ultima fase

    Sintomi e principi di trattamento della cirrosi alcolica

    Per il trattamento del fegato, i nostri lettori hanno usato con successo il Leviron Duo. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
    Leggi di più qui...

    La cirrosi alcolica è una patologia comune del parenchima epatico, dovuta all'uso di alcool per 10 anni o più. La cirrosi è la sostituzione graduale del tessuto sano del fegato con elementi del tessuto connettivo, cioè la formazione di tessuto fibroso. Questo processo è accompagnato dalla violazione dell'integrità degli elementi strutturali - lobuli epatici.

    • Cause delle statistiche sullo sviluppo e sulla mortalità
    • Identificazione e diagnosi di patologia
    • Caratteristiche del trattamento

    Cause delle statistiche sullo sviluppo e sulla mortalità

    La cirrosi alcolica si verifica a seguito di molti anni di consumo di alcol. La velocità di sviluppo della patologia è influenzata dalla forza della bevanda consumata, dalla frequenza e dalla quantità di alcol consumato.

    Inoltre, ci sono fattori di rischio, che includono:

    1. Uso quotidiano di alcool puro nella quantità di 40 go più.
    2. Malattia epatica ereditaria.
    3. Dieta irrazionale, soprattutto con bassi livelli di proteine.

    L'etanolo ha un effetto dannoso sul fegato. Le conseguenze del suo impatto includono:

    • rapida morte delle cellule epatiche (epatociti) e rallentamento della loro rigenerazione;
    • ipossia del tessuto epatico;
    • stimolazione della formazione di tessuto cicatriziale;
    • diminuzione della sintesi proteica negli epatociti;
    • gonfiore e ingrossamento del fegato - epatomegalia.

    Esternamente, la cirrosi alcolica inizialmente assomiglia a piccoli noduli al centro del lobulo (forma micronodulare). Queste sono tasche di tessuto morto. Col tempo, crescono dal centro alla periferia dei lobuli.

    In risposta, vengono attivate le cellule del tessuto connettivo, i fibroblasti. Iniziano a proliferare e sintetizzare attivamente fibre di collagene ed elastina, a seguito delle quali le sezioni necrotiche del tessuto epatico vengono prima circondate e quindi sostituite da tessuto cicatriziale o fibroso.

    L'alcol è la causa più comune di cirrosi (77% dei casi di patologia). Questo è direttamente correlato all'aumento delle vendite di alcol. Lo schema seguente illustra la correlazione tra il livello delle vendite di alcol e il numero di casi segnalati di cirrosi alcolica.

    Una caratteristica distintiva della patologia causata dall'alcol è la progressione relativamente lenta. Con la completa cessazione dell'uso di alcol, il paziente può vivere per circa 7-10 anni. In confronto con la cirrosi di natura virale e autoimmune, questo è un tempo abbastanza lungo, tuttavia, la morte precoce è possibile con lo sviluppo di complicanze.

    Il più comune di questi è l'encefalopatia epatica, l'ascite è il secondo e il sanguinamento esofageo è il terzo.

    Il sesso e l'età hanno un effetto definito sulla mortalità. A causa delle peculiarità del metabolismo, il corpo di una donna è più sensibile agli effetti dell'etanolo, quindi la mortalità femminile è più alta di quella degli uomini. Le persone anziane soffrono di cirrosi peggio a causa di una diminuzione delle capacità compensative del corpo.

    Identificazione e diagnosi di patologia

    La cirrosi si sviluppa come l'ultimo stadio della fibrosi epatica, circa 5-6 anni dopo la comparsa di quest'ultimo. I sintomi clinici della cirrosi, compreso l'alcol, sono solitamente combinati in diverse sindromi epatiche.

    La sindrome di Asthenic si manifesta:

    • rapido affaticamento;
    • debolezza generale;
    • scarso appetito;
    • ridotta capacità lavorativa.

    I sintomi della sindrome da ipertensione portale (aumento della pressione nelle vene del fegato) sono:

    • edema addominale - ascite;
    • un aumento delle dimensioni della milza - splenomegalia;
    • dilatazione anormale dei vasi venosi dell'esofago e del retto;
    • "La testa di una medusa" sullo stomaco - gonfiore delle vene vicino all'ombelico.

    I sintomi minori di insufficienza epatica sono:

    • "Vene del ragno";
    • eritema palmare - pelle rossa sui palmi;
    • un aumento delle ghiandole salivari vicino alle orecchie è un sintomo di un criceto;
    • xantoma e xantelasma: formazioni gialle per secoli;
    • giallo della pelle e della sclera;
    • leuconichia sulle unghie;
    • "Tamburi" - cambiando la forma delle dita;
    • "Guarda gli occhiali": la deformazione delle unghie;
    • negli uomini, sintomi di femminilizzazione (ingrossamento delle ghiandole mammarie, obesità femminile, atrofia testicolare).

    La sindrome dispeptica è caratterizzata dalla comparsa di:

    • nausea;
    • vomito;
    • flatulenza;
    • brontolio nello stomaco;
    • dolore vicino all'ombelico.

    Manifestazioni della sindrome da intossicazione da alcool:

    • danno sistemico ai nervi periferici, il cui risultato è una violazione della sensibilità;
    • atrofia muscolare - riduzione del volume delle fibre muscolari;
    • mancanza di respiro - difficoltà di respirazione.

    Inoltre, la cirrosi alcolica si manifesta con una diminuzione della pressione arteriosa (ADS inferiore a 100 mm Hg), la gamma globulinemia, un coefficiente de Ritis inferiore a 1.

    A seconda della dimensione delle lesioni, emettere:

    1. Cirrosi alcolica a piccolo nodo - punti focali di fibrosi di piccole dimensioni.
    2. Grandi - grandi aree di danno al parenchima.
    3. Misto: ci sono nodi di dimensioni diverse.

    La progressione della malattia avviene in tre fasi:

    1. Cirrosi alcolica compensata o rimborsata. In questa fase, la patologia non si manifesta, tuttavia, le riorganizzazioni strutturali compaiono nel fegato.
    2. Cirrosi subcompensata o non completamente rimborsata. Appaiono i primi sintomi clinici: sanguinamento delle gengive, gonfiore della pelle e sclera, debolezza generale, telangiectasia.
    3. Cirrosi scompensata o irreversibile. In questa fase si sviluppa l'insufficienza epatica (sintesi proteica, bile, neutralizzazione di veleni e sostanze cancerogene, ecc.). Di conseguenza, le manifestazioni di patologia diventano sistemiche. Ascite osservata, varici esofagee delle vene, polineuropatia e altri sintomi sopra elencati.

    La cirrosi alcolica da stadio diagnostico è determinata dai seguenti indicatori:

    1. Il contenuto nel sangue della bilirubina - un prodotto della scomposizione dell'emoglobina.
    2. Indice di protrombina che caratterizza la presenza di fattori di coagulazione, che sono sintetizzati dal fegato.
    3. Livelli ematici di albumina - le principali proteine ​​del siero di latte.
    4. Rilevazione dell'addome e dell'ascite.

    A seconda degli indicatori sopra elencati, si distinguono 3 classi di cirrosi di Child-Pugh.

    Caratteristiche del trattamento

    La cirrosi alcolica è una patologia che richiede un trattamento complesso. Il primo passo è fermare l'assunzione di alcol nel corpo.

    La fase successiva sono le raccomandazioni sulla nutrizione. Al paziente viene assegnata una tabella dietetica numero 5, che prevede:

    1. 5-6 pasti al giorno secondo un programma rigoroso.
    2. Il divieto di tutti i grassi, affumicati, fritti, speziati e contenenti fibre.
    3. La restrizione nel contenuto dieta di sale a 3 grammi al giorno.
    4. Aumento del livello giornaliero di proteine ​​negli alimenti: 1,5 grammi per chilogrammo di peso del paziente.
    5. La presenza nella dieta di alimenti ricchi di macro base e micronutrienti, vitamine.

    Il trattamento conservativo della cirrosi alcolica include:

    1. Gli epatoprotettori a base di cardo sono preparati speciali per proteggere le cellule del fegato dagli effetti nocivi. Sono i più efficaci nel loro gruppo farmacologico.
    2. Ademethionine e suoi derivati. Il farmaco ha proprietà epatoprotettive, stimola la rigenerazione degli epatociti, lega alcune tossine.
    3. Droga UDCH (acido ursodesossicolico). Sono componenti naturali della bile.
    4. Vitamine idrosolubili del gruppo B e vitamine liposolubili A, C, E. Può essere usato con la patologia accompagnatoria del tratto gastrointestinale, a seguito del quale il loro assorbimento è compromesso.
    5. Analoghi sintetici degli ormoni surrenali (Prednisolone, desametasone). Interferire con la crescita del tessuto connettivo, cioè, inibire la progressione della cirrosi.
    6. Inibitori degli enzimi di conversione dell'angiotensina (Captopril, Enalapril). Per azione simile ai glucocorticoidi.
    7. Inibitori della proteasi. Essi inibiscono la disgregazione proteica nei tessuti bloccando gli enzimi proteolitici.

    Se possibile, negli stadi finali della cirrosi, quando la terapia conservativa non produce risultati, viene eseguito un trattamento chirurgico. Implica il trapianto di una parte del fegato, preferibilmente da un parente stretto. In questo caso, nella storia del donatore non dovrebbe essere la prova di alcol negli ultimi sei mesi.

    Se ci sono complicazioni (ascite, encefalopatia epatica, peritonite, insufficienza renale, ecc.), Dovrebbero essere trattate tempestivamente, poiché queste patologie possono ridurre significativamente la durata della vita del paziente.

    Quindi, per esempio, con l'encefalopatia epatica, la vita del paziente è ridotta a 1 anno. La cirrosi alcolica è una grave patologia di un organo vitale. Sebbene la cirrosi sia una malattia cronica, non bisogna trascurare la diagnosi e il trattamento precoci. Questo aiuterà a fermare i sintomi spiacevoli della cirrosi e prevenire lo sviluppo di complicanze.

    Cirrosi alcolica (ADC) o "cirrosi alcolica" - sintomi, trattamento e prognosi

    L'alcolismo è un problema sociale e medico globale. Secondo le statistiche, più spesso gli uomini sono malati. Tuttavia, c'è una tendenza ad aumentare il numero di donne e giovani che abusano di alcol.

    L'effetto dell'alcool sul corpo

    Con l'abuso regolare e a lungo termine di alcol, si sviluppano lesioni di quasi tutti gli organi e sistemi. Allo stesso tempo, il fegato soffre soprattutto, poiché prende il "colpo" principale su se stesso, perché è lì che si verifica l'ossidazione e l'elaborazione di alcol in componenti sicuri per l'organismo. Quando la funzione di elaborazione del fegato è compromessa, si sviluppa una malattia epatica alcolica, che attraversa tre fasi. Lo stadio terminale (ultimo) è la cirrosi epatica alcolica (ADC) o "cirrosi alcolica".

    Quando si sviluppa la cirrosi alcolica?

    Una misura del consumo di alcol è la quantità di etanolo o alcool etilico consumato in una bevanda. Calcolare il suo contenuto in una bevanda alcolica può essere secondo la formula: vol. % x 0,8 = la quantità di alcol etilico in grammi per 100 ml di bevanda. Dove circa % o% vol. - percentuale in volume (gradi) di alcol (inglese -% vol.), solitamente indicato sulla bottiglia con una bevanda contenente alcol.

    Secondo le statistiche, la cirrosi alcolica si sviluppa nel 10-20% delle persone (secondo alcune fonti - in un terzo), che abusano regolarmente di alcol.

    L'uso di una dose di etanolo di 80 ml o più al giorno per 10-15 anni da parte di un maschio adulto porta a cambiamenti irreversibili nel fegato e allo sviluppo della cirrosi. E per le donne, questo numero è ancora più basso - da 40 ml al giorno. Queste cifre sono approssimative, poiché molti fattori influenzano il meccanismo dello sviluppo di ADC.

    Sintomi di ADC

    I segni clinici della cirrosi alcolica possono essere variati: dall'assenza di sintomi (decorso latente) a manifestazioni pronunciate.
    Non ci sono sintomi specifici di ADC. Solo l'anamnesi caratteristica e altre manifestazioni di alcolismo cronico indicano una connessione tra danno epatico e alcol.

    Manifestazioni esterne di alcolismo cronico

    Nella maggior parte dei casi, le persone che abusano di alcool nascondono la loro dipendenza. Tuttavia, ci sono diversi segni che consentono di sospettare una dolorosa dipendenza dall'alcool.

    Produce un viso alcolico, questo è particolarmente pronunciato nelle donne. La pelle del viso sembra flaccida e cascante di borse bluastre sotto gli occhi. Rossore facciale caratteristico (rosacea) è un classico segno di un alcolizzato.

    Ci sono lividi, vasi dilatati. Gonfiore sul viso e sul tronco indica una disfunzione renale.
    Le ghiandole salivari parotidee sono ingrossate (sintomo di criceto).
    Come conseguenza di una violazione dell'innervazione delle mani, si sviluppa uno spasmo tendineo. Le spazzole acquisiscono un aspetto distintivo con le dita contorte (contrattura di Dupuytren).
    C'è un tremore delle mani - tremore, andatura instabile e altri problemi di coordinazione dei movimenti.

    Segni iniziali dell'ADC

    I primi sintomi della cirrosi alcolica sono di solito manifestazioni dispeptiche:

    • Eruttazione dell'aria;
    • Diminuzione dell'appetito, fino all'anoressia;
    • Nausea, specialmente al mattino;
    • flatulenza;
    • Disturbi delle feci - diarrea;
    • Il peso nel giusto ipocondrio.

    La gravità di questi sintomi è dovuta alla presenza di lesioni alcoliche allo stomaco (gastrite) e al pancreas (pancreatite), che sono costanti compagni di alcolisti.
    A volte insieme a questi sintomi, c'è un aumento della temperatura corporea.

    Anche i segni spesso rivelati di sindrome vegetativa asteno: affaticamento, debolezza, affaticamento, riduzione delle prestazioni, mal di testa, ecc.

    In questa fase della malattia si rivelò un fegato ingrossato e denso ea volte - e la milza. Inoltre, ci sono cambiamenti caratteristici nei parametri biochimici del sangue.
    Con la progressione della malattia compaiono segni di scompenso epatico e si sviluppano complicazioni dell'ADC.

    Segni di decompensazione dell'ADC

    Con l'inizio dello scompenso - anomalie della funzionalità epatica, si intensificano le manifestazioni di sindromi dispeptiche e astenovegetative.
    L'ittero è uno dei principali sintomi della cirrosi epatica. Il suo aspetto è associato a una violazione della partecipazione degli epatociti (cellule epatiche) nel metabolismo della bilirubina. Manifestata da una colorazione itterica della pelle e delle mucose, prurito della pelle. L'ittero è più pronunciato sul corpo e la sclera, gli arti sono macchiati più deboli. A causa di una violazione del metabolismo della bilirubina, l'urina si scurisce e le feci, al contrario, diventano leggere.

    Il meccanismo di sviluppo dell'ittero può essere diverso con l'ADC. Molto spesso l'ittero ha un tipo parenchimale, che è associato ad un effetto dannoso diretto dell'alcool sugli epatociti. Tuttavia, quando si unisce, per esempio, la pancreatite, l'ittero può anche avere un tipo meccanico (colestatico). Queste differenze nel meccanismo di formazione sono particolarmente evidenti nel determinare la frazione di bilirubina nel sangue e in altri studi biochimici.
    Tuttavia, con lo sviluppo di insufficienza epatica profonda, i sintomi di ittero di solito scompaiono.

    Compaiono manifestazioni cutanee di cirrosi:

    • Teleangiectasia ("stelle" vascolari), che sono localizzate sulla fronte, sulla nuca, sulle spalle, sulla pelle del petto.
    • I palmi delle mani e le piante dei piedi acquisiscono un caratteristico colore rosso - palmare o eritema plantare.
    • La lingua e le labbra a volte assumono un colore rosso o cremisi brillante, hanno un aspetto "laccato".
    • Emorragie multiple (lividi, "lividi") di varie forme e dimensioni appaiono senza apparente motivo.
    • Leuconichia: la comparsa di macchie bianche sulle unghie, che possono essere di dimensioni diverse. A volte c'è una leuconichia totale: la colorazione completa dell'unghia è bianca, si verifica più spesso con l'ADC e indica la gravità del processo. Ci sono altre lesioni delle unghie.
    • I capelli cadono Caratterizzato dall'assenza o dal forte assottigliamento dei capelli sotto le ascelle e il pube e negli uomini - nell'area dei baffi e della barba.
    • "La testa della medusa" - una specifica espansione delle vene sulla parete addominale anteriore con la comparsa di ascite.

    Come conseguenza di una violazione della funzione emostatica del fegato, la tendenza al sanguinamento e alla formazione di lividi è caratteristica.

    I disturbi si verificano nel sistema endocrino. Questo è più pronunciato nella sfera sessuale. Negli uomini, aumentando il contenuto di estrogeni (ormone sessuale femminile), la funzione erettile è compromessa fino a scomparire (impotenza). Fenomeni di femminilizzazione (un uomo acquisisce alcuni segni esterni di una donna): caratteristico deposito di grasso sulle cosce e sull'addome in combinazione con arti sottili, un aumento delle ghiandole mammarie, scarsa crescita dei peli sotto le ascelle e nella regione pubica. Nelle donne, il ciclo mestruale è disturbato. Sia le donne che gli uomini sviluppano l'infertilità.

    La maggior parte dei pazienti sviluppa disturbi del metabolismo dei carboidrati, che alla fine porta alla comparsa del diabete.

    Per il trattamento del fegato, i nostri lettori hanno usato con successo il Leviron Duo. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
    Leggi di più qui...

    Le violazioni del sistema nervoso sono piuttosto diverse e manifestano i sintomi della sindrome vegetativa asteno. Il sonno notturno è aggravato da periodi di sonnolenza durante il giorno, si verificano disturbi della memoria. C'è sudorazione, tremore (tremito) delle mani, violazioni della sensibilità della pelle (parestesia).

    Spesso c'è un aumento della frequenza cardiaca (tachicardia) e un aumento della pressione sanguigna a causa dell'alcol. Va notato che in altri tipi di cirrosi, la pressione sanguigna di solito diminuisce.
    Ci sono sintomi di complicazioni dell'ADC.

    Complicazioni ADC

    La cirrosi alcolica del fegato è più pericolosa per le sue complicanze.

    Il più frequente di questi è lo sviluppo di ipertensione portale - un aumento della pressione sanguigna nel portale, o portale, sistema venoso. I principali segni di ipertensione portale sono:

    • Milza ingrossata - splenomegalia.
    • Vene varicose dell'esofago e del retto, da cui spesso si sviluppano emorragie potenzialmente letali.
    • L'aspetto del liquido nella cavità addominale - ascite. La gravità dell'ascite è diversa.
    • L'aspetto del sintomo della medusa di testa sulla pelle della parete anteriore dell'addome.
    • Gonfiore.

    La complicazione più formidabile e prognosticamente sfavorevole dell'ADC è l'insufficienza epatocellulare (encefalopatia epatica). Lo sviluppo del suo ultimo stadio - il coma, di solito porta alla morte.

    Va notato che con ADC, le manifestazioni di ipertensione portale sono più pronunciate rispetto ad altri tipi di cirrosi. E la diagnosi precoce di insufficienza epatica è alquanto difficile a causa dei numerosi disturbi neurologici riscontrati durante l'alcolismo.
    Come con altri tipi di cirrosi, sono possibili disfunzioni di altri organi e sistemi, così come lo sviluppo di un carcinoma epatico primario - carcinoma epatocellulare.

    Diagnostica ADC

    Nella diagnosi è importante prendere in considerazione i dati di anamnesi, il rapporto della malattia con la quantità e la durata dell'alcol consumato.
    Come già notato, la cirrosi alcolica non ha specifiche manifestazioni esterne o di laboratorio.

    Stanza di laboratorio

    Nel sangue periferico viene diagnosticata una diminuzione del numero di leucociti, eritrociti (anemia) e piastrine. Tuttavia, quando si attacca un'infezione batterica, che non è rara nella cirrosi, i leucociti saranno elevati.

    Uno studio biochimico ha mostrato un forte aumento dell'attività delle transaminasi epatiche - alanina aminotransferasi (ALT) e aspartato aminotransferasi (AST) e altri. Tuttavia, nella fase terminale della cirrosi, l'attività di questi enzimi rientra nell'intervallo normale o leggermente aumentato.

    I livelli di bilirubina sono elevati. L'intensità del colore itterico di solito determina la quantità di bilirubina nel sangue. L'aumento della concentrazione delle singole frazioni di bilirubina dipende dal tipo di ittero. Nel tipo epatico (parenchimale), la frazione di bilirubina diretta e indiretta è aumentata. E con meccanica (colestatica) - solo diretta.

    Il coagulogramma consente di valutare il sistema di coagulazione del sangue. Nella cirrosi, vi è un aumento del tempo di protrombina e altri cambiamenti che indicano una diminuzione della capacità di coagulazione.

    Violazioni identificate del metabolismo delle proteine ​​e dei grassi. La disproteinemia si nota con un aumento predominante del livello della gamma globulina e una diminuzione dell'albumina. Colesterolo aumentato
    Il livello di immunoglobuline (Ig) delle classi A e G aumenta.

    strumentale

    Dai metodi strumentali di esame, l'ecografia (TC), l'imaging a risonanza magnetica e computerizzata (TC, MRI) sono ampiamente utilizzati. Questi metodi consentono di valutare le dimensioni e la struttura del fegato, la presenza di inclusioni patologiche, ecc.
    Metodi di esame endoscopico - fibroesofagogastroduodenoscopy (FEGDS) e altri sono effettuati per diagnosticare le complicanze di ADC, in particolare, ipertensione portale.

    Contribuire a stabilire la diagnosi corretta, nonché a valutare il grado di danno epatico e l'attività del processo può perforare la biopsia epatica, seguita dallo studio morfologico (istologico) della biopsia.

    trattamento

    Il trattamento della cirrosi alcolica del fegato dovrebbe iniziare, prima di tutto, con la completa cessazione del consumo di alcol. Questa è la condizione principale per il recupero.

    dieta

    Assicurati di seguire una dieta speciale, che ha un aumento di calorie e un aumento del contenuto proteico. Viene applicato anche il principio di una nutrizione delicata, che esclude cibi piccanti, fritti, grassi e grossolani.
    I pasti sono 5-6 volte al giorno. Assicurati di arricchire la dieta con vitamine e oligoelementi.
    Tutti questi criteri corrispondono per lo più alla dieta Pevzner n. 5.

    Trattamento conservativo

    Il trattamento farmacologico mira a mantenere le funzioni compromesse del fegato e a correggere i disturbi di tutti i tipi di metabolismo. Anche effettuato la riabilitazione di droga e sociale di alcolismo. Un narcologo è coinvolto nel trattamento.
    A tal fine, nominato:

    • Epatoprotettori.
    • Preparati di S-Adenosilmetionina.
    • Preparati di acido ursodeoxycholic (UDCA).
    • La terapia vitaminica, in particolare con proprietà antiossidanti: A, C, E, e anche B.
    • Terapia di disintossicazione.
    • Glucocorticoidi.
    • Gli steroidi anabolizzanti sono prescritti come indicato.
    • Trattamento sintomatico - ad esempio, l'uso di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina nell'ipertensione arteriosa, ecc.

    Il trattamento delle complicanze della cirrosi alcolica - anche i sintomi di ipertensione portale, infezione batterica concomitante ed encefalopatia epatica sono in trattamento.

    Trattamento chirurgico

    Nella fase terminale dell'ADC, l'unico metodo di trattamento e prolungamento della vita è il trapianto di fegato (trapianto). Tuttavia, la selezione di tali pazienti presenta alcune difficoltà, la principale delle quali è la frequente ricorrenza di alcolismo dopo il trattamento.

    Pertanto, sono stati selezionati diversi criteri specifici per la selezione dei pazienti con cirrosi alcolica del fegato per il suo trapianto:

    • Completa astinenza dall'alcol per almeno 6 mesi.
    • Gruppo C di Child - Pugh.
    • Stabile situazione socio-economica.
    • Avere un lavoro al quale il paziente tornerà dopo l'intervento.
    • L'assenza di danni alcolici ad altri organi.

    Se necessario, viene eseguito il trattamento chirurgico delle complicanze dell'ADC. Ad esempio, la rimozione della milza (splenectomia) con un aumento pronunciato. Oltre al trattamento chirurgico dei sintomi dell'ipertensione portale - vari tipi di intervento chirurgico di bypass (formazione di un percorso di bypass del flusso sanguigno) al fine di ridurre il carico sul sistema delle vene portale. Con lo sviluppo di sanguinamento da vene varicose dell'esofago o del retto, viene applicata la loro chiusura, legatura, indurimento, ecc.

    prospettiva

    Con l'ADC, la prognosi è molto meglio rispetto ad altri tipi di cirrosi. La domanda principale: il paziente sarà in grado di superare la sua dipendenza dall'alcool? Se sì, allora secondo le statistiche, oltre il 60% dei pazienti supera la soglia di sopravvivenza a cinque anni. In caso di abuso persistente di alcol, meno del 40% vivrà fino a quella data.

    Inoltre, diversi altri fattori influenzano la diminuzione dell'aspettativa di vita con ADC: genere femminile, vecchiaia, combinazione con epatite virale B e C, stadio della malattia e presenza di complicanze.

    Sintomi dell'ultimo stadio di cirrosi negli uomini e nelle donne

    La fibrosi del tessuto epatico dovuta a processi cirrotici nell'organo è un processo irreversibile che interessa sia il lavoro dell'organo che lo stato dell'intero organismo. Di conseguenza, vi è una graduale perdita di funzioni d'organo. Il fegato non affronta la rimozione delle tossine dal corpo, in conseguenza del quale esse entrano nel sangue e interrompono l'attività di altri organi e sistemi.

    L'ultimo stadio della malattia porta spesso alla morte del paziente. La cura completa della malattia è impossibile. Al fine di prevenire la morte completa del fegato, è necessario interrompere i processi degenerativi in ​​una fase precoce. Di norma, l'ultima fase si verifica in assenza di trattamento ed è caratterizzata dalla completa distruzione delle cellule epatiche. In questo articolo vedremo l'ultimo stadio della cirrosi, le sue caratteristiche, oltre a scoprire il grado di pericolo e le previsioni di tale malattia.

    La specificità della malattia

    La distruzione irreversibile delle cellule epatiche (epatociti), così come la sostituzione del parenchima con tessuto fibroso, provoca l'avvelenamento dell'intero organismo, che porta alla morte del paziente. La cirrosi si sviluppa in più fasi, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche. Ci sono 4 fasi della malattia:

    Fase di compensazione. Questo è il primo stadio dello sviluppo della malattia, in cui si verifica il processo infiammatorio, che è accompagnato da necrosi (morte) di epatociti. Il paziente ha sintomi che vengono spesso trascurati a causa della loro non specificità. Ad esempio, il paziente è preoccupato per:

    • debolezza nel corpo;
    • aumento della fatica;
    • apatia;
    • deterioramento della concentrazione e della memoria;
    • perdita di appetito e sonno. Spesso questa condizione è attribuita alla fatica o alla carenza di vitamine e non cerca aiuto. Pertanto, gradualmente questa fase sfocia nel successivo.

    Fasi di sviluppo della cirrosi

    Subcompensato per. In questa fase, il processo infiammatorio porta alla graduale sostituzione del parenchima da parte del tessuto connettivo (fibrosi). Il fegato continua a funzionare normalmente, ma dopo un po 'la lesione fibrosa diventa più estesa. In questo caso, c'è:

    • aumento della temperatura;
    • di giallo;
    • prurito e bruciore nella regione del fegato;
    • sintomi dispeptici (vomito con aggiunta di bile);
    • perdita di peso paziente critica;
    • idropisia. L'urina del paziente diventa scura e le feci sono scolorite. Ciò è dovuto a una violazione del flusso biliare, mentre il segreto non esce con le feci, ma viene trattenuto nelle urine. Alla palpazione, è possibile vedere che il fegato del paziente viene ingrandito e sigillato.

    Stadio del fegato

    Forma scompensata. Questa è una fase difficile in cui il paziente ha complicazioni:

    • coma epatico;
    • patologia polmonare;
    • intossicazione e infezione dei tessuti;
    • lo sviluppo di coaguli di sangue nei vasi sanguigni del fegato;
    • cancri nel fegato. In questo caso, il paziente ha spesso sanguinamento dal naso, dalla bocca o dall'ano. Inoltre, questo stadio è accompagnato da frequenti diarrea, attacchi costanti di vomito, improvvisa perdita di peso, atrofia dei tessuti muscolari e febbre. Un paziente con una tale malattia deve trovarsi in una struttura medica sotto la supervisione di un medico.

    Ultimo, terminale. In questa fase della malattia il paziente può trovarsi in uno stato di coma e molto spesso non lo lascia. Di conseguenza, il paziente muore, in quanto vi è un esteso danno al fegato. Spesso sullo sfondo della morte del fegato si osservano complicazioni:

    • l'anemia;
    • leucopenia;
    • sanguinamento frequente;
    • danno cerebrale (encefalopatia).

    Come cambia il corpo?

    In questa fase, gli epatociti sani non sono più in grado di compensare il tessuto morto. Il fegato è costituito da focolai necrotici e tessuto connettivo (stroma), mentre è ridotto in dimensioni e compattato. Questo processo è irreversibile, è impossibile ripristinare il corpo.

    L'ultimo stadio della cirrosi è accompagnato dai seguenti cambiamenti non specifici dell'attività del corpo:

    Fegato nell'ultima fase della cirrosi

    problemi digestivi (il paziente soffre di diarrea, vomito con mescolanze di bile e sangue, senza appetito);

  • dolore nel peritoneo;
  • cambiamento della personalità sullo sfondo del danno cerebrale;
  • cambiamenti neurologici (per esempio, tremore alle mani, problemi con gli apparati del linguaggio, debolezza muscolare).
  • Nell'ultima fase, l'aspetto del paziente cambia significativamente. La sua pelle e gli occhi diventano itterici, le vene del ragno appaiono sul corpo a causa di trombosi venosa, l'addome è significativamente ingrossato a causa dell'accumulo di liquidi nella cavità addominale e coperto da vene gonfie.

    La cirrosi si verifica e progredisce per vari motivi. Molto spesso, questa malattia si verifica sullo sfondo delle seguenti patologie:

    1. Infezioni virali. La causa più comune è l'epatite virale. Tali malattie sono accompagnate da un processo infiammatorio, che porta alla necrosi delle cellule epatiche.
    2. Abuso di alcol Se una persona consuma sistematicamente grandi dosi di etanolo, che è contenuto nell'alcool, allora dopo 10-15 anni si osserva cirrosi alcolica.
    3. Avvelenamento chimico del fegato. Ad esempio, medicine, metalli pesanti, prodotti chimici.
    4. Eredità. Alcune persone sono soggette ad eccessivo assorbimento di rame e ferro dai prodotti alimentari, che si accumulano nel fegato e avvelenano il corpo.

    Cause di cirrosi

  • Altre infezioni e infezioni parassitarie.
  • Anomalie cardiache che portano alla stasi del sangue, che interrompe il normale flusso sanguigno nel fegato.
  • Malattie autoimmuni Ad esempio, nell'epatite autoimmune, il sistema immunitario percepisce le cellule epatiche come estranee e inizia a distruggerle. Questo provoca la distruzione del fegato.
  • Anomalie congenite che interferiscono con il normale funzionamento del fegato e il flusso della bile.
  • A rischio sono le persone che abusano di alcol e sono predisposti a malattie infettive o virali. Gli uomini soffrono principalmente di cirrosi alcolica, poiché bevono più spesso alcolici. Le donne sviluppano più spesso la cirrosi sullo sfondo delle patologie cardiache o dell'epatite virale.

    Manifestazioni e previsioni

    Come riconoscere la fase più pericolosa dello sviluppo della cirrosi? È abbastanza semplice Se nella fase iniziale i sintomi non sono specifici (malessere generale, debolezza), quest'ultimo è caratterizzato dalla presenza di segni che indicano danni al fegato e ad altri organi. Quindi, il paziente ha insufficienza epatica, che si riflette nella perdita della capacità compensativa di questo organo.

    Oltre ai segni caratteristici dello stadio precedente di cirrosi (nausea, ingiallimento, rete vascolare, aumento dell'organo e dell'addome), il paziente presenta complicazioni pericolose. Iniziano prima, ma nell'ultima fase diventano pronunciati. Tra questi ci sono:

    idropisia (accumulo di liquido nel peritoneo, ascite);

  • encefalopatia (danno cerebrale dovuto a carenza di ossigeno e avvelenamento del sangue);
  • ittero (la pelle e le mucose diventano gialle sature);
  • sanguinamento dovuto a trombosi venosa;
  • ulcere epatogene negli organi digestivi;
  • complicazioni infettive (polmonite, peritonite, infezioni urinarie);
  • tumori;
  • coma epatico (perdita di coscienza sullo sfondo della conservazione dei riflessi).
  • La sopravvivenza nella cirrosi dipende dalle complicazioni che sorgono in ogni fase dello sviluppo della patologia. Ad esempio, nella fase della compensazione, i pazienti con il giusto trattamento e uno stile di vita sano possono vivere per diversi decenni. L'ultimo stadio della cirrosi è caratterizzato da sintomi vividi e una prognosi estremamente sfavorevole, il tasso di sopravvivenza non supera i 3 anni.

    Se la malattia è complicata da cancro o encefalite, allora il paziente può morire in qualsiasi momento. Tali pazienti non vivono più di un anno. È difficile aumentare questa volta, ma è possibile, se si aderisce alle raccomandazioni di un medico, essere sotto la sua costante supervisione.

    Diagnostica e metodi di terapia

    Al fine di rilevare la cirrosi il più presto possibile, è necessario sottoporsi a un esame approfondito ai primi sintomi della patologia. I pazienti a rischio (pazienti con epatite, alcol dipendente) devono essere esaminati ogni sei mesi.

    Schema di indagine

    Per prima cosa dovresti visitare il medico che condurrà un esame e interrogare il paziente, ascoltare i suoi reclami. L'ispezione viene effettuata in due modi:

    • visivamente, in questo caso, vengono valutati segni quali il giallo della pelle e della sclera, il rossore dei palmi, l'eritema sul corpo;
    • metodo di palpazione per identificare i cambiamenti nel corpo (aumento o diminuzione delle dimensioni, compattazione).

    Criteri diagnostici per la cirrosi

    Il prossimo passo è un esame del sangue biochimico. Allo stesso tempo, tali indicatori testimoniano lo stadio terminale della cirrosi:

    • alti livelli di globulina, bilirubina, enzimi;
    • un aumento del livello delle transaminasi di più di 5 volte;
    • calo dei livelli di colesterolo, albumina e protrombina.

    Inoltre, per stabilire l'entità del danno al fegato e ad altri organi, sono prescritti metodi diagnostici strumentali:

    • ultrasuoni;
    • endoscopia;
    • tomografia (TC o RM);
    • biopsia.

    Terapia complessa

    Dopo aver identificato la cirrosi e determinato la natura e l'entità del danno epatico, viene eseguito un trattamento appropriato. Per curare la cirrosi nell'ultima fase è impossibile. Ma alcune procedure possono aumentare la durata e migliorare la qualità della vita del paziente. Cosa si può fare con una simile diagnosi? Esistono diversi metodi terapeutici:

      Terapia dietetica È necessario per qualsiasi danno al fegato. È prescritto per migliorare la digestione e ridurre il carico sul fegato. Nell'ultimo stadio della cirrosi, che è complicato dall'encefalopatia, si raccomanda di limitare l'uso di sale e di alimenti proteici. Dalla dieta rimuovi cibi grassi, piccanti, fritti, carni affumicate, alcol, caffè, bevande gassate e dolci. Il cibo dovrebbe essere facile da digerire ed essere utile.

    Terapia farmacologica Allo stesso tempo usando questi farmaci:

    • epatoprotettori (Essentiale, Gepabene), che proteggono il fegato da ulteriori danni;
    • complessi vitaminici (vitamine del gruppo B, C, A, E), che migliorano il metabolismo;
    • citostatici (Methotrixate) e glucocorticosteroidi (Prednisolone) sono prescritti per patologie autoimmuni;
    • i diuretici (Veroshpiron) sono usati per alleviare il gonfiore e l'ascite. Tutti i farmaci sono prescritti da un medico e utilizzati sotto il suo controllo. Determina anche il dosaggio e la durata del trattamento.
  • Dialisi di albumina. Questa è una procedura quando si utilizza un apparecchio speciale per pulire il sangue dalle tossine, poiché il fegato non è in grado di svolgere questa funzione in modo indipendente. Tale manipolazione aiuta a ridurre i sintomi.
  • Paracentesi addominale. Con l'ascite, questa procedura viene spesso utilizzata per pompare il liquido in eccesso dalla cavità addominale.

    Trapianto di fegato donatore. Tale procedura può prolungare la vita di un paziente con uno stadio termico di cirrosi. Ma non è effettuato in tali condizioni:

    • grave cardiopatia;
    • patologia dei polmoni e del cervello;
    • la presenza di una neoplasia maligna nel fegato con metastasi;
    • lesioni infettive acute;
    • restrizioni di età (i bambini sotto i due anni e gli anziani non sono operati). Inoltre le controindicazioni sono l'obesità, la trombosi venosa o la necessità di trapiantare più organi contemporaneamente. Allo stesso tempo il trapianto non garantisce al paziente una lunga vita. Spesso l'organo non sopravvive, e a volte il paziente non aspetta l'operazione.
  • Inoltre, un paziente con cirrosi con qualsiasi metodo di terapia deve seguire alcune regole, la cui implementazione aumenta l'efficacia del trattamento e la qualità della vita. Quindi, una persona ha bisogno di rinunciare all'alcool, fumare, assumere determinati farmaci o droghe. Inoltre, dovrebbe mangiare bene e condurre uno stile di vita sano e moderatamente attivo.

    La cirrosi epatica è una patologia grave, che nella maggior parte dei casi ha una prognosi sfavorevole. L'ultimo stadio della malattia si conclude con la morte del paziente. Per aumentare l'aspettativa di vita, è necessario rispettare le raccomandazioni di un medico, rinunciare a cattive abitudini e condurre uno stile di vita sano.

    Com'è l'ultimo stadio della cirrosi

    Poche persone sanno che il fegato è l'organo più grande e più massiccio del corpo umano. Situato nella regione inferiore del polmone destro, nell'area del diaframma.

    Il fegato copre in modo affidabile il giusto ipocondrio e svolge funzioni di filtrazione significative per il corpo. Ha una struttura lobata, imbevuta di vasi sanguigni.

    A proposito della malattia

    La cirrosi epatica è una patologia cronica caratterizzata da una tendenza alla progressione attiva, in cui le cellule epatiche si trasformano in tessuto cicatriziale. La malattia è caratterizzata da un flusso aggressivo e da un alto grado di danno d'organo.

    Questa anomalia è la fase finale del corso delle diagnosi epatiche. Allo stesso tempo, la cirrosi d'organo può benissimo comportarsi come un disturbo indipendente derivante da un attacco spontaneo interno del sistema immunitario del corpo sui dotti biliari.

    Si riferisce a diagnosi mortali, perché la funzionalità del fegato non è in grado di compensare alcun organo del corpo. Allo stesso tempo, la natura provvede in tal modo, a causa della grande importanza per il corpo della funzionalità del fegato, i suoi tessuti hanno una possibilità unica di auto-guarigione dalla rigenerazione naturale a livello cellulare.

    Questa caratteristica consente di far crescere cellule sane a pieno titolo da un minimo frammento di tessuti sani per un certo periodo di tempo, che può far rivivere l'attività vitale di un organo.

    gradi

    La cirrosi epatica è una malattia progressiva, caratterizzata dalla seguente stadiazione del suo corso:

    • Fase 1: viene considerato come compensazione. È caratterizzato dalla nascita della patologia necrotica nei tessuti di un organo. Manifestato da debolezza, diminuzione dell'immunità, affaticamento e perdita di appetito;
    • Stadio 2 - sintomi più pronunciati. Compaiono prurito, occasionali attacchi di nausea, vomito e secrezione biliare. Il paziente inizia a perdere peso. Il contenuto strutturale delle feci e delle urine cambia. I processi irreversibili iniziano nel fegato;
    • Fase 3 - denominata scompenso ed è caratterizzata da un alto grado di aggressività. Accompagnato da gravi complicazioni e sanguinamento incontrollato. La probabilità di morte è già abbastanza alta. In questa fase, viene mostrato il trapianto di organi;
    • Fase 4 - terminale. Il paziente è quasi sempre in coma. L'organo è deformato in modo irreversibile, le sue dimensioni raggiungono le sue dimensioni limitative. Sullo sfondo della malattia si sviluppa una grave anemia ematica. Iniziano le lesioni globali del cervello e del sistema nervoso centrale. Fondamentalmente, il paziente muore senza riprendere coscienza.

    Quadro clinico di quarto grado

    La cirrosi epatica nell'ultimo stadio si manifesta con sintomi gravi ed è caratterizzata da una prognosi estremamente negativa per la sopravvivenza. La conseguenza più pericolosa della transizione intermedia dal terzo al quarto stadio è lo sviluppo attivo dei processi comatosi e l'insorgenza dell'encefalopatia.

    Questo stadio è caratterizzato da disfunzione neuromuscolare, un malfunzionamento del sistema di pensiero. Il paziente incolpa di tutto ciò su apatia e depressione che compromettono la memoria, riducono la concentrazione e sopprimono l'interesse vitale negli eventi intorno al paziente.

    Grave insufficienza epatica aumenta la disintossicazione del corpo e un'alta concentrazione di componenti dell'ammoniaca che non vengono rimossi dal corpo in modo tempestivo, ha un effetto molto negativo su un organo indebolito.

    Questo porta alla disfunzione del sistema respiratorio, disabilita il lavoro delle terminazioni nervose. Questi processi si sviluppano gradualmente e causano persistente perdita di appetito, perdita di peso pronunciata e insonnia.

    Dopo questo, il paziente cade presto in un coma, dal quale, di norma, non esce più. A seconda del grado di danno all'organo, la morte avviene tra uno e due mesi.

    Questo articolo descrive i sintomi della cirrosi nelle donne.

    sintomi

    I principali segni della fase 4 della malattia:

    • ascite - la sua comparsa inizia in una fase precedente, ma diventa la più pronunciata nella fase finale. La milza viene ingrandita, aumenta il contenuto di sangue sottocutaneo nella zona dello stomaco e dell'intestino;
    • sviluppare l'encefalopatia provoca sonnolenza, annebbiamento della coscienza, psicosi comportamentale;
    • Ittero: gli enzimi dell'acido biliare sono concentrati nella massa sanguigna e pigmentano la pelle in una tonalità giallastra. Tutto ciò avviene sullo sfondo di un grave prurito epiteliale;
    • insufficienza epatica - le cellule non sintetizzano. Il livello di composti proteici e piastrine scende a un punto critico. C'è gonfiore e sanguinamento;
    • coma epatico - la coscienza è assente, sebbene i riflessi esterni continuino a funzionare;
    • sanguinamento varicoso;
    • sepsi.

    effetti

    Assolutamente tutte le conseguenze della malattia sono direttamente correlate ai cambiamenti nel contenuto strutturale dei tessuti del corpo, che si verificano sullo sfondo della progressione della patologia.

    Coma epatico

    È considerata una conseguenza dell'insufficienza epatica, sostenuta dalla dose massima ammissibile di intossicazione dell'organismo nel suo complesso. Allo stesso tempo, il cervello è influenzato negativamente dalle componenti dell'ammoniaca e dalla bilirubina.

    Prima che il paziente entri in coma, si manifestano sintomi marcati di encefalopatia. Si manifesta come un fallimento dei ritmi del sonno e di essere sveglio, ansia e nervosismo ingiustificati.

    Encefalopatia epatica

    Accompagnato da danno epatico clinico acuto in concomitanza con anomalie neuro-psicosomatiche. L'encefalopatia epatica è una complicanza grave che lascia al paziente quasi nessuna possibilità di sopravvivenza.

    La vita più lunga di una persona con una tale ricaduta è di un anno, e quindi con un insieme favorevole di circostanze. La probabilità di un esito letale di questa patologia allo stadio della cirrosi è superiore all'85% dei casi.

    Cambiamenti neurologici

    La malattia è accompagnata da complicanze mentali e neurologiche causate dal fallimento critico dell'organo. La seconda ragione è il flusso di sangue ostruito ai tessuti indeboliti del fegato. Le manifestazioni sono pronunciate, è difficile fermarsi.

    Sanguinamento gastrointestinale

    La loro fonte è una varici venosa pronunciata del tratto gastrointestinale. Ciò contribuisce all'eccessiva forza della pressione dell'arteria del colletto, influendo negativamente sulla coagulazione del sangue. Questo sintomo si manifesta in ogni secondo caso di una malattia diagnosticata.

    Trombosi portale

    La trombosi portale è un accumulo pronunciato di coaguli di trombosi nella zona venosa, che causa l'ipertensione portale, o è la sua ricorrenza. Questa patologia è inerente a ogni quarto paziente con cirrosi in uno stadio avanzato della malattia.

    Provoca le seguenti anomalie:

    • sanguinamento gastrico interno;
    • ascite acuta;
    • l'ipersplenismo nella sua fase attiva;
    • attacco di cuore - un netto fallimento nel sistema sanguigno.

    Su queste foto sono visibili segni esterni di cirrosi negli uomini.

    trattamento

    Il trattamento della cirrosi nelle fasi finali della patologia è estremamente difficile a causa della sua bassa efficienza.

    Il modo principale per risolvere il problema è il trapianto di organi. Viene eseguito quando altre opzioni di trattamento sono impotenti. L'operazione è rischiosa ed è considerata estremamente difficile, poiché, anche se l'organo trapiantato è innestato, la persona ha bisogno di assumere per tutta la vita farmaci immunosoppressori.

    Per massimizzare la vita del paziente ha utilizzato metodi medici di monitoraggio del decorso della malattia.

    I farmaci appropriati possono alleviare in qualche modo le condizioni del paziente e ridurre il rischio di complicanze e comorbidità. Condotto in collaborazione con fisioterapia, aderenza a una dieta rigorosa e trattamento dei metodi tradizionali.

    E questo video racconta come zucca, miele e barbabietole aiutano ad accelerare il trattamento:

    prospettiva

    Quante persone sono in grado di convivere con una tale diagnosi è determinata dal grado di danno epatico, dal metodo di trattamento scelto e dall'attenta implementazione da parte del paziente di tutte le raccomandazioni mediche e preventive del medico curante, nonché dallo stile di vita della persona - sforzo fisico, alimentazione.

    La fase compensata della malattia, di regola, ha un buon tasso di sopravvivenza, dell'ordine del 50%, mentre la cirrosi nelle fasi finali dello sviluppo dà una soglia di vita a tre anni piuttosto bassa che solo un quinto paziente può superare.

    I medici affermano che una situazione più ottimistica a questo riguardo è nella metà femminile della popolazione. Le statistiche di incidenza indicano che, in media, ogni ventesima persona ha il rischio di cadere nel gruppo di pazienti con determinati fattori provocatori.

    È interessante notare che una tale triste prognosi di sopravvivenza è dovuta alla natura troppo aggressiva del corso della patologia e alla sua diagnosi troppo avanzata, quando la malattia viene rilevata in uno stadio in cui il trattamento non è più efficace.