Tumore del sangue (leucemia, leucemia, anemia, leucemia), per quali sintomi riconoscere la malattia, come diagnosticare e curarla?

Il tumore del sangue (leucemia, leucemia, leucemia) è una grave malattia degli organi che formano il sangue che può verificarsi in qualsiasi persona, indipendentemente dal sesso o dall'età. Fino a poco tempo fa questa diagnosi era considerata una condanna a morte, ma i progressi in oncologia riducevano la mortalità dal cancro del sangue. Se la malattia viene rilevata in modo tempestivo e viene eseguita una terapia adeguata, la persona può vivere una vita piena per un lungo periodo di tempo.

Come nasce e si sviluppa il tumore del sangue?

Una patologia maligna caratterizzata da una mutazione delle cellule del corpo principale del corpo fluido, costituito da sangue, liquido cerebrospinale (liquido cerebrospinale) e linfa, è chiamata nella terminologia medica non il cancro del sangue, ma emoblastosi, leucemia o leucemia. Non è possibile chiamare un tumore tale da un punto di vista scientifico, dal momento che il fluido biologico si riferisce al tessuto connettivo e non ai tessuti epiteliali. Cancro, la leucemia è chiamata per la somiglianza delle caratteristiche potenzialmente letali di queste malattie. Il processo patologico inizia a svilupparsi nel tessuto ematopoietico del midollo osseo a causa dell'inizio della mutazione nelle cellule progenitrici esplosive delle cellule del sangue.

Da quale tipo di cellule del sangue subire una lesione maligna, i globuli bianchi che svolgono una funzione protettiva e sono responsabili del sistema immunitario, delle piastrine, preservando l'integrità dei tessuti o dei globuli rossi che trasportano ossigeno e sostanze nutritive a tutti gli organi, dipenderanno dalla natura della malattia in via di sviluppo.

Ma il meccanismo dello sviluppo del cancro del sangue in tutti i casi è lo stesso e assomiglia a questo:

  1. Sotto l'influenza di fattori esterni o interni, si verifica il danno al DNA della cellula blast, che si trova nella fase iniziale della maturazione, cioè che non ha una differenziazione strutturale o ha già ricevuto un programma del suo funzionamento futuro ed è diventato media o altamente differenziato.
  2. La violazione del codice genetico provoca l'insorgere di cambiamenti irreversibili nelle cellule del midollo osseo embrionali di qualsiasi grado di sviluppo - interrompono la loro maturazione e iniziano a dividersi vigorosamente, perdendo la capacità di autodistruzione naturale.

Per avviare un processo anomalo, una singola cella è sufficiente, perché come risultato della sua divisione incontrollata in un breve periodo di tempo, si forma un gran numero di cloni che hanno gli stessi disturbi nella loro struttura e non sono in grado di funzionare normalmente. Entrano nella linfa, nel sangue periferico, nel liquido cerebrospinale, occupano quasi tutto il volume di questi fluidi e spremono le cellule del sangue sane, il che porta alla comparsa di anomalie, spesso incompatibili con la vita, di cambiamenti nel corpo umano.

Vale la pena sapere! Non esiste una specifica struttura tumorale che possa essere visualizzata per la leucemia. Questo tipo di neoplasma maligno viene "disperso" nel fluido corporeo. A causa del fatto che le cellule anomale con sangue e linfa circolano costantemente in tutto il corpo, penetrano facilmente nei linfonodi, nel fegato, nella milza e in altri organi, causando lo sviluppo di cambiamenti patologici in essi.

Tipi e forme di cancro del sangue

A causa del fatto che il tumore del sangue è una malattia collettiva, gli emato-oncologi devono conoscere la natura della malattia al fine di prescrivere un trattamento adeguato, consentendo di ottenere una remissione a lungo termine, che spesso costituisce in questa forma della malattia per più di 10 anni. Tutte le misure terapeutiche sono nominate secondo i criteri di classificazione, che rivela la diagnosi di una condizione patologica.

La classificazione del tumore del sangue viene eseguita in più direzioni. Prima di tutto, la malattia è divisa dalla natura del flusso in acuta, sviluppandosi principalmente nei bambini e negli anziani, e cronica. Quest'ultimo tipo di lesione del sangue maligno viene diagnosticato principalmente negli uomini e nelle donne di mezza età. Va notato che tale divisione della malattia è condizionata, dal momento che il cancro acuto del sangue non diventa mai cronico, e viceversa.

Il prossimo criterio di classificazione per questa malattia è il grado di differenziazione delle cellule che ha provocato lo sviluppo di una condizione patologica. Qui, gli oncoematologi distinguono le forme cytica, indifferenziata e blastica di leucemia.

Secondo la citogenesi, il tumore del sangue acuto è diviso nei seguenti tipi:

  1. Mieloide, che si sviluppa dalle cellule progenitrici dei leucociti. Questo gruppo di tumori del sangue comprende leucemia mieloide, leucemie monocitiche croniche e mielomonocitiche, trombocitosi essenziale, mielofibrosi, osteomielosclerosi, mielofibrosi, sindrome mielodisplastica e vera policitemia. Queste forme di malattia sono diagnosticate principalmente in donne e uomini appartenenti alla categoria di mezza età. Nei pazienti giovani, tali diagnosi sono anche possibili, ma accade in casi estremamente rari.
  2. Leucemia linfoblastica acuta. Un tumore canceroso ha origine da esplosioni, che devono essere trasformate in linfociti a seguito della maturazione.

Cause di cancro del sangue

Ciò che provoca esattamente alterazioni anormali nel gene o nell'apparato cromosomico delle cellule del tessuto ematopoietico, a causa del quale si sviluppa il tumore del sangue, non è attualmente noto esattamente. Alcuni fattori esterni negativi contribuiscono allo sviluppo del tumore del sangue.

Gli esperti identificano i seguenti principali motivi per cui può svilupparsi l'oncologia degli organi che formano il sangue:

  • esposizione alle radiazioni (che vivono in aree con alta radiazione di fondo);
  • contatto prolungato con reagenti chimici in lavoratori di industrie pericolose;
  • inalazione regolare di sostanze tossiche e l'uso di alimenti cancerogeni.

È importante! Le persone le cui vite hanno queste ragioni dovrebbero essere particolarmente attente al proprio benessere e dovrebbero essere sottoposte a regolari studi di screening che consentano la rilevazione tempestiva dell'inizio del tumore del sangue.

Sintomi e manifestazioni di cancro del sangue

Nella fase iniziale, quando la malattia sta appena cominciando ad emergere, non ci sono cambiamenti evidenti nella struttura delle cellule, quindi i sintomi che possono indicare il cancro del sangue non sono completamente specifici. In questa fase, lo sviluppo della malattia può essere sospettato solo da segni somatici generali, che comprendono affaticamento, disturbi del sonno, pallore della pelle, gonfiore e lividi sotto gli occhi. Inoltre, una persona che ha subito un tumore del sangue può lamentarsi di temperatura corporea costantemente elevata, frequente insorgenza di malattie infettive, lenta guarigione delle lesioni cutanee, gengive sanguinanti e sangue dal naso regolare.

Tumore del sangue, leucemia, leucemia, leucemia, quali sintomi li accompagnano?

Ma questi sintomi del cancro del sangue non sono così specifici da non causare molto allarme e la gente non ha fretta di visitare uno specialista per scoprire il motivo che li ha provocati.

La vigilanza di solito si manifesta solo dopo che la malattia diventa attiva, difficile da curare, e i seguenti sintomi iniziano ad accompagnarlo:

  • un netto aumento dei linfonodi, del fegato e della milza, visibile a occhio nudo;
  • comparsa regolare di lividi marcati sulla pelle;
  • tendenza al verificarsi di emorragia interna gastrointestinale o urinaria, la comparsa di pesanti, che durano più di una settimana, le mestruazioni nelle donne.

Tutti questi sintomi ematologici indicano chiaramente che una persona può attivamente sviluppare il cancro del sangue, quindi, quando compaiono, è necessario visitare con urgenza uno specialista.

Stadio della malattia

Il tumore del sangue, come qualsiasi altra malattia, non si verifica immediatamente, ma attraversa diverse fasi del suo sviluppo.

Nella pratica clinica, si distinguono le seguenti fasi del tumore del sangue:

  1. Elementare. Questo stadio del cancro colpisce solo il tessuto emopoietico del midollo osseo ed è completamente asintomatico, pertanto viene rilevato molto raramente e molto spesso diventa un reperto casuale.
  2. Non piegato. La composizione del sangue inizia a cambiare, il che porta a una serie di sintomi specifici. Se la malattia viene rilevata in questa fase, la persona ha ancora possibilità di ottenere una remissione a lungo termine.
  3. Terminale. Lo stadio finale della malattia, accompagnato da cambiamenti così pronunciati nel tessuto ematopoietico e nel sangue periferico, che è impossibile non notare i sintomi provocati dal processo patologico. Molto spesso, il rilevamento della malattia avviene in questa fase, ma sfortunatamente per la maggior parte delle persone la lotta per la vita diventa impossibile a causa della trasformazione irreversibile delle cellule del sangue che si è verificata e della comparsa di lesioni secondarie maligne su molti organi interni.

Diagnosi di una malattia pericolosa

La base per l'assegnazione di una persona a studi specifici per rilevare il cancro sono i sintomi clinici del cancro del sangue che sono comparsi. Quanto prima il paziente si rivolge a uno specialista con lamentele sul cambiamento delle condizioni, maggiori sono le probabilità che la diagnosi di tumore del sangue sia tempestiva, il che dà la possibilità di una cura completa o di un lungo periodo di remissione.

Il tumore del sangue viene rilevato usando i seguenti test diagnostici:

  1. Esami del sangue di laboratorio per determinare il rapporto tra le cellule del sangue e la loro composizione quantitativa. Questo studio consente di diagnosticare presumibilmente il cancro del sangue.
  2. Analisi citogenetiche del sangue e della linfa, con l'aiuto delle quali gli esperti determinano la presenza di cromosomi atipici nel fluido biologico, che consente di chiarire il tipo di processo maligno.
  3. Puntura di midollo osseo e linfonodi. Questi test per il tumore del sangue possono identificare la malattia in base al tipo citogenetico e alle caratteristiche morfologiche. Tali test per il tumore del sangue offrono allo specialista l'opportunità di scegliere i farmaci giusti per la terapia antitumorale, dal momento che mostrano che l'oncopatologia è suscettibile agli agenti antitumorali.
  4. Mielogramma. Questo studio mostra il rapporto tra elementi sani e mutati. Quindi, un aumento del volume di cellule esplosive anormali nel flusso sanguigno dirà della presenza di cancro del sangue.

Trattamento dei tumori del sangue maligni

È piuttosto difficile liberare una persona dal processo oncologico che ha afflitto gli organi che formano il sangue, specialmente se è stato identificato nella fase di attivazione. Il trattamento del tumore del sangue è selezionato individualmente per ciascun paziente.

In genere, gli ematofonologi includono nel protocollo di trattamento le seguenti misure terapeutiche:

  1. La chemioterapia. Quando si prescrive un ciclo di trattamento con farmaci antitumorali, viene utilizzata una combinazione di 1-3 farmaci, selezionati in base alla natura del decorso del tumore del sangue e alle condizioni generali del paziente.
  2. Trapianto di midollo osseo accompagnato da chemioterapia. Questa tecnica terapeutica consente di curare completamente il tumore del sangue, ma sfortunatamente la sua attuazione non è sempre possibile e questa operazione è ostacolata non solo dal costo elevato e dalla difficoltà di trovare un donatore adatto, ma anche da indicazioni mediche inappropriate, nonché dagli anziani della maggior parte dei pazienti.

Vale la pena sapere! Il trattamento della leucemia acuta non termina dopo la chemioterapia o il trapianto di cellule esplosive. Al raggiungimento dello stato di remissione, il paziente sarà osservato da uno specialista per un lungo periodo di tempo. È questa osservazione dinamica che consente di rilevare tempestivamente l'insorgere della ricorrenza della malattia e adottare misure di emergenza per fermarlo.

Complicazioni del cancro del sangue

Disturbi anomali che si verificano nel sistema ematopoietico, portano a gravi complicazioni che possono manifestarsi in vari organi.

Il più delle volte nella pratica clinica degli ematofonologi sono stati trovati i seguenti effetti di questo tipo di cancro:

  • comparsa di singole o numerose lesioni secondarie maligne;
  • frequente, difficile da fermare, emorragia interna;
  • il verificarsi di processi necrotici.

Inoltre, il cancro del sangue sopprime l'immunità del paziente e il suo corpo diventa suscettibile a varie malattie infettive. Inoltre, il funzionamento anormale del sistema circolatorio, derivante da una diminuzione del numero di piastrine e globuli rossi, che accompagna sempre il tumore del sangue, porta allo sviluppo di anemia grave o trombocitopenia.

Prognosi per l'oncologia del sangue

L'aspettativa di vita delle persone con diagnosi di tumore del sangue è direttamente correlata alla categoria di età.

La seguente previsione è indicata nelle statistiche:

  • tra le persone anziane con questa malattia, la sopravvivenza a cinque anni è del 25%;
  • le persone di mezza età hanno una prognosi più favorevole: tra queste, oltre il 50% ottiene una remissione a lungo termine, che mantiene la qualità della vita;
  • giovani pazienti e bambini affetti da tumore del sangue, in quasi il 90% dei casi possono ottenere una guarigione completa.

Prevenzione dello sviluppo della condizione patologica

Pertanto, non esistono misure preventive per prevenire l'insorgenza di tumore del sangue. Salvare la vita è possibile solo con il rilevamento tempestivo della malattia, quindi per le persone a rischio, la diagnosi di screening del tumore del sangue è così importante. Ridurrà anche i rischi di sviluppare la condizione patologica e proteggere i tessuti ematopoietici da possibili mutazioni nel caso in cui tutte le cause che possono provocare il cancro del sangue siano escluse dalla vita di una persona, ma questo, purtroppo, non è sempre possibile, specialmente se le modifiche necessarie riguardano un professionista attività o residenze.

Video informativo: cos'è il tumore del sangue, quali sintomi lo accompagnano e quali metodi di trattamento vengono utilizzati?

Autore: Ivanov Alexander Andreevich, medico di famiglia (terapeuta), revisore medico.

Vegetarismo (?)

Carenza di ferro, anemia e cancro

In quei casi in cui l'apporto insufficiente di ferro nel corpo non influenza il livello di emoglobina nel sangue, è chiamato uno stato di carenza di ferro nascosto, se il contenuto di emoglobina in un uomo adulto diminuisce a 130 g / le nelle donne a 120 g / l, diagnosticare anemia da carenza di ferro (ci sono molti diversi tipi di anemia). Oltre alla diminuzione della concentrazione di ferro e di proteine ​​contenenti ferro nel plasma sanguigno, quest'ultima è spesso accompagnata da una diminuzione del numero di globuli rossi nel sangue, un cambiamento nella loro forma e dimensione. Anche l'indice di colore, che indica la deplezione di eritrociti dell'emoglobina (anemia ipocromica), diminuisce.

I segni clinici di anemia sono: debolezza, affaticamento, frequenti mal di testa, "mosche" volanti davanti agli occhi, specialmente quando c'è una brusca svolta della testa o un cambiamento nella posizione del corpo, una sensazione di intorpidimento degli arti. Il paziente è incline allo svenimento, con poco sforzo, palpitazioni e mancanza di respiro. L'appetito è ridotto, la nausea e la perversione del gusto sono possibili. Cambia aspetto. Non si può dire "sangue con latte" a una ragazza anemica, lei è "pallida, triste, silenziosa, come una foresta che fa paura", spesso irritabile e non dorme bene. La pelle può diventare itterica, è secca; i capelli sono opachi, fragili, cadono; sulle unghie, è possibile vedere rientranze a forma di croce e cucchiaio.

Non sempre l'aspetto del paziente è pienamente coerente con quello descritto, ma la mancanza di ferro, di regola, si manifesta con un declino generale della forza, una diminuzione della resistenza alla catarrale e ad altre malattie.

L'anemia si sviluppa in molti pazienti oncologici (R. Cox, 1983). Può verificarsi nella fase iniziale della malattia. Il suo grado non sempre corrisponde alla gravità della malattia, ma in pazienti con forme comuni di cancro si sviluppa solitamente anemia grave (A. P. Kashulina, 1985).

Gli oncologi ritengono che nelle persone anziane la comparsa di anemia sia sempre sospetta per il cancro. Pertanto, durante l'esame endoscopico preventivo di 1058 persone con anemia da carenza di ferro, 92 di loro sono stati diagnosticati con cancro. tratto gastrointestinale (N. Tzvetkov, 1988).

Le cause di anemia nel cancro sono diverse: compromissione dell'assorbimento di ferro e del suo metabolismo; perdita di sangue insignificante, ma cronica; violazione dell'assorbimento di rame, cobalto e vitamine coinvolti nella formazione del sangue; l'effetto inibitorio di un tumore maligno sul midollo osseo rosso; ridurre il contenuto di eritrociti nel sangue di pazienti oncologici (E. I. Slobozhanina, 1984) e ridurre la loro aspettativa di vita (A. P. Kashulina, 1985); una diminuzione della concentrazione di emoglobina nel sangue (Jako Takeshi, 1987) come risultato di un'interruzione della sua sintesi (W.T. Beck, 1982) o accelerazione della decomposizione (C. E. Meroke, 1981); l'uso dei globuli rossi come substrato nutritivo per il tumore (Jako Takeshi, 1987).

Tuttavia, anche nei casi di normale concentrazione di emoglobina nel sangue, i tessuti del carrier del tumore soffrono di carenza di ossigeno a causa del fatto che la capacità dell'emoglobina di legare l'ossigeno e di darlo ai tessuti è compromessa (R.Manz, 1983). Questo è il risultato di cambiamenti nella struttura dell'emoglobina con la crescita di neoplasie maligne (B. P. Komov, 1974).

Nei pazienti oncologici, la carenza di ferro latente o apparente è costantemente riscontrata (J. Luez, 1974). È particolarmente pronunciato nei casi di metastasi del tumore, e inoltre, più lontano dal fuoco principale delle metastasi sono localizzati (A. Griffin, 1965).

Il primo segno di cancro gastrointestinale potrebbe essere l'anemia. Nel cancro gastrico, il contenuto di ferro può diminuire già nelle fasi iniziali della malattia. Una diminuzione della sua concentrazione si nota nella gastrite cronica anacida - malattia gastrica precancerosa (I. V. Kasyanenko, 1972), ulcera gastrica con bassa acidità di succo gastrico e nella poliposi intestinale (G. L. Alexandrovich, 1964). Dopo il successo del trattamento delle malattie dello stomaco, il contenuto di ferro è normalmente normalizzato. Ma se, a causa di un danno tumorale significativo, questo organo è stato rimosso completamente, quindi dopo due anni le riserve di ferro non vengono ripristinate (Esko Hani, 1985).

Cosa spiega la carenza di ferro nei pazienti oncologici?

Ahimè, non è solo una dieta non compensata per il ferro.

1. Nei pazienti con tumori o malattie associate del tratto gastrointestinale, l'assorbimento del ferro è difficile, soprattutto se l'acidità del succo gastrico è bassa.

2. Il trasporto di ferro da sangue e la sua consegna a tessuti è disturbato. È stato stabilito, per esempio, che la transferrina ematica con la crescita di neoplasie maligne è meno satura di ghiandola (V. Ye. Tkach, 1973; T. Navarov, 1979), specialmente nel cancro al seno.

3. È difficile rimuovere il ferro dai luoghi di deposito (il fegato e la milza delle persone morte per cancro sono spesso sovraccarichi di ferro; A. M. 3izum, 1964).

4. Il ferro viene assorbito dalle cellule tumorali (V. M. Aristarkhov, 1974). "Ritirano" attivamente dal sangue il TRANSFERRIN che trasporta ferro. Il suo sequestro è maggiore, maggiore è la massa del tumore stesso e più è maligna (E. Aulbert, 1990). Perché sta succedendo questo? Dopo tutto, la respirazione del tessuto - il principale consumatore di ferro nella cellula - è debole nelle cellule tumorali! Le cellule maligne sembrano essere mascherate dal sistema immunitario usando transferrina. Le cellule tumorali accumulano la ferritina (una proteina che deposita il ferro), e talvolta in quantità tali (ad esempio nelle cellule del cancro al seno) che può svolgere il ruolo di un marcatore, vale a dire. può essere usato per distinguere le lesioni maligne del seno da quelle benigne (E. D. Weinberg, 1981).

Un eccesso di ferro interferisce con la protezione del corpo contro le cellule maligne, ma il suo fallimento è anche dannoso. L'anemia da carenza di ferro predispone allo sviluppo del cancro.

Riferendosi agli esperimenti sugli animali. Nei ratti con carenza di ferro a poppa, i tumori apparivano più spesso, e i tumori inoculati avevano una massa particolarmente grande rispetto agli animali che erano "sovraccaricati" di ferro (J. Kaibe, 1969). La carenza di ferro ha aumentato la "resa" dei tumori maligni nei ratti che sono stati iniettati con carcinogeno che causa il cancro al fegato (H. Yarnashita, 1980).

Cosa ha una persona? Di interesse sono i dati degli studi epidemiologici condotti in Colombia (S. Broitman, 1981). Questo paese occupa uno dei primi posti al mondo in termini di frequenza del cancro allo stomaco. L'esame gastroscopico dei suoi residenti che soffrono di gastrite con bassa acidità, ha mostrato che molti di essi mostrano cambiamenti caratteristici nella mucosa gastrica, che sono caratteristici dello stato di carenza di ferro, che sono considerati precancerosi. È anche importante che con una bassa acidità nello stomaco aumenti la formazione di nitrosammine cancerogene. Questi risultati suggeriscono la necessità di trattare l'anemia da carenza di ferro, poiché precedono l'insorgenza del cancro gastrico (S. Broitman, 1981). Inoltre, l'anemia da carenza di ferro cronica riduce l'immunità antitumorale.

Appoggiamo l'opinione degli oncologi tedeschi (R.S. Tandon, 1989), che credono che il cancro sia il risultato di disturbi nel corpo causati da una violazione del metabolismo del ferro e della sua carenza. Dopo tutto, il ferro è la parte attiva degli enzimi respiratori, e con la sua mancanza di tessuto, letteralmente soffocano, poiché non possono assorbire l'ossigeno. Per sopravvivere, molti di loro sono costretti a spostarsi sul sentiero dannoso della produzione di energia priva di ossigeno (anaerobica), che, sebbene in una certa misura, copre i costi energetici. E questo predispone allo sviluppo del cancro. È interessante notare che, nei topi delle linee ad alta corsia, il metabolismo energetico si sposta verso l'anaerobiosi, mentre negli animali che non sono predisposti allo sviluppo del cancro prevale il percorso aerobico (con ossigeno) della produzione di energia.

La carenza di ferro può essere curata aumentando la proporzione di cibi ricchi di ferro nella dieta (vedi Tabella 16). Per il trattamento dell'anemia da carenza di ferro, una dieta e l'acqua minerale ghiandolare non sono sufficienti. È necessario in aggiunta a una dieta proteica completa assumere integratori di ferro.

Malattie da eccesso di apporto di ferro dal cibo o assunzione di ferro per bocca (e non per iniezione) non sono state stabilite, ma alcune medicine di ferro possono causare nausea, diarrea, mal di testa ed eruzioni cutanee. In questo caso, vengono sostituiti. La somministrazione intramuscolare di preparati di ferro (così come la trasfusione di sangue) può portare a una saturazione del corpo con il ferro, poiché è molto scarsamente espulsa. L'eccesso di ferro, depositato nel fegato e in altri organi, causa il loro danno (emosiderosi).

Ricorda che la mancanza di ferro nel corpo porta sempre a un disturbo di salute.

L'anemia è curabile? e può superare il cancro?

Anemia o "anemia" è il nome comune per un sintomo di molte malattie. Qui è necessario capire perché il sangue ha ridotto la quantità di emoglobina (H) (il fatto che trasporta l'ossigeno dai polmoni a tutti i consumatori). Nel caso più semplice - il corpo non ha abbastanza ferro (è uno dei materiali da costruzione per D), o vitamine del gruppo B (senza di loro, anche il corpo non può raccoglierlo).

Con il trattamento qui tutto è chiaro, tu mangi ciò che manca e sarai felice.

C'è anemia associata a perdita di sangue. Tutto funziona bene, ma il sangue prodotto scorre, ad esempio attraverso un'ulcera nello stomaco. E oltre all'uscita. Anche qui tutto è chiaro: trattiamo l'ulcera, l'anemia scompare da sola.

L'opzione peggiore se i globuli rossi (globuli rossi che contengono la G e trasportano ossigeno) è, ma per qualche motivo non vivere come dovrebbe. Infine, il caso peggiore è quando non sono prodotti dal corpo in quantità sufficiente (la causa di ciò può essere il cancro) o non del tutto. In quest'ultimo caso, la persona vive 2-3 giorni. Tali casi sono estremamente rari e sono associati a forti dosi di radiazioni o avvelenamento con potenti farmaci.

In ogni caso, il percorso per il medico è caro a te, se ne hai solo uno per andare a due o tre. Ma non andare su Internet, questa non è nemmeno una diagnosi da una foto. Questo è così, pogodrit-pomichat e nessuna responsabilità.

MALATTIE DEL SANGUE

Due principali malattie del sangue sono due: anemia, o anemia, una diminuzione del numero di globuli rossi nel sangue, questa malattia è considerata una delle più comuni; e leucemia, o tumore del sangue, in cui sono colpiti i leucociti, il decorso può essere molto difficile se non si esegue un trattamento adeguato.

anemia

L'anemia si sviluppa quando c'è una diminuzione dei livelli di emoglobina nel sangue. È noto che la sua concentrazione nel sangue varia a seconda dell'età, del sesso e di altre caratteristiche. Tuttavia, si può affermare che la malattia è presente se il livello di emoglobina è inferiore a 13 g per 100 ml di sangue negli uomini adulti, inferiore a 12 g per 100 ml di sangue nelle donne e inferiore a 11 g per 100 ml di sangue nei bambini e nelle donne in gravidanza. Tuttavia, spesso accade che una diminuzione dell'emoglobina è dovuta a una diminuzione del numero di globuli rossi - questo non sempre accade: una persona potrebbe non avere anemia e il numero di globuli rossi diminuirà, ma il contenuto di emoglobina in ogni globulo rosso aumenterà; e viceversa, può accadere che il numero di eritrociti rimanga lo stesso e la quantità di emoglobina in ciascuno di essi diminuisca, quindi si tratta di anemia.

Con l'anemia, i tessuti del corpo non ricevono la giusta quantità di ossigeno per il normale funzionamento. Le cause dell'anemia possono essere diverse: a volte l'anemia causa emorragie, a causa delle quali una persona perde globuli rossi con emoglobina; a volte il problema è l'incapacità del corpo di formare emoglobina o globuli rossi a causa della scarsa ereditarietà o carenza degli elementi necessari per la formazione di emoglobina, come ferro, acido folico o vitamina B12; capita anche che l'organismo stesso distrugga i globuli rossi più intensamente del solito (anemia emolitica), ecc. Per l'anemia grave vengono utilizzate trasfusioni di sangue.

EMOGLOBINA

È un pigmento che colora i globuli rossi e trasporta l'ossigeno ai tessuti. Consiste di due elementi principali a causa dei quali ha ricevuto il suo nome: composti di ferro (emina) e proteine ​​(globina). Sono gli atomi di ferro che sono responsabili dell'attaccamento dell'ossigeno, del suo trasferimento ai tessuti e anche del colore rosso del sangue. Quando il sangue è ad alto contenuto di ossigeno (O2) e il sangue è arricchito con ossigeno nei polmoni, ciascuna molecola di emoglobina può collegare fino a quattro molecole di ossigeno collegate ai corrispondenti atomi di ferro - questo composto di emoglobina è chiamato oxyhemoglobin. Quando la concentrazione di ossigeno diminuisce e l'anidride carbonica (C02) la sostituisce, il prodotto residuo del metabolismo cellulare, l'emoglobina rilascia molecole di ossigeno per arricchire i tessuti con loro e attacca le molecole di biossido di carbonio per trasferirle ai polmoni: questo composto di emoglobina è chiamato carbossiemoglobina. Nei polmoni, l'emoglobina viene rilasciata dalle molecole di anidride carbonica che una persona espira e ricollega le molecole di ossigeno - quindi, l'emoglobina svolge un ruolo chiave nello scambio di gas e nel trasporto di gas corporei con l'ambiente.

leucaemia

La leucemia è una malattia in cui il numero di globuli bianchi anormali che assumono forme diverse aumenta nel sangue umano a causa dell'interruzione della formazione di leucociti multicore (granulociti) prodotti nel midollo osseo o di un aumento del numero di linfociti prodotti nel midollo osseo e linfatico tessuti. I globuli bianchi anormali, che passano attraverso il flusso sanguigno in grandi quantità molte volte, si accumulano nel midollo osseo, invadono il tessuto del midollo osseo e prendono il posto destinato alla formazione di globuli sani - questa è la principale causa della malattia: allo stesso tempo, il corpo produce più anormale bianco Toro e cellule del sangue meno sane, non solo globuli bianchi, ma anche globuli rossi e piastrine.

L'incapacità del corpo di produrre cellule materne di globuli bianchi e il loro straordinario aumento è dovuta alla mutazione genetica, le cui cause sono sconosciute, ma a volte è il risultato di radiazioni o presenza di sostanze cancerogene nel corpo. Il risultato sono forme acute di leucemia che si sviluppano così rapidamente da minacciare la vita di una persona in poche settimane o mesi e quelle croniche che si sviluppano molto più lentamente quando i primi sintomi compaiono solo dopo alcuni anni. Recentemente, la leucemia viene trattata con radioterapia e chemioterapia, oltre che attraverso il trapianto di midollo osseo: tali metodi di trattamento aiutano a superare la malattia e nella maggior parte dei casi contribuiscono al completo recupero.

Anemia del cancro

In più di 1/3 dei pazienti oncologici vi è una diminuzione del livello di emoglobina. L'anemia del cancro viene calcolata in base al livello di saturazione di ossigeno nel sangue, che in questo caso diminuisce fino a meno di 12 g / dl. Questo stato del corpo è anche spesso osservato nei pazienti sottoposti a chemioterapia.

La mancanza di ossigeno nel sistema circolatorio influisce negativamente sulle condizioni generali del paziente e peggiora la prognosi della malattia.

Cliniche leader all'estero

Cause di anemia nel cancro

L'eziologia di questa patologia è associata a tre fattori principali:

  1. Rallentando la produzione di globuli rossi.
  2. Distruzione accelerata di globuli rossi.
  3. Il verificarsi di sanguinamento interno.

In alcuni casi clinici, la condizione anemica del corpo è una conseguenza della chemioterapia o dell'esposizione alle radiazioni. Questo tipo di trattamento del cancro ha un effetto negativo sulla formazione del sangue. Ad esempio, i farmaci contenenti platino riducono la quantità di eritropoietina nei reni. Questa sostanza è un ormone dei reni che stimola la formazione dei globuli rossi.

Determinare la causa esatta di questa patologia è necessaria per un'adeguata selezione del metodo di trattamento di una neoplasia maligna.

I primi segni e sintomi di anemia da cancro

I primi sintomi della malattia sono un forte pallore della pelle e una violazione della funzione digestiva. La maggior parte dei pazienti perde l'appetito e manifesta nausea cronica, vomito.

La progressione del cancro principale è accompagnata da un progressivo deterioramento del benessere generale. I pazienti hanno notato malessere costante, debolezza muscolare, affaticamento e perdita di efficienza.

L'anemia tumorale viene diagnosticata sulla base di un emocromo dettagliato. Uno studio quantitativo del sistema circolatorio è raccomandato più volte durante il corso del trattamento. Ciò consente agli specialisti di valutare le dinamiche dello sviluppo della patologia.

Trattamento dell'anemia in pazienti oncologici

Per il trattamento del danno anemico del sangue, i medici usano i seguenti metodi:

Trasfusione di massa di eritrociti:

L'indubbio vantaggio dei farmaci eritrocitari per via endovenosa è il rapido recupero dei valori normali di emoglobina. Allo stesso tempo, questa tecnica ha un effetto terapeutico a breve termine. Molti esperti non raccomandano che la trasfusione debba essere prescritta per i pazienti oncologici fin dai primi giorni di anemia. Nel periodo iniziale, il corpo del paziente affronta in modo indipendente la carenza di globuli rossi. Il risarcimento si ottiene modificando la viscosità del sangue e la percezione dell'ossigeno.

La trasfusione di sangue viene effettuata principalmente in presenza di un vivido quadro clinico di carenza di ossigeno.

Inoltre, i pazienti oncologici dovrebbero essere consapevoli del fatto che la scienza non ha dimostrato un legame diretto tra aspettativa di vita, recidiva del tumore e trasfusione di globuli rossi.

Stimolazione della produzione di globuli rossi:

Molti studi clinici indicano un'elevata efficacia dei farmaci ormonali eritropoietina. In molti casi, questa opzione di trattamento può sostituire una trasfusione di sangue sistematica. Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta ai pazienti con insufficienza renale cronica. Per questi pazienti, c'è un aumentato rischio di mortalità prematura.

L'uso di preparazioni di ferro:

La carenza di ferro è stata osservata in circa il 60% dei pazienti oncologici. Le cause della carenza di ferro possono essere:

  • sanguinamento interno cronico;
  • intervento chirurgico sugli organi del tratto gastrointestinale;
  • cancro di anoressia.

Farmaci contenenti ferro prodotti in forma di pillola e iniettabili.

L'anemia è un tumore del sangue

Cardiopatia per insufficienza cardiaca: cause e trattamento

Per molti anni alle prese con ipertensione senza successo?

Il capo dell'Istituto: "Sarai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione assumendola ogni giorno.

La dispnea cardiaca segnala sempre che il movimento del sangue nelle arterie polmonari rallenta e che i polmoni e gli altri organi non sono saturi di ossigeno. La dispnea nello scompenso cardiaco è di solito di natura inspiratoria (la respirazione è difficile) e con essa la frequenza dei movimenti respiratori aumenta a 30 o più volte al minuto (normalmente circa 15). Sul perché si manifesta mancanza di respiro e come trattare questa condizione e sarà discusso nel nostro articolo.

Perché la mancanza di respiro si manifesta nello scompenso cardiaco?

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori usano con successo ReCardio. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

La dispnea nell'insufficienza cardiaca è provocata dall'accumulo e dal ristagno del fluido nei tessuti dei polmoni, causato dall'incapacità del cuore di pompare il volume di sangue richiesto. Il flusso di sangue attraverso i vasi polmonari rallenta e la parte liquida del sangue "sanguina" negli alveoli. I polmoni sovraccarichi di liquidi difficilmente forniscono lo scambio di gas.

Nelle fasi iniziali dell'insufficienza cardiaca, il paziente inizia a respirare con difficoltà respiratoria dopo l'esercizio e, con il progredire della malattia, la difficoltà a respirare diventa evidente e a riposo. A seconda del grado di carico sul cuore e sui polmoni, si distinguono quattro classi di insufficienza cardiaca:

  • I - mancanza di respiro appare dopo un considerevole sforzo fisico;
  • II - la respirazione si accelera dopo un carico moderato del motore;
  • III - dispnea si sviluppa anche con carico normale e minore;
  • IV - difficoltà a respirare può essere avvertita durante il sonno o in uno stato di assoluto riposo.

Le cause più comuni che portano allo scompenso cardiaco sono:

  • infarto miocardico;
  • malattia coronarica;
  • ipertensione arteriosa;
  • cardiopatia valvolare;
  • lesioni infiammatorie e non infiammatorie del miocardio;
  • abuso di droga e alcol.

Il rapido scompenso cardiaco e l'aggravamento della dispnea cardiaca possono causare:

  • insufficienza renale e malattie renali;
  • infezione;
  • aritmia;
  • embolia polmonare;
  • l'anemia;
  • ipertiroidismo;
  • diabete mellito;
  • vasculite polmonare;
  • mancanza di un trattamento adeguato.

Con un trattamento adeguato e il rispetto di tutte le raccomandazioni del medico, la mancanza di respiro e i sintomi di insufficienza cardiaca possono diventare meno pronunciati e la progressione della malattia può rallentare in modo significativo.

Caratteristiche di mancanza di respiro nello scompenso cardiaco

La dispnea nello scompenso cardiaco è accompagnata da una serie di segni caratteristici che la distinguono da altri tipi di dispnea:

  • difficoltà a respirare;
  • mancanza di respiro aumenta e appare dopo l'esercizio;
  • in posizione orizzontale, la mancanza di respiro diventa più intensa e, dopo aver cercato di sedersi o assumere una posizione reclinata, diminuisce;
  • la dispnea è associata a respiro sibilante nei polmoni, cardialgia periodica, edema degli arti inferiori e raffreddamento dei piedi e delle mani, cianosi della punta del naso, orecchie, dita dei piedi e mani, palpitazioni e aritmie.

Inoltre, la mancanza di respiro in caso di insufficienza cardiaca può essere accompagnata da una sensazione di debolezza, aumento della fatica, vertigini, svenimento, attacchi di tosse cardiaca ed edema polmonare.

Come aiutare il paziente?

Un paziente dovrebbe consultare un medico generico o un cardiologo se:

  1. C'è una sensazione di mancanza d'aria, che non può essere compensata dalla respirazione rapida.
  2. Sullo sfondo del respiro corto c'è la cardialgia, la respirazione rauca, la tosse con catarro e il gonfiore delle estremità.

Per determinare la causa della dispnea cardiaca, viene assegnato ai seguenti studi:

  • esami del sangue;
  • ECG;
  • ecocardiografia;
  • CT o RM;
  • radiografia, ecc.

Per il trattamento della dispnea nell'insufficienza cardiaca, si raccomanda al paziente non solo di assumere farmaci, ma anche di seguire una dieta, uno stile di vita sano, sviluppare la giusta risposta a situazioni stressanti e sufficiente attività fisica.

Per una grave mancanza di respiro, il paziente è raccomandato:

  1. Smetti di fumare e beve alcolici.
  2. Più spesso all'aria aperta.
  3. Evita azioni che causano mancanza di respiro.
  4. Esegui le attività quotidiane lentamente, prendendo pause di riposo.
  5. Evitare le scale e il sollevamento pesi.
  6. Indossare indumenti non molesti.
  7. Mettere i farmaci in un luogo accessibile, perché l'eccitazione aggrava sempre la mancanza di respiro.
  8. Regola il tuo letto: dalla testa della testa dovrebbe essere una pendenza di 35-40 gradi.
  9. Ci sono piccole porzioni.
  10. Osservare una dieta ipocalorica e limitare (nei casi più gravi, escludere) l'uso di sale. Il paziente deve ridurre il consumo di grassi (soprattutto di origine animale) e di carboidrati e nel menu di includere più alimenti contenenti proteine, fibre e vitamine.
  11. Monitorare la pressione sanguigna.

Con lo sviluppo di dispnea grave, devi chiamare un'ambulanza e, prima di arrivare, fai quanto segue:

  • aiutare il paziente a sedersi a metà seduta con le gambe abbassate;
  • togli o apri gli abiti stretti;
  • calmare il paziente;
  • fornire aria fresca (se possibile, è possibile utilizzare un cuscino di ossigeno);
  • dare al paziente: nitroglicerina sotto la lingua (fino a 2 compresse con un intervallo di 5-10 minuti), glicosidi cardiaci (Digossina, Korglikon, Strofantin K, ecc.) e Furosemide (40-80 g);
  • fare un pediluvio caldo o mettere imbracature sui fianchi (alternativamente rimossi per 3-5 minuti ad intervalli di 20-30 minuti);
  • con la pressione alta, devi dare al paziente un agente ipotensivo.

Con un attacco di dispnea o asma cardiaco, che sono stati registrati per la prima volta o sono stati accompagnati da altre condizioni di emergenza (edema polmonare, infarto del miocardio, crisi ipertensiva, ecc.), Il paziente viene ricoverato in ospedale.

trattamento

Il trattamento della mancanza di respiro nello scompenso cardiaco è sempre complesso ed è finalizzato al trattamento della malattia di base. Al paziente possono essere prescritti tali farmaci:

  • glicosidi cardiaci (Digossina, Strofantan K, Korglikon): contribuiscono ad aumentare il volume sistolico e ictus del cuore, eliminare tachicardia e tachiaritmie, avere un effetto cardiotonico;
  • ACE inibitori (Quinapril, Enalapril, Ramipril, Trandolapril, ecc.): Hanno un effetto di allargamento sulle arterie e contribuiscono al ripristino della funzione vascolare;
  • farmaci diuretici (Furosemide, Torasemide, Britomar, ecc.): aiutano a ridurre il carico sul cuore e la pressione sanguigna, eliminano l'edema;
  • beta-bloccanti (Metopropol, Carvedipol, Propranololo, Celipropol, ecc.): aiutano ad eliminare le aritmie e ridurre la fame di ossigeno;
  • Inibitori del canale del seno (Ivabradin, Coralan, Coraxan): eliminare la tachicardia;
  • antagonisti del recettore aldosterone (Spironolattone, Eplerenone): contribuiscono all'eliminazione dell'ipertensione arteriosa, alla congestione e hanno un debole effetto diuretico;
  • vasodilatatori (nitroglicerina, Isoket, Apressin, Minoxidil, Nesiritid): aiutano a ridurre il tono vascolare ed eliminare il carico sul cuore;
  • farmaci antiaritmici (Amiodarone, Cardiodarone, Sotalex, Amlodipina, Lerkamen): sono utilizzati quando è necessario controllare un disturbo del ritmo cardiaco;
  • anticoagulanti (Warfarin, Sinkumar, Fragmin, Arixtra): prevengono i coaguli di sangue, facilitano il flusso sanguigno attraverso i vasi;
  • agenti antitrombotici (Aspirina Cardio, Cardiomagnile, Plavix, Tiklid, Curantil): prevengono i coaguli di sangue, facilitano il flusso sanguigno attraverso i vasi;
  • Statine (Anvistat, Fluvastatin, Lipostat, Zokor): prevengono la formazione di placche di colesterolo e riducono i livelli di colesterolo.

Con l'inefficacia del trattamento farmacologico, il paziente può essere raccomandato per eseguire i seguenti interventi chirurgici:

  • eliminazione del difetto della valvola;
  • mettere in scena un pacemaker;
  • impostazione defibrillatore cardioverter;
  • trapianto di ventricoli meccanici artificiali del cuore;
  • avvolge il cuore con una speciale rete elastica a rete;
  • trapianto di cuore

Primo soccorso per insufficienza cardiaca È estremamente importante che la fornitura di pronto soccorso e cure mediche in un attacco di insufficienza cardiaca acuta sia stata effettuata in tempo e senza alcun tipo...

Insufficienza cardiaca: sintomi e trattamento La causa dell'insufficienza cardiaca è un deterioramento della capacità del cuore di contrarsi o rilassarsi. Il danneggiamento può essere causato da danni a myok...

Edema periferico: cause, diagnosi e trattamento L'edema è una conseguenza dell'accumulo di acqua nei tessuti e nelle cavità sierose del corpo (cavità toracica, addominale, pericardica). L'edema dei tessuti è accompagnato da...

Cause e segni di insufficienza cardiaca L'insufficienza cardiaca è chiamata una condizione acuta o cronica, che è accompagnata da un indebolimento della capacità contrattile del miocardio...

Anemia 1 grado

L'anemia è una sindrome caratterizzata da bassi livelli (rispetto ai livelli normali) di emoglobina. L'emoglobina è una proteina che contiene un atomo di ferro. Il ferro, a sua volta, è contenuto solo nei globuli rossi. Senza queste cellule, lo stato della proteina inizia a deteriorarsi rapidamente. Il livello normale di emoglobina per una persona sana è tra 110 e 155 grammi per litro. Se il livello di emoglobina scende e raggiunge un livello inferiore a 110, allora si ha anemia di primo grado. Negli uomini, il livello di emoglobina dovrebbe essere leggermente superiore rispetto alle donne. L'indicatore da 110 a 120 per gli uomini è considerato il tasso massimo consentito, sebbene anormale per il lavoro a pieno titolo del corpo maschile.

Come determinare l'anemia di primo grado?

Anemia 1 grado è abbastanza difficile da rilevare senza esami del sangue. Una persona può sembrare abbastanza sana, perché il corpo può, entro certi limiti, compensare la diminuzione della massa dei globuli rossi. È necessario stare attenti a non precipitarsi ciecamente ad applicare questa definizione pratica di anemia in ciascun caso. Ci sono casi in cui vi è un rapido sanguinamento e i globuli rossi e il plasma si perdono rapidamente allo stesso tempo, prima che il corpo possa rispondere al camminare fino a quando il volume plasmatico non viene reintegrato con i sostituti del sangue.

Anemia di primo grado

Tutti i tipi di anemia possono essere suddivisi in diversi gruppi. I dati per la valutazione del grado di ordinamento sono classificati in ordine crescente. L'anemia di 1 grado è caratterizzata da livelli di emoglobina da 110 a 90. A sua volta, l'emoglobina, quando varia da 110 a 90, potrebbe non manifestarsi nella vita di tutti i giorni. Il livello del sangue si manifesta solo durante qualsiasi stress fisico.

Dovrei trattare l'anemia di primo grado?

Non dovresti aspettare fino a quando l'anemia si sviluppa dal primo stadio della malattia al secondo o al terzo. L'anemia di primo grado, che si sviluppa in un periodo di tempo sufficientemente lungo, subisce una perdita significativamente maggiore di globuli rossi prima che i suoi sintomi vengano rilevati. Questo è terribile, ma non è raro che gli ematologi vedano un paziente con un'emoglobina di 4 g / dl. E questo, pensateci, porta a una perdita del 70% della massa dei globuli rossi. Spesso i parenti sono preoccupati che il loro familiare sia un po 'sfocato e stanco. E i risultati del sondaggio sono scioccanti!

Sintomi dell'anemia di primo grado

Quando si sviluppano i sintomi dell'anemia di primo grado, iniziano in gran parte a manifestarsi, dato lo stato precario di consegna di ossigeno ai tessuti. Potresti riscontrare i seguenti segnali di pericolo:

  1. Dispnea (mancanza di respiro) durante l'esercizio;
  2. Fatica;
  3. svenimento;
  4. vertigini;
  5. tinnito;
  6. Mal di testa.

Inoltre, il sistema cardiovascolare può produrre un forte battito cardiaco e tinnito. Anche le condizioni cardiovascolari preesistenti sono aggravate dall'anemia. Angina pectoris, claudicatio intermittente e crampi notturni parlano degli effetti dell'anemia.

I segni clinici si sviluppano più lentamente. Il paziente ha una pelle chiara, tachicardia e soffio sistolico. In anemia in rapido sviluppo (con emorragia in alcuni casi con anemia emolitica catastrofica),

Ulteriori sintomi e segni da segnalare:

  • Svenimento quando si alza dal letto,
  • Ipotensione ortostatica (la pressione sanguigna scende quando il paziente sale da una posizione prona a una posizione seduta o in piedi)
  • Tachicardia ortostatica

La tua valutazione di questi segni clinici ti servirà meglio nella diagnosi di questo tipo di anemia rispetto a un laboratorio.

classificazione

L'anemia di primo grado può essere classificata secondo gli schemi. Dipende dai seguenti fattori:

  • Dimensioni delle cellule e contenuto di emoglobina di parametri come ESR e MCHC;
  • Schemi di eritrocinesi (quelli che tengono conto del tasso di produzione dei globuli rossi e della loro distruzione);
  • Schemi biochimici / molecolari (quelli che considerano l'eziologia dell'anemia a livello molecolare).

Con l'anemia normocromica, normocitica, si mantengono i normali MCHC e gli ESR normali.

Questi includono:

  • Anemia cronica;
  • Anemia emolitica (caratterizzata da distruzione accelerata di globuli rossi);
  • Anemia da perdita di sangue acuta;
  • Anemia aplastica (caratterizzata dalla scomparsa di RBC dal midollo osseo).

Con l'anemia ipocromica, microcitica, un basso livello di MCHC, si osserva una bassa ESR.

Questi includono:

  • Anemia da carenza di ferro;
  • talassemia;
  • Anemia di malattia cronica (in rari casi).

Anemia cromica normale, macrocitica (norma ICSU, alta ESR).

Questi includono:

  • Carenza di vitamina B12;
  • Carenza di folato.

Come trattare l'anemia di primo grado?

La distruzione della formazione del sangue nel corpo è piena di serie conseguenze. Ma a casa, per fortuna, è possibile ripristinare il normale funzionamento del corpo. I seguenti sono i migliori metodi di trattamento raccomandati.

Molte persone diagnosticate con anemia di primo grado acquisiscono uno spremiagrumi. Questo apparecchio è semplicemente indispensabile per la preparazione quotidiana di succhi freschi di frutta e verdura. Il fatto è che la barbabietola, la carota e il succo di mela contribuiscono alla formazione del sangue. Puoi preparare succhi misti di frutta e verdura e aggiungere del miele.

Il succo di barbabietola appena spremuto non può immediatamente bere. Lascialo riposare almeno due ore, insisti nel frigorifero. L'evaporazione nociva inerente alle barbabietole dovrebbe "evaporare" durante questo periodo, quindi non coprire il coperchio del barattolo nel quale conserverai il succo di barbabietola troppo stretto. Il succo di barbabietola deve essere assunto tra i pasti o mezz'ora prima dei pasti. Altri succhi di frutta e verdura dovrebbero essere assunti prima dei pasti 2-3 volte al giorno, due cucchiai.

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori usano con successo ReCardio. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

millefoglie

Riempi l'erba achillea con acqua bollente e lascia riposare l'ora in un thermos. Quindi puoi prendere un paio di cucchiai tre volte al giorno.

"Cocktail" di vitamine

Acquista 100 grammi di frutta secca: prugne, uvetta, datteri, fichi. Macinare la massa attraverso un tritacarne e aggiungere il limone. Metti 2-3 cucchiai di miele nella massa e mettilo in frigo. La miscela deve essere consumata 2 cucchiai 2-3 volte al giorno lontano dai pasti. I frutti secchi satureranno il tuo corpo con oligoelementi benefici e ridurranno a nessun sintomo di anemia.

Il rosso è il colore del sangue, o cos'è l'anemia?

La parola "emoglobina" è familiare a quasi tutti, anche a persone molto lontane dalla medicina. E questo non è sorprendente, perché l'anemia è una delle condizioni patologiche più comuni. L'anemia, secondo alcune fonti, colpisce fino al 30% della popolazione totale del pianeta. Allora, cos'è, cosa può essere causato e cosa fare con esso?

La normale formazione del sangue negli adulti avviene nel midollo osseo. I predecessori di tutte le cellule del sangue sono le cosiddette cellule staminali del sangue, che nel processo di divisione e maturazione sono differenziate in cinque aree: globuli rossi, piastrine, linfociti, monociti e granulociti. Gli eritrociti sono le cellule del sangue più numerose, in un minuto circa 150 milioni si formano nei loro corpi.L'eritrocita dura per 90-120 giorni, i vecchi eritrociti vengono distrutti in stretti vasi di milza contorti. Il colore rosso dell'eritrocito è dovuto alla presenza di emoglobina in esso, che costituisce fino al 95% di tutte le proteine ​​eritrocitarie.

È l'emoglobina che trasporta l'ossigeno dai polmoni agli organi e ai tessuti e l'anidride carbonica ai polmoni. Secondo la sua composizione, l'emoglobina è una sostanza complessa costituita da 4 catene proteiche e una parte non proteica (eme).L'eme contiene ferro. L'emoglobina viene sintetizzata nelle cellule precursori dei globuli rossi nel midollo osseo. Dopo la morte dell'eritrocita, l'emoglobina rilasciata viene convertita in bilirubina ed escreta dal corpo con la bile. Normalmente, il contenuto di emoglobina nel sangue di un adulto è 115-140 g / l per le donne e 125-160 g / l per gli uomini. Una diminuzione dell'emoglobina inferiore a 115 nelle donne e 125 negli uomini è chiamata anemia (anemia). Con valori di emoglobina fino a 90 g / l, si parla di anemia lieve, con emoglobina da 90 a 60 g / l, di anemia di gravità moderata, e di emoglobina inferiore a 60 g / l significa grave anemia.

Il ferro entra nel corpo dal cibo, assorbito principalmente nell'intestino tenue. Una persona non può assimilare più di 2-2,5 mg di ferro al giorno, mentre il ferro proveniente da prodotti animali viene assorbito molto meglio che dai prodotti vegetali. Pertanto, solo il 3% del ferro contenuto in esso viene assorbito dalla frutta e il 18-22% dalla carne bovina. Il tasso di assorbimento del ferro aumenta significativamente quando è carente (con anemia), che è una reazione protettiva del corpo. Un eccesso di calcio impedisce l'assorbimento del ferro, in particolare a causa della predominanza del cibo a base di latte. Con la distruzione dell'emoglobina, la maggior parte dei resti di ferro nel corpo viene riutilizzata nel processo di formazione del sangue. Una parte più piccola viene persa dal corpo con le feci, la pelle che si sfalda e la membrana mucosa, con l'urina e il sudore. Si ritiene che gli uomini perdano fino a 1 mg di ferro al giorno, le donne perdono al di fuori delle mestruazioni, della gravidanza e dell'allattamento. Nelle donne in età fertile, la perdita di ferro, di regola, è molto più grande, quindi l'anemia da carenza di ferro si trova tra di loro molto più spesso.

Cause di anemia

Le anemie sono sempre malattie secondarie, cioè complicanze di altre malattie. Il principale "primario" in relazione all'anemia può essere una varietà di malattie - come malattie legate agli organi che formano il sangue e malattie di altri organi e sistemi. Delle malattie del sangue associate con lo sviluppo di anemia, è necessario nominare, prima di tutto, leucemie acute e croniche e malattie che portano a un aumento del sanguinamento (emofilia, trombocitopenia). Tra le cause dell'anemia che non sono correlate al processo di emopoiesi, sono principalmente le malattie associate a perdita di sangue acuta o cronica (ulcera peptica, emorroidi), interruzione dell'assorbimento di nutrienti (malattie dello stomaco, intestino, pancreas), mancanza di cibo di alcune sostanze (varie avitaminosi), la formazione di anticorpi alle cellule del proprio organismo (lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide), vari avvelenamenti, danni da radiazioni.

Manifestazioni comuni di anemia

Le manifestazioni cliniche di tutte le anemie sono simili. La principale funzione dell'emoglobina è quella di eseguire lo scambio di gas trasportando ossigeno dai polmoni agli organi e ai tessuti e anidride carbonica ai polmoni. Pertanto, con la mancanza di emoglobina, quasi tutti gli organi mancano di ossigeno, che si manifesta con debolezza generale, affaticamento e scarsa tolleranza allo sforzo fisico. I pazienti si lamentano del desiderio di sdraiarsi, riposare. Ciò è dovuto al fatto che il cuore e i muscoli scheletrici subiscono una costante ipossia, che con anemia a lungo termine può portare a cambiamenti distrofici. Ci sono disturbi associati a una mancanza di circolazione cerebrale - oscuramento degli occhi, acufeni, vertigini, svenimento, svenimento. I fenomeni cerebrali sono particolarmente caratteristici di pazienti di età anziana e senile, qualche volta con una diminuzione in memoria e intelligenza. Altre manifestazioni di anemia sono mancanza di respiro e palpitazioni durante l'esercizio, e nei casi più gravi ea riposo.

Praticamente con tutte le anemie, ci può essere una diminuzione dell'appetito, questo è particolarmente caratteristico di pazienti con età avanzata.12 -anemia da carenza. Tuttavia, a volte (soprattutto con carenza di ferro) è possibile anche una situazione inversa, quando una persona lamenta appetito indomabile, una mancanza di sazietà dopo aver mangiato (questa può essere considerata una reazione protettiva del corpo, che cerca di compensare la mancanza di una sostanza specifica con il cibo).

Esternamente, i pazienti con anemia attirano l'attenzione sul pallore, la cui gravità dipende dal livello di emoglobina. La pelle può avere una sfumatura "a cera" su B12 -anemia da carenza, itterica - con anemia emolitica, grigiastro-terrosa - con avvelenamento da piombo cronico. Spesso, soprattutto nelle donne e negli anziani, con l'anemia, c'è un leggero gonfiore delle gambe. Spesso, sulla pelle possono essere rilevate emorragie multiple, sia piccole, punteggiate ("stelle") che grandi ("lividi"). Possono indicare una diminuzione del numero di piastrine (con anemia aplastica, per esempio) o un aumento della fragilità vascolare (scorbuto). A volte tali emorragie possono essere la causa dell'anemia.

Va notato che non esiste una correlazione diretta tra il livello di emoglobina e la gravità della condizione. Anche l'anemia grave viene tollerata abbastanza facilmente se l'emoglobina diminuisce gradualmente nel tempo. Ci sono casi in cui le persone hanno mantenuto la propria capacità lavorativa con l'emoglobina di 40 g / le la capacità di auto-cura con l'emoglobina di 20 g / l. Allo stesso tempo, in caso di perdita di sangue acuta, una condizione grave, a volte minacciosa può già essere con l'emoglobina 80 g / l. Le donne soffrono di anemia molto meglio degli uomini.

Secondo il meccanismo dello sviluppo della malattia, ci sono 3 tipi di anemia - carenza di ferro post-emorragico (dopo la perdita di sangue, acuta o cronica), associata alla formazione stessa del sangue stesso (B12 -carente, insufficienza folica, aplastica) e associata alla distruzione accelerata dei globuli rossi (emolitico). In molti casi, esiste una combinazione di diversi meccanismi. Ad esempio, l'anemia nelle malattie infettive gravi è associata sia ad un'inibizione tossica del midollo osseo che ad un aumentato consumo di ferro necessario per le risposte immunitarie.

Tipi di anemia

Anemia aplastica

L'anemia aplastica è una condizione in cui il processo di formazione del sangue nel midollo osseo è disturbato a livello delle cellule progenitrici. Questa condizione può essere causata da una serie di motivi. L'impatto di grandi dosi di radiazione penetrante, avvelenamento con benzene e altri solventi organici, prendendo un certo numero di farmaci, in particolare i citostatici (mielosan), porta a danni al midollo osseo. Sono descritti casi di anemia aplastica dopo infezioni virali (epatite virale, mononucleosi, infezione da citomegalovirus). Nella maggior parte dei casi, la causa dell'anemia aplastica non può essere identificata.

Di norma, la malattia è grave, con grave pallore, malessere, tendenza al sanguinamento, frequenti complicazioni infettive (a causa della ridotta immunità dovuta alla mancanza di globuli bianchi). L'emoglobina scende ad un livello molto basso, a volte fino a 20-30 g / l.

Il trattamento dell'anemia aplastica è un compito difficile. Poiché il processo di distruzione dei globuli rossi è nella milza, la sua rimozione aumenta la durata della vita dei globuli rossi e riduce in qualche modo l'anemia. Circa la metà dei pazienti viene trattata con prednisone (a quanto pare, questo mostra il ruolo dei processi autoimmuni nello sviluppo della malattia). Tuttavia, un metodo radicale di cura della malattia rimane il trapianto di midollo osseo da un donatore selezionato con cura. La prognosi di questa malattia è sempre molto discutibile, secondo alcuni dati, senza trapianto di midollo osseo, fino all'80% dei pazienti muore durante il primo anno.

Anemia emolitica

Anemia emolitica - anemia causata dalla distruzione accelerata dei globuli rossi. Questo gruppo di anemie è anche eterogeneo per le sue ragioni. Esso comprende malattie ereditarie in cui il ricavate difettoso incline alla distruzione degli eritrociti (microspherocytosis, ellissocitosi, stomatotsitoz) o difetto ubicata nella emoglobina (talassemia, anemia falciforme), o aumentata distruzione causata dagli anticorpi di eritrociti (anemia emolitica autoimmune). Vi sono anche cause più rare - ad esempio, anemia emolitica associata a carenza di vitamina E, o emoglobinuria marciante parossistica (una malattia in cui i globuli rossi vengono meccanicamente distrutti a causa della pressione dei vasi durante la lunga camminata su una superficie dura).

L'anemia emolitica può manifestarsi in diversi modi: in alcuni pazienti l'emolisi accelerata si verifica costantemente, portando a una diminuzione dell'emoglobina e riducendo la qualità della vita, ma non rappresentando una minaccia diretta, in altri c'è un periodo di crisi, quando l'effetto di un fattore provocante sullo sfondo della salute normale causa un'improvvisa (entro poche ore) distruzione massiva di globuli rossi, che può portare alla morte per shock o insufficienza renale.

I pazienti con anemia emolitica si distinguono per il colore della pelle itterica pallida. In alcune forme di emolisi, vi è una maggiore tendenza alla formazione di calcoli nella cistifellea e nei dotti dovuti al rilascio di bilirubina in eccesso con la bile. In altri casi, il rilascio di bilirubina avviene principalmente attraverso i reni, con una colorazione rossastra delle urine.

Durante un periodo di crisi, la condizione peggiora improvvisamente, entro poche ore o giorni dopo l'ipotermia, una malattia infettiva o l'assunzione di determinati farmaci. L'ittero e la debolezza sono in forte aumento, c'è un aumento della temperatura, dolore all'addome e bassa schiena. L'attacco termina con il rilascio di urina rossa o nera. Nei casi lievi, dopo 2-4 settimane, la condizione si normalizza.

Il trattamento dell'anemia emolitica fondamentalmente si riduce ad evitare gli effetti dei fattori provocatori. Nei casi più gravi, aiuta la rimozione della milza come organo, che coinvolge principalmente la distruzione dei globuli rossi.

il12 -anemia deficiente

Vitamina B12 regola i processi di divisione cellulare. E poiché è il tessuto del midollo osseo che si divide più intensamente, allora soffre di una deficienza di B12 prima di tutto è la formazione del sangue. Vitamina B12 abbastanza diffuso nei prodotti animali - nel fegato, nel pesce, nel latte, nel formaggio, nella carne. Tuttavia, per la sua assimilazione, viene prodotta una certa sostanza prodotta dalle cellule della parete dello stomaco - il fattore interno di Castl. Pertanto, carenza di vitamina B12 e l'anemia associata spesso accompagna malattie come la gastrite atrofica, in cui la membrana mucosa assottigliata dello stomaco produce una quantità insufficiente di succhi digestivi, nonché una condizione dopo la rimozione di una parte dello stomaco. Inoltre, la mancanza di vitamina B12 può essere associato all'infezione con determinati tipi di vermi. Ad esempio, è stato dimostrato che il corpo di un simile parassita intestinale, come una vasta tenia, contiene esattamente tanta vitamina B12. quanto è necessario per curare l'anemia del suo ospite. Alla fine, causa B12 -la mancanza può essere rigorosamente vegetariana, poiché praticamente non si verifica nei prodotti di origine vegetale. Soffri più spesso12 -anziani e anziani sono carenti, probabilmente a causa del fatto che la gastrite atrofica è diffusa nella vecchiaia. Ci sono prove che la mancanza di vitamina B12 è annotato nel 20% di persone più vecchie di 80 anni.

C'è una scorta di vitamina B nel corpo di una persona sana.12 per 5 anni, quindi, condizioni relativamente a breve termine (ad esempio, la gravidanza), in cui aumenta il consumo di vitamine, non portano ad anemia.

Manifest in12 -anemia da carenza, come qualsiasi anemia, debolezza, malessere, mancanza di respiro con lo sforzo. Oltre ai comuni segni anemici, c'è una leggera ingiallimento e gonfiore del viso, dolore e una sensazione di bruciore nella lingua. Con una mancanza di vitamina B12 si notano manifestazioni neurologiche - freddezza degli arti, andatura instabile ("come se camminassi sul cotone"), debolezza muscolare, dolore doloroso ai muscoli del polpaccio. Nei casi più gravi, i fenomeni neurologici: raffreddamento, debolezza, pelle d'oca - si sviluppano non solo nelle gambe, ma anche nelle mani, e occasionalmente ci sono anche violazioni di vari tipi di sensibilità centrale, tra cui l'olfatto, il gusto, l'udito.

Senza trattamento12 -l'anemia carente progredisce, portando a una condizione grave fino allo sviluppo di coma anemico, in alcuni casi anche una minaccia per la vita. Non c'è da meravigliarsi se il ruolo della vitamina B è stato identificato12. questa anemia era chiamata perniciosa (maligna). Tuttavia, il trattamento con adeguate dosi di vitamina B12 molto rapidamente porta a un miglioramento delle condizioni e alla normalizzazione del quadro ematico.

Anemia da carenza di acido folico

L'acido folico è molto diffuso in natura e si trova in quasi tutti gli alimenti di origine vegetale, quindi la sua carenza è molto rara. La carenza di acido folico è osservata in condizioni in cui il suo consumo aumenta significativamente - durante la gravidanza, negli alcolisti, nei pazienti con assorbimento intestinale (dopo la rimozione di una parte dell'intestino tenue, con diarrea prolungata), nei bambini allattati con latte di capra, a volte negli anziani. Anemia da carenza di acido folico nelle sue manifestazioni sono molto simili a12 -scarso, tuttavia, tende a fluire più facilmente. I disturbi neurologici in questo caso sono significativamente meno pronunciati. Tuttavia, è stato osservato che i pazienti con epilessia e schizofrenia con un background di carenza folica hanno un peggioramento delle condizioni.

Anemia da carenza di ferro

L'anemia da carenza di ferro è apparentemente una delle malattie più comuni, con le donne che ne soffrono dieci volte più spesso degli uomini. Secondo varie fonti, nei paesi sviluppati, dal 5 al 10% delle donne in età fertile soffrono di anemia sideropenica.

La carenza di ferro si verifica quando la perdita di ferro nel corpo supera l'assorbimento. Questo è osservato nei bambini, specialmente nel primo anno di vita, negli adolescenti, durante la gravidanza e l'allattamento. La causa più comune di carenza di ferro negli adulti è spesso ripetuta sanguinamento minore (da 5-10 ml al giorno). Nelle donne, la principale causa di carenza di ferro è il sanguinamento uterino e le mestruazioni. negli uomini, sanguinamento dal tratto gastrointestinale. Inoltre, la causa della carenza di ferro può essere la malnutrizione e il rigoroso vegetarianismo, nonché una massiccia perdita di sangue una tantum.

Anemia post-emorragica acuta

L'anemia post-emorragica acuta si verifica dopo una perdita una tantum di una quantità significativa di sangue (in un adulto circa 0,5-1 litri). La causa di tale perdita di sangue può essere la lesione con danni a un grande vaso sanguigno, un'emorragia gastrica o polmonare, la rottura di un aneurisma vascolare e altre cause. In questo caso, la vittima perde non solo i globuli rossi, ma anche il plasma (la parte liquida del sangue), a seguito del quale l'esame del sangue nelle prime ore dopo la perdita di sangue rimane normale. Nel quadro clinico dell'anemia post-emorragica acuta, un ruolo significativo non è tanto la perdita di emoglobina (e la conseguente mancanza di ossigeno in organi e tessuti), quanto piuttosto la diminuzione del volume ematico circolante. Ciò porta a un fenomeno come la centralizzazione della circolazione sanguigna.

L'aiuto di emergenza è fermare l'emorragia. Ulteriore trattamento comporta trasfusione di liquidi (sostituti del plasma e nei casi gravi, plasma) e, se necessario, la massa di eritrociti.

Anemia post-emorragica cronica

Anemia post-emorragica cronica è secondo varie fonti dall'80 al 95% tra tutte le anemie. Si sviluppa con perdita di sangue che è frequente e di piccolo volume. Come accennato sopra, al giorno, il corpo umano adulto non può assorbire più di 2,5 mg di ferro. Di conseguenza, la perdita di sangue giornaliera in un volume di 5 ml (che corrisponde a 2,5 mg di ferro) porta inevitabilmente allo sviluppo di anemia.

Nel frattempo, le donne perdono in media 30 ml di sangue nei loro periodi, circa il 10% delle donne praticamente sane perdono più di 80 ml, cioè circa 40 mg di ferro. Aumenta notevolmente la necessità di ferro durante la gravidanza. Aumentare il volume di sangue circolante richiede un ulteriore almeno 500 mg di ferro. Una quantità significativa di ferro viene spesa per la formazione della placenta. La madre trasferisce circa 300 mg di ferro al bambino. Sembra che sia molto sproporzionato, se ricordiamo che nel corpo di un adulto ci sono 3 - 5 g di ferro. Tuttavia, il fatto è che il ferro del latte materno non è sufficiente a garantire la rapida crescita e lo sviluppo del neonato, e nei primi mesi il bambino vive sullo stock di ferro prodotto prima della nascita. In generale, si ritiene che durante la gravidanza, il fabbisogno di ferro sia di 800-1200 mg, di cui almeno 700 mg di travaglio lasciano il corpo con il bambino, la placenta e la perdita di sangue. Circa 400 mg di ferro sono persi dalle donne in 1 anno di allattamento. Pertanto, anche la fisiologica perdita di ferro di una donna non sempre riesce a reintegrare il cibo. E se ricordiamo l'ampia prevalenza di fibromi uterini, endometriosi e altre malattie che portano al sanguinamento uterino, la ragione di così tanti pazienti con anemia diventerà ovvia.

Negli uomini, la principale causa di anemia post-emorragica cronica è il sanguinamento dal tratto gastrointestinale. La fonte di sanguinamento può essere esofagite erosiva, ulcera gastrica sanguinante, ragade rettale, emorroidi, ecc. Non la più comune, ma pericolosa, causa dell'anemia è un tumore in decomposizione. Perdita giornaliera di sangue in un volume di 5 ml (1 cucchiaino!) Può essere quasi invisibile al paziente (emorragia nascosta).

C'è anemia da carenza di ferro, come tutte le anemie, debolezza, malessere, vertigini, ecc. Forse un leggero aumento della temperatura. Inoltre, ci sono fenomeni caratteristici della carenza di ferro. Questi sono, soprattutto, cambiamenti sulla parte della pelle e sulle sue appendici. La pelle diventa secca, traballante. I capelli forti cadono, spesso i loro primi ingrigimenti. Le unghie diventano fragili, la loro superficie assume un aspetto particolare con solchi trasversali e con un'anemia a lungo termine la forma delle unghie cambia - diventano curve, "a forma di cucchiaio". Spesso sulle labbra appaiono "zadyy". Una manifestazione caratteristica della carenza di ferro è una distorsione del gusto e dell'olfatto. I pazienti hanno il desiderio di mangiare gesso, argilla, gesso, godono l'odore di inchiostro da stampa fresco, gesso, benzina, malta cementizia. Nei casi più gravi, ci sono manifestazioni di stomatite, difficoltà a deglutire i cibi solidi.

Diagnosi di anemia

Diagnosi di laboratorio

La diagnosi di anemia inizia con un esame del sangue generale (clinico). Cosa mostra? Prima di tutto, ovviamente, la presenza effettiva e il grado di anemia.

Si ritiene che l'anemia di lieve entità riduca l'emoglobina a 90 g / l, moderata a 90-60 g / le grave (meno di 60 g / l).
Tuttavia, questo non si applica alla perdita di sangue acuta (durante la sua prima emoglobina può essere normale, e talvolta anche elevata). Inoltre, è necessario ricordare un concetto come la pseudo-anemia - una condizione in cui l'emoglobina si riduce non riducendo la sua quantità, ma a causa di una riduzione del sangue (con edema pronunciato, a volte nelle donne in gravidanza).

Oltre alla quantità di emoglobina ed eritrociti, in generale, l'analisi del sangue determina tali indicatori come il volume medio e il diametro medio dell'eritrocito, il contenuto medio di emoglobina in essi. Queste cifre aumentano con la carenza di vitamina B.12 (anemia macrocitica ipercromica) e diminuzione con carenza di ferro (microcitico ipocromico). Inoltre, l'indicatore come reticolocitosi (il numero di reticolociti - eritrociti immaturi) è importante. Con il loro numero, si può indirettamente giudicare l'attività del midollo osseo. Normalmente, reticolocitosi è 0,2-1,2%, raggiunge 1,5% con perdita cronica di sangue e 6-10% con anemia emolitica e scende quasi a zero con soppressione del midollo osseo con anemia aplastica, malattia da radiazioni, leucemia acuta.

Se l'analisi del sangue viene eseguita manualmente (che è raccomandata in casi non chiari), un buon tecnico di laboratorio può prestare attenzione alle forme anormali dell'eritrocito (è così che viene diagnosticata la microsferocitosi, l'anemia falciforme e una serie di altre malattie).

A volte essenziale per la diagnosi sono anche indicatori del sangue che non sono associati ai globuli rossi. Pertanto, una diminuzione del numero di piastrine suggerisce anemia da carenza di ferro cronica sullo sfondo di un aumento del sanguinamento, e se allo stesso tempo si riducono anche i leucociti, si sospetta un'anemia aplastica. La comparsa di cellule esplosive è indicativa quasi inequivocabile della leucemia acuta e delle cellule plasmatiche del mieloma.

Oltre all'analisi del sangue generale, anche la biochimica è importante. Può rivelare un aumento della bilirubina, caratteristica dell'anemia emolitica. In varie forme di anemia emolitica, la bilirubina libera o legata può essere significativamente più elevata. Per la carenza di ferro l'anemia è caratterizzata da una diminuzione del ferro sierico, per B12 -anemia da carenza - aumentata. Inoltre, con carenza di ferro, aumenta la capacità legante il ferro del sangue.

La diagnosi più affidabile di varie malattie del sangue, inclusa l'anemia, consente la puntura sternale. In questo studio, un ago speciale viene perforato nella parte superiore dello sterno (di solito, in anestesia locale) e vengono prese diverse gocce di midollo osseo. L'analisi del punctato sternale consente di escludere in modo affidabile la leucemia o l'anemia aplastica, si raccomanda di farlo quando12 -anemia da carenza.

Per la diagnosi di anemia da carenza di ferro cronica, l'analisi del sangue occulto fecale è talvolta importante - consente di confermare il sanguinamento dallo stomaco o dall'intestino. Per un risultato affidabile, è necessario seguire determinate regole - per 3 giorni prima di prendere le analisi, astenersi dal cibo a base di carne e preparati di ferro, e non lavarsi i denti alla vigilia dell'analisi. Inoltre, a volte l'analisi delle feci sulle uova di vermi, soprattutto nei casi di B12 -anemia da carenza.

In rari casi, è necessaria una speciale analisi delle urine (varie porfirie) per stabilire la diagnosi.

Diagnostica strumentale

Non dovremmo dimenticare che l'anemia è sempre una malattia secondaria. E per un corretto trattamento, è necessario identificare la causa principale di questa condizione. In alcuni casi, è sufficiente chiedere al paziente di eliminare con cura la natura ereditaria "familiare" della malattia (una serie di anemie emolitiche), la presenza di rischi professionali (danni da radiazioni, avvelenamento da piombo cronico) o il ruolo dei fattori provocatori. In altri casi, per trovare le cause della malattia, è necessario condurre un esame approfondito.

Come accennato in precedenza, la causa principale dell'anemia sideropenica è la perdita di sangue associata all'utero o al tratto gastrointestinale. Pertanto, le donne con anemia devono essere esaminate da un ginecologo e, se vi sono indicazioni, deve essere eseguita un'ecografia pelvica. Inoltre, tutti i pazienti devono esaminare attentamente lo stomaco e l'intestino. Ciò implica un EGD, colonscopia o irrigoscopia (esame dell'intestino crasso), una sigmoidoscopia (esame del retto).

Inoltre, l'anemia può essere associata a un processo tumorale di qualsiasi localizzazione. Pertanto, a quanto sopra dovrebbe essere aggiunta una radiografia dei polmoni e un'ecografia della cavità addominale e dei reni.

Le anemie possono essere una complicazione di molte malattie infettive - tubercolosi, epatite, HIV, così come un certo numero di malattie autoimmuni - artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, sclerodermia sistemica e altri. Questo deve essere ricordato in casi difficili e poco chiari. L'anemia, grave e resistente al trattamento, è spesso osservata nell'ipotiroidismo (una diminuzione della funzione tiroidea) e in numerose malattie renali (principalmente glomerulonefrite). Se sospetti di queste malattie, il medico deve assegnare gli esami appropriati.

Prevenzione e trattamento dell'anemia sideropenica

Il trattamento delle anemie è tanto vario quanto le loro cause. Tuttavia, poiché l'anemia più comune è la carenza di ferro, ha senso parlare di più sul suo trattamento e sulla sua prevenzione.

La prevenzione dell'anemia da carenza di ferro richiede, soprattutto, un trattamento corretto e tempestivo delle malattie del tratto gastrointestinale, nonché dei fibromi e di altre malattie della sfera riproduttiva femminile. Spesso, le persone sottovalutano il pericolo di emorroidi sanguinanti o di mestruazioni lunghe e pesanti e talvolta si sentono libere di andare dal dottore con una tale "sciocchezza". Un simile atteggiamento nei confronti della loro salute è fondamentalmente sbagliato.

Inoltre, è necessario mangiare razionalmente. Il veganismo spesso porta all'anemia. La carne è una fonte di proteine ​​non solo contenenti un numero di amminoacidi essenziali, ma anche di ferro, ed è molto più economica rispetto ai prodotti di origine vegetale. Altre fonti di ferro eme includono i reni e il fegato. Inoltre, dobbiamo ricordare che solo i prodotti animali contengono vitamina B12. Dai cibi vegetali si trova molto ferro in legumi, spinaci, prezzemolo, frutta secca (albicocche secche, prugne secche, uva passa), pane, mele. Pertanto, una rigorosa dieta vegetariana è fortemente carente di ferro. Aderire a tale dieta può essere solo con l'assunzione costante di vitamine appositamente selezionate e con il controllo del livello di emoglobina. Allo stesso tempo, il vegetarismo ovolattico (in cui le uova e i latticini sono ammessi negli alimenti) può fornire all'organismo le sostanze necessarie. È vero, in questo caso è anche auspicabile osservare un nutrizionista esperto, per monitorare l'immagine del sangue. In generale, non è raccomandato rifiutare la carne senza indicazioni. Dai prodotti vegetali, si dovrebbe prestare attenzione ai frutti secchi (che sono anche una fonte di potassio e fosforo), al pane integrale (che aiuta a prevenire la stitichezza) e ai verdi.

L'anemia da carenza di ferro viene trattata naturalmente con preparazioni di ferro. Al giorno d'oggi, la loro scelta è molto varia. Ci sono compresse e forme iniettabili, farmaci monocomponenti (cioè, non contenenti nient'altro che ferro) e combinati, così come farmaci in cui il ferro è contenuto in forma ionica (sale) o non ionica. È noto che il ferro è meglio assorbito in presenza di acido ascorbico, quindi questa combinazione è molto diffusa (Ferroplex, Sorbifer, Tardiferferron). In una serie di preparazioni, il ferro è combinato con varie vitamine (Globiron-N) o elementi in traccia (Totem). Feronal, Ferrogradument, Hemofer si riferiscono a mono-preparati di ferro ionico. Questi farmaci sono più spesso usati quando il paziente è allergico a componenti aggiuntivi di farmaci. In questi casi, i farmaci mono-componente sembrano essere più sicuri. Tutte le preparazioni di ferro ionico si distinguono per una buona digeribilità, sono efficaci nel trattamento, ma sono spesso scarsamente tollerate. Gli effetti collaterali del tratto gastrointestinale, dalla perdita di appetito al vomito ripetuto, sono talvolta costretti a interrompere il trattamento.

Esistono anche farmaci che usano il ferro in forma non ionica, in composti con complesso di maltosio. Questi sono farmaci come Maltofer, Fenuls, Ferrum Lek. Rispetto ai preparati di ferro ionico, sono meglio tollerati, meno soggetti a causare effetti collaterali, come nausea, stitichezza o diarrea, perdita di appetito, sapore sgradevole in bocca. Attualmente, questo gruppo di farmaci è più spesso utilizzato nel trattamento dell'anemia.

Le forme iniettabili di ferro sono prescritte molto raramente. Il ferro è scarsamente assorbito dal sito di iniezione, rimangono ematomi con un alto rischio di suppurazione. Inoltre, la somministrazione intramuscolare o endovenosa di ferro aumenta significativamente il rischio di sovradosaggio. Pertanto, questo appuntamento è giustificato solo in malattie che violano bruscamente l'assorbimento di ferro nell'intestino (pronunciata infiammazione dell'intestino, deplezione della diarrea).

La medicina tradizionale offre molti "consigli utili" per l'anemia. Sfortunatamente, quasi tutti, su un'attenta considerazione, risultano insostenibili. Quindi, l'idea che carote, barbabietole e melograni siano utili nell'anemia è molto diffusa. Questo pregiudizio si basa principalmente sul loro colore rosso. In effetti, nessuno di questi prodotti è una fonte di ferro. È vero, nelle carote e nelle barbabietole c'è l'acido folico, ma le anemie da deficienza folica sono molto meno comuni della carenza di ferro. Nel frattempo, questi prodotti possono causare problemi di salute se sono incontrollati. La barbabietola si indebolisce, il che viola ulteriormente l'assorbibilità del ferro. Non aiutare con anemia e noci con frutta secca.

In generale, dobbiamo ricordare che il trattamento dovrebbe sempre essere prescritto solo da un medico. E il paziente è tenuto a trattare la sua salute coscienziosamente, a non rifiutare l'esame ea non interrompere il trattamento al primo miglioramento della salute.

L'anemia è una malattia dalla categoria di "tutti sanno come trattarla". È diventato pallido e debole - il ferro non è abbastanza! si, certo. Mia sorella risultò dalla categoria dei medici di famiglia: all'età di 6 anni, mio ​​figlio cominciò a impallidire e avvizzire, secondo le analisi più generali, è sano, dice il pediatra - mangia vitamine e pillole contenenti ferro. In generale, va tutto bene, ma il ragazzo sta peggiorando. Mia madre e io siamo già intervenuti, li abbiamo portati agli Eli pagati per test, donato biochimica del sangue, CSH, controllato l'emorragia, alla fine ha rivelato anemia, ma sullo sfondo di problemi con l'assorbimento nell'intestino.