Cos'è un carcinoide polmonare pericoloso?

Il carcinoide è una formazione non aggressiva e potenzialmente maligna in grado di sintetizzare sostanze attive a livello ormonale. Si riferisce al tipo di formazioni neuroendocrine costituite da cellule del sistema diffuso, presenti in tutti gli organi interni. L'apparato broncopolmonare occupa una posizione predominante nel numero di queste strutture, passando in avanti solo il sistema digestivo, quindi il carcinoide polmonare è una patologia abbastanza comune.

Eziologia della malattia

Le cellule neuroendocrine che formano i tumori si sviluppano nell'area della cresta neurale anche nel periodo prenatale e poi migrano verso i polmoni. Anche tali formazioni includono granuli neurosecretori, che sintetizzano ammine biogeniche (istamina, adrenalina, norepinefrina, prostaglandine) e ormoni.

Carcinoide che colpisce i polmoni è indicato come un tipo prossimale di cancro. Con questo tipo di educazione, i tassi di rilascio di elementi bioattivi sono piuttosto bassi o completamente assenti. Inoltre, va notato che la malattia non ha un quadro clinico chiaro e sviluppato. L'unica cosa di cui puoi parlare sono i fattori predisponenti. Tra questi ci sono:

  • predisposizione genetica (presenza di molteplici neoplasie endocrine);
  • abuso di alcool e fumo;
  • patologie dell'apparato digerente;
  • neyrofibramatoz;
  • genere maschile.

Se parliamo di età, non influisce sullo sviluppo di questo tipo di educazione.

Classificazione delle specie

Secondo la sua struttura cellulare, questo tipo di cancro è diviso in due categorie:

Un tipico carcinoide polmonare è un'anormalità neuroendocrina altamente differenziata, formata dalle cellule più piccole con grandi nuclei e granuli, che sintetizzano il segreto. Anche questo tipo di tumore ha una sua classificazione.

trabecolare

La sua caratteristica distintiva è che le cellule atipiche, di regola, sono separate da strati fibrosi specifici.

ghiandolare

Questo tipo di patologia viene anche chiamata adenocarcinoma. Spesso, tali formazioni si trovano sulle membrane mucose e la sua superficie è coperta da uno strato epiteliale prismatico. La struttura del tumore è ghiandolare.

indifferenziato

È caratterizzato da nucleazione nello strato epiteliale, rapida diffusione in tutto il corpo e formazione attiva di metastasi.

misto

Come suggerisce il nome, questo tipo combina le caratteristiche dei suddetti tipi di carcinoide tipico.

Manifestazioni cliniche

La patologia è diagnosticata in entrambi i sessi. Di regola, l'età non gioca un ruolo in questa materia: ci sono prove della scoperta di questo tipo di patologia in persone dai 10 agli 80 anni. Le neoplasie carcinoidi maligne sono spesso localizzate nella parte centrale dell'organo, in prossimità dei grandi bronchi (un po 'meno spesso si trovano nel parenchima).

La tosse secca è uno dei possibili sintomi del carcinoide polmonare

I sintomi evidenti possono essere considerati ricorrenza di polmonite. Negli ammalati, ci sono attacchi di tosse secca, che non apportano sollievo, l'espettorato è minimo, ma con striature o coaguli di sangue. I segni della malattia sono molto simili all'ostruzione dei polmoni o all'asma bronchiale, con attacchi di asma intrinseci. Simultaneamente con carcinoide, si nota anche il declino del lobo polmonare danneggiato. Ma nel 30% dei casi la malattia è asintomatica e viene rilevata solo durante un esame di routine.

In altri pazienti, oltre ai già citati sintomi, può svilupparsi in parallelo una sindrome ectopica, per la quale è tipica una maggiore secrezione ormonale sintetizzata dalle cellule tumorali. I sintomi della sindrome di Itsenko-Cushing sono:

  • eccesso di tessuto adiposo nell'addome, torace, collo e viso;
  • braccia e gambe sottili a causa della perdita di massa muscolare;
  • smagliature nei fianchi, glutei e addome;
  • rossore rossastro con sfumature blu;
  • caratteristiche arrotondate;
  • acne.

Inoltre, le lesioni cutanee si curano molto lentamente e nelle donne c'è un modello maschile di crescita dei capelli. Anche la fragilità delle ossa aumenta e gli indici di pressione sanguigna aumentano nel tempo. Occasionalmente possono verificarsi disturbi gastrointestinali, crampi addominali o diarrea. I difetti cardiaci dei carcinoidi possono svilupparsi e possono verificarsi vampate di calore. Metastasi non escluse e distanti nel fegato.

diagnostica

Quando sorge il sospetto di sviluppo di un processo oncologico nei polmoni di una persona, questi vengono accuratamente esaminati usando tecniche di laboratorio e strumentali. Iniziano la diagnosi, di solito con un esame del sangue e delle urine, e poi esaminano attentamente l'apparato respiratorio. Il più delle volte, il carcinode polmonare viene rilevato durante la fluorografia.

Ma per rendere l'informazione più completa, al paziente viene prescritta una TAC. Questo metodo diagnostico descrive molto chiaramente la metamorfosi patologica del tessuto polmonare, fornendo la propria immagine in diverse proiezioni. Inoltre, vengono spesso esaminati anche il sistema linfatico del corpo e il sistema muscolo-scheletrico.

TAC: uno dei metodi per diagnosticare il carcinoide polmonare

Quando viene rilevato un tumore, viene eseguita la broncoscopia: viene raccolto un biomateriale per l'esame istologico. In questo caso, il campione di tessuto ottenuto viene esaminato attentamente al microscopio per determinare la natura del tumore: benigno o maligno. Ma per una diagnosi accurata è altrettanto importante identificare la presenza di ormoni e di elementi bioattivi sintetizzati dalle cellule tumorali.

Per ottenere ciò, una piccola quantità di agenti simili all'istamina viene iniettata nel corpo di un individuo. Se dopo questo il paziente ha una reazione vegetativa (vampate al collo e alla testa, aritmia, crampi addominali), allora questo indica un carcinoide funzionante.

Oltre ai metodi diagnostici sopra indicati, puoi applicare:

  • Risonanza magnetica (per un'immagine più accurata del corpo);
  • scintigrafia (input di radioisotopi per ottenere un'immagine bidimensionale dell'organo);
  • tomografia a emissione di positroni (esame con radionuclidi di organi).

trattamento

La base della terapia carcinoide è il trattamento del tumore primario. È determinato durante la diagnosi. Rivelare anche il suo carattere, il palcoscenico, le dimensioni e la posizione. Inoltre, i metodi di trattamento della patologia sono determinati:

  • funzionamento;
  • radiazioni e chemioterapia;
  • trattamento farmacologico conservativo.

Terapia farmacologica

La terapia farmacologica conservativa si basa principalmente sugli interferoni e sulla somatostatina (Roferon-A, Reaferon, Tamoxifen). Queste medicine riducono la quantità di ormoni sintetizzati dal cancro e contrastano la crescita della formazione e le sue metastasi. Inoltre, la medicina non si ferma e ora sta attivamente applicando nuovi approcci nel trattamento di questa patologia. Tra questi ci sono droghe mirate di azione direzionale, in particolare, un inibitore dell'angiogenesi che interferisce con la crescita dei vasi del neoplasma.

Per il trattamento del carcinoide polmonare applicare IFN

Inoltre, la terapia carcinoide comprende anche alleviare i sintomi della malattia. Quindi, per ridurre l'intensità del disagio durante le vampate di calore, ai pazienti viene prescritta fenolamina e fenotiazine. Se le maree sono particolarmente forti, viene nominato Prednisone. La codeina o la ciproeptadina aiuta a superare la possibile diarrea e i farmaci antipertensivi forniscono una riduzione della pressione sanguigna.

Intervento chirurgico

Questa è la principale misura terapeutica applicata ai pazienti con tale diagnosi. Durante l'intervento chirurgico, viene eseguita una resezione anatomica al paziente - rimozione di un segmento o lobo del polmone. Di norma, il parenchima rimane intatto. In questo caso, l'escissione della neoplasia può essere:

  • minimamente invasivo;
  • radicale;
  • palliative.
La chirurgia è uno dei modi per trattare il carcinoide polmonare

Il tumore viene principalmente rimosso con un metodo radicale con tessuti e linfonodi circostanti. Nelle circostanze in cui la formazione ha colpito anche il bronco, viene eseguita la rimozione della parte danneggiata dell'albero e vengono applicate speciali suture per allineare il tessuto cartilagineo. Dopo interventi così radicali, le recidive sono rare. La chirurgia palliativa viene eseguita già con metastasi tumorali. In questo caso, vengono eliminati ampi focolai di carcinoidi per ridurre l'attività endocrina del tumore ed eliminare i sintomi.

chemioterapia

Oltre a un pronto intervento medico, possono essere utilizzati chemioterapia e radioterapia. Spesso si ricorre a questi metodi quando vengono rilevate metastasi dopo l'escissione di carcinomi e in presenza di disturbi funzionali del fegato, del cuore o a concentrazioni elevate di 5-HIAA nelle urine. Al fine di evitare crisi di carcinoide, il trattamento è iniziato con dosi minori. Di regola, tali metodi hanno un'efficienza molto bassa. Solo nel 30% dei pazienti si osserva un miglioramento e si verifica una remissione semestrale.

prospettiva

Come già accennato, nella maggior parte dei casi, questa patologia non è considerata particolarmente pericolosa e la prognosi è abbastanza favorevole. Quindi, in una forma tipica di carcinoide, dopo l'escissione radicale del tumore e se non si osserva metastasi, si verifica il recupero completo. L'aspettativa di vita supera i 15 anni in quasi il 95% dei pazienti.

Nel caso di una forma atipica della malattia, le cose vanno peggio. Solo la metà dei pazienti supera il limite di sopravvivenza a cinque anni e solo il 30% dei pazienti ha vissuto per più di 10 anni. Inoltre, se la forma atipica è accompagnata da metastasi dei linfonodi, allora un tasso di sopravvivenza a cinque anni si osserva solo nel 20% dei casi. Ecco perché, quando viene rilevato un carcinoide atipico, il trattamento che comporta la conservazione dell'organo interessato è assolutamente inappropriato.

prevenzione

Sfortunatamente, per quanto riguarda il carcinoide polmonare, come nel caso di altre malattie oncologiche, misure profilattiche specifiche semplicemente non esistono. Tuttavia, ci sono raccomandazioni generali che aiutano a ridurre il rischio di cancro. Di norma, tali misure comprendono l'abbandono di cattive abitudini (abuso di alcol, droghe, nicotina, eccesso di cibo sistematico), uno stile di vita sano, un regolare esercizio fisico e una corretta alimentazione e l'eliminazione di sostanze oncogene. Solo in questo caso, si può sperare che un simile problema sia solo speculativo.

Carcinoide - sintomi e trattamento

Chirurgo, esperienza 3 anni

Pubblicato il 7 settembre 2018

Il contenuto

Cos'è un carcinoide? Le cause, la diagnosi e i metodi di trattamento saranno discussi nell'articolo del Dr. Lednev A.N., un chirurgo con esperienza di 3 anni.

Definizione della malattia. Cause di malattia

Carcinoide (carcinoide o tumore neuroendocrino) è un tipo di tumore maligno a crescita lenta che origina da cellule del sistema neuroendocrino.

Il sistema neuroendocrino (NES) è una divisione del sistema endocrino, le cui cellule sono sparse in tutto il corpo ed eseguono la funzione regolatrice di organi e sistemi attraverso la produzione di sostanze ormone-attive. [1]

I tumori carcinoidi possono svilupparsi in qualsiasi organo, ma sono più spesso localizzati negli organi del tratto gastrointestinale (GIT - stomaco, intestino tenue e crasso), polmoni, timo, pancreas e reni.

A causa dell'elevata attività ormonale delle cellule del HES, con lo sviluppo del processo tumorale (divisione cellulare incontrollata), un gran numero di sostanze attive a livello ormonale entra nel sangue. In medicina, questa situazione è chiamata "sindrome carcinoide" e può manifestarsi sotto forma di:

  • vampate di calore;
  • diarrea persistente (cioè prolungata - più di 14 giorni);
  • lesione fibrosa della metà destra del cuore;
  • dolore allo stomaco;
  • broncospasmo.

Le cause esatte dei tumori carcinoidi non sono noti. Tuttavia, ci sono una serie di fattori che suggeriscono un aumento del rischio di sviluppare questa malattia:

  • Sesso - le donne hanno una maggiore probabilità di sviluppare un tumore carcinoide rispetto agli uomini.
  • Età: nella maggior parte dei casi, i tumori carcinoidi vengono diagnosticati all'età di 40-50 anni.
  • Eredità - la presenza di più neoplasia endocrina (tumori) di tipo I (MEN I) nella famiglia immediata aumenta il rischio di sviluppare tumori carcinoidi. Nei pazienti con MEN I, tumori multipli si sviluppano nelle ghiandole del sistema endocrino.

I sintomi del carcinoide

Lo sviluppo di un tumore carcinoide in sé raramente ha manifestazioni cliniche. Tutti i sintomi principali sono associati al rilascio di una grande quantità di sostanze attive a livello ormonale nel sangue, cioè con la sindrome carcinoide.

Le principali manifestazioni della sindrome carcinoide sono:

  • vampate di calore;
  • diarrea;
  • dolore addominale;
  • mancanza di respiro;
  • danno della valvola cardiaca;
  • eruzione cutanea.

Spesso, i pazienti con diagnosi di sindrome carcinoide sono osservati da un neurologo o uno psichiatra. La ragione di ciò è la natura dei reclami, che indica violazioni nel lavoro del sistema nervoso centrale.

Il rossore del viso e del collo è il sintomo più comune di questa malattia.

L'inizio di una tipica marea è improvviso. È caratteristico di lui:

  • colorazione rossa del viso e della parte superiore del corpo;
  • sudorazione che dura diversi minuti.

Durante il giorno, un attacco può verificarsi più volte. A volte può essere accompagnato da forti strappi e essere innescato dall'alcol o dall'assunzione di cibo che contiene tiramina (cioccolato, noci, banane). Spesso questa condizione è considerata come vampate di calore in menopausa e rimane senza particolare attenzione.

A volte ci sono rari sintomi di sindrome carcinoide, che sono il risultato di tumori di alcuni tipi di cellule NES, chiaramente associati a vari organi.

Nel pancreas emettono:

  • gastrinomi (sindrome di Zollinger - Ellison);
  • insulinoma;
  • Vipoma (sindrome di Werner-Morrison);
  • glucagonomi.

Ci sono anche un numero di tumori che secernono (producono) ormoni ectopici, cioè, oltre all'organo principale del corpo che produce un determinato ormone, un tumore si sviluppa nel corpo, rilasciando contemporaneamente lo stesso ormone.

La produzione ectopica più comune di ormone adrenocorticotropo (ACTH), con conseguente pazienti acquisiscono l'aspetto caratteristico dei pazienti con sindrome di Itsenko-Cushing. Tuttavia, in pratica, questi tumori sono rari e hanno un quadro clinico specifico.

Patogenesi del carcinoide

Il collegamento principale nella patogenesi di tutte le malattie oncologiche è la divisione cellulare incontrollata. Tuttavia, con lo sviluppo di un tumore nel sistema neuroendocrino, la differenza principale è che le cellule di questo tessuto hanno la capacità di produrre sostanze attive con l'ormone.

Il NES è una vasta rete cellulare disseminata in tutto il corpo, che, rilasciando sostanze ormono-attive, è coinvolta nella regolazione del lavoro di organi e sistemi. Con lo sviluppo di un tumore e una divisione incontrollata, queste cellule iniziano a produrre una maggiore quantità di sostanze attive a livello ormonale.

La principale sostanza vasoattiva prodotta è la serotonina. Tuttavia, è più probabile che le vampate di calore derivino dalla secrezione di callicreina. Questo è un enzima (acceleratore) che è coinvolto nella formazione di lisilbradichinina. Inoltre, questo polipeptide si trasforma in bradichinina - uno dei vasodilatatori più potenti.

Altri componenti della sindrome carcinoide sono:

  • diarrea (associata ad un aumento della produzione di serotonina, che aumenta significativamente la peristalsi (contrazione degli organi cavi), lasciando meno tempo per l'assorbimento del liquido nell'intestino);
  • lesioni fibrose del muscolo cardiaco (specialmente delle parti giuste, che portano all'insufficienza delle valvole cardiache);
  • broncospasmo.

La patogenesi del danno al muscolo cardiaco e al broncospasmo è complessa e comporta l'attivazione dei recettori della serotonina 5-HT2B. [2]

Quando un tumore primario si trova nel tratto gastrointestinale, la serotonina e la callicreina si disintegrano nel fegato e le manifestazioni della sindrome carcinoide non si verificano fino a quando le metastasi non appaiono nel fegato, o il tumore carcinoide non è accompagnato da insufficienza epatica (cirrosi).

Le neoplasie carcinoidi della localizzazione broncopolmonare possono provocare lo sviluppo della sindrome carcinoide e senza metastasi epatiche. Queste differenze sono associate alla caratteristica dell'erogazione di sangue, in cui il flusso di sangue dagli organi gastrointestinali avviene attraverso il fegato e viene filtrato in esso, e il deflusso di sangue dagli organi del torace avviene immediatamente nella circolazione sistemica.

Classificazione e fasi dello sviluppo carcinoide

La classificazione dei carcinoidi si basa sulla valutazione di vari fattori.

I. Per localizzazione

A seconda della posizione del tumore primario emettono:

  • tumori carcinoidi del petto (polmoni, bronchi, timo) - costituiscono circa il 25% del numero totale di tumori NES;
  • tumori dell'apparato digerente - costituiscono oltre il 60% del numero totale di tumori NES [3]

II. In base al grado di differenziazione e al potenziale di malignità [7]

Formazione di carcinoide polmonare, sviluppo e quadro clinico, prognosi

Il carcinoide è un tumore neuroendocrino. È formato da cellule del DES (sistema neuroendocrino diffuso), che sono disperse in tutti gli organi interni. Il sistema bronco-polmonare si trova sul secondo post dal numero di queste cellule dopo il tratto digestivo. Il carcinoide del polmone è una neoplasia maligna non aggressiva che, con una diagnosi tempestiva e l'approccio corretto al trattamento, ha un esito favorevole.

Il meccanismo dello sviluppo del tumore

Le cellule neuroendocrine, da cui si sviluppa il cancro, hanno origine durante il periodo di sviluppo intrauterino nella cresta neurale, quindi migrano nei polmoni. Il tumore contiene granuli neurosecretori che producono ammine biogeniche (adrenalina, norepinefrina, istamina, serotonina, prostaglandine), ormoni.

La patologia si riferisce al tipo prossimale di neoplasia, quando la secrezione di sostanze biologicamente attive è bassa o assente, mentre non esiste un quadro clinico chiaro e dettagliato della malattia.

A seconda della struttura cellulare, il cancro è diviso in due tipi.

Un tipico carcinoide è una malattia neuroendocrina altamente differenziata. Il tumore è formato da piccole cellule con grandi nuclei e granuli che producono un segreto. Sono suddivisi in sottospecie:

  • trabecolare - cellule atipiche sono separate da strati fibrosi;
  • ghiandolare (adnocarcinoma) - il tumore si trova sulla membrana mucosa, ricoperta da uno strato epiteliale prismatico, di struttura ghiandolare;
  • indifferenziato - forme nell'epitelio, cresce rapidamente e dà metastasi;
  • misto.

Carcinoide polmonare atipico si verifica nel 10-25% dei casi. Questo tumore è di natura aggressiva, cresce rapidamente, ha un'elevata attività ormonale e metastatizza attraverso il corpo. La neoplasia assomiglia ad un infiltrato, la cui struttura è disorganizzata, costituita da grandi cellule pleomorfe. Foci di necrosi possono verificarsi nei polmoni.

Fattori che contribuiscono allo sviluppo del cancro:

  • ereditarietà;
  • forme gravi di infezione virale;
  • intossicazione cronica del corpo con nicotina, alcol.

Il quadro clinico della patologia

Il tumore si trova nella stessa proporzione tra uomini e donne, la fascia di età copre i pazienti da 10 a 80 anni. La malignità più spesso (65%) si trova nel centro del polmone (area della radice), vicino ai grandi bronchi, meno spesso (35%) nel parenchima.

I sintomi clinici severi iniziano con polmonite ricorrente. I pazienti hanno una tosse secca non produttiva, espettorazione di espettorato scarso con striature di sangue o coaguli. I sintomi della malattia sono simili a ostruzione bronchiale, asma con attacchi d'asma. Allo stesso tempo si sviluppa atelettasia (collasso) del lobo interessato.

In ogni terzo paziente, la patologia è asintomatica. Il cancro viene rilevato per caso durante un esame profilattico.

Allo stesso tempo, si sviluppa una sindrome ectopica associata ad un aumento della secrezione di ormoni prodotti dalle cellule tumorali.

Sintomi della sindrome di Itsenko-Cushing:

  • eccesso di tessuto adiposo nel collo, viso, petto, addome;
  • caratteristiche lunari;
  • rossore rosso sulle guance con una tinta blu;
  • braccia e gambe sottili a causa della perdita di massa muscolare;
  • smagliature (smagliature) nell'addome, glutei, fianchi;
  • acne.

Le ferite dell'epidermide guariscono lentamente. Le donne hanno i capelli facciali in eccesso. La fragilità delle ossa aumenta. Gli indicatori di pressione sanguigna stanno aumentando gradualmente.

Raramente osservato disturbi funzionali del tratto gastrointestinale sotto forma di crampi addominali, diarrea. Manifestazioni di vampate di calore sviluppano difetti cardiaci carcinoidi.

Le metastasi distanti si trovano più comunemente nel fegato.

Misure diagnostiche

Nell'esame del paziente utilizzando metodi di laboratorio e strumentali per la diagnosi del cancro. Effettuare un'analisi clinica del sangue e delle urine. Esamina gli organi del torace.

Un tumore carcinoide polmonare viene inizialmente rilevato su una radiografia. Per ottenere un quadro più completo della malattia, un paziente è sottoposto a una scansione TC, che mostra chiaramente i cambiamenti nei tessuti in tre proiezioni.

Esaminare anche l'osso e il sistema linfatico.

Quando viene rilevato un tumore, viene eseguita la broncoscopia per ottenere un biomateriale per l'esame istologico. Uno striscio citologico viene preparato da campioni di tessuto e la natura della neoplasia viene valutata al microscopio.

Per la diagnosi è importante identificare la presenza di ormoni e sostanze biologicamente attive secrete dai carcinoidi. Piccole dosi di droghe simili a istamina vengono iniettate nel corpo. Se un paziente ha un tipo vegetativo di reazione - maree del collo e della testa, aritmia, crampi addominali, questo indica un carcinoide funzionante.

Ulteriori metodi di indagine:

  • tomografia a emissione di positroni - studio del radionuclide degli organi interni;
  • risonanza magnetica - utilizzando il fenomeno della risonanza magnetica nucleare per ottenere un'immagine di un organo;
  • scintigrafia - l'introduzione di isotopi radioattivi nel corpo per ottenere un'immagine bidimensionale del corpo.

Metodi di trattamento dei tumori carcinoidi

Il principale metodo di trattamento del carcinoide polmonare è la rimozione chirurgica dei tessuti colpiti. Per fare ciò, eseguire la resezione anatomica. Segmento asportato o lobo polmonare, mentre è lasciato il parenchima sano. Con questo approccio, le recidive della malattia sono registrate estremamente raramente. Il trattamento dà risultati positivi a lungo termine.

Se il tumore ha germinato nel bronco, una sezione dell'albero bronchiale viene asportata e si forma un'anastomosi, la sutura di punti assorbibili. L'obiettivo è l'allineamento degli anelli cartilaginei dei bronchi.

Se viene rilevato un carcinoide polmonare atipico, il trattamento con la conservazione dell'organo interessato non è pratico.

Quando il cancro si trova nel polmone, i linfonodi mediastinici e il tessuto nell'area mediastinica vengono rimossi.

In parallelo, prescritto chemioterapia, radiazioni di onde radio, l'uso di potenti farmaci immunitari. Fondo ormonale corrotto dalla droga del corpo.

Il carcinoide del polmone è un tumore non pericoloso. Con una forma tipica di neoplasia, la sopravvivenza a 5 anni è del 90-100%. Il decorso aggressivo atipico della malattia dà risultati meno soddisfacenti, il tasso di sopravvivenza a 5 anni non supera il 40-60%. Per la sopravvivenza a 10 anni, questa soglia è inferiore al 30%. Dopo la resezione del tumore, anche se le cellule tumorali rimangono lungo la linea di incisione, il tumore dà raramente ricadute. Ogni quarto paziente può vivere fino a 25 anni. Con metastasi linfonodali, la sopravvivenza a 5 anni è solo del 20%.

Carcinoide: cos'è, aspettativa di vita con tumore carcinoide

Sindrome carcinoide - un complesso di sintomi che si verifica quando ci sono tumori neuroendocrini nel corpo. È caratterizzato dal rilascio di prodotti di secrezione di carcinoidi nel BAS di sangue, che comprendono serotonina, prostaglandine, bradichinina, istamina, ecc. Più gli ormoni che il carcinoide emette, più luminose sono le manifestazioni della sindrome. L'incidenza della sindrome - 20% dei pazienti con carcinoidi. Tale tumore carcinoide è praticamente in grado di localizzare ovunque, è caratterizzato da una crescita lenta. Pertanto, in base alla diagnosi precoce di tale sindrome, può verificarsi una cura completa.

Essenza di patologia

Per la prima volta un tumore fu trovato sull'intestino tenue e descritto da Langans nel 1867 durante l'autopsia. Negli anni '50 del XX secolo, i tumori sono stati descritti in dettaglio e l'incidenza della sindrome carcinoide in essi è stata rivelata. I carcinoidi sono stati a lungo considerati benigni, ma negli ultimi 10-15 anni la loro neoplasia è stata dimostrata.

Se parliamo della percentuale di localizzazione dei carcinomi, l'immagine è la seguente:

  • Il 39% cade sull'intestino tenue;
  • 26% - processo vermiforme;
  • Retto del 15%;
  • fino al 5% - colocarcinoma;
  • 2-4% per lo stomaco e il pancreas;
  • 1% per danni al fegato;
  • 10% - polmoni.

Carcino-polmone è l'1-2% di tutti i tumori polmonari. È tipico e atipico nella forma.

Il tipico carcinoide del polmone produce un piccolo BAS, spesso procede senza sintomi. Il 10% di esso viene rilevato per caso all'autopsia. Le metastasi a distanza sono rare.

I sintomi del carcinoide polmonare dipendono dalla sua localizzazione: nella zona centrale, centrale o periferica del parenchima. Il carcinoide polmonare periferico non ha quasi sintomi e può essere rilevato mediante fluorografia.

Centrale colpisce i grandi bronchi, le sue manifestazioni - non passando tosse, torakalgii, difficoltà di respirazione e tosse con sangue.

Il carcinoide atipico rappresenta il 10% di tutti i carcinoidi polmonari. Accompagnato dalla sindrome carcinoide nel 7% di questi pazienti. L'atipicità si manifesta nella sua aggressività e malignità; nell'86% dei casi, metastatizza presto il fegato e i linfonodi mediastinici. Più spesso si trova sulla periferia dei polmoni. La sindrome carcinoide non fa differenze di sesso, si ammalano in 50-60 anni.

Eziologia del fenomeno

  • predisposizione genetica (presenza di molteplici neoplasie endocrine);
  • genere maschile;
  • alcol e fumo;
  • neyfibromatoz;
  • patologia gastrica.

L'età non ha importanza.

Forme della malattia

Secondo i suoi sintomi clinici, la sindrome è divisa in:

  • Sindrome carcinoide latente - mentre non c'è clinica, ma ci sono cambiamenti nelle urine e nel sangue;
  • sindrome carcinoide senza determinare la neoplasia primaria e le sue metastasi;
  • sindrome + carcinoma e metastasi identificati.

La base principale per l'aspetto della sindrome è l'attività ormonale dei tessuti di carcinoma; loro stessi vengono dagli apudociti. È un sistema neuroendocrino diffuso, che ha 60 tipi di cellule e si trova in qualsiasi tessuto del corpo.

La gravità dei sintomi dipende dalle fluttuazioni nella concentrazione delle secrezioni di carcinoma. La serotonina è la più importante. La sindrome non è un componente essenziale nei tumori neuroendocrini. Ad esempio, nei carcinomi intestinali, si verifica dopo metastasi epatiche.

Con carcinomi in altri organi (ad esempio carcinoide del polmone, dell'ovaio, del pancreas), la sindrome si manifesta precocemente, anche prima delle metastasi. Questo perché il sangue di loro attraverso la vena porta non passa e non viene eliminato dalla secrezione di carcinoma.

I sintomi della sindrome e la loro dipendenza

L'aumento della serotonina causa diarrea (nel 75% dei casi), attacchi di dolore addominale, compromissione dell'assorbimento di nutrienti nell'intestino tenue e danni al muscolo cardiaco. L'endocardio della metà destra del cuore rinasce e viene sostituito da tessuto fibroso.

Una lesione rara della metà sinistra si verifica perché il sangue con la serotonina passa attraverso i polmoni, dove la serotonina viene distrutta. I cambiamenti fibrosi dell'endocardio portano all'insolvenza delle valvole tricuspide e polmonare e provocano un restringimento di a. rulmonalis.

Tutto ciò porta allo sviluppo di insufficienza cardiaca e al fenomeno della stagnazione del sangue nel circolo aortico. Ciò si esprime nello sviluppo di ascite, edema delle gambe, sindrome del dolore epatico a causa di epatomegalia, pulsazione e gonfiore delle vene giugulari. Aumentare la concentrazione di istamina e bradichinina - colpevole della comparsa di vampate di calore. Questo sintomo si verifica nel 90% dei pazienti. Il ruolo di qualche altro BAS non è chiaro.

Maree - qualcosa di simile alle maree durante la menopausa. Sono espressi in un'improvvisa apparizione periodica di un forte arrossamento della metà superiore del corpo.

Questo è particolarmente pronunciato sul viso, accompagnato da sclera rossa e lacrimazione pronunciata. L'iperemia è anche nella parte posteriore della testa, collo. C'è allo stesso tempo una sensazione di calore, bruciore e intorpidimento. L'INFERNO scende, l'impulso accelera.

Il sangue fuoriesce dal cervello, possono verificarsi vertigini. Innanzitutto, la frequenza delle maree è limitata una volta alla settimana. Quindi il numero aumenta a 10-20 ogni giorno. La marea di attacco può contenere diverse ore.

Ci sono alcuni provocatori di questi fattori: assunzione di alcol, spezie, cibi piccanti e grassi, aumento dello stress psicofisico, trattamento di farmaci che aumentano la serotonina. Le maree spontanee sono rare.

Diarrea - la sua comparsa è dovuta al fatto che la serotonina aumenta la peristalsi intestinale. La diarrea diventa costante, ma diversa nella gravità. A causa del malassorbimento dell'assorbimento di nutrienti, si verifica ipovitaminosi.

Dolore addominale: possono essere causati dalla crescita del carcinoma, che crea un ostacolo meccanico all'avanzamento del bolo alimentare.

Con un lungo decorso di sindrome carcinoide, si manifesta sonnolenza, diminuzione del tono muscolare; l'affaticamento aumenta, il peso diminuisce, la secchezza della pelle e la sete compaiono. Nella corsa, la pelle trofica peggiora, l'edema, i segni di anemia compaiono e diminuisce la mineralizzazione ossea.

Nel 10% dei casi, la sindrome si manifesta come broncospasmo, dispnea espiratoria, quando l'espirazione è difficile. Auscultazione - respiro affannoso.

La sindrome carcinoide può manifestarsi da un lato molto minaccioso nella forma di una crisi carcinoide durante qualsiasi operazione.

Allo stesso tempo, la pressione sanguigna cala bruscamente, si verificano tachicardia, broncospasmo e iperglicemia. Un tale shock può finire nella morte.

Quindi, riassumendo e riassumendo tutti i sintomi, il carcinoide intestinale dà manifestazioni della sindrome sotto forma di: dolore addominale parossistico, nausea, possibile vomito, diarrea, ascite; la sindrome carcinoide dell'appendice regredisce con appendicectomia. Carcinoma dello stomaco - si verifica più spesso e ci sono 3 tipi. Il tumore è piuttosto aggressivo in termini di metastasi.

Tipo I - dimensione del tumore inferiore a 1 cm; il più delle volte è benigno e ha una buona prognosi.

Tipo II - dimensione dell'istruzione inferiore a 2 cm; rinascita raramente.

Tipo III - il più frequente; la dimensione del carcinoma è fino a 3 cm. È maligna, le metastasi sono frequenti. Anche con la diagnosi precoce, la prognosi è scarsa. Se l'educazione viene rilevata precocemente, il trattamento può prolungare la vita di 10-15 anni, che è molto prezioso in oncologia.

Altri siti di carcinoma danno immediatamente origine alla sindrome carcinoide. Va notato che i sintomi della sindrome non sono specifici, non hanno un grande valore diagnostico. Questo non si applica solo alle maree. Si verificano solo con la menopausa, o è una sindrome carcinoide.

In quest'ultimo caso, le maree sono di 4 tipi:

  • Tipo 1: la durata dell'attacco pochi minuti; solo la faccia e il collo si arrossano;
  • Tipo 2: la faccia è cianotica, il suo naso si gonfia e diventa blu, dura fino a 10 minuti;
  • Il tipo 3 - dura per ore e giorni, si aggiunge iperemia da sclera, lacrimazione, rughe profonde sul viso;
  • Tipo 4 - si verifica ipertermia, macchie rosse di varie forme si trovano sulle braccia e sul collo.

Misure diagnostiche

Presenta difficoltà in assenza dei sintomi più caratteristici - vampate di calore della pelle e vampate di calore. La biochimica del sangue determina l'alto contenuto di serotonina nel sangue e l'aumento dell'acido 5-idrossiindolecetico (5-OIAA) nelle urine.

(5-HIAK) - un indicatore del metabolismo della serotonina nel corpo. Con i carcinoidi, si alza.

Per un'analisi corretta, si dovrebbe rifiutare di includere nella dieta fonti di serotonina alimentare 3 giorni prima della donazione di sangue: banane, noci, pomodori, cioccolato, avocado, ecc.; non prendere droghe

In casi dubbi, provocare maree che assumono artificialmente alcol, l'introduzione di gluconato di Ca. Scansioni TC, scansioni MRI (come la più informativa) di organi addominali, scintigrafia, raggi X, gastro, colon, broncoscopia, ecc. Vengono anche eseguite.

Crisi carcinoide: può essere provocata da operazioni e anestesia; diagnostica strumentale; la chemioterapia; lo stress.

Segni di crisi carcinoide: salti di pressione sanguigna in qualsiasi direzione; deterioramento della condizione generale; aumento della respirazione con difficoltà; impulso quasi non rilevato, tachicardia; perdita di coscienza Senza trattamento, si sviluppa il coma.

Principi di trattamento

Il trattamento della sindrome carcinoide è, soprattutto, il trattamento di un tumore, che è la causa principale. La scelta del suo trattamento è determinata durante la diagnosi, quando vengono rilevati il ​​suo stadio, le dimensioni e la localizzazione. Metodi di cura della malattia: chirurgia, chemioterapia e radioterapia; trattamento sintomatico.

La base del trattamento è la chirurgia. L'escissione del neoplasma è radicale, minimamente invasiva e palliativa. Con l'asportazione radicale, la rimozione del carcinoma con i tessuti e i linfonodi circostanti è implicita.

Con la sconfitta intestinale - produrre la resezione della zona interessata con il mesentere adiacente.

Con carcinoide del colon - emicolectomia destra.

La chirurgia palliativa viene eseguita già con metastasi tumorali. I grandi focolai vengono rimossi per ridurre l'attività endocrina del carcinoma e la gravità della sindrome.

I sintomi possono anche essere ridotti mediante embolizzazione o legatura dell'arteria epatica - questi sono interventi minimamente invasivi.

Per le metastasi, si raccomanda la chemioterapia. Viene utilizzato dopo la rimozione dei carcinomi in presenza di disturbi del fegato, muscolo cardiaco, alti livelli di 5-HIAA nelle urine.

Per escludere una crisi carcinoide, la terapia inizia con piccole dosi.

La chemioterapia più spesso non dà buoni risultati. Solo un terzo dei pazienti ha una remissione migliorata e prolungata fino a sei mesi.

Il trattamento sintomatico per l'alto rilascio di serotonina da parte dei carcinomi viene eseguito dagli antagonisti della serotonina.

Con l'attività dei carcinomi che producono l'istamina in grandi quantità - prescrivi ranitidina, AGP, cimetidina.

Per la soppressione generale della secrezione di sostanze biologicamente attive - prescrivere Octreotide, Lanreotide (analoghi della somatostatina), interferoni.

Questo sopprime la sindrome clinica oltre il 50% dei casi. La salute dei pazienti è molto più facile.

Previsioni e Prevenzione

Tutto dipende dallo stadio e dalla dimensione del tumore. Se non ci sono metastasi, è stata eseguita una rimozione radicale del tumore - si verifica un recupero completo. L'aspettativa di vita è aumentata di 15 anni o più nel 95% dei pazienti.

Altrimenti, la prognosi è scarsa: solo un quinto paziente sopravvive con metastasi. I tumori carcinoidi progrediscono gradualmente, a lungo, il che consente al paziente di vivere per altri dieci anni. Il paziente muore per metastasi, neoplasia, cachessia, possibile ostruzione intestinale.

Non esistono misure preventive specifiche. Le misure preventive generali includono stili di vita sani, attività fisica, alimentazione bilanciata, smettere di fumare e alcol, evitando l'influenza di sostanze oncogene.

Effetti polmonari atipici carcinoidi

La chirurgia è il metodo di scelta per il trattamento del carcinoide polmonare e comporta un'alta probabilità di cura. Con i tipici carcinoidi polmonari, spesso vengono eseguite operazioni di conservazione degli organi, ma con carcinoidi atipici si raccomanda la lobectomia. In caso di carcinoidi endobronchiali di piccole dimensioni, la resezione mini-invasiva con laser o elettrocoagulazione è efficace.

Analoghi della somatostatina nel trattamento del carcinoide polmonare. Il recettore della somatostatina è rappresentato da cinque sottotipi ed è espresso in oltre l'80% dei tumori carcinoidi, in particolare il 2 ° e il 5 ° sottotipo. L'octreotide ha un'alta affinità per questi sottotipi, che possono essere somministrati per via sottocutanea ogni 6-8 ore. L'octreotide migliora il benessere nell'80% dei pazienti e riduce l'escrezione dell'acido 5-idrossiindolecetico nel 72%.

131I-MIBH nel trattamento del carcinoide polmonare. Questo metodo di trattamento include dosi di isotopi più elevate per garantire l'effetto dell'irradiazione interna locale sulle cellule tumorali rispetto a quando somministrato a pazienti con un risultato positivo della scansione di radioisotopi. Secondo i dati pubblicati, il tasso di risposta è del 60%, ma la durata dell'effetto - una media di 8 mesi.

Analoghi della somatostatina etichettati con atomi radioattivi nel trattamento del carcinoide polmonare. Diversi analoghi radiomarcati sono stati usati in pazienti con scintigrafia con 111In-pentetraotide. Quest'ultimo ha dimostrato il suo vantaggio nel trattamento di piccoli tumori o micrometastasi: miglioramento si è verificato nel 60% dei pazienti. Tuttavia, gli effetti collaterali includono la nefropatia e l'ematotossicità pronunciate, nonché la nausea e il vomito debilitanti.

Interferone alfa nel trattamento del carcinoide polmonare. Il trattamento con interferone alfa porta ad una diminuzione del livello di acido 5-idrossiindolecetico nelle urine in circa il 40% dei pazienti, ma riduce solo la dimensione del tumore nel 15% dei casi. Gli effetti collaterali includono anoressia e perdita di peso, febbre e stanchezza. L'interferone alfa, quindi, ha un basso indice terapeutico, di solito non viene usato.

Chemioterapia sistemica nel trattamento del carcinoide polmonare. La chemioterapia viene solitamente utilizzata come metodo di seconda linea a causa della bassa risposta terapeutica (20-30%). Gli schemi usati includono streptozocin® e ciclofosfamide o streptozocin® e fluorouracile. La chemioterapia di terza linea che utilizza una combinazione di cisplatino ed etoposide può essere prescritta per tumori carcinoidi particolarmente aggressivi, poiché questo schema di solito aiuta con carcinoma polmonare a piccole cellule e carcinomi neuroendocrini.

Terapia del prato nel trattamento del carcinoide polmonare. La radioterapia è un metodo efficace di trattamento palliativo per le metastasi ossee e il sistema nervoso centrale.

Polmone supportivo nel carcinoide polmonare. Il trattamento di supporto è particolarmente importante in presenza di sintomi agonizzanti secondari alla sindrome carcinoide. Le vampate di calore possono essere evitate scartando alimenti che sono noti per provocare sintomi. Per la diarrea, puoi prescrivere farmaci antidiarroici. Per evitare la pellagra, è anche importante integrare le vitamine.

Metastasi nel fegato del carcinoide polmonare. La resezione chirurgica delle metastasi epatiche può essere efficace nei pazienti con malattia epatica limitata. Tuttavia, questo vale solo per una minoranza di pazienti. In alternativa, può essere utilizzata l'embolizzazione dell'arteria epatica, che viene eseguita dai singoli pazienti per ridurre la gravità dei sintomi. La durata media dell'effetto è di 12 mesi. Si devono prendere in considerazione importanti effetti collaterali come la nefrotossicità e in rari casi la sindrome epatorenale.
Il ruolo del trapianto di fegato nella sindrome carcinoide è ancora in fase di studio.

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni per il carcinoide tipico è dell'87-100%, il tasso di sopravvivenza a 10 anni è dell'82-87%.

La prognosi per i tumori atipici è più bassa: la sopravvivenza a 5 anni è del 56-75%, a 10 anni - 35-56%.

Il carcinoide del polmone è un tumore polmonare raro che di solito ha una prognosi favorevole, con l'eccezione di un tumore atipico. Il trattamento è di solito chirurgico. Un tumore può metastatizzare, tuttavia, le metastasi raramente portano allo sviluppo della sindrome carcinoide. I risultati della chemioterapia e di altri trattamenti stanno migliorando e sono in fase di studio nuovi trattamenti.

Risultati a lungo termine del trattamento del tumore polmonare carcinoide

Dati di letteratura sui risultati a lungo termine del trattamento chirurgico di pazienti con carcinoidi polmonari sono ambigui.

La sopravvivenza a 5 anni dei pazienti senza tenere conto del tipo istologico del tumore è dell'80-95% (Perelman MI et al., 1981; Weissberg D., 1995).

I migliori risultati si osservano nei carcinoidi tipici: il 100% dei pazienti vive per più di 5 anni e il 69% nei pazienti atipici (B. McCaughan et al., 1985).

Lo stato dei linfonodi intratoracici è di importanza prognostica: quando vengono rilevate metastasi regionali, il tasso di sopravvivenza a 5 anni dei pazienti è pari al 74% e, in loro assenza, al 96%.

Analisi dei risultati del trattamento chirurgico

L'analisi dei risultati a lungo termine del trattamento chirurgico di 174 pazienti indica una pronunciata dipendenza dell'aspettativa di vita dei pazienti sul grado di differenziazione del tumore, vale a dire tipo istologico di carcinoide (tabella 5.17).

Tabella 5.17. Aspettativa di vita dei pazienti con tumori carcinoidi polmonari dopo trattamento chirurgico, a seconda del loro tipo istologico (dati dal Moscow Hertzen Heritage Research Institute)

* In 2 pazienti con carcinoide altamente differenziato e moderatamente differenziato, si è verificata una recidiva locale. Sono ri-operati, 5 e 7 vivi dopo la seconda operazione.
Nota. Tra parentesi: il numero di pazienti in percentuale.

Dei pazienti operati per oltre 1 anno, il 94,8% ha vissuto, 3 anni - 87,3% e 5 anni - 81%. Buoni risultati si osservano nei carcinoidi tipici e atipici.

I risultati a lungo termine del trattamento chirurgico dei pazienti con forme di carcinoide di basso grado sono scarsi, circa la metà dei quali muore nei primi 3 anni dopo l'intervento, solo il 37,9% vive per più di 5 anni (per il cancro del polmone a piccole cellule - 16%).

Per più di 5 anni, i pazienti con metastasi (N0) o con i linfonodi broncopolmonari e delle radici (N1) hanno vissuto sia nel carcinoide anaplastico che nel carcinoma polmonare a piccole cellule. Con una maggiore diffusione del processo e danni ai linfonodi mediastinici (N2), tutti i pazienti sono deceduti entro i primi 2 anni dopo l'operazione dalla generalizzazione del processo tumorale.

Pertanto, la prognosi per carcinoide di basso grado è simile a quella per il cancro del polmone a piccole cellule, e quindi richiede un'ulteriore ricerca per l'opzione di trattamento ottimale - una combinazione di chirurgia con trattamento chemio-radiazioni.

Questi dati confermano anche l'opinione che nei pazienti con carcinoidi e carcinoma polmonare a piccole cellule c'è una marcata neoplasia dei tumori del sistema APUD.

L'esperienza ha dimostrato che, indipendentemente dal tipo istologico di carcinoide, l'intervento chirurgico deve essere effettuato secondo i principi del radicalismo oncologico, vale a dire con la revisione delle zone di metastasi regionali, cellulosa e linfonodi, il loro studio morfologico.

La scelta di un adeguato volume di intervento fornisce una sopravvivenza al 100% a 5 anni di pazienti con carcinoma differenziato e al 90% con carcinoma moderatamente differenziato, anche con metastasi regionali (rispettivamente nel 3 e nel 17% dei pazienti). Il volume dell'intervento chirurgico in questi tipi di carcinoidi non influisce sull'aspettativa di vita dei pazienti.

Pertanto, anche con resezione bronchiale isolata con anastomosi mono- o polbronchiale (10) ed economica resezione sublobulare (8), tutti i pazienti hanno vissuto per più di 5 anni senza segni di recidiva e progressione della malattia.

Una ricerca promettente sui tumori carcinoidi dovrebbe essere considerata come un miglioramento della tecnica di operazioni bronchoplastiche conservanti organi, resezione bronchiale isolata con anastomosi mono- o polibroniale e con una variante di basso grado, ulteriore ricerca di opzioni ottimali per il trattamento combinato e complesso, locale e generale, come nel carcinoma a piccole cellule.

Società di trattamento medico
tumori neuroendocrini

Tumori carcinoidi di localizzazione toracica - lo stato attuale del problema

I tumori carcinoidi della localizzazione broncopolmonare sono tumori a crescita lenta, caratterizzati da una prognosi abbastanza buona, anche in presenza di metastasi linfogene regionali, soggetti a un adeguato trattamento chirurgico.

L'adeguata natura del trattamento chirurgico, a condizione che vi sia un buon controllo locale, può massimizzare la prognosi del decorso della malattia e prolungare la remissione. Allo stesso tempo, la forma più maligna di un tumore neuroendocrino del polmone - il tumore a piccole cellule determina a priori la prognosi sfavorevole della malattia.

I tumori carcinoidi sono stati descritti per la prima volta oltre 100 anni fa. Lubarsch [24], che ha trovato più masse sottomucose nel jejunum distale su un materiale in sezione. Il termine "karzinoide" fu proposto per la prima volta da SOberndorf [29] nel 1907 per descrivere tumori simili che somigliano morfologicamente all'adocarcinoma, ma sono caratterizzati da un decorso più torpido. I tumori carcinoidi possono verificarsi in vari organi, tuttavia, si trovano più spesso negli organi dell'apparato digerente, polmoni e bronchi.

In accordo con la classificazione istologica internazionale dell'OMS, i carcinoidi sono definiti come tumori a cellule endocrine (assorbimento e decarbossilazione dei precursori di ammina).

I tumori carcinoidi provengono da cellule del sistema neuroendocrino diffuso, derivanti dalle cellule della cresta neurale durante l'embriogenesi e dalla migrazione verso vari organi. Le cellule di questo tipo di tumori sono caratterizzate da colorazione dell'argento positivo, nonché utilizzando specifici metodi immunoistochimici di colorazione per specifici marcatori di differenziazione neuroendocrina - enolasi neuro-specifica [NSE], sinaptofisina, cromogranina, bombesina e altri. Nello studio mediante microscopia elettronica, le cellule tumorali carcinoidi contengono specifici granuli neurosecretori contenenti un'ampia gamma di ormoni e ammine biogeniche di vari tessuti. L'ormone più frequente e significativo secreto dalle cellule carcinoidi è la serotonina [5-idrossitriptamina] - un derivato del 5-idrossitriptofano per decarbossilazione di quest'ultimo [21]. Successivamente, la serotonina viene metabolizzata con la partecipazione dell'enzima monoamino ossidasi con la formazione di acido 5-idrossiindolecetico escreto nelle urine (definito da un marker di crisi di serotonina). Oltre alla serotonina, i tumori carcinoidi sintetizzano un'ampia gamma di ormoni: ACTH, istamina, dopamina, sostanza P, neurotensina, prostaglandine e callicreina [6].

Uno dei principali segni patognomonici dello sviluppo del tumore carcinoide è l'emergere di un quadro clinico completo della sindrome carcinoide - una condizione causata dal rilascio nel sangue di serotonina e altre sostanze vasoattive con lo sviluppo di un quadro clinico caratteristico: vampate di calore con un costante cambiamento nel colore della pelle dal rosso al viola con sudorazione, broncospasmo asma, diarrea e possibile sviluppo di insufficienza cardiaca nel tipo giusto [37].

Tenendo conto della proposta E. D. Williams e M. Sanders [46], i tumori carcinoidi differiscono tradizionalmente nella parte dell'intestino primario da cui è originata la neoplasia. Il tipo prossimale di tumori si riferisce al carcinoide del polmone, del bronco, dello stomaco e del pancreas. Una caratteristica di questo tipo di carcinoidi è l'assenza o bassa attività secretoria, che non è accompagnata da un quadro spiegato della sindrome carcinoide. Il tipo medio-intestinale è localizzato nella regione del colon piccolo e prossimale, inclusa l'appendice. Il tipo distale-intestinale è caratterizzato dalla localizzazione nelle parti distali del colon sigmoideo e nel retto. All'interno dei sottogruppi, i tumori sono caratterizzati da un andamento piuttosto diverso, che è associato alla loro istogenesi e determina la tattica del trattamento nel suo complesso.

Tenendo conto delle peculiarità del decorso dei tumori carcinoidi di vari siti nell'ultimo decennio, la classificazione tradizionale è stata rivista [5, 20]. Pertanto, un tipico carcinoide è classificato come tumore neuroendocrino altamente differenziato. Questi tumori a livello ultrastrutturale sono caratterizzati da piccole cellule con un nucleo pronunciato, granuli secretori. I tumori di questo tipo sono suddivisi in cinque sottotipi: insulare, trabecolare, ghiandolare, indifferenziato e misto. I tumori con atipia cellulare più pronunciata, alta attività mitotica e focolai di necrosi sono considerati come carcinoidi atipici o come carcinoidi anaplastici. Recentemente, questi tumori sono più spesso classificati come tumori neuroendocrini di basso grado.

Le statistiche mondiali mostrano che la frequenza di insorgenza di carcinoidi nel mondo varia da 1 a 6 persone ogni 100 mila abitanti. Tenendo conto della torpidità del decorso, si può presumere che la frequenza reale sia alquanto più elevata, tuttavia, a causa dell'assenza di manifestazioni cliniche, i tumori non vengono diagnosticati o diagnosticati negli stadi avanzati, che, date le difficoltà di diagnosi morfologica, non consentono una diagnosi corretta.

Gli Stati Uniti, secondo il registro dei tumori, hanno notato che tra i tumori carcinoidi prevale l'appendice carcinoide, seguita da una diminuzione della frequenza in ordine decrescente: retto, intestino tenue, polmoni, albero bronchiale, stomaco e così via. I dati dell'ultimo programma di ricerca epidemiologica "Screening, epidemiologia e risultati finali (SEER) del National Cancer Institute" (1973-1991) hanno mostrato un aumento della frequenza dei tumori carcinoidi dei polmoni e dello stomaco, riducendo la frequenza di localizzazione dei tumori nell'appendice e nell'intestino tenue [tab. 1].

Carcinoma polmonare primario rappresenta circa il 2% di tutti i tumori polmonari primari [18, 40]. La fonte di crescita del tumore sono le cellule neuroendocrine di Kulchitsky, localizzate nella membrana mucosa dell'albero bronchiale [16, 30]. Queste cellule non hanno villi, sono caratterizzate da colorazione eosinofila e hanno escrescenze citoplasmatiche - secondo i concetti moderni che appartengono al sistema diffuso neuroendocrino [15]. Tuttavia, non esiste ancora una chiara evidenza morfologica dell'origine dei tumori neuroendocrini delle cellule di Kulchitsky, che suggerisce la loro possibile origine da cellule staminali primitive pluripotenti della mucosa dell'albero bronchiale.

Lo spettro dei tumori neuroendocrini dell'albero bronchiale e dei polmoni è estremamente ampio (Tabella 2). Se questo spettro è diviso in componenti in base al grado di malignità, allora all'inizio ci sarà un carcinoide tipico benigno caratterizzato da un corso torpido con la formazione di noduli tumorali localizzati, passando ulteriormente in un carcinoide atipico (AK) - un tumore infiltrativo con la presenza di 1 -2 mitosi sul campo visivo (con un forte ingrandimento), pleomorfismo e stato ipercromico dei nuclei, disorganizzazione dell'architettura del tessuto tumorale con comparsa di focolai di necrosi. Per la prima volta questo tipo di tumore carcinoide polmonare è stato descritto già nel 1972. M.G.Arrigoni et al. [3], che ha identificato 4 caratteristiche principali di questi tumori. Inoltre, secondo il grado di malignità, c'è un cancro neuroendocrino macrocellulare - un tumore costituito da grandi cellule pleomorfe. La posizione estrema nello spettro della malignità è il carcinoma polmonare a piccole cellule (MKRL) [9].

Cambiamenti nella frequenza di rilevazione di vari tipi di tumori carcinoidi negli Stati Uniti durante il periodo 1950-1991.

Tipi di tumori polmonari carcinoidi

Un altro tentativo di classificare i tumori polmonari neuroendocrini è la frase J. R. Benfield et al. [11, 30] sulla divisione di tumori secondo il grado di malignità a carcinomi da celle di grado di Kulchitsky I - carcinoide tipico (KCC 1), II grado - carcinoide atipico (KSS 2) e III grado - MKRL (KCC 3). Secondo gli autori, tale divisione stratifica più chiaramente i tumori in base al grado di malignità e predice il decorso di alcuni tipi di tumori carcinoidi [39].

I tumori carcinoidi si verificano in pazienti in una gamma piuttosto ampia di età - da 10 a 83 anni (media 45-55 anni). Secondo una meta-analisi di fonti letterarie che includevano il monitoraggio di 1.874 pazienti, più della metà (52%) sono donne, e non vi è alcuna connessione tra la malattia e fattori noti nello sviluppo del cancro del polmone e, prima di tutto, nel fumo. Oltre il 60% dei tumori ha localizzazione centrale (disponibile con broncoscopia), mentre meno del 30% è localizzato nel parenchima polmonare [22].

Epidemiologicamente, i pazienti con carcinoide polmonare tipico sono più comuni nella quinta decade di vita [38]. Nella maggior parte dei casi, il tumore ha una localizzazione centrale, situata nella radice del polmone. Spesso questo causa la natura della manifestazione della malattia con lo sviluppo di polmonite ricorrente, tosse improduttiva, emottisi, dolore toracico. Un'altra manifestazione manifesta di un tumore è il tipo ectopico di qualsiasi sindrome neuroendocrina. La manifestazione paraneoplastica più frequente della malattia è la sindrome di Cushing, che rappresenta circa l'1% di tutti i tipi di questa malattia [23]. La sindrome carcinoide in varie manifestazioni si verifica con una frequenza di circa il 5% [8, 27, 31]. Questo tipo di tumore è caratterizzato da un decorso estremamente torpido, con una bassa incidenza di metastasi, non superiore al 10-15% [34]. Linfonodi mediastinici, fegato, ossa e talvolta tessuti molli sono le aree più comuni di localizzazione dei tumori secondari. La presenza di metastasi linfatiche regionali in combinazione con la sindrome paraneoplastica è uno stigma di prognosi infausta [18]. Tuttavia, nel complesso, il tasso di sopravvivenza a 5 anni nel tipico gruppo carcinoide è di circa il 90%, e secondo il Centro di ricerca sul cancro della Russia, 100% [1, 2, 21, 35].

Circa un terzo dei tumori carcinoidi del polmone ha una struttura istologica atipica, quindi, nella letteratura inglese più spesso classificata come cancro polmonare neuroendocrino ben differenziato - un termine introdotto nel 1983 W. H. Warren e V. E. Gould [42]. Questo viene fatto al fine di creare una singola nomenclatura con il rilascio di carcinoidi atipici, caratterizzati da un decorso aggressivo maligno, in un gruppo separato, terminologicamente diverso dai tipici carcinoidi. Questi tumori sono più comuni nella fascia di età più avanzata - dopo 60 anni. A differenza dei carcinoidi tipici, i tumori carcinoidi atipici sono caratterizzati da una grande dimensione e sono più spesso localizzati nelle parti periferiche del campo polmonare. Questi tumori sono caratterizzati da un decorso estremamente aggressivo, metastasi precoci dei linfonodi mediastinici, la cui frequenza varia dal 40 al 50% [26]. Questo decorso clinico determina risultati scarsamente soddisfacenti della sopravvivenza a 5 anni - dal 40 al 60% e tassi ancora più bassi di sopravvivenza a 10 anni - meno del 40% [8, 10,21, 28]. Secondo il RCRC RAMS, il tasso di sopravvivenza in questo gruppo è del 43,7% [1].

I sintomi della malattia, di regola, compaiono molti anni prima della diagnosi del tumore e oltre il 30% dei pazienti sono asintomatici e la malattia viene rilevata per caso durante un esame preventivo. Con una posizione centrale della lesione, i sintomi possono assomigliare alla sindrome bronco-ostruttiva e persino all'asma bronchiale. Spesso c'è una tosse secca non produttiva, ma un aumento dell'ostruzione bronchiale può essere accompagnato dallo sviluppo di polmonite ricorrente, atelettasia del lobo o del polmone e persino emottisi.

Le sindromi paraneoplastiche sono piuttosto rare. La sindrome carcinoide (vampate di calore, scolorimento progressivo della pelle, broncospasmo, diarrea, dolore crampi, difetti cardiaci carcinoidi, ecc.) Si verifica in circa il 2% dei casi. Inoltre, la comparsa di questi sintomi può indicare la comparsa di metastasi tumorali distanti (il più delle volte nel fegato), o accompagnare la biopsia del tumore o l'anestesia di induzione prima dell'intervento chirurgico.

La sindrome di Cushing si verifica anche in circa il 2% dei casi con carcinoide polmonare e, nel caso della sindrome criptogenetica ectopica, la successiva rilevazione di carcinoide broncopolmonare è di circa l'1% [23].

Il metodo di scelta nel trattamento dei tumori carcinoidi polmonari è chirurgico. Per i tipici tumori carcinoidi, l'operazione scelta è la resezione anatomica nel volume di una segmentectomia o lobectomia con conservazione di un parenchima polmonare disinteressato [12]. Gli interventi di questo volume sono accompagnati da una frequenza estremamente bassa di recidiva locale in combinazione con buoni risultati a lungo termine. Con la localizzazione centrale del tumore nel bronco principale o lobare, è possibile eseguire una resezione del bronco (lobectomia bronchoplastica) con la formazione di anastomosi interbronchiale. In alcuni casi, specialmente nel caso di un tipico carcinoide in condizioni di localizzazione centrale, è possibile eseguire una broncotomia con resezione della base del tumore all'interno di tessuti sani. Questa tattica è determinata dalla bassa frequenza di recidiva locale del tumore, anche nei casi di lasciare le cellule lungo la linea di resezione. Quindi, secondo AJ.M.Schreurs et al. [34] In 4 pazienti con un tumore residuo microscopico lungo la linea di resezione, è stata osservata sopravvivenza a lungo termine senza recidive - 1, 11, 23 e 24 anni.

Sulla base dell'esperienza del dipartimento toraco-addominale del Centro di ricerca sul cancro russo, si può notare che, dato il radicalismo oncologico, l'operazione di elezione è la lobectomia con l'eventuale esecuzione di bronchoplastica e la formazione di anastomosi interbronchiale. Dato che spesso il tumore occlude il bronco segmentale o lobare con atelettasia del lobo polmonare nella cavità pleurica, vi è un pronunciato processo adesivo. In questa situazione, le operazioni dovrebbero essere eseguite in modo acuto con precedente isolamento vascolare e linfatico, cioè la linfoadenectomia è un elemento armonioso della mobilizzazione del complesso e non una fase separata dell'operazione [1]. Pertanto, il trattamento chirurgico del carcinoide broncopolmonare si basa su tre principi principali:

- completa rimozione del tumore all'interno del tessuto sano;

- massima conservazione del parenchima polmonare non coinvolto;

- esecuzione della dissezione linfonodale mediastinica omolaterale.

Nei casi di carcinoide polmonare atipico, molti autori non ritengono opportuno effettuare operazioni conservative. Tuttavia, anche questo punto di vista non può essere definitivo, data la bassa frequenza di recidiva locale della malattia, in caso di intervento adeguato, sullo sfondo di un'alta frequenza di progressione sistemica della malattia sotto forma di recidiva nei linfonodi mediastinici e metastasi a distanza (principalmente con danno epatico) [45].

Un elemento essenziale dell'intervento radicale nei polmoni carcinoidi è quello di eseguire la linfadenectomia mediastinica omolaterale. Ciò è determinato dalla frequenza di rilevazione delle metastasi linfogene, che anche con un tipico carcinoide va dal 10 al 15%, con aumento nei casi di carcinoide atipico al 30-50% [35, 36]. Data la bassa sensibilità del tumore alla chemioterapia e alla radioterapia, così come la loro combinazione, un prerequisito per l'intervento è eseguire un'operazione radicale senza lasciare un tumore residuo. La ricaduta nei linfonodi regionali del mediastino può essere diagnosticata anche anni dopo il trattamento iniziale [31].

Secondo RCRC RAMS [1], si nota anche il significato prognostico dello stato dei linfonodi intratoracici. In assenza di metastasi, il tasso di sopravvivenza del paziente a 5 anni era del 54,5%, mentre con le lesioni dei linfonodi solo il 20%. I risultati indicano la necessità di rispettare i principi del radicalismo oncologico con la rimozione obbligatoria del monoblocco della fibra mediastinica con i linfonodi regionali.

I dati sopra riportati suggeriscono che l'intervento più frequente per carcinoide polmonare è la fronte o la bilobectomia. La pneumonectomia viene eseguita a causa di caratteristiche tecniche - con la localizzazione centrale del carcinoide atipico in combinazione con la crescita invasiva e con la sconfitta dei linfonodi broncopolmonari o mediastinici. Le resezioni atipiche del polmone sono di solito eseguite con localizzazione periferica di un tipico carcinoide di piccole dimensioni (fino a 2 cm) nella regione del mantello del parenchima polmonare.

Le resezioni endoscopiche o la fotoablazione dovrebbero essere considerate come operazioni sintomatiche mirate solo a fermare le manifestazioni locali della malattia e non soddisfare i requisiti del radicalismo. Ciò è determinato dalla presenza della componente peribronchiale del tumore (fenomeno iceberg) e, di conseguenza, dalla frequenza estremamente elevata di recidiva loco-regionale della malattia [15, 40]. Alcuni autori suggeriscono che la resezione endoscopica del componente endobronchiale sia eseguita in presenza di atelettasia centrale nel periodo preoperatorio per ripristinare la ventilazione delle sezioni polmonari disattivate prima del trattamento radicale [34]. Pertanto, come metodo di trattamento indipendente, le resezioni endobronchiali sono utilizzate con scopi palliativi e sintomatici in pazienti con ridotta aspettativa di vita breve o in presenza di un processo di disseminazione sistemica.

In presenza di eventi clinicamente significativi di tumori carcinoidi, che nel caso di localizzazione broncopolmonare sono estremamente rari, essi eseguono una correzione farmacologica con un buon effetto sintomatico. In caso di diarrea, trattamento con loperamide, preparazioni di codeina o estratti di oppio. Nel caso di broncospasmo o asma bronchiale sintomatica, vengono usati broncodilatatori, preferibilmente inalatori con p-adrenomimetici.

Con lo sviluppo di un quadro completo della sindrome carcinoide (crisi della serotonina), gli antagonisti possono essere usati con qualche effetto - paraclorofenilalanina, chetanserina, ciproeptadina, ondansetron [17]. Tuttavia, il farmaco più efficace è un analogo della somatostatina - octreotide (sandostatina). Questo farmaco ad alta efficienza controlla i sintomi sotto forma di vampate di calore, attacchi di diarrea e asma, nonché tumori carcinoidi accompagnati dalla sindrome di Cushing [17]. L'octreotide può essere usato profilatticamente in interventi chirurgici per tumori carcinoidi. In combinazione con l'interferone-a, l'octreotide può essere usato per trattare i tumori carcinoidi disseminati: è stata descritta la stabilizzazione e anche la regressione dei focolai del tumore durante la terapia di combinazione [41].

La prognosi dei pazienti con carcinoide polmonare tipico è abbastanza favorevole, poiché i tassi di sopravvivenza a 5 e 10 anni, secondo vari autori, superano il 90% e la causa della morte è, di regola, malattie intercorrenti (Tabella 3). La presenza di metastasi linfogene, come in altre oncopatologie, è un fattore prognostico sfavorevole, ma supera ancora quello nel carcinoide atipico, con una prevalenza corrispondente. Quindi, secondo N. Martini et al. [25], nei pazienti osservati con carcinoide tipico e metastasi ai linfonodi regionali, i tassi di sopravvivenza a 5 e 10 anni erano 92% e 76%, rispettivamente.

I pazienti con carcinoide atipico sono caratterizzati da una maggiore frequenza di metastasi linfogene al momento del trattamento chirurgico, se possibile, e la sopravvivenza è significativamente inferiore rispetto a un tipico carcinoide. Quindi, secondo uno studio di N. Martini et al. [24], la sopravvivenza a 5 e 10 anni in presenza di metastasi linfogene è del 60% e 24%, rispettivamente.

Pertanto, quando si eseguono analisi multivariate, i principali fattori di una prognosi favorevole nei pazienti con tumori carcinoidi di localizzazione broncopolmonare sono la natura tipica del tumore carcinoide in combinazione con l'assenza di metastasi linfogene al momento del trattamento chirurgico. Allo stesso tempo, una dimensione del tumore superiore a 3 cm è un fattore prognostico negativo [14, 18, 19].

Altri fattori prognostici negativi includono la presenza di un aumento del livello di CEA al momento del trattamento [4].

La presenza di altre forme di tumori neuroendocrini del polmone - cancro neuroendocrino macrocellulare [KKNR] e MKRL - è sinonimo di prognosi infausta. Pertanto, secondo vari studi, nel gruppo di trattamento chirurgico del CCNR, sono state osservate solo osservazioni isolate di sopravvivenza anche a 2 anni, che corrisponde a quella del MCRL [12, 39]. Secondo l'osservazione di 29 pazienti con KKNR presso l'Istituto di Patologia delle Forze Armate, la sopravvivenza attuariale a 5 e 10 anni era del 33% e dell'11%, rispettivamente, ei segni di una prognosi sfavorevole della malattia sono abbastanza evidenti [9].

I tumori del timo-carcinoide furono isolati per la prima volta dal gruppo timoma solo nel 1992. T. Rosai ed E. Higa. [33]. Questa è una localizzazione abbastanza rara dei tumori carcinoidi e, più spesso - più del 90% dei casi, si verifica nei giovani uomini [43]. Come nel caso dei tumori carcinoidi del polmone, essi hanno un'origine neuroendocrina dalle parti prossimali dell'intestino primario, pertanto, essi non sono praticamente accompagnati dallo sviluppo della sindrome carcinoide, che è così caratteristica dei tumori dalle parti mediali dell'intestino primario.

Nella diagnosi differenziale del timo carcinoide da tempo reale, la colorazione per l'enolasi specifico dei neuroni (NSE) è obbligatoria. È anche necessario eseguire la microscopia elettronica, che consente di identificare la granularità neurosecretoria estremamente specifica. Inoltre, secondo N.T. Raykhlina et al. [2], la microscopia elettronica a volte è più informativa e ha un valore prognostico maggiore rispetto alla microscopia ottica standard, consentendo di rivelare le caratteristiche ultrastrutturali del tumore.

I tumori del carcinoide del timo sono più spesso rilevati durante gli esami profilattici. Nei casi di un decorso sintomatico, il medico incontra spesso manifestazioni non specifiche: dolore toracico, mancanza di respiro e dolore al cingolo scapolare.I sintomi dell'infiammazione non specifici spesso si uniscono a: debolezza, febbre, sudorazione notturna e sudorazione profusa. A volte i pazienti hanno sintomi endocrinologici specifici, principalmente la sindrome di Cushing.

Tenendo conto del decorso dei tumori carcinoidi del timo, basato sull'esperienza più generalizzata della grande clinica di Mayo W. R. Wick et al. [44] hanno identificato tre tipi di flusso:

1) il decorso della malattia con aumentati livelli di ACTH e lo sviluppo della sindrome di Cushing;

2) il decorso della malattia con manifestazioni di neoplasia endocrina multipla di tipo I (MEN-I - sindrome di Vermere), associata a iperparatiroidismo e tumore pancreatico;

3) flusso asintomatico.

Al momento della diagnosi, tutti i tumori erano caratterizzati da una pronunciata prevalenza locale e dalla presenza di metastasi linfogene nel 73% dei casi. Dati i risultati a lungo termine del trattamento, il primo gruppo di pazienti con sindrome di Cushing è caratterizzato dalla peggiore prognosi della malattia [12]. Dati simili sono stati pubblicati sulla base di un periodo di follow-up di 38 anni presso l'Henry Ford Hospital (Detroit) [13]. Inoltre, i tumori del timo carcinoide possono verificarsi nella struttura della sindrome di neoplasia endocrina multipla di tipo II (MEN-II) o essere combinati con diabete non zucchero.

Prognosi di sopravvivenza per i pazienti con carcinoide polmonare