Gravidanza e sarcoidosi polmonare

Sarcoidosi e gravidanza

La sarcoidosi (malattia di Bénier-Beck-Schaumann) è una malattia sistemica di eziologia sconosciuta caratterizzata dalla formazione di granulomi in tessuti costituiti da linfociti T e fagociti.

  • In alcuni casi, la malattia può essere asintomatica.
  • In Russia, la sarcoidosi si verifica con una frequenza di 5 casi per 100.000 abitanti (negli Stati Uniti - 10-40 ogni 100.000). Il genere non influenza la frequenza della malattia.
  • Granulomi dello stesso tipo, arrotondati ("timbrati"), chiaramente separati dal tessuto circostante. A differenza dei tubercoli tubercolari, non hanno necrosi caseosa.
  • Si manifesta principalmente nella giovane e mezza età: 20-40 anni.
  • Quasi tutti gli organi sono colpiti: il più delle volte c'è una lesione degli organi respiratori, quindi - pelle (eritema nodoso - nel 25% dei casi), occhi (uveite - nel 25% dei casi), linfonodi, polmoni, fegato, milza, meno spesso - reni, ossa.

L'eziologia e la patogenesi della sarcoidosi rimangono inesplorate. Sotto l'influenza di vari fattori (ad esempio, micobatteri e propionibatteri), si verifica una reazione infiammatoria cronica locale sotto forma di granulomi.

La diagnosi

  1. È necessario stabilire solo dopo l'esclusione di tubercolosi, infezione da HIV, malattie sistemiche del tessuto connettivo. È considerata la conferma morfologica obbligatoria della malattia.
  2. Sintomi della malattia: tosse, mancanza di respiro, dolore toracico, stanchezza, debolezza, indisposizione, febbre, perdita di peso.
  3. Radiografie anormali dei polmoni sono annotate nel 90% dei casi:
    • La polmonite interstiziale è il principale segno di danno polmonare (infiltrati interstiziali / alveolari).
    • La linfoadenopatia, in particolare il mediastino (adenopatia ilare bilaterale), si verifica nel 75-90% dei casi.
    • In metà dei pazienti, i cambiamenti sulla radiografia non subiscono cambiamenti inversi.
  4. L'insorgenza improvvisa della malattia si verifica nel 25% dei pazienti, il 10% non presenta sintomi al momento della diagnosi. Ci sono 4 fasi della malattia, in base al grado di coinvolgimento nel processo del tessuto polmonare.
    • Stadio I - la presenza di linfoadenopatia ilare bilaterale (ilare), che è spesso accompagnata da un aumento dei linfonodi nella giusta area paratracheale. Nel 75% di questi pazienti, la malattia regredisce spontaneamente entro 1-3 anni;
    • Stadio II - linfoadenopatia ilare bilaterale combinata con infiltrati interstiziali. In 2/3 dei pazienti, la malattia si risolve in modo indipendente, nei restanti pazienti, il processo progredisce o persiste a lungo;
    • Stadio III - infiltrati interstiziali in combinazione con la "corrugazione" dei linfonodi della radice;
    • Stadio IV - fibrosi progressiva.

Previsione generale

  1. Il recupero senza trattamento avviene nel 50% dei casi.
  2. La metà dei pazienti ha ancora un lieve fallimento multiorganico, che non progredisce ulteriormente.
  3. In circa il 10% dei pazienti, la malattia porta alla morte:
    • In assenza di trattamento negli stadi III e IV, la funzionalità polmonare peggiora progressivamente.
    • Oltre agli organi respiratori, la pelle (papule, noduli della pelle, eritema nodoso), il sistema linfatico (linfoadenopatia), gli occhi (iridociclite, corioretinite, cheratocongiuntivite) e il fegato sono interessati. Lesioni meno comuni della milza (splenomegalia), sistema nervoso, ghiandole salivari, midollo osseo, cavità orale, cuore, reni, ossa, muscoli e articolazioni.
    • Disturbi dell'omeostasi del calcio sotto forma di iper- e ipocalcemia sono caratteristici della sarcoidosi.
    • Al di fuori della gravidanza, il livello dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) può essere utilizzato come marker dell'attività della sarcoidosi.

trattamento:

  • I farmaci chiave nel trattamento della sarcoidosi sono i corticosteroidi.
  • In assenza di marcati sintomi di danno polmonare, il trattamento è in ritardo per diversi mesi. In assenza di miglioramento, il prednisone viene somministrato giornalmente a 1 mg / kg per 4-6 settimane.
  • Quando gli steroidi sono inefficaci, vengono utilizzati clorochina, metotrexato, azatioprina, pentossifillina, talidomide, ciclofosfamide, ciclosporina, infliximab.

È importante notare che oggi non è chiaro se sia necessaria una terapia steroidea a lungo termine in pazienti con malattia asintomatica.

  • La sarcoidosi colpisce raramente il sistema riproduttivo femminile, sebbene vi siano casi noti di lesioni dell'endometrio, delle ovaie e dei linfomi del leiomioma.
  • La sarcoidosi sistemica in assenza di disturbi respiratori e dinamici significativi non riduce la fertilità e non aumenta il rischio di complicazioni da parte della madre e del feto.
  • La gravidanza non peggiora il corso della sarcoidosi.
  • In gravidanza, la malattia può migliorare il suo decorso, apparentemente a causa di un aumento della concentrazione di cortisolo libero.
  • Alcuni pazienti con sarcoidosi sviluppano fibrosi polmonare progressiva e ipossiemia con esito nel cuore polmonare e ipertensione polmonare.
  • L'ipertensione polmonare moderata e grave è considerata un'indicazione per l'interruzione della gravidanza a causa dell'alto rischio di mortalità materna (fino al 50%).
  • Non ci sono fattori di rischio specifici che portano alla violazione del feto.
  • L'ipercalcemia non trattata nella madre può teoricamente portare a ipocalcemia e tetania nel neonato. Tuttavia, nella sarcoidosi, l'ipercalcemia è più spesso moderata e raramente causa problemi nel periodo neonatale.
  • I granulomi sarcoidi si trovano nella placenta, ma non si formano mai nel feto.
  • Stima il grado di saturazione dell'ossigeno (SaO2) a riposo e dopo l'esercizio.
  • Indagare la funzione della respirazione esterna (compreso lo studio della capacità diffusa del monossido di carbonio - un test sensibile della presenza di patologia polmonare interstiziale).
  • Eseguire una radiografia del torace.
  • Esegui test di laboratorio - completa emocromo, enzimi epatici, creatinina, calcio sierico, azoto nelle urine.
  • I pazienti con stadio I e II e manifestazioni extrapolmonari minori hanno generalmente esiti di gravidanza favorevoli.
  • Con i gradi più gravi della malattia, è possibile una progressione della sarcoidosi e si può prevedere la necessità di una terapia, che probabilmente complicherà il corso della gravidanza.
  • Di norma, i farmaci usati non hanno effetti collaterali sul feto.

sondaggio:

  • La dispnea è una delle manifestazioni della normale gravidanza, ma può anche essere un sintomo della sarcoidosi di stadio II.
  • I reclami di un aumento della mancanza di respiro in una donna incinta con sarcoidosi determinano la necessità di determinare la saturazione di ossigeno (SaO2) a riposo e dopo l'esercizio, radiografia dei polmoni, determinazione della funzione respiratoria, compresa la capacità diffusa di monossido di carbonio.
  • La determinazione della composizione cellulare di sangue, enzimi epatici, creatinina, calcio, deve essere effettuata almeno una volta per trimestre.
  • In alcuni casi, è necessaria la tomografia computerizzata ad alta risoluzione per determinare la diffusione della malattia. Questo studio non è controindicato in gravidanza.
  • Il dolore delle articolazioni e l'eritema nodoso possono indicare una progressione della sarcoidosi, sebbene questi sintomi si verifichino durante la gravidanza normale.
  • Nei pazienti con sarcoidosi può svilupparsi ipercalcemia, in parte scatenata dall'ingestione di vitamina D.
  • Anche con i normali livelli di calcio nel sangue, l'iperuricemia associata alla sarcoidosi può portare a nefrocalcinosi.

Trattamento.

  • I corticosteroidi sistemici sono prescritti per la presenza di sintomi di sarcoidosi: 1 mg / kg di prednisolone al giorno. Con prove appropriate, i benefici della prescrizione di glucocorticoidi durante la gravidanza superano il loro potenziale danno.
  • Se necessario, il trattamento con altri farmaci (vedi sopra) è necessario per valutare attentamente la necessità di utilizzare questi medicinali e il loro possibile effetto embrio-e fototossico.
  • Il trattamento e il monitoraggio dell'efficacia del trattamento vengono effettuati congiuntamente da pneumologo e ostetrico-ginecologo.

Va ricordato: la vitamina D e gli integratori di calcio sono controindicati per le donne in gravidanza con sarcoidosi.

  • In presenza di lesioni del parenchima polmonare, è preferibile utilizzare l'anestesia epidurale piuttosto che l'anestesia generale.
  • Alle donne che hanno ricevuto glucocorticoidi per più di 2 settimane durante l'anno precedente devono essere somministrate dosi di steroidi da stress durante il travaglio e entro 24 ore dal parto secondo lo schema delineato nella sezione "Mantenimento e parto delle donne in gravidanza con asma bronchiale".

Non ci sono raccomandazioni specifiche per la gestione del periodo postpartum nelle donne con sarcoidosi.

Ancora una volta, l'ipercalcemia nella madre può teoricamente portare all'ipocalcemia e alla tetania nel neonato.

Guriev DL, Okhapkin MB, Khitrov M.V. Gestione e consegna di donne in gravidanza con malattie polmonari, linee guida, YAGMA, 2007

Sarcoidosi durante la gravidanza

La sarcoidosi è una malattia infiammatoria rara. A causa di questa malattia, nel corpo umano si formano accumuli di cellule infiammatorie chiamate granulomi. I granulomi esteriormente ricordano piccoli noduli. La sarcoidosi colpisce più spesso i polmoni, ma altri organi possono essere colpiti. La malattia non è infettiva o tumorale. I granulomi possono manifestarsi in persone di qualsiasi fascia di età, ma il più delle volte la sarcoidosi viene diagnosticata tra quelli tra i 30 ei 40 anni. I bambini e gli anziani raramente sviluppano la malattia.

motivi

Lo sviluppo della sarcoidosi durante la gravidanza è molto raro. Ad oggi, la causa esatta della presenza di granulomi nel corpo della futura madre è sconosciuta. Gli esperti identificano diversi fattori che possono scatenare lo sviluppo della sarcoidosi durante la gravidanza.

  • Se la malattia prima della gravidanza era inattiva, dopo il concepimento è possibile una ricaduta. Ciò è dovuto a un cambiamento nel background ormonale della futura madre. Ma la gravidanza di solito non accelera lo sviluppo della malattia.
  • Predisposizione ereditaria al verificarsi di granulomi.
  • L'impatto negativo della polvere metallica e dei prodotti chimici.
  • La reazione dell'organismo a pino polline, microrganismi atipici, funghi.
  • Alcuni virus possono scatenare la sarcoidosi nelle donne in gravidanza. Questi includono il virus dell'epatite C, l'herpes e la tubercolosi.
  • I fumatori circostanti hanno un effetto negativo sul corpo della futura madre. Il fumo attivo o passivo non è la causa della sarcoidosi, ma riduce l'efficacia del trattamento.

sintomi

Non è sempre possibile riconoscere la malattia, poiché alcuni segni di sarcoidosi sono caratteristici del normale corso della gravidanza. Ma alcuni sintomi aiutano a determinare la presenza di granulomi nel corpo della futura madre.

  • Mancanza di respiro può verificarsi durante il secondo stadio della sarcoidosi se i granulomi si formano nei polmoni.
  • La malattia può essere acuta o cronica.
  • Nel caso della forma acuta di sarcoidosi, la temperatura corporea della donna incinta aumenta, si verifica febbre e si verifica una perdita di peso. La gravidanza prova stanchezza, il suo appetito sta peggiorando.
  • La sarcoidosi cronica, così come asintomatica, può procedere senza sintomi precisi. In questo caso, la malattia può essere diagnosticata per caso durante i raggi X o dopo il test di Mantoux.
  • Un segno di sarcoidosi è la difficoltà a respirare, è possibile una tosse secca o espettorazione con sangue.
  • Nella sarcoidosi può verificarsi dolore alle articolazioni, aumento dei linfonodi. Possono verificarsi problemi di visione.
  • I granulomi possono verificarsi in altri organi interni, che si manifestano con determinati segni.

Gravidanza con sarcoidosi

Puoi rimanere incinta con la sarcoidosi? La risposta è inequivocabile - sì. Nella maggior parte dei casi, la patologia non viola la fertilità umana (la capacità di avere figli). Tuttavia, le caratteristiche importanti della gravidanza nella sarcoidosi dovrebbero essere prese in considerazione, che saranno discusse ulteriormente.

La malattia è piuttosto rara, ma perché raramente si sono registrati casi di gravidanza registrati - solo lo 0,02-0,05% del numero di tutte le future mamme.

Un po 'di teoria

La sarcoidosi è una malattia multisistemica di origine sconosciuta caratterizzata da infiammazione granulomatosa: questi granulomi consistono principalmente di linfociti T e macrofagi.

Durante la nascita del bambino, la madre subisce una forte riorganizzazione del background ormonale, e una delle caratteristiche importanti è l'aumento del livello di estrogeni. Gli ormoni sessuali femminili, secondo alcuni studi, possono ridurre la risposta immunitaria Th1-mediata del corpo, che alla fine porta a una diminuzione dell'attività della sarcoidosi.

Tra l'altro, durante la gravidanza, si svolge la cosiddetta terapia ormonale propria e naturale: durante questo periodo, la concentrazione di cortisolo nel plasma sanguigno aumenta significativamente (di 2-3 volte). Questo processo può portare a una riduzione dell'infiammazione granulomatosa con sintomi migliorati e esiti clinici.

Nel periodo postpartum, l'equilibrio ormonale tende al livello iniziale e la concentrazione di cortisolo libero diminuisce; in questi casi, la malattia spesso ricorre. Nella maggior parte dei casi, il processo rimane stabile, tuttavia, una piccola percentuale di donne sperimenta una progressione dei sintomi e pertanto deve ricorrere alla terapia farmacologica.

Fai attenzione! Supplementi calmi e vitamina D sono controindicati per le donne incinte durante il periodo di gestazione!

Possibili rischi

Sarcoidosi polmonare e gravidanza possono verificarsi insieme, ma in tali casi ci sono alcuni momenti piacevoli (e non così) che dovrebbero essere considerati.

Caratteristiche per la madre

  • Sullo sfondo della gravidanza, la sarcoidosi perde la sua attività, che si riflette nell'indebolimento dei sintomi del processo patologico.
  • La malattia è sistemica e quindi a volte può colpire gli organi riproduttivi, comprese le ovaie e l'endometrio.
  • In assenza di violazioni del sistema respiratorio e cardiovascolare, il decorso della gravidanza è abbastanza favorevole.
  • In rari casi, la grave sarcoidosi porta allo sviluppo di fibrosi polmonare con ipertensione polmonare; A seconda della situazione clinica, questo fenomeno può servire da indicazione per l'aborto.

Prendi nota! Una donna incinta sana può anche avere l'eritema nodoso e il dolore alle articolazioni; sintomi simili non sono considerati come una progressione della sarcoidosi.

Caratteristiche per il bambino

  • Nella maggior parte dei casi, non si osservano anormalità in un bambino con sarcoidosi parentale.
  • I granulomi non si formano nel feto, anche se sono presenti nella placenta.
  • L'ipercalcemia grave (un aumento del livello di calcio nella madre) in teoria può interrompere lo scambio di calcio nel feto.

Fai attenzione! La tomografia computerizzata può essere eseguita per controllare il corso della sarcoidosi durante la gravidanza; L'esame radiografico non è raccomandato.

Previsione della gravidanza

  • I pazienti con la prima e la seconda fase della sarcoidosi, comprese le manifestazioni extrapolmonari minori, non presentano alcuna anomalia durante la gravidanza e il quadro clinico della malattia nella maggior parte dei casi si attenua. La consegna può essere naturale o con taglio cesareo.
  • Grave malattia di base complica in modo significativo la gestazione del feto a causa della necessità di terapia ormonale. Condurre la gravidanza in una situazione simile individualmente ed è determinata dal medico curante.
  • In rari casi, se ci sono complicazioni, l'aborto è possibile.
  • Nel periodo postpartum, spesso si manifesta una ricorrenza di sarcoidosi: il processo patologico ritorna al suo stato originale, che ha preceduto la gravidanza, o (più raramente) la malattia inizia a progredire.
  • L'allattamento al seno può essere inaccettabile con un trattamento medico, come determinato dal medico.

Il trattamento della condizione viene di solito effettuato con l'aiuto di una terapia ormonale sistemica, che ha un effetto tossico sul feto. Poiché l'approccio farmacologico viene effettuato solo in rari casi, e solo a condizione che il beneficio del trattamento superi il danno potenziale.

Gravidanza e sarcoidosi

Pagina 1 di 4

Puoi allattare al seno, non ci sono controindicazioni, a meno che, naturalmente, non stai assumendo farmaci in questo momento. Se dopo il parto hai bisogno di cure, tutto dipende da cosa stai prendendo. Alcuni farmaci penetrano nel latte, altri no.

Il bisogno di un taglio cesareo dovrebbe essere determinato dal medico. Se non vi fosse alcun danno agli organi riproduttivi da parte della sarcoidosi, le indicazioni per il taglio cesareo sono le stesse degli altri casi.

Va ricordato che può verificarsi una recidiva di sarcoidosi dopo il parto. Ciò è dovuto a cambiamenti nei livelli ormonali dopo il parto e ad alcune caratteristiche dell'immunologia della gravidanza in combinazione con la sarcoidosi. Secondo me, se la sarcoidosi era inattiva, il rischio di ricorrenza è piccolo. Ma se la dispnea e l'aggravamento dei sintomi che erano nella diagnosi di sarcoidosi iniziano, è necessario consultare un medico. Secondo la letteratura, il rischio di ricorrenza aumenta con ogni successiva gravidanza.

Sarcoidosi e gravidanza

Per oltre tre secoli, medici di diversi paesi del mondo si sono sforzati di comprendere l'essenza della malattia, nota grazie al dermatologo norvegese Caesar Beck come sarcoidosi. Certo, oggi è risaputo che si tratta di una granulomatosi caseosa, con un alto grado di probabilità che può essere riconosciuta dall'esame a raggi X, e anche la sindrome patogena di questa malattia, la sindrome di Lefgren, è nota. Tuttavia, nonostante i significativi progressi della scienza medica nello studio della natura di questa malattia, la sua vera causa rimane sconosciuta e pertanto rimane aperta la questione della creazione di una terapia etiotropica.

Sarcoidosi e gravidanza

L'importanza di studiare questo problema è aumentata drammaticamente dopo che è stata stabilita la possibilità di una gravidanza in pazienti con sarcoidosi. Leggi di più qui. Il primo caso pubblicato di sarcoidosi durante la gravidanza in letteratura è il rapporto di Nordland et al. nel 1946 (2). Hanno descritto una donna bianca di 26 anni con porpora trombocitopenica. Nel quinto mese di gravidanza, la splenectomia è stata eseguita con successo. L'esame della milza ha mostrato segni istologici di sarcoidosi.

Da quel momento, il numero di tali osservazioni è aumentato significativamente. La gravidanza è un fattore scatenante nello sviluppo della sarcoidosi? O la sarcoidosi colpisce inizialmente le donne in età fertile? Perché, in alcuni casi, la gravidanza aggrava il corso della sarcoidosi e in altri porta alla remissione? La questione dell'influenza reciproca di questi due stati non ha una soluzione univoca. Ad ogni modo, questo articolo non risolve questi problemi. Vogliamo solo analizzare questo caso clinico per le caratteristiche specifiche della gravidanza in corso e l'ulteriore sviluppo della sarcoidosi nel paziente.

Scopo dello studio

Dimostrazione di un caso clinico.

Materiali e metodi di ricerca

Il materiale per il lavoro era la storia del paziente sulla base della Fisiopolmonologia URNII, che è stata studiata in un'analisi retrospettiva.

Risultati della ricerca e discussione

Questo caso clinico è una dimostrazione dello stato di salute del paziente che aveva la sarcoidosi durante la gravidanza.

Vai alla storia. P paziente, inviato con un ricevimento di consultazione per chiarire la diagnosi. In precedenza, la tubercolosi non era malata. Nel novembre 2011 è apparso un colpo di tosse, mancanza di respiro. È stata trattata per bronchite, antibiotici usati, mucolitico. Durante il trattamento, la dispnea è diminuita, è rimasta una rara tosse improduttiva. 01/08/2012 eritema essudativo apparso sulla pelle della gamba sinistra. Al 13 gennaio 2012, le articolazioni del ginocchio e della caviglia erano gonfie, il dolore si manifestava quando si muovevano in queste articolazioni, eritema essudativo sulla tibia destra unita. Nei polmoni secondo la revisione del 14 gennaio 2012, scansione TC dal 17 gennaio 2012 - adenopatia del VLU, DPL.

Aumento della temperatura corporea a 37,4. Gli fu diagnosticata una sarcoidosi polmonare e VGLU, la sindrome di Lefgren. NAM II. Al momento della conferma della diagnosi, il paziente era a 6-7 settimane di gravidanza. Una consultazione è stata raccolta e, a causa del deterioramento delle condizioni del paziente, dopo il suo consenso volontario, è stata presa la decisione di interrompere la gravidanza.

Gravidanza e sarcoidosi polmonare

Scegliere un nome per un bambino non è un compito facile, perché si ritiene che un nome abbia un impatto significativo sulla vita di una persona e.

postumi di sbornia

Una sbornia si chiama in modo diverso, una sindrome del secondo giorno, astinenza o semplicemente una sbornia. La ragione di ciò è che come risultato di una forte diminuzione della concentrazione di alcol nel sangue.

Aborto spontaneo abituale - può e deve essere trattato

Di solito si parla di aborto spontaneo quando una donna ha tre o più aborti spontanei di fila, sebbene l'American Society of Reproductive Medicine abbia recentemente dato.

Il trattamento con astigmatismo è conservativo o operativo?

Il trattamento dell'astigmatismo non è solo la correzione del danno visivo, ma anche la prevenzione delle possibili complicanze di questa patologia. La correzione della visione con astigmatismo può.

Trattamento dell'astigmatismo con rimedi popolari - metodi ausiliari

Il trattamento dell'astigmatismo con i rimedi popolari può avere solo un significato ausiliario, poiché la base della malattia è un cambiamento delle proprietà sferiche della cornea. Curare.

Elekasol - collezione di erbe

Elekasol (nome commerciale) è un farmaco combinato di origine vegetale, ha un effetto antimicrobico e antinfiammatorio. È attivo contro stafilococchi, Escherichia coli, Pseudomonas aeruginosa, Proteus. Stimola i processi riparativi.

Gravidanza e glaucoma: è necessario un attento monitoraggio

Molto spesso, i colliri sono usati per trattare il glaucoma. Dopo l'instillazione negli occhi, alcuni degli ingredienti delle goccioline entrano nel flusso sanguigno. Di conseguenza, lo sono.

Come curare l'acne - farmaci e metodi

Il trattamento dell'acne è un compito difficile, soprattutto perché la ragione del loro aspetto è spesso incomprensibile. I rimedi casalinghi aiutano più o meno efficacemente.

Dispositivo intrauterino - come evitare complicazioni?

Una donna sana può partorire all'anno per un bambino. Ma in ogni momento le donne hanno cercato di ingannare la natura e trovare contraccettivi che lo permettano.

Lenti astigmatiche - a favore e contro

Le lenti per l'astigmatismo possono essere diverse. In alcuni casi, le lenti a contatto rigide vengono ancora utilizzate con successo. Ma sostituito.

Alimenti che riducono lo zucchero nel sangue - regole di alimentazione

Recentemente, in varie pubblicazioni, molti hanno scritto che caffè e cannella, come si è scoperto, possono ridurre il rischio di sviluppare il diabete e aumentare.

Ninne nanne: universale ipnotico

Molte giovani madri si lamentano che il loro bambino è confuso giorno e notte e preferisce essere sveglio anche al buio.

Cerca nel sito

Menu del sito

Novità nell'enciclopedia

Birch. p. Betula

Il simbolo della Russia - la betulla - è principalmente rappresentato in noi da due tipi.

Lakonos è americana. Phytolacca americana

Il nome difficile, forse, non dice nulla all'uomo russo, ma in America.

Rododendri. p. rododendro

Tutti i rappresentanti di questo genere sono arbusti da fiore, la cui coltura viene gradualmente sviluppata dai giardinieri russi. Nella medicina tradizionale della Cina e in altri paesi dell'Est.

Tè di arbusto Kuril. Pentaphyiloides cluham maxim.

Solitamente per le foreste della Siberia orientale, dell'Altai e degli Urali, i giardinieri usano la pianta come.

Ribes. p. Ribes

Tutte le varietà di ribes che crescono nei nostri giardini, discendono da specie selvatiche che si trovano.

Rosa canina. p. Rosa

I cespugli di rose selvatiche sono chiamati cinorrodi. Solo in Russia sono conosciute oltre 60 specie, suddivise in sezioni in base alla quantità contenuta.

Echinops. p. Echinops

A differenza di altre piante, le sfere blu aliene attirano l'attenzione delle persone e.

Portacoltelli da giardino. Portulacea oleracea L.

Il nome stesso "giardino" suggerisce che la portulaca sia mangiata. V.

Globe. Troll ius europaeus L.

Le cupole gialle, che crescono in grandi gruppi in prati umidi, fossi e pianure alluvionali della Russia centrale, cadono solo per.

Il bedrunner è grande. Pimpinella major huds

Sta provando una pianta con un nome molto incomprensibile e persino divertente per un orecchio russo.

Echinacea. Echinacea purpurea

Le materie prime medicinali sono tutte le parti - radici, erba, cesti di fiori e semi.

Cherry. p. cerasus

Ciliegio comune (Cerasus vulgaris Mill.) È uno dei migliori alberi da frutta nella corsia centrale. In primavera, delizierà le festività.

Aronia. Aronia melanocarpa

L'aronia nera ornamentale viene allevata con successo nei nostri giardini come coltura di bacche.

Melissa. Melissa officinalis L.

Melissa è coltivata da millenni nei paesi del Mediterraneo. Difficile da trovare più popolare.

Me-nots. p. Myosotis selvaggio

Durante la fioritura, il nontiscordardime, taglia i gambi teneri con le foglie o tira fuori.

Sarcoidosi e gravidanza sono abbastanza compatibili nelle fasi iniziali della malattia.

Sarcoidosi e gravidanza. Le donne che soffrono di sarcoidosi sono molto preoccupate di come sopravviveranno alla gravidanza e se la sarcoidosi influenzerà le condizioni del feto. Il medico sarà in grado di rispondere a questa domanda solo dopo un esame completo della donna. Se lei non ha un insufficiente insufficienza respiratoria, la gravidanza di solito procede senza complicazioni.

Cosa succede nel corpo con la sarcoidosi

La sarcoidosi è una malattia sistemica in cui organi specifici di infiammazione, noduli o granulomi si sviluppano in vari organi e tessuti. La causa della malattia è considerata una caratteristica ereditaria del sistema immunitario, che è in grado di reagire in modo particolare a determinate influenze ambientali.

Molto spesso, il processo inizia con la sarcoidosi dei linfonodi a cui si unisce. In questo caso, è possibile un leggero danno all'apparato respiratorio, che si conclude con un recupero spontaneo. Ma accade anche che il processo patologico aumenti, i granulomi siano sostituiti dal tessuto connettivo, mentre il volume del tessuto polmonare diminuisce. Questo porta a compromissione della funzionalità polmonare. E poiché i polmoni e il cuore sono interconnessi da una singola funzione - il rilascio di ossigeno agli organi e ai tessuti, anche il cuore soffre - sviluppa polmonare, la cui manifestazione estrema è l'edema polmonare e la morte del paziente.

Molti altri organi sono anche affetti da sarcoidosi: pelle, occhi, fegato, milza, reni, sistema nervoso, cuore e così via. I granulomi caratteristici possono apparire in qualsiasi organo o tessuto.

Come la sarcoidosi influisce sulla condizione di una donna incinta

Gli organi genitali femminili nella sarcoidosi sono molto raramente colpiti. Ma anche se questo accade (anche la placenta può essere colpita), la sarcoidosi non si diffonde mai al tessuto fetale. La gravidanza procede anche in questo caso senza caratteristiche. Inoltre, molti hanno notato che le manifestazioni della sarcoidosi durante la gravidanza sono diminuite. Forse questo è dovuto all'aumentata secrezione di ormoni glucocorticoidi da parte dello strato corticale delle ghiandole surrenali durante la gravidanza.

Ma ci sono anche casi opposti quando la sarcoidosi durante la gravidanza inizia a progredire. Pertanto, le donne che soffrono di sarcoidosi devono pianificare una gravidanza con un esame preliminare completo.

L'unico pericolo per il feto durante la sarcoidosi di una madre è l'aumento del contenuto di calcio nel sangue. Il contenuto di calcio nel sangue del feto diminuisce, il che può causare lo sviluppo di convulsioni immediatamente dopo la nascita. Ma questo pericolo è piuttosto teorico, poiché il livello di calcio nel sangue di una donna è raramente molto alto. Le donne incinte che soffrono di sarcoidosi non dovrebbero dimenticare che non dovrebbero mangiare molti cibi ricchi di calcio (come i latticini), la vitamina D e prendere il sole.

Perché la sarcoidosi può essere pericolosa durante la gravidanza

Il principale pericolo durante la gravidanza è l'aumento della patologia respiratoria e polmonare. Se una donna soffre di dispnea prima dello sviluppo della gravidanza, allora dovrebbe prima trattare, ottenere risultati positivi del trattamento, controllare lo stato dei sistemi respiratorio e cardiovascolare e solo allora decidere sulla gravidanza.

La condizione di una donna incinta affetta da sarcoidosi polmonare o sarcoidosi cardiaca richiede un monitoraggio speciale. Quando compaiono segni di un aumento dell'insufficienza respiratoria o cardiovascolare, le viene prescritta una terapia. Se, nonostante il trattamento eseguito, la condizione della donna sta peggiorando, potrebbe essere una questione di porre fine alla gravidanza per motivi di salute.

Il trattamento consiste nel prescrivere ormoni glucocorticoidi a una donna - di solito sopprime rapidamente il processo infiammatorio e arresta la progressione della malattia. Oggi, gli esperti spesso non sono d'accordo sul fatto che una donna incinta debba essere prescritta quando la sarcoidosi è asintomatica.

Sarcoidosi e parto - quanto è pericoloso?

Nella maggior parte dei casi, il parto in sarcoidosi non ha conseguenze. Se una donna riceveva corsi a lungo termine di ormoni glucocorticoidi durante la gravidanza, allora prescriveva anche questi farmaci durante il travaglio e il primo giorno dopo la nascita.

Il resto della nascita si svolge senza particolari caratteristiche.

Sarcoidosi e gravidanza sono abbastanza compatibili. Ma affinché la gravidanza e il parto passino sani e salvi, una donna deve prepararsi con cura: sottoporsi a un esame completo e possibilmente a un corso di trattamento. Durante la gravidanza, inoltre, non dovrebbe dimenticare di visitare il medico della clinica femminile in tempo e di rispettare tutti i suoi appuntamenti.

Gestione e consegna di donne in gravidanza con sarcoidosi

Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia Facoltà di formazione avanzata e formazione professionale di specialisti sanitari

Manuale per medici e stagisti

Autori: professore associato, dottorato di ricerca DL Guriev, professore, MD. M.B. Okhapkin, professore, MD. MV Khitrov (Dipartimento di ostetricia e ginecologia, Accademia medica statale Yaroslavl - Capo del dipartimento, prof. M. B. Okhapkin).

Il manuale metodologico è raccomandato dal Consiglio metodologico per l'istruzione post-laurea dell'Accademia medica statale Yaroslavl. Approvato dal Consiglio centrale di coordinamento dell'Accademia. Raccomandato dal consiglio di amministrazione dell'organizzazione Yaroslavl dell'Associazione russa degli ostetrici-ginecologi.

La sarcoidosi (malattia di Bénier-Beck-Schaumann) è una malattia sistemica di eziologia sconosciuta caratterizzata dalla formazione di granulomi in tessuti costituiti da linfociti T e fagociti.

  • In alcuni casi, la malattia può essere asintomatica.
  • In Russia, la sarcoidosi si verifica con una frequenza di 5 casi per 100.000 abitanti (negli Stati Uniti - 10-40 ogni 100.000). Il genere non influenza la frequenza della malattia.
  • I granulomi sono dello stesso tipo, arrotondati ("timbrati"), chiaramente delimitati dal tessuto circostante. A differenza dei tubercoli tubercolari, non hanno necrosi caseosa.
  • Si manifesta principalmente nella giovane e mezza età: 20-40 anni. Quasi tutti gli organi sono colpiti: il più delle volte c'è una lesione degli organi respiratori, quindi - pelle (eritema nodoso - nel 25% dei casi), occhi (uveite - nel 25% dei casi), linfonodi, polmoni, fegato, milza, meno spesso - reni, ossa.

L'eziologia e la patogenesi della sarcoidosi rimangono inesplorate. Sotto l'influenza di vari fattori (ad esempio, micobatteri e propionibatteri), si verifica una reazione infiammatoria cronica locale sotto forma di granulomi.

La diagnosi

  1. È necessario stabilire solo dopo l'esclusione di tubercolosi, infezione da HIV, malattie sistemiche del tessuto connettivo. È considerata la conferma morfologica obbligatoria della malattia.
  2. Sintomi della malattia: tosse, mancanza di respiro, dolore toracico, stanchezza, debolezza, indisposizione, febbre, perdita di peso.
  3. Radiografie anormali dei polmoni sono annotate nel 90% dei casi:
    • polmonite interstiziale - il principale segno di danno polmonare (infiltrati interstiziali / alveolari);
    • la linfoadenopatia, in particolare il mediastino (adenopatia ilare bilaterale), si verifica nel 75-90% dei casi;
    • in metà dei pazienti, i cambiamenti sulla radiografia non subiscono cambiamenti inversi.
  4. L'insorgenza improvvisa della malattia si verifica nel 25% dei pazienti, il 10% non presenta sintomi al momento della diagnosi.

Ci sono 4 fasi della malattia, in base al grado di coinvolgimento nel processo del tessuto polmonare.

Stadio I - la presenza di linfoadenopatia ilare bilaterale (ilare), che è spesso accompagnata da un aumento dei linfonodi nella giusta area paratracheale. Nel 75% di questi pazienti, la malattia regredisce spontaneamente entro 1 o 3 anni.

Stadio II - linfoadenopatia ilare bilaterale combinata con infiltrati interstiziali. In 2/3 dei pazienti, la malattia si risolve in modo indipendente, nei pazienti rimanenti, il processo progredisce o persiste per un lungo periodo.

Stadio III - infiltrati interstiziali in combinazione con la "corrugazione" dei linfonodi della radice.

Stadio IV - fibrosi progressiva.

Previsione generale

  1. Il recupero senza trattamento avviene nel 50% dei casi.
  2. La metà dei pazienti ha ancora un lieve fallimento multiorganico, che non progredisce ulteriormente.
  3. In circa il 10% dei pazienti, la malattia porta alla morte:
    • In assenza di trattamento negli stadi III e IV, la funzionalità polmonare peggiora progressivamente.

trattamento:

  • I farmaci chiave nel trattamento della sarcoidosi sono i corticosteroidi.
  • In assenza di marcati sintomi di danno polmonare, il trattamento è in ritardo per diversi mesi. In assenza di miglioramento, il prednisone viene somministrato giornalmente a 1 mg / kg per 4-6 settimane.
  • Quando gli steroidi sono inefficaci, vengono utilizzati clorochina, metotrexato, azatioprina, pentossifillina, talidomide, ciclofosfamide, ciclosporina, infliximab.

È importante notare che oggi non è chiaro se sia necessaria una terapia steroidea a lungo termine in pazienti con malattia asintomatica.

Rischio per la madre

  • La sarcoidosi colpisce raramente il sistema riproduttivo femminile, sebbene vi siano casi noti di lesioni dell'endometrio, delle ovaie e dei linfomi del leiomioma.
  • La sarcoidosi sistemica in assenza di disturbi emodinamici respiratori significativi non riduce la fertilità e non aumenta il rischio di complicazioni da parte della madre e del feto.
  • La gravidanza non peggiora il corso della sarcoidosi.
  • In gravidanza, la malattia può migliorare il suo decorso, apparentemente a causa di un aumento della concentrazione di cortisolo libero.
  • Alcuni pazienti con sarcoidosi sviluppano fibrosi polmonare progressiva e ipossiemia con esito nel cuore polmonare e ipertensione polmonare.
  • L'ipertensione polmonare moderata e grave è considerata un'indicazione per l'interruzione della gravidanza a causa dell'alto rischio di mortalità materna (fino al 50%).

Rischio per il feto

  • Non ci sono fattori di rischio specifici che portano alla violazione del feto.
  • L'ipercalcemia non trattata nella madre può teoricamente portare a ipocalcemia e tetania nel neonato. Tuttavia, nella sarcoidosi, l'ipercalcemia è più spesso moderata e raramente causa problemi nel periodo neonatale.
  • I granulomi sarcoidi si trovano nella placenta, ma non si formano mai nel feto.

Preparazione per la gravidanza

  • Valutare il grado di saturazione di ossigeno (SaO2) a riposo e dopo l'esercizio.
  • Indagare la funzione della respirazione esterna (compreso lo studio della capacità diffusa del monossido di carbonio - un test sensibile della presenza di patologia polmonare interstiziale).
  • Eseguire una radiografia del torace.
  • Esegui test di laboratorio - completa emocromo, enzimi epatici, creatinina, calcio sierico, azoto nelle urine.

Previsione di gravidanza:

  • I pazienti con stadio I e II e manifestazioni extrapolmonari minori hanno generalmente esiti di gravidanza favorevoli.
  • Con i gradi più gravi della malattia, è possibile una progressione della sarcoidosi e si può prevedere la necessità di una terapia, che probabilmente complicherà il corso della gravidanza.
  • Di norma, i farmaci usati non hanno effetti collaterali sul feto.

Gestione della gravidanza

sondaggio:

  • La dispnea è una delle manifestazioni della normale gravidanza, ma può anche essere un sintomo della sarcoidosi di stadio II.
  • Reclami di dispnea crescente in una donna incinta con sarcoidosi dettano la necessità di determinare la saturazione di ossigeno (SaO2) a riposo e dopo l'esercizio, la radiografia dei polmoni e la determinazione della funzione respiratoria, compresa la capacità diffusa di monossido di carbonio.
  • La determinazione della composizione cellulare di sangue, enzimi epatici, creatinina, calcio, deve essere effettuata almeno una volta per trimestre.

trattamento

  • I corticosteroidi sistemici sono prescritti per la presenza di sintomi di sarcoidosi: 1 mg / kg di prednisolone al giorno. Con prove appropriate, i benefici della prescrizione di glucocorticoidi durante la gravidanza superano il loro potenziale danno.
  • Se necessario, il trattamento con altri farmaci (vedi sopra) è necessario per valutare attentamente la necessità di utilizzare questi medicinali e il loro possibile effetto embrio-e fototossico.
  • Il trattamento e il monitoraggio dell'efficacia del trattamento vengono effettuati congiuntamente da pneumologo e ostetrico-ginecologo.

Va ricordato: la vitamina D e gli integratori di calcio sono controindicati per le donne in gravidanza con sarcoidosi.

consegna

  • In presenza di lesioni del parenchima polmonare, è preferibile utilizzare l'anestesia epidurale piuttosto che l'anestesia generale.
  • Alle donne che hanno ricevuto glucocorticoidi per più di 2 settimane durante l'anno precedente devono essere somministrate dosi di steroidi da stress durante il travaglio e entro 24 ore dal parto secondo lo schema delineato nella sezione "Gestione e consegna delle donne in gravidanza con asma bronchiale".

Il periodo postpartum: non ci sono raccomandazioni specifiche per la gestione del periodo postpartum nelle donne con sarcoidosi.

Ancora una volta, l'ipercalcemia nella madre può teoricamente portare all'ipocalcemia e alla tetania nel neonato.

Sarcoidosi, gravidanza, parto

Baby1999, scrive il 29 luglio 2010, 13:45

Due domande Come diagnosticare quale stadio della sarcoidosi. Prima della gravidanza era in remissione. I raggi X non possono essere fatti. Allora come essere?

La seconda domanda - che tipo di nascita: indipendente o cesareo - i medici consigliano quando questa malattia?

  • Pagina 1 di 2
  • ctrl →
  • 1
  • 2

Prima partorisci, poi inizia il trattamento, ma fallo vedere da un pneumologo: quanto tempo hai ancora bisogno di andare prima della nascita?

Zlata, io, al tuo posto, certo, non ci avrei nemmeno pensato, ho creduto solo nella migliore soluzione della questione e ovviamente avrei lasciato il bambino. I medici non possono dare alcuna garanzia e dopo i corsi di trattamento che in seguito, si può dare alla luce con fiducia. Nessuno oserà dire che la malattia è diminuita del 100%, per favore ora partoriamo. Questo non succederà.

E ho paura che ci sarà sicuramente negato a IVF ora (

Sarcoidosi in gravidanza

DESCRIZIONE

La sarcoidosi (malattia di Bénier-Beck-Schaumann) è una malattia sistemica di eziologia sconosciuta caratterizzata dalla formazione di granulomi. In alcuni casi, la malattia è asintomatica.

In Russia, la sarcoidosi si verifica in 5 casi ogni 100.000 abitanti, negli Stati Uniti 10-40 ogni 100.000 abitanti. Si verifica principalmente nella giovane e mezza età di 20-40 anni. Quasi tutti gli organi sono colpiti: il più delle volte c'è una lesione degli organi respiratori, poi la pelle è del 25%, gli occhi sono il 25%, i linfonodi, il fegato, la milza, meno spesso i reni, le ossa.

CAUSE

L'eziologia e la patogenesi rimangono inesplorate. Sotto l'influenza di varie ragioni, una reazione infiammatoria cronica locale si verifica come un tipo di formazione di granuloma.

Sintomi

I sintomi della malattia sono tosse, mancanza di respiro, dolore al petto, debolezza, malessere, febbre, perdita di peso. L'insorgenza improvvisa della malattia è stata osservata nel 25% dei casi, il 10% non ha sintomi al momento della diagnosi.

Rischio per la madre

La sarcoidosi colpisce raramente il sistema riproduttivo femminile, sebbene vi siano casi noti di lesioni dell'endometrio e delle ovaie. In assenza di disturbi emodinamici respiratori significativi, la fertilità non diminuisce e il rischio di madre e feto non aumenta.

Nella maggior parte dei casi, la gravidanza non aggrava il decorso della sarcoidosi, anche il miglioramento può verificarsi, ma in alcuni pazienti con sarcoidosi, la fibrosi polmonare progressiva si sviluppa con l'esito dello sviluppo polmonare del cuore e dell'ipertensione polmonare e nei casi gravi il rischio di mortalità materna è elevato. Ipertensione polmonare moderata e grave sono indicazioni per l'interruzione della gravidanza.

Rischio per il feto

Non ci sono fattori di rischio specifici che portano alla violazione del feto. I granulomi sarcoidi si trovano nella placenta, ma non si formano mai nel feto. L'ipocalcemia e la tetania nei neonati possono essere il risultato dell'ipercalcemia nella sarcoidosi, quindi le donne in gravidanza con sarcoidosi sono controindicate assunzione di vitamina D e integratori di calcio.

Polmonite.

Nella pratica ostetrica, molto spesso abbiamo a che fare con la polmonite acquisita in comunità. Nelle donne in gravidanza, il decorso della polmonite è spesso più grave a causa di una diminuzione della superficie respiratoria dei polmoni, una posizione elevata del diaframma, che limita l'escursione dei polmoni, che è aggiuntiva al sistema cardiovascolare. Con la posizione dell'infiammazione nell'angolo diastmatico diastrematico non si sente il respiro affannoso. A volte l'immagine a raggi X è l'unica evidenza di polmonite, i segni di percussione auscultativa possono essere assenti. L'aumento ripetuto della temperatura indica la formazione di una nuova focalizzazione dell'infiammazione. Con lo sviluppo della polmonite poco prima del parto, lo sviluppo dell'attività lavorativa dovrebbe essere rinviato, se possibile, mediante prescrizione di mimici e altri farmaci, poiché l'atto di nascita è pericoloso a causa dell'effetto di fattori tossici-infettivi sul sistema nervoso e cardiovascolare della donna.

Gli antibiotici rendono possibile non solo trattare con successo i pazienti, ma anche prevenire la morte del feto intrauterino. Quando si sceglie un antibiotico, si dovrebbe guidare la determinazione della sensibilità della flora secreta dall'espettorato agli antibiotici, tenendo conto della durata della gravidanza e dell'effetto del farmaco sul feto.

Farmaci sulfonamidici, ma non di azione prolungata, in quanto quest'ultimo in alcuni casi causa ittero nucleare nel feto. Antibiotici come streptomicina, cloramfenicolo (cloramfenicolo) e derivati ​​della tetraciclina, sono controindicati per tutte durante la gravidanza e dopo il parto come streptomicina dà la funzione vestibolare e cocleare cloramfenicolo apparato fetale inibisce ematopoiesi feto, e le tetracicline sono teratogeni e portare a ipoplasia e colorazione latte denti.

Di norma, la polmonite nelle donne in gravidanza può essere curata e questa malattia non è una controindicazione per la conservazione della gravidanza.

Tuttavia, la mortalità materna delle donne in gravidanza da polmonite non è stata ancora eliminata, supera il tasso di mortalità da tubercolosi. Rulid, Sumamed ha un livello molto basso di effetti collaterali, ma nel periodo gestazionale la loro sicurezza non è garantita per il feto.

Sarcoidosi come problema in ostetricia e ginecologia.

Un tale fattore nella valutazione della sarcoidosi, come la determinazione dell'attività dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) nel siero, non è informativo durante la gravidanza - entrambi gli stati sono accompagnati da un aumento dell'attività di questo enzima. Tutto ciò rende difficile diagnosticare tempestivamente la sarcoidosi durante la gravidanza.

L'effetto della sarcoidosi sulla funzione riproduttiva di una donna è costituito dai seguenti fattori:

- diminuzione della funzione respiratoria con lo sviluppo di ipossiemia

- affetto degli organi riproduttivi e delle ghiandole mammarie

- danno al sistema endocrino con ridotta fertilità

- effetto della gravidanza sul corso della sarcoidosi

- effetto della sarcoidosi sul corso della gravidanza

- influenza di fattori di trattamento di sarkoidoz su una donna e un feto

- sconfitta della sarcoidosi di altri organi e sistemi che rappresentano una minaccia per la salute della donna e del feto

- comprensione della sarcoidosi come malattia geneticamente determinata.

Gli scienziati ritengono che i fattori prognostici di questa combinazione siano: la sensibilità al livello dei corticosteroidi è spesso esacerbata; cambiamenti parenchimali sulle radiografie, stadio radiografico III-IV, donne anziane, bassa attività infiammatoria, prescrizione di farmaci diversi dagli steroidi, presenza di sarcoidosi extrapolmonare.

Esame approfondito per decidere su una gravidanza programmata, misurazione dello stato funzionale iniziale dei polmoni, attività infiammatoria, stadio radiografico e valutazione della risposta al trattamento.

Un piano di trattamento per i pazienti con sarcoidosi avanzata deve essere chiaramente definito.

Di norma, le donne con gravi malattie polmonari restrittive (VC inferiore a 1 litro) devono evitare la gravidanza o abortire per motivi medici. Se una donna decide di mantenere la gravidanza, allora dovrebbe essere sotto costante controllo medico ed essere pronta per un taglio cesareo.

Nella maggior parte dei casi, le malattie restrittive non pregiudicano la fertilità e la gravidanza in genere raramente influenza in modo significativo il decorso delle malattie del tessuto connettivo.

Un'analisi comparativa dell'effetto di varie malattie sistemiche in gravidanza può causare la sarcoidosi meno pericolosa. La gravidanza con SLE può influire sulla malattia (60% delle esacerbazioni del lupus). Il danno renale e l'ipertensione sono fattori prognostici importanti. D'altra parte, c'è un rischio del 60% di parto pretermine. Il rischio di lupus in un neonato dipende principalmente dagli anticorpi anti-Ro-SSA e anti-La-SSB e non può essere previsto. È necessaria l'osservazione multidisciplinare delle donne affette da SLE e che desiderano iniziare una gravidanza. Con lo sclerodermia, la patologia della gravidanza è rara e la gravidanza non influisce sul decorso della malattia, ad eccezione del danno renale. Quando dermatomiosite, la gravidanza è un fattore scatenante o peggiora il decorso della malattia. La porfiria può fermarsi o peggiorare durante la gravidanza. Varie forme di pemfigo (pemfigo) possono apparire o intensificarsi durante la gravidanza. L'effetto della sarcoidosi sulla gravidanza non è significativo. Le complicanze sono possibili nei pazienti con sindrome di Ehlers-Danlos di tipo I o IV. La gravidanza può esacerbare le complicanze vascolari dello pseudoxantoma elastico. Esacerbazione è possibile in caso di neurofibromatosi di tipo I. La progressione varia con la psoriasi, la dermatite atipica e la malattia di Behçet. Le infezioni genitali si riscontrano spesso durante la gravidanza e spesso rappresentano un rischio per il feto (candidosi vaginale, verruche virali, gonococco, infezione da herpes). Il rischio di sviluppare varicella grave nei neonati è alto se la malattia si verifica il giorno prima o immediatamente dopo il parto.

L'effetto di queste due condizioni sul metabolismo del calcio. Elevati livelli di calcitriolo erano un fattore importante nei disturbi del metabolismo del calcio. Livelli elevati di calcitriolo hanno fornito sia granulomi sarcoidi e reni, estradiolo e prolattina potenziati la conversione da 25 (OH) D a 1,25 (OH) (2) D. Si può sviluppare un ipoparatiroidismo con livelli normali di calcio (probabilmente a causa della soppressione diretta della secrezione dell'ormone paratiroideo da parte del calcitriolo). L'ipercalciuria è il risultato dell'effetto combinato dell'iperassorbimento del calcio dall'intestino (una conseguenza di un aumento del livello di calcitriolo, che porta ad un aumento della filtrazione del calcio) e una diminuzione del calcio canalicolare, come conseguenza della soppressione della secrezione dell'ormone paratiroideo.

Secondo i dati di scienziati americani che hanno studiato gli effetti sul decorso e gli esiti della gravidanza nelle donne con fibrosi cistica, ipertensione polmonare primaria (PLH) e sarcoidosi, la sarcoidosi può essere attribuita alle malattie più prospere in relazione alla previsione del feto e del parto di successo.

La sarcoidosi non deve essere considerata una controindicazione alla gravidanza. Nella maggior parte dei casi, la gravidanza può essere mantenuta, ma in ogni caso il problema dovrebbe essere deciso individualmente, e il patrocinio della donna incinta dovrebbe essere tenuto sia dai medici della clinica prenatale che dagli specialisti della sarcoidosi, ovviamente, in isolamento dai pazienti affetti da tubercolosi.

Sarcoidosi e gravidanza. La sarcoidosi non influisce negativamente sulla gravidanza, ma può esacerbare dopo il parto, quindi una radiografia di controllo deve essere assunta entro 6 mesi dalla consegna. La frequenza di aborti spontanei, aborto spontaneo e anomalie fetali congenite nei pazienti con sarcoidosi non differisce da quella delle donne che non soffrono di sarcoidosi.

Sono stati descritti molti casi di nascita di bambini normali da individui che hanno ricevuto farmaci citotossici, ma il rischio di malformazioni fatali è alto.

Malattie diffuse del tessuto connettivo e gravidanza.

SLE. La posizione alta del diaframma, che è anche un sintomo di polmonite, perde il suo valore diagnostico, come è osservato in tutte le donne nella seconda metà della gravidanza.

Artrite reumatoide I pazienti con la forma articolare-viscerale in remissione e con la funzione intatta degli organi interni possono continuare la gravidanza. Se viene rilevata l'amiloidosi degli organi interni, la gravidanza è controindicata.