Cancro cervicale e gravidanza: domande e risposte

Quanto spesso si manifesta il cancro cervicale nelle donne in gravidanza?

Il cancro cervicale durante la gravidanza si verifica con la stessa frequenza di appendicite e calcoli renali. Questa è la principale causa di morte tra le donne di 35-54 anni. Di tutti i nuovi casi di cancro cervicale, l'1-3% dei casi è stato riscontrato durante la gravidanza. Negli Stati Uniti, l'incidenza del cancro cervicale è di 1,2 casi su 10.000 donne in gravidanza. In generale, il 5% delle donne in gravidanza trova deviazioni nello striscio citologico, che praticamente non supera i livelli di deviazioni nelle donne non gravide.

La gravidanza peggiora le condizioni precancerose della cervice (lesione intraepiteliale, displasia)?

Studi clinici dimostrano che la gravidanza non aggrava le condizioni precancerose della cervice - CIN 2 e 3. Al contrario, c'è un processo inverso (regressione) di tali condizioni nel 70% dei casi.

Ci sono cambiamenti nella cervice specifici della gravidanza?

Durante la gravidanza, si osservano cambiamenti fisiologici della cervice, che sono caratterizzati da un aumento dell'apporto di sangue all'utero, compresa la cervice, e un aumento del numero di vasi (vascolarizzazione), un aumento delle dimensioni della cervice (ipertrofia) e un aumento della crescita delle ghiandole del canale uterino (iperplasia). La proliferazione del tessuto ghiandolare può estendersi oltre il canale cervicale e assomigliare a polipi, che non richiedono un trattamento, sebbene possa essere accompagnata da trauma e sanguinamento.
Anche durante la gravidanza, la zona di trasformazione e la giunzione di due tipi di epitelio (piatto e cilindrico) spesso si spostano verso l'esterno, cioè sulla superficie della porzione vaginale della cervice, e in 20 settimane di gestazione diventano evidenti in quasi tutte le donne incinte.
Durante la gravidanza, le cellule di uno striscio citologico includono spesso cellule di un endometrio e trofoblasto modificato (parte della placenta), che possono essere confuse con la displasia. Pertanto, è necessario prendere in considerazione il fatto della crescita di risultati citologici falsi positivi con un aumento della durata della gravidanza.

Il tipo di parto influisce sul cancro cervicale in futuro?

Non molto tempo fa, è stato possibile trovare pubblicazioni nella letteratura medica che affermano che il livello di trauma alla cervice aumenta durante il parto vaginale, il che significa che aumenta il rischio di cancro cervicale, specialmente nelle donne con cambiamenti in quest'area. Numerosi studi clinici non supportano tali affermazioni. Al contrario, i dati ottenuti sono molto contraddittori.
Secondo un dato, il parto vaginale riduce il rischio di cancro di quasi il 60%. Questa diminuzione è dovuta all'inclusione del meccanismo di protezione immunologica e al miglioramento del processo di guarigione della cervice dopo il parto vaginale (hanno sempre microtrauma e rottura della cervice).
Secondo altri dati, la differenza nella regressione delle condizioni precancerose della cervice durante il parto vaginale e dopo il taglio cesareo non è stata osservata.
Lo svantaggio di tutti gli studi è stato un piccolo numero di partecipanti, che riduce il loro livello di affidabilità. Tuttavia, fino ad ora, la displasia cervicale, indipendentemente dal suo grado, non è un'indicazione per il taglio cesareo.

Quali tipi di cancro cervicale si trovano nelle donne in gravidanza?

Le statistiche mostrano che nelle donne in gravidanza il carcinoma a cellule squamose si verifica nell'80-87% dei casi e nel 7-16% dei casi si verifica l'adenocarcinoma cervicale.

Come progredisce il cancro cervicale nelle donne in gravidanza?

Nel 70% delle donne in gravidanza, il cancro cervicale è asintomatico. La lamentela più comune è la secrezione sanguinolenta dalla vagina, meno dolore nell'addome inferiore, che può essere preso per la minaccia dell'aborto.

È facile diagnosticare il cancro cervicale nelle donne in gravidanza?

Nelle donne in gravidanza, la diagnosi di cancro del collo dell'utero può essere effettuata prima, perché le donne in gravidanza sono viste più spesso e regolarmente dai medici. Poiché durante la gravidanza si verifica un'inversione fisiologica della zona di trasformazione cervicale, dove il processo maligno si verifica più spesso, lo screening citologico, la colposcopia e altri studi sono più facili, specialmente dal secondo trimestre.

È possibile fare uno striscio citologico durante la gravidanza?

Prendere uno striscio citologico durante la gravidanza non è controindicato, ma i medici dovrebbero evitare il curettage endocervicale (raschiare la parete interna del canale cervicale) e inserire strumenti nel canale cervicale, che spesso porta a sanguinamento, danni alle membrane, distruzione del tappo cervicale.
I moderni pennelli per la raccolta di materiale destinato alla ricerca citologica sono sicuri e convenienti. Se l'istituzione medica non è dotata di strumenti moderni, allora è possibile astenersi dalla ricerca citologica in assenza di chiare indicazioni per la sua condotta.
È anche importante aderire alle moderne raccomandazioni di screening per le condizioni precancerose e cancerose della cervice, che dichiarano quanto segue: se l'ultimo esame citologico è stato eseguito non più tardi di 2-3 anni ed i suoi risultati sono normali, può essere omesso un riesame. Quindi, se durante un periodo di 2-3 anni prima di pianificare una gravidanza, una donna ha subito un esame citologico e non ha trovato displasia, quindi in assenza di cambiamenti visibili sulla cervice, l'esame citologico non è raccomandato.

La colposcopia può essere eseguita durante la gravidanza?

La colposcopia è un metodo sicuro per diagnosticare la malattia cervicale durante la gravidanza. Ma dal momento che durante la gravidanza, i processi oncologici possono svolgersi nella cervice, una colposcopia dovrebbe essere eseguita da un medico molto esperto. Allo stesso tempo, i medici spesso sottovalutano i cambiamenti riscontrati. Pertanto, la colposcopia nelle donne in gravidanza dovrebbe essere effettuata da medici che hanno una formazione specifica sul tema del cambiamento dell'epitelio della cervice in donne in gravidanza.
La colposcopia deve essere eseguita rigorosamente secondo le indicazioni - in presenza di una condizione precancerosa, rilevata mediante esame citologico e quando si esegue una biopsia.

È possibile prendere tessuto cervicale (biopsia) durante la gravidanza?

Se una semplice biopsia viene eseguita con precisione, cioè mediante la colposcopia, allora molte conseguenze negative di tale esame possono essere evitate. Una biopsia tissutale a forma di cono può portare all'aborto se eseguita nel primo trimestre di gravidanza o causare un parto prematuro se eseguita nel secondo o terzo trimestre. Un sanguinamento moderato è un grave effetto collaterale della biopsia del cono. Alcuni medici suggeriscono la biopsia a forma di cuneo nelle donne in gravidanza, che aiuta a ridurre il trauma cervicale e prevenire una serie di complicazioni di questa procedura. Tuttavia, quando si esegue qualsiasi tipo di biopsia, è sempre necessario ricordare che deve avere gravi indicazioni - grave displasia e sospetto di cancro.
Molti medici raccomandano una biopsia non prima del secondo trimestre.

I test HPV sono necessari per le donne in gravidanza?

Si consiglia di eseguire test per HPV (papillomavirus umano) in quelle donne in gravidanza le cui anomalie sono state riscontrate nei risultati di studi citologici, comprese le cellule epiteliali piatte atipiche di significato inspiegabile (ASCUS). Ma bisogna ricordare che non esiste un trattamento medico per l'HPV.

Le condizioni della gravidanza peggiorano il cancro cervicale?

I dati sull'effetto della gravidanza sull'andamento del cancro cervicale sono controversi. L'ipotesi teorica che la gravidanza possa aggravare il cancro cervicale non è confermata nella pratica.

Quale trattamento del cancro cervicale viene utilizzato nelle donne in gravidanza?

Il trattamento delle donne in gravidanza con cancro cervicale è quasi uguale a quello delle donne non gravide e dipende dallo stadio della malattia, dalla profondità della lesione, dalla prevalenza del processo maligno. Nelle prime fasi del cancro cervicale, è possibile la rimozione del tumore che preserva l'organo. Se il cancro cervicale viene trovato prima della 20a settimana di gravidanza, la donna viene solitamente offerta di rimuovere l'utero insieme al feto per evitare forti emorragie. Se il cancro del collo dell'utero viene trovato dopo 20 settimane, alla donna viene chiesto di completare prima la gravidanza e poi fare un intervento chirurgico per rimuovere l'utero. Al fine di evitare la diffusione del cancro attraverso il sangue di queste donne deve essere consegnato con taglio cesareo.

Il trattamento del cancro cervicale può essere ritardato durante la gravidanza?

Numerosi studi hanno dimostrato che in molti casi nelle fasi iniziali del cancro cervicale, il trattamento può essere posticipato fino a quando il feto è maturo abbastanza da sopravvivere, ma la decisione sul trattamento o l'attesa deve essere presa dopo un'analisi seria di tutti i fattori di rischio in ciascun caso di cancro cervicale..

Posso fare la chemioterapia durante la gravidanza?

Esistono poche prove sulla sicurezza della chemioterapia nel trattamento del cancro cervicale nelle donne in gravidanza. Nella pratica medica, ci sono solo casi isolati di chemioterapia nelle donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza. Queste donne avevano ritardato la crescita fetale e la perdita dell'udito nei neonati. La chemioterapia non può essere utilizzata nelle donne che allattano al seno, poiché i medicinali entrano facilmente nel latte materno e possono causare complicazioni nel neonato.

Le radiazioni possono essere utilizzate come trattamento per il cancro cervicale nelle donne in gravidanza?

L'uso di radiazioni nelle donne in gravidanza non è raccomandato, ma questo metodo di trattamento può essere utilizzato nel periodo postpartum. I dati di ricerca suggeriscono che c'è il rischio di rimanere indietro nello sviluppo mentale dei bambini le cui madri sono state irradiate a 8-15 settimane di gestazione. Dopo 20 settimane di gravidanza, le radiazioni possono danneggiare il midollo osseo del bambino, causare lo sviluppo di processi maligni in esso, ritardare lo sviluppo del feto e causare infertilità in questi bambini durante la pubertà.

Può una donna con cancro cervicale dare alla luce naturalmente attraverso la vagina?

Il taglio cesareo è preferito a causa dell'aumentato rischio di gravi emorragie della cervice e della possibile diffusione del processo maligno attraverso il sangue o la linfa in tutto il corpo della donna. Secondo alcuni rapporti, il tasso di sopravvivenza delle donne che hanno partorito naturalmente è inferiore al tasso di sopravvivenza delle donne che hanno subito un taglio cesareo.

Qual è la prognosi per la sopravvivenza delle donne con cancro cervicale durante la gravidanza?

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni delle donne in cui il cancro cervicale è stato rilevato durante la gravidanza è all'incirca uguale a quello delle donne non gravide ed è dell'88% per il cancro in stadio I, ma è inferiore per il cancro cervicale in stadio II (54%).

Il cancro cervicale e la gravidanza sono compatibili?

Cancro cervicale - una malattia abbastanza comune tra le donne da 35 anni. Questa patologia è estremamente pericolosa per la salute e talvolta per la vita di una donna. In questa situazione, le notizie sulla gravidanza possono non essere affatto felici per una donna. Cancro cervicale e gravidanza - le cose non sono sempre compatibili.

Possibilità di gravidanza in patologia

Posso rimanere incinta di cancro cervicale? Ci sono più casi di medicina in cui una donna è rimasta incinta di questa diagnosi. Pertanto, questa patologia non è un ostacolo al concepimento. Le eccezioni sono casi in cui, insieme al cancro, si osservano aderenze o processi infiammatori nel corpo femminile. Tendono ad interferire con la piena concezione. Spesso le donne rimangono incinte senza conoscere la loro malattia, perché portare un bambino in combinazione con una diagnosi simile è un'attività molto rischiosa.

La gravidanza è possibile in presenza di patologie cervicali.

Se il cancro viene trovato durante la gravidanza?

Con il cancro cervicale, la gravidanza è abbastanza comune. Sulla quantità totale di cancro cervicale, il 3% viene rilevato durante la gravidanza. Quindi, per 10.000 gravidanze, ci sono 1,2 casi di patologia cervicale.

Una donna potrebbe non essere consapevole della presenza di cancro. Molto spesso, il cancro è asintomatico. L'unica cosa che può disturbare una donna in questo momento è la sanguinosa scarica dalla vagina. La maggior parte delle donne incinte accetta erroneamente questo fenomeno con l'inizio dell'aborto, senza associare questo sintomo a patologia cervicale.

Un altro motivo per il rilevamento tardivo del cancro è considerato il fattore che le donne in gravidanza non vengono esaminate con gli specchi ginecologici. Pertanto, il medico non ha accesso alla cervice e non può valutare le sue condizioni. Le donne incinte dovrebbero essere attente alla loro salute. Sanguinamento e dolore frequenti nell'addome inferiore possono indicare un aborto minacciato. Ma a volte sono compagni di una malattia più grave. Se ti trovi in ​​sintomi allarmanti, una donna incinta dovrebbe visitare un ginecologo.

Stadio della malattia

Di norma, le donne in gravidanza con cancro cervicale hanno due possibilità: l'aborto o un trattamento specialistico. Più spesso, il medico suggerisce a una donna di interrompere la gravidanza, soprattutto se si tratta di termini precoci. In questo caso, gli esperti considerano fondamentale salvare la vita di una donna. Portare un bambino con una tale diagnosi è pieno di aborti, parto prematuro o morte fetale.

Pochissime donne riescono a essere curate all'inizio della gravidanza e sopportano, e poi danno alla luce un bambino sano. Una prognosi così favorevole è possibile solo nelle prime fasi del cancro cervicale - 1 o 2. Questo accade raramente, poiché questi stadi della malattia sono solitamente asintomatici.

Fondamentalmente, anche dopo aver effettuato la chemioterapia con parsimonia, la donna non è in grado di sopportare il bambino. Se la malattia è trascurata, il feto deve essere rimosso, indipendentemente dalla durata della gravidanza.

Metodi di terapia

Il trattamento della patologia cervicale è molto individuale per ciascun paziente. In questo caso non esiste una struttura rigida, perché è importante tenere conto delle peculiarità della posizione di una donna. Le tattiche mediche dipendono in gran parte dalla durata della gravidanza e dall'estensione della malattia.

I trimestre II e III trimestre

Nella fase finale del cancro cervicale, la chirurgia è di solito inutile. La malattia in questa fase colpisce gli organi rimanenti e i linfonodi, accompagnata dalla crescita di metastasi in tutto il corpo. Trasportare un bambino, e soprattutto dare alla luce una donna con una tale diagnosi è controindicato.

Quando puoi salvare un bambino?

Molto spesso, ad una donna viene consigliato l'aborto. Ma in rari casi sono possibili eccezioni. Queste sono le prime fasi del cancro cervicale intraepiteliale. In tali situazioni, la vita del bambino viene salvata. Una donna incinta subisce un'osservazione sistematica durante l'intera gravidanza. Con una tale diagnosi, la consegna naturale è possibile, e non solo dal taglio cesareo. Due settimane dopo la nascita, la donna prende un quadro di controllo. La medicina ha conosciuto casi in cui il paziente non aveva bisogno di terapia antitumorale - la malattia semplicemente regrediva. Secondo l'opinione di specialisti competenti, è naturalmente la nascita che ha causato un risultato così felice.

La tattica medica nel preservare la vita di un bambino dipende in gran parte dallo stadio del cancro e dal desiderio della donna stessa. Ci sono casi in cui la gravidanza è combinata non solo con la patologia della cervice, ma anche con il cancro al seno. I medici prendono le decisioni in base al caso specifico del paziente. Pertanto, la decisione viene presa sull'aborto, sulla precedente risoluzione e talvolta sul parto mediante taglio cesareo con rimozione simultanea dell'utero. Quest'ultima situazione ti consente di salvare la vita sia del neonato che di sua madre.

È importante! Una donna che ha deciso di lasciare il bambino e di portarla fuori con una diagnosi di cancro cervicale è estremamente a rischio. Quando la gravidanza si verifica un significativo indebolimento del sistema immunitario. Questo può causare la progressione del processo tumorale. Portando un bambino, una donna deve costantemente visitare un medico per controllare le sue condizioni.

Gravidanza dopo terapia

Spesso, il cancro cervicale viene trattato con successo nelle prime fasi della malattia. Una donna riesce a preservare sia la sua vita che, in misura maggiore, la sua salute. Ma la terapia prescritta per eliminare il tumore ha i suoi svantaggi significativi. Il più importante di loro è la sterilità possibile. L'entità dell'impatto negativo di tale trattamento dipende dal dosaggio della radioterapia, dalle caratteristiche della chemioterapia, dall'estensione del tumore e da altri fattori. Di conseguenza, le donne possono sperimentare le seguenti patologie:

  • interruzioni ormonali;
  • oppressione dell'uovo;
  • violazione dell'apparato genetico delle cellule germinali femminili.

Tutte queste caratteristiche portano a una sterilità temporanea, a volte assoluta. Dopo la terapia, la donna avrà bisogno di tempo per ripristinare il sistema riproduttivo. Ecco perché la gravidanza e il parto dovrebbero essere posticipati per un periodo da 3 a 5 anni.

Ma molto spesso, una donna non ha il tempo di riprendersi a causa della sua età o di altri fattori. Una via d'uscita da questa situazione sarà il congelamento delle uova in una criobanca. Se una donna decide di fare questo passo, è meglio prendersi cura della conservazione delle uova prima dell'inizio della terapia antitumorale. Solo una sessione di chemioterapia può deteriorare in modo significativo la qualità delle uova. È possibile congelare il materiale all'inizio del trattamento, la qualità delle uova in questa fase sarà comunque superiore rispetto a dopo il trattamento.

Quindi, la concezione e la consegna dopo il trattamento del cancro cervicale è del tutto possibile.

Cryobank è un luogo in cui le uova femminili possono essere conservate congelate a lungo.

Il cancro cervicale è un fenomeno comune e molto spaventoso. Non rilevata nel tempo, questa malattia è in grado di provocare danni irreparabili al corpo di una donna. Molto spesso, con una diagnosi del genere, una donna deve fare una scelta difficile tra la sua vita e la vita di un bambino non ancora nato. La fase iniziale della malattia dà un'alta percentuale di recupero e la possibilità di diventare madre in futuro. I tumori complicano notevolmente il corso della gravidanza e possono influenzare lo sviluppo del feto. Ecco perché una donna dovrebbe conoscere lo stato della sua salute riproduttiva prima del concepimento. In tal modo avvertirà possibili problemi nel periodo di trasporto di un bambino.

Posso rimanere incinta con il cancro dell'utero

L'insorgenza di un tumore maligno nella cervice e nel corpo dell'utero è una delle malattie più pericolose del sistema riproduttivo femminile. A seconda del tipo di neoplasma, i sintomi appaiono in modo diverso. Tuttavia, con la comparsa di sanguinamento, dolore nel basso addome e peggioramento del benessere generale, è necessario consultare un medico. La precedente oncologia è stata trovata, maggiori sono le possibilità di successo del trattamento e della remissione.

Cancro cervicale e gravidanza

La risposta alla domanda "Posso rimanere incinta del cancro del collo dell'utero?" Dipende dal tipo di tumore e dalla sua fase di sviluppo. Con il cancro cervicale non invasivo dopo il trattamento minimamente invasivo o la canonizzazione della cervice, è possibile una gravidanza. Tuttavia, non immediatamente, dal momento che il trattamento del cancro cervicale non invasivo implica la riabilitazione e la somministrazione di interferone per sei mesi.

Se la malattia viene rilevata durante la gravidanza, l'interruzione dello sviluppo fetale non è necessaria. I risultati della medicina moderna consentono la terapia senza impatto negativo sul feto.

Cancro dell'utero e gravidanza

Nel caso di rilevamento del cancro dell'utero durante la gravidanza, una donna dovrebbe consultare un oncologo e un ginecologo. I medici fanno una diagnosi accurata, predicono lo sviluppo del tumore e decidono sulla necessità di interrompere la gravidanza3. Tuttavia, quando le donne che non hanno partorito affrontano una tale diagnosi, sorge la domanda se sia possibile rimanere incinta di cancro dell'utero?

Nel caso della rimozione del tumore nella prima e nella seconda fase dello sviluppo, quando la malattia è localizzata in una sola area, i medici usano metodi parsimoniosi:

  • chirurgia laser: rimozione dell'area interessata con un raggio laser,
  • criodistruzione - rimozione del tumore mediante azoto liquido,
  • l'elettrocoagulazione è la rimozione di cellule maligne mediante impulsi ad alta tensione.

Dopo l'operazione e il paziente sottoposti a chemioterapia, i medici cercano di ripristinare la fertilità.

Sfortunatamente, dopo il trattamento dell'oncologia dell'utero di terzo e quarto stadio, la gravidanza è impossibile, perché durante il trattamento chirurgico viene rimosso l'utero, che è necessario per l'attaccamento dell'embrione e per l'ulteriore sviluppo del feto. A seconda della prevalenza della patologia, vengono eseguiti diversi tipi di operazioni:

  • rimozione dell'utero con le tube di Falloppio,
  • rimozione del corpo dell'utero insieme al collo,
  • rimozione del corpo dell'utero, della cervice e delle ovaie rimanendo al suo posto.

Riabilitazione dopo la rimozione del corpo dell'utero

Entro un mese e mezzo dalla rimozione dell'utero, possono verificarsi dolori nella parte inferiore dell'addome e sanguinamento, pertanto il paziente deve limitare l'attività fisica e seguire la dieta prescritta dal medico. Quando l'utero viene rimosso insieme alle ovaie, il medico prescrive dei preparati ormonali al paziente per compensare la carenza di ormone nel corpo e rallentarne l'invecchiamento precoce.

Cancro cervicale e gravidanza

La gravidanza durante il cancro cervicale è rara, circa il 3% dei casi. A rischio di donne di età compresa tra 28 e 32 anni.

Con la gravidanza, il processo di neoplasia sta progredendo rapidamente, quindi gli esperti hanno una prognosi deludente.

L'età da 21 a 35 anni si chiama gravidanza, a questa età le donne sono interessate a: è possibile rimanere incinta con una diagnosi del genere? Puoi rimanere incinta del cancro del collo dell'utero, ma i medici non lo raccomandano fino a quando una donna non guarisce. La patologia interferisce con il normale portamento del feto.

Tutti i metodi per affrontare la patologia riducono a zero le possibilità di rimanere incinte. Ciò è dovuto a:

  • eseguire isterectomia (intervento chirurgico per rimuovere la cervice);
  • radioterapia. Dopo il trattamento, le ovaie non funzionano.

Se un tumore cervicale (cancro cervicale) viene diagnosticato nelle fasi iniziali, il trattamento viene prescritto sotto forma di conizzazione o escissione ad anello. Con tali operazioni, l'utero non è danneggiato e rimane intatto, e il paziente ha la possibilità di rimanere incinta dopo l'operazione.

Ma questi tipi di terapia sono accettabili nelle prime fasi del cancro.

C'è un solo metodo di intervento chirurgico quando la cervice viene amputata: una tale operazione è chiamata trachelectomia. I medici rimuovono la cervice e la parte superiore della vagina, che contiene i linfonodi pelvici. Come risultato dell'operazione, la vagina si accorcia. Tale operazione non è nuova ed è stata utilizzata per 12 anni. Dopo la fine del trattamento, le donne divennero facilmente incinte e portarono bambini. Ma ci sono anche svantaggi della trachelectomia, del parto pretermine e degli aborti. Ciò è dovuto al fatto che non vi è alcuna funzione di supporto in cui è coinvolta la cervice.

La donna non sarà in grado di partorire in modo indipendente, poiché l'apertura della cervice è stata cucita, quindi viene eseguito solo un taglio cesareo. Amputazione della cervice è possibile solo nelle prime fasi del cancro. Nessun medico ti darà una garanzia completa su quale volume sarà soddisfatto.

L'esame istologico delle cellule tumorali viene effettuato durante l'operazione, pertanto il decorso dell'operazione può cambiare in qualsiasi momento.

I medici non escludono la possibilità che le cellule tumorali possano diffondersi rapidamente nell'utero, pertanto è possibile che durante la rimozione della cervice l'utero venga rimosso.

Quando il paziente è stato diagnosticato con oncologia allo stadio 1a o 1b, i linfonodi pelvici sono stati rimossi insieme al collo dell'utero. Perché è possibile che in questi linfonodi non ci siano cellule tumorali. Se non vengono rimossi, dopo un certo tempo l'oncologia verrà nuovamente avvertita.

Nella fase iniziale dello sviluppo della neoplasia, i linfonodi non sono praticamente influenzati dalle cellule tumorali. Ma, se improvvisamente sono stati notati almeno in un nodo, poi dopo l'intervento chirurgico effettuano la radioterapia. E la radioterapia provoca infertilità.

Gravidanza con cancro cervicale

Tutto dipende da quanto dura la gravidanza per il cancro cervicale:

  1. Quando una donna è nel secondo o terzo mese, si raccomanda il trattamento, perché sei mesi dopo il parto, potrebbe essere troppo tardi e la gravidanza viene interrotta;
  2. La gravidanza dopo 14 settimane non è interrotta, il trattamento non è effettuato. La terapia inizia dopo la nascita. Viene prescritto un taglio cesareo e i medici rimuoveranno immediatamente l'utero.

Sintomi del cancro cervicale

Il cancro cervicale durante la gravidanza ha sintomi, così come non durante la gravidanza. Inoltre, c'è un problema nelle secrezioni ematiche (questi sono i principali segni dell'oncologia), durante la gravidanza possono essere la causa di un altro fenomeno.

Nei primi mesi di gravidanza, il sanguinamento può essere un segno di aborto spontaneo. Le ragioni di questo: intimità, attività fisica, sollevamento pesi.

Dalla 14a settimana fino alla fine della gravidanza, il sangue dalla vagina può apparire a causa di distacco della placenta o presentazione impropria del feto. Quando il paziente trasporta un bambino, le pareti della cervice diventano sensibili, a causa di questo, sono più rapidamente colpite da tumori maligni e i tumori si diffondono rapidamente oltre i suoi limiti.

Spesso le metastasi si diffondono ai linfonodi ascellari, succlavia e parasternali. Per questo motivo, la gravidanza stessa influisce negativamente sullo sviluppo del cancro. Il cancro ha anche un effetto negativo sulla gestazione. Spesso la gravidanza si verifica prematuramente o in aborto nei periodi successivi, il dolore nella zona pelvica disturba la donna.

Diagnosi del cancro

Nelle prime fasi della gravidanza, l'emorragia può essere l'inizio di un aborto e, all'ultima patologia ostetrica, ad esempio, una presentazione anormale o il distacco prematuro della placenta.

Durante la gravidanza, una donna è seduta su una sedia ginecologica e viene eseguito un esame della cervice. I medici, temendo per il feto, hanno paura di eseguire biopsie, il che a sua volta aggrava la situazione.

Utilizzando lo screening citologico, è possibile ottenere informazioni sulla frequenza con cui viene diagnosticato il cancro cervicale nelle donne in gravidanza (0,36%). Di questi, la frequenza di rilevazione della patologia dell'epitelio cervicale della cervice con segni di oncologia è dello 0,33% e con metastasi oltre l'organo, 0,03%.

Per diagnosticare il cancro cervicale in una donna che è in posizione, viene utilizzato un sistema diagnostico a due stadi.

  1. Durante l'esame ginecologico, il medico effettua uno screening citologico.
  2. Se allo screening citologico è apparso il sospetto di cancro, allora eseguono una diagnosi approfondita e completa.

Secondo i risultati degli studi di laboratorio, gli esperti hanno determinato che la gravidanza nel 3 ° trimestre e nel periodo successivo al parto influisce negativamente sul decorso del cancro.

Trattamento del cancro cervicale

Quando il cancro cervicale viene diagnosticato all'inizio della gravidanza, viene interrotto in ogni caso, una piccola parte della cervice viene asportata per i test di laboratorio.

Il secondo e il terzo trimestre sotto l'osservazione colposcopica (esaminare regolarmente la mucosa della cervice e della vagina sotto una luce speciale) e citologico (prendere uno striscio dalla vagina per la ricerca di laboratorio). 3-4 mesi dopo la nascita, viene eseguita un'asportazione conica della cervice.

Se viene diagnosticata la patologia dell'epitelio con segni di oncologia, il tumore si trova nella fase iniziale di sviluppo e la donna vuole dare alla luce il bambino, quindi gli esperti eseguono un trattamento funzionale risparmiando:

  • utilizzando l'intervento elettrochirurgico escisso frammento a forma di cono della cervice (elettroconizzazione);
  • l'azoto liquido (criodistruzione) è usato per trattare i cambiamenti patologici nella cervice;
  • amputazione del coltello o del laser della cervice.

Spesso gli esperti usano la chirurgia delle onde radio. Usando questo metodo di trattamento, viene praticata un'incisione non traumatica, coagulazione dei tessuti molli e i tessuti stessi non vengono distrutti. L'incisione è fatta a causa delle ondate di calore generate dal contatto dei tessuti molli con l'elettrodo. L'elettrodo trasmette onde radio ad alta frequenza.

La ketamina è usata per l'anestesia, che viene somministrata per via endovenosa. Le complicazioni dopo l'intervento sono rari. La terapia è selezionata individualmente per il paziente e dipende dalle sue condizioni generali e dalla durata della gravidanza.

  1. Il trattamento del cancro, che è allo stadio 1a, nei primi mesi di gravidanza viene effettuato estirpando l'utero insieme alla parte superiore della vagina.
  2. Un tumore con stadio 1b all'inizio della gravidanza o dopo il parto viene rimosso insieme all'utero. Se, dopo l'operazione, gli specialisti hanno notato lesioni profonde delle pareti uterine o delle metastasi regionali, allora prescrivono un'esposizione a distanza.
  3. Quando lo stadio 1b viene diagnosticato negli stadi successivi, a una donna viene dato un taglio cesareo e l'utero viene rimosso e, dopo diversi mesi dalla nascita, viene sottoposta a radioterapia a distanza.
  4. Quando la neoplasia è allo stadio 2a, viene prescritta un'estirpazione estesa dell'utero per qualsiasi periodo di gestazione e dopo l'intervento chirurgico, l'irradiazione a distanza. Se l'oncologia è stata trovata dopo la nascita, prima che l'utero venga rimosso, vengono eseguite le radiazioni e dopo l'operazione, se vengono rilevate metastasi regionali e invasione profonda, viene eseguita l'esposizione a distanza.
  5. Nel primo trimestre con una diagnosi di cancro del collo dell'utero nella fase 2b dello sviluppo, vengono applicate radioterapia ed esposizione a distanza e la gravidanza stessa viene interrotta. Nel secondo e terzo trimestre vengono prescritti il ​​taglio cesareo e la radioterapia.
  6. Un tumore nel terzo stadio di sviluppo è trattato secondo lo stesso schema del secondo.

In tutte le operazioni viene utilizzata l'anestesia endotracheale.

Rimanere incinta dopo il trattamento del cancro?

Dopo il trattamento del cancro, è possibile rimanere incinta e avere un figlio, ma solo a condizione che il tumore sia stato diagnosticato nella fase iniziale di sviluppo.

Altrimenti, non sarà possibile rimanere incinta, poiché l'utero sarà rimosso.

Tutte le donne che hanno sperimentato il cancro cervicale sono interessate a una domanda: è possibile rimanere incinta? I medici hanno raccomandazioni su questo: il bambino deve essere concepito non prima di due anni dopo l'operazione e dopo il pieno recupero del corpo. Ci sono casi in cui al paziente è permesso di partorire naturalmente.

I pazienti che hanno superato il cancro sono a rischio di aborto spontaneo.

Se il cancro cervicale viene diagnosticato in una donna di età compresa tra 25 e 35, allora il trattamento deve essere avviato più velocemente, altrimenti il ​​tumore può diffondersi a organi importanti. Il trattamento salverà l'utero e darà alla donna l'opportunità dopo un po 'di dare alla luce il bambino.

Posso rimanere incinta di cancro cervicale?

Il cancro cervicale è il terzo più grande tumore nel sistema riproduttivo femminile, è più comune del cancro dell'utero. L'incidenza di picco è 40-50 anni. Ma c'è stato un aumento nella rilevazione del cancro nelle donne sotto i 29 anni di età, così come una combinazione di cancro cervicale e gravidanza. Tra le donne incinte, questa neoplasia maligna è al primo posto (fino al 4,1% di tutti i casi di cancro).

La gravidanza è possibile con la malattia?

Il cancro cervicale è asintomatico da molto tempo. Le sue manifestazioni visive ricordano l'erosione cervicale. Senza esame istologico queste patologie non possono essere differenziate.

Il cancro cervicale non crea barriere alla gravidanza. Ma le caratteristiche del corpo di una donna incinta portano alla crescita del tumore.

Un aumento fisiologico della concentrazione di progesterone riduce l'immunità locale, che riduce il controllo dei leucociti sulle cellule alterate. Le conseguenze di ciò sono la crescita attiva della neoplasia. Le caratteristiche della patogenesi durante la gestazione sono le seguenti:

  • bassa differenziazione delle cellule tumorali, che indica un'alta neoplasia del processo;
  • nel 73% dei casi, la profondità di germinazione è superiore a 1 cm;
  • elevata propensione alla diffusione delle metastasi.

Nelle donne in gravidanza, le cellule tumorali compaiono rapidamente al di fuori della cervice, e 2 volte più spesso la lesione dei linfonodi regionali viene rilevata rispetto alle donne non gravide.

La crescita accelerata del tumore porta ai primi sintomi del cancro già nel primo trimestre. I sintomi principali sono abbondanti leucorrea, dolore e sanguinamento. Lo spotting viene spesso scambiato per minacciare l'aborto, quindi il trattamento scelto è sbagliato. Nel secondo e terzo trimestre, la causa del sanguinamento può essere considerata il distacco prematuro di una placenta normalmente localizzata, che porta anche a tattiche errate.

Se il cancro viene trovato durante la gravidanza

L'esame citologico di uno striscio dalla cervice e dal canale cervicale viene eseguito quando una donna registra una gravidanza. Una macchia diagnostica lo stadio 0-Ia, quando non vi è alcuna manifestazione clinica della patologia. Questo ti permette di scegliere le giuste tattiche di gravidanza.

Indipendentemente dal periodo di gestazione, se si sospetta il tumore cervicale, vengono eseguiti i seguenti test di laboratorio:

  • Test PAP per neoplasia cervicale;
  • colposcopia con il test di Schiller, che aiuta a tracciare la linea tra il normale epitelio della cervice e quello patologicamente cambiato per l'esecuzione di una biopsia;
  • Diagnosi PCR del papillomavirus umano (HPV).

In caso di rilevazione di alte concentrazioni di tipi oncogenici di HPV 16, 18, 21 tipi (utilizzando Digene-test), aumenta il rischio di sviluppare carcinoma della cervice con un decorso aggressivo.

Secondo la testimonianza, vengono effettuati ulteriori studi che vengono utilizzati in qualsiasi periodo di gestazione:

  • biopsia incisionale dal confine della lesione e tessuti normali, a causa del rischio di sanguinamento, la manipolazione viene effettuata in ospedale;
  • esame dell'endocervice mediante raschiatura o biopsia di aspirazione in assenza di evidenti manifestazioni di cancro;
  • colposcopia con microscopio operatorio per stabilire con precisione i confini del tumore e eseguire una biopsia mirata;
  • cistoscopia - per studiare la condizione della vescica, l'assenza di metastasi in esso;
  • biopsia del cono in presenza di cambiamenti nello striscio, ma assenza di cancro.

Sulla base dei risultati dello studio, viene effettuata una diagnosi differenziale di patologie benigne e cancro.

Metodi di trattamento

La scelta del metodo di trattamento dipende dallo stadio del tumore e dal periodo in cui viene rilevata la patologia. Quando si effettua una diagnosi di cancro in situ nel primo trimestre, viene indicata la sospensione della gravidanza, seguita dal trattamento con uno dei metodi:

  • escissione conica della cervice;
  • electroconization;
  • criochirurgia;
  • amputazione del collo laser;
  • apparato per chirurgia a onde radio "Surgitron".

Lo stadio della malattia determina i seguenti approcci al trattamento:

  • Ia: estirpazione dell'utero e terzo superiore della vagina;
  • Ib e IIa: estirpazione estesa dell'utero e esposizione a distanza;
  • IIb - trattamento radiante combinato e isterectomia;
  • III - iniziare il trattamento con radioterapia, dopo l'operazione, ripetere il percorso di irradiazione.

Nello stadio Ib2-IIa, la chemioterapia non adiuvante può essere utilizzata sotto forma di 3 cicli di farmaci al platino (Cisplatino), dopo di che viene eseguita un'estectomia estesa. Terapia completa con radioterapia e trattamento di chemioterapia.

Le metastasi sono comuni nel bacino del cancro cervicale in stadio IV, a volte al di là di esso. Pertanto, viene utilizzato un trattamento palliativo, che non migliora la prognosi per la sopravvivenza.

Quando puoi salvare un bambino?

Lo stadio iniziale del cancro cervicale è il carcinoma in situ: si tratta di un tumore preinvasivo che si sviluppa all'interno dell'epitelio cervicale e non germina nei tessuti sottostanti. Se questo stadio, così come quelli successivi, viene rilevato nel primo trimestre, vengono eseguiti un aborto artificiale e un successivo trattamento.

Il carcinoma in situ nel secondo e terzo trimestre non è un'indicazione per l'aborto. Le donne subiscono regolare colposcopica e citologia per controllare il decorso della malattia. 2-3 mesi dopo la nascita, in assenza di segni di progressione della patologia, viene eseguita l'escissione conica della cervice o viene scelto un altro metodo di trattamento più benigno.

Il frutto può essere salvato se il tumore è stato rilevato nel 2-3 trimestre. Se questa è una fase Ib-III, la donna riceve una parto con taglio cesareo. Il livello moderno di sviluppo della medicina consente l'allattamento di bambini nati dopo 24 settimane di gestazione con un peso di 500 g. Una donna è mostrata estirpazione dell'utero e radioterapia, il cui tipo è selezionato in base alla gravità della malattia.

Concezione dopo terapia

La diagnosi del carcinoma cervicale in una fase precoce fornisce una prognosi favorevole alla sopravvivenza a cinque anni e un basso rischio di recidiva. Dopo un trattamento di conservazione degli organi, si raccomanda di pianificare la gravidanza non prima di 2 anni dopo. Ma una donna dovrebbe essere all'osservazione del dispensario. Nel primo anno dopo il trattamento, viene esaminata 6 volte l'anno, nel secondo anno - 4 volte, in seguito la frequenza delle osservazioni è 2 volte l'anno.

L'inizio della gravidanza dopo la terapia del cancro non si verifica sempre. Secondo le statistiche, è possibile concepire un bambino nel 20-48% dei casi, ma tali donne in gravidanza sono a rischio di parto prematuro e aborto spontaneo, aumenta il rischio di mortalità perinatale.

Puoi dare alla luce dopo il trattamento del carcinoma in modo naturale, se non ci sono indicazioni ostetriche per un taglio cesareo.

Gravidanza per cancro dell'utero

Il cancro del corpo dell'utero (RTM) è un tumore maligno della mucosa del corpo dell'utero.

SINONIMI

Cancro endometriale, adenocarcinoma endometriale.
CODICE ICD-10
D07.0 Tumori maligni endometriali.

Epidemiologia

Negli ultimi decenni, l'incidenza del cancro uterino è aumentata del 55% e questo tumore è attualmente al primo posto tra i tumori maligni dell'apparato genitale femminile.

La combinazione del cancro uterino e della gravidanza è rara per due ragioni principali: a causa di una significativa diminuzione della funzione generativa in questi pazienti, nonché a causa della forte influenza del progesterone, che impedisce lo sviluppo di iperplasia atipica e cancro dell'endometrio, durante la gravidanza.

I principali fattori che influenzano l'aumento dell'incidenza della RTM:
● aumento dell'aspettativa di vita delle donne;
● un aumento del numero di donne con disturbi neuroendocrini (con obesità fino a 15 kg, il rischio di tumore endometriale aumenta di 3 volte, a 25 kg - di 10 volte, con diabete - di 3 volte);
● Uso inadeguato di preparati ormonali ad alto contenuto di estrogeni (con uso di estrogeni a lungo termine, il rischio di RTM aumenta di 10-15 volte, mentre si assume il tamoxifene, di 8 volte).

CLASSIFICAZIONE

Classificazione morfologica degli stadi del cancro uterino (FIGO, 1988).
Stadio IA - un tumore all'interno dell'endometrio.
Stadio IB - invasione del miometrio inferiore alla metà del suo spessore.
Stage IC - invasione del miometrio più della metà del suo spessore.
Stadio IIA: diffusione alle ghiandole cervicali.
Stadio IIB - diffusione allo stroma della cervice.
Stadio IIIA - germinazione della sierosa uterina, metastasi alle tube o ovaie di Falloppio o presenza di cellule tumorali nei lavaggi dalla cavità addominale.
Stadio IIIB - diffuso nella vagina.
Stadio IIIC - metastasi ai linfonodi pelvici o lombari.
Stage IVA - germinazione della mucosa della vescica o del retto.
Stadio IVB - metastasi a distanza, incluse metastasi nella cavità addominale, nonché metastasi ai linfonodi inguinali.

EZIOLOGIA E PATOGENESI DEL CANCRO DEL CORPO DELL'URINA

Il cancro dell'utero è indicato come tumori ormono-dipendenti.

Ci sono due varianti patogenetiche del cancro uterino.

La prima variante patogenetica viene diagnosticata nel 60-70% dei pazienti. Quando si manifestano chiaramente violazioni dell'ovulazione (sanguinamento uterino anovulatorio, infertilità, menopausa tardiva), combinato con metabolismo compromesso di grassi e carboidrati (obesità di vario grado, diabete, ipertensione). tumore
si verifica sullo sfondo di un processo iperplastico dell'endometrio e dello stroma ovarico, spesso combinato con altri tumori ormono-dipendenti (carcinoma mammario, tumori ovarici femminilizzanti), sindrome di Stein-Leventhal (il 62% dei pazienti con ER ha ovaie sclerocistiche). In questi pazienti, il tumore dell'utero è caratterizzato da una crescita lenta, un alto grado di differenziazione e sensibilità ai progestinici. La malattia è meno maligna ed è relativamente raramente accompagnata da metastasi linfogene. Va notato che se al primo stadio della carcinogenesi, con questa variante patogenetica, i disturbi metabolici ed endocrini portano a RE, allora al secondo stadio svolgono il ruolo opposto - causano una bassa potenza alle metastasi e una prognosi favorevole.

Nella seconda variante patogenetica, l'ovulazione compromessa e l'omeostasi steroidea non sono chiaramente espresse o completamente assenti. Il tumore si verifica più spesso nei pazienti in postmenopausa con atrofia dell'endometrio, fibrosi ovarica.

La mancanza di dipendenza ormonale porta alla progressione del tumore, alla crescita della sua autonomia. In questi casi, il tumore è scarsamente differenziato, soggetto a crescita invasiva e metastasi linfogene, non è molto sensibile ai progestinici. Il decorso della malattia è meno favorevole.

Fattori di rischio per:

● Anovulazione e sanguinamento uterino anovulatorio;
● fibromi uterini e endometriosi genitale;
● Stein - Sindrome di Leventhal;
● processo iperplastico nell'endometrio;
● storia di tumori ormono-dipendenti;
● ereditarietà gravata (cancro del sistema riproduttivo);
● obesità, iperlipidemia, diabete mellito, ipertensione;
● infertilità, mancanza di parto, parto in ritardo e parto di grandi dimensioni (più di 4 kg).

Ciò che conta non è tanto il numero di fattori di rischio come la combinazione di disturbi nei due sistemi: riproduttivo ed endocrino. Con la combinazione di tre o più fattori in diversi sistemi di omeostasi, il rischio di sviluppare ER aumenta di 9 volte.

IMMAGINE CLINICA (SINTOMI) DEL CANCRO UTERINO

Il sintomo più comune di RTM è il sanguinamento uterino (nel 70-90% dei pazienti). In età riproduttiva, il sanguinamento si verifica in base al tipo di menometro.

Con RTM, i dolori appaiono prima rispetto al cancro cervicale, hanno un carattere angosciante e sono accompagnati da un aumento delle secrezioni. I dolori del carattere opaco indicano la diffusione del tumore oltre l'utero e sono causati dalla soppressione di infiltrati pelvici tumorali dei tronchi nervosi pelvici o del tronco simpatico da linfonodi paraortici metastatici.

La condizione generale del paziente di solito peggiora solo nei casi avanzati.

Fattori di prognosi a RTM:
● struttura istologica e grado di differenziazione del tumore;
● profondità di invasione nel miometrio;
● diffusione del tumore al canale cervicale;
● presenza di cellule tumorali nei vasi;
● metastasi nelle ovaie;
● metastasi nei linfonodi;
● il contenuto dei recettori del progesterone e dell'estradiolo nel tessuto tumorale;
● presenza di cellule tumorali nel liquido peritoneale (citologia).

metastasi

Per re, caratteristica metastasi ortodossia: la sequenza e la fase di serbatoi linfatici regionali e lontani, e quindi l'aggiunta di diffusione ematogena.

Le metastasi linfogene sono strettamente correlate non solo alle proprietà biologiche del tumore, ma anche a certe caratteristiche dell'organismo. Le metastasi linfogene sono più spesso determinate nei pazienti anziani con la seconda variante patogenetica della RTM. Nei pazienti di età inferiore ai 30 anni, le metastasi linfogene sono assenti, la loro frequenza all'età di 40-49 anni è del 5,7%, oltre i 70 anni - 15,4%; con la prima variante patogenetica - 8,9%, con la seconda - 13,6%.

Di grande importanza è il grado di differenziazione del tumore. L'adenocarcinoma altamente differenziato è caratterizzato da germinazione superficiale nel miometrio, mentre i tumori di basso grado sono caratterizzati da un'invasione profonda e un'alta potenza per metastasi linfogene. La frequenza delle metastasi ai linfonodi con adenocarcinoma di alto grado è del 4,2%, con un moderato differenziamento del 10-12% e con un basso differenziato del 18-26%.

Quando un tumore si trova all'interno della membrana mucosa, le metastasi ai linfonodi non vengono praticamente rilevate, con un'invasione superficiale determinata nel 5% dei casi e in caso di invasione profonda - nel 35-40%.

DIAGNOSTICA DEL CANCRO UTERINO DURANTE LA GRAVIDANZA

RICERCA FISICA

Quando si esaminano pazienti con ER, è necessario chiarire lo stato della funzione mestruale (durata del periodo riproduttivo, presenza di sanguinamento uterino aciclico, soprattutto la funzione generativa e il periodo di premenopausa, il tempo della menopausa) e prestare attenzione alla storia del processo iperplastico dell'endometrio. Di grande importanza sono i disordini metabolici (obesità, diabete).

Con un esame ginecologico a due mani è possibile rilevare un aumento delle dimensioni dell'utero e delle ovaie.

L'allargamento ovarico può essere dovuto alla presenza di un tumore multiplo primario o alla sua lesione metastatica.

RICERCHE DI LABORATORIO

Esame del sangue: leucocitosi (fino a 10x109 / l), aumento della VES fino a 20 mm / ora; lieve anemia.
Coagulogram: segni di ipercoagulazione.
Analisi biochimica del sangue: ipoproteinemia.

RICERCA UTENSILI

Esame ad ultrasuoni degli organi pelvici. Espansione della struttura uterina media a 20 mm, con contenuti interni eterogenei, iperecogeni, sfocati, contorni irregolari, a volte "mangiati".

CFM. Segni di neovascolarizzazione, una varietà di vasi con un indice di bassa resistenza (IR Autore: Obstetrics, leadership nazionale) A cura di EK Aylamazyan, VI Kulakov, VE Radzinsky, GM Savelieva 2009g.

Cancro cervicale e gravidanza. Cause, classificazione, sintomi, trattamento e raccomandazioni dei medici

Neoplasma maligno formato dai tessuti della cervice - cancro. Il processo patologico potrebbe essere identificato in una donna durante il periodo in cui sta portando il bambino. Questa situazione viene raramente diagnosticata, non più dell'1-3% del numero totale di donne in gravidanza. Tuttavia, questo deve essere preparato. Le donne di età compresa tra 28 e 35 anni sono a rischio di oncopatologia, quando le possibilità di fecondare un ovulo sono più alte possibili.

Il cancro cervicale durante la gravidanza inizia a progredire rapidamente e potrebbe essere necessario interromperlo. La decisione viene presa da specialisti in ciascun caso singolarmente.

epidemiologia

Una lesione cancerosa dell'utero nella sua regione cervicale viene diagnosticata al momento del trasporto di un bambino con una frequenza da 10 a 100 casi ogni 100.000 gravidanze. Questo è circa il 12-15% di tutte le neoplasie maligne nelle donne in gravidanza.

La forma del cancro cervicale preinvasivo - displasia grave. Viene rilevato più spesso, pertanto, combinandolo con la displasia CIN III in una categoria, viene spiegata la significativa somiglianza tra manifestazioni cliniche e approcci alle tattiche di trattamento.

L'esperienza degli ostetrici dimostra che oltre il 65-75% delle lesioni causate dai processi oncologici al momento della gestazione sono precisamente il tipo pre-invasivo di patologia da cancro, cioè il suo primo stadio.

Cause di radice

Allo stato attuale, le cause alla radice della formazione di focolai atipici nell'area della cervice uterina non sono stabilite in modo affidabile dagli specialisti. Ci sono molte teorie, tuttavia, nella maggior parte dei casi, il papillomavirus umano (HPV) può essere rilevato nel corpo di una donna. I suoi agenti penetrano nel tessuto della vagina e da lì al collo durante un rapporto sessuale non protetto.

Ma ci sono casi di diagnosi di patologia virale nelle vergini. Pertanto, per affermare che è il virus di cui sopra che è la causa principale della mutazione nelle cellule sarà sbagliato. A parità di condizioni, un tumore si forma in alcune donne con HPV, ma non in altre.

Inoltre, gli esperti indicano un numero di fattori negativi che esacerbano la situazione:

  • la presenza di diversi sottotipi di HPV nel corpo femminile;
  • significativamente ridotto a causa di una serie di motivi di difesa immunitaria, ad esempio a causa di malattie somatiche croniche, prolungata somministrazione forzata di farmaci;
  • abitudini "cattive" esistenti - abuso di tabacco, alcool, droghe;
  • inizio precoce dell'attività sessuale;
  • gravidanza a 16 anni e prima;
  • vita sessuale promiscua, cambio troppo frequente di partner sessuali;
  • storia di malattie trasmesse durante i rapporti sessuali.

Non è necessario che nessuno dei suddetti fattori porti alla comparsa del cancro, ma contro il loro background, il rischio aumenta molte volte.

classificazione

Secondo le prove istologiche, gli specialisti dividono il cancro cervicale nelle seguenti opzioni:

  • squamose;
  • adenocarcinoma;
  • altre opzioni miste.

Nella maggior parte dei casi, il tumore è squamoso. Tuttavia, i moderni metodi diagnostici aiutano a stabilire la vera struttura. Ignorare l'assunzione di biomateriali e la registrazione precoce di una donna incinta non vale la pena. La diagnosi tempestiva aiuta in tempo a prendere misure adeguate per alleviare il processo patologico e trasferire la malattia allo stadio di remissione stabile.

sintomatologia

Nei primi stadi della sua apparizione, la messa a fuoco del tumore nell'area della cervice non si manifesta in alcun modo. Può essere identificato durante gli esami ginecologici preventivi prendendo biomateriale da aree sospette dell'organo. Cresce spesso sullo sfondo di endocervicite, polipi o ectropion della donna, leucoplachia e altri processi infiammatori e post-traumatici.

Il corso invasivo del cancro cervicale è caratterizzato da una scarica di contatto con vene sanguigne in loro, meno spesso possono essere fighe o offensive. Inoltre, gli impulsi del dolore nell'addome inferiore e nella regione lombare inferiore, le fluttuazioni della temperatura iniziano a disturbare la donna. Tutti questi sintomi non sono affatto specifici per la gravidanza. Circa il 25-30% delle donne non subisce alcuna deviazione del proprio stato di salute.

La formazione dei sintomi clinici durante la gravidanza nel cancro cervicale dipende dalla struttura e dalla velocità del nidulo tumorale. Per esempio, con il cancro esofitico, ci sarà più sanguinamento dalle donne sessualmente attive - proprio a causa del contatto sessuale, traumatizzando la cervice già modificata.

Con un decorso prevalentemente endofitico di oncoprocesso, il tessuto epiteliale che ricopre la superficie della cervice può rimanere intatto per un periodo piuttosto lungo. E il sanguinamento sarà osservato solo dopo che il diametro trasversale del collo del corpo non raggiunge i 5-6 cm.

Fai attenzione! La necrosi, che si svolge in una situazione simile, con un aumento dei parametri di una neoplasia maligna e alterata circolazione del sangue causerà la comparsa di un distinto odore putrido di scarico.

Gli impulsi del dolore non sono così caratteristici per il cancro delle strutture cervicali. Appaiono quando gli organi vicini sono coinvolti nel processo infiammatorio o con necrosi massiva della parte centrale del tumore. La diffusione del cancro dalla cervice allo spazio parametrico porta alla fissazione della parete pelvica, che si manifesta con un forte dolore nell'area sacrale. E con il coinvolgimento nella situazione patologica delle vene e vasi linfatici necessariamente provocare gonfiore degli arti inferiori.

Una tale triade - gli impulsi del dolore nella zona posteriore, l'edema intenso sulle gambe e sui piedi, così come l'ipofunzione delle strutture renali - dirà sicuramente ad uno specialista altamente qualificato il processo di tumore localmente comune formato.

diagnostica

Il cancro cervicale e la gravidanza richiedono che uno specialista presti molta attenzione alle procedure diagnostiche. In questa situazione è particolarmente importante non perdere il momento in cui la patologia può ancora essere curata o trasferita a uno stato di remissione prolungata.

Affinché la diagnosi sia il più possibile informativa, si consiglia a una donna incinta di eseguire il seguente insieme di procedure:

  1. Anamnesi accurata:
  • personale - come nel caso di precedenti gravidanze, c'erano malattie infettive dell'area genitale femminile che era stata sofferta, come spesso visitato da un ginecologo personale;
  • somatico - quando c'erano delle interruzioni nella salute che lo hanno preceduto, quali sono le patologie croniche;
  • lavoro - in quale campo di attività è occupato, ci sono fattori negativi sul posto di lavoro, qual è la routine del lavoro e del riposo, il lavoro leggero è stato trasferito a causa della gravidanza;
  • famiglia - c'erano linee femminili di oncopatologia.
  1. Esame ginecologico, incluso rettovaginale.
  2. Prendendo un biomateriale per l'esame citologico dalla superficie della cervice e dal canale cervicale. Non temere che il bambino sarà ferito o abortito. L'attrezzatura è attualmente realizzata in materiali sterili e di alta qualità.
  3. Una colposcopia condotta da uno specialista altamente qualificato aiuta a chiarire se ci sono cambiamenti patologici nei tessuti cervicali di una donna incinta. Tuttavia, il suo bisogno è determinato dal risultato dell'esame citologico. L'impatto negativo sul bambino non si verifica.

La biopsia target aiuta a mettere tutto al suo posto e aiuta a condurre un'adeguata diagnosi differenziale. Durante la gravidanza, la preferenza è data alla sua variante a forma di cuneo, poiché per il collo dell'organo è meno traumatico e praticamente non sanguina. Ulteriori metodi includono ultrasuoni, radiografia del torace con adattamento dell'area addominale, vari esami del sangue, compresi i marcatori tumorali.

Tattiche di trattamento

Al momento della gravidanza, le manipolazioni mediche nel caso di diagnosi di una donna con neoplasia maligna sono significativamente limitate. Diversi fattori influenzeranno direttamente la definizione di tattica:

  • stadio e struttura del tumore;
  • la dimensione del focolare;
  • termini di sviluppo prenatale del bambino al momento di fare una diagnosi simile;
  • i desideri della donna stessa riguardo alla continuazione della gravidanza.

Per ogni caso è necessario un approccio individuale, tuttavia gli specialisti aderiscono allo schema seguente per la gestione dei pazienti con una combinazione di cancro cervicale e feto:

  1. Durante l'oncoprocessing del 0 ° - 1 ° stadio nel 1 ° trimestre e dopo il momento del parto, sarà indicato un aborto medico in combinazione con un'asportazione conica della cervice. Quando si stabilisce la diagnosi per il periodo dal 2 ° al 3 ° trimestre, viene eseguito solo un esame colposcopico e citologico - un'asportazione del cono verrà eseguita 2,5-3 mesi dopo il parto.
  2. Al 2o stadio di oncoprocess nel 2o - 3o trimestre, così come dopo il momento di consegna, non solo l'utero stesso, ma anche il terzo superiore della vagina è estirpato. Con l'ampia distribuzione delle cellule tumorali nei linfonodi regionali, è necessaria una combinazione con irradiazione remota. Nel 3 ° trimestre, è possibile eseguire un'estrazione fetale da taglio cesareo, seguita da un'escrezione uterina massimamente estesa. Viene anche applicata la radioterapia.
  3. Nel primo terzo della gravidanza, nella diagnosi di atipia del terzo stadio, la tattica del trattamento inizia con la radioterapia combinata. Considerando che, nel 2 ° - 3 ° trimestre, è più opportuno eseguirlo dopo un taglio cesareo.

Rappresentanti della bella parte della popolazione, che hanno una forma microinvasiva di cancro del collo dell'utero e quindi progettano di avere più bambini, possono usare i metodi di terapia più funzionali. Ad esempio, criodistruzione o elettroconizzazione, nonché amputazione laser della cervice.

Tattiche di conduzione della gravidanza dopo la terapia del cancro cervicale

Dopo le misure di trattamento minimamente invasive per un focus diagnostico sul cancro nella zona della cervice, pianificare la prossima gravidanza è accettabile non prima di dopo 18-24 mesi. Durante questo periodo, il miglior metodo di contraccezione è la medicina orale. La frequenza di insorgenza della gravidanza desiderata raggiunge il 20-48%. Ma le ricadute si verificano nel 3,5-4% dei casi.

Se una donna ha subito una conizzazione o un'amputazione della cervice, il travaglio può essere eseguito in un secondo momento. Allo stesso tempo, c'è stato un leggero aumento nel numero di casi di parto prematuro e aborti spontanei.

Per prevenire tali complicazioni, la donna visita l'ostetrico più spesso al momento del feto, sta effettuando un'ecografia obbligatoria a 16 settimane di gestazione. Con una lunghezza della cervice inferiore a 22-25 mm, viene applicata una cervice vaginale.

Prognosi e prevenzione

La pratica degli oncologi ostetrici dimostra che non ci sono differenze tra i tassi di sopravvivenza delle donne con e senza gravidanza. La sopravvivenza a cinque anni è influenzata solo dallo stadio del cancro, dallo stato iniziale della salute della donna e dalla dimensione della neoplasia maligna.

I fattori di prognosi sfavorevole, tuttavia, includono:

  • riduzione della differenziazione e invasione vascolare del tumore;
  • sottogruppo di donne giovani;
  • lesione maligna bilaterale di parametroum;
  • versione uterina della diffusione dell'epidemia;
  • dimensione del tumore gigante;
  • la presenza di metastasi a distanza;
  • altre neoplasie di una donna.

La maggior parte delle donne in gravidanza con un primo stadio di cancro cervicale ha una prognosi favorevole. Gli specialisti delle misure preventive richiedono la prevenzione della trasmissione dell'HPV e uno screening citologico tempestivo, nonché un trattamento adeguato delle patologie precancerose e la visita al loro ginecologo personale più volte all'anno.

Ti saremo molto grati se lo voterai e lo condividerai sui social network.