Cancro durante la gravidanza: quali sono i rischi

L'insorgenza di malattie oncologiche durante la gravidanza stessa è un fenomeno piuttosto raro, ma succede ancora. La gravidanza promuove lo sviluppo del cancro?

Non esiste una risposta esatta a questa domanda - da un lato, durante la gravidanza, il corpo della donna subisce cambiamenti enormi, gli ormoni cambiano (il livello di progesterone e gli aumenti di estrogeni), i processi metabolici cambiano e questo può provocare la crescita dei tumori.

Allo stesso tempo, ci vuole molto tempo per sviluppare qualsiasi malattia oncologica, quindi, molto probabilmente, il cancro inizia a svilupparsi prima dell'inizio della gravidanza, e durante questo periodo progredisce attivamente (vedi anche gravidanza dopo cancro e gravidanza dopo la chemioterapia).

Alcuni esperti ritengono che la causa del cancro di oncovirus, comprovata ed ereditaria della malattia, il che significa che lo sviluppo del cancro durante la gravidanza è più una coincidenza, la gravidanza stessa non provoca il cancro, ma contribuisce al suo sviluppo più rapido.

Diagnosi del cancro durante la gravidanza

In generale, le malattie oncologiche, sfortunatamente, sono piuttosto difficili da diagnosticare al momento della loro insorgenza. Più spesso, la diagnosi viene fatta nelle fasi finali del cancro. Un tumore durante la gravidanza è più facile da rilevare, da un lato, e dall'altro lato, ci sono alcune difficoltà nella diagnosi.

È più facile rilevare il cancro durante la gravidanza a causa degli esami approfonditi costanti che una donna incinta sta vivendo. Sì, le donne trascurano spesso gli esami programmati di gravidanza, non si sottopongono a visita medica e per questo motivo, il tempo di insorgenza della malattia oncologica passa spesso inosservato. Durante la gravidanza, la situazione cambia e la presenza della malattia può essere rilevata in un periodo più breve.

Allo stesso tempo, la diagnosi di cancro durante la gravidanza è difficile a causa delle particolari condizioni del corpo. Ad esempio, per determinare il cancro al seno durante la gravidanza è particolarmente difficile, perché il seno di una donna si gonfia durante questo periodo. Quindi, la presenza di una neoplasia maligna nella mammella è molto difficile da riconoscere, dal momento che sulla palpazione tale neoplasma è molto simile alla ghiandola mammaria contusa.

L'opzione migliore per l'individuazione dei tumori del cancro consiste nel condurre un'ecografia. Se un tale studio sospetta il cancro, è necessario prescrivere un trattamento, non pensare che dopo la nascita il tumore scompaia da solo.

Trattamento del cancro durante la gravidanza

Il trattamento del cancro durante la gravidanza, ovviamente, presenta una certa complessità, perché la maggior parte degli antitumorali e di altri farmaci usati nella terapia sono tossici e hanno un effetto negativo non solo sulla salute della donna incinta, ma anche sullo sviluppo del feto.

Un ciclo di terapia è prescritto dopo un esame approfondito della donna incinta, solo uno specialista qualificato sviluppa una serie di misure. Spesso, il trattamento completo può iniziare solo dopo il parto.

C'è un parere che l'interruzione artificiale della gravidanza aiuterà a fermare la crescita di un tumore maligno. Questa affermazione si basa sul fatto che dopo un aborto, lo sfondo ormonale del corpo cambierà, gli ormoni della gravidanza non saranno più rilasciati nel corpo e la crescita del tumore rallenterà. Una tale affermazione è fondamentalmente sbagliata, perché anche dopo un aborto, lo sfondo ormonale cambierà gradualmente, ci vorranno diversi mesi.

Inoltre, l'aborto stesso è un enorme stress per il corpo della donna. Sì, gli ormoni iniziano a subire cambiamenti, ma questo accade contro la fisiologia, il corpo sta vivendo un sovraccarico significativo, che può provocare lo sviluppo di varie malattie, compresa l'accelerazione della crescita di una neoplasia maligna.

Non dimenticare inoltre che il termine della gravidanza indebolisce il sistema immunitario, il che è inaccettabile in caso di cancro. Il punto importante è anche il fatto che quando una gravidanza viene interrotta una donna sperimenta molte emozioni negative, può iniziare la depressione, che indebolisce lo stato di salute in generale.

Quindi, quando il cancro viene diagnosticato durante la gravidanza, è necessario chiedere aiuto a specialisti qualificati che prescriveranno un trattamento adeguato durante la gravidanza e, dopo una consegna di successo, continueranno il corso della terapia.

Dopo la nascita, lo sfondo ormonale del corpo cambierà naturalmente, il che contribuirà a rallentare la crescita del tumore, inoltre, sarà possibile ricevere tutti i tipi di trattamento - per prescrivere la chemioterapia. radioterapia, ecc. ciò consentirà al paziente di recuperare il più rapidamente possibile.

Oncologia e gravidanza

Per ogni donna, una gravidanza desiderata è un dono dall'alto e la più grande felicità. Proteggiamo la nostra gravidanza il più possibile, e ci auguriamo che non saremo mai toccati da problemi e dolori. E una delle parole più terribili che una donna incinta possa ascoltare, le parole di un dottore: "Hai un'oncologia".

Cause di oncologia durante la gravidanza

Perché una donna incinta ha improvvisamente un cancro o, semplicemente, un cancro? La gravidanza può contribuire allo sviluppo di un tumore? Possiamo rispondere a questa domanda: sì e no. Alcuni credono che la gravidanza stessa contribuisca all'oncologia, ma non lo è. Un tumore non si verifica durante la gravidanza, e per far crescere un tumore, ci vuole tempo, a volte più di un mese, a volte sei mesi o un anno. Cioè, durante la gravidanza, una donna può essere diagnosticata con un cancro, ma di solito il cancro può essere rilevato nelle ultime fasi. Pertanto, possiamo supporre che il cancro inizi molto prima della gravidanza.

Ma si può sicuramente dire che la gravidanza contribuisce allo sviluppo di un tumore che ha già iniziato a crescere a causa dell'alto livello di progesterone ed estrogeno. È sullo sfondo di questi ormoni che il tumore può iniziare a crescere rapidamente.

Molti oncologi considerano l'oncovirus la causa del cancro. Alcuni tipi di papillomavirus hanno le proprietà per trasformare cellule sane in cellule cancerose. Oltre all'oncocovirus, l'ereditarietà genetica può spesso essere la causa dell'oncologia. Per esempio, se una madre ha un cancro al seno, allora sua figlia può avere la stessa malattia, e non è un dato di fatto che la colpirà nell'età adulta.

È facile diagnosticare il cancro durante la gravidanza?

Il cancro non è sempre facile da diagnosticare nelle sue fasi iniziali. Di norma, il primo e il secondo stadio del cancro passano senza dolore e nascosti al paziente, e quindi, così spesso la diagnosi di oncologia viene fatta in ritardo - nel terzo o quarto stadio della malattia, quando è difficile fare qualcosa di essenziale per aiutare il paziente con oncologia.

È particolarmente difficile diagnosticare il cancro al seno in una fase precoce. Lontano da tutte le donne controllare regolarmente il loro seno per la presenza di sospetti noduli o tumori rigidi e diagnosticare il cancro al seno durante la gravidanza diventa ancora più difficile, poiché durante la gravidanza il seno si gonfia. Un tumore al seno può essere molto difficile da distinguere dalle ghiandole mammarie maleducate.

Come diagnosticare il cancro al seno durante la gravidanza?

Se una donna incinta sospetta di un tumore, l'ecografia del seno sarà il metodo più sicuro per diagnosticare il cancro. Tuttavia, il problema è che una tale procedura non è inclusa nell'elenco degli studi obbligatori, quindi, così spesso il cancro al seno viene "attraversato", e quindi la donna inizia il trattamento con una fase già in corso.

Inoltre, è un errore presumere che dopo la gravidanza il tumore passerà da solo, si "risolverà", questa è un'opinione completamente sbagliata e pericolosa. È importante ricordare: non appena è sorto un sospetto di cancro, è necessario iniziare immediatamente la ricerca necessaria e, al momento di stabilire una diagnosi positiva, fare un piano con il medico.

L'aborto può essere d'aiuto nel trattamento del cancro?

Metodi di trattamento oncologico aggressivi come radiazioni e chemioterapia sono controindicati durante la gravidanza. Per qualche ragione, c'è un'opinione pubblica che l'aborto nella diagnosi del cancro aiuterà a sbarazzarsi rapidamente del tumore, poiché il rilascio di ormoni che promuovono la crescita del tumore finirà. Tuttavia, non dovremmo dimenticare che dopo un aborto artificiale, l'eliminazione completa degli ormoni della gravidanza dal corpo può richiedere più di un mese, inoltre - l'aborto artificiale influisce negativamente sullo stato del corpo nel suo insieme, in particolare - sul sistema immunitario.

L'aborto è un enorme stress ormonale per il corpo, che indebolisce le proprietà protettive del corpo e questo, infatti, contribuisce alla crescita del tumore. Su questa base, il trattamento del cancro può essere efficace solo dopo il completo ritiro degli ormoni della gravidanza dal corpo e la normalizzazione del suo background ormonale, e questo richiede tempo.

Cosa succede se una donna incinta ha il cancro cervicale?

Discutere le tattiche di trattamento di questa malattia dovrebbe essere con il medico. I trattamenti conservativi per il cancro prevedono la cessazione della gravidanza, ma qui tutto è strettamente individuale e dipende dalla durata della gravidanza e dallo stadio della malattia. Allo stesso tempo, è naturale che l'ostetrico-ginecologo, con una decisione positiva sulla conservazione della gravidanza, decida sulla questione della consegna tramite taglio cesareo programmato.

In che modo i trattamenti farmacologici e antitumorali influenzano la funzione riproduttiva delle donne?

Sfortunatamente, i farmaci per l'oncologia non hanno l'effetto migliore sulla funzione riproduttiva di una donna, e il trattamento a lungo termine che utilizza radiazioni e terapia chimica può privare permanentemente una donna dell'opportunità di avere figli, dal momento che uccide un ovulo.

Tuttavia, questo trattamento non colpisce affatto gli uomini, perché i loro spermotozoidi sono prodotti ogni 72 ore, cioè, se muoiono dopo la sessione di chemioterapia, dopo 72 ore appariranno nuovi. Una donna nasce con un set completo di uova, che non cambia durante tutta la vita, ed è un materiale estremamente sensibile alle influenze negative dall'esterno. Pertanto, cose come l'alcol, il fumo, l'assunzione di droghe, così come i metodi aggressivi di trattamento dell'oncologia, influenzano negativamente il sistema riproduttivo delle donne.

Fortunatamente, si stanno sviluppando farmaci che influenzeranno il sistema riproduttivo della donna con la massima parsimonia possibile.

Come dire ad una famiglia di oncologia durante la gravidanza?

È molto importante che parenti e amici capiscano e sostengano in una situazione così difficile. È chiaro che una donna incinta che ha il cancro ha sentimenti contrastanti: questa è la paura dell'ignoto, il desiderio di vivere, recuperare, la comprensione delle loro possibilità di cura, la paura per la vita del futuro bambino, il desiderio di condividere i loro sentimenti con qualcuno, e allo stesso tempo - riluttanza a disturbare parenti e amici.

La soluzione migliore sarebbe quella di visitare prima uno psicologo a cui puoi raccontare senza timore le tue esperienze, tuttavia la tua famiglia dovrebbe capire e accettare la tua situazione ed essere un buon sostegno per te, indipendentemente dalla decisione che prendi riguardo alla tua gravidanza e al trattamento.

Dare alla luce o abortire nella diagnosi del cancro?

Se una donna ha una oncologia durante la gravidanza, dovrà prendere una decisione difficile riguardo alla sospensione o alla conservazione della gravidanza.

Va ricordato che la sospensione della gravidanza non può garantire un esito positivo del trattamento del cancro e che la radioterapia e la terapia chimica possono provocare infertilità in una donna in futuro. Anche la decisione sulla conservazione della gravidanza deve essere equilibrata, è importante capire che, pur preservando la gravidanza, una donna posticipa la possibilità di un trattamento completo del cancro, ma anche se la gravidanza è terminata, come menzionato sopra, il trattamento non sarà efficace fino a quando il corpo non sarà in grado di sopportare lo stress e rimuovere ormoni della gravidanza. Cioè, anche se una donna fa un aborto, non vi è alcuna garanzia che il trattamento possa ancora essere fatto in tempo e sarà efficace al 100%.

Cancro durante la gravidanza: cosa fare?

Una malattia oncologica non è qualcosa che può "risolversi da sé", e non qualcosa che è facilmente curabile. Sfortunatamente, anche ora non è stata trovata la cura assoluta per il cancro, il che significa che la vita di ogni paziente con cancro può finire anche con un trattamento intensivo.

È particolarmente importante per una donna incinta ricordare che il risultato può essere sfavorevole. Cosa fare in questo caso? È necessario elaborare un piano d'azione, parlare alla famiglia della malattia, assicurarsi che il bambino non rimanga senza supporto, che la famiglia e gli amici si prenderanno cura del piccolo e lo solleveranno. Crea un budget per il bambino, compralo tutto ciò di cui hai bisogno ora, distribuisci i ruoli nella tua famiglia nel caso tu non sia nei paraggi.

Parla con l'ostetrico-ginecologo delle tattiche di consegna, chiedi informazioni sui medicinali che potresti aver bisogno di assumere dopo il parto, chiedi informazioni sulla possibilità dell'allattamento al seno durante questo periodo, sulle possibili complicazioni del parto. Assicurati che qualcuno della famiglia possa essere a casa nel caso tu debba rimanere in ospedale, o se non sarai in grado di stare vicino al bambino a causa di complicazioni o terapia farmacologica.

Sii coraggioso e ricorda che se hai deciso di mantenere la gravidanza, non importa come finirà la tua malattia, il tuo bambino vivrà e la tua famiglia troverà un nuovo uomo amato.

La gravidanza può innescare l'oncologia

Il contenuto

La gravidanza e il cancro sono un fenomeno terribile, fortunatamente si verifica molto raramente. Durante il parto, tutte le forze del futuro corpo materno vengono mobilitate e dirette principalmente al mantenimento del comfort e ad un ambiente sano per il feto, che può causare un'emostasi compromessa: elevati livelli di zuccheri e insulina nel sangue, indebolimento delle ghiandole surrenali, dei reni, del cuore e del fegato, nonché altri sistemi del corpo vitale; questo è il motivo per cui la gravidanza e il cancro possono provocarsi a vicenda. A causa della ridotta immunità, una donna incinta è a rischio per l'insorgenza di neoplasie maligne, il che significa che la gravidanza e il cancro non si escludono a vicenda. Ma la domanda se una gravidanza può provocare il cancro non ha una risposta definita. È necessario investigare a fondo ogni singolo caso della malattia.

Sintomi e diagnosi di cancro durante la gravidanza

La diagnosi tempestiva e l'individuazione del cancro durante la gravidanza presenta una serie di difficoltà associate al fatto che i sintomi del cancro durante la gravidanza sono di natura simile ai sintomi della gravidanza stessa, che non sempre destano sospetti sulla terribile malattia della futura madre.

Questi sintomi includono:

  • mal di testa;
  • gonfiore;
  • disagio intestinale;
  • lieve sanguinamento durante i movimenti intestinali.

D'altra parte, la medicina moderna fa una donna incinta sottoposta a vari test per identificare eventuali anomalie al fine di ridurre assolutamente tutti i rischi inerenti al processo di trasporto di un bambino.

Molto spesso, i tumori cancerosi nel corpo femminile si formano molto prima rispetto all'inizio della gravidanza e, di norma, vengono rilevati dalle prove obbligatorie generali prescritte durante la gravidanza.

I tipi comuni di cancro durante il parto includono:

  • il melanoma;
  • tumori maligni della tiroide;
  • cancro cervicale;
  • Cancro al seno (tumore al seno);
  • cisti;
  • Linfoma di Hodgkin;
  • tipi di cancro associati a cambiamenti ormonali nel sistema riproduttivo delle donne in gravidanza;
  • carcinoma;
  • cancro al cervello.

La diagnosi delle patologie tumorali durante la gravidanza è divisa in due fasi: il rilevamento della malattia e la conferma della diagnosi.

Quindi, la patologia può essere determinata effettuando le seguenti analisi:

  1. Esame del sangue per i marcatori tumorali, che è una misura preventiva per diagnosticare il cancro tra la popolazione.
  2. Test PAP mirato alla rilevazione tempestiva di cambiamenti nella struttura della cervice;
  3. Ultrasuoni e screening in grado di rilevare la presenza di varie entità.
Dopo che uno o più test hanno indotto l'oncologo a sospettare la presenza di cancro in una donna incinta, possono essere prescritti ulteriori metodi di diagnostica aggiuntiva:
  1. Secondo la testimonianza dei medici, la radiografia può essere prescritta. Gli studi hanno dimostrato che l'effetto delle radiazioni sul bambino è troppo piccolo e che la gravidanza non è un ostacolo ai raggi X quando si sospetta il cancro.
  2. Viene anche indicata una scansione della tomografia computerizzata (TC) della testa, del torace o dell'addome.
  3. biopsia;
  4. Anche la risonanza magnetica (MRI) viene spesso prescritta durante la gravidanza.

Confermare la diagnosi è una procedura molto importante per le donne in gravidanza, dal momento che diagnosi e diagnosi corrette danno speranza per un risultato favorevole per entrambi: madre e figlio.

L'effetto del cancro sul feto e l'effetto della gravidanza sullo sviluppo del cancro

Il cancro e la gravidanza sono una combinazione pericolosa. Ma questo non significa che un esito favorevole per la madre e il bambino in questo caso sia impossibile.

Innanzitutto, i medici devono affrontare la questione dell'etica: il trattamento del cancro può danneggiare la gravidanza e il feto, mentre i cambiamenti ormonali e altri processi possono provocare lo sviluppo e la crescita di tumori maligni. Tuttavia, gli interessi della madre sono sempre messi al primo posto.

È stato dimostrato clinicamente che la gravidanza non ha sempre un effetto benefico sullo sviluppo di tumori maligni. In rari casi, il trasporto di un bambino non influisce affatto sul decorso del cancro.

L'effetto del cancro sulla gravidanza:

  1. Nelle donne oncologicamente malate, ci sono spesso casi di gravidanza prematura a causa dell'asfissia intrauterina fetale.
  2. I grandi tumori possono interferire con il corso del parto naturale.
  3. Il carcinoma epatico primitivo può causare emorragie, che possono portare a complicazioni e persino alla morte.
  4. La presenza di cancro cervicale o del retto può portare a formazioni purulente nel canale del parto.
  5. Lo sviluppo di tumori cerebrali può causare un aumento della pressione intracranica, che può portare a disturbi neurologici.
  6. Quando il lavoro delle ghiandole surrenali cambia, lo sviluppo del cancro durante il parto può comportare una compromissione della circolazione sanguigna.
  7. Nelle malattie tumorali del sangue, la coagulazione del sangue è ridotta, il che può portare a indicatori di vitalità critici quando viene scoperto il sanguinamento.

Qualsiasi patologia, non solo il cancro, può portare a gravi complicazioni durante il parto, ma in oncologia è necessario prepararsi a qualsiasi risultato, poiché con lo sviluppo di una malattia grave non ci sono garanzie.

Trattamento del cancro durante la gravidanza

Nel determinare il regime di trattamento per ogni singolo caso, molti fattori vengono presi in considerazione in modo che il processo di inibizione dello sviluppo del cancro non influenzi la salute della futura madre e del bambino.

I principali fattori nella formulazione del trattamento sono:

  • età gestazionale;
  • stadio del cancro;
  • localizzazione e tipo di tumori maligni;
  • opinione della famiglia della donna in travaglio.

Se la malattia viene rilevata nelle prime fasi della gravidanza, i medici concordano sul fatto che è necessario interrompere la gravidanza e iniziare un trattamento di emergenza della donna. Diagnosticare lo sviluppo tardivo del feto consente di iniziare un trattamento immediato.

Prima di intraprendere qualsiasi tipo di distruzione del cancro nel corpo di una donna incinta, è necessario studiare attentamente la natura della malattia e pianificare un piano e un metodo di trattamento. Ci sono tre modi per eliminare il cancro.

  1. Intervento chirurgico Implica la rimozione di un tumore maligno mediante un'operazione. Questo metodo è il più sicuro per madre e figlio, in quanto può eliminare l'uso di metodi più pesanti, compreso l'uso di farmaci citotossici.
  2. La chemioterapia. L'uso della chemioterapia è indesiderabile nelle prime fasi della gravidanza, perché l'uso di farmaci che distruggono le cellule tumorali e ne interrompono la divisione e la crescita può portare a conseguenze irreversibili nello sviluppo del bambino. I farmaci citotossici possono innescare lo sviluppo di difetti congeniti o portare all'aborto (aborto spontaneo). Nella tarda gravidanza, la chemioterapia è accettabile, perché la placenta protegge il bambino dalle droghe pesanti che entrano nel corpo della donna e che non possono essere trasmesse a lui attraverso la barriera naturale. Tuttavia, la presenza di effetti collaterali dopo il trattamento con la chimica può causare parto prematuro, perdita di peso nel bambino e problemi con l'allattamento al seno.
  3. Radioterapia Il metodo è diventato obsoleto e ha perso rilevanza a causa del suo impatto negativo sul feto. Nella radioterapia, l'esposizione ai raggi X e altri tipi di radiazioni vengono utilizzati per distruggere le cellule tumorali e i tumori. Questo metodo è il più pericoloso sia per la madre che per il bambino, quindi il suo uso è un caso raro nella pratica del trattamento del cancro durante la gravidanza.

Gravidanza dopo il cancro

La gravidanza dopo l'oncologia è abbastanza normale. Se una donna è riuscita a superare la malattia, per riprendersi da numerosi cicli di chemioterapia, allora non ci sono ostacoli al desiderio della donna di rimanere incinta.

Esistono numerose opinioni stereotipate che dopo aver sofferto di malattie oncologiche non si dovrebbe mai rimanere incinta e avere un figlio, dal momento che l'accumulo di farmaci citotossici nel corpo può provocare lo sviluppo di gravi difetti alla nascita e mutazioni nel feto.

Certo, c'è un certo rischio, ma seguendo un piccolo numero di raccomandazioni influenzerà favorevolmente il processo di portare e dare alla luce un bambino sano:

  • dopo la remissione è necessario attendere almeno un anno, e solo dopo tentare di rimanere incinta;
  • al completamento dell'amenorrea (disturbi mestruali dopo la chemioterapia) la probabilità di gravidanza aumenta notevolmente, pertanto, l'uso di preparati ormonali e immunostimolanti approvati dal medico è ben accetto;
  • Se la fertilizzazione è avvenuta, è necessaria un'osservazione più attenta non solo dall'ostetrico, ma anche dall'oncologo.

Sfortunatamente, in base alle numerose recensioni di madri che hanno contratto il cancro durante la gravidanza, viene riconosciuto il fatto che il rischio di sviluppare oncologia in un bambino aumenta, poiché durante la gravidanza il corpo materno potrebbe trasmettere l'oncovirus al bambino attraverso la placenta.

La gravidanza causa il cancro?

Guardare come si comporta una donna durante la gravidanza. Tutte le malattie sono da nervi. Se si arrabbia, offesa, si scuote i nervi - non è l'unica a provocare il cancro. Non c'è bisogno di cancellare tutti gli ormoni, devi amare tutto in questo mondo e non mostrare emozioni negative, quindi non ci sarà alcun cancro. Siamo diventati molto lontani dall'amore, abbiamo inventato degli psicopatici durante la gravidanza, ci siamo molto offesi, siamo arrabbiati, abbiamo chiesto agli altri, e non l'amore proprio così, incondizionatamente. Produciamo molta energia negativa, invece di gioia, armonia, calore, amore per gli altri. Queste sono le cause delle nostre malattie e tumori. La gravidanza è un processo naturale, nobile, buono. Qui insulto, rabbia, irritazione - questo è un processo sbagliato!

In effetti, la manifestazione del cancro durante la gravidanza, è molto rara in effetti, ma a volte può accadere se ci sono altri fattori che lo provocano. Nel corso della gravidanza, il tumore al seno o il tumore al collo dell'utero possono verificarsi più spesso: qualsiasi gravidanza è una nuova condizione per il corpo di una donna e in questo momento tutte le sostanze nutritive vanno a sostegno del bambino e, pertanto, è necessario sostenere l'equilibrio delle vitamine nel corpo. E la gravidanza può provocare una malattia come il melanoma, ma come un'altra malattia, se i suoi inizi esistono già nel corpo. Conclusione: la gravidanza può spesso stimolare un problema esistente.

Cancro e gravidanza.

Non so perché ea chi scrivo questo, ma tre tazze di caffè non sembrano lasciare una scelta) Forse per i miei tre abbonati, che a un certo punto si sono interessati alla mia posizione atipica (gravidanza + cancro). Un mese fa ho dato alla luce una ragazza meravigliosa - la mia speranza in un luminoso domani, la mia fede nella magia involontaria, il mio ultimo amore.
Nel terzo mese di gravidanza (la prima, l'unica, inaspettata) ho trovato uno strano sigillo a forma di pisello attorno al collo della clavicola. La vaghezza della futura madre ha fatto il suo lavoro e, dopo aver esaminato una serie di armadi e superato un sacco di test, mi sono convinto del mio peggior sospetto. Linfoma. Il ricovero in ospedale per l'oncologia per un'estesa biopsia del linfonodo, che a quel tempo era cresciuto fino alle dimensioni di una noce, avveniva dopo molta persuasione da parte mia per salvare il bambino, dal momento che la mia gravidanza fu immediatamente presa alle baionette e chiamò l'epicrisi "malattia concomitante". Indossato come velocista tra la consultazione femminile e il dispensario oncologico, che trasmette le conclusioni di uno specialista a un altro, decisioni di commissioni mediche e altra corrispondenza con i luminari nel campo del trattamento del cancro nelle donne in gravidanza. Una piccola vittoria e ora sono nel reparto di chirurgia senza alcuna possibilità di anestetizzazione (la cucitura sul collo era di 5 centimetri, ma faceva così male che dovevo girare la testa :), sonniferi (semplicemente non c'era sollievo nel dipartimento a cui non importava). È stata eseguita una biopsia, la diagnosi è stata confermata, supportata dallo stadio e dal tipo di linfoma di Hodgkin. Hanno consigliato di non ritardare il trattamento. Ciao, altri dipartimenti di commissione, ematologia e chemioterapia. In generale, la storia stessa è noiosa. Non andavo alle cliniche straniere, non avevo un particolare bisogno di soldi (grazie all'assicurazione medica), ma per la prima volta mi sentivo come una persona necessaria e cara. Così tante parole chiave e azioni inaspettate nella mia direzione non hanno mai volato mai. La cosa più importante è la briciola che cresce dentro, sperimentando con me tutto il "fascino" degli effetti collaterali, dandomi tanta forza morale che mi sarebbe sembrata abbastanza per un paio di piaghe. Mi sono innamorato di lei nella fase dello "strano girino sul monitor" durante la mia prima visita al cabinet degli ultrasuoni e non smetterei mai di amarlo. Tre cicli di chemioterapia, non i migliori indicatori del corso della gravidanza, contagocce e iniezioni nella speranza di correggere la situazione. In generale, la lotta su tutti i fronti. E, ecco, annusa nella mia culla. C'è ancora un lungo trattamento in anticipo (dopo il parto, finalmente hanno fatto MT e hanno trovato una collezione di linfonodi colpiti nel mediastino), ma non ho più paura.

Ha scritto e nel processo ha pensato "perché?". E proprio così, per parlare. E auguro a tutti coloro che hanno bisogno di sostegno per la forza interiore. In effetti, come ha affermato il rispettato compagno B. Grylls, il vero potere nasce nella testa. Questo è ciò che fa andare il corpo quando vuole cadere. Qualcosa del genere)

  • Più votati
  • Prima in cima
  • top Actual

144 commenti

Anche tu rimani in remissione)

Non ho affatto paura per me ora, ma cercherò sicuramente un gruppo, forse potrei rallegrare qualcuno)

Sei semplicemente super, in un momento così difficile per te da decidere di partorire, e soprattutto, per difendere la tua decisione davanti ai medici - questa è certamente un'impresa. Ti auguro una pronta guarigione, così come far crescere la tua piccola principessa, circondarla con cura, affetto e calore materno.

Gravidanza e cancro

Gravidanza e cancro

La cosa migliore e più bella che possa capitare a una donna è l'inizio della gravidanza desiderata. Da questo punto in poi, tutte le forze dell'organismo materno sono dirette verso la conservazione e lo sviluppo di una piccola vita. E non c'è niente di peggio per una donna che porta un bambino tanto atteso sotto il suo cuore che per sentire la terribile parola "cancro" dal dottore. Sembrerebbe che questo sia impossibile e semplicemente blasfemo, ma ogni millesima gravidanza è oscurata dall'apparizione di un neoplasma maligno.

Secondo le statistiche, le future mamme soffrono molto spesso di cancro delle ghiandole mammarie, della cervice, delle ovaie, del retto, dello stomaco, della tiroide, del tessuto linfatico, della pelle, del sistema ematopoietico.

Perché sviluppare il cancro nelle donne in gravidanza

Molti scienziati, studiando la somiglianza dell'embriogenesi e dell'oncogenesi (la formazione delle cellule tumorali), sono giunti alla conclusione che questi processi sono molto simili. Pertanto, molto spesso il background immunitario e ormonale fetale di una donna incinta diventa terreno fertile per la crescita maligna. Allo stesso tempo, la gravidanza stessa non è affatto la causa della formazione di cellule tumorali.

Fattori di rischio

La probabilità di sviluppare una malattia oncologica in una futura madre dipende in certa misura dalla presenza dei seguenti fattori di rischio:

    • gravidanza tardiva (l'incidenza del cancro aumenta con l'età);
    • disturbi ormonali;
    • cattive abitudini;
    • vivere in una zona con un cattivo ambiente;
    • ereditarietà.

Difficoltà diagnostiche

Il cancro nelle fasi iniziali procede prevalentemente inosservato. Inoltre, se le donne in gravidanza presentano sintomi insoliti (debolezza, dolorabilità e indurimento delle ghiandole mammarie, un cambiamento nel gusto, nausea, secrezione anomala dal tratto genitale), tutto viene cancellato come una "posizione interessante". Inoltre, anche nel caso di alcuni sospetti "oncologici", non è sempre possibile esaminare una donna incinta per intero, in quanto ciò potrebbe influire negativamente sul bambino (ad esempio, i metodi a raggi X, le scansioni TC, la risonanza magnetica non possono essere utilizzate).

Cancro e gravidanza

Il comportamento del tumore nel corpo della futura madre è determinato da vari fattori. Il tasso di progressione del processo maligno è significativamente influenzato dalla durata della gravidanza. Quindi, il cancro diagnosticato nel primo trimestre è più incline alla crescita attiva e alle metastasi. Bene, con un tumore maligno trovato negli ultimi mesi di gravidanza, il decorso della malattia è generalmente più favorevole.

Le caratteristiche dell'impatto del cancro sulla gravidanza e la sua prognosi dipendono dalla fase in cui viene diagnosticato il cancro. Con un comune processo maligno, possono svilupparsi le seguenti complicanze:

    • Durante la gravidanza - aborto, asfissia intrauterina, parto prematuro, anemia.
    • Durante il parto: un ostacolo meccanico al parto naturale (tumore genitale), debole attività lavorativa.
    • Dopo il parto: sanguinamento (specialmente nella leucemia acuta).

L'effetto del cancro sul feto

La presenza di un processo maligno nel corpo della madre non è un ostacolo alla nascita di un bambino sano e a tutti gli effetti. Esiste la possibilità di metastasi tumorali alla placenta e al feto, ma tali casi sono rari e si verificano principalmente nel melanoma (cancro della pelle). Anche le donne incinte con cancro del sangue possono essere calme, poiché con la leucemia la probabilità di sviluppare una malattia simile in un bambino non supera l'1%.

Caratteristiche del trattamento

Il trattamento del cancro in una futura mamma è un problema etico piuttosto serio, poiché quando un tumore maligno viene rilevato prima delle 12 settimane di gravidanza, si raccomanda a una donna di sottoporsi a un aborto per salvarle la vita. Se il termine è più lungo, aumenta la probabilità di portare il bambino a un'età praticabile (28 settimane) con la minima perdita per la salute della madre. Pertanto, ogni caso particolare è considerato separatamente, la prevalenza e la dinamica del processo maligno, la condizione della donna sono stimati.

La chemioterapia, la terapia ormonale e la radioterapia durante la gravidanza sono controindicati, poiché questi trattamenti possono causare gravi malformazioni fetali e persino la morte di un neonato. Tutto ciò che rimane per i medici è la rimozione chirurgica del tumore (con l'uso obbligatorio di altri tipi di trattamento dopo il parto) o le tattiche di attesa.

Il paziente deve anche sapere che l'interruzione della gravidanza non ferma la crescita del tumore, è necessario per l'immediato inizio di un trattamento completo del cancro. È anche importante che l'aborto sia lo stress più forte per il corpo, il sistema ormonale e immunitario di una donna, il decorso del processo maligno dopo che un test così serio non diventa più favorevole. Pertanto, è impossibile considerare l'aborto come una panacea, senza trattamento il tumore non "risolverà".

La decisione finale sulla conservazione della gravidanza, ovviamente, rimane sempre per il paziente, perché dopo aver condotto un trattamento chirurgico serio, radioterapia e chemioterapia, una donna non può garantire il 100% della maternità in futuro.

prevenzione

La prevenzione del cancro nelle future mamme è, soprattutto, pianificare una gravidanza con un esame completo prima della sua insorgenza. L'elenco delle misure obbligatorie dovrebbe includere non solo un esame ginecologico, citologia e analisi del pannello delle infezioni, ma anche il seguente:

    • colposcopia, ecografia degli organi riproduttivi;
    • analisi del sangue clinico con la formula, definizione dei parametri del sangue biochimico;
    • uno studio sulla presenza nel corpo dell'infezione da papillomavirus umano (in particolare i tipi di virus oncogeni);
    • consultazione con un specialista del seno, ecografia del seno (soprattutto se la madre ha 35 anni o più), questo studio può essere eseguito durante la gravidanza;
    • Ultrasuoni degli organi interni, linfonodi;
    • consultazione dell'endocrinologo, se necessario, ecografia della tiroide.

Inoltre, qualsiasi lamentela riguardante la digestione, disturbi ormonali e anche talpe sulla pelle, è meglio discutere con il medico in anticipo. È particolarmente importante fare tutto quanto sopra per le donne con fattori di rischio.

E la cosa principale che è necessaria nel caso di diagnosi oncologica in una donna incinta è un atteggiamento responsabile verso la propria salute, una valutazione sobria della situazione, ascoltando le raccomandazioni del medico. "Cancro" è una parola molto spaventosa e spiacevole, ma non è affatto una condanna a morte.

Cancro e gravidanza: l'effetto sul feto, la diagnosi, il trattamento

Cancro e gravidanza: l'effetto sul feto, la diagnosi, il trattamento

Il cancro durante la gravidanza è piuttosto raro. Molto spesso, il cancro durante la gravidanza si verifica nelle giovani donne. Alcuni trattamenti contro il cancro sono sicuri da usare durante la gravidanza, mentre altri possono danneggiare il feto (il nascituro).

È molto importante consultare un oncologo esperto per tempo in modo che possa determinare i rischi e scoprire i benefici di specifici test diagnostici e metodi di trattamento del cancro se una donna incinta si trova di fronte all'oncologia.

Diagnosi del cancro durante la gravidanza

Le donne incinte spesso ritardano la diagnosi tempestiva, per la semplice ragione che alcuni sintomi del cancro, come gonfiore addominale, mal di testa frequenti, emorragia rettale, sono comuni sia al cancro che alla gravidanza stessa. Per lo stesso motivo, questi sintomi non sono considerati sospetti.

D'altra parte, è durante la gravidanza che può essere rilevata una malattia oncologica che non è mai stata vista in precedenza.

Ad esempio, il test PAP (analisi per la diagnosi precoce dei cambiamenti nelle cellule cervicali) viene eseguito come parte di un esame prenatale standard, i cui risultati possono essere utilizzati per diagnosticare il cancro.

Con lo stesso principio, è possibile rilevare il cancro ovarico durante un esame ecografico di una donna incinta.

I processi di cancro che di solito si verificano durante il trasporto di un bambino includono cancro cervicale, cancro della mammella, cancro della tiroide, linfoma di Hodgkin, melanoma e tumori trofoblastici gestazionali (un tipo molto raro di cancro che può verificarsi nel sistema di donne).

La forma più comune di cancro nelle donne in gravidanza è il cancro al seno, che colpisce circa un individuo ogni 3000 gravidanze. Tutti sanno che la gravidanza è associata all'aumento del seno, quindi la maggior parte delle donne in questo periodo non subiscono una mammografia pianificata, che può causare una diagnosi tardiva di piccoli tumori al seno.

Se il cancro è sospettato durante la gravidanza, i medici possono anche essere preoccupati per un esame a raggi X. Tuttavia, numerosi studi hanno dimostrato che il livello di radiazioni nei raggi X diagnostici è troppo piccolo per causare danni al feto.

La tomografia computerizzata (CT) sul principio della sua influenza sul corpo umano è simile ai raggi X, poiché produce radiazioni ionizzanti. Tuttavia, la TC è molto più accurata rispetto ai raggi X nella descrizione della struttura degli organi interni, che svolge un ruolo importante nella diagnosi e nell'identificazione delle aree interessate.

Una scansione TC della testa o del torace è di solito considerata sicura anche durante la gravidanza, poiché non ha effetti diretti sul feto.

Una scansione TC della cavità addominale o della pelvi deve essere eseguita solo se assolutamente necessario e dopo aver discusso con il team di trattamento oncologico.

Altri test diagnostici e analisi, come la risonanza magnetica (MRI), l'ecografia, la biopsia sono considerati sicuri durante la gravidanza perché non usano radiazioni ionizzanti.

Trattamento del cancro durante la gravidanza

Quando si prendono decisioni riguardanti il ​​trattamento del cancro durante la gravidanza, il medico individualmente determina le migliori opzioni di trattamento per la futura gestante. Inoltre, vengono presi in considerazione i possibili rischi per un bambino in via di sviluppo.

Il tipo e il metodo di trattamento sono selezionati in base a molti fattori, i principali dei quali sono:

  • età gestazionale del feto (stadio della gravidanza);
  • tipo, posizione, dimensioni del tumore;
  • stadio del cancro;
  • desideri della futura madre e della sua famiglia.

Poiché alcuni trattamenti contro il cancro possono danneggiare il feto, specialmente durante il primo trimestre (i primi tre mesi di gravidanza), il trattamento può essere ritardato fino al secondo o terzo trimestre.

Quando il cancro viene diagnosticato alla fine della gravidanza, i medici possono attendere e non adottare alcuna misura di trattamento fino alla nascita del bambino.

In alcuni casi, ad esempio, nella fase iniziale (stadio 0 o IA) del cancro cervicale, i medici supervisionano e non iniziano il trattamento fino alla fine del travaglio.

Alcuni trattamenti contro il cancro possono essere utilizzati durante la gravidanza, ma solo dopo un'attenta valutazione e pianificazione del trattamento per ottimizzare la sicurezza della madre e del nascituro. Questi includono la chirurgia, la chemioterapia e raramente la radioterapia.

La chirurgia nel nostro caso è la rimozione del tumore e del tessuto circostante durante l'intervento.

Questo non è un grosso rischio per un bambino in via di sviluppo ed è considerato l'opzione più sicura per il trattamento del cancro durante la gravidanza.

In alcuni casi, può essere eseguita una chirurgia più estesa per evitare la necessità di usare la chemioterapia o la radioterapia.

La chemioterapia, se il cancro è stato diagnosticato durante la gravidanza, comporta l'uso di farmaci per uccidere le cellule tumorali, di solito arrestando la capacità delle cellule tumorali di crescere e dividersi.

La chemioterapia può danneggiare il feto, specialmente se viene eseguita durante il primo trimestre di gravidanza, quando gli organi del feto si stanno ancora sviluppando.

La chemioterapia durante il primo trimestre può causare malformazioni alla nascita o addirittura una perdita di gravidanza (aborto spontaneo).

Durante il secondo e il terzo trimestre, è possibile eseguire alcuni tipi di chemioterapia. Durante questo periodo, la placenta agisce come una barriera tra la madre e il bambino, sotto l'influenza di alcuni farmaci che non sono in grado di nuocere al bambino.

Sebbene la chemioterapia nelle ultime fasi della gravidanza non possa danneggiare direttamente un bambino in fase di sviluppo, può comunque causare effetti collaterali, come l'anemia (basso numero di globuli rossi) nella madre, che può interrompere la circolazione sanguigna tra la madre e il feto. Inoltre, la chemioterapia somministrata durante il secondo e il terzo trimestre a volte causa parto prematuro, basso peso alla nascita e problemi durante l'allattamento.

La radioterapia è l'uso di raggi X ad alta energia o altre particelle per distruggere le cellule tumorali.

A causa del fatto che la radioterapia può danneggiare il feto, specialmente durante il primo trimestre di gravidanza, i medici di solito evitano di utilizzare questo metodo di trattamento oncologico.

Anche nel secondo e terzo trimestre l'uso della radioterapia è raro.

Cancro in gravidanza: una prognosi e cosa aspettarsi?

Oncologia e gravidanza - un fenomeno abbastanza raro, che si verifica circa una su 1000 gravidanze. È per questo motivo che le donne si trovano spesso in una situazione in cui anche i medici più qualificati non riescono a decidere come combattere il cancro.

Tuttavia, nonostante il fatto che la maggior parte delle donne che sospettano o siano state diagnosticate un cancro durante la gravidanza del bambino continuino a discutere con il proprio medico in anticipo i tempi e la durata del trattamento del cancro durante la gravidanza, altri potrebbero non sospettare di avere un maligno processo.

Ma, nonostante quanto sopra, la cosa più importante è che una donna incinta sia una malata di cancro, anche malgrado una diagnosi terribile, è in grado di sopportare e dare alla luce un bambino assolutamente sano, perché il decorso del processo del cancro interessa molto raramente il feto. Ma ci sono altri casi più tristi.

Pertanto, alcuni tipi di cancro tendono a diffondersi alla placenta (un organo temporaneo che collega il feto alla madre), ma non influisce sul bambino stesso. Inoltre, il trattamento e il recupero di una donna incinta è estremamente difficile per l'equipe medica stessa.

Pertanto, è molto importante trovare un medico che abbia esperienza nel trattamento di donne in gravidanza con cancro.

Cancro e allattamento

Sebbene le cellule tumorali non possano arrivare al bambino attraverso il latte materno, i medici raccomandano vivamente che le donne che vengono curate per il cancro non dovrebbero allattare al seno.

Inoltre, le conseguenze della chemioterapia effettuata alla vigilia di un bambino possono essere particolarmente pericolose per un bambino, dal momento che i farmaci possono essere trasmessi a lui attraverso il latte materno. Allo stesso modo, i componenti radioattivi che vengono assunti per via orale nel trattamento del cancro della tiroide (ad esempio, dosi di iodio radioattivo) possono entrare nel latte materno e danneggiare il bambino.

In che modo la gravidanza influisce sul cancro

La prognosi (possibilità di recupero) per una donna incinta con cancro è spesso la stessa di quella di altre donne della stessa età e con gli stessi tipi e stadi del cancro. Tuttavia, se la diagnosi o il trattamento di una donna durante la gravidanza è in ritardo, l'entità del cancro può progredire.

Inoltre, a causa della quantità di ormoni prodotti durante la gravidanza, ha il potenziale per influenzare la crescita e la diffusione di alcuni tipi di cancro. In questo caso, è molto importante consultare prima il medico su come la gravidanza può influenzare il tuo stadio e la forma del cancro, così come il processo di guarigione.

Domande da porre all'oncologo!

Se sei incinta e, purtroppo, ti è stato recentemente diagnosticato un cancro, al fine di preservare la tua salute, così come la vita e la salute del tuo nascituro, devi conoscere e operare con tutte le informazioni necessarie che puoi ricevere chiedendo al tuo oncologo curante le seguenti domande (anche in base alle risposte di questo medico, puoi essere sicuro delle sue qualifiche ed esperienza).

  1. Quanti anni di esperienza nel trattamento di donne incinte con cancro hai?
  2. Come interagirai con la mia ostetrica (un medico specializzato in gravidanza e parto)?
  3. Devo passare dei test ed esami speciali?
  4. Quale piano di trattamento e metodo mi consigliate? Perché?
  5. Devo iniziare subito il trattamento o devo aspettare la fine della gravidanza?
  6. Il trattamento ritardato può peggiorare le mie condizioni e influenzare la mia prognosi?
  7. Quali sono i rischi di trattamento a breve e lungo termine per me? Per un bambino?
  8. Potrò allattare al seno?
  9. Quale supporto sociale è disponibile per me e mio figlio?
  10. Oltre all'oncologo, quali medici osserveranno anche il cancro e la gravidanza?

Caratteristiche della gravidanza nel cancro

La malattia non chiede nel cui corpo di stabilirsi. Se devi curare il cancro, è compatibile con la continuazione della gravidanza? Come può influire sul bambino?

Le diagnosi di cancro della cervice, della mammella, dell'ovaio, del sangue (con leucemia), della pelle (con melanoma) e del sistema linfatico (con linfoma) sono di solito somministrate alle persone entro la fine della loro età media.

Ma spesso in condizioni di stress della vita e di ecologia moderna, una donna in età riproduttiva può fare una diagnosi del genere. Quindi la vita non finisce, dà la possibilità di creare una nuova vita, rimanere incinta e avere un bambino sano e salvo.

Secondo le statistiche, ogni millesima donna incinta ha il cancro.

È importante ricordare che il cancro è un gruppo di malattie abbastanza vario, ogni caso è considerato un individuo che necessita di un approccio e di uno studio particolari. I fattori sottostanti che possono influenzare le indicazioni e le controindicazioni per il concepimento sono:

  • stadio dello sviluppo della malattia;
  • una forma di cancro;
  • tipo di cancro;
  • la presenza di disturbi concomitanti;
  • fattore di ereditarietà.

L'effetto del cancro sul feto

Se il cancro di una donna si è formato durante la gravidanza, sicuramente influenzerà il feto in un certo modo. Ma le misure che vengono prese per trattare questa malattia hanno maggiori probabilità di influenzare il feto in modo più negativo rispetto al cancro stesso. Tuttavia, tutto dipende dal momento della diagnosi, dal tipo di cancro, dallo stadio della gravidanza.

Il nascituro si ammala di cancro?

Il cancro di solito non si diffonde al feto. Ma non ci sono regole senza eccezioni. Casi rari sono stati registrati quando ciò è accaduto, ma erano solo alcuni casi in tutto il mondo. Quindi questa probabilità è piccola.

Come curare il cancro in una donna incinta

Se si sceglie la radioterapia come unico modo per curare il cancro, specialmente nella prima metà della gravidanza, si ritiene improbabile che il feto possa sopravvivere, specialmente se l'area del tumore si trova nella cavità addominale e nella piccola pelvi. Nelle prime dodici settimane, il feto non dovrebbe essere esposto a nessuna radiazione, poiché è in questo momento che si formano gli organi interni del bambino.

Come diagnosticare il cancro al seno durante la gravidanza

Per questo, è consuetudine applicare diverse procedure standard:

  • Ultrasuoni - un'ecografia del seno (considerato il metodo più economico e sicuro);
  • mammografia (la dose di radiazioni viene scelta estremamente piccola, non in grado di avere un effetto dannoso sul bambino);
  • Risonanza magnetica;
  • la biopsia è il metodo più affidabile (questa procedura non è dolorosa, non richiede anestesia, la gravidanza non è una controindicazione per questo studio).

Come si comporta il cancro durante la gravidanza

Solo l'unico tipo di cancro - il melanoma conduce aggressivamente durante la gravidanza, altri non differiscono in base a questa caratteristica. In ogni caso, non puoi fare a meno del consiglio qualificato di un medico.

Diagnosi e trattamento del cancro nelle donne in gravidanza

Il tasso di incidenza nelle donne in gravidanza è in media di 1 su 1000 casi di gravidanza. Questo livello aumenta leggermente a causa della tendenza a posticipare la gravidanza in un secondo momento.

L'incidenza del cancro nelle donne in gravidanza

Caratteristiche della diagnosi nelle donne in gravidanza

  • L'uso eccessivo di radiazioni ionizzanti dovrebbe essere limitato. Fare attenzione ad applicare metodi basati su di essi;
  • metodi diagnostici sicuri per le donne incinte comprendono vari tipi di biopsie tumorali e esame istologico o citologico del materiale bioptico;
  • Dati contrastanti sono disponibili per quanto riguarda il valore diagnostico dello studio del livello di ormoni steroidei in pazienti gravide affette da carcinoma mammario, i dati potrebbero non essere affidabili;
  • durante la diffrazione dei raggi X, viene utilizzata la protezione dello schermo della cavità addominale;
  • La risonanza magnetica non è raccomandata a causa dell'alto rischio per il feto;

Le radiazioni ionizzanti e i farmaci antitumorali possono avere vari effetti negativi sull'embrione (mutageni, teratogeni, cancerogeni) a seconda della dose, dell'età gestazionale, delle parti costitutive del trattamento e dell'area di trattamento.

L'esposizione a dosi fetali superiori a 5-10 Gy dovrebbe essere evitata. Piccole dosi, secondo le statistiche esistenti, causano cambiamenti negativi nell'embrione non superiori alla media nella popolazione generale.

Non usare farmaci antitumorali nel primo trimestre di gravidanza, quando c'è una deposizione e uno sviluppo di tutti i principali sistemi del corpo.

L'effetto negativo della terapia antitumorale sull'embrione

Piano di trattamento generale

  • il piano di trattamento ottimale è sviluppato congiuntamente dagli specialisti e dalla famiglia individualmente per ciascun paziente;
  • La consultazione degli esperti su cui è sviluppato il piano di trattamento dovrebbe includere un ostetrico, un neonatologo, un oncologo, un chirurgo, uno psicologo.
  • Non ci sono prove che la cessazione della gravidanza altera le caratteristiche biologiche del tumore o la prognosi del paziente quando si prescrive il trattamento antitumorale appropriato!
  • Di norma, la gravidanza non è una controindicazione all'intervento chirurgico. L'esecuzione di un intervento chirurgico nel primo trimestre di gravidanza non aumenta il numero di difetti alla nascita, ma aumenta anche il rischio di parto prematuro. A questo proposito, è meglio posticipare l'intervento chirurgico fino al secondo trimestre, quando il rischio per il feto è minimo. Se questo è naturalmente possibile;
  • se la situazione lo consente, la radioterapia viene riportata al periodo postpartum. Le dosi di radiazioni comunemente usate possono seriamente interessare il feto in via di sviluppo, specialmente se i tumori si trovano nell'addome o nella pelvi;
  • Si ritiene che sia sicuro prescrivere la chemioterapia nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, ma il rischio per la vita del feto e il ritardo dello sviluppo è presente!

Alcuni esperti ritengono che la causa del cancro di oncovirus, comprovata ed ereditaria della malattia, il che significa che lo sviluppo del cancro durante la gravidanza è più una coincidenza, la gravidanza stessa non provoca il cancro, ma contribuisce al suo sviluppo più rapido.

Diagnosi del cancro durante la gravidanza

In generale, le malattie oncologiche, sfortunatamente, sono piuttosto difficili da diagnosticare al momento della loro insorgenza. Più spesso, la diagnosi viene fatta nelle fasi finali del cancro. Un tumore durante la gravidanza è più facile da rilevare, da un lato, e dall'altro lato, ci sono alcune difficoltà nella diagnosi.

È più facile rilevare il cancro durante la gravidanza a causa degli esami approfonditi costanti che una donna incinta sta vivendo.

Sì, le donne trascurano spesso gli esami programmati di gravidanza, non si sottopongono a visita medica e per questo motivo, il tempo di insorgenza della malattia oncologica passa spesso inosservato.

Durante la gravidanza, la situazione cambia e la presenza della malattia può essere rilevata in un periodo più breve.

Allo stesso tempo, la diagnosi di cancro durante la gravidanza è difficile a causa delle particolari condizioni del corpo.

Ad esempio, per determinare il cancro al seno durante la gravidanza è particolarmente difficile, perché il seno di una donna si gonfia durante questo periodo.

Quindi, la presenza di una neoplasia maligna nella mammella è molto difficile da riconoscere, dal momento che sulla palpazione tale neoplasma è molto simile alla ghiandola mammaria contusa.

L'opzione migliore per l'individuazione dei tumori del cancro consiste nel condurre un'ecografia. Se un tale studio sospetta il cancro, è necessario prescrivere un trattamento, non pensare che dopo la nascita il tumore scompaia da solo.

Trattamento del cancro durante la gravidanza

Il trattamento del cancro durante la gravidanza, ovviamente, presenta una certa complessità, perché la maggior parte degli antitumorali e di altri farmaci usati nella terapia sono tossici e hanno un effetto negativo non solo sulla salute della donna incinta, ma anche sullo sviluppo del feto.

Un ciclo di terapia è prescritto dopo un esame approfondito della donna incinta, solo uno specialista qualificato sviluppa una serie di misure. Spesso, il trattamento completo può iniziare solo dopo il parto.

C'è un parere che l'interruzione artificiale della gravidanza aiuterà a fermare la crescita di un tumore maligno.

Questa affermazione si basa sul fatto che dopo un aborto, lo sfondo ormonale del corpo cambierà, gli ormoni della gravidanza non saranno più rilasciati nel corpo e la crescita del tumore rallenterà.

Una tale affermazione è fondamentalmente sbagliata, perché anche dopo un aborto, lo sfondo ormonale cambierà gradualmente, ci vorranno diversi mesi.

Inoltre, l'aborto stesso è un enorme stress per il corpo della donna. Sì, gli ormoni iniziano a subire cambiamenti, ma questo accade contro la fisiologia, il corpo sta vivendo un sovraccarico significativo, che può provocare lo sviluppo di varie malattie, compresa l'accelerazione della crescita di una neoplasia maligna.

Non dimenticare inoltre che il termine della gravidanza indebolisce il sistema immunitario, il che è inaccettabile in caso di cancro. Il punto importante è anche il fatto che quando una gravidanza viene interrotta una donna sperimenta molte emozioni negative, può iniziare la depressione, che indebolisce lo stato di salute in generale.

Quindi, quando il cancro viene diagnosticato durante la gravidanza, è necessario chiedere aiuto a specialisti qualificati che prescriveranno un trattamento adeguato durante la gravidanza e, dopo una consegna di successo, continueranno il corso della terapia.

Dopo la nascita, lo sfondo ormonale del corpo cambierà naturalmente, il che contribuirà a rallentare la crescita del tumore, inoltre, sarà possibile ricevere tutti i tipi di trattamento - per prescrivere la chemioterapia. radioterapia, ecc. ciò consentirà al paziente di recuperare il più rapidamente possibile.

Cancro in donne in gravidanza - "Your your"

DatsoPic 2.0 © 2009 di Andrey Datso

Oggi, il cancro tra la popolazione occupa una delle posizioni di primo piano e può essere trovato anche nei bambini, per non parlare delle donne adulte.

Durante la gravidanza, il cancro e il cancro si verificano, con grande gioia, raramente, e il più delle volte queste patologie si verificano in donne abbastanza giovani e normodotate.

Alcuni dei metodi di trattamento dell'oncologia sono abbastanza sicuri durante la gravidanza e molti di questi possono causare danni significativi al feto e devi sempre fare una scelta difficile a favore di una donna o di un bambino.

In tali circostanze, è estremamente importante trovare un oncologo esperto e consultarsi con lui per determinare tutti i rischi e scoprire la possibilità di superare specifici test diagnostici, se l'oncologia è sospettata o rivelata durante la gravidanza. Ma non dovresti preoccuparti in anticipo - la medicina di oggi non ha l'esempio dei primi anni, ampie possibilità di diagnosi e trattamento.

Diagnosi del cancro durante la gravidanza

Le donne incinte sono spesso in ritardo per condurre una diagnosi tempestiva e completa, per le semplici ragioni che alcune delle manifestazioni di cancro, come gonfiore, mal di testa frequenti, sanguinamento intestinale e rettale, comuni al cancro, possono verificarsi anche durante la gravidanza. come tale

E per le stesse ragioni oggettive, questi sintomi non sono sospetti durante la gravidanza e potrebbero non essere molto tempo per pensare all'oncologia. D'altra parte, è spesso durante la gravidanza che è possibile rilevare malattie oncologiche che esistevano prima, ma non sono state notate o riconosciute.

Quindi, ad esempio, uno speciale test PAP, un'analisi per la diagnosi precoce di specifici cambiamenti nell'area delle cellule cervicali, sarà eseguito come una delle procedure standard nello studio prenatale. E in base ai suoi risultati, è possibile diagnosticare sia la trasformazione precancerosa, sia la presenza stessa dell'oncologia.

Allo stesso modo, è possibile con lo stesso principio rilevare il cancro nelle ovaie durante gli studi ecografici degli organi pelvici delle donne in gravidanza.

Le formazioni oncologiche che di solito si verificano durante la gravidanza possono includere il cancro della cervice e della mammella, così come il linfoma di Hodgkin, i tumori della tiroide e il melanoma, così come i tumori gestazionali speciali che si verificano nel sistema riproduttivo della futura gestante a causa della gravidanza.

La forma più comune di cancro durante la gravidanza è il cancro al seno (tumore al seno), che si verifica in circa una delle 3.000 donne in gravidanza.

Tutti noi sappiamo che durante la gravidanza c'è un cambiamento nel seno e il suo aumento, quindi la maggior parte delle donne durante la gravidanza non si sottopongono a un esame di routine della mammella e mammografia, che può essere un fattore nel rilevamento del cancro al seno in ritardo.

Se c'è un sospetto di cancro durante la gravidanza, i medici possono essere preoccupati per l'uso dei metodi di radiazione di esame e radiografia. Tuttavia, in base a numerosi studi condotti dagli oncologi, è stato dimostrato che il livello di radiazioni nocive nel processo diagnostico durante gli esami è molto piccolo, in modo che possa causare danni significativi al feto.

Inoltre, oggi si applicano i metodi di ricerca più recenti e speciali. Pertanto, la conduzione della TC (tomografia computerizzata) sulla base del suo effetto sul corpo umano è simile all'azione dei raggi X e produce anche radiazioni ionizzanti.

Ma con tutto questo, la TAC di oggi è un metodo più accurato rispetto ai raggi X nell'identificare la topografia degli organi interni, che svolgerà un ruolo importante nella corretta diagnosi e nella determinazione delle aree colpite.

Inoltre, la TAC al torace o alla testa è generalmente considerata sicura durante la gravidanza, poiché non avrà effetti diretti sul feto. Ma la TC nell'area della cavità addominale o degli organi pelvici sarà eseguita solo in casi di bisogno speciale e dopo che sarà discussa con il consiglio degli oncologi.

Altri test e procedure diagnostiche, come ultrasuoni, biopsia e risonanza magnetica, sono considerati completamente sicuri durante la gravidanza, poiché non usano radiazioni ionizzanti.

Trattamento del cancro durante la gravidanza

Se viene fatta una diagnosi di cancro, al momento di decidere di trattare una donna incinta per questo, i medici determineranno individualmente le migliori opzioni per farle infliggere il minor danno al feto e alla madre stessa.

Tutti i possibili rischi per il feto e la madre, tutte le possibilità di combinazione o terapia sostitutiva sono valutati e attentamente valutati.

I tipi di trattamento e i metodi specifici saranno selezionati in base al tipo di cancro in sé, al metodo del suo trattamento e all'influenza di molti fattori esterni e interni, i principali dei quali saranno:

- trimestre di gravidanza ed età fetale,

- la dimensione, il tipo e la posizione del tumore stesso,

- fase del processo del cancro,

- i desideri della donna stessa riguardo al trattamento e ai membri della sua famiglia,

- stato di salute e durante la gravidanza.

È importante ricordare che alcuni dei trattamenti contro il cancro possono causare danni significativi al feto, specialmente nei primi tre mesi circa di gravidanza (primo trimestre, 12-14 settimane), se possibile, il trattamento può essere ritardato fino al secondo o terzo trimestre.

Se il cancro viene diagnosticato durante la gravidanza nelle fasi avanzate, i medici possono scegliere una tattica di attesa e non prenderanno alcuna misura per curarlo fino alla nascita del bambino.

In alcune situazioni, come nella fase iniziale del cancro cervicale allo stadio 0 o IA, i medici eseguono solo l'osservazione dinamica e il trattamento inizia solo dopo il parto.

Alcuni dei metodi di trattamento possono essere applicati già durante la gravidanza, ma solo dopo che il trattamento è stato attentamente considerato e pianificato al fine di creare la massima sicurezza per la madre e il suo futuro bambino. Tali metodi di trattamento includeranno la chirurgia o la chemioterapia e in rari casi sarà la radioterapia.

Metodi di trattamento oncologico per le donne incinte

Uno dei principali metodi di trattamento è la rimozione chirurgica del tumore e dei suoi tessuti circostanti durante l'intervento chirurgico.

Tale operazione non rappresenta un grosso rischio per un bambino in via di sviluppo, e oggi è il metodo più sicuro per trattare l'oncologia durante la gravidanza.

In alcuni casi di cancro, può essere praticata una chirurgia più estesa al fine di evitare la necessità di utilizzare radioterapia o chemioterapia in futuro.

L'appuntamento e la conduzione della chemioterapia nella diagnosi del cancro durante la gravidanza comporta la nomina e la somministrazione di farmaci speciali per la distruzione delle cellule tumorali. Il principio di azione di questi farmaci è quello di fermare la capacità del tessuto tumorale di dividersi e crescere.

L'appuntamento con la chemioterapia può danneggiare il feto in via di sviluppo, specialmente se viene effettuato durante il primo trimestre di gravidanza, durante l'allestimento e lo sviluppo di tutti gli organi e sistemi fetali. Inoltre, la chemioterapia durante questi periodi può causare lo sviluppo di malformazioni congenite o anche la morte di un bambino con un aborto spontaneo.

Ma durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza, si possono eseguire certi tipi di chemioterapia, poiché in questo periodo si forma la placenta e si comporta come una sorta di barriera tra la madre e il feto, e durante il suo funzionamento molti dei farmaci semplicemente non riescono a penetrare nel feto e danneggiarlo.

Sebbene la chemioterapia stessa nelle ultime fasi della gravidanza non possa danneggiare direttamente il feto che si sviluppa nel ventre materno, può comunque causare alcuni effetti collaterali del trattamento. Pertanto, l'anemia grave può verificarsi con una bassa quantità di cellule del sangue nella madre, che può portare a una ridotta circolazione del sangue nei sistemi della madre, del feto e della placenta.

Inoltre, la chemioterapia somministrata durante il secondo o il terzo trimestre di gravidanza può talvolta provocare nascite premature con basso peso alla nascita e problemi durante l'allattamento.

La radioterapia si basa sull'uso di raggi X ad alta energia o altri tipi di particelle di elettroni al fine di uccidere le cellule tumorali.

Per questi motivi, la radioterapia può causare danni significativi al feto, soprattutto se applicata nel primo trimestre di gravidanza. Di solito durante la gravidanza, i medici evitano di utilizzare questo metodo di terapia nel trattamento del cancro.

Anche nella tarda gravidanza, la radioterapia è altamente indesiderabile ed è posticipata fino a dopo la nascita.

Qual è la prognosi per l'oncologia della gravidanza

L'insorgenza o la scoperta dell'oncologia durante la gravidanza è un fenomeno piuttosto raro e non dovresti essere immediatamente preoccupato per questo.

Ma se l'oncologia si alza durante la gravidanza, può presentarsi una situazione in cui anche ostetrici e ginecologi esperti non sanno affatto come portare a termine una tale gravidanza e come affrontare il cancro in una donna.

Certamente, la soluzione più semplice sarebbe interrompere la gravidanza con un trattamento attivo di oncologia, ma se questo è il primo bambino e il tanto atteso? Allora come essere? Molti rifiutano il trattamento per il trasporto di un bambino sano e la sua nascita e poi conducono una terapia oncologica, molti decidono sul trattamento dei possibili periodi di gravidanza e procedono ad esso, la scelta spetta alla donna e al suo medico. È importante sapere che la gravidanza spesso aggrava e intensifica il decorso del processo del cancro, sebbene possa essere il contrario, dipende tutto dal tipo e dal tipo di tumore e da molte circostanze.

E nonostante ciò che abbiamo detto prima, è importante ricordare il fatto che se una donna incinta è malata di cancro, nonostante una malattia così terribile e grave, è abbastanza capace di sopportare e dare alla luce un bambino sano, poiché il processo oncologico stesso è molto Raramente colpisce lo sviluppo del feto stesso, che colpisce soprattutto il corpo della madre. Tuttavia, ci sono casi pericolosi e tristi di cancro, che tendono a spostarsi o diffondersi nella placenta, ma potrebbero non interessare il bambino. Bene, e inoltre, la diagnosi stessa, le prospettive di trattamento e i processi di riabilitazione per una donna incinta con un pesante carico morale le hanno fatto pressione. Pertanto, in una situazione del genere è importante trovare buoni oncologi che ti aiuteranno a guarire il cancro durante e dopo la gravidanza.