Circa il tempo del digiuno

Circa il tempo del digiuno

Sono molto grato a G. P. Malakhov. Che persona pazza! Tutto ricercato, studiato. L'uomo è naturalmente dotato del talento per guarire. E qual è la profondità della conoscenza. Cosa farei senza i suoi libri? (Ora ne ho già sei).)

Malakhov scrive che il digiuno da 1 a 3 giorni attiva il sistema nervoso centrale, dà riposo all'apparato digerente, pulisce il sangue dalle tossine e un po '- il liquido intercellulare.

Il digiuno da 3 a 7 giorni, ad eccezione di quanto sopra, pulisce bene il fluido intercellulare, acidifica il corpo, ripristina l'epitelio dell'intestino crasso e dello stomaco e distrugge gli organismi estranei.

Il digiuno da 7 a 14 giorni ripristina l'epitelio del tratto gastrointestinale, deterge parzialmente il fegato e il tessuto connettivo, migliora il sistema cardiovascolare, alcuni infiltrati, i tumori, i polipi possono risolversi.

Il digiuno da 14 a 21 giorni purifica e rinnova le cellule del fegato e dei reni, la maggior parte delle ghiandole endocrine. La maggior parte dei sedimenti di sale e muco compresso sono risolti, così come i tumori di vario tipo.

Il digiuno da 21 a 30 giorni (ciclo lunare completo) distrugge quasi tutti i tipi di tumori.

Lo stile di vita passivo con la fame riduce gli effetti purificatori - tutto deve circolare. Risciacquare e uscire.

Sì, secondo Malakhov, durante il digiuno è necessario prendere in considerazione il ciclo lunare.

• Il digiuno fino a 7 giorni viene effettuato solo nella seconda e quarta fase della luna.

• Il digiuno di più di 7 giorni per contare in modo che la maggior parte dei giorni di fame rappresentavano la seconda e la quarta fase della luna.

• Pianifica il tuo digiuno per più di 14 giorni in modo che l'uscita dalla fame coincida con l'inizio del ciclo lunare. In questo momento, il corpo è facile da inserire nel solito ritmo di lavoro.

• Per la pulizia del fegato, la primavera è buona, i cuori sono estate, i polmoni sono autunnali ei reni sono d'inverno. Per lo stomaco - gli spazi tra di loro.

Il digiuno medico in oncologia è un metodo controverso di medicina alternativa

Autore: Alexey Shevchenko 30 marzo 2017 22:27 Categoria: Problemi di sopravvivenza

Ciao a tutti, cari lettori del blog "Healthy Lifestyle" di Alexei Shevchenko. Ciao e sii sano. Ho deciso di dedicare l'articolo di oggi al tema del digiuno in oncologia, dal momento che questo problema è malato a tutti gli effetti.

Il digiuno per il cancro non è una panacea

Oggi in Russia (come, per inciso, in altri paesi sviluppati) non esiste praticamente una sola famiglia che non abbia dovuto affrontare da vicino il cancro. La malattia non risparmia "né vecchio né piccolo", e procede sempre molto duramente. Le misure terapeutiche offerte dalla medicina tradizionale hanno molti effetti collaterali e non danno il risultato del 100%. Inoltre, il trattamento dei tumori maligni è associato a costi finanziari, che spesso sono semplicemente inaccessibili per le persone con un modesto livello di reddito.

Il digiuno durante il trattamento dell'oncologia - è tutto così semplice?

Il problema del trattamento efficace dell'oncologia oggi è abbastanza rilevante. Alcune forme di cancro sono trattate con successo con metodi conservativi, ma in alcuni casi, la medicina è impotente, quindi un malato deve rimanere da solo con il suo problema. In questi casi, viene spesso usato il trattamento del cancro per fame. Oggi questo metodo è molto polemico, ma un numero considerevole di risultati positivi dà speranza al malato di cancro. Naturalmente, il digiuno non dovrebbe sostituire i principali metodi di trattamento, si consiglia di esercitarlo sotto la supervisione di un medico.

Digiuno contro il cancro: una visione dei medici

Gli scienziati hanno dimostrato che il digiuno può aumentare l'efficacia della chemioterapia per un breve periodo e distruggere le cellule tumorali. Questo metodo di trattamento contribuisce all'inibizione della diffusione delle metastasi. In questo caso, le cellule anormali cercano di compensare la mancanza di nutrienti a causa della divisione e della crescita, che porta alla loro distruzione. Il sistema immunitario dei malati di cancro si rigenera a causa delle proprie cellule staminali, eliminando i vecchi elementi non necessari, incluso il cancro.

Fai attenzione! Una persona dovrebbe capire che non esiste una garanzia del 100% che il cancro possa essere curato con il metodo della fame per cancro, ma ci sono sempre possibilità di successo.

È stato dimostrato clinicamente che il digiuno in oncologia ha ridotto notevolmente il numero di globuli bianchi nel corpo, il che porta a un cambiamento delle vie di segnalazione delle cellule staminali responsabili dell'immunità umana. Dopo la cessazione dell'assunzione di cibo, il corpo inizia a utilizzare glucosio, chetoni e grassi disponibili, oltre alle vecchie cellule immunitarie. Il digiuno in oncologia provoca una diminuzione del livello di leucociti e IGF-1, che è responsabile della progressione del cancro, includendo contemporaneamente il gene PKA, che innesca il meccanismo di rigenerazione delle cellule staminali, contribuendo alla ristrutturazione dell'intero sistema immunitario.

Se l'immunità di una persona durante la chemioterapia o a causa della grande età è gravemente compromessa, i corsi di inedia possono aggiornarlo. Un rifiuto di tre giorni del cibo contribuisce alla protezione del corpo dagli effetti collaterali della chemioterapia.

Fai attenzione! I medici dicono che le persone sane non possono ottenere tali risultati usando questa tecnica.

Il digiuno di Jue Gu

I saggi cinesi sostengono che la piena fame può curare molte malattie. Metodo Jue Gu prevede la completa cessazione dell'assunzione di cibo per un massimo di quaranta giorni. Questo efficace metodo cinese si basa sulla corretta preparazione e sul ritiro dal digiuno per ridurre il rischio di conseguenze negative sotto forma di gravi interruzioni nel lavoro degli organi interni. Il trattamento del cancro da parte della fame può dare buoni risultati, ma prima è necessario prepararsi per il processo. Per fare questo, sette giorni prima del digiuno, devi abbandonare cibi fritti e grassi, alcol, conservanti e cibi pronti. Una persona dovrebbe mangiare più frutta e verdura cruda, rinunciare alla carne. Prima dell'introduzione del corpo nello stress è necessario abbandonare il pasto per un giorno. Questa sarà la fase iniziale del digiuno terapeutico in oncologia. Dopo una settimana, la durata del digiuno dovrebbe essere di sette giorni. Questo aiuta a purificare il sangue e gli organi da tossine e scorie. La prossima fase preparatoria è il rifiuto del cibo per quattordici giorni. E una settimana dopo, il corso di digiuno dovrebbe essere di quaranta giorni. Durante questo periodo, le cellule del corpo iniziano a funzionare nella nuova modalità, tutti i processi interni sono normalizzati, le cellule tumorali vengono distrutte ed escrete.

Fai attenzione! È importante dopo una lunga scarica per ripristinare correttamente il corpo, l'output dalla dieta dovrebbe essere di almeno quaranta giorni. Durante questo periodo, una persona porta gradualmente verdure, pesce, succhi di verdura, cereali e così via nella sua dieta.

Metodo Jue Gu nella cura del cancro è molto comune nei paesi dell'Est. È qui che le persone credono nella capacità delle forze interne del corpo di curare una grave malattia del cancro. Quando smetti di mangiare, il corpo "mangia" tutto il necessario, comprese le cellule cancerose.

Trattamento con Stroganis

Stroke sostiene che il digiuno per il cancro dovrebbe essere assoluto, senza consumare prodotti diversi dall'acqua, e solo sotto controllo medico. La durata del corso è di quarantacinque giorni. Durante questo periodo, si consiglia di eseguire clisteri di pulizia due volte al giorno. L'uscita della loro dieta dovrebbe essere effettuata gradualmente, mentre è necessario abbandonare completamente il cibo di origine animale. Questo è quello di diventare vegetariano.

I medici sono avversari di questa tecnica, perché credono che il digiuno per più di ventotto giorni porti a conseguenze irreversibili anche in un corpo sano. Insistono su un corso a breve termine di digiuno con l'uso di una grande quantità di liquido per eliminare le tossine, che si formano a causa del rapido collasso del tessuto adiposo.

Fai attenzione! La medicina ufficiale dice che il digiuno prolungato e il cancro sono concetti incompatibili, il trattamento può avvenire solo in più cicli di diversi giorni.

Il digiuno in brois

Il trattamento del cancro secondo Brois comporta il rifiuto di proteine ​​e cibi solidi per quarantadue giorni sotto la supervisione di un medico. Allo stesso tempo durante la dieta, è possibile utilizzare succhi di verdura, zuppe, purè di patate, tisane. In un giorno, il paziente deve scaricare duecentocinquanta milligrammi di fluido.

Alcuni giorni prima del trattamento di un tumore del cancro secondo Brois, una persona dovrebbe prendere un bicchiere di succo o una miscela di verdure per regolare il corpo allo stress. Il cibo va masticato bene, l'uso dello zucchero è severamente proibito. L'algoritmo delle azioni durante il digiuno è raccomandato come segue:

  • mezza tazza di tisana al mattino, alla sera e prima di coricarsi;
  • due ore dopo aver svegliato un bicchiere di salvia è stato bevuto;
  • un'ora dopo, un sorso di succo di verdura;
  • durante il giorno, bevi succo a due sorsi ogni poche ore, ma in modo che il volume del liquido non superi i duecentocinquanta milligrammi.

Questo trattamento non è raccomandato da Breuss dopo l'intervento chirurgico. È necessario abbandonare gradualmente la dieta, assumendo del tempo in forma liquida.

Come nel caso precedente, la medicina ufficiale non supporta il digiuno prolungato nel trattamento dell'oncologia. Feedback e risultati in questo caso sono controversi, poiché questo metodo causa spesso effetti collaterali sotto forma di intossicazione del corpo da parte dei prodotti della scomposizione del tessuto adiposo.

Fai attenzione! Il trattamento del cancro per fame è possibile in piccoli corsi. In questo caso, il metodo deve essere combinato con l'uso di un trattamento conservativo ed essere rigorosamente sotto la supervisione di un oncologo. In questo caso, può facilitare il decorso della malattia.

Medicina tradizionale e alternativa

Come terapia, l'uso del digiuno comporta un grande stress per il corpo, quindi ha molte controindicazioni. I medici considerano il digiuno secco particolarmente pericoloso e non lo raccomandano per essere usato dai pazienti oncologici. Il cancro esaurisce il corpo umano, quindi i medici insistono su una speciale dieta ipercalorica, ma non escludono la possibilità di utilizzare il digiuno medico a breve termine nella fase iniziale dell'oncologia al fine di purificare il corpo dopo la radioterapia o la chemioterapia.

Se un tumore canceroso è molto grande con aree necrotiche, distrugge i vasi sanguigni, privandosi quindi del cibo. Ma loro non muoiono, ma iniziano a spargere metastasi in altri organi.

La medicina tradizionale, al contrario, raccomanda di trattare le malattie oncologiche con la fame, in modo che le cellule tumorali non abbiano nutrizione e muoiano.

Gli scienziati israeliani hanno dimostrato l'effetto del digiuno sullo sviluppo del cancro al seno. Dopo numerosi studi, è stato riscontrato che lo stress ricevuto durante il rifiuto di mangiare con lo scopo di perdere peso ha un effetto negativo sul corpo di una donna che è a rischio di sviluppare il cancro al seno. In questo caso, il digiuno aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno del 50%.

Il cancro oggi è una pericolosa patologia da cui muore un gran numero di persone. In alcuni casi, può essere curato e in alcuni rimane solo da attendere per l'esecuzione della frase. Questo è il motivo per cui le persone si aggrappano a qualsiasi possibilità di recupero, ricorrendo al digiuno prolungato. Naturalmente, ogni persona sceglie il metodo di trattamento che è accettabile per lui, ma allo stesso tempo è necessario ricordare le possibili conseguenze negative, che possono ridurre significativamente il tempo rimanente del paziente oncologico.

Trattamento del cancro per fame

Nel mondo moderno, il cancro è il flagello dell'umanità. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2012, 8,2 milioni di decessi sono stati causati dall'oncologia. Tra gli organi più comuni e soggetti a malattie sono:

  • luce;
  • Ghiandole mammarie (nelle donne);
  • stomaco;
  • Intestino crasso;
  • fegato;
  • Esofago.

Il cancro può colpire qualsiasi organo del corpo umano, trasformando cellule sane del corpo in tumori maligni o neoplasie che sono in grado di andare oltre i loro confini e penetrare in altri organi, germinando in essi. Questo processo è chiamato metastasi ed è la principale causa di morte per cancro.

Alcuni gruppi di persone hanno una predisposizione per l'oncologia:

  • Condurre uno stile di vita sedentario;
  • Usando alcol, nicotina o droghe;
  • Sofferenza da sovrappeso;
  • Esposto a radiazioni ultraviolette o ionizzanti;
  • Residenti di città, costretti a respirare aria inquinata, emissioni industriali e smog;
  • Avere un'infezione di tipo HBV;

La diagnosi precoce dell'oncologia renderà possibile curarla più rapidamente o, in caso di abbandono della malattia, le cure palliative, volte a non curare la malattia, ma ad alleviare i sintomi del cancro, per ridurre il carico psicoemozionale e sociale del paziente.

Metodo di digiuno nel trattamento dell'oncologia

Spesso i pazienti non si fidano dei metodi tradizionali di trattamento e quindi usano i rimedi popolari. Il trattamento oncologico con l'aiuto del digiuno sta diventando sempre più popolare.

Questo metodo è abbastanza comune nei paesi dell'Est, dove credono nelle forze interne del corpo umano che possono curare qualsiasi malattia, incluso il cancro. Fermando l'uso del cibo, il corpo brucia glucosio, grasso e muscoli, cercando di mantenere la capacità di tutto l'organismo, "mangiando" tutto ciò che non è necessario, comprese le cellule malate.

Tuttavia, per curare il cancro richiederà una preparazione abbastanza seria, perché il digiuno dovrebbe durare per un periodo di 40 a 55 giorni, a seconda del metodo scelto.

I guaritori più famosi che sostengono il digiuno per il cancro sono Herbert Shelton, Paul Bregg, Georgy Voitovich, Rudolf Broys e L. Strogat. Particolarmente scandalosi e usati sono i metodi di Broys e Strohat, che saranno discussi ulteriormente.

Secondo il pianificatore, il digiuno deve essere assoluto, tutto il cibo deve essere rimosso dalla casa, il trattamento può essere fatto solo sotto la supervisione di un medico e durerà 45-55 giorni, a seconda delle condizioni del paziente. Oltre alla mancanza di cibo, Strogat offre di purificare il corpo con clisteri, che dovrebbero essere eseguiti più volte al giorno. L'unica cosa che può essere consumata durante il digiuno è l'acqua, a volte con il miele. Dopo aver lasciato il corso, Strohat consiglia di limitare il consumo di cibo per animali, ed è meglio diventare vegetariani e, soprattutto, avere un atteggiamento positivo e credere nel successo del piano.

Trattamento del cancro a Breis

Il trattamento dell'oncologia secondo Breis non è così difficile e durerà 42 giorni, anche sotto la supervisione di un oncologo.

Secondo le credenze del guaritore, le cellule tumorali sono separate dal corpo, formazioni indipendenti che possono essere distrutte con l'aiuto di una dieta. Il corpo umano, liberandosi di tutto ciò che non è necessario e dannoso, comprese le neoplasie, cerca di mantenere le funzioni vitali degli organi, nutrendo solo cellule sane, e i pazienti, per mancanza di cibo, muoiono. Il risultato più grande può essere raggiunto da coloro che credono nel potere umano e si fidano solo dei metodi biologici, senza ricorrere a farmaci chimici nelle cliniche, dopodiché il trattamento in generale e la fame, in particolare, sono ostacolati.

Durante il trattamento, Broyce consiglia di non mangiare alcun cibo, poiché le proteine ​​e il cibo solido alimentano il tumore, aiutandolo a crescere e svilupparsi, ma non ci sarà alcun digiuno completo, succo di verdura, zuppa di cipolle e sedano, barbabietole, carote o patate. salvia, gerani o raccolto di rene. Allo stesso tempo, la quantità di succo bevuto al giorno non deve superare il mezzo litro e, se possibile, anche meno, per consentire al corpo di liberarsi del cancro stesso. Per mantenere la capacità, il corpo ha abbastanza 250 ml di liquidi al giorno, perché 500 ml di succo o purè di patate ti permetteranno di essere soddisfatto e il digiuno sarà efficace.

Un paio di giorni prima dell'inizio del digiuno, Broyce consiglia di bere un bicchiere di succo di patate o una miscela di verdure al giorno per abituarsi a loro, lo stesso vale per i pazienti sottoposti a chemioterapia o operazioni gravi che non possono morire di fame e preparare il corpo per carichi futuri e pulizia. in 2-6 mesi. Tutti i succhi e le puree devono essere consumati lentamente, prima di deglutire, tenere un paio di secondi in bocca per sentire la sensazione di pienezza. È vietato l'uso di zucchero in infusi e tè.

Un corso di trattamento del cancro prevede una sequenza specifica di azioni:

  1. Dopo esserti svegliato al mattino, prendi mezzo bicchiere di rene freddo, fai lo stesso a pranzo, di sera e prima di andare a dormire;
  2. Un'ora dopo, bevi uno o due bicchieri di infuso tiepido;
  3. Dopo un'altra ora o due - un sorso di succo di carote, sedano, patate, barbabietole o una miscela di questi;
  4. Più tardi, durante il giorno, Broyce offre da bere 1-2 sorsi di succo, non superiore al volume di 200-250 ml;
  5. Tra l'uso del succo, puoi bere un infuso freddo di salvia;
  6. Assicurati di bere almeno una volta al giorno un bicchiere di succo di geranio rosso, che contiene il radio nella sua composizione e ti permette di saturare il sistema digestivo con gli enzimi necessari;
  7. In serata, solo un sorso di succo.

Per facilitare l'assunzione di infusi, Broys consente di diluirli con succo di crauti o succo di frutta (arancia, ribes o limone). Tuttavia, non è consigliabile mescolarli con succhi di verdura. Il digiuno dovrebbe essere completo.

Coloro che sono in sovrappeso o semplicemente non possono rifiutare di mangiare, puoi cucinare la zuppa di cipolle secondo un metodo speciale del guaritore: per fare questo, prendi una cipolla piccola, tagliala a rondelle insieme alla pelle, friggi in una piccola quantità di olio vegetale, aggiungi una pinta di acqua e cuoci fino a quando la cipolla è bollita morbida. Dopo di che, diluire la zuppa risultante con brodo vegetale, filtrare e buttare fuori le cipolle rimanenti, usarle in piccole o piccole quantità calde o fredde. Secondo Breuss, questa ricetta aiuterà a raggiungere la saturazione e sarà un ulteriore strumento per purificare il corpo.

Poiché tale trattamento per il cancro è piuttosto stressante per il corpo, non è consigliabile effettuarlo dopo recenti interventi chirurgici o gravi shock nervosi. Broys afferma che il trattamento a digiuno è efficace in qualsiasi malattia e che i metodi tradizionali di trattamento, come pillole o iniezioni, perdono il loro effetto. Tuttavia, i diabetici insulino-dipendenti non dovrebbero mai interrompere l'assunzione di insulina.

Esci dal digiuno

Per uscire dal digiuno secondo il metodo Breuss, devi anche aderire a un certo schema: dopo 42 giorni di corso non puoi passare al cibo solido e salato - dovresti mangiare zuppe liquide e purè di patate con una quantità minima di sale, e nei primi giorni dopo il rilascio non applicalo in cucina. Per ripristinare rapidamente il corpo dal cancro, puoi assumere 1-2 compresse di un prodotto biologico di lievito, sebbene con un digiuno adeguato, il peso non dovrebbe diminuire di oltre 5-15 kg, senza il quale il paziente si sentirà solo meglio.

Rudolf Broys consiglia di utilizzare alcune combinazioni di succhi e infusi:

  1. Barbabietola rossa mezza, 100 gr. carote giovani, 100 gr. radice di sedano fresco, 30 gr. ravanello e 1 piccola patata saltano attraverso uno spremiagrumi e filtrano il succo risultante attraverso una garza in modo che non rimanga particelle solide che alimentano il tumore.
  2. L'infuso di salvia viene preparato da 1-2 cucchiaini di erba secca, che viene fatta bollire in mezzo litro di acqua bollente per non più di 3 minuti, in modo che gli olii essenziali contenuti non entrino nel corpo. Dopo aver tolto l'infusione dal fuoco, puoi aggiungere mezzo cucchiaio di una miscela di erbe di melissa, menta piperita e erba di San Giovanni. Broys ha sostenuto che coloro che coltivano la salvia nel cortile non possono morire, perché contengono enzimi che assicurano il funzionamento del midollo spinale, delle ghiandole e della cartilagine intervertebrale.
  3. L'infusione di fiori di geranio aiuterà a ripristinare le forze interne del corpo, in particolare a quei pazienti che hanno subito radioterapia e si sono liberati del cancro. Questo tè è indispensabile per il trattamento secondo il metodo di Breuss. Mezzo cucchiaio di fiori di geranio finemente tritati versare un bicchiere di acqua bollente e lasciare per 10 minuti. Bere 2 volte al giorno in un bicchiere, freddo.
  4. Il tè del rene può essere bevuto fino a tre settimane anche per le persone sane, escludendo la carne dalla dieta. La composizione della raccolta del rene comprende: ortica - 10 gr., Equiseto da campo - 15 gr., Erba di San Giovanni - 6 gr., Poligono - 8 gr. Questa quantità di erba è sufficiente per tutte e 3 le settimane del corso. Per compilare la raccolta, è necessario prendere un pizzico di erbe, versarle con un bicchiere di acqua bollente per 10 minuti, filtrare; le erbe rimanenti versare 2 tazze di acqua bollente e far bollire per 10 minuti, filtrare e mescolare entrambi i liquidi.
  5. Il tè di calcio può essere consumato in qualsiasi quantità, utile a tutti e comprende erba di piantaggine, finocchio, polmonaria, budru e verbasco. Per preparare il tè è necessario prendere tutte le erbe nella stessa quantità e preparare un pizzico della miscela risultante per 10 minuti in un bicchiere di acqua bollente, filtrare, bere freddo.

Al fine di migliorare i risultati del trattamento secondo il metodo di Broyce, è consigliabile condurre uno stile di vita abbastanza attivo, lavorare, ma allo stesso tempo annullare il sollevamento pesi e lo stress. Dopo il corso, il trattamento non può essere interrotto immediatamente, il succo deve essere assunto ulteriormente, altrimenti il ​​cancro si ripresenterà inevitabilmente. È possibile sottoporsi a tale trattamento non più di una volta all'anno, e la cosa principale per il recupero è credere nella tua forza ed essere determinati a vincere.

La fame contro il cancro

Cosa ne pensi di questa tecnica? Quali tipi di oncologia possono aiutare?

Dal libro dell'autore Uzhegov "Duello con un tumore".
TRATTAMENTO DELLE MALATTIE ONCOLOGICHE MEDIANTE IL METODO DI TRATTAMENTO
Il metodo per trattare il cancro di varie localizzazioni e sarcoidosi attraverso corsi successivi di digiuno terapeutico è stato riconosciuto da scienziati medici di tutti i paesi e brevettato come una scoperta importante dagli scienziati sovietici.
Più tardi si è scoperto che questo metodo di RDT tratta sia il cancro del colon e del retto che il cancro allo stomaco. È interessante notare che la maggior parte dei pazienti sono stati trattati non in ospedale, ma in regime ambulatoriale.
Il metodo di trattamento è abbastanza semplice: prima di iniziare il primo ciclo, il paziente assume una doppia dose di lassativo (60 g di magnesia solfato). La magnesia viene diluita in un bicchiere di acqua pura, bevuta e poi lavata con pochi sorsi di acqua pura. Questo è fatto al mattino, invece della colazione. E alla sera gli intestini vengono puliti quasi completamente. Questo sarà il primo giorno di digiuno del primo corso, la prima fazione. Ogni fazione dura 21 o 24 giorni. Se il paziente è indebolito, gli vengono prescritte frazioni più brevi di 14 giorni, a volte anche 10-12 giorni. Ma, ovviamente, queste frazioni sono molto più deboli.
Prima, si credeva che dopo un lungo digiuno, si doveva aspettare sei mesi per svolgere il prossimo corso. Iniziato anche a 42 e 63 giorni (Bragg). Ma questi termini non sono facili da sostenere. Il metodo frazionale di inedia è molto più conveniente ed efficace. Quindi, se una persona ha fame per 21 giorni, mangia normalmente per 28 giorni, poi continua a soffrire per 21 giorni e mangia 36 giorni e alla fine continua a soffrire per 21 giorni con una transizione graduale ad una dieta normale, il processo di guarigione del digiuno dura quasi sei mesi e molto efficace. Questo è il più importante potere di guarigione del metodo frazionale sviluppato dal giovane e talentuoso scienziato bielorusso Voitovich, candidato alle scienze mediche, cardiologo.
Per 15 anni di test, non c'è stato un solo incidente, anche con le malattie più gravi, quando sono stati trattati pazienti praticamente senza speranza, che avevano subito un trattamento con tutti i tipi di farmaci, chemioterapia e radiazioni.
Si nota che dopo il terzo ciclo di inedia, il tratto gastrointestinale diventa, in senso figurato, "in scatola", in grado di digerire e assimilare attivamente qualsiasi prodotto.
La terza frazione o il terzo corso di digiuno dura individualmente per ciascuna persona. Uno è sufficiente due settimane, un altro ha bisogno di 3-4 settimane. Qui, il processo di trattamento deve essere sostenuto fino alla fine, cioè fino a quando le guance e le labbra diventano rosa, la lingua non si libera dalla fioritura bianca e gli occhi brillano. In questo momento, c'è un desiderio appassionato di mangiare, la saliva inizia a defluire molto abbondantemente (a volte capita di notte, e l'intero cuscino del paziente diventa bagnato). Tutti i sintomi sopra riportati indicano che il digiuno è completato correttamente.
Perché enfatizziamo così fortemente le parole "giusta fame", "corretta alimentazione? Perché anche le violazioni minori durante il digiuno, e specialmente durante il periodo di recupero, bloccano il processo di guarigione e il risultato è molto più basso.Qual è la violazione più comune? Nella non-volontà. Il paziente non regge, mangia qualcosa durante il periodo di recupero: "Sono un po '", "Io sono solo una caramella", sono solo una cucchiaiata di holosas ". Ma un dolce, un cucchiaino di zucchero blocca un processo importante affinché il corpo assorba l'anidride carbonica e l'azoto dall'aria. Con la giusta fame, quando un paziente non mangia niente e beve solo acqua, il suo corpo, come una pianta, inizia ad assorbire anidride carbonica e azoto nei giorni 7-11. Quindi, in effetti, usare la parola "digiuno" è sbagliato. C'è un altro alimento, da altre fonti, che è la causa della guarigione miracolosa da molte malattie.
Pertanto, è necessario sopportare quando ci si sente male. Questa è solo la prova del successo del trattamento, sentirsi male non dura a lungo. Pessima salute alcuni medici consigliano di eliminare un cucchiaio di miele o di bere "Borjomi", mentre diventa davvero più facile, ad esempio, non si arresta più mal di testa o nausea. Ma. Allo stesso tempo, la transizione del corpo alla nutrizione endogena (interna) si interrompe, che è la più importante nel trattamento. La testa si fermerà per ferire anche se il paziente respira secondo il metodo Buteyko o si bagna in un fiume, bagno o doccia, ma è molto difficile ripristinare la dieta endogena. Tra l'altro, una delle condizioni indispensabili per il trattamento e il benessere di successo sono le passeggiate giornaliere obbligatorie fino a 20 km per alcuni pazienti che per qualche motivo non perdono peso. Esercizio fisico prescritto da un medico. E ancora richiesto un massaggio generale, un massaggio completo degli arti, dell'addome, del torace. È necessario che qualcuno abbia aiutato e accuratamente, con i pugni, lavorato alla colonna vertebrale e alla schiena, naturalmente, saggiamente, attentamente, gradualmente, giorno dopo giorno, rafforzando il massaggio. Invece del massaggio, puoi rotolare i rulli posteriori con i rulli.

Ho guardato quello che il libro dell'autore, Voitovich, ha scritto (questo è menzionato nel primo post) "Heal Yourself" 1990, 2a edizione
Qui ci sono citazioni di malattie tumorali.

Tumori benigni della pelle - i papillomi, se non molto grandi, possono risolversi entro i primi 10 giorni di digiuno. Alcuni lipomi (Wen) si dissolvono rapidamente durante il primo ciclo di UDT. Altri, che sono vestiti in una capsula densa, possono diminuire di dimensioni, ma non si dissolvono completamente anche entro 2-3 cicli di RTD. Allo stesso tempo, non si osserva un aumento di questi wenders in termini di volume e quantità dopo tale trattamento. I tumori benigni del seno femminile e dell'utero si dissolvono principalmente nel secondo anno di UDT. Tuttavia, la degenerazione cistica di questi organi è praticamente impossibile da invertire lo sviluppo. Questo, a quanto pare, è dovuto al fatto che la circolazione sanguigna di tali tumori è insignificante e gli enzimi che distruggono (lisi) il tessuto patologico non possono raggiungere queste lesioni.

Non meno importante è il lavoro svolto sul digiuno medico per ripristinare la microvascolarizzazione del sangue organicamente modificata. Soprattutto questo lavoro è evidente dopo il picco "crisi acida". La carnagione di molti pazienti cronici con asma bronchiale, polmonite, nefrite, tumori, ecc., Di solito ha una tonalità pallida, grigia o terrosa. Ma dall'8 al 10 ° giorno di RST, acquista spesso un delicato ornamento rosa, come nei bambini e nei giovani sani. Le pupille degli occhi diventano espressive, il giallo della sclera scompare, ecc. L'esempio più convincente di ripristino della microcircolazione è il seguente. Paziente R-va, 43 * anni, si ammalò nel 1980 * anno, rivelò IV * Arte. cancro cervicale. È stato trattato in modo conservativo, senza il dovuto effetto. È arrivata nello stesso anno per corsi di perfezionamento nel reparto di cure d'emergenza di BelGIUV. Dopo aver ascoltato una conferenza sul digiuno medico, ho iniziato a condurre in modo indipendente una versione frazionale di questo metodo di trattamento.
Durante l'esame iniziale dello studente-cadetto, la pelle era di un grigio pallido con una sfumatura itterica e il peso corporeo iniziale era inferiore al normale. Su cicli ripetuti di digiuno dosato, è stata osservata una graduale normalizzazione della pelle. Il paziente ha acquisito la dieta nutrizionale dopo la versione frazionale del peso normale UDT. Sviluppo inverso segnato di processi patologici. Il paziente, fino ad oggi, periodicamente (2-3 volte l'anno) esegue lunghi (fino a 35 * giorni) cicli di fame per fame. Durante il digiuno, continua a lavorare con successo come medico, si sente abbastanza bene. Il peso non perde, la pelle normale il colore normale. In retrospettiva, gli oncologi ritengono che in precedenza, forse, è stato commesso un errore nell'esame istologico del tumore proposto e nella scansione epatica (rilevamento di metastasi).
Quando viene ripristinata la microcircolazione della pelle, un'eccezione possono essere le persone che fumano per qualche tempo durante la RST o un contingente di pazienti con malattie cardiovascolari in uno stadio molto avanzato che hanno assunto droghe (farmaci chemioterapici) per molti anni agendo attraverso le terminazioni nervose periferiche. Questi farmaci appartengono al gruppo dei nitrati (vasodilatatori periferici) o ai bloccanti dei recettori adrenergici delle cellule cardiache. In questi pazienti, la sostanza chimica (farmaco) si lega all'enzima delle cellule efferenti (chemorecettore) e forma una proteina indesiderata (non standard) (aptene) per il proprio sistema immunitario.
Questo chemorecettore è già indebolito dalla malattia. Inoltre, il farmaco, che ha causato solo un effetto positivo temporaneo, lo indebolisce ulteriormente. E alla fine, il nostro stesso sistema immunitario aiuta a distruggere questo recettore, questa cellula efferente. Non è sempre possibile ripristinare queste celle con un ciclo di RTD. Tuttavia, anche tali pazienti, dipendenti da agenti farmacologici, non li usano durante la RST, che sottolinea ancora una volta la perfezione del metodo.

Tenendo conto dell'esperienza personale e delle conoscenze accumulate, l'autore ritiene che attualmente (in questa fase delle nostre conoscenze) le controindicazioni per la RST siano:
1. * Il periodo di allattamento della madre.
2. * La seconda metà della gravidanza.
3. * Forme avanzate di tubercolosi con immobilità del paziente.
4. * Forme molto lontane di tumori maligni con immobilità del paziente.
5. * Forme lontane avanzate di malattie del sangue maligne con immobilità del paziente.
6. * Forme avanzate di diffuse malattie del tessuto connettivo con immobilità del paziente.
7. * Un numero di malattie neuropsichiatriche in uno stadio molto avanzato con immobilità o demenza del paziente.
8. * Processi massicci suppurativi di organi interni (ascessi, cancrena e alcuni altri).
Una controindicazione relativa è l'immobilità dei pazienti in qualsiasi processo patologico. Tuttavia, ciò non significa che tali pazienti non possano avere un effetto positivo durante il digiuno terapeutico. Nel caso in cui tutti i metodi e i mezzi siano esauriti, è consigliabile sotto la stretta supervisione del personale medico condurre la RTD anche nelle condizioni immobilizzate del paziente. È possibile ottenere un effetto terapeutico positivo convincente.

Ancora peggio è il caso delle prime difficoltà incontrate nell'implementazione della RST associata alla comparsa di alcuni sintomi insoliti della fame, in particolare il sapore dolce del pus nella cavità orale, penetrando dai seni mascellari, bocca amara con sintomi di nausea durante il riflesso gastroduodenale (ittero nello stomaco), mancanza di respiro quando si scala una ripida scala o in salita, ecc. * D. insieme al trattamento psicologico contro la carestia di parenti, amici, conoscenti e medici supervisori, portano al fatto che il paziente interrompe il primo ciclo di digiuno terapeutico, senza consultare uno specialista. Allo stesso tempo, il paziente, di regola, non pensa al fatto che venga scelta la scelta del periodo di digiuno lungo in modo ottimale per influenzare il più possibile il principio che causa la malattia.
Come risultato di tali interruzioni dal ciclo di digiuno, i pazienti possono ottenere una ricaduta della malattia. E per i pazienti che lo circondano, in una certa misura, questo può essere un discredito di un così potente metodo naturale, che tra gli specialisti è considerato l'asso degli assi dei rimedi popolari.
Il successivo errore più comune del paziente è lo sviluppo in se stessi di un senso di sfiducia nei confronti delle singole tecniche nei metodi di trattamento. Il paziente ha continuato a morire di fame, ma alcune raccomandazioni obbligatorie del medico da lui e dalla sua gente circostante causano scetticismo. Di conseguenza, il paziente intenzionalmente non segue queste regole.
Indicativo di un simile esempio. Patient St., 64 * anni, dalle zone rurali, diagnosi: artrite reumatoide. Il dolore persistente alle articolazioni non le permetteva di servire non solo il bestiame, ma anche se stessa. È venuta nell'appartamento di città per sua figlia per condurre un RTD. Il 15 ° giorno del digiuno dosato, il dolore riapparve e la rigidità delle articolazioni aumentò. Quando si visitava uno specialista a casa durante un'indagine approfondita del paziente e dei suoi parenti, si è constatato che il paziente a partire da 10 giorni di digiuno si permetteva di aggiungere succhi di frutta al regime idrico, sperando che ciò aiutasse a migliorare l'effetto terapeutico. Si è scoperto il contrario, e tutto doveva ricominciare tutto da capo.
Un altro errore, che è abbastanza comune nella pratica dell'UDT, è la ripresa del contatto con il cibo durante la fame. Come notato sopra, fin dai primi giorni di ritiro del cibo da una dieta, una persona non sente la fame, o non lo disturba seriamente. In questo stato, ci sono varie associazioni psicologiche. I pazienti vogliono, per esempio, sedersi al tavolo della cucina e guardare le loro condizioni in presenza di odori di cibo. Gli organi dell'olfatto, così come la vista, dell'udito sulla fame vengono ripristinati e sembrano esacerbati. Ed è per questo che la sensazione di fame è offuscata - un mistero per il paziente. Quindi per ore le persone in stato di fame passano a contatto con il cibo. Alcuni di loro cucinano anche i loro pasti senza testare i prodotti, e arrivano alla gioia indescrivibile che tutto funzioni per loro. E hanno dato da mangiare alla famiglia, e hanno effettuato il trattamento - questo è il modo in cui le donne discutono più spesso, che sia le famiglie "maschi" adulte hanno schiavizzato con la preparazione del cibo, o queste donne considerano la loro invenzione la più importante nella vita familiare. Allo stesso tempo, l'autore ha ascoltato osservazioni ironiche su uno specialista di RST, che non ha ordinato loro di contattare il cibo. Solo quando sono comparsi i sintomi di bruciore di stomaco, insonnia, irritabilità, invece di normalizzare le condizioni del paziente, i pazienti sono tornati alle regole stabilite da EAD. Tuttavia, lo stesso, l'effetto terapeutico totale nel suo insieme è diminuito.
Alcuni pazienti continuano a somministrare clisteri dopo un corso di digiuno terapeutico. Alcuni di loro possono sviluppare una stitichezza abituale. Allo stesso tempo, una corretta RTD ripristina la motilità intestinale con feci giornaliere normali.
Uno degli errori nella ripresa del cibo dopo un ciclo di digiuno è l'ingestione di cibi salati. Allo stesso tempo, come accennato in precedenza, si possono sviluppare edemi, che non dovrebbero essere eliminati con diuretici, ma è meglio pulire l'intestino e astenersi dal cibo per 1-2 giorni o unirsi, se possibile, in una potente modalità motoria (in esecuzione).
Abbastanza spesso gli errori gravi sono fatti dai pazienti e dai loro medici dopo che il primo ciclo di digiuno dosato tra i pazienti oncologici che sono condannati a morte è stato completato. In questo caso, l'effetto positivo non dovrebbe essere considerato come una vittoria finale. Sfortunatamente, tali pazienti spesso sfuggono al controllo dei loro medici. Ciò che porta a mostra un numero dei seguenti esempi.
Paziente II, 45 * anni, diagnosi: adenocarcinoma del retto con metastasi ai linfonodi e al fegato. Emorragia abbondante (profusa) con grande perdita di sangue. Metodo di RTD frazionato condotto sotto la supervisione di uno specialista. Il più grande nodo metastatico nella regione succlavia a sinistra è diminuito significativamente, è diventato più morbido. Anche l'endoscopia nell'intestino ha mostrato una tendenza positiva. Al paziente è stato offerto un intervento chirurgico poiché il processo si è stabilizzato e non sono state osservate ulteriori metastasi. Il paziente credeva in una cura clinica completa di un tumore maligno solo con il metodo dell'UDT, e nonostante le raccomandazioni dello specialista UDT, oncologo ed endoscopista, ha rifiutato l'operazione. Pur continuando a condurre uno stile di vita attivo, è spesso andato in viaggio d'affari e un anno dopo ricominciava il processo di riattivazione con ripetute emorragie intestinali. In un contesto ospedaliero, il trattamento conservativo (medico) non ha prodotto alcun effetto, e il paziente è presto morto.
Un altro esempio IC del paziente, 41 anni, diagnosi: cardiopatia ischemica, stenosi della sclerosi coronarica (sclerosi totale dei vasi cardiaci), 96 * percento delle arterie coronarie colpite. Dopo aver completato l'esame presso il BelNII di Cardiologia e aver ricevuto un rifiuto dell'intervento chirurgico, sono andato al metodo della fame per fame. Considerando che il medico che ha consigliato questo tipo di trattamento al paziente non era un esperto in RTD, non ha tenuto conto delle specificità della malattia, che il paziente era stato dipendente dai farmaci (nitrati e beta bloccanti) per molti anni, li ha tenuti sotto il cuscino e non poteva senza che loro facessero nemmeno un passo, fu consigliato all'autore di portarlo alla consultazione. Durante la consultazione, il paziente è stato spiegato in dettaglio che dopo il primo corso di UDT, avrebbe dovuto recarsi in ospedale per un attento monitoraggio del suo stato di salute. La paziente era impegnata con il lavoro principale al Politecnico e anche sull'argomento contrattuale in un'altra istituzione, quindi si rifiutò di ricoverarsi in anticipo. In questo caso, è stato consigliato di assumere farmaci dopo il primo corso di RTD e, in caso di malessere, contattare uno specialista di RST (i numeri di telefono di casa e di lavoro sono indicati). Tuttavia, durante il digiuno dosato, il paziente non ha avuto bisogno di consigli. Anche i medici non potevano monitorarlo sistematicamente, perché il paziente per ragioni sconosciute spesso passava la notte non a casa, ma con gli amici. Per caso, il primo giorno di cibo dopo 20 giorni di digiuno, l'autore incontrò questo paziente per strada, e il paziente si vantò di aver avuto una lezione di successo durante la giornata lavorativa, quindi visitò un'altra istituzione, dove partecipò alla discussione dell'accordo contrattuale ed evitò tutto farmaci. Tre giorni dopo, le condizioni del paziente peggiorarono, si sentì male, ma non osò consultare i medici specialisti. Era apparentemente fiducioso di un risultato positivo, non aveva preso droghe. Secondo sua figlia, le ultime ore della sua vita si sono riversate dalla stanza alla cucina e viceversa, ma non si sono rivolti a un medico. Alla fine, svenuto, fu chiamata un'ambulanza. L'effetto del trattamento farmacologico non è dato. Il paziente è morto. All'autopsia, oltre a stenosare l'aterosclerosi, è stato notato uno spasmo totale dei vasi periferici.

Esperienza Makitchena, H. Shelton, Alsanf, Weger, Tilden e altri indicano l'uso di successo del digiuno terapeutico in alcuni casi di cancro al seno e allo stomaco, la cura dei pazienti con leucemia e anemia maligna.

Trattamento del cancro per fame

Uno dei modi non convenzionali per combattere il cancro è il trattamento del cancro per fame. Questo metodo è controverso, ma la presenza di risultati positivi dopo la sua applicazione ci porta a credere che il digiuno possa curare completamente un tumore maligno.

Cliniche leader all'estero

Cosa pensano i dottori del trattamento del cancro dalla fame?

Da un punto di vista medico, il digiuno oncologico è un metodo alternativo di trattamento che non ha una base scientifica. L'uso di questo metodo nella lotta contro l'oncologia, significa limitare l'apporto di nutrienti. In assenza della necessaria nutrizione abituale, il corpo inizia a spendere le proprie risorse per continuare il normale supporto vitale. Il primo è speso riserve di grasso. Poi le proteine ​​si disgregano, il che porta alla contrazione muscolare e all'ulteriore distrofia muscolare, ma dopo aver interrotto il digiuno, il loro posto non viene preso da nuove fibre muscolari, ma grasso, quindi spesso dopo il digiuno le persone guadagnano più peso rispetto alla precedente. Inoltre, vengono avviati numerosi processi che influenzano negativamente le condizioni del paziente (aumento della formazione di azoto e zolfo, intossicazione da corpi chetonici, ecc.).

Ma il digiuno per il cancro può essere utile. Per ulteriori informazioni, consultare la sezione del nostro articolo "È utile il cancro al digiuno?".

Medici - sostenitori della terapia tradizionale del cancro. Poiché la fame non è, è chiaro che è utile per il cancro, i medici non possono. Ma in alcuni casi (quando il paziente non ha controindicazioni) consentire l'uso di questo metodo come terapia aggiuntiva per il trattamento principale sotto stretta supervisione.

Questo trattamento può danneggiare la salute del paziente oncologico?

Considerando la natura specifica della malattia, vale a dire la perdita di peso, una limitazione aggiuntiva dei nutrienti può non solo non contribuire al recupero, ma, al contrario, danneggiare e ridurre la resistenza del corpo alle cellule tumorali. Pertanto, se una persona ha una carenza di peso corporeo o qualsiasi controindicazione alla fame (di cui vedi sotto), quindi essere trattati con questo metodo significa causare ancora più danni alla salute.

Le persone che hanno una fase trascurata di sviluppo del tumore, il digiuno danneggerà la salute e aggraverà le condizioni generali. Senza di ciò, il corpo svuotato dalla malattia sarà privato del supporto nutrizionale, che influenzerà negativamente la resistenza alla crescita e alla diffusione delle cellule maligne.

L'eccessivo fascino del digiuno può portare a danni irreparabili. L'automedicazione spesso incontrollata con questo metodo non convenzionale contribuisce allo sviluppo di uno stato in cui il corpo non può più tornare alla sua forma precedente a causa di un grave esaurimento, anche con la ripresa della normale assunzione di cibo. Ogni cibo consumato comincia a essere rifiutato, il che porta in definitiva a risultati disastrosi. Pertanto, tutte le manipolazioni associate al trattamento non convenzionale devono essere eseguite rigorosamente sotto la supervisione dei medici.

Quando è utile il digiuno per il cancro?

Il trattamento del cancro da parte della fame può influenzare positivamente le condizioni del paziente, se la malattia è nelle prime fasi di sviluppo, una persona ha un grande apporto di forza e un corpo relativamente sano.

  1. Prima di tutto, le cellule del corpo (sane e maligne) smettono di ricevere nutrienti, il che significa che la loro crescita e distribuzione cessano. Questa versione è controversa, ma non ha una confutazione scientifica, dal momento che casi noti di riassorbimento del tumore dopo il decesso.
  2. In secondo luogo, il digiuno ha un effetto positivo sul tratto gastrointestinale, che è in grado di scaricare e riposare dall'elaborazione di cibo non sempre sano. L'apparato digerente è pulito e autorigenerante, il che ha un effetto positivo sulle condizioni del paziente.
  3. In terzo luogo, grazie a questo metodo di trattamento, i vasi sanguigni vengono puliti. Le placche aterosclerotiche sono scomposte e rimosse dal corpo.

Esperti leader di cliniche all'estero

Professor Moshe Inbar

Dr. Justus Deister

Professor Jacob Schechter

Dr. Michael Friedrich

I tipi più efficaci di digiuno terapeutico in oncologia

Al fine di effettuare una dieta con sollievo al fine di curare un tumore, è necessaria una preparazione preliminare, che consiste in una dieta preparatoria che consente all'organismo di adattarsi alle nuove condizioni. Inoltre, un'uscita regolare dal digiuno è importante per riportare gradualmente il corpo al normale funzionamento. L'ingresso e l'uscita dovrebbero essere accompagnati da una riduzione del consumo di cibo, alimenti di origine animale, grassi e prodotti difficili da assimilare.

Utilizzato in condizioni mediche severe nelle fasi iniziali del cancro. È importante che una persona sia piena di vitalità.

Il vantaggio di questo digiuno è il bisogno forzato del corpo di nutrirsi delle proprie risorse interne. Durante questo digiuno, i grassi vengono attivamente separati e le cellule e i tessuti cancerogeni vengono distrutti.

Il principio di questo trattamento è il completo abbandono di cibo e acqua. La durata può variare da 12 ore a 9 giorni. Con una breve durata del passaggio completo alla nutrizione interna non si verifica, quindi, più a lungo un malato di cancro può resistere a questo tipo di digiuno, più efficace è il risultato. Prescrivere la durata del trattamento può essere solo un medico, tenendo conto di tutte le caratteristiche individuali del paziente.

Il digiuno in brois

Il digiuno si basa sull'uso di succhi e infusi a base di erbe. Naturopath Broise credeva che una formazione maligna crescesse a causa del cibo fibroso o solido che entra nel corpo, e quando è carente nel corpo, il cancro gradualmente si allontana.

Il digiuno è l'uso di infusi di erbe e vari succhi di verdura per 42 giorni (6 settimane). Usato da:

  • succo di verdura: da barbabietola (0,3 l), carote (0,1 l), sedano (0,1 l), ravanello nero (0,03 l) e una patata;
  • infusione di geranio (rosso) (infondere 20 g di geranio in un bicchiere di acqua calda, filtrare);
  • tè del rene (15 g di coda di cavallo, 8 g di poligono, 10 g di ortica, far bollire 6 g di Hypericum in 0,5 l di acqua, insistere, scolare);
  • un'infusione di salvia (1 cucchiaino di erbe aggiungere 1 litro di acqua bollente, far bollire per 3 minuti, filtrare).

L'efficacia di questo metodo è vissuta da Broise. Ha sofferto di cancro e la chirurgia per rimuovere il tumore ha portato solo un risultato a breve termine, la malattia si ripresenta ancora e ancora. L'istruzione era esterna, quindi il terapeuta controllava il processo della sua crescita e riduzione. La mancanza di alimenti proteici ha portato al fatto che il corpo ha iniziato a distruggere la proteina dentro di sé e il tumore è gradualmente scomparso.

Il digiuno sul piano

Questo tipo di digiuno deve essere osservato solo con il permesso del medico. Durata da 50 a 55 giorni. I primi 45 giorni al centro del digiuno:

  1. Mangiare mele, sedano, olio d'oliva, cetrioli, carote bollite, prezzemolo, pompelmo; succo: ravanello nero, barbabietola, cetriolo, limone, mela, carota.
  2. Assunzione di lassativi, chiamata vomito, procedure di clistere (1 volta al giorno).
  3. Divieto di cattive abitudini.

Poi arriva il digiuno stesso, che consente solo l'assunzione di acqua. Durata 5-10 giorni. Dopo aver bisogno di un recupero graduale con l'introduzione di acqua con miele, succo d'arancia, il giorno dopo aggiungi la mela e così ogni giorno per introdurre nuovi ingredienti.

Secondo il guaritore, il sangue si rinnova nel corpo, le cellule tumorali vengono distrutte, i vasi sanguigni vengono puliti e il lavoro degli organi interni viene normalizzato.

Controindicazioni per il trattamento del cancro da parte della fame

Dopo le seguenti procedure, i primi 3-6 mesi di trattamento con la fame non sono raccomandati:

Ma è permesso prendere i succhi dalle verdure e dalle infusioni di erbe in combinazione con la dieta fortificata principale.

Inoltre, il digiuno è vietato per le persone che sono già esaurite o che hanno un peso inferiore alla norma. In questo caso, il digiuno peggiorerà solo le condizioni del paziente a causa della mancanza di risorse per la vita normale.

Se un paziente affetto da cancro ha bronchiectasie, malattie del sangue, malattie del fegato, tromboflebite, processi infiammatori purulenti, iperfunzione tiroidea, diabete mellito o tubercolosi, il trattamento oncologico è assolutamente sconsigliato!

Non è inoltre consentito il digiuno alle persone anziane con problemi di salute.

Il digiuno non dovrebbe essere l'unico metodo di terapia, ma come trattamento in combinazione con la terapia principale, ha il diritto di esistere. Tuttavia, dovrebbe essere fatto solo con il permesso e sotto la supervisione di un medico. Altrimenti, il trattamento del cancro causato dalla fame può portare alla perdita di giorni preziosi, che, con la terapia tradizionale, potrebbero aver contribuito al recupero.

Digiuno e oncologia: è possibile curare il cancro con la fame?

Il trattamento del cancro per fame è un rifiuto volontario del cibo per guarire la malattia e ripristinare il corpo. I rappresentanti della medicina alternativa affermano che il cancro è una malattia curabile e che i tumori possono essere rimossi con le normali pratiche che provocano il "riavvio" del corpo. I sistemi e gli organi interni iniziano a funzionare correttamente, l'immunità aumenta e le neoplasie subiscono l'autolisi.

Quanto il digiuno influisce sulle cellule tumorali

L'efficacia del digiuno per i tumori maligni è controversa. Gli oncologi attribuiscono il metodo a una serie di controindicazioni, spiegando che il paziente ha bisogno di una buona alimentazione per combattere la malattia, ad eccezione del consumo di alimenti non sani. Spesso i metodi medici per trattare le neoplasie non sopportano la malattia, i medici inviano i pazienti a "morire a casa". Tali pazienti provano metodi non convenzionali. Ci sono molte prove sui risultati positivi della fame terapeutica nel cancro di vari stadi del danno d'organo.

Come può il cancro essere curato dalla fame? Durante una lunga pausa in assenza di cibo dall'esterno, il corpo inizia a gestire le proprie riserve. In primo luogo, vengono utilizzate le riserve sotto forma di un polisaccaride formato dal glucosio, quindi i grassi presenti negli organi e nei tessuti. Quando arriva il momento di usare tutte le risorse, arriva il momento per la distruzione di cellule e tessuti che non rappresentano una necessità vitale. Questi sono neoplasmi, cicatrici, aderenze, cisti, tumori, foche fibrose e altre strutture. Questo processo è chiamato autolisi. È fondamentale per l'applicazione del digiuno a scopi terapeutici nel cancro.

Quali processi si verificano nel corpo durante questi metodi:

Nel trattamento tradizionale del cancro di diversa localizzazione, i medici prescrivono la terapia ormonale. La fame di Urinovaya aiuta a sbarazzarsi dei tumori maligni a causa dell'effetto disinfettante, anti-infiammatorio, curativo delle urine, del contenuto di ormoni in esso contenuti. L'effetto della tecnica dipenderà dalla composizione del fluido biologico, incluso quello ormonale.

Regole sulla fame di cancro

Il digiuno medico è caratterizzato dalla presenza di regole che sono importanti da seguire. Altrimenti, non vi sarà alcun beneficio dalla terapia di riduzione della dieta. È possibile causare danni irreparabili all'organismo, compreso un focolaio di crescita tumorale.

Nel cancro, l'importanza è un periodo di rifiuto volontario di mangiare, fuori da esso. Gli esperti raccomandano a un paziente con oncologia di rinunciare alle proteine ​​(contenenti una grande quantità di proteine) cibo, provocando la crescita e lo sviluppo di tumori del cancro.

Sulla base delle recensioni e dei dati sul cancro guarito dal digiuno medico, si può sostenere che questo metodo può essere curato dal cancro in base alle condizioni del metodo. Le regole della dietoterapia in vari luoghi di localizzazione del neoplasma:

Ghiandola mammaria

Scienziati della University of Southern California hanno dimostrato che il cancro al seno può essere curato combinando un digiuno a cascata, intermittente o prolungato con la chemioterapia. I test sono stati condotti su ratti con oncologia di grado complesso nel cervello e in altri organi, in più del 20% dei casi è stata osservata una cura completa.

Il primo metodo è caratterizzato dal rifiuto del cibo solido, ma dalla capacità di utilizzare il succo di barbabietole, carote, sedano, patate, ravanelli (nero), estratti d'acqua di salvia, geranio, tè dalla raccolta di erbe.

Il corso del trattamento è di 42 giorni, durante i quali il paziente deve bere almeno 0,5 litri di vari succhi in aggiunta all'uso del tè ai reni. Quest'ultimo è preparato da poligono (8 g), ortica (10 g), equiseto (15 g), erba di San Giovanni (6 g). Le erbe vengono poste in un contenitore, versate 1/2 litro di acqua bollente, infusa per 15 minuti, filtrata.

L'infuso di geranio rosso è preparato come il solito tè: un pizzico di pianta secca o fresca viene infuso per 10-15 minuti in un bicchiere di acqua calda, filtrato. L'uso di tisane di melissa, menta, salvia è il benvenuto.

Le regole del metodo Rudolf Broys:

  • al mattino vengono bevuti 100-150 ml di tè renale a temperatura ambiente;
  • dopo 1 ora vengono utilizzati 200 ml di tisana;
  • dopo 30 minuti, viene preso un sorso di succo fresco, pre-risciacquando la bocca con esso;
  • poi dopo 10-15 minuti si beve il tè freddo della salvia;
  • in 10-20 minuti - un sorso di succo di verdura (il succo alternato con un infuso di salvia senza zucchero deve essere ripetuto più di 10 volte);
  • all'ora di pranzo ½ tazza di tè ai reni;
  • in 10 minuti - un sorso di succo di verdura.

Naturopata dall'Austria Broys rileva che la fame di cancro ai succhi è consentita per diversi mesi dopo aver subito i metodi tradizionali di trattamento dell'oncologia (radioterapia, chemioterapia, chirurgia).

Il digiuno a cascata secondo il metodo di George Voitovich con oncologia consiste in 3 fasi di rifiuto volontario del cibo, alternate a un periodo di recupero con nutrizione frazionata:

  • Preparazione per la procedura con clisteri di pulizia.
  • Il primo digiuno della durata di 2,5-3 settimane.
  • Nutrizione sana per 1 mese.
  • La seconda pausa del cibo è di 2,5-3 settimane.
  • Nutrizione 5 settimane.
  • Il terzo periodo di affamati è di 2,5-3,5 settimane.

Durante il periodo di recupero, viene applicata una dieta. La dieta è dominata da alimenti vegetali e latticini. Durante la pausa del cibo, è possibile alternare il digiuno a quello secco e quello a umido. Per i pazienti gravemente debilitati, è accettabile ridurre il periodo di fame fino a 10-12 giorni.

Ulteriori regole quando si applica il metodo di Voitovich sono:

  • passeggiate obbligatorie all'aria aperta per facilitare la rimozione delle tossine attraverso i polmoni;
  • eseguire procedure idriche per accelerare la pulizia delle tossine attraverso la pelle;
  • condurre clisteri di pulizia quotidiana;
  • acqua potabile, la cui tariffa giornaliera è di 2 litri.

Nel primo stadio, gli arti possono gonfiarsi, il che è una conseguenza della scarsa funzionalità renale. Con tali sintomi, il volume del consumo di acqua può essere ridotto a 1 litro prima che l'edema diminuisca.

È meglio curare il cancro con lo scarico e la terapia dietetica in ospedale. Gli operatori ospedalieri saranno in grado di monitorare le condizioni del paziente, attraverso la diagnosi e l'esame per monitorare come si comporta il tumore. Spesso, i risultati dei test dopo il primo corso mostrano una tendenza positiva.

stomaco

Gli esperimenti sui roditori hanno mostrato risultati eccellenti dell'impatto della pausa alimentare sul cancro degli organi gastrointestinali. La fame aumenta l'efficacia della chemioterapia e delle radiazioni, influenza il rallentamento dello sviluppo del tumore, la sua riduzione dimensionale, seguita dalla completa guarigione. Pazienti oncologici con una formazione maligna nella cavità gastrica, è possibile utilizzare il metodo di Broys.

Altri tipi di oncologia

Il digiuno è raccomandato per qualsiasi posizione del tumore. La terapia di digiuno-dieta tratta il cancro del retto, del pancreas, del polmone, del fegato, della pelle.

Un ruolo significativo è giocato dall'umore psicologico del paziente per il recupero. È importante inserire correttamente il periodo della fame, dopo aver svuotato l'intestino. L'attenzione dovrebbe essere prestata all'uscita dalla pausa del cibo: rappresenta la massima importanza nel processo.

Quanto tempo hai bisogno di morire di fame per sbarazzarsi di oncologia

Quando il cancro è raccomandato corsi lunghi da 40 a 55 giorni. Molto dipende dalla posizione del tumore, dalle condizioni generali del paziente, dalla sua età, dallo stadio della malattia e da altri indicatori. Nel caso del cancro allo stomaco e all'intestino, l'astinenza a lungo termine dal cibo è controindicata. L'alternativa può essere una serie di brevi pause.

Sottoporsi a un lungo digiuno a casa non è sicuro. È meglio se il trattamento per fame verrà condotto non a casa, ma in una clinica, in un ospedale, in un ospedale. È importante monitorare la salute degli specialisti. Prima di iniziare, è necessario condurre un sondaggio per escludere la presenza di controindicazioni.

Controindicazioni

Non tutti quelli che vogliono liberarsi del cancro possono essere trattati per il digiuno. La controindicazione assoluta è tubercolosi attiva, tromboflebite, diabete mellito, tireotossicosi, insufficienza renale, insufficienza epatica, malattie endocrine e un marcato deficit di peso.