7 principali cause di dolore e grumi in gola

Il dolore e un nodo alla gola sono una lamentela comune dei pazienti. Questo strano sintomo può essere causato da molte malattie. A volte appare senza una ragione apparente. La combinazione di un nodo in gola e dolore crea grande disagio.

A volte si manifesta così fortemente e improvvisamente che diventa difficile deglutire, parlare e persino respirare. Se il dolore e il nodo alla gola non si fermano, devi scoprire la loro causa. Questo fenomeno può essere causato da molte malattie che possono portare a gravi patologie nel corpo. Consulta alcuni motivi e confrontali con i tuoi sentimenti. Ma non automedicare. Al fine di non ritardare la malattia e complicare il trattamento, è necessario consultare un medico in tempo. In base ai risultati degli esami di laboratorio, sarà in grado di determinare la diagnosi corretta e fornirà raccomandazioni su come eliminare definitivamente il dolore e un nodo alla gola.

1. Dolore e un nodo alla gola con infiammazione delle tonsille

L'infiammazione delle tonsille è una delle cause più comuni di dolore e un nodo alla gola. È caratteristico della tonsillite acuta e streptococcica e della tonsillite cronica. Con l'angina dovuta all'infezione compaiono infiammazioni fortemente pronunciate nel tessuto linfoide della faringe. La costrizione della faringe può essere accompagnata dalla comparsa di placca purulenta. Per questo motivo, c'è un forte dolore e un nodo alla gola. È possibile riconoscere "mal di gola" dalla presenza di macchie bianche.

Questo è interessante:

Nella tonsillite cronica, le tonsille si trasformano in una fonte permanente di infezione e intossicazione. Essi accumulano microflora patogena, che si trasforma in un cosiddetto sughero e pus liquido. Si estende anche nei linfonodi sottomandibolari e causa il loro aumento. Questa è la causa del dolore e del groppo in gola.

2. Dolore e grumi in gola con faringite e laringite

La sensazione di dolore e coma in gola può provocare malattie come la faringite acuta e cronica, così come laringite acuta e cronica. Queste malattie sono costantemente accompagnate da raucedine, secchezza e formazione di un nodulo alla gola. Possono essere causati da un raffreddore e un'infezione virale, irritazione della laringe con canti e cibo urlante, speziato, nonché rinite costante.

3. Dolore e grumi in gola con mononucleosi infettiva

La mononucleosi infettiva è una malattia virale acuta in cui la faringe e i linfonodi sono colpiti. Quando si verifica, ci sono cambiamenti particolari nella composizione del sangue, che influenzano negativamente lo stato del fegato e della milza. A causa di linfonodi ingrossati e mal di gola, si avvertono costantemente dolore e un nodo alla gola. Questa malattia colpisce più spesso adolescenti e giovani.

Questo è interessante:

4. Dolore e un groppo in gola con la malattia della tiroide

Quando nodi e punti neri compaiono nella tiroide, si infiammano e si ingrandiscono. Potresti avvertire un leggero dolore al torace e alla laringe, una protuberanza costante alla gola, mancanza di respiro. La pelle è secca, il metabolismo è disturbato a causa del fatto che la ghiandola tiroidea cessa di far fronte al suo compito e produce erroneamente gli ormoni necessari. Questi fenomeni si osservano sia nell'infiammazione acuta del parenchima tiroideo, sia nel gozzo tossico diffuso, quando vi è una carenza cronica di iodio.

5. Dolore e un nodo alla gola con osteocondrosi del rachide cervicale

Nell'osteocondrosi della regione cervicale, vi è spesso dolore al collo da dietro e davanti, nella regione toracica, oltre alla sensazione di un nodulo alla gola. Problemi con la colonna cervicale sono anche accompagnati da mal di testa, tensione nei muscoli della schiena, braccia e collo. Trovando l'approccio corretto per trattare questa malattia con il medico, compresa la terapia manuale, la terapia fisica e i farmaci riassorbibili, eliminerai non solo il dolore e il nodo alla gola, ma anche un grande disagio.

6. Dolore e un nodo alla gola con danni meccanici

Il dolore e un nodo alla gola possono derivare da un danno meccanico alla laringe causato dall'ingresso di un corpo estraneo - ossa, polvere, lanugine. Potrebbero verificarsi danni meccanici alla gola dopo l'ingestione della sonda. Nelle malattie del tratto gastrointestinale, a volte l'acido dallo stomaco sale alla laringe o soffre di bruciore di stomaco. Questo provoca irritazione, grumi aspri in gola e dolore.

Questo è interessante:

I tumori nella regione dell'orofaringe, della laringe e della trachea possono creare un grande disturbo alla gola. Quando aumentano, spremono il lume dell'ingresso della laringe o della laringe stessa. Crea un nodulo naturale e mal di gola, che porta ad una sensazione di mancanza d'aria. Una visita tempestiva al medico in tutti questi casi fornisce un risultato favorevole per il paziente.

7. Dolore e un nodo in gola quando la tensione muscolare

Dopo un esaurimento nervoso, il pianto, i sentimenti, il dolore e un nodo alla gola spesso appaiono senza segni di malattie. Ciò è dovuto allo spasmo e alla tensione muscolare. Durante l'ansia o la depressione, si verifica la contrazione muscolare spontanea della gola. Questa condizione richiede sedazione immediata, relax e riposo. Dobbiamo assumere sedativi, massaggiare la testa e il collo per alleviare la tensione. Lo stress nervoso e lo spam muscolare hanno un effetto molto negativo sulla salute di tutto il corpo. Pertanto, dobbiamo cercare di evitare tali situazioni.

Come abbiamo scoperto, il dolore e un nodo alla gola sono una combinazione molto sfavorevole. Quando appare, devi prima scoprire la sua causa e, sotto la guida di un medico qualificato, trovare il trattamento giusto.

Cause di sensazione di un nodo in gola

Per la gola gola non è una patologia, ma un sintomo e un'unità nosologica indipendente (una malattia separata), questa condizione non lo è. Francamente, questo non è nemmeno un termine medico, ma una denuncia con cui i pazienti spesso si riferiscono a specialisti in terapia generale, gastroenterologia, otorinolaringoiatria, neurologia, pneumologia e più in basso nella lista.

La sensazione di un nodulo alla gola argomenta a favore di molte possibili condizioni patologiche. La ricerca oggettiva è indispensabile.

Secondo le statistiche mediche, un sintomo simile si sviluppa in ogni terzo paziente. Ma, di regola, è un fenomeno abbastanza fisiologico, che non ha nulla a che fare con cause patologiche. Cosa devi sapere su questa condizione?

Cause fisiologiche

In realtà ci sono pochissime ragioni fisiologiche. In generale, tutto si riduce allo spasmo psicosomatico della laringe.

Questo accade a causa dello stress, quando un'enorme quantità di corticosteroidi (ormoni surrenali) viene rilasciata nel sangue.

Molto spesso, i sintomi del sesso più debole, personalità impressionabili, rappresentanti di entrambi i sessi con un sistema nervoso instabile sono suscettibili allo sviluppo (tutti probabilmente conoscono la sensazione di un nodo alla gola durante intense esperienze emotive).

Questa è una variante della norma fisiologica. Le ragioni patologiche sono molto di più.

Cause patologiche

Le cause patologiche sono più numerose. Nella maggior parte dei casi, la sensazione di un nodulo alla gola persiste a lungo, poiché le malattie che lo causano non passano da sole. In totale, tra le malattie caratteristiche e condizioni patologiche si possono distinguere cinque grandi gruppi.

Infiammazione dell'orofaringe di diversa natura

Malattie come:

  • Tonsillite cronica e acuta (mal di gola). Infiammazioni delle tonsille, innescate da virus e batteri, principalmente di tipo piogenico (streptococchi, stafilococchi). Accompagnato da un intenso dolore alla gola, sensazione di bruciore, respiro alterato, alitosi, formazione di speciali spine purulente, eruzioni cutanee nel cielo e nell'area delle tonsille.
  • Laringite. Infiammazione della mucosa della laringe. Accompagnato da edema, lo sviluppo di una forte, agonizzante tosse da abbaio, che non è alleviata dalle medicine classiche, mal di gola e collo, ecc.
  • Faringite. Infiammazione dell'orofaringe. La manifestazione principale è un cambiamento nel timbro della voce o nella sua completa scomparsa. Ha una natura transitoria.

In tutti i casi, la causa della manifestazione è gonfiore. Il paziente sente che sembra esserci un nodo alla gola a causa dell'eccessiva espansione dei vasi sanguigni, che è una reazione protettiva naturale alla riproduzione di microrganismi patogeni nella gola.

Quindi, più sangue entra nell'area dell'infiammazione, insieme a cui arrivano nuove cellule immunitarie e aumenta la loro concentrazione totale.

Edema grave può causare problemi respiratori, in particolare l'asfissia. Una condizione in cui il paziente non può completare un movimento respiratorio completo (inspirazione o espirazione) a causa di un restringimento del lume delle vie aeree. Questo è un fenomeno estremamente pericoloso in cui è probabile la formazione di insufficienza respiratoria.

Patologia tiroidea

Sono possibili le seguenti violazioni:

  • Diffusione eccessiva di un piccolo organo endocrino. Di norma, è provocato da una quantità eccessiva di sostanze ormonali specifiche che, per così dire, "spingono" la ghiandola tiroidea a produrre ormoni più specifici. Ciò porta a cambiamenti funzionali e anatomici nella struttura dell'organo. Questo è il cosiddetto gozzo diffuso.
  • La crescita parziale della ghiandola tiroidea è possibile quando sulla sua superficie si formano speciali noduli. Questo è il cosiddetto gozzo nodulare.

In entrambi i casi, la causa del coma nella gola è la crescita eccessiva dei tessuti dell'organo endocrino, che mette sotto pressione la laringe e gli organi respiratori, provocando una sensazione e un disagio specifici per un lungo periodo (probabilmente per anni).

Patologia del tratto gastrointestinale

Le seguenti malattie del profilo gastroenterologico riguardano:

  • Perturbazione dello stomaco, principalmente a causa di gastrite. Questa è un'infiammazione della membrana mucosa di un organo cavo. Durante il processo si sviluppano intensi dolori al petto, bruciore di stomaco e, naturalmente, il rilascio di grandi quantità di acido fuori dallo sfintere (nell'esofago). Tale condizione richiede una correzione obbligatoria, poiché aumenta il rischio di sviluppare il cancro del tratto digestivo nelle divisioni iniziali.
  • Esofagite da reflusso Casting contenuti gastrici nell'esofago. L'aspirazione con particelle di cibo o acido cloridrico è possibile. Il paziente è preoccupato per la caratteristica amarezza nella bocca, tosse e sensazione di bruciore nella zona della gola. Questa condizione è pericolosa perché causa mancanza di respiro, asfissia. L'esito fatale è possibile, specialmente di notte, quando il paziente è in posizione orizzontale.
  • Un'ulcera allo stomaco Ulcerazione della mucosa delle strutture gastriche. È provocata dall'intenso effetto dell'acido cloridrico sulle pareti del corpo, insieme ad una diminuzione delle proprietà protettive della struttura anatomica.

La causa immediata dello sviluppo del sintomo patologico è il rilascio di succo gastrico nell'esofago. È sufficiente correggere la condizione sottostante per rimuovere la manifestazione della malattia.

Caratteristiche anatomiche

  • Violazioni della posizione anatomica della colonna vertebrale nell'area della zona del collo (colonna cervicale).

La patologia principale di quest'area è l'osteocondrosi. La ragione principale per lo sviluppo di un coma in gola è una violazione dell'innervazione di una certa parte del collo. Tuttavia, come mostra la pratica, un sintomo simile si verifica relativamente raramente e solo con lesioni elevate del midollo spinale (a livello di 1-2 vertebre).

Questa protrusione patologica della struttura anatomica a diversi livelli dell'organo. Si sviluppa a causa di difetti anatomici congeniti, lesioni, malnutrizione (consumo eccessivo di cibo).

Localizzato, di regola, a livello della transizione dell'esofago nello stomaco. Procede in modo asintomatico, senza contare le sensazioni spiacevoli descritte. La correzione dello stato è esclusivamente chirurgica, il trattamento medico non è promettente.

Tuttavia, questo sintomo di ernia esofagea si trova solo se il nervo vago è compresso. Questo è molto raro.

È stato dimostrato che nei pazienti obesi la sensazione di un nodulo alla gola si sviluppa molto più spesso. I pazienti descrivono semplicemente questa condizione: c'è un nodo in gola. La ragione di ciò è la deposizione di strutture lipidiche.

Il grasso agisce come una specie di gozzo e mette sotto pressione la ghiandola surrenale e il collo nel suo complesso, il che influisce negativamente sullo stato generale.

  • Tumori e strutture tumorali della laringe.

Di norma, stiamo parlando di neoplasie benigne. Tumori maligni e cancerogeni delle vie respiratorie, della gola e delle strutture anatomiche circostanti sono relativamente rari e richiedono una correzione con metodi chirurgici.

In questo caso, dobbiamo parlare della reazione secondaria. L'area interessata diventa infiammata, gonfia, soggettivamente percepita come un nodo alla gola, che persiste a lungo.

Altri motivi

  • Reazioni allergiche Una risposta immunitaria può causare un coma in gola che non va via per molto tempo. La ragione sta nell'aumento dell'edema delle vie respiratorie inferiori o delle strutture anatomiche superiori a livello dell'orofaringe. Inoltre caratterizzato da secchezza delle fauci e solletico. Sono necessari farmaci antistaminici e l'uso di broncodilatatori. Altrimenti, c'è la probabilità dell'insufficienza respiratoria. Le reazioni acute, come l'angioedema, un attacco asmatico sono abbastanza capaci di causare un esito letale.
  • Invasioni parassitarie (elmintiche). Questo è molto raro, ma è il posto dove stare. I vermi (vermi) possono deporre le uova nella zona della gola. Soggettivamente, è percepito come un nodulo, un oggetto alieno nella gola. Molto spesso, echinococco, catene e alcuni altri parassiti su larga scala "peccano" con altri simili.
  • Oggetto estraneo in gola. Può essere sentito come un nodulo, perché irrita recettori specifici dell'esofago o della laringe. Di norma, stiamo parlando di particelle di cibo. Nei bambini, la lista dei possibili oggetti estranei è più ampia, perché i genitori sono invitati a monitorare da vicino il comportamento dei loro figli.
  • Lesioni del sistema cardiovascolare. Questo di solito è una malattia coronarica e insufficienza cardiaca congestizia.
  • Tumori e strutture tumorali del cervello. Le neoplasie provocano sensazioni false di un coma in una gola, e di regola il paziente ha vertigini.
  • Fattori psicogeni Depressione, nevrosi e altre condizioni possono portare a manifestazioni psicosomatiche.

Questo è un elenco incompleto di cause probabili, ma è con loro che i medici si incontrano più spesso.

Sintomi correlati

Un nodulo alla gola che non può essere palpato (sentito con la mano) è una manifestazione frequente di molti processi patologici. Ma non l'unico.

Molto spesso dobbiamo parlare dell'intero complesso di segni patologici:

  • Sentirsi a corto di aria. Dispnea (aumento del numero di movimenti respiratori al minuto), asfissia (incapacità di compiere un movimento completo a causa dell'ostruzione). Di solito questo sintomo non è in alcun modo collegato a un nodulo, ma direttamente ad esso adiacente.
  • Sensazione di bruciore in gola, solletico, che provoca un'intensa tosse senza espettorato e muco essudato.
  • Prurito in gola. C'è il desiderio di pettinare la lingua dell'area colpita. È osservato principalmente in reazioni allergiche.
  • Sensazione di corpo estraneo nelle vie respiratorie e nella faringe.

Anche possibile dolore di diversa localizzazione, bruciore di stomaco, aria ruttante, eruttazione del cibo e molte altre manifestazioni.

Misure diagnostiche

La diagnosi non è un grosso problema, nonostante la molteplicità delle possibili cause. Prima di tutto, si consiglia di contattare il terapeuta.

Solo allora, potrebbe essere necessario consultare specialisti specializzati (gastroenterologo, neurologo, otorinolaringoiatra o pneumologo).

Sono assegnate le seguenti misure diagnostiche:

  • Analisi del sangue generale Eliminare il probabile processo infiammatorio nella zona interessata. Se è presente leucocitosi, alta velocità di eritrosedimentazione, è necessario cercare la radice del problema nell'infiammazione. Con eosinofilia, vi è un'alta probabilità di invasione elmintica o, più probabilmente, di allergia.
  • Analisi delle urine. Viene anche usato per diagnosticare problemi con il corpo, ma è meno informativo.
  • Esame della ghiandola tiroidea attraverso l'introduzione di una soluzione radioisotopica per via endovenosa (scintigrafia). Questo è un metodo diagnostico affidabile.
  • FGDS per l'esame dell'esofago e dello stomaco.
  • Radiografia degli organi in varie proiezioni e risonanza magnetica per la rilevazione dell'osteocondrosi.
  • Esame ORL completo, inclusa laringoscopia e altri metodi.

Nel sistema di queste misure, è abbastanza sufficiente per fare e verificare la diagnosi.

Trattamento, a seconda della patologia di base

Le infiammazioni dell'orofaringe sono trattate con anti-infiammatoria origine non steroidea, antisettici, corticosteroidi (glucocorticoidi), farmaci antibatterici.

È importante arrestare la causa principale della malattia e soffocare i sintomi principali.

Le malattie della tiroide sono trattate con preparazioni di iodio o limitando il consumo di questo elemento. In casi estremi, è necessario un intervento chirurgico.

Patologie dello stomaco sono trattate con farmaci antiacidi, inibitori della pompa protonica, ecc.

L'osteocondrosi viene fermata da farmaci anti-infiammatori, indossando un corsetto speciale, rilassanti muscolari. Anche gli analgesici sono utili. Ma in generale per far fronte a questa malattia è quasi impossibile, puoi solo rimuovere i sintomi.

Ernia dell'esofago, tumori - sono eliminati solo da un intervento chirurgico e dalla dieta per obesità.

In generale, la terapia deve essere appropriata per la malattia di base. L'opzione di trattamento è scelta solo da un medico.

Un nodo alla gola è una lamentela molto frequente in un appuntamento specialistico. Ma non è il sintomo che deve essere trattato, ma la malattia stessa. Questo è l'unico modo per ottenere un risultato di qualità.

Perché c'è una protuberanza in gola durante la deglutizione: cause del sintomo e del trattamento

Molto spesso, i medici si trovano di fronte a una tale lamentela di pazienti come un nodo alla gola. Qual è questo sintomo, quali cause provoca, come affrontare questo sintomo, consideriamo in modo più dettagliato.

Grumo in gola: fisiologia

"Un nodo alla gola" - questa lamentela viene spesso ascoltata dai medici. Di solito i pazienti sono preoccupati, non sanno perché si verifica un tale disagio.

Di solito con questo problema, le persone si rivolgono all'ENT, che non sempre trova la causa di questa condizione. In questo caso, l'ENT può indirizzare il paziente a uno psicoterapeuta.

Oltre a sentire un coma in gola, il paziente può lamentarsi di tali sintomi:

  • disturbi psicosomatici;
  • dolore al cuore, dolore toracico, dolore toracico;
  • pesantezza nel corpo;
  • sensazione di pesantezza negli arti;
  • mal di testa. Di solito sono caratterizzati da diversa intensità, tipo;
  • sentirsi caldo, brividi;
  • dolore, pesantezza nella parte bassa della schiena;
  • vertigini;
  • perdita di forza;
  • nausea;
  • graffiante;
  • Disturbo gastrointestinale;
  • dolori allo stomaco;
  • soffocamento, difficoltà a deglutire;
  • intorpidimento, formicolio in diverse parti del corpo;
  • dolore muscolare;
  • affaticamento.

Un blocco alla gola può verificarsi per vari motivi, che gli esperti hanno diviso in 2 gruppi:

Perché c'è un nodo alla gola e cosa può significare:

Cause somatiche

I fattori somatici che influenzano l'insorgenza di una sensazione di coma nella gola includono:

  • reflusso gastroesofageo;
  • scleroderma sistemico;
  • ascesso della gola;
  • candidosi orale;
  • paratonzillit;
  • ernia diaframmatica;
  • malattie catarrali;
  • ernia iatale;
  • disturbi anatomici e funzionali dell'esofago;
  • corpo estraneo;
  • paziente sovrappeso;
  • neoplasia;
  • ustioni dell'esofago, faringe;
  • esofago diverticolo;
  • effetti collaterali di alcuni farmaci;
  • malattie neurologiche associate a lesioni organiche del sistema nervoso.

Malattie infettive e infiammatorie della gola

Un nodulo alla gola può verificarsi durante un processo infiammatorio cronico acuto nella gola, l'ipofaringe. Questo sintomo può verificarsi in tali malattie:

  • faringite acuta e cronica;
  • laringite acuta e cronica;
  • tonsillite purulenta;
  • ascesso parafaringeo;
  • paratonzillit;
  • ascesso della radice della lingua, epiglottide;
  • ascesso paratonsillare.

La tonsillite cronica è la malattia più comune, che è accompagnata da una sensazione di coma in gola. Il secondo posto dopo l'infiammazione delle tonsille è la laringite (infiammazione della membrana mucosa della laringe). Al terzo posto la faringite (infiammazione della mucosa faringea).

Malattie infiammatorie della gola

tumori

Un tumore che si è sviluppato nell'area della trachea, l'orofaringe, la laringe, può causare una sensazione di coma in gola. La neoplasia si verifica di solito a seguito di crescita anormale, divisione delle cellule dei tessuti. Tale patologia è spesso fissata in quei pazienti che hanno una predisposizione genetica, costantemente in contatto con fattori ambientali negativi.

Il cancro alla gola viene spesso installato dai medici nei fumatori, dalle persone che lavorano con l'amianto, dai prodotti per la raffinazione del petrolio e da varie tinture.

Con l'aumento del tumore, c'è una spremitura del lume dell'ingresso all'interno della laringe, la laringe stessa. È l'abilità di compressione della neoplasia che provoca la comparsa di coma nella gola. Nelle fasi successive dello sviluppo del processo tumorale, una protuberanza nella gola viene sostituita da una sensazione di mancanza d'aria, una violazione della deglutizione e della respirazione appare.

Patologia tiroidea

Un gonfiore alla gola può verificarsi quando la ghiandola tiroidea non funziona correttamente. Malfunzionamenti nel lavoro di questa ghiandola si manifestano di solito con la mancanza di iodio nel corpo.

Quando questa ghiandola si infiamma. Con il gozzo, la ghiandola tiroidea si allarga, schiacciando il tessuto della gola.

Può anche verificarsi con tiroidite (infiammazione acuta del parenchima tiroideo). Una tiroide ingrandita può essere osservata con un aumento patologico del lavoro di questo organo (ipertiroidismo), nonché con diminuita attività ghiandolare (ipotiroidismo).

osteocondrosi

I problemi spinali causano molti disturbi nel corpo. Problemi con la colonna vertebrale cervicale possono influenzare la condizione della gola. Spostamento, modifica dei tessuti spinali colpisce i legamenti, le ossa. Gli esperti dicono che con l'osteocondrosi, è improbabile che un nodulo alla gola sia il primo sintomo di patologia, ma può ancora apparire.

Per i problemi con la colonna vertebrale cervicale, il paziente può anche avere dolore al collo, alla schiena e al mal di testa.

Come sbarazzarsi di un coma in gola con osteocondrosi:

Problemi con il tratto digestivo

A volte una sensazione di coma nella gola è associata a malattie del tratto gastrointestinale. Nelle malattie del tratto gastrointestinale, il paziente può anche manifestare i seguenti sintomi:

  • bruciori di stomaco;
  • disagio allo stomaco;
  • sentendo acido nella tua bocca.

Ernia dell'esofago

Con l'ernia dell'esofago, il paziente è preoccupato per i seguenti sintomi:

  • bruciori di stomaco;
  • respiro pesante;
  • i dolori peggiorano quando ci si piega in avanti;
  • difficoltà a deglutire;
  • eruttazione dell'aria, contenuto dello stomaco;
  • raucedine;
  • bruciore, dolore alla lingua (molto raramente manifestato);
  • Coma sensazione in gola. Non è permanente (appare, quindi scompare). Passaggio difficile del cibo attraverso l'esofago.

lesioni

Un nodo alla gola può essere sentito a causa di una lesione dell'esofago, la laringe. Cibo ruvido, uno strumento medico durante la gastroendoscopia può danneggiare l'esofago. Tali lesioni con tutti i sintomi di solito scompaiono dopo una settimana. Non è richiesto un trattamento speciale in questo caso.

Reazione allergica

Un nodo pericoloso nella gola è considerato quando è provocato dall'angioedema. Il gonfiore in questo caso aumenta rapidamente, può causare il soffocamento.

Altri motivi

Ci sono anche una serie di ragioni che gli esperti attribuiscono a quelle improbabili. Tuttavia, possono provocare una sensazione di coma in gola. Questi includono:

  • organismi parassiti. I parassiti sono in grado di deporre le uova non solo nell'intestino, ma anche in luoghi come il cervello, la gola, gli occhi. Il corpo percepisce queste uova come un corpo estraneo;
  • sovrappeso. Un grande strato di grasso sottocutaneo può premere sulla gola come un gozzo;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • oggetto estraneo (pillola, osso, ecc.).

psicogeno

Il paziente ha un disturbo mentale, il suo sviluppo può provocare la comparsa di soffocamento, sensazione di bruciore, coma in gola. Il più delle volte, si sente un nodo alla gola con tali patologie:

Meno comunemente, il sintomo che stiamo considerando può verificarsi con malattie mentali endogene. I disturbi mentali si verificano più spesso a causa di stress, disturbi di acclimatazione, stress psico-emotivo.

diagnostica

Inizialmente, i pazienti vanno alla reception all'ENT. Se uno specialista non trova malattie somatiche in un paziente che potrebbe provocare la comparsa di questo sintomo, reindirizza i pazienti ad altri specialisti:

  • un neurologo (questo specialista dovrebbe rilevare / eliminare la patologia organica del sistema nervoso);
  • endocrinologo (questo specialista esclude / rileva le malattie della tiroide);
  • oncologo (questo specialista esclude / rivela lo sviluppo di una neoplasia).

Se ciascuno di questi esperti ha escluso le violazioni nel corpo nel suo profilo, il paziente viene inviato a uno psichiatra, psicoterapeuta. Ciò è necessario per il motivo che un nodulo alla gola può verificarsi sotto l'influenza di un numero di fattori psicogeni.

La diagnosi corretta viene effettuata da uno specialista che tiene conto dei dati di ispezione, dei risultati delle analisi, dei reclami presentati dal paziente. Il medico sarà in grado di chiarire la diagnosi dopo aver condotto tali studi:

  • analisi delle urine;
  • esame della radice della lingua, tonsille palatine;
  • emocromo completo;
  • Scansione TC, risonanza magnetica del rachide cervicale;
  • esame della laringe vocale, legamenti vestibolari, epiglottide;
  • Ecografia tiroidea;
  • radiografia del rachide cervicale;
  • esame dei linfonodi cervicali, collo.

Per il coma in gola, potrebbe essere necessario consultare i seguenti specialisti:

  • otorinolaringoiatra. Può diagnosticare paratonsillite, malattie infiammatorie croniche della gola (tonsillite, faringite, laringite), sindrome post-nasale;
  • gastroenterologo. Diagnostica tali malattie (candidosi orale, acalasia, spasmo esofageo diffuso, diverticolo esofageo, malattia da reflusso gastroesofageo, ustioni alla gola, esofago, ernia iatale, spasmo esofageo diffuso;
  • endocrinologo. Esamina la ghiandola tiroidea, ne rileva l'aumento di dimensioni;
  • psichiatra, psicoterapeuta. Il medico diagnostica disturbi mentali, tumulto emotivo;
  • chirurgo. Questo specialista diagnostica gli ascessi della gola, i tumori, le ustioni della faringe, l'esofago, l'ernia iatale, il diverticolo esofageo;
  • reumatologo. Il medico può rilevare lo scleroderma sistemico.

Video dettagliato sulle cause del coma nella gola, guarda il nostro video:

Come è il trattamento?

Il trattamento di un coma in gola dipende sempre dalla causa che ha provocato la sua comparsa. I medici possono trattare questo sintomo in modo medico e non farmacologico (chirurgico).

Modo medicato per trattare un nodo alla gola, che è causato da tali patologie:

  • candidosi orale;
  • malattia da reflusso gastroesofageo;
  • faringite cronica, lingite.

Il trattamento chirurgico è necessario nel caso in cui un groppo in gola sia provocato da tali patologie:

  • ernia iatale;
  • esofago diverticolo;
  • ascesso della gola;
  • tumore.

Se un paziente ha disturbi mentali, gli vengono prescritti farmaci, farmaci psicoterapeutici, procedure speciali. La presenza di problemi nella colonna cervicale è trattata con terapia medica, fisica. Può essere applicata una terapia manuale, laser e riflessiva.

Per i tumori maligni, il trattamento prevede l'uso di radiazioni, chemioterapia, chirurgia.

In caso di un problema gastroenterologico, il medico prescrive i farmaci appropriati, la dieta, il funzionamento (con l'ernia dell'esofago).

Qual è la condizione pericolosa

Un nodo alla gola è un pericolo per la ragione che può causare il soffocamento. Questo è particolarmente vero per le reazioni allergiche (angioedema).

prospettiva

La prognosi per il trattamento di un tale sintomo è piuttosto favorevole. La cosa principale è che una persona dovrebbe contattare gli specialisti in tempo con questo problema e seguire con fermezza le loro istruzioni.

Un nodo in gola quando si deglutisce è un sintomo pericoloso

Questo articolo discuterà una lamentela abbastanza comune dei pazienti - la sensazione di un coma in gola. Che tipo di specialista è richiesto e che cosa può causare tali sintomi.

Tale concetto come "un nodo alla gola durante la deglutizione" descrive ogni paziente in modi leggermente diversi. Uno implica che per inghiottire la saliva, ha bisogno di esercitare uno sforzo, l'altro comprende la presenza di un oggetto solido estraneo nel collo, che sente quando deglutisce.

Alcuni pazienti non possono descrivere in dettaglio i loro sentimenti, quindi vengono dal medico con le parole "Un nodo in gola - non riesco a deglutire". Raccolto accuratamente dal medico, la storia a volte fornisce fino all'80% di tutte le informazioni necessarie per fare una diagnosi. La cosa principale è la capacità di ascoltare il paziente.

Il concetto e la classificazione di un nodulo in gola

Attenzione! Un gran numero di pazienti ipocondria esagera i loro disturbi, in modo che vengano trattati più seriamente o nel timore di una diagnosi pericolosa.

La sensazione di una coma in gola quando si deglutisce è una cosa soggettiva, il che significa che il medico non può valutare la gravità del sintomo. Il paziente può esagerare la gravità della sua condizione, richiedendo più attenzione a se stesso.

Certo, la patologia "sul volto" convincerà il medico del contrario - la verità del problema del paziente. Quindi, come non ritardare con una possibile malattia?

Prima di tutto, proveremo a determinare che cosa può essere un grumo:

  • nodulo vero o somatico in gola - implica la presenza di una patologia organica in un paziente, che è una barriera meccanica alla saliva e al cibo in gola, provocando in tal modo una sensazione di nodulo in gola durante la deglutizione;
  • falso com - l'assenza di un organo modificato organicamente che può causare tali sintomi.

Cause di coma in gola

Per comodità, è importante sistematizzare tutte le possibili cause:

  1. Causa endocrina. Il primo compito del medico, quando il paziente si gira con una lamentela di difficoltà a deglutire un nodo alla gola, è l'eliminazione del problema più frequente - la patologia della ghiandola tiroidea. L'ipertrofia o iperplasia di questo organo causa la compressione della trachea, che si trova anatomicamente un po 'più in profondità della ghiandola. Il grado di ingrossamento della ghiandola tiroide determina il disagio durante la deglutizione.
  2. Otorinolaringoiatria. La mancanza di terapia o il trattamento errato dell'infiammazione acuta della faringe è un fattore importante nella transizione della malattia alla faringite cronica. In questo caso, il paziente lamenta secchezza nell'orofaringe, dolore e sensazione di corpo estraneo nella gola, a volte fa male a deglutire e si forma un nodulo alla gola.
  3. Sistema digestivo. Funzionale, a causa di alcune malattie o cambiamenti anatomici dell'esofago.
  4. Oncologia (vedi Cancro della gola: sintomi della malattia). Le neoplasie negli organi localizzati nel collo, sia maligne che benigne, causano una sensazione di coma in gola durante la deglutizione.
  5. Causa neurologica - precedentemente descritta come una falsa com. Situazione stressante, esperienze a lungo termine in assenza di patologia somatica possono causare una persona lamentarsi di un nodo in gola difficile da ingoiare. Questa situazione è creata a mano, quindi è importante imparare a controllarsi.
  6. Farmaci. A volte gli effetti collaterali dei farmaci possono indurre il paziente a ingoiare una protuberanza in gola. Questi includono alcuni antidepressivi, antistaminici e farmaci antipertensivi.

Problemi alla tiroide

Una ghiandola tiroidea ingrossata (gozzo) è una delle cause più comuni (dopo nevrastenia) di una sensazione alla gola.

A volte un aumento di un dato organo è accompagnato da altri sintomi causati dal rilascio di una grande quantità di ormoni tiroidei:

  • tachicardia;
  • perdita di peso con aumento dell'appetito;
  • sgabelli sciolti;
  • tremore alle mani, ansia;
  • beoglaziye (esoftalmo).

Problemi con il tratto digestivo

Il reflusso gastroesofageo può causare uno spiacevole sintomo in gola. Lanciare il contenuto acido dallo stomaco nell'esofago a causa dell'insufficienza dello sfintere esofageo inferiore porta al paziente a lamentarsi di un nodo alla gola quando deglutisce la saliva e erutta.

Gli stessi sintomi possono verificarsi con una caratteristica anatomica della parete esofagea - il diverticolo. Sotto il diverticolo capisci la protrusione saccula di tutti gli strati, che porta non solo alla ritenzione di cibo in esso, ma anche a una violazione della sua ingestione (disfagia). I sintomi si aggravano cambiando la posizione del corpo.

Come differenziare tutte le cause sottostanti di un dato sintomo

Se ingoia un nodo in gola, prima o poi costringerà il paziente a vedere un medico. La cosa principale con questo non è ritardare, dal momento che tutte le eziologie di cui sopra hanno le loro complicazioni che possono verificarsi senza trattamento.

Non si dovrebbe contattare direttamente agli specialisti, ma piuttosto al medico di famiglia. È un medico di prima linea che deciderà da quale area proviene questo problema e se uno specialista ha bisogno di consultazione (per ulteriori dettagli, vedere il video in questo articolo).

Tabella 1: diagnosi differenziale quando compare un nodulo in gola:

Qual è la patogenesi del nodulo nevrastenico

I muscoli della faringe, come tutti gli altri, sono controllati dal sistema nervoso. Esperienza forte, situazione stressante porta allo stato eccitato delle fibre nervose innervate da quest'area.

Aumentare il tono di questo muscolo porta al fatto che il paziente viene con una lamentela "Non posso ingoiare la gola". È importante notare che questa diagnosi è un'eccezione, quindi è molto importante essere sicuri che non vi sia alcuna causa somatica di questo sintomo.

È importante chiedere al paziente informazioni sul lavoro eccessivo, esami o problemi sul posto di lavoro, poiché nessuno verrà dal medico con le parole "Ho avuto stress, ma ora è difficile inghiottirmi la gola".

È importante! Quando si verifica questo sintomo, prima di andare dal medico, è necessario rivedere i farmaci che sono già stati presi. Istruzioni a loro riferiranno possibili effetti collaterali, uno dei quali può essere una sensazione di un nodo in gola.

Le formazioni tumorali degli organi del collo portano alla comparsa delle lamentele di una persona che ha una gola dolorosa. È importante tenere a mente che questa è una causa più rara dell'insorgere di questo sintomo, mentre più spesso il dolore insieme a un nodulo alla gola è accompagnato da faringite cronica.

In conclusione, va notato che la salute deve essere monitorata e che è estremamente importante essere meno nervosi per le inezie, imparare a tenersi in mano. Il sistema nervoso è una cosa molto fragile, e con frequenti "bombardamenti" di mancanza di sonno, stress, non riesce a lavorare, il cui prezzo è una significativa riduzione della qualità della vita.

8 cause innocue e pericolose di coma in gola

Prova più volte a fare un respiro profondo o deglutire. Se ti senti meglio, non puoi preoccuparti.

Che cosa è un nodo in gola

Cosiddetta la spiacevole sensazione che qualcosa fosse bloccato nella gola. Allo stesso tempo, sei sicuro di non aver ingerito nulla in più e che non ci sono oggetti estranei nell'esofago.

Nella maggior parte dei casi, un grumo spiacevole è sicuro. Se lo hai per la prima volta o non compare più di una volta ogni pochi mesi, non puoi preoccuparti. Molto probabilmente, non ti succede nulla di terribile.

Ma a volte un nodo alla gola è uno dei primi sintomi di una grave malattia.

Da dove viene la gola

Le cause del coma in gola sono molto diverse. Nel collo sono concentrate dozzine di vasi e muscoli vitali, l'esofago, la ghiandola tiroidea. Qui ci sono le vertebre cervicali, che a volte pizzicano le terminazioni nervose. E la trachea, in cui passa la laringe, è una frequente vittima del raffreddore. Fallimento di uno di questi elementi - ed eccolo qui, un grumo.

In generale, non esiste una diagnosi chiara che si riferisca a un nodulo alla gola. Tuttavia, è possibile elencare i motivi che cosa provoca un grumo in gola? che spesso interferiscono liberamente respirano e deglutiscono.

1. Stress acuto

La tensione nervosa può causare il vasospasmo in gola. Soggettivamente, è percepito come un sentimento opprimente e inarcato.

Fino al 96% di tutti i pazienti si lamentano di chi, ad esempio il faringeo di Globus: una revisione della sua eziologia, diagnosi e trattamento, che il disagio aumenta durante i periodi di intensa esperienza. Quindi hai solo bisogno di calmarti.

2. Spasmo muscolare

Quando non parliamo o non mangiamo, i muscoli della faringe e della laringe si rilassano. Ma succede che si rilassano in modo errato, congelando in una posizione non del tutto naturale.

Un tale ammasso passa se parli o inghiotti intensivamente più volte.

3. Reflusso acido

Le cosiddette situazioni in cui il contenuto dello stomaco e l'acido aumentano attraverso l'esofago. Il sintomo più famoso di questo disturbo è il bruciore di stomaco familiare a molti.

Ma non il suo singolo... Spruzzi di acido gastrico brucia l'esofago. Di conseguenza, possono verificarsi spasmi muscolari o gonfiore dei tessuti. Oltre al bruciore di stomaco, nasce un nodulo in gola.

4. Sindrome postnasale

Questa complessa formulazione descrive una cosa piuttosto semplice. Hai un moccio, molti di loro, ma per qualche ragione non te ne sbarazzi. Ad esempio, hai l'abitudine di disegnare dentro il muco, non soffiarti il ​​naso. Il moccio si accumula nella parte posteriore della gola e talvolta cade in un grumo. Quindi c'è una spiacevole sensazione di archi.

5. malattie otorinolaringoiatriche

Faringite e tonsillite causano lo sviluppo di infiammazione dolorosa nella faringe. Quindi c'è gonfiore, e in alcuni casi anche un ascesso, che sono percepiti come un nodo alla gola.

A proposito, questo è estremamente pericoloso: un tale grumo, di dimensioni crescenti, è in grado di bloccare le vie respiratorie.

6. Lo spostamento delle vertebre nel rachide cervicale

Osteocondrosi cervicale o dislocazione causata da lesioni, toccare le terminazioni nervose del collo. Questo spesso porta a spasmi muscolari e vasi sanguigni.

7. Malattie della tiroide

A volte le violazioni nel lavoro della tiroide sono accompagnate dal suo aumento o dalla formazione di grandi nodi in esso. Un corpo aumentato (a volte anche leggermente) esercita pressione sulle caratteristiche dei noduli tiroidei che causano sintomi a livello globale. sull'esofago e la trachea, causando disagio.

8. Tumori

Con un nodulo invalicabile si manifestano come neoplasie benigne dell'orofaringe, trachea, esofago e malattie pericolose come il cancro alla gola della gola o il carcinoma di Merkel.

Cosa succede se hai un nodo in gola

Data la varietà dei motivi, la risposta è in una vasta gamma: da "Nulla, passerà da solo" a "Corri dal dottore prima che sia troppo tardi!"

Per avere un'idea di quale di questi poli sei più vicino, fai spuntare le dichiarazioni con le quali sei d'accordo.

  1. La sensazione spiacevole non passa, se più volte sospiri o deglutisci vigorosamente.
  2. Ti senti un nodo in gola regolarmente.
  3. È accompagnato da dolore allo stomaco e / o bruciore di stomaco.
  4. Hai mal di gola.
  5. Hai la febbre
  6. A causa del nodo in gola, è difficile respirare.
  7. Hai spesso mal di testa, a volte c'è un forte aumento della pressione, c'è disagio al collo e alla schiena.
  8. Un nodulo alla gola è apparso sullo sfondo della debolezza muscolare e della perdita di peso irragionevole.
  9. Normalmente non puoi deglutire.

Reclami con i quali sei d'accordo, non nella lista? Molto probabilmente, stai bene: un nodo alla gola è accidentale e causato da eccitazione o spasmo muscolare. Calmati, fai un paio di respiri profondi - questo aiuterà a rilassare i vasi sanguigni e i muscoli e ad alleviare rapidamente la condizione.

Se hai notato almeno una delle affermazioni, non esitare a visitare un medico. Forse stai bene. Tuttavia, vi è il rischio che un nodulo alla gola sia un sintomo di una malattia pericolosa che è importante appena possibile per diagnosticare e iniziare il trattamento.

Il terapeuta ti ascolterà, esaminerà la tua gola e, se necessario, o prescriverà un trattamento o ti darà un rimando a uno specialista: un gastroenterologo, una laura, un chirurgo o un oncologo.

Un nodo in gola. Cause, diagnosi, trattamento delle cause, metodi tradizionali di trattamento

Domande frequenti

Il sito fornisce informazioni di base. Diagnosi e trattamento adeguati della malattia sono possibili sotto la supervisione di un medico coscienzioso. Qualsiasi farmaco ha controindicazioni. Consultazione richiesta

Un nodulo alla gola è un sintomo abbastanza comune caratteristico di alcune patologie del sistema nervoso respiratorio, gastrointestinale e centrale. La sensazione di un nodulo alla gola è spesso osservata nelle malattie infiammatorie della gola (ad esempio, nella faringite cronica, tonsillite, laringite), accompagnata da un danno alla mucosa. Questo sintomo può essere un segno di un nodulo alla gola (tumori, ascessi). In questi casi, la sensazione di un nodulo alla gola, di regola, è causata dalla compressione meccanica, che è fornita da formazioni volumetriche sul tessuto e dalle strutture anatomiche interne della gola.

A volte, in alcune malattie dell'esofago (acalasia del cardias, dimensioni della tiroide, tumori esofagei, ecc.), La sua ostruzione può svilupparsi. A causa di ciò, il cibo non sarà in grado di muoversi normalmente lungo di esso ulteriormente nello stomaco, in conseguenza del quale si accumulerà nella gola. Le inceppamenti alimentari nella gola possono essere uno dei motivi per sentirsi un nodulo.

Un groppo alla gola può essere osservato anche in persone completamente sane con determinate emozioni (paura, ansia, esperienza, dolore) o grave stress.

Anatomia della laringe, della faringe e dell'esofago

La faringe è una formazione anatomica addominale intermedia, situata tra le cavità orale e nasale da una parte e l'esofago e la laringe dall'altra. Per questo motivo, la faringe è anche attribuita al sistema digestivo (attraverso il quale passa un ammasso di cibo dalla bocca all'esofago), e all'apparato respiratorio (attraverso di esso dal naso, l'aria passa nella laringe).

La faringe si trova di fronte alla colonna vertebrale, in cima è attaccata alla base del cranio. Nella sua parte superiore anteriore della faringe, comunica con la cavità nasale attraverso le aperture nasali posteriori (questa è la parte nasale della faringe o nasofaringe). Le aperture faringee dei tubi uditivi si aprono qui (solo dai suoi lati). Nella parte centrale anteriore della faringe è collegato con la cavità orale (orofaringe). Qui sul confine tra la cavità della faringe e la bocca, su entrambi i lati della lingua nello spessore della membrana mucosa, le tonsille palatine sono localizzate - grappoli di tessuto linfoide che svolgono una funzione immunologica e proteggono il corpo dalla penetrazione di microrganismi dannosi.

La parte inferiore della faringe è localizzata dietro la laringe (laringofaringe) e comunica con essa attraverso l'apertura situata sulla sua parete frontale (l'ingresso della laringe). Questo posto corrisponde al livello di 4 - 6 vertebre cervicali. Dietro la laringe a livello della sesta vertebra cervicale, la parte inferiore della faringe si fonde dolcemente con l'esofago.

La faringe è composta da quattro strati (mucoso, sottomucoso, muscolare, avventizio). Lo strato mucoso (guaina) nel rinofaringe è rappresentato dall'epitelio ciliare, e nell'orofaringe e l'ipofaringe - dall'epitelio piatto multistrato non squadrato. Lo strato muscolare della faringe è formato da cinque coppie di muscoli (costrittore superiore, medio, inferiore della faringe, dello stilofaringeo e del muscolo palatofaringeo).

La laringe è la regione anatomica intermedia tra la faringe e la trachea. La laringe è allineata all'interno da una membrana mucosa (epitelio ciliato), che è ben collegata allo scheletro cartilagineo mediante una membrana fibrosa ed elastica. Lo scheletro cartilagineo della laringe è rappresentato da un gran numero di cartilagini (cricoide, scapolare, tiroide, a forma di cuneo, ecc.), Che sono collegate tra loro tramite legamenti (scudo mediano-sublinguale, ganglioide della tiroide, ecc.) E articolazioni (cricoide e signiformeide). La cartilagine della laringe è circondata da muscoli (cherpalonadgortany, schitonadgortany, squamoso trasversale, signatum laterale, vocale, ecc.).

La parete frontale della laringe è coperta di fronte dai muscoli subfoidi e dalla ghiandola tiroidea. La parete posteriore della laringe poggia sulla parte laringea della faringe. Dai lati, la laringe è circondata da parti della ghiandola tiroidea. Dal basso, passa nella trachea e dall'alto - nella faringe (attraverso l'apertura sulla parete anteriore dell'ipofaringe - l'ingresso della laringe). L'ingresso della laringe è coperto da un epiglottide (una delle cartilagini della laringe). Lui è la sua cartilagine spaiata e si trova immediatamente dietro la lingua. Nel processo di deglutizione, questa cartilagine blocca l'ingresso della laringe, promuovendo in tal modo il cibo nell'esofago.

La cavità laringea è come una clessidra. Nella parte centrale ristretta di esso sono le corde vocali. La parte superiore estesa della laringe è chiamata soglia. Sotto le corde vocali, la laringe si espande gradualmente e entra impercettibilmente nella trachea. Questa zona della laringe è chiamata cavità sub-vocale.

L'esofago è un organo cavo del sistema gastrointestinale attraverso il quale la faringe comunica con lo stomaco. Ha l'aspetto di un tubo lungo (circa 25 cm di lunghezza), che si origina a livello della sesta vertebra cervicale e scorre nello stomaco vicino all'undicesima vertebra toracica. Nel collo, l'esofago è localizzato dietro la laringe e la trachea.

L'esofago è costituito da quattro strati (mucoso, sottomucoso, muscolare, avventizio). Il suo strato mucoso forma un epitelio squamoso stratificato, che si trova su una sottomucosa abbastanza sviluppata. Appena sotto questi due strati si trova lo strato muscolare dell'esofago, che è il più spesso di tutti e quattro i suoi strati. Lo strato più esterno dell'esofago è l'avventizia (strato avventizio). Attraverso questo strato, l'esofago è attaccato agli organi adiacenti. In questo strato ci sono i vasi e i nervi importanti dell'esofago.

La funzione principale dell'esofago è la rapida consegna del cibo dalla faringe allo stomaco. L'esofago può eseguirlo a causa dello strato muscolare ben sviluppato e della presenza di sfinteri (valvole) in esso.

Nell'area di transizione dell'esofago nello stomaco, il suo strato muscolare è leggermente ispessito e forma lo sfintere esofageo inferiore (valvola), che assicura il normale movimento del cibo dall'esofago nello stomaco, e impedisce anche il rigetto del contenuto gastrico (nell'esofago).

L'esofago nella sua parte superiore ha uno sfintere esofageo superiore (valvola). La funzione principale di questa valvola è impedire il ritorno del cibo dall'esofago alla laringe. Durante la respirazione, lo sfintere esofageo superiore blocca il passaggio dell'aria dalla faringe all'esofago. Questo sfintere è formato dalla faringe costrittiva inferiore.

Le cause della sensazione di un nodo in gola

La sensazione di un nodo alla gola può essere causata da una serie di motivi. Tale sensazione è spesso associata a malattie infiammatorie della gola (faringite, tonsillite, laringite, peritonsillite, ecc.). Questo sintomo è un sintomo frequente di ostruzione esofagea che si verifica durante acalasia (insufficienza funzionale) del cardias (sfintere esofageo inferiore), tumori della gola, ingrossamento della ghiandola tiroidea, ernia iatale (ernia dell'orifizio esofageo del diaframma), ecc.

Una sensazione di un nodulo alla gola può verificarsi nelle seguenti situazioni:

  • acalasia (fallimento funzionale) del cardias (sfintere esofageo inferiore);
  • scleroderma sistemico;
  • malattia da reflusso gastroesofageo;
  • esofago diverticolo;
  • ernia iatale (ernia iatale);
  • ustioni della faringe e dell'esofago;
  • spasmo diffuso dell'esofago;
  • candidosi orale;
  • tumori della gola (faringe, laringe, esofago);
  • un nodo alla gola con una ghiandola tiroidea ingrossata;
  • malattie infiammatorie croniche della gola (faringite, tonsillite, laringite);
  • sindrome post-nasale;
  • paratonzillit;
  • ascessi della gola (paratillare, parafaringeo, epiglottide);
  • un nodo alla gola sul terreno nervoso.

Cardias Acalasia

L'acalasia del cardias è una malattia del sistema gastrointestinale in cui vi è un disturbo nella motilità (attività motoria) dell'esofago e una violazione dell'apertura dello sfintere esofageo inferiore (cardias). Le basi di questa patologia sono i disturbi neuromuscolari della parete muscolare dell'esofago. L'eziologia (causa di origine) dell'acalasia del cardias non è stata ancora chiarita.

Normalmente, nel processo di deglutizione del cibo, lo sfintere esofageo inferiore (valvola muscolare) deve attivarsi automaticamente (automaticamente) per rilassarsi e aprirsi, dando così al cibo che è entrato nell'esofago l'opportunità di andare più lontano nello stomaco. In caso di acalasia del cardias, questo non si verifica e il cibo rimane bloccato nell'esofago, che provoca una sensazione soggettiva di un nodulo alla gola.

Sclerodermia sistemica

Lo scleroderma sistemico è una malattia autoimmune (cioè una malattia che si sviluppa a seguito di una rottura del sistema immunitario), accompagnata dallo sviluppo di infiammazione e fibrosi in molti tessuti e organi. L'eziologia (causa di origine) di questa patologia non è stata stabilita. Si presume che i virus e le tossine (ad esempio, polivinilcloruro, benzina, ecc.) E la predisposizione genetica svolgano un ruolo cruciale nella distruzione del sistema immunitario.

Una delle manifestazioni principali e frequenti della sclerodermia sistemica è la sconfitta dell'esofago. Con questa patologia nell'esofago, la peristalsi normale viene disturbata, la sua mucosa infiamma (erosioni, ulcere, cicatrici compaiono su di essa). I siti patologici di restringimento e espansione delle sue pareti (specialmente nella parte inferiore dell'esofago) compaiono nell'esofago stesso. Tutti questi cambiamenti patologici rendono difficile spostare adeguatamente il cibo attraverso l'esofago durante l'alimentazione e successivamente causare una violazione della sua ingestione. Il cibo inizia a bloccarsi in gola, quindi i pazienti con sclerodermia spesso lamentano la sensazione di un corpo estraneo (o nodulo) nella gola.

Malattia da reflusso gastroesofageo

Malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) è un complesso di disturbi nel sistema gastrointestinale, in cui vi è un ingresso (cronico) periodico di contenuti gastrici o gastrointestinali nella cavità esofagea. Questa condizione è anche chiamata reflusso gastroesofageo (gastroesofageo) (flusso inverso di fluido negli organi cavi). La penetrazione dei contenuti dallo stomaco e dall'intestino nell'esofago porta a danneggiare la sua membrana mucosa, che causa esofagite (infiammazione della membrana mucosa dell'esofago). Il numero di reflussi gastroesofagei al giorno nei pazienti può variare e raggiungere 40-50 ripetizioni (episodi). Esofagite con frequenti reflussi sono le principali cause della sensazione di un nodo in gola.

La causa principale della malattia da reflusso gastroesofageo è considerata una violazione del corretto funzionamento dello sfintere esofageo inferiore (valvola muscolare) a seguito della riduzione del tono.

I fattori che contribuiscono a questa patologia sono:

  • uso frequente di alcuni farmaci (ad esempio teofillina, nitrati, ecc.) che distruggono i muscoli dell'esofago;
  • lo stress;
  • l'obesità;
  • capacità alterata della membrana mucosa dell'esofago all'autopurificazione;
  • la gravidanza;
  • dieta scorretta (uso di quantità eccessive di caffè, cibi dolci o grassi, alcool, ecc.).

Diverticolo esofago

Il diverticolo dell'esofago è una malattia caratterizzata dall'aspetto di una protuberanza simile a una borsa (una o più) nella sua parete. Tali diverticoli sono veri e falsi. All'inizio, la sporgenza verso l'esterno dell'esofago consiste di tutte le sue pareti. Nei falsi diverticoli, solo la sua membrana mucosa si gonfia, senza intaccare gli strati dell'esofago muscolare e avventiziale. Questa patologia può essere uno sviluppo anormale dell'esofago. Può anche verificarsi a seguito di determinate patologie degli organi mediastinici (mediastinite, tubercolosi dei linfonodi intratoracici, ecc.) O istoplasmosi polmonare, lesioni dell'esofago, ecc.

Molto spesso, i diverticoli dell'esofago sono localizzati nella sua parte centrale nella cavità toracica. Uno dei più famosi (ma piuttosto rari) diverticoli dell'esofago è il cosiddetto diverticolo di Zenker. Questo diverticolo si forma nella regione dell'esofago cervicale, situato vicino al triangolo Lanier-Hekkerman (una zona triangolare sul retro della faringe vicino alla cartilagine cricoide che non ha una base muscolare).

Questa patologia sconvolge il processo di spostamento del cibo attraverso l'esofago, dovuto al fatto che spesso si accumula nel diverticolo stesso e non si muove nella normale direzione verso lo stomaco. Durante i pasti, questo spesso porta a "intasamento" dell'esofago e una violazione dell'ingestione di cibo. Si blocca nell'esofago superiore, causando al paziente un nodo alla gola.

Ernia iatale (ernia iatale)

L'ernia è una condizione patologica in cui gli organi escono da una cavità (dove normalmente dovrebbero essere) a un'altra. Con ernia iatale, una protrusione (eliminazione) di alcuni organi dalla cavità addominale (esofago addominale, stomaco, intestino, ecc.) Nella cavità toracica avviene attraverso l'apertura esofagea del diaframma (il muscolo che separa la cavità toracica dalla cavità addominale).

Le cause di questa patologia sono geneticamente instabile a causa di apparato di fissazione regione cardio-esofageo (debolezza e ipoplasia membrana frenoezofagalnoy membrana frenico-esofageo e al.), E l'effetto di alcuni fattori predisponenti (aumento della pressione intra-addominale durante lo sforzo fisico o la gravidanza, perdita muscolare gastrointestinale tratto intestinale, malattie endocrine, obesità, ecc.).

In questa patologia, il meccanismo di chiusura (chiusura) dello sfintere esofageo inferiore (cardias) è disturbato, accompagnato dalla comparsa di frequenti e prolungati reflussi gastroesofagei (cioè getti nell'esofago del contenuto dello stomaco), dall'esistenza di esofagite (infiammazione della mucosa esofagea) e, quindi, dallo sviluppo di gastrite gastroesofagea e infiammazione della mucosa esofagea. malattia (GERD). Il meccanismo dell'apparizione di un nodulo alla gola con ernia iatale è associato allo sviluppo di esofagite e alla periodica recidiva del reflusso gastroesofageo.

Ustioni alla gola e all'esofago

Le ustioni alla gola e all'esofago sono una causa abbastanza comune di un nodulo alla gola. Ustioni di queste aree anatomiche di solito si verificano a seguito di avvelenamento di pazienti con veleni concentrati liquidi (acidi, alcali). Le ustioni della faringe e dell'esofago possono anche essere osservate quando si consumano liquidi caldi (o cibo comune). Le ustioni termiche, in alcuni casi, possono anche svilupparsi quando il paziente entra in contatto con vapori caldi, aria e altri gas.

Sensazione di un nodo alla gola brucia dell'esofago e della faringe associati con infiammazione e danni della mucosa, nonché tessuti situati più profondo di esso (in questo caso, tutto dipende dalla temperatura del tipo veleno liquido, la sua concentrazione, quantità, ecc..). Soluzioni altamente concentrate di acidi e alcali e liquidi ad alte temperature quando usati, di norma, causano gravi danni non solo alla mucosa di questi organi, ma anche al loro strato muscolare.

Dopo tale contatto nell'esofago e nella faringe, si formano una grande quantità di tessuto cicatriziale e aderenze (aderenze tra le pareti). Stenosi (restringimento) si verifica nell'esofago e la sua motilità è compromessa, che porta a notevoli difficoltà nella promozione del cibo che arriva qui dalla cavità orale. Per questo motivo, il processo di deglutizione viene disturbato e il cibo si blocca nella gola. È anche uno dei meccanismi per la comparsa di un nodulo alla gola con ustioni della faringe e dell'esofago.

Spasmo diffuso dell'esofago

Lo spasmo diffuso dell'esofago (o esofago) è una patologia in cui vi è una violazione della sua motilità (attività fisica) e motilità. L'esofago si manifesta con contrazioni periodiche locali dello strato muscolare liscio della parete esofagea, portando ad un restringimento del suo lume. Durante l'uso del cibo in questi pazienti c'è una difficoltà a inghiottirlo, poiché, quando entra nell'esofago, non può muoversi oltre la sede dello spasmo muscolare. L'ingorgo alimentare nella gola è la ragione principale per cui il paziente sente un nodo alla gola con questa patologia.

Lo spasmo diffuso dell'esofago può avere sia eziologia congenita che acquisita (causa di origine). La causa dell'esofagismo acquisito è spesso esofagite (infiammazione della membrana mucosa dell'esofago), ulcera gastrica, malattia da reflusso gastroesofageo, malattia del calcoli biliari, diabete, ernia dell'orifizio esofageo del diaframma, stress.

Va notato che in caso di spasmo diffuso dell'esofago, il suo sfintere inferiore non è coinvolto nel processo patologico. Funziona assolutamente bene. Anche la sua apertura (automatica) riflessa durante la deglutizione viene salvata.

Candidosi orale

La candidosi (mughetto) del cavo orale è una malattia infettiva risultante dalla sconfitta della mucosa orale da parte dei funghi Candida (Candida). Questa malattia si verifica spesso in caso di immunodeficienza congenita o acquisita (ad esempio infezione da HIV, trattamento con immunosoppressori, infezioni batteriche gravi, diabete mellito ecc.), Uso prolungato di antibiotici, radioterapia, neoplasie maligne, ecc.

Con questa patologia, la mucosa della faringe è spesso coinvolta nel processo patologico, a causa della riproduzione e diffusione di funghi dannosi. Ciò causa spesso infiammazione della zona, sviluppo di edema, arrossamento, secchezza e sensazione di un nodulo alla gola. La sensazione di un nodulo alla gola può anche essere una conseguenza dell'esofagite candidale (infiammazione della mucosa esofagea), che è caratterizzata da una violazione della deglutizione, dolore al petto, disagio e dolore durante la deglutizione del cibo.

Tumori alla gola

A volte la causa della sensazione di un nodulo alla gola può essere un tumore che cresce dai tessuti della faringe, della laringe, dell'esofago. I tumori (neoplasie) appaiono sempre come risultato di crescita anormale e divisione delle cellule nei tessuti. Tali violazioni si verificano spesso in pazienti che hanno una predisposizione genetica a questa patologia, nonché costantemente in contatto con fattori ambientali dannosi. Ad esempio, il cancro della laringe è spesso osservato nei fumatori, nei pazienti che lavorano con prodotti petroliferi, amianto e varie tinture. Il cancro esofageo può essere promosso bevendo continuamente, fumando, masticando tabacco, bevendo frequentemente liquidi caldi, ustioni chimiche dell'esofago, ecc.

Il meccanismo dell'apparizione di un nodulo alla gola con tumori della faringe, dell'esofago o della laringe è principalmente legato alle loro capacità di compressione. Quando una nuova crescita si verifica in queste formazioni anatomiche (laringe, esofago, faringe), poi come si sviluppa, aumenta sempre di dimensioni. Questo spesso porta alla compressione meccanica dei tessuti circostanti e delle terminazioni nervose che li innervano. Questo è il motivo per cui tali pazienti spesso sviluppano disagio alla gola, difficoltà nella deglutizione (spremitura dell'esofago), respirazione (schiacciamento della laringe, trachea) e altri sintomi.

Un nodo alla gola con una ghiandola tiroidea ingrossata

Un allargamento della ghiandola tiroidea di dimensioni può portare a compressione meccanica di organi e tessuti localizzati anatomicamente dietro di esso (in particolare l'esofago e la trachea). La compressione dell'esofago in questo caso può essere accompagnata da una violazione del movimento del cibo attraverso di esso e dallo sviluppo di disfagia (una violazione di ingestione). Di conseguenza, il cibo è bloccato nella gola e il paziente ha la sensazione di un nodo in gola.

Ci sono molte ragioni per le dimensioni della ghiandola tiroidea. In alcuni casi, questo è dovuto alla mancanza di iodio nel corpo, la patologia in questo caso è chiamata gozzo endemico. La tiroide (ghiandola tiroidea) può aumentare con i suoi tumori, ipertiroidismo (aumento patologico della ghiandola tiroidea), ipotiroidismo (diminuzione dell'attività della ghiandola tiroidea).

Malattie infiammatorie croniche della gola

I più comuni malattie croniche della gola, dove il senso comune di un nodo alla gola sono tonsillite cronica (infiammazione delle tonsille), laringite (infiammazione della mucosa laringea) e faringite (infiammazione della mucosa della faringe). Il meccanismo dell'apparizione di un tale sintomo (sensazione di un nodulo alla gola) in queste patologie è associato a processi infiammatori in cui vengono secreti vari mediatori dell'infiammazione (sostanze chimiche) che hanno un effetto irritante sui tessuti (comprese le terminazioni nervose) della gola.

La tonsillite cronica (infiammazione delle tonsille) è solitamente causata dal trattamento inefficace della tonsillite semplice (infiammazione acuta delle tonsille). In tali casi, l'infezione "si nasconde" per un po 'e non causa sensazioni soggettive nel paziente. Tuttavia, quando l'immunità è indebolita, viene riattivata (riattivazione) e l'infiammazione si verifica nelle tonsille, accompagnata da segni di tonsillite cronica (mal di gola, gola secca, alitosi, ecc.).

Le principali cause di laringite cronica (infiammazione della mucosa laringea) sono carico eccessivo sulla casella vocale (questo accade spesso a cantanti, speaker, insegnanti e altri.), Chill, fumo, polvere e fumi in locali industriali nei lavoratori dell'industria. Questi fattori riducono l'immunità locale nell'area della membrana mucosa della laringe e portano alla sua infezione con vari agenti patogeni.

La faringite cronica (infiammazione della membrana mucosa della faringe) compare più spesso in pazienti con carie, patologie croniche della cavità nasale, seni paranasali (paranasali), tonsillite cronica (infiammazione delle tonsille), spesso bevendo alcolici. Spesso questa patologia si verifica nei fumatori, così come nelle persone che rimangono a lungo in condizioni di lavoro sfavorevoli (ad esempio, al freddo o in camere gasate e / o polverose).

Sindrome postnasale

La sindrome postnasale è una condizione patologica in cui, a seguito di determinate patologie della cavità nasale, il muco (moccio) inizia a defluire nella gola del paziente. Questo spesso può essere osservata quando vasomotoria e la rinite allergica (infiammazione della mucosa nasale), sinusite (infiammazione dei seni paranasali), tumori, anomalie sviluppo, tubercolosi, o cavità nasali sifilide naso e altri. In alcuni casi, gocciolante moccio nella regione della faringe può verificarsi in malattie rinofaringe (adenoidi, anomalie dello sviluppo e tumori).

L'entrata periodica del moccio dal rinofaringe nell'orofaringe e l'ipofaringe (e poi nella trachea) causano disagio alla gola del paziente - solletico, fastidio, grumi o sensazione di corpo estraneo. Ciò accade a causa della presenza nella composizione del moccio che irrita la mucosa dei componenti della gola (sostanze infiammatorie del proprio paziente, batteri o virus, i loro prodotti di degradazione, ecc.).

Paratonzillit

La paratonsillite è un'infiammazione dei tessuti intorno alla tonsilla. Questa patologia spesso ha un'eziologia batterica (causa di origine) e di solito si verifica quando l'infezione si diffonde da tonsille palatine infiammate con angina (infiammazione acuta delle tonsille) o tonsillite cronica (infiammazione cronica delle tonsille). La paratonsillite di solito si sviluppa come conseguenza di una diminuzione dell'immunità locale e dell'incapacità delle cellule del sistema immunitario di rimuovere i batteri nocivi dalla superficie della gola e della bocca.

La sensazione di un nodulo alla gola in caso di peritonsillite è associata a processi infiammatori che si verificano in questa patologia. In tali processi, vengono secrete varie sostanze infiammatorie che hanno un effetto irritante ed edematoso. Influenzano i tessuti della gola, a causa della quale la sua mucosa si gonfia e si arrossa, a volte si formano ulcerazioni e placca a causa della moltiplicazione dei microbi patogeni.

Ascesso della gola

Nelle malattie infettive della gola, i batteri nocivi spesso sciolgono (corrodono) i suoi tessuti. Se vengono erosi più tessuti superficiali (ad esempio le mucose), si formano ulcere nella gola e, se più profonde, si formano ascessi (cavità all'interno dei tessuti riempiti con masse purulente). Esistono molti tipi di ascessi alla gola (paratonsillare, parafaringeo, epiglottico) e differiscono nella localizzazione.

L'ascesso paratonsillare si verifica nei tessuti localizzati vicino alle tonsille palatine. Questo tipo di ascesso è lo stadio finale della peritonsillite (infiammazione della peri-aldalimica), che a sua volta appare spesso a causa della diffusione di batteri patogeni dalle tonsille nella tonsillite acuta o cronica (infiammazione delle tonsille). Pertanto, l'ascesso peritonsillare può essere considerato una delle complicanze dell'angina (tonsillite acuta).

Quando l'accumulo ascesso parafaringeo di pus si verifica all'interno della parete laterale della faringe nello spazio periparingeo del collo. Tali ascessi sono molto pericolosi, poiché i nervi importanti (glossofaringeo, vago, ipoglosso, ecc.) Ei vasi sanguigni (arteria carotide interna) passano nello spazio peri-faringeo del collo. L'ascesso parafaringeo di solito si sviluppa come risultato della penetrazione di microbi patogeni da strutture anatomiche vicine (denti, orecchie, tonsille palatali, mucosa nasale o seni paranasali).

L'ascesso epiglottico appare nell'epiglottide, una delle cartilagini della laringe. Si manifesta a causa dell'epiglottite (infiammazione dell'epiglottide), che si sviluppa spesso con lesioni meccaniche, termiche, chimiche della laringe, nonché con la diffusione dell'infezione dal sistema respiratorio superiore (cavità nasale, nasofaringe) o digestivo (cavità orale).

Con tutti gli ascessi della gola nella sua mucosa c'è un'infiammazione pronunciata, che spesso provoca sensazioni spiacevoli e dolorose. I pazienti con tali ascessi spesso lamentano una significativa difficoltà nella deglutizione, dolore severo, bruciore, prurito e una sensazione di nodulo (o corpo estraneo) nella gola.

Grumo in gola su terreno nervoso

Un nodo alla gola può verificarsi non solo con patologia organica degli organi del sistema gastrointestinale e respiratorio, ma anche in determinate condizioni emotive (paura, eccitazione, grande gioia, esperienza, dolore, sentimenti misti), disturbi mentali (nevrosi, isteria, depressione) e lo stress. L'esatto meccanismo di comparsa di un nodulo alla gola in questi casi non è ancora stato stabilito con precisione.

In alcuni studi, è stato trovato che in tali situazioni (ad esempio, sotto stress, stati nevrotici, depressione, ecc.), La pressione nell'area dello sfintere cricofaringeo (superiore esofageo) può aumentare e la motilità delle parti inferiori della faringe può essere disturbata. A volte, su uno sfondo emotivo o in disturbi mentali in una persona, può semplicemente prosciugarsi la gola. Eccessiva secchezza può anche portare a una sensazione di un nodo in gola.

Cosa fare se senti improvvisamente un nodo in gola?

In questi casi, prima di tutto, è necessario tenere conto di ulteriori sintomi (tranne che per la sensazione di un nodo alla gola), nonché delle condizioni in cui è apparsa la sensazione di un nodulo alla gola. Se, per esempio, un paziente ha dolore alla gola, febbre alta, difficoltà a deglutire il cibo, e in gola, oltre a un nodulo, c'è formicolio, bruciore, prurito, mal di testa, malessere, quindi molto probabilmente ha una esacerbazione della malattia infiammatoria cronica della gola ( faringite, tonsillite, laringite). In questo caso, dovresti andare a un consulto con un otorinolaringoiatra.

È necessario rivolgersi a lui se la sensazione di un nodulo alla gola si verifica contemporaneamente a congestione nasale, russamento notturno, secrezione patologica dal naso, dolore e secchezza del naso, sanguinamento nasale, febbre. Questi segni indicano spesso la sindrome postnasale.

Quando improvvisamente la sensazione di un nodo alla gola è comparsa sullo sfondo di stress, sentimenti, paura, ansia, allora dovresti provare a calmarti. Se questo non aiuta, allora puoi bere un sedativo. In assenza di effetti, dovresti andare da uno psicoterapeuta. In certe situazioni, gravi sconvolgimenti emotivi causano una persona a vari disturbi mentali (depressione, isteria, nevrosi). In questi casi, dovresti cercare aiuto da uno psicoterapeuta o da uno psichiatra.

Se il paziente ha bevuto qualcosa di molto caldo o qualche tipo di veleno (acido o alcali), dovresti chiamare un'ambulanza il più presto possibile, che lo porterà al dipartimento di chirurgia o gastroenterologia.

Se la sensazione di un nodo alla gola è combinata con una violazione del cibo ingerito, un odore sgradevole dalla bocca, bruciore di stomaco, nausea, vomito, eruttazione, dolore addominale, gonfiore, pesantezza allo stomaco, dolore bruciante nella parte inferiore dello sterno (o addome superiore), diminuzione dell'appetito, quindi, molto probabilmente, ha qualche problema nel sistema gastrointestinale (e, in particolare, nell'esofago o nello stomaco). Per scoprire esattamente quale patologia abbia provocato la sensazione di un nodulo alla gola in questi casi, è necessario cercare un aiuto qualificato da un gastroenterologo.

Quando la sensazione di un nodo alla gola, insieme al dolore derivante dalla deglutizione del cibo e dal solletico in gola, così come un rivestimento bianco sulla mucosa della bocca (sulle guance, sul palato, sulla lingua, sulle tonsille, sulle gengive, ecc.), Dovresti consultare un medico un gastroenterologo, come molto probabilmente, questi segni indicano che il paziente ha candidosi orale.

Quando si esamina un paziente, un gastroenterologo o un otorinolaringoiatra può rilevare alcune patologie (ad esempio, una ghiandola tiroidea ingrossata, un tumore o ascesso della gola, diverticolo esofageo, ecc.) Il cui trattamento non è di sua competenza, quindi può indirizzare il paziente a un altro specialista ( reumatologo, endocrinologo, chirurgo, ecc.).

Dovresti sapere che quando si sente un nodo alla gola, l'auto-trattamento, nella maggior parte dei casi, è inefficace a causa del fatto che il paziente spesso interpreta erroneamente questo o quel sintomo, in conseguenza del quale cerca di recuperare usando i farmaci sbagliati. Questo accade perché molte malattie della gola hanno sintomi simili, che non sono sempre facili da interpretare per una persona che ignora le caratteristiche del loro decorso clinico.

Inoltre, l'identificazione (diagnosi) di molte patologie della gola si basa non solo sulla considerazione di alcuni sintomi, ma anche su dati provenienti da studi strumentali e di laboratorio. Pertanto, quando si sente un nodo in gola, si raccomanda che il paziente cerchi immediatamente un aiuto medico.

  • malattie infiammatorie croniche della gola (faringite, tonsillite, laringite);
  • sindrome post-nasale;
  • paratonzillit.
  • acalasia (fallimento funzionale) del cardias (sfintere esofageo inferiore);
  • malattia da reflusso gastroesofageo;
  • esofago diverticolo;
  • ernia iatale (ernia iatale);
  • candidosi orale;
  • ustioni della faringe e dell'esofago;
  • spasmo diffuso dell'esofago.
  • disturbi mentali;
  • tumulto emotivo.
  • ingrossamento della ghiandola tiroidea.
  • tumori della gola (faringe, laringe, esofago);
  • ascessi della gola (paratillare, parafaringeo, epiglottide);
  • ustioni della faringe e dell'esofago;
  • esofago diverticolo;
  • ernia iatale (ernia iatale).
  • scleroderma sistemico.

Diagnosi delle cause di un nodulo in gola

Diagnosi di acalasia del cardias

Quando acalasia del cardias, vi è una violazione di ingestione di cibo (sia solido e liquido), una sensazione di nodulo e disagio alla gola, nausea, vomito, dolore nella parte centrale del torace, perdita di appetito, peso corporeo. Nel processo di mangiare cibo spesso entra nel tratto respiratorio, che provoca tosse parossistica, mancanza di respiro. In questi pazienti, spesso si sviluppano complicazioni - esofagite (infiammazione della mucosa esofagea), polmonite da aspirazione (polmonite che si verifica quando il cibo viene gettato in esse), cancro esofageo, diverticolo esofageo, ecc.

Per confermare la diagnosi di questa patologia utilizzando la radiografia a contrasto (con solfato di bario), che rivela una violazione del movimento della massa di contrasto attraverso l'esofago (a causa di una violazione dell'apertura dello sfintere esofageo inferiore). Anche per la diagnosi di acalasia dell'esofago, viene prescritta l'esame endoscopico (esofagogastroduodenoscopia) dell'esofago, che consente di valutare la condizione della sua membrana mucosa, la pervietà del tubo esofageo e di rilevare la presenza di strutture patologiche e anomalie dello sviluppo in esso.

Spesso, oltre ai due metodi sopra elencati, ai pazienti con sospetta acalasia del cardias viene somministrata esofagomanometria (utilizzata per determinare la pressione nell'esofago, nonché per valutare la sua motilità).

Diagnosi di sclerodermia sistemica

Oltre a sentire un nodo alla gola e difficoltà a deglutire il cibo con sclerodermia sistemica, nausea, vomito, bruciore di stomaco, eruttazione, alitosi, dolore addominale (e / o al torace), costipazione (feci ritardate), flatulenza (gonfiore), riduzione del peso. Tutti questi sintomi sono segni che questa malattia colpisce il sistema gastrointestinale non solo l'esofago, ma anche lo stomaco e l'intestino.

Lo scleroderma sistemico è anche caratterizzato da lesioni della pelle (gonfiore stretto della pelle in varie parti del corpo, presenza di microcromosomi sottocutanei), reni, cuore, muscoli (affaticamento, dolore muscolare), articolazioni (dolore e gonfiore delle articolazioni, rigidità nei movimenti articolari), polmoni (tosse, mancanza di respiro, tenerezza nel petto) e altri organi e tessuti.

Con esso, il fenomeno Raynaud appare molto spesso, che è caratterizzato da uno sbiancamento periodico, simmetrico, bilaterale (e, in alcuni casi, dall'azzurro) delle dita, a causa di uno spasmo delle loro navi.

In generale, l'analisi del sangue in questi pazienti si manifesta con anemia (diminuzione del numero di globuli rossi e di emoglobina), un aumento del tasso di sedimentazione degli eritrociti (ESR), un aumento del numero di globuli bianchi (meno spesso, una diminuzione). Nell'analisi delle urine, è possibile rivelare un contenuto elevato di eritrociti, proteine, leucociti, che indica il coinvolgimento nel processo patologico del tessuto renale. Un test immunologico di laboratorio sul sangue può rivelare anticorpi al centromero, a Scl-70 e al fattore antinucleare (ANF).

Per identificare lesioni (motilità alterata, contrazioni anormali e dilatazioni, ecc.) Nel sistema gastrointestinale (esofago, stomaco, intestino), viene eseguita la radiografia a contrasto con solfato di bario. Il metodo a raggi X viene anche utilizzato per rilevare cambiamenti patologici nei polmoni, nelle ossa e nelle articolazioni degli arti. L'elettrocardiografia (ECG) e l'ecocardiografia (un tipo di esame ecografico) sono prescritti per rilevare lesioni del cuore.

Diagnosi della malattia da reflusso gastroesofageo

Oltre al nodulo in gola, i pazienti con malattia da reflusso gastroesofageo possono presentare un gran numero di disturbi diversi al medico. Questi disturbi possono essere suddivisi in gastrointestinale (bruciori di stomaco, nausea, vomito, dolore addominale, eruttazione, gonfiore, pesantezza di stomaco, e altri.), Respiratorio (tosse, frequenza, mal di gola, ecc respirazione), Cuore vascolare (dolore al petto). I pazienti affetti da questa malattia spesso soffrono di sinusite (infiammazione della mucosa dei seni paranasali), faringite (infiammazione della mucosa faringea), otite (otite media), polmonite (infiammazione del tessuto polmonare).

Oltre a valutare i sintomi, tali pazienti devono avere una metrica del pH intraesofageo, attraverso la quale si può determinare l'acidità del contenuto gettato nell'esofago, i contenuti appartenenti al contenuto gastrico o intestinale e determinare la frequenza giornaliera e la durata dei reflussi gastroesofagei (gastroesofagei) (getti inversi).

Anche per la diagnosi di malattia da reflusso gastroesofageo, viene utilizzato l'esame endoscopico dell'esofago (esofagogastroduodenoscopia), che consente di valutare il grado di infiammazione della mucosa esofagea. In alcuni casi, usando questo metodo è possibile selezionare un pezzo della membrana mucosa dell'esofago per la citologia di laboratorio (cioè una biopsia). Questo è necessario per valutare la sua ristrutturazione e rilevare cambiamenti patologici in esso. Molto spesso, in questa patologia, vengono prescritti metodi di ricerca radiologica (radiografia, tomografia computerizzata) che aiutano a escludere altre possibili malattie.

Diagnosi del diverticolo dell'esofago

Quando il diverticolo dell'esofago, il paziente si lamenta di una violazione dell'ingestione di cibo, la sensazione di un corpo estraneo o nodulo alla gola, un odore sgradevole dalla cavità orale, rigurgito di cibo non digerito. Ha spesso nausea, vomito, tosse, dolore al petto (a volte nella gola), ipersalivazione (aumento della formazione di saliva), cambiamento di voce, mal di gola. Occasionalmente, può esserci anche dolore nella regione del cuore, mancanza di respiro, palpitazioni, vertigini.

Quando il diverticolo dello Zenker di dimensioni significative sul collo è palpabile, è possibile rilevare il suo gonfiore locale, che ha una consistenza morbida e diminuisce con la compressione delle dita (pressione). Altri tipi di diverticoli dell'esofago non possono essere rilevati con la palpazione.

Per confermare o smentire la diagnosi del diverticolo esofageo, viene utilizzata la radiografia a contrasto dell'esofago con solfato di bario, nonché l'esame endoscopico (esofagogastroduodenoscopia). A volte a questi pazienti viene prescritta radiografia e tomografia computerizzata del torace per escludere comorbidità che potrebbero essere la causa diretta del diverticolo esofageo.

Diagnosi di ernia iatale (ernia iatale)

Un'ernia iatale è caratterizzata dall'insorgenza in un paziente di gravi dolori di bruciore nella regione della parte inferiore dello sterno e nell'addome superiore, che spesso si irradia (si diffonde) al braccio sinistro e alla schiena. Con una tale ernia, bruciore di stomaco, gonfiore, sensazione di un nodo alla gola, pesantezza nello stomaco, eruttazione, nausea, vomito, perdita di appetito sono spesso osservati.

Per confermare la diagnosi, al paziente deve essere fornita una radiografia regolare e di contrasto dell'esofago (così come le parti inferiori del tubo digerente), che rilevano facilmente il suo spostamento verso l'alto nella cavità toracica, insieme ad altri organi addominali. Talvolta la metrica del pH intraesofageo (per lo studio dell'acidità nella cavità esofagea), viene eseguita l'esofagomanometria (per lo studio della capacità muscolo-contrattile dell'esofago).

Diagnosi di ustioni della faringe e dell'esofago

Le ustioni alla gola e all'esofago sono accompagnate da forti e acuti dolori alla gola e al petto, tosse, difficoltà nel deglutire il cibo e problemi respiratori (a causa di edema laringeo infiammatorio). Nella zona della gola, può anche apparire solletico, prurito, bruciore, sensazione di un nodulo (o corpo estraneo). All'esame della mucosa esofagea e faringe via pharyngoscope (esame della faringe tramite specchio speciale) e esofagogastroduodenoscopia (esame endoscopico del sistema gastrointestinale) può rilevarlo arrossamento, gonfiore. Sulla loro membrana mucosa, di regola, ci sono numerose croste (croste) e ulcere.

Il colore delle croste dipende dall'agente traumatico che ha causato la bruciatura. Ad esempio, quando le ustioni termiche della faringe e dell'esofago sulla mucosa appaiono croste bianche, con ustioni provocate da alcuni acidi (cloridrico, solforico), esse (croste) hanno una tinta nera o marrone. Nei periodi successivi di tali lesioni, quando i siti danneggiati della faringe e dell'esofago sono guariti, un grande numero di cicatrici e irregolarità può essere rilevato sulla superficie della loro mucosa. Nella cavità dell'esofago, tra le sue pareti, si formano spesso aderenze (aderenze) e si possono verificare stenosi (restringimento delle pareti), alterata motilità e motilità e peristalsi.

Diagnosi di spasmo diffuso dell'esofago

Lo spasmo diffuso primitivo (congenito) dell'esofago viene diagnosticato sulla base di sintomi caratteristici (sensazione di un nodo in gola, difficoltà a deglutire cibo o saliva, dolore toracico) e alcuni metodi strumentali di ricerca (endoscopica, radiografia a contrasto, esofagomanometria dell'esofago). I sintomi che compaiono in questa patologia possono essere di breve durata e scomparire inosservati, ad esempio, quando si utilizza una piccola quantità di liquido caldo.

Nella radiografia a contrasto, è abbastanza facile identificare le aree di espansione (dove i muscoli dell'esofago sono rilassati) e le contrazioni (dove i muscoli dell'esofago, al contrario, vengono spasmi) del tubo esofageo, che sulla radiografia (immagine acquisita dopo i raggi x) fornisce un'immagine di cavatappi o rosario. Con esofagomanometria con spasmo diffuso dell'esofago di solito si riscontra una violazione della normale peristalsi dell'esofago con periodi di iperspasmodia (eccessiva contrazione) delle sue pareti.

L'esofago secondario (spasmo dell'esofago) non è una patologia indipendente, ma solo una delle complicazioni delle patologie che potrebbero causarlo (diabete, colelitiasi, ernia dell'orifizio esofageo del diaframma, stress, ecc.).

Diagnosi di candidosi orale

Per candidiasi del cavo orale altro che la sensazione di un nodo alla gola è anche caratteristica della presenza di depositi bianchi sulla mucosa orale (guance, lingua, palato, tonsille, gomme, ecc), prurito, bruciore, secchezza delle fauci, dolore associato con l'ingestione di cibo, mal di gola. La mucosa della bocca, di regola, è rossa, gonfia, coperta da piccole ulcere e gli angoli della bocca sono striati da piccole fessure. Questi pazienti possono anche avere tosse, febbre, mal di testa, debolezza e disagio.

Per confermare la presenza di candidosi orale e gola, viene effettuato un esame micologico del materiale patologico prelevato dalla loro membrana mucosa. L'esame endoscopico dell'esofago viene utilizzato per diagnosticare esofagite (fungo) esofageo (infiammazione della mucosa esofagea) e una biopsia muraria viene eseguita per ulteriori analisi citologiche.

Diagnosi di tumori della gola

Il problema principale nella diagnosi dei tumori della gola è il loro rilevamento tardivo in un paziente. In generale, i sintomi di questa patologia iniziano ad apparire quando il tumore raggiunge dimensioni considerevoli. La presenza nella gola di una grande neoplasia riduce drasticamente l'efficacia delle misure terapeutiche, comprese quelle utilizzate per prevenire le sue metastasi (la diffusione delle particelle tumorali in tutto il corpo).

I principali sintomi di tumori localizzati nell'esofago, laringe o faringe possono essere dolore, solletico, bruciore, disagio, un nodo alla gola, sapore sgradevole, raucedine, perdita di deglutizione (disfagia), perdita di peso corporeo, violazione della respirazione nasale, congestione nelle orecchie, mancanza di respiro, tosse persistente.

La presenza di tumore alla gola può essere confermata da (gola ispezione utilizzando uno specchio speciale) pharyngoscope e radiale (radiografia, TAC, MRI), endoscopica e di laboratorio (citologia fette di tessuto patologico) metodi di ricerca.

Diagnosi di patologie associate all'ampliamento della ghiandola tiroidea

Oltre a sentire un nodo alla gola, i pazienti con una ghiandola tiroidea ingrossata possono lamentare difficoltà nel deglutire cibo, tosse, problemi respiratori, mancanza di respiro, vertigini e presenza di formazione surround nel collo davanti. A volte possono essere disturbati dal dolore nell'area della tiroide. Inoltre, a seconda della causa dell'ingrossamento della ghiandola tiroidea (una diminuzione della sua funzione o, al contrario, un aumento), possono essere osservati sintomi corrispondenti.

Se l'aumento della tiroide (tiroide) a causa di ipertiroidismo (aumento della funzione della tiroide), i pazienti amenorrea può verificarsi (l'assenza di periodi mestruali nelle donne), ginecomastia (ingrandimento del seno negli uomini), ansia, nervosismo, irritabilità, aumento dell'appetito, nausea, vomito, stitichezza, affaticamento, palpitazioni, aumento della pressione sanguigna, febbre, ecc.

Ipotiroidismo (ridotta funzionalità tiroidea) spesso causa anomalie nel sistema nervoso centrale (sistema nervoso centrale), come perdita di memoria, depressioni, letargia e sonnolenza. Anche in questi pazienti, il lavoro del cuore (diminuzione della frequenza cardiaca, pressione), gli organi del sistema gastrointestinale (nausea, vomito, stitichezza, anoressia, ecc.) E le ovaie (mancanza di mestruazioni, infertilità) sono compromesse. La loro temperatura corporea diminuisce, si sviluppa l'obesità, appare alta sensibilità al freddo, ittero (ingiallimento della pelle), la pelle diventa secca, i capelli diventano fragili, si manifesta anemia (diminuzione della quantità di emoglobina e globuli rossi nel sangue).

Molto spesso, l'ipotiroidismo sviluppa edema da miksedema (gonfiore del viso, palpebra, voce rauca, aumento della dimensione della lingua, gonfiore delle estremità, perdita dell'udito, ecc.).

I principali tipi di studi che possono confermare la dimensione della ghiandola tiroide e determinarne la causa sono esami del sangue di laboratorio per la concentrazione di ormoni tiroidei (tiroxina, triiodotironina) e ultrasuoni (ultrasuoni). Quest'ultimo è piuttosto informativo e viene utilizzato per rilevare anomalie strutturali nella ghiandola tiroidea, nonché per identificare in esso formazioni volumetriche (ad esempio, cisti, tumori, ecc.).

Quando una ghiandola tiroidea ingrossata viene talvolta utilizzata come scintigrafia (scansione di radioisotopi) per valutare il grado della sua funzionalità. La tomografia computerizzata e la risonanza magnetica possono anche essere utilizzate per diagnosticare il cancro alla tiroide.

Diagnosi di malattie infiammatorie croniche della gola

La diagnosi delle malattie infiammatorie croniche della gola consiste principalmente nel valutare i reclami dei pazienti, alcuni dati storici (per esempio, condizioni di lavoro pericolose, consumo di alcool, fumo, ipotermia, angina, ecc.) E risultati di un esame clinico della mucosa faringea, della laringe e delle tonsille palatine. Va notato che la diagnosi di una malattia della gola non può essere fatta solo sulla base dei sintomi, poiché i loro sintomi sono più o meno gli stessi e gli stessi sintomi (ad esempio mal di gola) possono comparire in diverse patologie.

I sintomi caratteristici della faringite cronica (infiammazione della membrana mucosa della faringe) sono dolore, solletico, secchezza, bruciore, prurito alla gola, sensazione di un nodulo alla gola, tosse, ipersalivazione (aumento della salivazione). La faringoscopia (esame clinico della cavità faringea) può rivelare arrossamento e gonfiore della mucosa faringea, il suo ispessimento, la presenza di muco torbido. In alcuni casi, al contrario, diventa più sottile. Ciò si verifica nella forma atrofica della faringite cronica. In questa forma, la mucosa faringea diventa di colore pallido o rosa pallido e perde la sua capacità di secernere muco, a causa della quale diventa secca.

I sintomi principali della tonsillite cronica (infiammazione delle tonsille) sono dolore, indolenzimento, prurito, secchezza e sensazione di corpo estraneo (nodulo) nella gola, un odore sgradevole nella cavità orale, un aumento dei linfonodi. Quando ispezionano le tonsille, mostrano sempre arrossamento e gonfiore: sulla loro superficie, è abbastanza spesso possibile rivelare formazioni ovali o arrotondate gialle negli spazi vuoti delle tonsille. Spesso, con questa patologia, si verifica il rossore e il gonfiore delle arcate palatine, in alcune situazioni formano aderenze (aderiscono insieme) con le tonsille palatine.

Nella laringite cronica (infiammazione della mucosa della laringe), i pazienti notano molto spesso la presenza di mal di gola, alterazioni della voce, tosse costante e sensazione di un nodulo alla gola. Con laringoscopia (esame clinico della cavità faringea) si possono rilevare ispessimenti e arrossamenti della mucosa laringea.

Con tutte queste patologie (faringite cronica, laringite, tonsillite) sono possibili sintomi di intossicazione del corpo, come febbre, debolezza, mal di testa, malessere, dolore alle articolazioni, muscoli, vertigini, ridotta capacità lavorativa.

Al fine di identificare un agente patogeno nelle malattie infiammatorie croniche della gola, ai pazienti vengono spesso prescritti test di laboratorio microbiologici.

Diagnosi della sindrome postnasale

La sensazione di un nodo alla gola con sindrome postnasale, di regola, sfuma sullo sfondo. I sintomi caratteristici della patologia della cavità nasale vengono sempre alla ribalta. Possono essere congestione nasale, secrezione di muco dal naso, dolore e secchezza nel naso, sangue dal naso, russare di notte. I sintomi di intossicazione del corpo (mal di testa, febbre, malessere, debolezza, dolore nei muscoli e nelle articolazioni, ecc.) Sono anche caratteristici delle malattie del naso. Inoltre, con la sindrome postnasale, possono verificarsi tosse, mancanza di respiro, dolore, bruciore, graffi, prurito alla gola e cambiamenti nella voce. Tali pazienti spesso espettoranti (sputi) provenienti dal naso in gola (moccio).

Per confermare che un paziente ha la sindrome postnasale, il medico deve identificare qualsiasi patologia nella cavità nasale (o nel rinofaringe). Per fare ciò, esegue la rinoscopia anteriore e posteriore (esame della cavità nasale davanti e sul lato del rinofaringe) e prescrive anche radioterapia (radiografia, tomografia computerizzata) e studi di laboratorio (microbiologici, citologici, sierologici).

La rinoscopia aiuta il medico curante a identificare l'infiammazione della mucosa nasale e / o del nasofaringe, per rilevare il suo contenuto patologico (moccio, pus). Anche con questo studio, nella cavità nasale e nasofaringe, è possibile rilevare lesioni volumetriche (tumori, adenoidi) o le loro anomalie strutturali.

I metodi di ricerca delle radiazioni (radiografia, tomografia computerizzata) sono spesso usati nella diagnosi di sinusite (infiammazione della mucosa dei seni paranasali), tumori del naso e nasofaringe, adenoidi. Aiutano a identificare con precisione la localizzazione del processo patologico, a valutare l'entità del danno ai tessuti e alle strutture circostanti, a determinare la gravità della malattia e le tattiche di ulteriore trattamento.

I metodi di laboratorio (ricerca microbiologica, citologica, sierologica) sono solitamente utilizzati per identificare con precisione il microbo patogeno che ha causato la malattia del naso.

Nella diagnosi del sintomo postnasale, la faringoscopia (esame della cavità faringea) è importante per escludere la faringite (infiammazione della mucosa faringea), che può essere una conseguenza (complicazione) delle malattie nasali (come il moccio che scorre lungo la faringe può causare l'infiammazione della mucosa) e può anche causare una sensazione di un nodo in gola. Il rilevamento della faringite è uno dei fattori che determinano la tattica del trattamento corretto ed efficace.

Diagnosi di Paratonzillite

Con peritonsillite, dolore, bruciore, dolore, sensazione di un nodo alla gola, trisma (una forte riduzione dei muscoli masticatori delle mascelle), difficoltà a deglutire cibo, debolezza, nasalismo, febbre, diminuzione delle prestazioni, dolore ai muscoli e alle articolazioni, sensazione di debolezza. Mal di gola spesso aggravato quando si gira, girando la testa. Spesso irradiano (diffondono) sui denti e sulle orecchie.

Un esame esterno del paziente può rilevare i linfonodi ingranditi. All'esame della gola, è facile identificare arrossamenti e gonfiori dei tessuti situati vicino alle tonsille. Molto spesso si può rilevare un aumento delle tonsille stesse, poiché la paratonsillite è spesso associata all'angina (infiammazione acuta delle tonsille) o alla tonsillite cronica (infiammazione delle tonsille). In tali casi, la presenza di chiazze e ulcere giallo-bianche può essere rilevata sulla superficie delle tonsille.

Per diagnosticare la peritonsillite, l'esame microbiologico dello scarico della mucosa della gola viene anche utilizzato per identificare il tipo di microbi patogeni che lo hanno causato.

Diagnosi di ascessi della gola

Con ascessi nella gola, può esserci dolore (che spesso si diffonde alle orecchie, denti), difficoltà a deglutire, respirare, alitosi, cambio di voce (raucedine), febbre, brividi, mal di testa, indisposizione, ingrossamento dei linfonodi (sottomandibolare, collo), mancanza di respiro. A causa di un grave gonfiore dei tessuti nella gola (dovuto a infiammazione), tali pazienti spesso hanno una sensazione di gola (o di corpo estraneo). A volte questa zona può causare formicolio, bruciore, prurito. Il dolore può comparire non solo nella gola, ma anche oltre, per esempio, nel collo, specialmente quando si piega o si gira in direzioni diverse della testa.

La diagnosi di questa patologia è fatta sulla base dei sintomi caratteristici (che sono stati dati sopra) e dei risultati della faringoscopia (esame della cavità faringea) e della laringoscopia (esame della cavità laringea). I risultati degli ultimi due studi dovrebbero indicare che il paziente ha edema significativo della membrana mucosa della faringe e / o laringe, il suo arrossamento e la presenza di un'ulcera in una delle pareti di queste formazioni anatomiche con una sommità giallastra. Come ulteriore studio, il medico curante può ordinare al paziente di sottoporsi a tomografia computerizzata dell'area cervicale per valutare l'entità del danno ai tessuti ascessi circostanti.

Diagnosi di una gola annuendo sui nervi

Un nodulo alla gola sullo sfondo di stati emotivi (con paura, dolore, sentimenti, eccitazione) e disturbi mentali (durante la depressione, la nevrosi, l'isteria) o lo stress è molto più comune nelle donne. In tali situazioni, questo sintomo può essere combinato con una sensazione di mancanza di aria (dovuta allo spasmo dei muscoli della faringe), secchezza nella gola o nella cavità orale, solletico, bruciore e crudezza nella gola. A volte ci possono essere intorpidimento delle labbra, lingua, oppressione al collo.

È molto importante che in tali condizioni (emozioni, disturbi mentali, stress) non vi sia violazione della deglutizione, a differenza delle malattie organiche della faringe e dell'esofago (diverticolo esofageo, ernia iatale dell'esofago, tumori della gola, faringite cronica, ecc.), Che può anche causare un groppo in gola.

Anche il dolore durante la deglutizione (che è più comune nelle malattie infettive infiammatorie della gola) è assente. Inoltre, un nodulo alla gola può scomparire dopo aver consumato un liquido o un cibo, in modo che possiamo concludere che è di natura neurologica. Ci sono stati casi in cui un nodo alla gola è passato senza lasciare traccia con un forte grido.

Trattamento delle cause di un nodulo in gola

Trattamento di acalasia del cardias

Trattamento di sclerodermia sistemica

Lo scleroderma sistemico viene trattato con glucocorticoidi (steroidi anti-infiammatori) e immunosoppressori (riduce l'attività del sistema immunitario). L'uso di questi due gruppi di agenti è la base della terapia di successo. Oltre a loro, a seconda del danno di vari organi, vengono utilizzati vari gruppi di farmaci sintomatici. Ad esempio, la procinetica (migliorare la sua motilità) e i farmaci antisecretori (ridurre la produzione di succo gastrico) sono prescritti per la sconfitta dell'esofago, i glicosidi cardiaci (stimolano l'attività cardiaca) e diuretici (diuretici) sono prescritti per le lesioni del cuore.

In caso di violazione dell'ingestione di cibo, viene prescritta una nutrizione frazionata in piccole porzioni, escludere l'assunzione di cibo dopo le 18:00. Dalla dieta rimuovi cibo duro, indigesto, cibi e bevande contenenti caffeina e molto grasso. Si consiglia a tali pazienti di evitare alcol, fumo, stress, freddo. Durante il sonno (o solo quando si è sdraiati), è necessario alzare la testata del letto. Migliora il movimento del cibo attraverso l'esofago e aiuta ad eliminare la sensazione di un nodulo alla gola.

Trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo

Punti importanti nel trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo sono il trattamento non farmacologico e farmacologico. La prima comprende l'organizzazione della dieta (eliminazione dalla dieta di cibi grassi e dolci, alcol, agrumi, caffè, bevande gassate, ecc.) E lo stile di vita (evitando l'attività fisica, aumentando la pressione intra-addominale, il fumo, combattendo l'obesità, ecc.).

Come trattamento farmacologico, tali pazienti vengono solitamente prescritti antiacidi (neutralizzare l'acido cloridrico, che viene prodotto nello stomaco), procinetici (farmaci che stimolano la motilità nel sistema gastrointestinale) e farmaci antisecretori (ridurre la secrezione di succo gastrico). In assenza di risultati positivi nell'uso di trattamenti non farmacologici e farmacologici, è indicato l'intervento chirurgico.

Trattamento del diverticolo esofageo

Il trattamento chirurgico di questa patologia elimina immediatamente tutti i sintomi osservati in essa. Consiste in una diverticulectomia (cioè la rimozione o l'escissione del diverticolo stesso dall'esofago) e l'ulteriore restauro artificiale della sua parete nel punto dell'incisione del diverticolo.

Nei polmoni lo stadio di questa malattia è ricondotto al trattamento conservativo, che non può eliminarlo completamente, ma è necessario prevenirne la progressione. Questo trattamento consiste nell'organizzazione di una dieta appropriata (uso di alimenti non rigidi, che hanno determinate caratteristiche termiche e chimiche, consumo di grandi volumi di liquidi, ecc.) E la nomina di un costante risciacquo del paziente nella cavità orale con soluzioni antisettiche.

Trattamento dell'ernia iatale (ernia iatale)

Il trattamento più efficace per questa patologia è considerato il ripristino chirurgico della corretta posizione anatomica dell'esofago e degli organi del sistema gastrointestinale che seguono (lo stomaco e l'intestino), così come altri organi della cavità addominale.

Nei casi lievi di uso clinico del trattamento farmacologico. A tal fine, prescrivere farmaci antisecretori (ridurre la secrezione gastrica), antiacidi (legare l'acido cloridrico dello stomaco) e procinetici (stimolare la motilità del tratto gastrointestinale). Questi farmaci prevengono gli effetti avversi del succo gastrico sulla membrana mucosa dell'esofago, riducendo così la possibilità di esofagite (infiammazione della mucosa esofagea). Accelerano anche il passaggio del cibo attraverso il tubo gastrointestinale.

Trattamento delle ustioni della faringe e dell'esofago

Per le ustioni chimiche della faringe e dell'esofago nelle prime sei ore è necessario neutralizzare il veleno che li ha provocati. Per fare questo, al paziente viene dato un antidoto (antidoto), la cui scelta dipende sempre dal tipo di veleno che ha causato l'ustione chimica. Ad esempio, in caso di ustioni con acido, al paziente viene prescritta una lavanda gastrica con soluzione di bicarbonato di sodio, e in caso di ustioni con alcali caustici, al paziente vengono somministrate soluzioni a basso concentrato di acidi (citrico, acetico, ecc.). Con un agente traumatico chimico sconosciuto, la lavanda gastrica viene eseguita con acqua pura o latte.

In caso di ustioni termiche della faringe e dell'esofago, il paziente deve bere una certa quantità (circa 0,5 - 1 litro) di acqua fresca il prima possibile. Le aree danneggiate della cavità orale lubrificano il 5% di soluzione di permanganato di potassio (permanganato di potassio). È anche necessario fare i gargarismi con una soluzione debole di permanganato di potassio.

Per gravi ustioni delle membrane mucose della faringe e dell'esofago, sono prescritti analgesici (antidolorifici), antibiotici (per prevenire l'infezione delle mucose interessate), disintossicazione e antishock (per rimuovere le tossine dannose e normalizzare la quantità di liquidi nel corpo) e una dieta salva (a volte nutrizione parenterale). Con lo sviluppo della stenosi (restringimento persistente e grave del lume) dell'esofago, il trattamento chirurgico viene utilizzato per ripristinare la sua normale pervietà.

Trattamento dello spasmo diffuso dell'esofago

Trattamento della candidosi orale

Trattamento dei tumori della gola

Trattamento delle patologie che causano l'ingrossamento della ghiandola tiroidea in termini di dimensioni

Trattamento delle malattie infiammatorie croniche della gola

Il trattamento della laringite cronica (infiammazione della mucosa della laringe) consiste nella prescrizione di antibiotici (penicillina, streptomicina, ecc.) E di farmaci antinfiammatori (idrocortisone). Nel trattamento della tonsillite cronica (infiammazione delle tonsille), le lacune delle tonsille vengono lavate con vari farmaci antisettici (disinfettanti) (manganese, furacilina, acido borico, iodio).

In alcuni casi, antibiotici, sostanze antinfiammatorie, enzimi, agenti sclerosanti vengono iniettati nelle tonsille colpite. Inoltre, i pazienti con tonsillite cronica sono sottoposti a determinate procedure fisioterapeutiche (terapia ad altissima frequenza, a frequenza ultraelevata, ecc.). In situazioni cliniche gravi tali pazienti necessitano di tonsillectomia (cioè la rimozione completa della tonsilla infiammata).

Nella faringite cronica (infiammazione della membrana mucosa della faringe), i gargarismi con antisettici (iodio, lapislazzuli, furatsilina, protargol, collagene, ecc.), L'infusione di farmaci antinfiammatori (camomilla, salvia), sono meno comunemente usati come antibiotici.

Con un aumento della temperatura corporea e una sensazione di indisposizione con tutte e tre le patologie (laringite cronica, faringite, tonsillite), si consiglia ai pazienti di usare farmaci antinfiammatori non steroidei (ibuprofene, paracetamolo, aspirina, ecc.).

Trattamento della sindrome postnasale

Il trattamento della sindrome nasale dipende dalla patologia che lo ha provocato. In molte malattie del naso sono prescritti farmaci vasocostrittori, antistaminici, antibatterici, antivirali, antinfiammatori e antipiretici. Tutti questi strumenti, di norma, contribuiscono all'eliminazione delle infezioni, riducono l'infiammazione della mucosa nasale, riducono il gonfiore, il rossore e, quindi, migliorano la respirazione nasale, riducono il rilascio di moccio in gola.

In alcuni casi (ad esempio, per tumori, anomalie dello sviluppo del naso e del nasofaringe, adenoidi), il trattamento farmacologico è inefficace, quindi i medici prescrivono un trattamento chirurgico. Se la sindrome postnasale ha contribuito allo sviluppo della faringite (infiammazione della mucosa della faringe), oltre a quei farmaci che vengono utilizzati nel trattamento della malattia del naso (infettiva), prescrivono gargarismi con soluzioni antisettiche.

Trattamento della peritonsillite

Trattamento ascesso alla gola

Trattamento di un nodulo alla gola che appare sui nervi del terreno

Se un nodo alla gola appare sullo sfondo di qualsiasi stato emotivo (paura, eccitazione, sentimenti, dolore, sentimenti misti), allora per liberarsi di esso, il paziente ha solo bisogno di calmarsi e questo sintomo deve passare da solo. Se, tuttavia, il paziente non è in grado di riportare le sue emozioni alla normalità, allora può essere prescritto sedativi (sedativi) (ad esempio, valeriana, validolo). In alcuni casi (specialmente dopo gravi disordini emotivi, stress severo), i sedativi potrebbero non essere in grado, quindi il paziente dovrebbe essere consultato da uno psicoterapeuta per completare i corsi sulla psicocreazione (correzione psicologica).

Se un nodo alla gola è causato da disturbi mentali (nevrosi, isteria, depressione), questi pazienti vengono trattati con tranquillanti (farmaci che alleviano l'ansia), sedativi (sedativi), antidepressivi, vitamine del gruppo B, beta-bloccanti (riducono la sensazione di paura), sonniferi. Di norma, uno psichiatra, uno psicoterapeuta o uno psicologo di solito lavora con tali pazienti. Tutto dipende dalla gravità del disturbo mentale.

Metodi tradizionali di trattamento delle patologie che portano alla sensazione di un nodulo alla gola

I metodi tradizionali di trattamento raramente aiutano i pazienti che hanno la sensazione di un nodulo alla gola. Prima di tutto, ciò è dovuto al fatto che un numero sufficientemente ampio di patologie che causano questo sintomo può essere efficacemente curato solo con l'aiuto dell'intervento chirurgico.

I rimedi popolari non possono essere usati nelle seguenti patologie:

  • acalasia (fallimento funzionale) del cardias (sfintere esofageo inferiore);
  • esofago diverticolo;
  • ernia iatale (ernia iatale);
  • ustioni della faringe e dell'esofago;
  • spasmo diffuso dell'esofago;
  • tumori della gola (faringe, laringe, esofago);
  • ascesso della gola (paratonsillare, parafaringeo, epiglottide).
In secondo luogo, anche se un paziente ha alcune patologie (ad esempio, sclerodermia sistemica, malattia da reflusso gastroesofageo, spasmo diffuso dell'esofago, disturbi mentali, sindrome postnasale), che non richiedono interventi chirurgici radicali, per un effetto più favorevole (trattamento) ha bisogno di usare farmaci che non hanno i loro analoghi nei metodi popolari di trattamento.

I rimedi popolari possono essere usati nel trattamento della candidosi orale, delle malattie infiammatorie della gola (paratonilite, faringite cronica, tonsillite, laringite), nonché per calmare il paziente in determinati stati emotivi (dolore, paura, ansia, ecc.). In tali casi, i metodi tradizionali di trattamento non sempre aiutano i pazienti, quindi prima di usarli dovresti consultare un medico specialista (otorinolaringoiatra, gastroenterologo, medico di famiglia, ecc.).

Nella tonsillite o peritonsillite cronica, le tonsille palatine infiammate (o i tessuti che circondano queste tonsille) possono essere spalmate con succo di aloe mescolato con miele in un rapporto di 3 a 1 per 2 settimane (ogni giorno). Il giorno, questa procedura si consiglia di ripetere non più di 2 - 3 volte. Inoltre, nella tonsillite cronica e nella peritonsillite, è utile sciacquare costantemente la gola con una soluzione preparata da acqua, bicarbonato di sodio, sale e iodio. Per fare una soluzione del genere, devi prendere mezzo cucchiaio di bicarbonato di sodio e sale e alcune gocce di iodio. Tutto questo dovrebbe essere messo in un bicchiere di acqua calda, mescolare e fare i gargarismi ogni giorno più volte al giorno.

Nella laringite cronica, l'inalazione può essere fatta da corteccia di quercia e corteccia di viburno. Per fare questo, prendi dieci grammi di corteccia di ogni pianta e metti acqua bollente in un bicchiere e fai bollire per 15-20 minuti. Tale inalazione può essere eseguita più volte al giorno. Anche un buon rimedio per faringite sono l'inalazione di oli essenziali di eucalipto, menta piperita, timo. Tali pazienti possono anche fare gargarismi più volte al giorno con barbabietole fresche o succo di patate.

Nella faringite cronica, la lubrificazione delle tonsille nella gola (o parete posteriore faringea) con tintura di propoli è abbastanza buona. Per preparare una tale infusione, è necessario prendere il 10% di estratto alcolico di propoli e mescolarlo con glicerina (o olio di pesca) in un rapporto da 1 a 2. È possibile utilizzare questa tintura secondo necessità.

Quando la candidosi della bocca aiuta bene decotto di Hypericum o decotto di rosmarino selvatico. Il primo può essere preparato mettendo un cucchiaio di erba di San Giovanni in un bicchiere d'acqua. Quindi questa miscela deve essere bollita per 10-15 minuti e insistere. Per la preparazione del secondo decotto, 20 g di tè di roseum selvatico essiccato vengono versati in un bicchiere d'acqua e bolliti a fuoco basso per 10 minuti, quindi infusi. Entrambe le tinture sono intese per il risciacquo della bocca. Questo risciacquo può essere fatto ogni giorno (3 - 6 volte al giorno).

Un nodo alla gola si trova spesso con determinate emozioni (dolore, paura, eccitazione, ecc.). Per eliminare questo sintomo, la più importante è la sedazione completa. In alcuni casi, il paziente non può farlo da solo. Pertanto, a volte ha bisogno di prendere qualcosa. Uno dei sedativi più efficaci è una tintura a base di camomilla (2 parti), biancospino (3 parti), motherwort (3 parti) e menta (2 parti). Queste erbe dovrebbero essere poste in 500 ml di acqua bollente, mescolare, infondere e filtrare. Mangia la tintura alla calma dovrebbe essere 3 volte al giorno.

Un nodo in gola e il respiro affannoso

In alcuni casi, patologie che causano un nodulo alla gola possono contemporaneamente causare il blocco del lume delle prime vie respiratorie. Questo può essere osservato spesso con i tumori della gola (faringe, laringe, esofago), con una ghiandola tiroidea ingrossata, ascessi della gola (paratillare, parafaringeo, epiglottico). Inoltre, questo può verificarsi nei pazienti per motivi nervosi - con determinate emozioni (per paura, dolore, esperienze) o per disturbi mentali (depressione, nevrosi, isteria).

Il restringimento del lume delle vie respiratorie causa quasi sempre una sensazione di mancanza d'aria (poiché l'aria penetra nel corpo in quantità insufficiente). Per compensare questa mancanza, il paziente cerca di respirare più spesso e collega anche la sua bocca al processo di respirazione. Quindi ha mancanza di respiro. Con la sclerodermia sistemica, la respirazione può anche essere difficile, ma non è associata a un restringimento del lume delle vie respiratorie, ma a danni al tessuto polmonare. L'apparizione di un nodulo alla gola con sclerodermia è dovuta alla sconfitta delle pareti dell'esofago e al movimento alterato del cibo attraverso di esso, il che rende difficile deglutire (il cibo rimane bloccato nella gola e non si muove).

Un nodo in gola e difficile da ingoiare

Ci sono due tipi di pazienti con difficoltà a deglutire e sensazione di un nodulo alla gola. Il primo tipo di cibo ingerito nella gola causa dolore intenso, quindi questi pazienti cercano di mangiare meno cibo (liquido o solido) e lamentano difficoltà a deglutire. Nel secondo tipo di pazienti, la deglutizione non è accompagnata da dolore alla gola. Queste persone semplicemente non possono ingoiare cibo perché semplicemente non si muove ulteriormente lungo il sistema digestivo. Tali pazienti di solito si lamentano del cibo che rimane bloccato nella loro gola.

Nei pazienti di primo tipo, le difficoltà con la deglutizione e la sensazione di un nodulo alla gola sono più spesso causate da malattie infiammatorie della gola (ad esempio faringite cronica, tonsillite, parafaringea o ascesso paratonsillare, ustioni della faringe o dell'esofago, paratonzillite, ecc.). Nei pazienti del secondo tipo, la difficoltà a deglutire il cibo e la sensazione di un nodulo alla gola sono principalmente innescati da qualsiasi patologia esofagea (ad esempio, diverticolo esofageo, acalasia del cardias, spasmo diffuso dell'esofago, ecc.), Accompagnata da una violazione della sua motilità, restringimento del suo lume, ci sono anomalie strutturali in esso.

Quali sono le patologie del dolore e del nodo in gola?

Il dolore e un nodo alla gola, di regola, sono segni di malattie infiammatorie della gola, accompagnate da danni alla mucosa. Possono essere faringite cronica (infiammazione della membrana mucosa della faringe), tonsillite (infiammazione delle tonsille), laringite (infiammazione della mucosa della laringe), paratonsillite (infiammazione dei tessuti che circondano la tonsilla). Con queste patologie, il dolore è solitamente lieve o moderato, e un nodo alla gola può non apparire sempre.

Forti dolori alla gola sono osservati con ascessi alla gola (paratonsillare, parafaringeo, epiglottico). Un groppo in gola con tali ascessi è sentito dai pazienti molto più spesso che con le comuni malattie infiammatorie della gola.

Il dolore e un nodo alla gola sono spesso associati ad altri sintomi importanti per la diagnosi, come febbre, brividi, mal di testa, malessere, difficoltà a deglutire, respiro, alitosi, cambiamenti della voce (raucedine), linfonodi ingrossati (sottomandibolari, cervicali), dispnea, diminuzione delle prestazioni, dolore ai muscoli e alle articolazioni, sensazione di debolezza, indolenzimento, secchezza, bruciore, prurito alla gola.

Perché un nodo alla gola dopo aver mangiato?

Un grumo in gola dopo aver mangiato è l'indicatore principale della violazione del corretto funzionamento del sistema gastrointestinale. Questo sintomo è spesso osservato in varie patologie dell'esofago (spasmo diffuso dell'esofago, scleroderma sistemico, insufficienza dello sfintere esofageo inferiore). Quando lo sono, la parete muscolare dell'esofago smette di funzionare normalmente, motivo per cui il cibo si blocca prima nella cavità esofagea, e poi nella gola stessa, provocando così la sensazione di un nodulo alla gola.

Con il diverticolo dell'esofago nella sua struttura, si osserva un'anomalia della struttura sotto forma di protrusione della sua parete, a seguito della quale il cibo spesso entra in questa formazione e non può avanzare ulteriormente. Inoltre, questo porta all'accumulo di cibo, prima nell'esofago superiore e poi nella gola (da qui la sensazione di un nodulo alla gola). Con ustioni dell'esofago e malattia da reflusso gastroesofageo, la membrana mucosa dell'esofago è interessata e infiammata. In alcuni casi, la guarigione di pile dopo tali patologie può essere accompagnata dall'apparizione di stenosi (restringimenti del suo lume) e adesioni (aderenze) tra le sue pareti, che porta alla sua ostruzione. Pertanto, quando si mangia, non sarà in grado di passare normalmente attraverso l'esofago e gradualmente rimarrà bloccato nell'esofago e poi nella gola. Questo è il principale meccanismo per lo sviluppo di una sensazione di un nodulo alla gola.

Un nodo alla gola può anche verificarsi in malattie che coinvolgono spremitura dell'esofago e restringimento del suo lume. Molto spesso questo si verifica con gonfiore della gola (faringe, laringe, esofago), gozzo (ingrossamento della ghiandola tiroidea), ernia iatale (ernia dell'apertura esofagea del diaframma). In tali situazioni, il cibo non può penetrare nelle parti inferiori dell'esofago, quindi rimane bloccato nella gola, causando una sensazione soggettiva di nodulo alla gola.

Perché si verifica un nodulo alla gola e alla tosse?

La tosse è una reazione protettiva del corpo, finalizzata alla pulizia delle vie respiratorie da varie sostanze estranee. Questa reazione di solito si verifica quando l'irritazione delle terminazioni nervose innervando la membrana mucosa delle vie respiratorie. Tale irritazione è spesso osservata nella sua infiammazione, che si verifica in faringite cronica, tonsillite, laringite, sindrome post-nasale, candidosi orale, scleroderma sistemico e ustioni alla gola. Il danno alla mucosa in questi casi non è solo la causa della tosse, ma anche la sensazione di un nodulo alla gola.

Alcune malattie della gola (tumori della gola, ingrossamento della ghiandola tiroidea) possono essere accompagnate da compressione simultanea (compressione) dell'esofago e del tratto respiratorio (laringe, faringe, trachea), che porta alla loro ostruzione. Il restringimento del lume dell'esofago porta a difficoltà a deglutire (a causa dell'accumulo di cibo nell'esofago), il cibo si incastra nella gola, causando una sensazione in esso di un nodulo. Il restringimento del lume delle vie respiratorie è accompagnato da una tosse riflessa (automatica), poiché il corpo pensa che una specie di corpo estraneo sia penetrato nel lume delle vie, causando l'ostruzione (blocco) delle vie respiratorie e che deve essere rimosso (tossendo).

Il cibo in gola può rimanere bloccato non solo in caso di malattie che comportano la compressione dell'esofago, ma anche nel diverticolo dell'esofago. Una tosse con un diverticolo può svilupparsi a causa del fatto che parte del cibo che rimane bloccato in gola e crea una sensazione di nodulo alla gola (questo è esattamente ciò che accade con il diverticolo dell'esofago) può accidentalmente entrare nel tratto respiratorio, causando così irritazione delle loro mucose e provocando la tosse.

Perché compaiono eruttazioni e grumi nella gola?

L'eruttazione è una condizione in cui il gas fuoriesce dallo stomaco nell'esofago e quindi attraverso di esso questi gas entrano nella cavità orale. L'eruttazione e un nodulo alla gola sono spesso segni di una malattia da reflusso gastroesofageo, in cui non solo i gas ma anche il resto del contenuto gastrico, che ha un forte effetto irritante sulla mucosa esofagea, entra nell'esofago dallo stomaco.

L'ingestione periodica di contenuti gastrici nell'esofago provoca esofagite (infiammazione della mucosa esofagea). A causa di esofagite da reflusso (cioè infiammazione della mucosa esofagea, che si manifesta sullo sfondo del ritorno del contenuto dello stomaco), questi pazienti hanno la sensazione di un nodulo alla gola. Eruttazioni e grumi nella gola possono verificarsi anche con ernia iatale (ernia dell'apertura esofagea del diaframma) e sclerodermia sistemica. Entrambe queste malattie possono essere accompagnate da esofagite da reflusso.

In quali situazioni la gola è graffiante e grumosa?

Perché c'è un nodo in gola e la temperatura?

L'aumento della temperatura corporea è sempre un sintomo di un processo infiammatorio nel corpo umano. Un nodo alla gola e ad alta temperatura sono solitamente segni di patologia nella faringe (paratonsillite, paratonsillare o ascesso parafaringeo, faringite cronica, tonsillite) o laringe (laringite cronica, ascesso epiglottico). Un nodulo alla gola e febbre può verificarsi anche nelle malattie del naso (sindrome post-nasale) e della cavità orale (candidosi), in cui l'infezione si diffonde spesso alla faringe. Tutte queste malattie infiammatorie hanno più spesso una natura infettiva (cioè causata da virus, batteri, funghi).

Un aumento della temperatura durante una lesione della faringe e / o laringe è dovuto al fatto che durante l'infiammazione dei tessuti della gola, i microbi e le cellule del corpo rilasciano tossine e pro-infiammatori (sostanze che stimolano i processi infiammatori), che poi con un flusso sanguigno agiscono sui recettori del centro della temperatura nel cervello. Come risultato di tali effetti, alcune strutture del cervello cambiano la loro attività e stimolano un aumento del metabolismo (metabolismo) nei tessuti del corpo, che è accompagnato da un aumento della temperatura corporea.

Le tossine e i prodotti pro-infiammatori agiscono non solo sistematicamente ma anche localmente. Provocano irritazione delle terminazioni nervose che innervano la mucosa della laringe e della faringe. Questo spiega l'aspetto di un nodulo alla gola con malattie infiammatorie della gola.