Dettagli sulla rimozione della vescica: chirurgia, conseguenze e complicanze

La rimozione della vescica (cistectomia) è un'operazione pericolosa e difficile. Richiede una grande professionalità del chirurgo, un accurato esame preoperatorio del paziente e un lungo periodo di riabilitazione. Poiché l'intervento di questo tipo è caratterizzato da un grande trauma, viene eseguito rigorosamente secondo le indicazioni, quando non c'è altra via d'uscita. Questo è il metodo più radicale di terapia. Secondo le statistiche, la cistectomia non è così spesso richiesta, che dimostra ancora una volta che l'operazione di rimozione della vescica è una misura estrema.

La struttura della vescica

Nella pratica medica, ci sono due tipi di tali interventi:

  1. Rimozione della vescica, durante la quale viene resecato un organo.
  2. Cistectomia totale o radicale, in cui, oltre all'organo stesso, un uomo rimuove i linfonodi regionali, le vescicole seminali e, in alcuni casi, parte dell'intestino e della prostata.

Si tratta di disabilitare la manipolazione. Cos'è la cistectomia?

Indicazioni per la chirurgia

Poiché si tratta di un intervento serio, l'elenco delle indicazioni è esaustivo e comprende:

  • Processi neoplastici della vescica di un carattere maligno agli stadi 3-4 (vedi Cancro alla vescica). La rimozione dell'organo è indicata solo nel caso in cui non vi siano metastasi agli organi circostanti, ma il tumore ha iniziato a germinare nelle strutture anatomiche vicine. Questa è un'opportunità per salvare la vita del paziente.
  • Rughe della vescica (microcristo). In questo caso si osservano massicci cambiamenti fibrosi (cicatriziali) sulla parte dell'organo cavo. Come risultato della patologia, la vescica non è in grado di allungarsi a causa di una diminuzione dell'elasticità. Questo è irto della sua rottura e dello sviluppo della peritonite. La malattia si forma a seguito del decorso della cistite interstiziale o della tubercolosi.
  • Papillomatosi sviluppata della vescica. Particolarmente diffusa la sua forma. La malattia è caratterizzata dallo sviluppo di una moltitudine di lesioni benigne (papillomi) sparse su tutta la superficie della vescica. Per la papillomatosi interna, è tipico un alto rischio di trasformazione maligna dei tumori.
  • Neoplasie maligne della vescica, con singole metastasi ai linfonodi regionali. In tale situazione, l'organo viene rimosso insieme alle strutture linfatiche interessate.

Controindicazioni

L'elenco delle controindicazioni, al contrario, è approssimativo. Poiché si tratta di un'operazione pesante e lunga, non tutti sono in grado di sopportare un tale test. Non è possibile eseguire un'operazione:

  • Persone di età anziana e senile a causa del bisogno di anestesia prolungata.
  • Persone in gravi condizioni.
  • Pazienti con malattie infettive e infiammatorie delle vie urinarie in fase acuta. Il rischio di diventare sepsi è alto.
  • Pazienti con bassa coagulazione del sangue.

Le prime due letture sono assolute. Quelli successivi sono relativi e richiedono una correzione di stato.

Preparazione preoperatoria

È necessario esaminare attentamente il paziente al fine di ridurre il rischio di morte e complicanze postoperatorie. Le azioni sono tipiche per la preparazione di qualsiasi intervento chirurgico, tuttavia c'è una specificità.

Ricerca e analisi

Le raccomandazioni sulla ricerca, l'analisi e la preparazione necessarie per la chirurgia sono fornite solo dal medico curante!

Esami del sangue generali e biochimici. Forniscono l'opportunità di identificare i processi infiammatori infettivi.

  • Determinazione della concentrazione di zucchero (glucosio) nel sangue capillare.
  • Ultrasuoni della cavità addominale, radiografia dei polmoni.
  • Coagulazione. Offre l'opportunità di valutare la coagulazione del sangue.
  • Cistoscopia. Indicato per mettere in scena il processo e designare la natura dell'intervento chirurgico.
  • Preparazione diretta

    • Per due settimane, devi interrompere l'assunzione di alcuni medicinali: Aspirina e altri;
    • una settimana prima dell'operazione il paziente viene trasferito a una dieta povera di fibre;
    • è vietato mangiare cibo per due giorni e si raccomanda di bere di più;
    • il trattamento igienico della zona inguinale è obbligatorio;
    • un clistere purificante e un apporto diuretico sono prescritti al giorno per "espellere" il fluido in eccesso dal corpo;
    • per 12 ore è vietato fumare, usare alcol;
    • dalla sera prima l'operazione non può bere liquido.

    Questo allenamento non finisce. In quasi due settimane, il medico prescrive un ciclo di antibiotici per l'uomo per prevenire infezioni secondarie e prebiotici per normalizzare la microflora intestinale. Inoltre, tali misure sono necessarie per preparare il tratto gastrointestinale: è possibile utilizzarne una parte per lo scarico delle urine.

    Tecniche di intervento

    La tecnica di cistectomia più comune è la seguente:

    • Il paziente viene posizionato sul tavolo operatorio. Trattare il luogo dell'incisione desiderata con soluzioni antisettiche, designare la linea di escissione. Un catetere viene inserito nella vescica per drenare l'urina. Negli uomini, l'uretra è lunga e stretta, ci sono curve anatomiche che impediscono il normale ingresso del catetere. Pertanto, uno specialista deve fare attenzione a non danneggiare le pareti dell'uretra.
    • Poi c'è un'incisione ad arco di due o tre dita dei tessuti sopra il pube per esporre l'organo.
    • La vescica viene asportata, il medico esamina l'organo cavo.
    • Le pareti dell'organo sono fisse, inoltre viene eseguita la fissazione della ghiandola prostatica (durante l'intervento radicale).
    • Il medico esegue l'escissione degli ureteri, legando i dotti eiaculatori, mobilizza gli organi del sistema urinario, tagliando i legamenti.
    • Viene eseguita una cateterizzazione secondaria per lo scarico delle urine.
    • La vescica stessa viene rimossa.
    • Attraverso un foro nella cavità addominale, il chirurgo introduce uno speciale serbatoio per la raccolta temporanea di urina.
    • Il dottore cuce la ferita.

    I metodi di diversione delle urine sono molto variabili:

    1. Creazione di uno stoma umido quando il canale urinario è formato da una parte dell'ileo (è richiesto un uso costante del sacco per l'orinatoio).
    2. Formazione di uno stoma da altre parti del tratto gastrointestinale.
    3. Infine, il metodo più moderno di recupero postoperatorio della normale funzione urinaria è la protesi - sostituendo la vescica con una artificiale.

    Complicazioni dopo l'intervento chirurgico

    Gli effetti classici comprendono sanguinamento e infezione secondaria della superficie della ferita. Tuttavia, le seguenti condizioni rappresentano un grande pericolo:

    La ritenzione urinaria acuta può verificarsi dopo l'intervento chirurgico.

    ritenzione urinaria acuta dovuta all'occlusione ureterale;

  • insufficienza renale;
  • infiammazione delle vie urinarie;
  • quando si sostituisce il corpo con uno artificiale, l'incontinenza urinaria viene osservata per diversi mesi;
  • aumenta il rischio di urolitiasi e pielonefrite;
  • c'è un blocco periodico della stomia.
  • Questi, tuttavia, sono problemi risolvibili.

    Recupero dopo l'intervento

    Il corso di riabilitazione dura da sei mesi a un anno. È necessaria un'attenta dieta a basso contenuto di fibre. La dieta dovrebbe essere sufficientemente fortificata (verdure e frutta aiuteranno, ma non troppo acido). In questo caso, la quantità di fluido consumato dovrebbe essere ridotta a un litro al giorno. La diminuzione dell'attività fisica, compresa quella sessuale. Il paziente impara a ri-svuotare il tratto urinario, con le protesi, questo periodo può durare fino a 12 mesi.

    C'è vita dopo la cistectomia?

    L'uomo è una creatura con enormi capacità adattive. Se si osservano tutte le raccomandazioni di uno specialista, il paziente può vivere in modo lungo e completamente qualitativo. L'attività sessuale è anche raramente compromessa nella misura in cui la funzione sessuale è completamente persa. È necessario superare il disagio fisico e psicologico derivante dall'uso di orinatoi o di incontinenza temporanea durante le protesi. A condizione che non si tratti di oncologia trascurata, l'aspettativa di vita dei pazienti è di decine di anni. La vita dopo la cistectomia è. E la sua qualità dipende dall'atteggiamento psicologico della persona.

    La rimozione della vescica è un intervento serio progettato per salvare una vita malata. Viene effettuato solo secondo le indicazioni, ma spesso non c'è semplicemente un'alternativa alla cistectomia. In questo caso, il paziente può solo imparare a vivere in nuove condizioni.

    Come vive una persona senza vescica

    Cancro alla vescica - Sopravvivenza

    Tra tutti i tumori, il cancro della vescica rappresenta il 5% dei casi. Molto spesso, questa malattia colpisce la metà maschile della popolazione, ma le donne sono spesso esposte ad essa.

    Il pericolo del cancro alla vescica è che nelle fasi iniziali del suo sviluppo questo tipo di tumore non si manifesta, e il paziente impara sulla sua malattia quando è già nel periodo di massimo splendore. Pertanto, la prognosi di questa malattia è determinata dallo stadio del suo sviluppo, dalla natura del tumore maligno, dalla presenza di metastasi e dall'avvio del trattamento.

    Le persone che si trovano di fronte a un tumore di questo tipo non possono che preoccuparsi della questione se il tumore alla vescica venga trattato, come sconfiggerlo e per quanto tempo le persone vivono dopo aver preso le appropriate misure correttive.

    Aspettativa di vita per il cancro della vescica

    Sulla base dei dati statistici ottenuti per campioni di pazienti di grandi dimensioni, è stato riscontrato che:

    1. I tumori superficiali della vescica con un basso grado di malignità durante il primo anno dopo la terapia si ripresentano nel 15% dei casi, nei successivi cinque anni - nel 32% dei casi. La probabilità di progressione di tali tumori è inferiore all'1%, quindi possiamo dire che questo tipo di cancro non influisce sull'aspettativa di vita. Di grande importanza nel prevenire il ripetersi di questo tipo di cancro alla vescica è una dieta speciale volta a rafforzare la vitalità e contrastare la crescita del tumore.
    2. Il cancro superficiale della vescica con un alto grado di malignità ha un'alta probabilità di progressione e recidiva (61% della recidiva di una neoplasia nel primo anno dopo il trattamento e 78% in 5 anni dopo il rilevamento). Tali tumori hanno una maggiore capacità di penetrare negli strati più profondi delle pareti della vescica. Poiché queste neoplasie maligne sono più aggressive, hanno un effetto negativo sull'aspettativa di vita.
    3. Dopo la cistectomia radicale, la percentuale di sopravvivenza a 5 anni per vari tipi di cancro è:
      • T4 - 25% -30%;
      • T3 - 40% -50%;
      • T2 - 70% -80%
      • N, coinvolgendo i linfonodi - 15% -20%
    4. Nel caso delle metastasi, anche dopo la chemioterapia, la sopravvivenza dei pazienti è piuttosto bassa.

    Tuttavia, nonostante i dati sopra riportati, è necessario comprendere che ogni caso specifico della malattia e di ciascun paziente è unico e, pertanto, la previsione sulla durata della sua vita può variare notevolmente con questi valori medi.

    Sopravvivenza maschile e longevità per il cancro della vescica

    La diagnosi di cancro alla vescica negli uomini fa pensare a quale sia il tasso di sopravvivenza per tale patologia e longevità. I pazienti spesso si rivolgono a un oncologo con una domanda simile, ma va ricordato che il medico non è un sensitivo, non predice il futuro, ma può suggerire quale sarà la durata della vita per il cancro in ogni caso particolare.

    Il cancro della vescica è una patologia che richiede un approccio speciale.

    Vale sempre la pena considerare: in ogni caso, la prognosi per la malattia sarà puramente individuale. L'aspettativa di vita può variare notevolmente con tutti gli indicatori statistici esistenti.

    Su cosa si basa la previsione?

    Nessuno sostiene che il cancro alla vescica sia una patologia che richiede un approccio speciale. Con lei, la prognosi per la sopravvivenza è fatta sulla base di molti anni di ricerca pratica di migliaia di pazienti con una patologia simile.

    Fattori che influenzano l'aspettativa di vita di un paziente con un tumore maligno:

    • Età e stadio della malattia.
    • La presenza di patologie croniche.
    • Che tipo di trattamento è stato effettuato inizialmente.
    • Il livello di assistenza medica, ecc.

    Per riferimento. Il concetto di "sopravvivenza" in oncologia riflette l'indicatore quantitativo di pazienti che hanno vissuto un certo periodo di tempo da quando è stata fatta la diagnosi. Le statistiche tengono conto di tre indicatori: sopravvivenza I, II e X.

    C'è un altro indicatore importante: la sopravvivenza relativa. È abbastanza chiaro che la maggior parte dei pazienti può morire senza avere il cancro alla vescica, quindi, quando si imposta il periodo di sopravvivenza (durata), tutti gli indicatori vengono confrontati con le cifre stabilite per le persone che non hanno una tale diagnosi.

    La durata della vita del paziente dipende da una varietà di parametri.

    Fattori di rischio

    Nel determinare l'aspettativa di vita di un particolare paziente con una diagnosi di cancro alla vescica, tengono conto anche dei dati anamnestici, le condizioni in cui l'uomo ha vissuto e lavorato. È stato a lungo dimostrato che gli uomini hanno quel tipo di lavoro quando c'è un alto rischio di sviluppare il cancro.

    Elenco dei fattori di rischio:

    1. Ammine aromatiche. Gli uomini che lavorano con macchine da stampa nel settore del gas, metallurgia e industria delle vernici hanno un rischio più elevato di sviluppare il cancro alla vescica.
    2. Prodotti del tabacco Il fumo raddoppia i rischi e diminuisce notevolmente i tassi di sopravvivenza del cancro alla vescica negli uomini.
  • Cistite, calcoli, catetere urinario stabilito.
  • Papillomavirus umano.
  • La presenza di difetti congeniti nella vescica.
  • Il tasso di sopravvivenza a 5 anni relativo relativo alla diagnosi di "cancro" è del 77,5%, ma non è necessario concentrarsi completamente su di esso, poiché è necessario tenere conto di molti fattori correlati, tra cui il grado di malignità, la presenza di CIS e l'estensione del coinvolgimento linfonodale.

    Tabella numero 1. Indicatori di sopravvivenza a cinque anni

    Fase del processo maligno

    Indicatori (%) di sopravvivenza a cinque anni

    Secondo gli indicatori in tabella, diventa chiaro che quanto più trascurato è il processo tumorale nella diagnosi del cancro alla vescica negli uomini, tanto minore è la probabilità di vivere per più di 5 anni. Allo stesso tempo, le donne hanno una prognosi peggiore per l'aspettativa di vita rispetto al sesso opposto.

    Quando il cancro viene diagnosticato negli uomini e nei loro cari, sorgono molte domande.

    Processo tumorale in domande e risposte

    Quando il cancro sembra una frase, ci sono molte domande per gli uomini e i loro cari a cui vogliono ottenere risposte. In particolare, sono interessati a:

    Con il cancro superficiale, la prognosi per la sopravvivenza a 5 anni è compresa tra l'81% e l'82%, ma in presenza di metastasi agli organi circostanti la vescica, la maggior parte dei pazienti muore entro 2 anni, anche con la chemioterapia. Tuttavia, se le metastasi "sono germogliate" solo nei linfonodi, la prognosi è più ottimistica - l'aspettativa di vita aumenta fino a 5-6 anni.

    Con il cancro superficiale, le recidive si verificano frequentemente e la loro percentuale principale viene rilevata nei primi 5 anni dopo il TUR.

    • I primi segni di danno alla vescica

    Negli uomini, il primo segno di sospetto cancro è l'ematuria visibile, che deve essere confermata dai risultati di laboratorio. Secondario si può notare minzione frequente e dolorosa, dolore insopportabile nell'utero, basso ventre. Ma molto spesso, il cancro inizia in modo asintomatico e viene rilevato solo con un esame preventivo casuale. In questo caso, con la rilevazione tardiva del processo tumorale, la percentuale di sopravvivenza diminuisce.

    Quando un uomo affronta la diagnosi di cancro, gli sembra di essere l'unico colpito da una terribile malattia. Tuttavia, questo non è il caso, secondo le statistiche, il cancro della vescica si verifica nel 6% dei casi di tutti i tumori. Circa 300 nuovi pazienti vengono rilevati ogni anno e quasi la metà di loro muoiono. La fascia di età media è compresa tra 50 e 80 anni e il picco di rilevazione della patologia è di 65-68 anni.

    Il diagramma di sopravvivenza dipende dall'età.

    Sono richiesti esami preventivi annuali per coloro che sono a rischio con almeno un fattore che contribuisce allo sviluppo del tumore. Inoltre, sono necessari test diagnostici per gli uomini che soffrono di infezioni persistenti della vescica e infiammazioni delle pareti e di quelli i cui parenti sono morti a causa di questa malattia.

    Il pericolo di cancro è che molto spesso nella fase iniziale non si dichiarano in alcun modo o l'uomo ignora le "prime campane". In questi casi, il paziente apprende la diagnosi anche quando la malattia è nella fase di "apice" e la prognosi di sopravvivenza (longevità) non sempre sembra ottimistica.

    I medici hanno scoperto quali batteri vivono nella vescica

    Lunedì 22 febbraio

    Si pensava che l'urina di una persona sana fosse sterile. Tuttavia, gli scienziati hanno trovato batteri vivi nelle vesciche di donne che non avevano la malattia. Hanno concluso che l'urina non è completamente sterile. È interessante notare che i batteri identificati sono diversi da quelli trovati nelle donne con vescica iperattiva.

    Vescica iperattiva - una violazione della vescica, in cui vi è un desiderio urgente di urinare. Questa voglia è difficile da reprimere. Una persona sente una frequente voglia di urinare e la voglia di urinare notturna è caratteristica.

    Lo studio delle urine è di grande importanza nella diagnosi delle lesioni dei reni, delle vie urinarie e di altre malattie. Per analisi, di solito si usa l'urina del mattino, che viene raccolta in una ciotola pulita. Qualche volta l'urina è presa da un catetere. Nel processo di analisi clinica, vengono determinate le sue proprietà generali, l'esame chimico e microscopico.

    Si ritiene che i principali elementi morfologici delle urine in vari processi infiammatori siano i leucociti e globuli rossi, il cui numero dipende dalla natura del processo. La presenza di una miscela di muco ed epitelio.

    Si credeva che non ci dovrebbero essere batteri nelle urine normalmente. La presenza di batteri nelle urine veniva chiamata "batteriuria". Se i test hanno rivelato batteri, i medici hanno parlato di infezioni degli organi del sistema urinario, cioè della presenza di malattie (cistite, uretrite, pielonefrite).

    Come crede la dottoressa Linda Brubaker della Chicago Stritch School of Medicine dell'università di Loyola, la scoperta fatta cambierà l'approccio al trattamento di molti disturbi urologici. Gli esperti ritengono che la composizione batterica delle urine abbia un ruolo molto importante. È responsabile dei sintomi nelle donne con vescica iperattiva.

    Secondo le statistiche, circa il 15% delle donne soffre di vescica iperattiva. La pratica del trattamento mostra che il 40-50% di loro non risponde alla terapia standard. Questo è il motivo per cui i medici hanno suggerito che l'unica spiegazione possibile per la mancanza di risposta ai farmaci sono i batteri che abitano il corpo. Gli esperti hanno deciso di scoprire quali batteri causano i sintomi di una vescica iperattiva.

    Nel corso dello studio sono stati prelevati campioni di urina prelevati da 90 donne con segni e senza segni di vescica iperattiva. È stata utilizzata una tecnica che ha permesso di trovare alcuni batteri. Non sono stati identificati in precedenza. Gli esperti hanno concluso che entrambi i batteri benefici e nocivi vivono nella vescica.

    Dopo aver rimosso la vescica, cosa fare

    L'oncologia della vescica è una malattia rara. Un trattamento radicale è la rimozione della vescica. In che modo il paziente si riprende dopo la rimozione della vescica, cosa dovrebbe fare per tornare alla vita normale ed è possibile?

    Rimozione della vescica: cistectomia

    La cistectomia è un'operazione durante la quale viene rimossa la vescica, è il metodo più radicale e pericoloso nel trattamento degli stadi gravi dell'oncologia del sistema urinario. Gli esperti ritengono che l'operazione dovrebbe essere eseguita in alcuni casi nella seconda fase della malattia e in tutti i casi con tumori nella terza fase. Ma dato che questa è un'operazione molto complicata e paralizzante, la qualità della vita di una persona si deteriora e in molti casi diventa socialmente chiusa. Tale operazione viene utilizzata solo quando la resezione non è possibile, o se il tumore è troppo grande o è stata diagnosticata una lesione tumorale multipla della vescica.

    La chirurgia della vescica, o cistectomia, può essere totale, radicalmente totale, o sotto forma di eseterite pelvica.

    Cistectomia totale - la ghiandola prostatica e le vescicole seminali (negli uomini) e l'uretra (nelle donne) vengono rimosse insieme alla vescica.

    Cistectomia totalmente radicale - la vescica viene rimossa, gli organi di cui sopra in uomini e donne, così come la fibra paravesica con la fascia del bacino, i linfonodi regionali vengono rimossi, inoltre, l'utero con appendici e la parete frontale della vagina vengono rimossi dalle donne.

    Inoltre, il trattamento della vescica può includere la radioterapia, la radiazione di contatto e di distanza, la chemioterapia locale o sistemica e l'immunoterapia del vaccino BCG. Tutti questi metodi possono essere utilizzati quando non è possibile eseguire l'operazione.

    Dopo aver rimosso la vescica - cosa fare

    L'operazione per rimuovere la vescica è un'operazione molto pericolosa, dopo di che è difficile fare dei metodi affidabili per deviare l'urina.

    Dopo la rimozione della vescica, può essere offerto uno dei seguenti modi per rimuovere l'urina: ureterocutanostomia, cioè la rimozione degli ureteri sulla pelle o il loro trapianto nel colon sigmoideo. È possibile formare una vescica rettale o da un segmento isolato dell'intestino con l'eliminazione di uno stoma intestinale.

    Dopo la cistectomia, è possibile un'operazione di Studer, una vescica è formata da segmenti isolati dell'intestino (spessi o sottili) e si verifica una sovrapposizione dell'anastomosi entero-uretrale.

    Operazione Breaker - gli ureteri vengono trapiantati in una zona isolata dell'ileo, con l'espulsione dell'urina attraverso la stomia intestinale e intrappolata dall'orinale.

    Molti di questi metodi presentano diversi svantaggi, ad esempio un'elevata probabilità di infezione ascendente per prevenirla e anche di isolare l'urina dalle masse fecali trapiantando gli ureteri in una sezione isolata del retto con la formazione di una vescica rettale.

    La vescica rimossa: come sopravvivere?

    La cistectomia è un intervento operabile, la cui essenza è ridotta all'estrazione della vescica interessata. In alcune situazioni cliniche (rigorosamente secondo indicazioni), viene eseguito un tipo radicale di questa operazione. In questo caso, la rimozione simultanea della vescica e della ghiandola prostatica con vescicole sostituite. Anche eseguita la resezione dell'uretra. Rimozione della vescica negli uomini può avere vari effetti. Molto dipende dalla qualità dell'intervento, dal trauma, e da come sarà organizzato il processo di estrazione delle urine dopo l'intervento.

    Fattori eziologici

    Le ragioni principali per la rimozione della vescica nei rappresentanti della metà forte dell'umanità sono le seguenti:

    1. Cancro della vescica Nel caso di una neoplasia benigna, i medici possono ancora provare a ricorrere a metodi di terapia conservativa. Se c'è un tumore maligno, la cistectomia viene immediatamente utilizzata per prolungare la vita di una persona;
    2. Trauma alla vescica (specialmente con una violazione dell'integrità delle sue pareti);
    3. Vari problemi di controllo neuromuscolare su questo organo;
    4. Fallimento della vescica dopo esposizione a radioterapia e chemioterapia.

    È importante conoscere non solo le indicazioni, ma anche le controindicazioni per un intervento così radicale. Gli uomini non praticano la cistectomia in questi casi:

    • la presenza di metastasi localizzate a distanza;
    • rilevazione nel canale urinario di tumori maligni;
    • stress incontinenza urinaria;
    • la presenza di anomalie umane del sistema nervoso centrale, in cui le strutture muscolari del pavimento pelvico sono colpite principalmente (insieme allo sfintere esterno);
    • funzionamento difettoso dello sfintere interno;
    • lesione oncologica del triangolo urinario.

    Rimozione palcoscenico della vescica

    Praticamente a tutti i rappresentanti del sesso più forte a cui viene offerto un tale intervento viene posta la stessa domanda: come viene rimossa la vescica e come viene sostituita? L'intero processo è suddiviso condizionatamente in più fasi, che hanno le loro specifiche: il periodo preparatorio, l'intervento operabile e il periodo postoperatorio.

    Fase preparatoria

    Alla vigilia di un intervento operabile in un piano di trattamento, è imperativo includere lassativi e antibiotici. Questo viene fatto al solo scopo di pulire l'intestino e prevenire possibili infezioni. La sera prima dell'intervento, al paziente è vietato mangiare qualsiasi tipo di cibo. Puoi bere, ma solo bevande trasparenti, ma non coloranti. Alcune categorie di pazienti dovrebbero interrompere l'assunzione di determinati preparati farmaceutici una settimana prima dell'intervento previsto, in particolare farmaci anti-infiammatori e farmaci che hanno un effetto dimagrante sul sangue.

    Se, contemporaneamente all'estrazione della vescica, vengono effettuate manipolazioni per deviare l'urina nell'intestino o nella pelle e formare un nuovo organo da una specifica sezione dell'intestino, allora in questo caso, un'attenzione particolare sarà prestata alla preparazione del tratto gastrointestinale nel periodo preoperatorio. Una settimana prima dell'intervento, il paziente viene prescritto:

    • dieta speciale con una completa mancanza di fibra;
    • la pulizia intestinale viene eseguita quotidianamente usando clisteri a sifone;
    • farmaci anti-infiammatori sono prescritti per sopprimere l'attività di microrganismi localizzati nell'intestino;
    • 3 giorni prima dell'intervento programmato, al paziente viene prescritta la tintura dell'oppio. Questo è fatto per sopprimere la motilità intestinale.

    Video: cancro alla vescica

    Intervento operativo

    Un'incisione è fatta nella cavità addominale del paziente per ottenere l'accesso diretto alla vescica. Tutti i vasi sanguigni che in precedenza gli hanno fornito sangue e sostanze nutritive sono tagliati e suturati. Solo allora il corpo viene estratto. Secondo le indicazioni, insieme alla vescica, vengono rimossi anche altri tessuti e organi, in particolare vescicole seminali, prostata e così via.

    La seconda fase dell'intervento operabile è la creazione di un nuovo percorso per l'ulteriore prelievo di urina. Ci sono due opzioni: formare un nuovo organo da una parte dell'intestino o creare condizioni per l'installazione di un contenitore esterno, che sarà montato sulla superficie anteriore dell'addome.

    La durata dell'operazione è compresa tra 1 e 5 ore. Per tutto questo tempo, una persona è sotto l'influenza dell'anestesia, quindi non ha sensazioni dolorose.

    È anche importante notare che la rimozione della vescica non ha alcun effetto sulla longevità. Il medico darà al paziente solo alcuni consigli su quale tipo di stile di vita dovrà ora guidare.

    Periodo postoperatorio

    La durata di questa fase va dai 10 ai 12 giorni. In alcuni casi, questo periodo può essere un po 'allungato (secondo le indicazioni cliniche). I primi giorni il paziente si trova nel reparto di terapia intensiva e successivamente trasferito in un reparto normale nel dipartimento di urologia. Per 3 settimane dopo l'intervento dell'urina dalla vescica formata sarà rimosso per mezzo di un catetere speciale. Alcuni pazienti possono avere problemi con la funzione intestinale durante i primi giorni dopo l'intervento. In questo caso, le masse fecali vengono rimosse da essa impostando la sonda. Il paziente riceverà tutti i nutrienti necessari attraverso la terapia infusionale. Quando la motilità intestinale si normalizza, sarà trasferita a una dieta normale.

    complicazioni

    Complicazioni si verificano nel 25-35% del numero totale di pazienti sottoposti a rimozione della vescica. Tra i più comuni ci sono i seguenti:

    • la formazione di coaguli di sangue;
    • infezione tissutale;
    • sanguinamento grave;
    • trauma di organi interni vitali;
    • una reazione allergica all'anestesia;
    • diminuzione o completa perdita della funzione sessuale;
    • ascite;
    • incontinenza urinaria.

    La vita dopo la cistectomia

    Ogni uomo dopo l'intervento pone una domanda - ha rimosso la vescica, come sopravvivere? In effetti, la vita di una persona cambia solo in relazione al processo di eliminazione delle urine. Per il resto, la vita dopo la rimozione della vescica non cambia affatto. In evidenza:

    • periodicamente una persona dovrà sostituire l'orinale;
    • il serbatoio in cui si accumula l'urina deve essere svuotato in modo tempestivo;
    • Monitorare attentamente l'igiene della sezione dell'intestino, che è stata rimossa sulla pelle per prevenire la violazione della sua integrità o infezione.

    In quelle situazioni in cui i medici hanno fatto ricorso alla formazione di una nuova vescica dalla parete dell'intestino, il modo di vivere non cambia affatto.

    Non meno importante è la nutrizione dopo la rimozione della vescica. Ai pazienti deve essere prescritta una dieta. È importante ricordare che la rimozione di uno degli organi più importanti del sistema di escrezione delle urine influisce negativamente sul funzionamento del tratto gastrointestinale nel suo complesso. Nei primi giorni dopo l'intervento, il paziente viene nutrito solo mediante infusione endovenosa di soluzioni sterili. Solo dopo la normalizzazione della peristalsi, al paziente è consentito consumare alimenti dietetici in piccole quantità. Il cibo dovrebbe essere solo liquido, non dovrebbe contenere fibre grossolane, sale e grassi.

    Dopo la cistectomia, è consentito consumare tali prodotti:

    • gelatina di latte bollito;
    • porridge passato - riso, farina d'avena e grano saraceno;
    • ricotta a basso contenuto di grassi;
    • brodo con pollo o pesce;
    • cotolette di vapore;
    • minestre crema;
    • frutta.

    Video: Nephroureterolithiasis dopo cistectomia e uroderivati ​​eterotopico

    La vescica rimossa: come sopravvivere?

    La chirurgia per rimuovere la vescica, o cistectomia, viene eseguita nei casi in cui il corpo deve rimuovere un focus patologico (il più delle volte è la posizione di una neoplasia maligna). Questa è un'operazione radicale ed è il metodo di scelta, quindi il suo uso oggi è piuttosto raro a causa dello sviluppo della medicina e dell'emergenza di metodi di trattamento moderni e meno traumatici. Tuttavia, la cistectomia è prodotta e ci sono diverse indicazioni per questo:

    1. Neoplasma maligno della vescica nello stadio T4, ma con M0;
    2. Papilomatosi diffusa;
    3. Un gran numero di tumori alla vescica nello stadio T3;
    4. Rughe della vescica nei casi della sua lesione totale con bacillo della tubercolosi di Koch o con cistite interstiziale.

    All'estero questa operazione può essere eseguita anche se il tumore si trova in una fase iniziale, ma c'è il rischio di recidiva. Ciò è dovuto al fatto che in tali pazienti la vita dopo la rimozione della vescica sarà molto più calma, e dopo aver completato l'intero ciclo di trattamento, nulla si preoccuperà.

    Ci sono controindicazioni per la rimozione della vescica?

    Come con qualsiasi altra operazione, la cistectomia ha una serie di controindicazioni in cui è vietato rimuovere la vescica:

    • Il paziente è in gravi condizioni;
    • La vecchiaia del paziente, a causa della debolezza del suo cuore, semplicemente non può sopportare un'anestesia prolungata;
    • La presenza di gravi comorbidità, che possono causare complicanze nel periodo postoperatorio o durante l'operazione;
    • Malattie del sistema di coagulazione del sangue, che può portare a un sanguinamento massiccio durante la cistectomia;
    • Processi infiammatori acuti negli organi urinari, che si verificano prima della rimozione della vescica negli uomini, le cui conseguenze possono diventare sepsi (infezione del sangue) a causa di infezioni nel sangue.

    Come prepararsi per la rimozione della vescica?

    Prima di portare una persona al tavolo operatorio, i medici svolgono una serie di attività per valutare le condizioni del paziente, il rischio di sviluppare complicazioni nel periodo postoperatorio e identificare controindicazioni a questa operazione:

    1. Analisi clinica del sangue e delle urine, esami del sangue biochimici per valutare le condizioni generali del paziente;
    2. Livello di zucchero nel sangue determinato;
    3. Una serie di test per determinare il tempo di coagulazione del sangue e i livelli piastrinici vengono eseguiti per escludere malattie del sistema di coagulazione;
    4. Per identificare le comorbidità, il paziente deve sottoporsi a un esame ecografico degli organi addominali, una radiografia del torace;
    5. Per scoprire la natura e l'entità del danno alla vescica, la cistoscopia viene eseguita con una biopsia, che aiuterà a determinare le tattiche di anestesia e chirurgia;
    6. Prima della cistectomia, radere tutti i capelli nell'inguine e nell'addome;
    7. Una settimana prima dell'operazione prescritta, la nutrizione liquida è prescritta con un contenuto minimo di fibre;
    8. È vietato prendere cibo al mattino prima della rimozione.

    Sotto quale anestesia viene eseguita l'operazione?

    L'anestesia generale più comunemente usata è l'anestesia endotracheale (intubazione). Con una tale anestesia:

    • Le vie aeree del paziente saranno completamente passabili, indipendentemente dalla posizione sul tavolo operatorio;
    • Esclusione del contenuto dello stomaco nelle vie aeree;
    • Nonostante l'anestesia a lungo termine, l'effetto tossico dei farmaci sul paziente è minimo;
    • L'operazione è facilitata rilassando i muscoli della parete addominale anteriore (diventa più facile per i chirurghi raggiungere la vescica).

    Come rimuovere la vescica e come sostituire?

    Oggi, il metodo più comune è quello di rimuovere la vescica con il metodo aperto - la cosiddetta laparotomia. Questa operazione facilita il lavoro del chirurgo e la sua durata è molto inferiore rispetto all'utilizzo di un laparoscopio. Tecnica di cistectomia:

    1. Inizialmente, è necessario trattare la pelle del paziente con una soluzione antisettica e isolare il campo operatorio;
    2. Assicurati di inserire il catetere urinario, che devierà l'urina durante l'operazione;
    3. L'accesso sovrapubico arcuato espone e mobilizza la vescica;
    4. Dopo l'esposizione e l'extraperitonealizzazione (eliminazione all'esterno della cavità addominale) della vescica, la sua cavità viene aperta per la revisione dell'organo;
    5. Le pareti della vescica (schiena e lati) devono essere mobilizzate;
    6. Anche la parte posteriore della prostata e le vescicole seminali necessitano di mobilizzazione;
    7. Nei casi in cui gli ureteri non vengono mossi in anticipo nell'intestino o portati sulla pelle, vengono incrociati, facendo un passo indietro di un paio di centimetri dal punto in cui il tumore cresce nel loro muro;
    8. Installa un catetere urinario;
    9. La legatura dei vasi deferenti è obbligatoria (in questa fase, fare attenzione a non danneggiare la parete del retto);
    10. La vescica è retratta e rivolta verso l'alto: la vescica pubica ei legamenti prebodulari pubici sono legati e intersecati insieme all'uretra in modo da non danneggiare la prostata;
    11. Viene eseguita una ectomia della vescica, si esegue un attento sanguinamento di tutte le emorragie e cuciture dei vasi sanguinanti, si eliminano i difetti del peritoneo e si introduce il drenaggio nella cavità pelvica;
    12. Attraverso la ferita chirurgica della parete addominale anterolaterale, un catetere a palloncino viene inserito nell'uretra;
    13. Forma un nuovo organo della parete intestinale;
    14. La ferita chirurgica viene suturata a strati, drenata e imporre una benda asettica.

    All'estero, un laparoscopio viene spesso usato per eseguire questa operazione, il più delle volte con l'aiuto di un robot da Vinci. Tale operazione è più facilmente tollerata dal paziente, è delicata, riduce l'eventuale infezione della ferita ed elimina la massiccia perdita di sangue durante l'operazione. Dopo che la vescica è stata rimossa, ci sono diversi tipi di sostituzione. Molto spesso, un nuovo organo si forma dalla parete dell'intestino tenue. Da esso viene prelevata una sezione di tessuto di 60 cm, dalla quale viene ricavata una nuova vescica sferica, e orlata all'uretere e al canale urinario. Questo è il modo più semplice per sostituire l'organo e fornire la minzione fisiologica. Ma ci sono una serie di controindicazioni:

    • La presenza di un tumore dell'uretra;
    • Celiachia;
    • Malattia infiammatoria intestinale acuta;
    • Neoplasma maligno dell'intestino.

    In queste condizioni, viene creato un nuovo serbatoio dall'intestino, che viene visualizzato sulla pelle della parete addominale anteriore. Di solito l'uscita si trova nell'ombelico. In questo caso, il serbatoio verrà svuotato con un catetere. Un altro modo per urinare in tali situazioni è la connessione (anastomosi) tra gli ureteri e l'intestino tenue. Allo stesso tempo, il cappio dell'intestino tenue viene rimosso dalla pelle e l'urina viene raccolta in uno speciale orinatoio. Nei casi in cui lo sfintere anale svolge la sua funzione abbastanza bene, l'uretere può essere portato nella cavità intestinale. In questi casi, l'urina uscirà con le feci attraverso il retto.

    Prognosi dopo la rimozione della vescica

    La prognosi dipende dallo stadio e dalla gravità della malattia, nonché dall'attuazione di tutte le raccomandazioni dei medici. Fondamentalmente è favorevole. L'aspettativa di vita per gli uomini dopo l'intervento chirurgico è di decenni, a seconda del tipo di persona che conduce.

    La vescica rimossa: come sopravvivere?

    Dopo la rimozione della vescica e la dimissione dall'ospedale, la vita cambia solo rispetto alla minzione. Di volta in volta sarà necessario cambiare l'orinatoio, svuotare il serbatoio con le urine, monitorare attentamente l'igiene del ciclo intestinale o il serbatoio attirato sulla pelle. E in quei casi in cui una nuova vescica è stata formata dalla parete dell'intestino, lo stile di vita non cambia affatto. Le prime due settimane, anche se la minzione sarà in seguito fisiologica, l'urina andrà all'addome anteriore nell'orinale. È necessario per l'attecchimento del nuovo organo con l'uretere e l'uretra. Successivamente, la vescica viene sciacquata con soluzioni antisettiche in ospedale. Dopo l'operazione un paio di giorni non dovrebbero mangiare, come l'intestino ha sofferto durante la cistectomia e il tempo necessario per la sua guarigione. Due settimane dopo, i cateteri vengono rimossi, i punti di sutura e gli scarichi vengono rimossi e una persona può continuare a vivere il suo solito modo di vivere, viaggiare, fare sport, avere una vita sessuale.

    Il cibo dopo la rimozione della vescica non richiede l'aderenza a diete rigorose. Si consiglia di astenersi dal mangiare cibi ricchi di fibre. I pasti devono essere a basso contenuto calorico, contenere un minimo di sale. Non mangiare cibi piccanti, fritti e grassi. È consigliabile cucinare per una coppia, senza aggiungere spezie.

    Rimozione della vescica maschile: preparazione per chirurgia, dieta ed effetti

    In presenza di un processo oncologico nella vescica, viene indicata un'operazione per rimuovere un organo. Si chiama cistectomia. In connessione con lo sviluppo di moderne terapie per i tumori del cancro, è diminuita la frequenza di utilizzo della chirurgia radicale per rimuovere l'urea. Tuttavia, non rifiutano completamente la cistectomia, perché ci sono un certo numero di indicazioni rigorose per eseguire questa operazione: papillomatosi diffusa, cancro nel 4o stadio, tumori multipli nel 3o stadio, rughe dell'uretico con cistite interstiziale o lesione da tubercolosi. Vi parleremo dei preparativi per l'operazione, del suo decorso, delle conseguenze della rimozione della vescica negli uomini e delle complicanze.

    Preparazione per la chirurgia

    Puoi stare sicuro che puoi vivere senza vescica. È sicuramente possibile, soprattutto perché le patologie in cui è indicata la cistectomia porteranno alla morte più rapidamente della vita senza un'urea.

    Se un uomo ha bisogno di rimuovere la vescica, prima dell'operazione vengono effettuati diversi studi per valutare le condizioni del paziente e prepararlo per l'operazione. Ciò eviterà complicazioni postoperatorie e terrà conto delle controindicazioni esistenti. La preparazione del paziente consiste delle seguenti misure:

    1. Fare uno studio biochimico e clinico sull'analisi del sangue e delle urine.
    2. È importante identificare i livelli di zucchero nel sangue.
    3. Al fine di escludere patologie del sistema ematopoietico, vengono valutati il ​​conteggio delle piastrine e il tempo di coagulazione.
    4. Sono necessari i raggi X del torace e gli ultrasuoni degli organi nella cavità addominale.
    5. Per valutare il grado di danno all'urea e la natura della patologia eseguire la cistoscopia con successiva biopsia. Ciò ti consentirà di predeterminare le tattiche dell'operazione e le caratteristiche dell'introduzione dell'anestesia.
    6. Prima di un intervento chirurgico, radere tutti i peli dall'addome e dall'inguine del paziente.
    7. 7 giorni prima dell'intervento previsto, si consiglia al paziente di attenersi a una dieta semi-liquida con un minimo di fibra.
    8. È generalmente vietato mangiare il giorno e la sera prima dell'operazione.

    La preparazione della droga alla vigilia dell'operazione consiste nell'assumere lassativi e antibiotici. Ciò consentirà di pulire bene l'intestino e prevenire possibili infezioni. Prima dell'operazione, è consentito bere solo bevande trasparenti senza componenti coloranti. Alcuni pazienti necessitano di una settimana prima dell'intervento per interrompere l'assunzione di farmaci (FANS e fluidificanti del sangue).

    Se, insieme alla rimozione dell'urea, vengono effettuate manipolazioni per deviare l'urina nell'intestino o le pieghe della pelle, così come le azioni per formare l'urea dalla sezione intestinale, è necessario preparare di conseguenza il tratto gastrointestinale. A questo scopo, 7 giorni prima dell'intervento, il paziente viene prescritto:

    • una dieta ad eccezione della fibra;
    • eseguire quotidianamente clisteri a sifone per pulire l'intestino;
    • il paziente sta assumendo farmaci anti-infiammatori per sopprimere l'attività della microflora intestinale;
    • Per ridurre la motilità intestinale, viene prescritta la tintura dell'oppio, che viene assunta 3 giorni prima dell'intervento chirurgico.

    Rimozione palcoscenico della vescica

    Oggi viene usato un metodo di laparotomia per rimuovere l'urea. Quindi l'operazione è più veloce e più facile per il chirurgo. L'operazione per rimuovere la vescica viene effettuata in più fasi:

    1. Innanzitutto, il campo chirurgico è isolato e la pelle viene trattata con un antisettico.
    2. Il catetere urinario è installato. È progettato per rimuovere l'urina durante l'operazione.
    3. Un'incisione è fatta sulla pelle (arcuata sovrapubica) per ottenere l'accesso all'urea.
    4. La vescica viene messa a nudo e portata fuori dalla cavità addominale. Successivamente, la sua cavità è aperta per l'ispezione.
    5. Le pareti laterali e posteriori del corpo sono mobilitate. La stessa procedura viene eseguita con le vescicole seminali e la prostata posteriore.
    6. Se gli ureteri non vengono precedentemente rimossi sulla pelle e non vengono spostati nell'intestino, vengono intersecati. Allo stesso tempo, 2 cm si allontanano dal luogo di crescita del tumore nelle loro pareti.
    7. Il catetere urinario è installato.
    8. I dotti spermatici sono legati. In questa fase è importante non danneggiare la parete intestinale.
    9. L'urea è retratta in alto e in basso e i legamenti si intersecano insieme all'uretra. Allo stesso tempo, cerca di non ferire la prostata.
    10. Rimozione dell'urea e cucitura dei vasi sanguigni. I difetti del peritoneo vengono eliminati, il drenaggio viene introdotto nella cavità pelvica.
    11. Attraverso un'incisione nella parete anteriore dell'addome, viene installato un catetere a palloncino che si collega all'uretra.
    12. Dalle pareti intestinali formano un nuovo organo.
    13. La ferita chirurgica viene suturata a strati nel sito di drenaggio. Alla fine di una benda.

    complicazioni

    Se un uomo ha una vescica rimossa, allora nel periodo postoperatorio tali conseguenze e complicazioni indesiderate a volte appaiono:

    • infezione tissutale;
    • la formazione di coaguli di sangue;
    • sanguinamento pesante;
    • allergia all'anestesia;
    • danno a organi importanti;
    • ascite;
    • impotenza o indebolimento della potenza;
    • incontinenza urinaria.

    Deviazione dell'urina postoperatoria

    Dopo la rimozione del tratto urinario, sono necessariamente previsti modi per la rimozione delle urine:

    1. A volte installare un orinatoio o stoma.
    2. Una nuova urea è formata dal segmento dell'intestino tenue o crasso del paziente.
    3. Eseguire anastomosi (collegamento) tra l'intestino tenue e gli ureteri. Il ciclo intestinale viene inserito nella pelle e l'urina viene raccolta nell'orinale.
    4. Se lo sfintere anale funziona bene, allora l'uretere viene introdotto nella cavità intestinale. In questo caso, l'urina viene espulsa attraverso il retto con le feci.

    Nel secondo caso, prendere un pezzo di tessuto a 600 mm. Da essa viene formata un'urea artificiale e l'ha cucita al canale urinario e all'uretere. Questa sostituzione del corpo consente di raggiungere la minzione fisiologica.

    Se ci sono controindicazioni alla formazione di un'urea artificiale, un serbatoio viene rimosso dall'intestino dall'area intestinale alla superficie della parete addominale. La sua uscita si trova di solito nell'ombelico. Un catetere viene utilizzato per svuotare il serbatoio.

    Dieta dopo la rimozione della vescica

    La vita dopo la rimozione della vescica negli uomini implica una certa dieta. Il primo giorno dopo la cistectomia è indicata solo l'alimentazione per via endovenosa, è addirittura vietato bere acqua. Il secondo giorno, sono autorizzati a bere, e dopo la normalizzazione della motilità intestinale, vengono mostrati pasti divisi dietetici.

    Sono ammessi alimenti liquidi e semi-liquidi con una completa mancanza di fibre. Brodi consigliati con pollo e pesce tritati, cagliata grattugiata a basso contenuto di grassi. Dal quinto giorno introducono i porridge bolliti, le cotolette di vapore, le zuppe di purè. È importante passare gradualmente dal cibo liquido a quello solido. Dopo 1,5 mesi, la dieta è completamente normale.

    È possibile vivere senza una vescica

    Ricerca e selezione di trattamenti in Russia e all'estero

    Sezioni di medicina

    Chirurgia plastica, cosmetologia e cure dentarie in Germania. maggiori dettagli

    Come vivere senza una vescica?

    Le malattie del cancro della vescica sono piuttosto rare. Un trattamento radicale è la rimozione di un organo. Tale operazione è chiamata cistectomia. Questo intervento è utilizzato in gravi fasi del cancro del sistema urinario. I medici ritengono che la cistectomia debba essere eseguita in alcuni casi nella seconda fase della malattia e sempre nella terza fase.

    Va tenuto presente che si tratta di un'operazione invasiva e molto difficile. L'opzione più spiacevole è la completa rimozione della vescica con la rimozione degli ureteri sulla pelle. Il paziente non ha riserve per l'accumulo di urina, quindi entra nell'orinale di plastica, situato sul corpo. Il paziente ha difficoltà a eseguire procedure igieniche, è spesso timido di uscire, è ossessionato dall'odore di urina. La qualità della vita di una persona si sta deteriorando, diventa socialmente chiuso.

    Neocistoplastica (creazione di una nuova vescica) aiuterà ad evitare questo problema. Isolamento del sito dell'intestino, dove vengono trapiantati gli ureteri. Alla fine dell'intervento, viene creata una connessione con l'uretra. Ciò consentirà al paziente di urinare come al solito. La chirurgia gioca il ruolo principale nel trattamento del cancro della vescica. Tuttavia, non solo lei è importante. Un approccio integrato, il chemioterapista, il radiologo, il chirurgo oncologo spesso aiutano a salvare la vita del paziente ea preservarne la qualità.

    Nella clinica europea per ogni paziente con cancro della vescica è una consultazione dei medici, che consente di ottenere risultati efficaci. In casi controversi, i medici della clinica stanno cercando di ottenere ulteriori opinioni dai colleghi delle principali cliniche universitarie in Austria, Germania e Israele.

    Puoi iscriverti a un consulto presso la clinica di oncologia europea a Mosca:

    • per telefono: +7 925 191 50 55
    • compila il modulo: RICHIESTA DI TRATTAMENTO
    • ottenere consigli via email [email protected]
    • indirizzo della clinica: Mosca, Dukhovskoy pereulok, 22B

    (495) 50-253-50 - consulenza gratuita su cliniche e specialisti

    Rimozione della vescica

    Chirurgia per rimuovere la vescica - cistectomia - è una misura necessaria, l'unico metodo di guarigione radicale per il cancro della vescica del secondo, terzo e quarto stadio.
    Come viene eseguita la chirurgia della vescica? Quale sarà la previsione? Devo rimuovere i linfonodi? Quali sono gli effetti della rimozione della vescica in uomini e donne? Ci sarà dolore dopo? Ho provato a rispondere a queste domande prima di tutto. E un altro dettaglio importante: solo la piena interazione del medico e del paziente porta al successo.

    Per più di dieci anni ho curato l'oncologia, in particolare i tumori della vescica. E per molti anni, una semplice formulazione è stata adottata come postulato: "Il cancro alla vescica sopra il primo stadio richiede la rimozione della vescica". Associazioni professionali, guide, edizioni oncologiche periodiche parlano di questo in un modo diverso. E comunque - abbastanza spesso nella mia pratica mi imbatto in pazienti che sono alla ricerca di metodi tradizionali per il trattamento del cancro alla vescica. Peggio ancora, periodicamente le persone venivano da me che potevano facilmente salvare una vita, ma o non erano d'accordo nel rimuovere la vescica, o eseguivano la rimozione del tumore della vescica, con la conservazione dell'organo. Questi tentativi sono risultati, di regola, nella metastasi del tumore e nell'impossibilità di un trattamento radicale.

    Sì, la diagnosi oncologica in sé è un test serio e stress. Sì, nessuno discute, nessuno di noi vuole perdere l'organo. Ma nel momento in cui c'è una domanda tra la rimozione della vescica e la vita, è necessario scegliere la vita. Se solo perché nella stragrande maggioranza dei casi, rimuovendo la vescica, la ripristiniamo. La necessità di camminare con tubi, barattoli e cateteri dopo un intervento chirurgico è stata a lungo un ricordo del passato, inoltre, le moderne operazioni laparoscopiche consentono di riabilitare rapidamente un paziente e curarlo da un tumore grave.

    Chirurgia della vescica

    È importante sapere e comprendere che numerosi studi negli Stati Uniti, nei paesi europei e in Russia hanno confermato che il trattamento radicale e di alta qualità del cancro della vescica sopra il primo stadio è possibile solo rimuovendo la vescica. Ha ripetutamente cercato di applicare la rimozione del solo tumore, con la conservazione del corpo. Ma finiva sempre con tristezza. Da qui il postulato: se il tumore è cresciuto più in profondità della membrana mucosa, solo la cistectomia salverà la vita di una persona.
    Inoltre, se un paziente ha un tumore maligno del primo stadio e dopo il trattamento, si è verificata una recidiva, quindi viene nuovamente indicata una rimozione dell'organo.

    La chirurgia della vescica è necessaria in tutti i casi di cancro invasivo.

    Chirurgia laparoscopica

    Nonostante questa operazione sia una delle più difficili nella pratica oncologica, negli ultimi anni l'abbiamo eseguita in laparoscopia, con traumi minimi, senza una grande incisione. I vantaggi dell'intervento laparoscopico sono evidenti e qui, lo stomaco del paziente non "si apre" verso i microbi, non c'è dolore e un'enorme cicatrice nel periodo postoperatorio, non c'è probabilità di ernia e peritonite. Il paziente si alza in piedi immediatamente il giorno dopo l'operazione.

    -Non puoi salvare la vescica? Ho letto, perché puoi irradiare...
    La paziente seduta di fronte a me è giovane, ha solo 44 anni. Non ha detto a nessuno in casa della sua diagnosi, da solo nutre una famiglia di 5 persone. Tardi sposati, lavoro nervoso costante, fumavo una sigaretta dopo l'altra... "Questo non può essere con me" erano le sue parole quando venne da me con il sangue nelle sue urine. Dopo una biopsia della TUR e un'istologia a doppio controllo, abbiamo trovato un tumore alla vescica germinativo e invasivo.
    -No, Anton Vadimovich. Salva la bolla, firmeremo il verdetto.
    -Meglio la morte. Non riesco a immaginare come camminerò con i tubi con le banche.
    -Stai zitto. Stai zitto ora e non pronunciare questa parola disgustosa di fronte a me, - perdo la pazienza, perché sono profondamente convinto che non puoi scegliere la morte, è contro natura umana, inoltre, è contro Dio, - Che tipo di tubi? Quali banche? Non nel XVIII secolo viviamo. Ti farò una nuova vescica dalla zona dell'intestino e tutto. Chi nutrirà i tuoi figli?
    -Se non io, allora nessuno.
    -Questo è tutto.
    -Praticamente non capisco nulla in medicina. Ma com'è la vescica dall'intestino? Ho dell'urina andando all'intestino?
    -Assolutamente no. Prenderemo una trama dell'ileo e ne creeremo una nuova vescica. Vedi, succede qualcosa del genere: disegno uno schema di plastica intestinale della vescica, mostrando che l'integrità dell'intestino sarà ripristinata.

    Riparazione della vescica dopo la rimozione

    Le caratteristiche moderne ti consentono di ricreare la vescica dalla zona dell'intestino. Altrimenti, la persona non avrà un serbatoio per la raccolta delle urine, gli ureteri saranno portati sulla pelle dell'addome e, in vista dell'infezione costante dei reni, può verificarsi una condizione fatale - insufficienza renale cronica.
    Più spesso, usiamo l'ileo per ricreare la vescica, questa fase dell'operazione è mostrata sotto nelle figure.

    Usando la tecnologia moderna, creiamo una nuova vescica e alleviamo il paziente dal dover camminare con tubi e lattine per tutta la vita.

    Rimozione della vescica maschile

    La rimozione della vescica negli uomini ha un certo numero di caratteristiche, e la più importante tra queste è la domanda: è possibile preservare la ghiandola prostatica? La sua conservazione fornisce una buona ritenzione di urina e consente di salvare un'erezione. Se prima la vescica veniva rimossa insieme alla prostata e alle vescicole seminali, ora, se il tumore non è penetrato nella ghiandola prostatica, allora stiamo facendo di tutto per preservare sia la ghiandola prostatica che le vescicole seminali.

    -E cosa succederà a... Beh, in una parola, con la funzione maschile? Sono ancora... Beh, in una parola, il sesso significa molto per me.
    -Quando ho eseguito una biopsia per te, ho anche prelevato del tessuto dall'uretra prostatica. Non hai penetrazione del tumore nella ghiandola prostatica. Pertanto, ho l'opportunità di salvare la prostata, i fasci neurovascolari e, di conseguenza, l'erezione e la ritenzione di urina.

    Rimozione della vescica femminile

    Se gli uomini hanno una domanda sulla conservazione della ghiandola prostatica, allora le donne hanno spesso una domanda sulla rimozione dell'utero e persino della vagina. Ecco perché la rimozione della vescica nelle donne dovrebbe essere eseguita da un chirurgo oncologo con esperienza nella chirurgia ricostruttiva. Negli ultimi anni, otteniamo buoni risultati funzionali, preservando l'utero e la vagina, naturalmente, nei casi in cui non vi è alcuna germinazione del tumore in questi organi. Ma anche nel caso della germinazione, riusciamo a ricostruire la vagina, che rende possibile fare sesso dopo l'operazione.

    Conseguenze della rimozione della vescica

    Le conseguenze della rimozione della vescica dipendono dall'esperienza del chirurgo e dallo stadio della malattia, nonché dal metodo di funzionamento. Il periodo postoperatorio, la riabilitazione e il recupero sono più rapidi dopo la chirurgia laparoscopica. I nostri pazienti trascorrono un tempo minimo dopo l'intervento chirurgico nell'unità di terapia intensiva, poiché la chirurgia laparoscopica è accompagnata da una minima o addirittura nulla perdita di sangue e nessun rischio di infezione della cavità addominale.
    Dopo l'operazione di rimozione della vescica, è estremamente importante monitorare il paziente correttamente: ogni giorno valutiamo la funzione dei reni, l'intestino, i sistemi cardiovascolare e respiratorio sono sotto costante monitoraggio.
    Nel tardo periodo postoperatorio, ci si deve abituare alla vescica restaurata: per i primi sei mesi si deve urinare, premendo la mano sullo stomaco. Preferiamo consigliare i nostri pazienti una volta ogni uno e mezzo o due mesi, dal momento che nel primo anno dopo l'intervento chirurgico, il rischio di formazione di calcoli nella nuova vescica è piuttosto alto e se questa situazione si innesca, ciò può comportare un intervento ripetuto.

    Preparazione per la chirurgia

    Qualsiasi procedura chirurgica importante richiede una serie di test ed esami preoperatori. Questo non è un capriccio di un chirurgo o di un anestesista, è la sicurezza del paziente. Dobbiamo assicurarci che nel periodo postoperatorio non incontreremo problemi di sanguinamento dallo stomaco o dal retto, che non ci siano malattie sistemiche nascoste, la cui esacerbazione può finire in lacrime. Uno degli studi più importanti è l'ecografia delle vene delle gambe. Sembrerebbe, perché è addirittura necessario? Il fatto è che c'è una complicazione mortale nella chirurgia grande: è la separazione di un coagulo di sangue dalla vena delle gambe e il blocco dell'arteria polmonare. Per prevenire questa complicazione, dobbiamo esaminare le vene delle gambe per assicurarci che non abbiano coaguli di sangue.

    Dopo l'intervento chirurgico, rimuovere la vescica

    ... Sei mesi dopo l'operazione.
    -È possibile, Oganes Eduardovich? "Un uomo sbircia in ufficio, sorridendo.
    -Uh... Sì, per favore, entra, Anton Vadimovich, - riconosco a malapena la mia paziente, - Wow, hai guadagnato chili!
    -Bene, smetti di fumare. Hai detto che se fumo, mi prenderai e taglierò la prostata, - Il paziente sta ridendo.
    -Ottimo, Anton Vadimovich, fantastico. Test di controllo passati?
    -Sì, Hovhannes Eduardovich. Pulisci tutto. Nessuna ricorrenza Grazie...
    -Non solo io. Questa è l'intera squadra: un anestesista, assistenti, una sorella operatrice, infermiere di reparto e medici di turno... Non c'è nessun guerriero da solo sul campo, Anton Vadimovich...

    Approccio professionale: trattamento moderno dell'oncologia secondo le raccomandazioni delle principali associazioni europee.

    Squadra: gruppo scientifico e clinico specializzato di oncologia.

    Consultazione di esperti: discussione di ogni paziente con un oncologo, un radiologo e un chemioterapista per le corrette tattiche di trattamento.

    Karl Storz, Covidien e Philips Apparecchiatura di classe medica esperta per diagnosi accurate e trattamento efficace.

    Comfort: nessuna fila alla reception, premio ospedaliero e assistenza professionale.

    Sicurezza: uso di metodi diagnostici e terapeutici raccomandati dalle associazioni professionali EAU e AAU

    Risultato: diagnosi accurata e trattamento efficace del cancro.

    Oltre alla certificazione GCP, che conferma i più alti standard di diagnosi e trattamento.

    Costo di rimozione della vescica

    Il prezzo di un'operazione di rimozione della vescica dipende da una serie di fattori: la qualità e la quantità dei materiali di consumo, il modo in cui la vescica viene ripristinata, la durata del ricovero in ospedale e il trattamento farmacologico. Poiché questa è una delle operazioni più complesse in urologia, preferiamo utilizzare i prodotti di produttori affermati di materiali di consumo e farmaci. Fondamentalmente non usiamo consumabili e farmaci con un basso profilo di sicurezza, considerando che i tentativi di risparmio su questo possono portare a conseguenze disastrose.

    Se hai bisogno di un trattamento per il cancro della vescica, contattaci. Organizzeremo il ricovero il giorno di arrivo, effettueremo gli esami e la consultazione necessari, nonché la chirurgia. Ulteriori consigli possono essere ottenuti dopo il ritorno a casa a distanza.

    Feedback da www.prodoctorov.ru

    Grazie, dottoressa Dilanyan. Andato dal dottore alla reception, dopo aver letto il suo libro. Quando sono sorti problemi con il profilo urologico, la gente si chiedeva chi contattare. Un eccellente medico e un uomo, dopo la diagnosi, hanno escluso le diagnosi che avevo precedentemente impostato. Specialista riflessivo, non prende soldi extra, risponde sempre alle domande elettronicamente o di persona. Consiglio vivamente lo specialista Dr. Dilanyan, e anche leggere il suo libro, goditelo (dal libro).

    Feedback dal sito prodoctorov.ru

    Parole di profondo apprezzamento e rispetto Vorrei ringraziare l'urologo Hovhannes Eduardovich Dilanyan e il suo team. Nel 2016, ha subito un'operazione di cistectomia - rimozione della vescica e cistoplastica - ricostruzione della vescica dalla sezione intestinale. È passato un anno, lavoro, riposo, vivo una vita normale, compresa la vita sessuale, per la quale c'è un grande, speciale ringraziamento. Dopo due settimane volerò alla prossima ispezione. Cordialmente, paziente Alexander, Vladivostok.

    Feedback da www.prodoctorov.ru

    La dottoressa Dilanyan lo scorso dicembre ha operato su mia madre con l'ultima fase di oncologia. È stato l'unico medico a dire che la possibilità è piccola, ma lo è. Tutti gli altri hanno detto che non stavano parlando di trattamento... Il rischio era enorme, l'operazione è durata 10 ore e avrebbe potuto finire in qualsiasi momento. Il tumore non era solo grande, colpiva tutti gli organi del bacino. La dottoressa Dilanyan eseguì magistralmente l'operazione con una minima perdita di sangue, rimuovendo endoscopicamente l'intero tumore. Il giorno successivo mia madre fu trasferita da un'assistenza intensiva, dove l'attento personale del dipartimento si prese cura di lei, e la dottoressa Dilanyan arrivò anche nei fine settimana. Il periodo di riabilitazione è passato rapidamente, precedendo il corso di chemioterapia della madre e l'opportunità di godere ogni giorno. Hovhannes Eduardovich, grazie e il tuo team!

    Feedback da www.prodoctorov.ru

    Vorremmo ringraziare tutta la nostra famiglia per l'assistenza e il trattamento di nostro padre Dilanyan Hovhannes Eduardovich, Blokhin Nikita Mikhailovich e tutti i loro colleghi. Grazie per la calorosa accoglienza e l'atteggiamento gentile. Auguriamo sinceramente a ciascuno di voi e alle vostre famiglie salute, felicità senza fine, successo nel vostro lavoro e superare facilmente tutti gli ostacoli nel vostro percorso di vita. Grazie mille.

    Feedback dal sito prodoctorov.ru

    Mille grazie a Hovhannes Eduardovich! Le tue mani d'oro hanno salvato mia sorella! Grazie! Hai una squadra magica di chirurghi! Consiglio a tutti di contattare, anche nelle situazioni più difficili. Mia sorella ha avuto una situazione molto difficile e una diagnosi molto difficile, che in ogni momento potrebbe rovinarle la vita. Vi auguriamo successo e salute! Con grande rispetto per te!

    Paziente Shadyeva N. B. e la sua famiglia, sorella Svetlana.

    Feedback dal sito prodoctorov.ru

    Benvenuto! Questa è probabilmente la parola più pertinente su questo sito. Dopotutto, se hai guardato qui, significa che tu oi tuoi cari avete un problema di salute. Quindi, ciao! Ho anche un problema e leggo anche le recensioni sui medici, prima di fidarsi di qualcuno. Di conseguenza, la scelta cadde su Hovhannes Eduardovich Dilanyan, a cui sono molto felice e grato al destino. Ho il cancro alla vescica e alla prostata. O prostata e vescica? Quindi indovinando a Novosibirsk. Il rafano al rafano non è più dolce. E il tempo scorreva veloce e ovviamente ha funzionato contro di me. Ho chiamato, scritto e ho ricevuto immediatamente una risposta. Risposta dettagliata, di consulenza, comprensiva. A differenza delle mie altre lettere e chiamate a diversi destinatari. Su insistenza di Hovhannes Eduardovich (non secondo il consiglio, ma per l'insistenza!), Ho fatto i test necessari nel mio Novosibirsk e sono volato a Mosca. Mi hanno aspettato qui! Sai, era molto importante per me. Operazione 8 ore. Rimosso la vescica e la prostata. Per via laparoscopica! A Novosibirsk è stato proposto di farlo in modo aperto. Senti la differenza. Quando immaginate che un medico con la sua squadra stia in piedi per 8 ore e non stia semplicemente lì, ma lavorando - questo molto rapidamente causa il più profondo rispetto e gratitudine, credetemi. E sarà proprio il modo di esprimere gratitudine all'intero team coordinato di Oganes Eduardovich per la sua attenzione e cura che ho ricevuto. Trovo difficile valutare la professionalità del medico, non sono un esperto in questo campo. Ma la mia impressione è che Hovhannes Eduardovich - Doctor from God! Esattamente, con una lettera maiuscola. E non è affatto difficile per me considerarlo come una persona. Da parte sua, ho ricevuto tanta partecipazione, empatia e sostegno, come se questa fosse la mia persona più vicina. Hovhannes Eduardovich! Grazie mille per tutto ciò che hai fatto per me e per gli altri! Grazie alla tua squadra! Per i lettori: questa è la mia recensione. E non l'ultimo. Davanti a me. No, abbiamo un incontro con Hovhannes Eduardovich. È necessario fare la vescica e sbarazzarsi dei tubi nei lati. E sarà fatto solo da Dilanyan O.E. e nessun altro

    Alexander B., Novosibirsk

    Feedback dal sito prodoctorov.ru

    Benvenuto! Vorrei esprimere immediatamente la mia gratitudine a Hovhannes Eduardovich Dilanyan e al suo team - persone molto competenti, professionali e reattive. La storia della mia malattia è iniziata nell'agosto 2015. Un tumore (carcinoma urotero) si trova nella vescica. A settembre è stata eseguita una visita alla vescica. Istologia ha mostrato il cancro T2a N0 M0 G2. Dopo TURA, chemioterapia intravescicale per 8 cicli (adriblastinom). Ogni tre mesi, andava regolarmente alla cistoscopia. Dopo 9 mesi di ricaduta. Ancora TUR e appuntamento per la terapia BCG. Il medico operativo disse che c'era un altro TOUR e poi la rimozione della vescica. Non abbiamo aspettato un'altra ricaduta e abbiamo iniziato a cercare una via d'uscita. Ci sono diverse opzioni per la chirurgia per rimuovere la vescica. Un sito web è stato trovato su Internet per l'oncologo-chirurgo-urologo Dilanyan Hovhannes Eduardovich. Dal momento che vivo a Vladivostok, le consultazioni preliminari sono state tenute per e-mail e telefono. Hovhannes Eduardovich ha insistito sulla cistectomia radicale - rimozione della vescica e cistoplastica - ricostruzione della vescica dalla sezione intestinale. Tale operazione è una delle più difficili in oncologia ed è fatta da pochi specialisti in forma laparoscopica. Arrivato a Mosca, sono stato messo in una stanza separata nello stesso giorno. E hanno iniziato a svolgere una diagnosi completa e la preparazione per la chirurgia. Prima dell'operazione, Hovhannes Eduardovich ha spiegato in dettaglio come si sarebbe svolta l'operazione. L'operazione è durata 12 ore. Quindi rianimazione. Nel reparto per 3-4 giorni è stato permesso loro di sedersi, alzarsi, quindi camminare. La ripresa è stata difficile e difficile, ma la cura dei medici e del personale medico è stata avvertita 24 ore su 24. Un mese dopo, il catetere fu scaricato a casa in condizioni soddisfacenti. Un mese dopo è tornato per rimuovere il catetere. Dopo aver rimosso il catetere, è stata eseguita la cistoscopia e sono state trovate pietre. Il giorno seguente fu fatto un intervento chirurgico per rimuovere le pietre. Dopo l'intervento, ha iniziato a urinare come al solito. Una settimana dopo fu dimesso a casa. Tre mesi dopo per l'esame di controllo. Grazie mille a Hovhannes Eduardovich per la sua professionalità, che dà speranza e ispira fiducia. Voglio anche dire grazie al medico curante, Nikita Mikhailovich Blokhin, per il suo atteggiamento e attenzione. Cordialmente, paziente. Alexander Vladivostok.