Che cosa significa "susp mts"?

Susp mts è l'abbreviazione di medicina.

La parola susp è l'abbreviazione di suspitio. Ciò significa che qualcosa è sospettato (di solito è una questione di sospetto di qualsiasi malattia).

è per abbreviazione di metastasi. C'è una visione delle metastasi tumorali.

Se metti tutto insieme, allora c'è il sospetto di metastasi, questa non è una diagnosi definitiva, ma in ogni caso, notizie estremamente spiacevoli.

Il termine sosptr è direttamente correlato alla medicina, e ad una delle sue zone più sgradevoli - all'oncologia.

La seconda parte di questo termine, mts, è l'abbreviazione della parola latina metastasi, che viene tradotta come tumori. In altre parole, quando senti le parole che le metastasi si trovano da qualche parte, dovrebbe essere chiaro che è stato rilevato un tumore.

Che cosa è un tumore non è necessario spiegare. Ma va ricordato che il tumore stesso non è un cancro, può essere una crescita benigna. E quando la diagnosi di cancro non è confermata, ma c'è un sospetto sulla sua presenza, scrivono solo sosp sospetti - un sospetto di cancro.

Termini in oncologia

La malattia di Petrov
Il termine usato in precedenza, dai vecchi oncologi, è molto ampio. Solitamente denotato il cancro gastrico (anche se in linea di principio potrebbe indicare qualsiasi tumore maligno). È stato a lungo diffuso. In generale, il cognome "Petrov" era spesso usato in oncologia in vari termini gergali, il cognome dell'oncologo, accademico N.N. Petrova.

cancro, c-r, Blastoma, Bl., NEO, neoplazma (neoplasma), malattia. Tumore (tumore)
Tutti i termini di cui sopra si riferiscono a un tumore maligno, di regola - il cancro. Sono tutti utilizzati per non scrivere la parola "cancro" in testo chiaro. Per indicare il sarcoma, viene spesso utilizzata un'altra abbreviazione: SA (Sa).

Laparotomia di prova, Laparotomia explorativa, Operazione Petrova, resezione esplorativa (qualcosa)
Tutti i termini si riferiscono alla situazione in cui l '"apertura" dell'addome rivela l'inoperabilità, la negligenza del tumore, il cancro allo stadio 4, in cui non ha senso eseguire alcun intervento. Dopodiché, lo stomaco viene cucito senza eseguire alcuna operazione. Tra i medici vengono spesso usate espressioni gergali come "campione", "test".

Chirurgia palliativa, resezione palliativa (qualcosa)
La chirurgia palliativa (non radicale) è un'operazione in cui si stabilisce la negligenza, il tumore è inutilizzabile, ma qualche intervento viene eseguito - o per eliminare alcune complicazioni (sanguinamento, stenosi, ecc.) O nella speranza di ottenere una remissione temporanea, soprattutto se successiva chemioterapia o radioterapia (anche palliativa, cioè non radicale).

Trattamento sintomatico nel luogo di residenza
La frase in cui è crittografata è che il paziente ha un tumore non operabile, trascurato, di solito 4 stadi, e che un tale paziente, a causa di questo, non è soggetto a particolari tipi di trattamento radicale da parte di uno specialista oncologo. Implica la prescrizione di farmaci che alleviano solo le condizioni del paziente incurabile e, prima di tutto, gli analgesici narcotici, se necessario. Tra i medici vengono spesso usate espressioni gergali di "sintomatologia", "paziente sintomatico". Può essere considerato sinonimo di registrazione del gruppo clinico 4 del dispensario.

Generalizzazione (diffusione)
Il termine per un tumore trascurato, in cui ci sono molte metastasi regionali e / o distanti. Di norma, stiamo parlando di 4 fasi del processo tumorale e 4 registrazione del gruppo clinico del dispensario.

Progressione (progressia)
Il termine si riferisce alla continuazione dell'aggressività del tumore, alla continua crescita del cancro. Il solito sviluppo del cancro non trattato. Tuttavia, la progressione può verificarsi anche dopo un trattamento speciale nell'ambito di un programma radicale. In una situazione del genere - l'opposto della parola "remissione". Inoltre, i tempi di progressione possono essere molto variabili - la continuazione della crescita delle cellule tumorali dopo il trattamento può verificarsi dopo 1 - 2 mesi e dopo 10 - 20 - 30 anni. (Il periodo più lontano di comparsa della progressione dalla fine del trattamento, che ho trovato in letteratura, è di 27 anni).

Epatite secondaria (polmonite, linfoadenite, ecc.), Epatite secondaria (polmonite, linfoadenite, ecc.)
Tutti i termini si riferiscono alla presenza di metastasi distanti (al fegato, ai polmoni, ai linfonodi, ecc.). Indica un tumore trascurato, cancro allo stadio 4.

Linfoadenite Virkhova
Le metastasi di Virkhov (metastasi del cancro nel linfonodo sopraclavicolare a sinistra - dal nome dell'autore, che l'ha descritta per la prima volta) indicano la negligenza del tumore, 4 stadi del cancro.

mts
Metastasi (abbreviazione di latino - metastasi). Può indicare sia metastasi regionali che distanti.

prima, secunda, tercia, qarta (prima, secondo, terzo, quarto)
Le parole latine sono numeri. Indicare lo stadio dello sviluppo del cancro, il processo del tumore - il primo, il secondo, il terzo e il quarto. Tra i medici, i pazienti incurabili sono spesso indicati con il termine gergale "quart".

T. N. M.
L'abbreviazione di parole latine utilizzate per la classificazione internazionale dei tumori maligni per fasi. Tumore T: tumore primitivo, i valori possono essere da 1 a 4, a seconda delle dimensioni; N - Nodulus - nodi (linfa), i valori possono essere da 1 a 2-3, a seconda del livello di danno ai linfonodi regionali; M - Metastasi - metastasi, si riferisce a metastasi distanti, i valori possono essere 0 o 1 (+), cioè esistono metastasi distanti o meno. Per tutte le categorie (TNM), il valore può essere x (x) - i dati disponibili non sono sufficienti per valutare.

Differenza tra stadio e gruppo clinico
Spesso, i pazienti che sono anche in remissione a lungo termine vanno in preda al panico quando sentono il termine "gruppo clinico 3", considerando che questo è il 3 stadio dello sviluppo del tumore. Questo non è corretto I "gruppi clinici" sono gruppi di osservazione dispensativa e nella loro designazione numerica non esiste alcuna correlazione con lo stadio dello sviluppo del tumore.
1 gruppo clinico - pazienti con patologie precancerose di base che sono oggetto di follow-up;
2 gruppo clinico - pazienti con malattie oncologiche di qualsiasi stadio che sono soggetti a particolari tipi di trattamento (operatori, radiazioni, chemoormonali);
3 gruppo clinico - pazienti oncologici radicalmente guariti;
Gruppo clinico 4 - pazienti incurabili, pazienti con tumori maligni avanzati che non sono soggetti a particolari tipi di trattamento.
Come potete vedere, il terzo gruppo clinico indica un'opzione molto buona.

Adeguato sollievo dal dolore
Sotto questa frase di solito "si nasconde" la raccomandazione dell'appuntamento di analgesici narcotici per il sollievo dal dolore. Tuttavia, il problema del sollievo dal dolore nei pazienti incubabili è molto più complicato e più ampio rispetto alla semplice prescrizione di farmaci.

Radiazione palliativa (chemioterapia)
Chemioterapia palliativa, irradiazione palliativa - uso non radicale di queste tecniche. Cioè, una situazione in cui un paziente coscientemente incurabile effettua un trattamento specifico con un obiettivo deliberatamente non radicale, sia per alleviare eventuali complicazioni e migliorare la qualità della vita rimanente, sia nella speranza di una stabilizzazione almeno temporanea del processo tumorale. Il concetto di palliattività corrisponde a quello del trattamento chirurgico.

Cosa significa oncologia

La malattia di Petrov
Il termine usato in precedenza, dai vecchi oncologi, è molto ampio. Solitamente denotato il cancro gastrico (anche se in linea di principio potrebbe indicare qualsiasi tumore maligno). È stato a lungo diffuso. In generale, il cognome "Petrov" era spesso usato in oncologia in vari termini gergali, il cognome dell'oncologo, accademico N.N. Petrova.

cancro, c-r, Blastoma, Bl., NEO, neoplazma (neoplasma), malattia...., tumore (tumore)
Tutti i termini di cui sopra si riferiscono a un tumore maligno, di regola - il cancro. Sono tutti utilizzati per non scrivere la parola "cancro" in testo chiaro. Per indicare il sarcoma, viene spesso utilizzata un'altra abbreviazione: SA (Sa).

Laparotomia di prova, Laparotomia explorativa, Operazione Petrova, resezione esplorativa (qualcosa)
Tutti i termini si riferiscono alla situazione in cui l '"apertura" dell'addome rivela l'inoperabilità, la negligenza del tumore, il cancro allo stadio 4, in cui non ha senso eseguire alcun intervento. Dopodiché, lo stomaco viene cucito senza eseguire alcuna operazione. Tra i medici, vengono spesso usate espressioni gergali come "campione", "test".

Chirurgia palliativa, resezione palliativa (qualcosa)
La chirurgia palliativa (non radicale) è un'operazione in cui si stabilisce la negligenza, il tumore è inutilizzabile, ma qualche intervento viene eseguito - o per eliminare alcune complicazioni (sanguinamento, stenosi, ecc.) O nella speranza di ottenere una remissione temporanea, soprattutto se successiva chemioterapia o radioterapia (anche palliativa, cioè non radicale).

Trattamento sintomatico nel luogo di residenza
La frase in cui è crittografata è che il paziente ha un tumore non operabile, trascurato, di solito 4 stadi, e che un tale paziente, a causa di questo, non è soggetto a particolari tipi di trattamento radicale da parte di uno specialista oncologo. Implica la prescrizione di farmaci che alleviano solo le condizioni del paziente incurabile e, prima di tutto, gli analgesici narcotici, se necessario. Tra i medici vengono spesso usate espressioni gergali di "sintomatologia", "paziente sintomatico". Può essere considerato sinonimo di registrazione del gruppo clinico 4 del dispensario.

Generalizzazione (diffusione)
Il termine per un tumore trascurato, in cui ci sono molte metastasi regionali e / o distanti. Di norma, stiamo parlando di 4 fasi del processo tumorale e 4 registrazione del gruppo clinico del dispensario.

Progressione (progressia)
Il termine si riferisce alla continuazione dell'aggressività del tumore, alla continua crescita del cancro. Il solito sviluppo del cancro non trattato. Tuttavia, la progressione può verificarsi anche dopo un trattamento speciale nell'ambito di un programma radicale. In una situazione del genere - l'opposto della parola "remissione". Inoltre, i tempi di progressione possono essere molto variabili - la continuazione della crescita delle cellule tumorali dopo il trattamento può verificarsi dopo 1 - 2 mesi e dopo 10 - 20 - 30 anni. (Il periodo più lontano di comparsa della progressione dalla fine del trattamento, che ho trovato in letteratura, è di 27 anni).

Epatite secondaria (polmonite, linfoadenite, ecc.), Epatite secondaria (polmonite, linfoadenite, ecc.)
Tutti i termini si riferiscono alla presenza di metastasi distanti (al fegato, ai polmoni, ai linfonodi, ecc.). Indica un tumore trascurato, cancro allo stadio 4.

Linfoadenite Virkhova
Le metastasi di Virkhov (metastasi del cancro nel linfonodo sopraclavicolare a sinistra - dal nome dell'autore, che l'ha descritta per la prima volta) indicano la negligenza del tumore, 4 stadi del cancro.

mts
Metastasi (abbreviazione di latino - metastasi). Può indicare sia metastasi regionali che distanti.

prima, secunda, tercia, qarta (prima, secondo, terzo, quarto)
Le parole latine sono numeri. Indicare lo stadio dello sviluppo del cancro, il processo del tumore - il primo, il secondo, il terzo e il quarto. Tra i medici, i pazienti incurabili sono spesso indicati con il termine gergale "quart".

T... N... M...
L'abbreviazione di parole latine utilizzate per la classificazione internazionale dei tumori maligni per fasi. Tumore T: tumore primitivo, i valori possono essere da 1 a 4, a seconda delle dimensioni; N - Nodulus - nodi (linfa), i valori possono essere da 1 a 2-3, a seconda del livello di danno ai linfonodi regionali; M - Metastasi - metastasi, si riferisce a metastasi distanti, i valori possono essere 0 o 1 (+), cioè esistono metastasi distanti o meno. Per tutte le categorie (TNM), il valore può essere x (x) - i dati disponibili non sono sufficienti per valutare.

Differenza tra stadio e gruppo clinico
Spesso, i pazienti che sono anche in remissione a lungo termine vanno in preda al panico quando sentono il termine "gruppo clinico 3", considerando che questo è il 3 ° stadio nello sviluppo del processo tumorale. Questo non è corretto I "gruppi clinici" sono gruppi di osservazione dispensativa e nella loro designazione numerica non esiste alcuna correlazione con lo stadio dello sviluppo del tumore.
1 gruppo clinico - pazienti con patologie precancerose di base che sono oggetto di follow-up;
2 gruppo clinico - pazienti con malattie oncologiche di qualsiasi stadio che sono soggetti a particolari tipi di trattamento (operatori, radiazioni, chemoormonali);
3 gruppo clinico - pazienti oncologici radicalmente guariti;
Gruppo clinico 4 - pazienti incurabili, pazienti con tumori maligni avanzati che non sono soggetti a particolari tipi di trattamento.
Come potete vedere, il terzo gruppo clinico indica un'opzione molto buona.

Adeguato sollievo dal dolore
Sotto questa frase di solito "si nasconde" la raccomandazione dell'appuntamento di analgesici narcotici per il sollievo dal dolore. Tuttavia, il problema del sollievo dal dolore nei pazienti incubabili è molto più complicato e più ampio rispetto alla semplice prescrizione di farmaci.

Radiazione palliativa (chemioterapia)
Chemioterapia palliativa, irradiazione palliativa - uso non radicale di queste tecniche. Cioè, una situazione in cui un paziente coscientemente incurabile effettua un trattamento specifico con un obiettivo deliberatamente non radicale, sia per alleviare eventuali complicazioni e migliorare la qualità della vita rimanente, sia nella speranza di una stabilizzazione almeno temporanea del processo tumorale. Il concetto di palliattività corrisponde a quello del trattamento chirurgico.

Cosa sono le metastasi?

Metastasi (metastasi - dal greco Meta stateo - "altrimenti resto") - questi sono i centri di crescita secondari di quasi tutti i tumori maligni. La maggior parte dei tumori porta alla comparsa di focolai secondari nei linfonodi locali e regionali, fegato, polmone, colonna vertebrale.

I concetti moderni di sviluppo delle metastasi si basano sul fatto che le metastasi si sviluppano quasi non appena compare il tumore maligno. Separare le cellule separate da esso prima penetra il lume del flusso sanguigno (percorso di disseminazione ematogena) o vaso linfatico (percorso di disseminazione linfatica), e poi vengono trasferiti con flusso sanguigno o linfatico, fermarsi in un nuovo luogo, quindi lasciare la nave e crescere formando metastasi. Inizialmente, questo processo è lento e impercettibile, dal momento che le cellule tumorali dai foci materni sopprimono l'attività dei fuochi secondari.

D'ora in poi, il cancro si chiama metastatico. Il processo di diffusione delle cellule tumorali è chiamato metastasi.

La capacità di metastatizzare - uno dei segni chiave dei tumori maligni, che li distingue dai tumori benigni.

Cosa causa metastasi?

Le singole cellule si staccano dal tumore materno e formano le metastasi? Le cellule tumorali si staccano e si staccano sempre. Fattori locali del sistema immunitario del corpo per un tempo molto lungo proteggono il corpo dalla rapida crescita delle cellule tumorali. L'unica domanda è la probabilità di metastasi, e dipende dal tipo di tumore, dal suo tasso di crescita, dal grado di differenziazione cellulare (quanto sono diversi dal normale), dallo stadio in cui è stato diagnosticato il cancro e da altri fattori.

Dopo essersi diffuse, le cellule tumorali possono rimanere inattive per un tempo molto lungo (o crescere molto lentamente) per un certo numero di anni. I meccanismi esatti per innescare un rapido numero di metastasi nel corpo non sono stati studiati.

Un altro fatto è importante: man mano che il numero di cellule nelle metastasi aumenta, iniziano a secernere fattori di crescita. Questi fattori di crescita stimolano la formazione di una rete capillare intorno alle cellule tumorali, che fornisce alle cellule tumorali tutti i nutrienti a discapito del resto dei tessuti del corpo.

Ci sono diverse fasi della diffusione del cancro nel corpo:

  • Penetrazione delle cellule tumorali nel sangue o nel vaso linfatico più vicini;
  • Diffusione con sangue o linfa in varie parti del corpo;
  • Quindi la cellula cancerosa si ferma in uno dei piccoli vasi e penetra attraverso il suo muro nel tessuto;
  • Per un certo periodo, è inattivo o moltiplica, ma molto lentamente;
  • Crescita rapida, crescita della rete capillare.

Molte cellule tumorali muoiono in una di queste fasi. Coloro che sono riusciti a sopravvivere danno origine a metastasi.

Cosa determina il tasso di diffusione delle metastasi nel corpo?

Il tempo richiesto per la manifestazione clinica delle prime metastasi è in gran parte determinato dal tipo di tumore e dal grado di differenziazione dei suoi tessuti.

  • I tumori altamente differenziati, di regola, metastatizzano molto meno frequentemente e più tardi dei tumori di basso grado.
  • Nei tumori scarsamente differenziati, le cellule perdono praticamente le normali caratteristiche del tessuto. Tale cancro si comporta in modo più aggressivo.

A volte le metastasi compaiono molto rapidamente, in seguito al verificarsi del sito del tumore primario. In molti pazienti, le metastasi vengono rilevate dopo 1-2 anni. A volte latenti o "metastasi dormienti" si trovano molti anni dopo l'intervento chirurgico per rimuovere il tumore.

La probabilità di metastasi può essere ridotta utilizzando diversi metodi di trattamento:

  • La chemioterapia. Ad esempio, la chemioterapia adiuvante viene eseguita dopo l'intervento chirurgico e aiuta a distruggere le cellule tumorali che possono essere rimaste nel corpo.
  • Radioterapia

Come si metastano diversi tipi di cancro?

Molto spesso le metastasi si trovano nei linfonodi, nelle metastasi del fegato, nei polmoni e molto meno spesso nel muscolo cardiaco, nei muscoli scheletrici, nella pelle, nella milza e nel pancreas. Il posto intermedio nella frequenza di scoperta di metastasi in vari tipi di cancro è occupato dal sistema nervoso centrale, il sistema osseo, i reni, le ghiandole surrenali.

Alcuni tumori hanno siti preferiti per metastasi. Tali metastasi hanno i loro "nomi" - termini speciali:

  • Metastasi di Krukenberg - nelle ovaie;
  • La metastasi di suor Mary Joseph è all'ombelico;
  • Le metastasi di Virchow - ai linfonodi sopra la clavicola sinistra.

Le metastasi sono sempre indicate come il tumore primario. Ad esempio, se il tumore al polmone si è diffuso alle ghiandole surrenali, il tumore nelle ghiandole surrenali è chiamato "carcinoma polmonare metastatico". Tuttavia, a livello molecolare-genetico, le metastasi possono differire dal tumore materno. Questo fenomeno è chiamato eterogeneità.

Quali sono le metastasi pericolose?

La metastasi della maggior parte dei tumori si verifica nei casi in cui le riserve del corpo sono esaurite nella lotta contro il tumore. Le metastasi disturbano in modo significativo il funzionamento di tutti gli organi e sistemi vitali. In modo schiacciante, la morte dei pazienti affetti da cancro è causata proprio dalle metastasi del cancro principale.

Inoltre, le metastasi peggiorano significativamente le condizioni generali, spesso accompagnate da dolore insopportabile, che richiede anestesia costante.

Come si manifestano le metastasi?

Il quadro clinico del cancro metastatico è determinato dall'ubicazione delle metastasi:

  • La lesione peritoneale (carcinoma peritoneale) porta all'ascite, che richiede laparocentesi;
  • La sconfitta della pleura (carcinomatosi della pleura) causa lo sviluppo di pleurite essudativa, che richiede la toracocentesi;
  • La sconfitta delle ossa e della spina dorsale porta a dolore in diverse parti del corpo, fratture;
  • L'affetto dei polmoni si manifesta come mancanza di respiro;
  • Le metastasi cerebrali portano a mal di testa, vertigini, convulsioni, disturbi della coscienza;
  • Il danno epatico porta a ittero ostruttivo.

Inoltre, le tossine rilasciate durante la morte costante delle cellule tumorali causano l'intossicazione da cancro del corpo.

Come vengono diagnosticate le metastasi?

Radiografia del sondaggio, ultrasuoni, ricerca di radioisotopi, tomografia computerizzata, risonanza magnetica, tomografia a emissione di positroni - tutte queste tecniche sono essenziali per il riconoscimento delle metastasi. Queste tecniche consentono di chiarire la dimensione, la prevalenza e la natura della crescita delle metastasi, il loro decadimento, suppurazione, germinazione negli organi e nei tessuti vicini. Inoltre, questi metodi diagnostici consentono di monitorare l'efficacia del trattamento in base al grado di regressione delle metastasi.

Condizionalmente, possiamo distinguere due fasi della diagnosi delle metastasi:

  • Esame primario, quando viene diagnosticato solo il tumore principale;
  • Supervisione presso l'oncologo dopo il trattamento passato. Se inizialmente non sono state rilevate metastasi e il trattamento ha avuto successo, in futuro si dovrà sottoporsi a esami periodici - c'è il rischio di recidiva.

Eziologia della malattia polmonare metastatica

Le metastasi nei polmoni si formano come risultato dell'eliminazione delle cellule atipiche di un tumore canceroso e della loro diffusione in tutto il corpo attraverso i sistemi circolatorio e linfatico. Nella pratica oncologica, si ritiene che la fonte delle metastasi polmonari possa essere quasi ogni neoplasma maligno. C'è il seguente gruppo di malattie oncologiche, che si metastatizzano ai polmoni con un'alta frequenza:

  • cancro del retto;
  • melanoma cutaneo;
  • cancro al seno;
  • neoplasma maligno della vescica;
  • sarcoma dei reni;
  • tumori dello stomaco e dell'esofago.

Metastasi polmonari: sintomi di

Di norma, i pazienti con metastasi polmonari cercano assistenza medica nelle ultime fasi della malattia, che è associata allo sviluppo asintomatico di tumori nelle prime fasi della crescita maligna. Le manifestazioni tipiche dei fuochi secondari del cancro nel sistema polmonare si verificano in questa forma:

  1. Dispnea progressiva, che si osserva durante l'esercizio o a riposo.
  2. Attacchi regolari di tosse secca.
  3. Sindrome del dolore che aumenta gradualmente. Il dolore al cancro nelle fasi iniziali viene alleviato dagli antidolorifici tradizionali e in una fase avanzata richiedono analeptici narcotici.
  4. La presenza di masse di sangue nell'espettorato dopo un attacco di tosse.

Quanto una persona vive con metastasi polmonari dipende dal rilevamento tempestivo dell'oncologia secondaria. Gli oncologi medici raccomandano di consultare immediatamente un medico in caso di rilevamento di almeno uno dei sintomi sopra elencati! Nella pratica oncologica, molto spesso le metastasi polmonari vengono determinate molto prima della scoperta dell'obiettivo primario del cancro.

L'ulteriore sviluppo della malattia è accompagnato da un aumento dell'intossicazione da cancro del corpo, che si manifesta nel seguente quadro clinico:

  • affaticamento rapido, malessere generale e prestazioni ridotte;
  • bassa temperatura corporea, che è cronica;
  • la tosse da cancro diventa quasi costante;
  • perdita di appetito e rapida perdita di peso.

Diagnosi di metastasi polmonari

Per stabilire la diagnosi di oncologia ricorrere a tali metodi:

Con l'aiuto dell'esame a raggi X, il medico determina la presenza di metastasi, la sua localizzazione e le dimensioni.

L'elaborazione digitale dei risultati radiologici consente di chiarire la forma e la posizione del focus secondario dell'oncologia.

L'esame del sistema respiratorio in un campo elettromagnetico mediante raggi X migliora la chiarezza dell'immagine e la qualità diagnostica.

Polmoni metastatici nel taglio

Trattamento del carcinoma polmonare secondario

Oggi in oncologia vengono utilizzati i seguenti metodi di trattamento delle metastasi polmonari:

La resezione dei tessuti polmonari insieme alle metastasi è il metodo più efficace di terapia antitumorale, ma raramente viene eseguita. Ciò è dovuto al fatto che l'indicazione per la chirurgia è un singolo fuoco secondario e una posizione chiaramente localizzata del tumore.

L'impatto della radiazione a raggi X altamente attiva contribuisce alla stabilizzazione del processo maligno e alla riduzione del dolore. L'irradiazione con raggi ionizzanti viene effettuata a distanza in condizioni stazionarie.

La somministrazione sistemica di farmaci citostatici consente di controllare la diffusione delle cellule tumorali. Il corso di chemioterapia è determinato individualmente per ciascun paziente oncologico, tenendo conto del trattamento principale del cancro e delle condizioni generali del corpo. In pratica, gli oncologi combinano radioterapia e chemioterapia per migliorare l'effetto terapeutico.

L'accettazione dei farmaci ormonali è giustificata in presenza di un tumore primario sensibile agli ormoni (cancro delle ghiandole mammarie e della prostata). Questo tipo di esposizione viene utilizzato principalmente come parte di una terapia antitumorale completa.

Questa tecnica è indicata come trattamento sintomatico del cancro dei grandi bronchi. La resezione laser viene effettuata sotto il controllo della broncoscopia.

La tecnologia innovativa "cyber-coltello" consente di operare tumori maligni di difficile accesso con un fascio di radiazioni ionizzanti concentrato.

Come leggere una diagnosi se si sospetta un cancro è un problema importante per il paziente e i suoi parenti. L'articolo discute, in primo luogo, la struttura della diagnosi del cancro, nonché le regole per la sua lettura e comprensione. Iniziamo con la struttura. Una diagnosi oncologica consiste di diversi componenti:

  1. Caratteristiche del processo patologico.
  2. Caratteristiche della variante clinica e morfologica della malattia.
  3. Processo di localizzazione
  4. Lo stadio della malattia, che caratterizza la prevalenza del processo.
  5. Caratteristiche degli effetti terapeutici (indicati nella diagnosi dopo il trattamento).

È necessario ricordare che la diagnosi finale in oncologia è fatta solo dopo l'esame istologico del tessuto dal neoplasma (biopsia). In altre parole, solo dopo un esame microscopico del tessuto di un paziente da un'area in cui, secondo il suggerimento del medico, si trova un cancro.

L'esame istologico permette di determinare la natura della crescita (benigna o maligna) e l'effettiva morfologia del tumore (cioè da quale tessuto cresce), a seconda della morfologia e dei tumori del sottodiversi in tumori dal tessuto epiteliale, dal sarcoma del tessuto connettivo e n.

La morfologia della neoplasia è necessaria per conoscere le tattiche corrette di trattamento e gestione del paziente, per prevedere la malattia, perché diversi nella morfologia, i tumori metastatizzano in modo diverso, germinano, ecc. Prima di passare agli esempi, le spiegazioni delle diagnosi oncologiche, considera i suoi componenti principali.

Quindi, in primo luogo, cosa significano le lettere latine in una diagnosi? Classificazione TNM, adottata per descrivere la prevalenza anatomica del tumore, opera in tre categorie principali: T (tumore) -s Lat. tumore - caratterizza la prevalenza del tumore primario, N (nodus) - dal latino. il nodo riflette lo stato dei linfonodi regionali, M (metastasi) indica la presenza o l'assenza di metastasi a distanza.

Il tumore primario (T) nel quadro della classificazione clinica è caratterizzato dai simboli ТX, Т0, Тis, Т1, Т2, ТЗ, Т4.

TX viene utilizzato quando è impossibile stimare la dimensione e la diffusione locale del tumore.
T0 - il tumore primario non è definito.
Тis - carcinoma preinvasivo, carcinoma in situ (cancro in situ), forma intraepiteliale del cancro, stadio iniziale dello sviluppo di un tumore maligno senza segni di germinazione più di 1 strato.

T1, T2, TZ, T4 - designazioni delle dimensioni, carattere della crescita, interrelazioni con i tessuti di confine e (o) organi del tumore primario. I criteri in base ai quali vengono determinati i simboli digitali della categoria T dipendono dalla localizzazione del tumore primario e, per alcuni organi, non solo dalla dimensione, ma anche dal grado della sua invasività (germinazione).

Lo stato dei linfonodi regionali (N) è designato dalle categorie NX, N0, N1, 2, 3. Questi sono linfonodi dove andranno prima di tutto le metastasi. Per esempio per il cancro al seno, i linfonodi regionali sono ascellari con il lato appropriato.

NX - Dati insufficienti per valutare la lesione dei linfonodi regionali.

N0 - nessun segno clinico di metastasi nei linfonodi regionali. La categoria 0, determinata prima dell'intervento chirurgico per motivi clinici o dopo l'intervento chirurgico sulla base di una valutazione visiva del farmaco rimosso, è chiarita dai risultati dell'esame istologico.

N1, N2, N3 riflettono vari gradi di metastasi dei linfonodi regionali. I criteri per determinare i simboli delle categorie digitali dipendono dalla posizione del tumore primario.

Le metastasi distanti (M) sono quelle metastasi che appaiono in altri organi e tessuti, e non solo nei linfonodi regionali (quando un tumore germina e quando un tumore viene distrutto da un tumore, le cellule cancerose entrano nel sangue e possono "diffondersi" in quasi tutti gli organi). Sono caratterizzati dalle categorie MX, M0, M1.

MX - Dati insufficienti per identificare metastasi distanti.
M0 - nessun segno di metastasi a distanza. Questa categoria può essere raffinata e modificata, se durante una revisione chirurgica o durante l'autopsia hanno rivelato metastasi a distanza.

M1 - ci sono metastasi distanti. A seconda della localizzazione delle metastasi, la categoria M1 può essere completata con simboli che specificano l'obiettivo di metastasi: ÐUL. - polmoni, OSS - ossa, HEP - fegato, BRA - cervello, LYM - linfonodi, MAR - midollo osseo, ≥LE - pleura, PER - peritoneo, SKI - pelle, OTN - altri organi.

Secondo, cosa significa lo stadio nella diagnosi? Ci sono 4 fasi del processo oncologico:

Fase 1: il processo oncologico interessa uno strato di un organo, ad esempio la mucosa. Questo stadio è anche chiamato "cancer in situ" o "cancer in place". In questa fase, la lesione dei linfonodi regionali è assente. Non c'è metastasi.

Stadio 2 - il processo oncologico interessa 2 o più strati di un organo. La sconfitta dei linfonodi regionali è assente, non ci sono metastasi a distanza.

Stadio 3 - il tumore invade tutte le pareti dell'organo, i linfonodi regionali sono affetti, le metastasi distanti sono assenti.

Stadio 4 - un tumore di grandi dimensioni, colpisce l'intero corpo, vi è una lesione di linfonodi regionali e distanti e metastasi ad altri organi. (In alcuni processi patologici, si distinguono solo 3 stadi, alcuni stadi possono essere scomposti in sottofinestre, ciò dipende dalla classificazione del processo oncologico adottata per questo corpo).

Terzo, cosa significa il gruppo clinico nella diagnosi? Il gruppo clinico (in oncologia) è l'unità di classificazione della registrazione dispensativa della popolazione in relazione alle malattie oncologiche.

1 gruppo clinico - persone con malattie precancerose, in realtà sani:

1a - pazienti con una malattia sospettosa di neoplasia maligna (quando viene stabilita la diagnosi definitiva, vengono rimossi dal registro o trasferiti ad altri gruppi);

1b - pazienti con malattie pretumore;

Gruppo clinico 2: individui con tumori maligni comprovati sottoposti a trattamento radicale;

Gruppo clinico 3 - individui con tumori maligni comprovati che hanno completato un trattamento radicale e sono in remissione.

4o gruppo clinico - persone con tumori maligni comprovati, che per un motivo o per l'altro non sono soggetti a trattamento radicale, ma sono soggetti a trattamento palliativo (sintomatico).

Il gruppo clinico è necessariamente indicato nella diagnosi del paziente. Nella dinamica, lo stesso paziente, a seconda del grado di progressione del processo e del trattamento effettuato, può essere trasferito da un gruppo clinico all'altro. Il gruppo clinico non corrisponde in alcun modo allo stadio della malattia.

Quindi, ora possiamo dire con certezza che la struttura della diagnosi adottata in oncologia rende possibile capire abbastanza accuratamente la situazione. Per comprenderlo più chiaramente, considera i seguenti esempi:

1) Diagnosi di cancro al seno. Come sarà questa diagnosi nei registri medici?

DS: Cancer of the right breast T4N2M0 III stage.2 cells il gruppo.

-T4- ci dice che è un grande tumore con germinazione negli organi vicini;

-N2- dice che ci sono metastasi nei linfonodi interni della mammella sul lato affetto, fissate l'una con l'altra;

-M0- dice che al momento non ci sono segni di metastasi a distanza.

-Stadio III - ci dice che il tumore invade tutte le pareti dell'organo, i linfonodi regionali sono affetti, le metastasi distanti sono assenti;

-2 cl. il gruppo ci dice che la malignità della neoplasia è provata istologicamente (100%) e il tumore è soggetto a rimozione radicale (cioè completa) da un intervento chirurgico.

2) Diagnosi di cancro del rene sinistro con metastasi nei polmoni. Come sarà questa diagnosi nei registri medici?

DS: Cancro del rene sinistro T3cN2M1 (PUL) III stadio. 4KL. il gruppo. Т3с- a causa delle dimensioni significative del tumore, il tumore si diffonde alla vena cava inferiore sopra il diaframma o cresce nella sua parete;

N2 metastasi in più di un linfonodo regionale;

M1 (pul) - ci sono metastasi a distanza nei polmoni.

Stadio III: il tumore penetra nei linfonodi o passa alla vena renale o alla vena cava inferiore;

Il gruppo clinico 4 è un tumore maligno comprovato, che per una ragione o per l'altra non è soggetto a trattamento radicale, ma è soggetto a trattamento palliativo (sintomatico).

3) Diagnosi di cancro dell'ovaio destro con metastasi nel peritoneo. Come sarà la diagnosi nelle cartelle cliniche?

DS: Cancro dell'ovaio destro T3N2M1 (РER) Stadio IIIA 4kl. il gruppo

- T3 - Il tumore è presente in una o entrambe le ovaie e le cellule tumorali sono presenti al di fuori della regione pelvica.

- metastasi N2 in più di un linfonodo regionale;

- M1 (ER) - metastasi distanti al peritoneo;

- Stadio IIIA - diffuso all'interno della pelvi, con disseminazione del peritoneo (molte piccole metastasi sono disperse nel peritoneo);

- 4 gruppo clinico - tumore maligno comprovato, che per una ragione o l'altra non è soggetto a trattamento radicale, ma è soggetto a trattamento palliativo (sintomatico).

4) Diagnosticato con sarcoma della gamba sinistra. Come sarà la diagnosi nelle cartelle cliniche?

DS: Sarcoma osteogenico del terzo inferiore del gruppo di cellule di stadio 2 con fibula sinistra T2 Nx M0 IIB.

- T2 - L'attenzione si estende oltre la barriera naturale;

- Nx, M0 - nessuna metastasi;

- Stadio IIB- Tumore di basso grado (molto maligno). L'attenzione si estende oltre la barriera naturale. L'assenza di metastasi;

- 2 gruppi di persone con comprovata malignità del tumore, soggetto a trattamento radicale (rimozione chirurgica del tumore).

5) Diagnosi di cancro del polmone destro con metastasi nel cervello. Come sarà la diagnosi nelle cartelle cliniche?

DS: adenocarcinoma broncoalveolare del polmone destro T3N2M1 (BRA) stadio III. 4KL. il gruppo

- T3 - un tumore di qualsiasi dimensione, che si sposta sulla parete toracica, sul diaframma, sulla pleura mediastinica (pleura interna della foglia, che è adiacente ai polmoni), pericardio (membrana esterna del cuore); un tumore che non raggiunge la carena (questa è una piccola protrusione nel punto di divisione della trachea in 2 bronchi principali) inferiore a 2 cm, ma senza coinvolgere la carena, o un tumore con atelettasia concomitante (collasso) o polmonite ostruttiva (ostruzione) del polmone;

- N2 - esiste una lesione dei linfonodi del mediastino sul lato della lesione o dei linfonodi biforcazione
(la biforcazione è il luogo di divisione della trachea in 2 bronchi principali);

- M1 (BRA) - ci sono metastasi a distanza nel cervello.

- Stadio III: tumore superiore a 6 cm con passaggio al successivo lobo polmonare o germinazione del bronco limitrofo o del bronco principale. Le metastasi si trovano nella biforcazione, nei linfonodi tracheobronchiali, paratracheali;

- 4kl. il gruppo è un tumore maligno comprovato, che per un motivo o per l'altro non è soggetto a trattamento radicale, ma è soggetto a trattamento palliativo (sintomatico).

Puoi ottenere consigli più dettagliati chiamando la hotline su Bonnesante.com.ua.

  • Sul cancro
  • prevenzione
  • diagnostica
  • trattamento
  • Tipi di cancro
  • Vita e cancro
  • foro
  • Onkoblog

Mts in oncologia che significa

Cosa significa oncologia

Lo sviluppo accelerato della medicina e della scienza in generale nei paesi sviluppati introduce molti termini e concetti difficili da comprendere per una persona comune. A causa del fatto che i protocolli di diagnosi e trattamento dell'oncologia in Israele sono a un livello qualitativamente diverso rispetto ai paesi della CSI, emerge anche la rilevanza della comprensione di termini specifici. Quindi, che cosa è usato in oncologia e dove viene usato questo concetto?

Mts è un'abbreviazione per la definizione latina di metastasi tumorali (metastasi). La metastasi del cancro è la comparsa di focolai di cellule tumorali in altri tessuti e organi che si diffondono dal fuoco principale per via linfatica ed ematogena.

Il processo di formazione delle metastasi si verifica dopo che il tumore cresce in piccoli vasi che alimentano l'organo interessato. Inizialmente, le cellule entrano nei linfonodi regionali, vengono anche chiamate sentinelle.

Data la complessità del trattamento e la prognosi sfavorevole della maggior parte delle patologie oncologiche, molti pazienti scelgono la medicina israeliana, che è famosa per la sua scuola di specialisti e alte tecnologie.

Il termine usato in precedenza, dai vecchi oncologi, è molto ampio. Solitamente denotato il cancro gastrico (anche se in linea di principio potrebbe indicare qualsiasi tumore maligno). È stato a lungo diffuso. In generale, il cognome "Petrov" era spesso usato in oncologia in vari termini gergali, il cognome dell'oncologo, accademico N.N. Petrova.

cancro, c-r, Blastoma, Bl., NEO, neoplazma (neoplasma), malattia...., tumore (tumore)

Tutti i termini di cui sopra si riferiscono a un tumore maligno, di regola - il cancro. Sono tutti utilizzati per non scrivere la parola "cancro" in testo chiaro. Per indicare il sarcoma, viene spesso utilizzata un'altra abbreviazione: SA (Sa).

Laparotomia di prova, Laparotomia explorativa, Operazione Petrova, resezione esplorativa (qualcosa)

Tutti i termini si riferiscono alla situazione in cui l '"apertura" dell'addome rivela l'inoperabilità, la negligenza del tumore, il cancro allo stadio 4, in cui non ha senso eseguire alcun intervento. Dopodiché, lo stomaco viene cucito senza eseguire alcuna operazione. Tra i medici, vengono spesso usate espressioni gergali come "campione", "test".

Chirurgia palliativa, resezione palliativa (qualcosa)

La chirurgia palliativa (non radicale) è un'operazione in cui viene stabilita la negligenza, il tumore non è operativo, ma viene eseguito un intervento - o per eliminare alcune complicazioni (sanguinamento, stenosi, ecc.).

Trattamento sintomatico nel luogo di residenza

La frase in cui è crittografata è che il paziente ha un tumore non operabile, trascurato, di solito 4 stadi, e che un tale paziente, a causa di questo, non è soggetto a particolari tipi di trattamento radicale da parte di uno specialista oncologo.

Implica la prescrizione di farmaci che alleviano solo le condizioni del paziente incurabile e, prima di tutto, gli analgesici narcotici, se necessario. Tra i medici vengono spesso usate espressioni gergali di "sintomatologia", "paziente sintomatico". Può essere considerato sinonimo di registrazione del gruppo clinico 4 del dispensario.

Il termine per un tumore trascurato, in cui ci sono molte metastasi regionali e / o distanti. Di norma, stiamo parlando di 4 fasi del processo tumorale e 4 registrazione del gruppo clinico del dispensario.

Il termine si riferisce alla continuazione dell'aggressività del tumore, alla continua crescita del cancro. Il solito sviluppo del cancro non trattato. Tuttavia, la progressione può verificarsi anche dopo un trattamento speciale nell'ambito di un programma radicale.

In una situazione del genere - l'opposto della parola "remissione". Inoltre, i tempi di progressione possono essere molto variabili - la continuazione della crescita delle cellule tumorali dopo il trattamento può verificarsi dopo un mese o 30 anni. (Il periodo più lontano di comparsa della progressione dalla fine del trattamento, che ho trovato in letteratura, è di 27 anni).

Epatite secondaria (polmonite, linfoadenite, ecc.), Epatite secondaria (polmonite, linfoadenite, ecc.)

Tutti i termini si riferiscono alla presenza di metastasi distanti (al fegato, ai polmoni, ai linfonodi, ecc.). Indica un tumore trascurato, cancro allo stadio 4.

Le metastasi di Virkhov (metastasi del cancro nel linfonodo sopraclavicolare a sinistra - dal nome dell'autore, che l'ha descritta per la prima volta) indicano la negligenza del tumore, 4 stadi del cancro.

Metastasi (abbreviazione di latino - metastasi). Può indicare sia metastasi regionali che distanti.

prima, secunda, tercia, qarta (prima, secondo, terzo, quarto)

L'abbreviazione di parole latine utilizzate per la classificazione internazionale dei tumori maligni per fasi. Tumore T: tumore primitivo, i valori possono essere da 1 a 4, a seconda delle dimensioni; N - Nodulus - nodi (linfa), i valori possono essere da 1 a 2-3, a seconda del livello di danno ai linfonodi regionali;

M - Metastasi - metastasi, si riferisce a metastasi distanti, i valori possono essere 0 o 1 (), cioè esistono metastasi distanti o meno. Per tutte le categorie (TNM), il valore può essere x (x) - i dati disponibili non sono sufficienti per valutare.

Differenza tra stadio e gruppo clinico

Spesso, i pazienti che sono anche in remissione a lungo termine vanno in preda al panico quando sentono il termine "gruppo clinico 3", considerando che questo è il 3 ° stadio nello sviluppo del processo tumorale. Questo non è corretto I "gruppi clinici" sono gruppi di osservazione dispensativa e nella loro designazione numerica non esiste alcuna correlazione con lo stadio dello sviluppo del tumore.

1 gruppo clinico - pazienti con patologie precancerose di base che sono oggetto di follow-up;

2 gruppo clinico - pazienti con malattie oncologiche di qualsiasi stadio che sono soggetti a particolari tipi di trattamento (operatori, radiazioni, chemoormonali);

3 gruppo clinico - pazienti oncologici radicalmente guariti;

Gruppo clinico 4 - pazienti incurabili, pazienti con tumori maligni avanzati che non sono soggetti a particolari tipi di trattamento.

Come potete vedere, il terzo gruppo clinico indica un'opzione molto buona.

Sotto questa frase di solito "si nasconde" la raccomandazione dell'appuntamento di analgesici narcotici per il sollievo dal dolore. Tuttavia, il problema del sollievo dal dolore nei pazienti incubabili è molto più complicato e più ampio rispetto alla semplice prescrizione di farmaci.

Radiazione palliativa (chemioterapia)

Chemioterapia palliativa, irradiazione palliativa - uso non radicale di queste tecniche. Cioè, una situazione in cui un paziente coscientemente incurabile effettua un trattamento specifico con un obiettivo deliberatamente non radicale, sia per alleviare eventuali complicazioni e migliorare la qualità della vita rimanente, sia nella speranza di una stabilizzazione almeno temporanea del processo tumorale. Il concetto di palliattività corrisponde a quello del trattamento chirurgico.

Metastasi (metastasi - dal greco Meta stateo - "altrimenti resto") - questi sono i centri di crescita secondari di quasi tutti i tumori maligni. La maggior parte dei tumori porta alla comparsa di focolai secondari nei linfonodi locali e regionali, fegato, polmone, colonna vertebrale.

I concetti moderni di sviluppo delle metastasi si basano sul fatto che le metastasi si sviluppano quasi non appena compare il tumore maligno. Separare le cellule separate da esso prima penetra il lume del flusso sanguigno (percorso di disseminazione ematogena) o vaso linfatico (percorso di disseminazione linfatica), e poi vengono trasferiti con flusso sanguigno o linfatico, fermarsi in un nuovo luogo, quindi lasciare la nave e crescere formando metastasi.

D'ora in poi, il cancro si chiama metastatico. Il processo di diffusione delle cellule tumorali è chiamato metastasi.

La capacità di metastatizzare - uno dei segni chiave dei tumori maligni, che li distingue dai tumori benigni.

Le metastasi, insieme alla crescita incontrollata, sono proprietà patologiche uniche di un tumore maligno.

La metastasi (abbr. - mts) è una cellula cancerosa che ha la capacità di muoversi intorno al corpo dalla focalizzazione primaria in modi diversi, più spesso - ematogena o linfatica. Nel sito di fissazione delle metastasi, inizia la crescita di una neoplasia secondaria.

Il più comune nel fegato è la crescita di metastasi solitarie (singole) - nel 60-62% dei casi, poi - in quasi il 25% di tutti i Mts e multipli (più di tre cambiamenti metastatici) - nel 13-15%.

12 aprile 2017, 12:34

Dal 2017, Germanklinik fornisce gratuitamente servizi di assistenza medica in Germania a pazienti affetti da cancro.

11 novembre 2016 10:42

La Finlandia occupa una posizione di primo piano in Europa nei risultati del trattamento di un certo numero di malattie oncologiche, ad esempio: - il primo.

5 settembre 2016 10:26

I pazienti a cui è stato diagnosticato un cancro, nella maggior parte dei casi, devono affrontare la necessità di acquistare vari farmaci.

Le metastasi sono focolai secondari che si verificano quando le cellule tumorali dai principali tumori "materni" si staccano e migrano con il flusso sanguigno o linfatico in diverse parti del corpo. Le metastasi possono verificarsi in diversi organi. Spesso si trovano nel fegato.

Se il tumore si sviluppa inizialmente dal tessuto epatico, si verifica il cancro del fegato primario. Il cancro metastatico è chiamato secondario - viene sempre da altri organi. La maggior parte dei tumori al fegato maligni sono tumori secondari.

Il fegato è uno dei più grandi organi. Svolge importanti funzioni: purifica il sangue dalle tossine, produce la bile, produce varie proteine, enzimi, immagazzina zucchero glicogeno, che è una fonte di energia.

Eziologia della malattia polmonare metastatica

Le metastasi nei polmoni si formano come risultato dell'eliminazione delle cellule atipiche di un tumore canceroso e della loro diffusione in tutto il corpo attraverso i sistemi circolatorio e linfatico. Nella pratica oncologica, si ritiene che la fonte delle metastasi polmonari possa essere quasi ogni neoplasma maligno. C'è il seguente gruppo di malattie oncologiche, che si metastatizzano ai polmoni con un'alta frequenza:

  • cancro del retto;
  • melanoma cutaneo;
  • cancro al seno;
  • neoplasma maligno della vescica;
  • sarcoma dei reni;
  • tumori dello stomaco e dell'esofago.

Come si metastano diversi tipi di cancro?

Molto spesso le metastasi si trovano nei linfonodi, nelle metastasi del fegato, nei polmoni e molto meno spesso nel muscolo cardiaco, nei muscoli scheletrici, nella pelle, nella milza e nel pancreas. Il posto intermedio nella frequenza di scoperta di metastasi in vari tipi di cancro è occupato dal sistema nervoso centrale, il sistema osseo, i reni, le ghiandole surrenali.

Alcuni tumori hanno siti preferiti per metastasi. Tali metastasi hanno i loro "nomi" - termini speciali:

  • Metastasi di Krukenberg - nelle ovaie;
  • La metastasi di suor Mary Joseph è all'ombelico;
  • Le metastasi di Virchow - ai linfonodi sopra la clavicola sinistra.

Le metastasi sono sempre indicate come il tumore primario. Ad esempio, se il tumore al polmone si è diffuso alle ghiandole surrenali, il tumore nelle ghiandole surrenali è chiamato "carcinoma polmonare metastatico". Tuttavia, a livello molecolare-genetico, le metastasi possono differire dal tumore materno. Questo fenomeno è chiamato eterogeneità.

La metastasi della maggior parte dei tumori si verifica nei casi in cui le riserve del corpo sono esaurite nella lotta contro il tumore. Le metastasi disturbano in modo significativo il funzionamento di tutti gli organi e sistemi vitali.

Inoltre, le metastasi peggiorano significativamente le condizioni generali, spesso accompagnate da dolore insopportabile, che richiede anestesia costante.

, che è adottato da tutti i comitati sanitari nazionali - questo

, che è stato sviluppato da Pierre Denois nel 1952. Con lo sviluppo dell'oncologia, ha subito diverse revisioni e ora la settima edizione, pubblicata nel 2009, è rilevante. Contiene le ultime regole per la classificazione e la stadiazione delle malattie oncologiche.

  • Il primo è T (Latin Tumor - a tumor). Questo indicatore determina la prevalenza del tumore, le sue dimensioni, la germinazione nel tessuto circostante. Ogni localizzazione ha una propria gradazione dalla più piccola dimensione del tumore (T0) alla più grande (T4).
  • Il secondo componente - N (Nodo latino - nodo), indica la presenza o l'assenza di metastasi nei linfonodi. Allo stesso modo del caso del componente T, per ogni localizzazione del tumore esistono regole diverse per determinare questo componente. La gradazione va da N0 (nessun linfonodo interessato), a N3 (danno ai linfonodi comuni).
  • Il terzo - M (greco. Metastasi - movimento) - indica la presenza o l'assenza di metastasi a distanza in vari organi. Il numero accanto al componente indica il grado di prevalenza di una neoplasia maligna. Quindi, M0 conferma l'assenza di metastasi a distanza e M1 - la loro presenza. Dopo la designazione M, di solito, il nome dell'organo in cui viene rilevata la metastasi a distanza è scritto tra parentesi. Ad esempio, M1 (oss) significa che ci sono metastasi distanti nelle ossa e M1 (brà) significa che le metastasi si trovano nel cervello. Per il resto dei corpi usa i simboli indicati nella tabella sottostante.

Inoltre, in situazioni particolari, viene aggiunta una designazione di lettera aggiuntiva prima della designazione TNM. Questi sono criteri aggiuntivi, indicati dai caratteri "c", "p", "m", "y", "r" e "a".

- Il simbolo "c" significa che lo stadio è stabilito secondo metodi di esame non invasivi.

- Il simbolo "p" indica che lo stadio del tumore è stato stabilito dopo l'intervento chirurgico.

- Il simbolo "m" è usato per indicare casi in cui diversi tumori primari si trovano nella stessa area.

- Il simbolo "y" viene utilizzato nei casi in cui un tumore viene valutato durante o immediatamente dopo il trattamento antitumorale. Il prefisso "y" tiene conto della prevalenza del tumore prima dell'inizio del trattamento complesso. I valori di ycTNM o ypTNM caratterizzano la prevalenza del tumore al momento della diagnosi con metodi non invasivi o dopo l'intervento chirurgico.

- Il simbolo "r" viene utilizzato nella valutazione dei tumori ricorrenti dopo un periodo privo di recidive.

- Il simbolo "a", usato come prefisso, indica che il tumore è classificato dopo l'autopsia (autopsia dopo la morte).

Oltre alla classificazione di TNM, c'è

. Lei è chiamata

. Questo sintomo indica quanto è attivo e aggressivo il tumore. Il grado di neoplasia tumorale è indicato come segue:

  • GX: il grado di differenziazione del tumore non può essere determinato (pochi dati);
  • G1 - tumore altamente differenziato (non aggressivo);
  • G2 - tumore moderatamente differenziato (moderatamente aggressivo);
  • G3 - tumore di basso grado (altamente aggressivo);
  • G4 - tumore indifferenziato (altamente aggressivo);

Il principio è molto semplice -

. Recentemente, i gradi di G3 e G4 sono solitamente combinati in G3-4, e chiamano questo "tumore indifferenziato scarsamente differenziato".

Nelle classificazioni dei sarcomi delle ossa e dei tessuti molli, invece dei gradi G, i termini "alto grado di malignità" e "basso grado di malignità" sono semplicemente usati. Sistemi specifici per la valutazione del grado di malignità sono progettati per i tumori della mammella, sono determinati utilizzando gli indicatori come risultato della ricerca immunoistochimica.

Al fine di elaborare un regime per il trattamento del cancro, è necessario condurre una diagnosi approfondita e fare il quadro clinico corretto.

I primi due sistemi di valutazione del cancro vengono utilizzati più spesso, quindi li considereremo in modo più dettagliato.

Cancro alla prostata di TNM

La classificazione del cancro alla prostata secondo tre criteri principali è un metodo internazionale per la compilazione di un quadro clinico del cancro.

Il cancro alla prostata secondo l'ICD 10 ha il codice C61.

Tre lettere di un'abbreviazione sono decifrate come segue:

  • T - significa la formazione molto maligna nel corpo;
  • N - indica la presenza di cellule tumorali (metastasi) nei linfonodi più vicini;
  • M - caratterizza le metastasi in organi situati lontano dal tumore primario.

Ogni aspetto della malattia inizia con una delle tre lettere, unite da lettere minuscole e numeri che indicano specifici indicatori del processo patologico.

Qual è la classificazione del cancro alla prostata su una forma medica?

  • TX - il primo tumore rilevato di natura indefinita (probabilmente un tumore benigno);
  • T0: la natura del tumore non è determinata;
  • T - parametri fisici (dimensioni) della neoplasia;
  • T1 - non vi è alcun risultato positivo per l'oncologia, mentre l'abbreviazione ha sottogruppi: a, b e c - i risultati della diagnostica con metodi diversi con un aumento della percentuale di cancro da litera "a" a "c";
  • T2 - il tumore è presente in un lobo della ghiandola (sinistra o destra), e - di piccole dimensioni, b- aumentato, ma all'interno di un lobo, c - ha colpito entrambi i lobi;
  • T3 - il tumore si è diffuso ai tessuti vicini, ha sottogruppi a, b e con un aumento del progresso della malattia;
  • T4 - cellule tumorali diffuse agli organi vicini (retto, vescica, ecc.);
  • N0 - nessuna metastasi nel sistema linfatico degli organi pelvici;
  • N1 - ci sono cellule tumorali nei linfonodi più vicini;
  • M - ci sono metastasi in organi situati lontano dalla prostata;
  • M0 - non esiste cancro nel sistema linfatico e nei linfonodi regionali;
  • M1 - ci sono metastasi nel sistema linfatico e negli organi, ha sottogruppi - a, bec, che caratterizzano l'aumento della diffusione della patologia in organi distanti, per esempio, il cancro nel cervello è registrato sotto la lettera c.

La classificazione del cancro alla prostata con questo metodo consente di determinare l'aggressività della patologia.

Questo è il motivo per cui integra perfettamente il metodo principale di descrizione del cancro.

La scala di Gleason ha una lettera comune G e cinque indici (punti).

Caratterizzano l'aggressività della patologia, in particolare:

  • le ghiandole hanno una struttura regolare omogenea;
  • la distanza tra le ghiandole è ridotta;
  • le ghiandole diventano irregolari, le loro dimensioni e struttura differiscono;
  • deformazioni delle cellule esposte degli organi;
  • le cellule della prostata diventano completamente atipiche, cioè uno stadio estremamente aggressivo del cancro.

Nel condurre uno studio sui tessuti prelevati dalla ghiandola prostatica, la classificazione di Gleason del cancro alla prostata viene necessariamente presa in considerazione. Se la somma non è superiore a sei punti, allora il paziente ha tutte le possibilità per un trattamento di successo, e se la somma degli indici è più di otto punti, quindi, sfortunatamente, la situazione è sfavorevole per il paziente.

Specialità: Urologo Esperienza lavorativa: 21 anni

Specialità: andrologo urologo Esperienza lavorativa: 26 anni

Determinazione della fase del cancro: 0 - 4

. A seconda della stadiazione del sistema TNM, la maggior parte dei tumori sono suddivisi in stadi secondo il principio descritto nella tabella seguente, ma per ciascuna localizzazione del tumore esistono diversi requisiti di stadiazione. Consideriamo gli esempi più semplici e comuni.

. Ogni fase, a sua volta, può avere la lettera A e B, che la divide in due sottofinestre, a seconda dell'estensione del processo. Di seguito analizziamo le fasi più comuni del cancro.

Vogliamo attirare l'attenzione sul fatto che nel nostro paese, a molte persone piace dire "il grado di cancro" anziché "lo stadio del cancro". In vari siti hanno posto domande su: "4 ° grado di cancro", "sopravvivenza con 4 gradi di cancro", "grado di cancro 3". Ricorda: non ci sono gradi di cancro, ci sono solo stadi di cancro, di cui parleremo in seguito.

Fasi del cancro sull'esempio di tumori intestinali

Cancro allo stadio 0

Come tale, lo stadio 0 non esiste, è chiamato

- Cosa significa un tumore non invasivo? Stage 0 può essere il cancro

Allo stadio 0 del cancro, il confine del tumore non si estende oltre l'epitelio, che ha dato origine al neoplasma. Con la diagnosi precoce e l'inizio tempestivo del trattamento, la prognosi del cancro allo stadio 0 è quasi sempre favorevole, cioè il cancro allo stadio 0 nella stragrande maggioranza dei casi è completamente curabile.

Cancro allo stadio 1

Il primo stadio del cancro è già caratterizzato da un nodo tumorale piuttosto grande, ma l'assenza di danno ai linfonodi e l'assenza di

. Recentemente, c'è stata una tendenza ad un aumento del numero di tumori rilevati nella prima fase, che indica la coscienza delle persone e una buona qualità.

, la cosa principale - il più presto possibile per iniziare adeguata

Cancro alla fase 2

A differenza del primo, nel secondo stadio del cancro, il tumore sta già mostrando la sua attività. Il secondo stadio del cancro è caratterizzato da una dimensione del tumore ancora più grande e dalla sua germinazione nei tessuti circostanti, nonché dall'insorgenza di metastasi ai linfonodi più vicini.

La seconda fase del cancro è considerata la fase più comune del cancro, che ha diagnosticato un cancro. La prognosi per la fase 2 del cancro dipende da molti fattori, tra cui la posizione e le caratteristiche istologiche del tumore. In generale, il cancro del secondo stadio è curabile con successo.

Cancro allo stadio 3

Nella terza fase del cancro, il processo oncologico si sta sviluppando attivamente.

. Alla terza fase del cancro, la metastasi a tutti i gruppi di linfonodi regionali è determinata in modo affidabile.

: posizione, grado di differenziazione del tumore e condizioni generali del paziente. Tutti questi fattori possono aggravare il decorso della malattia o, al contrario, aiutare a prolungare la vita di un malato di cancro.

, ma curabile con successo.

Cancro di stadio 4

La fase quattro del cancro è considerata la fase più grave del cancro. Il tumore può raggiungere dimensioni impressionanti, germina i tessuti e gli organi circostanti, metastatizza ai linfonodi.

Raramente, ci sono casi in cui un cancro allo stadio 4 può essere diagnosticato anche in assenza di metastasi a distanza. Anche i tumori a crescita rapida di grandi dimensioni e scarsamente differenziati vengono spesso definiti come tumori in stadio 4.

Stadio I: viene rilevato un danno al DNA, che provoca il clivaggio incontrollato e la mutazione delle cellule. Tale danno può verificarsi sotto l'influenza di radiazioni ultraviolette, elementi radioattivi o determinate sostanze chimiche.

Lo stadio II è caratterizzato da germinazione e un aumento incontrollato delle cellule danneggiate, con conseguente sviluppo attivo del tumore. La situazione è abbastanza pericolosa, ma la prognosi per il trattamento di successo in questa fase è ancora vicina al 75%.

Lo stadio III è determinato dalla presenza di metastasi. Le cellule atipiche iniziano a dividersi rapidamente e si muovono attraverso il corpo di un paziente con una corrente di linfa o sangue. Questa è la fase penultima, piuttosto pericolosa, e le prospettive favorevoli per lo sviluppo della situazione sono solo del 30%.

Stadio IV - ricorrenza. È caratterizzato dall'emergere incontrollato di nuovi tumori localizzati in vari organi umani. In questa fase, non c'è speranza per un recupero completo e il trattamento è finalizzato all'anestesia, alla massima estensione e al miglioramento della qualità della vita del paziente.

Dopo aver ascoltato la terribile espressione "cancro alla prostata", non tutti sono in grado di mantenere il potere dello spirito.

Tuttavia, prima di andare nel panico, dovresti scoprire a che punto è il cancro, se ci sono metastasi, se altri organi e sistemi sono danneggiati.

Se un tumore è stato trovato nella fase iniziale di sviluppo e non si è metastatizzato, allora la prognosi per il trattamento della patologia ha tutte le probabilità di raggiungere il 100% di successo.

Per la comodità di determinare tutte le sfumature del processo patologico, è stata inventata una classificazione di un tumore canceroso. Ogni processo e caratteristiche distintive hanno la propria abbreviazione, ad esempio SUSP. La combinazione di lettere e numeri aiuta i medici a leggere letteralmente il quadro clinico della malattia.

SUSP: cos'è?

La prima parola incomprensibile che un paziente di una clinica oncologica vede nel modulo di analisi è SUSP. Altre lettere possono essere aggiunte a queste lettere latine: NEO, CR, BL. Prima di preoccuparti invano a causa di significati incomprensibili, dovresti consultare un medico che spiegherà tutto chiaramente.

SUSP è l'abbreviazione di suspitio ed è tradotto come "sospetto".

Altre lettere allegate sono anche abbreviazioni, in particolare:

  • BL è tradotto come istruzione (che significa un tumore, che può essere benigno);
  • CR indica un cancro sospetto se il tumore è già stato diagnosticato;
  • NEO sospetto primario di oncologia.

Quindi, la parola SUSP non è una diagnosi, ma solo un sospetto, che dopo la diagnosi in più della metà dei casi rimane sospetto, cioè il cancro non è confermato.

Stadio della malattia

Sfortunatamente, il cancro alla prostata viene spesso diagnosticato già nella sua forma avanzata, quando le manifestazioni cliniche della patologia diventano fatti evidenti.

Se un uomo si preoccupa della sua salute e visita regolarmente una struttura medica per donare il sangue per il PSA, allora un tumore maligno può essere identificato già nella prima fase della malattia, quando dopo il trattamento chirurgico si completa la guarigione e la remissione permanente della patologia.

In totale ci sono quattro stadi (gradi) di sviluppo di un tumore maligno:

  1. Il primo stadio è caratterizzato dalla completa assenza di sintomi della malattia. L'urologo non riesce a trovare un tumore alla palpazione della prostata, anche la diagnostica con metodi strumentali è inefficace, ma con l'aiuto di test di laboratorio, si può notare la malattia con una deviazione nel livello di antigene prostatico specifico nel sangue. In questo caso, il medico mette la parola SUSP NEO e invia il paziente a ulteriori ricerche.
  2. Nel secondo stadio, il tumore può essere confuso con iperplasia prostatica benigna, in quanto i sintomi sono simili: minzione frequente con dolore, dolore all'inguine e parte bassa della schiena, sangue nelle urine può essere osservato. Il trattamento antitumorale di secondo stadio prevede radioterapia, prostatectomia, crioablazione o chemioterapia. Il metodo appropriato è determinato dal medico.
  3. A partire dal terzo stadio di sviluppo della malattia, il benessere del paziente può deteriorarsi bruscamente, fino alla necessità di cure esterne. Il trattamento viene effettuato utilizzando l'orchiectomia, la terapia fotodinamica e i preparati ormonali. In assenza di metastasi, la chirurgia può essere eseguita, ma se lo sono, allora questo metodo di trattamento non è più utilizzato.
  4. Nella quarta fase, il paziente non può essere curato con alcun mezzo. Migliorare il benessere e il mantenimento della vita del paziente viene effettuato con l'aiuto di radiazioni o chemioterapia.

La conferma della diagnosi con l'abbreviazione SUSP viene eseguita utilizzando l'esame rettale digitale, la donazione di sangue per PSA, l'ecografia, la biopsia, la TC degli organi pelvici e alcuni altri studi.

Sintomi di metastasi epatiche

Di norma, i pazienti con metastasi polmonari cercano assistenza medica nelle ultime fasi della malattia, che è associata allo sviluppo asintomatico di tumori nelle prime fasi della crescita maligna. Le manifestazioni tipiche dei fuochi secondari del cancro nel sistema polmonare si verificano in questa forma:

  1. Dispnea progressiva, che si osserva durante l'esercizio o a riposo.
  2. Attacchi regolari di tosse secca.
  3. Sindrome del dolore che aumenta gradualmente. Il dolore al cancro nelle fasi iniziali viene alleviato dagli antidolorifici tradizionali e in una fase avanzata richiedono analeptici narcotici.
  4. La presenza di masse di sangue nell'espettorato dopo un attacco di tosse.

Quanto una persona vive con metastasi polmonari dipende dal rilevamento tempestivo dell'oncologia secondaria. Gli oncologi medici raccomandano di consultare immediatamente un medico in caso di rilevamento di almeno uno dei sintomi sopra elencati!

L'ulteriore sviluppo della malattia è accompagnato da un aumento dell'intossicazione da cancro del corpo, che si manifesta nel seguente quadro clinico:

  • affaticamento rapido, malessere generale e prestazioni ridotte;
  • bassa temperatura corporea, che è cronica;
  • la tosse da cancro diventa quasi costante;
  • perdita di appetito e rapida perdita di peso.

Il cancro del fegato metastatico o secondario è molto più comune del primario, rappresentando quasi il 90% di tutti i tumori maligni di questo organo. A volte le metastasi epatiche sono rilevate prima del tumore primario.

Se viene rilevata almeno una metastasi nel fegato, il 4o stadio del tumore viene assegnato al tumore primario.

Fino a poco tempo fa si credeva che tali pazienti fossero "condannati". Al giorno d'oggi, è ancora impossibile curare completamente tale cancro, ma è già in nostro potere migliorare la prognosi e la qualità della vita di un paziente con la medicina moderna.

L'astuzia delle neoplasie maligne sta nel fatto che con le difficoltà di diagnosi del sito primario del tumore, si può perdere la sua capacità di diffondersi nel corpo - le metastasi. Pertanto, è necessario conoscere i sintomi del danno epatico.

Non confondere il cancro primario del fegato e le metastasi in esso.

Le metastasi sono cellule tumorali che, attraverso l'ambiente biologico del corpo (sangue, linfa), entrano in vari organi e sistemi, formando un focus secondario sullo sviluppo del tumore.

Debolezza, affaticamento, prestazioni ridotte. Perdita di peso fino all'estremo grado di esaurimento - cachessia. Perdita di appetito fino all'anoressia. Nausea, vomito. Colore di terra o ittero.

Dolori sordi sotto la costola destra. La sensazione di pesantezza, pavoneggiarsi, pressione. Addome allargato a causa dell'idropisia (ascite). Vene allargate sotto la pelle dell'addome (spesso l'immagine è molto caratteristica: le vene divergono in tutte le direzioni dall'ombelico e assomigliano alla "testa di medusa").

Vene varicose sulla pelle. Palpitazioni. Aumento della temperatura prurito della pelle. Violazione degli intestini, gonfiore. Sanguinamento nell'esofago. Ginecomastia (ingrossamento della mammella e ingorgo negli uomini).

Tali disturbi si trovano non solo nel cancro del fegato. Certo, non c'è motivo di farsi prendere dal panico, se da questa lista sei preoccupato solo di debolezza, febbre e gonfiore.

I sintomi più terribili che dovrebbero essere una ragione per una visita immediata dal medico: vomito persistente (più di 1 giorno, più di 2 volte al giorno), vomito con sangue, rapida perdita di peso inspiegabile, feci nere, forte aumento dell'addome, ittero.

Le metastasi in qualsiasi organo, incluso il fegato, possono causare dolore costante e doloroso.

In un paziente con un cancro, c'è una diminuzione di efficienza, perdita di peso e debolezza generale.

nausea, vomito possibile; prurito della pelle; l'organo è ingrandito; faccia grigia con un gran numero di vene varicose; dolore durante la respirazione; sensazione di pesantezza e dolore nel giusto ipocondrio; aumento della temperatura; compromissione della funzione intestinale; palpitazioni cardiache; sanguinamento; ittero; vene varicose nell'addome; ascite.

I danni al corpo causano disturbi nel funzionamento dei sistemi interni, cioè lo scambio di liquidi nel corpo è disturbato. Questo danno porta all'ascite: l'accumulo di liquidi nell'addome. Se la diagnosi è ascite, per quanto tempo vivono con questo sintomo?

Le proiezioni per le metastasi epatiche dipendono da diversi fattori. Il fattore più importante è la gravità del danno d'organo e lo stadio dello sviluppo del cancro. È impossibile assumere con sicurezza quanti vivono nella fase iniziale della metastasi.

con single. I sintomi sono simili alla manifestazione del cancro del fegato: un aumento dell'organo, dolore nell'ipocondrio destro. con più (più di 3 metastasi). È caratterizzato da sintomi e complicanze più pronunciati.

Il cancro del fegato metastatico o secondario è molto più comune del primario, rappresentando quasi il 90% di tutti i tumori maligni di questo organo. A volte le metastasi epatiche sono rilevate prima del tumore primario.

Questo si trova spesso nel melanoma, nel cancro del pancreas e più raramente nel cancro gastrico.

diagnostica

Con l'aiuto dell'esame a raggi X, il medico determina la presenza di metastasi, la sua localizzazione e le dimensioni.

L'elaborazione digitale dei risultati radiologici consente di chiarire la forma e la posizione del focus secondario dell'oncologia.

L'esame del sistema respiratorio in un campo elettromagnetico mediante raggi X migliora la chiarezza dell'immagine e la qualità diagnostica.

Polmoni metastatici nel taglio

Le cellule metastatiche microscopiche hanno lo stesso aspetto delle cellule del sito primario del tumore, il che aiuta a determinarne la localizzazione. Tuttavia, a volte rivelano cambiamenti che rendono difficile l'identificazione.

Accade che l'MTS venga accidentalmente trovato, per esempio, sugli ultrasuoni dopo mesi o addirittura anni dopo la rimozione del tumore primario. Tale complicazione può essere determinata nel 28-30% dei pazienti con cancro del colon, di solito il cieco o il colon sigmoideo.

Anche con formazioni molto grandi, la funzione epatica è generalmente preservata. Le principali manifestazioni delle metastasi epatiche con metodi diagnostici standard:

  • Nel sangue si osservano cambiamenti non specifici: leucocitosi, anemia inespressa, un moderato aumento dell'attività delle transaminasi epatiche, così come la comparsa di specifiche proteine ​​- marcatori tumorali.
  • Dai metodi diagnostici strumentali, l'ecografia, la TC e la risonanza magnetica sono ampiamente utilizzati, specialmente con l'uso del contrasto. L'informatività degli ultrasuoni nella diagnosi di carcinoma epatico metastatico raggiunge il 95-97%. All'ecografia, le metastasi sembrano focolai di diversa ecogenicità, più spesso - ridotta. Un "orlo" ipoecoico è visibile attorno a questo nidus. L'ecografia può anche essere utilizzata durante l'operazione per identificare ulteriori focolai tumorali e cambiamenti di organo.
  • La biopsia con puntura epatica è uno standard nella diagnosi di cancro ed è auspicabile condurre il test sotto controllo di un'ecografia o di una TAC.
  • Nei casi difficili viene utilizzata la laparoscopia diagnostica.

Neuroimaging (TC e RM)

Gli Mts di solito hanno la forma di formazioni bulk "semplici" (cioè rotonde, ben definite), spesso situate al confine tra materia grigia e bianca. Caratterizzato da pronunciato rigonfiamento della sostanza bianca ("edema simile a un dito"), che si diffonde dal tumore al cervello.

Di solito è più pronunciato rispetto ai tumori primitivi (infiltrativi). Quando vengono rilevati più mts su CT o MRI, la regola di Chember dice: "Quello che conta un numero maggiore di mts è giusto". Di solito i mts accumulano HF; devono essere tenuti in considerazione quando si eseguono formazioni DD che hanno una CU a forma di anello.

Singole neoplasie sopratentoriali su CT

  • nel cervello dei tumori solidi sono presenti nel 50-65% dei casi
  • in assenza di indicazioni di cancro, RGC negativi e IV pielografia (che è approssimativamente equivalente a TC negativo del torace / addome / pelvi): il 7% dei tumori cerebrali singoli sono mts, l'87% sono tumori cerebrali primari e il 6% di natura non tumorale. L'efficienza nel rilevare un tumore primario durante un ulteriore esame è bassa (si raccomanda di condurre ripetuti RGC)
  • con una nota malattia oncologica su cui è stato effettuato il trattamento: il 93% delle singole formazioni sono mts

Risonanza magnetica: più sensibile della TC, specialmente per l'ACF (incluso il tronco cerebrale). Nel ≈20% dei casi in cui ci sono mestrini singoli su una scansione CT, vengono rilevati multipli durante la risonanza magnetica.

LP: può essere indicato quando una massa è stata esclusa. Può essere più utile per la diagnosi di meningite carcinomatosa.

Esame di pazienti con mts

1. RGC: per escludere il tumore primitivo del polmone o altri mts nei polmoni

2. TAC del torace (metodo più sensibile di RGC), addome e pelvi: per escludere tumori primari dei reni e del tratto gastrointestinale (un'altra opzione è in / in pielografia) o mts nel fegato

3. analisi del sangue occulto fecale

4. studio isotopico dello scheletro: per pazienti con disturbi del dolore alle ossa o nei tumori caratterizzati da metastasi ossee (in particolare: prostata, mammella, rene, tiroide e polmone)

5. mammografia nelle donne

Se c'è materiale da un tumore al cervello: i tumori a piccole cellule del cervello hanno più probabilità di verificarsi a livello polmonare (positivo per le macchie neuroendocrine).

Studi di laboratorio A causa dei meccanismi compensatori del fegato, tali studi non sono informativi. Se si riscontrano anormalità negli esami del sangue biochimici, possono essere caratteristici di molte malattie di questo organo.

Raggi X, studi di radioisotopi. Laparoscopia. Il metodo principale è la tomografia computerizzata. Con l'aiuto di CT, è possibile stimare la dimensione del fegato, la struttura del parenchima, la presenza o l'assenza di nodi che possono essere metastasi.

Nel sangue si osservano cambiamenti non specifici: leucocitosi, anemia inespressa, un moderato aumento dell'attività delle transaminasi epatiche, così come la comparsa di specifiche proteine ​​- marcatori tumorali. Dai metodi diagnostici strumentali, l'ecografia, la TC e la risonanza magnetica sono ampiamente utilizzati, specialmente con l'uso del contrasto.

L'informatività degli ultrasuoni nella diagnosi di carcinoma epatico metastatico raggiunge il 95-97%. All'ecografia, le metastasi sembrano focolai di diversa ecogenicità, più spesso - ridotta. Un "orlo" ipoecoico è visibile attorno a questo nidus.

L'ecografia può anche essere utilizzata durante l'operazione per identificare ulteriori focolai tumorali e cambiamenti di organo. La biopsia con puntura epatica è uno standard nella diagnosi di cancro ed è auspicabile condurre il test sotto controllo di un'ecografia o di una TAC. Nei casi difficili viene utilizzata la laparoscopia diagnostica.

Metastasi epatiche nell'immagine ecografica

I pazienti che hanno subito un trattamento per il cancro devono sottoporsi a esami regolari al fine di individuare gli effetti patologici nel corpo in tempo e prescrivere un trattamento. La prognosi della vita con rilevazione e prescrizione tempestive del trattamento è più elevata rispetto ai casi di rilevamento tardivo.

Per chiarire la localizzazione del tumore, viene effettuato uno studio dei marcatori tumorali immunochimici. L'ecografia mostra la dimensione delle metastasi, la loro connessione con i dotti epatici e le grandi navi. La diagnosi ecografica viene eseguita anche durante l'intervento chirurgico, che consente di trovare ulteriori focolai della malattia e utilizzare effetti locali.

La risonanza magnetica e la tomografia computerizzata a raggi X forniscono ulteriori informazioni sulla malattia per decidere se esiste una possibilità di trattamento chirurgico. se la natura dell'attenzione patologica è in dubbio tra i medici, viene prescritta una biopsia con puntura. Per chiarire la localizzazione delle metastasi e la loro origine, viene prescritta l'angiografia.

Una diagnosi completa aiuterà il medico che cosa fare dopo che viene rilevata una malattia.

Trattamento e prognosi

Il trattamento delle metastasi epatiche è diverso dal trattamento dei tumori e dei dotti biliari. Sfortunatamente, i dottori non danno una prognosi facile se le metastasi si formano nell'organo. È molto difficile determinare per quanto tempo vivono i pazienti.

radioterapia; la chemioterapia; un intervento chirurgico.

Considerare separatamente ciascuno di questi metodi.

Bordi della regione pineale: dietro - il corpo calloso ventrale e plesso vascolare, davanti - la placca a quattro corone e il coperchio del mesencefalo, rostrale - parte posteriore del terzo ventricolo, caudalmente - verme del cervelletto. I tumori di questa zona sono più comuni nei bambini (sono 3-8