Pancreas ha operato se

La rimozione del pancreas viene effettuata con l'inefficacia di tutti i metodi conservativi e nel caso in cui sia fissata una condizione pericolosa per la vita. Il pancreas è un organo importante che svolge una funzione escretoria e endocletica. Anche la sua resezione incompleta lascia un impatto negativo sulla condizione umana, interrompendo in modo significativo i processi metabolici e digestivi.

Funzioni del corpo

Il pancreas si distingue per le sue grandi dimensioni rispetto alle altre ghiandole del corpo. Il corpo è composto da tre parti: la testa, il corpo e la coda, che sono collegati da piccoli condotti. Attraverso di loro, il succo pancreatico contenente enzimi speciali entra nel duodeno. Il pancreas ha una comunicazione diretta con la cistifellea, da cui esce la bile. Enzimi e bile entrano nel duodeno e con la loro partecipazione inizia il processo di digestione nel duodeno.

Nelle cellule della ghiandola vengono sintetizzate amilasi e lipasi, che sono coinvolte nel processo digestivo nel duodeno. Gli enzimi promuovono la disgregazione di grassi, proteine ​​e carboidrati. La violazione del funzionamento del pancreas porta a disturbi metabolici e al processo digestivo. Gli enzimi sviluppati, a causa della mancanza di deflusso, si accumulano nella ghiandola e distruggono le strutture tissutali dell'organo.

Il pancreas produce insulina. Questo ormone influisce sui livelli di zucchero nel sangue. Se la quantità necessaria di insulina non viene prodotta, il livello di zucchero inizia ad aumentare bruscamente e si sviluppa il diabete.

L'abuso può essere causato da abuso di alcol, consumo di cibi grassi, presenza di malattie croniche concomitanti, comparsa di cisti e patologie tumorali e chirurgia addominale, che in alcuni casi portano a pancreatite acuta. Spesso la causa della disfunzione del pancreas sono le malattie del calcoli biliari.

Indicazioni per la chirurgia

Il pancreas è un organo molto sensibile e fragile e la sua rimozione richiede un approccio speciale e un'elevata qualificazione. L'intervento chirurgico è indicato solo in casi molto gravi, quando la terapia non ha successo.

Le indicazioni per la chirurgia possono essere:

  1. Pancreatite acuta grave, non suscettibile di terapia conservativa;
  2. Pancreatite di tipo emorragico, accompagnata da emorragia nell'organo;
  3. Pancreatonecrosi, che è caratterizzata dalla necrosi di alcune parti del pancreas;
  4. La presenza di processi e ascessi purulento-infiammatori;
  5. La formazione di grandi cisti nel pancreas;
  6. Sviluppo della fistola pancreatica;
  7. Formazione di cisti con suppurazione;
  8. Ferita RV;
  9. La formazione di pietre nelle parti fluenti del pancreas.

Il volume dell'intervento chirurgico dipende dallo stadio della malattia e dal tipo di patologia. I seguenti interventi possono essere eseguiti:

  • Dissezione della capsula per ridurre il gonfiore;
  • Necrectomia quando le aree separate vengono rimosse con necrosi;
  • Resezione parziale del pancreas (rimozione della parte strutturale dell'organo, ad esempio, la coda);
  • Pankroektomiya quando l'organo viene rimosso completamente.

La rimozione parziale viene eseguita quando ci sono cisti nella ghiandola, emorragia, tumore o aree necrotiche. La rimozione completa del pancreas è indicata per il cancro, un'ampia necrosi pancreatica, fusione purulenta, gravi danni agli organi senza possibilità di ulteriore recupero. Dopo la rimozione del pancreas, la terapia sostitutiva viene prescritta al paziente.

Pancreathectomy - metodo di rimozione del pancreas

Pancreathectomy è il metodo principale di trattamento chirurgico delle malattie del pancreas. Durante l'operazione, il pancreas o parte di esso viene rimosso. In alcuni casi, la pancreatectomia rimuove un organo situato vicino al pancreas, ad esempio la milza, la cistifellea, la parte superiore dello stomaco.

Pancreathectomy è un'operazione complessa. Quando l'organo viene rimosso, si può sviluppare un sanguinamento massiccio, che è fatale. Anche l'anestesia influisce negativamente sulle condizioni del paziente. Nei casi lievi, può causare vomito e nausea, nei casi gravi - shock anafilattico e morte del paziente.

Durante l'operazione, il medico fa un'incisione nella zona dello stomaco e, sollevandolo leggermente, valuta la condizione della ghiandola, determinando il grado di danno all'organo. Dopo la rimozione di tutto il pancreas o parte di esso. Pescherecci che collegano l'organo ad altri, mentre sono necessariamente schiacciati per impedire un'emorragia estesa. Viene valutata la condizione degli organi adiacenti, dopo di che vengono lasciati o resecati. L'incisione è cucita con fili autoassorbenti o staffe speciali. La chirurgia laparoscopica viene eseguita per evitare incisioni di grandi dimensioni.

La pancreasectomia restituisce la maggior parte dei pazienti alla vita. Grazie allo schema di riparazione sviluppato, dopo la sostituzione del pancreas, viene eseguita la terapia sostitutiva, che consente una prognosi sicura dopo l'intervento.

L'operazione può richiedere 4-8 ore, a seconda delle dimensioni della parte rimossa del pancreas. Dopo l'operazione, al paziente viene raccomandato un esame regolare da parte di un gastroenterologo e uno psicologo.

Le specifiche dell'operazione

I preparativi vengono effettuati con il paziente prima dell'intervento. Se viene diagnosticato un cancro, viene eseguita una chemioterapia d'organo prima dell'intervento, che interrompe la metastasi e riduce le dimensioni del tumore.

Nominati studi di laboratorio e strumentali per ottenere un quadro clinico chiaro. Gli esami obbligatori comprendono esami del sangue, ecografia del pancreas, puntura.

Prima di un intervento chirurgico, il medico parla con il paziente, lo informa della procedura e dei divieti esistenti.

Il paziente non è autorizzato a prendere antinfiammatori non steroidei, antidolorifici e farmaci antipiretici prima dell'intervento chirurgico. Non è permesso assumere farmaci per fluidificare il sangue prima dell'operazione, così come i farmaci diretti contro la formazione di coaguli di sangue. L'operazione viene eseguita in anestesia generale.

Periodo di riabilitazione

Dopo l'operazione, sulla base della condizione operata, vengono trasferiti in un reparto normale o in rianimazione. Nell'ospedale, il paziente passa da diversi giorni a diverse settimane. La durata del tempo di riabilitazione è influenzata dalla causa dell'operazione, dalla scala della procedura e dal suo esito.

A un paziente viene prescritto un menu speciale durante la degenza ospedaliera, che include solo cibo liquido sotto forma di brodi, decotti di erbe, acqua e acqua minerale. Il cibo solido viene introdotto nel menu, a partire dal sesto giorno in piccole porzioni. Il dolore può essere osservato da diversi giorni a diversi mesi.

2-3 settimane al paziente viene prescritta terapia antibatterica, classe di farmaci prescritti ciprofloxacina, penicilline, macrolidi. Eliminano l'infiammazione delle strutture dei tessuti molli e prevengono lo sviluppo di complicanze settiche purulente.

Gli antidolorifici vengono iniettati nel paziente attraverso una linea endovenosa e gli analgesici possono essere somministrati per via intramuscolare.

La terapia riabilitativa viene scelta dal medico in modo strettamente individuale, tenendo conto delle condizioni del paziente prima e dopo l'operazione.

Dopo la rimozione del pancreas, il paziente sviluppa il diabete. Per correggere una condizione, è necessaria una certa dose di insulina per tutta la vita. Dopo la dimissione, al paziente vengono prescritti farmaci che aiutano a sostituire la funzione dell'organo rimosso. Il paziente può vivere senza il pancreas solo se viene continuamente assunto.

Possibili conseguenze nel periodo postoperatorio dopo la rimozione del pancreas

Grandi problemi si presentano se la ghiandola viene rimossa completamente. Gli enzimi prodotti dal pancreas devono essere integrati con preparati medici che contengono sostanze derivate dal pancreas del bestiame.

Iniezioni di insulina artificiale sono prescritte per mantenere i livelli di insulina. Alcune reazioni avverse sono possibili dopo l'anestesia. Il paziente può lamentare vertigini e nausea. Una complicazione pericolosa è il sanguinamento interno. È anche possibile lo sviluppo di gravi disturbi nel corpo.

Le conseguenze della rimozione del pancreas possono essere:

  • Forte perdita di peso o obesità;
  • Sviluppo di diarrea cronica;
  • Pancreatite acuta postoperatoria;
  • Insufficienza circolatoria;
  • Lesioni infettive;
  • peritonite;
  • Esacerbazione del diabete;
  • Insufficienza epatica

È necessario abbandonare le cattive abitudini dopo l'operazione, i pazienti sono inoltre invitati a evitare lo stress e le esperienze neuro-emotive, perché sotto l'influenza di questi fattori aumenta la probabilità di complicanze.

I fattori che causano l'insorgenza di complicanze includono anche l'inosservanza di una dieta speciale nel periodo preoperatorio, malattie cardiache, età avanzata.

Tutti i pazienti che hanno subito la rimozione del pancreas devono essere regolarmente esaminati da specialisti, al fine di organizzare, se necessario, un adeguamento della ricezione delle sostanze necessarie per il corpo.

La vita dopo l'intervento

Dopo una ectomia pancreatica, lo stile di vita abituale del paziente è caratterizzato da cambiamenti significativi. Per mantenere il livello di zucchero nel sangue, deve usare l'insulina per tutta la vita, per normalizzare la digestione - i preparati enzimatici. Inoltre, assicurati di osservare una dieta speciale per la vita.

Si consigliano consultazioni psicologiche per ripristinare l'equilibrio emotivo e prevenire stati depressivi.

Dopo l'operazione, un anno dopo, se il paziente osserva accuratamente le istruzioni dei medici, la qualità della vita aumenta in modo significativo. Fondamentalmente, dopo la rimozione del pancreas (specialmente con resezione parziale), se non c'è malignità, la prognosi è buona.

Nutrizione dopo l'intervento chirurgico

Seguire la dieta dopo aver rimosso il pancreas deve essere costantemente. Immediatamente dopo l'intervento, al paziente viene somministrato un digiuno di tre giorni, permesso di bere acqua in piccole porzioni (fino a 1 litro al giorno). I nutrienti e le vitamine sono somministrati per via endovenosa con un contagocce. Al 4 ° giorno sono autorizzati a mangiare un paio di biscotti secchi o cracker casa di pane bianco in piccole porzioni per tutta la giornata, bere 1-2 tazze di tè debole non riscaldata. Il 5-6 giorno dare minestre, cracker, tè. Entro la fine della settimana, cereali semiliquidi passati (grano saraceno o riso), pane secco viene introdotto nel menu. Dal 7 ° all'8 ° giorno, oltre alle zuppe danno i secondi piatti - purè di verdure, piatti di carne macinata a vapore.

Dopo 10 giorni vengono introdotti nel menu ricotta a basso contenuto di grassi, zuppe di verdure e purè di patate, pesce magro e carne. Tutti i piatti dovrebbero essere tritati fino a che non siano lisci e al vapore. Nel menu, è possibile inserire e cuocere a vapore polpette di carne magra, pesce, pollo o verdure.

I pasti dovrebbero essere frazionari (5-6 volte al giorno in piccole porzioni). Il menu dovrebbe includere proteine ​​animali e vegetali, oli vegetali, verdure fresche e al vapore, frutta e verdura. Il sale deve essere usato in quantità limitate - non più di 10 g al giorno. Durante il giorno è necessario bere fino a 2 litri di acqua.

Dalla dieta è necessario eliminare cibi grassi, pasticcini, cioccolato. È necessario escludere dalla dieta cibi affumicati e cibo in scatola, condimenti piccanti, salse e ketchup. È necessario abbandonare caffè e tè forti, bevande gassate e alcoliche, sostituendoli con i fianchi di brodo, il kissel o la composta senza zucchero.

Terapia enzimatica sostitutiva

Dopo la rimozione del pancreas, al paziente viene somministrato un complesso enzima e terapia insulinica. Il compito principale della terapia enzimatica è stimolare la produzione di enzimi coinvolti nel processo di assimilazione di un pasto accettato. Prescrivere farmaci, che includono la pancreatina. Il più delle volte prescritto Mikrasim, Westal, Creonte. Questi preparati enzimatici normalizzano la digestione, la funzionalità intestinale e le feci, eliminano il gonfiore, la nausea e il disagio allo stomaco. Enzimatico significa praticamente non causare una reazione negativa del corpo. Sostituiscono il lavoro del pancreas, secernendo amilasi e lipasi nel tratto digestivo. Gli enzimi devono essere assunti con ogni pasto in dosi selezionate individualmente.

È possibile vivere senza pancreas?

La medicina moderna aiuta a mantenere la vita dopo la rimozione del pancreas ad alto livello. Per adattare il corpo a nuove condizioni di vita, è necessario seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni dei medici.

Quando si verifica il diabete mellito, al paziente viene somministrata una terapia insulinica per tutta la vita. Dovresti monitorare regolarmente il livello di zucchero con un glucometro.

Per mantenere il tratto digestivo prescritto enzimi pancreatici, il cui uso normalizza il processo di assimilazione del cibo e del tubo digerente.

Prezzo di rimozione PZH

Il costo della resezione del pancreas inizia da 20.000 rubli. A seconda della gravità e della portata dell'intervento chirurgico, i prezzi possono variare da 25.000 a 42.000 rubli. La ectomia pancreatica totale può costare da 45.000 a 270.000 rubli.

La medicina moderna consente al paziente di tornare a una vita normale dopo panconectomia, se l'operazione è stata eseguita in tempo, non ci sono cancri e tutte le istruzioni dei medici sono osservate.

Recensioni

Cari lettori, abbiamo davvero apprezziamo il vostro feedback - così saremo lieti di esaminare le conseguenze che possono verificarsi quando si rimuove il pancreas e trattamenti che ti hanno aiutato nei commenti, sarà anche essere utile ad altri utenti del sito.

Olga

La rimozione del pancreas è stata fatta a mio marito. L'operazione era difficile, c'erano molti rischi. Una parte dell'organo fu rimossa e fu quindi prescritta la terapia sostitutiva. Il periodo di riabilitazione è stato lungo. Completamente il corpo recuperato solo un anno dopo.

Taras

Ho avuto una pancreatite cronica ricorrente. Il pancreas non ha adempiuto alla sua funzione, c'erano dolore costante, problemi digestivi. Operazione assegnata - pancreasticectomy. Ero molto preoccupato prima dell'operazione, ma è andato tutto bene. Parte del pancreas e della milza sono stati rimossi. Dopo l'operazione ci fu dolore, fu richiesto un trattamento. Terapia sostitutiva assegnata, terapia insulinica, dieta. A poco a poco la mia salute è migliorata, spero in un pieno recupero.

Rimozione del pancreas

Il pancreas è un organo importante che è responsabile della digestione e del metabolismo. Senza di esso, il corpo umano non può funzionare normalmente. Tuttavia, ci sono alcune malattie che richiedono l'immediata rimozione della ghiandola, poiché è solo in questo modo che la vita di una persona può essere salvata. E in quali situazioni viene eseguita la rimozione del pancreas e come la vita del paziente cambierà dopo, lo scoprirete ora.

Funzioni del corpo

Il pancreas è impegnato nella sintesi degli enzimi necessari per il normale corso dei processi digestivi. Forniscono la ripartizione di proteine, grassi e carboidrati, oltre a contribuire alla formazione di noduli alimentari, che poi entrano nell'intestino. Se il pancreas fallisce, tutti questi processi sono disturbati e sorgono seri problemi di salute.

Ma oltre agli enzimi digestivi, il pancreas produce ormoni, il principale dei quali è l'insulina, che controlla il livello di glucosio nel sangue. Le cause di mancanza di diabete, che, purtroppo, non può essere curata e il paziente richiede l'uso continuo di farmaci, che hanno anche un effetto negativo sul funzionamento globale del corpo. E senza di loro il paziente non può fare, dal momento che un brusco salto di zucchero nel sangue può portare a morte improvvisa.

Poiché questo organo è così importante per il corpo umano, viene rimosso il pancreas? Le persone con pancreatite sono per lo più trattati con farmaci. Tuttavia, la malattia è più gravi patologie provocatori, come la formazione di tumori maligni in una superficie ghiandola, cisti, calcoli del dotto o di necrosi. In tutti questi casi, l'unico metodo corretto di trattamento è la chirurgia. Tuttavia, i medici non fretta di ricorrere ad esso, dal momento che il pancreas è un organo importante del corpo umano, e per anticipare le conseguenze che possono insorgere dopo la rimozione è quasi impossibile.

Anche se è prevista una resezione parziale della ghiandola durante l'intervento chirurgico, ciò non garantisce al 100% che l'infiammazione non si ripeta. Se stiamo parlando di cancro al pancreas, allora in questo caso le probabilità di una cura completa dopo l'intervento chirurgico saranno solo del 20%, specialmente se la malattia ha colpito organi vicini.

Indicazioni per la rimozione

Rimuovere la latta del pancreas con lo sviluppo delle seguenti malattie:

  • pancreatite acuta complicata da necrosi;
  • oncologia;
  • cisti;
  • la deposizione di pietre nei dotti della ghiandola;
  • pancreatica;
  • ascessi;
  • emorragia nella cisti.

Metodo di rimozione

Per la resezione parziale o completa del pancreas, viene utilizzato un metodo come la panconectomia. Se è necessario rimuovere completamente l'organo, l'operazione viene eseguita per mezzo del percorso aparato, cioè l'accesso alla ghiandola interessata è ottenuto attraverso un'incisione nella cavità addominale. Dopo tutti gli eventi, il sito dell'incisione viene cucito o fissato con punti metallici.

A volte durante tale operazione, i tubi di drenaggio sono installati nella cavità addominale, che permettono al fluido di raccogliersi nell'area del lavoro del chirurgo. In alcuni casi, i medici installano anche tubi di drenaggio nell'intestino. Di norma, ciò viene fatto solo quando sorge la necessità di un potere sondato.

Se il ferro non è completamente rimosso (solo una parte di essa), allora la pancreatectomia può essere metodo laparoscopica - accesso al corpo è ottenuto tramite puntura della cavità addominale introducendo nella cavità addominale di un apposito strumento, dotato di una fotocamera che permette al monitor di computer monitor tutti fare azioni. Tale operazione è meno traumatica e richiede un periodo di riabilitazione più breve. Ma, sfortunatamente, non in tutti i casi c'è l'opportunità di usare questo metodo di intervento chirurgico.

Durante l'operazione può essere effettuata non solo la rimozione del pancreas, ma anche altri organi situati vicino ad esso, ad esempio:

  • cistifellea;
  • milza;
  • parte superiore dello stomaco

Durante l'operazione e dopo di esso vi è una maggiore probabilità di gravi complicazioni. In questo caso, si dice non solo sulla possibilità di sviluppare l'infiammazione o l'infezione, ma anche sull'ulteriore lavoro dell'intero organismo. Dopotutto, abbastanza recentemente le operazioni durante le quali è stata eseguita la rimozione completa della ghiandola non sono state eseguite nella pratica medica, poiché si credeva che senza questo organo le persone non potessero vivere nemmeno per un anno.

Tuttavia, oggi la situazione è cambiata completamente e la prognosi dopo tali operazioni è favorevole, ma solo se vengono seguiti tutti gli ordini del medico. Come il corpo si riprenderà durante il periodo di riabilitazione e per quanto tempo una persona sarà in grado di vivere dipende da diversi fattori:

  • pesi dei pazienti (le persone in sovrappeso si riprendono più duramente dopo l'intervento e vivono meno);
  • l'età del paziente;
  • alimentazione;
  • una persona ha cattive abitudini;
  • condizioni del sistema cardiovascolare;
  • il paziente ha altri problemi di salute.

È possibile vivere senza un pancreas? Certo, sì! Ma dovrebbe essere chiaro che i fattori più negativi influenzano il corpo, maggiore è la probabilità che insorgano complicazioni dopo l'operazione, che può portare a una diminuzione dell'aspettativa di vita. Dopo la rimozione del pancreas, si può vivere felici e contenti solo se si conduce uno stile di vita sano e si seguono tutte le raccomandazioni del medico.

Periodo di riabilitazione

La vita dopo la rimozione del pancreas negli umani sta cambiando radicalmente. Anche se è stata rimossa solo la coda dell'organo o un'altra parte di esso e l'operazione stessa è andata senza complicazioni, il paziente avrà bisogno di molto tempo e sforzi per riprendersi completamente.

Se il pancreas viene rimosso, il paziente dovrà seguire una dieta rigorosa, assumere farmaci speciali e utilizzare le iniezioni di insulina per controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Molti pazienti ancora a lungo lamentano di avere dolore nell'area operata e il dolore è pronunciato. E al fine di ridurli al minimo, i medici prescrivono di norma antidolorifici come terapia aggiuntiva. Il completo recupero del corpo dopo un intervento al pancreas richiede circa 10-12 mesi.

Possibili conseguenze nel periodo postoperatorio

Gli effetti della rimozione del pancreas possono essere diversi. Qualsiasi intervento chirurgico ha un alto rischio di processi infiammatori o infettivi nei tessuti del corpo durante il periodo postoperatorio. E per evitarli, prima dell'operazione e dopo che il medico prescrive un ciclo di antibiotici. Se il paziente le prende rigorosamente secondo lo schema prescritto, i rischi di tali complicazioni si riducono più volte.

Dopo che la ghiandola è stata rimossa, il diabete mellito si sviluppa, perché dopo l'operazione, c'è una grave carenza di insulina nel corpo, motivo per cui una persona è costretta a iniettare costantemente iniezioni di insulina. Se li salti o li usi in modo errato, questo ha anche varie conseguenze, tra cui il coma ipo- e iperglicemico.

Inoltre, anche la rimozione di una piccola parte del pancreas viola le sue funzioni esocrine, che sono responsabili della digestione. Pertanto, il paziente dovrà anche assumere costantemente preparati enzimatici (vengono nominati individualmente).

Nutrizione dopo l'intervento chirurgico

Dopo l'operazione di rimozione del pancreas, una dieta rigorosa viene somministrata a tutti i pazienti senza eccezioni. Dovrai attenervisi costantemente. Dalla dieta una volta per tutte rimosso:

  • piatti fritti e grassi;
  • carne affumicata;
  • sottaceti;
  • farina;
  • spezie;
  • cibo in scatola;
  • prodotti semilavorati;
  • salsicce;
  • piatti piccanti e salse;
  • bevande gassate e alcoliche;
  • cioccolato;
  • di cacao;
  • legumi.

Nella dieta quotidiana del paziente deve essere carne e pesce varietà a basso contenuto di grassi. Tuttavia, non possono essere utilizzati insieme alla pelle. Inoltre, ogni giorno ha bisogno di mangiare latticini e prodotti lattiero-caseari (il contenuto di grassi in essi non dovrebbe essere superiore al 2,5%).

Mangiare cibo dovrebbe essere anche secondo alcune regole:

  • i primi 3-4 mesi dopo l'intervento chirurgico devono essere schiacciati con una consistenza purea;
  • È necessario mangiare in piccole porzioni almeno 5 volte al giorno;
  • 30-40 minuti prima di un pasto, deve essere somministrata l'iniezione di insulina (solo se si utilizza insulina ad azione rapida) e durante il pasto è necessario assumere un preparato enzimatico;
  • il cibo deve essere caldo, i piatti caldi e freddi sono proibiti;
  • L'ultimo pasto dovrebbe essere 2-3 ore prima di andare a dormire.

Se segui rigorosamente la dieta e applichi le medicine prescritte da un medico in modo tempestivo, puoi vivere una vita lunga e felice anche dopo la completa rimozione del pancreas. Se si ignorano le raccomandazioni del medico, questo può portare a gravi conseguenze e ridurre significativamente l'aspettativa di vita.

Chirurgia del pancreas: indicazioni, tipi, prognosi

Il pancreas è un organo unico in quanto è sia una ghiandola di secrezione esterna che interna. Produce enzimi necessari per la digestione e l'ingresso attraverso i dotti escretori nell'intestino, così come gli ormoni che entrano direttamente nel sangue.

Il pancreas si trova nel piano superiore della cavità addominale, direttamente dietro lo stomaco, retroperitoneale, piuttosto profondo. Condizionato in tre parti: la testa, il corpo e la coda. È adiacente a molti organi importanti: la testa gira intorno al duodeno, la sua superficie posteriore è strettamente adiacente al rene destro, ghiandola surrenale, aorta, vena cava superiore e inferiore, molti altri vasi importanti, milza.

struttura del pancreas

Il pancreas è un organo unico non solo in termini di funzionalità, ma anche in termini di struttura e posizione. È un organo parenchimale costituito da tessuto connettivo e ghiandolare, con una fitta rete di condotti e vasi.

Inoltre, possiamo dire che questo organo non è molto chiaro in termini di eziologia, patogenesi e, di conseguenza, il trattamento delle malattie che lo colpiscono (in particolare per la pancreatite acuta e cronica). I medici sono sempre diffidenti nei confronti di tali pazienti, dal momento che il decorso delle patologie pancreatiche non può mai essere previsto.

Una tale struttura di questo organo, così come la sua posizione scomoda, lo rendono estremamente scomodo per i chirurghi. Qualsiasi intervento in quest'area è pieno di molte complicazioni: sanguinamento, suppurazione, ricadute, rilascio di enzimi aggressivi al di fuori del corpo e fusione dei tessuti circostanti. Pertanto, si può affermare che il pancreas è operato solo per ragioni di salute - quando è chiaro che nessun altro metodo può alleviare le condizioni del paziente o impedirne la morte.

Indicazioni per la chirurgia

  • Infiammazione acuta con necrosi pancreatica e peritonite.
  • Pancreatite necrotica con suppurazione (indicazione assoluta per chirurgia d'urgenza).
  • Ascessi.
  • Lesioni con sanguinamento.
  • Tumori.
  • Cisti e pseudocisti accompagnate da dolore e deflusso alterato.
  • Pancreatite cronica con forte dolore

Tipi di operazioni pancreatiche

  1. Necrectomia (rimozione del tessuto morto).
  2. Resezione (rimozione di parte dell'organo). Se è necessaria la rimozione della testa, viene eseguita la resezione pancreatoduodenale. Con danni alla coda e al corpo - resezione distale.
  3. Pancreatectomia totale
  4. Drenaggio di ascessi e cisti.

Chirurgia per pancreatite acuta

Va detto che non ci sono criteri uniformi per le indicazioni per la chirurgia per pancreatite acuta. Ma ci sono diverse terribili complicazioni in cui i chirurghi sono unanimi: il non intervento porterà inevitabilmente alla morte del paziente. Per l'intervento chirurgico fatto ricorso a:

  • Necrosi pancreatica infetta (fusione purulenta del tessuto ghiandolare).
  • L'inefficacia del trattamento conservativo per due giorni.
  • Ascessi pancreatici
  • Peritonite purulenta.

La suppurazione della necrosi pancreatica è la più terribile complicazione della pancreatite acuta. Con pancreatite necrotizzante si verifica nel 70% dei casi. Senza trattamento radicale (chirurgia), il tasso di mortalità si avvicina al 100%.

Un'operazione per necrosi pancreatica infetta è una laparotomia aperta, necroectomia (rimozione del tessuto morto), drenaggio del letto postoperatorio. Di norma, molto spesso (nel 40% dei casi) è necessario ripetere laparotomia dopo un certo periodo di tempo per rimuovere il tessuto necrotico riformato. A volte per questo la cavità addominale non viene suturata (lasciata aperta), con il rischio di sanguinamento, il sito di rimozione della necrosi viene temporaneamente tamponato.

Tuttavia, di recente, l'operazione di scelta per questa complicanza è la necrotomia in combinazione con un intenso lavaggio postoperatorio: dopo aver rimosso il tessuto necrotico nel campo postoperatorio, i tubi di silicone vengono lasciati attraverso i quali viene eseguito un lavaggio intensivo con antisettici e soluzioni antibiotiche, con aspirazione attiva simultanea (aspirazione).

Se la colelitiasi è diventata la causa della pancreatite acuta, viene eseguita anche la colecistectomia (rimozione della cistifellea).

a sinistra: colecistectomia laparoscopica, a destra: colecistectomia aperta

I metodi minimamente invasivi, come la chirurgia laparoscopica, non sono raccomandati per la pancreatonecrosi. Può essere eseguito solo come misura temporanea in pazienti molto gravi per ridurre l'edema.

Gli ascessi pancreatici si verificano sullo sfondo di necrosi limitata quando l'infezione viene iniettata o nel periodo a lungo termine in cui si verifica la suppurazione della pseudocisti.

L'obiettivo del trattamento, come ogni ascesso, è la dissezione e il drenaggio. L'operazione può essere eseguita in diversi modi:

  1. Metodo aperto Viene eseguita una laparotomia, l'ascesso viene aperto e la sua cavità viene drenata finché non viene completamente pulita.
  2. Drenaggio laparoscopico: sotto il controllo di un laparoscopio, vengono eseguite una dissezione di ascesso, la rimozione di tessuti non vitali e il posizionamento dei canali di drenaggio, proprio come con la necrosi pancreatica estesa.
  3. Drenaggio interno: l'apertura dell'ascesso viene eseguita attraverso la parete posteriore dello stomaco. Tale operazione può essere eseguita per via laparotomica o per via laparoscopica. Il risultato - il rilascio del contenuto dell'ascesso avviene attraverso la fistola artificiale formata nello stomaco. La cisti viene gradualmente cancellata, l'apertura fistolosa viene stretta.

Operazioni con pseudocisti pancreatico

Le pseudocisti nel pancreas si formano dopo la risoluzione di un processo infiammatorio acuto. Una pseudocisti è una cavità senza un guscio formato riempito con succo pancreatico.

Le pseudocisti possono essere abbastanza grandi (più di 5 cm di diametro), pericolose perché:

  • Può spremere i dotti tissutali circostanti.
  • Causare dolore cronico
  • La suppurazione e la formazione di ascessi sono possibili.
  • Contenuti cisti contenenti enzimi digestivi aggressivi possono causare erosione vascolare e sanguinamento.
  • Infine, una cisti può penetrare nella cavità addominale.

Tali cisti di grandi dimensioni, accompagnate da dolore o compressione dei dotti, sono soggette a pronta rimozione o drenaggio. I principali tipi di operazioni per le pseudocisti:

  1. Drenaggio percutaneo esterno della cisti.
  2. Escissione della cisti.
  3. Drenaggio interno Il principio è la creazione di una anastomosi di una cisti con uno stomaco o un cappio dell'intestino.

Resezione pancreatica

La resezione è la rimozione di parte di un organo. La resezione del pancreas è eseguita più spesso con la sconfitta del suo tumore, con lesioni, almeno - con pancreatite cronica.

A causa delle caratteristiche anatomiche dell'afflusso di sangue al pancreas, una delle due parti può essere rimossa:

  • La testa insieme al duodeno (dato che hanno un apporto di sangue comune).
  • Distale (corpo e coda).

Resezione pancreatoduodenale

Un'operazione abbastanza comune e ben stabilita (operazione Whipple). Questa è la rimozione della testa del pancreas, insieme con il duodeno intorno ad esso, la cistifellea e parte dello stomaco, così come i vicini linfonodi. È prodotto più spesso nei tumori situati nella testa del pancreas, nel cancro della papilla di Vater e in alcuni casi nella pancreatite cronica.

Oltre alla rimozione dell'organo colpito con i tessuti circostanti, un passo molto importante è la ricostruzione e la formazione del deflusso della secrezione biliare e pancreatica dal moncone pancreatico. Questa sezione del tratto digestivo stava per ricominciare. Sono state create diverse anastomosi:

  1. La sezione di uscita dello stomaco con il digiuno.
  2. Il ceppo del dotto del pancreas con un cappio dell'intestino.
  3. Dotto biliare comune con intestino.

Esiste un metodo per emettere il dotto pancreatico non nell'intestino, ma nello stomaco (pancreatogastroanastomosi).

Resezione distale del pancreas

Viene eseguito su tumori del corpo o della coda. Va detto che i tumori maligni di questa localizzazione sono quasi sempre inutilizzabili, poiché germinano rapidamente nei vasi intestinali. Pertanto, molto spesso tale operazione viene eseguita con tumori benigni. La resezione distale viene solitamente eseguita insieme alla rimozione della milza. La resezione distale è più associata allo sviluppo nel periodo postoperatorio del diabete mellito.

Resezione distale del pancreas (rimozione della coda del pancreas insieme alla milza)

A volte il volume dell'operazione non può essere previsto in anticipo. Se dopo l'esame si scopre che il tumore si è diffuso molto, è possibile che l'organo sia completamente rimosso. Tale operazione è chiamata pancreasticectomy totale.

Operazioni per pancreatite cronica

L'intervento chirurgico nella pancreatite cronica viene effettuato solo come metodo per alleviare le condizioni del paziente.

  • Drenaggio dei condotti (con una pronunciata violazione della pervietà dei dotti, si crea una anastomosi con il digiuno).
  • Resezione e drenaggio delle cisti.
  • Resezione della testa con ittero meccanico o stenosi duodenale.
  • Pancreathectomy (con la sindrome di dolore persistente severa, ittero ostruttivo) con danno di organo totale.
  • In presenza di calcoli nei dotti pancreatici, impedendo il deflusso della secrezione o causando dolore grave, può essere eseguita un'operazione di virsungotomia (dissezione del condotto e rimozione della pietra) o drenaggio del condotto al di sopra del livello di ostruzione (pancreato-giunostomia).

Periodi preoperatori e postoperatori

La preparazione per la chirurgia del pancreas non è molto diversa dalla preparazione per altre operazioni. La particolarità è che le operazioni sul pancreas vengono effettuate principalmente per motivi di salute, cioè solo nei casi in cui il rischio di non intervento è molto più alto del rischio dell'operazione stessa. Pertanto, una controindicazione per tali operazioni è solo una condizione molto grave del paziente. La chirurgia pancreatica viene eseguita solo in anestesia generale.

Dopo l'operazione sul pancreas, la nutrizione parenterale viene effettuata per i primi giorni (le soluzioni nutritive vengono introdotte attraverso la flebo nel sangue) o durante l'operazione viene stabilita una sonda intestinale e vengono introdotte speciali miscele nutrienti attraverso di esso immediatamente nell'intestino.

Dopo tre giorni, è possibile bere prima, quindi cibo semi-liquido grattugiato senza sale o zucchero.

Complicazioni dopo la chirurgia del pancreas

  1. Complicazioni infiammatorie purulente - pancreatite, peritonite, ascessi, sepsi.
  2. Bleeding.
  3. Il fallimento delle anastomosi.
  4. Il diabete mellito.
  5. Disturbi di digestione e assorbimento del cibo - sindrome da malassorbimento.

Vita dopo resezione o rimozione del pancreas

Il pancreas, come già accennato, è un organo molto importante e unico per il nostro corpo. Produce un certo numero di enzimi digestivi, e anche solo il pancreas produce ormoni che regolano il metabolismo dei carboidrati - insulina e glucagone.

Tuttavia, va notato che sia l'una che le altre funzioni di questo organismo possono essere compensate con successo con la terapia sostitutiva. Una persona non può sopravvivere, per esempio, senza un fegato, ma senza il pancreas, con il giusto stile di vita e un trattamento adeguato, potrebbe vivere per molti anni.

Quali sono le regole della vita dopo le operazioni sul pancreas (specialmente per la resezione di una parte o dell'intero organo)?

  • Rigorosa aderenza alla dieta fino alla fine della vita. Hai bisogno di mangiare piccoli pasti 5-6 volte al giorno. Il cibo dovrebbe essere digeribile con un contenuto di grassi minimo.
  • Esclusione assoluta di alcol.
  • Accettazione dei preparati enzimatici nel rivestimento enterico, prescritto da un medico.
  • Auto-monitoraggio dello zucchero nel sangue. Lo sviluppo del diabete mellito durante la resezione di una parte del pancreas non è una complicazione necessaria. Secondo varie fonti, si sviluppa nel 50% dei casi.
  • Quando si effettua una diagnosi di diabete mellito - terapia insulinica secondo il regime prescritto dall'endocrinologo.

Di solito nei primi mesi dopo l'intervento, il corpo si adatta:

  1. Il paziente tende a perdere peso.
  2. C'è disagio, pesantezza e dolore nell'addome dopo aver mangiato.
  3. Vi sono frequenti feci molli (di solito dopo ogni pasto).
  4. C'è debolezza, malessere, sintomi di beri-beri dovuti ad un assorbimento alterato e restrizioni dietetiche.
  5. Quando prescrive inizialmente la terapia insulinica, sono possibili stati ipoglicemici frequenti (pertanto, si raccomanda di mantenere i livelli di zucchero sopra i valori normali).

Ma gradualmente il corpo si adatta alle nuove condizioni, il paziente impara anche l'autoregolazione e la vita alla fine entra in un solco normale.