Tumore del tronco cerebrale

Le neoplasie cerebrali costituiscono il 6-8% di tutti i tipi di cancro. I tumori del tronco cerebrale (OSGM) costituiscono il 15% del loro numero. Questa patologia spesso colpisce non solo gli adulti, ma anche i bambini. Le cause della malattia non sono esattamente note, quindi l'unico modo per fuggire è imparare a riconoscerne i sintomi e iniziare la diagnosi e il trattamento nel tempo.

Cos'è un tumore del tronco cerebrale?

Il tronco si trova alla base del cervello. Consiste di materia bianca e grigia. La sua lunghezza è breve - 7 cm. Da un lato, è collegato al midollo spinale ed è la sua continuazione, e dall'altro - con uno intermedio. Consiste delle seguenti parti: ponte, midollo e midollo. Il nucleo dei nervi cranici, i centri del sistema nervoso respiratorio e cardiaco, i centri di vomito, masticazione, deglutizione, salivazione, tosse sono concentrati nel tronco cerebrale. Il ponte regola i movimenti degli occhi, i muscoli del viso, della lingua, del collo, delle gambe, delle braccia e del corpo. I nuclei nervosi del midollo allungato regolano la funzione dei muscoli della faringe e della laringe, gli organi del tratto gastrointestinale, l'apparato uditivo e il linguaggio. I suoi riflessi includono importanti difese e statiche, che supportano la postura di una persona durante il movimento. Pertanto, il danno in questa parte del cervello provoca una varietà di sintomi che influenzano la vita di una persona.

Cancro al fusto cerebrale

Disturbi nelle cellule cerebrali, innescati da alcuni fattori dannosi, portano al fatto che iniziano a dividersi in modo incontrollabile e sostituiscono i tessuti sani. Ecco come si formano i tumori primari del tronco. Molti di questi provengono da cellule gliali. Il cancro può svilupparsi in una delle parti del tronco. Più spesso si verifica nel ponte (circa il 60% dei casi), meno spesso - nel midollo e nel midollo. Il tumore può essere uno o più.

I tumori del tronco cerebrale sono secondari, cioè originariamente sviluppati altrove e poi diffusi al tronco cerebrale. Le metastasi nel cancro del tronco cerebrale sono rare (nel 5% dei casi). Possono penetrare dal midollo spinale, dalla colonna vertebrale, dai reni. La lesione del tronco di solito si verifica dal cervelletto e 4 ventricoli. Un gruppo separato consiste in formazioni parastili. Questi includono tumori che sono strettamente aderenti al tronco, quindi, si deformano e influenzano il suo funzionamento.

Ci sono 4 gradi di tumori maligni del tronco:

  • Grado 1 - benigno;
  • 2 - borderline;
  • 3 e 4 - alti gradi di malignità.

Le crescite benigne sono caratterizzate da una crescita lenta (crescono circa 10 anni), una crescita maligna molto rapida - da diversi mesi a diversi anni. Il 55% dei pazienti viene diagnosticato con tumori benigni, ma possono diventare maligni in qualsiasi momento.

Tipi di tumori del tronco cerebrale

Tra i tipi istologici di tumori che più spesso interessano il tronco cerebrale sono i gliomi. Si sviluppano da cellule gliali.

Questi includono:

  • astrocitomi (costituiscono il 60% dei casi). Le loro caratteristiche includono l'aumento dei sintomi neurologici, mal di testa persistente. Gli astrocitomi sono pilocitici, fibrillari, anaplastici e multiformi (glioblastomi). Le prime due specie sono benigne, le seconde sono maligne. I tumori del tronco cerebrale nei bambini sono prevalentemente astrocitomi pilocitici, negli adulti di età compresa tra 30-60 anni vengono diagnosticati astrocitomi fibrillari e anaplastici. Glioblastoma è il più aggressivo, si trova in uomini di età compresa tra 30 e 50 anni.
  • ependimoma (5%). Si trova spesso anche nei bambini. Nel 70% è una forma benigna. Ependymo è caratterizzato da uno sviluppo precoce dell'idrocefalo e della pressione intracranica.
  • oligodendrogliomi (8%). La loro particolarità è un percorso lungo e formazioni di grandi dimensioni, che spesso hanno una forma espansiva espansiva. Esistono oligodendrogliomi 2, 3 e 4 gradi di malignità.

Gli gliomi sono inclini alla formazione di cisti, la calcificazione non è raramente osservata. Ci sono anche tipi misti e tumori raramente nongliali: medulloblastomi, neuromi, meningiomi.

Esistono due forme di crescita dei tumori del tronco cerebrale:

  • nodale (espansivo). Tali formazioni sono come nodi, crescono "fuori da loro" in una capsula con confini chiari con tessuto sano. Spesso hanno parti solide e cistiche. Principalmente questi sono angioastrocitomi. I tumori benigni nodulari possono essere facilmente rimossi chirurgicamente, ma non sono comuni (20-30% dei casi).
  • diffondere. Questa forma ha delle previsioni molto peggiori di quelle nodulari, perché le cellule difettose si trasformano in tessuto sano e lo sostituiscono, il che significa che il corpo non sarà in grado di svolgere correttamente le sue funzioni. Un tale tumore non può essere rimosso senza conseguenze gravi per la vita. Il tumore diffuso del tronco cerebrale si verifica nell'80% dei casi. I principali tipi sono gli astrocitomi fibrillari e anaplastici, glioblastomi. Spesso crescono attraverso il tronco cerebrale, con il risultato che aumenta di dimensioni. Anche la probabilità di infiltrazioni nel midollo spinale e nel cervelletto è elevata.

Brain Stem Tumor: Symptoms

Gliomi del tronco cerebrale causano la distruzione dei tessuti e questo provoca sintomi focali che dipendono da quale area è danneggiata. È interessante notare che un tumore situato in una parte del cervello colpisce altre parti. Questo accade a causa di un aumento della massa del corpo, compressione delle strutture vicine, alterata circolazione del sangue e aumento della pressione intracranica.

Tra i sintomi cerebrali prevalgono:

  • mal di testa, vertigini. Il dolore è il sintomo principale (nel 90% dei pazienti), è associato alla pressione della formazione sui nervi, vasi, membrane e vene del cervello. Può verificarsi in tutto il capo o essere localizzato nel sito di crescita del tumore. La sua intensità è diversa, anche molto forte, scoppiando e lacerando. Il dolore appare improvvisamente come un attacco, meno spesso è permanente. Principalmente ciò si verifica al mattino. A volte un attacco può accadere dopo aver sofferto di ansia, sollevamento pesi, attività fisica, durante la tosse o movimenti improvvisi della testa. Anche le vertigini appaiono periodicamente. Il paziente può sentirsi male, perdere l'equilibrio, ondeggiare, gli occhi si scuriscono, le orecchie ruggiscono;
  • nausea, vomito (si verifica nel 60% dei casi). Può comparire durante il mal di testa e le vertigini. Anche il vomito inizia improvvisamente, più spesso - al mattino, a stomaco vuoto;
  • posizione della testa errata. Una persona tiene riflessivamente la testa in tale posizione, in cui si verifica la minima irritazione dei nervi cervicale e craniale;
  • disturbi mentali (nel 65% delle persone). Questo sintomo è osservato nei tumori di qualsiasi localizzazione e può essere sia generale che focale. Tra i disturbi mentali, c'è un cambiamento di coscienza, stordimento, irritabilità. Una persona diventa apatica, apatica, parla poco, non reagisce all'appello a lui;
  • convulsioni epilettiche;
  • visione offuscata, cambiamenti nel fondo dell'occhio (70%). È anche una conseguenza della pressione intracranica, che porta alla compressione del nervo ottico. I cambiamenti nel fondo dell'occhio si manifestano come ristagno e gonfiore dei dischi, cambiamenti nel loro colore, così come emorragie nello spazio circolatorio. All'inizio, questo porta alla comparsa di un velo davanti agli occhi, negli stadi successivi, quando il disco inizia ad atrofizzarsi, la visione si deteriora bruscamente;
  • sindrome bulbare. Spremere i nervi bulbari porta a disturbi della parola, deglutizione. Il paziente può anche soffocare il cibo liquido, diventa una voce silenziosa o nasale, la saliva esce dalla sua bocca;
  • cambiamenti nella struttura del cranio (assottigliamento delle pareti, diluizione delle suture, ecc.).

Più tardi compaiono anomalie respiratorie e cardiache (insufficienza respiratoria, disfagia, bradicardia, cardiomiopatia, tachicardia).

Sintomi focali di un tumore del tronco cerebrale:

  • disordine delle funzioni motorie, orientamento, coordinazione, percezione tattile e visiva, cambiamento dell'andatura;
  • diminuzione della sensibilità e dell'udito;
  • contrazione dei muscoli oculari, paresi;
  • tremore alle mani;
  • frequenti cambiamenti nella pressione sanguigna;
  • disturbi mimici (a causa della debolezza dei muscoli del viso, può essere distorta, un sorriso - asimmetrico).

Una caratteristica dei tumori del tronco cerebrale è l'insorgenza tardiva della pressione intracranica e dell'idrocefalo (accumulo di liquido cerebrospinale nel cervello).

Le neoplasie benigne possono non manifestarsi per molti anni o i sintomi appaiono bruscamente, dopo di che si verifica la remissione. Con malignità - i sintomi aumentano costantemente e in un breve periodo di tempo.

Cause di patologia

L'oncologia cerebrale sorge presumibilmente per tali motivi:

  • predisposizione genetica. La presenza di tali malattie genetiche come la sindrome di Turco, la sindrome di Gorlin, il Li-Fraumeni, la malattia di von Ricklinghausen e la sclerosi tuberosa nel 10% dei casi sono associate alla comparsa di OGM. L'astrocitoma pilocitico, in particolare, è associato a neurofibromatosi di grado 1;
  • esposizione a sostanze chimiche (arsenico, mercurio, piombo);
  • ereditarietà. L'oncologia in famiglia aumenta il rischio di cancro nel bambino;
  • radiazioni. È stato dimostrato che le radiazioni ionizzanti possono causare lo sviluppo di un tumore. Pertanto, le persone esposte alle radiazioni per scopi medici o costrette (ad esempio, durante la liquidazione dell'incidente alla centrale nucleare di Chernobyl) sono a rischio.

Immunità ridotta, scarsa ecologia e nutrizione, cattive abitudini - questi fattori possono aumentare il rischio di sviluppare un tumore. Anche i bambini di 5-8 anni e gli adulti tra i 65 ei 70 anni sono a rischio.

Le cause esatte di un tumore del tronco cerebrale non sono note, quindi le persone non sono in grado di prevenire questa malattia.

Stadio della malattia

  • Stadio 1: il tumore ha una dimensione di 3 cm e non si diffonde ai tessuti e agli organi circostanti. Non è difficile da rimuovere, ma la malattia si trova raramente in questa fase, poiché i sintomi sono lievi;
  • Fase 2: si tratta di neoplasie superiori a 3 cm, senza metastasi regionali o distanti. La struttura delle cellule è leggermente più diversa dal tessuto normale rispetto allo stadio 1;
  • Fase 3: le differenze tra le cellule tumorali e quelle sane diventano significative, il tumore cresce e si diffonde alle strutture cerebrali vicine (in particolare nei ventricoli);
  • La fase 4 è la più pericolosa. È caratterizzato da rapido sviluppo e peggioramento dei sintomi. Il cancro inizia a metastatizzare nel resto del cervello e in tutto il corpo.

Diagnosi di un tumore al cervello

Per la decisione di diagnosi è necessario:

  1. raccolta di cronologia accurata. Per i tumori cerebrali, ogni sintomo, la sua frequenza e il tempo di apparizione sono importanti. Se una persona ha disturbi neurologici, viene chiamato da un neuropatologo;
  2. esame neurologico. Vari test aiuteranno a identificare le disfunzioni motorie, l'assenza di determinati riflessi, il controllo del dolore e la sensibilità tattile. È anche necessario sottoporsi a un esame da un oftalmologo, dal momento che il 70% delle persone con tumori cerebrali sembrano avere cambiamenti del fondo. Potrebbe essere necessario consultare un otoneurologo che controllerà l'udito. Sulla base dei dati ottenuti, il neurologo effettua una diagnosi preliminare o clinica. Per confermarlo, prima di tutto usano la tomografia computerizzata e la tomografia a risonanza magnetica;
  3. TC e RM. Con l'aiuto di questi metodi, è possibile rivelare un tumore da 3 mm., Per determinare la sua esatta posizione, dimensione e tipo. L'immagine ottenuta durante CT e MRI viene visualizzata sullo schermo di un computer. È molto preciso e informativo. La MRI a contrasto è il metodo migliore per diagnosticare il cancro del tronco encefalico;
  4. Radiografia del cranio (craniografia). Mostra i cambiamenti nelle ossa, ad esempio il loro assottigliamento, la notifica, l'espansione dei fori tra di loro, un aumento della sostanza ossea, deviazioni nella struttura della sella turca e altre. I dati ottenuti dalla craniografia non sono accurati come la TC e la risonanza magnetica, quindi vengono utilizzati nei casi in cui questi metodi non sono disponibili per nessuna ragione;
  5. encefalografia. L'elettroencefalogramma mostra cambiamenti nelle funzioni di diverse parti del cervello, come si può vedere dal ritmo dell'attività elettrica di un dato organo. Questi ritmi sono registrati con l'aiuto di placche metalliche attaccate alla testa e collegate ad uno strumento EEG. Una curva complessa viene visualizzata sul monitor (o sulla carta), mostrando fluttuazioni nei potenziali del cervello;
  6. echoencephalography. Questo è un metodo a ultrasuoni per diagnosticare il cancro al cervello. Il segnale di eco inviato al cervello viene riflesso dalle sue strutture e registrato dai sensori. Le deviazioni di indicazioni dalla norma parlano dello spostamento delle strutture mediane del cervello;
  7. scansione di radioisotopi. Il metodo si basa sulle proprietà dei tessuti sani e danneggiati per assorbire le radiazioni in modi diversi. Le sostanze radioattive vengono iniettate in una vena o arteria, dopo di che vengono scansionate due o più proiezioni. Per la diagnosi vengono utilizzate piccole dosi di isotopi con un breve periodo di decadimento, quindi il metodo non è pericoloso. Gli astrocitomi benigni non sono radiosensibili, quindi questa procedura non sarà informativa;
  8. Angiografia. L'iniezione di contrasto nell'arteria carotidea seguita dalla scansione fornisce informazioni sui sistemi arterioso, capillare e venoso del cervello. Deviazioni del canale di flusso del sangue indicano la posizione del tumore.

Nel cancro del tronco cerebrale non viene eseguita una biopsia. Il tipo istologico di un tumore è determinato sulla base della sua localizzazione, dei sintomi, dell'età del paziente.

Trattamento del tumore al cervello

Il tumore al cervello è trattato più efficacemente chirurgicamente. Chirurgia del tumore al cervello:

  • rimozione chirurgica. Il medico deve tagliare il più possibile il tumore con una perdita minima di tessuto sano. Per tali manipolazioni, viene eseguita una craniotomia (dissezione del cranio). In molti casi, l'operazione è controindicata (specialmente se si tratta di un tumore diffuso del tronco cerebrale), poiché contiene centri vitali. La decisione di condurlo è presa sulla base dei dati relativi al tipo, all'ubicazione e alle dimensioni del tumore. Il bisturi è molto difficile da tagliare il tumore in modo da mantenere tutto il tessuto sano intorno, quindi ora stanno diffondendo metodi più accurati e affidabili, come la rimozione endoscopica e laser. Per la penetrazione nel cervello dell'endoscopio, viene eseguita la craniotomia (viene praticato un foro). Il metodo laser è buono perché brucia simultaneamente i bordi del tessuto e blocca il sanguinamento, e riduce anche il rischio di diffusione accidentale delle cellule tumorali nel cervello. È possibile eseguire l'operazione con un sistema robotico, che ridurrà le potenziali complicazioni quasi a zero. La scelta del metodo dipende dalle capacità e dalla disponibilità delle attrezzature necessarie. L'operazione deve essere supervisionata da un dispositivo CT;
  • La radiochirurgia è un tipo di radioterapia basata sull'uso di radiazioni mirate con una dose elevata di radiazioni, che porta alla morte delle cellule tumorali. Questo metodo è utilizzato per tumori metastatici e recidive. Per i tumori benigni, i medici possono raccomandare la radiochirurgia anziché la chirurgia standard;
  • HIFU-terapia. Questo è un metodo per rimuovere un tumore focalizzando l'ultrasuono ad alta intensità. Questa tecnica è simile alla radiochirurgia, ma l'ecografia non causa tali effetti sulla salute;
  • criodistruzione (congelamento con azoto liquido). Questo è un metodo delicato minimamente invasivo che consente di rimuovere il cancro senza danneggiare i tessuti adiacenti. Viene eseguito utilizzando una criosonda. Questo metodo è adatto per neoplasie di piccole dimensioni, per la rimozione di piccole metastasi e frammenti rimasti dopo l'operazione, nonché per l'impossibilità di un trattamento chirurgico.

Per il trattamento dell'idrocefalo è installato un sistema di shunt per drenare il fluido in una vena o in una cavità addominale. Per alleviare la pressione intracranica, viene eseguita la decompressione trepanning. I farmaci antinfiammatori non steroidei e la morfina sono somministrati per alleviare il dolore in una persona, il Prednisone è usato per alleviare il gonfiore nel cervello. I sedativi sono anche necessari per alleviare l'ansia e altri disturbi mentali.
Per determinare i risultati dell'operazione, viene eseguita una risonanza magnetica durante i primi 3 giorni. I campioni ottenuti durante la rimozione chirurgica vengono inviati ad un laboratorio per le indagini per stabilire una diagnosi accurata sulla quale si basa l'ulteriore scelta del trattamento.

Radiazioni e chemioterapia

Dopo l'intervento chirurgico (dopo 2-3 settimane), viene utilizzata anche la radioterapia. I suoi tipi standard portano più danni, quindi, spesso usano radiazioni distanti (radioterapia), che minimizzano l'effetto delle radiazioni sui tessuti sani. A tale scopo, è anche importante che i medici scelgano la dose ottimale di radiazioni. Il corso della radioterapia comprende da 10 a 30 procedure, la dose totale di radiazioni è fino a 70 Gy. Con più metastasi e astrocitomi maligni, l'intera testa è irradiata. In questo caso, la dose totale di radiazioni non deve superare i 50 Gy. Questo tipo di trattamento può essere applicato come indipendente per i pazienti non operabili con tipi di cancro diffusi. In tali casi, vestire il tumore, con la cattura di tessuto sano entro un raggio di 1,5-2 cm.

La chemioterapia viene solitamente utilizzata in combinazione con le radiazioni. Per migliorare l'efficacia del decorso prescritto di diversi farmaci, la scelta dipende principalmente dal tipo istologico del tumore. Tra questi ci sono il cisplatino, la carmustina, il temodal e altri. Prima di iniziare il trattamento, è necessario testare la sensibilità individuale al farmaco. La durata della chemioterapia è da 1 a 3 settimane, dopo una breve pausa si ripete. Nel corso del trattamento vengono effettuate analisi, in base ai risultati di cui decidono se continuare la chimica o se annullarla. Durante la chemioterapia, una persona è tenuta a prendere farmaci antiemetici, in quanto il vomito si verifica nel 90% della chemioterapia.

Con ricadute ripetute, vengono prescritti di nuovo radiazioni e chemioterapia, ma i loro risultati saranno positivi solo se la remissione è durata per almeno un anno.

La chemioterapia può aiutare nei pazienti inoperosi a ripristinare parzialmente o addirittura completamente le funzioni neurologiche perse. Inoltre, tali pazienti possono utilizzare il trattamento popolare del cancro al cervello, che si basa sull'uso di varie piante e funghi.

Prognosi per tumori del tronco cerebrale

In generale, la prognosi per il cancro al cervello è sfavorevole. Anche dopo il trattamento complesso nelle fasi iniziali, la sopravvivenza a 5 anni è del 60% -80% per diversi tipi di tumori (la percentuale è maggiore per gli astrocitomi benigni e l'ependima). Se un'operazione chirurgica è controindicata o lo stadio della malattia è trascurato, allora la probabilità di vivere per 5 anni è solo del 30-40%. Nelle persone con tipi di cancro aggressivi (ad esempio il glioblastoma) e nella fase 4, l'aspettativa di vita è di solito non più di un anno, e talvolta di diversi mesi. È interessante notare che i bambini hanno la possibilità di sopravvivere poco più degli adulti, che si basa sulla capacità del giovane corpo di riprendersi. Gli anziani a questo riguardo sono molto peggio.

Ciò che minaccia il tumore del tronco cerebrale

Le neoplasie che colpiscono il tronco cerebrale, a seconda delle caratteristiche del flusso, sono suddivise in diversi tipi. Ma indipendentemente dalla natura del loro corso, rappresentano una minaccia per la salute umana, poiché influenzano l'organo principale nel corpo umano.

Il contenuto

Idea generale della malattia

I tumori che colpiscono il tronco cerebrale sono formazioni che si formano sui tessuti della mediana e del midollo allungato. Questa condizione è sempre accompagnata da una serie di sintomi spiacevoli.

Per argomento

Ciò che minaccia il neuroblastoma cerebrale

  • Alena Kostrova
  • Pubblicato il 18 febbraio 2019 il 18 febbraio 2019

Oggi, nonostante le moderne tecnologie, la risonanza magnetica è l'unico metodo diagnostico affidabile. Con questa malattia, la chirurgia per rimuovere il tumore è solo del 20%. In altri casi, la terapia viene eseguita dalla chemioterapia.

La malattia viene più spesso diagnosticata in pazienti anziani dopo 40 anni. Ma può essere installato nei bambini.

classificazione

In medicina, la malattia è classificata in base alle varie caratteristiche del corso. Sulla base della struttura istologica, ci sono tre tipi di formazioni.

Il primo è l'astrocitoma. Può essere sia maligno che benigno.

Ependimoma anche isolato. Di solito non ha cellule tumorali nella sua composizione ed è caratterizzato dallo sviluppo di idrocefalo e da un aumento della pressione intracranica. È stabilito principalmente nei bambini.

Il terzo tipo di neoplasie che interessano il tronco cerebrale, include l'oligodendroglioma. Scorre in una forma di infiltrazione espansiva. Ha una forma maligna di 2, 3 o 4 tipi.

A seconda della natura del flusso, le neoplasie del tronco cerebrale sono suddivise in diversi tipi, ognuno dei quali ha determinate caratteristiche.

benigno

Caratterizzato da una crescita lenta. Il periodo di sviluppo del tumore può essere superiore a 15 anni.

Ma il pericolo della malattia sta nel fatto che il tumore può trasformarsi in un cancro. Un processo simile è osservato in quasi la metà dei pazienti.

maligno

Sono caratterizzati da una rapida crescita e un decorso aggressivo. Il quadro clinico è sempre vividamente espresso.

I tumori maligni costituiscono un numero maggiore di decessi. La morte del paziente si verifica sullo sfondo di una serie di complicazioni.

Tra i tumori del cancro, si distinguono i tumori primari che si formano sui tessuti del tronco cerebrale e i tumori secondari che si sviluppano dalle metastasi di altri tumori.

Parastvolovye

Il principale provocatore è la deformazione dello stelo. Sono inoltre accompagnati da sintomi spiacevoli, con una severità pronunciata.

Per argomento

Quali sono i sintomi del cancro cerebellare?

  • Alena Kostrova
  • Pubblicato il 18 febbraio 2019

I tumori simili sono diagnosticati più spesso di altri tipi.

Inoltre, a seconda delle caratteristiche della crescita, la malattia è classificata in formazioni di tipo espansivo, in cui la formazione della formazione avviene dalle proprie cellule e si infiltra. Allo stesso tempo, durante le misure diagnostiche, lo specialista può stabilire i confini del tumore.

Secondo il tipo di crescita del neoplasma, gli specialisti distinguono tre forme di tumori che colpiscono il tronco cerebrale.

di nodo

In apparenza assomigliano ai noduli, per i quali hanno ricevuto il loro nome. Una caratteristica distintiva è la conservazione dei confini dell'istruzione.

La rimozione viene effettuata solo con l'aiuto di un intervento chirurgico.

diffondere

Diagnosticato il più delle volte Questo tipo di neoplasma è stabilito nell'80% dei casi. Non è possibile utilizzare misure diagnostiche per stabilire i confini dell'istruzione.

Le cellule colpite dal processo patologico iniziano a crescere in tessuti sani, sostituendoli completamente. Dopo la rimozione di un tumore diffuso, si osserva lo sviluppo di complicanze.

infiltrativa

Chiamato anche psevdouzlovye. Sulla base di un esame al microscopio, vengono determinati i confini pronunciati del tumore.

Le cellule del tessuto nervoso situate attorno al tumore vengono distrutte. La crescita infiltrativa è osservata.

motivi

Gli esperti non possono determinare le cause dello sviluppo di tumori benigni e maligni, compresi quelli che si formano sul tronco cerebrale.

Gli scienziati ritengono che il principale provocatore della loro comparsa sia la radiazione ionizzante del corpo quando il paziente ha ricevuto dosi significative.

Anche tra i fattori noti predisposizione ereditaria. In questo caso, il corpo ha già delle cellule che, sotto l'influenza di alcuni fattori, mutano e si diffondono attraverso il sangue e la linfa.

Malattie simili si osservano in persone che hanno precedentemente ricevuto esposizione alle radiazioni. Oggi la medicina non usa metodi diagnostici simili. Ma la radioterapia può essere un provocatore per lo sviluppo di escrescenze benigne e cancerose. Ciò è dovuto all'impatto negativo delle radiazioni non solo sulle cellule colpite, ma anche su quelle sane.

Secondo gli esperti, la crescita del tumore che colpisce il tronco cerebrale è la sostanza cloruro di vinile. Il gas è utilizzato nella produzione di plastica. Ha un effetto negativo sul corpo.

I fattori provocatori includono anche una ridotta immunità, lesioni infettive, malattie infiammatorie croniche e cattive abitudini.

sintomi

Il tronco cerebrale è costituito da un numero di diverse strutture. Di conseguenza, la malattia può manifestarsi in molti modi. Ma nei bambini, un tumore, indipendentemente dal tipo, si verifica sullo sfondo della formazione di meccanismi compensatori e non è accompagnato da sintomi.

Le manifestazioni cliniche si verificano a seconda del tipo di neoplasma, dello stadio del suo sviluppo e della posizione del nidus del processo patologico.

Prima di tutto, gli esperti notano una diminuzione delle capacità mentali, una diminuzione dell'appetito. Ci sono affaticamento cronico, diminuzione dell'attività motoria.

Un chiaro segno di un tumore del tronco cerebrale è una paresi del nervo facciale. Si manifestano la debolezza del tessuto muscolare, l'andatura instabile, l'asimmetria del viso, la disordinazione.

Tumore del tronco cerebrale: sintomi, prognosi, trattamento, cause, diagnosi

Diffusione del tumore del tronco cerebrale (OSGM) - una neoplasia, che rappresenta circa il 6-8% dei casi di malattie di noti disturbi oncologici. OSGM occupa un quarto percento della oncologia cerebrale totale. Sfortunatamente, anche le nuove generazioni sono soggette a questa patologia. La vera causa della malattia non è stata completamente determinata, e quindi l'unica possibilità di non aggravare la malattia è riconoscere i segni che sono comparsi e iniziare una terapia tempestiva.

Cos'è un tumore del tronco cerebrale?

La struttura del tronco cerebrale comprende: la base in cui si trova il tronco della testa, costituito da due sostanze: grigio e bianco. Di per sé, il tronco è piccolo - solo 7 centimetri di lunghezza. Midollo spinale da un lato e dall'altro - il cervello intermedio. I suoi componenti: midollo, ponte, mesencefalo. Contiene tutti i nuclei nervosi. Inoltre ci sono centri responsabili di: respirazione, lavoro cardiaco, terminazioni nervose, deglutizione, tosse, masticazione, salivazione, riflesso del vomito. I ponti sono responsabili del lavoro degli occhi, dei muscoli facciali, della lingua, del collo, degli arti e del corpo. Grazie al lavoro dei nuclei nervosi del midollo allungato, i muscoli della laringe e della faringe, il tratto gastrointestinale, l'udito e la parola di una persona sono regolati.

Data l'importanza del tronco cerebrale, qualsiasi danno e formazioni comportano sintomi che influiscono sulla salute, e talvolta sulla vita.

Tipi di tumori

Esistono due tipi di tumori: primario e secondario. Le interruzioni dell'attività cerebrale causate da fattori dannosi provocheranno una divisione caotica delle cellule danneggiate nel risultato finale fino a quando non saranno completamente sostituite da quelle sane. Quindi c'è un tumore primitivo del tronco cerebrale nei bambini e nelle persone di vecchia generazione. La sua base è cellule gliali. Il cancro del fusto cerebrale può apparire e svilupparsi in una parte di un organo. Il posto più comune di oncologia è il ponte (circa il 60%). Un po 'meno - nella media e nel midollo allungato. I tumori del tronco cerebrale si trovano al plurale.

Quelli secondari includono quelli che apparivano in un posto e continuano a crescere sul tronco cerebrale. Allo stesso tempo, solo nel 5% dei casi le metastasi si verificano nel tronco, penetrando da altri organi. Tumore cerebrale dello stelo - istruzione parastvolovye (una coppia - circa).

I tipi comuni di tumori sono gliomi che si sviluppano dalle cellule gliali.

  • Astrocitomi: circa il 60% delle malattie Esistono multiforme, pilocitico, anaplastico e fibrillare. Pilocitico e fibrillare comprendono benigno. I bambini hanno forme pilocitiche. Considerato aggressivo è il glioblastoma (multiforme), che si verifica più spesso negli uomini sotto i 50 anni di età.
  • Gli ependimomi occupano il 5% di tutti i tumori. Il più delle volte - benigno.
  • Oligodendrogliomi si trovano nell'8% delle malattie. Tumori di grandi dimensioni Ci sono 4 gradi di malignità.

sintomi

Con la comparsa dei gliomi, inizia la distruzione dei tessuti del tronco cerebrale. A seconda dell'area interessata, compaiono i sintomi focali della malattia. Sfortunatamente, con la comparsa del tumore, anche altri organi sono colpiti - il tumore, aumentando di dimensioni, interrompe la circolazione sanguigna, aumenta la pressione intracranica.

I sintomi del tumore del tronco cerebrale che devono essere ascoltati includono:

  1. Mal di testa. Il 90% dei pazienti si lamenta di questo. Il tumore preme sulle terminazioni nervose, le membrane, i vasi del cervello. Può apparire sia localmente che farsi sentire dappertutto. L'intensità è diversa, da forte a noiosa. Si verifica improvvisamente, più spesso al mattino.
  2. Nausea, a volte con vomito. Appare al mattino.
  3. Posizione sbagliata Il paziente preferisce mantenere la testa in modo tale da non irritare i nervi del collo e del cranio.
  4. Disturbi nella psiche. Questo sintomo può essere osservato sia localmente che in generale. Tali violazioni includono sordità, irritabilità e un cambiamento di coscienza. Il paziente sente letargia, apatia, non vuole parlare, non reagisce a nulla.
  5. Epilessia.
  6. Acuità visiva ridotta, che appare a causa della pressione intracranica. Il fondo dell'occhio cambia: i dischi si gonfiano, il loro colore cambia.
  7. Sindrome bulbare.
  8. La struttura del cranio cambia, le cuciture divergono, le pareti diventano più sottili.

I sintomi focali includono:

  1. Danneggiamento della funzione motoria, perdita dell'orientamento, percezione tattile e visiva, cambiamenti dell'andatura.
  2. Diminuzione dell'udito e della sensibilità.
  3. Appari paresi, tremore.
  4. Salti di pressione sanguigna.
  5. Appare disturbo mimico (sorriso obliquo).
  6. Il quadro clinico dei tumori del tronco cerebrale include la comparsa tardiva della pressione intracranica e l'accumulo di liquido cerebrospinale nel cervello (idrocefalo).

Nel tronco cerebrale si trovano molte strutture che possono essere colpite. Con la sconfitta della paresi centrale - appare il tremore, vertigini, problemi con l'udito, la vista, lo strabismo possono svilupparsi, compaiono difficoltà con la deglutizione. Potrebbe esserci paresi negli arti. Con la progressione della crescita del tumore, questi sintomi aumentano, nuovi si uniscono - nausea, mal di testa, vomito. Il paziente muore a causa di fallimenti nel cuore, nei centri vascolari e negli organi respiratori.

Stadio della malattia

In medicina, c'è una classificazione delle malattie oncologiche. È espresso in gradi:

  • Primo grado - benigno. Crescono lentamente, fino a dieci anni.
  • Il secondo grado è borderline.
  • Il terzo e il quarto sono i più alti, con un indice di malignità. La crescita dei tumori è rapida - una persona con gradi simili può vivere da un paio di mesi a diversi anni.

Sfortunatamente, i tumori benigni possono infine passare allo stadio di tumori maligni.

Cause di patologia

L'oncologia può verificarsi per una serie di motivi. I medici più comuni chiamano ereditarietà, predisposizione genetica, esposizione a sostanze chimiche, radiazioni.

I sintomi includono anomalie della genetica: Turco, Li-Fraumeni, Gorlin, sclerosi tuberosa, malattia di von Recklinghausen, tumore di Burkitt.

Sfortunatamente, la medicina non ha ancora trovato le cause esatte della comparsa del cancro negli esseri umani. Pertanto, ad oggi, non è ancora stato trovato un mezzo per aiutare a prevenire l'insorgenza del cancro.

Diagnosi di un tumore al cervello

Affinché il medico possa diagnosticare, deve prima raccogliere una cronologia. È molto importante rispondere a tutte le domande sui sintomi nel modo più accurato possibile. Se ci sono violazioni in neurologia, il paziente deve essere inviato a un neurologo.

Alla reception, viene esaminato e una varietà di test che identificano la disfunzione motoria. Il medico verificherà se sono presenti tutti i riflessi, se è presente sensibilità tattile o dolorosa. L'ispezione all'oculista è obbligatoria, dove viene misurato il fondo oculare del paziente. Se necessario, il paziente viene chiamato da un otoneurologo per i test dell'udito. Dopo aver raccolto la storia, il neurologo sarà in grado di diagnosticare. Se necessario, un neurologo può prescrivere TC e risonanza magnetica, che aiutano a individuare i tumori di dimensioni minime, per individuare il tipo di tumore.

Ulteriori studi includono la craniografia (radiografia del cranio), che può mostrare se c'è un cambiamento nelle ossa del cranio, nell'encefalografia (determinazione dei cambiamenti nel cervello), echoencefaloscopia (diagnosi ecografica), scansione di radioisotopi, angiografia.

Una biopsia non viene eseguita in oncologia del tronco cerebrale. L'esame istologico viene effettuato esclusivamente sulla base dei dati sulla posizione, i sintomi e anche l'età del paziente.

trattamento

I metodi più efficaci includono operazioni mirate alla rimozione di tumori.

Durante l'intervento chirurgico, il medico interrompe la maggior parte dell'istruzione. Per l'operazione, al paziente è richiesto di aprire il cranio. In alcuni casi, l'operazione non viene eseguita sul tronco cerebrale, poiché è probabile che i centri vitali possano essere feriti. La decisione sulla necessità di un'operazione è presa sulla base della dimensione del tumore, posizione. Il tumore viene tagliato utilizzando la rimozione endoscopica o laser. La variante laser brucia i bordi del tessuto e ferma il sanguinamento. L'operazione viene eseguita utilizzando un sistema robotico, riducendo al minimo tutti i tipi di complicazioni.

La radiochirurgia è radioterapia, che si basa sull'uso di una singola esposizione ad una dose elevata di radiazioni. Utilizzato in recidive e metastasi.

Terapia HIFU che utilizza ultrasuoni ad alta intensità.

Cryodestruction - congelamento con azoto liquido. Per condurre la necessità di criosonda. La foto sotto mostra il meccanismo d'azione della crioterapia. Nel cervello, un meccanismo simile.

Radiazioni e chemioterapia

Dopo l'operazione, dopo 14-21 giorni, viene prescritta la radioterapia. I medici usano la radioterapia (esposizione a distanza). Il corso varia da dieci a trenta procedure. Dose di radiazioni - fino a 70 Gy. Se le metastasi e gli astrocitomi maligni sono molti, è necessario irradiare la testa. Dose di radiazioni - fino a 50 Gy. Questo trattamento è adatto a pazienti inoperabili che hanno un tipo diffuso di oncologia.

La chemioterapia viene somministrata insieme alla formazione. Il trattamento diffuso del tumore del tronco cerebrale è un corso di diversi farmaci. La durata del trattamento con chemioterapia deve essere compresa tra 1 e 3 settimane. Dopo la pausa, ripetere. Durante il trattamento, test che mostrano se continuare la chimica o annullare.

prospettiva

Sfortunatamente, la previsione è deludente. Anche dopo il complesso del trattamento, il tasso di sopravvivenza è del 60%. Se il paziente è controindicato nell'intervento chirurgico, una malattia trascurata, ha meno probabilità di vivere per 5 anni (il paziente appartiene al 30-40% delle persone).

Le persone con le forme più aggressive di oncologia vivono non più di un anno. Sfortunatamente, alcuni vivono solo pochi mesi. I bambini, in virtù del loro organismo in crescita, hanno maggiori probabilità di sopravvivere rispetto agli adulti o agli anziani.

Le persone con determinate malattie: linfoma non-Hodgkin, cavernoma del tronco cerebrale, un tumore del sarcoma, HPV, un tumore linfoma, sfortunatamente, non saranno in grado di sopravvivere per un lungo periodo.

Tumori del gambo cerebrale

Tumori del tronco cerebrale: neoplasie del ponte, mesencefalo e midollo allungato. Manifestato da molti sintomi variabili, come: strabismo, disturbi dell'udito, nistagmo, soffocamento, asimmetria facciale, disordinarietà e disturbi dell'andatura, vertigini, monoparete inferiore o superiore, emiparesi, sindrome da ipertensione da liquore. L'unico metodo informativo per diagnosticare le neoplasie del tronco oggi, che consente di determinare la presenza di un tumore, la sua natura e la sua prevalenza, è la risonanza magnetica cerebrale. La possibilità di un trattamento chirurgico esiste solo nel 20% dei casi di tumori del gambo. I restanti pazienti usano la radioterapia e la chemioterapia. La prognosi è scarsa, la maggior parte dei pazienti muore nel primo anno di insorgenza della malattia.

Tumori del gambo cerebrale

Il tumore del tronco cerebrale si verifica prevalentemente durante l'infanzia. I bambini sotto i 15 anni costituiscono circa il 70% dei pazienti operati con questa diagnosi. Il picco di occorrenza si verifica nel 5-6 ° anno di vita. Tra i tumori cerebrali nei bambini, le neoplasie dello stelo occupano il 10-15%, la maggior parte (90%) di essi sono gliomi cerebrali. La localizzazione dei tumori nelle strutture del tronco cerebrale è distribuita come segue: tumori del ponte - 40-60%, tumori del mesencefalo - 15-20%, tumori del midollo allungato - 20-25%. La complessità della diagnosi precoce e del trattamento, l'incidenza nell'infanzia, l'alta mortalità - tutti questi fattori mettono i tumori della radice tra i problemi più urgenti di oncologia, neurologia, pediatria e neurochirurgia.

Meccanismi patogenetici e morfologia

Lo stelo cerebrale svolge molti compiti, il cui risultato generale è quello di integrare il lavoro di tutte le parti del sistema nervoso centrale con le NS periferiche per regolare le funzioni di base del corpo: movimento, respirazione, attività cardiaca, tono vascolare, ecc. Questa interazione è ottenuta attraverso percorsi da cervelletto, corteccia cerebrale e lobi cerebrali attraverso il tronco fino al midollo spinale. Inoltre, i nuclei delle coppie di nervi cranici III-XII si trovano nel tronco cerebrale. L'importanza vitale del tronco dovuto alla presenza in esso dei centri cardiovascolari e respiratori.

La varietà di entrambe le strutture nucleari e conduttive del tronco cerebrale provoca una grande variabilità dei sintomi della sua sconfitta. Tuttavia, a differenza dei tumori cerebellari, un tumore del tronco cerebrale è raramente accompagnato da disordini liquorodinamici con conseguente idrocefalo. Le uniche eccezioni sono le neoplasie del mesencefalo, localizzate vicino all'acquedotto silvano.

Morfologicamente, in circa la metà dei casi, il tumore del tronco cerebrale è un astrocitoma benigno, ma diffusamente diffuso. Dal 15 al 30% delle neoplasie dello stelo sono astrocitomi di natura maligna - glioblastoma e astrocitoma anaplastico. Emangioblastoma, ependimoma, medulloblastoma, ganglioglioma, astroblastoma, metastasi da melanoma, ecc. Sono più raramente osservati.

Classificazione dei tumori del gambo

È generalmente accettata la divisione delle neoplasie del tronco sul principio di localizzazione. In accordo con questo distinguere il tumore primitivo e secondario del gambo cerebrale. Il primo ha origine direttamente nel tessuto staminale, può essere staminale intra-staminale ed esofitico. Il secondo cresce dalle membrane del ventricolo IV e dei tessuti del cervelletto, per poi diffondersi al tronco cerebrale. Si distinguono anche i tumori di Parastvol, che sono classificati in quelli che si intrecciano strettamente con il tronco e deformano il tronco.

Gli specialisti dell'Istituto di Neurochirurgia dell'Accademia Russa delle Scienze Mediche hanno sviluppato una classificazione dei neoplasmi dello stelo in base al tipo di crescita. Produce tumori di tipo nodulare, diffusi e infiltrativi. Le neoplasie nodali crescono in modo espansivo, separate dai tessuti cerebrali da una capsula di processi strettamente intrecciati di cellule tumorali, spesso con una componente cistica. Il tumore diffuso del tronco cerebrale si verifica nell'80% dei casi. I suoi elementi sono sparsi nel tessuto cerebrale in modo tale che i confini del tumore non siano nemmeno determinati al microscopio. Allo stesso tempo, gli elementi del tessuto staminale vengono disintegrati e parzialmente distrutti. Il più raro è il tumore infiltrativo del tronco cerebrale. Macroscopicamente, sembra una formazione con confini ben definiti, per cui ha ricevuto il nome di "tumore pseudonodulare". L'esame microscopico rivela la natura infiltrativa della crescita di una neoplasia con la distruzione del tessuto nervoso adiacente ad essa.

I sintomi del tumore del tronco cerebrale

La presenza nel tronco cerebrale di una varietà di strutture (nuclei di FMN, percorsi, centri nervosi) causa una grande varietà di sintomi della sua sconfitta. Va notato che nei bambini, a causa delle grandi capacità compensatorie del tessuto nervoso, un tumore del tronco cerebrale può avere un decorso lungo inapparente. I sintomi del debutto della malattia dipendono in gran parte dalla posizione della neoplasia della radice e l'ulteriore decorso dipende dal tipo di processo del tumore.

Può verificarsi una paresi centrale del nervo facciale, manifestata dall'asimmetria del viso, nistagmo, strabismo, barcollamento durante la deambulazione, disordinarietà dei movimenti, vertigini, tremori alle mani, perdita dell'udito, difficoltà di deglutizione e soffocamento. In alcuni casi, la debolezza muscolare (paresi) appare nel braccio, nella gamba o nella metà del corpo. Con la progressione del processo tumorale, c'è un aumento di questi sintomi e l'aggiunta di nuove manifestazioni. Nella maggior parte dei casi clinici, i segni di idrocefalo (mal di testa, nausea, vomito) compaiono negli stadi successivi della malattia. La morte dei pazienti si verifica a causa di irregolarità nel lavoro dei centri cardiovascolari e respiratori del tronco cerebrale.

diagnostica

La diagnosi preliminare è stabilita da un neurologo secondo la storia e l'esame neurologico clinico del paziente. Tuttavia, il valore principale nella diagnosi appartiene agli studi di neuroimaging - CT, MSCT e MRI del cervello. Tra questi, il più informativo è la risonanza magnetica, arricchita dall'introduzione di un mezzo di contrasto. La risoluzione della risonanza magnetica può rilevare tumori di piccole dimensioni che non vengono visualizzati durante la TC. La risonanza magnetica offre l'opportunità di suggerire il tipo istologico del tumore, determinare la presenza e l'estensione del componente esofitico del tumore, valutare preliminarmente la natura della crescita della neoplasia e il grado di infiltrazione del tessuto cerebrale. Tutte queste informazioni sono essenziali per valutare la fattibilità e la fattibilità del trattamento chirurgico.

L'analisi dei dati MRI viene eseguita con la determinazione della densità di formazione, la forma di accumulazione del contrasto (uniforme, a forma di anello, irregolare) e altri parametri. Nei tumori diffusi e infiltrativi, i limiti di contrasto spesso non corrispondono alle dimensioni esistenti della neoplasia. È possibile propagare le modifiche nel segnale MP (principalmente nella modalità T2) in aree in cui non vi è alcun accumulo di contrasto. Tali aree possono essere una zona di edema del tessuto cerebrale, una zona della sua infiltrazione o entrambi. Il rilevamento delle metastasi di impianto nelle pareti del sistema ventricolare e negli spazi subaracnoidi spinali durante la risonanza magnetica indica che il tumore appartiene a formazioni neuroectodermiche primitive.

Secondo il neuroimaging, è possibile differenziare un tumore del tronco cerebrale da sclerosi multipla, encefalite da gambo, encefalomielite demielinizzante, ictus ischemico, ematoma intracerebrale, linfoma, ecc.

Trattamento dei tumori del gambo

Secondo l'opinione precedente, qualsiasi tumore del tronco cerebrale sembrava essere una formazione infiltrativa, strutture germinative ampiamente germinative e, quindi, non soggette a rimozione chirurgica. È ormai chiaro che oltre a diffondere diffusamente le neoplasie (che, sfortunatamente, la maggioranza), ci sono dei tumori nodulari delimitati nel tronco, la cui rimozione è del tutto possibile. In questi casi, al fine di decidere se il paziente deve essere trattato con un intervento chirurgico, il neurochirurgo ha bisogno di consultazione. Il principio dominante della rimozione di un tumore del tronco è la massima resezione dei suoi tessuti con un trauma minimo alle strutture cerebrali. A questo proposito, si profilano grandi speranze nello sviluppo delle tecniche di microneurosurgico delle operazioni.

Sfortunatamente, circa l'80% delle neoplasie dello stelo sono inutilizzabili. La chemioterapia e l'esposizione alle radiazioni possono essere applicate a loro, così come alla terapia pre e postoperatoria. La chemioterapia è una combinazione di vari farmaci citostatici. La radioterapia consente un miglioramento sintomatico nel 75% dei pazienti. Tuttavia, già nei primi periodi dopo il trattamento, molti di loro sono stati fatali. Un po 'aumentare l'aspettativa di vita dei bambini con tumori del gambo ha permesso il metodo di radioterapia con un aumento della dose totale di radiazioni. Nel 30% dei bambini, l'aspettativa di vita dopo la radioterapia era di 2 anni.

La radiochirurgia stereotassica è oggi il metodo innovativo di trattamento delle neoplasie dello stelo. È possibile condurre 2 tipi di procedure: lama gamma e coltello cyber. Nel primo caso, un elmetto viene indossato sulla testa del paziente, l'irradiazione viene effettuata da una varietà di fonti in modo che i loro raggi convergano in un punto, corrispondente alla localizzazione del tumore. L'effetto è ottenuto grazie all'effetto cumulativo delle sorgenti di radiazioni, mentre l'irradiazione del tessuto cerebrale sano è minima, poiché ogni raggio porta una piccola energia gamma. La procedura per il trattamento di un tumore con un coltello informatico è più automatizzata. L'apparato robotizzato dirige la radiazione nella zona in cui si trova il tumore, tenendo conto del suo movimento in relazione alla respirazione o ai movimenti del paziente. Tuttavia, mentre questi metodi sono efficaci principalmente contro i tumori benigni con una dimensione fino a 3-3,5 cm.

prospettiva

Le neoplasie benigne del tronco cerebrale, a causa della sua crescita lenta, possono esistere fino a 10-15 anni, più spesso con un decorso subclinico. Ma, sfortunatamente, la maggior parte dei tumori in quest'area è maligna e causa un esito letale entro pochi anni o mesi dall'insorgenza dei sintomi. Il trattamento in questi casi prolunga solo brevemente la vita dei pazienti.

Tumore del tronco cerebrale

Un tumore del tronco cerebrale è un tumore del midollo allungato e del mesencefalo. Questa condizione può manifestare molti sintomi.

La possibilità di un trattamento chirurgico esiste solo nel 20% dei casi con questa diagnosi, la chemioterapia è prescritta ad altri pazienti. I tumori sono secondari, cioè quelli che originariamente si svilupparono in un'altra area, e quindi si diffondono nel tronco. Le metastasi nel cancro di questo tipo sono piuttosto rare. Il tronco è solitamente colpito dal quarto ventricolo e dal cervelletto. Un gruppo separato include formazioni parastili. Questi includono tumori che sono aderenti al tronco, quindi portano alla sua deformazione.

È consuetudine distinguere tre gradi di malignità:

  • Benigna.
  • Border.
  • Alto grado di malignità.

Il primo tipo di istruzione è caratterizzato da una crescita lenta (cresce di circa 10 anni), da quelli maligni crescono più velocemente - da un paio di mesi. Il 50% dei pazienti viene diagnosticato con specie benigne.

Sintomi del tumore

Dalle manifestazioni cerebrali includono:

  • Vertigini e mal di testa. Il dolore è il sintomo principale ed è associato alla pressione della formazione sulle vene, sulle membrane, sui vasi e sui nervi del cervello. Può manifestarsi su tutta la testa o trovarsi nel punto in cui il tumore cresce. Appare improvvisamente ed è raramente permanente. Non sempre si osservano capogiri. Il paziente può iniziare a perdere l'equilibrio, il rumore appare nelle orecchie e si scurisce negli occhi.
  • Nausea e vomito. Compare durante vertigini e dolore alla testa. Oltre a questa persona può iniziare a sentirsi male al mattino o a stomaco vuoto.
  • Posizionamento della testa errato. In modo riflessivo, la testa è tenuta in una posizione in cui i nervi cranici e cervicali sono meno irritati.
  • Disturbi mentali. Questo sintomo può essere osservato con un tumore di qualsiasi localizzazione. Il paziente può avere un cambiamento di coscienza, può apparire irritabilità. Una persona parla poco, diventa apatica, non risponde agli appelli.
  • Possono verificarsi crisi epilettiche.
  • Nel 70% dei pazienti c'è un deterioramento della vista e cambiamenti nel fondo. Questo si manifesta sotto forma di edema e ristagno di dischi, nonché i loro cambiamenti di colore.
  • Sindrome bulbare. La voce del paziente diventa silenziosa, la saliva scorre dalla sua bocca e può soffocare anche con cibo liquido.

Sintomi focali:

  • C'è un disturbo delle funzioni motorie, della coordinazione, della percezione visiva e delle variazioni dell'andatura.
  • Diminuzione dell'udito e della sensibilità.
  • Le mani iniziano a tremare.
  • Disturbi mimici osservati

Una caratteristica di tali tumori è una manifestazione successiva di idrocefalo e pressione intracranica. Formazioni di natura benigna possono non dare alcun sintomo per molto tempo.

Possibili cause

  • Predisposizione genetica. La presenza di tali malattie genetiche come la sindrome di Gorlin, il Turco, la sclerosi tubercolare nel 10% dei casi è associata alla comparsa di OGM.
  • Esposizione a prodotti chimici.
  • Eredità. Se qualcuno dei membri della famiglia ha un tumore al tronco encefalico, aumenta il rischio che il bambino sviluppi il cancro.

Immunità ridotta, cattiva alimentazione ed ecologia, presenza di cattive abitudini - questi fattori aumentano il rischio di sviluppare un tumore. I bambini sotto gli otto anni e le persone in età pensionabile sono a rischio. Le cause esatte del tumore non sono state ancora stabilite, quindi gli esperti non sono in grado di prevenire la malattia.

Fasi della malattia

Ci sono quattro fasi del cancro al cervello:

  • Il primo stadio. La dimensione del tumore non supera i 3 cm e non si diffonde agli organi e ad altri tessuti. Può essere rimosso, ma in questa fase la malattia viene rilevata raramente, perché i sintomi sono lievi.
  • Il secondo stadio. Neoplasie più di 3 cm, non avendo metastasi distanti e regionali.
  • Terzo grado: le differenze tra cellule sane e cancerose sono significative, il tumore cresce e si diffonde ad altre strutture cerebrali.
  • Quest'ultimo è il più pericoloso. È caratterizzato da un rapido deterioramento delle condizioni del paziente.

trattamento

Il cancro al cervello è guarito più efficacemente dalla chirurgia.

  • Rimozione chirurgica Il medico deve affrontare il compito di eliminare il più possibile il tumore e la perdita di tessuti sani dovrebbe essere minima. Per condurre un tale intervento, è necessario aprire il cranio. Nella maggior parte dei casi, l'operazione è vietata. La decisione se eseguirlo è presa sulla base della dimensione, posizione e dati sul tipo di tumore. Con un bisturi, è problematico tagliare il tumore in modo tale da preservare tutto il tessuto non interessato.
  • Radiochirurgia: questo tipo di radioterapia si basa sull'uso di radiazioni mirate con un'alta dose di radiazioni. Tali azioni dovrebbero avere un effetto devastante sulle cellule tumorali. Questa opzione è utilizzata in recidive o metastasi. Se si forma un tipo benigno, lo specialista può consigliare di sostituire l'operazione standard con questa opzione.
  • HIFU-terapia. Questo è un modo per rimuovere un tumore focalizzando gli ultrasuoni. Questa tecnica è simile alla precedente, ma l'ecografia non ha un effetto così dannoso sulla salute del paziente.
  • Congelamento di azoto. Questo è un metodo abbastanza delicato, minimamente invasivo che ti permette di rimuovere il cancro senza danneggiare altri tessuti. In genere, questa opzione viene utilizzata quando si formano piccole dimensioni per rimuovere frammenti e metastasi rimasti dopo l'operazione.

chemioterapia

A poche settimane dall'intervento, può essere utilizzata anche la radioterapia. I suoi tipi standard portano più negativi, quindi di solito ricorrono alla radioterapia, che riduce al minimo gli effetti nocivi delle radiazioni sui tessuti che non sono danneggiati dalla malattia. Per questo, i medici scelgono la dose ottimale. Durante il corso della terapia, i pazienti sottoposti a 10-30 procedure e la quantità totale di radiazioni è pari a 70 Gy.

La chemioterapia viene spesso utilizzata in combinazione con le radiazioni. Per aumentare l'efficienza, vengono prescritti diversi farmaci (carmustina, cisplatino e altri). Prima della terapia, è necessario condurre test per identificare la sensibilità ai farmaci.

Prognosi del tumore al cervello

In generale, con questa condizione, la prognosi è scarsa. Anche dopo il trattamento del complesso operatorio effettuato nelle prime fasi, il tasso di sopravvivenza a cinque anni varia dal 60 all'80% per vari tipi di tumori. Se la chirurgia è impossibile o la malattia è in uno stadio avanzato, allora la probabilità di vivere per 5 anni è del 30%. Nelle persone con un tipo di cancro aggressivo, l'aspettativa di vita è non più di un anno, e talvolta solo di pochi mesi. È interessante notare che un tumore del tronco cerebrale nei bambini mostra una maggiore probabilità di sopravvivenza rispetto agli adulti. Ciò è dovuto alla capacità dell'organismo in crescita di rigenerarsi.