Gonfiore osseo

Il tumore osseo è un termine collettivo che si riferisce a un gruppo di formazioni ossee o cartilaginee maligne e benigne. Parlando di tumori ossei, gli esperti spesso indicano tumori primari. Costituiscono circa l'1% di tutte le oncopatologie maligne di una persona. Più spesso, i tumori ossei vengono diagnosticati nella popolazione maschile a giovani o di mezza età - da 15 a 40 anni. Per quanto riguarda la localizzazione, le ossa tubulari delle estremità e le ossa pelviche sono prevalentemente colpite.

Alcuni scienziati usano la frase "tumore osseo" per riferirsi a tumori secondari, cioè quei tumori che sono sorti a seguito della malignità delle esostosi, condromatosi del tipo deformante e altre patologie ossee benigne. Inoltre, i tumori ossei secondari includono quelli derivanti dalla metastasi di tumori maligni localizzati in altri organi.

Osteosarcoma, condrosarcoma e fibrosarcoma sono i tumori più comunemente diagnosticati che interessano il tessuto osseo. In giovane età, i pazienti sono prevalentemente diagnosticati con il sarcoma di Ewing. La scienza moderna conosce più di 30 tipi di tumori ossei.

Le escrescenze possono essere formate da tessuto osseo o cartilagineo, è possibile rilevare tumori a cellule giganti e tumori del midollo osseo. L'osteoblastoma maligno è di tipo intermedio.

Cause di tumori ossei

Le cause dei tumori ossei di natura maligna non sono ancora chiare.

Gli scienziati suggeriscono che i seguenti fattori sono in grado di provocare lo sviluppo della patologia del cancro osseo:

Lesioni ossee. Nonostante l'assenza di una base di prove del 100%, la maggior parte degli autori concorda sul presupposto che varie lesioni abbiano un ruolo guida nello sviluppo dei tumori primari. È stato dimostrato che oltre il 50% di tutti i pazienti con tumori ossei maligni indica che in precedenza avevano ricevuto lividi di tessuti molli, arti o articolazioni;

Predisposizione genetica. Inoltre, non si dovrebbe rifiutare il fatto di predisposizione ereditaria a questa oncopatologia. Il rischio di sviluppare una malattia nei parenti di sangue è maggiore se ci sono già casi di tumore osseo nella storia familiare;

La malattia di Paget. Un altro motivo, che secondo gli scienziati, può esacerbare il rischio di tumori maligni negli esseri umani è la malattia delle ossa infiammatorie. In particolare, stiamo parlando della malattia di Paget. Le persone con una diagnosi simile hanno una probabilità relativamente alta di sviluppare sarcoma osteogenico in età adulta e in età avanzata;

Metastasi di tumori primitivi e malignità benigna. I tumori ossei secondari si formano a seguito di degenerazione maligna di neoplasie benigne, o diventano il risultato di metastasi di tumori primari da altri organi.

Sintomi di tumori ossei

I principali sintomi dei tumori ossei sono rappresentati dalla classica triade:

Pain. In presenza di una neoplasia maligna sull'osso, una persona ha un dolore progressivo di natura persistente. Tendono ad aumentare di notte. È molto difficile fermare tali dolori con l'aiuto di antidolorifici. Se le sensazioni e si indeboliscono, quindi molto leggermente. È il dolore il primo segno di gonfiore osseo, ad eccezione del sarcoma di Ewing. Con questa patologia appare prima un tumore e i dolori si manifestano un po 'più tardi;

La presenza di crescita tumorale sull'osso interessato. Riesce a sentirlo anche quando il tumore inizia a crescere di dimensioni. Il tumore è spesso rappresentato da un conglomerato denso, indolore e immobile, incline a una crescita rapida e costante. Mentre i tumori ossei di natura benigna crescono molto più lentamente;

Rottura dell'articolazione situata vicino al tumore.

I sintomi di tutti i tumori ossei maligni devono essere considerati separatamente:

Sintomi del sarcoma di Ewing. Caratterizzato da un aumento della temperatura corporea, che si nota fino al 50% dei pazienti. A volte sale ad un livello impressionante di 39 gradi. Il pattern vascolare sulla pelle diventa più pronunciato, quando si prova a sentire l'area interessata, una persona ha dolore. L'arto aumenta di volume. I sintomi più spesso crescono rapidamente, a volte talvolta si nota il corso fulminante della malattia, sebbene non siano esclusi i periodi di remissione e di esacerbazione;

I sintomi dell'osteosarcoma. Le statistiche indicano che questo tumore è il più comune e rappresenta circa il 60% di tutte le neoplasie maligne del tessuto osseo. Manifestato nei dolori progressivi Il più delle volte colpisce le lunghe ossa tubolari sopra e sotto l'articolazione del ginocchio. Caratterizzato da un aumento del pattern vascolare, un aumento locale della temperatura corporea. I muscoli situati sotto il livello del processo patologico sono inclini all'atrofia. I giunti che sono vicini tra loro spesso hanno una mobilità limitata. Per i pazienti con una neoplasia simile, le fratture patologiche sono caratteristiche;

Sintomi di condrosarcoma. Il condrosarcoma, di regola, progredisce lentamente, sviluppandosi per oltre 10 anni o più. I sintomi della malattia sono offuscati. Il più delle volte, è il dolore e l'aspetto di una crescita simile a un tumore localizzata sull'osso. I dolori tendono ad aumentare con l'aumentare dell'intensità. La pelle sopra l'area interessata dell'osso è caratterizzata da una temperatura più alta, le vene safene sono dilatate. Questo tumore viene diagnosticato più spesso negli uomini anziani;

I sintomi del fibrosarcoma. Con il fibrosarcoma, il dolore si intensifica di notte, progredisce lentamente e per lungo tempo, non è così intenso che una persona cerchi un aiuto medico. Più spesso di mezzo anno passa dalla manifestazione di oncopatologia alla prima visita dal medico. Questo periodo per le neoplasie maligne del tessuto osseo è piuttosto lungo. Per quanto riguarda l'escrescenza stessa, spesso provoca un cambiamento nel contorno del giunto situato accanto ad esso. Il fibrosarcoma è sempre immobile rispetto all'osso;

Sintomi di istiocitoma. L'istiocitoma fibroso maligno, che è molto raro, è caratterizzato da un forte dolore e dalla presenza di una neoplasia sottocutanea simile a un tumore, ben posizionata sull'osso.

Le neoplasie maligne secondarie di tessuto osseo o cartilagineo sono più spesso formate sullo sfondo di tumori della ghiandola prostatica, mammaria e tiroidea, così come i reni, i polmoni e l'utero. Caratterizzato dalla suddetta triade di sintomi.

Tumori ossei benigni

Osteomi, osteomi osteoidi, osteoblastomi, osteocondromi e condromi sono riferiti a tumori ossei benigni. Molto spesso, i tumori benigni si sviluppano asintomaticamente e non si manifestano per molto tempo. Se il dolore si verifica, è caratterizzato da bassa intensità (tranne che per l'osteoblastoma).

Diagnosi di tumori ossei

La diagnosi di un tumore osseo inizia quasi sempre con un esame radiografico eseguito in due proiezioni. È anche possibile la nomina di ulteriori procedure, come l'angiografia, la tomografia, la TC.

La scintigrafia ossea è un metodo molto sensibile che rende possibile non solo rilevare il tumore primario, ma fornisce anche informazioni sulla prevalenza del cancro.

Per selezionare un metodo per il trattamento di pazienti con tumori del tessuto osseo maligno, vengono eseguite una biopsia di aspirazione, una biopsia aperta o trepanobiopsia. Questo tipo di ricerca è cruciale in termini di diagnosi.

Trattamento del tumore osseo

Il trattamento dei tumori ossei si basa sulla chirurgia. Se la malattia è stata rilevata in una fase iniziale di sviluppo, viene data preferenza alle operazioni di risparmio di organi. Quando la dimensione della neoplasia è impressionante, viene indicata l'amputazione o l'estrapazione dell'osso. Spesso questo metodo è l'unico modo per salvare la vita di una persona.

Oltre alla chirurgia, ai pazienti viene solitamente somministrata la chemioterapia e la radioterapia. Al momento di decidere sulla scelta di un particolare metodo di trattamento, il medico prende in considerazione la sensibilità del tipo di tumore rilevato a vari tipi di esposizione. Quindi, i tumori della cartilagine possono essere rimossi solo con l'aiuto della chirurgia. Il sarcoma di Ewing risponde bene alle radiazioni e alla chemioterapia e la chirurgia è in questo caso un metodo di trattamento aggiuntivo, che non può essere utilizzato in ogni caso.

Gli interventi chirurgici possono essere radicali e preservanti. Il primo tipo include amputazione ed estarticolazione e la seconda resezione. Tuttavia, in ogni caso, il tumore deve essere rimosso insieme alla guaina muscolo-fasciale e l'arto - attraversato sopra il punto in cui è presente un segmento danneggiato.

Viene elaborato un piano d'azione in base al tipo di tumore osseo:

Trattamento del sarcoma osteogenico. Il tumore viene rimosso prontamente. Se negli anni precedenti hanno usato l'amputazione, ora stanno ricorrendo sempre più alla chirurgia di conservazione degli organi seguita dalla chemioterapia, che viene eseguita prima dell'intervento chirurgico. Il frammento di osso tagliato viene sostituito con un impianto di metallo o plastica. La prognosi è molto spesso favorevole e la sopravvivenza a cinque anni dei pazienti è di circa il 70% (di più: sarcoma osteogenico);

Trattamento del condrosarcoma. L'approccio a questo tipo di tumore è prevalentemente complesso. La chemioterapia viene utilizzata in combinazione con una tecnica radiochirurgica per la rimozione di una neoplasia. La prognosi dopo l'esecuzione di un'operazione radicale è spesso favorevole, l'uso della radioterapia fornisce solo un effetto temporaneo, riduce il dolore e prolunga la vita dei pazienti;

Il trattamento del sarcoma di Ewing comporta la conduzione della chemioterapia multicomponente seguita dalla radioterapia. Se c'è una tale opportunità, allora l'osso stesso e i tessuti molli circostanti dovrebbero essere rimossi. Rifiutano l'intervento radicale solo quando vi sono controindicazioni alla sua attuazione. La radioterapia e la chemioterapia vengono eseguite sia prima che dopo l'intervento chirurgico. Per quanto riguarda la prognosi, il tasso di sopravvivenza a cinque anni non supera il 50% (di più: il sarcoma di Ewing).

Tutti i pazienti che hanno subito un trattamento per tumori ossei maligni sono registrati presso un oncologo. Sono attivamente osservati dal medico durante i primi cinque anni dopo l'intervento chirurgico. Negli anni successivi, è necessario sottoporsi a un esame con l'esame a raggi X 1 volta in 365 giorni.

Autore dell'articolo: Evgeny Bykov | Oncologo, chirurgo

Istruzione: Si è laureato dalla residenza nel "Centro scientifico oncologico russo". N. N. Blokhin "e ha ricevuto un diploma in" Oncologo "

Tumori ossei: osteosarcoma, condrosarcoma, cordoma, metastasi del cancro

Tra tutti i tumori umani, i tumori del tessuto osseo rappresentano solo circa l'1% dei casi, sebbene il "cancro alle ossa" possa essere sentito molto più spesso. Il fatto è che con la rarità della patologia primaria del tumore, il danno osseo metastatico è un fenomeno piuttosto caratteristico nel cancro di vari altri organi. Cercheremo di capire quali tumori provengono dal tessuto osseo reale.

La maggior parte delle neoplasie maligne umane sono rappresentate da tumori, cioè neoplasie epiteliali, mentre i sarcomi (tumori di origine del tessuto connettivo) sono molto meno comuni. La spiegazione di questo fenomeno è semplice: le cellule epiteliali che rivestono la superficie degli organi del tratto gastrointestinale o dell'apparato respiratorio, lo strato superficiale della pelle, ecc. Sono costantemente e intensamente aggiornate, quindi il rischio di mutazione e trasformazione maligna in esse è incommensurabilmente superiore a quello delle cellule muscolari o ossee, che non si dividono in un adulto, ma svolgono le loro funzioni e si rigenerano a spese delle componenti intracellulari.

Nonostante la rarità della patologia tumorale delle ossa, il problema della loro diagnosi precoce rimane piuttosto acuto, poiché la diagnosi tempestiva e la determinazione del tipo di neoplasma determinano ulteriori tattiche e prognosi di trattamento, e la diagnosi ritardata è gravida da interventi chirurgici paralizzanti e molto traumatici.

Il sistema muscolo-scheletrico cresce e si forma nell'infanzia e nell'adolescenza, quando c'è uno sviluppo attivo del tessuto osseo, allungamento delle ossa e aumento della loro massa.

  • È con la crescita attiva e la riproduzione delle cellule in questi periodi di età che è associata la maggiore frequenza di insorgenza di tumori ossei nei bambini e negli adolescenti.
  • In età matura e anziana, ci sono poche possibilità di incontrare tali neoplasie, ma la percentuale di lesioni metastatiche dello scheletro in un'altra oncopatologia è alta tra la popolazione anziana.

Le cause dei tumori ossei non sono state ancora formulate. Non si può affermare che carcinogeni ben noti e già "abituali", come il fumo o le emissioni industriali, causino sarcomi ossei. Il ruolo del trauma non è stato dimostrato, sebbene molti anni dopo le gravi fratture si possa diagnosticare un tumore. Si ritiene che il trauma sofferto contribuisca solo a visite più frequenti dal medico e, di conseguenza, a esami radiografici, quando un tumore può essere rilevato, anche senza dare alcun sintomo.

Gli scienziati hanno identificato alcuni fattori che possono aumentare la probabilità di trasformazione neoplastica nel tessuto osseo, ma la loro presenza non indica necessariamente un alto rischio di oncopatologia. Quindi, le anomalie ereditarie sono le più importanti:

  • Ad esempio, la sindrome di Li-Fraumeni è accompagnata da un'alta incidenza di sviluppo del tumore in generale (carcinoma mammario, tumore cerebrale) e osseo in particolare (osteosarcoma).
  • La malattia di Paget, che colpisce gli anziani, porta ad un aumento della fragilità ossea, che spesso causa fratture, e fino al 15% di questi pazienti sviluppa osteosarcoma.

Le radiazioni possono portare ad un aumento del rischio di tumori ossei, ma la dose di radiazioni deve essere piuttosto elevata. La radiografia di routine o la fluorografia annuale a questo proposito è, ovviamente, sicura, ma la radioterapia per altri tumori, specialmente durante l'infanzia, aumenta significativamente il potenziale carcinogenico delle cellule ossee o della cartilagine. L'accumulo di radionuclidi nelle ossa con una lunga emivita (per esempio, isotopi di stronzio) porta a irradiazione locale cronica a lungo termine, pertanto può anche essere considerato un fattore cancerogeno.

Oltre alle neoplasie maligne, benigne crescono nelle ossa, che non metastatizzano e non danneggiano i tessuti circostanti, ma possono causare un sacco di disagi. Si ritiene che i tumori ossei benigni non siano per lo più soggetti a malignità, ma possono raggiungere dimensioni significative, causare attacchi di dolore ed essere un difetto estetico (ad esempio, osteomi nelle ossa del cranio).

Tipi di tumori ossei maligni

Come notato sopra, i tumori del tessuto osseo sono chiamati sarcomi. La fonte della loro crescita diventa sia il tessuto osseo stesso che la cartilagine, senza i quali è impossibile il normale funzionamento delle ossa, la loro crescita, la rigenerazione e l'unione nelle articolazioni mobili. Il processo tumorale è più incline a ossa tubolari lunghe (spalla, femore, tibiale) rispetto alle costole, alla colonna vertebrale o al bacino.

La maggior parte dei tumori ossei maligni sono soggetti a rapida crescita e metastasi precoci e il loro aspetto spesso diventa una sorpresa improvvisa e spiacevole, perché nulla prefigura problemi. Tra i pazienti ci sono soprattutto bambini, adolescenti e giovani sotto i 30 anni, gli uomini si ammalano più spesso delle donne.

A seconda delle caratteristiche morfologiche e cliniche, ci sono:

tipi di tumori ossei e loro distribuzione per età

  1. Tumori che formano l'osso (osteoma benigno, osteosarcoma maligno, osteoblastoma).
  2. Formazione di cartilagine (condroma e condrosarcoma).
  3. Tumori del midollo osseo (sarcoma di Ewing, mieloma).
  4. Tumore a cellule giganti.

Oltre a queste varietà, i tumori ossei possono essere di origine vascolare (emangiomi, emangiosarcomi), nonché fibrosarcomi, liposarcomi e neuromi (dal tessuto connettivo, adiposo e nervoso).

Determinare la fonte di crescita e le caratteristiche istologiche di un tumore osseo rende possibile prevedere il suo decorso clinico e la risposta a vari tipi di trattamento, quindi la scelta di un metodo di trattamento specifico, dose di radiazioni o nome di un farmaco chemioterapico è possibile solo dopo un'accurata diagnosi morfologica.

Osteosarcoma (sarcoma osteogenico)

Tra tutti i tumori ossei, il sarcoma osteogenico (osteosarcoma) determina la frequenza di insorgenza, a cui si verifica la trasformazione del tessuto connettivo nell'osso tumorale. È possibile trasformare in un tumore attraverso lo stadio della cartilagine, come accadrebbe con la normale crescita ossea.

Gli uomini ottengono l'osteosarcoma 2 volte più spesso delle donne e l'incidenza massima cade nella seconda decade di vita, dopo il periodo dell'adolescenza, accompagnata da un intenso allungamento delle ossa. Nei giovani sotto i 20 anni, la metafisi delle lunghe ossa tubulari diventa la più vulnerabile - la zona situata tra la diafisi (parte centrale) e la parte periferica dell'osso, coperta di cartilagine e rivolta verso l'articolazione, che assicura la crescita delle ossa in lunghezza.

Nelle persone anziane, il sarcoma osteogenico può svilupparsi a seguito di osteomielite cronica a lungo termine, come complicanza della malattia di Paget.

La localizzazione preferita del sarcoma osteogenico sono le ossa degli arti inferiori, che sono colpite molte volte più spesso di quelle superiori. La crescita del tumore nel femore è stata osservata in circa la metà di tutti i casi di osteosarcoma, la neoplasia si trova vicino all'articolazione del ginocchio, ma la rotula è interessata solo raramente. Il secondo posto in frequenza è occupato da una lesione della tibia, anche dal lato dell'articolazione del ginocchio. Nei bambini è possibile un danno alle ossa del cranio, che è considerato piuttosto raro negli adulti.

L'osteosarcoma è estremamente aggressivo, cresce rapidamente, danneggia i tessuti molli e metastatizza molto presto attraverso i vasi sanguigni (via ematogena), colpendo i polmoni, il fegato, il cervello e altri organi interni.

Video: l'osteosarcoma è il tumore osseo più comune.

condrosarcoma

Il secondo più comune dopo l'osteosarcoma è il condrosarcoma. Questo tumore è caratterizzato dalla formazione di tessuto cartilagineo alterato patologicamente, ma l'osteogenesi (formazione ossea) è del tutto assente. La malattia progredisce lentamente, le metastasi compaiono piuttosto tardi, e tra i pazienti predominano le persone di età matura. Una caratteristica è la sconfitta delle ossa del bacino e delle estremità, ma il tumore non aggira il lato della costola, il cranio e persino la cartilagine della laringe o della trachea.

Il condrosarcoma, che si sviluppa su ossa non modificate, è chiamato il primario, e il processo tumorale che è sorto dopo le lesioni traumatiche, in presenza di cambiamenti benigni o neoplasie, è secondario. I condrosarcomi secondari sono diagnosticati più spesso nei giovani e la loro prognosi è più favorevole.

Il sarcoma di Ewing

Il sarcoma di Ewing. Le zone più frequentemente interessate sono evidenziate in rosso.

Il sarcoma di Ewing è il terzo più comune. La malattia colpisce principalmente bambini, adolescenti e giovani sotto i 30 anni. Il tumore colpisce le lunghe ossa tubolari delle braccia e delle gambe, la regione pelvica (in particolare le ossa iliache), aumenta rapidamente di volume, invade i tessuti circostanti, metastasi abbastanza presto per gli organi interni (polmoni, fegato, cervello) e linfonodi.

A differenza dell'osteosarcoma, che seleziona la metafisi ossea per la sua crescita, il sarcoma di Ewing si trova più spesso nella diafisi (parte centrale), così come nelle ossa piatte (scapole, ileale) e nelle vertebre. Riempendo il canale del midollo osseo, va rapidamente oltre la localizzazione iniziale verso la periferia.

Tumore gigante delle ossa

In circa il 10% dei casi, il tumore a cellule giganti dell'osso è maligno, è rilevato nei giovani nelle ossa delle braccia e delle gambe, nella zona dell'articolazione del ginocchio. Le metastasi in questo tipo di tumore si verificano raramente, ma la recidiva dopo il trattamento è frequente. Possono esserci diverse ricadute di questo genere, e ogni successivo è accompagnato da danni a un volume crescente di tessuto.

istologia del tumore a cellule giganti

cordoma

Il cordoma è un tumore piuttosto raro che cresce dai resti del tessuto della cartilagine embrionale (corda). Si trova nelle ossa della base del cranio, colonna vertebrale. Non è incline a metastatizzare, ma le ricadute dopo la rimozione non radicale sono frequenti. Con un decorso benigno relativo, il cordoma è pericoloso a causa della possibilità di danneggiare i centri nervosi vitali e le navi, localizzandosi nella base del cervello. Inoltre, la sua posizione spesso rende difficile l'uso chirurgico o radioterapico, e quindi le conseguenze possono essere molto pericolose.

Fibrosarcoma, istiocitoma fibroso

Alcuni tumori dei tessuti molli possono crescere nell'osso, ad esempio fibrosarcoma o istiocitoma fibroso maligno (per ulteriori informazioni sui tumori combinati, principalmente nei sarcomi). Iniziando la loro crescita nel muscolo, nel tessuto adiposo o connettivo, nei legamenti o nei tendini, queste neoplasie invadono le ossa degli arti inferiori o superiori e talvolta le mascelle. Gli anziani prevalgono tra i pazienti, a differenza delle neoplasie primarie.

Anche i tumori ematopoietici e linfoidi come leucemia, mieloma, linfoma possono essere localizzati all'interno delle ossa. Poiché provengono da elementi del midollo osseo, che non sono tessuto osseo, vengono indirizzati al gruppo di emoblastosi (tumori del sistema sanguigno), sebbene il danno alle ossa spesso accompagni queste malattie.

Cancro alle ossa - Metastasi

Le metastasi dei tumori epiteliali (tumori) degli organi interni si trovano spesso nelle ossa. Questi tumori sono secondari, appaiono lì quando le cellule del sangue si diffondono nelle cellule del sangue. Le metastasi ossee nel carcinoma della prostata vengono rilevate quando le forme della malattia vengono trascurate e le ossa del bacino e della colonna vertebrale lombosacrale hanno maggiori probabilità di diventare bersagli per loro.

lesione metastatica ossea

La metastasi del cancro del rene nell'osso è diagnosticata in circa il 40% dei pazienti, questa è la causa più comune di dolore severo. Le lesioni più suscettibili alle metastasi sono le ossa del bacino, della colonna vertebrale, delle costole, dell'anca e della spalla, alcuni tipi di cancro del rene possono causare la distruzione del tessuto osseo nell'area della loro posizione, quindi i pazienti sono soggetti a frequenti fratture. Crescendo nelle vertebre, i noduli tumorali metastatici possono spremere le radici del midollo spinale, portando alla perdita di sensibilità e alla funzione motoria delle estremità, interruzione del lavoro degli organi pelvici (minzione, defecazione).

Il cancro del polmone è spesso accompagnato da metastasi alle ossa - la colonna vertebrale, le costole, le spalle e il femore, ecc. vertebre. Un segno caratteristico del danno osseo nel carcinoma polmonare può essere considerato un aumento del livello di calcio nel sangue a causa della distruzione del tessuto osseo.

Per un oncologo, è importante determinare lo stadio della malattia oncologica, tenendo conto delle dimensioni della lesione, dell'uscita del tumore oltre la localizzazione primaria, del grado di danneggiamento dei tessuti circostanti, della presenza di metastasi. Il tipo istologico viene determinato dopo aver prelevato un frammento del tumore per l'esame morfologico. Le fasi iniziali del tumore sono caratterizzate da una crescita limitata della neoplasia, dall'assenza di metastasi e dai sintomi generali del tumore. Le prime tre fasi della malattia corrispondono a tumori senza metastasi e il grado di malignità (differenziazione) può essere diverso. Allo stadio 3, la comparsa di diversi punti focali di crescita del tumore in un osso è caratteristica, e nella fase 4 della malattia i pazienti presentano metastasi del sarcoma negli organi interni o nei linfonodi, che riflettono l'incuria del processo.

Video: principi di metastasi del cancro (incluso nell'osso)

Manifestazioni di tumori ossei

Le manifestazioni di tumori ossei non sono molto diverse. Non ci sono sintomi specifici della presenza di una neoplasia nelle fasi iniziali e l'aspetto del dolore, specialmente nei pazienti anziani, è spesso attribuito a cambiamenti correlati all'età. Le persone che hanno subito lesioni dovrebbero prestare particolare attenzione, poiché gli effetti delle fratture potrebbero mascherare la crescita del tumore per un po 'di tempo.

I sintomi più caratteristici dei tumori ossei maligni:

  • Pain.
  • La comparsa di gonfiore, tensione.
  • Mobilità ristretta, zoppia con danno all'osso della gamba, fratture.
  • Segni generali del processo oncologico.

La manifestazione più caratteristica di un tumore è il dolore, che diventa costante, particolarmente preoccupante di notte, dolorante o palpitante, proveniente dalle profondità dei tessuti. Prendendo analgesici non porta il risultato desiderato, e gli attacchi diventano solo più intensi. Esercizio fisico, camminare con la sconfitta del femore, tibia grande o piccola portare ad un aumento del dolore, mobilità limitata nelle articolazioni e la comparsa di zoppia. Aumento dello stress sulle ossa delle estremità, la colonna vertebrale contribuisce all'emergenza delle cosiddette fratture patologiche nella zona di crescita delle neoplasie.

All'aumentare del volume del tessuto tumorale, appare gonfiore, un aumento delle dimensioni dell'osso interessato e deformità. I sarcomi delle ossa tendono a crescere rapidamente, quindi il gonfiore può essere rilevato entro poche settimane dall'inizio della malattia. In alcuni casi, è possibile sondare il tumore stesso.

Con la progressione del processo oncologico, ci sono segni di intossicazione da tumore sotto forma di debolezza, prestazioni ridotte, perdita di peso, febbre. In alcuni tipi di tumori sono anche possibili reazioni locali sotto forma di arrossamento e aumento della temperatura cutanea (sarcoma di Ewing).

I sarcomi delle ossa possono portare alla compressione dei tronchi nervosi e dei vasi più grandi, determinando un pronunciato pattern vascolare venoso, gonfiore dei tessuti molli e dolore severo lungo i nervi interessati. La compressione delle radici del midollo spinale è irta di perdita di sensibilità, paresi e persino paralisi dei singoli gruppi muscolari.

La sconfitta del sarcoma delle ossa del cranio è un pericoloso danno alle strutture cerebrali e la localizzazione dei tumori nella regione temporale può portare alla perdita dell'udito. Molto spesso, tumori maligni nella regione della testa mostrano sarcoma osteogenico e sarcoma di Ewing. Se le mascelle sono colpite, la loro mobilità è compromessa, pertanto l'assunzione di parole e cibo può essere difficile.

diagnostica

Dopo un esame da parte di uno specialista, una spiegazione dettagliata della natura dei reclami e l'ora del loro aspetto, il paziente viene sempre inviato per un ulteriore esame. Il metodo principale e più accessibile per rilevare un tumore è la radiografia. L'esame radiologico deve essere sottoposto a tutto l'osso e le immagini prodotte in diverse proiezioni.

I segni diagnostici tipici di un tumore saranno:

  1. La presenza di distruzione ossea;
  2. La reazione dal periostio, che pende sul tumore sotto forma di visiera;
  3. La germinazione della neoplasia nei tessuti molli, nei siti di calcificazione.

Oltre alla radiografia, utilizzare altri metodi diagnostici:

  • Tomografia computerizzata (anche con contrasto);
  • risonanza magnetica;
  • ultrasuoni;
  • Scansione ossea radioisotopica;
  • Biopsia di frammenti tumorali.

Un approccio integrato allo studio dell'area interessata del corpo consente di determinare il rapporto anatomico del tumore con i tessuti circostanti, le sue dimensioni, lo stadio della malattia. Per escludere la metastasi dagli organi interni, devono essere eseguite radiografie dei polmoni (la localizzazione più frequente delle metastasi) e un'ecografia degli organi addominali.

Per determinare il tipo di neoplasma, il grado della sua differenziazione, è necessario condurre uno studio morfologico. Una biopsia (prendendo un frammento di un tumore) può essere eseguita con un ago spesso o con un metodo aperto durante l'intervento chirurgico quando il tumore viene rimosso. Se necessario, una biopsia viene eseguita sotto controllo ecografico o radiografico.

Video: lezione sulla diagnosi e terapia dell'oncologia ossea

Trattamento del sarcoma dell'osso

I principali metodi di trattamento delle neoplasie maligne delle ossa sono la rimozione chirurgica del tumore, delle radiazioni e della chemioterapia. Gli approcci alla scelta di un particolare metodo o della loro combinazione dipendono dal tipo, dalla localizzazione della neoplasia, dalle condizioni generali e dall'età del paziente. L'uso della moderna chemioterapia, chemioterapia neoadiuvante e adiuvante ha ridotto il numero di interventi chirurgici mutilanti con l'amputazione degli arti e, quindi, aumenta l'efficacia del trattamento nel suo complesso.

La rimozione chirurgica del tumore è il modo principale e più efficace per combattere la malattia. La neoplasia deve essere completamente rimossa all'interno del tessuto sano. Per le dimensioni dei tumori di grandi dimensioni e un elevato rischio di metastasi, la chemioterapia o radioterapia neoadiuvante può essere eseguita prima dell'intervento chirurgico.

In caso di danni significativi alle ossa degli arti, potrebbe essere necessario amputare, anche se negli ultimi anni tali operazioni stanno diventando sempre meno. Dopo il trattamento, i pazienti hanno bisogno di protesi o di chirurgia plastica per sostituire i difetti del sistema muscolo-scheletrico.

Nei sarcomi delle ossa degli arti (femore, tibiale, tacco), la questione della possibilità di operazioni di conservazione degli organi è particolarmente acuta, pertanto, la diagnosi precoce della malattia è importante, quando il tumore non ha ancora germinato i tessuti molli e non ha attivamente metastatizzato.

Nel periodo postoperatorio, quando la probabilità di recidiva o di metastasi è elevata, vengono condotti ulteriori cicli di chemioterapia (chemioterapia adiuvante).

Nelle fasi avanzate della crescita del tumore, quando i muscoli, i vasi grandi ei nervi sono colpiti, ci sono segni di infezione del tessuto tumorale, sono iniziate metastasi attive e le operazioni di conservazione degli organi sono pericolose e quindi controindicate. In tali casi, i medici sono costretti a ricorrere alla rimozione totale dell'area interessata del sistema scheletrico in parallelo con la chemioterapia e l'esposizione alle radiazioni. Se un paziente ha metastasi polmonari singole, può anche essere trattato chirurgicamente.

La radioterapia non è usata tanto spesso quanto con altri tipi di tumori, ma con alcuni sarcomi (il sarcoma di Ewing, per esempio), questo metodo è abbastanza efficace ed è ampiamente usato. L'irradiazione può essere eseguita sia prima che dopo il trattamento chirurgico, e nei casi più gravi, quando l'operazione non può più essere eseguita, l'esposizione alle radiazioni viene utilizzata come cure palliative, progettata per alleviare i sintomi dolorosi del tumore.

La chemioterapia è abbastanza efficace con la maggior parte dei sarcomi ossei. In parte grazie a questo metodo e alla sua corretta combinazione con altri metodi per trattare un tumore, è diventato possibile mantenere l'arto del paziente. Lo scopo della chemioterapia prima dell'intervento è necessario per ridurre le dimensioni della neoplasia e nel periodo postoperatorio la chemioterapia aiuta ad evitare il ripetersi della malattia e la crescita di metastasi microscopiche.

Poiché la chemioterapia e le radiazioni hanno un effetto negativo sul sistema riproduttivo, e tra i pazienti ci sono molti bambini e adolescenti, se necessario, questo tipo di trattamento per pazienti di sesso maschile, i medici possono offrire di utilizzare i servizi della banca del seme.

Il sarcoma delle ossa è una diagnosi seria, per cui vale la pena ricordare che l'auto-trattamento e l'uso di rimedi popolari sono pieni di complicazioni e di progressione della malattia a causa della perdita di un tempo così prezioso per i malati di cancro. Nessun decotto, lozione o macinatura può invertire la crescita del tumore, quindi, non importa quanto sia stato trattato l'oncologo, è ancora meglio subirlo.

Per evitare la ricrescita del tumore, dopo il trattamento, tutti i pazienti devono essere sotto la supervisione di un oncologo, sottoporsi regolarmente a esami preventivi e prestare attenzione in modo indipendente alla comparsa di sintomi allarmanti. I primi due anni dopo la rimozione del tumore, è necessario visitare il medico una volta ogni tre mesi, il terzo anno - ogni 4 mesi, poi ogni sei mesi e dopo cinque anni - ogni anno. Se durante questi periodi di tempo ci sono segni di un ritorno della malattia, peggiora lo stato generale di salute, quindi un urgente bisogno di consultare un medico, non in attesa del prossimo esame di routine.

La prognosi per i sarcomi ossei è grave. Anche se non ci sono metastasi, vale la pena ricordare l'alta frequenza di recidive di molti tumori ossei, e ogni ritorno della malattia è più grave del precedente e colpisce una quantità crescente di tessuto.

Senza guardare l'alta malignità di molti sarcomi ossei, il loro percorso aggressivo e la rapida crescita, un trattamento tempestivo e completo possono ottenere buoni risultati. Quindi, quando viene rilevato un tumore allo stadio I-II, il tasso di sopravvivenza a 5 anni raggiunge l'80%. Se il tumore è sensibile alla chemioterapia, quindi dopo la sua rimozione, l'80-90% dei pazienti vive per cinque o più anni. Con una visita tardiva al medico, la presenza di metastasi, la massiccia germinazione dei tessuti molli da parte del tumore, la prognosi diventa molto peggiore e il tasso di sopravvivenza supera a malapena il 40%.

L'aspettativa di vita dopo il trattamento del sarcoma osseo dipende non solo dallo stadio della malattia e dalla tempestività della terapia, ma anche dallo stile di vita del paziente. È importante eliminare gli effetti nocivi del fumo, seguire una dieta razionale, condurre uno stile di vita attivo. La probabilità di vivere per più di un anno dopo l'intervento chirurgico è aumentata nei pazienti che sono responsabilmente e attentamente curano la loro salute, e anche aiutare il medico in questo, arrivando alla clinica in modo tempestivo.

Video: chirurgia e trattamento moderno dei tumori ossei

L'autore dell'articolo: oncologo, istologista N.I.

Tumori ossei: tipi, descrizione, prognosi

Tumori ossei

I tumori del tessuto osseo si sviluppano quando inizia la divisione incontrollata nelle cellule del midollo osseo. Possono essere invariati e patologici.

La diagnosi differenziale dipende da fattori quali:

  • morfologia della lesione ossea, che è determinata dalla solita radiografia;
  • struttura e limiti del tumore (ben o mal definiti);
  • esame istologico di laboratorio del tessuto tumorale, che consente di identificare le caratteristiche della nuova formazione;
  • l'istituzione di un tipo di educazione più accurato, a seconda della specificità del tumore e dei risultati dei dati precedenti.

Tipi e classificazione dei tumori ossei

Esistono questi principali tipi di massa tumorale del tessuto osseo:

La caratteristica principale è la chiara localizzazione. Tali formazioni sono più comuni nelle persone sotto i 30 anni di età, così come nei bambini. Sono influenzati dagli ormoni della crescita. Pertanto, molti tra i tumori di questo tipo cessano di crescere fino a quando il paziente raggiunge la maggiore età. Alcune escrescenze benigne possono essere localmente aggressive e danneggiare il paziente.

Tali formazioni sono soggette a metastasi e grave distruzione dei tessuti circostanti. Esistono tali tipi di tumore osseo:

  1. Carcinoma primario, che si verifica inizialmente in qualsiasi punto dell'osso o del tessuto cartilagineo.
  2. L'istruzione secondaria implica l'osso come luogo remoto per l'invasione di un altro tipo di tumore maligno.

Tumori ossei benigni

Rappresenta il 35-40% di tutte le formazioni benigne. È costituito da ossa e cartilagine. Principalmente si sviluppa negli adolescenti. Localizzato nelle estremità in crescita attiva delle ossa lunghe (coscia, tibia, osso superiore della spalla).

Si verifica nelle ossa tubolari delle braccia e delle gambe, può essere sia singola che multipla.

Specie rara, che di solito si verifica nell'epifisi delle ossa lunghe (fianchi, spalle, ginocchia). L'educazione è accompagnata da dolori articolari e atrofia muscolare. Il trattamento prevede di raschiare la placca ossea.

Lesione progressiva localmente dirompente che si trova nelle vertebre. La biopsia è necessaria per eliminare la malignità.

Il fibroma è più comune nei bambini e negli adolescenti.

Questa è una mutazione genetica che rende la struttura fibrosa dell'osso vulnerabile alla distruzione.

Cisti ossea aneurismatica:

Anomalia delle navi, a partire dal cervello inerte. La malattia è pericolosa perché influenza la crescita della piastra.

Si alza nel midollo osseo. Ugualmente colpisce bambini e adulti.

Osteoclastoma (tumore a cellule giganti):

Formazioni abbastanza aggressive che si verificano negli adulti nelle estremità arrotondate dell'osso e non nella piastra di crescita. Molto raro

Tumori ossei maligni

Il mieloma multiplo (mieloma) è una formazione oncologica del midollo osseo che si sviluppa all'interno dell'osso. L'emergenza e la progressione dell'istruzione sono generalmente multi-centro. Gli studi di imaging mostrano danni limitati o demineralizzazione diffusa. Raramente, un tumore può apparire come osteopenia sclerotica o diffusa nel corpo vertebrale.

Una delle più comuni formazioni tumorali primarie nei bambini di età compresa tra 15-19 anni. L'osteosarcoma produce un osteoide maligno da un tumore osseo. Si verifica nella metafisi delle ossa lunghe. Localizzazione frequente è osservata intorno al ginocchio (75%) o all'omero prossimale. Incline a metastasi ai polmoni

Ha caratteristiche simili con l'osteosarcoma, ma si verifica nei tessuti fibrosi delle cellule tumorali.

Istiocitoma fibroso maligno:

Differisce dalle caratteristiche istologiche. Di norma, l'istiocitoma si verifica nei bambini e negli adolescenti, ma può anche verificarsi negli anziani come una lesione secondaria.

È una formazione cartilaginea oncologica. Nel 90% dei casi, i tumori primari si verificano in presenza di una crescita benigna. Si sviluppa spesso in tessuti piatti (ad esempio, pelvi, scapole), ma può anche essere impiantato nei tessuti molli circostanti. Il condrosarcoma colpisce più adulti.

Sarcoma dell'osso di Ewing:

Tumore neuroectodermico del tessuto osseo derivante da cellule staminali mesenchimali. Colpisce i giovani sotto i 25 anni. Ha una tendenza alla vastità. Di regola rappresenta masse e gonfiore delle ossa lunghe delle braccia e delle gambe, del bacino, del torace, nonché del cranio e delle ossa piatte del corpo.

Un tumore consiste di piccole cellule rotonde, spesso con una miscela di linfoblasti e linfociti. Gli studi di imaging mostrano la distruzione del tessuto osseo a chiazze o penetrazione. Nelle fasi successive, il tumore può sostituire completamente l'osso.

Tumore maligno di cellule giganti:

Di regola, si trova alla fine di un osso lungo. Si sviluppa prevalentemente da formazioni precedentemente benigne.

Il cordoma si presenta estremamente raramente, si sviluppa dai resti di un accordo primitivo. Tende a formare alla fine della colonna vertebrale, di solito nel mezzo del sacro o vicino alla base del cranio.

Sarcoma mandrino cellulare:

Questo è un gruppo misto di tumori ossei maligni, che comprende fibrosarcoma, istiocitoma fibroso maligno, leiomiosarcoma e sarcoma indifferenziato.

Tattiche di trattamento

I metodi terapeutici dipendono dal tipo, dalla dimensione del tumore, dalla posizione e dall'avanzamento del processo maligno. Le opzioni di trattamento sono:

  1. La chirurgia è il modo più appropriato per trattare un tumore osseo maligno e l'unico metodo possibile per il trattamento delle lesioni benigne. Lo specialista rimuove il tumore e parte dell'area sana attorno alla lesione.
  2. Chemioterapia - prevede l'uso di farmaci antitumorali per distruggere le cellule anormali. Attualmente, il metodo non si applica al condrosarcoma.
  3. Il trattamento con radiazioni: integra principalmente il trattamento chirurgico o è il principale metodo terapeutico per i pazienti che non sono in grado o rifiutano di utilizzare la resezione.
  4. La criochirurgia è una tecnica moderna, in alcuni casi che consente di sostituire la chirurgia convenzionale.

Previsione del tumore osseo

La sopravvivenza dipende dalle caratteristiche dell'educazione. Il risultato del trattamento delle formazioni benigne è positivo. La prognosi dei tumori maligni si basa sulla classe, sullo stadio della diffusione del processo e sul trattamento applicato:

  1. Nelle fasi iniziali della malattia, il trattamento ha successo. Quasi 60 persone su 100 vivranno per almeno 5 anni dopo aver confermato la diagnosi.
  2. Il trattamento con terapia adiuvante aumenta la sopravvivenza dal 20% al 65%.
  3. Con una necrosi completa del tessuto anormale, una prognosi a 5 anni indica un tasso di sopravvivenza del 90%.
  4. Nel cancro metastatico, la sopravvivenza diminuisce al 25%.

I tumori ossei sono tumori abbastanza comuni. Tuttavia, la diagnosi tempestiva e il trattamento innovativo del cancro alle ossa contribuiscono alla distruzione delle masse accumulate e ad un risultato positivo nel suo complesso.

Tumori ossei benigni e maligni: sintomi

Tra le malattie rilevabili piuttosto rare del sistema muscolo-scheletrico in medicina vi sono i tumori. Questo è un termine collettivo che denota in medicina un intero gruppo di neoplasie che interessano l'osso e il tessuto cartilagineo.

definizione

I tumori ossei includono la degenerazione maligna o benigna delle cellule normali in quelle atipiche.

Le neoplasie possono essere primarie, cioè in questo tipo di patologia, un processo atipico inizia con le cellule dell'osso o della cartilagine stessa. I tumori secondari sono il risultato di metastasi delle cellule tumorali dall'obiettivo principale, possono essere il cancro alla prostata, le ghiandole mammarie e altri organi interni.

I processi atipici primari nelle ossa sono più comuni nelle persone di età inferiore ai 30 anni. I tumori secondari sono rilevati principalmente nelle persone di età.

Classificazione dei tumori dell'osso e dei tessuti molli

I tumori ossei non sono completamente studiati e studiati e pertanto vengono spesso utilizzate diverse qualifiche di questa malattia.

È consuetudine dividere nuove crescite di ossa e un certo numero di tessuti molli con loro in benigni e maligni.

A seconda della loro forma, viene selezionato il trattamento più efficace e sicuro per il paziente.

benigno

  • L'osteoma in medicina è considerato uno dei tipi più favorevoli di cambiamenti ossei. Questa neoplasia cresce lentamente e quasi mai subisce una rinascita nel processo del cancro. L'età principale dei pazienti è di 5-25 anni. Gli osteomi sono solitamente localizzati sui lati esterni delle ossa e colpiscono le ossa del cranio, del seno, della tibia e delle ossa della spalla. Con una posizione rara sulla superficie interna delle ossa appartenenti al cranio, il tumore può portare alla compressione del cervello e questo minaccia di sviluppare convulsioni convulsive, emicranie, disturbi dell'attenzione e della memoria.
  • L'osteoma osteoide è un sottotipo del primo tipo di tumore. È caratterizzato da dimensioni minime, limiti chiari e dolore nella maggior parte dei casi. Le posizioni degli osteomi osteoidi sono ossa tubolari delle gambe, omero, ossa pelviche, falangi sulle dita e sul polso.
  • L'osteoblastoma nella sua struttura è simile all'osteoma osteoide, ma ha un ordine di grandezza maggiore. Formata nelle ossa della colonna vertebrale, del bacino, delle ossa tibiali e femorali. Man mano che cresce, il dolore aumenta. Con la localizzazione superficiale, si notano arrossamenti e gonfiori dei tessuti e, a lungo termine, in assenza della terapia necessaria, si verifica un'atrofia.
  • L'osteostenoma o l'esostosi osteocondrale interessa il tessuto cartilagineo presente nelle ossa tubolari lunghe. La struttura di questo tumore è la base dell'osso, che è coperta da tessuto cartilagineo dall'alto. Gli osteocondromi nella loro sede in quasi il 30% dei casi scelgono l'articolazione del ginocchio, meno spesso crescono nella colonna vertebrale, l'omero, nella testa del perone. Quando si trova vicino a una delle articolazioni del corpo, l'esostosi può essere la causa principale della compromissione della funzione degli arti. Una persona può avere diversi osteocondromi e quindi c'è il rischio di formazione di condrosarcoma.
  • Il condroma cresce dalla cartilagine. I luoghi principali di localizzazione sono le ossa delle mani, i piedi, meno spesso le ossa e le costole tubolari. Malignità con condroma è rilevata nell'8% dei casi, la formazione di questo tumore inizialmente procede quasi senza sintomi evidenti.
  • I tumori a cellule giganti iniziano a formarsi nei segmenti finali delle ossa e nel processo di aumento delle dimensioni spesso crescono nei muscoli e nei tessuti molli circostanti. Questo tipo di neoplasma viene diagnosticato principalmente tra i 20 ei 30 anni.

maligno

  • Osteosarcoma o sarcoma osteogenico è diagnosticato nelle persone, di solito tra i 10 ei 30 anni, e ci sono più uomini tra i malati. Il tumore è soggetto a rapida crescita, la sua principale localizzazione è la metaepifisi correlata alle ossa degli arti inferiori. In quasi la metà dei casi, l'osteosarcoma colpisce il femore, seguito da tibia, pelvi, ileo e omero.
  • Il condrosarcoma si sviluppa dalla cartilagine. Questo tumore si verifica negli uomini più anziani. Localizzazione di condrosarcoma - costole, ossa pelviche, cingolo scapolare, ossa delle gambe. Il tumore cresce piuttosto lentamente, quando localizzato nelle manifestazioni della colonna vertebrale spesso assomiglia all'osteocondrosi.
  • Il sarcoma di Ewing colpisce le parti distali delle lunghe ossa tubolari delle gambe, meno spesso localizzate nelle costole, nel cingolo scapolare, nelle ossa della colonna vertebrale e nell'ileo. Questo tipo di tumore è più spesso rilevato negli adolescenti, e ci sono più ragazzi tra loro. Il sarcoma di Ewing di sviluppo è aggressivo, con la rilevazione di questa neoplasia solitamente vengono immediatamente diagnosticate le metastasi. Inizialmente, la malattia è preoccupata per il dolore oscuro, aggravato di notte. Man mano che il sarcoma cresce, la sindrome del dolore interferisce con la vita ordinaria e i movimenti abituali, e alla fine dello stadio si verificano fratture al minimo danno.
  • Il sarcoma a cellule reticolari può procedere direttamente dall'osso stesso o apparire come risultato di metastasi di cellule tumorali di un altro organo. Tale neoplasma si manifesta con dolore e gonfiore, con la crescita del tumore, aumenta il rischio di fratture.

Oltre ai tumori maligni primitivi, essi secernono anche tumori metastatici. La loro crescita è dovuta alla penetrazione delle cellule da altri focolai alterati dal cancro.

Molto spesso, le ossa sono affette da cancro in presenza di un processo maligno nel seno umano, nel tessuto polmonare, negli uomini, nella prostata, nella ghiandola tiroidea e nei reni. A volte le metastasi nelle ossa vengono rilevate prima che la lesione primaria stessa sia un processo di cancro.

Manifestazioni cliniche nei bambini

I bambini possono avere sia tumori maligni che benigni che colpiscono il sistema osseo e il tessuto cartilagineo.

Tra i tumori maligni, i tumori primari predominano sui tumori secondari. Nella seconda decade di vita, la proporzione di lesioni ossee cancerose è del 3,2% di tutte le patologie maligne. Il sarcoma di Ewing più comunemente diagnosticato e l'osteosarcoma.

La propensione alle lesioni ossee maligne è più alta nei maschi e principalmente nell'adolescenza.

L'osteosarcoma nei bambini colpisce le lunghe ossa tubolari e le ossa che formano l'articolazione del ginocchio. Meno comunemente, un tumore si trova nelle ossa pelviche, nella clavicola, nella colonna vertebrale, nella mascella inferiore. Di solito, questo tumore inizia a formarsi durante il riarrangiamento ormonale (questo intervallo va dai 12 ai 16 anni) e colpisce i segmenti della crescita più intensa delle ossa dello scheletro.

Il sarcoma di Ewing nei bambini viene rilevato nelle ossa piatte, sono il bacino, la scapola, le costole. La diafisi delle ossa tubulari può essere compromessa. Durante la diagnosi è spesso possibile rilevare contemporaneamente processi tumorali in diverse ossa, a volte anche i tessuti molli. Il picco di incidenza del sarcoma di Ewing si verifica all'età di 10-15 anni.

I sarcomi delle ossa nell'infanzia si manifestano con la rapida formazione, l'apparizione di primi focolai di metastasi e un decorso aggressivo. Rispetto ai tumori maligni più anziani del sistema scheletrico nei bambini e negli adolescenti, la terapia è peggiore.

Cause dello sviluppo

Non è ancora noto un motivo affidabile per la formazione di tumori maligni nel sistema muscolo-scheletrico fino alla fine della scienza.

Per gli oncologi che provocano questa malattia sono:

  • Lesioni alle ossa dello scheletro.
  • Esposizione alle radiazioni
  • Predisposizione genetica.
  • Effetti avversi chimici e fisici sul corpo.

Con lo sviluppo di tumori ossei in adolescenti suggeriscono la comparsa di tumori a causa della rapida crescita dello scheletro. Quando viene rilevata una lesione tumorale nei bambini sotto i 5 anni di età, viene considerata la teoria del posizionamento embrionale anormale dei tessuti.

sintomi

Le lesioni benigne delle strutture ossee sono raramente manifestate da disagio e dolore. Di solito prestare attenzione alla parte sporgente nello scheletro. Possibile limitazione dei movimenti.

Le lesioni maligne sono caratterizzate dal dolore. All'inizio dello sviluppo di una neoplasia tumorale, il dolore può apparire e scomparire. Poi diventa quasi costante, si intensifica di notte. Nel sito di crescita di un tumore inerte, il gonfiore può essere notato, è in costante aumento di dimensioni, la pelle sopra è calda al tatto, iperemica o bluastra.

Quando l'articolazione è interessata, si sviluppa gradualmente una violazione delle sue funzioni. A volte solo le fratture delle ossa diventano il primo segno di crescita del tumore. Quando si eseguiva la radiografia si rivelavano cambiamenti di cancro.

I sintomi più comuni includono debolezza, letargia, mancanza di appetito e perdita di peso e occasionali aumenti di temperatura.

diagnostica

La diagnosi dei tumori inizia con l'esame del paziente e con la raccolta dell'anamnesi. Dai metodi strumentali usare:

  • Radiografia. Secondo alcuni segni radiologici, un radiologo può suggerire un tipo di tumore in un paziente.
  • La tomografia computerizzata viene assegnata per lo studio interno e lo studio dell'intero tumore, i suoi confini e il grado di coesione con i tessuti circostanti.
  • Una biopsia ossea consente di determinare l'aspetto istologico della neoplasia. Questa procedura non viene eseguita se il medico è sicuro che non vi sia alcuna lesione ossea maligna.

trattamento

Il trattamento dei tumori ossei diagnosticati viene eseguito principalmente solo chirurgicamente. Questo vale sia per i processi benigni che maligni.

La chemioterapia e la radioterapia come tipi separati di terapia per i tumori ossei non sono praticamente utilizzati, poiché la loro efficacia in questo caso è minima.

Radioterapia o trattamento con sostanze chimiche prescritte prima e dopo l'operazione, aiuta a prevenire ulteriori metastasi. Nella fase 4 del tumore osseo, a volte viene indicata solo la chemioterapia, che viene utilizzata per prolungare la vita.

Secondo le indicazioni durante l'intervento chirurgico, un arto può essere completamente rimosso (amputato). Anche se negli ultimi anni questo tipo di chirurgia ha cercato di offrire ai pazienti solo l'ultima risorsa.

L'efficacia dell'intera terapia dipende dallo stadio del processo maligno, dall'età del paziente e dalla presenza di metastasi. Il tasso di sopravvivenza dei pazienti con formazione ossea maligna primaria è aumentato negli ultimi anni e ciò è dovuto all'uso dei moderni metodi di trattamento combinato.

prevenzione

Non esiste una prevenzione specifica delle lesioni maligne del sistema scheletrico umano.

Ma si dovrebbe sempre evitare lesioni e non essere esposti alle radiazioni.

È necessario e periodicamente sottoporsi a esami profilattici e farsi esaminare, molti tumori sono stati rilevati in una fase precoce durante tali esami medici.

:
(1 5,00 su 5)

Tumori ossei

I tumori ossei sono un gruppo di neoplasie maligne e benigne derivanti da tessuto osseo o cartilagineo.

Molto spesso, questo gruppo include tumori primari, ma un certo numero di ricercatori chiamano tumori ossei e processi secondari che si sviluppano nelle ossa durante la metastasi di tumori maligni localizzati in altri organi.

Per chiarire la diagnosi, vengono utilizzate radiografia, TC, risonanza magnetica, ultrasuoni, tecniche di radionuclidi e biopsia tissutale. Il trattamento dei tumori ossei maligni benigni e primitivi è di solito rapido. Quando le metastasi usavano spesso metodi conservativi.

Tumori ossei: una degenerazione maligna o benigna dell'osso o del tessuto cartilagineo. Le neoplasie maligne primitive delle ossa sono rare e costituiscono circa lo 0,2-1% del numero totale di tumori.

I tumori ossei secondari (metastatici) sono una complicanza comune di altri tumori maligni, come il cancro del polmone o il cancro al seno.

Nei bambini, i tumori ossei primari sono più spesso rilevati, negli adulti, quelli secondari.

I tumori ossei benigni sono meno comuni di quelli maligni. La maggior parte dei tumori sono localizzati nelle ossa tubulari (nel 40-70% dei casi). Gli arti inferiori sono colpiti due volte più spesso della tomaia.

La localizzazione prossimale è considerata un segno prognostico sfavorevole - tali tumori sono più maligni e sono accompagnati da frequenti recidive.

Il primo picco di incidenza è di 10-40 anni (in questo periodo il sarcoma di Ewing e l'osteosarcoma si sviluppano più spesso), il secondo - all'età di 60 anni (il fibrosarcoma, il sarcoma reticoloso e il condrosarcoma sono più comuni). Ortopedici, traumatologi e oncologi, maligni - solo gli oncologi sono impegnati nel trattamento dei tumori ossei benigni.

Tumori ossei benigni

L'osteoma è uno dei più benigni attuali tumori ossei benigni. È un normale osso spugnoso o compatto con elementi di regolazione. Il più delle volte, l'osteoma viene rilevato nell'adolescenza e nella giovinezza. Cresce molto lentamente, può essere asintomatico per anni.

Di solito è localizzato nelle ossa del cranio (osteoma compatto), nelle ossa omerale e femorale (osteoma misto e spugnoso).

L'unica localizzazione pericolosa è sulla lamina interna delle ossa del cranio, dal momento che il tumore può spremere il cervello, causando un aumento della pressione intracranica, epifisi, disturbi della memoria e mal di testa.

È una formazione immobile, liscia, densa, indolore. Sulla radiografia delle ossa del cranio l'osteoma compatto viene visualizzato sotto forma di una formazione omogenea densa ovale o arrotondata con una base ampia, confini chiari e contorni uniformi.

Nelle radiografie delle ossa tubolari, gli osteomi spugnosi e misti vengono rilevati come strutture che hanno una struttura omogenea e contorni chiari. Trattamento - rimozione di osteomi in combinazione con resezione della piastra adiacente.

Con il flusso asintomatico, è possibile l'osservazione dinamica.

L'osteoma osteoide è un tumore osseo costituito da osteoide e tessuto osseo immaturo. Le dimensioni ridotte, la zona chiaramente visibile della formazione dell'osso reattivo e i confini chiari sono caratteristici.

È più spesso rilevato nei giovani uomini e localizzato nelle ossa tubulari degli arti inferiori, meno spesso nella regione dell'omero, del bacino, delle ossa del polso e delle falangi delle dita. Di regola, si manifesta con forti dolori, in alcuni casi è possibile un decorso asintomatico.

Sulle radiografie rilevate sotto forma di un difetto ovale o arrotondato con contorni chiari, circondato da una zona di tessuto sclerotico. Trattamento - resezione insieme al centro della sclerosi. La prognosi è favorevole

L'osteoblastoma è un tumore osseo simile nella struttura all'osteoma osteoide, ma differisce da esso nelle sue grandi dimensioni. Di solito colpisce la colonna vertebrale, il femore, la tibia e le ossa pelviche. Sindrome del dolore grave manifesta.

Nel caso di posizione superficiale può essere rilevato atrofia, arrossamento e gonfiore dei tessuti molli. Area ovale o arrotondata radiografica di osteolisi con contorni sfocati, circondata da una zona di sclerosi perifocale minore.

Trattamento - resezione con area sclerosata situata intorno al tumore. Quando completamente rimosso, la prognosi è favorevole.

L'osteocondroma (un altro nome per l'esostosi osteocondrale) è un tumore osseo localizzato nella zona della cartilagine delle lunghe ossa tubolari. Consiste di una base ossea coperta da una copertura cartilaginea. Nel 30% dei casi l'osteocondroma viene rilevato nell'area del ginocchio.

Può svilupparsi nella parte prossimale dell'omero, nella testa del perone, nella colonna vertebrale e nelle ossa del bacino. A causa della posizione vicino al giunto, spesso diventa la causa di artrite reattiva, disfunzione dell'arto.

Quando si eseguiva la radiografia, si rivelava chiaramente un tumore tuberoso delineato con una struttura disomogenea sulla gamba larga. Trattamento - resezione, con la formazione di un difetto significativo - innesto osseo.

In caso di esostosi multiple, viene eseguita un'osservazione dinamica, l'operazione è indicata con la rapida crescita o compressione delle strutture anatomiche adiacenti. La prognosi è favorevole

Il condroma è un tumore osseo benigno che si sviluppa dalla cartilagine. Può essere singolo o multiplo. Condroma localizzato nelle ossa del piede e della mano, almeno - nelle costole e nelle ossa tubolari.

Può essere localizzato nel canale del midollo osseo (encondroma) o sulla superficie esterna delle ossa (econdroma). Ozloqualità nel 5-8% dei casi. Di solito sono possibili dolori asintomatici e non intensi.

Nelle immagini a raggi X viene determinato un fuoco di distruzione rotondo o ovale con contorni chiari. Si osserva un'espansione irregolare dell'osso, nei bambini sono possibili la deformazione e il ritardo di crescita di un segmento di arto.

Trattamento chirurgico: resezione (se necessario con artroplastica o innesto osseo), con la sconfitta delle ossa del piede e della mano, a volte è necessaria l'amputazione delle dita. La prognosi è favorevole

Il sarcoma osteogenico è un tumore osseo che origina dal tessuto osseo ed è soggetto al decorso rapido e alla rapida formazione di metastasi. Si sviluppa principalmente all'età di 10-30 anni, gli uomini soffrono il doppio delle donne.

Di solito si localizza nella metaepifisi delle ossa degli arti inferiori, nel 50% dei casi colpisce la coscia, seguita da tibia, perone, spalla, gomito, spalla e ossa pelviche. Nelle fasi iniziali si manifesta un dolore oscuro e opaco.

Quindi l'estremità metaepifisaria dell'osso si ispessisce, i tessuti diventano pastosi, si forma una rete venosa visibile, le contratture si formano, i dolori aumentano, diventano insopportabili.

Nelle radiografie del femore, della tibia e di altre ossa affette nelle fasi iniziali, viene rilevato un centro di osteoporosi con contorni sfocati. Nel successivo difetto osseo si forma, determinato dal gonfiore del periosteo a forma di fuso e dalla periostite dell'ago.

Trattamento - rimozione chirurgica del tumore. In precedenza, sono state utilizzate amputazioni ed esarticoli, ora le operazioni di conservazione degli organi sono eseguite più spesso sullo sfondo della chemioterapia pre e postoperatoria. Il difetto osseo è sostituito da una alloprotesi, un impianto di metallo o plastica.

Il tasso di sopravvivenza a cinque anni è di circa il 70% per i tumori localizzati.

Il condrosarcoma è un tumore osseo maligno formato da tessuto cartilagineo. È raro, di solito negli uomini più anziani.

Di solito è localizzato nelle costole, nelle ossa della fascia scapolare, nelle ossa del bacino e nelle parti prossimali delle ossa degli arti inferiori.

Nel 10-15%, econdromi, encondromi, osteocondromatosi, osteocondromi solitari, morbo di Paget e malattia di Ollier precedono la formazione del condrosarcoma.

Manifestata da dolore intenso, difficoltà di movimento nell'articolazione adiacente e gonfiore dei tessuti molli. Quando si trova nelle vertebre sviluppa radicolite lombosacrale. Il flusso è solitamente lento. Sulle radiografie ha rivelato il centro della distruzione.

Lo strato corticale viene distrutto, gli strati periostali sono miti, hanno l'aspetto di spicole o visiera. Per chiarire la diagnosi può essere assegnato a RM, TC, esplorazione ossea, biopsia dell'ago aperta e penetrante.

Il trattamento è spesso complesso - chemioterapia o radiochirurgia.

Il sarcoma di Ewing è il terzo tumore osseo maligno più comune. Il più delle volte colpisce le parti distali delle lunghe ossa tubulari degli arti inferiori, meno comunemente rilevate nell'area delle ossa del cingolo scapolare, delle costole, del bacino e della colonna vertebrale. Descritto nel 1921 da James Ewing.

Di solito diagnosticato negli adolescenti, i ragazzi soffrono una volta e mezza più spesso delle ragazze. È un tumore estremamente aggressivo: anche nella fase della diagnosi, la metà dei pazienti presenta metastasi, rilevate con l'aiuto di metodi di ricerca convenzionali.

La frequenza della micrometastasi è ancora più alta.

Nelle prime fasi, si manifesta con dolori oscuri, aggravato di notte e non calare a riposo. Successivamente, la sindrome del dolore diventa intensa, disturba il sonno, interferisce con l'attività quotidiana, provoca una restrizione dei movimenti.

Nelle fasi successive, sono possibili fratture patologiche. I sintomi comuni sono anche caratteristici: perdita di appetito, cachessia, febbre, anemia.

All'esame vengono rilevate vene safene dilatate, pastiglie dei tessuti molli, ipertermia locale e iperemia.

Per chiarire la diagnosi, possono essere prescritti radiografie, TAC, RM, tomografia a emissione di positroni, angiografia, osteoscintigrafia, ecografia, biopsia di trapano, biopsia tumorale, studi di genetica molecolare e immunoistochimica. Nelle immagini a raggi X viene determinata un'area con aree di distruzione e osteosclerosi. Lo strato corticale è indistinto, esfoliato e disgiunto. Viene rilevata una periostite dell'ago e una componente pronunciata dei tessuti molli con una struttura uniforme.

Il trattamento è la chemioterapia multicomponente, la radioterapia, se possibile, viene eseguita la rimozione radicale del tumore (inclusa la componente dei tessuti molli), e negli ultimi anni sono spesso utilizzate le operazioni di conservazione degli organi.

Se è impossibile rimuovere una neoplasia, l'intervento non radicale è completamente eseguito. Tutte le operazioni vengono eseguite sullo sfondo della radioterapia e della chemioterapia pre e postoperatoria. La sopravvivenza a cinque anni per il sarcoma di Ewing è di circa il 50%.

Descrizione del cancro osseo, sintomi, diagnosi, trattamento

Il tumore osseo è un tumore che colpisce soprattutto i giovani, anche gli adolescenti, all'età di 15-20 anni. Il suo evento quasi asintomatico complica il rilevamento in una fase precoce, che porta al rapido sviluppo del cancro alle ossa e alle complesse conseguenze per il corpo.

Il tipo di cancro presentato colpisce parzialmente o completamente il sistema scheletrico. La malattia oncologica è accompagnata da dolore lancinante e aumento della fragilità ossea.

Considerare quali sintomi di questa patologia indicano lo sviluppo di patologie tumorali, nonché quali misure per la prevenzione e il trattamento del cancro alle ossa sono utilizzate oggi.

Cancro alle ossa Cause e sintomi

Tumore osseo maligno

Le neoplasie maligne delle ossa possono essere primarie e secondarie.

Per quanto riguarda le patologie primarie, si tratta di tumori che iniziano il loro sviluppo direttamente dal tessuto osseo, quelli secondari sono metastasi, che si formano come risultato del processo del cancro in altri organi.

I primi sintomi di neoplasia compaiono molto raramente, perché i processi primari non sono ancora stati appresi a fondo.

Anche le cause del cancro alle ossa non sono chiare, ma esiste un modello basato sui fattori di rischio per la patologia del cancro, che includono:

  • Giovane età con predisposizione genetica;
  • Malattie infettive acute del tessuto osseo;
  • Lesioni frequenti e stretching.

I pazienti che soffrono di malattia di Paget - un processo infiammatorio nel tessuto osseo che porta alla deformazione, alla fragilità e allo stiramento degli organi del sistema scheletrico - sono anche suscettibili alla patologia.

Più spesso, i giovani si ammalano, ma il rischio di ammalarsi in età avanzata aumenta in presenza della patologia di Paget.

Cancro alle ossa tipi

Il cancro osseo può colpire gli arti superiori, il basso - osteosarcoma, mani e ossa tubulari - il sarcoma di Ewing. Oltre al tessuto osseo, il processo patologico può svilupparsi con la cartilagine e il connettivo.

Sintomi di una neoplasia maligna nel tessuto osseo:

  • Il primo e permanente sintomo del cancro alle ossa è il dolore. È lungo, dolorante ed è impossibile sbarazzarsi sia della completa immobilizzazione dell'arto, sia dell'esclusione di qualsiasi stress sull'osso;
  • Nel processo di proliferazione è gonfio, l'osso diventa fragile, che provoca fratture da irritanti minimi. Un colpo normale può rompere un osso o deformarlo;
  • Già nelle fasi successive, piccole formazioni tumorali possono essere percepite attraverso la pelle, che indica con precisione il cancro alle ossa;
  • Rapida perdita di peso, deterioramento dei processi mentali e irritabilità irragionevole sono fattori obbligatori che accompagnano qualsiasi malattia oncologica.

Diagnosi di cancro nell'osso

Il metodo più accurato per determinare il cancro nel tessuto osseo è l'esame a raggi X di un paziente per scopi diagnostici.

Quando è possibile sondare una neoplasia maligna, viene eseguita una diffrazione a raggi X del sito di localizzazione del processo, altrimenti sarà necessario prendere un numero di immagini per determinare la posizione del processo tumorale.

Inoltre, il paziente viene sottoposto ad una visita medica completa da parte di ogni singolo specialista. Ciò consente di identificare la causa alla radice e durante il trattamento di agire direttamente sul fattore eziologico, che è più efficace nell'eliminare questa malattia.

Allo stesso tempo è necessario esaminare i parametri del sangue e delle urine. Nel sangue di un paziente con una neoplasia maligna nell'osso si osserva un elevato contenuto di calcio.

Ulteriori metodi di esame sono assegnati alla risonanza magnetica e alla tomografia computerizzata, che mostrano un quadro dettagliato del decorso patologico del tumore osseo e nelle immagini è possibile rintracciare la presenza di metastasi e danni ai tessuti vicini.

Cancro alle ossa trattamento

Trattamento del cancro osseo

Come con qualsiasi patologia del cancro, la preferenza è data all'intervento chirurgico sull'organo patologico, seguito da radioterapia e trattamento chemioterapico.

Questi metodi per varie forme del processo patologico sono efficaci, sia individualmente che insieme. Cercano di applicare un trattamento di chemioterapia solo in casi estremi quando altri metodi sono impotenti contro la patologia.

Trattamento chirurgico della neoplasia ossea

  • Preparazione preoperatoria di un malato di cancro;
  • Aprire l'accesso alla patologia del cuore;
  • Rimozione di tessuti patologici;
  • Viene eseguita la rimozione di tessuti sani che sono stati a contatto con l'attenzione patologica. Questo è necessario per evitare il ripetuto sviluppo del cancro osseo;
  • Rimossi e nervi, vasi sanguigni vicini al focolare.

Dopo il trattamento chirurgico, viene condotto un ciclo di radioterapia mirato a rafforzare il trattamento e a rimuovere completamente le restanti cellule anormali.

Il bisogno di chemioterapia si verifica quando non esiste una cura completa dopo la rimozione e la radioterapia. Per il paziente è molto stressante e causa una serie di effetti collaterali.

Prevenzione della suscettibilità genetica all'oncopatologia

Osteosarcoma. Cancro alle ossa

Non esistono misure preventive stabilite con precisione volte ad evitare la patologia del cancro. Pertanto, a seconda della predisposizione genetica e dello stile di vita, è possibile solo correggere e minimizzare l'effetto di provocare fattori di rischio.

La prevenzione dovrebbe essere completa con osservazione costante. Include l'uso di preparati vitaminici, alcuni farmaci, nonché uno screening regolare per la diagnosi delle malattie associate, che, se i sintomi coincidono, possono informare sul processo del cancro.

Diversi principi per la prevenzione del cancro osseo negli adolescenti:

  • È necessario ridurre al minimo i carichi eccessivi sul sistema scheletrico e il suo allungamento;
  • Monitorare costantemente il livello di calcio nel corpo. La sua carenza porta alla fragilità delle ossa, e se parliamo di una "giovane" malattia, la mancanza di un elemento traccia conduce al sottosviluppo delle ossa, che provoca la loro sconfitta;
  • Guarire completamente tutte le lesioni infettive del tessuto osseo e le loro lesioni. L'irritazione costante del tessuto danneggiato può innescare lo sviluppo di una neoplasia maligna;
  • Controlli regolari di routine con una supervisione di specialisti e pistoni da parte di un oncologo, se viene rivelata una predisposizione genetica;
  • Una dieta equilibrata con un alto contenuto di micronutrienti supporterà il normale funzionamento del tessuto osseo;
  • Gli sport dovrebbero essere moderati, altrimenti le lesioni sportive possono essere un fattore scatenante della crescita patologica del tessuto;

Oltre alla salute fisica, è necessario prestare meno attenzione allo stato psicologico. Anche le condizioni di vita ideali e l'osservanza di tutte le misure preventive potrebbero non essere di aiuto se una persona è in costante tensione e situazione stressante.

Gli adolescenti a rischio dovrebbero valutare adeguatamente le loro capacità e trovare supporto da genitori e professionisti.

Carcinoma osseo: sintomi, manifestazione, trattamento, prognosi

L'apparato osseo umano è il sistema corporeo più forte. Ma anche, lo scheletro non è sempre in grado di resistere alle lesioni cancerose. Nascono entrambi indipendentemente, a causa della malignità del tessuto osseo, e agiscono anche come complicanze per tumori benigni.

Le cause delle formazioni ossee maligne non sono ancora completamente comprese. Ma alcuni dei motivi che possono influenzare l'insorgenza del cancro, tuttavia sono stati identificati:

  • malattie di natura genetica: sindrome di Rotmund o Li-Fraumeni, retinoblastoma:
  • La malattia di Paget. Il più delle volte agisce come una causa in persone di età superiore ai 50 anni;
  • esposizione frequente ed eccessiva alle radiazioni ionizzanti;
  • trapianto di midollo osseo;
  • lesioni ossee;
  • ereditarietà.

Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno scoperto che a causa della natura ereditaria, si verifica solo una piccola percentuale di cancro. Il ruolo principale è svolto dai cambiamenti tissutali acquisiti.

A seconda della posizione della localizzazione iniziale del processo patologico, esistono tre tipi di tumore osseo: la formazione nel tessuto osseo, la cartilagine e il connettivo.

osteosarcoma

Appartiene ai tipi più comuni di cancro, la cui area è il tessuto osseo. Questo tipo di patologia colpisce principalmente le persone dai 10 ai 30 anni. Di questi, ci sono due volte più uomini che donne.

La malattia inizia il suo sviluppo negli strati profondi dell'osso, formando direttamente nelle cellule del tessuto. Crescendo, li sostituisce con tessuto fibroso.

L'osteosarcoma è caratterizzato da una crescita aggressiva e da una rapida penetrazione nella cartilagine e nel tessuto connettivo.

Se non trattato, colpisce i muscoli e le articolazioni adiacenti, portando alla distruzione della loro struttura e distruzione.

La caratteristica principale della patologia è che inizia a metastatizzare rapidamente in aree remote: polmoni e cervello.

I sintomi di questo tipo di malattia sono:

  • la localizzazione del tumore nell'apparato osseo degli arti inferiori, colpisce soprattutto i fianchi delle articolazioni;
  • quando il paziente è malato, c'è una zoppia e un dolore in movimento. Quanto più trascurato è il processo patologico, tanto più forte è il dolore;
  • sulla radiografia è determinata da un'area affetta ben definita.

condrosarcoma

Questo tipo di cancro colpisce il tessuto cartilagineo. Il numero di casi di condrosarcoma di tutti i pazienti con carcinoma osseo è solo del 15%. Oltre il 60% dei casi ha più di 40 anni.

La causa principale della patologia è l'esostosi o condroma osteo-cartilaginoso, in cui il cancro si manifesta come una forma secondaria della malattia.

L'area interessata si trova all'interno delle ossa del bacino, delle costole e degli arti superiori. La patologia nella fase iniziale dello sviluppo è quasi asintomatica. Con la crescita di un tumore, nella zona interessata si manifestano sensazioni dolorose e movimenti limitati, che possono in seguito portare alla completa immobilizzazione della parte infiammata del corpo.

Sopra il sito del tumore, la pelle diventa rossastra e gonfia. Allo stesso tempo, la temperatura di quest'area è leggermente superiore alla temperatura corporea totale.

fibrosarcoma

Il tipo più raro di cancro alle ossa che colpisce il tessuto connettivo. Il sito principale di localizzazione sono i tendini. La patologia è caratterizzata da un rapido processo di metastasi e colpisce allo stesso modo uomini e donne. Molto spesso, la malattia colpisce persone dai 4 ai 20 anni.

Il tumore può essere localizzato sui piedi, sul tronco o sulla testa. Molto spesso, la malattia si sviluppa dopo lupus, xeroderma, radiodermite, neurofibromatosi e xeroderma.

La manifestazione del tumore non è specifica. Nelle fasi iniziali, i nodi sono di colore bluastro-marrone. La pelle sopra l'area interessata diventa intatta, ma è coinvolta nel processo patologico, solo nelle fasi successive della malattia. Quasi immediatamente dopo l'inizio dello sviluppo del tumore, il dolore si manifesta, che col tempo aumenta la sua intensità.

Come riconoscere

Lo sviluppo del cancro osseo è indicato dai seguenti sintomi:

  • dolore localizzato, che nelle fasi iniziali è solo temporaneo. Man mano che il tumore cresce, il dolore diventa intenso e permanente. Il dolore massimo si verifica dopo l'esercizio;
  • violazione dell'attività motoria della parte interessata del corpo;
  • gonfiore della zona infiammata con pelle iperemica, che in seguito diventa tinta bluastra;
  • fratture frequenti dovute all'indebolimento del tessuto osseo. Le fratture sono accompagnate da acuto dolore acuto;
  • sintomi comuni: debolezza, febbre, perdita di peso, linfonodi ingrossati.

Come con altri tumori, il midollo osseo è caratterizzato da uno sviluppo graduale, che si manifesta in 4 fasi.

Fase 1

Il primo stadio è diviso in due fasi. Il primo stadio è caratterizzato dalla localizzazione del tumore negli strati più profondi del tessuto osseo. In questo momento, la neoplasia sta già crescendo fino a 8 cm, ma rimane ancora all'interno delle ossa. Questo stadio è caratterizzato dal gonfiore del tessuto attorno alla zona interessata.

Al secondo stadio di questa fase, l'intero osso è danneggiato, con penetrazione nelle sue pareti. Ma la transizione al tessuto adiacente non viene osservata.

Fase 2

Il secondo stadio è caratterizzato dalla localizzazione nell'area dell'osso, in cui le cellule tumorali perdono la loro differenziazione e gradualmente si diffondono alla cartilagine e al tessuto connettivo.

Fase 3

Nella terza fase, le cellule tumorali iniziano a diffondersi ai tessuti molli situati nella zona ossea. In questa fase, il paziente inizia a provare dolore costante. Alla palpazione, puoi sentire il consolidamento del tumore.

Fase 4

Questo stadio è l'ultimo ed è caratterizzato da ampie metastasi ben oltre l'area interessata. Le metastasi sono più spesso definite nei polmoni e nel sistema linfatico. La crescita del tumore raggiunge dimensioni tali che ti permettono di determinarlo visivamente.

trattamento

Nel cancro osseo, così come in altri tumori maligni, viene utilizzata una combinazione di diversi metodi.

Il trattamento chirurgico è il metodo principale nella fase iniziale di questa malattia. È un'asportazione della zona ossea interessata. Per le piccole lesioni, i materiali di riempimento osseo vengono utilizzati per ricostituire l'area del difetto.

In caso di difetti estesi, vengono utilizzate strutture metalliche di ricambio. Un'amputazione completa viene eseguita solo in casi isolati, quando il tumore si trova nella regione delle grandi articolazioni con l'adesione dei vasi e dei nervi principali.

Sfortunatamente, con il cancro alle ossa, la radioterapia e la chemioterapia sono praticamente inefficaci. Sono usati come trattamento aggiuntivo. Durante la chemioterapia utilizzare una combinazione di 3 farmaci, con un diverso meccanismo di azione.

I farmaci vengono somministrati in un complesso dell'arteria, che si trova più vicino alla zona interessata. Pertanto, si raggiunge la massima concentrazione di sostanze antitumorali nel sangue.

Recentemente, la terapia mirata è diventata sempre più comune. Al suo interno, assomiglia alla chemioterapia, solo per la somministrazione endovenosa si usano farmaci speciali, un'azione diretta.

Questi farmaci sono stati creati sulla base della considerazione dei cambiamenti clinici del tumore durante la diffusione della malattia. La terapia mirata ha meno effetti collaterali rispetto alla chemioterapia ed è più efficace.

reinserimento

Il trattamento delle formazioni ossee maligne non passa senza lasciare traccia. L'intervento chirurgico richiede sempre la riabilitazione, anche con operazioni minori. Inoltre, il loro ruolo è giocato da radiazioni e chemioterapia, che portano all'emergere di una serie di complicazioni e l'indebolimento di tutti i sistemi corporei.

L'effetto complesso dei fattori negativi richiede il pieno recupero del corpo. A tal fine, si raccomanda di effettuare una serie di eventi speciali mirati e un'azione generale:

  • attivazione precoce dei pazienti attraverso il coinvolgimento nell'attività fisica;
  • esercizi terapeutici e massaggi;
  • Esercizio terapeutico, condotto in un ospedale;
  • l'uso di dispositivi di supporto e correttivi: bende elastiche, bende, bende;
  • installazione di protesi;
  • equilibrio nutrizionale, nel cui menu la parte principale è occupata da prodotti ad alto contenuto di vitamine ed elementi che contribuiscono al rapido recupero del tessuto osseo;
  • rifiuto di cattive abitudini: fumo, alcol;
  • la formazione di un sonno normale e riposo.

Durante il periodo di riabilitazione è severamente vietato l'autotrattamento con l'uso di erbe ad effetto stimolante, in quanto ciò potrebbe provocare una ricaduta della malattia.

prospettiva

Tutte le statistiche condotte su questa malattia si basano sui dati degli ultimi 5 anni. Le informazioni raccolte hanno mostrato che, in generale, il numero di persone sopravvissute al cancro alle ossa è quasi del 70%. Se consideriamo ogni specie separatamente, la previsione è la seguente:

  • con l'osteosarcoma, il 60% dei pazienti è sopravvissuto;
  • con condrosarcoma - 54%;
  • con fibrosarcoma circa il 50%.

Di questo numero, un numero maggiore di sopravvissuti si verifica nelle fasi iniziali. Quando diagnostichi la patologia in stadio 4, il tasso di sopravvivenza è molto basso.

Il cancro osseo è una patologia che colpisce ugualmente sia le donne che gli uomini di qualsiasi età. A giudicare dalle recensioni, il trattamento della malattia è associato a una serie di complicazioni, ma nella maggior parte dei casi dà un risultato positivo.

Vi offriamo di lasciare il vostro feedback su questa patologia, nei commenti a questo articolo.

Ti consigliamo di vedere un video utile sulla malattia considerata:

, Si prega di selezionare un pezzo di testo e premere Ctrl + Invio.