Astrocitoma cerebrale: cause, sintomi, trattamento, prognosi

Tra tutte le cause di morte per cancro i tumori cerebrali occupano una posizione di leadership. Gli astrocitomi rappresentano la metà di tutte le neoplasie del sistema nervoso centrale. Negli uomini, questi tumori sono più comuni che nelle donne. Gli astrocitomi maligni predominano negli individui di età pari o superiore a 40 anni. Nei bambini si trovano principalmente astrocitomi piloidi.

Caratteristiche istologiche degli astrocitomi

Gli astrocitomi sono tumori cerebrali neuroepiteliali provenienti da cellule di astrociti. Gli astrociti sono le cellule del sistema nervoso centrale che svolgono funzioni di supporto e restrittive. Esistono 2 tipi di cellule: protoplasmatiche e fibrose. Gli astrociti protoplasmatici si trovano nella materia grigia del cervello e fibrosi - nella sostanza bianca. Essi avvolgono i capillari e i neuroni, partecipando anche al trasferimento di sostanze tra i vasi sanguigni e le cellule nervose.

Tutti i tumori del CNS sono classificati secondo la classificazione istologica internazionale (l'ultima revisione degli esperti dell'OMS nel 1993).

Si distinguono i seguenti tipi di neoplasie astrocitiche:

  1. Astrocitoma: fibrillare, protoplasmatico, macrocellulare.
  2. Astrocitoma maligno anaplastico.
  3. Glioblastoma: glioblastoma a cellule giganti, gliosarcoma.
  4. Astrocitoma pilocitico.
  5. Xanthoastrocitoma pleomorfo.
  6. Astrocitoma a cellule giganti subependimali.

Per la natura della crescita, si distinguono i seguenti tipi di astrocitomi:

  • Crescita nodale: astrocitoma piloide, astrocitoma a cellule giganti subependimali, xanthoastrocitoma pleomorfo.

Gli astrocitomi con crescita nodale hanno confini chiari, limitati dal tessuto cerebrale circostante.

L'astrocitoma piloide spesso colpisce il cervelletto, il chiasma ottico e il tronco cerebrale. È di natura benigna, maligna (diventando maligna) molto raramente. Le cisti si trovano spesso nei tumori.

L'astrocitoma a cellule giganti subependimmici si trova spesso nel sistema ventricolare del cervello.

Xantoastrocitoma pleomorfo è raro, più spesso nei giovani. Cresce come un nodo nella corteccia cerebrale, può contenere grandi cisti. Provoca crisi epilettiche.

  • Crescita diffusa: astrocitoma benigno, astrocitoma anaplastico, glioblastoma. Gli astrocitomi diffusi sono riferiti alla neoplasia di grado 2.

Gli astrocitomi con crescita diffusa sono caratterizzati dall'assenza di chiari confini con i tessuti cerebrali e possono crescere nel midollo di entrambi gli emisferi del cervello grande, raggiungendo dimensioni enormi.

L'astrocitoma benigno diventa maligno nel 70% dei casi.

L'astrocitoma anaplastico è un tumore maligno.

Il glioblastoma è un tumore altamente maligno con una rapida crescita. Più spesso localizzato nei lobi temporali.

Fattori di rischio

Gli astrocitomi, come altri tumori, sono malattie multifattoriali. Non ci sono fattori specifici per gli astrocitomi. I fattori di rischio comuni includono il lavoro con sostanze radioattive, la predisposizione ereditaria, i carichi virali sul corpo.

sintomi

Una caratteristica distintiva di tutte le neoplasie cerebrali è che si trovano nello spazio ristretto del cranio e quindi nel tempo portano a danni sia alle strutture adiacenti (sintomi focali) che alle formazioni cerebrali distanti (sintomi secondari).

Allocare i sintomi focali (primari) dell'astrocitoma, che sono causati da un danno al tumore dell'area cerebrale. A seconda della localizzazione topica del tumore, i sintomi di danno a diverse parti del cervello differiscono e dipendono dal carico funzionale dell'area interessata.

Sintomi primari di astrocitoma

  1. Lobo frontale

I sintomi psicopatologici sono il segno distintivo di una lesione del lobo frontale: una persona prova una sensazione di euforia, la sua critica della sua malattia diminuisce (non lo prende sul serio o pensa di essere sano), può esserci indifferenza emotiva, aggressività, completa distruzione della psiche. Quando il corpo calloso o la superficie mediale dei lobi frontali è danneggiato, la memoria e il pensiero sono disturbati. Se la zona di Broca nel lobo frontale dell'emisfero dominante è danneggiata, si verificano disturbi del linguaggio motorio (linguaggio lento, scarsa articolazione delle parole, ma le singole sillabe vengono pronunciate bene). Le sezioni anteriori dei lobi frontali sono considerate "aree mute funzionalmente", pertanto gli astrocitomi in queste aree compaiono negli stadi successivi quando i sintomi secondari si uniscono. La sconfitta delle parti posteriori (giro precentrale) porta alla comparsa di paresi (debolezza muscolare) e paralisi (mancanza di movimento) nel braccio e / o nella gamba.

Gli astrocitomi di questa localizzazione causano allucinazioni: uditivo, gusto, visivo. Queste allucinazioni nel tempo diventano l'aura (precursori) delle crisi epilettiche generalizzate. I pazienti si lamentano di un fenomeno "precedentemente visto o sentito". Se il tumore si trova nel lobo temporale dell'emisfero dominante, si verifica un danno sensoriale del linguaggio (la persona non capisce il linguaggio orale e scritto, il discorso del paziente consiste in un insieme di parole arbitrarie). C'è un sintomo come l'agnosia uditiva - questo non è il riconoscimento di suoni, voci, melodie che una persona conosceva prima. Il più spesso con astrocitoma della regione temporale avviene la dislocazione e la penetrazione del cervello nel forame occipitale, che è fatale.

Le crisi epilettiche si verificano con gli astrocitomi nei lobi temporali e frontali più spesso che con altri siti tumorali.

  • Ci sono convulsioni motorie focali: la coscienza è intatta, ci sono convulsioni in singoli arti, giri di testa.
  • Convulsioni sensoriali: una sensazione di formicolio o "strisciare pelle d'oca" attraverso il corpo, lampi di luce - fotopatie, oggetti cambiano colore o dimensione.
  • Parossismi vegetovisceralny: palpitazioni, sensazioni spiacevoli nel corpo, nausea.
  • A volte le convulsioni possono iniziare in una parte del corpo e gradualmente diffondersi, coinvolgendo nuove aree (attacchi di Jackson).
  • Convulsioni parziali complicate: coscienza disturbata, in cui una persona malata non entra in dialogo, non risponde agli altri, fa movimenti di masticazione, schiocca le labbra, lecca le labbra, ripete suoni, canta.
  • Convulsioni generalizzate: perdita di coscienza, rotazione della testa e caduta di una persona, dopo che le braccia e le gambe sono tese, le pupille si dilatano, si verifica la minzione involontaria - questa è la fase tonica, che è sostituita dalla fase clonica - crampi muscolari, occhi roteanti, respirazione rauca. Il morso della lingua si verifica nella fase clonica, appare la schiuma insanguinata. Dopo un attacco generalizzato, una persona spesso si addormenta.
  • Assansia: un'improvvisa perdita di coscienza per alcuni secondi, la persona si "congela", quindi la coscienza ritorna e continua l'attività.
  1. Lobo parietale.

La lesione del lobo parietale si manifesta clinicamente con disturbi sensoriali, astereognosi (una persona non può toccare un oggetto toccando, non può nominare parti del corpo chiudendo gli occhi), aprassia nel braccio opposto. L'aprassia è una violazione di azioni intenzionali (una persona non può allacciare bottoni, indossare una maglietta). Attacchi epilettici focali caratteristici. Quando le parti inferiori del lobo parietale sinistro sono danneggiate, le persone destrorse sono disturbate dalla parola, dalla lettera e dal punteggio.

Gli astrocitomi sono meno comuni nel lobo occipitale. Manifestate da allucinazioni visive, fotopsie, emianopsie (metà del campo visivo di ciascun occhio cade).

Sintomi di astrocitoma secondario

Il manifesto dell'astrocitoma inizia più spesso con mal di testa o crisi epilettiche. Il mal di testa è diffuso senza una posizione chiara ed è associato all'ipertensione endocranica. Nelle fasi iniziali della crescita, gli astrocitomi possono essere parossistici, doloranti. Mentre il tumore progredisce e la compressione del tessuto cerebrale circostante diventa costante. Si verifica quando si modifica la posizione del corpo. La neoplasia sospetta dovrebbe verificarsi se il mal di testa è più pronunciato al mattino e diminuisce durante il giorno, così come se il mal di testa è accompagnato da vomito.

  1. Ipertensione endocranica e gonfiore del cervello.

Il tumore, comprimendo il liquido cerebrospinale, i vasi venosi, porta ad un aumento della pressione intracranica. Si manifesta con mal di testa, vomito, singhiozzo persistente, riduzione delle funzioni cognitive (memoria, attenzione, pensiero), diminuzione dell'acuità visiva (fino alla perdita). Nei casi più gravi, una persona cade in un coma. L'ipertensione intracranica e l'edema cerebrale hanno più probabilità di verificarsi con astrocitomi nel lobo frontale.

diagnostica

  1. Esame neurologico
  2. Tecniche di neuroimaging non invasive (TC, RM).

Permettono di identificare un tumore, di indicare con precisione la sua posizione, le dimensioni, la relazione con il tessuto cerebrale, l'effetto su strutture sane del sistema nervoso centrale.

  1. Tomografia ad emissione di positroni (PET).

Viene introdotto il radiofarmaco e, in base all'accumulo e al metabolismo, viene stabilito il grado di malignità.

  1. Lo studio del materiale bioptico.

Il metodo diagnostico più accurato per gli astrocitomi.

trattamento

  1. Osservazione dinamica
  2. Trattamenti chirurgici
  3. La chemioterapia.
  4. Radioterapia

Quando gli astrocitomi asintomatici vengono rilevati in aree funzionalmente significative del cervello e durante la loro crescita lenta, è consigliabile osservarli dinamicamente, poiché nella loro rimozione chirurgica le conseguenze risultano essere molto peggiori. Con un quadro clinico sviluppato, le tattiche di trattamento dipendono dalla posizione dell'astrocitoma, dalla presenza di fattori di rischio (età superiore a 40 anni, un tumore superiore a 5 cm, gravità dei sintomi focali, grado di ipertensione intracranica). Il trattamento chirurgico mira a massimizzare la rimozione dell'astrocitoma. La chemioterapia e la radioterapia sono prescritte solo dopo che la diagnosi è stata confermata dall'esame istologico del tumore (biopsia). Ogni tipo di terapia può essere utilizzato sia indipendentemente che come parte di un trattamento di combinazione.

prospettiva

Con le forme nodulari dopo la rimozione chirurgica, è possibile l'inizio della remissione prolungata (più di 10 anni). Gli astrocitomi diffusi danno frequenti recidive, anche dopo la terapia di associazione. L'aspettativa di vita è in media di 1 anno con glioblastomi, con astrocitomi anaplastici fino a 5 anni. Aspettativa di vita con altri astrocitomi per molti anni. I pazienti tornano al lavoro, in piena vita.

Nel programma "Vivi sani!" Con Elena Malysheva parla di astrocitoma (vedi 32:25 min.):

Xanthoastrocitoma pleomorfo

Xantoastrocitoma pleomorfo (PKA) è un tipo di astrocitomi rari di basso grado (OMS tipo 2) rilevato nei pazienti più giovani con epilessia temporale.

I PKA sono tumori corticali con una componente cistica e un marcato accumulo di materiale di contrasto. Possono esserci segni di crescita lenta, manifestati in assenza di edema circostante e del bordo smerlato dell'osso adiacente. Possibile coinvolgimento reattivo della dura madre, che si esprime sotto forma di "coda durale". La calcificazione è rara.

epidemiologia

Questo tipo di tumore è raro e rappresenta circa l'1% di tutti i tumori cerebrali. Di solito, la PKA viene rilevata nei pazienti più giovani (bambini o giovani) con una frequenza di picco che si verifica nella seconda o terza decade di vita (periodo 10-30 anni).

Quadro clinico

Dal momento che PKA ha una predisposizione alla localizzazione nel lobo temporale, i pazienti più spesso hanno una storia di crisi epilettiche (75%). Altri sintomi includono vertigini, mal di testa e, in alcuni casi, il decorso può essere asintomatico.

patologia

Grado di malignità

PKA sono tumori di grado 2 malignità secondo la classificazione dell'OMS. Se c'è un maggior numero di mitosi (> 5 mitosi in 10 campi di vista), deve essere presa in considerazione la diagnosi di xanthoastrocitoma anaplastico pleomorfo.

localizzazione

La stragrande maggioranza dei PKA è localizzata supratentorialmente (98%), di solito superficialmente adiacente alle leptomenine, con coinvolgimento della corteccia, ma il coinvolgimento effettivo della dura madre è raro. Circa la metà del PKA si trova nel lobo temporale; con localizzazione non temporale, la posizione nei lobi frontali prevale sui lobi parietali.

Segni macroscopici

Macroscopicamente, questo tipo di tumore è ben delimitato dal parenchima cerebrale, con una componente cistica e il coinvolgimento della leptomeninx sopravvissuta.

Sintomi microscopici

Microscopicamente, i bordi del tumore non vengono visualizzati così bene. I segni istologici variano (motivo per cui sono chiamati "pleomorfi"); si determinano cellule fusiformi, poligonali, multinucleate, astrociti di xantomatosi caricati con lipidi. Ancor più pleomorfo è l'aspetto dei nuclei con inclusioni atipiche, le dimensioni dei nuclei variano.

immunofenotipo

Studi immunoistochimici su campioni PKA rivelano reattività per i marcatori gliale. Si verifica anche una reattività variabile ai marcatori neuronali.

  • GFAP: positivo, sebbene spesso piuttosto debole;
  • S100: positivo;
  • marcatori neuronali, tra cui sinaptofisina, MAP2 e neurofilamento: sono variabili.
  • Indice proliferativo Ki-67:

Prognosi dell'atrocitoma pilocitico della vita dopo l'intervento chirurgico

Astrocitomi - descrizione.

Breve descrizione

Gli astrocitomi sono il gruppo più grande e frequente di tumori primari del SNC, che differiscono per localizzazione, distribuzione per sesso ed età, modello di crescita, grado di neoplasia e decorso clinico. Tutti gli astrocitomi sono di origine astrogliale. Incidenza: 5-7: 100.000 abitanti nei paesi sviluppati.

Per tutti gli astrocitomi viene utilizzato un sistema di classificazione universale (WHO) secondo il criterio istologico di "grado di malignità" • Grado 1 (astrocitoma piloide): non deve esserci un solo segno di anaplasia • Grado 2 (astrocitoma diffuso): 1 segno di anaplasia, più spesso - atipia nucleare • Grado 3 (astrocitoma anaplastico): 2 segni, più spesso - atipia nucleare e mitosi • Grado 4 (glioblastoma): 3-4 segni: atipia nucleare, mitosi, proliferazione dell'endotelio vascolare e / o necrosi.

Esistono numerosi gruppi clinici e patologici di astrocitomi.

Diffuso - astrocitoma infiltrativo. Questo concetto combina diversi tipi di tumori di vari gradi di malignità.

• Astrocitoma diffuso (WHO - 2) - 10-15% di tutti gli astrocitomi cerebrali, il picco di occorrenza 30-40 anni, uomini / donne - 1,2: 1; più spesso localizzati supratentorialmente negli emisferi cerebrali del cervello. Quadro clinico Molto spesso questi tumori si manifestano per episodi, deficit neurologico focale, segni di aumento dell'ICP nel tardo stadio della malattia. Diagnosi. I tumori hanno la semiotica caratteristica di CT e MRI. Trattamento. Tattica: rimozione del tumore o osservazione / terapia sintomatica (la decisione può essere presa solo dopo aver consultato un neurochirurgo). La tattica precedentemente popolare - biopsia + radioterapia - non ha un vantaggio rispetto all '"osservazione". Previsione: l'aspettativa di vita media dopo l'intervento chirurgico è di 6-8 anni con pronunciate variazioni individuali. Il decorso clinico della malattia è principalmente influenzato dalla tendenza di questi tumori alla trasformazione maligna, che di solito si osserva 4-5 anni dopo che la diagnosi è stata stabilita. I fattori prognostici clinici favorevoli sono la giovane età e la "rimozione totale" del tumore. Tra gli astrocitomi diffusi si distinguono numerose varianti istologiche: l'astrocitoma fibrillare è la variante più comune, costituita principalmente da astrociti tumorali fibrillari. L'atipia nucleare è un criterio diagnostico. Mitosi, necrosi, proliferazione dell'endotelio sono assenti. Densità cellulare nella preparazione da basso a medio •• Astrocitoma protoplasmatico - una variante rara, costituita principalmente da astrociti tumorali con un piccolo corpo e processi sottili. La densità cellulare nella preparazione è bassa. Le caratteristiche caratteristiche sono la degenerazione e la microcizzazione del muco •• L'astrocitoma emicitotico. Questa variante è caratterizzata dalla presenza nell'astrocitoma fibrillare di una frazione significativa di emistociti (di solito oltre il 20%). L'emistocita è una variante dell'astrocita con un corpo ampio, angoloso, brutto eosinofilo.

• L'astrocitoma anaplastico (WHO-3) costituisce il 20-30% di tutti gli astrocitomi cerebrali, il picco di occorrenza è 40-45 anni, maschi / femmine -1,8: 1; il più delle volte si trova supratentorialmente negli emisferi cerebrali del cervello. Attualmente, il punto di vista dominante è che l'astrocitoma anaplastico è il risultato di una trasformazione maligna dell'astrocitoma diffuso. La sua patologia è caratterizzata da segni di diffuso astrocitoma infiltrativo con grave anaplasia e alto potenziale proliferativo. Il quadro clinico è in gran parte simile all'astrocitoma diffuso, ma più spesso ci sono segni di aumento della ICP, c'è una progressione più veloce dei sintomi neurologici. Diagnosi: i tumori non hanno una caratteristica TC e / o risonanza magnetica della semiotica e possono spesso apparire come un astrocitoma diffuso o un glioblastoma. Trattamento: attualmente, l'algoritmo di trattamento standard è il trattamento combinato (chirurgia, radioterapia, polichemioterapia). Previsione. L'aspettativa di vita media dopo l'intervento chirurgico e il trattamento adiuvante è di circa 3 anni. Il decorso clinico della malattia è principalmente influenzato dalla trasformazione in glioblastoma, che di solito si osserva 2 anni dopo la diagnosi. I fattori prognostici clinici favorevoli sono la giovane età, la "rimozione totale" del tumore e il buono stato clinico preoperatorio del paziente. La presenza di un componente oligodendrogliale in un tumore può aumentare la sopravvivenza fino a> 7 anni.

Glioblastoma (GBM) e sue varianti (WHO - 4). È il più maligno degli astrocitomi e rappresenta circa il 50% di tutti gli astrocitomi cerebrali, il picco di occorrenza è di 50-60 anni, uomini / donne - 1,5: 1; il più delle volte si trova supratentorialmente negli emisferi cerebrali del cervello. Distinguere tra GBM primario (più spesso) e secondario (a causa della malignità degli astrocitomi diffusi o anaplastici). La sua patologia è caratterizzata da segni di diffuso astrocitoma infiltrativo con grave anaplasia, alto potenziale proliferativo, segni di proliferazione dell'endotelio e / o necrosi. Quadro clinico La storia primaria di GBM è caratterizzata da una breve storia, che è dominata da sintomi neurologici aspecifici e ipertensione intracranica rapidamente progressiva. Nel GBM secondario, la clinica è per molti aspetti simile all'astrocitoma anaplastico. Diagnosi. Il tumore ha una caratteristica semiotica della TC e della risonanza magnetica, la diagnosi differenziale viene solitamente eseguita con metastasi e ascesso. La crescita invasiva del tumore lungo i conduttori lunghi è caratteristica (GBM sotto forma di "farfalla" durante la germinazione attraverso il corpo calloso). Trattamento. Allo stato attuale, l'algoritmo di trattamento standard è il trattamento combinato (chirurgia e radioterapia, il ruolo della polichemioterapia nell'aumentare la sopravvivenza in GBM non è attualmente attendibilmente dimostrato, e la necessità di esso è considerata solo nei casi in cui tutti gli altri metodi di trattamento sono stati effettuati e sono stati inefficaci (" terapia della disperazione ") Prognosi L'aspettativa di vita media dopo l'intervento chirurgico e il trattamento adiuvante è di circa 1 anno I fattori prognostici clinici favorevoli sono analoghi noi a quelle di astrocitoma anaplastico.

Oltre al tipico glioblastoma multiforme, si distinguono le seguenti varianti istologiche: • Il glioblastoma a cellule giganti è caratterizzato da un gran numero di cellule multinucleate giganti e maligne • Gliosarcoma è un tumore maligno a due componenti con focolai di differenziazione gliale e mesenchimale.

L'astrocitoma pilocitico (piloide) è un tumore infantile, caratterizzato da un pattern di crescita relativamente "delimitato" (al contrario dell'astrocitoma diffuso) e presenta caratteristiche peculiari di localizzazione, morfologia, profilo genetico e decorso clinico. Appartiene al più basso (1 ° grado di malignità secondo la classificazione dell'OMS per i tumori del CNS) e ha la prognosi più favorevole. Più comune nell'età di 20 anni. La localizzazione più frequente è il cervelletto, i percorsi visivi, il tronco cerebrale. Il quadro clinico è caratterizzato da un aumento molto lento di entrambi i focali (a seconda della posizione del tumore) e dei sintomi cerebrali con un buon adattamento del corpo. Particolarmente caratterizzato da un lento aumento dell'idrocefalo occlusivo nei tumori del cervelletto e del tronco cerebrale. Diagnosi. Il tumore ha una caratteristica semiotica TC e MRI, che consente, insieme al quadro clinico, di diagnosticare prima dell'intervento chirurgico. Lo standard di esame preoperatorio di tali pazienti è una risonanza magnetica con miglioramento del contrasto. Trattamento chirurgico, lo scopo dell'operazione è la "rimozione totale" del tumore, che è spesso impossibile a causa della localizzazione (tronco cerebrale, ipotalamo). Previsione. Il tasso di sopravvivenza dei pazienti è spesso superiore a 10-15 anni, e quindi non ci sono valori esatti per la sopravvivenza a causa delle difficoltà nell'analizzare una storia così lunga di culto. Nota. Tra gli astrocitomi piloidi (spesso ipotalamici), vi è un piccolo sottogruppo di tumori con pronunciata "crescita invasiva" localmente e una tendenza a metastatizzare in spazi subaracnoidi.

Xanthoastrocitoma pleomorfo - un tumore raro (meno dell'1% di tutti gli astrocitomi), occupa una posizione intermedia nella serie di "malignità" a causa del suo comportamento dualistico (WHO-2). In alcuni casi, il tumore è ben delimitato e cresce lentamente con una prognosi favorevole. Nello stesso momento, i casi della sua trasformazione maligna con una prognosi sfavorevole sono descritti. Quadro clinico Molto spesso, il tumore si manifesta in giovane età e si manifesta con episindromia. Caratteristico è la localizzazione subcorticale superficiale e la tendenza ad impegnare i gusci adiacenti del cervello nel processo patologico (processo volumetrico "meningo-cerebrale"). Diagnosi: TC / RM. Trattamento chirurgico, lo scopo dell'operazione - "rimozione totale" del tumore, che è spesso realizzabile. Previsione. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è dell'81%, tra il 10 e il 70%. Un fattore prognostico indipendente è aumentato (più di 5 mitosi nel campo dell'alto ingrandimento) dell'attività mitotica. La maggior parte dei tumori con un decorso aggressivo sono caratterizzati da questo indicatore.

Riduzione. GBM - glioblastoma

ICD-10 • D43 Neoplasma di carattere incerto o sconosciuto del cervello e del sistema nervoso centrale • C71 Neoplasma maligno del cervello

Applicazione. Aspetti genetici • Due tipi di geni danneggiati sono registrati negli astrocitomi: •• gli oncogeni a dominante dominante, i prodotti proteici del gene accelerano la crescita cellulare; danno tipico - un aumento della dose del gene dovuta all'amplificazione o una mutazione attivante •• soppressori della crescita tumorale, i prodotti proteici del gene inibiscono la crescita cellulare; danno tipico - perdita del gene fisico o mutazione inattivante • Mutazioni: •• TP53 gene (* 191170, 17p13.1, Â) •• MDM2 (164585, 12q14.3-12q15, Â) •• CDKN1A (* 116899, 6p, Â ) •• CDKN2A e CDKN2B (9p21) •• CDK4 e CDK6 (12q13-14) •• EGFR (* 131550, 7, Â).

Astrocitoma anaplastico

L'astrocitoma anaplastico del cervello è una malattia molto pericolosa. Inoltre, è localizzato in uno dei principali organi umani - il cervello umano, l'astrocitoma è maligno. Che cos'è, dato che la medicina ora sta lottando con questa malattia, c'è qualche speranza per la guarigione, e per quanto tempo viviamo con questo tipo di malattia, vedremo questo articolo.

Secondo la classificazione dell'ICD, l'astrocitoma ha i seguenti codici:

  • C71 Tumore maligno localizzato nel cervello;
  • D43 Formazione di eziologia sconosciuta e carattere nel sistema nervoso centrale.

A proposito della malattia

L'astrocitoma anaplastico è un tipo di astroblastoma che si forma nel cervello, che spesso si trasforma in una forma maligna e ha un terzo grado di malignità. Un tumore si verifica nelle più piccole cellule cerebrali: gli astrociti. Gli astrociti sono cellule del sistema nervoso centrale. La loro funzione principale è quella di eseguire le funzioni di supporto e restrittive del corpo umano.

Ci sono due tipi di cellule nel cervello:

  1. Protoplasmatico - sono nella sostanza grigia del cervello;
  2. Fibroso - nella sostanza bianca del cervello. Il loro compito principale è quello di creare una connessione tra i vasi sanguigni e le cellule nervose.

Tipi di astrocitomi

  1. Astrocitoma subependimale di tipo pilocitico (piloide) o gigante. Questo tipo di tumore cresce lentamente, non si diffonde ad altri tessuti. Può formarsi nel cervelletto. Vicino al nervo ottico è localizzato principalmente nei bambini. Se la malattia viene diagnosticata in tempo, allora questo tipo di astrocitoma risponde bene al trattamento. Ci sono casi in cui un tumore diventa maligno;
  2. Xanthoastrocitoma pleomorfo, astrocitomi fibrillare, emistocitico, protoplasmatico, diffuso - appartengono al secondo grado di malignità.
  • Lo xanthoastrocitoma pleomorfo è una delle rare formazioni che si verificano spesso in giovane età. La divisione cellulare si verifica quando questo tipo di tumore è lento e non ha confini chiari. Si trova nella corteccia degli emisferi cerebrali. Se il tumore è benigno, rimane nel rivestimento del cervello e non consente metastasi. Ci sono casi della sua transizione a una formazione maligna;
  • Fibrillare: tra tutti gli astrocitomi, il grado 2 si presenta più spesso. La neoplasia ha un grado relativamente basso di malignità ed è ben curabile con la chirurgia. Proviene da cellule di astrociti di tipo fibrillare;
  • Emocitotico - quasi identico nelle proprietà istologiche con astrocitoma fibrillare. Differisce in presenza di cellule - istiociti nello spessore dell'astrocitoma fibrillare;
  • Diffuso - è intermedio tra il secondo e il terzo grado di malignità. Cresce lentamente senza alcun sintomo. Può formarsi in qualsiasi parte del cervello;
  1. Astrocitoma anaplastico e oligoastrocitoma: in questi tumori, le cellule perdono la loro somiglianza con il tessuto da cui hanno avuto origine. Il tumore non ha confini e può metastatizzare nel tessuto cerebrale. Anche con un trattamento intensivo, i medici danno un'aspettativa di vita non superiore a 5 anni. Gli oligoastrocitomi contengono cellule di vario tipo, pertanto sono indicate come forme miste. Questo tipo di cancro viene diagnosticato più spesso negli uomini sopra i 45 anni;
  2. Glioblastoma: gliosarcoma e glioblastoma a cellule giganti. Questo tumore maligno cresce rapidamente, diffondendosi a tutte le cellule cerebrali. Praticamente non curabile. Provoca forti mal di testa che non si placano, anche quando si assumono potenti antidolorifici. Anche dopo l'intervento, può continuare a crescere. Le metastasi possono raggiungere il midollo spinale e il midollo spinale, ma questo fenomeno è raro nella pratica medica.

Ogni nome elencato in medicina è considerato le fasi di questa patologia.

motivi

Non ci sono cause esatte dell'insorgenza e sviluppo dell'astrocitoma anaplastico. Gli esperti identificano diversi fattori che possono scatenare la malattia:

  1. Predisposizione genetica;
  2. Quando una violazione della catena di geni del DNA che sono associati con il cervello;
  3. Persone che sono state esposte a radiazioni o avvelenamento chimico;
  4. Esistono virus di tipo oncogenico, che possono portare alla comparsa di tumori;
  5. Diverse lesioni alla testa contribuiscono allo sviluppo di questa malattia.

sintomi

Un astrocitoma si forma all'interno del cranio e danneggia la struttura del cervello. Poiché la formazione può danneggiare diverse parti del cervello, i sintomi possono manifestarsi sia singolarmente che in combinazione:

  • Dopo il sonno, ci sono mal di testa, nausea, vomito, febbre;
  • Ci sono dolori negli occhi. La ragione di ciò potrebbe essere un aumento della pressione oculare;
  • Il paziente si sente stanco, debole;
  • Se questo tipo di carcinoma colpisce il lobo parietale sinistro, la parola è compromessa, la persona non ricorda le basi del conteggio, della scrittura;
  • Il lavoro del sistema cardiovascolare e degli organi respiratori può essere interrotto. Le conseguenze possono essere così gravi che una persona può cadere in coma;
  • Un tumore nel lobo temporale provoca allucinazioni visive e uditive nel paziente. Il paziente non riconosce le voci e i suoni che conosceva molto prima;
  • Possono verificarsi crisi epilettiche;
  • Quando un tumore appare nella parte frontale del cervello, i sintomi possono non apparire per molto tempo. All'inizio della malattia possono verificarsi convulsioni. Le funzioni motorie del corpo sono compromesse, cioè l'andatura cambia, le mani tremano;
  • La formazione di un tumore nel cervello posteriore può portare a una parziale paralisi degli arti;
  • Quando il tumore colpisce il lobo parietale, il paziente non può controllare il movimento delle braccia (non può essere allacciato o togliersi gli abiti);
  • Molto raramente, gli astrocitomi si formano nella parte posteriore della testa. In questo caso, il paziente è accompagnato da allucinazioni uditive e visive.

diagnostica

Nella fase iniziale, l'astrocitoma anaplastico del cervello si sviluppa in modo asintomatico. Può essere rilevato solo dall'esame. Esistono diversi metodi per rilevare un tumore:

  1. Uno dei metodi diagnostici più efficaci è la risonanza magnetica (MRI). Con questo metodo, puoi vedere l'immagine esatta del cervello, determinare lo stato del tumore;
  2. Se la condizione del paziente non consente una risonanza magnetica, viene eseguita una scansione TC del cervello. Questo metodo non consente di vedere il tumore nelle fasi iniziali e la diffusione delle metastasi. Per ottenere immagini di strutture cerebrali sullo schermo di un computer, viene utilizzata la radiazione a raggi X;
  3. Tomografia ad emissione di positroni. Con questo metodo, il glucosio radioattivo viene iniettato nella vena del paziente. Il risultato di questo studio è scansionato da un tomografo e si ottiene un'immagine a colori del cervello. Questo metodo diagnostico consente di determinare la posizione esatta del tumore e scegliere un metodo di trattamento;
  4. Una biopsia è un metodo diagnostico di laboratorio che raccoglie un biomateriale per l'esame. Per fare ciò, viene praticato un foro nel cranio e, sotto il controllo di dispositivi MRI o CT, viene inserito un ago sottile attraverso il quale viene prelevato un pezzo di tessuto. Dopo l'esame istologico del biomateriale, viene determinato il tipo di tumore e viene effettuata la diagnosi finale. Se esiste il rischio di complicanze, la biopsia non è raccomandata. In questo caso, la malattia viene diagnosticata mediante risonanza magnetica.

Trattamento con astrocitoma

L'intervento chirurgico per il cancro al cervello anaplastico è un'operazione piuttosto complicata. Ogni sezione del cervello è responsabile del corretto funzionamento di determinati processi nel corpo. Pertanto, il loro danno può portare alla disabilità o addirittura alla morte del paziente. Per rimuovere il tumore, viene eseguita la trapanazione del cranio e viene aperta una sezione di tessuto molle. Durante l'operazione vengono utilizzati MRI e TC, mappatura, neurosonografia a ultrasuoni, microscopi speciali che determinano i confini del tumore.

Se l'astrocitoma è maligno e la chirurgia è controindicata, il paziente viene sottoposto a chemioterapia o radioterapia. Nel periodo postoperatorio, viene prescritta anche la terapia di chemioterapia per eliminare le cellule tumorali rimanenti. Per il trattamento aggiuntivo, viene utilizzata la radiochirurgia, alla quale viene applicata un'alta dose di radiazioni al tumore.

Con un trattamento complesso, che è stato prontamente iniziato, le condizioni del paziente migliorano. Dopo la terapia, il paziente deve essere esaminato ogni sei mesi e deve essere eseguita una risonanza magnetica della testa.

I rimedi popolari, con questa diagnosi, sono praticamente inefficaci. Anche se una persona ha deciso di usarli, è necessario consultare uno specialista.

Video correlati: Astrocitoma

Prognosi e prevenzione

Non esiste una risposta definitiva alla domanda su quanto tempo una persona vivrà con questa diagnosi. Dipende da fattori come età, comorbilità, posizione del neoplasma, grado di metastasi, presenza di recidive.

Anche con l'individuazione della malattia nelle prime fasi della malattia, le previsioni di vita non superano i 10 anni. Nella seconda fase, il paziente vive per circa 7 anni, nella terza fase - il tasso di sopravvivenza è fino a 4 anni. Nell'ultima fase, con una terapia adeguata, la vita del paziente può essere estesa solo per un anno.

Sfortunatamente, non esistono misure profilattiche per prevenire gli astrocitomi. La cosa principale che i medici consigliano è di condurre uno stile di vita sano, mangiare bene e sottoporsi a una visita medica almeno una volta all'anno.

Previsione per la vita con gli astrocitomi del cervello

I cancri prendono la vita di centinaia di migliaia di persone ogni anno e sono considerate le più gravi di tutte le malattie esistenti. Quando a un paziente viene diagnosticato un astrocitoma del cervello, deve sapere di cosa si tratta e quale sia il pericolo della patologia.

L'astrocitoma è un tumore gliale, di regola, di natura maligna, formato da astrociti e capace di colpire una persona di qualsiasi età. Tale crescita tumorale è soggetta a rimozione di emergenza. Il successo del trattamento dipende da quale stadio è la malattia e da quale specie appartiene.

Cos'è questo disturbo?

Gli astrociti sono cellule neuroglial che assomigliano a piccole stelle. Regolano i volumi di fluido tissutale, proteggono i neuroni dagli effetti dannosi, forniscono processi metabolici all'interno delle cellule cerebrali, controllano la circolazione sanguigna nell'organo principale del sistema nervoso e disattivano lo spreco di neuroni. Se si verifica un malfunzionamento nel corpo, cambiano e non svolgono più le loro funzioni naturali.

Mutando, gli astrociti si moltiplicano in modo incontrollabile, formando una formazione tumorale che può apparire in qualsiasi parte del cervello. In particolare in:

  • Il cervelletto
  • Il nervo ottico
  • Materia bianca
  • Stem del cervello.

Alcuni dei tumori formano nodi con confini chiaramente definiti dell'attenzione patologica. Tale educazione tende a spremere tessuti sani e vicini, a metastatizzare e deformare le strutture cerebrali. Ci sono anche tali tumori che sostituiscono il tessuto sano, aumentano le dimensioni di una certa parte del cervello. Quando la crescita dà metastasi, si diffondono rapidamente attraverso il flusso del liquido cerebrale.

cause di

Dati precisi sui fattori che contribuiscono alla degenerazione del tumore delle cellule a forma di stella non sono ancora disponibili. Presumibilmente, l'impulso per lo sviluppo della patologia sono:

  • Esposizione radioattiva
  • Gli effetti negativi delle sostanze chimiche.
  • Patologie oncogeniche.
  • Immunità depressa.
  • Lesione cerebrale traumatica.

Gli esperti non escludono il fatto che le cause dell'astrocitoma potrebbero nascondersi in una scarsa ereditarietà, dal momento che i pazienti sono stati identificati come anomalie genetiche nel gene TP53. L'impatto simultaneo di diversi fattori provocatori aumenta la possibilità di sviluppare astrocitomi cerebrali.

Tipi di astrocitomi

A seconda della struttura delle cellule coinvolte nella formazione dei tumori, un astrocitoma può essere di natura normale o speciale. I soliti includono astrocitomi fibrillare, protoplasmatico ed emistocitico. Il secondo gruppo comprende astrocitomi cerebellari pilastici o pilloidi, subependimali (glomerulari) e microcisti.

Secondo il grado di malignità è diviso in questi tipi:

  • Astrocitoma pilocitario ben differenziato, malignità di I grado. Appartiene ad un numero di neoplasie benigne. Ha confini distinti, cresce lentamente e non si metastatizza nei tessuti circostanti. È spesso osservato nei bambini ed è ben curabile. Altri tipi di tumori di questo grado di malignità sono gli astrocitomi a cellule giganti subependimali. Si verificano in persone affette da sclerosi tuberosa. Sono caratterizzati da grandi cellule anormali con nuclei enormi. Simile ai tubercoli e localizzato nella regione dei ventricoli laterali.
  • Astrocitoma diffuso (fibrillare, pleomorfo, pilomixoide) del cervello, II grado di malignità. Impressiona le regioni vitali del cervello. Si trova in pazienti di età compresa tra 20-30 anni. Non ha contorni chiaramente visibili, cresce lentamente. L'intervento operativo è difficile.
  • Tumore anaplastico (atipico), grado III di malignità. Non ha confini chiari, è in rapida crescita, dà metastasi alle strutture cerebrali. Spesso colpisce uomini di mezza età e anziani. Qui, i medici danno previsioni meno confortanti sul successo del trattamento.
  • Malignità di grado IV di Glioblastoma. Appartiene a una neoplasia maligna particolarmente aggressiva, a crescita rapida, che cresce nel tessuto cerebrale. Più comune negli uomini dopo 40 anni. È considerato inoperabile e praticamente non lascia ai pazienti la possibilità di sopravvivere.

A seconda della posizione dell'astrocitoma sono:

  1. Sottotentoriali. Questi includono l'influenza del cervelletto e si trovano nella parte inferiore del cervello.
  2. Sopratentoriali. Situato nei lobi superiori del cervello.

I tumori più maligni ed estremamente pericolosi sono più comuni benigni. Rappresentano il 60% di tutte le malattie oncologiche del cervello.

Sintomi di patologia

Come ogni neoplasma, gli astrocitomi del cervello hanno sintomi caratteristici che sono divisi in generali e locali.

Sintomi comuni di astrocitoma:

  • Letargia, stanchezza costante.
  • Dolore alla testa Allo stesso tempo, sia l'intera testa che le sue singole sezioni possono ferire.
  • Convulsioni. Sono la prima campana allarmante della presenza di processi patologici nel cervello.
  • Disturbi della memoria e del linguaggio, disturbi mentali. Si verificano nella metà dei casi. Una persona molto prima dell'inizio dei sintomi pronunciati della malattia diventa irritabile, irascibile, o, al contrario, indolente, distratta e apatica.
  • Nausea improvvisa, vomito, mal di testa spesso accompagnante. Il disturbo inizia a causa della spremitura del centro vomito da parte del tumore, se si trova nel quarto ventricolo o nel cervelletto.
  • Stabilità compromessa, difficoltà a camminare, vertigini, svenimenti.
  • Perdita, o viceversa, aumento di peso.

Tutti i pazienti con astrocitoma a un certo stadio della malattia aumentano la pressione intracranica. Questo fenomeno è associato alla crescita del tumore o alla presenza di idrocefalo. Con crescite tumorali benigne, i sintomi sospetti si sviluppano lentamente e, con i pazienti maligni, il paziente svanisce in un breve periodo di tempo.

I segni locali di astrocitoma comprendono i cambiamenti che si verificano a seconda della posizione del focus patologico:

  • Nel lobo frontale: un forte cambiamento di carattere, oscillazioni dell'umore, paresi dei muscoli facciali, deterioramento dell'olfatto, incertezza, instabilità dell'andatura.
  • Nel lobo temporale: balbuzie, problemi con la memoria e il pensiero.
  • Nel lobo parietale: problemi di motilità, perdita di sensibilità negli arti superiori o inferiori.
  • Nel cervelletto: perdita di stabilità.
  • Nel lobo occipitale: deterioramento dell'acuità visiva, disturbi ormonali, ingrossamento della voce, allucinazioni.

Metodi diagnostici

Stabilire una diagnosi accurata e determinare il tipo e lo stadio di sviluppo della formazione del tumore aiuta la diagnostica strumentale e di laboratorio. Per avviare il paziente, un neurologo, un oftalmologo e un otorinolaringoiatra esaminano il paziente. L'acuità visiva è determinata, l'apparato vestibolare viene esaminato, lo stato mentale del paziente ei riflessi vitali vengono controllati.

  • Echoencephalography. Valuta la presenza di processi di volume anormali nel cervello.
  • Imaging a risonanza magnetica o computerizzata. Questi metodi diagnostici non invasivi consentono di identificare il focus patologico, determinare la dimensione, la forma del tumore e la sua posizione.
  • Angiografia con contrasto. Permette allo specialista di trovare anomalie nei vasi cerebrali.
  • Biopsia sotto controllo ecografico. Questa escissione di particelle minuscole, prese dal tessuto cerebrale "sospetto", per la loro ricerca di laboratorio e lo studio delle cellule tumorali per la malignità.

Se la diagnosi è confermata, il paziente oi suoi parenti sono informati su cosa sia un astrocitoma del cervello e come comportarsi in futuro.

Trattamento della malattia

Quale sarà il trattamento dell'astrocitoma del cervello, gli esperti decideranno dopo aver preso la storia e ricevere i risultati del sondaggio. Nel determinare il corso, che si tratti di terapia chirurgica, radioterapia o chemioterapia, i medici prendono in considerazione:

  • L'età del paziente.
  • Localizzazione e dimensioni dell'epidemia.
  • Malignità.
  • La gravità dei segni neurologici della patologia.

A prescindere dal tipo di tumore cerebrale (il glioblastoma è un altro o meno pericoloso astrocitoma), il trattamento viene eseguito da un oncologo e un neurochirurgo.

Attualmente sono state sviluppate diverse terapie, che sono utilizzate in combinazione o separatamente:

  • Chirurgico, in cui l'educazione cerebrale viene parzialmente o completamente asportata (dipende tutto dal grado di malignità dell'astrocitoma e dalla sua entità). Se la lesione è molto grande, dopo la rimozione del tumore sono necessari chemioterapia e radioterapia. Dagli ultimi sviluppi di scienziati di talento si nota la sostanza specifica che il paziente beve prima dell'operazione. Durante le manipolazioni, le aree danneggiate dalla malattia sono illuminate dalla luce ultravioletta, sotto la quale i tessuti cancerosi diventano rosa. Ciò semplifica enormemente la procedura e aumenta la sua efficacia. Per ridurre al minimo il rischio di complicazioni aiuta l'attrezzatura speciale: un computer o un tomografo a risonanza magnetica.
  • Radioterapia Mira a rimuovere un tumore mediante irradiazione. Allo stesso tempo, cellule e tessuti sani rimangono inalterati, il che accelera il recupero del cervello.
  • La chemioterapia. Fornisce la ricezione di veleni e tossine che inibiscono le cellule tumorali. Questo metodo di trattamento causa meno danni all'organismo rispetto alle radiazioni, quindi è spesso usato nel trattamento dei bambini. In Europa sono stati sviluppati farmaci mirati alla lesione stessa e non a tutto il corpo.
  • Radiochirurgia. È usato in tempi relativamente recenti ed è considerato un ordine di grandezza più sicuro e più efficace della radioterapia e della chemioterapia. Grazie ad accurati calcoli computerizzati, il fascio viene indirizzato direttamente nella zona cancerosa, che consente una minima irradiazione dei tessuti circostanti che non sono interessati da danni al tessuto e prolungano in modo significativo la vita della vittima.

Ricadute e possibili conseguenze

Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere un tumore, il paziente deve monitorare le sue condizioni, fare esami, essere esaminato e consultare un medico ai primi segnali di pericolo. L'intervento nel cervello è uno dei modi più pericolosi di trattamento, che in ogni caso lascia il segno sul sistema nervoso.

Le conseguenze della rimozione dell'astrocitoma possono manifestarsi in tali violazioni come:

  • Paresi e paralisi degli arti.
  • Deterioramento della coordinazione del movimento.
  • Perdita di vista
  • Lo sviluppo della sindrome convulsiva.
  • Anomalie mentali.

Alcuni pazienti perdono la capacità di leggere, comunicare, scrivere, avere difficoltà a compiere azioni elementari. La gravità delle complicanze dipende direttamente dalla misura in cui il cervello è stato operato e dalla quantità di tessuto rimosso. Anche la qualifica del neurochirurgo che ha eseguito l'operazione ha svolto un ruolo importante.

Nonostante i moderni metodi di trattamento, i medici danno previsioni deludenti ai pazienti con astrocitoma. I fattori di rischio esistono in tutte le condizioni. Ad esempio, un astrocitoma anaplastico benigno del cervello può improvvisamente degenerare in uno più maligno e aumentare di volume.

Nonostante la bontà della crescita patologica, tali pazienti vivono per circa 3-5 anni.

Inoltre, non è escluso il pericolo di metastasi, in cui le cellule tumorali migrano attraverso il corpo, infettando altri organi e causando processi tumorali in essi. Le persone con l'astrocitoma nell'ultima fase non vivono più di un anno. Anche il trattamento chirurgico non garantisce che la lesione non riprenda a crescere. Inoltre, una ricaduta è inevitabile in questo caso.

prevenzione

È impossibile assicurare contro questo tipo di tumore, così come altre malattie oncologiche. Ma puoi ridurre il rischio di gravi patologie seguendo alcune raccomandazioni:

  • Mangia Rifiuta cibo contenente coloranti e additivi. Includere nella dieta di verdure fresche, frutta, cereali. I pasti non dovrebbero essere troppo grassi, salati e piccanti. Si consiglia di cuocerli a vapore o cuocere a fuoco lento.
  • Assolutamente da rifiutare la dipendenza.
  • Andare a fare sport, essere più spesso all'aria aperta.
  • Evita stress, ansia e sentimenti.
  • Bere multivitaminici nel periodo autunno-primavera.
  • Evitare lesioni alla testa.
  • Cambiare il luogo di lavoro se è associato all'esposizione chimica o alle radiazioni.
  • Non rinunciare agli esami profilattici.

All'atto di manifestazione dei primi segni della malattia è necessario cercare l'aiuto medico. Più rapida è la diagnosi, maggiore è la possibilità che il paziente si riprenda. Se un astrocitoma si trova in una persona, non dovresti disperare. È importante seguire le istruzioni dei medici e sintonizzarsi su un risultato positivo. Le moderne tecnologie mediche consentono di curare tali malattie del cervello nelle fasi iniziali e massimizzare la vita del paziente.

Data di pubblicazione: 26/01/2018

Neurologo, riflessologo, diagnostica funzionale

Esperienza 33 anni, la categoria più alta

Competenze professionali: diagnosi e trattamento del sistema nervoso periferico, malattie vascolari e degenerative del sistema nervoso centrale, trattamento del mal di testa, sollievo delle sindromi dolorose.

Astrocitoma pilocitico: trattamento della malattia, sue cause e prognosi

Gli astrocitomi sono un tipo di OGM abbastanza comune (tumori cerebrali). Circa l'80% di queste formazioni è maligno e solo il 20% è benigno. Questi ultimi includono astrocitomi piloidi e pilocitici del cervello.

Cos'è l'astrocitoma pilocitico

Il sistema nervoso centrale è composto per circa il 40% da cellule gliali che si trovano tra i neuroni. Questi includono gli astrociti, che formano astrocitomi pilocitici. Un tumore appare quando la differenziazione, la crescita e la divisione delle cellule gliali sono disturbate. Di conseguenza, gli astrociti danneggiati (tumorali) iniziano a riprodursi, provocando la crescita della neoplasia.

A causa del fatto che il cervello limita il cranio, lo sviluppo di un tumore inizia a spremere il corpo e interromperne il funzionamento. Per questo motivo, l'educazione in questo settore è considerata maligna.

L'astrocitoma pilocitico è considerato il più benigno tra di loro. Tale educazione è caratterizzata da una crescita lenta (circa 10-15 anni).

Questo tipo di tumore viene spesso diagnosticato negli adolescenti e nei bambini piccoli. Si trova più spesso nelle parti inferiori del cervello: vicino al tronco (glioma gambo), cervelletto o vie visive.

L'esatto regime di trattamento per tali gliomi non è ancora abbastanza chiaro oggi. Alcuni medici suggeriscono la rimozione, altri ritengono che sia possibile curare la malattia senza un intervento chirurgico.

motivi

Lo sviluppo di questa malattia è raramente associato all'ereditarietà e la sua eziologia non è nota. La radiazione è uno dei fattori provocatori. Queste conclusioni provengono dal fatto che i tumori si trovano spesso in bambini e adolescenti sottoposti a radioterapia nel trattamento della leucemia.

Gli astrocitomi genetici si trovano solo nel 5% dei casi. Sono più comunemente osservati in persone con sindrome di Li-Fraumeni, malattia di Turkot e neurofibromatosi.

Le restanti ragioni non hanno prove sufficienti. Tali motivi includono l'impatto di condizioni ambientali avverse, radiazioni elettromagnetiche e ultraviolette, fumo, ecc.

classificazione

Gli OGM sono classificati in base al livello di malignità in 4 categorie. I primi 2 sono considerati relativamente benigni, e 3 e 4 sono maligni.

Una visione semplificata di questa classificazione:

  • glioblastoma - 4 cucchiai;
  • anaplastico - 3 cucchiai;
  • diffuso (fibrillare) - 2 °;
  • pilocitico - 1 cucchiaio.

Se non trattati, gli astrocitomi degli stadi 1 e 2 possono svilupparsi nel successivo.

Astrocitoma fibrillare

Questo tipo di neoplasma è il più comune. La struttura di tale tumore è rappresentata da astrociti fibrillari, pertanto ha ricevuto un tale nome.

Tale formazione nel cervello viene diagnosticata principalmente in pazienti di età compresa tra 30 e 37 anni, nonché nella forma piloide. Cresce nelle isole, nelle zone temporali e frontali. Nel 70% dei casi clinici, l'astrocitoma fibrillare può trasformarsi in una formazione maligna. In una tale situazione, la prognosi della vita può essere sfavorevole.

Astrocitoma pilocitico

Questa sottospecie di astrocitoma si sviluppa più spesso negli adolescenti e nei bambini piccoli. Questa formazione di astrociti è spesso localizzata nel tratto ottico, nell'ipotalamo e nella fossa cranica (tronco e cervelletto).

Differisce in lento sviluppo e delimitazione dai tessuti intatti. Il recupero dalla chirurgia si verifica nell'80% dei casi.

Astrocitoma delle cellule obesi sottependimali

È un makrouzel, con una superficie irregolare. Questa neoplasia si osserva principalmente nei pazienti con malattia di Bourneville (sclerosi tuberosa). Il più delle volte si verifica negli uomini e si trova nel laterale o nel quarto ventricolo del GM.

Xanthoastrocitoma pleomorfo

Un tumore raro che affronta prevalentemente i giovani. Situato nella corteccia del GM e cresce nel guscio del corpo. Un chiaro segno di trasformazione maligna è l'accumulo di cellule epiteliali. In questo caso vengono utilizzati metodi di radioterapia con ulteriore osservazione dinamica.

Astrocitoma anaplastico

Ha poche differenze rispetto ad altre forme e si riferisce all'III grado di malignità. È caratterizzato dalla comparsa di figure di mitosi, polimorfismo cellulare e localizzazione ravvicinata delle parti tumorali. Più comune nelle persone con più di 40 anni. Situato prevalentemente nei grandi emisferi del GM.

Si verifica meno frequentemente rispetto ad altre entità. Ciò è in parte dovuto alle difficoltà di diagnosi. Il tasso di sopravvivenza approssimativo per una tale neoplasia è di 3-4 anni.

glioblastoma

Questa è la neoplasia maligna più aggressiva. Fondamentalmente, questa patologia si sviluppa nelle persone di 40-60 anni. Glioblastoma è privo di contorni chiari, che complica il suo trattamento. Il tumore in rari casi fuori dal sistema nervoso centrale.

Tale tumore è caratterizzato dalla rapida insorgenza e dallo sviluppo dei sintomi della patologia. Il più delle volte si trova nelle aree temporali e frontali, un po 'meno spesso nel tronco o nel cervelletto.

Sintomi di patologia

Qualsiasi tumore nel GM ha sintomi simili, la differenza è solo in termini di dimensioni e posizione.
La sintomatologia generale della patologia è associata agli effetti tossici e irritanti dei prodotti di degradazione cellulare (cellule tumorali) e alla pressione intracranica che ha provocato.

Allo stesso tempo, il paziente soffre di mal di testa persistente, il suo appetito scompare, compare il capogiro, la memoria si deteriora. Esiste il rischio di attacchi epilettici. Nel corso del tempo, i sintomi si intensificano.

I sintomi focali dipendono direttamente dalla posizione del tumore e suggerisce quanto segue:

  • disturbi della funzione del linguaggio;
  • paralisi del braccio e della gamba su un lato;
  • visione doppia;
  • perdita di sensibilità in metà del corpo;
  • squilibrio e coordinazione motoria;
  • difficoltà a deglutire.

Il paziente interrompe gradualmente il pensiero logico e compaiono altri sintomi.

A seconda della localizzazione dell'istruzione, i sintomi saranno i seguenti:

  • parte frontale - sbalzi d'umore improvvisi, intorpidimento di un lato del corpo;
  • zona temporale - memoria alterata, coordinazione motoria e funzione del linguaggio;
  • lobo parietale - disturbi delle capacità motorie e sensoriali fini;
  • cervelletto - coordinazione ressa di movimenti, perdita di equilibrio;
  • regione occipitale - allucinazioni, problemi con la funzione visiva.

diagnostica

I principali tipi di sondaggi includono:

  • esame da un oftalmologo e un neurologo;
  • presa della storia;
  • risonanza magnetica;
  • in presenza di controindicazioni per la tomografia computerizzata RM è stata designata la scansione;
  • coagulazione;
  • ECG;
  • studio dei marcatori tumorali;
  • conteggio ematico biochimico e completo.

Esistono tecniche aggiuntive che vengono utilizzate nei casi in cui le principali non consentono di specificare la diagnosi. Questi includono angiografia, elettroencefalografia, PET GM con tirosina e metionina, ecc. La diagnosi è confermata utilizzando una biopsia finalizzata allo studio della composizione cellulare della neoplasia. Questa procedura viene eseguita con intervento chirurgico e in casi di emergenza. In conformità con i risultati ottenuti nel processo di biopsia, vi è un adeguamento del corso dell'operazione.

trattamento

I principali metodi terapeutici sono la rimozione chirurgica, la chemioterapia e la radioterapia. Senza biopsia e chirurgia, è quasi impossibile fare una diagnosi corretta e sviluppare un ulteriore regime di trattamento. La terapia del tumore deve essere complessa. Solo in questo caso, possiamo sperare in un risultato positivo.

A volte è impossibile rimuovere completamente il tumore, perché il rischio di danni ai tessuti adiacenti è alto. In tali situazioni, viene eseguita una resezione subtotale, in cui il tumore viene rimosso solo parzialmente.

Trattamento chirurgico

Il compito principale dell'operazione è eliminare il tumore risultante. Se ciò non è possibile a causa della crescita eccessiva dell'educazione, viene eseguita la chirurgia per ridurre il volume di cellule anormali.

Prima dell'operazione, il paziente beve una sostanza speciale che si accumula nell'astrocitoma e aiuta a discernere la neoplasia nell'ultravioletto (illumina il tumore in rosa). Ciò consente l'intervento più accurato senza intaccare il tessuto sano.

Radioterapia

È di due tipi:

  1. Interno. L'impatto è diretto esclusivamente sul tumore da una fonte esterna al corpo del paziente.
  2. Esterno. In questa procedura, gli elementi radioattivi vengono posizionati direttamente nel corpo del paziente accanto al tumore risultante.

Tale terapia comporta l'irradiazione ripetuta del sito tumorale. Il numero di sessioni varia da 10 a 30 ed è determinato in base al corso e alla natura della patologia. La dose totale di radiazioni non supera i 6000 kGy. La base dell'efficacia della radioterapia è solo il trattamento delle neoplasie. Gli specialisti dovrebbero riassumere la fonte di radiazioni in modo tale da non alterare il tessuto intatto.

Una buona alternativa alla radioterapia classica è la procedura stereotassica. Ha lo stesso principio di funzionamento della radiochirurgia.

chemioterapia

L'OGM per chemioterapia utilizzava farmaci che sopprimevano lo sviluppo di cellule maligne (tumorali). Ci sono due opzioni per tale esposizione - chemioterapia neoadiuvante e adiuvante.

L'adiuvante è usato in aggiunta all'intervento chirurgico e in assenza di segni oggettivi e soggettivi di educazione. Il compito principale di tale chemioterapia è eliminare le rimanenti cellule anormali e le metastasi.

La procedura neoadiuvante viene eseguita prima dell'intervento chirurgico per ridurre le dimensioni del tumore. La terapia con astrocitoma prevede l'uso di entrambi i tipi di chemioterapia.

Gli effetti chemioterapici adiuvanti vengono affrontati 2 settimane dopo la radioterapia. Allo stesso tempo vengono usati 3 mezzi:

  1. Lomustina. Il farmaco è un tipo citostatico con un complesso principio d'azione. La divisione delle cellule anormali è soppressa a causa della violazione della stabilità del DNA.
  2. Procarbazina. Un agente antitumorale efficace che interrompe la produzione di RNA e DNA. Inoltre, Procarbazina si accumula nelle cellule tumorali e si autoossidante.
  3. Vincristina. Il farmaco influenza la divisione cellulare e impedisce la formazione del fuso mitotico.

Con la ricorrenza della patologia stanno lottando con l'aiuto di Carmustin. Questo farmaco sopprime la sintesi nelle cellule, viola la divisione e la struttura del DNA.

radiochirurgia

Ora è la tecnica terapeutica più moderna volta a combattere i tumori maligni e benigni nel cervello.

Il principio della radiochirurgia si basa sull'uso di radiazioni ionizzanti (Gamma Knife, Cyber ​​Knife), assemblate in un fascio stretto e ad alta potenza. Durante la procedura, un casco speciale viene indossato sulla testa del paziente. Risultati positivi possono essere ottenuti in 1-2 sessioni.

Uno dei vantaggi di questa tecnologia è l'assenza di rischi inerenti all'intervento invasivo classico. Inoltre, la radiochirurgia non causa effetti collaterali e reazioni infiammatorie.

Rimedi popolari

Non esistono metodi popolari efficaci per il trattamento degli astrocitomi, ma gli erboristi compongono erbe curative che aiutano a tollerare più facilmente le sedute di chemioterapia e la radioterapia. A questo scopo usano mirtilli rossi, erica, arnica, vischio, melissa, menta, timo, origano, lettera iniziale.

Tale terapia richiede accuratezza, accuratezza e un approccio individuale, quindi per cominciare è meglio consultare il proprio medico.

Cliniche raccomandate

Dato che l'astrocitoma è una malattia pericolosa, il suo trattamento deve essere affrontato nel modo più responsabile possibile.

I dipartimenti di oncologia delle seguenti cliniche sono specializzati nel trattamento di questa patologia:

  1. Istituto statale per il bilancio dello stato Ospedale clinico №1.
  2. LRTS del Ministero della salute (centro di cura e riabilitazione).
  3. Clinical Hospital №85 FMBA.

Nei centri e nelle cliniche domestiche puoi ottenere un aiuto professionale, è più economico di un trattamento all'estero. Tuttavia, le istituzioni mediche straniere usano attrezzature più moderne. Quindi, molte persone con astrocitomi si rivolgono a Israele. Uno dei migliori e più popolari è Assuta.

Il trattamento in Germania (come in America) costa circa il doppio rispetto a Israele, ma le cliniche di tutti questi paesi usano la stessa attrezzatura.

prospettiva

La prognosi della patologia dipende dall'età del paziente, dalle dimensioni e dalla posizione dell'istruzione, dal regime terapeutico e dalle condizioni generali. Recidiva o ulteriore progressione degli astrocitomi spesso portano a disabilità o addirittura alla morte.

L'astrocitoma pilocitario ha la prognosi più favorevole rispetto a tutti gli altri astrocitomi. Secondo le statistiche, da questa patologia può essere curata in quasi il 100% dei casi. Dopo il trattamento c'è una lunga riabilitazione.

l'aspettativa di vita

Una prognosi negativa per un tumore simile dipende dal livello della sua malignità.

I termini approssimativi di sopravvivenza sono i seguenti:

  1. Piloidnaya. Circa l'80% dei pazienti vive più di 20 anni dopo la terapia.
  2. Diffuse. L'aspettativa di vita va dai 6 agli 8 anni.
  3. Glioblastoma e tumore anaplastico. La prognosi nella maggior parte dei casi è sfavorevole. Anche una terapia efficace aiuta ad aumentare l'aspettativa di vita di soli 1-2 anni.

Se un paziente ha una predisposizione genetica, allora dovrebbe proteggersi dai provocatori, come le radiazioni e le influenze chimiche, le cattive abitudini, ecc.

prevenzione

Dato il gran numero di cause di astrocitoma, è impossibile identificare le misure esatte di prevenzione di questa patologia.

La prevenzione è finalizzata alla ripresa complessiva:

  1. Dieta equilibrata Si raccomanda di evitare il consumo di cibi fritti e affumicati, cibi in scatola e grassi. Per fornire all'organismo nutrienti, vitamine e minerali essenziali, si consiglia di consumare più frutta e verdura possibile.
  2. La cessazione del fumo e l'alcol non solo aiuteranno a ridurre il rischio di sviluppare oncologia, ma anche a prevenire molte altre malattie.
  3. Rafforzare l'immunità.
  4. Prevenire lesioni al cranio. In caso di lesioni del cranio, è necessario sottoporsi a un esame approfondito anche in assenza di disagio, dal momento che Alcune patologie possono procedere senza alcun sintomo e solo uno specialista esperto con l'aiuto di moderne apparecchiature diagnostiche può rivelarle.
  5. Esami medici regolari

Inoltre, alcuni esperti suggeriscono che le radiazioni elettromagnetiche emesse da telefoni cellulari o linee elettriche ad alta tensione, possono provocare lo sviluppo di formazioni maligne e benigne nel GM. Tuttavia, questa teoria non ha prove.