Rischio di radiazioni Radiazioni e cancro

Il concetto di rischio è una misura del pericolo associato all'esposizione a vari fattori nocivi: naturali, creati dall'uomo, sociali. Le conseguenze possono essere diverse: dal danno leggero alla morte. Quando si parla di rischio di radiazioni, significa la probabilità che una persona e la sua progenie abbiano effetti dannosi. Poiché si accetta che la manifestazione di una serie di conseguenze avverse della radiazione non abbia una soglia, il concetto di livello accettabile (accettabile) di rischio è alla base del sistema di radioprotezione; Questo si riferisce al rischio di morte di una persona da malattie remote (cancro). Esiste un livello di cosiddetto rischio incondizionatamente accettabile accettato dalla società e che non richiede né la pianificazione né l'attuazione di misure protettive: una morte all'anno per milione di persone.

Una persona è costantemente esposta a varie fonti di rischio mortale, a molte delle quali la società è abituata e non le percepisce in modo drammatico. Quando si attraversa la strada c'è il rischio di salire sotto la macchina, ed è più alto se vengono violate le regole del traffico. Nella vita di tutti i giorni c'è il rischio di esplosione di una bombola del gas, sfondamento del tubo. Tuttavia, nessuno si rifiuta di muoversi, le persone continuano a cucinare sul fornello, aprire i rubinetti dell'acqua. Viene definito un "rischio accettabile" che bilancia la possibilità di conseguenze negative e benefici da un particolare tipo di attività. E l'osservanza di alcune regole ridurrà al minimo il rischio.

Una malattia così terribile, come il cancro, nella mente delle persone è spesso associata all'azione delle radiazioni. E infatti, le radiazioni possono essere la causa del cancro. Questo è solo che stanno sviluppando, a differenza, ad esempio, derivanti inevitabilmente sotto l'influenza di grandi dosi di radiazioni malattia, non al cento per cento di probabilità e si manifestano in pochi anni, ci sono effetti a lungo termine delle radiazioni.

Anche le persone che non sono mai state esposte alle radiazioni e che vivono in condizioni relativamente prospere soffrono di tumori maligni. Sarebbe troppo facile attribuire una malattia alle radiazioni, ma impedirebbe solo di trovare modi per chiarirne le cause.

rischio di radiazioni di comparsa del cancro è molto meno di quanto dall'esposizione a sostanze chimiche o cattive abitudini: se come un rischio accettabile era prinyatrisk, ravnyytakovo ° di fumare 20 sigarette al giorno, il limite di dose sarebbe stata fatta in questo caso 1 Sv, vale a dire mille volte più alto di adesso. Quando irradiato ad una dose di 10 mSv, cioè 10 volte il rischio annuale ammissibile, il rischio di cancro sarà di 125 casi per milione (oltre 10mila che si sono ammalati senza radiazioni). Questo è paragonabile alla morte per incidenti a casa, al lavoro, annegamento e decine o anche centinaia di volte meno probabilità di morire per un incidente stradale o per fumare.

La consapevolezza del concetto di "rischio accettabile" riguardo alle conseguenze dell'esposizione e all'azione di altri fattori ci consentirà di adottare un approccio equilibrato, per prendere decisioni importanti non a livello emotivo, ma a livello razionale.

Fattori sociali, economici e psicologici

Misure sociali ragionevoli, non meno di quelle mediche, possono minimizzare le conseguenze negative degli incidenti da radiazioni. Si ritiene che lo stato di salute umana di circa il 20% dipenda dall'eredità, allo stesso modo, dallo stato dell'ambiente; la maggiore dipendenza esiste nello stile di vita - 50%, lo stato di assistenza sanitaria contribuisce al 10%.

La cura per la salute delle persone colpite da incidenti da radiazioni, ovviamente, dovrebbe venire prima di tutto. Un'assistenza medica di alta qualità aiuterà a identificare e curare con successo non solo il cancro, ma anche altre malattie che non sono correlate alle radiazioni.

L'aumento della morbilità tra i "liquidatori" - partecipanti all'indomani dell'incidente alla centrale nucleare di Chernobyl, in larga misura può essere spiegato da ragioni non radiologiche: una diminuzione generale del tenore di vita nel paese, un cambiamento nella posizione degli specialisti qualificati nella società, una diminuzione dell'autostima. L'idea costantemente suggerita che tutti i disturbi sono associati con la radiazione solo aumento dello stress e ha portato a un peggioramento del benessere. È noto che lo stress riduce la capacità protettiva del corpo.

L'opinione che lo status della "zona inquinata" e dei pagamenti di accompagnamento giochino solo un ruolo positivo nella vita delle persone non è abbastanza giusto. Lo stress psicologico costante derivante dal vivere in condizioni di esposizione a basse dosi (a volte praticamente inesistenti) causa più danni. Le persone hanno paura di iniziare una famiglia se la sposa o lo sposo provengono da un villaggio "sporco"; nessuno comprerà prodotti agricoli coltivati ​​lì. La speranza per i benefici sociali porta alla passività; Accade che una persona cominci a fumare, sia attaccata a un bicchiere, e di conseguenza soffre solo la sua salute.

La sottovalutazione del rischio è pericolosa. Ma non meno pericoloso è la sua rivalutazione. È molto facile cancellare tutti i problemi, inclusa la salute, dall'effetto delle radiazioni e non cercare altre cause. E possono trovarsi in un'area completamente diversa, principalmente sociale. Se investi non solo nell'assistenza sanitaria, ma nello sviluppo della regione, nella creazione di nuovi posti di lavoro, ciò porterà ad un aumento del tenore di vita e, in definitiva, ad un miglioramento della salute della popolazione. Lo sviluppo economico, la creazione per l'uomo dell'opportunità di trovare l'uso delle sue forze è il compito più importante.

Aree radioattivamente contaminate

Se dopo il luogo dell'incidente è contaminato da radionuclidi, ma il livello di radiazione è così basso che la delocalizzazione non è richiesto, è necessario osservare le misure di sicurezza semplici che si gli esperti raccomandano SES locale.

Sostanze radioattive che danneggiano il corpo, distribuite principalmente con la polvere, così che lo slogan "Clean - the guarantee of health" diventa particolarmente rilevante. Nella vita di tutti i giorni, la migliore protezione sarà l'osservanza delle più comuni misure di igiene: dovresti asciugarti i piedi quando entri in casa su un tappeto bagnato, non camminare per strada

in pantofole, pulire i capispalla. Le camere devono essere arieggiate. È meglio farlo in tempo calmo, dopo la pioggia. E, naturalmente, è necessario fare la pulizia umida più spesso.

Il fallout radioattivo solitamente cade in modo non uniforme, formando "macchie". È necessario imparare dai dosimetristi se ci sono tali punti sul tuo sito, Ir ha sofferto

se bene. Ai punti di controllo, è necessario misurare il contenuto di radionuclidi nei prodotti catturati nel fiume da pesci, bacche e funghi raccolti nella foresta.

È necessario sapere se è possibile nuotare in un fiume, in quale foresta è meglio non entrare, su quali pascoli pascolare il bestiame. Se c'è evidenza di contaminazione radioattiva della foresta, il fiume - è opportuno astenersi dal camminare e nuotare. Allo stesso tempo, stare in natura fa bene alla salute, e la restrizione ingiustificata dei benefici non porterà.

Sarà necessario seguire alcune regole per lavorare sulle trame e tenere gli animali. L'esperienza dell'incidente di Chernobyl ha dimostrato che sistemi speciali per l'applicazione di fertilizzanti minerali e organici, tecniche di lavorazione del terreno e miglioramento radicale di prati e pascoli, sistemi di alimentazione animale e l'uso di additivi per mangimi riducono il contenuto di radionuclidi fino a 10 volte.

Il ruolo della nutrizione nella formazione della resistenza radio del corpo è noto. prodotti alimentari devono contenere gli amminoacidi essenziali, acidi grassi, vitamine (A, C, D, E, B6 e B12), elementi come cromo, iodio, calcio, magnesio, ferro, potassio, selenio, zinco. Si consiglia di mangiare più frutta - mele, prugne, ribes nero, uva spina. I succhi, specialmente con la polpa, aiuteranno il corpo a espellere i radionuclidi. Fagioli e piselli, grano saraceno e farina d'avena, le insalate danno anche al corpo i minerali e le vitamine necessari. Candy preferisce preferire marmellata e marshmallow, albicocche secche, prugne secche. È molto utile bere il tè verde.

Verdure e frutta devono essere lavati accuratamente e le foglie superiori devono essere rimosse dal cavolo. È meglio non friggere le patate, ma cuocere (ma non "in uniforme") - il contenuto di cesio radioattivo diminuirà del 60-80%. Prima di cuocere, la carne deve essere immersa fino a 12 ore in acqua salata con aceto, e il brodo non deve essere cotto dalle ossa, ma dalla carne; il primo decotto deve essere drenato. Il pesce è cotto allo stesso modo. Il grasso praticamente non contiene radionuclidi. I funghi, anche se sono "puliti", devono essere puliti, sciacquati e fatti bollire in acqua salata nel miglior modo possibile, cambiando il brodo tre volte. Frutta, verdura e funghi possono essere salati e decapati: la fermentazione, il decapaggio, il decapaggio portano ad una diminuzione del 15-20% delle sostanze radioattive e del 30-50% alla stufatura delle verdure. Le noci contengono un set completo di vitamine, minerali e quasi la stessa quantità di proteine ​​della carne, e la vitamina E ha proprietà radioprotettive. Il latte è un prodotto prezioso e sano, ma è più vantaggioso utilizzare i prodotti lattiero-caseari. Inoltre, questo inversa L mu nel latte trasformato contiene molto meno radionuclidi in crema e panna acida - in 4-5 volte, s cagliata - volte e3, burro fuso non contiene radionuclidi. Non dovresti essere portato via portando cibo in scatola - durante la lavorazione hanno perso molte qualità utili.

Nutrizione equilibrata, riposo adeguato, esami medici regolari, sport, smettere di fumare e alcol - tutto questo non solo proteggerà contro i possibili effetti delle radiazioni, ma migliorerà anche la salute.

Radiazioni ionizzanti e cancro

La carcinogenicità delle radiazioni ionizzanti è stata ripetutamente dimostrata negli studi epidemiologici condotti tra vari gruppi di popolazione esposti all'esposizione sul posto di lavoro, compresa la produzione nucleare, nel test di armi atomiche, a seguito di un incidente in una centrale nucleare, e infine nel bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki. Questi studi hanno dimostrato che le radiazioni ionizzanti provoca praticamente tutte le forme di cancro, ad eccezione per la leucemia linfocitica cronica, la malattia di Hodgkin (la malattia di Hodgkin), il cancro del collo dell'utero e della prostata.

L'osservazione a lungo termine di un gruppo di 93.000 persone sopravvissute al bombardamento atomico ha mostrato che l'aumento dell'incidenza dei tumori maligni è iniziato con la leucemia, il cui picco di incidenza è stato raggiunto 10 anni dopo l'esplosione. Il rischio associato all'esposizione è stato aumentato per la leucemia linfocitica acuta e mielocitica, nonché per la leucemia mielocitica cronica.

È stato anche notato un aumento significativo dell'incidenza del cancro alla tiroide tra i residenti di Hiroshima e Nagasaki, con il rischio che la malattia dipendesse dalla dose di radiazioni.

Un aumento dell'incidenza del cancro al seno è stato osservato 10 anni dopo l'esplosione.

Tra la popolazione sopravvissuta al bombardamento atomico, vi era anche un aumento del rischio di sviluppare cancro del polmone, dello stomaco, del colon, del fegato, dell'ovaio, della vescica e della pelle. Dei 41.791 residenti di Hiroshima e Nagasaki che hanno ricevuto una dose di esplosione superiore a 1cGy ed erano sotto osservazione per 35 anni, il 55,4% di tutti i decessi per leucemia e il 10,2% dei decessi da altri tumori maligni sono stati associati alla radiazione.

La più importante fonte di radiazioni per gli esseri umani è la radiazione di fondo naturale, che è un complesso di diversi tipi di radiazioni (2,4 mSv / anno). I suoi componenti sono raggi cosmici, la cui intensità varia a seconda dell'altezza sul livello del mare e delle radiazioni emesse dalla Terra, il cui livello dipende dal contenuto di elementi radioattivi nel suolo e dalle rocce, nonché dal radon. Le fonti di radiazione di fondo includono radionuclidi che si depositano nel corpo. Una persona riceve una dose diversa di radiazioni per tutta la vita da fonti utilizzate nella pratica medica per la diagnosi e il trattamento (0,3 mSv / anno).

I calcoli effettuati dal comitato scientifico dell'ONU per valutare gli effetti delle radiazioni atomiche hanno mostrato che la dose media annua effettiva di radiazioni nel mondo è 2,4 mSv.

Il modo più efficace per ridurre l'effetto delle radiazioni su una persona è limitarne l'uso per scopi medici.

APPLICAZIONE DI RADIAZIONI IONIZZANTI IN MEDICINA

Come risultato del monitoraggio di pazienti che erano spesso esposti a radiazioni, c'era un leggero aumento del rischio di sviluppare tumori maligni. Ad esempio, nelle donne con tubercolosi, un esame fluorografico frequente, utilizzato per controllare il pneumotorace - uno dei metodi di trattamento di questa malattia, ha portato 10-15 anni dopo l'inizio del trattamento per aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno, soprattutto se tale esame è stato condotto in bambini o adolescenti età. Allo stesso tempo, il rischio è rimasto elevato nei prossimi 50 anni.

La ghiandola mammaria è l'organo più radiosensibile. Inoltre, il grado di sensibilità radio dipende dall'età della persona: durante il periodo di crescita e di sviluppo, la radiosensibilità è superiore a 50 anni dopo. È stato dimostrato che l'irradiazione mammaria con una dose di 1 grigio aumenta il rischio di cancro di questo organo del 60%.

Un aumento del rischio di cancro al seno è stato segnalato nelle donne che hanno ricevuto radioterapia per mastite postpartum (infiammazione del seno) e altre malattie non neoplastiche. Allo stesso tempo, un aumento del rischio è stato osservato solo 10 anni dopo la radioterapia. Lo screening mammografico può portare a un lieve aumento del rischio di cancro al seno, ma allo stesso tempo può ridurre la mortalità per cancro del 25%.

La radioterapia per neoplasie maligne aumenta il rischio di un secondo tumore. Pertanto, i pazienti che hanno ricevuto radioterapia per cancro della cervice e del corpo dell'utero e della malattia di Hodgkin (malattia di Hodgkin), hanno un aumentato rischio di sviluppare leucemia e linfoma. La radioterapia per il cancro al seno può anche aumentare il rischio di cancro ai polmoni. Come risultato dell'analisi del ruolo della radioterapia nello sviluppo dei tumori secondari, si è concluso che le radiazioni ionizzanti sono responsabili del 5-10% di tutti i secondi tumori.

Tuttavia, è necessario prendere in considerazione il ruolo di quei fattori che hanno portato allo sviluppo del primo tumore. Nei bambini esposti al retinoblastoma è stato osservato un aumentato rischio di sviluppare tumori ossei, dei tessuti molli, del sistema nervoso centrale e del melanoma, ma è noto che il retinoblastoma è spesso associato ai tumori sopra menzionati.

Radiazioni e oncologia

Il 10% dei tumori è causato da radiazioni. Parlando di radiazioni e cancro, intendiamo radiazioni nucleari, solari ed elettromagnetiche. Il cancro della pelle, della tiroide, del polmone, del seno, così come il linfoma e la leucemia possono essere associati agli effetti delle radiazioni sulle cellule.

IMPORTANTE! Le principali emissioni identificate come cancerogene sono: radiazioni nucleari, raggi X, raggi gamma, inquinamento elettromagnetico, raggi solari e ultravioletti.

Contaminazione radioattiva Viviamo nell'ambiente della radioattività naturale presente sulla Terra e nello spazio. Trasportiamo elementi radioattivi in ​​noi stessi. Tale radioattività è inevitabile, e dal momento che l'umanità è nata, abbiamo coesistito con essa. Il progresso ci ha portato altre fonti di radioattività per le quali non eravamo pronti.

La radioattività genera un eccesso di radicali liberi che possono danneggiare il DNA cellulare.

Per quanto riguarda le radiazioni nucleari, è sufficiente ricordare Chernobyl per sapere in che modo le radiazioni influiscono sulla salute. Dopo la tragedia di Chernobyl del 1986, il numero di carcinomi tiroidei nella zona dell'incidente, soprattutto tra i bambini, è aumentato. Un aumento delle malattie tumorali in quest'area è associato al consumo di latte contaminato da iodio radioattivo rilasciato dopo un'esplosione nucleare. Il latte accumula le tossine meglio degli alimenti vegetali, perché le tossine si accumulano nei grassi.

Il radon è un gas radioattivo. A causa della sua alta densità, si concentra nei piani inferiori degli edifici. L'effetto principale del radon è attraverso le vie respiratorie.

Il radon è responsabile dell'insorgenza del cancro, specialmente dello stomaco e dei polmoni. Questo è il gas naturale, si forma durante il decadimento dell'uranio 238 (U238) - un elemento contenuto nel granito e nelle rocce. Il gas radon è presente nelle nostre case (scantinati scarsamente ventilati) e nell'acqua, specialmente nel caldo.

IMPORTANTE! Quando facciamo una doccia calda, la concentrazione di radon aumenta rapidamente, quindi dopo la doccia, è necessario aerare il bagno. La casa dovrebbe essere ventilata giornalmente, e soprattutto dopo la doccia.

Raggi X e raggi X. Gli esami che utilizzano il contrasto radioattivo e la TC, quando usati spesso nella diagnosi e nel trattamento, possono anche indurre il cancro. Il rischio di contrarre il cancro al seno è alto nelle donne che hanno avuto una radiografia del torace durante la pubertà, quando il seno è al massimo. Le mammografie possono anche portare al cancro al seno. Ma non preoccuparti, non c'è cancro da una singola radiografia. Non farti prendere dal panico. Questo è solo un avvertimento che l'abuso di raggi X può essere dannoso. È difficile immaginare il numero di pazienti che, al minimo livido o impatto, implorano il medico di fare una radiografia. I raggi X sono molto utili se giustificati dalla necessità.

Attraverso il cibo, assorbiamo la radioattività, principalmente attraverso quella che cresce sulla terra. Lo otteniamo non solo dal suolo, ma da prodotti artificialmente irradiati. Le patate irradiate specificamente ai tuberi non germogliano. La maggior parte delle radiazioni si accumula nei frutti di mare.

IMPORTANTE! I raggi UV del sole possono essere cancerogeni, causano tumori della pelle basale e squamosa della pelle, oltre all'invecchiamento precoce. Tuttavia, nonostante il rischio per la pelle, è molto utile essere al sole (ma non per molto tempo e con cautela), perché i raggi del sole contribuiscono alla sintesi della vitamina D, il nemico del cancro.

Inquinamento elettromagnetico La presenza di campi elettromagnetici a radiofrequenza può causare la mutazione del DNA. Le fonti di tali campi sono i telefoni cellulari.

IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) classifica i campi elettromagnetici a radiofrequenza (emessi dai telefoni cellulari) come possibili agenti cancerogeni (gruppo 2B).

IARC ci esorta a prestare attenzione all'uso dei telefoni cellulari a causa del possibile effetto cancerogeno. Questa nuova classificazione non sembra aver raggiunto i leader di paesi che non fanno nulla per mettere in guardia la popolazione e preservare la nostra salute.

Stai attento con i telefoni cellulari! Esistono studi che l'uso prolungato di un telefono cellulare può aumentare il rischio di un tumore al cervello.

Un gruppo di ricercatori israeliani ha notato un forte aumento nel paese del cancro della ghiandola parotide negli ultimi trenta anni, specialmente dal 2001. La ghiandola parotide, un tipo di ghiandola salivare, si trova vicino alla guancia dove solitamente si tiene il telefono durante una chiamata.

In uno dei lavori, svolti anche in Israele, si sostiene che il rischio di sviluppare il cancro della ghiandola parotide aumenta con l'uso di un telefono cellulare: del 34% con uso regolare per più di cinque anni e del 58% con oltre 5.500 chiamate.

Permettetemi di parlarvi di un caso insolito, pubblicato su Environmental Health Trust nel maggio 2012. I medici Robert On-Gurney e John West scrivono di una ragazza che non ha avuto alcun fattore di rischio per il cancro al seno, ma aveva l'abitudine di tenere il telefono in un reggiseno. La ragazza ha ottenuto un tumore al seno multifocale, cioè un tumore multiplo, la cui posizione coincideva completamente con la posizione di memorizzazione del telefono cellulare. Il caso, sia eccezionale, ci mette in guardia dagli effetti dannosi del telefono.

La maggior parte dell'inquinamento elettromagnetico viene generato dal telefono quando effettuiamo o riceviamo una chiamata e quando il segnale di rete è debole.

IMPORTANTE! Per evitare gli effetti dannosi di un telefono cellulare, non tenerlo vicino al corpo; prova a non parlare in piccole aree di copertura, metti da parte la chiamata fino a tardi; Non premere il dispositivo sull'orecchio, tenerlo lontano, specialmente quando sta suonando; usarlo il meno possibile; Utilizzare le cuffie o un auricolare wireless.

Quando acquisti un telefono cellulare, è consigliabile consultare l'indice SAR di questo modello. L'indice SAR è il livello di radiazione assorbita dal corpo quando il telefono invia un segnale alla rete. Per i telefoni fabbricati usando nuove tecnologie, l'indice SAR è più alto.

I bambini sono particolarmente sensibili a questi campi, quindi è meglio che non usino i telefoni cellulari. Le donne incinte dovrebbero ridurre il tempo di parlare al cellulare e non tenerlo vicino all'addome: il feto è suscettibile alle radiazioni.

I campi elettromagnetici interrompono la secrezione di melatonina, un ormone che è di fondamentale importanza per la regolazione dell'attività del nostro corpo. La melatonina viene rilasciata durante il sonno. Riducendo la sua secrezione contribuisce agli effetti nocivi dei radicali liberi e alla soppressione dell'immunità. Pertanto, i campi elettromagnetici dovrebbero essere evitati in primo luogo durante il riposo notturno. Cerca di non dormire accanto a un telefono cellulare.

Dobbiamo ridurre al minimo la dose di radiazioni elettromagnetiche ricevute, quindi, limitare il tempo di utilizzo di un telefono cellulare, anche se siamo così abituati che non possiamo farne a meno.

IMPORTANTE! UTILIZZO DEL TELEFONO CELLULARE

e la formazione, è particolarmente suscettibile alle radiazioni.

Radiazione in Oncologia: conseguenze

✓ Articolo verificato da un medico

Le radiazioni in oncologia o radioterapia vengono utilizzate con l'obiettivo dell'effetto dannoso delle radiazioni ionizzanti sulle cellule tumorali. Di conseguenza, i tumori maligni vengono distrutti a livello molecolare. Questo metodo di terapia ha dimostrato efficacia ed è ampiamente distribuito in medicina. Tuttavia, l'uso delle radiazioni in oncologia ha un numero di conseguenze negative che possono manifestarsi sia all'inizio della terapia che molto tempo dopo.

Radiazione in Oncologia: conseguenze

Descrizione del metodo

La radioterapia, o radioterapia, viene utilizzata per eliminare le formazioni tumorali di origine maligna e benigna, nonché per trattare le malattie non neoplastiche con l'inefficacia di altre terapie. La radiazione è indicata per la maggior parte dei pazienti oncologici con vari tipi di cancro. Può essere effettuato come metodo di trattamento indipendente e combinato con altri metodi: chirurgia, chemioterapia, terapia ormonale e così via.

L'obiettivo della radioterapia è la penetrazione delle radiazioni ionizzanti nella formazione patologica e la resa di un effetto distruttivo su di essa. L'effetto della terapia è dovuto all'elevata radiosensibilità delle cellule tumorali. Se esposti alle radiazioni, i processi trofici e la funzione riproduttiva sono disturbati a livello molecolare. Questo causa l'effetto principale della radioterapia, poiché il principale pericolo delle cellule tumorali risiede nella loro divisione attiva, crescita e diffusione. Dopo un po 'di tempo, i tessuti patologici vengono distrutti senza possibilità di recupero. Le formazioni particolarmente sensibili alle radiazioni includono linfomi, seminomi, leucemia, mieloma.

Aiuto! Durante la radioterapia, l'effetto negativo delle radiazioni si estende alle cellule sane, ma la loro suscettibilità ad esse è molto inferiore a quella delle cellule tumorali. Allo stesso tempo, la capacità di ripristinare nel tessuto normale è abbastanza alta rispetto ai focolai patologici. Pertanto, i benefici del trattamento prevalgono sulle sue possibili conseguenze.

La radioterapia non causa disturbi organici e funzionali negli organi, ma è il metodo principale nel trattamento delle malattie oncologiche. Abbastanza rapidamente elimina i sintomi della malattia, aumenta i tassi di sopravvivenza. Nel trattamento palliativo, migliora la qualità della vita dei pazienti gravemente ammorbidendo il quadro clinico della malattia.

Indicazioni per la radioterapia

Attenzione! L'età e le dimensioni del tumore influenzano direttamente l'efficacia dell'irradiazione. Più giovane è l'educazione, più facile è il trattamento. Pertanto, in questo caso, l'accesso tempestivo a un medico è di grande importanza.

Classificazione della radioterapia

Con lo sviluppo della tecnologia medica, i metodi migliorati di radioterapia, possono ridurre in modo significativo gli effetti negativi del trattamento e aumentare la sua efficacia. Sulla base della sorgente delle radiazioni ionizzanti, ci sono i seguenti tipi di radiazioni:

  • alfa, beta, terapia gamma. Questi tipi di radiazioni differiscono nel grado di penetrazione;
  • Terapia a raggi X: si basa sui raggi X;
  • terapia neutronica - effettuata con l'aiuto dei neutroni;
  • terapia protonica - basata sull'uso della radiazione protonica;
  • La terapia del mesone Pi è un nuovo metodo di radioterapia, nel quale vengono utilizzate particelle nucleari prodotte da apparecchiature specializzate.

Tipi di radioterapia

Sulla base dell'opzione dell'esposizione alle radiazioni nell'uomo, la radioterapia in oncologia può essere:

  • i raggi ionizzati focalizzati all'esterno (esterni) entrano attraverso la pelle usando un acceleratore lineare di particelle cariche. Di solito, un'area specifica per l'esposizione è determinata da un medico, in alcuni casi è prescritta l'esposizione totale del corpo;
  • interno (brachiterapia): una sostanza radioattiva è collocata all'interno della formazione o tessuto strettamente distanziato, neutralizzando le cellule anormali. Questo metodo è efficace nell'oncologia degli organi riproduttivi femminili, delle ghiandole mammarie e prostatiche. I suoi vantaggi sono l'effetto esatto sull'educazione dall'interno, mentre gli effetti negativi del trattamento sono praticamente assenti.

Principi della radioterapia

Il metodo è selezionato da un oncologo, in base alla posizione del tumore. Sviluppa anche un regime di trattamento individualizzato per massimizzare l'effetto delle radiazioni. In questo caso sono presenti i seguenti tipi di trattamento:

  • in alcune situazioni, la radioterapia sostituisce completamente le procedure chirurgiche;
  • trattamento adiuvante - in questo caso, la radiazione viene applicata dopo l'intervento chirurgico. Nell'oncologia del cancro al seno, questo schema non è solo efficace, ma anche preservativo di organi;
  • terapia di induzione (neoadiuvante) - l'uso della radiazione prima dell'intervento. Facilita e aumenta l'efficacia della chirurgia;
  • terapia combinata - radiazioni combinate con chemioterapia. Dopo questo intervento viene eseguito. La combinazione dei tre metodi consente di ottenere la massima efficienza, ridurre la quantità di procedure chirurgiche.

Radioterapia di tumori maligni

È importante! A volte la combinazione di chemioterapia e radioterapia è sufficiente per curare e la chirurgia non è necessaria (cancro del polmone, dell'utero o della cervice uterina).

Al fine di evitare il più possibile conseguenze negative della radioterapia, viene effettuata con precisione, evitando danni ai tessuti sani. A tal fine, nel processo di preparazione per la radioterapia, vengono utilizzati vari metodi per visualizzare l'educazione e lo spazio circostante.

Ciò causa un effetto diretto delle radiazioni sull'attenzione patologica, proteggendo le cellule sane. I seguenti metodi sono usati per questo:

  • Radioterapia con intensità modulata (RTMI): una tecnica moderna che promuove l'uso di dosi di radiazioni superiori rispetto alle radiazioni convenzionali;
  • La radioterapia sotto controllo visivo (PTAC) è efficace se applicata agli organi mobili, così come nelle formazioni vicine a organi e tessuti. Quando combinato con RTMI, trasporta il più accuratamente possibile la dose di radiazioni non solo per il focus patologico, ma anche per le sue singole sezioni;
  • radiochirurgia stereotassica - consegna accurata delle dosi di radiazioni attraverso l'imaging tridimensionale. Questo fornisce chiare coordinate della formazione, dopo di che i raggi sono puntati su di esso. Conosciuto come il metodo del coltello gamma.

Tipi di radioterapia

Dose di radiazioni

Gli effetti negativi della radiazione sono direttamente dipendenti dalla dose di radiazioni ionizzanti che entrano nel corpo umano. Pertanto, nella fase preparatoria della terapia, il calcolo accurato della dose è importante. Nel determinare il piano di trattamento individuale, vengono valutati diversi fattori:

  • dimensione e tipo di istruzione;
  • posizionamento esatto;
  • le condizioni del paziente, sulla base dei risultati di ulteriori studi;
  • la presenza di malattie croniche;
  • esposizioni precedenti.

Esami di radioterapia

Tenendo conto degli indicatori, i medici specialisti determinano la dose totale di radiazioni per l'intero corso e per ogni sessione, la loro durata e il numero, le pause tra loro e così via. La dose correttamente calcolata contribuisce alla massima efficacia del trattamento con la minima presenza di effetti collaterali indesiderati.

Conseguenze dell'esposizione in oncologia

La tollerabilità della radioterapia varia significativamente tra i pazienti. Alcuni pazienti manifestano effetti collaterali solo durante il periodo di trattamento, altri hanno conseguenze qualche tempo dopo di esso. Succede che i fenomeni negativi sono completamente assenti.

Reazioni e danni alle radiazioni

Tipicamente, la gravità degli effetti collaterali dipende dalla durata dell'esposizione e dalla sua dose. Interessato anche dalla localizzazione del cancro, dal suo stadio, dalle condizioni del paziente, dalla tolleranza individuale della procedura.

Gli effetti generali della radioterapia sono presentati nella seguente tabella.

PERCHÉ LA TERAPIA DELLA BAIA NON CURA IL CANCRO.

Di boletnebudu · Inserito il 18 ottobre 2018 · Aggiornato il 5 febbraio 2019

brevemente:

I tentativi di curare una persona con cancro con l'aiuto della radioterapia sono simili ai tentativi di curare un alcolizzato prescrivendolo come medicina per la vodka. È impossibile curare una persona di cancro da ciò che causa il suo sviluppo nel corpo.

Il danno della radioterapia per il corpo è il seguente:

  • La radiazione è cancerogena, è una delle cause del cancro nel corpo.
  • Le radiazioni portano al danno al DNA che causa il cancro a livello cellulare.
  • In quasi il 100% dei casi, la radioterapia porta allo sviluppo di nuovi tipi di cancro ricorrenti nel corpo negli anni successivi.
  • La radioterapia rende le cellule tumorali più aggressive e maligne e smettono di rispondere a ulteriori procedure.
  • La radioterapia non uccide le cellule tumorali staminali responsabili dello sviluppo e della crescita del cancro nel corpo.
  • La radioterapia fa sì che le cellule sane diventino cellule staminali cancerose.
  • La radioterapia danneggia gli organi sani che si trovano nelle vicinanze.
  • La radioterapia distrugge il sistema immunitario.
  • La radioterapia provoca una significativa perdita di massa ossea negli anni successivi e lo sviluppo dell'osteoporosi.
  • La radioterapia contribuisce allo sviluppo del linfodema.
  • La radioterapia può danneggiare i nervi, causando intorpidimento e dolore.
  • La radioterapia alla testa e al collo può danneggiare le tonsille, causando piaghe alla gola e alla bocca.
  • L'irradiazione dello stomaco e della regione pelvica danneggia l'intestino.
  • La radioterapia limita le opzioni ricostruttive per la ricostruzione del seno e può causare danni significativi al cuore, ai polmoni o qualsiasi altro organo nelle vicinanze.

Oltre a questi, la radioterapia ha molti altri effetti dannosi per la salute.

LEGGI DI PIÙ:

Il danno della radioterapia è che le radiazioni causano il cancro. Numerosi studi, incluso uno studio del 2007 pubblicato sulla rivista Cancro alla prostata e Malattie prostatiche, mostrano che i pazienti sottoposti a radioterapia, dopo aver subito un'operazione chirurgica, muoiono prima di quelli sottoposti a una sola operazione. Le radiazioni ionizzanti aumentano la mutazione cellulare e questo è un fatto provato e la mutazione cellulare porta allo sviluppo del cancro.

Non ci sono prove scientifiche che la radioterapia tratti il ​​cancro o prolunghi la vita dei pazienti.

Le radiazioni sono una delle fonti comprovate di cancro e la scienza è ben consapevole del fatto che le radiazioni portano allo sviluppo di tumori ripetitivi e danni ad altri organi, ad esempio, causando una significativa perdita di massa ossea. Ma nonostante il fatto che la radioterapia sia dannosa, rimane il modo più comune di "trattare" il cancro al seno, dopo la rimozione chirurgica del tumore. Come la chemioterapia, la radioterapia può fornire un aspetto di miglioramento a breve termine (ridurre le dimensioni del tumore), ma a lungo andare causa danni al corpo. In quasi il 100% dei casi, le persone che hanno subito radioterapia sviluppano tumori ripetuti.

Il danno alla radioterapia sta anche nel fatto che deprime il sistema immunitario e il sistema immunitario è la prima linea di difesa contro il cancro, qualcosa che aiuta a tenerlo sotto controllo. Le radiazioni distruggono il midollo osseo, che è la base del sistema immunitario. La radioterapia e la chemioterapia danneggiano le cellule e gli organi sani, indebolendo il corpo e spesso danneggiandolo nella misura in cui il paziente muore. La radioterapia distrugge fegato, reni, midollo osseo, cuore, sistema nervoso e immunità. E il cancro cresce e si metastatizza quando l'immunità viene distrutta. La sopravvivenza del cancro dipende direttamente dalla forza e dalla funzione del sistema immunitario. Se il sistema immunitario funziona bene, allora il corpo si curerà da sé (cosa che fa sempre, perché quando non siamo malati, questo è il risultato del sistema immunitario).

La chemioterapia e la radioterapia riducono notevolmente il livello di ossigeno nel sangue. La scienza sa che una cellula diventa cancerosa se vi è poca o nessuna presenza di ossigeno. Aumentare la quantità di ossigeno che entra nel sangue (ad esempio, per ossigenazione iperbarica) è uno dei modi efficaci ed economici per eliminare la causa del cancro. E la radioterapia, tra le altre cose, si sovrappone al meccanismo cellulare necessario per l'ossigenazione. Inoltre, riempie le cellule di tossine tossiche che disattivano gli enzimi respiratori necessari. Quando le cellule sane sono esposte a un tale impatto, hanno la possibilità di trasformarsi in cellule maligne. Che porta al successivo sviluppo del cancro.

LA RADIAZIONE RENDE IL CANCRO PIÙ AGGRESSIVO. RICERCA.

In uno studio pubblicato su Cancer Journey nel 2012, gli scienziati del Dipartimento di Radioterapia Oncologica dell'Università della California a Los Angeles hanno scoperto che la radioterapia porta effettivamente a un tumore maligno di grado maligno.

Hanno scoperto che anche quando l'irradiazione uccide metà delle cellule tumorali, le cellule staminali del cancro al seno sopravvissute formano tumori 30 volte più spesso di quelle che non sono esposte alle radiazioni. E smettono di rispondere a ulteriori procedure.

Quando la radiazione riduce un tumore, tutti pensano che sia d'aiuto, ma questa opinione potrebbe essere sbagliata. È possibile che la radiazione cambi solo il rapporto tra cellule benigne e maligne in un tumore (di solito non più del 5% delle cellule maligne in un tumore, il resto è benigno). L'esposizione alle radiazioni può portare a una diminuzione del numero di cellule benigne, che riduce la dimensione del tumore, ma non necessariamente uccide il maligno.

Nel 2012, la rivista Stem Cells ha pubblicato un articolo intitolato "Riprogrammazione indotta da radiazioni delle cellule del seno". In questo studio, gli scienziati hanno scoperto che le radiazioni ionizzanti riprogrammavano le cellule del cancro al seno meno maligne (più differenziate) nelle cellule staminali del cancro al seno. Cioè, l'irradiazione porta alla creazione di cellule super maligne resistenti al trattamento. Questo è simile ai super batteri di cui tutti hanno sentito parlare negli ospedali e che sono resistenti agli antibiotici.

Questo studio ha dimostrato che la radioterapia aumenta il numero di cellule staminali tumorali nella ghiandola prostatica, che alla fine porta a una ricorrenza del cancro e ad una prognosi aggravante.

L'irradiazione del torace, specialmente nel trattamento del cancro al seno, può anche causare danni significativi al cuore e alle arterie, portando a malattie cardiache.

Secondo uno studio della Harvard Medical School del 2009, la radioterapia può aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno a lungo termine. "Esiste un chiaro legame tra gli effetti delle radiazioni ionizzanti e lo sviluppo del cancro al seno, è uno dei fattori che influenzano il suo aspetto."

La radioterapia inizia lo sviluppo di tipi di cancro ricorrenti o completamente nuovi nel corpo. Le donne che decidono di sottoporsi a radioterapia spesso sviluppano successivamente tipi più gravi di cancro, come il cancro del polmone. Ciò è dovuto al fatto che l'irradiazione della ghiandola mammaria porta al danno al DNA che causa il cancro a livello cellulare.

In Olanda, è stato condotto uno studio che ha rilevato che il 90% di tutti i tumori ripetuti tra le donne (inclusi nello studio) inizialmente trattati per il linfoma di Hodgkin e sottoposti a radioterapia sono stati causati proprio dal passaggio di questa radioterapia.

DOSI DI RADIAZIONE PER TERAPIA DELLA TERAPIA DI FORMAZIONE

La radioterapia varia da 20 a 80 grigi, a seconda del tipo di tumore. Dato che anche 5 Grey può ucciderti, se applicato a tutto il corpo, allora la radioterapia non è focalizzata su tutto il corpo, ma sulla sua piccola area. 1 Il grigio nell'area irradiata causerà la perdita dei capelli, 10 Grigio - e i capelli potrebbero non ricrescere mai in quest'area.

Le ghiandole salivari, le ghiandole lacrimali, le ghiandole sudoripare e le mucose vaginali possono essere permanentemente danneggiate da più di 30 radiazioni grigie, che portano a secchezza cronica della bocca, secchezza degli occhi, secchezza della pelle e secchezza in altre parti del corpo per il resto della vita.

8 Il grigio nella zona ovarica conduce alla sterilità per tutta la vita.

ALTRE PROCEDURE MEDICHE PERICOLOSE IN MATERIA DI SALUTE RELATIVE ALL'IRRADIAZIONE

Oltre alla radioterapia, ci sono altre procedure mediche che espongono il corpo alle radiazioni in misura sufficiente ad avviare lo sviluppo del cancro nel corpo.

Le statistiche sul cancro mostrano che con l'introduzione della mammografia nel 1983 (dati per gli Stati Uniti), il cancro al seno tra le donne è aumentato significativamente. Casi di carcinoma incapsulato del condotto del latte, ad esempio, sono aumentati da allora di un fattore di 300. Maggiori informazioni sui pericoli delle mammografie e sui metodi sicuri per verificare la presenza di un cancro al seno possono essere trovati al link nell'articolo.

Un'altra procedura di cancro estremamente pericolosa e provocante è il passaggio della tomografia computerizzata. L'uso della tomografia computerizzata avviene ovunque e spesso in modo assolutamente irragionevole. Le riviste mediche affermano che la quantità di radiazioni che riceve una persona da un esame del genere è sufficiente per innescare un processo maligno nel corpo. La tomografia computerizzata è giustificata in caso di gravi danni d'organo dovuti a lesioni multiple. È meglio per le persone sane o per i malati di cancro sottoporsi a risonanza magnetica, che non irradia radiazioni a una persona e non causa tali danni alla salute, o PET-CT. I medici spesso chiedono ai pazienti oncologici di sottoporsi a TC durante e dopo il periodo di trattamento durante il periodo di osservazione, che è estremamente pericoloso per la salute del paziente e di per sé può causare tumori ripetuti.

CONCLUSIONI

La cosa più importante da ricordare sul danno della radioterapia è che, nonostante la possibile riduzione temporanea del tumore, non riduce il numero di cellule tumorali staminali circolanti. Le cellule tumorali staminali sono responsabili per l'insorgenza di tumori ricorrenti (a volte questo accade anni dopo che i medici dichiarano la remissione), per la crescita di nuovi tumori e metastasi.

Il danno alla radioterapia risiede anche nel fatto che danneggia gravemente il sistema immunitario e, al fine di guarire dal cancro, il sistema immunitario deve lavorare con tutta la sua forza.

La radioterapia può essere giustificata solo se una persona ha un tumore a crescita molto rapida di un tipo aggressivo di cancro. Quindi si può fare per fermare la crescita del tumore per un po '. Dopo di ciò, vale la pena iniziare immediatamente metodi alternativi e naturali per il trattamento dell'oncologia, che non danneggiano il corpo, uccidono le cellule tumorali (comprese le cellule staminali), ripristinano l'immunità (che non può essere curata senza un eccellente lavoro), rimuovono le tossine dal corpo e compensano la carenza esso.

Invece di esporsi alle radiazioni, pensa a cosa puoi fare e cosa cambiare in modo che il cancro non possa più sopravvivere nel tuo corpo.

Sul mio sito web potete leggere i metodi alternativi di trattamento dell'oncologia nella sezione PROTOCOLLI ANTIRACK, sulla dieta anti-cancro, vitamine e minerali, erbe, spezie e integratori raccomandati dagli oncologi naturopati in oncologia diagnostica, nonché sulle cause del cancro.

Autore dell'articolo: Irina Pravdina

Guarigione della Via Gerson, Charlotte Gerson

Mai più paura del cancro, Raymond Francis, D.Sc., M.Sc., RNC

Cancro. Passo fuori dagli schemi, Ty Bollinger

In che modo le radiazioni dei dispositivi mobili e domestici influiscono sul rischio di cancro

Domande sul possibile rischio cancerogeno di "inquinamento elettromagnetico" dell'ambiente, l'impatto sull'uomo di telefoni cellulari, computer, router WI-Fi oggi preoccupano molti. Il rischio di sviluppare il cancro è correlato alla diffusione delle radiazioni da numerosi dispositivi che circondano una persona?

Ogni secondo e tutto il giorno siamo esposti a onde chiamate "debole radiazione elettromagnetica" (EMR). Questa classe contiene un'enorme quantità di radiazioni elettromagnetiche da vari dispositivi, computer, forni a microonde, telefoni cellulari e altri dispositivi alimentati a elettricità. La radiazione della stessa potenza e lunghezza d'onda fornisce il solito cablaggio elettrico.

Tale radiazione, una persona, specialmente vivendo in un appartamento di città, divenne intensamente esposta a partire dalla metà del 20 ° secolo. Le radiazioni aumentano costantemente ogni anno. Tra tutte le persone, è possibile identificare coloro che sono particolarmente intensamente esposti a questi EMR deboli - persone che lavorano al computer, utilizzando attivamente un telefono cellulare.

Fino alla metà del 20 ° secolo, il cancro era una malattia abbastanza rara. Da allora, l'incidenza continua a crescere e oggi ha raggiunto proporzioni allarmanti. Ad esempio, in Russia ogni quarta persona ha il rischio di ammalarsi di cancro, se vive a 75 anni. Ci sono paesi in cui ogni terzo si ammala, ad esempio negli Stati Uniti. Certo, la gente pensa: a cosa può essere collegato? Si può presumere che vi sia una dipendenza diretta dell'incidenza con l'aumento di EMR a cui una persona è esposta.

La radiazione elettromagnetica influisce sul rischio cancerogeno?

Infatti, il cancro è una malattia polietiologica (da "poli" - un sacco e "eziologia" - una causa, cioè una malattia che si sviluppa per molte ragioni). Il cancro colpisce principalmente le persone anziane ed è associato ad una prolungata esposizione a fattori cancerogeni sull'apparato genetico della cellula. Moltissimi fattori cancerogeni hanno iniziato ad agire su una persona, o intensificati, anche nella metà del secolo scorso. L'inquinamento chimico e radioattivo dell'ambiente, la malnutrizione, l'aumento del numero di fumatori e molti altri motivi hanno portato a una tale situazione che l'incidenza del cancro ha iniziato a crescere. Isolare il ruolo dell'EMR debole in questo processo è molto difficile.

Negli ultimi decenni sono stati condotti numerosi studi che hanno valutato il rischio di una debole radiazione elettromagnetica. Il loro pericolo è stato dimostrato per due gruppi di persone:

  1. vivere vicino a linee elettriche
  2. lavorando su installazioni radar.

In questi casi aumenta il rischio di sviluppare leucemia, linfomi e tumori del sistema nervoso. Questi fattori sono particolarmente pericolosi per i bambini, in particolare durante lo sviluppo fetale. In questo gruppo, il rischio di sviluppare tumori cerebrali e leucemie aumenta durante l'infanzia. Sembra che la debole radiazione elettromagnetica sia selettiva: causa tumori sistemici e tumori del cervello e del sistema nervoso.

E qual è il rischio di contrarre il cancro per la maggior parte della popolazione?

Sono stati condotti studi che hanno confrontato l'incidenza tra residenti urbani e rurali - lì il rischio di sviluppare il cancro è più basso. Ma ancora una volta è impossibile isolare il ruolo di EMR, perché anche l'influenza di altri fattori cancerogeni è molto più bassa.

Gli esperimenti sugli animali (compresi quelli condotti presso il Centro di ricerca medica nazionale di oncologia intitolato a NN Petrov) si sono rivelati contraddittori. A volte il rischio di sviluppare la malattia è diminuito. Esiste un concetto di "effetto ormonale": quando i fattori nocivi agiscono su una persona in piccole dosi, allora può diventare resistente a questi effetti. Questo fu notato fin dal Medioevo e fu spesso usato dai guaritori della corte: davano veleni ai loro governanti in piccole dosi per sviluppare l'immunità al veleno e salvarli da possibili avvelenamenti.

Lo stesso accade a volte con fattori cancerogeni: quando esposto a EMR in piccole dosi, il rischio di cancro può diminuire e anche le condizioni di salute possono migliorare. L'effetto cancerogeno della radiazione UV e delle radiazioni ionizzanti è chiaramente dimostrato. Ma quando iniziarono a studiare persone che vivevano in aree con radioattività leggermente aumentata, si aspettavano che avrebbero aumentato l'incidenza del cancro, e fu ridotto in molte di queste regioni. Questo è dovuto all'effetto dell'ormesi.

L'ultravioletto, come è noto, causa il cancro della pelle, il melanoma, ma piccole dosi di raggi UV, non causano ustioni, al contrario, hanno un effetto curativo e possono ridurre il rischio di tumori della pelle. Forse, con EMR debole, si ottiene la stessa situazione contraddittoria: in alcune condizioni aumentano il rischio di sviluppare tumori e in alcuni possono addirittura ridurlo.

La radiazione elettromagnetica più pericolosa ad alta intensità. A casa è:

  • Forno a microonde
  • telefoni cellulari che una persona applica direttamente all'orecchio
  • computers.

Per quanto riguarda questi dispositivi, sono stati effettuati studi speciali ed è stato dimostrato che i forni a microonde con esposizione prolungata causano il cancro negli animali.

Quando simulavano situazioni e mettevano i telefoni sulla testa degli animali, avevano tumori al cervello. Dopo la pubblicazione di questi lavori negli Stati Uniti, si sono verificati numerosi processi di alto profilo, quando le persone che si ammalavano di tumori cerebrali hanno iniziato a presentare cause, alcune delle quali erano soddisfatte. Ma è stato successivamente deciso di non soddisfare tali affermazioni. Gli esperti si sono riuniti e hanno concluso che il rischio cancerogeno delle radiazioni telefoniche non è stato pienamente dimostrato.

Ad oggi, si possono trarre le seguenti conclusioni sull'EMR debole:

  1. Il loro rischio cancerogeno in termini di medicina basata sull'evidenza non è pienamente provato.
  2. Se esiste, allora è piuttosto debole rispetto ad altri fattori che influenzano l'abitante della città moderna.
  3. Ci sono situazioni in cui è dimostrato il rischio: vivere vicino a linee elettriche o lavorare con sorgenti di radiazioni ad alta intensità.

Come ridurre il rischio di cancro

Nella vita di tutti i giorni, l'uomo moderno è circondato da una varietà di dispositivi che semplificano la vita e senza i quali non può più fare. Ma allo stesso tempo, si preoccupa certamente di quali danni alla salute derivano dalla radiazione di un computer, router wi-fi, forni a microonde. Al fine di minimizzare il possibile pericolo, dovrebbero essere prese in considerazione e seguite diverse semplici regole:

  1. Dalle fonti di EMR non sta andando da nessuna parte, ma non abusare!
    Ha senso sbarazzarsi dell'abitudine di passare ore a parlare sul cellulare. Spegni i computer durante la notte. Accendendo il microonde, è meglio lasciare la cucina per un po '. Se possibile, rimuovere le sorgenti di radiazioni dalla camera da letto, spostarle lontano dal letto. È durante il sonno che gli effetti dannosi delle radiazioni su una persona sono più forti.
    Ricorda il principio di base: più lontano è il dispositivo, meno è il suo impatto.
  2. Per i bambini, EMP e altri fattori sono particolarmente pericolosi!
    Esistono standard per l'uso del computer per bambini e adolescenti. Per i bambini, l'optimum è un'ora al giorno o anche meno.
  3. Uno stile di vita sano, una dieta sana e la prevenzione del cancro - tutto ciò riduce l'effetto dei fattori cancerogeni su una persona, tra cui debole radiazione elettromagnetica.

Pubblicazione dell'autore:
BESPALOV VLADIMIR GRIGORIEVICH,
Responsabile del laboratorio scientifico del cancro chemiopropilassi e oncofarmacologia dell'istituzione di bilancio dello Stato federale "N. NN Petrova "Ministero della Salute della Russia, MD, Professore

Irradiazione in oncologia Che cos'è e le conseguenze

La radioterapia in oncologia è un metodo per il trattamento di malattie neoplastiche con radiazioni ionizzanti. Le conseguenze del suo molto meno dei benefici che porta nella lotta contro il tumore. Questo tipo di terapia viene utilizzato nel trattamento di metà dei pazienti oncologici.

La radioterapia (radioterapia) è un metodo di trattamento che utilizza un flusso di radiazioni ionizzate. Questi possono essere raggi gamma, raggi beta o raggi x. Questi tipi di raggi sono in grado di influenzare attivamente le cellule tumorali, portando alla distruzione della loro struttura, mutazione e, infine, morte. Sebbene gli effetti delle radiazioni ionizzate siano dannosi per le cellule sane del corpo, la loro suscettibilità alle radiazioni è inferiore, il che consente loro di sopravvivere nonostante l'irradiazione. In oncologia, la radioterapia influenza negativamente l'espansione dei processi tumorali e rallenta la crescita dei tumori maligni. L'oncologia dopo la radioterapia diventa meno problematica, poiché in molti casi si verifica un miglioramento delle condizioni del paziente.

Insieme alla chirurgia e alla chemioterapia, la radioterapia consente di ottenere un recupero completo dei pazienti. Sebbene la radioterapia sia talvolta utilizzata come unico metodo terapeutico, è più spesso utilizzata in combinazione con altri metodi di lotta al cancro. La radioterapia in oncologia (il feedback del paziente è generalmente positivo) è diventata un'area medica separata in questi giorni.

Tipi di radioterapia

La terapia a distanza è un tipo di trattamento in cui la fonte di radiazioni si trova all'esterno del corpo del paziente, a una certa distanza. La tomografia computerizzata può precedere la terapia a distanza, che consente di pianificare e simulare un'operazione in una forma tridimensionale, che consente di influenzare più accuratamente i raggi sui tessuti interessati dal tumore.

La brachiterapia è un metodo di radioterapia in cui la fonte di radiazioni si trova nelle immediate vicinanze del tumore o nei suoi tessuti. Tra i vantaggi di questa tecnica vi sono la riduzione degli effetti negativi delle radiazioni sui tessuti sani. Inoltre, con un effetto puntuale, è possibile aumentare la dose di radiazioni.

Al fine di ottenere i migliori risultati, in preparazione alla radioterapia, la dose necessaria di esposizione alle radiazioni viene calcolata e pianificata.

Effetti collaterali

La radioterapia in oncologia, le cui conseguenze si sentono a lungo per se stessa, è tuttavia in grado di salvare vite umane.

La reazione di ogni persona alla radioterapia è individuale. Pertanto, tutti gli effetti collaterali che possono verificarsi sono molto difficili da prevedere. Elenchiamo i sintomi più comuni:

  • Perdita di appetito La maggior parte dei pazienti lamenta uno scarso appetito. Nello stesso momento è necessario prendere il cibo in piccole quantità, ma spesso. Il problema della nutrizione in caso di mancanza di appetito può essere discusso con il medico. Il corpo sottoposto a radioterapia ha bisogno di energia e sostanze nutritive.
  • Nausea. Una delle principali cause di diminuzione dell'appetito è la nausea. Molto spesso, questo sintomo può essere trovato in pazienti che ricevono radioterapia nella zona della cavità addominale. Potrebbe anche verificarsi vomito. Il medico dovrebbe essere immediatamente informato sulla situazione. Forse il paziente avrà bisogno di una prescrizione antiemetica.
  • La diarrea. La diarrea si verifica spesso a seguito del trattamento con la radioterapia. In caso di diarrea, è necessario utilizzare il più fluido possibile per prevenire la disidratazione. Questo sintomo deve essere riferito anche al medico.
  • Debolezza. Durante il corso della radioterapia, i pazienti riducono significativamente la loro attività, provando apatia e sensazione di malessere. Praticamente tutti i pazienti che hanno subito un ciclo di radioterapia si trovano di fronte a questa situazione. I pazienti sono particolarmente difficili da visitare nell'ospedale, che deve essere fatto periodicamente. Per questo periodo non dovresti pianificare cose che tolgono forza fisica e morale, dovresti lasciare il tempo di riposo massimo.
  • Problemi di pelle 1-2 settimane dopo l'inizio della radioterapia, la pelle, che si trova nella zona di esposizione alle radiazioni, inizia ad arrossarsi e staccarsi. A volte i pazienti si lamentano di prurito e dolore. In questo caso, si dovrebbe usare l'unguento (come raccomandato dal radiologo), l'aerosol di Pantenolo, la crema e lozioni per la cura della pelle dei bambini, per abbandonare i cosmetici. Lo sfregamento della pelle irritata è severamente proibito. L'area del corpo in cui si è verificata l'irritazione della pelle dovrebbe essere lavata solo con acqua fredda, rifiutando temporaneamente di fare il bagno. È necessario liberare la pelle dall'influenza della luce solare diretta e indossare indumenti con tessuti naturali. Queste azioni contribuiranno ad alleviare l'irritazione della pelle e ridurre il dolore.

Effetti collaterali ridotti

Dopo aver completato un ciclo di radioterapia, il medico fornirà raccomandazioni su come comportarsi a casa, tenendo conto delle peculiarità del tuo caso, al fine di ridurre al minimo gli effetti collaterali.

Chiunque conosca la radioterapia in oncologia è ben consapevole delle conseguenze di questo trattamento. Quei pazienti che sono trattati con radioterapia per una malattia tumorale dovrebbero seguire le raccomandazioni del medico, promuovendo un trattamento di successo e cercando di migliorare il loro benessere.

  • Più tempo per riposare e dormire. Il trattamento richiede una grande quantità di energia aggiuntiva e puoi stancarti rapidamente. Lo stato di debolezza generale a volte dura altre 4-6 settimane dopo il completamento del trattamento.
  • Mangia bene, cercando di prevenire la perdita di peso.
  • Non indossare abiti aderenti con colletti o cinture strette in aree esposte alle radiazioni. È meglio preferire i vecchi semi in cui ti senti a tuo agio.
  • Assicurati di informare il tuo medico di tutti i farmaci che prendi in modo che possa tenerne conto durante il trattamento.

radioterapia

L'obiettivo principale della radioterapia è quello di esercitare il massimo effetto sulla formazione del tumore, influenzando minimamente altri tessuti. Per raggiungere questo obiettivo, il medico deve determinare esattamente dove si trova il processo del tumore, in modo che la direzione e la profondità del raggio ti consentano di raggiungere i tuoi obiettivi. Questa zona è chiamata il campo di radiazione. Quando viene eseguita l'irradiazione remota, viene applicato un segno sulla pelle, che indica l'area di esposizione alle radiazioni. Tutte le aree adiacenti e altre parti del corpo sono protette da schermi di piombo. Una sessione durante la quale la radiazione viene eseguita dura diversi minuti e il numero di tali sessioni è determinato dalla dose di radiazioni, che a sua volta dipende dalla natura del tumore e dal tipo di cellule tumorali. Durante la sessione, il paziente non avverte disagio. Durante la procedura, il paziente è nella stanza da solo. Il medico controlla il corso della procedura attraverso una finestra speciale o utilizzando una videocamera mentre si trova nella stanza accanto.

In base al tipo di neoplasma, la radioterapia viene utilizzata come metodo di trattamento indipendente o fa parte di una terapia combinata con intervento chirurgico o chemioterapia. La radioterapia viene applicata localmente per irradiare alcune parti del corpo. Spesso, contribuisce a una notevole riduzione delle dimensioni del tumore o porta a una cura completa.

durata

Il tempo per il quale viene calcolato il decorso della radioterapia è determinato dalla specificità della malattia, dalle dosi e dal metodo di irradiazione utilizzato. La terapia gamma dura spesso 6-8 settimane. Durante questo periodo, il paziente riesce a prendere 30-40 procedure. Molto spesso, la radioterapia non richiede il posizionamento del paziente in ospedale ed è ben tollerata. Alcune indicazioni richiedono la radioterapia in ospedale.

La durata del trattamento e le dosi di radiazioni dipendono direttamente dal tipo di malattia e dal grado di abbandono del processo. La durata del trattamento con irradiazione intracavitaria dura significativamente meno. Può contenere meno procedure e raramente dura più di quattro giorni.

Indicazioni per l'uso

La radioterapia in oncologia è utilizzata nel trattamento di tumori di qualsiasi eziologia.

  • cancro al cervello;
  • cancro al seno;
  • cancro cervicale;
  • cancro alla laringe;
  • cancro ai polmoni;
  • cancro al pancreas;
  • cancro alla prostata;
  • cancro spinale;
  • cancro della pelle;
  • sarcoma dei tessuti molli;
  • cancro allo stomaco.

Le radiazioni sono utilizzate nel trattamento del linfoma e della leucemia.

A volte la radioterapia può essere eseguita come misura profilattica senza evidenza di cancro. Tale procedura serve a prevenire lo sviluppo del cancro.

Dose di radiazioni

La dose di radiazione è la quantità di radiazioni ionizzanti assorbita dai tessuti del corpo. In precedenza, l'unità di dose di radiazioni era rad. Ora per questo scopo serve Gray. 1 Grigio è uguale a 100 radas.

Diversi tessuti tendono a resistere a differenti dosi di radiazioni. Pertanto, il fegato è in grado di sopportare quasi due volte più radiazioni rispetto ai reni. Se la dose totale viene suddivisa in parti e l'organo irradiato viene irradiato giorno dopo giorno, ciò aumenterà il danno alle cellule tumorali e ridurrà il tessuto sano.

Pianificazione del trattamento

Un oncologo moderno sa tutto sulla radioterapia in oncologia.

Nell'arsenale del dottore ci sono molti tipi di radiazioni e metodi di esposizione. Pertanto, il trattamento correttamente pianificato è la chiave per il recupero.

Durante la radioterapia esterna, l'oncologo applica una simulazione per trovare l'area di radiazione. Durante la simulazione, il paziente viene posizionato sul tavolo e il medico determina una o più porte di radiazione. Durante la simulazione è anche possibile eseguire la tomografia computerizzata o un altro metodo diagnostico per determinare la direzione della radiazione.

Le zone di irradiazione sono contrassegnate da speciali marcatori che indicano la direzione della radiazione.

In base al tipo di radioterapia scelta, vengono offerti corsetti speciali al paziente, che aiutano a fissare diverse parti del corpo, eliminandone il movimento durante la procedura. A volte vengono utilizzati speciali schermi protettivi per proteggere i tessuti vicini.

In base al risultato della simulazione, gli specialisti della radioterapia decideranno sulla dose di radiazioni richiesta, sul metodo di somministrazione e sul numero di sessioni.

dieta

Le raccomandazioni sulla nutrizione aiuteranno ad evitare gli effetti collaterali durante il trattamento o a ridurne la gravità. Questo è particolarmente importante per la radioterapia nel bacino e nell'addome. La radioterapia e la dieta in oncologia hanno una serie di caratteristiche.

Hai bisogno di bere molti liquidi, fino a 12 bicchieri al giorno. Se il liquido è ricco di zuccheri, deve essere diluito con acqua.

Pasto frazionario, 5-6 volte al giorno a piccole dosi. Il cibo dovrebbe essere facilmente digerito: dovrebbero essere esclusi i cibi contenenti fibre grossolane, lattosio e grassi. Una tale dieta è auspicabile per rispettare altre 2 settimane dopo il trattamento. Quindi è possibile introdurre gradualmente prodotti con fibre: riso, banane, succo di mela, purè di patate.

reinserimento

L'uso della radioterapia colpisce sia il tumore che le cellule sane. È particolarmente dannoso per le cellule che si dividono rapidamente (mucose, pelle, midollo osseo). L'irradiazione provoca radicali liberi nel corpo che possono danneggiare il corpo.

Il lavoro è in corso per trovare un modo per rendere la terapia radiante più mirata, in modo che agisca solo sulle cellule tumorali. Un coltello gamma è stato istituito per trattare i tumori del collo e della testa. Fornisce un effetto molto preciso sui tumori di piccole dimensioni.

Nonostante questo, quasi tutti coloro che hanno ricevuto radioterapia, in vari gradi, soffrono di malattie da radiazioni. Dolore, gonfiore, nausea, vomito, perdita di capelli, anemia - questi sintomi alla fine causano radioterapia in oncologia. Il trattamento e la riabilitazione dei pazienti dopo le sessioni di radiazioni sono un grosso problema.

Per la riabilitazione, il paziente ha bisogno di riposo, sonno, aria fresca, una buona alimentazione, l'uso di stimolanti immunitari, prodotti di disintossicazione.

Oltre alla compromissione della salute, causata da una grave malattia e dal suo duro trattamento, i pazienti soffrono di depressione. La composizione delle attività di riabilitazione spesso richiede l'inclusione di classi con uno psicologo. Tutte queste attività aiuteranno a superare le difficoltà che la radioterapia ha causato in oncologia. Recensioni di pazienti che hanno subito un ciclo di procedure, parlano degli indubbi benefici della tecnica, nonostante gli effetti collaterali.

Cancro dopo irradiazione

Le radiazioni (radioterapia, radioterapia, radioterapia) sono l'uso di radiazioni ionizzanti (raggi X, radiazioni gamma, radiazioni beta, radiazioni di neutroni) per danneggiare, distruggere, uccidere le cellule tumorali, nonché per fermare la crescita e la riproduzione di nuove cellule mutate. La radiazione è un trattamento localizzato che, di regola, colpisce solo quella parte del corpo dove è diretta la radiazione.

Come accennato in precedenza, dopo l'irradiazione, le cellule tumorali sono danneggiate, anche se le radiazioni nello stesso modo possono influenzare le cellule sane del corpo. Su questa base, il cancro dopo l'irradiazione può essere accompagnato da alcune complicazioni derivanti come effetti collaterali (a seconda della parte del corpo su cui è stata effettuata l'irradiazione, sulla posizione della neoplasia maligna).

Qual è il trattamento del cancro per radiazioni?

L'irradiazione è un metodo di trattamento del cancro con radiazioni ad alta energia (in particolare i raggi X). Il tipo di radiazione, così come la sua quantità, dovrebbe essere attentamente calcolato prima dell'inizio della terapia (in una quantità tale che la radiazione potrebbe danneggiare le cellule anormali) dal team di oncologi. Nel processo di trattamento dell'oncologia, l'irradiazione interrompe la divisione delle cellule tumorali e, di conseguenza, il loro numero diminuirà.

Benefici dell'esposizione

Come già sappiamo, l'obiettivo della radioterapia è distruggere le cellule mutate, riducendo al minimo il danno alle cellule sane. Inoltre, le radiazioni possono essere utilizzate per trattare qualsiasi tipo di oncologia, in quasi tutte le parti del corpo. In alcuni casi, le radiazioni possono essere somministrate come trattamento per il cancro separato. ma ancora più spesso è usato in combinazione con altri metodi di lotta contro il cancro.

L'irradiazione può essere effettuata sia prima che dopo il trattamento chirurgico (prima - per ridurre le dimensioni del tumore, dopo - per fermare la crescita delle cellule tumorali che potrebbero rimanere dopo l'escissione chirurgica di una neoplasia maligna). Può anche essere eseguito durante o dopo la chemioterapia o terapia ormonale al fine di migliorare i risultati complessivi.

Nonostante il fatto che tale trattamento venga talvolta chiamato radicale, la radioterapia è progettata per fornire un effetto a lungo termine per un paziente oncologico.

Questo trattamento palliativo ha lo scopo di ridurre le dimensioni del tumore, ridurre il dolore e alleviare altri sintomi del cancro. Inoltre, la radioterapia palliativa può prolungare la vita di un malato di cancro.

Cancro dopo l'esposizione - cosa aspettarsi? Conseguenze e complicazioni

Come già accennato, l'irradiazione può portare a danni e distruzione delle cellule normali, oltre a causare alcuni effetti collaterali nel processo di decomposizione delle cellule tumorali. La maggior parte di questi effetti collaterali sono temporanei, raramente gravi e non rappresentano una minaccia particolare per le condizioni generali e la vita del paziente. Ricorda, il medico non ti consiglierà di essere esposto se i rischi e le complicazioni superano contemporaneamente il risultato. Inoltre, il medico curante è obbligato a informarti se questo trattamento nel tuo caso può influire negativamente sulla tua salute e provocare determinate conseguenze. Tutte le informazioni necessarie che devi ottenere per iscritto.

Se una femmina è esposta alle radiazioni, in nessun caso dovrebbe essere nella posizione, poiché la radioterapia può danneggiare gravemente il nascituro, specialmente nei primi tre mesi di gravidanza. Il medico è obbligato a informarti su tutti i pro e i contro di questo trattamento, sulle possibili conseguenze e le complicazioni che possono insorgere dopo l'esposizione, oltre a fornire informazioni scritte su di esso.

Ogni paziente ha la sua risposta alle radiazioni, mentre molte persone non hanno praticamente alcun effetto collaterale. Gli effetti più comuni dopo l'esposizione al cancro sono:

  • Affaticamento e stanchezza
  • Nausea e vomito
  • Sensazione di fame e sete
  • Perdita di capelli
  • Danni alla pelle nel sito di esposizione

È importante sapere:

Radioterapia - Radioterapia

La radioterapia (radioterapia) è un metodo sicuro ed efficace generalmente accettato per il trattamento dei tumori maligni. I vantaggi di questo metodo per i pazienti sono indiscutibili.

La radioterapia assicura la conservazione dell'anatomia e della funzione degli organi, migliora la qualità della vita e il tasso di sopravvivenza, riduce il dolore. Per decenni, la radioterapia (RT) è stata ampiamente utilizzata nella maggior parte dei tumori. Nessun altro trattamento del cancro può sostituire un LT in modo efficace al fine di distruggere un tumore o alleviare il dolore e altri sintomi.

La radioterapia viene utilizzata nel trattamento di quasi tutte le neoplasie maligne. in qualunque tessuto e organo si manifestino. Le radiazioni in oncologia vengono utilizzate da sole o in combinazione con altri metodi, come la chirurgia o la chemioterapia. La radioterapia può essere effettuata al fine di curare completamente il cancro o alleviare i suoi sintomi quando la scomparsa di un tumore è impossibile.

Attualmente è possibile una cura completa in oltre il 50% dei casi di tumori maligni, per i quali la radioterapia è estremamente importante. Di norma, la radiologia in qualsiasi stadio della malattia richiede circa il 60% dei pazienti sottoposti a trattamento per il cancro. Sfortunatamente, nella realtà russa questo non accade.

Cos'è la radioterapia?

La radioterapia coinvolge il trattamento di neoplasie maligne con radiazioni ad alta energia. Un radiologo oncologo usa la radiazione per curare completamente il cancro o alleviare il dolore e altri sintomi causati da un tumore.

Il principio di azione delle radiazioni nel cancro si riduce a una violazione delle capacità riproduttive delle cellule cancerose, cioè alla loro capacità di riprodursi, con il risultato che il corpo si libera naturalmente di esse.

La radioterapia danneggia le cellule tumorali influenzando negativamente il loro DNA, con il risultato che le cellule non sono più in grado di dividersi e crescere. Questo metodo di trattamento del cancro è più efficace nella distruzione delle cellule che si dividono attivamente.

L'alta sensibilità delle cellule tumorali maligne alle radiazioni è dovuta a due fattori principali:

  1. si dividono molto più velocemente delle cellule sane e
  2. non sono in grado di riparare i danni così efficacemente come le cellule sane.

L'oncologo-radiologo può condurre la radioterapia esterna (esterna), la fonte di radiazione per la quale è un acceleratore lineare di particelle cariche (un dispositivo che accelera gli elettroni per formare raggi X o raggi gamma).

Brachiterapia - Terapia radiante interna

L'irradiazione nel cancro è possibile anche con l'aiuto di fonti radioattive che vengono collocate nel corpo del paziente (la cosiddetta brachiterapia o RT interna).

In questo caso, la sostanza radioattiva si trova all'interno di aghi, cateteri, granuli o conduttori speciali, che vengono temporaneamente o permanentemente impiantati all'interno del tumore o posti in prossimità di esso.

Per tutte le domande sulla radioterapia e i suoi interventi, chiamare:
+7 (499) 399-38-51

La brachiterapia è un metodo molto comune di radioterapia per il cancro alla prostata. utero e cervice o carcinoma mammario. Il metodo di radiazione colpisce il tumore dall'interno in modo così preciso che le conseguenze (complicazioni dopo la radioterapia sugli organi sani) sono praticamente escluse.

Per alcuni pazienti affetti da un tumore maligno, la radioterapia viene prescritta al posto della chirurgia. Allo stesso modo, il cancro della prostata e il cancro della laringe sono spesso trattati.

Trattamento di radioterapia adiuvante

In alcuni casi, la RT è solo una parte del piano di trattamento del paziente. Nei casi in cui la radioterapia in un tumore viene prescritta dopo l'intervento chirurgico, si chiama adiuvante.

Ad esempio, una donna può ricevere radioterapia dopo un intervento chirurgico di conservazione del seno. Ciò consente di curare completamente il cancro al seno e preservare l'anatomia del seno.

Induzione Radioterapia

Inoltre, è possibile condurre la radioterapia prima dell'intervento. In questo caso, si chiama neoadiuvante o induzione e può migliorare i tassi di sopravvivenza o rendere più facile per il chirurgo eseguire l'operazione. Esempi di questo approccio sono l'esposizione al cancro dell'esofago, del retto o del polmone.

Trattamento combinato

In alcuni casi, prima della rimozione chirurgica del cancro, LT viene prescritto al paziente insieme alla chemioterapia. Il trattamento combinato può ridurre la quantità di intervento chirurgico che potrebbe altrimenti essere richiesto. Ad esempio, per alcuni pazienti affetti da cancro della vescica, con la nomina simultanea di tutti e tre i metodi di trattamento, questo organo può essere completamente preservato. È possibile condurre contemporaneamente la chemioterapia e la radioterapia senza chirurgia al fine di migliorare la risposta locale del tumore al trattamento e ridurre la gravità delle metastasi (diffusione del tumore).

In alcuni casi, come il cancro dei polmoni, degli organi della testa e del collo o della cervice, tale trattamento può essere abbastanza sufficiente senza la necessità di un intervento chirurgico.

Poiché le radiazioni danneggiano anche le cellule sane, è molto importante che sia mirato precisamente nell'area del tumore. Minore è l'esposizione agli organi sani, minore è l'effetto negativo della radioterapia. Ecco perché, quando si pianifica il trattamento, vengono utilizzati vari metodi di imaging (imaging del tumore e dei suoi organi circostanti), che assicura un'erogazione accurata della radiazione al tumore, protezione dei tessuti sani vicini e riduzione della gravità degli effetti collaterali e complicanze della radioterapia in seguito.

Radioterapia a modulazione d'intensità - RTMI

Una più accurata corrispondenza della dose di radiazioni al volume del neoplasma è fornita da un moderno metodo di radioterapia conformazionale tridimensionale chiamata radioterapia ad intensità modulata (RTMI). Questo metodo di radiazione nel cancro consente di erogare in modo sicuro dosi più elevate al tumore rispetto alla RT tradizionale. Spesso, RTMI viene utilizzato in congiunzione con radioterapia sotto controllo visivo (PTBC), che assicura un rilascio estremamente accurato della dose di radiazioni selezionata a una neoplasia maligna o anche un'area specifica all'interno di un tumore. Gli sviluppi moderni nel campo della radiologia in oncologia, come il PTCA, consentono di adattare il corso della procedura alle caratteristiche degli organi soggetti a movimento, come i polmoni, nonché ai tumori che si trovano vicino a organi e tessuti vitali.

Radiochirurgia stereotassica

Altri metodi di consegna ultra-precisa della radiazione al tumore comprendono la radiochirurgia stereotassica. durante il quale viene utilizzata la visualizzazione tridimensionale per determinare le chiare coordinate della neoplasia. Successivamente, raggi X mirati o raggi gamma convergono su un tumore per distruggerlo. La tecnica Gamma Knife utilizza sorgenti di radiazioni al cobalto per focalizzare più raggi su piccole aree. Durante la radioterapia stereotassica, gli acceleratori di particelle lineari vengono anche utilizzati per fornire radiazioni al cervello. Allo stesso modo, è possibile il trattamento di tumori e altri siti. Tale radioterapia è chiamata radioterapia stereotassica extracranica (o CP corporeo). Questo metodo ha un valore particolare nel trattamento dei tumori polmonari. tumori del fegato e delle ossa.

La radioterapia viene anche utilizzata per ridurre il flusso di sangue a un tumore situato in organi ricchi di vasi sanguigni, come il fegato. Così, nel corso della chirurgia stereotassica, vengono utilizzate microsfere speciali riempite con un isotopo radioattivo, che ostruiscono i vasi sanguigni del tumore e ne causano il digiuno.

Per tutte le domande sul trattamento e il suo costo - chiama:
+7 (499) 399-38-51

Oltre al metodo di trattamento attivo del cancro, la radioterapia è anche un metodo palliativo. Ciò significa che LT può alleviare il dolore e la sofferenza dei pazienti con forme avanzate di tumori maligni. Le radiazioni palliative nel cancro migliorano la qualità della vita dei pazienti che soffrono di dolore intenso, difficoltà nel muoversi o mangiare sullo sfondo di un tumore in crescita.

Possibili complicazioni - effetti della radioterapia

La radioterapia per il cancro può successivamente causare effetti collaterali significativi. Di norma, il loro verificarsi è dovuto a danni a cellule sane durante l'irradiazione. Gli effetti collaterali e le complicanze della radioterapia sono generalmente cumulativi, cioè non appaiono immediatamente, ma entro un certo periodo dall'inizio del trattamento. Le conseguenze possono essere lievi o gravi, a seconda delle dimensioni e della posizione del tumore.

Gli effetti collaterali più comuni della radioterapia sono irritazione o danni alla pelle vicino all'area di radiazioni e affaticamento. Le manifestazioni cutanee comprendono secchezza, prurito, desquamazione, vesciche o vesciche. L'affaticamento per alcuni pazienti significa solo una leggera stanchezza, mentre altri si lamentano di un grave esaurimento e sono incoraggiati a sottoporsi a un ciclo di recupero dopo la radioterapia.

Altri effetti collaterali della radioterapia dipendono, di regola, dal tipo di tumore che viene trattato. Tali conseguenze includono calvizie o mal di gola in radiologia in oncologia: tumori della testa e del collo, difficoltà a urinare quando si irradiano gli organi pelvici, ecc. Per ulteriori informazioni sugli effetti collaterali, le conseguenze e le complicanze della radioterapia, si dovrebbe parlare con il proprio oncologo che può spiegare cosa dovrebbe essere previsto durante un trattamento. Gli effetti collaterali possono essere a breve termine o cronici, ma per molti non si verificano affatto.

Se il paziente ha subito un trattamento complesso a lungo termine, può essere necessario un recupero dopo un ciclo di radioterapia, ad esempio, se il corpo è intossicato. A volte per ripristinare una nutrizione adeguata, una quantità sufficiente di riposo. Con complicazioni più gravi, il restauro del corpo richiede assistenza medica.

Cosa attende il paziente durante il trattamento?

La battaglia contro il cancro (tumore maligno) è una grande sfida per ogni paziente. Prepararsi per una lotta difficile ti aiuterà a fornire brevi informazioni sulla radioterapia, presentate di seguito. Affronta le principali difficoltà e problemi che possono essere affrontati da qualsiasi paziente durante un corso di radioterapia o radiochirurgia stereotassica. A seconda del caso specifico della malattia, ogni fase del trattamento può diventare diversa.

Consulenza preliminare

Il primo passo nella lotta contro il cancro con la radioterapia è di consultare un oncologo-radiologo, specializzato in radioterapia per tumori maligni. L'oncologo, che ha diagnosticato il cancro, invia il paziente a un consulto con questo paziente. Dopo aver analizzato il caso in dettaglio, il medico sceglie uno o un altro metodo di radioterapia, che, a suo parere, è più adatto in questa situazione.

Inoltre, l'oncologo-radiologo determina un ulteriore metodo di trattamento, se è necessario, ad esempio, la chemioterapia o la chirurgia, e la sequenza e la combinazione di cicli di terapia. Il medico racconta anche al paziente gli obiettivi e i risultati programmati della terapia e lo informa sui possibili effetti collaterali che si presentano spesso durante il corso di RT. La decisione di iniziare la radioterapia deve essere presa dal paziente in modo sobrio e attento, dopo una conversazione approfondita con l'oncologo, che dovrebbe parlare di altre alternative di radioterapia. Le consultazioni preliminari con un oncologo-radiologo sono una grande opportunità per il paziente di chiarire tutte le domande sulla malattia e il suo possibile trattamento che rimangono poco chiari.

Per tutte le domande sulla radioterapia e il suo costo - chiama:
+7 (499) 399-38-51

Esame preliminare: visualizzazione del tumore

Dopo la consultazione preliminare, inizia una seconda fase ugualmente importante: esame mediante tecniche di imaging, che consente di determinare con precisione le dimensioni, il contorno, la posizione, l'afflusso di sangue e altre caratteristiche del tumore. Sulla base dei risultati ottenuti, il medico sarà in grado di pianificare chiaramente il corso del corso di radioterapia. Di norma, in questa fase, il paziente deve sottoporsi a tomografia computerizzata (TC), a seguito della quale il medico riceve un'immagine tridimensionale dettagliata del tumore in tutti i suoi dettagli.

Speciali programmi per computer consentono di ruotare l'immagine sullo schermo di un computer in tutte le direzioni, consentendo di visualizzare il tumore da qualsiasi angolazione. Tuttavia, in alcuni casi, l'esame nella fase di pianificazione della radioterapia non è limitato a una singola scansione TC. A volte sono necessarie ulteriori opzioni diagnostiche, come la risonanza magnetica (MRI), la tomografia ad emissione di positroni (PET), la PET-CT (una tecnica combinata PET e CT) e gli ultrasuoni (Ultrasuoni). Lo scopo di un ulteriore esame dipende da vari fattori, tra cui la localizzazione del tumore in un particolare organo o tessuto, il tipo di neoplasma e le condizioni generali del paziente.

Ogni seduta di radioterapia inizia con il posizionamento del paziente sul lettino. Allo stesso tempo, è necessario ricreare con assoluta precisione la situazione in cui il sondaggio preliminare è stato condotto utilizzando metodi di visualizzazione. Questo è il motivo per cui nelle fasi preliminari, in alcuni casi, i segni vengono applicati sulla pelle del paziente utilizzando uno speciale pennarello indelebile e talvolta piccoli tatuaggi delle dimensioni di una capocchia di spillo.

Questi segni aiutano il personale medico a mantenere l'esatta posizione del corpo del paziente durante ogni sessione di radioterapia. Nella fase di esame preliminare, a volte vengono effettuate misurazioni per la produzione di dispositivi di assistenza per la radioterapia. Il loro tipo dipende dalla posizione esatta della neoplasia. Ad esempio, nei casi di cancro degli organi della testa e del collo o dei tumori cerebrali, viene spesso effettuata una maschera rigida di fissaggio fissa e, per le lesioni degli organi della cavità addominale, un materasso speciale che corrisponde esattamente ai contorni del corpo del paziente. Tutti questi dispositivi assicurano che la posizione del paziente venga mantenuta durante ogni sessione.

Elaborazione di un piano di radioterapia

Dopo il completamento dell'indagine e l'analisi delle immagini ottenute, altri specialisti sono coinvolti nella preparazione di un piano di radioterapia. Di regola, è un fisico medico e dosimetristo. il cui compito è studiare gli aspetti fisici della radioterapia e la prevenzione delle complicanze (rispetto delle procedure di sicurezza) durante il trattamento.

Nel redigere il piano, gli esperti tengono conto di una varietà di fattori. Il più importante di questi è il tipo di neoplasia maligna, le sue dimensioni e posizione (inclusa la vicinanza agli organi vitali), esame aggiuntivo del paziente, ad esempio test di laboratorio (indicatori di formazione del sangue, funzionalità epatica, ecc.), Salute generale, presenza di malattie associate, esperienza nella conduzione di RT in passato e molti altri. Tenendo conto di tutti questi fattori, gli specialisti individuano il piano di radioterapia e calcolano la dose di radiazioni (totale per l'intero ciclo e dose per ogni seduta di radioterapia), il numero di sessioni necessarie per ottenere una dose completa, la loro durata e intervalli tra loro, gli angoli esatti a cui i raggi X dovrebbe cadere sul tumore, ecc.

Posizione del paziente prima dell'inizio della sessione di radioterapia

Prima di ogni sessione, il paziente deve cambiare in una camicia dell'ospedale. In alcuni centri di radioterapia, è permesso di essere nei tuoi vestiti durante la procedura, quindi, è meglio venire alla sessione in abiti larghi fatti di tessuti morbidi che non ostacolano il movimento. All'inizio di ogni sessione, il paziente viene posizionato sul lettino di trattamento, che è un divano speciale associato al dispositivo per la radioterapia. In questa fase, i dispositivi di assistenza (maschera di fissaggio, fissaggio, ecc.) Che sono stati fatti durante l'esame preliminare sono anche rafforzati sul corpo del paziente. La fissazione del corpo del paziente è necessaria per garantire la conformità della radioterapia (coincidenza esatta del raggio di irradiazione con i contorni del tumore). Il livello delle possibili complicazioni e conseguenze dopo la radioterapia dipende da questo.

La tabella procedurale può essere spostata. In questo caso, lo staff medico si concentra sulle etichette applicate in precedenza sulla pelle del paziente. Questo è necessario per l'accurata esposizione ai raggi gamma del tumore durante ogni sessione di radioterapia. In alcuni casi, dopo aver posizionato e fissato la posizione del corpo del paziente sul lettino, immediatamente prima della sessione di radioterapia stessa, viene eseguita un'istantanea aggiuntiva. Questo è necessario per rilevare eventuali cambiamenti che possono verificarsi dal momento del primo esame, ad esempio, un aumento delle dimensioni del tumore o un cambiamento nella sua posizione.

Per alcuni dispositivi LT, uno scatto di controllo prima della sessione è obbligatorio, mentre in altri casi dipende dalle preferenze dell'oncologo-radiologo. Se in questa fase gli specialisti rilevano eventuali cambiamenti nel comportamento del tumore, viene eseguita una correzione corrispondente della posizione del paziente sul tavolo di trattamento. Questo aiuta i medici a garantire che il trattamento abbia luogo correttamente e che il tumore riceva la dose esatta di radiazioni necessaria a distruggerlo.

Per tutte le domande sul trattamento e il suo costo - chiama:
+7 (499) 399-38-51

Com'è la sessione di radioterapia

Per la formazione di raggi X o raggi gamma, è responsabile un dispositivo chiamato acceleratore lineare di particelle mediche o semplicemente un acceleratore lineare. La maggior parte dei dispositivi di questo tipo sono dotati di un dispositivo enorme chiamato il gantry, che durante la sessione ruota continuamente attorno al tavolo del paziente, emettendo un segnale invisibile agli occhi e in nessun modo percepito dalla radiazione. Un dispositivo speciale e molto importante è incorporato nel corpo del gantry: un collimatore multilobe.

È attraverso questo dispositivo che si forma una speciale forma di fascio di raggi gamma, che consente al tumore di essere mirato con precisione da radiazioni a qualsiasi angolo, praticamente senza andare oltre i suoi limiti e senza danneggiare i tessuti sani. Le prime sedute di radioterapia hanno una durata maggiore rispetto alla successiva e durano circa 15 minuti ciascuna. Ciò è dovuto a difficoltà tecniche che possono sorgere durante il posizionamento iniziale del paziente sul lettino o alla necessità di immagini aggiuntive. Il tempo è necessario per rispettare tutte le regole di sicurezza. Le sessioni successive sono generalmente più brevi. Di norma, la permanenza del paziente nel centro di radioterapia ogni volta varia da 15 a 30 minuti, dal momento dell'ingresso nella sala d'attesa fino all'uscita dall'istituto medico.

Complicazioni e necessità di follow-up

La radioterapia è spesso accompagnata dallo sviluppo di effetti collaterali (complicazioni), la cui natura e gravità dipendono dal tipo e dalla posizione del tumore, dalla dose totale di radiazioni, dalle condizioni del paziente e da altri fattori. Gli effetti della radiazione gamma sono cumulativi, cioè si accumulano nel corpo, il che significa che il più delle volte indesiderabili e gli effetti collaterali, come gli effetti della radioterapia, compaiono solo dopo poche sedute. Questo è il motivo per cui è necessario mantenere sempre i contatti con il radiologo oncologo, sia prima della procedura che durante la procedura, dicendo al medico tutti i problemi di salute che successivamente accompagnano la conduzione della radioterapia.

Recupero dopo radioterapia con complicanze

Dopo la fine del corso di radioterapia, può essere richiesto il recupero del corpo, pertanto, l'oncologo deve redigere un programma di osservazione dinamica, che consentirà di tracciare gli effetti del trattamento e prevenire complicazioni e recidiva del tumore. Di norma, il primo consulto con uno specialista è richiesto 1-3 mesi dopo il completamento della RT, e gli intervalli tra le successive visite dal medico sono di circa 6 mesi. Tuttavia, questi valori sono condizionali e dipendono dal comportamento del tumore in ciascun caso specifico quando la consultazione può essere richiesta meno spesso o più spesso.

L'osservazione da parte di uno specialista dopo la fine della radioterapia consente il rilevamento tempestivo di una possibile recidiva di un tumore, che può essere evidenziato da alcuni sintomi che disturbano il paziente o da segni obiettivi che vengono rilevati dal medico. In questi casi, l'oncologo prescrive un esame appropriato, come esami del sangue, risonanza magnetica, TAC o ecografia, radiografie del torace, esame osseo o procedure specifiche più ristrette.

Il grado di misure per ripristinare il corpo dopo la radioterapia dipende dal grado di complicanze, intossicazione dei tessuti sani che sono stati esposti. Le cure mediche non sono sempre richieste. Molti pazienti non avvertono effetti e complicanze dopo la radioterapia, tranne che per l'affaticamento generale. Il corpo viene ripristinato in poche settimane con l'aiuto di una dieta equilibrata e riposo.

Sul trattamento di oncologia, radioterapia, recupero da complicanze
chiamaci a Mosca: +7 (499) 399-38-51
o scrivere a e-mail: questo indirizzo e-mail è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come ridurre al minimo gli effetti delle radiazioni dopo il cancro

La radioterapia dei tumori maligni viene raramente utilizzata come metodo di trattamento indipendente. Come la chemioterapia, questa è un'aggiunta alla chirurgia e ad altri interventi complessi.

L'esposizione alle radiazioni nel cancro è rilevante nei seguenti casi:

  • fase preparatoria prima dell'intervento chirurgico per ridurre il processo tumorale;
  • stadio postoperatorio, che viene utilizzato per rimuovere le cellule tumorali rimanenti. Aiuta con le operazioni radicali, così come dopo la rimozione parziale;
  • usato in aggiunta alla chemioterapia.

Molti tumori rispondono positivamente al processo di irradiazione, quindi questo metodo di trattamento è usato abbastanza spesso e porta buoni risultati. Ad esempio, per eliminare il cancro nei bambini: neuroblastoma, nefroblastoma, rabdomiosarcoma, linfoma non Hodgkin, la radioterapia è la soluzione migliore. Certo, molto dipende dalla sensibilità delle cellule al trattamento, dalle dimensioni del tumore e dalla sua natura.

Le radiazioni e la chemioterapia possono essere attribuite a tipi locali di trattamento, quindi le conseguenze si presentano nel sito di esposizione diretta. La prima reazione del corpo può essere seguita 3-4 giorni dopo la procedura.

Tipi di radioterapia

A seconda della posizione del tumore, viene selezionato il tipo appropriato di trattamento. L'irradiazione è più spesso usata nel cancro della prostata, nel retto. polmone, seno, cervice e lingua. In questi casi, la terapia porta il risultato più positivo.

Con radiazioni o radioterapia, viene utilizzata una tecnica di esposizione ad alta energia. Grazie a questo, è possibile ridurre il dolore o addirittura eliminare il cancro. Il principio di funzionamento è abbastanza semplice: i raggi ionizzati distruggono le funzioni riproduttive del cancro, il che esclude la possibilità della loro ulteriore riproduzione. Nel corso del tempo, il corpo umano inizia a liberarsi di cellule anormali in modo naturale. In questo contesto, c'è intossicazione e i cosiddetti effetti della radioterapia.

I principali vantaggi del trattamento con radiazioni sono i seguenti:

  1. l'irradiazione distrugge il DNA delle cellule tumorali, dopo di che perdono la loro capacità di dividere. Aiuta efficacemente a far fronte a tumori aggressivi;
  2. le cellule malate modificate non hanno il tempo di recuperare, quindi al loro posto i componenti sani iniziano a rigenerarsi.

La radioterapia può essere suddivisa in diverse sottospecie:

  1. brachiterapia. Ha un effetto interno e viene eseguito posizionando l'agente direttamente nell'area interessata. Per eseguire questo processo vengono utilizzati aghi e cateteri, mediante i quali vengono introdotti nel corpo speciali conduttori. I loro componenti sono posti nella parte interna del tumore o il più vicino possibile ad esso. Questo è il modo in cui viene trattato il cancro alla prostata. ghiandola mammaria o cervice. Le conseguenze dopo tale trattamento sono praticamente assenti, poiché la probabilità di impatto sui tessuti sani è ridotta al minimo. In alcuni casi, può sostituire l'operazione;
  2. radioterapia combinata con trattamento adiuvante. In questo caso, l'irradiazione funge da supplemento e non è il principale. Nominato dopo l'intervento chirurgico. Applicabile in caso di cancro al seno. Le conseguenze sono minime;
  3. radioterapia a induzione. È una misura preparatoria prima dell'intervento chirurgico. Gli indicatori generali migliorano, la crescita del tumore rallenta e parte delle cellule tumorali muore. Si verifica durante il trattamento del cancro del polmone, dello stomaco e del retto;
  4. serie di attività. Spesso, è semplicemente impossibile sbarazzarsi di qualsiasi singola terapia nel trattamento del cancro. Pertanto, i medici hanno imparato a combinare la radioterapia con la chirurgia o la chemioterapia e le radiazioni. Un notevole successo è stato raggiunto in questo settore. Grazie a questo approccio, è possibile ridurre il volume del componente chirurgico, mentre il periodo di recupero è significativamente ridotto. È inoltre possibile evitare la chirurgia radicale e mantenere almeno parzialmente l'organo interessato. Spesso combinare tutti e 3 i tipi di trattamento: chirurgia, chemioterapia e radioterapia. Quindi ferma la crescita delle metastasi. In caso di cancro cervicale. polmoni, la lingua può anche fare senza chirurgia. Abbastanza esposizione locale. Le conseguenze dipendono dallo scopo di una particolare specie, nonché dall'influenza del metodo scelto sulle cellule sane. Meno è, meno effetti collaterali sintomatici;
  5. radioterapia a intensità modulata. Nel caso di utilizzo di questo tipo di radiazioni, viene utilizzata una singola dose scelta a seconda della dimensione della formazione. La tecnologia consiste in un effetto conformale tridimensionale. Tale radioterapia consente al tumore di agire con dosi più aggressive rispetto al trattamento con radiazioni convenzionali. La terapia sembra adattarsi alla struttura di un particolare organo. L'uso è possibile per il cancro del polmone, della lingua, del retto;
  6. terapia stereotassica. Questo è un metodo moderno di trattamento, che viene eseguito utilizzando una grafica tridimensionale chiara. In medicina, è ampiamente noto come Gamma Knife. Raggi gamma o raggi X sono indotti sul tumore, che distrugge le cellule tumorali. Metodo particolarmente prezioso per il cancro del polmone.

effetti

Se è stata eseguita un'accurata diagnosi di radiazioni dei tumori, sono stati eseguiti tutti i test di laboratorio necessari e è stato diagnosticato un cancro, quindi è necessario iniziare il trattamento. In primo luogo, possono offrire chirurgia, chemioterapia e radioterapia per la preparazione. È sempre spaventoso prendere una decisione, perché le conseguenze possono essere imprevedibili. Vediamo cosa aspettarci dalla radioterapia.

Ogni organismo è individuale e la situazione con un tumore maligno in ciascun caso può essere molto diversa. Vengono utilizzati sia metodi diversi che dosaggi di farmaci. A volte il trattamento non porta il risultato giusto e devi cambiare tattica. La risposta dell'organismo è fortemente influenzata dalla durata dell'esposizione e dalla profondità di penetrazione del cancro.

Gli effetti collaterali dopo la radioterapia non sono sempre così gravi come sono descritti. Dopo tutto, vale anche la pena considerare la tolleranza individuale dell'organismo. Alcuni degli effetti sono evidenti immediatamente dopo la sessione, qualcuno avrà bisogno di diversi giorni per sviluppare i sintomi e chi non sentirà affatto l'effetto. La cosa principale è organizzare correttamente la terapia post-terapia e seguire le regole della nutrizione razionale.

Le complicanze più frequenti sono:

  • cambiamenti della pelle;
  • dolore nell'area degli effetti ionizzanti;
  • gola secca e, di conseguenza, tosse grave;
  • mancanza di respiro;
  • stanchezza;
  • pallore di mucose;
  • irritabilità e insonnia;
  • vomito, nausea, stitichezza, diarrea;
  • danno al cuoio capelluto.

La reazione della pelle

Indipendentemente dall'organo interessato nel corpo: che si tratti della lingua, della prostata, della ghiandola mammaria, del retto, dei polmoni o della cervice, la radioterapia ha un effetto distruttivo sulla resistenza dei tessuti molli a fattori esterni. La pelle diventa tenera, secca e sensibile. Ora avrà bisogno di cure individuali.

Nel sito di irradiazione, i tegumenti cambiano ombra, c'è una costante sensazione di disagio, dolore e sensazione di bruciore. L'effetto della radiazione è molto simile ai raggi del sole, che influenzano l'epitelio superficiale e formano ustioni. Ulcere, vesciche appaiono sulla pelle che può aprire e sanguinare. Guarisci queste ferite abbastanza forte. Se non ti prendi cura della pelle e non tratti le conseguenze, allora un'infezione può arrivare nelle aree colpite. Questo è un processo molto più complicato. Spesso ci sono ulcere. Ciò si verifica in un contesto di ridotta immunità e diabete.

La reazione sulla pelle appare 10 giorni dopo la procedura. Quindi, quando l'area della testa viene irradiata, la pelle del viso è interessata dal cancro della lingua, nel cancro al polmone e al seno, il corpo diventa coperto da eruzioni rosse e quando la cervice, il retto e la prostata si gonfiano, l'inguine e le gambe iniziano a marcire. Le complicazioni scompaiono entro 4 settimane dopo il completamento della procedura.

Ci sono 3 stadi di lesioni della pelle:

  1. nella prima fase c'è un leggero rossore;
  2. il secondo è caratterizzato da gonfiore, arrossamento e grave secchezza;
  3. la terza fase è la più grave e si manifesta in edema e eczema mal curativo.

Il primo stadio non richiede un trattamento speciale. Hai solo bisogno di seguire attentamente le regole di base dell'igiene personale. Nella seconda e terza fase, può verificarsi prurito, che la crema di corticosteroidi aiuterà a far fronte. Al fine di eliminare la possibilità di infezione, è necessario utilizzare medicazioni antibatteriche.

Per determinare l'infezione delle ferite è abbastanza semplice:

  • sensazione di dolore nell'area del rossore;
  • gonfiore dei tessuti molli;
  • la temperatura può salire;
  • accumulo di liquido in eccesso nella ferita;
  • odore marcio e sgradevole.

Lesione delle vie respiratorie

L'irradiazione di un tumore della lingua, della mammella, dei polmoni può causare mancanza di respiro, tosse. Gli effetti possono anche comparire dopo diversi mesi dopo l'irradiazione. Stanchezza generale, febbre e infezione - queste sono le possibili complicazioni dell'apparato respiratorio. Come trattamento, il medico può suggerire:

  • eletroforez;
  • inalazione;
  • terapia magnetica;
  • massaggio speciale;
  • ginnastica.

Lesione e affaticamento della mucosa

Tale conseguenza può verificarsi nel cancro della lingua, della prostata, del polmone, del retto, del seno, della cervice. Questa è una normale reazione alle radiazioni. Pertanto, il normale funzionamento degli organi, della gola secca e del solletico si deteriorano.

L'affaticamento dopo la radioterapia non passa per molto tempo, quindi il paziente ha bisogno di riposo costante, alimentazione adeguata e sforzo fisico moderato. È necessario evitare un lungo lavoro, è meglio abbandonare il duro lavoro.

Tumore maligno in un bambino

L'alimentazione con chemioterapia e esposizione alle radiazioni richiede un'attenzione speciale. Per normalizzare la dieta è meglio escludere cibi piccanti, carni affumicate, bevande gassate e cibi fritti. Il grasso e la caffeina della confetteria sono molto dannosi. La frequenza dei pasti dovrebbe essere di almeno 4 volte al giorno. Una buona alimentazione dovrebbe essere integrata con abbastanza liquido.

Nutrizione dopo chemioterapia

Quali prodotti preferire con la radioterapia? Quale dovrebbe essere il cibo?

  1. Dopo l'intervento chirurgico, i tumori della lingua, il retto è meglio dare la preferenza ai cibi morbidi. Si tratta di zuppe di purea, verdure tritate e alimenti per l'infanzia;
  2. per il cancro del polmone, della mammella, della cervice, della prostata, è sufficiente regolare la nutrizione, ma non è necessario tritare i prodotti in modo specifico. Solo se il paziente stesso ne ha bisogno;
  3. un corpo indebolito ha bisogno di prodotti a base di carne: lingua di manzo, cuore, fegato, pollame, tacchino;
  4. è meglio usare il pesce di mare;
  5. uova di quaglia e latticini satureranno gli organi con il calcio;
  6. verdure, frutta e verdura ripristinano i livelli di emoglobina e arricchiscono il corpo con la fibra;
  7. frutta secca, semi e noci;
  8. gli oli vegetali sono una fonte di vitamina E.

Indipendentemente dal metodo di trattamento scelto: chemioterapia, chirurgia, radioterapia, devi essere più attento alle tue condizioni, ascoltare ogni allarme e non disperare mai.

Se c'è qualche sospetto di tumore o cancro, dovrebbe essere consultato un oncologo.
Iscriviti per un consulto al link.

Radioterapia in oncologia

La radioterapia in oncologia è uno dei trattamenti più efficaci per vari tipi di cancro. Si basa sull'effetto delle radiazioni ionizzanti create da un dispositivo speciale con una forte sorgente radioattiva. Non solo aiuta a ridurre la dimensione del tumore, ma anche a eliminarlo completamente.

Tipi di radioterapia

La radioterapia è spesso usata in oncologia, perché fornisce un'opportunità per "battere" precisamente sul tumore. Le cellule tumorali sono sensibili alle radiazioni ionizzanti. Durante l'irradiazione, si dividono attivamente e molte mutazioni si accumulano nel tumore, e le navi che lo alimentano parzialmente crescono eccessivamente. Di conseguenza, lei muore. Allo stesso tempo, le cellule normali praticamente non percepiscono le radiazioni e quindi non ne soffrono.

Esistono diversi tipi di radioterapia in oncologia:

  1. Remoto: la radiazione viene prodotta a breve distanza dalla pelle.
  2. Contatto: il dispositivo viene posizionato direttamente sulla pelle.
  3. Intracavitaria: il dispositivo viene iniettato direttamente nell'organo danneggiato (ad esempio esofago, utero, retto).
  4. Interstiziale: una fonte di radiazioni radioattive viene posizionata nel tumore.

Qualsiasi tipo di radiazione di questo tipo può essere utilizzato come unico metodo di trattamento o contemporaneamente con altri metodi (chemioterapia o chirurgia). Tipicamente, la radioterapia in oncologia viene utilizzata dopo l'intervento chirurgico per uccidere completamente le cellule tumorali rimanenti o prima dell'intervento chirurgico per ridurre le dimensioni del tumore. Il decorso della radiazione può anche essere prescritto per recidive del cancro dopo un breve o lungo periodo di tempo.

Chi è controindicato per la radioterapia?

La radioterapia ha molte reazioni avverse. Inoltre, l'epitelio intestinale e il sistema ematopoietico sono ipersensibili alle radiazioni. In alcuni casi, il recupero del corpo dopo la radioterapia in oncologia sarà molto difficile o addirittura, le condizioni del paziente peggioreranno. Pertanto, l'esposizione alle radiazioni non può essere effettuata a:

  • pronunciato fenomeni di intossicazione;
  • febbre;
  • disintegrazione di un tumore maligno, che è accompagnato da sanguinamento o emottisi;
  • cachessia;
  • germinazione del tumore in grandi vasi o organi cavi;
  • ampia malattia del cancro;
  • più metastasi;
  • l'anemia;
  • leucopenia;
  • trombocitopenia.

La radioterapia è anche controindicata per coloro che, oltre a un tumore, hanno altre gravi malattie:

  • infarto miocardico;
  • insufficienza respiratoria;
  • tubercolosi polmonare, ecc.

Effetti della radioterapia

Con l'esposizione a radiazioni a distanza, il paziente appare:

Se esposti al collo e alla testa nella maggior parte dei casi, i pazienti perdono i capelli e l'udito è compromesso, a volte c'è il solletico in gola, il dolore durante la deglutizione e la raucedine. Gli effetti della radioterapia che irradia gli organi nella cavità toracica sono più gravi. I pazienti compaiono tosse secca, mancanza di respiro e indolenzimento muscolare.

Gli effetti radioattivi sugli organi addominali possono portare a:

  • perdita di peso;
  • appetito ridotto;
  • minzione disturbata.

Molti pazienti sviluppano nausea, diarrea e vomito. La radioterapia in oncologia mammaria provoca una reazione infiammatoria della pelle, dolore muscolare e tosse.

Quando questo metodo di trattamento è combinato con la chemioterapia, si nota una neutropenia - una forte diminuzione del livello dei leucociti. La terapia radioattiva può provocare cistite e aumentare la cardiotossicità. Tra le conseguenze successive, le più comuni sono:

  • atrofia della pelle;
  • ritardo della crescita o grave deformità ossea;
  • desolazione dei vasi linfatici;
  • asimmetria delle singole parti del corpo.

Trattamento di oncologia con radioterapia

La storia dello sviluppo della radioterapia risale al primo decennio del XIX secolo. Gli scienziati francesi A. Danlo ed E. Bénier hanno scoperto la capacità delle sostanze radioattive di distruggere cellule giovani e in rapido sviluppo e hanno deciso di usarlo per combattere neoplasie maligne. Pertanto, è stato creato un metodo che dimostra un'elevata efficienza fino ad oggi. Radioterapia in oncologia, come un cacciavite in un meccanico: senza di essa, il trattamento del cancro e di altre malattie pericolose associate ai tumori non è possibile. Maggiori informazioni su questo nel seguito dell'articolo.

Tipi di radioterapia e loro caratteristiche

Grazie alla radioterapia negli ultimi cinquant'anni, la medicina è riuscita a combattere il cancro. Gli scienziati hanno sviluppato molti dispositivi specializzati che hanno un effetto distruttivo sulle cellule dei tumori maligni. Un moderno arsenale di dispositivi tecnici destinati al trattamento di malattie oncologiche ha più di una dozzina di vari dispositivi e dispositivi. Ognuno di loro ha il proprio ruolo nella lotta contro i tumori. Per quanto riguarda il concetto di radioterapia, copre una serie di metodi di trattamento, tra cui:

  1. Alfa terapia. Come suggerisce il nome, questo metodo di trattamento si basa sull'impatto sul corpo umano con radiazioni alfa. A tale scopo, vengono utilizzati alcuni tipi di isotopi rapidamente rilasciati e di breve durata. Questo tipo di radioterapia mira a normalizzare il lavoro dei sistemi nervoso e vegetativo, ripristinando le funzioni delle ghiandole endocrine, stabilizzando i processi naturali nel sistema cardiovascolare, ecc.
  2. Beta terapia Effetti biologici sul corpo con particelle beta. Le fonti dell'elemento attivo possono essere vari isotopi radioattivi. Il tipo descritto di radioterapia dimostra un'elevata efficacia nella lotta contro l'angioma capillare e alcune malattie dell'occhio.
  3. Terapia a raggi X. Questo tipo di radioterapia prevede l'uso di irradiazione a raggi X con un indice di energia da 10 a 250 keV. Maggiore è la tensione, maggiore è la profondità di penetrazione dei raggi. La terapia a raggi X di piccola e media potenza è prescritta per le lesioni superficiali della pelle e delle mucose. L'esposizione profonda alle radiazioni viene utilizzata per combattere i focolai patologici situati in profondità.
  4. Terapia gamma Questa tecnica è assegnata a persone che sono state identificate come tumori maligni o benigni. La radiazione elettromagnetica gamma viene emessa a causa della diseccitazione degli atomi cellulari che rappresentano una minaccia per la salute umana.
  5. Terapia neutronica La tecnica si basa sulla capacità degli atomi di catturare i neutroni, trasformarli ed emettere // - quanti, che hanno un potente effetto biologico sulle cellule bersaglio. La terapia con neutroni viene prescritta a pazienti con forme di cancro gravemente resistenti.
  6. Terapia protonica Un metodo unico per il trattamento di piccoli tumori oncologici. Il metodo del protone della radioterapia consente di influenzare i focolai localizzati in prossimità di organi / strutture criticamente radiosensibili.
  7. Terapia del mesone. Il metodo più moderno di radioterapia in oncologia. Si basa sull'uso di caratteristiche di mesoni pi negativi: particelle nucleari, prodotte con l'ausilio di attrezzature speciali. Queste particelle hanno una distribuzione favorevole della dose. La loro efficacia biologica lascia molto indietro tutte le tecnologie di radioterapia sopra descritte. Al momento, il trattamento con il pi-mesone è disponibile solo negli Stati Uniti e in Svizzera.

Metodi moderni di conduzione

I metodi di radioterapia sono divisi in due categorie: remoto e contatto. Le tecniche remote comprendono metodi in cui la fonte di radiazioni si trova a una certa distanza dal corpo del paziente. Il contatto è la procedura della radioterapia, condotta con un rifornimento stretto della fonte di radiazioni al tumore. Imparerai di più su ciascuna di queste categorie dalla tabella sottostante.

Indicazioni per l'uso in oncologia

La radioterapia è un metodo di trattamento molto serio e pericoloso, pertanto è prescritto in casi di assoluta rilevanza e non altrimenti. Il trattamento con farmaci radioattivi può essere necessario per le persone con problemi come:

  • tumore al cervello;
  • cancro alla prostata e / o alla prostata;
  • cancro al seno e al torace;
  • cancro ai polmoni;
  • cancro dell'utero e del bacino;
  • cancro della pelle;
  • cancro alla laringe;
  • cancro al labbro;
  • un tumore nell'addome - nel retto, nello stomaco, ecc.

Come è il corso del trattamento?

Dopo aver identificato il cancro, il paziente viene esaminato per determinare la strategia di trattamento ottimale. Prima di tutto, i medici scelgono un corso di radioterapia. La durata media di un ciclo di trattamento con farmaci radioattivi è di 30-50 giorni. Se si tratta di pianificare un intervento chirurgico per rimuovere un tumore, viene prescritto un breve corso di due settimane di radioterapia per ridurre le dimensioni del tumore. Dopo l'intervento chirurgico, il trattamento con farmaci radioattivi può essere necessario per combattere i frammenti tumorali residui.

Quando un paziente arriva a una sessione di radioterapia, viene chiesto di sedersi su una sedia speciale o sdraiarsi sul tavolo (come mostrato nella foto). Un dispositivo di irradiazione viene fornito alle aree pre-marcate del corpo. Il personale medico istituisce il dispositivo secondo le istruzioni del medico e lascia la stanza. La durata totale della procedura di radioterapia è di 20-30 minuti. Durante questo periodo, il paziente deve stare fermo e cercare di rilassarsi. Se ci sono forti disagi, dovresti informare immediatamente il tuo medico attraverso un microfono.

Come è la ripresa

Nel processo di trattamento delle malattie oncologiche tumorali con metodi radiologici, il corpo è esposto all'esposizione diretta a particelle di radionuclidi. Sì, la chemioterapia dà un forte rifiuto al cancro, ma anche la salute di una persona ne soffre. I radicali liberi influenzano non solo le cellule tumorali, ma anche i tessuti degli organi interni. Di conseguenza, si sviluppa la malattia da radiazioni. Dopo un ciclo di radioterapia, è necessario un recupero generale per stabilizzare la condizione. Il complesso delle misure di recupero dopo la radioterapia include necessariamente:

  1. Supporto alla droga I medici prendono nota dell'intensità della radiazione a cui il paziente è stato esposto durante la radioterapia e prescrivono antistaminici / antibatterici e complessi vitaminici speciali.
  2. Cibo sano La radiazione in oncologia viola molti processi naturali nel corpo umano. Per normalizzarli è necessario ricostituire le scorte di componenti utili. I medici raccomandano di seguire una dieta per almeno 6 mesi dopo aver completato un ciclo di radioterapia. Il cibo dovrebbe essere leggero e naturale. Invece di una padella, utilizzare una doppia caldaia. Da cibi grassi bisogna essere abbandonati. Gli esperti nel campo dell'oncologia osservano che la nutrizione frazionata dopo la radioterapia dimostra una particolare efficacia.
  3. Esercizi di rafforzamento L'esercizio fisico leggero fa bene a tutti, per non parlare delle persone che si trovano di fronte a oncologia, radiologia e radioterapia. Per migliorare la tua condizione ed evitare complicazioni, esercizio fisico. Mantieni il tuo corpo in buona forma e la riabilitazione si muoverà molto più velocemente.
  4. Fitoterapia. I decotti di erbe popolari saranno una buona aggiunta a tutte le misure di recupero sopra riportate dopo il trattamento in oncologia. Il corpo dovrebbe ricevere una vasta gamma di sostanze nutritive per eliminare i sintomi il prima possibile.

Possibili effetti collaterali ed effetti

L'impatto delle radiazioni sui tumori del cancro non può passare senza lasciare traccia per il corpo umano. Dopo un ciclo di radioterapia nei pazienti possono verificarsi i seguenti effetti collaterali e complicanze:

  • peggioramento delle condizioni generali, accompagnato da febbre, debolezza di vertigini, nausea a breve termine durante la deglutizione;
  • violazione delle funzioni del tratto gastrointestinale;
  • disfunzione del sistema cardiovascolare;
  • disturbi emopoietici;
  • irritazione sulle mucose;
  • perdita di capelli;
  • dolore e gonfiore nel sito di radioterapia.

In alcuni pazienti, l'esposizione alle radiazioni può essere tollerata con complicazioni minime ed effetti collaterali di natura locale. Dopo il trattamento della pelle, si verifica spesso secchezza dell'epidermide, leggero prurito e desquamazione. La radioterapia intracavitaria può causare disturbi metabolici lievi o moderati. Dopo l'irradiazione dei tumori oncologici localizzati in profondità, i muscoli spesso fanno male.

Controindicazioni all'esposizione alle radiazioni

La radioterapia in oncologia è uno strumento indispensabile per combattere i tumori, ma non tutte le persone possono sottoporsi a tali prove. Controindicazioni al trattamento con radiazioni sono i seguenti fattori / condizioni / malattie:

  • l'anemia;
  • basso numero di globuli bianchi;
  • diminuzione del conteggio delle piastrine;
  • cachessia;
  • dermatite allergica;
  • polmonare / insufficienza cardiaca;
  • infarto miocardico;
  • malattie renali;
  • Malattia del sistema nervoso centrale;
  • diabete scompensato.

Video: cos'è la radioterapia in oncologia

Recensioni dei pazienti

Valentina, 32 anni: non ho capito del tutto il ruolo della radioterapia in oncologia fino a quando non sono arrivato faccia a faccia. Un'ispezione di routine ha rivelato il linfoma di Hodgkin. La diagnostica successiva indicava la necessità di una radioterapia urgente. Nominato un corso di 6 settimane, associato a farmaci e altre procedure. È rimasta per 2 mesi in oncologia, ma ora i medici dicono che il tumore è stato eliminato. Presto tornerà al lavoro.

Victor, 37 anni: un figlio è nato con un emangioma sulla spalla. I medici hanno assicurato che non è spaventoso. Un mese dopo, la macchia cominciò a crescere rapidamente e divenne come un tumore. Fu chiamata un'ambulanza, la moglie e il figlio furono portati al dipartimento di oncologia. I medici hanno detto che la radioterapia è necessaria. Non hanno risparmiato i soldi, hanno portato il bambino in una delle migliori cliniche di Mosca. Il trattamento ha avuto successo. Gli effetti dell'esposizione erano minimi, grazie ai medici competenti.

Angela, 48 anni: Quando le mie figlie mi hanno prescritto la radioterapia in oncologia, ero così preoccupato che quasi non mi è venuto un infarto. Abbiamo completato un corso di 5 settimane di radioterapia ionizzante e un ciclo di procedure con un laser. Successivamente, altri 3 mesi su base ambulatoriale hanno seguito le raccomandazioni sul recupero. Una settimana fa, all'esame di controllo, ci è stato detto che tutto andava bene. Finalmente è finita! Rimane solo una piccola macchia, simile a una bruciatura.

Snezhana, 28 anni: mi è stato diagnosticato un cancro dell'utero in oncologia. Hanno detto che qualcosa con appendici, quindi è necessario iniziare con urgenza la radioterapia. Non c'era via d'uscita, dovevo essere d'accordo. I medici hanno detto che il nuovo metodo di trattamento è efficace al 95%. Il corso è andato bene. Ora mi siedo a casa, recuperando. Il benessere lascia molto a desiderare, ma non importa. Il pericolo è passato, e questo è importante!

Radioterapia in oncologia: vantaggi e conseguenze

Nell'oncologia moderna, la radioterapia interna è ampiamente utilizzata. che è l'effetto di raggi radiologici altamente attivi generati nel corpo del paziente o direttamente sulla superficie della pelle.

La tecnica interstiziale utilizza i raggi X da un tumore del cancro. La brachiterapia intracavitaria comporta l'inserimento di una sostanza medica nella cavità chirurgica o nella cavità toracica. La terapia episclerale è un metodo speciale per il trattamento di neoplasie maligne di organi oftalmologici, in cui la fonte di radiazioni viene stabilita direttamente sull'occhio.

Brachiterapia sulla base di un isotopo radioattivo, che viene introdotto nel corpo con l'aiuto di compresse o iniezioni, dopo di che si diffondono in tutto il corpo, danneggiando le cellule patologiche e sane.

Se non si prende alcuna azione terapeutica, gli isotopi si deteriorano dopo alcune settimane e diventano inattivi. L'aumento costante del dosaggio dell'apparato in definitiva influisce molto negativamente sulle aree limitrofe invariate.

Radioterapia in oncologia: metodi di

  1. La radioterapia a basse dosi richiede diversi giorni, mentre le cellule cancerose sono esposte a un'esposizione continua a radiazioni ionizzanti.
  2. Il trattamento con dosi ultra-elevate di raggi X viene eseguito in un'unica sessione. Una macchina robotica posiziona un elemento radioattivo direttamente sul tumore. Inoltre, la posizione delle sorgenti radiologiche può essere temporanea o permanente.
  3. La brachiterapia permanente è una tecnica mediante la quale le fonti di radiazioni vengono suturate chirurgicamente nel corpo. Il materiale radioattivo non causa particolare disagio al paziente.
  4. Per la brachiterapia temporanea, i cateteri speciali vengono alimentati al nido patologico attraverso il quale entra l'elemento radiante. Dopo l'esposizione alla patologia in dosi moderate, il dispositivo viene retratto dal paziente a una distanza confortevole.

Radioterapia sistemica in oncologia

Nella radioterapia sistemica, il paziente assume un agente ionizzante per iniezione o compresse. L'elemento attivo del trattamento è lo iodio arricchito, che viene utilizzato principalmente nella lotta contro l'oncologia della tiroide, i cui tessuti sono particolarmente sensibili ai preparati di iodio.

In alcuni casi clinici, la radioterapia sistemica si basa sulla combinazione di un composto di anticorpi monoclonali e di un elemento radioattivo. Una caratteristica distintiva di questa tecnica è la sua alta efficienza e precisione.

Quando viene eseguita la radioterapia?

Il paziente viene sottoposto a radioterapia in tutte le fasi dell'intervento. Alcuni pazienti sono trattati da soli, senza chirurgia o altre procedure. Per un'altra categoria di pazienti, è previsto l'uso simultaneo di radioterapia e trattamenti per cancro citostatico. La durata dell'esposizione durante la radioterapia corrisponde al tipo di tumore trattato e agli obiettivi del trattamento (radicale o palliativo).

Radioterapia in oncologia. che viene effettuato prima dell'operazione, si chiama neoadiuvante. Lo scopo di questo trattamento è quello di ridurre il tumore per creare un ambiente favorevole per la chirurgia.

Il trattamento radiologico effettuato durante l'intervento è chiamato radioterapia intraoperatoria. In tali casi, i tessuti fisiologicamente sani possono essere protetti con mezzi fisici dagli effetti delle radiazioni ionizzanti.

La terapia radiologica dopo l'intervento chirurgico è chiamata effetto adiuvante e viene eseguita per neutralizzare eventuali cellule tumorali residue.

Radioterapia in oncologia - conseguenze

La radioterapia in oncologia può causare effetti collaterali sia precoci che tardivi. Gli effetti collaterali acuti si osservano direttamente durante l'intervento chirurgico e quelli cronici possono essere rilevati diversi mesi dopo la fine del trattamento.

  1. Complicanze acute di radiazioni si verificano a causa del danno alle cellule normali che si stanno rapidamente dividendo nella zona irradiata. Questi includono irritazioni della pelle in aree danneggiate. Un esempio potrebbe essere una disfunzione della ghiandola salivare, perdita di capelli o problemi con l'uretra.
  2. Manifestazioni di effetti collaterali tardivi possono verificarsi a seconda della localizzazione della lesione primaria.
  3. Cambiamenti fibrosi nella pelle (sostituzione del tessuto normale con tessuto cicatriziale, che porta a movimenti limitati della zona interessata del corpo).
  4. Danni intestinali che causano diarrea e sanguinamento spontaneo.
  5. Disturbi dell'attività cerebrale.
  6. Incapacità di avere figli.
  7. In alcuni casi, c'è il rischio di recidiva. Ad esempio, i giovani pazienti hanno un aumentato rischio di cancro al seno dopo la radioterapia, perché i tessuti di quest'area sono molto sensibili agli effetti delle radiazioni ionizzanti.

È importante sapere:

Come si presenta il sarcoma di Kaposi?

cattivo per il corpo

Buon pomeriggio Voglio condividere le mie impressioni e conoscenze su questa procedura. La radioterapia viene utilizzata per uccidere le cellule tumorali. A volte prima dell'intervento, a volte dopo. E anche dopo la chemioterapia. Ho preso la radioterapia dopo la chimica. Mi è stato assegnato uno specialista 36 raggi in diverse zone. Lo stesso dottore segna il corpo. Quindi, in una stanza speciale, i raggi sono diretti verso queste zone. Tempo di circa 2-5 minuti su un'area specifica. Questa procedura è indolore, ma ha i suoi svantaggi. Ero irradiato nell'area intestinale, quindi c'era il vomito. I leucociti stanno cadendo pesantemente e qualsiasi virus può essere raccolto. Pertanto, dobbiamo stare molto attenti. La terapia aiuta, ovviamente, non al 100%, ma tutto dipende dalla malattia e dal grado di abbandono. Tuttavia, è l'unica procedura per l'oncologia. Buona fortuna a tutti!