Dolore al seno nelle cause e nel trattamento del cancro al seno

La maggior parte delle donne chiede: "Il seno fa male al cancro?" Credono che l'aspetto del dolore nelle ghiandole mammarie non sia considerato un sintomo del suo cancro al seno. Gli esperti notano che il dolore al petto può essere un segno specifico del cancro. Pertanto, ogni donna deve sottoporsi a un esame completo presso lo specialista della mammella ogni sei mesi.

Il cancro al seno o carcinoma mammario è un cancro molto pericoloso. La maggior parte delle donne evita di visitare uno specialista per non sentire una diagnosi terribile.

E questo non è corretto. Attualmente, ci sono un numero enorme di trattamenti che aiutano a sbarazzarsi di questa spiacevole malattia. L'unica cosa che una donna deve ricordare è che è possibile identificare e eliminare completamente il cancro al seno solo nella fase iniziale del suo aspetto.

Le principali cause del dolore oncologico

Gli esperti notano che il dolore al petto può essere dovuto a diversi motivi:

  1. Come risultato della comparsa di un cancro. Soprattutto il dolore può aumentare dopo una malattia infettiva: mastite. Il dolore può essere lieve o moderato. Ciò è dovuto al fatto che il cancro colpisce la pelle e può anche causare la comparsa di ulcere sulla pelle.
  2. Con la formazione di metastasi tumorali. È considerata la causa più comune di dolore. Le donne notano che il dolore appare nel centro delle metastasi. Le metastasi possono diffondersi attraverso i vasi sanguigni e i linfonodi. Come risultato della loro diffusione, sono colpiti organi come cervello, polmoni, fegato e persino tessuto osseo.
  3. Il dolore può manifestarsi come effetto collaterale del precedente trattamento. Ad esempio, il dolore al petto può apparire come risultato dell'esposizione alla radioterapia o all'uso di farmaci ormonali.
  4. Altre cause di dolore In alcuni casi, il dolore nell'area del torace può verificarsi per altri motivi non correlati al cancro. In questo caso, il paziente deve consultare immediatamente uno specialista e sottoporsi a un esame completo per identificare la causa del dolore.

È interessante notare che solo un medico dopo un esame può fare una diagnosi accurata e prescrivere un trattamento competente che aiuterà a fermare il processo del cancro.

Tipi di dolore al cancro al seno

Gli esperti notano che il cancro al seno può essere caratterizzato da 3 tipi di dolore. Questi includono:

  1. Acuta. È caratterizzato da un aspetto nitido e un breve periodo di azione. Riduce significativamente l'attività fisica di una persona. È interessante notare che il dolore acuto non è un'esacerbazione del dolore costante. Di solito è il risultato di un intervento chirurgico o di un infortunio. Può passare come la ferita guarisce.
  2. Costante. Lei disturba il paziente per molto tempo. Il dolore è lieve e moderato. Puoi liberartene con l'aiuto di medicine speciali, ma dovrebbero essere prese per molto tempo. Il dolore appare ogni giorno e disturba il paziente. Per questo motivo, la donna diventa nervosa e stanca. Anche a causa sua, una donna non può condurre una vita normale, cerca di prendere le distanze da entrambe le persone familiari e vicine.
  3. Piercing. È caratterizzato da un forte aumento dell'intensità del dolore costante in un breve periodo di tempo. Di solito il suo aumento avviene in 30 minuti. È interessante notare che i farmaci convenzionali non sono in grado di salvare una donna da questo dolore. Molto spesso, appare durante l'attività motoria di una donna. I medici lo chiamano kurkovaya o provocano dolore. Se il dolore è sorto a causa dell'influenza di una fonte non specifica, allora questo dolore è chiamato spontaneo. Puoi liberarti del dolore penetrante solo con l'aiuto di potenti antidolorifici.

Cosa fanno le donne con dolore toracico

Inizialmente, una donna dovrebbe calmarsi e valutare la situazione. Inoltre, i medici raccomandano a una donna di guardare il suo calendario e scoprire la domanda di quando è stata l'ultima volta che una donna ha avuto le mestruazioni. Dopo di ciò, il paziente è desiderabile di scoprire se l'aspetto del dolore nelle ghiandole mammarie è associato con l'inizio della gravidanza.

Dopo le azioni eseguite, la donna dovrebbe condurre un'analisi indipendente dello stato delle ghiandole mammarie. Consiste nelle seguenti azioni:

  • palpazione del seno per la presenza di varie formazioni tumorali. In primo luogo, la mano destra esamina il petto sinistro e le cavità muscolari. La procedura viene ripetuta con il seno sinistro.
  • valutazione dello stato della superficie della pelle e dei capezzoli.

Se il paziente ha trovato alcuni segni spiacevoli, allora è consigliabile visitare presto uno specialista.

Quindi, una donna dovrebbe rivolgersi a un mammologo quando vengono rilevati i seguenti sintomi spiacevoli:

  • cambiare la forma e le dimensioni di una o di entrambe le ghiandole mammarie;
  • la presenza di scarico dal capezzolo, soprattutto se si distingue da uno solo;
  • con un'eruzione intorno al capezzolo;
  • in presenza di cavità sulla superficie della pelle vicino al seno;
  • quando si trova una foca o un tumore in una delle zone della regione ascellare;
  • se avverti dolore all'ascella o al petto;
  • in presenza di cambiamenti nei capezzoli;
  • quando si verifica una oppressione di un tessuto o una neoplasia nel torace.

Il medico esamina anche le condizioni del seno e intervista il paziente. Come metodo aggiuntivo, a una donna può essere prescritta la mammografia, la biopsia e la donazione di sangue per i marcatori tumorali.

Come sbarazzarsi del dolore al seno

Attualmente, in medicina ci sono un gran numero di metodi disponibili per sbarazzarsi di un cancro. I medici dicono che il più efficace è la chirurgia.

Ciò è dovuto al fatto che consente di eliminare completamente non solo il tumore, ma anche le metastasi e anche di eliminare le aree interessate degli organi interni. Dopo l'intervento chirurgico, il rischio di complicazioni ed effetti collaterali è minimo. Oltre alla chirurgia, vengono applicati metodi come radiazioni, radio e chemioterapia.

Aiutano a ridurre le dimensioni del tumore ea sbarazzarsi delle cellule tumorali. È interessante notare che tutti questi trattamenti sono utilizzati per il cancro al seno di varie fasi.

È importante ricordare che l'aspetto del dolore al petto non è la norma. Questo è un motivo per cui una donna pensa seriamente alla sua salute e contatta uno specialista. Il cancro al seno rilevato in una fase precoce può essere eliminato completamente senza causare danni significativi al corpo.

Il seno ferisce il cancro al seno, o come affrontarlo

Molte donne con l'aspetto del dolore al petto si stanno chiedendo se i dolori al petto non possono essere i precursori del cancro? Il cancro può far male? Molte persone credono erroneamente che il cancro al seno non sia solitamente accompagnato dal dolore. Ma non lo è. Qualsiasi sensazione dolorosa al petto può essere l'inizio di un cancro.

Il cancro al seno o carcinoma della mammella è un tumore abbastanza comune, tutte le donne di tutte le età sono a rischio. La malattia è molto pericolosa e molte donne affrontano domande come "Il cancro fa male?" E "Il dolore al seno è evidente?", Quali sono i segni della malattia e ci sono misure per prevenirlo? Senza andare dal medico subito, al primo rilevamento dei sintomi, peggiorano solo le cose da soli. Tutti dovrebbero capire che quando una malattia viene rilevata in una fase precoce, ci sono molti modi per trattarla. E più tardi vedi un dottore, il peggio, ma la probabilità di cura nella medicina moderna è piuttosto alta. Tuttavia, il cancro può essere completamente curato solo nella fase iniziale dello sviluppo.

Sintomi per il cancro al seno

Quando compaiono i sintomi minimi e i primi segni di cancro, il paziente, in ogni caso, dovrebbe pensare alle cause delle sensazioni e andare dal medico-mammologo e non cercare di curare la malattia da solo.

  1. Il primo sintomo che si verifica quando si verifica questa malattia è la costrizione dolorosa al petto. Prendono la forma di una palla che rotola, e abbastanza dolorosa. Di solito si trovano durante l'autoesame del seno. La dimensione della neoplasia aumenta. Questo sintomo indica la presenza di tumori benigni nel torace. La natura della formazione è determinata dall'esame istologico del paziente.
  2. Il secondo segno che hai il cancro al seno è la comparsa di secrezione del capezzolo. In primo luogo, in oncologia, appaiono in quantità insignificanti, ma con lo sviluppo della malattia, il loro numero aumenta. Possono essere, così come un capezzolo, e da entrambi a una pasta.
  3. Le piaghe appaiono sulla pelle, nell'area del capezzolo, che alla fine crescono e si trasformano in enormi ferite ulcerative. Questo processo patologico può passare dai capezzoli al resto del seno. Ci possono essere metastasi nelle ossa.
  4. C'è un forte dolore improvviso. Appare spontaneamente e può durare indefinitamente.
  5. Mastopatia, lattostasi, mastite. Tutte queste malattie sono infiammatorie e sono spesso precursori del cancro.
  6. Il dolore può anche essere a lungo termine, sistematico. Tale dolore è più spesso sentito come non forte, dolorante. Spesso impedisce al suo possessore di vivere una vita piena, interferendo con l'attività fisica.
  7. Grave dolore penetrante, raggiungendo la schiena e la colonna vertebrale, apparendo anche improvvisamente, e durando da mezz'ora a diverse ore. Tale dolore può essere alleviato solo da potenti antidolorifici, e se la malattia non viene curata, ritornerà ancora e ancora.

Esistono diversi tipi di tumore al seno e diversi dolori nell'area del torace in donne diverse vengono percepiti individualmente. Per alcuni, il dolore nel cancro al seno può essere uno spasmo insopportabile, e qualcuno li descrive come "sensazioni spiacevoli", ma non ci sono forti dolori. Anche i sintomi e la diagnostica sono vari.

Se hai i seguenti sintomi, non rimandare la visita dal medico:

  • Febbre improvvisa a causa di dolore al petto;
  • Sindrome di arrossamento, eruzione del capezzolo, irritazione;
  • Cambiamenti evidenti nell'aspetto del seno, gonfiore, cambiamento di forma, spostamento del capezzolo, deformazione della sua forma, pelle rugosa e secca, ecc.;
  • Isolamento da uno o entrambi i capezzoli contemporaneamente;
  • Il dolore è così forte che gli antidolorifici non possono farcela.
  • Sei convinto che il dolore al petto non sia collegato al ciclo mestruale, il dolore ti disturba per un lungo periodo.

mastalgia

Cos'è la mastalgia? Questo termine è spesso descritto come dolore al petto, è una lamentela abbastanza comune nelle donne. Quasi il 50% delle donne affronta questo dolore almeno una volta nella vita. Appare sia in una ghiandola che in due contemporaneamente. Se il dolore insopportabile al petto si verifica durante il ciclo mestruale, allora tale localgia è chiamata ciclica. Questo tipo di dolore appare tre o due giorni prima dell'inizio del ciclo e termina quando finisce. Questa malattia è più comune nelle giovani donne che negli anziani.

diagnostica

Per determinare la diagnosi utilizzando varie tecniche moderne. Ma ogni donna può farsi autonomamente la diagnosi iniziale, avendo effettuato personalmente l'ispezione. Per fare ciò, è necessario effettuare un'ispezione, prestando attenzione ai cambiamenti esterni del seno, sentire il seno e le cavità ascellari per tumori maligni e sigilli, determinare la presenza di secrezione del capezzolo.

Quando si parla di un medico, il paziente viene interrogato per primo, i reclami e i risultati dell'autodiagnosi, se effettuata, vengono chiariti. Di conseguenza, si presume la presenza o l'assenza di cellule nel corpo.

La fase successiva della diagnosi è i seguenti metodi:

  • L'analisi ormonale è l'istituzione dello stato del livello generale dello stato ormonale del corpo. Questo metodo distingue la mastalgia ciclica dal dolore al seno.
  • L'esame ecografico aiuta a rilevare l'aspetto di alcuni tumori e tumori del cancro. Questo metodo diagnostico è completamente sicuro e non ha controindicazioni.
  • Mammografia: determina la presenza di cambiamenti nel tessuto mammario. Controindicato per i pazienti giovani, in quanto il metodo può influire negativamente sulle funzioni riproduttive del corpo.
  • Radiometria a microonde: consente di rilevare i processi oncologici mediante l'analisi della temperatura.
  • La biopsia di aspirazione è un esame citologico esaminando il materiale biologico del seno. Il materiale è preso da un tessuto per puntura. Lo studio influenza lo sviluppo e la crescita delle cellule tumorali.

Se i risultati della diagnostica non mostrano i risultati più positivi, non disperare. Se andassi da un dottore subito e la diagnosi fu fatta in una fase precoce, allora la malattia è completamente curabile. E un trattamento tempestivo preverrà i peggiori effetti della malattia.

Ci sono dolori nella patologia mammaria maligna

Il cancro al seno fa male? Se trovo un groppo doloroso nel mio petto, è un cancro? - Domande che vengono spesso poste quando si trova un sigillo nel seno. Puoi anche sentire da una donna che ha questo problema, qualcosa del genere: "Ho trovato un tumore nel mio petto e sono andato a vedere un medico. Quando sentiva il mio seno, il tumore faceva davvero male. Ma mi ha detto di non preoccuparmi, perché il cancro al seno non fa male. Ma sono spaventato. Non dovrebbe aver ricevuto una mammografia o un'ecografia per scoprire di cosa si tratta? "

Leggi in questo articolo.

Il seno fa male al cancro?

Sì, il dolore può verificarsi nel cancro al seno. Il mito che l'educazione non fa male, come molti altri miti, ha le sue radici. Rispetto ad una ciste al seno, che è spesso dolorosa al tatto, i tumori del cancro, di regola, non fanno male quando una donna o un medico le palpano.

Vediamo se la leggenda ha qualche verità. Per fare ciò, considera prima cosa è nascosto sotto mastalgia (dolore al petto), quali sono le cause del suo verificarsi, qual è la diagnosi, se c'è dolore al seno.

Cos'è la mastalgia

Il dolore al petto, noto anche come mastalgia, mastodinia o mamalgia, è una lamentela abbastanza comune riscontrata tra le donne. Quasi il 70% delle donne sperimenterà questo dolore ad un certo punto della loro vita. Può verificarsi in una o due ghiandole contemporaneamente. Le donne spesso lo descrivono in questo modo: dolore insopportabile, dolore costante e opaco, bruciore all'interno o maggiore sensibilità quando si tocca il petto. Circa il 15% delle donne ha bisogno di cure per fermare questo dolore.

Se l'apparenza del dolore ha una chiara connessione con le mestruazioni, si chiama mastalgia ciclica. Questo tipo di dolore appare solitamente tre giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e diventa meno intenso quando si fermano. Spesso la mastalgia si verifica nel quadrante superiore esterno della ghiandola mammaria, a volte può diffondersi al braccio.

Nelle donne più anziane (postmenopausali), la mastalgia è meno comune che nei più giovani.

Mastalgia ciclica e non ciclica

Il dolore toracico è solitamente diviso in "ciclici" (ripetitivi) e "non ciclici" (permanenti).

  • il dolore è irregolare;
  • il petto diventa "sensibile";
  • alcune donne lo descrivono come dolore sordo, altre come dolore arcuato o sensazione di formicolio e bruciore nella ghiandola;
  • il torace "si gonfia", diventa denso ("un unico grumo duro continuo");
  • entrambi i seni sono generalmente colpiti, in particolare le loro sezioni esterne superiori;
  • il dolore può estendersi alla regione ascellare;
  • peggio alcuni giorni prima dell'inizio del mese, a volte appare due settimane prima delle mestruazioni;
  • si verifica nelle giovani donne, ma può verificarsi nelle donne che ricevono ormoni.

Segni di dolore non ciclico:

  • si verifica solo in un seno, di regola, in un quadrante della ghiandola mammaria, ma può estendersi a tutto il seno;
  • più comune tra le donne in postmenopausa;
  • nessuna connessione con il ciclo mestruale;
  • il dolore può essere costante o si verifica sporadicamente.

La mastite è un'infiammazione infettiva del seno. Nelle donne, può essere accompagnato da febbre, malessere. La ghiandola mammaria diventa gonfia, nel luogo del più grande dolore è possibile determinare l'innalzamento della temperatura, ci può anche essere il rossore. Il dolore, di regola, si brucia. Per le madri che allattano, il dolore diventa più intenso durante l'allattamento.

Il dolore extramillare si fa sentire nella ghiandola mammaria, ma la fonte di questo dolore si trova altrove. A volte è chiamato "dolore radiante". Si verifica sullo sfondo di alcune malattie della parete toracica, come la costocondrite (infiammazione dell'articolazione delle costole con lo sterno, dove sono presenti cartilagini).

Diagnosi di mastalgia

Se la donna è giovane (non in menopausa), il medico prima tenterà di scoprire se il dolore toracico può essere ciclico. Per questo, probabilmente chiederà:

  • quanta caffeina consuma;
  • il luogo del dolore;
  • in una ghiandola fa male o in due;
  • se fuma;
  • se vengono usati farmaci o pillole anticoncezionali combinate;
  • può essere incinta?
  • Ci sono altri sintomi, come la secrezione del capezzolo o un nodulo al seno.

Il medico ascolterà i polmoni e il cuore del paziente ed esaminerà il suo torace e l'addome per escludere altre possibili malattie.

Il medico esaminerà le ghiandole mammarie e determinerà se ci sono formazioni in esse, cambiamenti nei capezzoli, pelle delle ghiandole mammarie e anche controllare i linfonodi situati nella parte inferiore del collo e nella regione ascellare per assicurarsi che non siano ingranditi.

Se la "palla" rilevata nel torace si muove, allora questo non è il cancro? Nelle fasi iniziali, il cancro di solito non cresce nei tessuti vicini, cioè è "mobile". Questo è un buon segno, perché i tumori cancerosi "fissati" alla pelle o alla parete toracica sono un segno delle fasi successive del cancro.

Se un medico trova un tumore o un indurimento "sospetto" nella ghiandola mammaria, e anche se il tessuto della ghiandola provoca un dolore marcato durante la palpazione, può ordinare ulteriori studi:

  • Mammografia: esame radiografico del seno.
  • Ultrasuono - un'ecografia del seno. Anche se durante la mammografia non è stato rilevato nulla, le scansioni ad ultrasuoni sono di solito eseguite come con alcuni tumori, è considerato più informativo della mammografia.
  • Biopsia del seno (o aspirazione con ago sottile o biopsia del trapano o biopsia aperta) se vengono individuate formazioni sospette nella ghiandola mammaria. Il medico prenderà una piccola sezione di tessuto mammario e la invierà al laboratorio per l'analisi.

Possibili cause di dolore

A volte è difficile determinare la causa del dolore al petto. Per immaginare quanto sia difficile questo compito di fronte al medico, i seguenti sono possibili fattori associati al suo aspetto:

  • riflusso acido;
  • alcolismo con danno al fegato;
  • angina pectoris;
  • ansia, stress e depressione;
  • tumori benigni;
  • bronchiectasie dei polmoni;
  • cisti al seno;
  • intervento chirurgico sulla parete toracica;
  • allattamento al seno (possibile infezione);
  • spondilosi cervicale e toracica / radicolopatia;
  • cardiopatia ischemica;
  • costocondrite;
  • mastopatia fibrocistica;
  • cancro al seno;
  • dieta (specialmente caffeina);
  • fibromialgia;
  • herpes zoster;
  • mastiti;
  • farmaci, compresi preparati di digitale, clorpromazina, alcuni diuretici, spironolattone, metildopa;
  • ulcera peptica;
  • pericardite;
  • pleurite;
  • la gravidanza;
  • disturbi mentali;
  • tromboembolismo polmonare;
  • frattura delle costole;
  • dell'herpes zoster;
  • anemia falciforme;
  • lesione della parete toracica.

Se il tumore al seno non fa male, allora non è il cancro? Il cancro al seno sarà diagnosticato nel 3% delle donne che richiedono cure mediche per un'educazione dolorosa al petto. La presenza del dolore non dovrebbe essere incoraggiante. Ogni donna che ha scoperto una nuova "palla" nel petto dovrebbe consultare un medico!

Mastalgia e cancro al seno

La posizione della formazione di un cancro nel tessuto mammario può influenzare l'aspetto del dolore. Come tutti gli organi, la ghiandola mammaria è piena di nervi, la pressione su cui un tumore provoca dolore. Nel processo di crescita, spingerà da parte il normale tessuto mammario, usando sempre più nervi, dopo di che la donna capirà che qualcosa nel suo seno "è inusuale".

Come fa il seno a ferire con il cancro?

A causa del fatto che la percezione del dolore è un processo soggettivo che dipende da ogni singola donna, si può descrivere questa pressione sui nervi come una sensazione spiacevole, mentre l'altra userà la parola "dolore".

Le donne dovrebbero anche essere consapevoli che il cancro al seno non può sempre manifestarsi (manifestarsi come il primo segno) rilevando un tumore al seno. Il cancro di Pedzhet inizia con la comparsa di squame sul capezzolo ed è difficile da distinguere all'inizio dall'eczema, che è accompagnato da prurito, "capezzoli super-sensibili". A volte una donna lo descrive in una parola - fa male, confutando il mito che "il cancro al seno non fa male". Molte donne, senza andare dal medico, iniziano a usare pomate, creme, "curare l'eczema", rimandando il momento in cui viene fatta la diagnosi del cancro di Pedzhet.

Se i capezzoli appaiono, cosa fare? Ogni rash capezzolo dovrebbe essere controllato per determinare la causa del suo verificarsi. Probabilmente sarà necessaria una biopsia per escludere il cancro di Paget.

Un altro tumore al seno che di solito è accompagnato da dolore è il carcinoma mammario infiammatorio (o diffuso-infiltrativo). Aspetto aggressivo, come suggerisce il nome, il suo corso ricorda la mastite. Abbastanza spesso, questo cancro procede come mastite cronica non allattante. La ghiandola mammaria diventa edematosa, la pelle diventa rossa, c'è un sintomo di "scorza di limone" e su tutta la superficie della pelle.

Spesso, un tumore nella ghiandola mammaria non viene rilevato sia dalla palpazione che dall'esame mammografico. Il dolore al seno appare come uno dei primi segni della malattia. Pertanto, è importante consultare immediatamente un medico quando si stabiliscono i sintomi di cui sopra, accompagnati da dolore toracico, e non aspettare che il tumore inizi a tastare.

Quante volte hai bisogno di eseguire un esame indipendente delle ghiandole mammarie? Non è consigliabile fare affidamento esclusivamente sull'autoesame volto a rilevare il cancro in una fase precoce. L'esame delle ghiandole mammarie da parte del medico deve essere eseguito almeno una volta all'anno. È importante discutere con il medico i rischi del cancro al seno e stilare congiuntamente un piano per la sua prevenzione e mammografia.

Istruzioni per una donna quando dovrebbe contattare immediatamente uno specialista del seno.

Di seguito sono riportati i cambiamenti che dovrebbero incoraggiare una donna a contattare immediatamente un oncologo del seno.

Dovresti contattare il tuo mammologo se:

  • uno o entrambi i seni hanno cambiato forma o taglia;
  • c'era uno scarico dal capezzolo, soprattutto se lo scarico da un solo capezzolo;
  • eruzione cutanea attorno al capezzolo;
  • depressioni sulla pelle sopra la ghiandola mammaria;
  • tentare o "palle" in una delle aree ascellari;
  • sentire dolore all'ascella o al torace che non è correlato al ciclo mestruale;
  • notato cambiamenti nei capezzoli;
  • tessuto a tentoni o tumore al seno.

Leggi anche

La diagnosi del carcinoma della mammella inizia con un sondaggio e l'esame di una donna. Il medico scoprirà se una donna ha fattori di rischio di cancro al seno.

Medicina tradizionale contro il cancro al seno. Quando sorge la domanda su come trattare il cancro al seno, una donna può diventare confusa.

Ogni anno, l'incidenza del cancro al seno nelle donne in età fertile è aumentata di 1.

Il seno fa male al cancro?

Il cancro al seno è chiamato un tumore maligno sotto forma di un tumore che cresce dal tessuto ghiandolare. Questa malattia è abbastanza comune nel gentil sesso e occupa il secondo posto, insieme a tutti i tumori. I limiti di età che cadono sotto il rischio di morbilità variano da 13 anni a 90 anni, e quasi ogni undicesima ragazza o donna può diventare il proprietario del cancro al seno.

Che cosa causa il cancro al seno?

Attualmente, il numero di pazienti con carcinoma mammario è in aumento. Questa malattia non risparmia né l'età né lo stato. Le cause che contribuiscono allo sviluppo del cancro sono:

menopausa precoce o tardiva;

  • predisposizione genetica;
  • donne la cui prima nascita è avvenuta dopo 30 anni;
  • non dare alla luce e sterile;
  • fallimento dell'allattamento al seno o interruzione precoce;
  • la presenza di mastiti pregresse;
  • lesioni al petto;
  • sviluppato cirrosi epatica;
  • formazioni cistiche;
  • aborti o aborti (sia artificiali che spontanei);
  • assumere contraccettivi orali o farmaci ormonali finalizzati alla normalizzazione dei livelli di estrogeni;
  • completa assenza di vita sessuale o sua cessazione anticipata;
  • stress costante;
  • consumo di alcol e tabacco;
  • pienezza eccessiva;
  • essere nei luoghi di radiazione;
  • Il cancro al seno, può essere acquistato, con la selezione sbagliata del reggiseno. Non dovrebbe in alcun modo causare disagio al proprietario, tanto meno mettere pressione o danni meccanici.

    La presenza di almeno uno di questi fattori in una donna non significa che si ammalerà definitivamente. Ma è sempre meglio prevenire la malattia che curarla in seguito. Inoltre, il cancro, nelle fasi successive dello sviluppo, non è così facile da superare, nonostante l'intensa crescita dei progressi della medicina.

    Manifestazione sintomatica della malattia, se ci sono dolore

    Di solito, il dolore nel cancro al seno nelle prime fasi di sviluppo è assente. Di solito compaiono nei moduli di corsa. I primi sintomi della malattia sono:

    l'emergere di formazioni aliene che possono essere rilevate dalla palpazione e, a volte, anche visivamente;

  • ferite e abrasioni formate nella zona del capezzolo;
  • uno scarico diverso, insolito dai capezzoli, eventualmente mescolato con il sangue;
  • il petto inizia a pepare con varie piaghe;
  • la ghiandola mammaria diventa edematosa e arrossata;
  • lo strato di grasso sottocutaneo inizia a salire fino alla formazione;
  • il capezzolo è desquamato e irritato;
  • Sintomi del cancro al seno

    gradualmente, l'area del capezzolo cede e assume la forma ritratta;

  • quando il tumore inizia a diffondere metastasi, i linfonodi ascellari diventano edematosi, sono palpabili, diventano visibili a occhio nudo e possono essere dolenti;
  • Tumore maligno, può depositarsi in qualsiasi area del seno. La frequenza del danno per entrambi i seni è la stessa, e può agire come un tumore indipendente, così come il risultato della sua metastasi dal seno successivo. Durante la progressione della malattia, la donna inizia a perdere peso corporeo e sembra esausta.

    Cosa può causare dolore al petto

    Se una donna è in età fertile e il dolore si diffonde all'intero seno, assomigliando all'affaticamento muscolare, allora, molto probabilmente, i fallimenti nel contesto ormonale sono la causa. Causano un aumento e un gonfiore delle ghiandole, motivo per cui c'è una sensazione così spiacevole. Una situazione simile si verifica quando un giovane matura e si trasforma in una ragazza, o all'inizio del ciclo mestruale, menopausa e gravidanza.

    Inoltre, l'herpes zoster e varie infezioni possono causare dolore al petto.

    Quali dovrebbero essere i primi passi nel dolore al seno

    La prima cosa è calmarsi e valutare adeguatamente la situazione. Ricorda quando l'ultima volta è stata mensile e assicurati di non avere una gravidanza. Condurre un esame indipendente del seno, sentirlo dolcemente per l'educazione. Valuta la condizione della pelle e dei capezzoli. Assicurati di consultare un ginecologo. Lo specialista, a sua volta, palperà il seno, riferirà il paziente per i test, per una mammografia e, se necessario, per una biopsia e marcatori tumorali.

    Come misura preventiva, ogni donna è obbligata a sottoporsi a un esame ginecologico ogni sei mesi. Controlla i tuoi ormoni e controlla la regolarità del ciclo mestruale. Coordinarsi con i farmaci ormonali del medico, e in particolare il loro dosaggio. Al primo segnale di allarme e sospetti, contattare immediatamente gli specialisti.

    Quali dolori si verificano nel cancro al seno?

    Per rispondere alla domanda se il seno fa male al cancro, è necessario comprendere i processi fisiologici che si verificano nel corpo durante lo sviluppo del tumore. Il dolore è una reazione difensiva del corpo umano e il principale sistema di segnalazione indica un danno tissutale pericoloso. Nelle fasi iniziali dello sviluppo delle neoplasie, il disagio appare nel petto, a causa dell'aumento del volume della massa tumorale e della compressione dei tessuti circostanti. Più tardi, la sensazione di disagio si trasforma in un dolore insignificante. In questa fase, la neoplasia inizia la sua crescita espansiva - distrugge i tessuti sani circostanti, li avvelena con i prodotti della sua attività vitale, causando un'infiammazione asettica (sterile, non associata a microrganismi). Il dolore può essere di varia intensità e durata, si verifica durante l'esercizio o durante il riposo. Nelle fasi successive, specialmente con la diffusione del cancro sulla parete toracica con la germinazione delle terminazioni nervose, il dolore è insopportabile. Quali sono il dolore nel carcinoma della mammella, le cause e i metodi di trattamento della malattia - consideriamo in questo articolo.

    Cause del dolore

    • A causa dell'aumento delle dimensioni del cancro, la pelle su cui si formano ferite e ulcere è interessata e cambiata. Il dolore varia da lieve a moderata intensità.
    • Come risultato della sconfitta del corpo con metastasi, il disagio compare negli organi interessati dalle cellule tumorali, la loro funzionalità è disturbata.
    • La sindrome del dolore può verificarsi a seguito di procedure mediche. Ciò è dovuto alla risposta di un corpo indebolito alle radiazioni o agli ormoni: il tessuto tumorale viene distrutto e il petto fa male. Il disagio può verificarsi durante la chemioterapia e il periodo di recupero.

    Caratteristiche del dolore in varie forme di cancro al seno

    • il cancro al seno nodulare in una fase precoce si verifica spesso con una completa assenza di dolore. Il punto principale è l'apparenza di disagio o dolore ricorrente e poco appariscente;
    • in caso di cancro della forma edematosa, le sensazioni dolorose aumentano gradualmente. Di norma, a causa delle violazioni del deflusso della linfa dal corpo, il dolore si inarca in natura, come se "dall'interno" e localizzato in tutta la ghiandola;
    • la forma erysipelatosa è caratterizzata da un quadro clinico luminoso, in cui l'iperemia (arrossamento) della pelle sopra la ghiandola viene alla ribalta, l'alta temperatura corporea arriva fino a 40 gradi. I dolori sono "ardenti" in natura, diffusi in tutta la ghiandola. È con questa forma che si verifica il maggior numero di errori diagnostici;
    • Il cancro di Pedzhet - nella fase iniziale dello sviluppo, il disagio e il leggero dolore nella regione succo-aleolare sono inquietanti. Più tardi, la distruzione del capezzolo, la pelle sopra il tumore si verifica con la formazione di ulcere, che formano dolori locali;
    • Come una mastite - una forma insidiosa di cancro, in cui si verificano principalmente cambiamenti esterni nel corpo: un aumento delle dimensioni, una mobilità limitata, si formano delle macchie rosse sulla pelle che copre la ghiandola. Il dolore è inarcato.

    In oncologia, ci sono diversi tipi di dolore, il cui verificarsi richiede una diagnosi.

    Cancro al seno

    Il tumore al seno è il tumore maligno più frequentemente osservato di una o entrambe le ghiandole mammarie nelle donne, caratterizzato da una crescita piuttosto aggressiva e dalla tendenza a metastasi attive. Nella stragrande maggioranza dei casi, il cancro al seno colpisce le donne, ma molto raramente può svilupparsi negli uomini. Le statistiche degli ultimi anni su questo tumore suggeriscono che ogni ottava donna soffre di questo tumore maligno.

    Cause del cancro al seno

    La maggior parte dei ricercatori di questa malattia ritiene che oggi siano in grado di identificare le cause esatte del cancro al seno. È già stato dimostrato quasi inequivocabilmente che il rischio di sviluppare questo tumore estremamente pericoloso è notevolmente aumentato a causa dell'influenza dei seguenti fattori di rischio:

    - La predisposizione ereditaria gioca, forse, uno dei ruoli principali nel possibile sviluppo del cancro al seno. È già stato dimostrato che se ai parenti di sangue più vicini a una donna (sorella, madre) viene diagnosticato un cancro al seno, il rischio di sviluppare questo tumore in lei è triplicato. Ciò è spiegato dal fatto che i parenti di sangue sono molto spesso portatori di determinati geni (BRCA1, BRCA2), che sono responsabili dello sviluppo del cancro al seno. Tuttavia, anche l'assenza di questi geni non significa che questa oncologia non si svilupperà. Secondo le statistiche, solo l'1% delle donne con carcinoma mammario ha geni predisposti per i dati.

    cancro al seno - la frequenza di insorgenza in base all'età

    - Alcune delle caratteristiche individuali del sistema riproduttivo femminile possono anche causare un aumento del rischio di sviluppare il cancro al seno. Tali caratteristiche includono: mancanza di parto, gravidanza o allattamento al seno per tutta la vita; gravidanza in ritardo dopo 30 anni; insorgenza tardiva della menopausa (di solito dopo 55 anni), prima dell'inizio del periodo mestruale (fino a 12 anni)

    - Anche l'indubbio fattore di rischio è la cosiddetta "storia personale del cancro al seno". Questo concetto significa che se una donna in passato è già stata diagnosticata e successivamente curata da questo tumore maligno, il rischio del suo sviluppo sulla seconda ghiandola mammaria aumenta significativamente

    - Aumentare il rischio di sviluppo di questa oncologia e di malattie come il fibroadenoma (un tumore benigno della mammella che si sviluppa da denso tessuto fibroso) e la mastopatia fibrocistica (manifestata dalla proliferazione del tessuto connettivo nella ghiandola mammaria, con formazione di cisti in essa - cavità fluide)

    - Se i farmaci ormonali vengono assunti per più di tre anni dopo la postmenopausa, aumenta anche il rischio di sviluppare il cancro al seno

    - L'uso di contraccettivi (contraccettivi orali) aumenta di solito il rischio di sviluppare questo tumore maligno. Tuttavia, c'è un rischio leggermente più alto per le donne che assumono sistematicamente i contraccettivi dopo 35 anni, oltre a prenderli continuamente per più di dieci anni.

    - Radiazione penetrante. La radioterapia (irradiazione terapeutica dei tumori maligni) e il fatto di vivere in aree con aumentata radiazione nei prossimi 20-30 anni aumentano significativamente il rischio di sviluppare il cancro al seno. Anche in questa categoria sono inclusi esami radiografici del torace frequenti per tubercolosi e / o malattie polmonari infiammatorie.

    - Inoltre, lo sviluppo di questo tumore maligno può portare a tali comorbidità come: diabete, obesità, ipertensione, ipotiroidismo, ecc.

    A causa del fatto che la maggior parte dei suddetti fattori di stimolazione non può essere eliminata, e anche perché il cancro della mammella si sviluppa spesso nelle donne la cui storia non osserva nessuno dei noti fattori di rischio, è necessario cercare di minimizzare il rischio di sviluppare questa oncologia. controllare e combattere i fattori predisponenti già noti.

    Forse una delle malattie precancerose più pericolose è la mastopatia fibrocistica. Non molto tempo fa, gli scienziati russi hanno sviluppato uno iodio naturale contenente iodio naturale, derivato dalle alghe marine, per combattere efficacemente questo precancro. La sua principale differenza qualitativa dai farmaci ormonali è l'assenza di effetti collaterali tossici e di altro tipo. Questo farmaco può essere utilizzato sia come uno dei componenti della terapia complessa, sia come medicinale separato. Mamoklam riduce significativamente i sintomi dolorosi della mastopatia fibrocistica e serve come prevenzione di alta qualità del cancro al seno.

    Sintomi del cancro al seno

    I sintomi del cancro al seno possono essere molto diversi, il che dipende direttamente dal grado di diffusione, dimensione e forma (più spesso forme nodulari e diffuse) del cancro.

    La forma nodulare è caratterizzata dalla formazione di un nodulo denso, con un diametro da 0,5 a 5 cm o più (tutti i segni che verranno elencati di seguito sono anche caratteristici di questa forma).

    La forma diffusa, a sua volta, è suddivisa in forme armate, erisipelatose e simili alla mastite (pseudoinfiammatorie). Tutte queste forme sono estremamente aggressive, crescono quasi alla velocità della luce, non hanno confini chiari, come se si diffondessero attraverso i tessuti del seno e della pelle.

    L'erisipela e le forme simili alla mastite sono caratterizzate dalla presenza di una reazione infiammatoria: la pelle del seno è rosso vivo, la ghiandola mammaria è dolorosa e la temperatura corporea sale spesso a 39 ° C. È a causa della presenza di questi sintomi che spesso si verificano errori nella diagnosi e i pazienti iniziano a essere trattati per le malattie infiammatorie di cui sono carenti, il cui nome è dato a queste forme di cancro al seno.

    Il cancro bronzato del seno è caratterizzato dalla diffusione di un tumore maligno nel seno sotto forma di una sorta di "peel", che porta alla contrazione e, di conseguenza, a una diminuzione della dimensione del seno interessato.

    Il cancro al seno può talvolta manifestarsi come metastasi nei linfonodi sul lato interessato. In questo caso, il tumore stesso non può essere rilevato, quindi in questo caso parlano del cosiddetto "tumore al seno nascosto".

    Con tumori al seno insignificanti, non si verificano sintomi. In una ghiandola mammaria di piccole dimensioni, le donne più attente possono rilevare un nodulo tumorale durante l'auto-esame, mentre se la ghiandola è abbastanza grande, questo è praticamente impossibile da fare. Se il nodulo è mobile, liscio, rotondo, doloroso quando viene premuto, è molto probabilmente un tumore benigno. Considerando che i segni di una malignità di un tumore al seno sono i seguenti: il nodo che appare al tatto è leggermente spostato o completamente immobile, la sua dimensione può essere abbastanza significativa (da tre a quindici o più centimetri), solitamente indolore, ha una superficie irregolare ed è spessa come una pietra per consistenza.

    In un processo maligno, la pelle sopra un tumore può subire i seguenti cambiamenti distintivi: la pelle viene aspirata, si riunisce in rughe o pieghe, un sintomo di "scorza di limone" può essere osservato (gonfiore locale della pelle è presente sopra il tumore). In alcuni casi, può verificarsi una germinazione diretta della superficie cutanea da parte di una neoplasia, che porta al suo colore rosso vivo e alla crescita sotto forma di "cavolfiore".

    Con questi segni, è necessario valutare lo stato attuale dei linfonodi ascellari. Se sono indolori, mobili e leggermente aumentati, non preoccuparti. Ma nel caso in cui i nodi si sentono sotto forma di densi, grandi, a volte in fusione tra loro - questo parla in modo eloquente della loro sconfitta per metastasi.

    In alcuni casi, il gonfiore del braccio può svilupparsi sul lato del tumore. Questo è un brutto segno, che indica che lo stadio del cancro al seno è andato molto lontano, le metastasi sono penetrate nei linfonodi ascellari e bloccato il deflusso del liquido linfatico e del sangue dall'arto superiore.

    Per riassumere tutto quanto sopra, elenchiamo i principali segni di cancro al seno qui sotto:

    - Qualsiasi cambiamento visibile visivamente nei contorni originali del seno: un aumento delle dimensioni di una delle ghiandole mammarie, retrazione o cambiamento di posizione del capezzolo, retrazione di qualsiasi parte del seno

    - Qualsiasi cambiamento nella pelle nella zona del seno: l'aspetto di una piccola ferita nell'area dell'areola o capezzolo; ingiallimento, blu o arrossamento di qualsiasi parte della pelle; avvizzimento e / o ispessimento di una zona limitata della pelle del seno ("scorza di limone")

    - L'aspetto in ogni parte della ghiandola denso quasi immobile nodulo

    - Un aumento dei linfonodi ascellari, che può causare sensazioni dolorose durante la palpazione

    - Quando si preme può essere osservato trasparente o miscelato con il sangue scarico dal capezzolo

    - Il cancro al seno spesso copia i sintomi di altre malattie delle ghiandole mammarie. Esempi includono erisipela (malattia infiammatoria della pelle con dolorabilità e arrossamento della ghiandola mammaria), o mastite (lesione infiammatoria del seno, con dolore, febbre e arrossamento della pelle del seno)

    Nelle prime fasi dello sviluppo, il tumore al seno è spesso asintomatico, pertanto, per identificare la malattia nelle prime fasi dello sviluppo, si dovrebbe visitare regolarmente lo specialista del seno. Inoltre, per la diagnosi precoce dei cambiamenti patologici nel seno, tutte le donne dovrebbero usare regolarmente la pratica comune di autoesame del seno.

    Autoesame al seno

    L'auto-esame regolare dovrebbe essere effettuato allo scopo di una diagnosi precoce di tumori patologici. Più spesso vengono esaminate le ghiandole mammarie, prima sarà possibile notare la comparsa di cambiamenti in esse.

    Lo stesso metodo di autoesame del seno è il seguente:

    - Prima di tutto, è necessario valutare la presenza di cambiamenti visivi. Per farlo, mettiti di fronte a uno specchio e, usando il riflesso, confronta la simmetria delle dimensioni delle ghiandole mammarie, il colore della loro pelle, le dimensioni, il colore e i contorni dei capezzoli

    - Dopo questo, è necessario effettuare la palpazione (palpazione), che consiste nell'alternare due mani su ciascun lato dall'alto verso il basso di entrambe le ghiandole mammarie. Inoltre, un'attenzione particolare deve essere rivolta alle ascelle e, più specificamente, ai linfonodi ascellari situati in queste aree.

    L'auto-esame dovrebbe essere effettuato almeno una volta al mese. Nel caso della scoperta dei più piccoli cambiamenti incomprensibili - l'impegno della pelle, dei noduli, dei tumori e dei dolori, è necessario non posticipare la visita di un medico qualificato.

    corretta autoesame del seno

    Esame del seno

    Se viene rilevato un tumore nel seno, il compito principale è eseguire la mammografia (esame radiografico del seno). Come metodo diagnostico alternativo, le donne sotto i 45 anni hanno l'ecografia. La mammografia consente di determinare con precisione la presenza di cambiamenti minimi nei tessuti del seno e, sulla base di alcuni segni radiologici, li caratterizza come maligni o benigni.

    Il prossimo passo nel rilevamento della patologia tumorale è una biopsia tumorale, consistente nell'estrarre un piccolo frammento di una neoplasia con un ago sottile e quindi esaminarlo al microscopio. Una biopsia consente di valutare in modo più affidabile la natura del tumore, ma la risposta più completa può essere data solo dopo la completa rimozione del sito del tumore.

    Qualche volta è mostrato condurre ricerche come la duttografia. Questa è una radiografia della ghiandola mammaria, nei cui condotti è stato precedentemente inserito uno speciale agente di contrasto. La duttografia viene solitamente utilizzata per rilevare la presenza di un tumore benigno dei dotti lattosi (papilloma intraduttale), che inizialmente si manifesta con una scarica sanguinolenta dal capezzolo, dopo di che spesso si trasforma in cancro.

    Nel caso di una diagnosi già confermata, o solo se si sospetta il cancro al seno, vengono mostrati i seguenti studi obbligatori: un'ecografia dei linfonodi ascellari viene eseguita per rilevare le metastasi; ecografia addominale e una radiografia del torace vengono eseguite per rilevare metastasi a distanza.

    Inoltre, se si sospetta il cancro al seno, è indicato uno studio come i marcatori tumorali, consistente nello studio del sangue per la presenza di specifiche proteine ​​in esso presenti, che sono assenti in un organismo sano e sono prodotte solo da un tumore.

    Fasi del cancro al seno

    Dopo un esame completo e la conferma della diagnosi di cancro al seno, il medico determina l'attuale stadio del cancro al seno in base alla presenza di segni identificati.

    Cancro al seno 0 stadio. Tumore al seno allo stadio zero - un tumore maligno localizzato nel tessuto ghiandolare o nel condotto del latte, che non si è diffuso ai tessuti circostanti. Di norma, lo stadio zero del cancro al seno viene rilevato durante la mammografia profilattica, quando i sintomi della malattia sono ancora completamente assenti. Nel caso di trattamento tempestivo adeguato, la sopravvivenza a 10 anni nella fase zero del carcinoma mammario è di circa il 98%.

    Stadio del cancro al seno 1. Il primo stadio del cancro al seno è un tumore maligno, non più di due centimetri di diametro, senza diffusione ai tessuti circostanti. Nel caso di un trattamento tempestivo adeguato, la sopravvivenza a 10 anni nella prima fase del carcinoma mammario è di circa il 96%.

    Stadio del cancro al seno 2. Questo stadio del cancro al seno è diviso in 2A e 2B.

    Lo stadio 2A determina un tumore di diametro inferiore a due centimetri, che si è diffuso da uno a tre linfonodi ascellari o di appena cinque centimetri senza diffondersi ai linfonodi ascellari.

    La fase 2B è definita come un tumore maligno con un diametro fino a cinque centimetri con una lesione da uno a tre linfonodi ascellari, o più di cinque centimetri di diametro, senza diffondersi oltre il seno.

    Nel caso di un trattamento tempestivo adeguato, la sopravvivenza a 10 anni nella seconda fase del tumore al seno è compresa tra il 75% e il 90%.

    Stadio del cancro al seno 3. Questo stadio del cancro al seno è diviso in 3A, 3B, 3C.

    Lo stadio 3A determina un tumore con un diametro inferiore a cinque centimetri con la diffusione da quattro a nove linfonodi ascellari o un aumento dei linfonodi della mammella, dal lato del processo del cancro. Nel caso di trattamento tempestivo adeguato, la sopravvivenza a 10 anni nello stadio 3A varia dal 65 al 75%.

    La fase 3B significa che la neoplasia maligna ha raggiunto la pelle o la parete toracica. Anche riferito a questo stadio è una forma infiammatoria del cancro al seno. Nel caso di trattamento tempestivo adeguato, la sopravvivenza a 10 anni nella fase 3B varia dal 10 al 40%.

    Lo stadio 3C è caratterizzato dalla diffusione di un tumore maligno ai linfonodi vicino allo sterno e ai linfonodi ascellari. Nel caso di un trattamento tempestivo adeguato, il tasso di sopravvivenza a 10 anni nella fase 3C è di circa il 10%.

    Stadio del cancro al seno 4. La quarta fase del tumore al seno significa che il tumore maligno si è metastatizzato (diffuso) ad altri organi interni. Nel caso di trattamento tempestivo adeguato, la sopravvivenza a 10 anni nella quarta fase del tumore al seno è inferiore al 10%.

    Trattamento del cancro al seno

    Il trattamento del cancro al seno deve iniziare immediatamente dopo la diagnosi. La scelta del metodo di trattamento appropriato dipende dal tipo di cancro, dalla sua prevalenza e dallo stadio attuale della malattia. I principali metodi di trattamento del cancro al seno sono: chirurgia, radioterapia, chemioterapia.

    Trattamento chirurgico del cancro al seno

    Il metodo chirurgico è indubbiamente il principale nel trattamento di questo tumore e consiste nella rimozione dell'organo colpito dal tumore, poiché con qualsiasi altro metodo di trattamento si ottiene solo un effetto temporaneo di supporto. Questo metodo è solitamente combinato con la chemioterapia o la radioterapia, che vengono utilizzati dopo o prima dell'intervento chirurgico.

    Direttamente, le operazioni chirurgiche stesse sono suddivise in conservazione degli organi (solo una parte della ghiandola mammaria interessata viene mostrata per la rimozione) e la mastectomia, durante la quale il seno interessato viene completamente rimosso. Di norma, la rimozione radicale della ghiandola mammaria è combinata con la rimozione obbligatoria dei linfonodi ascellari, che sono quasi sempre coperti da cancro. Spesso, la rimozione dei linfonodi ascellari viola il flusso della linfa dal braccio corrispondente, che porta a una limitazione della mobilità, un aumento delle dimensioni e gonfiore dell'arto. Per ripristinare la normale attività e ridurre l'edema, ci sono esercizi appositamente progettati che devono essere raccomandati dal medico curante.

    Il difetto estetico che appare dopo la rimozione radicale della ghiandola mammaria viene eliminato eseguendo una chirurgia ricostruttiva, la cui essenza è quella di posizionare un impianto di silicone al posto della ghiandola mancante.

    Radioterapia (radioterapia) per il cancro al seno

    Di norma, la radioterapia per il cancro al seno viene prescritta dopo un intervento chirurgico radicale. Questo metodo di trattamento è una irradiazione generale dei raggi X dell'area di rilevamento di un tumore maligno, nonché l'irradiazione dei linfonodi vicini.

    La conduzione della radioterapia implica quasi sempre lo sviluppo di tali effetti collaterali come l'apparizione di bolle nella zona di irradiazione, arrossamento della pelle, gonfiore del seno. Debolezza, tosse e altri sintomi individuali possono manifestarsi un po 'meno frequentemente.

    Chemioterapia per il cancro al seno

    Come trattamento indipendente del cancro al seno, la chemioterapia si è dimostrata inefficace, ma la sua combinazione con un metodo chirurgico e la radioterapia, mostra risultati molto buoni. La chemioterapia, di regola, comporta la somministrazione contemporanea di diversi farmaci contemporaneamente. I principali farmaci usati nella chemioterapia del carcinoma mammario sono: Epirubicina, Metotrexato, Fluorouracile, Doxorubicina, Ciclofosfamide, ecc. La scelta di un particolare farmaco dipende da una combinazione di molti fattori ed è determinata individualmente da un medico. Sfortunatamente, la chemioterapia è sempre complicata da effetti collaterali quali debolezza, nausea, vomito e perdita di capelli, che alla fine del ciclo di chemioterapia passano completamente.

    La chemioterapia è spesso combinata con l'uso di droghe che bloccano l'azione degli ormoni. Tuttavia, questi farmaci sono efficaci solo nel rilevare i recettori per gli ormoni sessuali (le cellule maligne si moltiplicano e crescono sotto l'influenza degli ormoni sessuali femminili) sulle cellule tumorali. Un tumore smette di crescere se blocchi la suscettibilità delle cellule agli ormoni con un determinato medicinale. I principali bloccanti ormonali sono: Letrozolo, Anastrozolo, Tamoxifene (questo farmaco viene in genere assunto per cinque anni).

    Inoltre, in alcuni casi, viene mostrato l'uso di farmaci (anticorpi monoclonali), contenenti sostanze simili nella loro azione a sostanze formate nel corpo umano al momento dello sviluppo di un tumore canceroso e uccidendo le cellule tumorali. Il farmaco più comunemente usato è Herceptin (Trastuzumab), che è raccomandato per l'uso durante tutto l'anno.

    Trattamento del cancro al seno secondo il tipo e lo stato attuale

    Stadio del cancro al seno 0, un tumore nel dotto del latte. Viene mostrata la mastectomia. Un'ampia escissione del tumore viene effettuata con i tessuti adiacenti alla ghiandola mammaria, con o senza radioterapia.

    Stadio del cancro al seno 0, un tumore nel tessuto ghiandolare. Esami regolari, mammografia e monitoraggio costante. Per ridurre il rischio di sviluppare una forma invasiva di cancro, è indicato Tamoxifene (per le donne in menopausa Raloxifen). La mastectomia bilaterale (rimozione bilaterale) delle ghiandole mammarie è usata raramente.

    1 e 2 fasi del tumore al seno. Mastectomia. Se viene rilevato un tumore con un diametro superiore a cinque centimetri, la chemioterapia è indicata prima dell'intervento chirurgico. In alcuni casi, è possibile un intervento chirurgico risparmiatore di organi, seguito da radioterapia. Dopo l'intervento chirurgico, secondo le indicazioni - bloccanti ormonali (Herceptin), chemioterapia, radioterapia o una loro combinazione.

    Cancro al seno in stadio 3 Mastectomia. Per ridurre le dimensioni del tumore, gli ormoni bloccanti o la chemioterapia sono indicati prima dell'intervento chirurgico. Dopo l'intervento sono necessari radioterapia, chemioterapia e / o bloccanti ormonali.

    Stadio 4 del cancro al seno con metastasi. In caso di sintomi pronunciati di cancro, vengono mostrati i bloccanti ormonali. Con metastasi nell'osso, pelle, cervello - radioterapia.

    Complicanze del cancro al seno

    Le complicanze più comuni del cancro al seno comprendono: infiammazione dei tessuti circostanti il ​​tumore, comparsa di emorragie da tumori di grandi dimensioni e complicanze associate a metastasi: insufficienza epatica, pleurite, fratture ossee, ecc.

    Dopo l'intervento chirurgico si possono osservare le seguenti complicanze: linforrea prolungata, infiammazione della zona postoperatoria, gonfiore linfatico del braccio.

    Separatamente, vorrei sottolineare che, nel caso di non trattamento, tutti i pazienti con cancro al seno muoiono entro due anni dalla rilevazione iniziale di questo tumore maligno. Una prognosi leggermente migliore per le donne che si sono presentate tardi per un aiuto qualificato. Il più grande effetto positivo si ottiene sempre durante la terapia nella fase iniziale di rilevazione del carcinoma mammario, in assenza di metastasi.

    Il trattamento dei rimedi popolari per il cancro al seno è inaccettabile! In nessun caso non si possono mettere decotti, lozioni, tinture, in quanto alcuni di essi possono solo accelerare la crescita del tumore.