Chirurgia polmonare per cancro

Il principio base del trattamento del cancro oggi è la rimozione dei tessuti di una neoplasia maligna del polmone, possibilmente in un volume più grande.

La chirurgia per rimuovere il cancro del polmone è una misura estremamente importante, perché solo in questo modo è possibile non solo neutralizzare il tumore stesso, ma anche prevenirne l'impatto negativo sull'organo. Inoltre, con l'aiuto dell'intervento chirurgico c'è la possibilità di prevenire la comparsa di metastasi.

Anche quando la rilevazione di una lesione si è verificata nell'ultimo stadio (cosa che a volte accade), un'operazione chirurgica può alleviare il paziente con dolore severo.

C'è un problema, che è che in alcuni casi, a causa della localizzazione del tumore e delle sue caratteristiche anatomiche, la presa è considerata poco pratica o semplicemente impossibile.

Contenuto dell'articolo:

Cosa può essere un intervento chirurgico ai polmoni per il cancro?

In oncologia, la chirurgia può essere di due tipi:

Radicale, quando il tumore polmonare viene rimosso completamente. Considerato un metodo altamente efficace;

Palliativo (sintomatico). Usato quando per qualche ragione è impossibile approfittare di una rimozione radicale di un cancro. È impossibile curare un paziente con l'aiuto di tali operazioni, ma è possibile migliorare la salute e alleviare i sintomi della malattia.

Vari strumenti sono utilizzati per il trattamento chirurgico del cancro del polmone, da cui dipende la qualità del lavoro del chirurgo:

Della varietà di tipi morfologici di cancro, alcuni dei suoi tipi sono difficili da trattare e portano ad un tragico finale. Tuttavia, la chirurgia offre ancora a molte persone la possibilità di guarire, anche se è parziale. Il risultato dell'operazione dipende dalle caratteristiche delle neoplasie: numero, dimensioni e stadio della malattia. E se il tumore senza metastasi a distanza, aumenta la speranza di successo.

Le conseguenze della chirurgia del cancro al polmone

Come sapete, è possibile identificare la condizione più caratteristica del paziente dopo l'intervento chirurgico:

Interruzione del ritmo respiratorio;

Aumento del battito cardiaco;

L'aspetto della fistola bronchiale.

Dopo l'intervento, il paziente inizia il periodo di recupero, che può richiedere molto tempo. I medici stanno cercando di accelerare questo processo e avviarlo con un movimento attivo. Anche a letto, dovresti provare a eseguire semplici esercizi - movimenti con le braccia e le gambe per stimolare la circolazione sanguigna.

Il paziente deve soddisfare le seguenti condizioni:

Seguire rigorosamente il programma di terapia fisica;

Effettuare costantemente esercizi di respirazione;

Seguire rigorosamente una dieta sana.

Cosa fa l'operazione del cancro ai polmoni

I pazienti sottoposti a trattamento chirurgico del tumore fanno spesso la domanda: "Per quanto tempo vivono i pazienti con cancro ai polmoni?" Nessuno darà una risposta definitiva, l'aspettativa di vita dopo l'intervento è individuale per ogni paziente ei dati statistici - 5 anni, non significa nulla.

Autore dell'articolo: Evgeny Bykov | Oncologo, chirurgo

Istruzione: Si è laureato dalla residenza nel "Centro scientifico oncologico russo". N. N. Blokhin "e ha ricevuto un diploma in" Oncologo "

Nella medicina popolare, ci sono molte raccomandazioni e prescrizioni per il trattamento del cancro utilizzando principalmente le proprietà curative delle piante. Le piante che vengono utilizzate nella medicina tradizionale per curare il cancro possono frenare la crescita dei tumori, distruggere le cellule colpite e consentire alle cellule sane di crescere.

Nella struttura del cancro, questa è una delle patologie più comuni. La base del cancro del polmone è la degenerazione maligna dell'epitelio del tessuto polmonare e l'alterato scambio d'aria. La malattia è caratterizzata da un'elevata mortalità. Il principale gruppo a rischio è il fumo di uomini di età compresa tra 50 e 80 anni. Caratteristica di moderno.

Il cancro al seno è il tumore più comune nelle donne. La rilevanza della malattia aumentò alla fine degli anni settanta del secolo scorso. La malattia era caratterizzata da una lesione primaria delle donne di età superiore ai cinquant'anni.

Il cancro allo stomaco è una degenerazione maligna delle cellule epiteliali gastriche. Nella malattia, il 71-95% dei casi è associato alla sconfitta delle pareti dello stomaco da parte del batterio Helicobacter Pylori e sono tra i tumori comuni di persone di età compresa tra 50 e 70 anni. Negli uomini, il cancro gastrico viene diagnosticato il 10-20% più spesso rispetto alle donne della stessa età.

Il cancro cervicale (cancro cervicale) è una malattia oncologica dipendente dal virus. Il tumore primario è un tessuto ghiandolare rinato (adenocarcinoma) o carcinoma a cellule squamose dell'organo riproduttivo. Donne malate dai 15 ai 70 anni. Tra i 18 ei 40 anni, la malattia è una causa significativa di morte precoce.

Il cancro della pelle è una malattia che ottiene il suo sviluppo dall'epitelio squamoso stratificato, che è un tumore maligno. Molto spesso, appare su aree aperte della pelle, l'aspetto di un tumore sul viso è molto alto, il naso e la fronte, così come gli angoli degli occhi e delle orecchie sono più sensibili. Il corpo di tale educazione "non piace" e si formano.

Il cancro intestinale è una degenerazione maligna dell'epitelio ghiandolare del colon o del retto. Nei primi stadi, i sintomi flaccidi che distraggono dalla patologia primaria e assomigliano a un disturbo del tratto gastrointestinale sono caratteristici. Il principale trattamento radicale è l'escissione chirurgica del tessuto interessato.

Dopo l'intervento ai polmoni, prognosi della vita

Rimozione polmonare e chirurgia polmonare per cancro

Il cancro del polmone è un tumore maligno che origina dal tessuto epiteliale dei bronchi. Questa è l'oncopatologia più comune, che è la causa di molte morti nel mondo. Il trattamento principale per questa malattia è la rimozione polmonare. Data la capacità del carcinoma polmonare di metastatizzare rapidamente, la rimozione di una parte del polmone non è sufficiente e in questo caso viene eseguita una resezione completa di una parte dell'organo. La rimozione del polmone nel cancro (pneumonectomia) è un'operazione con un rischio significativo di complicanze, che include una grande quantità di lavoro chirurgico.

Tipi di interventi

La scelta della manipolazione medica dipende dalla dimensione e dalla posizione della neoplasia. Prima viene eseguita una toracotomia (il torace viene aperto), quindi, a seconda dell'indicazione:

    resezione del cuneo (rimuovere parte del lobo polmonare); lobectomia (intero lobo polmonare); polmonectomia (polmone rimosso completamente).

Inoltre, fissazione e protezione delle navi (bruciore e lampeggiante), cuciture del moncone bronco, isolamento della radice polmonare, se necessario, rimozione di tessuto adiposo e linfonodi (linfoadenectomia), restauro del torace, installazione di canali di drenaggio, restauro e riduzione della cavità residua, cuciture.

La convenienza dell'operazione

La questione della fattibilità di operazioni complesse sui bronchi con cancro polmonare rimane irrisolta, a causa dell'elevata mortalità postoperatoria - 7-16%, negli ultimi anni si tende a ridurla al 3-5%. Pertanto, in caso di sospetto di inesattezza della diagnosi, è preferibile contattare diversi specialisti e condurre un esame supplementare.

Un oncologo dovrebbe essere guidato dai principi di un approccio individuale. Pertanto, prima dell'intervento chirurgico, è necessario valutare attentamente sia lo stato fisico e mentale della persona, sia le possibili conseguenze dell'intervento. Ad esempio: la chirurgia per carcinoma a piccole cellule è poco pratica a causa della rapida progressione del tumore e della diffusione delle metastasi.

Controindicazioni

La rimozione del polmone nel cancro può avere gravi conseguenze: problemi respiratori, complicanze purulente e settiche, formazione di una fistola in un ceppo bronchiale, ecc.
Pertanto, in alcuni casi di cancro bronchogenico, l'operazione non è indicata:

    forte diffusione di neoplasie nel corpo; età oltre 65 anni; cattive condizioni del paziente e patologia: forma coronarica di cardiosclerosi, insufficienza cardiovascolare, enfisema polmonare; scarse capacità compensative dei sistemi respiratorio e circolatorio; l'obesità.

Come prepararsi per la chirurgia

Il periodo preoperatorio consiste di due fasi: diagnosi e preparazione. Queste misure sono progettate per ridurre al minimo i rischi di un intervento chirurgico, ridurre la gravità delle complicanze.

Gli assistenti dovrebbero essere istruiti e preparare la sala operatoria e gli strumenti. Prima dell'operazione viene effettuata un'epicrisi, vengono prescritti i preparati, vengono determinati la natura e la quantità dell'intervento necessario, il tipo di anestesia. Il paziente (o il suo rappresentante legale) dà il consenso scritto all'operazione.


Preparazione del sistema nervoso
Prima dell'intervento, la maggior parte dei pazienti si trova in uno stato di tensione nervosa. La prevenzione di questi fenomeni è allo stesso tempo la prevenzione degli shock.
Preparazione del sistema cardiovascolare
Le operazioni più importanti sono sempre una grande perdita di sangue, quindi spesso ricevono trasfusioni di sangue (a volte ripetute).
Preparazione di organi respiratori
Al paziente viene spiegata la tecnica della corretta respirazione profonda e dell'espettorazione dell'espettorato. Applicare espettoranti, antibiotici, ecc. Tutte queste attività sono volte a ridurre la probabilità di complicanze polmonari postoperatorie che sono fatali.

Periodo postoperatorio

La chirurgia per rimuovere un polmone per cancro cambia inevitabilmente lo stile di vita del paziente.

Il periodo di riabilitazione dopo la rimozione del polmone nel cancro dura fino a due anni.

Il paziente è disturbato dall'interconnessione anatomica degli organi. L'inevitabile diminuzione dell'attività motoria dà problemi di peso, il che è inaccettabile: un aumento del peso corporeo aumenta il carico sul sistema respiratorio, che è estremamente pericoloso dopo la resezione. L'eccesso di cibo peggiora seriamente la condizione generale, a causa della contrazione del diaframma e del polmone, contribuisce al bruciore di stomaco e alla rottura degli organi digestivi. Deve essere ridotto al minimo il fumo (anche passivo), l'ipotermia e altro.

Se l'essudato si accumula nella cavità lasciata dal polmone, viene eseguita la puntura, il fluido viene inviato per un esame istologico che mostrerà l'infiammazione, l'infezione o un nuovo processo di cancro. In modo che il paziente si riprenda da un'operazione ai polmoni in caso di cancro dopo la dimissione, previene il ristagno nell'intera metà e nella setta operata. Per questo resort a:

    complesso medico e sportivo, che mira a rafforzare le pareti del torace; esercizi di respirazione per stimolare le capacità compensative del corpo e la riabilitazione dopo la rimozione del polmone durante il cancro; dieta sana per evitare la pressione sugli organi addominali.

Sulla questione di quante persone convivono con un polmone dopo che un tumore è stato rimosso, le statistiche moderne mostrano dati - 5 anni o più, ma tutti individualmente.

Non è facile curare il cancro, specialmente in una fase avanzata dello sviluppo. Tuttavia, la rimozione del polmone nel cancro è una possibilità di sbarazzarsi della malattia. Ciò è possibile con un'attenta preparazione dell'operazione, una prevenzione ottimale del cancro del polmone e l'esclusione di fattori esterni negativi sul corpo.

Chirurgia polmonare Tipi di operazioni, le loro conseguenze

La chirurgia polmonare richiede la preparazione da parte del paziente e il rispetto delle misure di recupero dopo la sua conclusione. È ricorso alla rimozione del polmone in casi gravi di cancro. L'oncologia si sviluppa in modo impercettibile e può manifestarsi in uno stato maligno. Spesso le persone non vanno dal medico per piccoli disturbi, indicando la progressione della malattia.

Tipi di chirurgia

La chirurgia polmonare viene eseguita solo dopo una diagnosi completa del corpo del paziente. I medici sono obbligati ad accertare la sicurezza della procedura per una persona che ha un tumore. Il trattamento chirurgico deve essere eseguito immediatamente, fino a quando l'oncologia si è diffusa ulteriormente attraverso il corpo.

La chirurgia polmonare è dei seguenti tipi:

    Lobectomia - estrazione della parte tumorale dell'organo. La polmonectomia fornisce un'asportazione completa di uno dei polmoni. Chirurgia del punto di resezione a forma di V dei tessuti del petto.

Per i pazienti con chirurgia polmonare sembra una frase. Dopo tutto, una persona non può immaginare che il suo petto sarà vuoto. Tuttavia, i chirurghi stanno cercando di rassicurare i pazienti, non c'è nulla di terribile. Le preoccupazioni relative alla difficoltà di respirazione sono vane.

Preparazione preliminare per la procedura

La chirurgia per la rimozione del polmone richiede una preparazione, la cui essenza è diagnosticare la condizione della parte sana rimanente dell'organo. Dopo tutto, devi essere sicuro che dopo la procedura una persona sarà in grado di respirare, come prima. Una decisione sbagliata può portare a invalidità o morte. Valutano anche il benessere generale, non tutti i pazienti sopportano l'anestesia.

Il medico dovrà raccogliere i test:

    urine; i risultati dello studio dei parametri del sangue; radiografia del torace; esame ecografico dell'organo respiratorio.

Ulteriori ricerche potrebbero essere necessarie se il paziente ha una malattia del sistema cardiaco, digestivo o endocrino. Il divieto riguarda i farmaci che contribuiscono al diradamento del sangue. Deve passare almeno 7 giorni prima dell'intervento. Il paziente si siede su una dieta medica, le cattive abitudini dovranno essere eliminate prima di visitare la clinica e dopo un lungo periodo di recupero del corpo.

L'essenza dell'intervento chirurgico al petto

La rimozione chirurgica richiede molto tempo sotto anestesia per almeno 5 ore. Nelle fotografie, il chirurgo trova un posto per fare un taglio con un bisturi. Il tessuto del petto e la pleura del polmone sono sezionati. Le adesioni vengono tagliate, l'organo viene rilasciato per l'estrazione.

Il chirurgo usa le clip per fermare il sanguinamento. I farmaci usati in anestesia vengono controllati in anticipo in modo da non causare shock anafilattico. I pazienti possono avere una reazione allergica acuta al principio attivo.

Dopo la rimozione dell'intero polmone, l'arteria viene fissata con un morsetto, quindi i nodi vengono sovrapposti. Le cuciture sono realizzate con suture assorbibili che non richiedono rimozione. L'infiammazione è impedita da una soluzione salina iniettata nel torace: nella cavità, che si trova nello spazio tra la pleura e il polmone. La procedura si conclude con un aumento forzato della pressione nelle vie dell'apparato respiratorio.

Periodo di recupero

Dopo la chirurgia polmonare, sono necessarie precauzioni. L'intero periodo si svolge sotto la supervisione del chirurgo che ha eseguito la procedura. Dopo alcuni giorni, iniziano gli esercizi di ripristino della mobilità.

I movimenti respiratori vengono effettuati mentre si sta sdraiati, seduti e camminando. Il compito è semplice: ridurre il periodo di trattamento attraverso il restauro dei muscoli pettorali, indebolito dall'anestesia. La terapia domiciliare non è indolore, i tessuti stretti vengono gradualmente rilasciati.

Con un dolore acuto è consentito l'uso di antidolorifici. Edema emergente, complicazioni purulente o mancanza di aria inalatoria dovrebbero essere eliminati insieme al medico. Il disagio durante il movimento del torace dura fino a due mesi, che è il normale corso del periodo di recupero.

Ulteriore assistenza con la riabilitazione

Il paziente trascorre diversi giorni a letto dopo l'intervento. La rimozione del polmone ha conseguenze spiacevoli, ma i rimedi semplici aiutano a evitare lo sviluppo di infiammazione:

    Il contagocce fornisce all'organismo sostanze antinfiammatorie, vitamine, la quantità di fluido necessaria per il normale funzionamento degli organi interni e il mantenimento dei processi metabolici al livello adeguato. Sarà necessario installare il tubo nel taglio, fasciatura fissa tra le costole. Il chirurgo può lasciarli per l'intera prima settimana. Dovremo sopportare l'inconveniente per motivi di salute futura.

Se il tumore al polmone è già stato rimosso, circa una settimana di trattamento ospedaliero ha luogo dopo l'operazione. Dopo aver scritto, continuare a fare esercizi fisici, prendere farmaci anti-infiammatori, fino a quando la cucitura non scompare del tutto.

Sfondo per il trattamento da parte del chirurgo

I tumori nei polmoni appaiono a causa dei seguenti fattori:

Le infezioni sono alla pari con altri provocatori: cattive abitudini (fumo, alcolismo), malattie croniche (trombosi, diabete), obesità, terapia a lungo termine con farmaci, forte reazione allergica. I polmoni sono controllati periodicamente per la determinazione tempestiva delle condizioni patologiche.

Quindi, si raccomanda di ispezionare i polmoni una volta all'anno. Particolare attenzione è rivolta ai pazienti affetti da malattie vascolari. Se inizi la malattia, il tessuto morente del tumore provocherà un'ulteriore crescita di cellule anormali. L'infiammazione si diffonderà agli organi vicini o attraverso il flusso sanguigno andrà in profondità nel corpo.

La cisti nei polmoni non rimane nella sua forma originale. Cresce gradualmente, stringendo lo sterno. C'è disagio e dolore. Il tessuto compresso inizia a morire, causando la comparsa di focolai purulenti. Effetti simili sono osservati dopo l'infortunio, frattura delle costole.

La diagnosi può essere sbagliata?

In casi molto rari, si verifica un errore diagnostico con la conclusione "tumore polmonare". L'operazione in tali situazioni potrebbe non essere l'unica via d'uscita. Tuttavia, i medici ricorrono ancora alla rimozione del polmone per motivi di mantenimento della salute umana.

In caso di gravi complicazioni, si raccomanda di rimuovere i tessuti interessati. La decisione sull'operazione è presa da sintomi clinici e immagini. La parte patologica viene estratta per fermare la crescita delle cellule tumorali. Ci sono casi di guarigione miracolosa, ma la speranza per un risultato del genere non è saggio. I chirurghi sono abituati ad essere realistici, perché stiamo parlando di salvare la vita del paziente.

Chirurgia per carcinoma polmonare, stadio della malattia

La chirurgia per il cancro del polmone non sempre dà risultati positivi. Ma lo fanno ancora per usare l'ultima possibilità. I proventi di oncologia sono trattati molto duramente e la riabilitazione a volte richiede diversi anni, ma ci sono casi di liberazione dalla malattia. La rimozione del polmone o di una parte di essa viene effettuata al fine di prevenire la crescita di metastasi nel corpo.

Fasi del cancro del polmone

Il cancro del polmone (polmone) è una malattia grave che viene diagnosticata ogni anno in 1 milione di persone. Circa 60 mila di loro sono russi. Col passare del tempo, la situazione peggiora e le ragioni sono l'ecologia (che vive vicino alle imprese industriali) e il fumo. Il cancro al polmone può svilupparsi a qualsiasi età, ma le persone nel gruppo di rischio principale hanno tra i 45 ei 50 anni. E per lo più uomini.

A proposito! I pazienti sono più spesso diagnosticati con il cancro del polmone destro, perché la trachea è collegata ad essa quasi ad angolo retto. Ciò causa una maggiore influenza dei fattori negativi sul corpo.

Per valutare la natura della malattia e la scelta del metodo di trattamento, distinguere 2 più 4 stadi del cancro del polmone.

nascosto

Le cellule tumorali "dormono" e finora non interferiscono con l'uomo. Questo stadio viene diagnosticato molto raramente. Questo di solito accade per caso a seguito di ulteriori analisi per i marcatori tumorali durante la broncoscopia.

zero

Il primo stadio del carcinoma polmonare non invasivo, quando le cellule maligne sono presenti nelle loro membrane interne. Il processo si diffonde rapidamente, quindi se è possibile rilevare le cellule tumorali (anche come risultato dell'analisi dell'espettorato), è necessario iniziare immediatamente la terapia. E poi tutto costerà un trattamento semplice e breve.

prima

Nel polmone c'è già un tumore che può raggiungere i 5 cm, localizzato in uno dei bronchi (non nel principale). All'inizio del primo stadio non vi è alcuna sintomatologia pronunciata, ma con il suo rapido sviluppo inizia la mancanza di respiro, una tosse secca, rari dolori al petto.

Tutto ciò suggerisce che i linfonodi e la pleura già colpiti. Le proiezioni di trattamento sono favorevoli. La chemioterapia per il cancro del polmone del primo stadio abbastanza con successo consente di far fronte alla malattia e fare senza chirurgia.

Il secondo

Le dimensioni del tumore possono raggiungere 5-7 cm. Le metastasi sono solitarie, ma già diffuse attraverso i linfonodi, che intensifica i sintomi. A volte si aggiungono emottisi e mancanza di respiro; la respirazione diventa rauca e rumorosa. L'operazione offre un'alta possibilità di recupero.

terzo

Il tumore cresce sul bronco principale e aumenta fino a 8-9 cm. Le cellule maligne si metastatizzano ai linfonodi, così come alla trachea, all'esofago e persino alla colonna vertebrale. I sintomi e i segni del cancro del polmone di grado 3 sono una complicazione significativa della respirazione, del dolore, dei rumori e del respiro sibilante, della febbre e della debolezza generale. Una persona diventa nervosa, non dorme bene, tossisce molto e spesso, spesso con il sangue. Solo un intervento chirurgico con trattamento preliminare e successivo in clinica, chemioterapia, ecc. Può aiutare.

quarto

Il grado incurabile di cancro ai polmoni, che inizia dal momento della metastasi di organi e sistemi lontani. Continua finché il paziente non muore. L'operazione per rimuovere il polmone è già inutile.

Tipi di operazioni per il cancro del polmone

La fattibilità di eseguire un intervento chirurgico in oncologia polmonare è determinata sulla base di diversi fattori. All'ammissione primaria, nessun dottore non può né fare una diagnosi accurata, né determinare il grado di cancro, né prescrivere un intervento chirurgico. Per prima cosa è necessario passare attraverso una serie di studi e consultazioni con vari specialisti che saranno guidati dai principi di un approccio individuale. Questa è l'età del paziente, la sua condizione fisica, lo stile di vita e semplicemente il desiderio di essere trattati.

A proposito! Alcuni pazienti con diagnosi di oncologia polmonare avanzata con prognosi deludenti, si rifiutano deliberatamente da un intervento chirurgico e da qualsiasi altra terapia pesante a favore di un certo periodo di vita misurata.

L'intervento chirurgico nel cancro comporta la rimozione del tumore. Ma in considerazione del fatto che le cellule maligne di solito hanno il tempo di infettare di più e il tessuto polmonare, a volte è necessario rimuovere l'intero corpo o il suo segmento.

  1. Pneumonectomia. Questa è la rimozione del lobo superiore o medio del polmone mentre il tumore è localizzato in essi.
  2. Lobectomia. Rimozione del polmone nel carcinoma non a piccole cellule, il che implica che la seconda parte dell'organo associato è quasi completamente sana. Talvolta la linfoadenectomia viene eseguita simultaneamente quando vengono rimossi anche i linfonodi più vicini.
  3. Segmentectomia. Rimozione del lobo polmonare con conservazione del volume principale del corpo. Tale operazione sarà efficace per un piccolo tumore che non ha avuto il tempo di metastatizzare.

Come viene eseguita l'operazione in oncologia polmonare

Se vuoi rimuovere completamente il polmone, devi eseguire una toracotomia: apri il torace. Esistono diversi tipi di tali operazioni: anterolaterale, posterolaterale, laterale (la più comune), ascellare, parasternale. Ognuno ha la propria testimonianza ed è selezionato in base al tipo di operazione.

Nel carcinoma polmonare periferico o in una singola metastasi, può essere eseguita la toracoscopia. È sia un metodo diagnostico che operativo che ti permette di prendere il tessuto polmonare per analisi o rimuovere con loro cellule maligne. Viene effettuato con l'aiuto di attrezzature speciali. È considerato meno traumatico, ha una bassa percentuale di complicazioni e una rapida riabilitazione del paziente; non lascia cicatrici.

Qualsiasi operazione richiede professionalità dagli oncologi e un'attenta preparazione da parte del paziente stesso. Inoltre, l'intervento di solito viene effettuato quasi immediatamente dopo la diagnosi (in modo da non perdere tempo e non contribuire allo sviluppo del cancro e al suo passaggio a una fase più difficile), quindi una persona dovrebbe soddisfare tutte le raccomandazioni e le prescrizioni di un medico in breve tempo. Questo è test, passando la ricerca necessaria, dieta, prendendo alcuni farmaci.

Riabilitazione dopo chirurgia polmonare per cancro

Non importa se il polmone è completamente rimosso o parte di esso: ci vorrà molto tempo e non si recupererà facilmente. E questo è dovuto a diversi fattori. Primo: riabilitazione dopo un intervento chirurgico complesso. Se non è stato toracoscopico, il paziente sarà a letto per 12 o più giorni. Questo periodo è accompagnato da dieta, medicazioni, medicazioni.

Il secondo fattore di riabilitazione grave dopo l'intervento chirurgico per qualsiasi tipo di tumore polmonare è associato a complicazioni spesso in via di sviluppo. Questi sono fenomeni purulenti, sepsi, problemi con la formazione del moncone di bronco, la formazione di fistole. Le giunture esterne e le ossa crescono abbastanza velocemente, e le ferite interne spesso peggiorano e causano dolore al paziente.

E il terzo fattore: difficoltà a respirare. Il paziente lo troverà insolito, soprattutto alla prima volta: anche se la stanza è fresca, l'aria non sarà sufficiente. Col tempo si abituano ad esso, ma impegnarsi attivamente nello sport, in particolare nell'atletica, non funzionerà.

Per riprendersi dalla rimozione dei polmoni, è necessario seguire una dieta, evitare il fumo passivo e periodicamente andare all'aria aperta. Se possibile, è ancora meglio cambiare il clima in uno più favorevole. Se questo non è il mare, allora almeno un villaggio o una città di provincia senza strutture industriali. Dovresti anche eseguire regolarmente una serie di esercizi di respirazione che ti aiuteranno ad adattarti a una nuova vita con un polmone.

Come prevenire il cancro ai polmoni

L'oncologia è una malattia che di solito lascia poche possibilità di una vita normale. Più spesso si tratta di dolori lancinanti prolungati o di morte. Quest'ultimo non è escluso dopo l'operazione, perché nessun medico può dare una garanzia per l'assenza di complicanze. Pertanto, una delle tendenze della medicina moderna è la promozione della prevenzione delle malattie tumorali.

La prevenzione del cancro del polmone comporta, soprattutto, l'abbandono del fumo. Evitare il bisogno e il fumo passivo, che non è meno pericoloso. Secondo le statistiche, di tutti i casi, circa l'80-85% sono fumatori. Inoltre, l'oncologia polmonare può verificarsi a causa di altri agenti cancerogeni volatili: amianto, cadmio, cromo, arsenico. Tutto ciò è contenuto nei gas di scarico e nelle emissioni delle industrie metallurgiche e chimiche. Anche le persone a rischio di soffrire di malattie polmonari croniche sono a rischio. Pertanto, devono sottoporsi regolarmente a una commissione medica, eseguire una radiografia del torace e una radiografia del torace.

Operazione di rimozione del cancro del polmone: revisione completa

La chirurgia per le malattie del cancro viene eseguita abbastanza spesso, in alcuni casi ciò porta al recupero del paziente e alla conservazione della sua vita. La rimozione del polmone nel cancro viene utilizzata quando il tumore è piccolo e non ha diffuso metastasi ad altri organi e tessuti. Prima di eseguire una procedura chirurgica, gli oncologi prescrivono sempre esami per identificare la possibilità di eseguire un'operazione su un dato organo, nonché la capacità del paziente di trasferirla. C'è un'opinione che con un polmone sarà difficile per una persona respirare, ma non è così. Con un polmone, una persona può respirare bene quanto con due, ma se ci sono problemi con la respirazione prima dell'operazione, possono peggiorare.

La necessità di un intervento chirurgico

Di solito, la chirurgia viene utilizzata per il cancro del polmone non a piccole cellule, quando il tumore è piccolo e non ha metastatizzato. L'operazione per rimuovere il polmone di solito si verifica nella fase iniziale dello sviluppo della malattia. Il medico prescrive l'avvento di tutte le ricerche aggiuntive al fine di assicurarsi che la persona sia pronta per un intervento chirurgico e le conseguenze del trattamento saranno buone. In questo caso, viene prestata particolare attenzione ai seguenti punti:

  1. La sopravvivenza dopo la chirurgia polmonare è in media del 40%, a condizione che un tumore localizzato stia crescendo lentamente.
  2. In caso di disfunzione del cuore e dei polmoni, aumenta il rischio di morte dopo l'intervento chirurgico.
  3. C'è sempre il rischio di complicanze e effetti avversi dopo l'intervento chirurgico al polmone.

Controindicazioni alla chirurgia

La rimozione del polmone può innescare lo sviluppo di varie complicanze, quindi non è indicata per tutti i pazienti. È impossibile effettuare l'intervento chirurgico in tali casi:

  • età avanzata;
  • la diffusione delle metastasi nel corpo;
  • la presenza di gravi malattie del cuore e dei vasi sanguigni, così come altri organi vitali;
  • disturbi dell'apparato respiratorio e circolatorio;
  • sovrappeso.

Tipi di chirurgia

La scelta del metodo di chirurgia per il carcinoma polmonare dipende dalla posizione del tumore e dalle sue dimensioni. Durante l'operazione, il torace del paziente viene aperto, quindi l'organo interessato viene rimosso. I seguenti tipi di operazioni sono utilizzati in oncologia:

  1. Una resezione a cuneo in cui parte del lobo polmonare interessato viene rimosso. Lo scopo della resezione è la rimozione del tessuto patologico dell'organo in modo tale da lasciare intatta la maggior parte della zona sana possibile. In questo caso, il trattamento chirurgico può salvare l'organo e abbreviare il processo di riabilitazione e recupero dopo la rimozione del polmone nel cancro.
  2. La lobectomia è caratterizzata dalla rimozione dell'intero lobo del polmone. Durante l'intervento chirurgico, il chirurgo rimuove i linfonodi nel torace. Dopo la fine della procedura, i tubi di drenaggio sono installati nel torace del paziente, attraverso il quale il fluido accumulato uscirà dalla cavità toracica. Quindi l'incisione viene chiusa con un punto o parentesi.
  3. La polmonectomia è causata dalla rimozione dell'intero polmone. Tipicamente, questo metodo è usato nel caso della prevalenza della patologia e con una grande dimensione del tumore.
  1. Segmentectomia è la rimozione di un segmento polmonare. L'operazione viene eseguita quando il tumore è piccolo e non si estende oltre il segmento del polmone.

Fai attenzione! La pneumectomia è la chirurgia più importante per l'oncologia polmonare, in quanto in questo caso una persona è privata di un intero organo.

Quando si utilizza il metodo chirurgico di terapia, il paziente deve essere ricoverato in ospedale, e dopo l'operazione, viene monitorato per un paio di settimane o mesi. I metodi di trattamento e prevenzione sono sviluppati dal medico generico essente presente.

Periodo di riabilitazione

La rimozione del polmone nel cancro può avere varie conseguenze, che vanno dalla compromissione respiratoria allo sviluppo di un processo infettivo. Molto spesso, i pazienti dopo l'intervento chirurgico hanno debolezza, respiro con dolore, mancanza di respiro e difficoltà respiratoria. Nei casi più gravi, dopo l'uso dell'anestesia possono svilupparsi emorragie e varie complicazioni.

Il periodo di recupero del sistema respiratorio dura circa due anni. In questo caso, una persona ha un disturbo della connessione anatomica degli organi. L'attività motoria del paziente diminuisce, il che porta ad un aumento del peso corporeo, che a sua volta aumenta il carico sugli organi respiratori e compare una tosse costante.

Quando si accumula nella cavità, che è rimasta dopo la rimozione del polmone, il liquido, viene rimosso dalla puntura. La biopsia viene quindi inviata per esame istologico.

Nel periodo postoperatorio, il medico prescrive una terapia fisica per rafforzare le pareti del torace, esercizi di respirazione. Inoltre, una dieta viene necessariamente assegnata dopo l'operazione.

Fai attenzione! È molto difficile curare il cancro ai polmoni, ma rimuovere un polmone dà una possibilità di sopravvivenza. Questo può essere raggiunto solo con una preparazione adeguata per la chirurgia, così come il rispetto di tutte le raccomandazioni del medico e l'evitare l'influenza di fattori negativi nel periodo postoperatorio.

I medici non raccomandano di eseguire esercizi fisici pesanti per normalizzare lo stato dell'apparato respiratorio.

Complicazioni e conseguenze negative

La chirurgia comporta sempre il rischio di complicanze. In questo caso, una persona può sviluppare insufficienza respiratoria, malattie infettive secondarie, sanguinamento. Con lo sviluppo di un processo purulento acuto, ad esempio, bronchite infettiva grave negli adulti, cancrena polmonare, la sepsi può eventualmente comparire, portando alla morte. Tali conseguenze negative possono verificarsi in qualsiasi momento dopo l'operazione, se non è stata raggiunta una condizione stabile del paziente. Se si verificano sintomi spiacevoli, è necessario sottoporsi a un esame urgente.

La disabilità dopo la rimozione del polmone si sviluppa in metà dei pazienti ai quali è stata prescritta la pneumonectomia. Dopo un lungo periodo di recupero, molte persone recuperano la loro capacità di lavorare.

Fai attenzione! Una complicazione meno comune è la ricorrenza del cancro. Il medico non può garantire la completa rimozione del tumore e l'assenza di cellule tumorali nel corpo del paziente. C'è sempre il rischio di riformare il tumore.

Prognosi e prevenzione della patologia

Il cancro al polmone è una malattia pericolosa che lascia poche o nessuna possibilità di normale funzionamento. Di solito, una persona sperimenta un forte dolore, che lo porta angoscia, spesso c'è un risultato letale. La morte è anche possibile dopo l'intervento chirurgico, si verifica nel 7% dei pazienti operati.

La prevenzione delle malattie dovrebbe iniziare con l'abbandono delle abitudini nocive, in particolare il fumo, questo vale anche per il fumo passivo, che è anche pericoloso. Si raccomanda inoltre di evitare l'esposizione alle radiazioni, l'esposizione agli agenti cancerogeni, trattare tempestivamente le malattie dell'apparato respiratorio. I medici insistono sul passaggio annuale della fluorografia, che consente di rilevare anomalie nei polmoni nelle prime fasi dello sviluppo della patologia.

Come è la rimozione del polmone nel cancro: le conseguenze dell'operazione

Come è la rimozione del polmone durante il cancro, le conseguenze dell'operazione - tali problemi sono di competenza di un medico qualificato. Il cancro al polmone metastatizza rapidamente, quindi i medici, dopo aver confermato la diagnosi, prescrivono un intervento chirurgico. Questo è l'unico modo per trattare il carcinoma, la cui rimozione non sempre passa senza lasciare traccia per la salute del paziente. Le conseguenze sono negative, passando attraverso un certo tempo.

Quando ai pazienti viene prescritto un intervento chirurgico di rimozione dei polmoni.

La chirurgia polmonare per cancro viene eseguita se ai pazienti viene diagnosticata la seguente condizione:

  • il tumore è piccolo;
  • nessuna metastasi;
  • c'è il cancro di primo e secondo grado;
  • carcinoma a piccole cellule, ma solo nella prima fase.

L'operazione non viene eseguita se il tumore si trova molto vicino all'esofago, al cuore, ai vasi sanguigni e alla gola.

La rimozione del polmone ai pazienti con diagnosi di cancro polmonare viene effettuata solo dopo attente ricerche, test di laboratorio, esami, il cui scopo è determinare se l'organismo può far fronte a tale intervento.

Com'è l'operazione?

Durante l'operazione, il torace viene aperto, quindi i dispositivi speciali fissano e proteggono i vasi. Ciò consente di rilevare la radice del polmone, i vasi sono cauterizzati per rimuovere il polmone. Nell'ultima fase dell'operazione si formano i culti dei bronchi, i tessuti grassi e i linfonodi vengono rimossi. Il prossimo passo dei medici è il restauro e la rimozione della cavità, che è rimasta dopo l'operazione. Ci sono fogne, il petto è chiuso e vengono applicati punti.

Il processo di recupero graduale richiede le seguenti attività:

  1. Terapia intensiva
  2. Manutenzione del paziente.
  3. Attuazione della ventilazione polmonare artificiale.

Questo aiuta i pazienti a recuperare più velocemente, perché questa persona ha semplicemente bisogno di seguire le prescrizioni mediche.

Le conseguenze dell'operazione e il periodo di recupero

Complicazioni. La rimozione del polmone nel cancro ha conseguenze e complicazioni, che si manifestano nella formazione di sepsi, la comparsa di una fistola nei bronchi, insufficienza respiratoria, l'insorgenza di pus. Una delle gravi complicazioni è che il moncone bronchiale non è sufficientemente formato. L'operazione causa alcune difficoltà respiratorie, che si manifestano non appena il paziente prende vita dopo l'anestesia.

Spesso ci sono segni come:

  • grave o stordimento;
  • palpitazioni cardiache;
  • mancanza di respiro;
  • mancanza di ossigeno

I sintomi simili saranno osservati per molto tempo - da 6 mesi a 1 anno. Le conseguenze del cancro del polmone contribuiscono alla formazione di tessuto fibroso nella sede del polmone rimosso. Visivamente, questo è osservato nella forma della confluenza del petto, che gradualmente diminuisce, ma non passa completamente.

Le conseguenze a vari livelli possono manifestarsi entro 2 anni dall'intervento, pertanto per i pazienti è proibito uno sforzo fisico pesante, solo un lavoro leggero e un carico di lavoro moderato sono prescritti. Allo stesso tempo, è necessario assumere medicinali speciali prescritti da un medico e seguire una dieta.

Il recupero postoperatorio richiede un trattamento speciale. Il cancro al polmone può essere rimosso in vari modi: lobectomia, polmonectomia, pneumoectomia o resezione del polmone a cuneo. Tutto dipende dal grado della malattia, dai sintomi, dalle condizioni generali del paziente, dall'area del polmone che deve essere tagliata. A seconda del tipo di intervento chirurgico, la terapia sarà più o meno intensiva. Questo influenza anche il processo di recupero, la sua durata.

In ogni caso, l'operazione influisce sullo stile di vita dei pazienti. Innanzitutto, c'è una rottura nella comunicazione tra organi. In secondo luogo, è necessario monitorare costantemente la dieta. In terzo luogo, fare esercizio leggero.

Tutto ciò è necessario per ripristinare rapidamente la funzionalità polmonare, prevenire lo sviluppo di ristagni, rafforzare il torace, stimolare le capacità compensatorie del sistema respiratorio. Per fare questo, il medico prescrive una serie di esercizi che sono condotti in un istituto medico speciale sotto la supervisione di un medico in ginnastica terapeutica.

A causa del fatto che per molto tempo i pazienti non possono dedicarsi ad attività attive e sportive, potrebbero esserci problemi di peso. Non possiamo permettere un aumento del peso corporeo, perché Ciò influenzerà negativamente il sistema respiratorio. Questo dovrebbe essere evitato in modo da non causare complicazioni.

Prima di prescrivere una dieta, il medico consulta il paziente in merito a abitudini alimentari, pasti, ecc. I cibi grassi, fritti, salati e gli alimenti che possono causare la formazione di gas sono completamente esclusi dalla dieta. Questo aiuterà a evitare lo stress sugli organi del tratto gastrointestinale, normalizzerà la pressione, incluso all'interno della cavità addominale.

È necessario evitare l'eccesso di cibo, che preme il diaframma e il polmone rimanente, con il risultato che può verificarsi un significativo deterioramento delle condizioni del paziente. Forse questo causerà bruciore di stomaco, fegato anormale, pancreas, altri organi e sistemi vitali.

Particolare attenzione è rivolta al lavoro dei bronchi e dei polmoni, che dovrebbe ripristinare le loro funzioni. Molto pericoloso per coloro che sono stati rimossi polmone, infezioni virali, ipotermia, fumo, consumo eccessivo di bevande alcoliche, oltre ad essere in ambienti molto soffici, fumosi e umidi. Per evitare la mancanza di respiro e gli spasmi, è necessario ridurre il carico e utilizzare attivamente gli inalatori. Dato che hanno una forma compatta, dovresti sempre portare con te inalatori.

Cancro ai polmoni: dopo l'intervento chirurgico

sintomi:

Trattamento di pazienti con forme operabili di cancro ai polmoni (stadio I-II), metodi chirurgici - uno dei metodi di trattamento più sicuri, anche se il più radicale.

Intervento chirurgico per la malattia

Dal momento che, nei pazienti post-operatorie necessitano di cure speciali, affaticamento sperimentando, mancanza di respiro, difficoltà di respirazione (accompagnato da una sensazione di mancanza di ossigeno), il dolore postoperatorio al petto, vertigini.

Solo 10-35% dei pazienti in cerca di aiuto sono autorizzati a cancro trattamento chirurgico del polmone e solo il 25-45% delle persone che seguono la chirurgia, vivono più di 5 anni.

Il cancro al polmone metastatizza molto rapidamente, quindi, operando con una neoplasia maligna dei polmoni, è impossibile rimuovere un segmento o lobo del polmone. È necessaria una resezione totale del polmone, con rimozione congiunta non solo dei linfonodi vicini, ma anche del tessuto adiposo della radice polmonare e del mediastino.

Rischio postoperatorio

Da rischi postoperatorie includere l'insorgenza di emorragia polmonare, unendo varie infezioni pustolose (con sepsi), formazione di fistole causa di inconsistenza moncone bronchiale in funzionamento luogo, una elevata probabilità di accumulo essudativa di liquido a causa dello sviluppo di pleurite in funzionamento luogo.

L'efficacia del metodo chirurgico

Il trattamento chirurgico è spesso inefficace, perché ha posto le metastasi non solo nei linfonodi regionali, ma anche gli organi adiacenti (e dopo un po 'riappare il cancro ai polmoni dopo l'intervento chirurgico). Può accadere anche in modo tale che non ci sarà nuovamente il cancro nei polmoni e negli organi metastatici affetti, anche se il trattamento chirurgico del cancro del polmone si svolge in concomitanza con la chemioterapia.

Il periodo postoperatorio richiede 1,5-2 anni, che è associato a un lungo recupero di funzioni. Il rispetto di tutte le raccomandazioni del medico, le modalità di lavoro e di riposo, una dieta speciale aumenta il tempo e la qualità della vita.

Le conseguenze della rimozione di un polmone in un paziente oncologico dopo l'intervento chirurgico

Malattia polmonare maligna - carcinoma, più spesso formato da tessuto epiteliale. La patologia richiede un approccio integrato al trattamento, che di solito si basa sul trattamento chirurgico. Rimozione di un polmone durante il cancro è, a volte, l'unica possibilità per una persona di recuperare.

Questa tecnica è praticata da esperti per prevenire la formazione di metastasi o altre complicazioni, molto probabilmente altrimenti. L'elevata efficienza dell'operazione è dovuta all'impatto diretto sull'area problematica. Tuttavia, vi è la probabilità di varie complicazioni e conseguenze. Il paziente richiede un lungo periodo di recupero.

Pertinenza dell'intervento

L'intervento chirurgico è tradizionalmente fatto ricorso per rimuovere il focus del cancro formato il più completamente possibile. Ciò sembra appropriato in condizioni di piccole dimensioni e non si estende oltre i limiti dell'organo di processo.

Nella fase di preparazione dell'intervento, il paziente viene sottoposto a un esame completo, anche con la ripetizione di alcuni studi sulla dinamica, al fine non solo di stabilire una diagnosi accurata, ma anche di prevenire le gravi conseguenze della rimozione del polmone durante il cancro.

Lo specialista deve prestare attenzione a tali fattori:

  • lo stato di salute iniziale del paziente;
  • la presenza di altre patologie che possono aggravare la situazione;
  • struttura di un neoplasma maligno;
  • la presenza di metastasi;
  • l'umore del paziente da recuperare.

Raramente è possibile ottenere solo rimuovendo il segmento del polmone. Viene eseguita una resezione totale, con asportazione dei linfonodi, dove potrebbero già esserci micrometastasi e tessuto adiposo.

Tipi di interventi

In proporzione diretta allo stadio in cui è stata diagnosticata una neoplasia maligna nel polmone e nelle condizioni iniziali del paziente, è possibile eseguire diversi interventi chirurgici.

Di norma, per rimuovere un focus del tumore vengono utilizzati i seguenti metodi:

  • l'escissione del lobo del polmone è detta lobectomia;
  • resezione marginale - il tumore stesso viene eliminato direttamente, una procedura simile è praticata negli anziani, così come in quelli con grave patologia concomitante, quando la rimozione di una grande quantità di tessuto minaccia gravi complicazioni;
  • quando si diagnostica il cancro periferico allo stadio 2-3 o un tumore centrale, è necessaria la pulmonectomia e anche la rimozione dell'intero polmone;
  • nelle fasi successive dell'oncoprocesso, gli interventi chirurgici combinati vengono eseguiti quando i tessuti e gli organi adiacenti vengono rimossi insieme alle strutture polmonari interessate.

La decisione sulla necessità di una particolare opzione di trattamento chirurgico viene presa individualmente da uno specialista, tenendo conto di molti fattori.

Complicazioni nel primo periodo postoperatorio

Un intervento in cui c'è sempre un alto rischio di intraoperatoria, ad esempio, la dissezione dell'arteria polmonare, così come le complicanze post-operatorie - polmonectomia. La spiegazione è il fatto che è necessaria un'enorme quantità di interventi chirurgici - toracotomia, rimozione del tumore e la più leggera, formazione di un moncone di bronco, riabilitazione del mediastino.

La complicazione più comune nel periodo di recupero precoce è un malfunzionamento del sistema respiratorio. Immediatamente dopo il risveglio il paziente avverte una grave mancanza d'aria, difficoltà a respirare, vertigini. Tutti questi sono sintomi di carenza di ossigeno, che saranno osservati per diversi mesi, che sono necessari all'organismo per adattarsi a una nuova condizione.

Inoltre, una complicazione è la comparsa di lesioni purulente e settiche. La polmonectomia è un intervento su larga scala in cui non è sempre possibile impedire la penetrazione di agenti patogeni. Meno comunemente, il trasferimento avviene da focolai interni di infezione.

È importante! A volte il liquido patologico si accumula nella cavità toracica nella sede del polmone rimosso. Di regola, questa è una conseguenza della pleurite - eziologia infettiva o non specifica. La condizione richiede una diagnosi completa ripetuta obbligatoria per prevenire il ripetersi dell'oncopatologia.

Le rare complicanze del periodo di recupero precoce comprendono il fallimento del moncone del bronco e l'insorgenza della fistola bronchiale.

Come è la fase finale della riabilitazione

Dopo aver subito un intervento chirurgico, che rimuove non solo il polmone stesso, ma anche le linfostrutture più vicine, così come il tessuto adiposo, il paziente ha una confluenza visivamente notevole nell'area del torace. La condizione persiste per diversi mesi fino alla formazione del tessuto fibroso, riempiendo il vuoto nel sito del polmone rimosso o parte di esso.

In futuro, gli effetti possono verificarsi entro 2-3 anni dopo l'intervento chirurgico su strutture polmonari. Durante tutto il periodo di recupero, una persona è consigliata la correzione dell'attività fisica, la nutrizione, l'assunzione di farmaci speciali.

A causa di una diminuzione dello sforzo fisico, il peso può aumentare, con effetti negativi sulla salute. Il carico sui sistemi polmonari e cardiovascolari aumenta. Tali complicazioni stanno cercando di evitare l'uso di una dieta speciale. Grassi, pasti pesanti, farina e prodotti dolciari sono esclusi dalla dieta.

È necessario evitare l'eccesso di cibo, che contribuisce all'innalzamento del diaframma e precarica il polmone rimanente. Il risultato è un aumento della mancanza di respiro e della fame di ossigeno in generale.

La violazione dell'integrità anatomica provoca un fallimento nel dettaglio degli organi digestivi - si verificano bruciore di stomaco, epatociti e cellule pancreatiche. A causa della maggiore flatulenza può verificarsi dolore addominale, stitichezza. La prevenzione è la terapia dietetica e l'implementazione di serie di esercizi appositamente sviluppati.

La vita dopo l'intervento

Con un intervento di successo e l'assenza di gravi complicanze, così come la progressione del cancro, la prognosi per la maggior parte dei pazienti è favorevole. Certo, non stiamo parlando di una completa guarigione. Questo è appena possibile dopo la rimozione delle strutture polmonari. Tuttavia, un'elevata qualità della vita e un ritorno a certi tipi di lavoro è del tutto possibile.

Per stimolare le capacità compensative del paziente, accelerare la riabilitazione e aumentare l'attività fisica generale, uno specialista seleziona la migliore opzione di terapia fisica. L'esercizio fisico aiuta a migliorare l'ossigenazione degli organi, per evitare l'aumento di peso. Eseguire complessi di ginnastica hanno, molto probabilmente, il resto della sua vita.

Sarà necessario rivedere la dieta - al fine di accelerare il recupero, devono essere presenti verdure e frutti vari. Una dieta senza grassi, cibi fritti, conservanti e prodotti da forno contribuirà ad evitare il meteorismo, che provoca un aumento della pressione nella cavità addominale.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla prevenzione dell'ipotermia, patologie catarrali, ad esempio ARVI. Un prerequisito per una riabilitazione di successo è il rifiuto delle cattive abitudini: l'abuso di tabacco e prodotti alcolici.

Piena vita dopo l'intervento chirurgico sulle strutture del sistema polmonare è del tutto possibile. È solo necessario aderire alle raccomandazioni del medico generico essente presente.

Ti saremo molto grati se lo voterai e lo condividerai sui social network.

Carcinoma polmonare: trattamento chirurgico

L'intervento chirurgico è spesso l'unico modo possibile per salvare un paziente con cancro ai polmoni. Questa forma di patologia è la più pericolosa, poiché è difficile da individuare, trattare male e rapidamente metastatizzare. Ogni anno più persone muoiono per oncologia polmonare che per cancro combinato dello stomaco e del pancreas. Un intervento chirurgico polmonare tempestivo può salvare vite umane e dare qualche anno in più.

Operazioni e diagnostica

La chirurgia è il trattamento principale per il cancro del polmone. I pazienti con stadio 1 e stadio 2 hanno la prognosi migliore, nei pazienti con 3a, le probabilità sono molto minori. Ma, a giudicare dai dati clinici, i medici gestiscono solo il 20% delle persone con la forma precoce della malattia e, con le fasi successive, già il 36%. Cioè, se i pazienti fossero tornati in sé e fossero stati esaminati immediatamente, e i medici avessero riconosciuto oncologia in tempo, il numero di vite salvate sarebbe stato maggiore.

Nel frattempo, i medici credono in una fortuna incredibile, se il paziente fosse in grado di determinare il cancro del polmone in stadio 1. Secondo loro, con il miglioramento dei metodi diagnostici, sarà possibile eseguire operazioni sul 70% dei pazienti.

La principale difficoltà nel formulare una diagnosi non è solo un decorso asintomatico, ma, soprattutto, uno sviluppo rapido, la rapida comparsa di metastasi e la loro germinazione in altri organi del paziente.

Tipi di tumori del cancro del polmone

Il successo del trattamento dipende in gran parte dal tipo di tumore trovato. A seconda del tipo di cellule, i medici distinguono tra due tipi di oncologia: carcinoma polmonare a cellule piccole e non a piccole cellule. Quest'ultimo rappresenta circa l'80% dei casi, mentre il primo rappresenta solo il 20%.

Nel cancro del polmone non a piccole cellule, ci sono quattro sottotipi, ognuno dei quali ha le sue caratteristiche e, di conseguenza, i metodi di trattamento:

  • Il carcinoma a cellule squamose (o carcinoma epidermoide) è il tipo più comune di cancro ai polmoni. I tumori si sviluppano dalle mucose dei bronchi. Per lo più carcinomi a cellule squamose sono uomini.
  • L'adenocarcinoma è una neoplasia maligna formata da cellule epiteliali ghiandolari che esistono in qualsiasi organo. I tumori di questo tipo si verificano nel 60% dei casi di sviluppo di vari tipi di oncologie che interessano i polmoni. Il più spesso si sviluppa in donne. A differenza di altri tipi di cancro, i medici non associano lo sviluppo di adenocarcinoma agli effetti del fumo. Le dimensioni dei tumori possono essere diverse: come molto piccole e che interessano l'intero polmone. Sopravvivenza di pazienti - solo 20 casi su 100, dopo chirurgia - 50, e in alcuni casi - 80.
  • Il carcinoma broncoalveolare è un raro tipo di adenocarcinoma, l'incidenza è dell'1,5-10%. Ugualmente colpisce uomini e donne oltre i 35 anni. Differisce dalla crescita lenta e dalla formazione di tumori di dimensioni impressionanti.
  • Carcinoma polmonare indifferenziato a grandi cellule. Caratterizzato da uno sviluppo molto aggressivo e rapido. Inizialmente, colpisce i lobi periferici del polmone destro o sinistro (nell'80% dei casi), quindi la malattia è asintomatica, si trova solo negli ultimi stadi, quando il tumore è cresciuto, e il paziente ha tosse, dolore, visione offuscata, ptosi palpebrale e altri segni. La grande cellula differisce dalla divisione delle cellule lente nelle fasi iniziali della malattia e rapida - nelle fasi successive. Il carcinoma polmonare indifferenziato è più incline alla generalizzazione rispetto ad altri tipi di patologia, che porta rapidamente alla morte del paziente. L'oncologia è più suscettibile alle donne, la loro patologia viene diagnosticata cinque volte più spesso che negli uomini.

Tipi di trattamento per il cancro del polmone

A seconda delle condizioni del paziente, dello stadio della malattia e delle metastasi, esistono diversi tipi di trattamento chirurgico:

  • Radicale: se la germinazione delle metastasi non è ancora iniziata, l'intero polmone viene rimosso per rimuovere completamente il sito del tumore. In questo caso, il ritorno dell'oncologia dopo l'operazione non si verifica quasi. La terapia radicale non viene eseguita negli stadi successivi, quando si sono verificate estese proliferazioni tumorali e metastasi.
  • Condizionatamente radicale: l'intervento chirurgico è completato da altri metodi di trattamento (radioterapia o chemioterapia). La combinazione di diversi metodi di trattamento può sopprimere le cellule tumorali che non hanno ancora iniziato a dividersi. Questo tipo di trattamento è possibile solo nelle fasi della malattia che possono essere corrette.
  • Il trattamento palliativo viene eseguito se il paziente ha subito processi irreversibili causati da oncologia e non vi è alcuna possibilità di recupero. In questo caso vengono eseguite operazioni mirate alla rimozione di aree di tessuto polmonare che provocano forti dolori. Pertanto, i medici riducono la sofferenza degli ammalati e in alcuni casi prolungano le loro vite.

Tipi di operazioni per il cancro polmonare

L'intervento chirurgico comporta la rimozione di una parte del polmone con i tessuti circostanti in cui le cellule tumorali potrebbero penetrare, o l'intero organo - tutto dipende dalla portata e dalla formazione dei tumori. La terapia radicale viene eseguita in diversi modi:

  • Resezione a forma di V - viene utilizzato per tumori di piccole dimensioni. Il tumore viene rimosso insieme al sito tissutale adiacente.
  • Segmentectomia - rimozione del segmento polmonare interessato.
  • Lobectomia - resezione di un lobo specifico dell'organo.
  • Pneumectomia: completa rimozione del polmone destro o sinistro.

Oltre a rimuovere una parte o un intero polmone, i medici possono ricorrere alla rimozione simultanea dei linfonodi regionali per escludere la possibilità di ricorrenza della patologia dopo il trattamento.

Oggi i medici stanno cercando non solo di rimuovere le aree colpite dell'organo o la sua interezza, quanti stanno lottando per mantenere le persone che lavorano in futuro. Per questo, molte ore, le operazioni di gioielleria sono state fatte, cercando di preservare il polmone il più possibile. Quindi, se il carcinoide è stato formato all'interno del bronco, viene rimosso con un metodo laser o fotodinamico. Nel caso della germinazione delle pareti, rimuovere i bronchi danneggiati, ma allo stesso tempo mantenere il polmone.

Controindicazioni

Ahimè, non tutti i malati di cancro possono essere operati. Ci sono molti fattori che non possono essere gestiti:

  • Cancro diffuso
  • Alta attività di neoplasie maligne
  • Età avanzata (65-70 anni)
  • Cattiva salute
  • Malattie concomitanti
  • Insufficienza respiratoria
  • Basso livello della capacità del corpo di recuperare
  • Disturbi circolatori
  • L'obesità.

I fattori più aggravanti delle controindicazioni alla chirurgia per il cancro del polmone sono le malattie - enfisema e malattie cardiovascolari.

Conseguenze e complicazioni

Complicazioni tipiche nel periodo postoperatorio sono fenomeni purulenti e settici, alterazione della funzione respiratoria, scarsa formazione di moncone bronchiale, fistola.

Il paziente, che si è ripreso dopo l'anestesia, soffre di mancanza d'aria e, di conseguenza, vertigini e tachicardia. Questa condizione può persistere per un anno dopo l'intervento chirurgico. Fino a quando il tessuto connettivo riempie il vuoto nella sede dell'organo rimosso, in un primo momento la cavità nel torace nel posto operato sarà evidente. Nel tempo, si appianerà, ma non scomparirà completamente.

È anche possibile l'accumulo di essudato nel luogo operato. Dopo aver determinato la causa del suo verificarsi, viene effettuato un trattamento appropriato.

La vita dopo l'intervento

Quando una parte o un polmone viene rimosso, le connessioni anatomiche sono interrotte nel corpo. Questo determina tutte le difficoltà di recupero dopo l'intervento chirurgico. Finché il corpo si adatta alle nuove condizioni, riempie il vuoto del tessuto fibroso, non sarà facile per le persone abituarsi al nuovo modo di vivere. In media, i medici trascorrono circa due anni per la riabilitazione, ma per tutti va diversamente, a seconda delle caratteristiche dell'organismo e degli sforzi del paziente stesso.

Una diminuzione dell'attività fisica porta inevitabilmente ad un aumento di peso, che non dovrebbe essere consentito categoricamente, poiché l'obesità aumenterà il carico sul sistema respiratorio sottoposto a intervento chirurgico. Durante la riabilitazione, vengono mostrati esercizi moderati ed esercizi di respirazione per rafforzare l'apparato respiratorio. Il paziente deve abbandonare il fumo attivo ed evitare il passivo, seguire una dieta speciale.

La chirurgia per l'oncologia polmonare è il trattamento principale che non può essere abbandonato se c'è anche la minima possibilità di prolungare la vita.