Cancro delle tube di Falloppio - cosa determina l'efficacia del trattamento e come viene effettuato

Il tumore delle tube di Falloppio è il tumore maligno più raro tra gli altri tumori degli organi genitali femminili ed è tra gli ultimi dallo 0,11 all'1,18%. La malattia si trova talvolta nelle ragazze di 17-19 anni, a volte in donne in gravidanza, ma il più delle volte rilevate a 50 - 62 anni di età. La probabilità di recidiva del cancro uterino e l'efficacia del trattamento dipendono direttamente dalla diagnosi e dal trattamento tempestivo. Allo stesso tempo, nelle fasi preoperatorie, la diagnosi di un processo maligno viene effettuata solo sei mesi dopo, un anno dopo la comparsa dei primi segni e in non più del 21% dei casi.

Cause e stadi della malattia

Di regola, una neoplasia maligna si sviluppa solo in una tuba di Falloppio (nell'87-97%), e più spesso nella sinistra. Allo stesso tempo, in accordo con i dati di vari autori, il processo bilaterale può raggiungere il 30%. Le principali forme istologiche del tumore sono l'adenocarcinoma sieroso (media nel 70% dei casi), endometrioide e mucinoso (10%), cellule chiare (fino al 4%), cellule transizionali (fino all'1,5%) e cancro indifferenziato (circa 1%).

Negli ultimi anni, i singoli autori hanno speculato sulla possibilità della natura virale dello sviluppo del cancro. Esiste anche una certa predisposizione genetica associata alla mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2 coinvolti nella protezione contro il danno spontaneo al DNA e nel suo recupero. Tuttavia, la maggior parte degli specialisti ritiene che i disturbi ormonali nel sistema ipofisario-ovarico di regolazione endocrina siano la causa principale.

I fattori provocanti includono:

  • età oltre 40 anni, in particolare l'età del periodo postmenopausale;
  • processi infiammatori acuti dell'utero, che si verificano in più del 30% dei pazienti;
  • infertilità nella storia, che si nota tra il 40-70% delle donne con cancro alle tube di Falloppio; il rischio del suo sviluppo con l'infertilità è 5 volte superiore a quello delle donne che hanno partorito.

Si ritiene che il cancro primario delle tube di Falloppio si sviluppi principalmente nella regione fimbriale (ogni 10 casi), ma un tumore maligno secondario, che si diffonde in modo invasivo dal corpo dell'utero o dell'ovaio, e il cancro metastatico da un tumore al seno è molto più comune o organi digestivi (dallo stomaco o dall'intestino).

Con una tuba di Falloppio, un tumore può diffondersi per via ematogena (attraverso il sangue), linfatico (il più frequente, rispetto al tumore ovarico, la via) o l'impianto (alle superfici di contatto) attraverso i linfonodi paraaortali (33%), inguinali e retroperitoneali, i linfonodi parietali e strati viscerali di peritoneo, linfonodi sopraclaveari, nelle ovaie, nell'utero e nei legamenti uterini, maggiore omento, fegato e diaframma. La metastasi della malignità delle tube nei linfonodi si verifica più frequentemente che nelle ovaie.

Ci sono quattro fasi del cancro primario:

  • La fase I è una restrizione della diffusione del processo patologico solo dalla tuba di Falloppio.
  • Stadio II - restrizione di una o entrambe le tube di Falloppio, ma con diffusione al tessuto pelvico o alle ovaie, cioè all'interno della pelvi.
  • Stadio III: la sconfitta di una o entrambe le tube di Falloppio, degli organi pelvici con metastasi ai linfonodi quasi aortici, iliaci e inguinali.
  • Stadio IV - presenza di un tumore in una o entrambe le tube di Falloppio con disseminazione degli organi pelvici e presenza di metastasi non solo nel paraortico, iliaco e inguinale, ma anche nei linfonodi distanti.

Quadro clinico

Rispetto alle ovaie, i sintomi del cancro dell'utero appaiono relativamente precoci sotto forma di secrezioni anormali. Ciò è dovuto al fatto che la tuba di Falloppio comunica anatomicamente con l'utero e attraverso il canale cervicale con la vagina. Tuttavia, in più del 70% dei casi non c'è manifestazione clinica per un lungo periodo ei sintomi emergenti non sono specifici e diversi. Spesso il cancro viene rilevato per caso a seguito di un esame ecografico o ginecologico per qualsiasi altra ragione.

Un fenomeno clinico patognomonico per questa patologia è il cosiddetto "dropy intermittente", che si manifesta nel 3-15% dei casi ed è un dolore crampo intermittente nel basso addome, che passa o diminuisce significativamente di intensità dopo l'insorgenza di abbondante scarico acquoso dalla vagina e coincidente con una diminuzione della dimensione del tubo, tesa sotto forma di una formazione "sacculare". Questo sintomo si verifica nei casi in cui si svuota periodicamente nella cavità uterina con un'apertura "sigillata" dell'ampolla.

La triade classica dei sintomi è un po 'più comune, suggerendo la presenza di un tumore maligno:

  1. Scarico patologico. Il loro volume può essere da scarso (pesante) a pesante, fino a sanguinamento. Inizialmente, lo scarico ha un carattere serous-watery, quindi sieroso-sanguinoso, meno spesso sieroso-purulento o "slop di carne" colori. La loro presenza prima della diagnosi può variare da 6 a 12 mesi.
  2. Dolore nell'addome inferiore, specialmente dal lato della lesione. A volte sono crampi - in quei casi in cui il tubo teso con liquido viene svuotato nella cavità pelvica o nella cavità uterina.
  3. Palpazione dell'istruzione di massa con un diametro di circa 3 cm e più a sinistra o a destra dell'utero durante un esame ginecologico.

Più spesso, la triade classica viene trovata, ma i sintomi individuali sotto forma di scarico acquoso (nel 50% dei casi) o di sangue (35%), dolore nell'addome inferiore (47%), educazione con un diametro di 3 cm o più nelle appendici uterine ( 85%), presenza di fluido nella cavità addominale (ascite) di gravità variabile (18%), nonché metastasi nei linfonodi inguinali e / o sovraclaveari come prima manifestazione della malattia (circa 11%).

Inoltre, tali segni non specifici della presenza di patologia sono possibili, come stato di salute insoddisfacente, affaticamento rapido, malessere generale e debolezza, negli stadi successivi - febbre e con un processo tumorale diffuso, dolore intenso nell'addome, aumento del volume addominale, disturbi dell'uretra e sintomi di ostruzione intestinale. Nel caso del cancro secondario, i sintomi clinici sono determinati dalla lesione dell'organo principale (utero, ovaio, ecc.).

Diagnosi della malattia

Data la percentuale estremamente bassa di corretta diagnosi preoperatoria (non più del 10%) e la mancanza di metodi altamente informativi di quest'ultimo, la maggior parte delle istituzioni cliniche usa il metodo di un approccio integrato, comprendente sintomi clinici, metodi di laboratorio, strumentali e di altro tipo.

L'esame citologico delle perdite vaginali o degli strisci dal canale cervicale, che sono positivi (cellule patologiche rilevate) in presenza della malattia solo nel 23% dei casi, ha un valore diagnostico minimo. Un po 'migliora l'accuratezza dell'esame citologico della raccolta di scarico dal tratto genitale attraverso uno speciale cappuccio o tampone, introdotto nella vagina per diverse ore.

Una delle ricerche più promettenti nella diagnosi di laboratorio, molti esperti considerano la determinazione del contenuto di circolante nel marcatore tumorale del sangue CA-125, che è una proteina naturale che viene secreta nel sangue da cellule tumorali. Il livello del marcatore CA-125 nel sangue aumenta nello stadio I e II del cancro nel 68% delle donne, nello stadio III e IV nel 95%, in media nell'85% delle donne con la patologia in esame. Un leggero aumento del marker tumorale (non più di 35 U / ml) è possibile durante le mestruazioni o l'endometriosi. Questo metodo è il più precoce e più sensibile alla progressione e alla recidiva di un tumore maligno.

L'ecografia per cancro del tubo uterino è relativamente istruttiva. Il quadro ecografico di solito ricorda l'idrosalpinge. Spesso consente di determinare la formazione cancerosa e alcune delle sue caratteristiche, nonché la presenza di fluido libero nella cavità addominale. Quando si analizzano le immagini ecografiche, si distinguono tre tipi principali:

  • educazione oblunga (kolbasovidnoe), principalmente di natura cistica, all'interno della quale ci sono partizioni del tipo "ingranaggio" o una piccola componente interna densa, che rappresenta una crescita papillare;
  • la stessa formazione, ma la componente densa occupa una parte significativa di quest'ultima;
  • solida educazione densa, di forma ovoidale o oblunga.

A volte la struttura ad ultrasuoni non corrisponde a nessuno di questi tipi ed è definita come una massa cistica densa multi-camera con una densità leggermente ridotta o uguale al resto dei tessuti.

Più informativo è l'ecografia con color Doppler mapping (DDC), che consente di identificare il flusso sanguigno anormale, indicando la malignità del tumore. Questo metodo rende possibile diagnosticare la patologia anche nelle donne in sovrappeso. Il valore e l'affidabilità del metodo sono molto più elevati se i risultati vengono confrontati con i risultati dell'esame citologico delle secrezioni dal canale cervicale.

Il metodo diagnostico più affidabile, il cui contenuto di informazioni raggiunge il 90% - tomografia computerizzata (TC), che è una diagnosi a strati della cavità addominale, del bacino piccolo e dello spazio retroperitoneale. Tuttavia, l'alto costo e l'esposizione significativa alle radiazioni limitano l'uso di CT. Come metodo aggiuntivo altamente informativo, è giustificato in caso di risultati dubbi di altri metodi e in casi difficili di diagnosi.

Se si sospetta un tumore, particolarmente ricorrente, viene mostrata anche la laparoscopia diagnostica per determinare la prevalenza di metastasi e biopsia.

Cancro delle tube di Falloppio

A causa del fatto che questa patologia è rara e i gruppi di pazienti osservati sono piuttosto piccoli, non sono stati sviluppati standard di trattamento uniformi per le donne con cancro alle tube di Falloppio. Gli obiettivi principali sono l'eliminazione di una neoplasia maligna, così come il trattamento della prevenzione delle ricadute e delle metastasi.

Trattamento chirurgico

Al primo stadio viene eseguita un'operazione chirurgica radicale con un'attenta stadiazione del processo tumorale. Il volume ottimale dell'operazione è la rimozione dell'utero con appendici, resezione dell'omento maggiore e rimozione dei linfonodi iliaci su entrambi i lati, biopsia dei linfonodi paraaortici e del peritoneo pelvico per l'esame istologico, nonché rimozione di lavaggi dal diaframma e canali addominali laterali per esame citologico. Se è impossibile rimuovere i linfonodi iliaci, vengono sottoposti a biopsia.

Nella fase avanzata della malattia, quando il tumore cresce nei tessuti e negli organi vicini, viene eseguita la cosiddetta chirurgia citoriduttiva - la massima rimozione possibile della massa tumorale. È auspicabile che il suo volume residuo fosse inferiore a 2 cm. Ciò è dovuto al fatto che più piccola è la dimensione della massa residua dopo il trattamento chirurgico, migliore è la prognosi della malattia.

Inoltre, nei tumori di dimensioni considerevoli ci sono aree con scarsa disponibilità di sangue e una percentuale significativa di cellule in cui la divisione è temporaneamente assente. Dopo la rimozione di una parte del tumore, queste cellule diventano attive e, quindi, più sensibili agli effetti dei farmaci chemioterapici e della radioterapia, che contribuisce alla parziale e talvolta completa regressione del tumore e aumenta il tasso di sopravvivenza.

chemioterapia

A causa della rilevazione relativamente tardiva e delle prime metastasi di una neoplasia maligna, l'incidenza del fallimento del trattamento chirurgico è piuttosto elevata anche quando viene eseguita nelle prime fasi. Pertanto, la chemioterapia di combinazione come trattamento adiuvante per il cancro della tuba di Falloppio è necessaria in qualsiasi stadio della malattia.

I moderni regimi di trattamento sono una combinazione di Ciclofosfamide con farmaci a base di platino - con Cisplastin, con Doxirubicina e Cisplastin, con Carboplstin. Secondo vari autori, regressione tumorale parziale o completa con tale terapia si verifica nel 53-92% e la sopravvivenza a 5 anni è del 51%. Quando un tumore è resistente ai farmaci a base di platino, vengono utilizzati farmaci del gruppo dei taxani (Paclitaxel). Sono anche usati in combinazione con agenti di platino per il carcinoma di stadio III-IV. In quest'ultimo caso, il tasso di sopravvivenza a 5 anni raggiunge il 30%.

Possibili effetti negativi della chemioterapia sono la soppressione della funzione del midollo osseo, reazioni di ipersensibilità e neuropatia periferica che non richiedono la sospensione del farmaco, ridotta immunità generale, perdita di peso, alopecia diffusa, eruzione cutanea, affaticamento veloce, disturbi del tratto gastrointestinale, processi infiammatori e ulcerazione delle mucose della bocca. Questi fenomeni scompaiono gradualmente dopo aver interrotto l'introduzione di farmaci chemioterapici.

Gli effetti delle radiazioni sulla zona pelvica e sulla zona di proiezione dei linfonodi paraaortici sono attualmente utilizzati solo come fase finale del trattamento.

prospettiva

La prognosi per il cancro della tuba di Falloppio è determinata dalla percentuale approssimativa di sopravvivenza in 5 anni. Senza trattamento combinato, questo tasso globale è del 35%, il tasso allo stadio I del processo maligno è del 70%, allo stadio II e III è di circa il 25-30%.

Il tasso globale di sopravvivenza a 5 anni nei casi di terapia complessa (trattamento chirurgico con chemioterapia e radioterapia) nelle fasi I e II è di circa il 100%, senza ricadute - 80-90%, allo stadio III - circa il 28%.

Questi indicatori dipendono in larga misura dal tipo e dal grado di differenziazione del cancro, dalle sue metastasi e dalla portata dell'intervento chirurgico.

Cancro della prognosi della tuba di Falloppio

La sopravvivenza nel cancro uterino (PMT) è stata tradizionalmente considerata più bassa rispetto al cancro ovarico (OC), ma questa situazione, secondo 2 recenti studi, è cambiata. La sopravvivenza a 5 anni, secondo SEER, presentata da Kosary e Trimble, è del 95% per la fase I, 75% per la fase II, 69% per la fase III e 45% per IV.

Solo il 39% dei pazienti ha avuto stadio I o stadio II, mentre in studi precedenti più della metà dei pazienti ha avuto stadio I o stadio II del cancro del tubo uterino (RMT), anche se quasi la metà dei pazienti diagnosticati con stadio I o stadio II non erano ricerca chirurgica dei linfonodi.

La maggior parte dei pazienti con stadio I o II della malattia ha subito solo un trattamento chirurgico, mentre la maggior parte delle donne con stadio III o IV - chirurgia e chemioterapia (XT).

In futuro, il tasso di sopravvivenza potrebbe migliorare, perché più pazienti sono sottoposti a una definizione più accurata dello stadio e ad un trattamento appropriato. Heintz et al. FIGO ha pubblicato i dati sulla sopravvivenza a 5 anni dei pazienti trattati nel periodo 1996-1998. I risultati erano i seguenti: stadio I - 79%, stadio II - 82%, stadio III - 61%, stadio IV - 29%; la sopravvivenza globale era del 69%, vale a dire il 24% in più rispetto al precedente periodo di riferimento di 3 anni.

Nel messaggio Heintz et al. Il 57% dei pazienti con Stadio I o Stadio II aveva un tasso di sopravvivenza più basso rispetto ai dati SEER.
In questi 2 studi, il tasso di sopravvivenza per quanto riguarda gli stadi del cancro del tubo uterino (RMT) era più alto che nell'OC. I fattori che contribuiscono a migliorare le percentuali di sopravvivenza comprendono regimi terapeutici più ottimali, tra cui il platino e il paclitaxel XT come principale metodo di trattamento, una migliore chirurgia citoriduttiva, nonché la difficoltà di determinare il sito primario del tumore localizzato nella cavità intra-addominale, con l'eventuale omissione di uno più aggressivo. cancro della tuba di Falloppio (RMT).

Altri recenti ampi studi retrospettivi hanno mostrato tassi di sopravvivenza più bassi per il tumore al tubo uterino (RMT), ma coprono un periodo a lungo termine, mentre la maggior parte dei pazienti non ha una determinazione sufficientemente accurata dello stadio della malattia o terapia adeguata con platino e paclitaxel.

Lo stadio e il volume del tumore residuo dopo la chirurgia citoriduttiva erano invariabilmente considerati fattori prognostici importanti e, secondo alcuni studi, anche l'età, il grado di differenziazione del tumore, il coinvolgimento dei vasi linfatici nel processo patologico e il tubo uterino chiuso.

La profondità dell'invasione e il coinvolgimento nel processo patologico delle fimbrie sono stati attribuiti anche a fattori prognostici nella fase I del tumore; è stato proposto di includere questi fattori nella classificazione degli stadi di FIGO sotto forma di separazione dello stadio I in sottostrati secondo la seguente gradazione: nessuna invasione, invasione della lamina propria della tuba di Falloppio o invasione dello strato muscolare.

I pazienti con invasione dello strato muscolare della tuba di Falloppio hanno mostrato un aumento statisticamente significativo del rischio di morte a causa della progressione della malattia. In questi pazienti, il tasso di sopravvivenza a 5 anni era solo del 60% rispetto al 100% se lo strato muscolare non era coinvolto nel processo patologico.

Cancro del tubo uterino

Abbastanza una patologia rara nel campo ginecologico è il cancro della tuba di Falloppio. Viene diagnosticata una frequenza dello 0,1-1,19% di tutte le malattie maligne degli organi riproduttivi nelle donne. La maggiore rilevabilità si riduce all'età dopo 50 anni. Il danno unilaterale alle appendici con la tuba di Falloppio che si diffonde all'ampolla prevale sul processo bilaterale.

La trasformazione delle cellule maligne può essere osservata come una lesione primaria, quando il tumore viene inizialmente formato nella provetta, o secondario, in cui la provetta è maligna a causa della diffusione del cancro dagli organi circostanti (utero, ovaio, vescica). Inoltre, le appendici possono malignamente a causa di metastasi di organi lontani, come le ghiandole mammarie, l'intestino o lo stomaco.

Il tumore "Tube", basato sui risultati dell'esame istologico, è suddiviso in cellule sierose, mucinose, transizionali, endometrioidi, cellule chiare o adenocarcinomi indifferenziati.

Cliniche leader all'estero

lineamenti

L'oncoprocesso, in cui una neoplasia maligna è localizzata sulla tuba di Falloppio, è un tumore della tuba di Falloppio. Sintomaticamente, la malattia si manifesta con il dolore nel basso ventre, secrezione sierosa, purulenta e un aumento del volume dell'addome.

La diagnosi consiste nell'esame dei reclami del paziente, nell'esecuzione di un esame istologico, nell'analisi di ultrasuoni e striscio. Confermando la diagnosi e impostando lo stadio del cancro, viene determinato il volume dell'intervento chirurgico e lo schema della terapia farmacologica.

motivi

Alcune cause della malattia non sono ancora possibili. È solo necessario elencare i fattori che aumentano il rischio di malignità cellulare:

  • infiammazione degli organi riproduttivi (annessite, endometrite, salpingite);
  • mancanza di gravidanza, parto;
  • infezioni genitali;
  • virus dell'herpes e del papilloma;
  • ciclo anovulatorio o assenza di mestruazioni;
  • metastasi di un tumore di una posizione diversa.

L'oncogenesi che cresce assume l'aspetto di cavolo con una superficie irregolare, piccola-villosa e una tinta grigiastro. Lo spazio intratubale diminuisce, la passabilità è interrotta, si osservano emorragie e siti necrotici. Inoltre, con un'ampolla sigillata è possibile formare una cavità con sangue, fluido sieroso o pus.

Sintomi e manifestazione

Sintomaticamente, la malattia si manifesta con secrezioni sierose, purulente o miste. È anche possibile lo scarico del siero. Ciò è dovuto al rilascio di prodotti di disintegrazione oncologica attraverso l'utero e i genitali esterni.

Una donna si lamenta di sanguinamento che non è associato al ciclo mestruale, la comparsa di sanguinamento durante la menopausa. In questa fase, l'esecuzione del curettage diagnostico e l'esame del materiale rimosso non sempre consentono il rilevamento di cellule tumorali, il che ritarda la formulazione di una diagnosi accurata.

Un segno caratteristico è considerato scarico bianco periodico abbondante, dopo il rilascio del quale si ha una diminuzione del volume dei tumori delle appendici. Il dolore è osservato sul lato della lesione, ma a volte può essere disturbato sparsi nell'addome inferiore con una diffusione al cavallo. In un primo momento, il dolore è irregolare, crampi, quindi dolorante costante con periodi spastici.

Tra i sintomi comuni, è necessario notare un aumento della temperatura a 37,5 gradi, una debolezza generale, la comparsa di liquido ascitico nella pelvi e danni ai linfonodi adiacenti. Diventano dolorosi alla palpazione, ingranditi, sodi e immobili.

Quali sono gli esami e le analisi necessari?

Dopo aver riferito il paziente al ginecologo, esaminando i reclami e l'esame ginecologico, il medico prescrive:

  • Ultrasuoni del bacino (se necessario, tomografia computerizzata);
  • studi di strisci e aspirare la cavità uterina;
  • esame del sangue per i marcatori tumorali.

Se, dopo aver eseguito gli esami di cui sopra, rimangono dubbi nella diagnosi, viene eseguita una laparoscopia diagnostica per visualizzare la neoplasia e valutare l'entità del danno agli organi circostanti.

Cancro della prognosi della tuba di Falloppio

Cancro delle tube di Falloppio.

Codice software ICD-10
C57 Neoplasma maligno di altri e non specificati organi genitali femminili.
C57.0 Tumore maligno della tuba di Falloppio.

Epidemiologia

RMT è osservato abbastanza raramente. Secondo il mondo e la letteratura domestica, l'incidenza di RMT è 0,11-1,18% tra i tumori degli organi genitali femminili.

Molto spesso, il tumore si sviluppa nella quarta, quinta e sesta decade di vita; L'età media dei pazienti è di 62,5 anni. Tuttavia, i tumori possono anche essere osservati nelle ragazze di età compresa tra 17-19 anni.

PREVENZIONE DEL CANCRO DUCK

La prevenzione del cancro del tubo uterino è stata poco studiata e si riduce al trattamento tempestivo dei processi infiammatori.

SCREENING

Non ci sono programmi di screening.

CLASSIFICAZIONE DEL CANCRO DUCTICO

Classificazione istologica delle principali forme di tumori maligni della tuba di Falloppio:

  • adenocarcinoma sieroso;
  • adenocarcinoma endometrioide;
  • adenocarcinoma mucinoso;
  • adenocarcinoma a cellule chiare;
  • adenocarcinoma cellulare transitorio;
  • adenocarcinoma indifferenziato.

Nella pratica clinica, i suddetti tipi di tumori si osservano spesso in modo non equo. La prevalenza di adenocarcinoma sieroso è caratteristica (60-72% dei casi). I tumori mucinosi e endometrioidi sono notati nel 10% dei casi, i tumori a cellule chiare - nel 2-4%, le cellule di transizione - nello 0,5-1,5% e il cancro indifferenziato - nello 0,5-1%.

Un fatto interessante è che nella tuba di Falloppio ci sono quasi tutte le forme morfologiche di tumori, osservate anche nelle ovaie.

Attualmente vengono utilizzate due classificazioni per determinare lo stadio del cancro della tuba di Falloppio: TNM e Classificazione internazionale
Federazione di ginecologi e ostetrici (FIGO).

T - tumore primario

  • TX - Dati insufficienti per valutare il tumore primario.
  • T0: il tumore primitivo non viene rilevato.
  • Questo (FIGO: 0) - carcinoma preinvasivo (carcinoma in situ).
  • T1 (FIGO: I) - il tumore è limitato alle tube di Falloppio.
    ♦ T1a (FIGO: IA) - il tumore è limitato a un tubo senza la germinazione della membrana sierosa, non vi è ascite.
    ♦ T1b (FIGO: IB) - il tumore è limitato a due tubi, senza germinazione della membrana sierosa, non vi è ascite.
    ♦ T1c (FIGO: IC) - Il tumore è limitato a uno o due tubi, la membrana sierosa germina, le cellule tumorali nel liquido ascitico o a livello della cavità addominale.
  • T2 (FIGO: II) - il tumore coinvolge una o entrambe le provette e si diffonde agli organi pelvici.
    ♦ T2a (FIGO: IIA) - disseminazione e / o metastasi all'utero e / o alle ovaie.
  • ♦ T2b (FIGO: IIB) - distribuzione ad altre strutture del bacino.
    ♦ T2c (FIGO: IIC) - distribuzione alle pareti del bacino (IIa o IIb) con la presenza di cellule tumorali nel liquido ascitico o vampate di calore dalla cavità addominale.
  • T3 (FIGO: III) - un tumore colpisce una o entrambe le tube di Falloppio con impianto nel peritoneo al di fuori della pelvi e / o metastasi nei linfonodi regionali.
    ♦ T3a (FIGO: IIIA) - metastasi microscopiche nel peritoneo al di fuori della pelvi.
    ♦ T3b (FIGO: IIIB) - metastasi macroscopiche nel peritoneo fino a 2 cm nella dimensione maggiore.
    ♦ T3c e / o N1 (FIGO: IIIC) - metastasi nel peritoneo più di 2 cm nella dimensione più grande e / o metastasi nei linfonodi regionali.

N - linfonodi regionali

  • N0 - non ci sono segni di danni alle metastasi dei linfonodi regionali.
  • N1 - metastasi ai linfonodi regionali.
  • NX - Dati insufficienti per valutare lo stato dei linfonodi regionali.

M - metastasi distanti

  • M0 - nessun segno di metastasi a distanza.
  • M1 - (FIGO: IVB) - metastasi a distanza (escluse metastasi peritoneali).
  • MX - Dati insufficienti per identificare metastasi distanti.

EZIOLOGIA DEL CANCRO DEL TUBO UTERINO

Si ritiene che i fattori predisponenti che contribuiscono allo sviluppo del cancro delle tube di Falloppio, è una storia di HBVD, infertilità, età oltre 40 anni. Malattie infiammatorie delle tube di Falloppio rilevate in più di 1/3 dei pazienti; la maggior parte dei pazienti soffre di infertilità (40-71%).

Negli ultimi anni, ci sono state segnalazioni che indicano una possibile eziologia virale del cancro delle tube.

Patogenesi del cancro del tubo uterino

Nelle prime fasi della malattia, la tuba di Falloppio macroscopicamente non può essere modificata. Durante le fasi di corsa, aumenta di dimensioni e si deforma, acquisendo salsicce, a forma di storta, ovoidali e altre forme.

Con un'apertura sigillata della fiala del tubo di Falloppio, il pattern di idroemato-opiosalpinks è esternamente caratteristico. La superficie del tumore è solitamente di piccole dimensioni irregolari, di piccole dimensioni, di colore grigio-bianco o bianco-rosato (ricorda il cavolfiore). La maggior parte della superficie della tuba di Falloppio colpita è color falco, a volte viola scuro, che si osserva quando la torsione del tubo presenta una pronunciata dyscirculation. Quando l'utero del tubo uterino è aperto, le masse tumorali il più delle volte sporgono nella cavità addominale sotto forma di noduli tumorali o crescite di una specie simile a verruca.

METASTASI METODI DEL TUMORE DEL TUBO CUTTER

Si distinguono tre vie di disseminazione del tumore: linfogena, ematogena e impianto.

Nel cancro del tubo uterino, le metastasi linfogene sono osservate più spesso rispetto al carcinoma ovarico. La tuba di Falloppio viene abbondantemente fornita con vasi linfatici, che fluiscono nei vasi linfatici ovarici, terminando nei linfonodi paraaortici. È anche possibile il flusso linfatico intrapelvico con drenaggio nei linfonodi glutei superiori. L'esistenza di anastomosi tra i vasi linfatici del legamento rotondo dell'utero determina lo sviluppo di metastasi nei linfonodi inguinali. Abbastanza spesso (fino al 5%) vede la sconfitta dei linfonodi sopraclaveari.

Oltre alla sconfitta dei linfonodi, in caso di tumore delle tube di Falloppio, sono interessati alcuni organi della piccola pelvi (principalmente le ovaie, quindi l'utero, l'apparato legamentoso e la vagina). Poiché la sconfitta delle ovaie inizia la generalizzazione del processo tumorale con la sconfitta del peritoneo parietale e viscerale, il maggiore omento, fegato, diaframma. A questo stadio di sviluppo, il cancro macroscopico delle tube di Falloppio è difficile da distinguere dal cancro ovarico.

IMMAGINE CLINICA (SINTOMI) DEL CANCRO DEI TUBI UTERINI

In contrasto con il carcinoma ovarico, nella maggior parte dei casi caratterizzato da un lungo decorso asintomatico, con il cancro delle tube esiste una sufficiente varietà di sintomi. I sintomi più frequenti sono abbondante scarico acquoso e sanguinante, dolore addominale inferiore. Tuttavia, la combinazione di questi tre segni si nota solo nel 12,5% dei casi.

Il sanguinamento dal tratto genitale sullo sfondo della menopausa o il sanguinamento aciclico da donne in età riproduttiva è notato nel 50-60% dei casi. Il sanguinamento è principalmente dovuto all'invasione della mucosa della tuba di Falloppio e alla disintegrazione del tumore. In questo caso, spesso diagnosticano erroneamente il cancro dell'endometrio e, in più della metà dei casi, producono un curettage diagnostico dell'utero (a volte di nuovo). Anche nei raschiati ricostruiti, il tessuto tumorale non viene sempre rilevato. Ciò porta a un ritardo nel fare una vera diagnosi.

Lo scarico abbondante, ricorrente, acquoso (a volte mescolato con sangue), in coincidenza con una diminuzione del tumore sacculare dell'utero, causa anche sospetto di cancro delle tube di Falloppio. Questo scarico è preceduto da crampi al dolore addominale. Il sintomo dell'idropisia intermittente della tuba di Falloppio è considerato patognomonico per il tumore della tuba di Falloppio (osservato nel 3-14% dei casi).

Le metastasi linfonodali (para-aortico, sopraclavicolare, cervicale) possono essere il primo segno clinico di cancro. Tale quadro clinico è osservato nell'8-12,5% dei casi. I sintomi oggettivi del cancro delle tube di Falloppio includono un aumento dell'addome nel volume dovuto all'accumulo di fluido libero nella cavità addominale in pazienti con malattia di stadio III e IV o a causa della crescita di tumori.

DIAGNOSTICA DEL CANCRO DEI TUBI DEI RIFIUTI

La corretta diagnosi preoperatoria del cancro del tubo uterino è estremamente poco informativa (solo il 10%). Anche intraoperatoriamente, la diagnosi corretta viene stabilita solo nel 50% dei casi. Va sottolineato che nessuna deformazione della tuba di Falloppio deve essere lasciata senza un esame durante l'operazione (tutto il materiale chirurgico deve essere esaminato).

Data la mancanza di un metodo diagnostico altamente informativo, la maggior parte delle cliniche utilizza un approccio integrato che include una serie di metodi di ricerca clinici, di laboratorio e strumentali. Tra questi, l'ecografia e la radiografia a raggi X, la laparoscopia e la definizione dei marcatori associati al tumore sono spesso eseguiti.

RICERCHE DI LABORATORIO

Una delle aree più interessanti e promettenti nella diagnosi del cancro del tubo uterino è la definizione del marcatore tumorale CA 125. In media, CA 125 aumenta nell'85% dei casi di cancro del tubo uterino. Nei pazienti con stadio I - II, CA 125 aumenta nel 68% dei casi, che è molto più comune rispetto al carcinoma ovarico in stadio iniziale e nei pazienti con stadio III - IV, nel 95% dei casi. Inoltre, è un metodo abbastanza precoce e sensibile per determinare la progressione e la recidiva di un tumore. Tuttavia, con l'endometriosi si può osservare anche un leggero aumento di CA 125.

RICERCA UTENSILI

Nella diagnosi di cancro delle tube di Falloppio sono ampiamente utilizzati la tomografia a ultrasuoni degli organi pelvici e della cavità addominale. Più complessa è la struttura ultrasonora della formazione in studio, maggiore è la probabilità di presenza di un tumore maligno. Con l'ecografia transvaginale, le pareti del tubo sono solitamente ispessite, con escrescenze papillari. La tuba di Falloppio ha una forma di salsiccia, un tumore con una struttura solida o citostomeale. Le capacità diagnostiche della tomografia a ultrasuoni sono aumentate con l'introduzione di immagini 3D. Va notato che grazie a questo studio, è diventato possibile differenziare la patologia tubarica dalla patologia ovarica.

Informazioni diagnostiche importanti possono essere ottenute utilizzando la scansione TC della cavità addominale, dello spazio retroperitoneale e della pelvi piccola. Particolarmente rilevante è l'uso della TC per determinare la posizione esatta, la forma del tumore, la relazione con i tessuti circostanti.

La laparoscopia è considerata il metodo più efficace per diagnosticare il cancro della tuba di Falloppio. Permette di stimare la prevalenza del processo tumorale e, soprattutto, verificare morfologicamente la diagnosi nel 95% dei pazienti.

DIAGNOSTICA DIFFERENZIALE

La diagnosi differenziale è abbastanza complicata. Il cancro della tuba di Falloppio dovrebbe essere differenziato dalla tubercolosi, i processi infiammatori, la gravidanza tubarica, i tumori ovarici maligni, il tumore peritoneale, la lesione metastatica delle appendici uterine.

TRATTAMENTO DEI RETICOLI DEL CANCRO

Ad oggi, non esiste una singola tattica per la gestione dei pazienti con cancro delle tube di Falloppio.

SCOPI DI TRATTAMENTO

  • Eliminazione del tumore
  • Prevenzione della recidiva del tumore e delle sue metastasi.

INDICAZIONI PER L'OSPITALIZZAZIONE

La necessità di un trattamento chirurgico. La terapia farmacologica e la radioterapia possono essere eseguite a livello ambulatoriale.

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL TUMORE DEL TUBO MASTER

Il primo stadio del cancro dell'utero è il trattamento chirurgico - l'esecuzione di un'operazione radicale, tra cui l'estirpazione dell'utero con appendici, la rimozione dell'omento maggiore, la biopsia dei linfonodi para-aortici e iliaci, la biopsia e la rimozione del peritoneo pelvico, i canali laterali e il diaframma. Se la linfoadenectomia non può essere eseguita, viene eseguita una biopsia di questi nodi. La chirurgia negli stadi avanzati del cancro comporta l'esecuzione di un intervento di chirurgia citoriduttiva in un volume ottimale (tumore residuo inferiore a 2 cm). La dimensione del tumore residuo dopo il trattamento chirurgico influisce in modo significativo sulla prognosi della malattia. Inoltre, neoplasie su larga scala contengono aree di afflusso di sangue scarsamente diffuse, così come un gran numero di cellule temporaneamente non divisorie, la maggior parte delle quali, dopo la riduzione del tumore, diventano attive e più sensibili agli effetti degli agenti citotossici.

Tutti i pazienti nei quali il cancro del tubo uterino è stato diagnosticato durante laparoscopia o laparotomia, l'operazione viene eseguita nello stesso volume del carcinoma ovarico. Tuttavia, metastasi linfonodali in pazienti con cancro delle tube di Falloppio sono notate più spesso rispetto ai pazienti con carcinoma ovarico.

TRATTAMENTO MEDICO DEL CANCRO DEL TUBO UTERINO

Studi selettivi e l'uso diffuso di vari agenti chemioterapici, le loro combinazioni, così come la combinazione di chemioterapia con radioterapia, non consentono un confronto adeguato di approcci terapeutici diversi. L'elevata incidenza di fallimento del trattamento, anche nelle prime fasi, sottolinea la necessità di un trattamento adiuvante in ogni fase della malattia.

La base della moderna polichemioterapia del cancro delle tube di Falloppio è considerata una combinazione con l'inclusione di derivati ​​del platino. Una risposta obiettiva al trattamento è raggiunta nel 53-92% dei pazienti con malattia avanzata; Il tempo di risposta medio è di 12,5 mesi.

I seguenti regimi di chemioterapia a base di platino sono ampiamente utilizzati: ciclofosfamide con cisplatino (CP), ciclofosfamide in combinazione con doxorubicina e cisplatino (CAP) e ciclofosfamide con carboplatino (CC). Quando si esegue la chemioterapia sulla base del platino, il tasso di sopravvivenza a cinque anni è del 51%.

Per quanto riguarda la nomina di tassista nel trattamento del cancro delle tube di Falloppio in letteratura ci sono poche segnalazioni. La maggior parte della tossicità si manifesta con mielosupressii, reazioni di ipersensibilità e neuropatia periferica - la cessazione del trattamento non è richiesta. Attualmente, il paclitaxel si è dimostrato efficace come chemioterapia di seconda linea in pazienti con carcinoma tubarico resistente ai farmaci a base di platino. La frequenza degli effetti oggettivi con una durata media di 6 mesi, pari al 25-33%, dipende dalla dose del farmaco. Paclitaxel è efficace nei pazienti con tumore in stadio III - IV delle tube di Falloppio. Il tasso di sopravvivenza previsto a cinque anni è del 20-30%.

Allo stato attuale, il regime generale di trattamento per la malattia e il regime di chemioterapia ottimale rimangono ancora in sviluppo.

TRATTAMENTO NON MIGLIORATO DEL TUMORE DEI TUBI MASTICI

Per quanto riguarda la radioterapia, oggigiorno molti autori concordano sul fatto che l'irradiazione solo della piccola pelvi è inefficace data l'alta frequenza di sviluppo delle metastasi pre-test, che è un argomento importante contro tale strategia. Alcuni autori raccomandano l'irradiazione dell'intera cavità addominale, ma notano che ciò può portare a gravi complicanze intestinali.

La radioterapia dell'area pelvica e della zona para-aortica è considerata l'opzione più efficace per la fase finale del trattamento.

PREVISIONI

Il risultato del trattamento è influenzato da una serie di parametri: lo stadio della malattia, il grado di differenziazione del tumore, il volume dell'intervento chirurgico, la dimensione del tumore residuo. Tuttavia, anche diagnosticare una malattia nello stadio I non sempre determina una buona prognosi, perché in ogni caso il decorso del processo tumorale è ambiguo e ha le sue caratteristiche. Nelle fasi iniziali, la profondità di invasione nella parete del tubo è un importante fattore predittivo, per analogia con il cancro dell'endometrio, in cui la germinazione nella membrana sierosa è considerata un segno sfavorevole. Nelle fasi successive della malattia, il decorso del processo tumorale è più simile al cancro ovarico.

Tenendo conto dei fattori prognostici principali sopra menzionati, è necessaria una tattica di trattamento estremamente individuale per ciascun paziente, così come la sistematizzazione di gruppi di pazienti sulla base di fattori di previsione indipendenti.

La tattica di trattamento dei pazienti con le fasi iniziali del cancro è fondamentalmente diversa da quella nei pazienti con tumori maligni avanzati. Va notato che lo stadio della malattia come fattore prognostico gioca un ruolo solo con un'attenta stadiazione chirurgica del processo tumorale.

Il valore predittivo importante è il volume dell'intervento chirurgico. Con la rimozione ottimale del tumore, la sopravvivenza a cinque anni dei pazienti con malattia di stadio III era del 28%, con rimozione parziale del tumore - 9%, dopo l'intervento chirurgico, completato con una biopsia, 3%. Per quanto riguarda il ruolo della struttura morfologica del tumore nella prognosi della malattia, i dati ottenuti sulla sopravvivenza di pazienti con forme comuni di cancro dipendenti dalla struttura morfologica del tumore indicano che questo criterio non ha praticamente alcun effetto sulla sopravvivenza.

Il grado di differenziazione del tumore è considerato un importante fattore prognostico, poiché influenza la frequenza delle metastasi linfogene. Con tumori scarsamente differenziati, la prognosi è peggiore rispetto ai tumori con un alto grado di differenziazione. Tuttavia, si deve ricordare che la differenziazione di un tumore può cambiare nel corso della progressione della malattia, il trattamento effettuato e anche essere diversi nel tumore primitivo e nelle sue metastasi.

La presenza di infiltrazione linfocitaria migliora la prognosi della malattia. Alcuni autori considerano l'infiltrazione linfocitaria del tumore come manifestazione di un effetto antitumorale immunologico.

Cancro del tubo uterino

Il cancro della tuba di Falloppio (PMS) è la formazione di un tumore nella tuba di Falloppio. È diviso in carattere primario, secondario o metastatico. Questa diagnosi è stabilita nell'ambulatorio del medico se osservata su una sedia ginecologica. Per un quadro completo della malattia, vengono effettuati ulteriori test e studi: ecografia, striscio dall'utero e aspirazione (campionamento di cellule endometriali per biopsia). Poiché questa malattia non è trattata con farmaci, i pazienti sottoposti a intervento chirurgico per rimuovere completamente l'utero e le appendici, seguiti da radioterapia e chemioterapia.

statistica

Migliorare la base di conoscenze sulla eziologia della malattia, un aumento dei diversi metodi di diagnosi, l'introduzione di immunologica, istologica e metodi di genetica molecolare di esame dei pazienti ha contribuito alla crescita di pubblicazioni su osservazioni di pazienti con una diagnosi di cancro del tubo dell'utero.

Di tutte le malattie del sistema riproduttivo femminile, questo tumore è raro. Da fonti mediche, si dice che il PMT sia dello 0,1-1,18% del numero totale di patologie. Ciò è dovuto al fatto che con lo sviluppo del cancro del collo dell'utero o del tumore del corpo, è difficile fornire o confutare il primo stadio di sviluppo della RMT, principalmente nella fase cronica del tumore. Pertanto, non sono registrati nelle statistiche e indicano semplicemente il cancro ovarico.

Nella pratica medica, il 60-70% dei casi nella supervisione dei pazienti nota il predominio di tipo sierico di adekarcinoma. La neoplasia mucinosa e endometrioide ha il 10%, il tumore delle cellule chiare è 2-4%, il tumore cellulare transitorio è 0,5-1,5% e il tumore del tipo indifferenziato è 0,5-1%. Nelle tube di Falloppio e nelle ovaie, tutti i tipi modificati di tumori si moltiplicano.

Nelle donne, la malattia viene rilevata dopo 50 anni. Il processo di lesione di un organo con cancro è unilaterale e bilaterale. Luogo di localizzazione: la fiala delle tube di Falloppio.

motivi

La ginecologia moderna non ha ancora rivelato le vere cause del cancro uterino. Ma ci sono fattori che influenzano la nascita di un tumore:

  • Infiammazione dell'utero (annessite) - tipo primario, secondario o cronico.
  • Un'infezione isolata della tuba di Falloppio, che è unilaterale o bilaterale (salpingite). Possibile rischio di ostruzione e in conseguenza di infertilità.
  • La donna non è rimasta incinta per molto tempo a causa dell'amenorrea (assenza di mestruazioni) o di un ciclo anovolatorio (il corpo luteo non si forma, ma le mestruazioni vanno).
  • Età dei pazienti dai 45 anni in su.
  • Infezione virale (virus dell'herpes del secondo tipo e papilloma umano).

Le cause del cancro includono infezioni specifiche degli organi dell'utero: sifilide, gonorrea, tubercolosi, ureaplasmosis, clamidia. Contribuiscono allo sviluppo di annessite secondaria e in casi prolungati provocano la crescita delle cellule tumorali.

sintomi

Cancro della tuba di Falloppio - una malattia che viene diagnosticata nel primo periodo di otogenesi. La tube di Falloppio e l'utero sono collegati anatomicamente. I prodotti di decomposizione dell'oncogenesi e del sangue scorrono nella vagina, formando uno scarico anormale.

Nel cancro della tuba di Falloppio, i sintomi si verificano come segue:

  • Carattere di siero sieroso, sieroso-purulento o sieroso-sanguigno.
  • La manifestazione di sanguinamento aciclico nelle donne in età fertile o sanguinamento di varia saturazione durante la menopausa. Raschiare in questo caso non fornirà un quadro completo del sondaggio, che ritarderà la corretta formulazione della diagnosi.
  • Aumento della temperatura corporea a 38 gradi.
  • Accumulo di liquido atsitovogo nello spazio addominale (cambiando le dimensioni dell'addome).
  • Avvelenamento, debolezza.
  • Dolore nella zona interessata. Inizialmente iniziano sotto forma di contrazioni con sbiadimento graduale, poi il dolore cresce e si mantiene costantemente.
  • Cachexia (forte perdita di peso sullo sfondo di debolezza generale, irritabilità, psicopatia).
    La sconfitta della metastasi dei linfonodi cervicali e sopraclaveari.

Un sintomo oncologico patognomonico della malattia - "discendenza intermittente" - spesso una scarica liquida bianca, con macchie di sangue o senza, è caratterizzato da una diminuzione delle dimensioni delle formazioni saccolari delle appendici.

Man mano che il tumore cresce, il tubo uterino viene modificato. La formazione del cancro ha una superficie irregolare con i villi più piccoli di colore grigio o rosa. Riempiendo lo spazio all'interno della tuba di Falloppio, il tumore rende difficile la migrazione dell'uovo maturo, i tessuti muoiono e si verifica un'emorragia.

Quando la fiala viene bloccata, si accumula un liquido sieroso con sangue e pus nella cavità. Le pareti del tubo potrebbero esplodere. A causa di un disturbo nella circolazione, la tuba di Falloppio diventa blu scuro o viola.

Quando l'ampolla della tuba di Falloppio si rompe, il tumore si localizza nello spazio addominale sotto forma di noduli e metastasi di vario tipo. La proliferazione delle cellule tumorali in tutto il corpo è di tre tipi: ematogena, linfogena e impianto.

Le metastasi linfogene del cancro delle tube dell'utero si trovano più spesso, il cancro ovarico è asintomatico. La crescita del tumore e la sua introduzione nella linfa possono indicare il decorso della malattia nel corpo. Il cancro del tubo dell'utero colpisce altri organi del metodo di impianto del piccolo bacino.

Nella maggior parte dei casi, l'educazione al cancro non si metastatizza oltre l'organo. Ma può infiltrarsi nello spazio addominale e toccare gli organi vitali. Quando le metastasi pleuriche sono danneggiate, si verifica l'idrotorace. Può penetrare l'ombelico. La via ematogena delle metastasi non è esclusa.

A seconda del tipo di diffusione, il tumore è suddiviso in 4 fasi:

  • Stadio primario Il processo tumorale è concentrato solo nel tubo.
  • Seconda fase Progredisce agli organi prossimali (ovaio, utero, vagina).
  • Il terzo passo. Un tumore colpisce il sistema linfatico.
  • Il quarto stadio del cancro - il processo oncologico è iniziato, le cellule penetrano in tutti gli organi del corpo umano.

diagnostica

Il cancro deve essere in grado di distinguere dalle malattie di salpigite, piosalpingite e altre malattie di origine virale. Come è corretta la diagnosi del cancro del tubo uterino:

  • L'oncologo-ginecologo raccoglie la storia del paziente, chiede in dettaglio la natura della scarica, se ci sono dolori o come va la mestruazione.
  • Indagine del paziente sulle patologie ginecologiche trasferite infettive, se ci sono malattie croniche, quante nascite, aborti.
  • La raccolta e l'analisi delle informazioni sul ciclo mestruale, a che età è iniziata la prima mestruazione, quanti vanno una volta al mese, la dolorosità e la profusione del periodo, la raccolta della storia ereditaria è specificata.
  • Esame bimestrale della vagina con palpazione sulla sedia ginecologica.
  • Per confermare la diagnosi, vengono eseguiti ecografia, TC, RM. Gli ultimi metodi di imaging possono determinare con maggiore precisione la posizione del tumore e le sue dimensioni.
  • Identificazione dei marcatori tumorali nell'analisi del sangue (sostanze che appaiono in risposta all'introduzione di un tumore nel corpo).
  • Striscio di citologia (per confermare la diagnosi o la retrazione)
  • Laparoscopia: l'endoscopio viene inserito nell'area addominale e si diffondono i focolai delle cellule tumorali, le dimensioni e le metastasi vengono esaminate con l'aiuto di una telecamera collegata.

Inoltre, è possibile consultare un mammologo medico.

trattamento

Il corso di chemioterapia viene effettuato con diversi farmaci, ad esempio, adriblastina cisplatino, ciclofosfamide, vincristina, bleomicina, etoposide e altri.

Nella prima fase del trattamento, viene eseguito un intervento chirurgico per rimuovere il corpo dell'utero con appendici (panisterectomia). Il grande omento viene rimosso - è un tessuto adiposo connettivo che copre gli organi dello spazio addominale e contiene molti linfonodi. La biopsia viene eseguita - esame istologico del tessuto asportato.

Inoltre, in tutti i casi viene prescritta una terapia poli- chemica di farmaci contenenti platino. Condurre la radioterapia nella zona pelvica e para-aortica. La terapia combinata del cancro delle tube di Falloppio ritarderà l'approccio della morte per 5 anni.

prevenzione

Dopo l'operazione, sono possibili ricadute dello sviluppo del cancro. Praticamente in qualsiasi stadio della malattia c'è l'opportunità di prolungare la vita di una persona, tranne che per la fase trascurata. In questa fase il paziente è condannato a morte.

Una prognosi positiva per il cancro del tubo uterino si riscontra nelle donne quando il tessuto endometriale viene rilevato in uno stadio precoce del cancro. Maggiore è il grado del processo tumorale, minore è la possibilità di vivere più a lungo del periodo prescritto.

I moderni metodi di trattamento e l'introduzione di nuove opzioni (la combinazione di vari tipi di interventi terapeutici e chirurgici) consentono di uccidere le cellule colpite dal cancro in numero maggiore. Aiuta a prevenire la penetrazione delle metastasi oltre la formazione di un tumore.

La sopravvivenza dopo il corso del trattamento dipende dal grado di cancro. Con il primo stadio più leggero del cancro dell'utero, il paziente sopravvive in quasi il 90% dei casi. Secondo grado - 35-50%, al terzo stadio fino al 15%.

La prognosi può essere migliorata con l'individuazione tempestiva della malattia e il corso del trattamento. Con la formazione del cancro della forma indifferenziata, il tasso di sopravvivenza diminuisce.

Il rispetto delle semplici regole di prevenzione eviterà lo sviluppo del processo oncologico:

  • Identificazione e cura di varie malattie ginecologiche dell'apparato genitale femminile.
  • Rifiuto di dipendenze.
  • Pianificazione e preparazione per il trasporto di un bambino.
  • Due volte all'anno per visitare il ginecologo locale.
  • Per condurre un esame ecografico di pazienti con una tendenza e un alto rischio di sviluppare il cancro della tuba di Falloppio.

Cancro del tubo uterino

Le tube di Falloppio sono un organo appaiato, partono dall'utero a destra e a sinistra. La loro lunghezza è di 10-12 cm, la larghezza del lume è di 4-6 mm. Un'estremità del tubo si collega all'utero, l'altra si apre nella cavità addominale e si trova vicino all'ovaio. La tuba di Falloppio è necessaria per "catturare" un uovo maturo che ha lasciato l'ovaia e consegnarlo alla cavità uterina.

Il cancro delle tube di Falloppio è un cancro raro. Alcuni fatti e cifre:

  • Questo tumore costituisce solo l'1% di tutte le malattie oncologiche in ginecologia.
  • Secondo le statistiche statunitensi, la prevalenza del cancro delle tube è di 0,41 casi su 100.000 donne.
  • Le donne anziane hanno maggiori probabilità di ammalarsi.
  • I tumori che hanno iniziato in altri organi e poi si sono diffusi alle tube di Falloppio sono molto più comuni. Molto spesso, il cancro delle ovaie, l'endometrio (membrana mucosa dell'utero), l'intestino e la ghiandola mammaria si diffondono alle tube di Falloppio.
  • I rischi sono aumentati nei portatori di geni mutanti BRCA1 e BRCA2.

Tipi di cancro del tubo uterino

Il tipo più comune di tumore maligno delle tube di Falloppio è l'adenocarcinoma. Si sviluppa dalle cellule che formano la membrana mucosa. Secondo alcuni rapporti, l'adenocarcinoma rappresenta l'88% dei casi, sono sierosi e endometrioidi. Meno comuni nelle tube di Falloppio sono altri tipi di tumori maligni:

  • carcinomi a cellule transizionali;
  • leiomiosarcoma.

Primari (inizialmente sorgono nella tuba di Falloppio) e secondari (diffondono da altri organi) tumori maligni delle tube di Falloppio.

Nell'ICD 10, il cancro della tuba di Falloppio ha il codice C57.0 - "neoplasia maligna di altri genitali femminili non specificati / tuba di Falloppio".

palcoscenico

Ci sono 4 stadi del cancro delle tube di Falloppio, così come un certo numero di sottofinestre:

Fase I

Il tumore si trova all'interno di una o due tube di Falloppio, non si diffonde alle strutture adiacenti.

  • IA: un tumore all'interno di una tuba di Falloppio.
  • IB: tumore entro due tube di Falloppio.
  • IC: una delle tre condizioni è soddisfatta:
  1. durante l'operazione, le cellule tumorali penetravano nella cavità addominale, nella pelvi;
  2. cellule tumorali sono state trovate sulla superficie delle tube di Falloppio: questo suggerisce che potrebbero diffondersi agli organi vicini;
  3. Le cellule tumorali si trovano nel liquido ascitico o nel fluido che è stato usato per irrigare la cavità addominale.

Fase II

Il tumore si trova in una o entrambe le tube di Falloppio, si estende agli organi adiacenti.

  • IIA: il tumore si è diffuso all'utero e / o alle ovaie.
  • IIB: il tumore si è diffuso al retto o ad altre strutture del bacino.

Fase III

Il tumore è in una o entrambe le tube di Falloppio. Le cellule tumorali si sono diffuse oltre il bacino.

  • IIIA: cellule tumorali si diffondono ai linfonodi retroperitoneali. Lesioni microscopiche possono essere presenti nel peritoneo al di fuori della pelvi.
  • IIIB: il tumore si è diffuso al peritoneo, all'intestino.
  • IIIC: il tumore si è diffuso 2 cm sopra il bacino, può raggiungere la capsula del fegato e della milza (ma non cresce in questi organi).

Stadio IV

Ci sono metastasi distanti.

IVA: metastasi nella pleura.
IVB: metastasi nel fegato, polmoni e altri organi.

Cause, fattori di rischio

Al momento ci sono prove convincenti del ruolo di due fattori di rischio nello sviluppo del cancro delle tube di Falloppio: una storia familiare e mutazioni nei geni BRCA1 e BRCA2. In alcune famiglie, tali tumori maligni sono più comuni del solito. Ma non è chiaro a cosa sia collegato: con l'ereditarietà o con lo stesso stile di vita nei parenti.

Esistono altri fattori di rischio percepiti, ma il loro ruolo non è stato dimostrato in modo definitivo:

  • Terapia ormonale sostitutiva, prescritta per combattere i sintomi della menopausa.
  • Infertilità, mancanza di parto. Alcuni studi hanno dimostrato che le donne che non hanno mai partorito sono più spesso malate.
  • Infiammazione cronica delle tube di Falloppio - Salpingite. I dati di ricerca su questo fattore di rischio sono contraddittori.

Sintomi del cancro del tubo uterino

Nella fase iniziale, la maggior parte delle donne non ha alcuna lamentela. Quindi compaiono alcuni sintomi, ma non sono specifici, possono indicare altre malattie:

  • Sanguinamento vaginale, non associato alle mestruazioni.
  • Abbondante scarico acquoso dalla vagina, a volte mescolato con sangue.
  • Dolore nell'addome inferiore, coliche, crampi.
  • Aumentare la dimensione dell'addome.
  • Minzione frequente.
  • Costipazione.
  • Dolore nella parte bassa della schiena, gambe.
  • Debolezza costante, stanchezza.

Come viene diagnosticato il cancro uterino?

Non esiste un quadro clinico chiaro su cui si possa sospettare un cancro della tuba di Falloppio con un'alta probabilità. Per eventuali sintomi insoliti e di lunga durata, è necessario visitare un medico ed essere esaminati.

Dopo l'esame, il ginecologo può prescrivere i seguenti studi:

  • Ultrasuoni degli organi pelvici, tra cui transvaginale (utilizzando un sensore speciale inserito attraverso la vagina). Aiuta a valutare le condizioni delle tube di Falloppio, rilevare un tumore, fluido nell'addome e distinguere una formazione densa da una cisti riempita di liquido.
  • La laparoscopia è un esame endoscopico della cavità addominale utilizzando uno strumento speciale (laparoscopio) inserito attraverso una puntura nella parete addominale. Durante la laparoscopia, il medico può specificare lo stadio del cancro, condurre una biopsia, pianificare un trattamento chirurgico.
  • Esami del sangue generali e biochimici.
  • Metodi diagnostici come radiografie del torace, TC, risonanza magnetica, PET aiutano a valutare la diffusione del tumore e rilevare le metastasi.
  • Per le ascite - accumulo di liquido nella cavità addominale - viene eseguita laparocentesi. Il fluido in eccesso viene rimosso attraverso una puntura, dopo di che può essere eseguita un'analisi citologica per determinare se le cellule tumorali sono presenti.

È possibile diagnosticare precocemente il cancro del tubo uterino?

Lo screening regolare è raccomandato solo per le donne a rischio. Include esame ginecologico, ecografia transvaginale e analisi del sangue per il marcatore tumorale CA-125.

Moderni metodi di trattamento

Il piano di trattamento per il cancro delle tube di Falloppio si basa sullo stadio, sul grado di aggressività del tumore, sulle condizioni di salute e sull'età della donna.

Trattamento chirurgico

La rimozione chirurgica del tumore è il principale tipo di trattamento radicale per il cancro delle tube di Falloppio. Se la malattia viene "catturata" in una fase precoce, è possibile eseguire la salpingooporectomia: rimozione unilaterale o bilaterale delle appendici dell'utero (tube di Falloppio e ovaie).

Nella maggior parte dei casi, si deve ricorrere a un'isterectomia totale (estirpazione dell'utero) con salpingooporectomia bilaterale. L'utero viene rimosso insieme alla cervice, alle ovaie, alle tube di Falloppio e, se necessario, agli organi della cavità addominale, del bacino e dei linfonodi colpiti dal tessuto tumorale. In alcuni casi, la chirurgia può essere eseguita per via laparoscopica.

La principale conseguenza della chirurgia per il cancro dell'utero è l'inizio della menopausa, l'infertilità, dal momento che entrambe le ovaie vengono spesso rimosse.

Chemioterapia per il cancro dell'utero

Molto spesso, per i tumori maligni delle tube di Falloppio, si utilizza la chemioterapia: paclitaxel, carboplatino, paraplatino, cisplatino, topotecan. Sono somministrati per via endovenosa, con la diffusione del tumore nella cavità addominale - intraperitoneale. Il modo più comodo per farlo è con i sistemi di porte peritoneali. Tale sistema portuale è un serbatoio, orlato sotto la pelle, e un catetere collegato ad esso, inserito nella cavità addominale.
La chemioterapia può essere utilizzata in aggiunta alla chirurgia o, in un tumore non operabile in una fase avanzata, come un tipo di trattamento indipendente.

Radioterapia

La radioterapia per il cancro del tubo uterino è usata raramente. Le principali indicazioni per il suo scopo:

  • Donne anziane e debilitate che non possono ricevere la chemioterapia.
  • Per la distruzione di metastasi e tumori ricorrenti.
  • Per combattere il dolore e altri sintomi.

Terapia mirata

In alcuni casi, i farmaci mirati sono efficaci: bloccano le proteine ​​che stimolano la riproduzione delle cellule tumorali, la crescita di nuovi vasi sanguigni in un tumore o altri processi che svolgono un ruolo importante nella progressione del cancro.
Per i tumori maligni delle tube di Falloppio vengono utilizzati due farmaci mirati:

  • Olaparib (Linparza) è efficace contro le cellule tumorali che hanno mutazioni nel gene BRCA1 o BRCA2. Il farmaco viene assunto due volte al giorno sotto forma di capsule.
  • Bevacizumab (Avastin) viene solitamente usato in combinazione con la chemioterapia e viene somministrato per via endovenosa ogni 2-3 settimane.

Prognosi di sopravvivenza

La prognosi per il cancro della tuba di Falloppio dipende dal tipo e dallo stadio del tumore, dal suo grado di aggressività, dall'età della donna. Se le cellule tumorali si trovano nel liquido ascitico o nel bordo della resezione dopo l'intervento, la prognosi peggiora.

Sopravvivenza a cinque anni in diverse fasi:

  • Fase I: 87%.
  • Stadio II: 86%.
  • Fase III: 52%.
  • Stadio IV: 40%.

La medicina tradizionale aiuta nel cancro dell'utero?

La medicina tradizionale e alternativa offre molte ricette per il trattamento del cancro, ma non ci sono prove che aiutino a liberarsi del cancro. Con l'auto-guarigione, perdi tempo prezioso. Ogni giorno conta. Mentre il tumore progredisce, diventa più difficile trattarlo, le possibilità di riduzione della remissione.

Integratori alimentari, vitamine, rimedi erboristici, rimedi popolari a volte possono migliorare la condizione, ridurre il dolore e altri sintomi. Ma sono in grado di influenzare gli effetti del trattamento primario, quindi se decidi di prendere qualcosa da solo, assicurati di informare il tuo medico.

Il costo del trattamento del cancro del tubo uterino a Mosca

Il costo del trattamento del cancro della tuba di Falloppio dipende dallo stadio del tumore, dal volume dell'intervento chirurgico, dalla durata della degenza in ospedale, dalla necessità di utilizzare farmaci chemioterapici, droghe mirate e altri farmaci. Nella clinica europea, è possibile ricevere cure a livello dei principali centri oncologici occidentali e israeliani a un costo inferiore.