Riabilitazione dopo il cancro al seno

Il cancro al seno è una delle malattie più comuni nelle donne, caratterizzata da una crescita cellulare incontrollata. Questo tipo di neoplasia richiede un trattamento immediato. Le cellule tumorali in rapida crescita possono crescere oltre i limiti della ghiandola mammaria nei tessuti circostanti e diffondersi attraverso i vasi linfatici e sanguigni verso altre parti del corpo. Una volta protetti, crescono e formano nuovi tumori: le metastasi.

La riabilitazione dopo il cancro al seno ha le sue caratteristiche. Poiché la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia sono i metodi più efficaci per combattere il cancro al seno, è necessario eliminare le complicazioni direttamente associate all'effetto patologico di un tumore sul corpo e agli effetti collaterali del trattamento.

Dopo il recupero non è facile tornare alla vecchia vita, ma è del tutto possibile se si sceglie il giusto percorso riabilitativo. In ciascun caso, è necessario un approccio individuale a seconda del tipo di tumore, dello stato di salute e dell'età del paziente.

I metodi più efficaci di riabilitazione dopo il cancro al seno sono:

  • fisioterapia;
  • Correzione psico-emotiva;
  • Esercizio terapeutico;
  • Agopuntura.

Tali attività contribuiscono alla ripresa dell'attività motoria e all'eliminazione delle più comuni complicanze postoperatorie.

I singoli programmi sviluppati dagli oncologi del centro insieme ai medici di riabilitazione dell'ospedale di Yusupov, permettono di migliorare l'effetto del trattamento effettuato.

Cancro al seno - riabilitazione dopo l'intervento chirurgico

Uno dei compiti principali della riabilitazione è il ripristino dell'attività motoria degli arti superiori, tenendo conto del lato operato. Allenamento condotto per ripristinare i sistemi cardiovascolare e respiratorio. Prende in considerazione gli aspetti psicologici della malattia, attraverso i quali le donne si liberano di paure, complessi, sentimenti di inferiorità dopo il trattamento. Se necessario, il corso di riabilitazione include la correzione plastica del difetto chirurgico dopo l'intervento.

Le complicazioni dopo l'intervento chirurgico per rimuovere il cancro al seno hanno una natura e una gravità diverse, a seconda della fase del cancro e del regime di riabilitazione. Ci sono complicazioni precoci (le prime due settimane dopo l'intervento) e in ritardo (mesi, anni). Le complicazioni iniziali più comuni includono:

  • gonfiore;
  • Linforrea (perdita linfatica dovuta a danno vascolare);
  • Infezione delle ferite;
  • Necrosi dei tessuti

Per ridurre al minimo la probabilità di tali effetti collaterali, è necessario il complesso lavoro di non solo un oncologo e un medico riabilitativo, ma anche altri specialisti correlati, come un cardiologo, un neurologo, uno psicologo, un endocrinologo, ecc.

Gravidanza dopo il cancro al seno

Una delle domande più frequenti dopo il trattamento oncologico è la possibilità di pianificare i bambini. Negli ultimi anni è stato pubblicato un gran numero di articoli che confermano la sicurezza della gravidanza dopo il cancro al seno. È dimostrato che la probabilità di morte è del 40% più bassa in caso di gravidanza dopo il trattamento rispetto alla sua assenza.

Va notato che la chemioterapia e la terapia ormonale influenzano negativamente la funzione riproduttiva, pertanto, è necessario consultare il proprio medico prima di iniziare il trattamento.

La maggior parte degli oncologi consiglia di pianificare una gravidanza non prima di dopo:

  • due anni dopo la diagnosi;
  • sei mesi dopo la chemioterapia;
  • tre mesi dopo la terapia ormonale.

L'allattamento al seno, anche nel caso di un intervento chirurgico risparmiatore di organi (lumpectomia), è anche possibile, sicuro e non dovrebbe essere proibito.

Cancro al seno: quanti vivono dopo l'intervento

La sopravvivenza a cinque anni dopo il trattamento è considerata un esito favorevole del cancro al seno. Secondo studi recenti, il tasso di sopravvivenza dopo il trattamento del cancro al seno dipende direttamente dallo stadio della malattia:

  • per la prima fase, la sopravvivenza del 70-98% è caratteristica;
  • per il secondo - 50-80%;
  • il terzo ha una previsione meno favorevole del -10-50%;
  • 10% di sopravvivenza a cinque anni nel quarto stadio.

Le statistiche mostrano che quando si ricevono trattamenti di alta qualità e un corso di riabilitazione, il numero di risultati favorevoli è del 50%, mentre ignorare la malattia è solo del 12-15%.

Osservazione dopo il trattamento del cancro al seno

La supervisione dopo il trattamento del tumore al seno include visite periodiche a un oncologo, test e conduzione di ulteriori metodi strumentali di ricerca, se necessario. Grazie a questo regime, l'oncologo valuta le condizioni di salute ed elimina lo sviluppo di recidive. La frequenza delle visite è impostata su base individuale: in primo luogo, le ispezioni si svolgono ogni sei mesi, quindi meno frequentemente.

L'oncologia non è una frase, non devi deprimerti e rinunciare. Nell'ospedale di Yusupov, utilizzando i moderni metodi di riabilitazione, aiuterà le donne che affrontano una malattia così difficile a far fronte alle conseguenze del trattamento del cancro al seno. Uno staff medico esperto, pronto ad aiutare in qualsiasi momento, creerà per il paziente un'atmosfera accogliente in ospedale.

Riabilitazione dopo cancro al seno, allo stomaco, alla prostata

Anche dopo che il corso del trattamento in ospedale è finito e il dottore ha detto che i risultati sono molto incoraggianti, la lotta contro il cancro non può essere fermata. Il cancro è una malattia estremamente aggressiva e anche i suoi metodi di trattamento non sono morbidi. Come si dice, tutti i mezzi sono buoni in guerra. Tuttavia, molti metodi di trattamento stessi sono dannosi per la salute. Pertanto, la riabilitazione dopo l'oncologia è una parte indispensabile della lotta contro questa malattia.

Il recupero dall'oncologia è una fase importante nella lotta contro il cancro.

Il trattamento aggressivo del cancro - chemioterapia e chirurgia - è pieno di molte complicazioni. Tra questi ci sono il dolore postoperatorio, la rottura dell'apparato digerente e dei reni, il ristagno della linfa, problemi alle articolazioni, anemia, perdita di capelli, grave debolezza, mancanza di appetito, nausea e vomito (frequenti compagni di chemioterapia). Inoltre, il trattamento noioso e le prospettive poco chiare per il futuro spesso portano a nevrosi e depressioni. È possibile ridurre queste manifestazioni al minimo se il programma di riabilitazione viene avviato in tempo.

Purtroppo, nel nostro paese, la riabilitazione dopo l'oncologia non è data sufficiente importanza. Fondamentalmente, questo problema ha coinvolto cliniche private. Tuttavia, la riabilitazione dopo oncologia è necessaria.

Il recupero dopo l'oncologia include diverse direzioni. Prima di tutto (e questo è il più importante!), È necessario migliorare la salute e, se possibile, riparare i danni causati dalla chirurgia e dalla chemioterapia. Molti pazienti sono preoccupati per il ripristino dell'aspetto, ma questo non è l'obiettivo della terapia di riabilitazione, ma piuttosto delle sue conseguenze. La cosa principale ora è eliminare i disturbi somatici e portare i conteggi del sangue alla normalità.

In secondo luogo, le persone che sono sopravvissute a una malattia oncologica richiedono l'aiuto di uno psicoterapeuta. Il cancro è un test molto serio e, senza lavorare con uno specialista, i pazienti possono sviluppare problemi psicologici come aumento di ansia e depressione.

Terzo, la riabilitazione sociale e domestica è necessaria. Una malattia oncologica cambia la vita di una persona e con questi cambiamenti bisogna imparare a vivere.

Un compito particolarmente importante è ripristinare la vitalità, perché la stanchezza e l'affaticamento cronico sono tra gli effetti più comuni della chemioterapia. Il collasso rende passiva la paziente, priva la volontà di riprendersi e non restituisce il solito modo di vivere. Tuttavia, un programma di riabilitazione adeguatamente progettato aiuta a far fronte a questo.

In alcuni tipi di malattie oncologiche (ad esempio nel carcinoma mammario), un ritorno completo al normale stile di vita senza riabilitazione è possibile solo per metà dei pazienti.

Indicazioni per la riabilitazione post-cancro

La riabilitazione dopo ogni tumore richiede un approccio e una continuità integrati. In altre parole, per il successo del recupero dopo l'oncologia è necessario utilizzare vari metodi di riabilitazione attiva e aderire a un approccio sistematico. La riabilitazione post-oncologica comprende le seguenti aree:

  • Riabilitazione psicologica. È necessario lavorare con uno psicoterapeuta - aiuterà a trovare e utilizzare la risorsa mentale necessaria per combattere la malattia. I medici sono unanimi: il paziente, preservando la volontà di vivere e un atteggiamento positivo, ha molte più probabilità di sconfiggere il cancro. Esiste anche una specializzazione speciale: uno psico-oncologo, questi medici lavorano presso i dispensari oncologici e nei centri di riabilitazione dopo l'oncologia.
  • Ripristino della forza muscolare e della resistenza. La terapia fisica è anche importante, ti permette di mantenere il tono muscolare e costruire i muscoli, migliora la circolazione sanguigna e accelera la guarigione dopo l'intervento chirurgico. Inoltre, l'esercizio contribuisce al drenaggio linfatico e alla rimozione dell'edema. Ma devi farlo sotto la supervisione di un medico: carichi troppo intensi fanno più male che bene.
  • Impatto sul metabolismo del corpo. La chemioterapia ha l'effetto più dannoso sui processi metabolici. È per questo motivo che i malati di cancro spesso perdono peso e soffrono di debolezza. Per la normalizzazione dei processi metabolici prescritto assunzione di minerali e vitamine, oltre alla terapia fisica. Rafforzare l'immunità. La chemioterapia riduce le difese naturali dell'organismo e anche un semplice raffreddore, che il sistema immunitario di una persona sana affronta in un paio di giorni, può essere un problema serio per un paziente che ha subito diversi trattamenti contro il cancro. Complessi vitaminici, ginnastica, diete speciali, procedure di fisioterapia sono utilizzati per rafforzare l'immunità.
  • Ripristino delle funzioni cognitive. La memoria, l'attenzione, la capacità di concentrazione soffrono anche dopo un ciclo di chemioterapia. Spesso i pazienti notano confusione o ammettono di dimenticare le cose più semplici di tutti i giorni. Per ripristinare le funzioni cognitive, utilizzare farmaci che normalizzano il lavoro dei vasi cerebrali, dieta e terapia vitaminica, nonché esercizi speciali.
  • Riabilitazione finalizzata al ritorno delle capacità quotidiane. L'ergoterapia è un metodo per ripristinare le capacità motorie perse che è stato utilizzato nelle cliniche europee per molti anni. In Russia, questa è una direzione relativamente nuova. L'ergoterapia è lo sviluppo graduale dell'algoritmo dei movimenti necessari per svolgere le attività quotidiane.
  • Prevenzione della linfostasi. Secondo le statistiche, la linfostasi (stasi linfatica) si sviluppa nel 30% dei pazienti con neoplasie maligne. Limita la mobilità, causa gonfiore e dolore. Per la prevenzione e il controllo della linfostasi, vengono utilizzati massaggi speciali, pressoterapia e tecniche hardware, come il trattamento con l'ausilio di Lympha Press, l'apparecchio per drenaggio linfatico ottimale, che consente di osservare rigorosamente la forza di pressione.
  • Prevenzione dell'osteoporosi. L'osteoporosi non è rara nei pazienti oncologici, specialmente in quelli con carcinoma della prostata, della mammella o dell'ovaio. Per combattere l'osteoporosi, viene prescritta una dieta ricca di calcio e vitamina D, esercizio leggero e un corso di farmaci per l'osteoporosi (il più delle volte, i bisfosfonati sono prescritti).

Caratteristiche del recupero dopo il cancro di diversa localizzazione

Riabilitazione dopo il cancro al seno

I problemi più comuni che si verificano nei pazienti dopo il cancro al seno sono gonfiore delle mani a causa del ristagno della linfa dopo mastectomia, stress e depressione dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la ghiandola mammaria, la formazione di cicatrici dolorose (ed estetiche), nonché tutti gli effetti comuni della radioterapia. Per il drenaggio linfatico si applicano metodi fisioterapici, pressoterapia e massaggi, oltre a ginnastica medica. È molto importante lavorare con uno psicoterapeuta, poiché spesso la rimozione della ghiandola porta allo sviluppo di un complesso di inferiorità e depressione. Condizionatamente, le protesi al seno possono essere riferite a metodi di riabilitazione. I termini della riabilitazione dopo il tumore al seno sono individuali, ma in media occorrono 12-24 mesi per recuperare.

Riabilitazione dopo cancro gastrico

Il recupero dal cancro dello stomaco richiede tempo: è molto difficile accelerare l'accrescimento del tendine e del busto muscolare dopo l'intervento. Tuttavia, per alleviare la condizione dopo la resezione dello stomaco è ancora possibile. La dieta gioca un ruolo importante. Se si mangia il cibo sbagliato, il cibo penetra nell'intestino semi-digerito, e questo è dannoso ed estremamente sgradevole. La dieta, quando si recupera dal cancro dello stomaco, deve essere bilanciata, ricca di proteine, ma povera di carboidrati, sale e spezie. È necessario prendere enzimi e succo gastrico, questo aiuterà a normalizzare la digestione. Se si osservano tutte le regole della terapia riabilitativa, il periodo di riabilitazione dura 9-18 mesi.

Riabilitazione dopo il cancro alla prostata

I problemi urinari sono uno degli effetti più evidenti del cancro alla prostata. Pertanto, il programma di riabilitazione comprende esercizi per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico. Sono necessari in modo che dopo aver rimosso il catetere, la vescica possa "imparare" a funzionare di nuovo normalmente.

Il recupero dal cancro alla prostata dura 3-6 mesi. Dopo sei mesi, i muscoli della vescica e del pavimento pelvico vengono completamente ripristinati nel 96% dei pazienti sottoposti a riabilitazione. Va ricordato che l'erezione si riprenderà più lentamente - in media, ci vogliono 6-12 mesi. Per accelerare il processo di recupero dell'erezione, si raccomandano gli inibitori della fosfodiesterasi-5.

Parlando di riabilitazione, di solito coinvolgono misure prese dopo un intervento chirurgico o un ciclo di chemioterapia. Ma altrettanto importante è la riabilitazione preventiva - preparazione per il trattamento. Si raccomanda di sottoporsi a un corso di psicoterapia, il cui scopo è quello di consentire a una persona di comprendere il bisogno di trattamento e di prepararsi moralmente a questo. I sedativi sono anche usati per migliorare il sonno e alleviare il nervosismo. Anche prima dell'operazione, è necessario prendere misure per rafforzare i vasi sanguigni, i reni e il fegato - per questo vengono utilizzati i preparati di vitamine e farmaci.

Dove posso ottenere un corso di riabilitazione?

In Russia, i servizi di riabilitazione post-oncologica sono offerti principalmente da istituzioni mediche private. Un rappresentante del centro di riabilitazione delle Tre Sorelle afferma:

"Il cancro è una malattia sistemica che interferisce con il lavoro degli organi e dei sistemi di tutto il corpo. Pertanto, per il recupero dall'oncologia, potrebbe essere necessario coinvolgere specialisti di vari profili. Non tutte le istituzioni mediche hanno tali opportunità e la presenza di un team multidisciplinare, che deve includere fisioterapisti, psicoterapeuti e psicologi, è uno dei principali fattori nella scelta di un centro di riabilitazione. Inoltre, un fattore importante che influisce su una pronta guarigione è l'ambiente domestico e la possibilità di rimanere parenti durante il corso della riabilitazione. Comodi reparti per una o due persone, pasti al ristorante e la sede del Three Sisters Center in un'area ecologicamente pulita aiutano a rendere il periodo di recupero il più confortevole possibile per i pazienti. Nel Centro delle Tre Sorelle, l'ammissione per il ricovero viene effettuata su richiesta del paziente, con un estratto dall'istituto di cura in cui è stato effettuato il trattamento, scansioni TC o scansioni MRI (se disponibili). Il gestore ti contatterà entro un giorno dal ricevimento della domanda. Il pagamento per il corso di riabilitazione medica può essere effettuato a rate, ma viene sempre calcolato una volta, utilizzando il sistema "tutto incluso".

Post scriptum Complicanze ed effetti collaterali dopo la terapia del cancro, purtroppo, non sono infrequenti. Se necessario, è possibile ottenere consigli dagli specialisti del Three Sisters Center attraverso un modulo online sul sito web. È disponibile anche un telefono con linea diretta 24 ore su 24 e una chiamata è gratuita in Russia.

* Licenza del Ministero della Salute della Regione di Mosca No. LO-50-01-009095, emessa da LLC RC Three Sisters il 12 ottobre 2017.

Riabilitazione dopo chirurgia del cancro al seno

Cancro al seno dopo chirurgia: aspettative, possibili conseguenze e dieta

Home> Altre malattie> Cancro al seno> Trattamento> Cancro al seno dopo chirurgia: aspettative, possibili effetti e dieta

Il seno è estremamente importante non solo per la bellezza della donna, ma anche per la salute di lei e del bambino.

Non è un caso che qualsiasi anormalità o neoplasma nella ghiandola mammaria sia presa seriamente in considerazione dalle ragazze, e le visite annuali al mammologo sono altamente raccomandate a qualsiasi età.

Una delle malattie più pericolose e "misteriose" raccomandate a tutte le donne per prestare attenzione è il cancro al seno.

Informazioni generali

Il cancro al seno colpisce la ghiandola mammaria e può colpire chiunque, ma è generalmente considerato una malattia femminile.

La ragione del suo aspetto sono le cellule mutate che formano un tumore maligno. A causa di sintomi lievi, si trova principalmente nelle fasi successive, quando il pericolo aumenta in modo significativo.

Se nella prima fase il tasso di mortalità non supera il 2%, allora alla quarta percentuale di sopravvissuti non supera il 10%. La seconda caratteristica della malattia è il suo rapido sviluppo.

Le cellule tumorali si moltiplicano rapidamente e crescono, il tumore diventa più grande e si diffonde in tutto il corpo, infettando anche altri organi. Pertanto, il trattamento principale consiste di 3 passaggi:

  1. Prevenire lo sviluppo delle cellule, frenando la loro crescita con la chemioterapia.
  2. Rimozione dell'intero tumore insieme ai tessuti interessati.
  3. Conducendo chemioterapia profilattica per eliminare tutte le cellule tumorali che sono sopravvissute, in alcuni casi, protesi o interventi di chirurgia estetica potrebbero essere necessari con la rimozione completa della ghiandola mammaria.

È importante sapere: anche dopo aver eseguito tutte le procedure, può verificarsi una recidiva, dal momento che le cellule tumorali possono cadere in uno stato di sonno e manifestarsi solo dopo diversi anni.

Dopo l'operazione, è necessario sottoporsi a un lungo periodo di riabilitazione e regolarmente venire per un esame al fine di rilevare immediatamente metastasi o altri processi infiammatori.

Cosa aspettarsi

In ogni caso, la cura dopo l'intervento chirurgico viene selezionata individualmente.

Dopo l'intervento chirurgico, viene prescritta una chemioterapia aggiuntiva o radioterapia per aiutare a prevenire le metastasi. È inaccettabile esercitare un'eccessiva autonomia o fare affidamento solo sui metodi tradizionali: qualsiasi trattamento deve essere concordato con il medico.

Spesso dopo l'intervento chirurgico, i pazienti notano un aumento delle dimensioni del braccio sul lato con cui era il tumore. Ciò è dovuto alla rimozione dei linfonodi colpiti: non essendo in grado di usare i soliti modi, la linfa si accumula in un posto. Il suo eccesso viene rimosso durante la medicazione e dopo 1-3 mesi tutto torna alla normalità.

Consiglio del medico: non tenere il braccio dolorante al corpo o cercare di non spostarlo a causa del dolore - i problemi di movimento dopo il recupero possono diventare spiacevoli conseguenze.

Quando le infiammazioni della pelle o l'esercizio eccessivo, la quantità di linfa può aumentare, apparirà gonfiore. Per verificare le condizioni della mano, si consiglia di effettuare misurazioni di sera e al mattino: una differenza di 3 cm tra di loro è considerata normale, più di 3 cm indica che è necessario ridurre il carico, perché il corpo non ha il tempo di spendere la linfa.

È necessario ridurre il carico, ma non abbandonare completamente la ginnastica. È necessario monitorare la condizione della pelle, la sua integrità.

In caso di graffi, tagli e altre lesioni, l'infiammazione della micropiastra può portare a un deterioramento della fuoriuscita della linfa e un recupero più lungo. È anche necessario evitare la luce solare, poiché può provocare il risveglio delle cellule tumorali: non usare il solarium, non prendere il sole e non viaggiare nei paesi tropicali.

dieta

Il menu correttamente selezionato è molto importante quando si ripristina il corpo, impoverito dalla chemioterapia e dalla chirurgia. Il medico ti aiuterà a scegliere la dieta giusta e prescriverà un complesso vitaminico supplementare.

Principalmente raccomandato di aderire ai principi di una sana alimentazione:

  1. Devi mangiare 5-6 volte al giorno in piccole porzioni e bere abbastanza acqua - non puoi rifiutarti di mangiare, anche se non c'è appetito.
  2. I pasti dovrebbero essere il più salutari possibile: è necessario limitare i cibi fritti, grassi e piccanti, per eliminare completamente fast food, dolci e altri cibi malsani.
  3. Il cibo per il cancro deve essere leggero, con molte proteine ​​e vitamine.

Buono a sapersi: l'assunzione di integratori alimentari è severamente vietata, sono ammessi solo integratori vitaminici prescritti da un medico.

Se hai dei dubbi su qualsiasi prodotto, dovresti chiedere il parere di un medico. Ad esempio, non è consigliabile utilizzare una massa di cagliata a causa dell'abbondanza di zucchero e grasso, ma la ricotta dovrebbe essere presente nella dieta.

Il ripristino della salute, indebolito dal cancro al seno, può richiedere diversi anni e persino essere interrotto dalla ricaduta o dalla comparsa di altri focolai della malattia. Ogni paziente deve ricordare che il suo atteggiamento, il sostegno dei suoi parenti e le classi in gruppi speciali svolgono un ruolo importante nel ripristinare la salute. Se fosse necessario rimuovere completamente il seno, il periodo postoperatorio dopo la rimozione della ghiandola mammaria potrebbe essere ritardato.

Come è la riabilitazione dopo la chirurgia del cancro al seno, vedere il seguente video:

Riabilitazione post oncologica: approcci e metodi della moderna medicina restaurativa

Nonostante l'alta prevalenza di tumore (sono attualmente tra i primi tre "killer" più spietati di umanità dopo infarti e ictus), la gente comune sa poco circa le loro conseguenze. Si ritiene che se una persona è malata di cancro, allora possono esserci solo due esiti: o una morte improvvisa o una guarigione miracolosa.

In realtà, la situazione è diversa: anche in caso di oncologi di trattamento di successo non hanno alcuna fretta di rimuovere la diagnosi, perché la malattia ritorna a volte. I medici fanno previsioni solo a breve termine - da qui il concetto di "sopravvivenza a cinque anni". Il futuro del paziente dipende da vari fattori: oltre a una possibile recidiva, la sua salute può essere influenzata dagli effetti collaterali della terapia prescritta (non è un segreto per nessuno che possa essere molto aggressivo). Pertanto, nella medicina moderna, una direzione come la riabilitazione dopo le malattie oncologiche sta diventando sempre più importante.

Recupero dopo l'oncologia come tappa essenziale nella lotta contro il cancro

Secondo il dottore in scienze mediche, professore, neurologo, capo del Dipartimento di Medicina per la Conservazione Cellulare dell'università medica statale russa, Andrei Bryukhovetsky [1], due terzi del numero totale di pazienti oncologici trattati richiedono un trattamento riabilitativo. "Avendo curato il tumore, non abbiamo curato il paziente, non abbiamo risolto i suoi problemi somatici. Pertanto, è molto difficile e pericoloso per il paziente tornare a casa a causa di possibili complicazioni. È molto difficile per il paziente vivere nelle nuove condizioni dello stato somatico del suo corpo. Quando si rimuove un organo, quando viene rimossa una parte dell'organo o quando vengono rimossi diversi organi e oltre al danno causato dalla terapia antitumorale, dalla chemioterapia, dalla radiochirurgia, dalla radioterapia, è necessario cercare di sopravvivere e adattarsi alla vita in tale stato ", osserva l'esperto.

Pertanto, la riabilitazione oncologica è una componente integrale del processo di trattamento in pazienti con neoplasie maligne diagnosticate. E, indipendentemente dal fatto che fosse possibile distruggere completamente il tumore. Stiamo parlando dell'intero complesso di misure volte a ripristinare il benessere e la capacità lavorativa del paziente (riabilitazione riabilitativa), migliorando la qualità della sua vita, l'adattamento sociale e la massima estensione possibile della vita, insieme al sollievo dal dolore (riabilitazione palliativa).

Sfortunatamente, in relazione alla possibilità di applicare metodi di medicina restaurativa, come la fangoterapia, il massaggio, la terapia fisica, la fisioterapia e altri, persistono molti stereotipi. Spesso, la presenza - nel passato o nel presente - di un tumore maligno è considerata una controindicazione assoluta alle procedure che possono effettivamente fornire un'assistenza preziosa nella riabilitazione dei pazienti. Secondo la ricerca medica straniera, lo stato di salute dei pazienti oncologici migliora notevolmente dopo i corsi di riabilitazione opportunamente organizzati.

Questo è interessante: gli scienziati austriaci hanno condotto uno studio [2], in cui le donne sottoposte a mastectomia (rimozione del seno), dopo aver identificato il cancro, hanno ricevuto un programma di riabilitazione individuale di tre settimane, incluso drenaggio linfatico manuale, terapia fisica, massaggio, consulenza psicologica, allenamento rilassante, bagni di anidride carbonica e fangoterapia In base ai risultati del corso, i partecipanti all'esperimento hanno mostrato una diminuzione della concentrazione del marcatore tumorale CA 15-3 nel sangue e si è osservata una diminuzione della gravità dei sintomi clinici della linfostasi. Inoltre, i pazienti hanno notato un miglioramento significativo della qualità della vita: un'ondata di forza e stabilizzazione dell'umore.

Approcci e metodi di riabilitazione oncologica

La riabilitazione dei pazienti affetti da cancro ha le sue caratteristiche. In molti modi, sono dovuti alla necessità di eliminare, oltre alle complicanze associate direttamente all'effetto del tumore sulla salute del paziente, gli effetti collaterali del trattamento effettuato. Dopotutto, la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia - i metodi più comuni per sbarazzarsi del cancro - danneggiano se stessi il corpo umano.

Il corso di riabilitazione scelto correttamente permetterà al paziente di tornare a una vita piena, o almeno migliorare la sua salute dopo una malattia debilitante. Inoltre, il programma è sviluppato individualmente, tenendo conto delle condizioni del paziente, delle sue capacità funzionali e motivazione. Gli esperti sottolineano che tecniche come la fisioterapia, l'agopuntura, la fisioterapia, ecc, contribuiscono ad una marcata ripresa dell'attività motoria ed eliminare gli effetti indesiderati più comuni di terapia del cancro.

Essa svolge un ruolo importante e il lavoro psicologico con le persone che hanno avuto il cancro: a prescindere dai risultati del trattamento, essi possono sentirsi depresso, perdita di interesse nelle ex hobby, obiettivi professionali. I pazienti che hanno subito la rimozione degli organi colpiti da un tumore quasi sempre soffrono a causa della consapevolezza dei cambiamenti che si sono verificati nel loro corpo. Soprattutto se l'operazione ha provocato cicatrici o altri difetti estetici visibili. Lo stesso problema si verifica nei pazienti (specialmente donne) sottoposti a chemioterapia o radioterapia e che hanno perso i capelli. È importante notare che i tentativi di affidare il compito di riabilitazione psicologica dei pazienti ai loro amici e parenti, di regola, non portano risultati significativi - le persone che sono coinvolte emotivamente nella storia della malattia raramente sono capaci di un dialogo costruttivo con il paziente. Tendono a dispiacersi per lui, è molto più difficile per loro valutare adeguatamente il suo stato d'animo e i suoi veri desideri. Inoltre, molti di loro stessi sono psicologicamente esausti prendendosi cura di una persona cara e temono per la propria vita, e quindi necessitano anche di un aiuto professionale.

Infine, l'ergoterapia è un aspetto estremamente importante della riabilitazione oncologica, specialmente dopo il trattamento, che include l'intervento chirurgico e spesso porta alla disabilità. Stiamo parlando di una terapia finalizzata ad adattare i pazienti alla vita indipendente e riportarli al lavoro. Dopotutto, una delle conseguenze più gravi dei traumi e delle malattie patite non è solo il disagio fisico, ma anche la sensazione di impotenza e l'incapacità di usare il tempo e l'energia in modo utile. Terapia occupazionale inizia con una valutazione del grado di disturbi funzionali: a questo scopo utilizzano spesso attrezzature speciali o anche stanze in cui riproducevano le condizioni standard di locali. Con il loro aiuto vengono identificate le "lacune nell'indipendenza", che vengono in seguito compensate con l'aiuto di esercizi selezionati individualmente o dispositivi speciali che una persona potrebbe aver bisogno dopo aver completato un corso di riabilitazione.

Caratteristiche del recupero dopo malattie oncologiche di diverso tipo

I tumori maligni sono gruppo molto eterogeneo di malattie, ciascuna delle quali ha le sue caratteristiche fisiopatologiche determinanti strategia di trattamento per le conseguenze del paziente e per la salute. Pertanto, la terapia riparativa per i pazienti oncologici dovrebbe essere determinata sulla base delle loro esigenze individuali. I termini della riabilitazione, il suo contenuto e il risultato previsto sono determinati principalmente dalla storia della malattia e dal benessere del paziente al momento della dimissione. È importante sapere che molti metodi possono essere applicati anche prima del completamento del corso principale del trattamento del cancro: compresi gli intervalli tra i corsi di radioterapia e chemioterapia (premedicazione o trattamento preventivo). Il ruolo principale qui è svolto dai metodi di riabilitazione attiva.

Considerare le caratteristiche dei vari approcci alla riabilitazione sull'esempio di tipi comuni di cancro.

Cancro al seno

Una caratteristica di questo tipo di riabilitazione è l'enfasi sul ripristino delle funzioni degli arti superiori, tenendo conto del lato su cui è stata eseguita l'operazione per rimuovere il tumore. Viene prestata attenzione all'aumento della resistenza ai carichi fisici, viene mostrato l'allenamento dei sistemi cardiovascolare e respiratorio. Inoltre, la psicoterapia gioca un ruolo chiave per i sopravvissuti al cancro al seno, che consente loro di ritrovare una sensazione di femminilità e di liberarsi dei complessi associati al trattamento. Come parte di un corso di riabilitazione, la chirurgia del seno può essere prescritta.

Cancro allo stomaco

Indipendentemente dall'esito del trattamento, i pazienti con tale diagnosi necessitano di corsi specialistici post-trattamento mirati al ripristino dell'appetito, all'eliminazione del dolore e al rafforzamento generale del corpo, a causa di disturbi nutrizionali, che spesso sviluppano cachessia (esaurimento patologico).

Cancro alla prostata

Una complicanza comune nei pazienti con carcinoma della prostata è la perdita di controllo sulla funzione degli organi pelvici - questa può essere una minzione involontaria o una disfunzione erettile. È essenziale alleviare al massimo le condizioni del paziente, se possibile, restituendogli l'accesso al suo solito stile di vita senza compromettere l'autostima. Ecco perché la riabilitazione richiede una connessione con il processo di un neurologo.

Malattie gravi non hanno motivo di arrendersi e accettare la tragica coincidenza delle circostanze. L'organizzazione di un corretto trattamento e riabilitazione, nonché un atteggiamento ottimista, sono due componenti principali di una terapia di successo.

Riabilitazione dopo cancro al seno, allo stomaco, alla prostata

Anche dopo che il corso del trattamento in ospedale è finito e il dottore ha detto che i risultati sono molto incoraggianti, la lotta contro il cancro non può essere fermata. Il cancro è una malattia estremamente aggressiva e anche i suoi metodi di trattamento non sono morbidi. Come si dice, tutti i mezzi sono buoni in guerra. Tuttavia, molti metodi di trattamento stessi sono dannosi per la salute. Pertanto, la riabilitazione dopo l'oncologia è una parte indispensabile della lotta contro questa malattia.

Il recupero dall'oncologia è una fase importante nella lotta contro il cancro.

Il trattamento aggressivo del cancro - chemioterapia e chirurgia - è pieno di molte complicazioni. Tra questi ci sono il dolore postoperatorio, la rottura dell'apparato digerente e dei reni, il ristagno della linfa, problemi alle articolazioni, anemia, perdita di capelli, grave debolezza, mancanza di appetito, nausea e vomito (frequenti compagni di chemioterapia). Inoltre, il trattamento noioso e le prospettive poco chiare per il futuro spesso portano a nevrosi e depressioni. È possibile ridurre queste manifestazioni al minimo se il programma di riabilitazione viene avviato in tempo.

Purtroppo, nel nostro paese, la riabilitazione dopo l'oncologia non è data sufficiente importanza. Fondamentalmente, questo problema ha coinvolto cliniche private. Tuttavia, la riabilitazione dopo oncologia è necessaria.

Il recupero dopo l'oncologia include diverse direzioni. Prima di tutto (e questo è il più importante!), È necessario migliorare la salute e, se possibile, riparare i danni causati dalla chirurgia e dalla chemioterapia. Molti pazienti sono preoccupati per il ripristino dell'aspetto, ma questo non è l'obiettivo della terapia di riabilitazione, ma piuttosto delle sue conseguenze. La cosa principale ora è eliminare i disturbi somatici e portare i conteggi del sangue alla normalità.

In secondo luogo, le persone che sono sopravvissute a una malattia oncologica richiedono l'aiuto di uno psicoterapeuta. Il cancro è un test molto serio e, senza lavorare con uno specialista, i pazienti possono sviluppare problemi psicologici come aumento di ansia e depressione.

Terzo, la riabilitazione sociale e domestica è necessaria. Una malattia oncologica cambia la vita di una persona e con questi cambiamenti bisogna imparare a vivere.

Un compito particolarmente importante è ripristinare la vitalità, perché la stanchezza e l'affaticamento cronico sono tra gli effetti più comuni della chemioterapia. Il collasso rende passiva la paziente, priva la volontà di riprendersi e non restituisce il solito modo di vivere. Tuttavia, un programma di riabilitazione adeguatamente progettato aiuta a far fronte a questo.

In alcuni tipi di malattie oncologiche (ad esempio nel carcinoma mammario), un ritorno completo al normale stile di vita senza riabilitazione è possibile solo per metà dei pazienti.

Indicazioni per la riabilitazione post-cancro

La riabilitazione dopo ogni tumore richiede un approccio e una continuità integrati. In altre parole, per il successo del recupero dopo l'oncologia è necessario utilizzare vari metodi di riabilitazione attiva e aderire a un approccio sistematico. La riabilitazione post-oncologica comprende le seguenti aree:

  • Riabilitazione psicologica. È necessario lavorare con uno psicoterapeuta - aiuterà a trovare e utilizzare la risorsa mentale necessaria per combattere la malattia. I medici sono unanimi: il paziente, preservando la volontà di vivere e un atteggiamento positivo, ha molte più probabilità di sconfiggere il cancro. Esiste anche una specializzazione speciale: uno psico-oncologo, questi medici lavorano presso i dispensari oncologici e nei centri di riabilitazione dopo l'oncologia.
  • Ripristino della forza muscolare e della resistenza. La terapia fisica è anche importante, ti permette di mantenere il tono muscolare e costruire i muscoli, migliora la circolazione sanguigna e accelera la guarigione dopo l'intervento chirurgico. Inoltre, l'esercizio contribuisce al drenaggio linfatico e alla rimozione dell'edema. Ma devi farlo sotto la supervisione di un medico: carichi troppo intensi fanno più male che bene.
  • Impatto sul metabolismo del corpo. La chemioterapia ha l'effetto più dannoso sui processi metabolici. È per questo motivo che i malati di cancro spesso perdono peso e soffrono di debolezza. Per la normalizzazione dei processi metabolici prescritto assunzione di minerali e vitamine, oltre alla terapia fisica. Rafforzare l'immunità. La chemioterapia riduce le difese naturali dell'organismo e anche un semplice raffreddore, che il sistema immunitario di una persona sana affronta in un paio di giorni, può essere un problema serio per un paziente che ha subito diversi trattamenti contro il cancro. Complessi vitaminici, ginnastica, diete speciali, procedure di fisioterapia sono utilizzati per rafforzare l'immunità.
  • Ripristino delle funzioni cognitive. La memoria, l'attenzione, la capacità di concentrazione soffrono anche dopo un ciclo di chemioterapia. Spesso i pazienti notano confusione o ammettono di dimenticare le cose più semplici di tutti i giorni. Per ripristinare le funzioni cognitive, utilizzare farmaci che normalizzano il lavoro dei vasi cerebrali, dieta e terapia vitaminica, nonché esercizi speciali.
  • Riabilitazione finalizzata al ritorno delle capacità quotidiane. L'ergoterapia è un metodo per ripristinare le capacità motorie perse che è stato utilizzato nelle cliniche europee per molti anni. In Russia, questa è una direzione relativamente nuova. L'ergoterapia è lo sviluppo graduale dell'algoritmo dei movimenti necessari per svolgere le attività quotidiane.
  • Prevenzione della linfostasi. Secondo le statistiche, la linfostasi (stasi linfatica) si sviluppa nel 30% dei pazienti con neoplasie maligne. Limita la mobilità, causa gonfiore e dolore. Per la prevenzione e il controllo della linfostasi, vengono utilizzati massaggi speciali, pressoterapia e tecniche hardware, come il trattamento con l'ausilio di Lympha Press, l'apparecchio per drenaggio linfatico ottimale, che consente di osservare rigorosamente la forza di pressione.
  • Prevenzione dell'osteoporosi. L'osteoporosi non è rara nei pazienti oncologici, specialmente in quelli con carcinoma della prostata, della mammella o dell'ovaio. Per combattere l'osteoporosi, viene prescritta una dieta ricca di calcio e vitamina D, esercizio leggero e un corso di farmaci per l'osteoporosi (il più delle volte, i bisfosfonati sono prescritti).

Caratteristiche del recupero dopo il cancro di diversa localizzazione

Riabilitazione dopo il cancro al seno

I problemi più comuni che si verificano nei pazienti dopo il cancro al seno sono gonfiore delle mani a causa del ristagno della linfa dopo mastectomia, stress e depressione dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la ghiandola mammaria, la formazione di cicatrici dolorose (ed estetiche), nonché tutti gli effetti comuni della radioterapia. Per il drenaggio linfatico si applicano metodi fisioterapici, pressoterapia e massaggi, oltre a ginnastica medica. È molto importante lavorare con uno psicoterapeuta, poiché spesso la rimozione della ghiandola porta allo sviluppo di un complesso di inferiorità e depressione. Condizionatamente, le protesi al seno possono essere riferite a metodi di riabilitazione. I termini della riabilitazione dopo il tumore al seno sono individuali, ma in media occorrono 12-24 mesi per recuperare.

Riabilitazione dopo cancro gastrico

Il recupero dal cancro dello stomaco richiede tempo: è molto difficile accelerare l'accrescimento del tendine e del busto muscolare dopo l'intervento. Tuttavia, per alleviare la condizione dopo la resezione dello stomaco è ancora possibile. La dieta gioca un ruolo importante. Se si mangia il cibo sbagliato, il cibo penetra nell'intestino semi-digerito, e questo è dannoso ed estremamente sgradevole. La dieta, quando si recupera dal cancro dello stomaco, deve essere bilanciata, ricca di proteine, ma povera di carboidrati, sale e spezie. È necessario prendere enzimi e succo gastrico, questo aiuterà a normalizzare la digestione. Se si osservano tutte le regole della terapia riabilitativa, il periodo di riabilitazione dura 9-18 mesi.

Riabilitazione dopo il cancro alla prostata

I problemi urinari sono uno degli effetti più evidenti del cancro alla prostata. Pertanto, il programma di riabilitazione comprende esercizi per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico. Sono necessari in modo che dopo aver rimosso il catetere, la vescica possa "imparare" a funzionare di nuovo normalmente.

Il recupero dal cancro alla prostata dura 3-6 mesi. Dopo sei mesi, i muscoli della vescica e del pavimento pelvico vengono completamente ripristinati nel 96% dei pazienti sottoposti a riabilitazione. Va ricordato che l'erezione si riprenderà più lentamente - in media, ci vogliono 6-12 mesi. Per accelerare il processo di recupero dell'erezione, si raccomandano gli inibitori della fosfodiesterasi-5.

Parlando di riabilitazione, di solito coinvolgono misure prese dopo un intervento chirurgico o un ciclo di chemioterapia. Ma altrettanto importante è la riabilitazione preventiva - preparazione per il trattamento. Si raccomanda di sottoporsi a un corso di psicoterapia, il cui scopo è quello di consentire a una persona di comprendere il bisogno di trattamento e di prepararsi moralmente a questo. I sedativi sono anche usati per migliorare il sonno e alleviare il nervosismo. Anche prima dell'operazione, è necessario prendere misure per rafforzare i vasi sanguigni, i reni e il fegato - per questo vengono utilizzati i preparati di vitamine e farmaci.

Riabilitazione di pazienti affetti da cancro con carcinoma mammario

17 settembre alle 6:50 627

Nelle donne, il tumore al seno (tumore al seno) è al primo posto tra le neoplasie maligne. I moderni metodi di trattamento possono influenzare efficacemente il processo del tumore, in connessione con questo e la prevalenza nel mondo del cancro al seno oggi è al primo posto.

Tutti i pazienti in varia misura necessitano di riabilitazione, non solo morale ed etica, ma anche socio-economica.

Il programma di riabilitazione medica di un paziente con carcinoma mammario comprende, soprattutto, misure volte a prevenire complicazioni dopo l'intervento chirurgico. Possono essere suddivisi in precoce (linforrena, infezione della ferita, necrosi marginale degli innesti cutanei) e tardiva (edema dell'arto superiore, contrattura dell'articolazione della spalla, ppessopatia cervico-omerale, difetto estetico). È ovvio che lo sviluppo delle complicanze postoperatorie precoci influenza in larga misura lo sviluppo di quelle successive. La regola generale per prevenire lo sviluppo di complicanze è l'attenta gestione dei tessuti durante l'intervento chirurgico e il loro trauma minimo, in particolare di innesti cutanei, vena succlavia e tronchi nervosi. La prevenzione di imparai si basa su un arresto completo del sanguinamento e garantisce un adeguato drenaggio attivo ("sottovuoto") della ferita, che contribuisce alla rapida fissazione degli innesti cutanei separati sulla parete toracica. Se si forma una cavità in cui il fluido si accumula costantemente, allora viene effettuata l'aspirazione della puntura o il drenaggio aperto del fluido. La prevenzione della suppurazione della ferita si basa sulla stretta osservanza dell'asepsi, dell'antisepsi, del drenaggio adeguato e della prevenzione di imparai. Se vi sono segni di suppurazione della ferita, il trattamento viene eseguito in conformità con i requisiti della chirurgia purulenta. La necrosi dei lembi cutanei, una complicanza piuttosto rara, è associata alla trombosi dei piccoli vasi sanguigni e all'assottigliamento eccessivo del lembo. Nella maggior parte dei pazienti, la necrosi della pelle può essere evitata, a condizione che l'incisione cutanea sia selezionata in modo ottimale e un attento trattamento degli innesti cutanei durante l'intervento chirurgico utilizzando il drenaggio della ferita "sottovuoto". Quando si verifica la necrosi degli innesti cutanei, il trattamento ha lo scopo di limitare la sua ulteriore diffusione, prevenendo la suppurazione e trasferendo la necrosi "umida" a "secca". In termini di attuazione del programma di riabilitazione, la prevenzione e il trattamento delle complicanze postoperatorie tardive sono molto importanti, poiché in alcuni casi portano a disabilità e disabilità.

Al fine di prevenire complicazioni tardive, tutti i pazienti dopo la mastectomia sono raccomandati: sessioni di terapia fisica per almeno 6-7 mesi dopo l'intervento chirurgico (fino a quando l'arto superiore non è completamente ripristinato); bagni o docce giornalieri caldi (38-40 ° C) per 2 settimane; limitare il carico sull'arto "malato" a 3 kg durante l'anno; sollevamento del braccio periodico.

L'edema dell'arto superiore è la complicanza più comune della mastectomia. La frequenza generale piuttosto elevata di edema è dovuta al fatto che durante l'operazione le principali vie di deflusso della linfa dall'arto si intersecano, quindi, in un primo momento, la presenza di edema lieve è, in una certa misura, un criterio per la completezza della linfoadenectomia. Ci sono edema precoce e tardivo. In un piccolo numero di pazienti si osserva un edema precoce dell'arto superiore dovuto all'intersezione delle principali vie di deflusso linfatico. Quando la funzione del braccio si riprende, si sviluppano le vie collaterali del drenaggio linfatico e l'edema precoce di solito scompare o diminuisce in misura significativa. L'edema tardivo (linfostasi) dell'arto superiore è una delle complicanze più comuni della mastectomia. La patogenesi della linfostasi si basa su disturbi anatomici e funzionali dei sistemi linfatici e venosi della regione ascellare succlavia a causa della rimozione chirurgica dei linfonodi regionali. I cambiamenti incendiari che portano a una violazione dell'elasticità della parete vascolare, la formazione di tessuto fibroso e l'aggravamento della linfa e del sistema circolatorio sono aggiunti ai fenomeni di stagnazione in via di sviluppo. La radioterapia, che porta alla fibrosi e all'ostruzione dei vasi linfatici, le prime complicanze postoperatorie, in particolare la suppurazione delle ferite, così come l'erisipela sull'arto "malato", contribuiscono anche all'edema. A seconda dell'aumento della circonferenza della spalla sul lato dell'operazione rispetto al soggetto sano, vi sono tre gradi di edema: lieve (aumento di 2 cm), media (2-6 cm) e grave (6 cm o più). Durante il primo anno dopo l'intervento chirurgico, più della metà dei pazienti presenta edema dell'arto superiore (di solito la spalla), per lo più lieve e moderata, che non provoca notevoli disagi funzionali e cosmetici. La prevenzione dell'edema inizia già durante l'operazione e consiste nella corretta selezione dell'incisione cutanea, nella mobilizzazione di innesti cutanei non superiori alla clavicola e fino al margine esterno della crescita dei capelli nella regione ascellare, se possibile, evitare lesioni della vena succlavia e della legatura. cephalica. Condurre la prevenzione e il trattamento tempestivo delle complicanze postoperatorie precoci. Dopo l'operazione, il braccio sul lato dell'operazione riceve una posizione elevata (sul rilievo di elevazione) per migliorare il deflusso di sangue venoso e linfa. Da 1-2 giorni dopo l'operazione, sono raccomandati movimenti attivi e passivi nelle articolazioni del polso, del gomito e della spalla dell'arto, e da 10-14 giorni, gli esercizi di terapia fisica sono raccomandati secondo un programma speciale. La sua combinazione con un leggero massaggio longitudinale è indispensabile, che ha un effetto benefico sulla micro- e macro-circolazione del sangue negli arti. È molto importante prevenire l'erisipela ricorrente, che è una delle cause della progressione dell'edema tardivo dell'arto superiore. Al fine di prevenire l'erisipela e la tromboflebite in tutti i pazienti, è indicato che è necessario evitare iniezioni, venopuntura, tagli minori, graffi, ustioni, ecc. Sull'arto "dolente", specialmente nell'area della mano.

In presenza di microtraumi, viene sottolineata la necessità di trattare l'area del danno con una soluzione antisettica, e con la comparsa di aree di iperemia, bruciore e febbre, c'è anche la tendenza ad andare da un medico per una terapia appropriata.

Quando compare un edema linfatico cronico secondario pronunciato all'estremità superiore, viene eseguita la terapia medica. Include una dieta priva di sale, farmaci che migliorano il sangue periferico, la circolazione linfatica e la microcircolazione (cyclo-3-fort, soluzioni di sulfocampocano, complamine, fraxiparin, diuretici, attualità venroutica, unguento di troxevasine). Tra i metodi fisici di trattamento, vengono mostrati l'elevazione degli arti periodici, l'uso di maniche elastiche compressive o il bendaggio elastico del braccio, esercizi centripeto ("sucking"), massaggio manuale, pneumomassage e fisioterapia. Sono consentiti l'elettrostimolazione dei muscoli del cingolo scapolare, la magnetoterapia e la laserterapia per i pazienti che hanno completato il trattamento radicale delle prime fasi del cancro, sotto forma di 2-3 cicli con un intervallo di 3-6 mesi.

In assenza dell'effetto della terapia conservativa (aumento dell'edema) e della grave linfostasi (linfedema), è indicato il trattamento chirurgico (operazioni di drenaggio linfatico, flebolisi, resezioni parziali e rimozione radicale della cellulosa linfomatosa), seguito da un trattamento conservativo.

Compromissione della funzione dell'arto superiore immediatamente dopo l'operazione è stata osservata in tutti i pazienti a causa della sindrome del dolore pronunciata che si alza durante il movimento. Quest'ultimo è associato alla rimozione di un gran numero di tessuti molli nell'articolazione della spalla, l'intersezione dei nervi e la tensione della pelle. Di solito entro 6 mesi dall'intervento, nella maggior parte dei pazienti sullo sfondo della conduzione di un allenamento fisico terapeutico, la funzione dell'arto superiore è quasi completamente ripristinata.

Se la riabilitazione per un motivo o per un altro non è pienamente attuata, nel 4-5% dei casi si sviluppa la contrattura dell'articolazione della spalla.

La contrattura dell'articolazione della spalla è il risultato di uno sclerotico. Processi cicatriciali che causano il raggrinzimento della borsa articolare, la deposizione di sali di calcio (artrosi) e sono accompagnati da dolore. I processi cicatriziali nelle aree ascellare, sopraclaveare e subclaviana sono promossi dalla scelta errata dell'incisione cutanea, delle complicanze postoperatorie (linfocorrea, suppurazione delle ferite), della radioterapia neoadiuvante e di una grave contrattura che può portare a disabilità del paziente e disabilità (specialmente nelle persone con lavoro fisico). La prevenzione della contrattura dell'articolazione della spalla consiste nel praticare un'incisione cutanea ottimale, che deve essere posizionata all'esterno dell'attaccatura dei capelli sotto l'ascella, non continuare oltre il livello della clavicola e sulla spalla a causa del pericolo di cicatrici grossolane nell'area dell'articolazione. Ciò include anche la già citata prevenzione e trattamento delle complicanze postoperatorie precoci (in particolare la suppurazione della ferita e la grave linforrea), che sono accompagnate da gravi.

Cambiamenti cicatriziali nella parete toracica e nell'articolazione della spalla e non consentono il tempo di iniziare le lezioni in fisioterapia. Il metodo principale per la prevenzione della contrattura è l'esordio precoce e la regolare prestazione giornaliera della fisioterapia misurata, della durata di 6 mesi o più. Il complesso delle misure terapeutiche dovrebbe includere i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e la terapia magnetica a bassa frequenza.

La plexopatia cervico-brachiale si sviluppa nel risultato del danno intraoperatorio ai tronchi nervosi e ai tessuti fibrosi (post-radiazioni, post-operatori) che circondano il plesso nervoso. Questa complicazione si manifesta con menomazioni motorie, tra cui la paralisi dei muscoli anteriori e trapezi del lato affetto, la perdita della sensibilità cutanea e il dolore. Trattamento di complesso di più corsi (vitamine di gruppo B, komplamin, FANS, terapia magnetica, epektrostimulyatsiya). In caso di sindrome da dolore grave, vengono eseguiti i blocchi medicinali del plesso brachiale. La mancanza di effetto del trattamento conservativo è un'indicazione per la neurolisi dei rami del plesso brachiale.

Va anche sottolineato che la maggior parte dei pazienti nel primo anno dopo l'intervento sperimentano disagio nella parete toracica (parestesia, iperestesia, sensazioni fantasma, ecc.), Che sono una conseguenza della formazione di un neurino alle estremità dei piccoli nervi sensoriali incrociati. Queste complicazioni, di regola, sono di natura lieve, non influenzano significativamente le condizioni generali e alla fine scompaiono senza alcuna terapia.

Dopo mastectomia radicale, si forma un difetto estetico del torace: non c'è ferro, le regioni succlavia e ascellare si approfondiscono, si deformano, un rullo dermico si forma spesso nella parete anteriore e posteriore della regione ascellare e si blocca sotto forma di una piega (dopo la rimozione del tessuto regionale insieme ai linfonodi).

Eliminazione dei difetti causati da vari tipi di mammoplastia, endo ed exoprotesi. La maggior parte degli autori consiglia la ricostruzione plastica della ghiandola mammaria non prima di 1 anno dopo la mastectomia, anche se è possibile la chirurgia plastica simultanea.

I pazienti con carcinoma mammario sono caratterizzati da un senso di perdita della femminilità e, come risultato di questa esperienza di inferiorità e inferiorità, un senso di pericolo per la vita e la paura di un possibile isolamento sociale. Ogni paziente deve affrontare il compito di adattarsi a una situazione di vita cambiata e la formazione di un atteggiamento adeguato nei confronti della propria personalità e della propria salute, pertanto la maggior parte dei pazienti necessita di una correzione psicoterapeutica del comportamento e delle esperienze. Quando si pianificano le misure di riabilitazione in pazienti con tumore al seno, è anche necessario prendere in considerazione e attuare la prevenzione e il trattamento delle complicanze del farmaco e della radioterapia, malattie associate. Uglyanitsa K.N., Lud N.G., Uglyanitsa N.K.