Caratteristiche, caratteristiche del trattamento e prognosi nella fase 4 del carcinoma mammario

Stadio 4 del cancro al seno (BC) - terminale. È caratterizzato da sintomi gravi. Una donna non dubita della presenza di patologie tumorali - il dolore è così intenso. La condizione è indebolita ed è accompagnata da una completa disfunzione. Violazione degli organi interni. Nel 90% dei pazienti lo stato psico-emotivo viene soppresso. Ciò è dovuto alla consapevolezza della gravità della malattia, del trattamento debilitante e dei sintomi, nei quali prevale il dolore. Per ridurre al minimo il livello di stress, è importante aiutare e supportare i propri cari.

Cosa succede nella fase 4 del cancro al seno - caratteristiche, fenomeni

Il cancro al seno dello stadio terminale di sviluppo è caratterizzato dalla progressione del processo maligno in entrambe le ghiandole mammarie e dalla disintegrazione del tumore. La dimensione media di una neoplasia è di 5 cm di diametro. Il tumore colpisce l'intero spessore del tessuto ghiandolare, supera il suo limite; diversa massa. Provoca un alto grado di dolore Dirige le metastasi nel fegato, nelle ossa del bacino e nelle costole, nei polmoni, nel cervello. Un danno intenso ai linfonodi - ascellare, succlavia, clavicolare, meno spesso - sottomandibolare.

Qual è lo stadio pericoloso del cancro al seno 4

Sullo sfondo e a causa del processo tumorale, ci sono 2 problemi principali - indebolimento delle proprietà protettive del corpo e metastasi. Il cancro al seno è a rischio per la sua amputazione; alta probabilità di sviluppare varie malattie, che è associata a una diminuzione dell'immunità.

A causa dell'indebolimento dell'immunità, una donna è soggetta a patologie virali contagiose.

Metastasi presenti nel fegato, linfonodi, polmoni e cervello, dolore manifesto. Questo causa insonnia, diminuzione dell'attività motoria.

La mastectomia è equivalente a stress significativo, influisce sull'autostima, causa depressione.

sintomi

Nella fase terminale del processo del tumore al seno, si osservano i seguenti sintomi:

  • La ghiandola mammaria colpita è deformata, la sua dimensione diminuisce o aumenta.
  • Il paziente avverte un forte dolore, che deve essere interrotto regolarmente con analgesici.
  • La pelle della ghiandola mammaria è rugosa, piuttosto intensamente si stacca.
  • Il contorno della areola cambia, l'ombra della stoffa diventa più ricca, il capezzolo si scurisce.
  • La secrezione purulenta è quasi costantemente rilasciata dal seno, che viene sostituita dal sanguinamento.

Poiché la metastasi è presente nella fase terminale del cancro al seno, si presentano ulteriori sintomi (a seconda dell'organo interessato). Osservato ingiallimento della pelle, dolore alle costole e alle ossa del bacino, cefalea. Il processo maligno è caratterizzato da fenomeni vegetativi asteno. Questi includono debolezza, apatia, oscuramento prima degli occhi a causa di una diminuzione della pressione, vertigini. In presenza di metastasi nei polmoni c'è una violazione della respirazione, dolore alla schiena e al petto, problemi con l'adozione di una posizione comoda, indolore del corpo.

Malattie concomitanti

In oncologia, la progressione del cancro al seno è associata allo sviluppo di anemia, cachessia (esaurimento), emicrania, ipovitaminosi, insufficienza epatica. Queste malattie sono pre-stabilite a causa dell'analisi clinica e biochimica del sangue; Ultrasuoni di organi la cui disfunzione implica un medico. La diminuzione della concentrazione di vitamine nel corpo e il livello di emoglobina è compensata dalla normalizzazione della nutrizione. Inoltre, il paziente viene iniettato per via endovenosa con vitamine in forma pura e preparazioni di ferro per via intramuscolare.

Lo stato e l'attività funzionale del fegato sono corretti dagli epatoprotettori, gli attacchi di emicrania sono inibiti dagli antidolorifici.

La cachessia è una condizione grave che viene eliminata migliorando la qualità della nutrizione e mediante iniezione per via endovenosa di soluzioni. Applicare il glucosio e i suoi analoghi. Dal momento che durante la progressione del processo tumorale, il paziente non ha appetito - la nutrizione parenterale è prescritta.

Diagnosi in 4 fasi

Il cancro al seno allo stadio terminale dello sviluppo è ben tollerabile alla diagnosi. Poiché il tumore a questo stadio si espande in grandi dimensioni, il medico lo determina facilmente alla palpazione. Altri tipi di diagnostica:

  1. Mammografia (indicata per donne sopra i 40 anni).
  2. Ecografia del seno (rivela tutti i tipi di cambiamenti nel seno).
  3. Ductography. Il metodo prevede l'uso di un mezzo di contrasto. Riempie i dotti galattofori e la parte ghiandolare del seno. Questo ti permette di visualizzare completamente la loro struttura.
  4. CT, RM - sono metodi di imaging a fascio complesso. Forniscono informazioni sulla dimensione del tumore, i suoi confini, il grado di adesione con i tessuti circostanti. Inoltre, grazie a questi tipi di diagnostica determinano la struttura e le caratteristiche del flusso sanguigno del tumore.
  5. Esame a raggi X delle costole e delle ossa pelviche. Consente di identificare la presenza di metastasi. Condotto immediatamente dopo il perfezionamento dei parametri del tumore.
  6. Fluorografia (se il medico suggerisce la presenza di metastasi nei polmoni).
  7. Ultrasuoni degli organi addominali con enfasi sullo stato del fegato.
  8. CT del cervello (se si sospetta la presenza di cellule atipiche in esso).

Per confermare l'origine maligna del tumore, viene eseguita una biopsia al seno. Il metodo prevede l'assunzione di una piccola particella di tessuto, quindi il campione viene inviato al laboratorio per l'esame al microscopio. Lo studio è definito come un'analisi istologica. Grazie a questo tipo di diagnosi, è determinato con precisione se il tumore è benigno o maligno.

Gli esami di laboratorio (sangue, urina) permettono di stabilire:

  • concentrazione di bilirubina (diretta, indiretta), AST, ALT (sono elencati i campioni di test epatico);
  • livello di emoglobina;
  • indicatori di marcatori tumorali.

Con foci tumorali nel fegato, linfonodi o altri organi, la loro biopsia viene anche mostrata con un'ulteriore analisi istologica.

Come viene trattato il cancro nella fase 4

Il carcinoma mammario allo stadio terminale è difficile da trattare. La ragione è la presenza di metastasi e divisione incontrollata di cellule atipiche. In questa fase del processo tumorale, l'operazione non viene sempre eseguita, poiché la condizione generale del paziente è indebolita. La presenza di focolai di cellule atipiche nei polmoni aggrava il processo di respirazione durante l'anestesia. Questo elimina la possibilità di un adeguato dolore durante l'intervento chirurgico.

L'operazione a 4 stadi di sviluppo di un processo maligno non implica un metodo settoriale o segmentale. Questi tipi di chirurgia sono ridotti alla rimozione del tumore e solo una piccola parte del tessuto circostante. Il regime di trattamento ottimale per la fase terminale del cancro al seno è una mastectomia (amputazione del seno), seguita dall'asportazione dei linfonodi. La ragione per questa scelta di operazione - a 4 stadi del cancro al seno, la neoplasia è abbastanza grande.

Se l'operazione non è controindicata, il suo successo è rafforzato da un ciclo di chemioterapia. Nel complesso, questo approccio estende la redditività.

Inoltre, la chemioterapia per la fase 4 del cancro al seno viene eseguita come un tipo di trattamento separato. Prescrivono una combinazione di farmaci potenti come Vinblastina, Doxorubicina, Taxolo. Ciascuno dei farmaci elencati è somministrato per via endovenosa.

I compiti principali di medici e parenti

Il cancro al seno di grado 4 è associato a un processo irreversibile e catastrofico. Il compito principale dei parenti è quello di fornire le condizioni più confortevoli per stare in famiglia. Ciò vale non solo per le prestazioni mediche e il problema della normalizzazione della nutrizione, ma anche per la situazione psicologica.

Per migliorare le condizioni di vita di un parente affetto da cancro al seno in stadio 4, dovresti:

  1. Per fare una dieta tenendo conto delle esigenze di una persona malata di cancro.
  2. È con la comprensione che le capacità motorie e fisiche di una donna sono limitate.
  3. Per sostenere, non entrare in contenziosi - è inopportuno cercare di persuadere una persona con una malattia così grave.
  4. Se possibile, fornisci al paziente la serie di farmaci necessaria.
  5. Rispondere correttamente a cambiamenti di umore spontanei, se necessario - fornire psicologo di consulenza.
  6. Se possibile, stabilire un post di 24 ore per portare regolarmente bevande, portarlo in bagno o fornire altra assistenza.
  7. Fornire pace psicologica (non creare situazioni di conflitto con una donna malata di cancro).

Non dobbiamo dimenticare che una donna ha bisogno di stare all'aria aperta tutti i giorni. Se la mobilità è limitata, è necessario utilizzare un passeggino speciale per trasportare persone incapaci. Una parte importante della cura sono le procedure igieniche in cui la donna ha bisogno di aiuto.

Uno degli errori dei medici è la comunicazione con il paziente esclusivamente attraverso la terminologia professionale. Ciò provoca confusione e può spaventare. Non dovresti rassicurare, fornire informazioni distorte sullo stato di salute, prognosi. Il compito dei medici è informare il paziente della situazione clinica attuale nel linguaggio più corretto e comprensibile.

Anestesia per la fase del cancro 4

Per la soppressione del dolore, il cui grado nella fase 4 del cancro - analgesici narcotici iniettati molto alti. I farmaci antinfiammatori non steroidei sono usati meno frequentemente. Di questi, prescrivono Ibuprofene, Diclofenac, Voltaren. Questi farmaci hanno un maggiore effetto analgesico con la somministrazione intramuscolare. Degli analgesici narcotici usati Tramadol, Codeina, Promedol. Per non causare l'abitudine al corpo, applicare uno di questi farmaci non dovrebbe essere più di 1 volta in 4 ore.

Quante persone vivono con il cancro in 4 fasi?

Nella fase 4 del cancro al seno con metastasi, i tassi di sopravvivenza sono piuttosto bassi. Ciò è dovuto ai processi irreversibili dello stadio considerato del processo tumorale. Anche un trattamento completo e adeguatamente formulato non può prolungare in modo significativo la sopravvivenza se il tumore è già stato rilevato nella fase di decadimento. Se il cancro viene rilevato allo stadio 4, ma senza trattamento, la durata della vita non supera i sei mesi (a condizione che il sollievo dal dolore sia eseguito regolarmente).

Se il trattamento è fatto, il tasso di sopravvivenza può raggiungere 2-2,5 anni, con mastectomia seguita dalla rimozione dei linfonodi ascellari - fino a 5 anni.

Altrettanto importante è la localizzazione delle metastasi. Indipendentemente dalla natura del trattamento, in oncologia fatto la seguente osservazione:

  1. In presenza di metastasi nel cervello, la durata della vita non supera le 2-3 settimane.
  2. Con lo sviluppo di focolai tumorali nei polmoni, il tasso di sopravvivenza non supera i 3 anni.
  3. Se le metastasi sono presenti nel fegato, l'aspettativa di vita media è di sei mesi.

Il tasso di sopravvivenza è influenzato dall'età del paziente, dallo stato della sua immunità, dalla presenza di malattie concomitanti, dal benessere psico-emotivo.

Come prolungare la vita

La possibilità di estendere la vita nella fase terminale del cancro al seno dipende dalla cura, nutrizione, sollievo dal dolore e igiene degli organi suscettibili di metastasi.

L'introduzione di analgesici ha un effetto positivo sullo stato generale di salute, aiuta a recuperare durante il sonno. Il cibo compensa la mancanza di nutrienti. Prendersi cura di una donna facilita l'adempimento dei suoi bisogni, fornendo supporto psicologico. La bonifica degli organi suscettibili alle metastasi consentirà la diagnosi precoce dei focolai tumorali e la loro eliminazione.

conclusione

Il cancro al seno in stadio 4 è accompagnato da un intenso dolore e un peggioramento del benessere generale. Una donna soffre di insonnia, disagio marcato nelle ossa, disfunzione degli organi interni e cambiamenti nell'attività cerebrale. Un alto livello di sindrome del dolore comporta l'introduzione regolare di analgesici, incluso il tipo narcotico. I parenti richiedono attenzione, cura, assistenza e assistenza nelle visite tempestive al medico.

Parliamo del tempo di remissione?

Buon giorno, compagni!)))

Vi parlo. Sembra che io abbia già imparato e letto molto, ma da quando l'inizio della remissione è considerato, non riesco ancora a capire. Data dell'operazione, fine della chimica?

E, naturalmente, le paure...

Più lontano i miei pensieri negativi, ma non ho nessuno da condividere.

Secondo il mio, purtroppo, numerose osservazioni, la remissione dopo il cancro al seno dura 2-3 anni. Ha chiesto alla sua mammologa, ha detto, sì, giustamente notato. In che modo questo spiega che la chimica smette di agire? O le cellule mutano? Certo, i casi sono diversi, ma il più delle volte sono questi termini. Con la progressione, 3 dei miei giovani amici sono tornati in disgrazia. E tutto è in questo periodo, e lo stadio e il tipo non dipendono, in uno stadio dipendente dall'ormone, nell'altro stadio 3 triplo. I miei compagni di stanza hanno già iniziato a tornare per il trattamento. Bene, sono passati 2 anni... E perché, dopo 2 anni, hanno messo i controlli 1 in sei mesi. E il primo anno ogni 3 mesi, anche se i casi sono rari (scrivo dall'esperienza comunitaria e dalle osservazioni personali, c'erano raggi, 8 sostanze chimiche, 18 contagocce di Herceptin - ho visto un sacco di persone))).

I sondaggi sono così difficili per me, e ora ho un altro controllo sul mio naso. E sembra che non ci arriverò più) C'è anche un termine del genere) Terribile) Naturalmente, non ci sono termini con il cancro al seno, anche in 5 anni, non contano. Lei stessa era in chimica con una donna, 12 anni dopo il cancro al seno ha messo un cerotto alla senape e opa metastasi nella costola.

Hai notato qualcosa di simile nel tuo ambiente? Quanti hanno superato la linea in 5 anni? E la giovane età peggiora la prognosi? Remissioni più lunghe notate nelle nonne.

E, soprattutto, come sopravvivere psicologicamente al prossimo controllo?) Le mie impostazioni personali si sono perse a causa della forte paura (

Come ottenere una remissione duratura nel cancro?

Remissione spontanea in verità oncologica o finzione

La remissione spontanea è un improvviso recupero di pazienti oncologici che non hanno ricevuto trattamenti speciali (radioterapia, chemioterapia, chirurgia), noti in letteratura come "sindrome di Peregrin".

Come si manifesta la remissione spontanea?

In un paziente con una neoplasia precedentemente diagnosticata, tutti i sintomi della malattia scompaiono improvvisamente e un esame clinico conferma che il tumore è diminuito in misura significativa. Molto spesso, tali casi si verificano in neuroblastomi, leucemie, melanomi, linfomi e vari processi oncoprocess nei reni.

Base etiopatogenetica della guarigione spontanea

Casi di remissione spontanea sono stati conosciuti da tempo immemorabile, tuttavia, non sono stati identificati fattori affidabili che contribuiscono all'autoguarigione. Gli scienziati identificano diverse ragioni, la cui azione diretta può portare a un decorso così positivo della malattia:

  1. Ripristino delle forze protettive del sistema immunitario, ripresa dei programmi persi di tipizzazione cellulare di "friend-foe", attivazione dei leucociti T: killer, aiutanti e soppressori.
  2. Cambiare la visione della vita attraverso una percezione positiva del mondo e una posizione di vita attiva, riducendo lo stress emotivo, un atteggiamento filosofico nei confronti della vita e della morte.
  3. Rispetto dei programmi di digiuno medico, per i quali le cellule tumorali non ricevono più una quantità sufficiente di nutrienti necessari per la loro crescita e divisione.
  4. Mutazioni delle cellule tumorali che attivano il riconoscimento del processo patologico da parte del sistema immunitario. Un esempio è la regressione completa del neuroblastoma nei bambini di età inferiore a 1,5-2 anni. A causa della comparsa sulle cellule tumorali di specifici recettori che consentono alle cellule del sistema immunitario di riconoscere e distruggere il tumore.

Frequenza di auto-guarigione spontanea

I casi di auto-guarigione sono davvero unici, perché solo 1 persona su 100.000 malati di cancro si riprende completamente, senza alcun trattamento speciale.

Tuttavia, sperando in una ripresa improvvisa, non si dovrebbe trascurare il trattamento tradizionale, poiché non può esserci alcuna remissione spontanea, e il tempo sarà speso senza pensare.

Come ottenere la remissione spontanea?

È impossibile provocare regredire i processi oncoprocessi senza usare la medicina tradizionale. Dovrebbe essere chiaro che puoi solo indebolire l'effetto dei fattori che lo programmano per una morte rapida.

Modi per migliorare le condizioni generali del paziente:

  • aumentare la resistenza immunitaria del corpo mantenendo una dieta e uno stile di vita sani;
  • eliminazione dei problemi psicologici e dello stress, creando una zona di conforto emotivo e psicologico;
  • ripristino del background ormonale (specialmente nei neoplasmi ormono-dipendenti).

Non esistono metodi provati affidabili in grado di avviare processi di auto-guarigione, tuttavia ricerche condotte in questa direzione suggeriscono che il problema può essere risolto il prima possibile.

La remissione spontanea è un fenomeno temporaneo o permanente?

Non c'è una sola risposta a questa domanda. Secondo le statistiche, lo sviluppo del processo di cancro del corpo non può essere completamente interrotto. Tuttavia, anche una piccola pausa consente di scegliere il trattamento giusto e il controllo sulle condizioni generali. La remissione spontanea di solito dura per diversi mesi, dopo di che la malattia si ripresenta e le condizioni del paziente peggiorano progressivamente.

Ci sono stati casi in cui l'esacerbazione si è verificata nel corso degli anni, il decorso della malattia in questo caso era di natura fulminante. La completa auto-guarigione per un periodo di più di cinque anni si verifica molto raramente, tuttavia, in questo caso si considera che il recupero sia stabile e che la malattia sia in uno stato di regressione.

La fattibilità della medicina tradizionale per la remissione spontanea

La minaccia di recidiva richiede studi di screening continui in pazienti con remissione spontanea. I pazienti sono sotto la costante supervisione degli oncologi, sottoposti a esami programmati ogni tre mesi per i primi due anni, con una diminuzione del numero di visite negli anni successivi. L'identificazione di metastasi indica incondizionatamente lo sviluppo della malattia.

Non vengono utilizzati metodi standard di trattamento dei tumori in remissione spontanea. Tutto il trattamento mira a ripristinare la risposta immunitaria con antiossidanti e immunomodulatori, nonché a migliorare le condizioni generali del corpo aumentando l'attività fisica e una corretta alimentazione.

Se i sintomi della malattia persistono, la chemioterapia viene utilizzata nelle dosi profilattiche.

Cosa può causare recidiva del cancro?

A seconda della localizzazione del processo del cancro, dei suoi dati citomorfologici, dell'età del paziente, la remissione spontanea può essere instabile e la recidiva prevista.

La mancanza di metodi di trattamento standard per l'auto-guarigione improvvisa non dà il diritto di presumere che la malattia sia regredita e assolutamente tutte le cellule tumorali siano morte, poiché nella maggior parte dei casi sono solo in uno stato latente.

La metastasi con la formazione di un processo secondario sulla periferia è considerata un segno assoluto dell'attività del focus primario, le cellule patologiche di cui il sangue o la linfa fluiscono negli organi e nei tessuti seminandoli. Il verificarsi di una tale situazione richiede una consultazione immediata con un medico per la terapia standard.

È importante! La recidiva può essere scatenata da cattive abitudini, disturbi alimentari, la presenza di stress, una diminuzione del livello di attività fisica. È possibile rivelare un aggravamento solo da regolari esami medici approfonditi.

Le capacità della difesa immunitaria del corpo non sono completamente comprese, il che può contribuire al verificarsi della remissione spontanea. Una visione positiva del mondo ti consente di raggiungere l'armonia con te stesso e l'uso di metodi di trattamento standard - il recupero completo.

Domande e risposte

Sopravvivenza a 3 tappe DOMANDA: Buon pomeriggio! Il mio amico ha il cancro al seno in stadio 3. Non è amica di Internet a causa della sua età. Ovunque scrivano che il terzo stadio è incurabile. Ho letto che lavori in un dispensario oncologico dal 2009, il che significa che hai le tue statistiche.

Il cancro è davvero incurabile in questa fase? Se incurabile, allora quanto dura una remissione stabile?

RISPOSTA: Ciao! Le statistiche sono solo statistiche! Molto dipende dal tipo biologico di cancro al seno! Ho molti pazienti con 3 stadi che sono in remissione da molto tempo e stanno bene!

DOMANDA: Ciao! Ho letto ogni sorta di orrori sul triplo cancro non mammario. E 'possibile, con un trattamento adeguato, ottenere una remissione stabile nello stadio 2A con due linfonodi colpiti? O non è per niente che questo cancro è sporco di una testa calva che non puoi afferrare.

Hai un paziente con tale cancro e una remissione di lunga durata? Da SW. Lydia, Mosca.

RISPOSTA: Ciao! Ho molti pazienti con questo tipo di remissione.Questo cancro è davvero pericoloso, ma non siamo fermi e stiamo facendo di tutto per migliorare i risultati del trattamento del cancro triplo negativo!

DOMANDA: Ciao, per favore dimmi, ho t2n0m0. Secondo l'istologia: estrogeni -6, progesterone -8, her2neu 1+, ki67- 16% Put LuminyalV, nominato tamoxifene, puoi commentare questo?

Benvenuto! Hai un tipo di luminale A, ma hai bisogno di età e grado, se sei giovane e di grado 3, allora hai bisogno di chemioterapia. Se no, è abbastanza!

Segni di cancro al seno Vitaly Aleksandrovich, ci sono dei sintomi, segni dei quali indicano che stiamo parlando di cancro al seno. Capisco che è necessario sottoporsi a visita medica ogni anno, per fare un'ecografia, mammografia.

Eppure? Cosa dovrebbe essere avvisato in primo luogo? Grazie

RISPOSTA: Non ci sono segni chiari che possano allarmarti! Di solito, se compare il cancro al seno, allora su questi metodi di esame, che hai elencato, tutto è visibile, anche nelle prime fasi, quindi cerca di essere regolarmente esaminato!

DOMANDA: Vitaly Alexandrovich, secondo il risultato IHC, ho ER di 7 punti, PR di 7 punti, ki 67 = 25%, her2neu +++. Secondo istologia, carcinoma duttale invasivo di tipo non specifico, grado 2.

Due settimane fa, c'è stata una mastectomia per Maden. Che tipo di chemioterapia dovresti nominare? Grazie Valeria.

RISPOSTA: Ciao! 4 UA (doxorubicina e ciclofosfamide) + 4 T (docetaxel) + trastuzumab! Ma a condizione di avere il cancro sopra il livello 1!

Carcinoma duttale invasivo di tipo non specifico DOMANDA: Vitaly Alexandrovich, ho una diagnosi di carcinoma duttale invasivo di tipo non specifico. Cosa significa la parola non specifica? Grazie Valeria.

RISPOSTA: Ciao! Globalmente non significa niente! È solo un cancro al seno duttale! Non c'è un trattamento speciale in questo cancro!

Gravidanza dopo una diagnosi di cancro al seno: Caro Vitaly Alexandrovich, buona sera! Cosa puoi dire sul parto dopo una diagnosi di cancro al seno? Quanto tempo dopo il trattamento posso pianificare una gravidanza? Ho letto che a volte la gravidanza provoca il cancro.

E leggo anche che dare alla luce dopo il cancro al seno, al contrario, aumenta le possibilità di sopravvivenza. Ci sono donne tra i tuoi pazienti che hanno dato alla luce una diagnosi di cancro al seno? E hai statistiche o informazioni su questo problema. Grazie mille.

RISPOSTA: Ciao! Ora ci sono risultati di grandi studi sulla gravidanza dopo il cancro al seno! Se in generale, è dimostrato che il parto non peggiora i risultati della sopravvivenza e puoi partorire! È meglio avere idealmente 5 anni dopo la chemioterapia, se fosse dopo aver preso il tamoxifene! Se si rimane incinta, il tamoxifene deve essere annullato e continuare dopo la consegna con l'abolizione della lattazione! Il tasso di sopravvivenza dipende, soprattutto, dallo stadio della malattia più di tutti e non dalla provocazione del parto!

DOMANDA: Ciao, per favore aiutami a decifrare il risultato della biopsia - Colonne di tessuto ghiandolare mammario con focolai di carcinoma duttale in situ (colorazione basale p63, ER 8b, PR8b).

Su MG, una formazione eterogenea con bordi frastagliati di 1,6x1,3 cm è stata trovata a destra sul bordo dei quadranti interni vicino all'areola. Possiamo parlare di previsioni favorevoli o no?

RISPOSTA: Ciao! Secondo l'istologia, lei ha il cancro al seno in situ. In questo caso, è lo stadio O.

Ma. Devi avere un intervento chirurgico, perché questo tumore può essere invasivo, perché l'ago da biopsia potrebbe entrare nell'area con cancro non invasivo! Pertanto, si suppone di avere una resezione settoriale quando si conferma il cancro invasivo con una successiva mastectomia, perché il tumore si trova vicino all'areola! Il tuo tumore dipende dall'ormone! È meglio parlare di previsioni dopo l'intervento.

DOMANDA: Dottore, hai statistiche su quante donne a San Pietroburgo hanno il cancro al seno per un anno? E c'è una differenza nelle statistiche di questa malattia rispetto alle regioni meridionali della Russia. Leggo che la vitamina D3 aumenta la sopravvivenza del cancro al seno.

Forse le donne che vivono nel sud della Russia hanno meno tumore al seno?

RISPOSTA: Ciao! La vitamina D non ha niente a che fare con questo! Sì, nelle zone settentrionali, le donne sono ammalate più spesso del cancro al seno.

Dettagli sulle statistiche sono scritti nel mio abstract, è qui sul sito, leggi, tutto è ben descritto lì! Rispondo alla tua domanda: le donne che vivono nel sud sono ammalate meno spesso (ma non sono d'accordo con questo, ma sono descritte in letteratura meno spesso), perché sono per lo più donne musulmane o spesso partoriscono donne con altri principi di vita - promiscuità (vita sessuale promiscua) assenti, non usano farmaci anticoncezionali e molto altro, e tutti questi fattori provocano il cancro al seno! Ci sono anche i risultati di un ampio studio, secondo il quale le donne che hanno più cicli mestruali hanno meno probabilità di soffrire di cancro al seno e le donne che vivono nel sud ne hanno più di quelle che vivono nel nord! Anche le caratteristiche ormonali lo fanno!

DOMANDA: Vitaly Alexandrovich, hanno scoperto il cancro al seno nella madre. Risultati istologici: Er 95%, Pr 25%, Ki-76 15%, HER-2 stato 1+ Cos'è il cancro, quali sono le previsioni? Cosa può essere offerto un trattamento dopo l'intervento?

RISPOSTA: Ciao! Questo è un tipo luminale A, se c'è uno stadio basso, allora è sufficiente solo il Tamoxifene 20 mg.

Tamoxifene e prevenzione del cancro al seno DOMANDA: Vitaly Alexandrovich, ho più volte incontrato l'informazione che il tamoxifene può essere usato da donne sane per prevenire il cancro al seno.

E anche avere alcuni studi clinici. Cosa ne pensi di questo? Grazie

RISPOSTA: Ciao, conosco i risultati di molti importanti studi clinici e non ci sono dati che possano essere presi per la prevenzione! Non sono d'accordo, non prendere!

DOMANDA: Vitaly Alexandrovich, è possibile salvare il seno, cioè effettuare un'operazione di risparmio di organi, se il tumore si trova vicino al capezzolo? Grazie

RISPOSTA: Ciao! È impossibile! Quando il tumore è vicino al capezzolo è una controindicazione per la conservazione del seno!

DOMANDA: Vitaly Alexandrovich, sul risultato di istologia, carcinoma duttale invasivo di tipo non specifico. Secondo i risultati dell'ecografia, la dimensione del tumore è di 1 cm x 1 cm Il tumore della mammella sinistra si trova nel quadrante interno superiore. La mammologa del chirurgo dice che nel mio caso solo la mastectomia è possibile a causa delle piccole dimensioni del seno.

Mi disse che se avessi avuto una quinta dimensione, avrebbe accettato un'operazione di risparmio di organi. La chirurgia conservativa del seno dipende dalle dimensioni del seno? Grazie

RISPOSTA: Ciao! È necessario considerare individualmente tutti i casi! E soprattutto è importante il desiderio di una donna! Naturalmente, una mastectomia può essere facilitata e quindi ricostruita rispetto a un'operazione di conservazione degli organi e con un risultato estetico scadente!

Esame citologico DOMANDA: Vitaly Vladimirovich, c'è qualche punto nella ricerca citologica in caso di sospetto cancro al seno? O solo una biopsia?

RISPOSTA: Ciao! Certo, c'è un senso, è importante conoscere la diagnosi in anticipo, ma in alcuni casi una biopsia è una procedura obbligatoria!

Cancro al seno e virus di Windows. Vitaly Alexandrovich, mi sembra che il nostro governo tace su un'enorme minaccia. Sto parlando della natura virale del cancro. Non vogliamo spaventarci.

Cosa sai di questo? RISPOSTA: Ciao! Sono generalmente un po 'scioccato dalla tua domanda! È chiaro che il cancro non può essere infetto così come l'influenza o ARVI. Se noi medici intendessimo perché il cancro si verifica! Sì, esiste una teoria sull'origine virale del cancro.

Forse i virus sono colpevoli di questo! Possono causare uno squilibrio nel DNA e tutte le conseguenze che ne derivano.

DOMANDA: Vitaly Alexandrovich, tradotto dal latino in situ, è a posto. E come si intende l'abbreviazione DCIS? Grazie

RISPOSTA: Ciao! Questo si traduce in carcinoma del dotto in situ!

RISPOSTA: Vitaly Alexandrovich, la mastectomia si confronta con la chirurgia conservativa del seno per la sopravvivenza del cancro al seno? Cioè, aumenta la sopravvivenza e riduce il rischio di ricorrenza e progressione?

DOMANDA: Ciao! È stato dimostrato che la mastectomia riduce il rischio di recidiva, ma non c'è una sopravvivenza globale, la sopravvivenza globale con un'operazione di conservazione degli organi è la stessa! La sopravvivenza dipende dallo stadio della malattia e dal fenotipo biologico del tumore!

C'è una possibilità di remissione? PLAY: Ciao, dimmi per favore.

Diagnosticato con carcinoma mammario, carcinoma invasivo G3 di tipo non specifico, espressione estrogeno-negativa nelle cellule tumorali, espressione progestinico-negativa nelle cellule tumorali, espressione mobiliare her2 / neu al livello 1 (+) nel 50% delle cellule tumorali, Ki67 è positivo in nuclei 30% delle cellule tumorali. pT1cN0 M0 Codice ICD-0 8500/3.

Quali sono le previsioni? Grazie!

RISPOSTA: Marina, ciao! Una possibilità per cosa? Per la vita? Certamente ce n'è uno buono! Hai una fase iniziale! Dimentica e goditi la vita!

Trattamenti per il cancro al seno? E che tipo di sopravvivenza? DOMANDA: Ciao, per favore dimmelo.

Diagnosticato con carcinoma mammario, carcinoma invasivo G3 di tipo non specifico, espressione estrogeno-negativa nelle cellule tumorali, espressione progestinico-negativa nelle cellule tumorali, espressione mobiliare her2 / neu al livello 1 (+) nel 50% delle cellule tumorali, Ki67 è positivo in nuclei 30% delle cellule tumorali. pT1cN0 M0 Codice ICD-0 8500/3.

Quali previsioni e quale trattamento consiglieresti? Grazie!

RISPOSTA: Ciao! Hai quasi triplo cancro negativo! Forma aggressiva, KI 67 alta! La chemioterapia è necessaria, meglio dai taxani! La prognosi - noi stessi, i medici, non sappiamo come si comporta il cancro con un tale sottotipo!

Tamoxifen nel luminale Nella sua domanda sul cancro positivo: Vitaly Alexandrovich, mi imbatto costantemente in informazioni che nel luminale nel suo tumore positivo, il tamoxifene è inefficace. Lo prendo un anno e mezzo, ho 48 anni. Menopausa. Ma il mio chemioterapista insiste sul tamoxifene.

Ci sono dati affidabili (studi) che il tamoxifene sia davvero inefficace con il luminale nel suo tumore positivo? Grazie mille!

RISPOSTA: Ciao! Il tamoxifene è efficace nel suo cancro positivo e il medico ha ragione! Ottenete il tamoxifene dopo la chemioterapia e la terapia mirata!

Trattamento, prognosi del cancro al seno Fase 3: DOMANDA: Ciao, Vitaly Alexandrovich! La mia diagnosi: T3H0M0, carcinoma invasivo 2 cucchiai. malignità per tipo di carcinoma gengivale, nei linfonodi reagiscono. iperplasia, Her2neu ++ (dubbioso), Pesce no, ER 8, PR 0, ki 67 30%. Ho 43 anni.

Quale sarà il trattamento? Qual è la previsione? Grazie

RISPOSTA: Ciao! È necessario rendere FiSH. Trattamento fondamentalmente diverso se questa analisi non viene eseguita! In generale, dovresti assolutamente fare una chemioterapia adiuvante e una decisione sulla terapia mirata dopo aver determinato il test Fish, quindi il tamoxifene!

Rimozione delle ovaie nel cancro al seno: Vitaly Alexandrovich, esiste un'indicazione assoluta per la rimozione delle ovaie nel cancro al seno?

RISPOSTA: Ciao! Non ci sono nemmeno indicazioni assolute! Ci sono semplicemente indicazioni chiare e specifiche per l'ovariectomia a seconda della patologia, dell'età e della ponderazione delle alternative per questo intervento - rimozione delle ovaie!

Iperplasia dei linfonodi di origine reattiva DOMANDA: Ciao, Vitaly Alexandrovich! Per favore rispondi alle mie domande. Ho 43 anni. La mia diagnosi: T3H0M0, carcinoma invasivo 2 cucchiai.

malignità per tipo di carcinoma gengivale, iperplasia reattiva nei linfonodi, Her2neu ++ (dubbioso), ER 8, PR 0, ki67 30%, non ha effettuato una prova di pesce (nel dispensario oncologico regionale di Krasnoyarsk non fare immunoterapia, ha detto il manager su VK. corsi di chemioterapia. Anche l'ormonoterapia non sarà dovuta al PR 0).

È giusto? Domanda: nei linfonodi l'iperplasia è di origine reattiva e non maligna. In che modo questo influenza la prognosi e il trattamento? Ci sono dei vantaggi? O è tutto cattivo? Grazie per la tua partecipazione!

RISPOSTA: Ciao! Ti ho scritto a proposito del Fish-test, spero che tu capisca! Senza questo test, è impossibile decidere se la terapia mirata sia necessaria o non necessaria.

Questa non è immunoterapia, è una chemioterapia mirata con trastuzumab, un farmaco speciale che viene somministrato per il cancro al seno Her2neu 3+! Se questo test non viene fatto a Krasnoyarsk, e sono sicuro che la tua città è grande e stanno facendo lì, quindi prendere i blocchi con il tumore e portarlo in un altro posto dove lo fanno, è nel tuo interesse.

Questa analisi non è inclusa nel trattamento OMS! E la terapia mirata al Trastuzumab viene ora eseguita ovunque nelle nostre regioni, se è indicata al paziente e la decisione viene presa sulla commissione! I tuoi linfonodi non sono interessati ed è molto buono e buono per la previsione! Terapia ormonale, come ti ho detto prima, lo farai.

DOMANDA: Vitaly Alexandrovich! Il mio chemioterapista è categoricamente contro le vitamine del gruppo B dopo una diagnosi di cancro al seno. Sei d'accordo con lui? Ci sono studi che dimostrano il pericolo di usare vitamine del gruppo B per il cancro al seno? Grazie

RISPOSTA: Ciao! Ci sono studi che dicono che le vitamine non danneggiano e non causano la progressione nel cancro al seno.

Se il tuo chemioterapista è contrario, allora ha le sue ragioni per questo! Ma perché prenderli per niente? C'è molta vitamina B nel pane! E secondo la tua testimonianza la vitamina B può essere!

Cancro al seno di basso grado PROSPETTO: Vitaly Alexandrovich, qual è il cancro al seno di basso grado? So che c'è ancora molto differenziato.

A quale cancro è meglio la prognosi? O la prognosi è più dipendente dal sottotipo molare del cancro al seno?

RISPOSTA: Ciao! La previsione dipende da molti fattori! In questo caso, mal differenziato è il cancro altamente aggressivo, in cui la prognosi è peggiore rispetto al cancro al seno altamente differenziato.

1-25 26-50 51-75 76-100 101-125... 376-400 401-402

Trattamento dello stadio 3 del cancro al seno

Il terzo stadio del carcinoma mammario è caratterizzato dalla germinazione del tumore nella pelle del seno o nel torace con danni non solo ai linfonodi ascellari, ma, di regola, alla succlavia e ai linfonodi clavicolare.

Un tale volume di lesione è considerato piuttosto ampio, pertanto la prognosi per il cancro al seno del terzo stadio, in particolare la prognosi allo stadio 3B, quando il tumore inizia a crescere nel torace è molto sfavorevole.

Puoi leggere di più sulla fase 3A e 3B del cancro al seno qui.

L'estensione della lesione nella terza fase del cancro al seno determina anche il trattamento richiesto, che può differire significativamente nel suo volume dal trattamento nel secondo stadio. Prima di tutto, riguarda il volume dell'intervento chirurgico. Al terzo stadio, la ghiandola interessata viene completamente rimossa.

Nella maggior parte dei casi, non è solo la ghiandola stessa che viene rimossa, ma anche il tessuto muscolare sotto di esso, così come i linfonodi affetti e più vicini.

Nella maggior parte dei casi, l'operazione è preceduta dalla chemioterapia, mirata a sopprimere in qualche modo l'attività del tumore e, in alcuni casi, ridurne le dimensioni in modo che l'intervento chirurgico possa essere eseguito nel modo più efficiente possibile senza lasciare i tessuti interessati nel corpo.

Nella stragrande maggioranza dei casi, il trattamento del terzo stadio del tumore al seno richiede che il paziente sia irradiato nelle aree della possibile maggiore diffusione del tumore.

Prima di tutto, sono i linfonodi che vengono irradiati, poiché la maggior parte delle metastasi del cancro al seno si diffonde attraverso la via linfatica.

Dopo l'intervento chirurgico, vengono prescritti diversi cicli di chemioterapia (polichemioterapia). Esistono diversi schemi di PCT. Il medico li seleziona in base all'efficacia degli effetti dei farmaci e delle condizioni generali del paziente.

Naturalmente, l'IHC della neoplasia è fatto (qual è lo studio immunoistochimico, vedi il link). Nel caso in cui sia stato rilevato un ormone, la sensibilità del tumore può anche essere prescritta terapia ormonale, e il coefficiente Ki mostrerà se la terapia ormonale è efficace e quanto è aggressivo il tumore. Il coefficiente Ki è determinato durante IHH.

Dolore osseo - un segno di metastasi

Dato che il cancro al seno tende a metastatizzare principalmente alle ossa dello scheletro, il paziente deve prestare molta attenzione al dolore osseo e non scriverlo su condrosi, soffiare, dolere nella parte bassa della schiena e così via.

L'apparizione di dolori ossei anche di piccole dimensioni è la base per la scintigrafia immediata delle ossa dello scheletro, o se è impossibile condurre una TC o una radiografia dell'area problematica per rilevare le lesioni ossee metastatiche.

Quando viene rilevato uno, lo stadio del cancro cambia al quarto e i bisfosfonati, i preparati di Denosumab e in alcuni casi i radiofarmaci (radiofarmaci, come il cloruro di stronzio) vengono aggiunti ai farmaci per il trattamento.

Con forti dolori ossei a scopo palliativo, il sito del dolore può essere irradiato.

Nella maggior parte dei casi, i pazienti nel terzo e nel quarto stadio del cancro sono inclini alla perdita di peso.

La cachessia in essi è dovuta all'intossicazione da cancro e all'assunzione costante di vari farmaci che scoraggiano l'appetito, i cambiamenti di natura psicologica.

Su come superare la cachessia del cancro, puoi leggere l'articolo sul link.

Per i pazienti negli stadi successivi del cancro al seno, che includono il terzo e il quarto, non solo le conseguenze della malattia di base, ma anche la perdita di peso e il raffreddore sono fatali.

In molti casi, l'inizio di un raffreddore, che in una persona sana non sarebbe evidente, può peggiorare notevolmente le condizioni di un tale paziente, fino a un risultato fatale.

Non meno nocivo e surriscaldamento alla luce solare, che è anche molto veloce nella terza fase del cancro al seno può provocare una ricaduta della malattia.

Al fine di monitorare la tua condizione e non perdere la ripresa della crescita del tumore, si raccomanda di non trascurare i controlli regolari con medici con test appropriati e sottoporsi periodicamente a risonanza magnetica con contrasto.

Come ho detto, la prognosi per il terzo stadio del cancro al seno, specialmente quando la 3B è piuttosto sfavorevole.

In media, più di 5 anni vivono circa il 20-25% dei pazienti.

Pertanto, se i medici mettono sul tumore al seno in stadio 3, è necessario un trattamento urgente!

Nel caso in cui il paziente sia in remissione, le sue possibilità di diventare una di quelle persone che possono sopravvivere al periodo di cinque anni sono significativamente aumentate. Se una remissione stabile non può essere raggiunta, la prognosi è, sfortunatamente, scarsa. Questo è particolarmente vero per la fase 3B.

Se il cancro al seno in stadio 3 ha domande su come trattare questa malattia, visita il nostro forum gratuito di consulenza sul cancro.

Quanti vivono con il cancro del sangue? Le previsioni di vita dei medici per la leucemia

Di norma, l'aspettativa di vita di una persona con varie patologie oncologiche può differire in modo significativo. In molti modi, questo parametro dipende dallo stadio della neoplasia maligna, dalla struttura del tumore e dallo stato di salute iniziale.

La varietà di forme e manifestazioni cliniche è caratterizzata da leucemia - la sconfitta delle cellule del sangue dal processo oncologico. Pertanto, una risposta inequivocabile su quanto vivono con il cancro del sangue non è disponibile al momento.

La previsione tiene conto solo delle informazioni medie.

Fattori che influenzano la durata

Le persone che incontrano per la prima volta la leucemia cercano di conoscere la patologia il più possibile, in particolare che possono avere un impatto negativo sull'aspettativa di vita di un malato di cancro.

Grande importanza è attribuita allo stadio di sviluppo della malattia. Nella variante acuta del decorso della malattia, gli elementi immaturi, chiamati anche esplosioni, predominano nel flusso sanguigno del paziente.

Il processo patologico procede quasi alla velocità della luce, il risultato deludente arriva estremamente rapidamente. Lo stadio cronico si distingue per la presenza nel flusso sanguigno non solo di un gran numero di esplosioni, ma anche di elementi maturi.

Pertanto, il decorso della malattia è lento. Pericoli per la vita dei pazienti di meno.

Non meno importante è il fattore come la categoria di età del paziente. La pratica a lungo termine degli oncologi dimostra in modo convincente che i più giovani sono un paziente affetto da leucemia, maggiori sono le possibilità di ottenere una remissione stabile della malattia. Pertanto, i bambini con una forma cronica di leucemia possono vivere fino alla loro età matura, se le misure terapeutiche adeguate sono state prese per intero e ai primi segni di malattia.

Lo stadio di oncoprocess gioca un ruolo enorme. Lo stesso cancro del sangue non ha particolare attenzione. Le cellule atipiche sono distribuite in tutto il corpo del paziente. Sono gli stadi della patologia che aiutano a rispondere alla domanda, per il tumore del sangue, per quanto tempo vivono:

  • un basso grado di rischio è caratteristico per lo stadio "A" - il tasso di sopravvivenza raggiunge 10-15 anni;
  • il grado medio di rischio è tipico per lo stadio "B" - un paziente oncologico può vivere per circa 5-8 anni;
  • alto rischio - stadio "C", quando il tasso di sopravvivenza è piuttosto basso, solo circa 1-3 anni.

La prognosi di sopravvivenza con leucemia da fasi di malattia

Nella fase 1 del tumore del sangue si osservano sottili cambiamenti nella composizione del sangue - gli elementi atipici stanno appena iniziando ad apparire, sono rari. Un semplice esame del sangue potrebbe non mostrare nulla.

Il sistema immunitario non ha ancora il tempo di rispondere pienamente e le cellule patologiche si moltiplicano in modo incontrollabile, condividendo attivamente. Il paziente è preoccupato per debolezza generale e affaticamento e le malattie croniche possono spesso essere esacerbate.

Ricorso tempestivo per cure mediche, diagnosi completa e misure terapeutiche adeguate possono far fronte alla neoplasia del sistema sanguigno, per ottenere il recupero del 100%.

Come diagnosticare la leucemia sanguigna?

Allo stadio 2 del processo maligno nel flusso sanguigno, vi è un accumulo e la formazione di un numero ancora maggiore di cellule tumorali.

Il benessere del paziente si deteriora in modo significativo: è preoccupato per la costante sensazione di affaticamento e debolezza, le sue prestazioni diminuiscono. Ci può essere un leggero aumento delle dimensioni del fegato, così come la milza, dal momento che questi organi sono i primi a rispondere ai cambiamenti nel sangue.

Tuttavia, in questo caso, l'adozione di misure adeguate e l'esecuzione di un trattamento antitumorale completo danno una probabilità di sopravvivenza del 75-80%.

Nella fase 3, le cellule atipiche saranno già presenti in ogni parte del corpo del corpo - dopo tutto, il flusso sanguigno rifornisce ogni organo di nutrienti e ossigeno. E con loro attraverso i tessuti sono mutati elementi di sangue.

Depositi in un particolare corpo, hanno un impatto negativo sulle sue attività. In questa fase, la chemioterapia viene utilizzata attivamente, ma la sua efficacia non è così elevata come nella fase 1-2 della malattia. La sopravvivenza raggiunge solo il 30-40% circa.

L'enfasi principale degli specialisti è volta a rallentare la diffusione degli elementi del cancro, migliorando la qualità della vita dei pazienti oncologici.

Quest'ultimo grado di tumore del sangue, come con altre neoplasie tumorali, offre possibilità estremamente basse di recupero. I fuochi secondari possono essere diagnosticati in quasi tutti gli organi. La salute dell'oncobonia si distingue per l'estrema severità dei sintomi caratteristici dei processi cancerogeni:

  • debolezza estenuante;
  • aumento della fatica;
  • intensi impulsi dolorosi;
  • mancanza di appetito;
  • riduzione del peso, fino alla cachessia;
  • l'impossibilità di un completo self-service.

La sopravvivenza a cinque anni è estremamente bassa. Il risultato letale può essere posticipato al massimo di diversi mesi.

Aspettativa di vita per la leucemia acuta

La peculiarità del tumore del sangue non è solo l'assenza di un focus sul tumore stesso, ma anche il fatto che le forme croniche e acute non si fondono mai l'una con l'altra. Queste sono malattie completamente diverse.

Quando si diagnostica la forma acuta di leucemia, la prognosi di sopravvivenza a cinque anni è molto peggiore. Il decorso della malattia è veloce, quasi fulmineo. Avendo ricevuto i risultati dello studio, lo specialista, di regola, parla già di 3-4 stadi del processo oncologico. L'efficacia delle misure terapeutiche è estremamente bassa. Tra i casi di leucemia acuta, prevale la leucemia linfoblastica.

In assenza di un adeguato trattamento antitumorale - corsi citostatici, la morte si verifica entro il primo anno dopo la diagnosi.

Tuttavia, nel caso di rilevamento tempestivo di cambiamenti nella formula del sangue, dovuti proprio allo sviluppo della leucemia linfoblastica e al trattamento complesso, le probabilità di guarigione sono nel 65-80%.

Nella leucemia mieloblastica acuta, la percentuale è leggermente inferiore - 40-55%.

Aspettativa di vita per la leucemia cronica

Una prognosi più confortante per il cancro del sangue cronico. Grazie ai risultati ottenuti dall'industria farmaceutica, molti pazienti con leucemia e leucemia linfocitica vivono più di 15-20 anni.

Il periodo di latenza dell'oncoprocesso può essere di un anno o più. A volte, le deviazioni nel sangue sono un risultato spiacevole di una visita medica preventiva. Le manifestazioni cliniche in questo momento sono assenti, le persone non avvertono alcun cambiamento nel loro stato di salute.

Per quanto tempo la vita di un paziente oncologico con un tumore del sangue sarà determinata da un fattore come la fiducia nel medico, nei metodi di trattamento scelti, in conformità con le raccomandazioni. Quindi, se un paziente affetto da leucemia cronica prende con cura i farmaci, conduce uno stile di vita sano, ha molto riposo, quindi le probabilità di raggiungere l'età pensionabile sono molto più alte.

Nell'infanzia, quando il sistema immunitario è al culmine delle sue capacità, può essere raggiunta la guarigione.

In ¾ casi di forma cronica di cancro del sangue, i bambini superano la malattia grazie alla moderna terapia farmacologica antitumorale. O c'è una remissione a lungo termine.

Tuttavia, non si dovrebbe mai arrendersi e smettere di combattere - anche con una prognosi sfavorevole c'è sempre una possibilità di recupero, la cosa principale è credere.

Trattamento del cancro al seno

Questo articolo presenta le principali caratteristiche e metodi di trattamento del cancro al seno, uno dei tumori più comuni nelle donne dopo 40-50 anni. La malattia progredisce rapidamente, a seguito della quale il trattamento del tumore al seno è notevolmente complicato e la prognosi peggiora.

Considerando che le fasi iniziali del tumore al seno sono più spesso asintomatiche, si raccomanda alle donne dopo i 35 anni di sottoporsi a regolari esami preventivi - mammografia e consultazioni con lo specialista della mammella. Con il rilevamento tempestivo dei problemi, il trattamento complesso del cancro al seno nel 95% dei casi è altamente efficace.

La malattia viene trattata al meglio negli stadi 1 e 2, il trattamento più difficile per il tumore al seno è lo stadio 4.

Vedi ulteriori informazioni su sintomi e diagnosi.

I principali trattamenti per il cancro al seno

La tattica e il trattamento del cancro al seno dipende dalle caratteristiche individuali del tumore e del paziente. Di norma, viene utilizzato un approccio integrato, in cui vengono applicati vari metodi e metodi, tra cui:

  • un intervento chirurgico;
  • radioterapia a distanza e a contatto;
  • radiochirurgia stereotassica (sistema CyberKnife);
  • la chemioterapia;
  • terapia ormonale.

La scelta dei metodi ottimali di trattamento della ghiandola mammaria e della loro combinazione è determinata dal medico curante dopo aver consultato il radioterapista e il chirurgo, se necessario con altri specialisti specializzati.

Stadio 0

In questa fase, il trattamento non è sempre richiesto. Ad esempio, se le cellule tumorali si trovano nei lobuli della ghiandola mammaria (carcinoma lcis), in alcuni casi, il medico può decidere di effettuare un'osservazione sistematica.

Sottoposto a una sessione di radioterapia del seno

Se viene diagnosticato un carcinoma duttale del seno, è necessario un intervento chirurgico.

Molto spesso, viene eseguita un'operazione di conservazione degli organi per rimuovere una neoplasia con una porzione del tessuto mammario circostante (lumpectomia), un'alternativa alla quale può essere la radiochirurgia (sistemi Cyber-knife e TrueBeam).

La questione dell'uso di altri metodi: la chemioterapia, la terapia mirata (mirata), la terapia ormonale e la radioterapia per il cancro al seno sono decise su base individuale.

Trattamento allo stadio 1

Il trattamento del carcinoma mammario nello stadio 1 è necessariamente indicato, indipendentemente dalla sede del tumore. La malattia in questa fase ha grandi possibilità di una cura completa. La prognosi è positiva, il tasso di remissione è del 96,5% dei casi nel quinquennio.

  • Nel primo stadio, è anche generalmente possibile preservare l'organo durante l'intervento chirurgico con rimozione parziale dei tessuti adiacenti al neoplasma. Per eliminare il disagio psicologico dopo una tale operazione, la chirurgia plastica può essere eseguita in seguito - ricostruzione del seno.
  • Dopo la rimozione del tumore con la conservazione della ghiandola mammaria, un ulteriore trattamento del cancro al seno allo stadio 1 con radioterapia o radiochirurgia mediante Cyber-coltello aumenta significativamente le possibilità di una completa remissione della malattia.
  • Per consolidare l'effetto, la rimozione radicale del tumore può essere completata con chemioterapia, terapia ormonale, terapia mirata e RT.

Trattamento dello stadio del cancro al seno 2

La prognosi è favorevole, nella maggior parte dei casi è possibile ottenere una remissione stabile. Nel secondo stadio, la prevalenza del tumore nei linfonodi è importante.

  • Di norma, il metodo chirurgico esegue un intervento chirurgico per la completa rimozione del seno (mastectomia). In alcuni casi, può essere presa una decisione su un intervento di sparing (lumpectomy), tuttavia, potrebbe essere necessario rimuovere non solo parte della ghiandola mammaria, ma anche i linfonodi colpiti nella regione ascellare.
  • Di norma, l'intervento chirurgico è completato dalla radioterapia, che può essere eseguita prima dell'operazione (per ridurre la neoplasia maligna) e nel periodo postoperatorio (per prevenire la recidiva della malattia).
  • Nel trattamento della fase 2 del cancro al seno, nello schema include anche altri metodi di terapia. È stato dimostrato che alcune donne con tumori ormono-dipendenti hanno le loro ovaie rimosse o assumere farmaci che sopprimono la loro attività.

Fase di trattamento del cancro al seno 3

A seconda del tipo di tumore e del regime di trattamento prescelto, la prognosi per il recupero nel trattamento del carcinoma mammario in stadio 3 è relativamente ottimistica.

Di norma, viene utilizzato un approccio integrato, con la chemioterapia al primo posto. Anche la chirurgia radicale per rimuovere il seno e i linfonodi può essere efficace.

La radioterapia è inclusa nella maggior parte dei regimi standard, altri metodi sono selezionati in base alle indicazioni.

Stadio 4: cancro al seno

Per oggi, sfortunatamente, il recupero completo in questa fase è improbabile.

Tuttavia, la selezione competente dei metodi di terapia, tenendo conto delle caratteristiche del tumore primario e delle metastasi ad altri organi, rende possibile alleviare significativamente la condizione della donna, migliorare la qualità e aumentare la durata della sua vita. Con gli approcci moderni al trattamento, la sopravvivenza a 5 anni è raggiunta nel 22% dei pazienti con cancro a 4 stadi.

effetti

Le conseguenze dopo il trattamento del cancro dipendono dalla sua specificità e dal suo volume. Dopo operazioni radicali con rimozione completa del corpo, sorgono problemi estetici, che possono essere eliminati in seguito con l'aiuto della mammoplastica.

L'operazione con la rimozione di parte dell'organo e successiva radioterapia consente di ridurre al minimo la quantità di correzione estetica. La rimozione locale della lesione allo stadio Tis, seguita da un ciclo di radioterapia e terapia farmacologica, elimina la necessità di una successiva ricostruzione del seno.

Possibili complicazioni

Dopo l'intervento, una donna può essere disturbata da:

  • dolore e intorpidimento nella zona della cucitura, nel braccio, ascellare e sottoscapolare;
  • sensazione transitoria di disagio, riduzione del tono muscolare della schiena e del collo.

Dopo un ciclo di radioterapia può verificarsi:

  • sentirsi stanco;
  • mancanza di appetito;
  • reazioni cutanee transitorie alle radiazioni;
  • complicazioni ritardate (in rari casi).

La chemioterapia è talvolta accompagnata da alopecia temporanea (perdita di capelli). I corsi intensivi di chemioterapia possono causare disturbi nel funzionamento di organi e sistemi che richiedono una correzione medica.

Dopo la terapia ormonale può interrompere l'equilibrio ormonale.

recupero

In assenza di complicazioni nel trattamento del cancro al seno dopo l'intervento, il paziente è in ospedale per una media di 21 giorni. All'estero, il tempo di ospedalizzazione è molto meno: in Israele - 2 giorni di ospedalizzazione, in Germania 5-6 giorni.

Se la radiochirurgia viene utilizzata come metodo radicale, la guarigione di solito avviene a casa. Anche quando si utilizzano altri metodi di ospedalizzazione prolungata di solito non è richiesto. L'intero ciclo di recupero richiede da 4 a 6 mesi.

Informazioni sul cancro al seno (PDF)

La vita del cancro

A volte una malattia del cancro diventa cronica, come il diabete mellito o l'ipertensione

A volte una malattia oncologica diventa cronica, come il diabete o l'ipertensione. Il "cancro cronico" comprende il carcinoma ovarico, il cancro metastatico alla mammella e alla prostata e il linfoma.

Cos'è il cancro cronico?

In oncologia, c'è il concetto di stabilizzazione, quando dopo il trattamento la malattia non è completamente scomparsa, ma i metodi di analisi strumentale e di laboratorio dimostrano che non cambia nel tempo.

La maggior parte delle malattie croniche non può essere curata, ma il corso di alcune di esse può essere monitorato per diversi mesi o addirittura anni, con cicli alternati di ricaduta e remissione.

Cos'è la remissione?

In oncologia, ci sono diversi tipi di remissione:

risposta completa o remissione completa - una situazione in cui il paziente non ha manifestazioni della malattia, non può essere misurata in laboratorio o strumentalmente;

risposta parziale o parziale remissione - una diminuzione del volume del tumore del 50%.

Non si può mai sapere esattamente per quanto tempo durerà la remissione e, sfortunatamente, non si può dire che la malattia sia completamente guarita.

Ad esempio, nel cancro ovarico, la ricorrenza della crescita e dello sviluppo della malattia, la sua stabilizzazione e remissione a volte dura per anni, durante i quali il cancro può essere controllato, come qualsiasi altra malattia cronica.

Un trattamento specifico aiuta a controllare il cancro, affrontare i sintomi della malattia e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Perché si verifica una recidiva?

La recidiva è caratterizzata dalla comparsa di segni della malattia nel sito del tumore primario sotto forma di vecchia crescita e comparsa di nuovi focolai della malattia. Lo sviluppo della malattia è un segnale per riprendere il trattamento. Se la progressione si verifica poco dopo la remissione, è necessario cambiare completamente la tattica del trattamento.

Progressione e recidiva si verificano se la terapia non uccide tutte le cellule tumorali.

Ma anche se la maggior parte delle cellule tumorali sono state distrutte, alcune di esse possono essere insensibili al trattamento e sopravvivere nonostante la terapia.

Queste cellule continuano la loro crescita e divisione fino a quando ce ne sono abbastanza e non vengono rilevate come risultato del sondaggio come una nuova attenzione.

Come trattare il "cancro cronico"?

La scelta del trattamento si basa sul tipo di cancro, sulla posizione, dipende dall'estensione della malattia e dalla sua diffusione, nonché dalle condizioni generali del paziente e dai suoi desideri.

Quando parliamo di progressione, intendiamo, di norma, una malattia metastatica comune, il cui trattamento principale è la chemioterapia. A seconda della situazione clinica, ci sono due modi per eseguire la chemioterapia:

supporto - il trattamento viene effettuato con una certa frequenza (corsi), che aiuta a frenare l'ulteriore sviluppo della malattia, prolungando così la vita del paziente;

il trattamento viene effettuato solo quando la malattia diventa attiva, come evidenziato dai cambiamenti nei test di laboratorio e strumentali.

Nel processo di alternare cicli di remissione e progressione, le cellule tumorali possono acquisire resistenza (resistenza) a chemioterapia precedentemente efficace, che è la base per cambiare il regime di trattamento, la selezione di nuovi farmaci che possono essere efficaci a causa di un altro meccanismo di influenza sulla cellula tumorale.

Cos'è il trattamento palliativo?

Quando un paziente ha molti cicli e regimi di chemioterapia alle spalle, ma nonostante questi il ​​cancro continua a progredire, significa che la malattia è diventata insensibile al trattamento, e in questa fase la terapia palliativa è discussa con il paziente, che mira ad alleviare i sintomi fisici ed emotivi associati alla progressione malattia, ma non il suo trattamento.

L'obiettivo principale è rendere la vita dei pazienti più confortevole, per alleviare e controllare i sintomi, come dolore, nausea e vomito, debolezza, ecc. Questa è sempre una terapia complessa che include non solo cure mediche, ma anche esercizi fisici, lavoro individuale e di gruppo. con onco-psicologi, così come incontri di famiglia.

Quando è difficile o impossibile affrontare i sintomi della malattia in regime ambulatoriale, ai pazienti viene offerto l'aiuto di un ospizio, il cui compito principale è fornire assistenza medica e assistenza per raggiungere uno stato confortevole del paziente.

Cosa è "normale" nella vita durante il cancro?

I primi mesi di vita e il trattamento del "cancro cronico" sono tempi di grandi cambiamenti, quando si arriva alla consapevolezza che la malattia non scomparirà quando non si sa cosa aspettarsi e come si svilupperanno gli eventi.

Vivere durante il cancro non significa tornare alla tua vita normale. Si tratta di imparare a pensare: "cosa è normale per me ora". I pazienti spesso dicono che la vita acquisisce un nuovo significato, la vista di cose e eventi quotidiani e di eventi cambia, ogni giorno è pieno di un significato diverso.

Il nuovo "normale" può consistere nel cambiare le abitudini alimentari, cambiare il tipo di attività, le fonti di sostegno (lavorando con uno psicologo, religione), pianificare e incorporare il programma di trattamento nel programma di lavoro e vacanze.

Uno dei principali punti di consapevolezza della "nuova" vita è l'adozione del trattamento antitumorale come una delle componenti della vita: se hai bisogno di mangiare e respirare prima di vivere, allora con il cancro cronico, la necessità di un trattamento specifico e di un esame è aggiunta a questi processi di base.