Come viene eseguita la rimozione cervicale?

Gli interventi chirurgici in ginecologia sono di diversi tipi e dimensioni diverse. Tipi specifici di operazioni includono una procedura di impatto relativamente basso come la rimozione della cervice. È più facilmente tollerabile rispetto alla rimozione di una cavità d'organo, ma in situazioni simili dà un buon effetto curativo. Per questo motivo, se c'è una tale opportunità, allora stanno cercando di tenerlo, evitando la rimozione di tutto l'organo. Le caratteristiche di questa procedura, i principi della sua implementazione, la sua preparazione e il processo di recupero sono descritti in questo articolo.

definizione

In alcuni casi, e con indicazioni sufficientemente gravi, i pazienti sono incaricati di rimuovere la cervice. Cos'è? Si tratta di un'operazione chirurgica sul sistema riproduttivo, che comporta l'escissione del tessuto del canale cervicale, la cervice in un modo o nell'altro (coltello "freddo", bisturi laser, isteroscopia, laparoscopia, ecc.). Allo stesso tempo, tutti gli altri organi del sistema riproduttivo rimangono inalterati - la cavità, il corpo dell'utero non ne risente affatto, anche le ovaie e le tube di Falloppio rimangono sul posto, grazie alle quali la capacità di rimanere incinta è relativamente relativa.

Tale intervento può essere eseguito in diversi tipi. Ci può essere una completa rimozione di questa parte dell'organo, cioè l'escissione dell'intero canale cervicale - dalla bocca della cavità d'organo alla parte vaginale della cervice. Questo è l'intervento più ampio e traumatico rispetto agli altri. In altri casi, viene rimossa solo una parte della cervice. In questa situazione, la parte della cervice e il terzo superiore della vagina, o solo una parte del collo, vengono asportati dalla vagina. Questo intervento è più facilmente tollerabile e ha un impatto minore sul corpo e sul sistema riproduttivo.

testimonianza

Quali sono le indicazioni per tali interventi? Va ricordato che, trattandosi di una procedura chirurgica piuttosto lunga, è prescritto solo se vi sono indicazioni serie, nei casi in cui è spesso impossibile aiutare il paziente diversamente. La resezione cervicale è mostrata nelle seguenti situazioni:

  1. C'è un processo di cancro nelle prime fasi dello sviluppo, quando non c'è motivo di credere che le metastasi si siano diffuse in tutto il sistema riproduttivo e sia necessario un intervento più esteso;
  2. L'erosione non risponde al trattamento, o ricorre costantemente, causa disagio, causando sintomi gravi;
  3. Sulla cervice ci sono lesioni di leucoplachia, displasia, che si diffondono e non sono suscettibili di trattamento in un altro modo;
  4. C'è un papillomavirus umano, e un numero di cellule atipiche sono state trovate sul collo;
  5. Nel canale cervicale ci sono molte cisti, che non è consigliabile rimuovere una per una, o si ripetono costantemente, causano disagio e non sono trattate con farmaci;
  6. Neoplasie benigne di diversa natura, che non possono essere né rimosse né curate dai farmaci, per un motivo o per un altro;
  7. In presenza di una grossa cicatrice e di forti aderenze lasciate da ferite e precedenti interventi chirurgici che non possono essere curati altrimenti e che causano disagio;
  8. In alcuni casi, la ragione per la nomina di un tale intervento sono alcuni tipi di ipertrofia, a seconda di cosa li causa;
  9. Endocervicite e poliposi del canale cervicale con frequenti recidive e il loro decorso congiunto;
  10. Forte ectropion - eversione, in cui la mucosa della parte interna del canale cervicale si trova all'esterno a seguito di lesioni, aborto o per altri motivi (nella forma trascurata e pronunciata di perdita);
  11. Grave deformazioni di questa parte dell'organo, che si è verificata per un motivo o per un altro - congenito o acquisito, causando sintomi spiacevoli.

Quindi, possiamo concludere che un'operazione per rimuovere la cervice viene prescritta solo se è impossibile altrimenti eliminare i sintomi gravi. E anche se lo stato attuale è davvero in pericolo di vita.

formazione

Prima di eseguire l'escissione della cervice, è necessario sottoporsi a una preparazione approfondita. Non solo prepara il corpo per l'intervento, ma mira anche a stabilire la presenza di eventuali controindicazioni. Per questo, viene eseguita una serie di procedure diagnostiche. Tra questi ci sono:

  • Un'analisi del sangue e della sua biochimica per stabilire la presenza di un processo infiammatorio nel corpo, poiché è vietato eseguire qualsiasi tipo di intervento chirurgico sullo sfondo;
  • Striscio vaginale per la presenza di infezioni, come quando si esegue un intervento sul loro sfondo c'è un alto rischio di infezione dell'intero sistema riproduttivo, e in particolare dell'utero;
  • Test per HIV, sifilide, epatite, come procedura standard prima di qualsiasi intervento chirurgico;
  • Coagulogramma - analisi del sangue per coagulazione, aiuta a evitare il sanguinamento durante l'intervento con tale probabilità;
  • Esame ecografico degli organi pelvici per chiarire la natura dell'attuazione e il volume effettivo della procedura;
  • Viene eseguito un ECG per determinare se il paziente sarà normalmente sottoposto ad anestesia;
  • La consulenza del terapeuta viene assegnata con lo stesso scopo dell'ECG;
  • La consulenza di un ginecologo consente di stabilire la presenza di segni esterni di malattie infiammatorie e / o infettive.

Inoltre, tale trattamento non può essere effettuato in presenza di un'immunità debole, che può essere formata a seguito di un intervento chirurgico esteso o in caso di grave malattia sistemica in passato.

Certo, questi studi sono necessari. Tuttavia, se l'intervento viene eseguito con urgenza e non in modo pianificato, alcuni di essi possono essere trascurati dagli specialisti.

2-3 giorni prima dell'intervento, gli intestini vengono regolarmente puliti con lassativi. Inoltre, il giorno prima hai bisogno di radere tutti i capelli nell'area bikini. Se l'infiammazione o l'infezione sono presenti, devono prima essere curati e solo allora dovrebbe essere pianificato un intervento.

Corso di operazione

Vengono utilizzati diversi metodi di tale trattamento, l'approccio ottimale viene scelto individualmente per ciascun paziente specifico, tenendo conto di ciò che accade alla cervice in un determinato momento. L'accesso è solitamente ottenuto mediante isteroscopia: attraverso la vagina, il metodo laparoscopico di accesso attraverso il peritoneo viene usato raramente. L'intervento con qualsiasi metodo dura circa mezz'ora e può essere eseguito in anestesia generale o regionale (epidurale).

Se viene eseguita un'amputazione a forma di cuneo, viene rimosso un pezzo di tessuto a forma di cuneo da ciascuna delle due labbra del collo. Il metodo è mostrato in presenza di un gran numero di cisti. Il tessuto rimanente viene suturato, cercando di ripristinare il collo. In generale, le conseguenze di un tale intervento sono che il collo è accorciato.

Con un'amputazione a forma di cono, viene rimosso un collo a forma di cono. Allo stesso tempo, come i lembi, rimane il guscio esterno di questo cono, che viene suturato, formando un collo notevolmente accorciato.

L'amputazione alta della cervice è una manipolazione durante la quale l'intera cervice viene asportata facendo incisioni nel terzo superiore della vagina e tagliandolo dalla bocca nel corpo dell'organo. Questo è un intervento piuttosto complicato e dispendioso in termini di tempo, che viene eseguito solo da chirurghi esperti. Vi è il rischio di danni alla vescica e sanguinamento dall'arteria uterina.

recupero

Le prime ore dopo la rimozione della cervice, il paziente è nel reparto post-operatorio, circa una settimana - nel normale. Gli analgesici sono prescritti come anestesia e antibiotici ad ampio spettro come Tsiprolet sono usati per prevenire lo sviluppo del processo infiammatorio. Durante l'intervento nella vescica, può anche essere installato un catetere, che rimane lì per circa tre o quattro giorni.

Il pieno recupero dura da un mese e mezzo. In questo momento, non puoi avere rapporti sessuali, nuotare, fare il bagno, usare tamponi e candele vaginali, doccia. Inoltre, non è possibile sollevare pesi ed essere sottoposti a sforzi fisici eccessivi.

complicazioni

Durante il primo mese, ci può essere una scarica marrone in una piccola quantità, ma se c'è sanguinamento o la scarica è aumentata, quindi è necessario consultare un medico. Oltre al sanguinamento, sono possibili altre spiacevoli conseguenze dopo la rimozione dell'utero:

  1. Danno alla vescica;
  2. Formazione di fistole;
  3. infezione;
  4. Infiammazione o suppurazione della sutura;
  5. Deformità cicatriziale;
  6. Formazione di punte;
  7. Recidiva dei processi che hanno causato la rimozione;
  8. Scarse mestruazioni;
  9. Disturbi riproduttivi

La preparazione competente per l'intervento e l'attenta osservanza delle raccomandazioni del medico, così come gli esami regolari durante il periodo di recupero possono ridurre significativamente il rischio di sviluppare il processo patologico dopo tali manipolazioni.

gravidanza

La gravidanza è possibile in linea di principio. Ma in alcuni casi si formano punte e cicatrici che impediscono questo. In questo caso, l'IVF o l'inseminazione artificiale possono essere prescritti dal medico. Tuttavia, la gestazione può essere complicata, in quanto la cervice accorciata non sarà in grado di trattenere il feto. Per questo set pessari ginecologici.

Costo di

I prezzi per tali manipolazioni con il collo sono mostrati nella tabella.

Rimozione della cervice: metodi chirurgici

Trachelectomia - rimozione della cervice. Come va l'operazione? Quali metodi di amputazione ha la medicina moderna? Quanto dura la procedura e il periodo di recupero? Le risposte a queste domande possono essere ottenute consultando cliniche specializzate in malattie ginecologiche.

Le indicazioni per la trachelectomia sono la fase iniziale di cancro, displasia, fibromi, endometriosi, danni durante il parto. La rimozione della cervice senza interessare l'organo stesso è particolarmente importante per le ragazze e le donne in età fertile, poiché in questo caso si possono mantenere le funzioni ormonali e riproduttive del corpo. Per le donne anziane, questa operazione si svolge come misura preventiva contro il cancro.

Trattamento conservativo della cervice

Prima del trattamento chirurgico delle malattie della cervice uterina viene spesso sottoposta a terapia farmacologica. Ci sono molti farmaci che sopprimono la malattia e influenzano l'accelerazione dei processi di epitelizzazione. Sono presi insieme con vitamine e acido folico. A volte la superficie della cervice viene trattata con sostanze chimicamente attive. In questo modo, puoi affrontare la displasia, dal momento che gli strati superficiali iniziano a rigettare ed esporre il tessuto sano.

Rimozione chirurgica della cervice: come procede l'operazione

Se la terapia conservativa non ha avuto successo, viene eseguita la rimozione della cervice. Lo stadio preoperatorio comprende un esame completo, soprattutto quando viene rilevata una neoplasia. Il chirurgo studia l'urina, il sangue, la biopsia, la colposcopia, la tomografia computerizzata. Viene quindi assegnata la data della transazione. Il paziente deve pulire l'intestino, radersi i capelli nella zona pubica e perineale e non mangiare cibo 8 ore prima della procedura.

Amputazione del coltello

La rimozione della cervice viene eseguita in diversi modi. Il coltello è spesso usato nelle prime fasi dell'oncologia. Il medico usa un bisturi per asportare la parte superiore della vagina e della cervice. Nonostante le ferite profonde e un lungo periodo di recupero, questa tecnica è considerata benigna, poiché la maggior parte dell'utero e la possibilità di avere figli rimangono.

Conizzazione delle onde radio

Il paziente viene sottoposto alla procedura in una stanza speciale dotata di un apparecchio per elettroerosione e termo elettrochimica e un elettrodo Conissator di Geyms-Rovenko. Per proteggere il tessuto sano, un polsino di gomma viene inserito nella vagina della donna. Quindi viene selezionato un ugello (5, 10 o 15 mm), lo ionizzatore viene inserito esattamente nel mezzo del canale cervicale e la cervice viene rimossa con un unico movimento. Vale la pena notare che questa tecnica è controindicata nei processi infiammatori degli organi genitali, leucocitosi, così come le ragazze che non hanno dato alla luce.

Rimozione laser

Se viene diagnosticato un tumore benigno, il chirurgo rimuove la cervice con un raggio laser. Il vantaggio di questo metodo è l'assenza di perdita di sangue e la breve durata dell'operazione, e lo svantaggio è l'infertilità possibile. Pertanto, è raramente assegnato alle ragazze giovani. La tecnologia si basa sulle proprietà di vaporizzazione (evaporazione) di un laser ad anidride carbonica e coagulazione (coagulazione) di un laser al neon. Nel primo caso, le cellule atipiche dell'utero evaporano istantaneamente, e nel secondo, a seguito dell'impatto, si coagulano e si trasformano in una crosta. La guarigione dell'ustione dura in genere da due a quattro settimane.

cryolysis

La rimozione della cervice con questo metodo avviene utilizzando un dispositivo medico, la sua punta sotto l'azione dell'azoto liquido è in grado di raffreddare a 180 gradi. Quando sono in contatto con l'area desiderata dell'utero, i liquidi intracellulari e intercellulari si congelano, che è la causa della morte. A causa di un forte spasmo dei vasi sanguigni e della trombosi della rete capillare, la criodistruzione è esangue. Inoltre, una sconfitta istantanea delle terminazioni nervose funziona come un anestetico e consente di cavarsela con una quantità minima di antidolorifici e l'attivazione dello shock del sistema immunitario previene la formazione di complicanze postoperatorie. Una caratteristica dell'apparato è una zona limpida di creeecrosi e i tessuti adiacenti rimangono intatti.

Periodo di riabilitazione

Entro sette giorni, il paziente è nella clinica, dove prende un ciclo di farmaci antibatterici e antidolorifici (se necessario). Deve avere un catetere urinario installato e l'area interessata viene trattata quotidianamente. Dopo la dimissione nei primi mesi, dovrebbe smettere di usare i tamponi, i bagni caldi e l'esercizio intenso. Dopo 6 mesi di riposo sessuale, sarà possibile riprendere la vita sessuale, così come cercare di rimanere incinta naturalmente o con l'aiuto dell'inseminazione artificiale.

Indicazioni per la rimozione e il trattamento della malattia cervicale

La rimozione della cervice si chiama trachelectomia, che può essere nominata dallo specialista in cura per un certo numero di malattie o per prevenirne l'ulteriore sviluppo (ad esempio, cancro o fibromi). L'amputazione della cervice è considerata un'operazione a basso impatto, in cui l'utero stesso non è interessato e l'integrità delle ovaie è preservata, il che rende possibile preservare quasi completamente la funzionalità dell'organo riproduttivo.

Indicazioni per trachelectomia

Cancro cervicale

L'escissione della cervice nella maggior parte dei casi può essere nella natura della prevenzione dei tumori maligni (cancro). L'amputazione della cervice può essere prescritta dal ginecologo presente riguardo:

  • Rilevazione di alterazioni ipertrofiche nei tessuti dell'organo, che possono essere innescate dal suo prolasso, una violazione delle ghiandole funzionali o infiammazione del canale cervicale.
  • Rilevazione della proliferazione di polipi sulla superficie della cervice durante l'endocervicite (processi infiammatori nella mucosa del canale cervicale) nella fase cronica.
  • Lo sviluppo di tumori maligni - cancro cervicale, che è stato rilevato nelle prime fasi. L'amputazione della cervice consente di salvare il corpo da ulteriori danni con possibili metastasi ai tessuti circostanti, nonché di evitare la morte. Se una donna non ha ancora partorito, l'escissione della parte interessata dell'organo le permetterà di diventare madre senza ulteriori complicazioni in futuro.
  • Rilevazione della displasia del canale cervicale, che può causare la formazione del cancro uterino.
  • Lesioni erosive della cervice. Si ritiene che il trattamento dell'erosione cervicale con un laser non danneggi in pratica il tessuto e combatta efficacemente la patologia.

Suggerimento: Indipendentemente da quale stadio di sviluppo viene rilevata la displasia del canale cervicale, è necessario essere costantemente monitorati da un ginecologo per evitare il suo ulteriore sviluppo nel cancro uterino. Il rilevamento tempestivo dello sviluppo di formazioni patologiche eviterà trattamenti dolorosi a lungo termine.

Operazione di Wertheim

Questo tipo di intervento chirurgico è quello di rimuovere i tumori maligni. L'isterectomia (rimozione di parte dell'utero e l'intero tumore sulla sua cervice) per il cancro cervicale è finalizzata alla massima conservazione possibile dell'organo genitale e delle sue appendici (ovaie). Quando si esegue una resezione, un certo numero di linfonodi pelvici, così come la fibra paracervicale (interstiziale), vengono necessariamente rimossi. Uno dei metodi efficaci per rilevare patologie nell'utero è l'isteroscopia, in cui viene eseguita l'esame endoscopico della cavità uterina. L'isteroscopia consente di determinare la misura in cui il tumore è localizzato.

Particolare attenzione durante l'operazione è rivolta ai linfonodi, che devono essere rimossi. In ginecologia, l'operazione di Wertheim è considerata una delle più difficili, ma allevia il corpo dallo stress che subisce durante la radioterapia (gli organi sani possono infiammarsi dopo la radioterapia, ad esempio la cistite o la proctite).

Tipi di trattamento chirurgico della malattia cervicale

Rimozione di cellule anormali nella cervice

Resezione cervicale in caso di rilevamento del cancro nelle prime fasi di sviluppo. Tale trattamento comporta la rimozione della parte superiore dell'utero, la stessa cervice e il tessuto parametrico adiacente. Allo stesso tempo, tali parti dell'organo come le tube di Falloppio, così come le ovaie, non sono influenzate, il che rende possibile preservare la funzionalità riproduttiva e la piena vita sessuale della donna.

  • L'utilizzo di un laser consente di cauterizzare la localizzazione dei tumori (cancro) senza danneggiare l'organo nel suo complesso. Tuttavia, va ricordato che dopo l'esposizione al laser, il moncone cervicale risultante subisce cicatrici, che in misura maggiore possono portare a infertilità in futuro. Pertanto, per le donne che non danno alla luce un trattamento laser nella maggior parte dei casi non è pratico. Questo dovrebbe anche essere considerato se un medico prescrive la conizzazione cervicale mediante laser.
  • Alcune patologie della cervice uterina possono essere sottoposte a trattamento di criodistruzione. Utilizza l'azoto liquido, che congela il tessuto interessato, a seguito del quale le cellule muoiono e si rompono. La criodistruzione non può essere utilizzata se c'è un'infiammazione dell'organo riproduttivo.
  • L'uso delle onde radio nel trattamento delle patologie cervicali della cervice è considerato il più sicuro, poiché garantisce la massima integrità dell'organo e le aree colpite vengono distrutte dall'esposizione alle onde radio. Considerato anche un efficace trattamento delle onde radio per l'erosione cervicale, perché il suo uso non provoca ustioni ai tessuti. Questo metodo è indolore e passa senza conseguenze per la salute della donna (in particolare per gli impoveriti).
  • Rimozione di patologie della cervice mediante l'uso di apparecchiature a ultrasuoni.
  • Preparazione per la resezione della cervice

    Biopsia cervicale

    I pazienti devono sottoporsi a una procedura di esame medico prima dell'intervento sulla cervice. Per chiarire l'accuratezza della diagnosi da parte di un medico può essere assegnato alla risonanza magnetica (RM) e alla biopsia. Cosa mostra una biopsia cervicale? Preso per studiare un pezzo dell'organo interessato in grado di rilevare la presenza di cellule tumorali e altre patologie.

    Dopo una biopsia, il medico può anche determinare, se necessario, la fattibilità di rimuovere una cisti sulla cervice e altre patologie. È anche possibile assegnare l'isteroscopia per visualizzare lo stato della membrana mucosa del canale cervicale. La procedura di isteroscopia è indolore, quindi non aver paura della sua implementazione.

    Inoltre, prima dell'operazione, è necessario superare esami generali del sangue e delle urine e sottoporsi ad esame colposcopico (esame delle pareti della vagina e della cervice con l'ausilio di attrezzature speciali). Prima dell'intervento chirurgico, i pazienti devono radersi completamente l'area pubica. 48 ore prima della trachelectomia, è necessario bere lassativi per pulire a fondo l'intestino.

    Possibili complicazioni: vita dopo il trattamento

    Dopo il trattamento chirurgico, ci possono essere alcune complicazioni che si manifestano sotto forma di sanguinamento minore. Raramente possono verificarsi infezioni di ferite o anche sepsi. Per evitare le tristi conseguenze, tutti i pazienti operati subiscono l'esame di routine obbligatorio dopo il trattamento chirurgico. Di solito, ai pazienti vengono prescritti antibiotici e alcuni antidolorifici.

    Suggerimento: dopo un intervento chirurgico di 1,5 mesi, è vietato fare sesso, fare bagni, nuotare in piscina e sollevare pesi, al fine di evitare divergenze e infezioni.

    Poco dopo l'amputazione della cervice interessata (1-1,5 mesi), la donna potrà tornare al suo solito stile di vita. È imperativo sottoporsi a un esame periodico presso il ginecologo presente e anche escludere la possibilità di concepire un bambino durante i primi 6 mesi dopo il trattamento.

    Rimozione della cervice: indicazioni, decorso, conseguenze

    La rimozione della cervice (trachelectomia) è un intervento ginecologico comune. Questo tipo di intervento è generalmente ben tollerato e non richiede un lungo periodo di recupero. E, soprattutto, conserva la capacità di una donna di avere figli.

    Indicazioni per la chirurgia

    L'amputazione della cervice può essere eseguita nei seguenti casi:

    • Cancro e condizioni precancerose, a condizione che gli organi e i tessuti circostanti non siano interessati.
    • Polipi in costante aumento sullo sfondo di infiammazione cronica della parete cervicale dell'utero.
    • Lesioni gravi, come lacrime durante il travaglio, deformità d'organo.
    • Erosione che non può essere curata con mezzi alternativi.
    • Omissione o allungamento della cervice.

    È importante! La decisione di rimuovere il medico fa. Se esiste l'opportunità di eseguire interventi di chirurgia plastica con conservazione dell'organo, dovrebbe essere usato. Lo specialista deve valutare in modo competente i rischi derivanti dall'operazione e dalla possibile diffusione del tumore.

    Preparazione della trachelectomia

    Oltre ai test standard, prima dell'operazione, il paziente dovrà sottoporsi a una serie di studi per determinare il quadro clinico più completo:

    1. Colposcopia - esame della cervice con un dispositivo speciale con ingrandimento multiplo.
    2. Determinazione dei marcatori tumorali nel sangue.
    3. Biopsia: asportazione di tessuto per esami di laboratorio. Solitamente effettuato in collaborazione con colposcopia.
    4. Risonanza magnetica o tomografia computerizzata.

    Prima di un intervento chirurgico, il paziente deve:

    • Cancella l'intestino (prendi un lassativo, fai un clistere).
    • Rasatura dei peli pubici, pancia.
    • Astenersi dal cibo la sera prima e il giorno dell'intervento.

    Tipi di chirurgia

    La trachelectomia è divisa in base al metodo di accesso a:

    1. Transvaginale (attraverso la vagina);
    2. Laparoscopico (attraverso una puntura sull'addome).

    Il primo è eseguito più spesso, perché è il meno invasivo, non lascia cicatrici sul corpo. La laparoscopia viene utilizzata se la cervice viene rimossa insieme all'utero o l'accesso transvaginale è difficile. A volte l'operazione stessa viene eseguita attraverso la vagina e, a causa della laparoscopia, i linfonodi vicini vengono rimossi. Questo è necessario per prevenire la diffusione di cellule tumorali attraverso le navi.

    Secondo il metodo di conduzione ci sono tre tipi di operazioni:

    • conica;
    • cuneo;
    • Ampia amputazione con volte di trapianto.

    L'incisione può essere eseguita con un coltello, corrente elettrica, laser, a causa dell'esposizione a onde radio o criodistruzione. Ogni metodo ha le sue indicazioni e controindicazioni per l'uso, ma l'essenza dell'operazione non cambia. Quindi la distruzione elettrica dei tessuti non è raccomandata ai giovani, non alle donne in gravidanza. Una trachelectomia laser è indicata per neoplasie e displasia benigne.

    Inoltre, la chirurgia può variare in base al tipo di sutura. Può essere usato:

    1. bioriassorbibile;
    2. Filo di seta

    In quest'ultimo caso, le suture dovranno essere rimosse qualche tempo dopo l'operazione.

    L'anestesia è usata locale o generale. La scelta dipende dalle condizioni del paziente, dai suoi desideri.

    Operazione a cono di Sturmdorf

    amputazione della cervice: a - a forma di cono secondo Sturmdorf, b - a forma di cuneo secondo Schroeder

    Questo tipo di intervento è più comune perché è abbastanza benigno. Il medico esegue un'incisione circolare nel canale cervicale (cavità nella cervice uterina) con un bisturi appuntito. Quando si espande, l'incisione diventa a forma di cono. Dopo questo, il chirurgo rimuove il muco fino a una profondità di 2-3 cm. Mentre la cervice si stacca, vengono applicate le suture.

    Il canale formato è rivestito con mucosa vaginale normale. Per fare questo, pre-tagliare il lembo della dimensione appropriata. Ciò contribuisce alla conservazione della corretta anatomia del sistema riproduttivo e alla prevenzione del cancro.

    Amputazione del cuneo della cervice Schroeder

    La cervice dell'utero è fissata con una pinza ed escissa in direzione orizzontale in due parti. Inoltre, l'incisione è a forma di cuneo. Successivamente, l'area ipertrofizzata (interessata) viene prima rimossa dalla parte anteriore. Viene applicata una sutura per prevenire il sanguinamento.

    Solo allora la seconda parte (posteriore) della cervice viene asportata. C'è cucitura e formazione di una nuova gola uterina, che sostituirà la cervice. Quando si tagliano i fili lasciare sezioni sufficientemente lunghe, che in caso di sanguinamento consentiranno di stringere il canale formato e imporre una nuova legatura (legatura).

    Ampia amputazione con archi trapiantati

    Si ricorre a questo tipo di chirurgia con una significativa lesione cervicale o un alto grado di ipertrofia. Come nella chirurgia a cuneo, prima il dottore taglia un lembo dalla mucosa vaginale.

    Il medico aggiusta la cervice con i morsetti e fa un'incisione circolare (circolare). Attraverso di essa avviene la separazione della vescica. A volte, per azioni più precise, il chirurgo esegue un ulteriore controllo attraverso un catetere inserito nell'uretere. Le navi che riforniscono la cervice con sangue sono legate e tagliate. L'organo con sutura sequenziale viene rimosso. Le volte vaginali si muovono e formano una nuova bocca uterina.

    Le conseguenze dell'operazione e il periodo di recupero

    Il ricovero dopo la rimozione chirurgica della cervice dura in media 7 giorni. In questo momento, il paziente riceverà antidolorifici e antibiotici. Forse il medico prescriverà farmaci anti-infiammatori. La prima volta nell'uretere sarà un catetere.

    Dopo la dimissione per 6-8 settimane (fino alla prossima visita dal ginecologo), la donna dovrà seguire le seguenti regole:

    • Rinuncia al sollevamento pesi, lavoro fisico.
    • Astinenza dalla sessualità
    • Igiene intima due volte al giorno
    • Rifiuto di utilizzare tamponi, visite ai bagni, balneazione.

    Il medico può consigliare alcuni pazienti di non sedersi durante il periodo di riabilitazione.

    È importante! Nei primi mesi dopo l'intervento, sono possibili periodi abbondanti, così come il colore marrone. Un brutto segno è un odore sgradevole, è una manifestazione di infezione.

    Si raccomanda di visitare le donne operate dal ginecologo almeno una volta ogni 3 mesi. Inoltre, se ti trovi in ​​qualche spiacevole sintomo, devi immediatamente visitare un medico. La gravidanza è possibile in 6-12 mesi.

    Molte donne si preoccupano della qualità della vita sessuale dopo l'operazione. Sondaggi e studi dimostrano che di solito non soffre. In alcuni casi, la consapevolezza psicologica della loro "inferiorità" rende difficile rilassarsi, ma con un rapporto di fiducia con un partner, passa rapidamente. La prima volta dopo l'intervento può avere conseguenze come secchezza vaginale e una leggera diminuzione della sensibilità. Questi problemi sono risolti con successo usando un lubrificante.

    Un altro problema è la difficoltà di auto-concepire e trasportare un bambino. Il canale stesso (nuova faringe dell'utero) può essere ristretto, la posizione bassa della vescica fetale crea rischi per l'infezione e il danno. Le nascite sono di solito eseguite con taglio cesareo. Se è difficile da concepire, le donne possono essere raccomandate IVF (fecondazione in vitro) o maternità surrogata.

    Costo del funzionamento

    La rimozione della cervice può essere effettuata gratuitamente secondo la politica OMS. Il metodo principale utilizzato in questo caso è l'applicazione di incisioni con un bisturi. L'attrezzatura per il laser o altra rimozione non è in ogni ospedale.

    I prezzi per i servizi a pagamento partono da 40.000 rubli. A Mosca, il costo medio della procedura è di 70.000 rubli. Più si utilizzano tecnologie complesse, più costosa sarà l'operazione. In alcune cliniche, l'anestesia e la ricerca devono essere pagate separatamente.

    Recensioni dei pazienti

    Il problema principale che riguarda le donne che hanno subito un intervento chirurgico è la possibilità di una gravidanza. Moltissimi pazienti si trovano di fronte all'incapacità di concepire un bambino. Nelle loro recensioni descrivono i test e gli studi che sono stati superati e parlano delle loro speranze. Ma si scopre che la prole non è affatto.

    In alcune donne, al contrario, la gravidanza si verifica solo dopo un intervento chirurgico, soprattutto se la neoplasia localizzata è diventata un'indicazione per la rimozione della cervice. Ha bloccato il percorso degli spermatozoi e dopo essersi liberato della concezione del tumore è diventato possibile.

    Molte donne che, nonostante tutti i loro sforzi, non potevano concepire o avere un figlio, hanno bisogno dell'aiuto di uno psicoterapeuta. Nei forum e nelle comunità tematiche scrivono sulla loro condizione: desiderio, delusione.

    Le recensioni relative all'organizzazione e ai medici operatori sono molto diverse. Alcune donne vengono curate all'estero (principalmente in Israele) e sono soddisfatte. Altri optano per le migliori istituzioni mediche pubbliche nella capitale (ad esempio, l'Istituto di ricerca Herzen).

    Nonostante il fatto che le cliniche enfatizzino un'alta probabilità di concepimento e nascita in modo naturale, i medici delle istituzioni mediche pubbliche non confermano questa informazione. Quindi una delle donne sottoposte a trachectomia era interessata da uno specialista delle sue possibilità di diventare madre. Lei dà la risposta sul popolare forum Woman.ru: "Di tutti i pazienti dopo la trachelectomia... non si è verificata alcuna gravidanza. Ho informazioni sulla nascita di 2 bambini nel territorio della Federazione Russa dopo un PAT (trachectomia radicale addominale). "

    Anche se il recupero dopo l'intervento chirurgico non procede sempre senza intoppi, non ci sono donne che rimpiangerebbero il trattamento chirurgico. I pazienti sono consapevoli della necessità di trachelectomia e sono grati ai medici per l'opportunità di vivere, anche se con difficoltà nel concepire e trasportare un bambino.

    L'operazione di rimozione della cervice offre alle donne la possibilità di sconfiggere il cancro e una serie di altre malattie pericolose. Il fatto di preservare la fertilità permette loro di sperare nella maternità in futuro. La tecnologia moderna rende l'operazione anemica e sicura, con un basso rischio di complicazioni.

    Rimozione della cervice: quando e come viene eseguita la chirurgia, periodo di recupero, gravidanza dopo

    In tutto il mondo, per il cancro cervicale, il trattamento standard consiste nella rimozione dell'utero, della chemioterapia e della radioterapia. Tuttavia, per le giovani donne che vogliono mantenere la capacità di dare alla luce un bambino, è stata sviluppata un'operazione alternativa: la trachelectomia o la rimozione della cervice.

    Cos'è la trachelectomia ed è possibile rimanere incinta dopo di essa?

    Affinché gli effetti della rimozione cervicale siano vantaggiosi, la selezione dei pazienti per questa procedura è fondamentale. Durante l'intervento chirurgico, vengono rimossi la cervice, i 2 cm superiori della vagina e il tessuto circostante. Il corpo e l'arco dell'utero rimangono intatti. L'intervento può essere eseguito attraverso la cavità addominale, per via laparoscopica, con l'aiuto della chirurgia assistita da robot. È possibile rimuovere la cervice attraverso la vagina.

    La prima operazione di successo è stata eseguita nel 1994. Da quel momento, sono stati eseguiti almeno 1000 interventi di questo tipo, dopo i quali almeno 250 donne potrebbero rimanere incinte.

    Esistono due tipi di operazioni:

    1. Semplice con la rimozione di parte della cervice e della vagina.
    2. Radicale con escissione aggiuntiva dei linfonodi nella piccola pelvi, dove si possono trovare cellule tumorali, nonché parametrium (tessuti attorno all'utero).

    Il metodo di trattamento è accompagnato da un basso rischio di complicanze. La frequenza di recidiva del tumore non supera il 5%.

    testimonianza

    L'operazione è mostrata non solo nel cancro cervicale. Viene eseguito in tali condizioni patologiche:

    • cisti e polipi cervicali ricorrenti, endocervicite cronica;
    • endometriosi cervicale;
    • un piccolo nodo di fibromi nel collo;
    • deformità cervicale ed ectropion causate dal decorso sfavorevole delle nascite precedenti;
    • prolasso o prolasso dell'utero, causando ispessimento e deformazione della cervice;
    • grave leucoplachia o pseudo-erosione, che non è suscettibile di terapia in altri modi.

    Spesso effettuato la rimozione della cervice con displasia 2 e 3 gradi - processi cervicali precancerosi. I metodi conservativi in ​​questa fase di solito non sono più efficaci e non è necessario un intervento chirurgico complicato.

    Nel 1998, sono state formulate le seguenti indicazioni per la rimozione cervicale:

    • il desiderio del paziente di salvare l'opportunità di avere un bambino;
    • dimensione del tumore inferiore a 2 cm;
    • Stadio FIGO 1A1, 1A2 e 1B1;
    • parte superiore non coinvolta del canale cervicale, come mostrato sulla risonanza magnetica;
    • assenza di metastasi linfonodali.

    Se almeno una di queste condizioni non viene soddisfatta, la rimozione parziale della cervice con la conservazione dell'organo è impossibile.

    I tumori più grandi di 2 cm sono generalmente accompagnati dal coinvolgimento dei vasi linfatici e dei linfonodi, nonché del canale cervicale. Ciò aumenta la frequenza di recidiva del tumore e la probabilità di metastasi.

    L'operazione non viene eseguita su pazienti con tali forme istologiche di tumori cervicali:

    • tumori neuroendocrini;
    • formazioni sierose papillari;
    • sarcomi.

    Prima di eseguire la rimozione della cervice, è importante escludere le lesioni metastatiche dei linfonodi. Per fare ciò, prima dell'operazione principale, i linfonodi vengono rimossi con mezzi laparoscopici, attraverso piccole incisioni nella parete addominale. Se vengono rilevate cellule tumorali, viene rimosso l'intero utero.

    Preparazione per la chirurgia

    Vengono analizzati l'esame del sangue, la sua composizione biochimica e lo stato del sistema di coagulazione. Radiografia conduttrice dei polmoni Per valutare le metastasi nei linfonodi, viene eseguita la tomografia a emissione di tomografia a raggi X, tomografia a risonanza magnetica o positrone. Nella diagnosi delle malattie infiammatorie, l'infezione viene curata fino al completo recupero.

    Prima di eseguire la rimozione di una parte della cervice, i medici determinano se il paziente è adatto per tale intervento. Successivamente viene spiegata dettagliatamente che durante l'operazione possono verificarsi danni alle navi, agli ureteri e ad altri organi, che possono richiedere una laparotomia immediata.

    Vengono discussi metodi di trattamento alternativi: conizzazione cervicale, rimozione dell'utero, terapia di chemioterapia.

    In alcuni pazienti, proprio durante l'intervento, è necessario espandere il volume e rimuovere l'utero se vengono rilevate metastasi ai linfonodi.

    Una donna viene ricoverata il giorno dell'intervento o il giorno prima. Non dovrebbe mangiare o bere 6 ore prima dell'intervento. Alcuni medicinali possono essere somministrati come prescritto dal medico.

    Il paziente firma il consenso all'operazione, in cui vi sono informazioni su possibili complicazioni.

    condotta

    Prima dell'intervento per la prevenzione delle infezioni si consiglia l'uso di antibiotici. A volte viene eseguito un clistere o il paziente prende in anticipo un detergente intestinale. Dipende dal tipo di intervento.

    Una donna dovrebbe fare una doccia igienica. A volte è necessaria la depilazione dal pube. Rimosso gioielli, occhiali, lenti a contatto, piercing.

    Il paziente è posto su una poltrona ginecologica. Viene utilizzata l'anestesia generale o locale. L'anestesia epidurale viene spesso eseguita.

    La trachelectomia viene eseguita in tre modi:

    1. Rimozione di una parte di un collo nella forma di un cono.
    2. Resezione del cuneo
    3. Amputazione con archi vaginali di trapianto.

    Vari strumenti possono essere utilizzati per eseguire l'operazione: bisturi, laser, corrente elettrica, criodistruttore o lama radio. La scelta è fatta dal medico, a seconda delle capacità della clinica e delle caratteristiche del paziente.

    Quanto dura l'intervento chirurgico per rimuovere la cervice?

    A seconda del tipo di intervento - da 30 minuti a 4 ore.

    Rimozione vaginale

    Inizialmente, diversi linfonodi pelvici vengono rimossi mediante laparoscopia. Sono esaminati per la presenza di cellule maligne. Se non ci sono metastasi, la cervice viene rimossa. La probabilità di rilevare cellule maligne nei linfonodi in una fase iniziale è del 6%.

    La trachelectomia vaginale radicale viene eseguita più spesso e consiste in 5 fasi. In primo luogo, un farmaco anestetico locale con effetto vasocostrittore viene iniettato sotto la mucosa e un'incisione circolare viene effettuata 2 cm sotto il collo. I bordi anteriori e posteriori delle mucose vengono prelevati sui morsetti.

    Quindi lo spazio tra l'utero e il retto viene aperto ed elaborato. Dopo ciò, il tessuto viene aperto tra l'utero e la vescica.

    Gli ureteri e i vasi uterini vengono escreti e la cellulosa circolatoria viene rimossa. Con la trachelectomia semplice, i parametrici non vengono asportati. Il rifornimento di sangue dell'utero sta cercando di salvare il più possibile. Le arterie che vanno alla cervice sono legate. Il collo viene sezionato a 1 cm sotto la gola uterina interna.

    La parte rimossa del collo è esaminata urgentemente al microscopio. Se le cellule tumorali si trovano a meno di 5 mm dal bordo, l'operazione è considerata inefficace, il suo volume viene espanso e l'utero viene rimosso.

    Rimozione di parte della cervice

    Nella fase finale, la cervice viene tentata di recuperare il più possibile usando materiali non assorbibili. Successivamente, tale punto, chiudendo parzialmente il canale cervicale, aiuta a preservare e sopportare la gravidanza. Un catetere di gomma è lasciato nel canale cervicale, che viene successivamente rimosso. I bordi della mucosa vaginale cuciti al collo.

    Rimozione di cavità

    La chirurgia addominale per rimuovere la cervice viene eseguita con una bassa incisione orizzontale o verticale nella parete addominale.

    La cavità addominale aperta viene attentamente esaminata alla ricerca di metastasi. Tutti i linfonodi del bacino vengono rimossi da entrambi i lati. Vengono immediatamente valutati utilizzando il metodo slice congelato. Se si trovano cellule maligne in esse, è necessaria un'operazione estesa.

    Ci sono legamenti dell'utero e degli ureteri. Attraverso la superficie posteriore dell'utero, la parte vaginale viene aperta e la superficie esterna della cervice viene rimossa. Suturata.

    Chirurgia laparoscopica

    Utensili sottili usati sotto forma di tubi e dispositivi ottici. Il chirurgo esegue scorciatoie sulla parete addominale. Un laparoscopio viene inserito attraverso questi piccoli fori e, sotto il controllo video, vengono rimossi il collo e il tessuto circostante. Tale operazione è la meno traumatica per il paziente. Dopo spazza via una rapida guarigione.

    Cosa succede dopo l'intervento?

    Il paziente è nel reparto postoperatorio per diverse ore o durante la notte, quindi viene trasferita al reparto. Può alzarsi, camminare, prendere cibo e acqua lo stesso giorno dopo il permesso del medico. Proteine ​​e prodotti caseari sono particolarmente utili.

    Se per qualche motivo il paziente deve costantemente sdraiarsi, deve fare esercizi di respirazione e alzare le gambe per migliorare il flusso di sangue venoso e prevenire la formazione di coaguli di sangue.

    Il catetere urinario viene di solito rimosso presto. Se la funzione della vescica non viene ripristinata dopo questo, il catetere può essere lasciato per diversi giorni. Attraverso di esso, l'urina entra in uno speciale sacchetto di plastica: l'orinale.

    Se sono state utilizzate suture non assorbibili, le suture devono essere rimosse 5-10 giorni dopo l'intervento.

    Una donna può essere disturbata da stitichezza e gonfiore, mal di gola, emorragia vaginale. Non è pericoloso Si consiglia di fare un leggero massaggio ai piedi e esercizi di respirazione, oltre a usare calze a compressione. Il ricovero dura circa 7 giorni. In questo momento vengono prescritti antibiotici, antidolorifici e antinfiammatori.

    Con l'inefficacia degli antidolorifici convenzionali nei primi giorni, si possono usare 2 opzioni:

    1. Anestesia epidurale
    2. Anestesia controllata, quando il paziente stesso, premendo un pulsante su una pompa speciale, regola il flusso di anestetico alla vena.

    Tutti i tessuti e i linfonodi rimossi durante l'intervento chirurgico vengono esaminati in laboratorio per 2 settimane. Se vengono trovati in essi focolai metastatici, sarà necessaria un'ulteriore consultazione con un medico. Affronterà il problema della radioterapia o della chirurgia per rimuovere l'utero.

    Dopo la dimissione, la donna è preoccupata per la fatica e dovrebbe riposare di più. Si raccomanda di camminare, ma è vietato fare jogging e nuotare. Dai carichi delle famiglie nel primo mese dopo l'operazione è consentito lavare i piatti e preparare piatti semplici. Puoi guidare un'auto un mese e mezzo dopo l'operazione. Più o meno nello stesso periodo, puoi tornare al normale lavoro e ad una normale vita sessuale.

    Se non è stato effettuato un intervento vaginale, ma è stata eseguita una chirurgia addominale, il periodo di recupero è prolungato fino a 3 mesi fino alla completa guarigione delle suture.

    Complicazioni immediate

    Il periodo postoperatorio e le prime settimane dopo la rimozione della cervice possono essere accompagnate da complicanze:

    • l'incapacità di svuotare completamente la vescica a causa della diminuzione del tono;
    • dolore durante il rapporto sessuale;
    • perdite vaginali;
    • sanguinamento;
    • trombosi venosa profonda, embolia polmonare;
    • complicazioni infettive e infiammazione delle cuciture;
    • ridotta sensibilità della pelle sulle cosce;
    • ciclo mestruale doloroso o irregolare;
    • gonfiore della vulva, comprese le labbra, il clitoride e l'ingresso vaginale;
    • candidosi vaginale;
    • prolungata assenza di mestruazioni.

    Prevenzione di queste complicazioni:

    1. La vita sessuale è consentita dopo 6 settimane, quando verrà eseguita la visita medica di follow-up e la prima dopo l'intervento si terrà mensilmente.
    2. Durante lo stesso periodo è vietato l'uso di spazzoloni, tamponi vaginali, bagni caldi, nuoto e sollevamento pesi di oltre 3 kg.
    3. Nei primi sei mesi, devi essere protetto dalla gravidanza.

    Per alleviare le sue condizioni dopo la dimissione, è meglio che una donna si prenda cura della fornitura di prodotti in anticipo, per discutere con i suoi familiari i doveri della famiglia.

    Se dopo la rimozione della cervice fa male l'addome inferiore, c'è uno scarico con un odore sgradevole, lo stato di salute peggiora, la temperatura aumenta - dovresti consultare immediatamente un medico. Normalmente, lo scarico può durare 6 settimane, si spalma, di un'ombra marrone, indolore. Quando compaiono uno scarico rosso vivo o coaguli, è necessario consultare un ginecologo per la consultazione.

    Osservazione postoperatoria

    Il primo esame da parte di un medico è previsto dopo 2 settimane. In questo caso, l'esame vaginale non viene effettuato. La donna viene informata dei risultati di una biopsia del tessuto rimosso. Viene discusso un piano per ulteriori osservazioni e trattamenti.

    Pap test e colposcopia vengono eseguiti ogni 3-4 mesi durante i primi 3 anni dopo l'intervento. Quindi gli esami di controllo vengono eseguiti 1 volta in mezzo anno per 2 anni.

    Il medico richiama l'attenzione sulla comparsa di effetti collaterali a lungo termine dell'operazione, che possono apparire anche diversi anni dopo l'intervento:

    • accumulo di linfa nei vasi degli arti inferiori (linfostasi) o nella cavità addominale (linfocele) a causa della rimozione dei linfonodi pelvici (questa complicanza è particolarmente caratteristica della situazione in cui la trachelectomia era associata a radiazioni);
    • stressare l'incontinenza urinaria con azioni che aumentano la pressione intra-addominale, ad esempio quando si starnutisce;
    • problemi con il concepimento e alto rischio di complicanze della gravidanza.

    Gravidanza dopo trachelectomia

    Le donne che hanno avuto una rimozione cervicale, la gravidanza è raccomandata non prima di 6-12 mesi. Circa il 15% dei pazienti presenta difficoltà associate al restringimento della parte inferiore del canale cervicale. In questo caso, vengono mostrate le tecnologie di riproduzione assistita, ad esempio la fecondazione in vitro.

    Durante la gravidanza, il rischio di aborto spontaneo non aumenta. Tuttavia, aumenta la frequenza del travaglio pretermine a causa di un collo più corto o dello sviluppo di corioamnionite. Questo porta alla rottura prematura delle membrane. Nel 4% delle donne, il parto si verifica fino a 32 settimane di gestazione e nel 55% a più di 37 settimane. Per evitare l'interruzione prematura della gravidanza, vengono applicati punti aggiuntivi sul collo o si utilizzano speciali sistemi di ritenuta - i pimenti.

    La consegna vaginale non è effettuata, il bambino è nato da taglio cesareo.

    Nonostante molti centri mondiali utilizzino con successo la trachelectomia nelle giovani donne, non ci sono ancora prove della sua efficacia. Pertanto, tale intervento non si applica al trattamento standard e viene eseguito da ginecologi oncologici altamente qualificati solo se il paziente insiste per avere un bambino in futuro se è adatto a tutti gli altri criteri di ammissibilità per tale operazione di conservazione di organi.

    Quanto dura l'intervento chirurgico per rimuovere la cervice?

    Leggi: 6 minuti 1,457 Visualizzazioni

    L'operazione di rimozione della cervice (trachelectomia) è un intervento chirurgico a basso impatto volto a trattare gravi malattie dell'organo preservando la possibilità di procreazione. L'articolo fornisce informazioni sul corso, durata e metodi di questa manipolazione. È inoltre possibile conoscere la preparazione per esso e le caratteristiche del periodo postoperatorio.

    Essenza dell'operazione

    La trachelectomia consiste nell'asportazione della cervice, 2 cm della parte superiore della vagina e del tessuto circostante. L'apertura dell'accesso alle manipolazioni operative è effettuata in 2 modi: vaginale e laparoscopica (attraverso punture nella cavità addominale). L'intervento chirurgico viene eseguito in anestesia locale o generale. A volte viene utilizzata l'anestesia epidurale, che anestetizza l'intera parte inferiore del corpo. I tagli vengono eseguiti sia con l'aiuto di un bisturi che con l'ausilio di moderne attrezzature (laser, ultrasuoni, criodistruzione, onde radio, corrente elettrica). La maggior parte di queste tecniche elimina la comparsa di cicatrici sull'epitelio operato. Molto spesso, una trachelectomia viene eseguita con un metodo vaginale, in cui la cervice viene attratta dalla vagina e vengono effettuate le necessarie incisioni. L'uso di questo metodo non lascia cicatrici sulla parete addominale.

    Un'operazione per rimuovere la cervice uterina è prescritta nei casi in cui altri metodi di trattamento non portano risultati e vi è una minaccia per la vita e la salute del paziente.

    Le principali indicazioni per la chirurgia:

    • Cancro cervicale (CC).
    • Ricorrenza di polipi e cisti.
    • Endocervicite in forma cronica.
    • Leucoplachia grave (ispessimento dell'epitelio).
    • Deformazione o rottura del collo durante il travaglio.
    • Displasia (condizione precancerosa).
    • Erosione, non suscettibile di trattamento.
    • Ectropion (protrusione di parte del collo nella cavità della vagina).
    • Endometriosi e fibromi.

    Tipi di trachelectomia

    Secondo il grado di complessità, la trachelectomia è divisa in una semplice, durante la quale vengono tagliati il ​​collo e parte della vagina, e radicali, quando vengono rimossi anche i linfonodi della pelvi e il tessuto circostante l'utero.

    Secondo la tecnica di esecuzione, ci sono amputazione a forma di cuneo, conica e alta. Una trachelectomia a forma di cuneo consiste nel tagliare un tessuto a forma di cuneo sulle labbra anteriore e posteriore della cervice, seguito da unire insieme l'epitelio rimanente. Questa tecnica viene utilizzata per eliminare le ghiandole ipertrofiche e cistiche dell'epitelio sottomucoso. L'amputazione del cono comporta la rimozione di un tessuto a forma di imbuto che afferra la mucosa del canale cervicale. Viene eseguita in caso di infiammazione cronica della mucosa del collo, lesioni al parto, displasia. Con l'amputazione alta, l'intera cervice viene tagliata insieme alla gola interna. Questa manipolazione è utilizzata in casi di cancro, rotture profonde di organi e ipertrofia follicolare.

    Preparazione per la manipolazione

    Prima della trachelectomia, al paziente vengono prescritti i seguenti esami e test:

    • colposcopia;
    • risonanza magnetica o tomografia computerizzata;
    • analisi generale, biochimica del sangue e determinazione della sua coagulazione;
    • analisi delle urine;
    • spalmare sulla microflora;
    • biopsia.

    48 ore prima della trachelectomia, è necessario iniziare la pulizia dell'intestino con preparazioni lassative. 8 ore prima della manipolazione è vietato mangiare e bere. Il giorno dell'operazione, i peli vengono rimossi dal pube e dal perineo e viene posizionato un clistere.

    La durata dell'operazione

    A seconda del tipo di manipolazione, la rimozione delle aree interessate e la ricostruzione di un organo può richiedere da 30 minuti a diverse ore. La portata dell'intervento, la gravità della malattia e le qualifiche del medico determinano anche il tempo necessario per l'intervento. La rimozione della cervice attraverso la vagina richiede solitamente fino a 60 minuti, il metodo laparoscopico - fino a 2 ore. Nei tumori maligni, l'amputazione della cervice uterina può richiedere più di 2,5 ore. Se necessario, campionamento tissutale per analisi istologiche e in caso di complicanze aumenta la durata dell'operazione. La più semplice manipolazione sulla cervice è considerata conizzazione, durante la quale il chirurgo rimuove una porzione del tessuto interessato sotto forma di un cono. Tale intervento comporta il taglio non dell'intero collo, ma solo parti di esso, e dura 15-40 minuti.

    Un tipo più complesso di manipolazione chirurgica è l'isterectomia, in cui la cervice viene rimossa insieme al corpo dell'utero, e rimangono le tube e le ovaie di Falloppio. L'operazione viene eseguita in caso di cancro, rapida crescita di escrescenze benigne, complicata da endometriosi, poliposi. L'isterectomia può durare da 40 minuti a 4 ore (negli ultimi stadi dell'oncologia).

    Periodo di riabilitazione

    Il primo giorno dopo la trachelectomia una donna trascorre nel reparto postoperatorio sotto la supervisione dei medici. Per 7-10 giorni è in ospedale, dove prende antidolorifici e antibiotici per prevenire l'infezione.

    Entro 1,5-2 mesi dopo la rimozione della cervice, la donna è vietata da:

    • condurre una vita sessuale;
    • introdurre tamponi e fare siringhe;
    • allenarsi duramente e sollevare pesi superiori a 3 kg;
    • fare bagni, utilizzare la sauna e la piscina.

    Pianificare una gravidanza è permesso almeno sei mesi dopo l'intervento chirurgico.

    Il recupero dopo la chirurgia addominale per rimuovere la cervice può raggiungere 3 mesi.

    2 settimane dopo la trachelectomia, è necessario un esame ginecologo. Nei primi 5 anni dopo l'operazione, è necessario sottoporsi a colposcopia e prendere una macchia per citologia ogni 3 mesi.

    Cosa aspettarsi dopo la rimozione della cervice?

    Il risultato della trachelectomia è la scarica marrone, che è la norma e può durare fino a 6 settimane. In caso di secrezione sanguinolenta o purulenta con un odore sgradevole, così come una temperatura elevata, consultare immediatamente un medico.

    Raramente, possono verificarsi complicazioni sotto forma di infezione da sutura, trombosi venosa, sanguinamento, mancanza di mestruazioni e danni alla vescica. Se durante l'operazione la vagina viene accorciata, i rapporti sessuali possono essere accompagnati da dolore.

    A volte dopo l'intervento, le cicatrici rimangono sull'organo. Questo può essere una minaccia per la salute di una donna se partorisce, poiché aumenta il rischio di rottura e sanguinamento. Il tessuto cicatriziale viene facilmente rimosso con la chirurgia delle onde radio. La procedura è indolore, non lascia ferite, brucia e viene eseguita con lo strumento Surgitron.

    La trachelectomia post gravidanza è possibile, ma in alcuni casi possono insorgere problemi. Restringere o chiudere il canale cervicale e ridurre la produzione di secrezione di muco può interferire con il concepimento. A volte è difficile da eseguire a causa della perdita della posizione ottimale dell'utero. Per evitare ciò, installare i pessari - dispositivi di supporto speciali.

    L'amputazione parziale o completa della cervice rende impossibile il parto naturale. Dopo la manipolazione, un moncone rimane al posto del collo, incapace di maturare, vale a dire abbreviare ed espandere per il passaggio del bambino. Una donna può partorire solo attraverso un taglio cesareo.

    Le malattie cervicali sono sempre più diagnosticate in pazienti in età riproduttiva. Ma la ginecologia non si ferma e appaiono nuovi metodi di trattamento che preservano la capacità di una donna di dare alla luce un bambino. È importante monitorare regolarmente la salute del sistema riproduttivo e la rilevazione tempestiva delle malattie. Dopo tutto, prima cominci a curare la malattia, maggiore è la possibilità di preservare l'organo e non perdere l'opportunità di diventare madre.