Rimozione del polipo endometriale: come eseguire l'operazione, preparazione per esso e le conseguenze

Il polipo endometriale è una delle varietà di iperplasia endometriale, cioè la crescita del suo strato interno. Le cellule dell'educazione possono gradualmente accumulare cambiamenti, che sono considerati precancerosi e poi trasformati in cancro dell'endometrio. Quindi il polipo del corpo dell'utero stesso non è ancora una malattia precancerosa, ma i polipi adenomatosi sono un precancro.

Il metodo più accurato per diagnosticare una malattia è l'isteroscopia, durante la quale viene eseguita una biopsia del polipo, e successivamente il suo esame istologico, cioè determina quali cellule e tessuti è costituito da esso. Qualsiasi polipo endometriale rilevato durante l'isteroscopia deve essere rimosso.

Come rimuovere polipo uterino

Molti studi hanno dimostrato che il curettage diagnostico non consente di eliminare queste strutture in tutti i casi. I polipi composti da tessuti densi - muscolari, fibrosi (soprattutto per un polipo fibroso ghiandolare, si può imparare di più dal nostro precedente articolo) sono particolarmente gravemente rimossi - la frequenza della loro scomparsa dopo il curettage è solo del 12%. Anche il controllo endoscopico simultaneo non consente di evitare il ripetersi della malattia.

La rimozione efficace dei tessuti patologici dovrebbe interessare l'intero endometrio, situato sotto la formazione, fino al suo profondo strato basale. Questo può essere ottenuto solo eseguendo un intervento isteroscopico.

I metodi di rimozione del polipo endometriale comportano l'uso di apparecchiature isteroscopiche convenzionali, nonché l'uso di tecniche elettrochirurgiche o di conduttori laser. La rimozione del polipo endometriale con un laser è una tecnologia moderna che consente di eliminare completamente il tessuto indesiderato, ridurre la probabilità di sanguinamento dal punto di rimozione, ridurre la frequenza delle recidive. Tuttavia, la solita isteroresectoscopia, con una preparazione e un'esecuzione adeguate, ha risultati molto buoni.

Come prepararsi per la chirurgia

Prima di rimuovere i polipi uterini, vengono eseguite le seguenti misure diagnostiche:

  • esame della cervice negli specchi, che aiuta a valutare la sua condizione, la forma del canale cervicale, la presenza di un processo infiammatorio o danno d'organo; questo è importante, perché è attraverso il canale cervicale che saranno inseriti gli strumenti per manipolare l'utero;
  • esame batteriologico di strisci dalla superficie della cervice e pareti vaginali per dimostrare che una donna non ha un'infiammazione batterica degli organi genitali, altrimenti c'è il rischio di infezione nell'utero, che causerà endometrite;
  • striscio di citologia;
  • esame ecografico transvaginale, in cui il sensore è posto nella vagina ed esamina l'utero senza interferenze, che crea la parete addominale;
  • esame clinico generale - esami del sangue (generali e biochimici) e delle urine, microreazione per la sifilide, analisi del sangue per l'HIV, marcatori di epatite virale, elettrocardiogramma, fluorografia polmonare, esame da parte di un terapeuta.

Controindicazioni per eliminazione di un polipo:

  • malattie infiammatorie della vagina, della cervice, dell'utero o appendici causate sia dalla flora banale che da infezioni trasmesse sessualmente (per esempio, la clamidia) - l'operazione viene eseguita dopo essersi liberati di queste malattie;
  • esacerbazione della candidosi genitale (mughetto) o vaginosi batterica (disbiosi vaginale);
  • sanguinamento intenso dal tratto genitale, causato da iperplasia endometriale o altre cause, prima che si fermi;
  • la gravidanza;
  • patologia della cervice, che impedisce il trattenimento di strumenti isteroscopici nell'utero (cancro, stenosi, grave deformità cicatriziale dopo rotture del travaglio e così via);
  • malattie concomitanti gravi nello stadio di scompenso (ad esempio diabete mellito con glicemia alta e emoglobina glicata, ipertensione arteriosa con ipertensione) o esacerbazioni (ad esempio ulcera gastrica, asma bronchiale e altre);
  • infezione respiratoria acuta.

Non è richiesta una preparazione speciale per la rimozione del polipo endometriale. Durante la settimana precedente alla procedura, è auspicabile l'uso del riposo sessuale o del preservativo. E 'meglio non usare spazzolini, compresse vaginali, supposte e creme per qualsiasi scopo.

Il giorno prima dell'operazione a pranzo, puoi prendere cibo digeribile, eliminare pane nero, cavoli, legumi, ma è meglio rifiutare la cena o bere un bicchiere di kefir. Il liquido non è limitato. La mattina del giorno dell'intervento non dovrebbe essere la colazione e bere. La sera e al mattino, un clistere purificante viene eseguito come prescritto dal medico.

Un tempo di operazione adatto è determinato dal medico, di solito è 2-3 giorni dopo la fine delle mestruazioni, cioè 6-9 giorni del ciclo, perché in questo momento l'endometrio non si è ancora ristabilito, ma il suo rifiuto mestruale è già stato completato. In questi giorni i polipi sono meglio visibili, sono più facili da rimuovere, meno spesso la chirurgia è accompagnata da complicazioni, come il sanguinamento.

Intervento operativo

La chirurgia per rimuovere un polipo endometriale viene di solito eseguita in un ospedale. La durata del ricovero è breve, non superiore a diversi giorni.

Il paziente si trova sulla sedia ginecologica, inizia l'introduzione della terapia del dolore per via endovenosa. Allo stesso tempo, la donna si addormenta e non sente nulla. L'anestesia generale per via endovenosa può essere sostituita con anestesia spinale o anestesia endotracheale. La decisione sul tipo di anestesia è presa dall'anestesista a seconda di molti fattori, tra cui:

  • la probabile durata della manipolazione e il suo volume;
  • malattie concomitanti;
  • intolleranza al farmaco, casi di allergia all'introduzione di antidolorifici;
  • la possibilità di complicazioni durante l'operazione.

In ogni caso, è necessaria un'adeguata analgesia, poiché il dolore e altre reazioni negative possono verificarsi quando il canale cervicale viene dilatato per iniettare un isteroscopio.

Come viene eseguita l'operazione?

Dopo che il paziente è stato sottoposto ad anestesia, il ginecologo elabora gli organi genitali esterni con una soluzione antisettica e introduce i dilatatori del canale cervicale - strumenti speciali che "allungano" il canale fino alla dimensione desiderata per la libera introduzione dell'isteroscopio. L'utero è pieno di liquido o gas per raddrizzare le pareti.

Efficace metodo di rimozione del polipo endometriale - isteroresectoscopia

Singoli polipi, con una gamba ben marcata, vengono rimossi con forbici o pinze inserite attraverso il canale dell'isteroscopio. Questi strumenti sotto controllo visivo (l'isteroscopio è dotato di una videocamera miniaturizzata, che consente di vedere l'area di funzionamento) viene eseguito sullo stelo del polipo e tagliato. Tale procedura può essere eseguita utilizzando un loop resettoscopio. La rimozione laser del polipo viene eseguita allo stesso modo. Dopo la rimozione, il sito di intervento viene attentamente esaminato di nuovo per garantire l'assenza di istruzione.

Se il polipo si trova vicino alla bocca delle tube di Falloppio, ci sono difficoltà tecniche dell'operazione, perché in questo punto la parete dell'utero è molto sottile, solo 3-4 mm, e aumenta il rischio di danni. Pertanto, viene utilizzata la separazione meccanica del polipo e la resezione elettrica viene spesso rifiutata.

Una resettoscopia che utilizza un elettrodo ad anello (polipectomia elettrochirurgica) viene più spesso utilizzata per rimuovere le lesioni di grandi dimensioni localizzate vicino alla parete dell'utero (vicino alla parete) con una struttura fibrosa densa. Il cavo porta a un polipo e lo taglia a terra. Se la rimozione viene eseguita meccanicamente, viene prima svitato, e quindi la gamba del polipo viene ulteriormente rimossa con forbici o pinze inserite attraverso un isteroscopio. Allo stesso tempo, il canale cervicale è dilatato con estensori di Gegar.

Quanto dura la rimozione? Il tempo di intervento dipende dalla complessità dell'operazione, dalle dimensioni del polipo, dalla sua posizione, dall'esperienza del ginecologo e da molti altri fattori. In media, la manipolazione richiede circa 30 minuti. Con più formazioni, difficoltà tecniche con l'introduzione di un isteroscopio o la rimozione della formazione stessa, l'intervento dura più a lungo. Anche la durata dell'anestesia aumenta se necessario.

Periodo dopo l'intervento

Normalmente, entro 2-3 giorni dalla rimozione del polipo endometriale, il paziente ha dimissione. Sono scarsi, "macchiati" e passano da soli, non appena il luogo di rimozione "guarisce". Il paziente può provare un leggero disagio nell'addome inferiore e nella zona degli organi genitali esterni, non è pericoloso ed è associato al restauro della cervice.

Se lo stomaco fa male dopo l'intervento, il medico prescrive antidolorifici. È possibile utilizzare strumenti sotto forma di supposte rettali, sono più sicuri e non meno efficaci degli analgesici convenzionali.

Se i dolori aumentano e la scarica sanguinolenta aumenta, così come la loro durata più di 5-6 giorni, è necessario consultare immediatamente un medico. Tali segni indicano complicazioni della procedura.

Effetti negativi dell'isteroscopia e della rimozione del polipo:

  • perforazione (perforazione) della parete uterina;
  • endometritis;
  • sanguinamento dal luogo di rimozione dell'istruzione.

Durante i primi 2-3 giorni una donna può avere la febbre. Molto spesso questa è una conseguenza dell'esacerbazione del processo infiammatorio cronico nelle tube di Falloppio. Inoltre, dopo la rimozione di polipi multipli, si verifica un'infiammazione asettica (priva di germi) nella parete uterina - una risposta naturale del corpo, volta a ripristinare l'integrità della mucosa.

Con la comparsa di complicazioni, spesso viene eseguita un'isteroscopia ripetuta, oltre a curettage dell'utero, antibiotici, farmaci per la disintossicazione e ormoni.

Raccomandazioni dopo la rimozione dell'istruzione per la prevenzione delle complicanze infiammatorie:

  • riposo sessuale durante la settimana, mentre la cervice si sta ristabilendo;
  • evitare l'uso di tamponi vaginali;
  • la manipolazione e l'uso di forme di dosaggio vaginale non dovrebbero essere eseguite senza la prescrizione del medico.

Cosa non si può fare durante la prima settimana dopo l'intervento chirurgico:

  • andare in sauna, bagno;
  • fare un bagno caldo;
  • raggiungere la piscina o il solarium;
  • fare sport, fare un duro lavoro fisico.

I principali problemi che sorgono a lungo termine dopo la rimozione del polipo

Quando inizieranno le mestruazioni?

Nonostante la rimozione della formazione, lo sfondo ormonale della donna non è disturbato, quindi, i periodi mestruali dopo la rimozione del polipo endometriale si verificano in tempo, solo una leggera deviazione nei tempi della comparsa delle mestruazioni è possibile. Mensile abbondante - una variante del corso normale del periodo di recupero. Tuttavia, se passano a sanguinamento uterino, un bisogno urgente di consultare un medico.

Quando puoi rimanere incinta?

La gravidanza dopo la rimozione del polipo endometriale può verificarsi già nel ciclo attuale, se la terapia ormonale non inizia. Tuttavia, questo non è uno sviluppo del tutto favorevole degli eventi, perché una donna ha bisogno di riabilitazione per il pieno recupero.

Il periodo ottimale per il quale lo strato interno dell'utero è completamente restaurato è di 3 mesi. È per questo periodo che vengono prescritti contraccettivi orali combinati. La loro cancellazione provoca il cosiddetto effetto di ri-gioco, a causa del quale aumenta la probabilità di gravidanza. Se i polipi endometriali erano la causa dell'infertilità, è in questo momento che arriva il momento più favorevole per il concepimento.

Quale trattamento è prescritto dopo la rimozione del polipo endometriale?

La questione dell'opportunità di prescrivere farmaci ormonali rimane controversa. Alcuni medici ritengono che quando viene rimosso un piccolo polipo, la terapia farmacologica può essere evitata. Altri sostengono che la terapia ormonale è appropriata perché influenza il ripristino della normale funzione endometriale. Gli ormoni sono prescritti per polipi ghiandolari funzionali, formazioni adenomatose, nonché per la combinazione di polipi con iperplasia endometriale.

Di solito vengono prescritti contraccettivi orali combinati o progestinici (Duphaston). La scelta del farmaco, il suo dosaggio e la durata del ricovero sono determinati dal medico. Di solito è di 3 mesi. Spesso alle donne viene offerto di installare un dispositivo intrauterino contenente Levonorgestrel - Mirena. Queste attività, oltre a ripristinare la funzione dell'endometrio, sono finalizzate alla pianificazione della gravidanza.

Supervisione clinica del paziente sottoposto alla rimozione del polipo, effettuato durante l'anno.

Quale dovrebbe essere il trattamento dopo la rimozione del polipo endometriale nell'utero: le raccomandazioni dei medici e il feedback delle donne

Polipi e iperplasia sono i processi più comuni che possono verificarsi sul rivestimento interno della cavità uterina.

Secondo i rapporti, circa il 25% delle donne può soffrire di questa malattia.

La malattia può manifestarsi in donne di età diverse.

Ma il più delle volte viene diagnosticato in pazienti in età premenopausale, così come in quelli in menopausa.

Il polipo uterino può essere singolo o multiplo.

Essenza di patologia

Il polipo endometriale è un tumore tumore benigno, che in alcuni casi può trasformarsi in un tumore maligno.

Cos'altro sono polipi pericolosi, leggi qui.

Il più delle volte, la malignità si verifica in presenza di un polipo adenomatoso, tuttavia, il rischio di malignità è presente in ogni caso.

Se consideriamo una neoplasia da un punto di vista microscopico, si tratta di una crescita dalle cellule dello strato basale, in cui le ghiandole si trovano in un ordine caotico, e il tessuto connettivo può anche essere presente nella struttura del polipo.

L'educazione polifera ha una gamba, con la quale è attaccata al muro dell'utero.

Periodo di recupero

Nella maggior parte dei casi, la procedura per la rimozione del polipo endometriale è ben tollerata dalle donne.

Il recupero dopo l'intervento chirurgico è piuttosto lungo e può richiedere sei mesi o anche un po 'di più.

Durante il periodo di recupero, si raccomanda una donna:

  • assumere farmaci ormonali;
  • venire ad un appuntamento con un ginecologo almeno una volta al mese;
  • seguire tutte le istruzioni del medico.

Entro 1-2 mesi dalla manipolazione, viene imposta una serie di restrizioni alla vita del paziente - astenendosi dall'intimità intima, eccetto la visita ai bagni, alle saune, ma non è consigliabile fare il bagno e sollevare pesi.

Sintomi dopo la rimozione

Dopo aver rimosso un polipo da una donna, la scarica è osservata per un po 'di tempo, di norma, dura 15-20 giorni.

Il sanguinamento si verifica a causa del taglio della gamba della neoplasia, nonché a seguito di raschiatura, che vengono prodotti in presenza di polipi multipli.

La durata di tale scarico dipende da:

  1. Tipo di polipo remoto. In caso di rimozione di adenoma o formazione ghiandolare, il sanguinamento non sarà forte e corto. E quando rimuovi un polipo fibroso, il sanguinamento potrebbe essere più lungo, perché ci sono più vasi sanguigni in esso.
  2. La dimensione della neoplasia. Maggiore è l'area di guarigione, maggiore è il volume di scarico.
  3. La profondità della germinazione dello stelo nell'endometrio. Con una posizione profonda delle gambe, il rischio di danni ai vasi della mucosa è più alto.

Inoltre, una donna può essere disturbata da sensazioni dolorose debolmente espresse, che per loro natura assomigliano al dolore durante le mestruazioni.

Una settimana dopo l'intervento, la donna deve necessariamente apparire dal ginecologo per assicurarsi che non ci siano complicazioni. Dopo l'esame di follow-up, al paziente vengono fornite raccomandazioni per ulteriori trattamenti.

Come comportarsi e cosa non si può fare

Affinché il periodo di recupero passi senza complicazioni, durante il primo o anche due mesi, la donna non è raccomandata:

  1. Fare il bagno - tutte le procedure igieniche eseguite solo sotto la doccia. Inoltre, è vietato visitare i bagni e le saune e in altri modi per surriscaldare il corpo, poiché ciò potrebbe contribuire a un aumento del sanguinamento.
  2. Prendi l'acido acetilsalicilico e altri farmaci che fluidificano il sangue e possono anche aumentare la quantità di sangue secreto.
  3. Sollevare pesi e impegnarsi in pesanti lavori fisici o sportivi.
  4. Entra in relazioni intime.

Terapia farmacologica

La terapia ormonale è considerata il metodo più efficace per prevenire l'iperplasia e l'endometriosi, che molto spesso agiscono come fattore scatenante per lo sviluppo di un polipo uterino.

Dopo la rimozione della neoplasia, alla donna vengono somministrati questi farmaci per circa 3 mesi.

La scelta del farmaco è determinata dal medico che prende in considerazione l'età del paziente e i suoi piani futuri per la gravidanza.

Più comunemente prescritto:

  1. Yarina. La droga combinata, che è composta da un gestageno e da un estrogeno. Questo strumento è prescritto alle donne del periodo riproduttivo, che pianificano successivamente la gravidanza.
  2. Duphaston. Questo farmaco viene prescritto ai pazienti per 35 anni. Come parte del mezzo gestagen, poiché un eccesso di estrogeni a questa età può dare un impulso allo sviluppo dei tumori.
  3. Mirena. Questa è una bobina ormonale, è stabilita per i pazienti che non prevedono di avere figli nel prossimo futuro. La composizione di questa spirale include un componente ormonale che ripristina il pozzo endometrio.
  4. DIMIA. La composizione di questo farmaco è identica al progesterone naturale, di solito è prescritta a quelle donne che hanno una maggiore concentrazione di estrogeni.

In alcuni casi, un polipo si forma a causa di un processo di infezione negli organi genitali, in questi casi sono prescritti:

  1. Indometacina. A volte dopo l'operazione si può osservare un aumento della temperatura, il che significa che funzionerà come antipiretico, anti-infiammatorio e anti-edema.
  2. Meloxicam. Farmaco antinfiammatorio e analgesico che allevia possibili dolori nel periodo postoperatorio.
  3. Diclofenac. Agente anestetico e antinfiammatorio, che viene prescritto a quasi tutte le donne che si sottopongono all'intervento per rimuovere il tumore.
  4. Piroxicam. Ha lo stesso effetto di Diclofenac, ma ha meno controindicazioni.

Medicina popolare

Prima di utilizzare qualsiasi metodo, è necessario consultare un medico, perché nel periodo postoperatorio l'uso incontrollato dei metodi tradizionali può portare a vari tipi di complicanze.

Le erbe più comunemente usate sono:

Per mantenere l'immunità, prendi le erbe con un effetto immunostimolante:

  • madre e matrigna;
  • radice di liquirizia;
  • ginseng siberiano;
  • citronella e molti altri.

la siringa

I duplicati giornalieri vengono assegnati per un periodo di un mese, e se durante l'operazione è stato eseguito il curettage, allora si raccomanda di lavarlo per 3 mesi.

nominato da:

  1. Clorexidina. Agente antimicrobico, che viene utilizzato in forma diluita. Il dosaggio è determinato dal medico. Ci possono essere alcuni effetti collaterali - allergie, prurito, eruzioni cutanee.
  2. Camomilla. Oltre all'effetto antibatterico, il decotto di camomilla ha effetti antinfiammatori e lenitivi. In presenza di reazioni allergiche deve essere usato con cautela.

Quando fare un'ecografia?

Dopo la rimozione del polipo nell'utero, la donna dovrebbe venire all'ecografia di controllo per 5-7 giorni del ciclo mestruale.

Ulteriori esami preventivi sono nominati da uno specialista.

Come vanno i periodi?

Dopo l'intervento chirurgico, i periodi possono arrivare in 28-40 giorni.

Dipende da molti fattori: la quantità di intervento, l'età della donna, il tipo di polipo e così via. Più è estesa l'operazione, più è probabile il ritardo.

Raccomandazioni del dottore

Oltre alle limitazioni di cui sopra, i medici dopo la rimozione del polipo raccomandano quanto segue:

  • osservare l'igiene intima;
  • controllo della temperatura giornaliero;
  • scartare i tamponi - usare solo i pad;
  • non inserire candele, compresse vaginali e creme nella vagina;
  • dieta razionale ed equilibrata;
  • prevenire la ritenzione di urina - svuotare la vescica in modo tempestivo;
  • regolarmente venire per controlli di routine.

Perché crescere dopo l'intervento

Sfortunatamente, le ricadute della malattia sono possibili.

In alcuni casi, sono associati alla rimozione incompleta dell'istruzione, ma è anche possibile nei seguenti casi:

  • caratteristiche individuali dell'organismo - ereditarietà;
  • complicazioni post-intervento;
  • bassa immunità;
  • squilibrio ormonale;
  • processo infiammatorio cronico;
  • assunzione non autorizzata di contraccettivi orali.

Per ridurre il rischio di una possibile recidiva, sono necessarie le seguenti misure preventive:

  • prendere gli ormoni prescritti da un medico;
  • rafforzando il corpo - prendendo vitamine;
  • terapia antibatterica (se necessario);
  • Esami regolari del ginecologo

Posso rimanere incinta?

È impossibile rimanere incinta subito dopo la rimozione del polipo, perché durante il periodo di recupero la donna prende un trattamento ormonale.

La durata di tale terapia può essere di 3 mesi.

La gravidanza dopo la rimozione del tumore è più possibile rispetto alla sua presenza. Il più delle volte si verifica entro 6 mesi dopo l'abolizione degli agenti ormonali.

Non è consigliabile posticipare il concepimento per un periodo più lungo. Poiché la poliposi è una malattia ricorrente, la sua ricomparsa è possibile e un ostacolo si ripresenterà di nuovo per la gravidanza.

La gravidanza dopo la rimozione del polipo, di regola, scorre normalmente e non è accompagnata da complicazioni.

Se puoi rimanere incinta dei polipi nell'utero, leggi qui.

Possibili complicazioni

L'operazione per rimuovere un polipo può avere le seguenti complicazioni:

  1. Perforazione dell'utero. Sintomi: febbre, debolezza, acuti dolori all'addome inferiore, tachicardia, sanguinamento, abbassamento della pressione sanguigna.
  2. L'infiammazione. Questa complicazione si verifica più spesso quando non si rispettano le regole dell'antisepsi e dell'asepsi.
  3. La formazione di aderenze e cicatrici, che in futuro potrebbero portare a difficoltà con il concepimento. Per evitare questi effetti, si consiglia di eseguire l'operazione con metodi moderni e meno traumatici.
  4. Hematometra. Questa è una raccolta di sangue nella cavità uterina. Sintomi: lieve febbre, assenza di sanguinamento, dolore al basso addome, scarso scarico marrone, secchezza e pallore della pelle.
  5. Trasformazione in una formazione maligna. Il più delle volte osservato nel caso in cui un polipo adenomatoso non è stato completamente rimosso.
  6. Relapse. Nessuno dei metodi di rimozione dei polipi oggi disponibili garantisce al 100% che l'educazione non riappaia.

Modi per rimuovere il polipo endometriale e se accettare o meno l'isteroscopia

La rimozione del polipo endometriale oggi è un'operazione sicura, veloce ea basso impatto. Tuttavia, insieme ai metodi moderni, sono ancora praticati quelli vecchi. In questo articolo ti spiegheremo in dettaglio tutti i modi per sbarazzarsi delle formazioni nell'utero, che sono attualmente utilizzate in varie cliniche.

Una tale crescita sull'endometrio è un tumore benigno, ma un'anomalia, e quindi non è un segno della salute del sistema riproduttivo. Molto spesso, le formazioni sono formate sullo sfondo di disturbi endocrini, iperplasia del rivestimento uterino o processi infiammatori cronici. Nel corso del tempo, la situazione peggiora e porta a serie complicazioni:

  1. Volume insignificante, ma il sanguinamento prolungato indebolisce il corpo, si verifica anemia. Il paziente è pallido, pigro, disperso.
  2. I polipi sono spesso danneggiati e diventano una ferita aperta all'interno dell'utero, in cui i patogeni possono moltiplicarsi ed esistere, portando ad un processo di infezione cronico.
  3. Spesso le escrescenze sull'endometrio diventano un ostacolo al concepimento. Una donna non può rimanere incinta per molto tempo e durante un esame si trova un polipo all'interno dell'utero. I ginecologi confrontano il suo effetto con l'azione dell'elica contraccettiva.
  4. Se la fecondazione avviene, la crescita può provocare aborto, ipossia, morte dell'embrione o rallentare significativamente lo sviluppo.
  5. Aumentando e crescendo, i polipi deformano l'endometrio, interrompendo il normale funzionamento del sistema riproduttivo del paziente, che può causare altre patologie dell'utero.
  6. Una formazione di questo tipo sulla superficie dell'endometrio con il tempo può essere maligna e diventare un tumore oncologico. I polipi adenomatosi sono più suscettibili alla neoplasia, ma non è esclusa una tale complicazione con altri tipi di formazioni nella cavità uterina.

Attenzione! Qualsiasi polipo, dal punto di vista della scienza medica, è una condizione precancerosa.

Oltre a queste gravi conseguenze che si verificano per un lungo periodo di tempo, e anche allora non del tutto, il paziente è tormentato da sintomi di patologia endometriale:

  • Le mestruazioni per 7-8 giorni. Con gravi PMS, abbondanti perdite e dolore;
  • Contatto sanguinamento durante il sesso, che è anche accompagnato da dolore;
  • Daub marrone o rosso in menopausa.

Tutto questo insieme è completato dalla mancanza di farmaci efficaci garantiti contro le formazioni. Pertanto, i ginecologi consigliano di non evitare di rimuovere la crescita.

Il paziente ha il diritto di scrivere una rinuncia all'operazione, ma la responsabilità per le conseguenze in questo caso viene rimossa dai medici. Relativamente sicure sono piccole formazioni singole, senza sintomi spiacevoli, che regrediscono sotto l'influenza della terapia farmacologica.

Ci sono diversi modi per rimuoverli, ognuno dei quali si distingue per complessità, durata del restauro, possibili conseguenze e disponibilità di attrezzature.

Nella consultazione femminile statale di una piccola città, il paziente sarà probabilmente offerto di rimuovere il polipo uterino in questo modo. La procedura non richiede attrezzature mediche speciali ed è disponibile ovunque gratuitamente.

Sulla base di studi diagnostici, il medico determinerà approssimativamente il luogo di manipolazione e rascherà l'endometrio in quest'area con una curetta con uno strumento appuntito. A volte, per ogni evenienza, viene pulita l'intera superficie del rivestimento interno dell'utero. Non solo i tessuti sono gravemente danneggiati a causa di manipolazioni, il movimento incurante può portare a un muro tagliato. Lo svantaggio principale è la bassa efficienza, nell'80% dei casi la recidiva si verifica a causa dei restanti frammenti della gamba del polipo.

Attenzione! Nelle moderne cliniche private, il raschiamento viene utilizzato a scopo diagnostico per esaminare lo stato dell'endometrio nel canale cervicale e nella cavità uterina.

Un altro modo disponibile e libero è quando l'intero endometrio viene risucchiato dall'utero del paziente per rimuovere la formazione con un dispositivo speciale. L'attrezzatura è destinata agli aborti nelle prime fasi. Il metodo è parecchie volte meno dannoso del curettage, ma l'efficienza è simile.

Il metodo di chirurgia più moderno, sicuro ed efficace per i polipi all'interno dell'utero. Condotto in casi standard senza complicazioni a livello ambulatoriale, nella situazione opposta in ospedale. L'anestesia locale può essere utilizzata per l'anestesia, ma più spesso lo fanno in comune con una breve durata.

Procedura della procedura:

  1. Trattamento antisettico dei genitali del paziente.
  2. Introduzione dell'anestesia.
  3. Installazione del dilatatore della cervice.
  4. Posizionamento del tubo attraverso il quale vari strumenti scorreranno.
  5. Riempire l'utero con una soluzione speciale per garantire una circolazione costante e una pressione adeguata. È necessario per la normale visibilità e libertà di azione.
  6. Introduzione della telecamera con illuminazione.
  7. Rilevazione dei polipi e valutazione dell'intero endometrio.
  8. Fornire il dispositivo di rimozione.
  9. La separazione del corpo e delle gambe dell'educazione.
  10. Manipolazione delle ferite
  11. Ri-ispezione del campo chirurgico.
  12. Rimozione di strumenti.
  13. Lavare l'utero con un antisettico.
  14. Rimozione dell'espansore.
  15. Invio di crescita all'istologia.
  16. Posizionare il paziente nell'unità di terapia intensiva per diverse ore.

L'isteroresectoscopia può variare nel tipo di attrezzatura utilizzata per rimuovere il polipo uterino:

  • L'escissione meccanica comporta il taglio della formazione e la rimozione dell'endometrio in questa posizione;
  • L'uso dell'elettrodo aiuterà a separare il corpo del polipo e a saldare la ferita. A volte una combinazione con il metodo precedente viene utilizzata quando, dopo aver svitato o tagliato, la base viene trattata con una corrente;
  • A volte vengono applicati preparati chimici o azoto liquido per rimuovere la crescita, questo metodo è valido solo per piccoli polipi.

Rimozione del polipo endometriale: metodi, controindicazioni

I polipi endometriali sono chiamati escrescenze benigne formate nella mucosa uterina. La rimozione meccanica è l'unico modo efficace per sbarazzarsi di loro. Aumentando di dimensioni, i polipi deteriorano la qualità dell'endometrio, che nelle donne giovani porta a una diminuzione delle probabilità di rimanere incinta e alla comparsa di altre complicanze. Può verificarsi una degenerazione maligna delle neoplasie. Pertanto, è importante rilevare e sbarazzarsi tempestivamente di una tale minaccia. Esistono diverse opzioni per le operazioni che sono selezionate in base all'età del paziente.

Quali fattori vengono presi in considerazione quando si sceglie un metodo di trattamento

Un polipo è una neoplasia arrotondata o leggermente allungata con uno stelo sottile o ispessito. Cresce dalle cellule dello strato basale (interno) dell'endometrio, è formato dai tessuti connettivo (fibroso), muscolare e ghiandolare. Talvolta uno di loro prevale nella struttura, ad esempio si forma un polipo fibroso o ghiandolare. È anche possibile l'emergere di tumori con una struttura mista.

Il trattamento farmacologico non dà risultati, dal momento che i polipi non si dissolvono dopo l'assunzione di farmaci ormonali. La natura dell'intervento chirurgico dipende dal tipo di tumori, dal loro numero e localizzazione. La rimozione del polipo endometriale nelle giovani donne viene effettuata, cercando di preservare la funzionalità dell'utero e la capacità della donna di generare figli. Nel trattamento dei pazienti in menopausa, le operazioni vengono eseguite utilizzando metodi più radicali, poiché durante questo periodo aumenta la probabilità di degenerazione maligna.

Tipi di operazioni per rimuovere i polipi, i loro vantaggi e svantaggi

I principali metodi di operazioni per la rimozione dei polipi sono:

  • curettage di polipi (curettage);
  • hysteroresectoscopy;
  • resezione di un polipo con ablazione endometriale;
  • polipo tagliato al laser.

Il metodo di operazione è scelto dal dottore.

raschiatura

In questa operazione, la rimozione dei tumori viene eseguita utilizzando un cucchiaio speciale, affilato su un lato (curette). Questo metodo è il più primitivo, la sua efficacia rispetto a quella più moderna non è abbastanza grande. L'operazione viene eseguita alla cieca. Dopo l'isteroscopia diagnostica, il medico deve ricordare dove si trova il polipo. In questo caso, non è sempre possibile rimuovere completamente la gamba che è germogliata in profondità nell'endometrio. Pertanto, i polipi spesso ricrescono. Lo svantaggio del metodo è il trauma aumentato. Esiste la possibilità di un taglio del muro dell'utero e sanguinamento.

hysteroresectoscopy

Il vantaggio è la capacità di rilevare e rimuovere con precisione un polipo endometriale utilizzando un dispositivo isteroscopio inserito nell'utero attraverso la vagina. L'immagine viene ingrandita più volte e visualizzata sullo schermo. Il tubo ottico dell'isteroscopio si trova all'interno della cassa metallica, dove c'è un canale speciale attraverso il quale gli strumenti flessibili vengono inseriti nell'utero. Utilizzando tale dispositivo, è possibile effettuare la rimozione diagnostica di una parte dell'endometrio (biopsia).

Le singole formazioni vengono rimosse immediatamente dopo l'esame, il materiale viene inviato per l'esame istologico per studiare la struttura cellulare e la rilevazione di elementi atipici. Il vantaggio di questa tecnica è la possibilità di avvistare l'uso di strumenti. In questo caso, le pareti dell'utero non sono danneggiate e la gamba, trafitta con vasi, viene completamente rimossa. La probabilità di recidiva dopo tale rimozione è significativamente inferiore rispetto al normale curettage.

Esistono diversi tipi di dispositivi, che differiscono nel numero di strumenti che possono essere inseriti nell'utero. Hanno un dispositivo per lavare la sua cavità, un elettrodo ad anello usato come un coltello, pinze per tagliare un polipo.

In questo modo, viene eseguita la rimozione di piccoli polipi endometriali. La condizione dell'utero dopo l'intervento chirurgico è monitorata dagli ultrasuoni. Se viene rilevata un'iperplasia endometriale estesa, viene completamente rimossa. Il materiale sequestrato viene inviato per istologia.

Video: rimozione della poliposi mediante isteroresectoscopia

Rimozione di un polipo seguito da elettrodistruzione (ablazione) dell'endometrio

Tale operazione viene eseguita principalmente nel trattamento di pazienti anziani che hanno proliferazione di polipi, portando a sanguinamento uterino. La linea di fondo è che dopo la rimozione di grandi polipi dell'endometrio, i tessuti sono completamente distrutti utilizzando una corrente elettrica (viene eseguita l'ablazione). Dopo tale operazione, il rivestimento dell'utero non viene più ripristinato.

Spesso viene eseguita la distruzione elettrica invece della completa rimozione dell'utero e delle appendici. Permette di evitare la rimozione radicale di organi nei casi in cui si verifica una condizione precancerosa (cioè, durante l'analisi istologica vengono rilevate cellule atipiche).

Rimozione laser

In questo metodo, la neoplasia viene tagliata in strati separati usando un raggio laser, e quindi la ferita viene cauterizzata in modo che non ci sia emorragia. Con l'aiuto di apparecchiature video, l'immagine viene visualizzata sullo schermo, quindi il medico durante le manipolazioni può commettere un errore e non può ferire l'utero.

L'intera procedura richiede non più di mezz'ora. La ferita guarisce rapidamente, non rimangono cicatrici sulla superficie interna dell'utero.

Preparazione per la chirurgia

Prima dell'operazione per rimuovere un polipo endometriale, il paziente viene esaminato. Consiste nell'effettuare le seguenti procedure:

  • esame della cervice mediante specchi ginecologici, che valuta la condizione della mucosa (danno, infiammazione) e la possibilità di introdurre strumenti;
  • prendendo uno striscio dalla vagina e dalla cervice per l'analisi della flora batterica e l'assenza di malattie infettive;
  • striscio di citologia per cellule atipiche;
  • ecografia transvaginale, quando un sensore viene inserito nell'utero attraverso la vagina per esaminarne la superficie;
  • esami del sangue per zucchero, virus e infezioni;
  • analisi generale e biochimica delle urine.

Lo stato di salute generale è studiato: il paziente viene esaminato da un terapeuta, un cardiologo.

Una settimana prima dell'operazione, una donna dovrebbe smettere di avere rapporti sessuali senza preservativo. Non puoi trattenere i denti, usare unguenti vaginali, candele, pillole.

Alla vigilia della rimozione del polipo endometriale, è necessario passare ad una dieta leggera, eliminando dagli alimenti dietetici che causano gonfiore (cavolo, pane nero, fagioli e altri). Prima dell'operazione è un clistere purificante.

Quando si trattano le giovani donne, l'operazione viene solitamente eseguita 2-3 giorni dopo la fine delle mestruazioni, poiché lo spessore dell'endometrio durante questo periodo è minimo, le neoplasie sono più facili da esaminare. La probabilità di sanguinamento è molto inferiore.

Controindicazioni per la rimozione di polipi

L'intervento chirurgico non viene effettuato se una donna ha malattie infiammatorie o infettive di qualsiasi natura negli organi genitali interni o esterni. L'operazione è ritardata fino al completo recupero.

Controindicazioni a tale intervento è la presenza di sanguinamento uterino, che è difficile da fermare con l'aiuto di droghe. Spesso, in questi casi, solo la chirurgia addominale aiuta.

L'introduzione di strumenti nell'utero è impossibile se ci sono suture sulla cervice, lacrime dopo il parto, e c'è anche un restringimento significativo del canale cervicale. L'operazione non viene eseguita quando il paziente è affetto da diabete mellito, ipertensione, asma, malattie infettive degli organi respiratori, ulcere gastriche acute, sangue e malattie vascolari.

La rimozione del polipo endometriale non viene eseguita durante la gravidanza. L'operazione è ritardata per il periodo postpartum.

Chirurgia per rimuovere polipi

La durata dipende dalla tecnica scelta.

Le nuove crescite situate all'ingresso delle tube di Falloppio vengono solitamente rimosse meccanicamente usando pinze o forbici speciali. Il muro dell'utero qui è il più piccolo spessore, quando si usano altre tecniche è facile da danneggiare. La rimozione di grandi neoplasie su un gambo sottile viene eseguita torcendo la testa del polipo. La gamba rimanente viene poi ulteriormente raschiata dalla parete uterina.

La resezione elettrica usando un elettrodo a forma di anello è più spesso usata quando si rimuovono polipi fibrosi che hanno una struttura densa (di solito si trovano sulle pareti dell'utero). Le operazioni sono eseguite in anestesia generale. Se il paziente ha controindicazioni all'uso di farmaci appropriati, viene eseguita l'anestesia spinale.

Recupero dopo l'intervento chirurgico

Il completo ripristino del funzionamento del sistema riproduttivo avviene circa sei mesi dopo la rimozione dei polipi endometriali. In questo momento, una donna deve sottoporsi a un esame pelvico una volta al mese, eseguire un'ecografia e assumere preparazioni ormonali. Sono prescritti per eliminare la causa dell'iperplasia endometriale e ripristinare l'equilibrio ormonale.

Le giovani donne sono trattate con COC. I pazienti più anziani sono prescritti farmaci progestinici per eliminare iperestrogenia. Inoltre, sono prescritti farmaci anti-infiammatori e lavaggi con soluzioni antisettiche.

Avvertenza: la medicina tradizionale (antidolorifici, decotti antinfiammatori e infusi) viene utilizzata solo dopo aver consultato il medico.

Si raccomanda al paziente di astenersi dai rapporti sessuali per 1 mese dopo l'intervento. Non dovrebbe andare in sauna, fare il bagno nella vasca da bagno (solo sotto una doccia calda), usare una bottiglia di acqua calda se ci sono sensazioni dolorose nell'addome, praticare anche sport e sollevare più di 3 kg.

Possibili complicazioni e conseguenze

Le complicazioni quando effettuano la rimozione di un polipo endometrial, particolarmente da metodi low-traumatici moderni, sono rare. Questi includono:

  1. Perforazione dell'utero (attraverso il taglio del suo muro). Questo può accadere durante il curettage o l'isteroscopia.
  2. Inclusione di infezione nell'utero e occorrenza del processo infiammatorio strumenti preparati in modo improprio.
  3. La formazione di aderenze all'interno dell'utero, cicatrici sul sito di rimozione di tumori.
  4. L'accumulo di sangue nell'utero (ematometro). Può verificarsi a causa di sanguinamento interno, un taglio che è passato inosservato. È possibile la suppurazione del sangue coagulato.

L'insorgenza di complicazioni è indicata dalla comparsa di scariche insolite, dolore all'addome, sanguinamento dal tratto genitale, svenimento, tachicardia e febbre, abbassamento della pressione sanguigna.

Le conseguenze della mancata rimozione dei polipi endometriali possono essere la comparsa di un tumore maligno nel sito di crescita contenente cellule atipiche, la riformazione dei polipi.

Ogni mese, dopo tale intervento, vengono eseguite piccole deviazioni rispetto al solito periodo, forse aumentando la loro intensità. La gravidanza può verificarsi già nel ciclo mestruale successivo, ma non è consigliabile pianificare un concepimento prima di 3 mesi dopo l'intervento, poiché è necessario del tempo per ripristinare lo stato dell'utero e dell'endometrio.

Se il progesterone viene utilizzato per ripristinare lo sfondo ormonale, alla fine del ciclo di trattamento e interruzione delle pillole aumenta la probabilità di una gravidanza.

Metodi per rimuovere polipi nell'utero

Nella struttura delle patologie ginecologiche, la diagnosi di polipo uterino è uno dei primi posti (circa il 25% in media). Questa malattia "fuori dall'età", un tumore può essere trovato sia in una giovane ragazza che in una donna nel periodo postmenopausale. La rimozione del polipo nell'utero è il trattamento principale e più efficace che garantisce il recupero completo. La terapia farmacologica viene solitamente utilizzata come prevenzione della recidiva o, se necessario, preparazione preoperatoria del paziente (se è necessario curare l'infezione o alleviare i sintomi di infiammazione acuta).

La malattia nelle prime fasi può essere asintomatica, il che complica la diagnosi: un polipo si trova spesso durante una visita programmata dal ginecologo. Sebbene inizialmente sia benigno, il tumore può degenerare in precancerosi, causare infertilità o provocare il cancro. Pertanto, è importante risolvere il problema nelle fasi iniziali (preferibilmente con un intervento chirurgico). I pazienti saranno utili informazioni sulle caratteristiche di questa malattia, da dove iniziamo.

Capire un polipo

I polipi uterini sono una conseguenza della proliferazione patologica dell'endometrio (iperplasia), che può essere causata da vari fattori provocatori. Come risultato del processo patologico, si forma un tumore, che può essere diverso:

  • forma: a forma di fungo con una base larga su un gambo spesso o rotondo su un gambo sottile;
  • per colore (dal rosa chiaro e pallido al marrone rossiccio e viola);
  • nella struttura: a seconda delle cellule prevalenti nel tumore, vi sono polipi fibrosi, ghiandolari, fibrosi-ghiandolari e tipi adenomatosi (quest'ultimo è considerato un tumore precanceroso);
  • per quantità: singola o multipla (poliposi).

Le dimensioni sono in millimetri, possono essere piccole, appena visibili da pochi mm o grandi fino a 25 mm. Quella è la dimensione è uno dei criteri principali per la nomina dell'operazione. La scelta della tattica è anche influenzata dai risultati dell'istologia (determinazione della struttura) e delle caratteristiche del corso (asintomatica, con sanguinamento, ecc.).

Le cause della formazione dei polipi sono diverse. Vengono considerati i principali disturbi ormonali (uno spostamento dell'equilibrio del normale contesto ormonale, in cui l'estrogeno è in eccesso e il progesterone è in carenza). La ragione della violazione della stabilità ormonale può essere un cambiamento fisiologico (pubertà, gravidanza, menopausa). O patologico (diabete, obesità, malattie della tiroide, ipofisi, ghiandole surrenali). O prendendo farmaci ormonali, anche per la contraccezione.

Ulteriori fattori che provocano il processo patologico nell'utero sono:

  • malattie ginecologiche (endometriosi, cisti, fibromi, patologie ovariche, ecc.);
  • lesioni e microtraumi (ottenuti durante l'esame, parto, aborto, uso di dispositivi intrauterini di contraccezione, rapporti sessuali);
  • processi patologici di diversa eziologia: malattie infettive e veneree, infiammazioni, disturbi della composizione della microflora.

Lo stress costante, la depressione, il superlavoro possono anche essere fattori che provocano lo sviluppo di una neoplasia, ci sono anche casi in cui non è possibile identificare un'eziologia specifica dello sviluppo del polipo endometriale (eziologia inspiegata). Le donne, nella storia di cui esiste almeno uno dei fattori di rischio, è particolarmente importante sottoporsi regolarmente a visite mediche. Secondo le statistiche, il 70% di tutti i casi rilevati di poliposi (neoplasie multiple) si sviluppa sullo sfondo di una delle malattie sopra elencate. In questi casi, il trattamento è complesso: vengono rimossi e viene prescritta una terapia per eliminare i fattori di rischio e le malattie associate. Questo è necessario per eliminare il rischio di recidiva, poiché la rimozione risolve solo il problema attuale e l'eliminazione della sua causa è la principale.

I sintomi nelle prime fasi dello sviluppo dei polipi possono essere assenti, quindi le donne dovrebbero visitare regolarmente un ginecologo. Con l'ulteriore sviluppo della patologia può apparire:

  • sanguinamento (al di fuori delle mestruazioni) e cambiamenti significativi del ciclo;
  • qualsiasi scarico (insanguinato, marrone, biancastro, ecc.);
  • dolore fastidioso, anche durante i rapporti sessuali;
  • problemi con il concepimento o la minaccia di aborto spontaneo.

Quando compare uno dei sintomi, è necessario consultare immediatamente un medico per la diagnosi e il trattamento appropriato (più spesso, rimozione). Lo specialista del profilo esegue un esame, assegna ulteriori test (è necessario un esame istologico del focus patologico). In base ai risultati ottenuti, viene scelta la tattica di rimozione.

Devo cancellare?

È necessario rimuovere i tumori? In alcuni casi, la chirurgia è obbligatoria, a volte i medici raccomandano un differimento. Nelle fasi iniziali, i pazienti hanno la possibilità di scegliere.

Per prendere la decisione giusta, è necessario analizzare le caratteristiche della patologia:

  1. All'inizio, un polipo può essere asintomatico per un lungo periodo: ma se il fattore provocante non viene eliminato, allora il tumore aumenterà di dimensioni. Quindi ci possono essere vari sintomi minacciosi (ad esempio, l'anemia può svilupparsi sullo sfondo di sanguinamento costante). E sarà necessaria un'ulteriore operazione traumatica. Pertanto, anche se non si preoccupa, l'attenzione patologica dovrebbe essere completamente rimossa.
  2. Con l'aumento dei sintomi: una malattia progressiva diventerà un problema per una donna, e il tumore stesso non si risolve e non può essere curato solo con metodi conservativi. Senza un intervento chirurgico, il polipo provocherà un ulteriore peggioramento della salute generale, comprometterà la fertilità, potrebbe portare allo sviluppo della poliposi e, nel peggiore dei casi, all'oncologia.
  3. Quando si usa la terapia ormonale e il trattamento sintomatico: se non si rimuove e si prova la terapia farmacologica, non si otterrà il pieno recupero. Ad esempio, la terapia ormonale aiuterà a bilanciare gli ormoni, ma quando viene annullata, la crescita della crescita di solito riprende. Cioè, è necessario eliminare non solo la causa (squilibrio ormonale), ma anche le conseguenze - il tumore stesso.
  4. Il rischio di rinascita: un polipo è in grado di degenerare in forma adenomatosa (precancro) e provocare il cancro endometriale dell'utero. Pertanto, per fare l'operazione o no, la domanda non è, il rischio di sviluppare l'oncologia è una base sufficiente per l'intervento chirurgico.
  5. Età del paziente: nei pazienti in postmenopausa, aumenta il rischio di sviluppare un polipo adenomatoso e la transizione verso l'oncologia. Pertanto, le donne anziane hanno sicuramente bisogno di rimuovere il tumore.

Avendo considerato quali conseguenze possono apparire in caso di rifiuto dal trattamento chirurgico, ogni paziente sarà in grado di decidere autonomamente se rimuovere la crescita o meno. Oppure prova altre opzioni (terapia, rimedi popolari). L'unica cosa che è assolutamente inaccettabile è la mancanza di trattamento in quanto tale. Poiché la maggior parte dei fattori che provocano lo sviluppo di un tumore sono patologici, i ginecologi esperti formano un piano generale per la gestione di tali pazienti. Ha lo scopo di eliminare le malattie concomitanti e la chirurgia per rimuovere un tumore.

Dimensioni per il funzionamento in millimetri

La dimensione del tumore è di grande importanza per la scelta delle tattiche del paziente. Polipo è considerato:

  • piccolo se non raggiunto 5 mm;
  • media, se la dimensione è da 5 a 15 millimetri;
  • grande se più di 15 mm.

Un piccolo polipo non può essere rimosso immediatamente se non minaccia la salute (nessun sanguinamento, non provoca una minaccia di aborto, ecc.). In ogni caso, il quadro clinico è valutato in modo completo, viene selezionato un piano di trattamento individuale per i fattori provocanti. Una donna con un tumore è a rischio, dovrebbe essere regolarmente esaminata e, durante lo sviluppo rapido, il tumore viene immediatamente rimosso.

La dimensione media è un'indicazione standard per l'intervento chirurgico. Le indicazioni per la chirurgia d'urgenza saranno sia un corso calmo che un aumento dei sintomi, la crescita del tumore stesso e cambiamenti istologici. Una grande neoplasia viene rimossa il più rapidamente possibile.

Indicazioni e controindicazioni

L'operazione per rimuovere un polipo è spesso la decisione congiunta del paziente e del medico. Il medico determina il grado di rischio e spiega tutte le conseguenze del fallimento. In alcuni casi, l'intervento chirurgico immediato è l'unica opzione.

Indicazioni per la chirurgia immediata:

  • tumore medio e grande;
  • il processo patologico sta progredendo attivamente: i sintomi sono in aumento, le dimensioni aumentano, l'istologia sta cambiando;
  • l'inefficacia del trattamento farmacologico: l'emorragia non si ferma, il tumore non diminuisce di dimensioni, la donna non può rimanere incinta;
  • neoplasia di tipo adenomatoso (precancro) o rilevamento di cellule tumorali nell'endometrio;
  • la minaccia di aborto spontaneo;
  • L'età del paziente è oltre i 40 anni: i cambiamenti ormonali provocheranno una crescita dei polipi e aumenterà il rischio di sviluppare oncologia.

Puoi rimandare il trattamento e usare la terapia farmacologica:

  • durante la gravidanza, se non ci sono sintomi minacciosi;
  • se il tumore è di piccole dimensioni, la sua dimensione diminuisce sotto l'influenza del trattamento terapeutico, il decorso della malattia è lento e asintomatico;

Le controindicazioni per la chirurgia immediata saranno:

  • malattie del tratto genitale esterno di qualsiasi eziologia (infettiva, venatoria, fungina);
  • patologia della cervice, in cui è impossibile eseguire l'operazione (stenosi, cancro, ecc.);
  • malattie infettive acute;
  • malattie croniche in fase di esacerbazione (alto livello di zucchero nel diabete, ipertensione arteriosa nell'ipertensione, esacerbazione di ulcere gastriche, tromboflebiti, ecc.);
  • sanguinamento grave causato da altre malattie ginecologiche fino all'arresto.

In tali casi, rimuovere prima la causa del ritardo e quindi condurre un intervento chirurgico.

Fase preparatoria

Prima di rimuovere un polipo, di solito è necessaria una preparazione. È semplice e passa attraverso diverse fasi:

  • prima di tutto, vengono prescritti test;
  • se sono normali, il giorno dell'operazione viene selezionato tenendo conto del programma delle mestruazioni;
  • necessaria preparazione preoperatoria;
  • il giorno dell'intervento è vietato mangiare e bere (se parliamo di chirurgia sotto anestesia).

Se i test sono normali e non ci sono altre controindicazioni, viene nominato il giorno dell'intervento. Prima dell'isteroscopia e di altri modi per rimuovere un polipo uterino utilizzando l'anestesia, è necessario astenersi dal bere alcolici. Si consiglia alle donne fumatori di astenersi dal fumare o ridurre il numero di sigarette. Alla vigilia si raccomanda di regolare la nutrizione e passare a cibo facilmente digeribile, nell'ultimo pasto la sera è meglio bere un bicchiere di kefir.

Ora considera come prepararti per l'operazione in modo più dettagliato. L'esame viene effettuato alla vigilia dell'operazione, il medico determina quali test superare. Solitamente prescritto:

  • esami del sangue e delle urine;
  • striscio (determinato dal grado di purezza);
  • ECG;
  • in presenza di malattie croniche, si consiglia di consultare uno specialista.

Come parte della preparazione preoperatoria, il medico può prescrivere farmaci ormonali o antibiotici (se indicato, per ridurre il rischio di complicanze). È consigliabile astenersi dal sesso o usare il preservativo per una settimana. Detergenti, tamponi medicati, unguenti, supposte e creme sono i migliori da non usare (possono distorcere i risultati dello striscio per la pulizia).

Alla vigilia e nel giorno dell'operazione, viene fatto un clistere purificante, i peli vengono rimossi dai genitali esterni. Immediatamente prima della procedura, è auspicabile svuotare la vescica. Questo è il periodo preoperatorio standard. Maggiori dettagli sulla procedura di preparazione diranno al medico curante.

In quale giorno del ciclo viene rimosso un polipo.

Nella maggior parte dei casi, questa è un'operazione pianificata. Il medico ha l'opportunità di scegliere il giorno in cui farlo e regolare la data in base alle mestruazioni. Questo è importante perché durante il periodo successivo alla fine del sanguinamento nel processo endometrio si verificano processi di riparazione. L'eccezione saranno le donne anziane con un ciclo instabile o la mancanza di mestruazioni (con l'inizio della postmenopausa). In questo caso, non importa in quale giorno viene eseguito l'intervento chirurgico.

È meglio rimuovere i polipi il terzo giorno dopo la fine delle mestruazioni, quando il rigetto mestruale dell'endometrio termina completamente e il processo di restauro non è ancora completato. Questo aiuta ad evitare possibili complicazioni, come il sanguinamento, che a volte è accompagnato da isteroscopia. Il miglior giorno del ciclo, quando la rimozione avviene con una minima lesione al corpo femminile, è considerato 6-9 dall'inizio della mestruazione. È durante questo periodo che il tumore è chiaramente visibile e il più accessibile possibile.

Come rimuovere

Nella medicina moderna vengono utilizzati diversi metodi di rimozione dei polipi all'interno dell'utero. La scelta del metodo dipende dal quadro clinico, dalla quantità di patologia, dal tipo di tumore, dalla sua forma e dimensione. Attualmente utilizzato:

  • curettage diagnostico;
  • isteroscopia (ci sono diversi sottotipi di questa operazione);
  • burnout laser;
  • rimozione strumentale (incluso, con l'aiuto di strumenti moderni, ad esempio, elettrico);
  • rimozione delle onde radio.

La necessità di alleviare il dolore (anestesia)

Fa male cancellare? Dipende dal modo in cui il polipo endometriale verrà rimosso. Altrettanto importante è la peculiarità del corso dei processi patologici in ciascun caso particolare, il tipo di polipo, la soglia del dolore individuale. Anche all'interno dello stesso metodo, l'anestesia può essere diversa o non utilizzata affatto. Ad esempio, c'è il concetto di "isteroscopia in ufficio", l'anestesia con essa non è richiesta (tutte le tecniche saranno discusse in dettaglio nella sezione "Metodi comuni").

L'anestesia locale non è praticamente utilizzata, la preferenza è data al generale. Quando si utilizza un laser e onde radio, l'anestesia non viene eseguita affatto. Queste tecniche di rimozione del tumore sono indolori. Quando si utilizza un laser, la rimozione avviene in ospedale, ma dopo 3 ore, se non ci sono complicazioni, la donna può andare a casa.

In alcune cliniche in anestesia locale, può essere eseguito un curettage diagnostico. L'anestesia generale viene utilizzata per l'isteroscopia e nel 95% è raccomandata l'uso endovenoso e solo nel 5% dei pazienti, con intolleranza individuale o altre controindicazioni, viene utilizzata l'anestesia epidurale.

Modi comuni

La scelta del metodo dipende dal volume e dalle caratteristiche della patologia rivelata, nonché dalle capacità tecniche e dall'equipaggiamento della clinica. Nella medicina moderna, alcuni metodi non sono praticamente utilizzati, poiché sono inefficaci e sono considerati obsoleti. Quindi esamineremo in dettaglio tutti i modi per rimuovere.

PULIZIA DIAGNOSTICA. Oggi, il curettage diagnostico è spesso usato non come un metodo di trattamento indipendente, ma come un ausiliario dopo l'isteroscopia. Aiuta a valutare la condizione dei tessuti, a ottenere materiale per l'istologia. Ciò è dovuto alla sua inaffidabilità. Il rischio di recidiva dopo la procedura è piuttosto alto (circa il 30%). Il più spesso usato in istituzioni mediche con attrezzature moderne insufficienti, dove ci sono gli strumenti più semplici (curette, expander uterino).

Il metodo è abbastanza traumatico, il chirurgo non può controllare completamente il processo di rimozione (questo spiega l'alta percentuale di recidiva). Ma è raccomandato per la chirurgia d'urgenza, quando è necessario interrompere l'emorragia e prevenire una significativa perdita di sangue.

Isteroscopia. Il metodo più comune e più usato. È considerato il metodo principale di trattamento chirurgico di questa patologia. Poiché ci sono diverse tecniche per l'operazione, la considereremo separatamente e in maggior dettaglio (vedi capitolo Isteroscopia).

RIMOZIONE DEL POLY IN THE MATT BY THE LASER. Al momento - la tecnica più efficace. I suoi vantaggi possono essere considerati:

  • la capacità di regolare l'intensità del raggio, che elimina il danno al tessuto sano;
  • l'assenza di cicatrici, che riduce al minimo i rischi di complicazioni come l'infertilità;
  • metodo contactless, che elimina virtualmente il sanguinamento dopo l'intervento chirurgico;
  • non richiede l'anestesia, che ti permette di lasciare la clinica entro poche ore dall'intervento.

Un ulteriore vantaggio sarebbe l'uso di un isteroscopio, che consente la visualizzazione del campo operatorio e la visualizzazione accurata di tutti i cambiamenti patologici.

RIMOZIONE DELL'ONDA RADIO. In termini di efficienza, sicurezza e tecnica, è simile al metodo laser. Solo l'effetto sulla neoplasia avviene con l'aiuto di onde radio direzionali. Loro, come il laser, distruggono i tessuti tumorali a strati, senza toccare i tessuti circostanti e senza ferire la mucosa.

METODO DEGLI STRUMENTI. La rimozione avviene con forbici o pinze, una versione più moderna è il filo elettrico, che consente di cauterizzare la base del tumore e prevenire la perdita di sangue. Questa opzione è spesso offerta, se stiamo parlando di un singolo polipo sulla gamba, puoi semplicemente "svitare".

Durata dell'intervento

Quanto dura l'intervento? Con la chirurgia convenzionale, la rimozione di solito non richiede più di 1 ora. Le procedure laser e onde radio non richiedono più di 10-30 minuti. Isteroscopia, anche con una grande quantità di patologia - non più di 45 minuti, il tempo standard è di 15 - 30 minuti. La più lunga sarà l'eliminazione della poliposi, quando più tumori richiedono più tempo per distruggerli. Le operazioni più brevi sono considerate per svitare un singolo polipo sulla gamba, richiedono circa 10 minuti.

isteroscopia

Isteroscopia uterina - rimozione di un polipo utilizzando un dispositivo speciale isteroscopio. Questa è la tecnica più comune che consente di ottenere un'immagine visiva del processo patologico. Alla fine del tubo di inserimento è una videocamera che trasmette un'immagine dall'utero al monitor. Il diametro è piccolo, all'interno del tubo è cavo, attraverso di esso è fornito l'accesso all'utero (gli strumenti sono inseriti).

In realtà, qualsiasi moderna chirurgia per rilevare un tumore nell'utero può essere considerata isteroscopia. Viene modificato solo lo strumento con il quale viene eliminato. L'isteroscopio viene utilizzato con il metodo laser e onde radio, utilizzando altri strumenti.

Con l'aiuto di un isteroscopio, non viene eseguito solo l'intervento chirurgico, ma anche la cosiddetta "isteroscopia dell'ufficio". È piuttosto un metodo diagnostico, in cui il medico ha l'opportunità di esaminare il focus patologico in dettaglio, per determinarne il volume, la quantità e la forma del tumore. E poi, in accordo con le informazioni ricevute, viene scelta la tattica dell'intervento chirurgico. Cioè, è determinato esattamente come l'operazione avrà luogo. Anche se la diagnosi è chiamata isteroscopia, è solo un metodo strumentale di esame, che viene eseguito utilizzando un isteroscopio e senza anestesia.

Come è l'operazione:

  • al paziente viene data l'anestesia;
  • i genitali esterni sono trattati con una speciale soluzione asettica;
  • il canale cervicale viene "stirato" con l'aiuto di dilatatori per l'inserimento libero del tubo dell'isteroscopio;
  • in modo che le pareti dell'utero siano appiattite, la sua cavità sia riempita di liquido o gas;
  • attraverso il canale dell'isteroscopio viene introdotto lo strumento, che è stato selezionato per condurre la polipectomia;
  • il luogo in cui si trovava il tumore, "pulito". Per questo, si può usare una curette (polimerizzazione dell'endometrio situato sotto il tumore rimosso). O trattati con mezzi speciali (una misura preventiva per eliminare il rischio di recidiva). Per questo possono usare il metodo criogenico e fermare il sanguinamento - l'elettrocoagulazione.

Il materiale risultante (tumore remoto e raschiamento dei tessuti) viene inviato per esame istologico. Quale metodo per eseguire l'isteroscopia viene di solito deciso dal medico sulla base dei dati diagnostici. Dopo la fine dell'operazione, il paziente viene consegnato al reparto, dove si allontana dall'anestesia (se usata).

Possibili conseguenze e metodi per la loro eliminazione

Le complicazioni dopo la rimozione non sono frequenti, di solito sono causate da determinate cause. Le donne devono sapere in anticipo quali sono le possibili conseguenze dell'isteroscopia. Possono essere normali, cioè una reazione naturale alla chirurgia e anormale. Capire questo aiuterà a cercare prontamente aiuto medico in caso di complicanze nel periodo postoperatorio.

Le reazioni normali includono:

  • leggera diffusione entro 2 o 3 giorni;
  • disagio o dolore nell'addome inferiore, anche durante i rapporti sessuali.

Possibili complicazioni, le loro cause e metodi di eliminazione:

  • Una scarica sanguinolenta abbondante dopo la rimozione di un polipo: può indicare perforazione. Questa complicazione è più comune con la raschiatura "cieca". Raccomandazioni: consultare un medico se lo specialista determina che non vi è alcun pericolo, l'ossitocina è prescritta;
  • Temperatura: caratteristica delle donne che hanno avuto una storia di malattie infettive del sistema genito-urinario prima dell'intervento. Di solito la temperatura non supera i 38 0. Raccomandazioni: controllare le condizioni dell'endometrio per l'infezione, sono prescritti farmaci antinfiammatori;
  • Lunghi ritardi della prossima mestruazione: è necessario consultare un medico se il ritardo è superiore a 3 mesi;
  • Adesioni, cicatrici, sterilità: di solito il risultato del curettage. Raccomandazioni: preselezionare altre apparecchiature per l'operazione;
  • Ematometro: accumulo di sangue nell'utero. Complicazione pericolosa, quindi con qualsiasi ritardo dovrebbe immediatamente contattare un ginecologo. Altrimenti, c'è il rischio di gravi complicazioni fino alla morte a causa della sepsi;
  • Rigenerazione delle cellule endometriali: questo rischio esiste inizialmente, specialmente nei pazienti più anziani. Raccomandazioni: monitoraggio regolare da parte di un ginecologo.
  • Un altro rischio è la ricaduta. Non dipende dal tipo di intervento chirurgico. Raccomandazioni: eliminazione dei fattori provocatori e misure preventive.

recupero

Il periodo postoperatorio dopo isteroscopia (o un altro metodo) con un decorso normale passa tranquillamente. Dopo 2 - 3 giorni in normalità tutto il disagio scompare. Il tempo di ospedalizzazione dipende dalle reazioni individuali all'anestesia, di solito le donne vengono dimesse il secondo o il terzo giorno. Con il metodo laser - nello stesso giorno, e dopo aver usato questo metodo non ci sono più reazioni negative. Ciò è dovuto al metodo a basso impatto e all'assenza di anestesia.

Il regime postoperatorio nelle donne dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo, dall'estensione della patologia e dalla presenza di varie malattie nella storia. Poiché il metodo principale al momento è l'isteroscopia, si possono considerare tutte le raccomandazioni sul comportamento comune.

  • evitare il surriscaldamento durante le prime settimane (è vietato visitare il bagno turco, la sauna, il solarium, i bagni caldi durante questo periodo);
  • non nuotare in stagni aperti, usare tamponi, candele vaginali o imbianchini;
  • utilizzare farmaci e rimedi popolari senza previa consultazione con il medico;
  • al momento è necessario abbandonare il contatto sessuale (questo è necessario per ripristinare l'endometrio);
  • necessità di limitare l'attività fisica e l'esercizio.

Il mese è un periodo standard di riabilitazione, in particolare è strettamente necessario seguire tutte le raccomandazioni nella prima settimana. Ciò contribuirà ad evitare complicazioni e infezioni che non hanno ancora cicatrizzato i tessuti. Il recupero da un hysteroscopy di un polipo avviene abbastanza rapidamente se non ci sono complicazioni, e le raccomandazioni dei dottori sono seguite. Se è richiesto l'uso di qualsiasi farmaco, il medico curante dovrebbe prescrivere il medicinale che ripristina le normali funzioni del corpo.

Trattamento dopo

Il trattamento dopo la rimozione del polipo è prescritto in accordo con i risultati dell'intervento chirurgico. Anche lo stato di salute del paziente è importante, la presenza di malattie croniche richiede un trattamento aggiuntivo. Di solito dopo 10-14 giorni il paziente viene nuovamente esaminato. Allo stesso tempo, i risultati dell'esame istologico del tumore e dei tessuti rimossi sono pronti.

Se non ci sono complicazioni e l'istologia non ha rivelato cellule maligne, allora le raccomandazioni nel periodo postoperatorio sono standard. Se iniziano le complicanze, può essere prescritta la raschiatura e, se viene rilevata l'oncologia, viene eseguita una seconda operazione per rimuovere l'attenzione patologica.

Trattare principalmente iniziare malattie che hanno provocato lo sviluppo di un tumore.

  • Antibiotici: possono essere prescritti per il trattamento delle infezioni identificate e per la prevenzione dell'infezione nel periodo postoperatorio;
  • Antispastici: solitamente nominati nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico a scopo di prevenzione;
  • Terapia ormonale: più spesso utilizzata nel periodo postoperatorio. Ciò è dovuto all'eziologia ormone-dipendente dello sviluppo del tumore. La terapia ormonale è prescritta come prevenzione della recidiva, così come un contraccettivo (la gravidanza nei primi tre mesi non è auspicabile). Dopo questo periodo, se tutti i processi erano normali, si consiglia alle donne di usare la "sindrome da astinenza" - la possibilità di aumentare la gravidanza. O metti il ​​dispositivo intrauterino con gestageni. Eviterà la gravidanza indesiderata e ripristinerà l'endometrio più velocemente.
  • Fitoterapia: applicata secondo indicazioni, nel periodo postoperatorio i rimedi popolari e la terapia a base di erbe mostrano un buon risultato.

Una visita al ginecologo ogni 2 mesi, il trattamento di malattie croniche, un regime delicato (è auspicabile escludere lo stress fisico e psico-emotivo) sarà obbligatorio.

Cosa non fare

Le principali restrizioni riguardano il surriscaldamento (può causare sanguinamento), il contatto sessuale e l'attività fisica nel primo mese. Particolarmente attenti a osservare l'igiene intima, per evitare qualsiasi rischio di infezione. Non dovresti assumere alcun farmaco senza consultare uno specialista e saltare le ispezioni di routine.

Può sangue e quanto?

Il sanguinamento è considerato normale se non è grande e dura non più di 3 giorni. Potrebbe non esistere nemmeno se fosse usato uno dei metodi moderni di intervento chirurgico (laser, onde radio).

Perché il sangue? Questo processo è associato al recupero dal danno endometriale. Man mano che la guarigione progredisce, questo processo termina rapidamente. Anche piccoli strisci di sangue servono come base per andare da un ginecologo e scoprire la causa del sanguinamento.

Cosa fare se il sanguinamento non si ferma dipende dalla causa del fenomeno. La ragione principale è il trauma durante l'intervento chirurgico: perforazione dell'utero. L'ispezione mostrerà quale tattica sarà efficace. Piccole punture guariscono da sole, quelle grandi devono essere suturate.

Se il sangue scorre, assicurati di consultare un medico. Particolarmente pericoloso è il suo arresto improvviso a causa del crescente dolore spastico. Questo fenomeno è un segno di un ematometro (il suo pericolo è stato descritto in precedenza, vedere la sezione Possibili effetti e metodi per la loro eliminazione).

La ricaduta è possibile?

Il rischio di recidiva rimane per sempre. Il ri-sviluppo del tumore non è associato al metodo della sua rimozione, se l'operazione è stata eseguita correttamente. Altrimenti, una messa a fuoco patologica remota potrebbe provocare uno sviluppo ripetuto. La principale causa delle recidive sono i disturbi ormonali. Se non vengono eliminati, rimane il rischio di nuovi tumori.

Quanto rimane in ospedale dopo l'intervento

Quanti giorni ci sono in ospedale - solitamente il periodo di ospedalizzazione non supera i 3 giorni, quando compaiono complicazioni, il paziente viene lasciato in ospedale per la loro eliminazione e osservazione nel periodo postoperatorio.

In ospedale non mentire affatto, se l'operazione si verifica con il metodo di isteroscopia laser. Quindi la procedura si svolge in ambiente semi-ospedaliero, senza anestesia, e in poche ore il paziente può tornare a casa. Quanta menti in ospedale è di solito determinata dal medico curante, in base al quadro clinico effettivo nel periodo postoperatorio.

Quando puoi dormire con tuo marito

Nonostante l'apparente facilità e il recupero relativamente rapido dopo l'intervento chirurgico, l'operazione è un onere piuttosto grave sul corpo della donna. Dopo di esso, è necessario dare tempo all'endometrio per il restauro, quindi nel primo mese vengono introdotte serie restrizioni.

Il primo mese di rapporti sessuali è severamente proibito. Se non ci sono complicazioni, i contatti non protetti dovrebbero essere evitati per eliminare il rischio di infezione dei tessuti giovani ed evitare la gravidanza nella prima metà dell'anno. Quando puoi fare sesso è meglio consultare il medico.

La possibilità di gravidanza naturale e fecondazione in vitro

La gravidanza naturale è possibile sia prima dell'intervento chirurgico (la presenza di un tumore non sempre porta a infertilità), sia immediatamente dopo. Più spesso, alle donne vengono prescritti farmaci ormonali durante il periodo postoperatorio, compresi i contraccettivi. Quando viene cancellata, l'attività ormonale aumenta, quindi le donne sono persino raccomandate a concepire in questo momento.

Se dopo l'intervento chirurgico ci sono difficoltà nel concepimento, puoi provare l'IVF. L'inseminazione artificiale di solito ha successo, inoltre la gravidanza procede normalmente, specialmente se non ci sono ricadute.

Istologia dell'istruzione a distanza

I risultati istologici dopo la rimozione sono solitamente pronti in 10 giorni. Sia il tumore stesso che i tessuti ottenuti a seguito del curettage vengono inviati per l'analisi. Questo è un punto importante che può determinare le ulteriori tattiche del paziente.

I risultati dello studio istologico mostrano non solo la struttura del neoplasma rimosso (benigno o maligno), ma aiutano anche a valutare il rischio di rinascita in futuro. Nelle donne anziane, i fattori di rischio includono la malattia precancerosa - tumore adenomatoso. In base ai risultati dell'istologia dei tessuti adiacenti nel luogo di rimozione del polipo, viene presa una decisione su ulteriori azioni. La scoperta di cellule atipiche richiede il trattamento immediato di una malattia oncologica. Più spesso parliamo di chirurgia.

Recensioni

Sono uno di quelli che hanno subito la rimozione chirurgica. Prima dell'operazione ho cercato di rimanere incinta per 2 anni, non ha funzionato. Grazie al mio medico, è stato sottoposto a un'operazione, quindi ha dettagliato tutte le procedure nel periodo postoperatorio. Subito dopo l'abolizione degli ormoni contraccettivi, è iniziata una gravidanza tanto attesa. Abbiamo già 4 mesi, partorito da sola e senza complicazioni.

Svetlana, 28 anni

Ho letto le recensioni di coloro che sono sopravvissuti all'operazione. Ragazze, se la tua salute ti è cara, scegli un laser. Sono passati 6 anni dall'operazione. Non ho conseguenze negative. La procedura in sé è indolore, a casa era già la sera. Dopo di che ha dato alla luce. Il mio medico dice che non è necessario per me visitarlo così spesso, non ci sono ricadute, tutto è in ordine. Raccomando questo metodo.

Chiunque non abbia ancora cancellato l'istruzione, sarà utile per conoscere la mia esperienza. La prima volta che sono salito sul tavolo operatorio 12 anni fa, dopo una raschiatura, non sono riuscito a riprendermi per molto tempo, sono stato disturbato da forti dolori. Il risultato è un'operazione di ripetizione dopo 11 mesi. Meno di un anno, come di nuovo sull'operazione. Tre mesi fa, durante un'ispezione di routine, hanno trovato un altro polipo. Ero terrorizzato. Ma ora posso dire che ci sono progressi in ginecologia. Tutto è andato bene, nessun dolore, nessun sanguinamento. Dopo l'isteroscopia mi sono svegliato nel reparto, e sono stato dimesso a casa due giorni dopo. Tutte le mie paure erano vane, la medicina divenne umana e sicura. Spero di non dover affrontare nuovamente una ricaduta.

Polipo trovato durante la seconda gravidanza. Ero molto spaventato, avevo paura di tutto: perdere un figlio, complicazioni durante il parto, l'operazione stessa. Grazie al mio medico, ho insistito sull'isteroscopia. In sala operatoria ho trascorso esattamente 15 minuti (sono stato fortunato, il polipo era sulla gamba, era appena svitato). Il tono dell'utero è tornato alla normalità quando è arrivato il momento, ha dato alla luce se stessa.

Costo di

I pazienti che devono sottoporsi a un'operazione sono solitamente interessati al suo prezzo. In questo caso, è importante capire che diversi fattori influenzeranno il costo simultaneamente. Scopri quanta rimozione avrà il costo più semplice dal tuo medico. Conosce esattamente l'estensione della patologia e le possibilità della sua clinica nella scelta del metodo dell'operazione.

Puoi scoprire la politica dei prezzi su Internet. Basta andare su diversi siti per confrontare i prezzi standard per il metodo desiderato.

Diamo alcune citazioni. I seguenti prezzi sono stabiliti per diversi metodi in cliniche private:

  • diagnostica utilizzando un isteroscopio - da 5 a 15 mila rubli.
  • chirurgia addominale di rimozione - da 9 a 25 mila rubli;
  • raschiatura - da 5 a 7 mila rubli;
  • rimozione laser - da 11 a 36 mila rubli.

Il prezzo delle operazioni nelle cliniche private e nei centri medici dipende dallo stato, dalla qualifica del chirurgo operativo, dal livello di equipaggiamento. Oltre alla complessità dell'operazione, il costo della degenza ospedaliera. Il costo degli stessi servizi può variare nelle regioni, anche all'interno della stessa città è possibile trovare ospedali con diversi livelli di prezzo. Nelle istituzioni mediche statali la chirurgia è gratuita. Ma allo stesso tempo potrebbe esserci una grande coda per la chirurgia. Se il decorso della malattia non è minaccioso e il tumore non progredisce, è possibile posticipare la rimozione fino al periodo specificato. Ma è necessario essere monitorati da un ginecologo. In caso di uno sviluppo minaccioso, può essere eseguita un'operazione per le indicazioni di emergenza. O offrire al paziente di sottoporsi a un trattamento in una clinica privata.